IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA. (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA. (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce)"

Transcript

1 IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce) - Soggetti, elementi e modelli ministeriali del contratto scritto - Responsabilità e funzione esimente del contratto scritto - Oneri e rischi del contratto non scritto - Il nuovo regime sanzionatorio per il trasporto abusivo: dalle sanzioni pecuniarie alla confisca delle merci trasportate. AVV. VITTORIO PROVERA PARTNER STUDIO LEGALE TRIFIRO & PARTNERS AVVOCATI AVV. VITTORIO PROVERA Studio Legale Trifirò & Partners Avvocati Via San Barnaba n Milano Tel * Fax

2 1. - SOGGETTI, ELEMENTI E MODELLI MINISTERIALI DEL CONTRATTO SCRITTO Sulla Gazzetta Ufficiale n. 6 del 9 gennaio 2006 è stato pubblicato il decreto legislativo 21 novembre 2005 n. 286 recante "Disposizioni per il riassetto normativo in materia di liberalizzazione regolata dell'esercizio dell'attività di autotrasportatore", il quale in attuazione della legge delega in materia di autotrasporto n. 32 del ha introdotto importanti novità che coinvolgono tutti i soggetti che, a vario titolo, sono coinvolti in operazioni di trasporto di merce su strada: dai proprietari della merce, ai committenti, ai vettori, ai conducenti, ai caricatori. Le disposizioni del decreto n. 286/2005 sono entrate in vigore il 24 gennaio 2006, con la sola eccezione delle norme relative alla liberalizzazione tariffaria ed alla definitiva abrogazione delle c.d. tariffe a forcella che, invece, hanno assunto efficacia con decorrenza 28 febbraio Soggetti (art. 2) Può essere utile premettere le definizioni dei termini fondamentali utilizzati nella normativa in esame, quali risultano all'art. 2. 2

3 Attività di autotrasporto: prestazione di un servizio, eseguita in modo professionale e non strumentale ad altre attività, consistente nel trasferimento di cose di terzi su strada mediante autoveicoli, dietro pagamento di un corrispettivo Vettore: impresa di autotrasporto iscritta all'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto di terzi, ovvero l'impresa non stabilita in Italia, abilitata ad eseguire attività di autotrasporto internazionale o di cabotaggio stradale in territorio italiano che è parte di un contratto di trasporto di merci su strada Committente: impresa o persona giuridica pubblica che stipula o nel nome della quale è stipulato il contratto di trasporto con il vettore Caricatore: impresa o persona giuridica pubblica che consegna la merce al vettore, curando la sistemazione delle merci sul veicolo adibito all'esecuzione del trasporto Proprietario della merce: impresa o persona giuridica pubblica che ha la proprietà delle cose oggetto dell'attività di autotrasporto al momento della consegna al vettore Iscrizione all Albo degli Autotrasportatori di cose in conto di terzi L Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi è stato istituito con la Legge 6 giugno 1974 n

4 L iscrizione nell albo è condizione necessaria per l esercizio dell autotrasporto di cose per conto di terzi. L iscrizione all albo permette la successiva immatricolazione del veicolo presso la motorizzazione la quale, verificata la disponibilità del mezzo, emette la carta di circolazione con la specifica delle caratteristiche del veicolo (intestatario del mezzo, veicolo adibito ad autotrasporto di merci per conto terzi, massa complessiva, portata utile). Con l iscrizione all Albo e con la carta di circolazione, l impresa può iniziare l attività. La disponibilità del mezzo si concretizza nei quattro casi seguenti (DPR 3/1/1976 n. 32, art. 9, emanato ai sensi dell art. 13 della Legge 6/6/1974 n. 298): 1) proprietà: la carta di circolazione risulta intestata al titolare dell impresa e proprietario del mezzo; 2) contratto di leasing: la carta di circolazione risulta intestata alla società di leasing proprietaria del veicolo fino alla scadenza del contratto (pagamento dell ultima rata del leasing). Sono, inoltre, riportati nome e cognome/denominazione dell imprenditore, in qualità di locatario del veicolo e la scadenza del contratto; 3) usufrutto: la carta di circolazione risulta intestata al nudo proprietario del veicolo. E, inoltre, riportato il nome e cognome/denominazione dell usufruttuario; 4

5 4) cessione con patto di riservato dominio: la carta di circolazione risulta intestata al proprietario/cedente fino al pagamento dell ultima rata; è, tra l altro, riportato il nome e cognome/denominazione dell imprenditore/cessionario. L art. 1, comma 2, del d.lgs. 395/2000 prevede che costituisce esercizio della professione di trasportatore su strada di cose per conto di terzi, l attività d impresa che esegue, mediante autoveicoli, fuori della fattispecie prevista dall art. 31 della legge 6 giugno 1974, n. 298 (n.d.r. trasporto in conto proprio), il trasferimento di cose verso corrispettivo. Il decreto ministeriale n. 161/2005, contenente Regolamento di attuazione del decreto legislativo 22 dicembre 2000 n. 395, modificato dal decreto legislativo n. 478 del 2001, in materia di accesso alla professione di autotrasportatore di viaggiatori e merci, ha modificato le condizioni per l iscrizione all Albo Autotrasportatori in Conto Terzi. Tutte le imprese che rientrano nella definizione sopra citata devono obbligatoriamente iscriversi all Albo Autotrasportatori. Le imprese di autotrasporto merci in conto terzi vengono suddivise in: 1) imprese che si iscrivono per esercitare l attività con veicoli di massa complessiva a pieno carico fino a 1,5 tonnellate. Ai fini dell iscrizione, queste imprese devono essere in possesso del solo requisito dell onorabilità (art. 5 d.lgs. 395/2000); 2) imprese che si iscrivono per esercitare l attività di autotrasporto con veicoli di massa complessiva a pieno carico superiore alle 1,5 tonnellate. Queste imprese 5

6 si possono iscrivere solo se possiedono i seguenti requisiti: onorabilità, capacità finanziaria (tale requisito sussiste se vi è la disponibilità di risorse finanziarie in misura non inferiore ad se l impresa ha la disponibilità, a qualunque titolo, fra quelli consentiti dalla normativa vigente, di un autoveicolo adibito all attività di trasporto su strada; ad 5.000, per ogni autoveicolo supplementare) ed idoneità professionale (per la persona che dirige l attività; consiste nel possesso della conoscenza delle materie riportate nell allegato I al d.lgs. 395/2000). Tali requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda di iscrizione e devono permanere per tutto il periodo di attività dell impresa. L impresa iscritta ha l obbligo di comunicare all Albo entro tre giorni la eventuale perdita di detti requisiti: la violazione dell obbligo di comunicazione comporta l applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste Elementi del contratto scritto (art. 6) Il decreto non impone alcuna forma obbligatoria per la stipulazione dei contratti di trasporto di merci su strada, che pertanto potranno validamente essere conclusi anche in forma non scritta. Tuttavia, esso prevede che "di regola" siano stipulati per iscritto, allo scopo di favorire la correttezza e la trasparenza dei rapporti fra i contraenti. La mancata stipula di un valido contratto scritto determina come vedremo conseguenze rilevanti in materia di responsabilità, a carico di vettore e committente. 6

7 Uno dei principali obiettivi della riforma in esame è, infatti, l incentivazione dell uso della forma scritta per la disciplina dei contratti di trasporto, con l osservanza dei requisiti di legge. Se si opta per la forma scritta, il contratto deve obbligatoriamente contenere gli elementi essenziali elencati al comma 3 dell'art. 6, ossia: - nome e sede del vettore e del committente e, se diverso, del caricatore; - numero di iscrizione del vettore all'albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi; - tipologia e quantità della merce oggetto del trasporto, nel rispetto delle indicazioni contenute nella carta di circolazione dei veicoli adibiti al trasporto stesso; - corrispettivo del servizio di trasporto e modalità di pagamento; - luoghi di presa in consegna della merce da parte del vettore e di riconsegna della stessa al destinatario. Tali elementi devono necessariamente essere formalizzati per iscritto (anche mediante una formalizzazione progressiva, come, ad esempio, attraverso un carteggio tra il committente ed il vettore ed il rinvio ai documenti del trasporto) affinché il contratto possa dirsi concluso in forma scritta per gli effetti di cui al D.Lgs. 286/2005. L assenza anche di uno solo degli elementi essenziali comporta che il contratto di trasporto non potrà considerarsi stipulato in forma scritta. 7

8 Per i trasporti eseguiti in regime di cabotaggio stradale (per trasporti, cioè, affidati ad un vettore comunitario che opera in territorio italiano), il contratto deve contenere, oltre agli elementi essenziali di cui sopra, anche l'indicazione dei termini temporali per la riconsegna della merce nonché gli estremi della licenza comunitaria e di ogni altra eventuale documentazione prevista dalle vigenti disposizioni. Elementi eventuali dei contratti stipulati in forma scritta sono: - termini temporali per la riconsegna della merce; - istruzioni aggiuntive di committente, vettore o caricatore (se diverso dal committente). Appare opportuna l indicazione in forma scritta di tali elementi accessori nei documenti contrattuali, solo laddove il committente ritenga effettivamente indispensabile la formalizzazione degli stessi nel proprio interesse; tali elementi non sono, invece, determinanti al fine della prova liberatoria fornita dal committente circa l esenzione da responsabilità in caso di accertamento della violazione della sicurezza della circolazione stradale da parte del vettore Contrattazione dei prezzi (artt. 3 e 4) I corrispettivi per i servizi di trasporto di merci su strada sono ora determinati dalla libera contrattazione delle parti che stipulano il contratto di trasporto. E', infatti, abrogato il sistema delle tariffe obbligatorie a forcella introdotto dalla legge n. 298/74, in base al quale i prezzi potevano essere determinati dalle parti nel 8

9 rispetto di un limite minimo ed un limite massimo previsti per legge (c.d. apertura della forcella ). Lo scopo era quello di garantire alle imprese di trasporto la realizzazione di un certo margine di utile, evitando, nello stesso tempo, il concretizzarsi di situazioni di concorrenza sleale realizzata mediante il contenimento dei corrispettivi, con possibili riflessi negativi sulla qualità e sicurezza del trasporto. Gli artt. 3 e 4 del d.lgs. n. 286/2005 hanno sancito il definitivo superamento del sistema tariffario a forcella. Ai sensi dell art. 4, comma 1,..i corrispettivi per i servizi di trasporto di merci su strada sono determinati dalla libera contrattazione delle parti che stipulano il contratto di trasporto. Ciò significa che ora i proprietari della merce e/o i committenti e i vettori sono liberi di contrattare le tariffe per il trasporto in base alle leggi del mercato, senza essere più costretti ad applicare minimi e massimi tariffari fissati ex lege. Il nuovo regime delle tariffe libere è entrato in vigore il 28 febbraio Se il contratto è scritto, il corrispettivo deve essere come visto - indicato obbligatoriamente al suo interno. Nel caso in cui il contratto non sia scritto, qualora dovessero sorgere controversie, si applicano gli usi e le consuetudini raccolte in appositi bollettini predisposti dalle camere di commercio. Analizziamo alcune questioni sollevate dalla nuova normativa. 9

10 - se il prezzo non viene indicato dalle parti all interno di un contratto scritto? E senz altro opportuno indicarlo, soprattutto se non si intende avere l applicazione di usi e consuetudini. Infatti, in assenza di pattuizione o di altra previsione sui prezzi, il decreto legislativo richiama espressamente queste fonti subordinate; ne consegue che queste ultime potranno pacificamente essere ritenute parte integrante del contratto. - se il contratto prevede tariffe diverse rispetto a quelle risultanti dagli usi? In linea generale, nulla accade; ciò in quanto le tariffe sono liberamente stabilite dalle parti e se gli usi dovessero sostituirsi di diritto alle disposizioni contrattuali, ci troveremmo ancora inseriti in un sistema tariffario obbligatorio. Tuttalpiù gli usi potrebbero costituire un indice di riferimento per le parti. Solo in caso di contratto nullo, le tariffe contrattuali verrebbero sostituite dagli usi. In questo contesto, potrebbe essere utile una specifica previsione contrattuale in base alla quale, indipendentemente dalla validità e/o operatività del contratto di trasporto, la pattuizione sul corrispettivo resta valida e operante per espressa volontà delle parti, anche quale pattuizione separata e distinta Accordi volontari (art. 5) L art. 5 stabilisce che le organizzazioni associative di vettori e di utenti dei servizi di trasporto possono stipulare accordi di diritto privato, nell interesse delle imprese rispettivamente associate, per regolare i relativi rapporti contrattuali sulla base della normativa in materia di sicurezza della circolazione e di sicurezza sociale. 10

11 Elementi essenziali di tali accordi (paragonabili a dei contratti quadro) sono: a) indicazione della categoria merceologica alla quale sono applicabili; b) previsione della obbligatorietà della forma scritta dei contratti di trasporto stipulati in conformità degli accordi stessi; c) previsione dell'obbligo di subordinare la stipula dei contratti alla condizione del regolare esercizio, da parte del vettore, dell'attività di autotrasporto; d) previsione della responsabilità soggettiva del vettore e, se accertata, del committente, del caricatore e del proprietario della merce, nei casi di violazione della normativa in materia di sicurezza della circolazione, con particolare riguardo a quelle relative al carico dei veicoli, ai tempi di guida e di riposo dei conducenti e alla velocità massima consentita; e) previsione della dichiarazione, da parte dell impresa di autotrasporto, con riferimento all operato dei suoi conducenti, dell osservanza dei contratti collettivi ed individuali di lavoro, della normativa in materia previdenziale ed assistenziale, e di quella in materia di autotrasporto di merci per conto di terzi, nonché per la perdita, i danni o l avaria delle merci trasportate; f) durata predeterminata, comunque non superiore al triennio, con possibilità di proroga tacita, salvo disdetta da comunicarsi entro un congruo periodo di tempo anteriore alla scadenza; g) individuazione di organismi, composti da rappresentanti del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, delle associazioni dei vettori e di quelle degli utenti, per la verifica sulla corretta applicazione degli accordi; h) ricorso, in caso di controversie relative agli accordi, ad un tentativo di conciliazione, prima di procedere ad azioni sindacali, affidato ad un soggetto nominato dalle competenti strutture del Ministero delle infrastrutture e dei trasporto. 11

12 Gli accordi volontari tra le associazioni dei vettori e quelle degli utenti dei servizi di trasporto sostituiranno i vecchi accordi collettivi di settore che rimarranno, però, in vigore fino al 31 dicembre Da evidenziare come gli accordi volontari prevedano l obbligo di subordinare la stipula di singoli contratti ad essi conformi alla forma scritta ed alla condizione del regolare esercizio da parte del vettore dell attività di autotrasporto; si osserva, ancora, che gli stessi possono avere una durata massima di tre anni e per espressa volontà dell Unione - non possono regolamentare gli aspetti tariffari, rimessi, dunque, alla libera contrattazione delle parti Modelli ministeriali del contratto scritto Con decreto dirigenziale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 1 febbraio 2006 Determinazione di modelli contrattuali tipo per facilitare l uso della forma scritta dei contratti di trasporto di merci su strada, in attuazione dell art. 6, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2005 n. 286 sono stati determinati quattro modelli contrattuali tipo per facilitare l'uso della forma scritta: 1- per prestazione singola 2- per pluralità di prestazioni 3- con rinvio ad accordi volontari stipulati dalle organizzazioni associative rappresentative rispettivamente dei vettori e degli utenti dei servizi di trasporto (tali 12

13 accordi sono autorizzati, con l'indicazione degli elementi essenziali che debbono contenere, dall'art. 5 del d.lgs. 286/2005) 4- per prestazione singola o pluralità di prestazioni da parte di sub-vettori. Tali contratti tipo hanno valore indicativo per le parti che mantengono la facoltà di scegliere altre formulazioni contrattuali, purchè contengano gli elementi essenziali di cui all art. 6, comma 3, del d.lgs. 286/2005. I quattro modelli ministeriali prevedono le seguenti clausole comuni a tutti i tipi: - identificazione delle parti: vettore (con indicazione, tra l altro, del numero di iscrizione all Albo Nazionale degli autotrasportatori di cose per conto terzi) e committente - identificazione delle merci trasportate (e, per prestazioni continuative, durata del contratto) - elementi identificativi del/i veicolo/i adibito/i al trasporto - luogo di consegna e riconsegna delle merci - data e ora di consegna e riconsegna delle merci (eventuale) - corrispettivo - istruzioni aggiuntive del committente (eventuale) - utilizzo di sub vettori (eventuali) - patti modificativi 13

14 - adempimento da parte del vettore degli obblighi connessi all operato dei conducenti - disciplina applicabile Esaminiamo alcune delle clausole indicate nei modelli tipo. Identificazione delle parti Nel modello tipo che rimanda ad accordi volontari, vi è l aggiunta oltre alla generalità di vettore e committente - dell indicazione dell iscrizione delle parti ad un associazione di categoria (vettore iscritto all organizzazione associativa tra vettori denominata ed avente i requisiti per essere rappresentata nella Consulta Generale per l autotrasporto e per la logistica, ai sensi dell art. 5, comma 1, del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 284 e committente iscritto all organizzazione associativa tra utenti del servizio di trasporto denominata ed avente i requisiti per essere rappresentata, direttamente o attraverso la Confederazione di riferimento, nella Consulta generale per l autotrasporto e per la logistica ). Sembrerebbe, quindi, che, per poter rinviare ad un accordo volontario, entrambe le parti debbano essere iscritte ad una delle associazioni che ha sottoscritto l accordo. Tuttavia, questa interpretazione non è pacifica. Accordo volontario di riferimento Inoltre, nel modello che rinvia ad accordi volontari, le parti si danno reciprocamente atto dell esistenza di un accordo volontario tra le organizzazioni rappresentative di 14

15 vettori e quelle degli utenti che viene recepito nel contratto quale parte integrante dello stesso. Identificazione della merce In tutti i modelli vi è una clausola che specifica che il trasporto di dette merci avverrà nel rispetto delle indicazioni contenute nella carta di circolazione de/i Veicolo/i adibito/i al trasporto delle stesse. In caso di contratto per prestazioni continuative, la quantificazione della merce può non essere individuata al momento della stipulazione del contratto. In tal caso, il vettore si impegna a trasportare i quantitativi di merci in relazione ai quali il committente gli farà di volta in volta pervenire, con adeguato anticipo, la richiesta di trasporto. Il modello per prestazioni continuative prevede che, comunque, si indichino nel contratto i quantitativi minimi e massimi di merce da trasportarsi. Elementi identificativi del veicolo Tale indicazione serve a dimostrare che i veicoli utilizzati per il trasporto, in base alla carta di circolazione, sono idonei allo specifico trasporto della merce di cui al contratto. Tuttavia, se si intende sostituire il mezzo, il vettore è tenuto a comunicare per iscritto gli elementi identificativi del veicolo al committente, prima dell inizio dell operazione di trasporto (solo in caso di eventi impeditivi imprevisti, anche a trasporto iniziato). Luogo di consegna e di riconsegna della merce 15

16 Anche il luogo di consegna (o riconsegna) della merce può variare rispetto al momento della stipulazione del contratto. In tal caso, sarà il committente a comunicarlo al vettore per iscritto in tempo utile prima del completamento dell operazione di trasporto. Nel caso la diversa destinazione sia sempre all interno della provincia, sarà sufficiente una indicazione orale. Corrispettivo Non sorgono problemi per i contratti per singole prestazioni. In caso di contratto per prestazioni continuative, il modello contrattuale suggerisce di introdurre una clausola di adeguamento della tariffa di trasporto alle variazioni del prezzo del carburante. Poiché la contrattazione è libera, il vettore, nel suo stesso interesse, potrà cercare di inserire nel contratto l adeguamento in relazione ad altre voci di costi oltre a quella del carburante. Ricorso a sub-vettori Tutti i modelli tipo prevedono la possibilità di affidare il trasporto ad un vettore diverso rispetto a quello che firma. In questo caso, si rinvia ad un ulteriore contratto concluso tra il primo vettore ed il secondo o tra questi e quelli successivi. Tale contratto sarà analogo agli altri, con la differenza che, come committente, vi sarà un vettore. Quanto ai reciproci obblighi, si osserva che il vettore-committente deve verificare che il sub-vettore sia abilitato al trasporto; che i suoi veicoli siano idonei a svolgerlo oltre 16

17 a controllare la regolarità della sua posizione con riferimento agli obblighi previdenziali, chiedendo apposita dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Il sub-vettore si impegna ad eseguire direttamente, con la propria organizzazione imprenditoriale, le prestazioni oggetto del contratto di trasporto e le altre obbligazioni assunte; lo stesso, con il preventivo consenso scritto del vettore-committente, può, però, affidarsi a sua volta ad un terzo per l esecuzione delle operazioni di trasporto e delle altre prestazioni cui si è obbligato, ma a quel punto deve effettuare le stesse verifiche che il committente ha effettuato nei suoi confronti. Questo passaggio ulteriore, infatti, non lo libera da responsabilità nei confronti del committente, rispetto al quale continua a rispondere del corretto adempimento della prestazione ( il sub-vettore rimane responsabile nei confronti del vettorecommittente del corretto adempimento da parte del terzo della prestazioni allo stesso affidate ). In relazione al corrispettivo, il modello per prestazioni rese da parte di sub-vettori suggerisce di calcolarlo sulla base degli elementi relativi ai costi del sub-vettore comunicati al vettore-committente durante la negoziazione e, inoltre, di inserire la clausola di adeguamento del corrispettivo in relazione ad eventuali variazioni significative dei costi operativi del sub-vettore, ed, in particolare, a variazioni dei costi esterni sullo stesso gravanti, quali il prezzo del carburante. 17

18 2. - RESPONSABILITA E FUNZIONE ESIMENTE DEL CONTRATTO SCRITTO ONERI E RISCHI DEL CONTRATTO NON SCRITTO Responsabilità del vettore, del committente, del caricatore e del proprietario della merce (art. 7) L articolo 7 del d.lgs. 286 del 2005 prevede, al comma 1, che: 1. Nell effettuazione dei servizi di trasporto di merci su strada, il vettore è tenuto al rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari poste a tutela della sicurezza della circolazione stradale e della sicurezza sociale, e risponde della violazione di tali disposizioni e, ai commi da 3 a 5, che: 3. In presenza di un contratto di trasporto di merci su strada stipulato in forma scritta, laddove il conducente del veicolo con il quale è stato effettuato il trasporto abbia violato le norme sulla sicurezza della circolazione stradale, di cui al comma 6, il vettore, il committente, nonché il caricatore ed il proprietario delle merci oggetto del trasporto che abbiano fornito istruzioni al conducente in merito alla riconsegna delle stesse, sono obbligati in concorso con lo stesso conducente, ai sensi dell articolo 197 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni, qualora le modalità di esecuzione della prestazione, previste nella documentazione contrattuale, risultino incompatibili con il rispetto, da parte del conducente delle norme sulla sicurezza della circolazione stradale violate e la loro responsabilità, nei limiti e con le modalità fissati nel presente decreto legislativo, sia 18

19 accertata dagli organi preposti all espletamento dei servizi di polizia stradale, di cui all articolo 12 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n Sono nulli e privi di effetti gli atti ed i comportamenti diretti a far gravare sul vettore le conseguenze economiche delle sanzioni applicate al committente, al caricatore ed al proprietario della merce in conseguenza della violazione delle norme sulla sicurezza della circolazione. 4. Quando il contratto di trasporto non sia stato stipulato in forma scritta, anche mediante richiamo ad un accordo di diritto privato concluso ai sensi dell articolo 5, in caso di accertato superamento, da parte del conducente del veicolo con cui è stato effettuato il trasporto, dei limiti di velocità di cui all articolo 142 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni, o di mancata osservanza dei tempi di guida e di riposo di cui all articolo 174 dello stesso decreto legislativo, a richiesta degli organi di polizia stradale che hanno accertato le violazioni, il committente o, in mancanza, il vettore, sono tenuti a produrre la documentazione dalla quale risulti la compatibilità delle istruzioni trasmesse al vettore medesimo in merito alla esecuzione della specifica prestazione di trasporto, con il rispetto della disposizione di cui è stata accertata la violazione. Qualora non venga fornita tale documentazione, il vettore ed il committente sono sempre obbligati in concorso con l autore della violazione. 5. In relazione alle esigenze di tutela della sicurezza stradale, quando il contratto di trasporto non sia stato stipulato in forma scritta, anche mediante richiamo ad un accordo di diritto privato concluso ai sensi dell articolo 5, il committente è tenuto ad 19

20 acquisire la fotocopia della carta di circolazione del veicolo adibito al trasporto e la dichiarazione, sottoscritta dal vettore, circa al regolarità dell iscrizione all Albo nazionale degli autotrasportatori, nonché dell esercizio dell attività di autotrasporto e degli eventuali servizi accessori. Qualora non sia stata acquisita tale documentazione, al committente è sempre applicata la sanzione amministrativa pecuniaria di cui all articolo 26, comma 2, della legge 6 giugno 1974 n. 298 e successive modificazioni. *** Esaminando il complesso della norma in commento, è evidente come il legislatore abbia inteso garantire al massimo la sicurezza stradale nell esecuzione dei trasporti, con la previsione di specifici obblighi e responsabilità, non solo in capo al vettore, ma anche alle imprese committenti, ai caricatori ed ai proprietari della merce, con coinvolgimento, quindi, di tutti i soggetti della filiera. Tale è la ratio della sanzione di nullità delle clausole dei contratti di trasporto che dovessero comportare modalità e condizioni di esecuzione delle prestazioni contrarie alle norme sulla sicurezza della circolazione stradale (art. 4). Il regime di responsabilità di vettore, committenti, caricatori e proprietari della merce, in concorso con il conducente del veicolo, in caso di accertate violazioni delle norme di sicurezza stradale da parte di quest ultimo, introdotto dall art. 7 del decreto in esame, ha il chiaro scopo di disincentivare ogni possibile comportamento pericoloso sulla strada. 20

21 Il suddetto vincolo di responsabilità concorsuale tra i vari soggetti si configura nelle ipotesi di accertamento di istruzioni impartite al conducente non compatibili con le normali regole di prudenza e perizia nell effettuazione della tratta di trasporto in esame. Coloro che abbiano fornito tali incompatibili istruzioni al conducente del veicolo in merito alla consegna delle merci, sono obbligati in concorso con lo stesso conducente, ai sensi dell art. 197 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni. La disposizione di cui all art. 197 del decreto sopra citato prevede, in materia di concorso di persone nella violazione, che quando più persone concorrono in una violazione, per la quale è stabilita una sanzione amministrativa pecuniaria, ciascuna soggiace alla sanzione per la violazione prevista, salvo che la legge disponga diversamente. A differenza della responsabilità solidale, pertanto, il concorso di più persone nella commissione di una violazione amministrativa determina la conseguenza che ciascun concorrente soggiace all'intera sanzione ed il pagamento da parte di uno non estingue l'obbligazione degli altri. Problema pratico sarà l individuazione delle modalità per la valutazione sulla compatibilità di tali istruzioni. Il committente, il caricatore ed il proprietario della merce, per non incorrere in responsabilità connesse al trasporto, devono, comunque, attenersi alle seguenti prescrizioni: 21

22 - se il contratto di trasporto è stipulato in forma scritta, devono assicurarsi che le modalità di esecuzione del trasporto pattuite siano compatibili con il rispetto da parte del conducente delle norme sulla sicurezza della circolazione stradale di cui al d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), relative a: sagoma limite (art. 61); massa limite (art. 62); limiti di velocità (art. 142); sistemazione del carico sui veicoli (art. 164); trasporto di cose su veicoli a motore e su rimorchi (art. 167); durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone e cose (art. 174). Se le modalità di esecuzione del trasporto prevista dalla documentazione contrattuale sono incompatibili con il rispetto della suddetta normativa sulla sicurezza ed il conducente l'abbia effettivamente violata, oltre che il conducente, anche il soggetto (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce) che ha fornito le istruzioni incompatibili con il rispetto delle norme sulla sicurezza della circolazione stradale violate, sarà sottoposto, in concorso con il conducente, alla sanzione per la violazione prevista. Occorre tener presente che non è possibile nel contratto (o con altre pattuizioni) far gravare sul vettore le conseguenze economiche delle sanzioni applicate al committente (o al caricatore o al proprietario della merce), in conseguenza della 22

23 violazione delle norme sulla sicurezza della circolazione, in quanto qualsiasi atto o comportamento diretto a tale scopo è nullo e privo di effetti. - se il contratto di trasporto è stipulato in forma non scritta, il vettore ed il committente devono comunque dare al conducente del veicolo precise istruzioni relative all'esecuzione del trasporto che siano compatibili col rispetto delle norme sulla sicurezza della circolazione stradale, poiché in caso di superamento dei limiti di velocità da parte del conducente o di mancata osservanza dei tempi di guida e di riposo previsti dal codice della strada, il committente o, in mancanza, il vettore, su richiesta della polizia stradale, sono obbligati a produrre la documentazione dalla quale risulti la compatibilità delle istruzioni trasmesse al vettore medesimo in merito alla esecuzione della specifica prestazione di trasporto, con il rispetto della disposizione di cui è stata accertata la violazione. Nel caso in cui venga accertata l'incompatibilità oppure qualora non venga fornita la suddetta documentazione, il vettore ed il committente saranno soggetti alle sanzioni in concorso con il conducente (dunque, vi è un assoggettamento a sanzione connessa ad un comportamento omissivo). Se il contratto di trasporto è stipulato in forma non scritta, il committente è tenuto ad acquisire la fotocopia della carta di circolazione del veicolo adibito al trasporto e la dichiarazione, sottoscritta dal vettore, circa la regolarità dell'iscrizione all'albo nazionale degli autotrasportatori, nonché dell'esercizio dell'attività di autotrasporto e degli eventuali servizi accessori. 23

24 Qualora non sia stata acquisita tale documentazione, il committente è soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 1.549,37 a 9.296, La procedura di accertamento della responsabilità (art. 8) L'accertamento della responsabilita' dei soggetti di cui al comma 3, dell'articolo 7 (conducente del veicolo, vettore, committente, caricatore e proprietario della merce) puo' essere effettuato contestualmente alla contestazione della violazione commessa dall'autore materiale della medesima, da parte delle autorita' competenti, mediante esame del contratto di trasporto e di ogni altra documentazione di accompagnamento, prevista dalle vigenti disposizioni (art. 8). In caso di mancata esibizione del contratto di trasporto da parte del conducente all'atto della contestazione, e qualora dalla restante documentazione disponibile non sia possibile accertare l'eventuale responsabilita' dei soggetti di cui al comma 3 dell'articolo 7, l'autorita' competente, entro 15 giorni dalla contestazione della violazione, richiede agli stessi la presentazione, entro 30 giorni dalla notifica della richiesta, di copia del contratto e dell'eventuale documentazione di accompagnamento, ovvero, qualora il contratto non sia stato stipulato in forma scritta, della documentazione di cui ai commi 4 e 5 dell'articolo 7. Entro i 30 giorni successivi alla ricezione dei documenti richiesti, l'autorita' competente, in base all'esame degli stessi, qualora da tale esame emerga la loro responsabilita', applica le sanzioni contemplate da detti commi ai soggetti di cui sopra. 24

25 Le stesse sanzioni sono irrogate in caso di mancata presentazione della documentazione richiesta entro il termine indicato Usi e consuetudini per i contratti non scritti (art. 9) Nelle controversie aventi ad oggetto contratti di trasporto di merci su strada stipulati non in forma scritta, sono applicati gli usi e le consuetudini raccolti nei bollettini predisposti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura (art. 9). Ai fini dell'aggiornamento degli usi e delle consuetudini allo stato esistenti, l'osservatorio sulle attivita' di autotrasporto presso la Consulta generale per l'autotrasporto raccoglierà gli elementi dai quali, tenuto conto delle condizioni di mercato e dei costi medi delle imprese, e constatati i prezzi medi unitari praticati per i servizi di trasporto su base territoriale e settoriale, verranno desunti gli usi e consuetudini e li trasmette alle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. In sede di prima applicazione, l'osservatorio provvede ad elaborare gli elementi necessari entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo. L'ulteriore aggiornamento degli usi e consuetudini e' effettuato con cadenza annuale Il committente : suggerimenti operativi Al fine di esimersi da ogni responsabilità, che potrà essere accertata anche in una fase successiva alla contestazione della pretesa violazione da parte degli organi preposti 25

26 alla sicurezza della circolazione stradale, il committente nel caso in cui il contratto di trasporto di merci su strada venga stipulato in forma scritta - dovrà: 1- ottenere dal vettore un certificato dal quale risulti l iscrizione dello stesso all Albo nazionale degli autotrasportatori dal quale possono desumersi anche eventuali limitazioni all esercizio dell attività di autotrasporto (ovvero, per i trasporti eseguiti in regime di cabotaggio stradale, della licenza comunitaria e di ogni altra eventuale documentazione prevista dalle vigenti disposizioni). Nel caso il rapporto tra il committente ed il vettore abbia carattere continuativo, il committente dovrà periodicamente verificare il permanere di detta iscrizione; 2- inserire nel contratto di trasporto la previsione dell obbligo per il vettore, nel caso in cui lo stesso si avvalga dell opera di un sub-vettore, di trasmettere al committente un certificato dal quale risulti l iscrizione del sub-vettore all Albo nazionale degli autotrasportatori dal quale possano desumersi anche eventuali limitazioni all esercizio dell attività di autotrasporto; 3- ottenere dal vettore l elenco dei veicoli (motrici+rimorchi) da questi utilizzati nello svolgimento della propria attività con fotocopia della carta di circolazione dei medesimi; 4- inviare una comunicazione al vettore con congruo anticipo rispetto all esecuzione materiale del trasporto con la quale si indicano i dati relativi alla tipologia e alla quantità (peso e, ove rilevante, massa) della merce, i luoghi di carico e scarico; 26

27 5- ottenere un riscontro scritto dal vettore in ordine alla correttezza delle modalità di esecuzione del trasporto, mediante l utilizzo di un veicolo compatibile con le caratteristiche del carico; 6- fornire le necessarie istruzioni scritte al conducente in ordine alla consegna delle merci, affinché le modalità di esecuzione del trasporto risultino compatibili con il rispetto delle norme sulla sicurezza della circolazione stradale di cui all art. 7, comma 6, d.lgs. 286/2005; 7- far acquisire data certa al contratto di trasporto sottoscritto dalle parti. Nel caso in cui il contratto di trasporto, per qualsiasi ragione, non sia stato concluso in forma scritta, il committente è comunque tenuto a chiedere al legale rappresentante dell impresa vettrice di rilasciare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui lo stesso dichiara che l impresa stessa è regolarmente iscritta all Albo nazionale degli autotrasportatori e che al riguardo non sussistono limitazioni che impediscano alla medesima di legittimamente esercitare il servizio in relazione al quale la merce le viene affidata e gli eventuali servizi accessori, con impegno a fare pervenire quanto prima il certificato. E, comunque, opportuno che il committente dia precise istruzioni scritte al vettore di procedere all esecuzione della specifica prestazione di trasporto secondo modalità che siano compatibili con il rispetto di tutte le disposizioni legislative e regolamentari in materia di sicurezza della circolazione stradale e, nell ipotesi in cui si avvalga di subvettori, accerti preventivamente che gli stessi esercitino legittimamente l attività 27

28 di autotrasporto in relazione alla tipologia di servizio e merceologica di volta in volta rilevante Il caricatore : responsabilità e suggerimenti operativi 1) L art. 7, comma 7, prevede, inoltre che il caricatore è in ogni caso responsabile laddove venga accertata la violazione delle norme in materia di massa limite ai sensi degli articoli 61 e 62 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni e di quelle relative alla corretta sistemazione del carico sui veicoli, ai sensi dei citati articoli 164 e 167 dello stesso decreto legislativo. Quindi, per la violazione delle norme relative ai limiti di sagoma e di massa (artt. 61 e 62), alla sistemazione del carico (art. 164) e al sovraccarico (art. 167), il caricatore non ha la possibilità di provare la sua mancata responsabilità che, pertanto, diventa oggettiva. D altra parte, tale responsabilità si spiega con la circostanza evidente che il soggetto che ha caricato deve essere consapevole di quanto e con che modalità ha disposto la merce da trasportare. Il caricatore dovrà, quindi, avere cura di verificare la corrispondenza tra le caratteristiche del carico quanto a tipologia e quantità (massa e peso) e le caratteristiche dell automezzo che il vettore intende utilizzare per quel determinato trasporto; nel caso in cui il piano di carico della merce sull automezzo sia stato curato dal caricatore, questi potrà acquisire una dichiarazione del conducente che attesti la corretta esecuzione della prestazione resa, in conformità alle norme sopra indicate. 28

29 Poiché la normativa in esame non delimita in modo chiaro l ambito temporale specifico di responsabilità imputabile al caricatore ed essendo la ratio di tale disposizione connessa alla circostanza della consapevolezza da parte del soggetto in esame delle modalità con cui l attività di carico merce è stata effettuata, la dichiarazione suddetta - rilasciata dal conducente - potrebbe valere quale prova della corretta esecuzione della prestazione richiesta al momento del carico. In tal modo, può essere posto un limite alla citata responsabilità oggettiva del caricatore, nelle ipotesi in cui la massa limite e/o la corretta sistemazione del carico sui veicoli dovessero essere modificati successivamente da terzi. 2) L art. 12, comma 3, del d.lgs. 286/2005 pone a carico del caricatore, oltre che del committente, l obbligo di accertarsi del legittimo esercizio da parte del vettore dell attività di autotrasporto, in base a quanto disposto dall art. 7 comma 2. Il caricatore, per non incorrere in responsabilità connesse alla violazione dell obbligo suddetto, dovrà, quindi, adottare i seguenti canoni di comportamento: chiedere al conducente la fotocopia della carta di circolazione del veicolo; chiedere al conducente di esibire (o fare trasmettere a mezzo fax) un certificato da quale risulti l iscrizione del vettore che segue il trasporto all Albo nazionale degli autotrasportatori, dal quale possano desumersi anche eventuali limitazioni all esercizio dell attività di autotrasporto (ovvero, per i trasporti eseguiti in regime di cabotaggio stradale, della licenza comunitaria e di ogni altra eventuale documentazione prevista dalle vigenti disposizioni). 29

30 Nell impossibilità di ottenere immediatamente detto certificato, il caricatore dovrà chiedere al legale rappresentante dell impresa vettrice di rilasciare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio di cui lo stesso dichiara che l impresa stessa è regolarmente iscritta all Albo nazionale degli autotrasportatori e che al riguardo non sussistono limitazioni che impediscano alla medesima di legittimamente esercitare il servizio in relazione al quale la merce le viene affidata e gli eventuali servizi accessori, con impegno a fare pervenir quanto prima il certificato. 3) Inoltre, come visto, il caricatore è soggetto a sanzione nel caso in cui abbia fornito, sulla base delle risultanze dei documenti del contratto di trasporto, istruzioni al conducente in merito alla consegna delle cose da trasportarsi che siano risultate incompatibili con il rispetto delle norme in materia di sicurezza della circolazione stradale di cui si sia accertata la violazione da parte del conducente (art. 7, comma 3). Affinché il caricatore possa esimersi da ogni responsabilità ex art. 7, comma 3, d.lgs. 286/2005, dovrà fornire al conducente del veicolo, e per esso al vettore, specifiche istruzioni in merito alle modalità esecutive del trasporto solo qualora le stesse siano veramente ed effettivamente necessarie per la corretta esecuzione dello stesso nell interesse del caricatore medesimo. 30

31 3. - IL NUOVO REGIME SANZIONATORIO PER IL TRASPORTO ABUSIVO: DALLE SANZIONI PECUNIARIE ALLA CONFISCA DELLE MERCI TRASPORTATE Esercizio abusivo dell autotrasporto L articolo 26 della Legge 6 giugno 1974, n. 298 ( Istituzione dell'albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, disciplina degli autotrasporti di cose e istituzione di un sistema di tariffe a forcella per i trasporti di merci su strada ) relativo all esercizio abusivo dell autotrasporto, come modificato dal decreto legislativo n. 286/2005, prevede che: «Chiunque esercita l'attivita' di cui all'art. 1 senza essere iscritto nell'albo, ovvero continua ad esercitare l'attivita' durante il periodo di sospensione o dopo la radiazione o la cancellazione dall'albo, e' punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire quattro milioni a lire ventiquattro milioni. Si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire cinque milioni a lire trenta milioni se il soggetto, nei cinque anni precedenti, ha commesso un'altra violazione delle disposizioni del presente articolo o dell'art. 46, accertata con provvedimento esecutivo. Chiunque affida l'effettuazione di un autotrasporto di cose per conto di terzi a chi esercita abusivamente l'attivita' di cui all'art. 1 o ai soggetti di cui all'art. 46 della presente legge, e' punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire tre milioni a lire diciotto milioni. 31

32 Alle violazioni di cui al primo comma consegue la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per un periodo di tre mesi ovvero, in caso di reiterazione delle violazioni, la sanzione accessoria della confisca amministrativa del veicolo, con l'osservanza delle norme di cui al capo I, sezione II, del titolo VI del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285» Affidamento di servizi di trasporto ad esercenti abusivi Ferma restando l applicazione delle disposizioni di cui all articolo 26, commi 1 e 3, della legge 6 giugno 1974 n. 298, e successive modificazioni, nei confronti dei soggetti che esercitano abusivamente l attività di autotrasporto, le sanzioni di cui all articolo 26, comma 2, della legge 6 giugno 1974 n. 298 (pagamento di una somma da 1.549,37 ad 9.296,22), si applicano ai sensi dell art. 7, comma 2, del d.lgs. 286/ al committente, al caricatore ed al proprietario della merce che affidano il servizio di trasporto ad un vettore abusivo (che non sia provvisto del necessario titolo abilitativo, ovvero che operi violando condizioni e limiti nello stesso prescritti, oppure ad un vettore straniero che non sia in possesso di idoneo titolo che lo ammetta ad effettuare nel territorio italiano la prestazione di trasporto eseguita). Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca delle merci trasportate, ai sensi dell articolo 20 della legge 24 novembre 1981 n. 689, e successive modificazioni. 32

33 Riassumendo: se il committente, caricatore e proprietario della merce si rivolgono ad un soggetto abusivo, poiché il contratto di autotrasporto prevede tra i suoi elementi essenziali l iscrizione all Albo del vettore, non potranno predisporre un contratto scritto. Potranno, però, concluderlo in forma orale. In tal caso, si rischiano due sanzioni: - la prima pecuniaria, da un minimo di 1.549,37 ad un massimo di 9.296,22, sia nel caso in cui l abusivo sia un italiano, sia quando si tratti di vettore estero privo di titolo idoneo per operare in Italia o per effettuare l operazione di trasporto; - la seconda più grave, la confisca della merce (con effetti più disincentivanti all abusivismo). Il vettore abusivo incorre, invece, in una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 2.065,82 ad un massimo di ,96 (o, nel caso in cui il soggetto abbia commesso un altra violazione delle disposizioni di cui all art. 26 o 46 della l. n. 298/74 nei cinque anni precedenti, accertata con provvedimento esecutivo, una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 2.582,28 ad ,70) e la sanzione accessoria del fermo del mezzo per tre mesi o, in caso di reiterazione, la confisca del veicolo. CONCLUSIONI Vista la complessità della normativa e la previsione di sanzioni che accompagnano gli obblighi posti a carico dei diversi soggetti della filiera, con l entrata in vigore della riforma dell autotrasporto dovrà, quindi, essere prestata la massima attenzione 33

34 alla scelta del vettore cui affidare il trasporto delle merci, nonché alle istruzioni da dare al conducente del veicolo relative alla consegna. E, pertanto, consigliabile la scelta della forma scritta del contratto di trasporto, sia ai fini dell assolvimento dell onere della prova in caso di controversia, sia al fine di verificare il legittimo esercizio dell attività da parte del vettore, oltre che l adempimento degli altri obblighi prevista dal decreto legislativo analizzato in questa sede. Ciò, considerato l obbligo sussistente in capo a vettore e committente di dimostrare, anche in caso di contratto non scritto e qualora vi sia stata violazione di una norma sulla sicurezza della circolazione stradale da parte del guidatore (limitatamente a quelle in materia di limiti di velocità e di osservanza di tempi di guida e di riposo), di aver fornito istruzioni al conducente compatibili con tali norme; prova che potrà essere data solo conservando copia di documentazione che, pertanto, dovrà essere scritta anche in questa ipotesi - inviata e/o consegnata allo stesso, attestante tale compatibilità. 34

La riforma dell autotrasporto per conto terzi

La riforma dell autotrasporto per conto terzi La riforma dell autotrasporto per conto terzi Milano, 11 luglio 2007, Hotel dei Cavalieri dott. Paolo Stella I decreti attuativi che completano la riforma prevista dal D.Lgs. 286/2005 Con il decreto dirigenziale

Dettagli

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE.

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. CONTRATTO DI TRASPORTO DI MERCI SU STRADA PER PRESTAZIONE SINGOLA O PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. Art. 1. Identificazione delle Parti Con la presente scrittura privata da valere ad

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 26 27.01.2015 1 Le novità in tema di autotrasporto Le novità introdotte dallo Sblocca Italia e della Legge di Stabilità 2015 Categoria: Autotrasportatori

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N.

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. - TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. 286 di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI TRASPORTO MERCI Roma, 14 luglio 2006 Circ. del Ministero dell'interno N. 300/A/1/52609/108/13/7 Il Decreto Legislativo 21.11.05, n. 286, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9.1.06 n. 6, dando attuazione

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO *

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * La questione che si pone è se sia applicabile a carattere residuale la violazione dell art. 82/8 e 10 comma del Nuovo

Dettagli

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 11 6 AGOSTO 2009 La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE

FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE OGGETTO: GLI AUTOTRASPORTATORI E L INDICAZIONE IN FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE A seguito dell acuirsi della crisi economica e l aumento dell incidenza del prezzo del carburante gli operatori del settore

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI DR. MATTEO DUROLA DR. BRUNO PARI DR.SSA CHIARA MACCHETTO Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: istituzione della scheda di trasporto. Premesse, riferimenti normativi e

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI L art. 7, comma 4, del D. Lgs n. 286/05 prescrive che, qualora il contratto di trasporto non sia stipulato in

Dettagli

QUESITI TRASPORTO MERCI

QUESITI TRASPORTO MERCI 1 L ART. 15 DELLA LEGGE 298/74 DISCIPLINA IN MATERIA DI FUSIONI E TRASFORMAZIONI DI IMPRESE. QUALE CASO NON E PREVISTO? 1 - TRASFORMAZIONE DI IMPRESE INDIVIDUALI IN SOCIETA DI CAPITALI. 2 - CONFERIMENTO

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n.

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Dott.ssa Diana Pérez Corradini Dott. Alberto

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Padova, 19 luglio 2009 Spettabili CLIENTI LORO SEDI Scheda di trasporto Dal 19 luglio 2009 è obbligatoria la "scheda di trasporto da compilare a cura del committente e conservare a bordo del

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 quanto segue:

DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 quanto segue: COMUNICAZIONE Mod. 06 Comunicazione per la perdita del requisito dell idoneità professionale e/o sostituzione della persona che dirige l attività di trasporto Ex art. 13 del D.Lgs. 395/2000 e successive

Dettagli

http://www.normattiva.it//dispatcher?task=attocompleto&service=212&datagu=2003...

http://www.normattiva.it//dispatcher?task=attocompleto&service=212&datagu=2003... Page 1 of 7 LEGGE 11 agosto 2003, n. 218 Disciplina dell'attivita' di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato I ) Accesso alla professione con applicazione delle disposizioni del DL 5/2012, convertito dalla Legge 35/2012

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i.

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 001-2011 C&F SICDT Milano, 10-01-2011 Oggetto: Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO ALLA LUCE DELLA LEGGE DI STABILITÀ 2015 (L. 190/2014)

LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO ALLA LUCE DELLA LEGGE DI STABILITÀ 2015 (L. 190/2014) LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO ALLA LUCE DELLA LEGGE DI STABILITÀ 2015 (L. 190/2014) Mercoledì 4 marzo 2015 Bologna Prof. Avv. Stefano Zunarelli stefano.zunarelli@studiozunarelli.com La Legge 190/2014 (Legge

Dettagli

!!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#!

!!#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! !!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Domanda per il rilascio di licenza per l'autotrasporto di cose in conto proprio Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE E MOBILITÀ U.O. Trasporti e Motorizzazione Via Giuseppe Mazzini, 14 34121 Trieste

Dettagli

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO Pesaro, lì 30 luglio 2009 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 07/2009 1 Proroga di ferragosto; 2 Autotrasporto di merci per Conto Terzi: Obbligo

Dettagli

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE INDICE Prefazione.... xi PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE Capitolo I ANTECEDENTI STORICI E CRITERI ISPIRATORI DELLA DISCIPLINA CODICISTICA DEL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE 1. Il diritto romano...

Dettagli

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012)

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Avv. Lucia Secchiaroli lucia.secchiaroli@studiopirola.com Novità normative Art. 13 ter

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA DIVISIONE

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona.

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona. Timbro dello studio di consulenza automobilistica o dell associazione di categoria Marca da bollo 16,00 Marca da bollo 16,00 Alla Provincia di Verona Settore trasporti traffico mobilità Unità operativa

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO NEWSLETTER n.19 13 febbraio 2015 RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO E RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO ALLA LUCE DELLE NOVITA DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DELLA LEGGE

Dettagli

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri*

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* Premessa: le parti evidenziate in rosso non sono ancora entrate in vigore se non dopo la pubblicazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Costo del carburante in fattura

Costo del carburante in fattura Periodico informativo n. 84/2010 Costo del carburante in fattura Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza di come avviene l indicazione in fattura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi)

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi) Testo in vigore dal: 15-8-2012 Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 Modificato dalla L.127/2010, dalla L.10/2011, dalla L.148/2011 e dalla

Dettagli

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >>

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >> Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 259-01

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/06. ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE ALBO FORNITORI La Fondazione Teatro Regio di Torino procede all istituzione

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO Servizio Attività Economiche Largo della Repubblica 12 48022 Lugo Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371 I.D. 87461 sportellounico@unione.labassaromagna.it Allegato alla Determina n. 1333 del 01/12/2011 UNIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

P r o d u t tive. Circolare n.

P r o d u t tive. Circolare n. Circolare n. Legge 23 agosto 2004, n. 239 - articoli 53 e 54, recanti modifiche e integrazioni ai requisiti per l accesso ai contributi in favore degli autoveicoli alimentati a GPL e metano di cui al decreto

Dettagli

1. Normativa riferita all attività di noleggio autobus con conducente e allo sportello unico attività produttive.

1. Normativa riferita all attività di noleggio autobus con conducente e allo sportello unico attività produttive. Oggetto: Attività di trasporto viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente. L.R. n. 21/2005, L.R. n. 3/2008 art. 1, commi 16-32 - Sportello Unico per le Attività Produttive. Procedimento

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.

C i r c o l a r i. Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri. C i r c o l a r i E d i z i o n e I I I d i O t t o b r e 2 0 1 4 Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.it 2 AUTO IN COMODATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Incontro informativo. Le novità ADR 2011

Incontro informativo. Le novità ADR 2011 ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio, Ambiente, Energia Incontro informativo Le novità ADR 2011 Presentazione Francesca Belinghieri Federchimica Documentazione di viaggio Autotrasporto

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Art. 116. Patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e autoveicoli e certificato di idoneità alla guida di ciclomotori 1. Non si possono guidare autoveicoli e motoveicoli

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza DIREZIONE CENTRALE PER LA POLIZIA STRADALE, FERROVIARIA, DELLE COMUNICAZIONI E PER I REPARTI SPECIALI DELLA POLIZIA DI STATO Ministero delle

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Due profili identificano l applicazione dell articolo 167 (Trasporto di cose su veicoli a motore

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI D.A. n.152/gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI * * * * Modalità e requisiti per il rilascio delle

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI CIRCOLARE INTERPRETATIVA E ATTUATIVA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE TRIENNIO 2008-2010 approvata dall'unione Lombarda dei Consigli dell'ordine degli Avvocati

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Art. 3 - Competenze comunali Art. 4 - Commissione comunale Art. 5 - Criteri per la redazione del regolamento comunale

Art. 3 - Competenze comunali Art. 4 - Commissione comunale Art. 5 - Criteri per la redazione del regolamento comunale REGIONE PUGLIA L.R. 3 aprile 1995, n. 14: Modalità di attuazione della legge 15 gennaio 1992, n. 21 "Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea". (B.U.R. 18 aprile

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009 Luglio 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

Prontuario. Studio Zunarelli Associati LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE

Prontuario. Studio Zunarelli Associati LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE Prontuario LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE ALLA LUCE DEL D. LGS. N. 286 DEL 21.11.2005 Marzo 2006 Realizzazione Studio Zunarelli Associati Indice Introduzione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

Disciplinare. ART. 1 Istituzione dell'elenco

Disciplinare. ART. 1 Istituzione dell'elenco ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ASCOLI PICENO - ex art.125 comma 12 del D.legislativo 12.4.2006 n.163 (approvato con determinazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, che ha approvato il codice della strada e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, che ha approvato il codice della strada e successive modificazioni; D.M. 6 ottobre 2006 (1) Attuazione delle norme concernenti la formazione professionale dei conducenti dei veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose su strada, con riferimento alla direttiva 94/55/CE

Dettagli

Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014

Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014 Con riferimento all'obbligo previsto dall'art.

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

Novità sulla guida dei ciclomotori e sul trasporto del secondo passeggero

Novità sulla guida dei ciclomotori e sul trasporto del secondo passeggero Novità sulla guida dei ciclomotori e sul trasporto del secondo passeggero A far data dal 14 Luglio 2006 si concretizzano le nuove norme sulla circolazione dei ciclomotori, ed entrano in vigore le modifiche

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA GIUNTA REGIONALE DETERMINAZIONE N. 13/2012/ DE10 DEL 20/ 02/ 2012 DIREZIONE: SERVIZIO: UFFICIO: DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SU GOMMA E FERRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. RE02.PGAP01 Pag. 1 a 7 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto SCHEDA DI TRASPORTO Premessa Dal 19/07/2009 è entrato in vigore il D.M. 30/06/2009, pubblicato sulla G.U. n 153 del 04/07/2009, che ha istituito l obbligo della Scheda di trasporto. Sono obbligati alla

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri.

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri. Ministero dell'interno e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Circolare n. 300/A/10/108/13/1 e Prot. n. 74491 del 15 settembre 2010) Legge 29 luglio 2010, n.120, recante "Disposizioni in materia

Dettagli

SALERNO SOLIDALE S.P.A. Albo Fornitori e Prestatori di servizi. DISCIPLINA

SALERNO SOLIDALE S.P.A. Albo Fornitori e Prestatori di servizi. DISCIPLINA SALERNO SOLIDALE S.P.A. Articolo 1 Oggetto Albo Fornitori e Prestatori di servizi. DISCIPLINA 1. Il presente disciplinare regola l istituzione, fissa i criteri per l iscrizione e stabilisce le modalità

Dettagli