Paderno d Adda Il malato di Alzheimer in fase terminale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paderno d Adda Il malato di Alzheimer in fase terminale"

Transcript

1 Paderno d Adda Il malato di Alzheimer in fase terminale Capacità decisionale, direttive anticipate, nomina dell amministratore di sostegno dr. S. Fucci - giurista e bioeticista

2 La capacità decisionale Sul piano giuridico si tende ad identificare la capacità decisionale di un soggetto con il concetto di capacità di agire che, in base all art. 2 del codice civile, si acquista di norma al raggiungimento della maggiore età, cioè al compimento dei 18 anni. Critiche a questa identificazione tra capacità di agire e capacità decisionale.

3 La capacità decisionale Non è credibile che improvvisamente al compimento dei 18 anni si diventi in via presuntiva capaci di decidere, mentre prima si sarebbe incapaci in toto. La capacità decisionale deve essere meglio intesa come concreta capacità di provvedere, in modo autonomo o con l assistenza di un altro soggetto, ai propri interessi, anche nel campo della salute.

4 Fattori che possono incidere sulla capacità decisionale Molti sono i fattori che possono incidere negativamente sulla capacità decisionale. A titolo esemplificativo l età (un neonato/un soggetto molto anziano con difficoltà di comprensione di alcune situazioni), una infermità ovvero una menomazione fisica o psichica. Alcune malattie (Alzeimer) incidono progressivamente sulla capacità decisionale.

5 L importanza della capacità decisionale In campo medico la capacità decisionale del malato rileva soprattutto nel momento in cui il paziente, adeguatamente informato, deve decidere se accettare o meno le proposte terapeutiche dei sanitari. Il cd. consenso informato non è valido se il paziente non era in grado di comprendere le informazioni ricevute e, quindi, di decidere con consapevolezza degli interessi in gioco.

6 Il diritto all autodeterminazione nella Costituzione Art. 32 della Costituzione La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in ogni caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

7 Il diritto all autodeterminazione Il diritto all autodeterminazione è un diritto soggettivo che deve essere tenuto distinto dal diritto (non dovere!!!) alla salute e alla vita. La lesione del diritto all autodeterminazione La lesione del diritto all autodeterminazione può comportare il diritto ad ottenere un risarcimento dei danni eventualmente subiti anche nell ipotesi in cui non vi è stata lesione del diritto alla salute/vita.

8 Diritto all autodeterminazione e designazione anticipata dell AdS Art. 3 l. n. 6/04: Preventiva designazione da parte dell interessato del suo futuro amministratore di sostegno (nuovo Art. 408 c.c., I comma). L amministratore di sostegno può essere designato dallo stesso interessato, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata. In mancanza, ovvero in presenza di gravi motivi, il giudice tutelare può designare un diverso amministratore.

9 La caratteristica della malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer comporta una perdita progressiva della capacità di intendere e di volere e, quindi, di decidere; nello stadio finale di norma il malato è già incapace di decidere. L importanza di una diagnosi precoce per potere programmare con l interessato le prevedibili cure future.

10 Il valore della programmazione delle cure La programmazione delle cure, effettuata consapevolmente dal paziente d accordo con i curanti in costanza di un malattia correttamente diagnosticata, la cui storia naturale è ben nota, assume una forte rilevanza sia sul piano etico che su quello giuridico. La volontà espressa dal paziente in questa sede dovrebbe essere rispettata.

11 La differenza con le direttive anticipate Tutte le obiezioni che di solito vengono avanzate rispetto alle cd. direttive anticipate non appaiono rilevanti rispetto alla programmazione delle cure che certamente non esprime una volontà eventuale ed astratta, ma una volontà concreta e informata diretta a regolare in anticipo, nell ambito di una esistente relazione di cura, le cure desiderate rispetto ad avvenimenti certi nel loro futuro accadimento.

12 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Pen. sent. n /2008 Non è attribuibile al medico un generale diritto di curare, a fronte del quale non avrebbe alcun rilievo la volontà dell ammalato, che si troverebbe in una posizione di soggezione su cui il medico potrebbe ad libitum intervenire, con il solo limite della propria coscienza.

13 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Pen. sent. n /2008 Il consenso informato ha, come contenuto concreto, la facoltà non solo di scegliere tra le diverse possibilità di trattamento medico, ma anche di eventualmente rifiutare la terapia e di decidere consapevolmente di interromperla, in tutte le fasi della vita, anche in quella terminale.

14 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Il consenso informato costituisce, di norma, legittimazione e fondamento del trattamento sanitario : senza il consenso informato l intervento del medico è sicuramente illecito, anche quando è nell interesse del paziente.

15 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA La pratica del consenso libero e informato rappresenta una forma di rispetto per la libertà dell individuo e un mezzo per il perseguimento dei suoi migliori interessi. Il principio del consenso informato esprime una scelta di valore nel modo di concepire il rapporto tra medico e paziente.

16 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Il consenso informato ha come correlato la facoltà non solo di scegliere tra le diverse possibilità di trattamento medico, ma anche di eventualmente rifiutare la terapia e di decidere consapevolmente di interromperla in tutte le fasi della vita.

17 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Di fronte al rifiuto della cura da parte del diretto interessato c è spazio per una strategia della persuasione e c è, prima ancora, il dovere di verificare che quel rifiuto sia informato, autentico e attuale ; ma allorché il rifiuto abbia tali connotati non c è possibilità di disattenderlo in nome di un dovere di curarsi.

18 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Il diritto alla salute comprende anche il diritto di perdere la salute, di ammalarsi, di non curarsi, di vivere le fasi terminali della propria esistenza secondo canoni di dignità umana propri dell interessato, finanche di lasciarsi morire.

19 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Il rifiuto delle terapie medico-chirurgiche, anche quando conduce alla morte, non può essere scambiato per un ipotesi di eutanasia, ossia per un comportamento che intende abbreviare la vita, causando positivamente la morte, esprimendo piuttosto tale rifiuto un atteggiamento di scelta, da parte del malato, che la malattia prosegua il suo corso naturale.

20 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA L obbligo di curare cessa insorgendo il dovere giuridico del medico di rispettare la volontà del paziente contraria alle cure quando il consenso viene meno in seguito al rifiuto delle cure da parte di costui.

21 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Il quadro compositivo dei valori in gioco fin qui descritto, essenzialmente fondato sulla libera disponibilità del bene salute da parte del diretto interessato in possesso delle sue capacità di intendere e di volere, si presenta in modo diverso quando il soggetto adulto non è in grado di manifestare la sua volontà a causa del suo stato di totale incapacità

22 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA. e non abbia, prima di cadere in tale condizione, allorché era nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, specificamente indicato, attraverso dichiarazioni di volontà anticipate, quali terapie egli avrebbe desiderato ricevere e quali invece avrebbe inteso rifiutare nel caso in cui fosse venuto a trovarsi in uno stato di incoscienza.

23 La Cassazione e le DAT Con questo passaggio della motivazione della sentenza n sul caso Englaro molto criticata da una parte della dottrina - la Suprema Corte sembra avere ritenuto già esistente nel nostro ordinamento la facoltà di esprimere delle specifiche volontà anticipate sulle future cure desiderate o rifiutate.

24 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA In caso di incapacità del paziente, la doverosità medica trova il proprio fondamento legittimante nei principi costituzionali di ispirazione solidaristica, che consentono e impongono l effettuazione di quegli interventi che risultino nel miglior interesse terapeutico del paziente.

25 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Superata l urgenza dell intervento derivante dallo stato di necessità, l istanza personalistica alla base del principio del consenso informato ed il principio di parità di trattamento tra gli individui, a prescindere dal loro stato di capacità, impongono di ricreare il dualismo dei soggetti nel processo di elaborazione della decisione medica...

26 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Dualismo tra medico che deve informare in ordine alla diagnosi e alle possibilità terapeutiche, e paziente che, attraverso il legale rappresentante, possa accettare o rifiutare i trattamenti prospettati. Sia il tutore ( ex artt. 357 e 424 c.c.) che l amministratore di sostegno (ex l. n. 6/04) hanno la cura degli interessi personali dell assistito.

27 Come si ricrea il dualismo nella relazione terapeutica Se, quindi, il malato di Alzheimer diventa incapace occorre ricostruire il dualismo tra i due centri di interesse (sanitario curante/paziente) nell elaborazione delle decisioni sulle cure, attraverso la richiesta al G.T. di nomina di un AdS. Decidere per un altra persona è diverso dal decidere per sé stesso.

28 Doverosità della richiesta di nomina di un AdS - Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 Amministratore di sostegno e servizi sanitari e sociali (nuovo art. 406, III comma, c.c.) I responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e nell assistenza della persona, ove a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del procedimento di amministrazione di sostegno, sono tenuti a proporre al giudice tutelare il ricorso per l istituzione di questa figura o a fornirne comunque notizia al Pubblico Ministero.

29 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Quali limiti incontrano i legali rappresentanti degli incapaci??? Tali limiti sono connaturati al fatto che la Tali limiti sono connaturati al fatto che la salute è un diritto personalissimo e che la libertà di rifiutare le cure presuppone il ricorso a valutazioni della vita e della morte..squisitamente soggettive.

30 Il parere della giurisprudenza più recente Cass. Civ caso ELUANA Non v è dubbio che la scelta del tutore deve essere a garanzia del soggetto incapace e, quindi, rivolta, oggettivamente, a preservarne la vita, ma il tutore non può nemmeno trascurare l idea di dignità della persona manifestata dal rappresentato, prima di cadere in stato di incapacità, dinanzi ai problemi della vita e della morte.

31 LA DIFFICILE RICOSTRUZIONE DELLAVOLONTÀ MANIFESTATA IN PRECEDENZA DALL INCAPACE Se non si è provveduto ad interpellare il malato di Alzheimer quando era ancora capace per concordare una programmazione delle cure future, ovvero se non sono state manifestate dall interessato delle direttive anticipate, diventa difficile per l AdS rifiutare cure che siano nell interesse clinico del paziente.

32 DAT e AdS Consapevole di questo problema una parte della giurisprudenza tende ad utilizzare la strada della nomina anticipata da parte del G.T. - dell AdS in favore di un soggetto ancora capace per raccogliere in quella sede le volontà dell interessato in merito alle cure desiderate o rifiutate in un determinato futuro contesto clinico che si realizzi quando l interessato è divenuto incapace

33 Il significato dell espressione best interest Perseguire il miglior interesse del soggetto incapace è un dovere comune sia per i legali rappresentanti che per i curanti. Non sempre perseguire the best interest significa mantenere in vita il paziente a tutti i costi, compresa una forte e inutile sofferenza per un soggetto destinato comunque a breve vita. Nel caso di conflitto tra legali rappresentanti e curanti su ciò che rappresenta the best interest occorre ricorrere all A.G. per la decisione definitiva.

34 Estratto di articoli dalla legge n. 6 Vedi allegato del 2004 sull Ads

35 L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 1 : Finalità della legge. La presente legge ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell espletamento delle funzioni della vita quotidiana, mediante interventi di sostegno temporaneo o permanente.

36 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Amministratore di sostegno (nuovo Art. 404 c.c.). La persona che, per effetto di una infermità ovvero una menomazione fisica o psichica, si trova nell impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un amministratore di sostegno, nominato dal giudice tutelare del luogo in cui questa ha la residenza o il domicilio.

37 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Nomina amministratore di sostegno (nuovo Art. 405 c.c., I comma). Il giudice tutelare provvede entro 60 giorni dalla data di presentazione della richiesta alla nomina dell amministratore di sostegno, con decreto motivato immediatamente esecutivo, su ricorso, tra l altro, dell interessato ovvero del coniuge, della persona stabilmente convivente, dei parenti entro il quarto grado, degli affini entro il secondo grado, del tutore o curatore ovvero del P. M..

38 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 Amministratore di sostegno e servizi sanitari e sociali (nuovo art. 406, III comma, c.c.) I responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e nell assistenza della persona, ove a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del procedimento di amministrazione di sostegno, sono tenuti a proporre al giudice tutelare il ricorso per l istituzione di questa figura o a fornirne comunque notizia al Pubblico Ministero.

39 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 Amministratore di sostegno e servizi sanitari e sociali (nuovo art. 408, IV comma, c.c.) Non possono ricoprire le funzioni di amministratore di sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico l interessato beneficiario del provvedimento.

40 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Preventiva designazione da parte dell interessato del suo futuro amministratore di sostegno (nuovo Art. 408 c.c., I comma). L amministratore di sostegno può essere designato dallo stesso interessato, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata. In mancanza, ovvero in presenza di gravi motivi, il giudice tutelare può designare un diverso amministratore.

41 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Amministratore di sostegno provvisorio (nuovo Art. 405 c.c., IV comma). Qualora ne sussista la necessità, il giudice tutelare adotta, anche d ufficio, i provvedimenti urgenti per la cura della persona e per la conservazione e per l amministrazione del suo patrimonio. Può procedere alla nomina di un amministratore di sostegno provvisorio, indicando gli atti che è autorizzato a compiere.

42 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Nomina amministratore di sostegno (nuovo Art. 405 c.c., V comma). Il decreto di nomina dell A. di sostegno, che va annotato a margine dell atto di nascita del beneficiario, deve contenere, tra l altro, l oggetto dell incarico conferito e degli atti che l amministratore ha il potere di compiere in nome e per conto dell interessato e degli atti che l interessato può compiere solo con l assistenza dell amministratore.

43 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Effetti dell amministrazione di sostegno (nuovo Art. 409 c.c.). L interessato conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l assistenza necessaria dell amministratore di sostegno. Il beneficiario dell A.S. può in ogni caso compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana.

44 La tutela del soggetto incapace - L Amministratore di sostegno Legge 9/1/04 n. 6. Art. 3 : Doveri dell amministratore di sostegno (nuovo Art. 410 c.c.). Nello svolgimento dei suoi compiti l A.S deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. L A.S. deve tempestivamente informare il beneficiario circa gli atti da compiere, nonché il giudice tutelare in caso di dissenso con l interessato.

45 La tutela del soggetto incapace Residualità dell interdizione Legge 9/1/04 n. 6. Art. 4 Persone che possono essere interdette (nuovo art. 414 c.c.). Il maggiore di età o il minore emancipato, Il maggiore di età o il minore emancipato, che si trovano in condizioni di abituale infermità di mente che li rende incapaci di provvedere ai propri interessi, sono interdetti quando ciò è necessario per assicurare la loro adeguata protezione.

46 La tutela del soggetto incapace Poteri dell interdetto o inabilitato Legge 9/1/04 n. 6. Art. 9 Atti compiuti dall interdetto o dall inabilitato (nuovo art. 427, I c., c.c.). Nella sentenza che pronuncia l interdizione o l inabilitazione, o in successivi provvedimenti dell A.G., può stabilirsi che taluni atti di ordinaria amministrazione possano essere compiuti dall interdetto senza l intervento ovvero con l assistenza del tutore, o che taluni atti di straordinaria amministrazione possano essere compiuti dall inabilitato senza l assistenza del curatore.

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

FINALITA DELLA LEGGE finalità

FINALITA DELLA LEGGE finalità FINALITA DELLA LEGGE Art. 1 La presente legge ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell'espletamento

Dettagli

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela CONVEGNO MODENA (19 MAGGIO 2017) LA PATRIMONIALITA SFUGGENTE La solidarietà nei rapporti di stretta parentela Avv. Giuseppe Mazzucchiello 1 CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? RAPPRESENTA UN AIUTO PER

Dettagli

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 CODICE CIVILE TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Artt. 1-13 Art. 1. CAPACITA' GIURIDICA La capacità giuridica

Dettagli

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente IL PROCEDIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Il Giudice competente Giudice Tutelare (art. 405 c.c.) SEZ. DISTACCATA LA PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO MINISTERO È SOLO EVENTUALE LE REGOLE PROCESSUALI

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Quadro normativo di riferimento a cura di MICHELA SCALCO CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? E una sorta di tutore che affianca, nell espletamento delle funzioni di vita quotidiana,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 La legge n. 6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel Codice Civile la figura della AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (titolo

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

CASO ELUANA ENGLARO. Cassazione Civile - sezione I 4-16/10/2007 n

CASO ELUANA ENGLARO. Cassazione Civile - sezione I 4-16/10/2007 n CASO ELUANA ENGLARO Stato vegetativo irreversibile e volontà certa del paziente: solo così è lecito staccare la spina 1 Il diritto all autodeterminazione terapeutica del paziente non incontra alcun limite

Dettagli

Strumenti di tutela preventivi:

Strumenti di tutela preventivi: Strumenti di tutela successivi: - la incapacità naturale Strumenti di tutela preventivi: - la inabilitazione - la interdizione - l amministratore di sostegno 2 1 Atti compiuti da persona incapace di intendere

Dettagli

Strumenti di tutela successivi: Strumenti di tutela preventivi:

Strumenti di tutela successivi: Strumenti di tutela preventivi: Strumenti di tutela successivi: - la incapacità naturale Strumenti di tutela preventivi: - la inabilitazione - la interdizione - l amministratore di sostegno 2 Atti compiuti da persona incapace di intendere

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Avv. Marco Caliandro 26 Gennaio 2013 Corso di Formazione per Amministratori di Sostegno Amministrazione di Sostegno La legge n. 6 del

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PRESIDIO OSPEDALIARO RIABILITATIVO B.V.CONSOLATA FATEBENEFRATELLI SAN MAURIZIO CANAVESE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO ASSISTENTE SOCIALE MARIADONZELLA A chi è rivolta la nuova legge istitutiva dell Amministratore

Dettagli

Codice civile Legge 6/2004

Codice civile Legge 6/2004 La protezione giuridica per le persone incapaci di provvedere a se stesse Codice civile Legge 6/2004 cittadini A.S.L. Mi 1 1 La capacità di provvedere a se stessi Nel nostro ordinamento la persona che

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV Legge 9 gennaio 2004 n. 6 375 B Attesto che la 2ª Commissione permanente (Giustizia), il 22 dicembre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa dei senatori

Dettagli

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE 9 GENNAIO 2004, N. 6 Ha introdotto al Libro Primo nel Codice Civile mediante la cd. Tecnica della novella

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Organizzazione di Volontariato Associazione Crescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Avv. M.T. Bettelli - Avv. A. Caligiuri http://aosp.bo.it/per.crescere

Dettagli

I SOGGETTI DEL DIRITTO

I SOGGETTI DEL DIRITTO I SOGGETTI DEL DIRITTO I soggetti dei rapporti giuridici possono essere: 1. Persone fisiche 2. Organizzazioni collettive LA PERSONA FISICA E LA CAPACITA. Persona fisica: è qualunque essere umano. Capacita

Dettagli

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno via Tiarini, 22 40129 Bologna tel 051 587 38 37 fax 051 587 38 39 Un futuro sereno per gli adulti con disabilità www.dopodinoi.org info@dopodinoi.org Avv. Francesca Vitulo L abc dell Amministrazione di

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 23 aprile 2016 Il Giudice Tutelare Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA INDICE SOMMARIO Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Capitolo I PREMESSA 1. Dall interdizione all amministrazione di sostegno... Pag. 3 2. Appunto metodologico...» 8 3. Difficoltà di applicazione

Dettagli

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti La capacità giuridica è la idoneità a divenire titolari di diritti e di doveri. Nel nostro ordinamento per le

Dettagli

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 La protezione giuridica delle persone fragili Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 Tre strumenti giuridici Con la a legge n. 6 del 9 gennaio 2004,

Dettagli

Il consenso informato in odontoiatria

Il consenso informato in odontoiatria Il consenso informato in odontoiatria Avv. Antonio Serpetti Convegno 19 novembre 2010 LA RESPONSABILITA DELL ODONTOIATRA profili giuridici medico-legali ed assicurativi Aula Magna - Dipartimento di Medicina

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno GIROLAMI & ASSOCIATI s.a.s Consulenze aziendali L Amministratore di sostegno Con la legge 9 gennaio 2004, n. 9 è stata istituita nel nostro ordinamento, analogamente a quanto avviene ormai da tempo in

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A D I S E G N O D I L E G G E N. 4298 approvato dalla II Commissione permanente (Giustizia) della Camera dei deputati il 20 ottobre 1999

Dettagli

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO INDICE I AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO I Ratio e presupposti dell amministrazione di sostegno... 3 1.1 Genesi legislativa dell istituto... 3 1.2 La tutela della dignità della persona come criterio guida

Dettagli

2. Riconoscimento del principio di autodeterminazione nella giurisprudenza italiana

2. Riconoscimento del principio di autodeterminazione nella giurisprudenza italiana 1. Costituzione italiana e diritto europeo 2. Riconoscimento del principio di autodeterminazione nella giurisprudenza italiana 3. L amministrazione di sostegno Art. 2 Cost. diritti inviolabili dell uomo

Dettagli

Il consenso dell avente diritto

Il consenso dell avente diritto FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso Integrato di Medicina Legale Il consenso dell avente diritto Prof. Pierluca Zangani ART. 13 COSTITUZIONE ITALIANA La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa

Dettagli

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Dalla tutela alla promozione dei Diritti L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Le cose da sapere L amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di Sostegno (AdS) è stata introdotta

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE INDICE-SOMMARIO Prefazione... xix Parte Prima GENERALITÀ Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE 1.1. L istituzione del giudice tutelare... 3 1.2. La competenza... 6 1.2.1. La competenza

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno Associazione Famiglie Utenti Psichiatrici L Amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di sostegno (A.S.), è stata introdotta con legge 9 gennaio 2004, n. 6. Il Legislatore ha così realizzato

Dettagli

Dott.ssa Elena Tuvinelli

Dott.ssa Elena Tuvinelli Dott.ssa Elena Tuvinelli FONTI il consenso informato non è previsto da una normativa specifica, né come diritto soggettivo del paziente né come causa di esclusione della responsabilità civile né come scriminante

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE. Il Giudice Tutelare. Visti gli atti relativi all'amministrazione di sostegno riguardante la signora

TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE. Il Giudice Tutelare. Visti gli atti relativi all'amministrazione di sostegno riguardante la signora TRIBUNALE DI GENOVA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE Il Giudice Tutelare Visti gli atti relativi all'amministrazione di sostegno riguardante la signora XXXX,, attualmente ricoverata presso l Ospedale Galliera

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... SOMMARIO Presentazione... V CAPITOLO 1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: LE NUOVE MI- SURE DI PROTEZIONE 1. Introduzione... 1 2. Il lungo cammino verso l introduzione dell amministrazione di sostegno... 3 3.

Dettagli

Nutrizione enterale e parenterale nel paziente internistico

Nutrizione enterale e parenterale nel paziente internistico Nutrizione enterale e parenterale nel paziente internistico Nutrizione artificiale: implicazioni medico legali Modena 9 Febbraio 2017 VANIA MASELLI Medicina Legale e Risk Management . Il dibattito mondiale

Dettagli

c_a859.c_a859.registro UFFICIALE.I h.15:58 Mozione

c_a859.c_a859.registro UFFICIALE.I h.15:58 Mozione c_a859.c_a859.registro UFFICIALE.I.0031622.23-06-2016.h.15:58 Alla c.a. Sig. Sindaco Dott. Marco Cavicchioli e p.c. all'assessore competente Mozione Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE DICHIARAZIONI

Dettagli

Amministratore di Sostegno e Diritto alla Cura. Inf. Gervasi Giorgio

Amministratore di Sostegno e Diritto alla Cura. Inf. Gervasi Giorgio Amministratore di Sostegno e Diritto alla Cura Inf. Gervasi Giorgio Diritto alla Cura, Diritto alla Salute CURA come ricerca della Salute (1948) Salute, secondo l OMS: Stato di completo benessere psico

Dettagli

INDICE. PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA

INDICE. PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA INDICE Prefazione.... VII PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA 1. La capacità giuridica e la capacità di agire... 3 2. Il procedimento di amministrazione

Dettagli

Eluana a Englaro gao. Diritto di vivere o diritto di morire? Il caso giurisprudenziale

Eluana a Englaro gao. Diritto di vivere o diritto di morire? Il caso giurisprudenziale Eluana a Englaro gao Diritto di vivere o diritto di morire? Il caso giurisprudenziale La vicenda Eluana Englaro nasce a Lecco, in Lombardia, il 25 novembre 1970. Il 18 gennaio 1992, quando aveva 21 anni

Dettagli

le direttive anticipate

le direttive anticipate le direttive anticipate Istituti Sociali Comunali Cara/o residente, con l accoglienza nelle nostre strutture per anziani, mettiamo in atto la nostra missione di assicurare un assistenza rispettosa della

Dettagli

Amministrazione di sostegno e scelte del. beneficiario.

Amministrazione di sostegno e scelte del. beneficiario. Amministrazione di sostegno e scelte del beneficiario. 1.L amministrazione di sostegno 1.1 L istituto dell amministrazione di sostegno L amministrazione di sostegno è un istituto giuridico entrato nel

Dettagli

I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA

I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA Premessa: protagonisti dell attività giuridica soggetti di diritto. SOGGETTO GIURIDICO è il titolare di situazioni giuridiche soggettive. SOGGETTI DI DIRITTO Sono i destinatari

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... Elenco delle principali abbreviazioni... Capitolo I L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: UN LUNGO CAMMINO

INDICE SOMMARIO. Introduzione... Elenco delle principali abbreviazioni... Capitolo I L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: UN LUNGO CAMMINO INDICE SOMMARIO Introduzione... Elenco delle principali abbreviazioni... XIII XV Capitolo I L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: UN LUNGO CAMMINO 1. Origine e rilevanza... 1 2. Il perché della riforma... 3 2.1.

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 18, LE BIOPOLITICHE, con particolare attenzione al TESTAMENTO BIOLOGICO

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 18, LE BIOPOLITICHE, con particolare attenzione al TESTAMENTO BIOLOGICO Paolo Ferrario, BIOPOLITICHE E TESTAMENTO BIOLOGICO 1 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 18, LE BIOPOLITICHE, con particolare attenzione al TESTAMENTO BIOLOGICO Paolo Ferrario, BIOPOLITICHE E TESTAMENTO

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Legge n 6/2004 Art 1 FINALITA DELLA LEGGE La presente legge ha finalità di tutelare,

Dettagli

IL CONSENSO INFORMATO E LA MANIFESTAZIONE DI VOLONTA ( CUM SENTIRE ) - che il PAZIENTE - PREVIAMENTE INFORMATO - IN MANIERA ADEGUATA ed ESAURIENTE - D

IL CONSENSO INFORMATO E LA MANIFESTAZIONE DI VOLONTA ( CUM SENTIRE ) - che il PAZIENTE - PREVIAMENTE INFORMATO - IN MANIERA ADEGUATA ed ESAURIENTE - D IL CONSENSO INFORMATO IN AMBITO SANITARIO IL CONSENSO INFORMATO E LA MANIFESTAZIONE DI VOLONTA ( CUM SENTIRE ) - che il PAZIENTE - PREVIAMENTE INFORMATO - IN MANIERA ADEGUATA ed ESAURIENTE - DAL MEDICO

Dettagli

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA?

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Bassano del Grappa, 18 aprile 2008 LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Dott. Lorenzo Meloni - Causa - Gravità : quanto vale la demenza? * Valutazione medico legale

Dettagli

3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE

3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE 3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE SOGGETTI DEL DIRITTO Sono soggetti del rapporto giuridico: PERSONE FISICHE cioè individui. ENTI cioè società, associazioni,

Dettagli

Indice. 1 La persona fisica

Indice. 1 La persona fisica INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE VI I SOGGETTI E IL DIRITTO DELLE PERSONE (PARTE I) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La persona fisica------------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 PREMESSA La legge 6/2004 che istituisce l Amministratore di sostegno, è stata pensata per rispondere in modo diversificato e finalizzato ai bisogni

Dettagli

Centro Regionale di Neurogenetica T Hotel Lamezia Terme

Centro Regionale di Neurogenetica T Hotel Lamezia Terme Progetto Obiettivi di piano 2010 Linea progettuale 2. LA NON AUTOSUFFICIENZA Trasformazione dei centri di valutazione Alzheimer in Centri di valutazioni demenza DGR. 582/2010 Il Paziente con Demenza Strategie

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI.

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Alberto Lorenzi Liliana Rullo Tutti i diritti riservati Alberto Lorenzi Liliana Rullo L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Chiara Forino notaio Gardone V.T. 05/04/12

Chiara Forino notaio Gardone V.T. 05/04/12 TRE TIPI DI TESTAMENTO Olografo: (art. 602 c.c.) predisposto dal soggetto personalmente e conservato dallo stesso o fiduciariamente dal notaio; per la validità del testamento olografo è necessario che

Dettagli

Capo I FINALITÀ DELLA LEGGE. Art. 1.

Capo I FINALITÀ DELLA LEGGE. Art. 1. LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 (G.U. n. 14 del 19 gennaio 2004) Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica

Dettagli

CONDOTTA CONDIVISA (alleanza terapeutica)

CONDOTTA CONDIVISA (alleanza terapeutica) La relazione medico-paziente assume un significato particolare nel medico di famiglia per il rapporto fiduciario che si instaura dal momento della scelta del medico curante e la continuità dell'assistenza

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Giornate ANMDO Caterina Mineccia. aterina Mineccia

CONSENSO INFORMATO. Giornate ANMDO Caterina Mineccia. aterina Mineccia CONSENSO INFORMATO Giornate ANMDO 2006 Caterina Mineccia CONSENSO Espressione della volontà del Paziente: l obbligo è sancito dalla Costituzione, da norme, dal codice deontologico medico, dalla Carta dei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 281

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 281 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 281 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni in materia di consenso informato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI ALLEGATO A) alla Deliberazione C.C. 38 del 04.04.2017 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI ART. 1 Il Comune di Oristano, nell ambito della propria autonomia e potestà amministrativa,

Dettagli

ÂQuestione  L amministratore di sostegno assume una posizione di garanzia rispetto ai beni della vita e dell incolumità del beneficiario?

ÂQuestione  L amministratore di sostegno assume una posizione di garanzia rispetto ai beni della vita e dell incolumità del beneficiario? Art. 591 c.p. Abbandono di persone minori o incapaci. [I]. Chiunque abbandona una persona minore degli anni quattordici, ovvero una persona incapace, per malattia di mente o di corpo, per vecchiaia, o

Dettagli

DIRITTO AL TESTAMENTO BIOLOGICO. a cura di Sara Patuzzo

DIRITTO AL TESTAMENTO BIOLOGICO. a cura di Sara Patuzzo DIRITTO AL TESTAMENTO BIOLOGICO a cura di Sara Patuzzo Testamento biologico = Tema bioetico di FINE VITA VITA, MORTE = CONCETTI FILOSOFICI e CONVENZIONI MEDICHE IL PROLUNGAMENTO MEDICO DELLA VITA 1960:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Capitolo 1 DALLA PATRIA POTESTAv ALLA POTESTAv GENITORIALE

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Capitolo 1 DALLA PATRIA POTESTAv ALLA POTESTAv GENITORIALE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... xv Capitolo 1 DALLA PATRIA POTESTAv ALLA POTESTAv GENITORIALE 1.1. Breve profilo storico dell istituto... 1 1.2. La Novella del 1975.... 4 1.2.1.

Dettagli

IONA HETH MODI DI MORIRE (BOLLATI BORINGHIERI 2008)

IONA HETH MODI DI MORIRE (BOLLATI BORINGHIERI 2008) 27 febbraio 2015 Questa questione così profonda, delicata, complessa che riguarda noi tutti e oggi direttamente migliaia di persone ci chiede informazione corretta, riflessione profonda, dialogo, confronto,

Dettagli

INTERDIZIONE E INABILITAZIONE di V. Mastronardi

INTERDIZIONE E INABILITAZIONE di V. Mastronardi INTERDIZIONE E INABILITAZIONE di V. Mastronardi Art. 414 cc. (Persone che devono essere interdette) Art. 415 cc. (Persone che possono essere inabilitate) La regola è costituita dalla capacità di testare,

Dettagli

IL DECALOGO DEL BUON CON-SENSO

IL DECALOGO DEL BUON CON-SENSO IL DECALOGO DEL BUON CON-SENSO Il 16 settembre 2009 si è riunita per la prima volta la Commisione di etica, deontologia e medicina legale del nostro neo-nato Ordine. I membri della Commissione hanno discusso

Dettagli

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 1 IL TUTORE Il tutore, come si evince dal testo degli artt.

Dettagli

Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA

Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA Tribunale di Roma Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE

Dettagli

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO A cura di Annamaria Cremona* L'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO L'Amministrazione di sostegno è un nuovo istituto che va ad aggiungersi agli altri istituti dell'interdizione e dell'inabilitazione, introducendo

Dettagli

Impiego degli ultrasuoni nell assistenza. infermieristica ed ostetrica: ecografia di supporto e controlli di qualità

Impiego degli ultrasuoni nell assistenza. infermieristica ed ostetrica: ecografia di supporto e controlli di qualità Università degli Studi di Torino Impiego degli ultrasuoni nell assistenza infermieristica ed ostetrica: ecografia di supporto e controlli di qualità 12 Maggio 2012 Ost. A. Canavese ecografia ostetrica

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO di Francesco Ferzetti Premessa La tanto auspicata riforma organizzativa a difesa delle persone deboli si modella nei venti articoli contenuti dalla legge 9 gennaio 2004 n.

Dettagli

DAT. Dichiarazioni Anticipate di Trattamento

DAT. Dichiarazioni Anticipate di Trattamento DAT Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Febbraio 2017 1 SOMMARIO Premessa... 3 Introduzione... 4 CONSENSO ALLA VENTILAZIONE INVASIVA... 5 DISSENSO VENTILAZIONE INVASIVA... 8 RINUNCIA ALLA VENTILAZIONE

Dettagli

NOZIONI. Capacità giuridica:

NOZIONI. Capacità giuridica: NOZIONI Capacità giuridica: E l attitudine di un soggetto ad essere titolare di rapporti giuridici. Si acquisisce normalmente con la nascita. Eccezionalmente la legge riconosce tuttavia alcuni diritti

Dettagli

1) PERSONE FISICHE. Intestatario della comunicazione. Genitore che esercita la potestà genitoriale sul minore

1) PERSONE FISICHE. Intestatario della comunicazione. Genitore che esercita la potestà genitoriale sul minore Documenti da allegare alla richiesta di copia della Comunicazione delle somme dovute tramite l area pubblica del sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it 1) PERSONE FISICHE Intestatario della comunicazione

Dettagli

BIOETICA E DIRITTO:il testamento biologico

BIOETICA E DIRITTO:il testamento biologico BIOETICA E DIRITTO:il testamento biologico La scienza chiamata BIOETICA cerca di dare una risposta all interrogativo se tutto ciò che è tecnoscientificamente possibile in ambito medico può considerarsi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Relazione orale Relatore Salzano TESTO PROPOSTO DALLA 12ª COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ) Comunicato alla Presidenza il 19 luglio 2005 PER IL DISEGNO DI

Dettagli

Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno. Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto

Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno. Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto La CAPACITA' GIURIDICA è l'attitudine della persona ad essere titolare di diritti

Dettagli

Amministratore di sostegno

Amministratore di sostegno Amministratore di sostegno Con la legge n. 6 del 9 gennaio 2004, oltre ai tradizionali provvedimenti di interdizione e di inabilitazione, si dà vita ad un nuovo istituto di protezione civilistica dei disabili

Dettagli

Le figure di sostegno: il fiduciario e l Amministratore di Sostegno. Elisa Valdambrini Filosofa Bioeticista

Le figure di sostegno: il fiduciario e l Amministratore di Sostegno. Elisa Valdambrini Filosofa Bioeticista Le figure di sostegno: il fiduciario e l Amministratore di Sostegno Elisa Valdambrini Filosofa Bioeticista Amministrazione di Sostegno Legge n 6, del 9 gennaio 2004 Strumento di protezione giuridica del

Dettagli

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1.

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1. LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SUL BIOTESTAMENTO

LA NUOVA LEGGE SUL BIOTESTAMENTO Alcune brevi considerazioni sulla nuova legge approvata dal Parlamento sul biotestamento. Ilaria Valentino (redattore Giovanni Sicignano) Articolo divulgativo - Pubblicato, Sabato 16 Dicembre 2017 Giovedì

Dettagli

CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA

CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA ESSERE PERSONA E L ACQUISIZIONE DELLA CAPACITA GIURIDICA 1. - Ogni essere umano è persona; ogni persona fa parte del consorzio sociale; ogni appartenente

Dettagli

(GU n.14 del )

(GU n.14 del ) LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6 HandyLex.org Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388,

Dettagli

I RAPPORTI GIURIDICI

I RAPPORTI GIURIDICI I RAPPORTI GIURIDICI Sono rapporti giuridici le relazioni tra due o più soggetti regolate dal diritto. Esempi: un contratto di lavoro Un acquisto di un vestito Un prestito ELEMENTI COSTITUTIVI DEL RAPPORTO

Dettagli

Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari

Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari REGOLAMENTO NOMINE, DESIGNAZIONI E REVOCHE DI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, SOCIETÀ ANCORCHE

Dettagli

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO)

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) MARCA DA BOLLO (RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) EURO 27.00 Al GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI Il/La sottoscritto/a COGNOME NOME DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per la tenuta del Registro dei Testamenti Biologici Approvato con deliberazione consiliare n. 59 del 30 novembre 2016

REGOLAMENTO COMUNALE per la tenuta del Registro dei Testamenti Biologici Approvato con deliberazione consiliare n. 59 del 30 novembre 2016 REGOLAMENTO COMUNALE per la tenuta del Registro dei Testamenti Biologici Approvato con deliberazione consiliare n. 59 del 30 novembre 2016 pag. 1 di 6 ART. 1 Istituzione del registro dei testamenti biologici

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO La legge 9 gennaio 2004, n. 6, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l amministrazione di sostegno, rivolta a quanti «per effetto di una infermità

Dettagli

Amministrazione di Sostegno

Amministrazione di Sostegno Medaglia d'oro al Valore Civile Amministrazione di Sostegno ISTRUZIONI PER L USO PROVINCIA di CUNEO Ufficio Provinciale Pubblica Tutela Settore Politiche Sociali e per la Famiglia Via XX Settembre, 48

Dettagli

CODACONS friuli venezia giulia. l amministrazione di sostegno. Cos è

CODACONS friuli venezia giulia. l amministrazione di sostegno. Cos è CODACONS friuli venezia giulia l amministrazione di sostegno Cos è Cos è l amministrazione di sostegno? Il legislatore italiano, dopo un lungo iter, con la legge n.6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel

Dettagli

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 )

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Capo I ( 2 ) Dell'amministrazione di sostegno (1) Rubrica così

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI Commissione deontologia Lunedi 29 aprile 2013 LA DESIGNAZIONE PREVENTIVA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

ORDINE DEI MEDICI Commissione deontologia Lunedi 29 aprile 2013 LA DESIGNAZIONE PREVENTIVA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ORDINE DEI MEDICI Commissione deontologia Lunedi 29 aprile 2013 LA DESIGNAZIONE PREVENTIVA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Istruzioni di fine vita e consenso informato A cura di: AVVOCATO GIULIA FACCHINI

Dettagli

Il rapporto medico, paziente, parente in Rianimazione-Terapia Intensiva

Il rapporto medico, paziente, parente in Rianimazione-Terapia Intensiva UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Il rapporto medico, paziente, parente in Rianimazione-Terapia Intensiva Alberto Barbieri RIANIMAZIONE TERAPIA INTENSIVA Ristabilire le funzioni vitali Il

Dettagli

Cognome e Nome Classe Data

Cognome e Nome Classe Data Proposte operative Asse storico-sociale Cognome e Nome Classe Data... Verifica soggetti - oggetti del diritto Esponi le tue conoscenze circa la condizione giuridica dello schiavo nelle società antiche

Dettagli

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE 1. Capacità giuridica. La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore

Dettagli

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE V2 AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE Ricorso per la nomina di amministratore di sostegno AFFARI CIVILI NON CONTENZIOSI DA TRATTARSI IN CAMERA DI CONSIGLIO Il sottoscritto DATI ANAGRAFICI DEL RICORRENTE

Dettagli

I soggetti del diritto: le persone fisiche. Prof. ssa Magliocco Maria Arcangela Docente di Scienze Giuridiche ed Economiche Ite Lenoci Bari

I soggetti del diritto: le persone fisiche. Prof. ssa Magliocco Maria Arcangela Docente di Scienze Giuridiche ed Economiche Ite Lenoci Bari I soggetti del diritto: le persone fisiche Prof. ssa Magliocco Maria Arcangela Docente di Scienze Giuridiche ed Economiche Ite Lenoci Bari I soggetti del diritto I destinatari delle norme giuridiche sono

Dettagli

SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE

SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO E INTERDIZIONE a cura di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti G. Giappichelli Editore - Torino INDICE INTRODUZIONE 1. LE FINALITÀ DELLA LEGGE.

Dettagli

FOGLIO DELLA VITA PER IL TUTORE O FIDUCIARIO

FOGLIO DELLA VITA PER IL TUTORE O FIDUCIARIO Io, Cognome Nome nato/a il / / LEGGO e PRENDO ATTO Articolo 32 della Costituzione italiana La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno Progetto Amministrazione di sostegno Lecco una rete di sostegno alla fragilità per poter volare più in alto l Amministratore di sostegno guida alla lettura della legge Ente Capofila Progetto: Federazione

Dettagli