OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)"

Transcript

1 CeSDES s.a.s Meina Via Sempione 187 Milano Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) Febbraio 2011 (*) La redazione del testo e le relative analisi sono state curate da Gisella Accolla. 1

2 MINORENNI E GENITORI SEPARATI: DIFFUSIONE, CARATTERISTICHE E CONSEGUENZE DEL FENOMENO Premessa La rottura dei legami familiari è un fenomeno che riguarda un numero sempre maggiore di famiglie, e i primi ad esserne coinvolti oltre alla coppia sono i figli, in particolare quelli minorenni. La conseguente alterazione degli equilibri familiari produce in molti casi conseguenze che riguardano tanto l ambito economico quanto quello relazionale, sia in termini di rapporto fra genitori e figli, sia sotto l aspetto delle abitudini quotidiane. Inoltre per i figli coinvolti, il rischio più grave che potrebbe derivare dallo scioglimento del matrimonio dei genitori, è per l appunto l insorgere di limitazioni nelle possibilità di sviluppo delle proprie capacità. L obiettivo del presente lavoro è pertanto quello di fornire un quadro descrittivo sui minorenni lombardi che vivono in famiglie di separati o divorziati, descrivendo la consistenza numerica del fenomeno e le relative tendenze in atto; gli equilibri fra affidamento alla madre e/o al padre e le eventuali differenze rispetto agli altri minori, sia in termini di capacità economica e di contesto abitativo, sia nel rapporto con lo studio e nella gestione del tempo libero. La parte conclusiva è infine dedicata ai padri separati, al mantenimento dei figli e dell ex coniuge, e all alterazione delle relazioni, in termini di frequentazione, con i minori spesso affidati di fatto alla madre (quand anche formalmente in affido condiviso). 1. Crescere con genitori separati: un fenomeno in forte aumento Ogni anno sono sempre di più le coppie che divorziano, basti pensare che nel complesso del Paese, secondo gli ultimi dati del Sistema Territoriale della Giustizia (ISTAT), il numero di 2

3 divorzi concessi ha fatto registrare un incremento del 35% tra il 2000 e il Tale crescita sale addirittura al 42,5% considerando la sola Lombardia. In termini assoluti si tratta di oltre 10mila coppie lombarde che hanno divorziato nel corso del 2007; rapportando il dato sui divorzi con il numero di coniugati residenti nel territorio si osserva per il 2007 un indice di 211 divorzi ogni centomila coniugati, rispetto a un valore di 152 registrato nel Il 58% dei divorzi concessi in Lombardia nel 2007 riguardava coppie con figli nati dall unione. E quindi evidente come tale fenomeno coinvolga direttamente un numero non indifferente di bambini e di adolescenti che si ritrovano costretti a vivere in prima persona l esperienza della rottura familiare. Solo nel corso del 2007 il numero di minorenni lombardi, che sono stati oggetto di affidamento a seguito del divorzio dei genitori, supera i 5 mila casi e la tendenza all aumento spicca con evidenza: nel 2000 erano poco più di 3 mila i soggetti coinvolti, sette anni dopo il loro numero è aumentato di quasi il 67%. Figura 1 - Minori affidati nel corso dell'anno a causa di una sentenza di divorzio (per 1000 minori residenti). Lombardia e Italia. Anni ,5 3,1 3,2 3,0 2,5 2,0 1,5 2,1 1,7 2,6 1,8 2,5 2,0 2,6 2,6 2,1 2,1 2,7 2,2 2,4 2,5 1, Lombardia Italia Fonte: Dati ISTAT, Sistema Territoriale della giustizia Anche i dati rapportati al numero complessivo di minorenni residenti in regione confermano il trend di crescita: nel 2007 i casi di divorzio hanno coinvolto complessivamente il 3,2 per mille dei minorenni residenti in Lombardia, mentre nel 2000 il dato regionale si collocava al 2,1 per mille. Sul piano nazionale si registrano livelli inferiori di diffusione del fenomeno, tuttavia anche 3

4 in questo caso si riscontra la medesima tendenza: nel 2000 il numero di minorenni affidati a seguito della sentenza di divorzio dei genitori si attestava all 1,7 per mille, nel 2007 il corrispondente valore raggiungeva il 2,5 (per mille) (figura 1). Figura 2 - Distribuzione percentuale delle famiglie in cui vivono i minori in base allo stato civile del genitore. Lombardia e Italia. Anno % 95% 90% 2,7 2,5 3,6 3,4 2,8 3,4 85% 90,9 90,7 80% Lombardia Non separato/divorziato Separato legalmente Separato di fatto Divorziato Italia Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC Il risultato di queste tendenze, secondo le ultime stime al 2008, mostra un panorama regionale e nazionale caratterizzato da una famiglia con genitori separati o divorziati ogni dieci nuclei con soggetti minorenni. Questi dati di natura campionaria, rispetto a quelli di fonte ufficiale giudiziaria, considerano anche la quota di famiglie coinvolte nel fenomeno dello scioglimento del legame familiare il cui percorso giuridico non si è ancora concluso: nel caso lombardo si tratta di separazioni di fatto in 3 casi su 10 casi di scioglimento, di separazioni legali in 4 casi su 10 e di divorzi nei restanti 3 (figura 2). 2. L affidamento dei figli: equilibri fra madre e padre Le informazioni di fonte giudiziaria sull affidamento dei figli minorenni mostrano come nel corso degli ultimi anni, sia nella nostra regione che nel resto del Paese, siano avvenuti sostanziali 4

5 cambiamenti verso un maggiore equilibrio fra i partner. Se nel 2000, in Lombardia, in circa l 85% dei casi il figlio veniva affidato esclusivamente alla madre e solo nel restante 15% al padre o in affido congiunto, i dati più recenti al 2007 mettono in evidenza come l affidamento condiviso venga ormai considerato la soluzione migliore e più frequente: tale decisione viene presa infatti in ben il 52% dei casi. Va comunque segnalato che per la restante quota di famiglie la madre risulta unico genitore affidatario (nel 45% dei casi) (figura 3). Figura 3 - Distribuzione percentuale dei minori affidati nel corso dell'anno, a causa di una sentenza di divorzio, in base al genitore a cui vengono affidati. Lombardia e Italia. Anni 2000 e % 80% 60% 40% 20% 8,3 6,8 7,3 6,6 84,5 86,5 51,9 50,3 2,7 3,3 45,4 46,4 0% Lombardia Italia Lombardia Italia Esclusivamente alla madre Esclusivamente al padre affido congiunto e/o alternato Fonte: Dati ISTAT, Sistema Territoriale della giustizia L affido congiunto appare certamente una soluzione molto diffusa, tuttavia, in termini pratici, (di fatto) il minorenne convive prevalentemente con la madre. Secondo le ultime stime al 2008, in Lombardia, nel 95% dei casi il minore con genitori separati o divorziati abita con la madre (ed eventualmente con altre persone) e solo nel 5% dei casi con il padre. Il divario nel contesto lombardo risulta inoltre ancora più evidente rispetto all Italia, dove la divisione madre-padre risulta al 91% versus 9% (figura 4). 5

6 Figura 4 - Distribuzione percentuale dei minorenni figli di separati (di fatto o legalmente) o divorziati in base alle persone con cui vivono. Lombardia e Italia. Anno Italia 90,8 9,2 Lombardia 94,3 5,7 0% 20% 40% 60% 80% 100% madre padre Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 3. Differenze di possibilità: il quadro economico e il contesto abitativo dei minori con genitori separati 3.1 Le risorse economiche a disposizione Come già accennato, il divorzio dei genitori può causare una riduzione delle risorse economiche disponibili per la famiglia, e per il minorenne che ne fa parte. Le stime al 2008 mostrano infatti come i minorenni figli di genitori separati o divorziati vivano in nuclei che hanno mediamente a disposizione un reddito più basso: in Lombardia tali famiglie, il cui reddito medio annuo è di 21,5 mila euro, risultano avere solo la metà delle risorse economiche a disposizione delle altre famiglie in cui vivono soggetti minorenni (queste ultime hanno un reddito medio di oltre 43 mila euro annui). Va tuttavia considerato che le famiglie di separati hanno spesso un numero inferiore di componenti rispetto alle altre famiglie (con minorenni); pertanto, in tali realtà il reddito familiare 6

7 viene condiviso con un più ridotto numero di persone. Tenendo quindi conto della numerosità del nucleo e dell età dei componenti è possibile ottenere una misura più precisa dell effettivo potenziale economico della famiglia. Anche considerando questi fattori, tuttavia, le differenze fra le famiglie di minori con genitori separati/divorziati e le altre famiglie restano evidenti: nel caso lombardo il reddito equivalente 1 annuo delle prime è di circa 12 mila euro, mentre quello delle seconde è di 21 mila. Meno evidenti sono invece le differenze registrate nel Paese fra le due tipologie in esame, dove lo scarto in termini di reddito equivalente risulta solo di circa 3 mila e 500 euro all anno (contro i 9 mila in Lombardia). Tabella 1 - Reddito medio annuo reale ed equivalente delle famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non. Lombardia e Italia. Anno Reddito reale Reddito equivalente Famiglie con minori Lombardia Italia genitori separati/divorziati Altre genitori separati/divorziati Altre Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 3.2 La capacità di spesa e di risparmio Le differenze di potenziale economico risultano notevolmente evidenti anche in termini di capacità di risparmio. La minore disponibilità di risorse delle famiglie di separati/divorziati con figli, unita alla necessità di sostenere una serie di spese fisse che restano tali anche in assenza del partner (utenze, affitto, etc.), produce effetti consistenti sul risparmio familiare: in Lombardia solo il 19% di questi nuclei è riuscita a risparmiare denaro nel corso del 2008, contro un dato pari al 39% riferito agli altri. Anche in questo caso in Lombardia le differenze appaiono più marcate rispetto alla media italiana, dove lo scarto fra le due tipologie è solo di 8 punti percentuali rispetto ai 20 registrati in ambito lombardo (figura 5). 1 Il reddito equivalente familiare è pari al rapporto fra il reddito netto e il peso, associato alla famiglia, della scala d equivalenza OECD modificata. Il peso associato alla famiglia è pari alla somma dei pesi relativi a ciascun componente in base all età (peso 1 al primo componente, 0,5 ad ogni altro componente con più di 14 anni, 0,3 ad ogni componente con meno di 14 anni). 7

8 Figura 5 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che hanno messo da parte dei risparmi nell'ultimo anno. Lombardia e Italia. Anno ,0 Lombardia 39,0 24,9 Italia 32,6 Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC Figura 6 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che nell'ultimo anno hanno avuto momenti in cui non avevano denaro per sostenere almeno una delle voci di spesa fra alimentazione, abbigliamento, salute, istruzione, tasse. Anno ,2 Lombardia 20,8 36,1 Italia 27,9 Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 8

9 Il divario fra le famiglie di separati o divorziati e le altre con figli minorenni non riguarda semplicemente la capacità economica di sostenere spese accessorie, bensì quella di far fronte a una serie di voci di spesa fondamentali, che non possono essere contratte oltre un certo limite, come ad esempio quelle per l alimentazione, l abbigliamento, la salute, l istruzione o il pagamento delle tasse. In Lombardia, ben il 41% delle famiglie di separati con figli minorenni, nel corso del 2008, ha avuto difficoltà in almeno una di queste voci di spesa, mentre nelle altre famiglie con minori la corrispondente quota si riduce al 21%. 3.3 Le condizioni abitative In generale, la minore disponibilità di risorse economiche nelle famiglie in cui i genitori sono separati o divorziati genera conseguenze anche sulla qualità dell abitazione, sia in termini di condizioni della casa, sia di contesto della zona di riferimento. Le stime al 2008 indicano infatti che le case in cui vivono queste famiglie lombarde presentano, con una probabilità leggermente superiore rispetto alle altre famiglie, problemi di umidità, una scarsa luminosità o tetti, soffitti, porte o finestre danneggiate (incontrano almeno uno di questi problemi il 23% delle prime e il 21% delle seconde). Lo scarto fra le due tipologie familiari, seppur su livelli inferiori, è in linea con la media italiana in cui il dato si colloca rispettivamente al 25 e al 22%. Così come rispetto alla qualità dell abitazione, le differenze permangono, e si fanno ancora più evidenti, per quanto concerne la qualità della zona di residenza. Il 43% delle famiglie lombarde con figli e genitori separati o divorziati nel 2008 segnala, in merito alla zona di residenza, almeno uno dei seguenti problemi: sporcizia delle strade, criminalità, vandalismo, violenza, presenza di persone che si prostituiscono, si ubriacano o si drogano; nel resto delle famiglie tale percentuale scende al 36%. Si noti inoltre che questo scarto così evidente, osservato per la Lombardia quando i genitori sono separati o divorziati, non trova conferma nella media nazionale, dove le zone di residenza delle due tipologie considerate sono più simili in merito alla presenza delle problematiche indagate (seppure i nuclei con genitori separati o divorziati risultano in svantaggio). 9

10 Figura 7 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che vivono in un abitazione * o in un area di residenza** in cui vi è la presenza di alcuni disagi. Lombardia e Italia. Anno ,1 21,3 24,8 22,5 43,3 36,3 38,3 35,6 0 Lombardia Italia Lombardia Italia Prob. abitazione Prob. zona residenza Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori * Almeno uno fra i seguenti problemi: umidità, tetti, soffitti, porte o finestre danneggiate, scarsa luminosità. ** Almeno uno fra i seguenti problemi: sporcizia delle strade, criminalità, vandalismo, violenza o persone che si drogano, ubriacano, prostituiscono. Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 4. La vita quotidiana dei minori con genitori separati/divorziati 4.1 Il rapporto con lo studio Se è evidente come la rottura dei legami familiari abbia spesso conseguenze di ordine economico, meno diretta è invece la lettura degli eventuali effetti che la dissoluzione familiare potrebbe avere sulla vita quotidiana dei figli. Nonostante la maggiore difficoltà nel misurare tali conseguenze, esistono tuttavia alcuni specifici elementi che possono risultare foriere di significativi cambiamenti nella vita del minore. siderando un ambito di particolare rilievo, quale quello scolastico, si osserva infatti come i minori figli di genitori separati o divorziati hanno generalmente, rispetto agli altri minorenni, un rapporto peggiore nei confronti dello studio: in Lombardia solo il 13% dei figli di separati in età scolastica si impegna molto, con ottimi risultati contro un dato pari al 34% per gli altri 10

11 minorenni; e, viceversa, ben il 32% di loro si impegna solo quanto basta per avere la sufficienza contro il 16%. Va tuttavia segnalato che guardando ai minori che hanno un rapporto decisamente negativo con lo studio, per i quali il genitore intervistato ha dichiarato che è svogliato, non si impegna affatto, non vi sono significative differenze fra i due gruppi di minori. Tabella 2 - Distribuzione percentuale dei minori (6-17enni), differenziati fra figli di separati/divorziati e non, in base al comportamento nei confronti dello studio. Lombardia e Italia. Anno Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori E' svogliato, non si impegna affatto 4,9 5,7 Studia con interesse solo le materie che gli piacciono Si impegna quanto basta per avere la sufficienza Si impegna con risultati più che sufficienti, ma potrebbe fare di più 12,2 10,2 31,5 16,3 38,7 34,1 12,7 33,8 Si impegna molto, con ottimi risultati Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 4.2 La gestione del tempo libero e il rapporto con i coetanei Un altro ambito di vita di particolare importanza riguarda la gestione del tempo libero. In merito a questo tema sono stati qui considerati sia la frequenza di corsi extrascolastici (musica, sport, etc.), sia i rapporti con gli amici. Le stime al 2008 hanno messo in evidenza innanzitutto come i figli di separati o divorziati in Lombardia con minore probabilità frequentino corsi extrascolastici rispetto gli altri minorenni (36% contro 41%). Risulta evidente come la più ridotta disponibilità economica di queste famiglie porti il genitore a fare scelte di contenimento delle spese ritenute meno prioritarie, come quelle necessarie alla frequentazione di corsi extrascolastici. 11

12 Figura 8 - Distribuzione percentuale dei minori (6-17enni), differenziati fra figli di separati/divorziati e non, in base alla frequenza con cui vedono i coetanei nel tempo libero. Lombardia e Italia. Anno % 80% 60% 40% 16,2 66,0 25,3 56,6 20% 0% 17,8 18,1 Famiglie di separati/divorziati con minori Tutti i giorni Non più di una volta a settimana Altre famiglie con minori Qualche volta a settimana Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" Infine, per quanto riguarda i rapporti con i coetanei la situazione appare ribaltata verso una maggiore apertura all ambiente esterno alla famiglia: i minori figli di separati o divorziati, in Lombardia, hanno infatti livelli di frequentazione con gli amici più elevati. Questo fattore, pur non spiegando le cause di tali differenze, è comunque il segnale di come l amico, quando si è in situazione di instabilità familiare, possa assumere con maggiore probabilità un ruolo importante, se non addirittura affettivamente compensativo. Nel 2008 solo il 16% dei minorenni figli di separati o divorziati frequenta i coetanei nel tempo libero non più di una volta a settimana, un dato che negli altri minori sale al 25%. Maggiore è di conseguenza la quota di casi, per i figli di separati o divorziati, che frequentano gli amici giornalmente o comunque per più giorni durante la settimana (84% a fronte del 75% nei casi di famiglie non soggette a instabilità coniugale). 12

13 5. I difficile ruolo dei padri separati Quella di padre separato, quando non vive con il proprio figlio, è un esperienza non priva di problematiche e disagi. La non coabitazione comporta infatti spesso meccanismi che hanno implicazioni di notevole impatto. Innanzitutto, non in pochi casi emerge un problema di ordine economico, quando la madre non lavora o svolge un attività lavorativa poco redditizia, il padre si trova spesso nella condizione di dover mantenere due famiglie, due case e così via. Le risorse economiche restano quindi generalmente le stesse di cui si disponeva prima della separazione, mentre le spese aumentano in misura esponenziale. Per capire la dimensione del fenomeno si può fare riferimento ad alcune stime orientative che per il 2008 indicano, relativamente alla Lombardia, come il 56% dei padri separati con figli minori diano contributi economici all exmoglie (con la quale vive il minore). Questo dato regionale si colloca su livelli superiori rispetto alla media italiana (il 45%). Se le problematiche di ordine economico hanno una rilevanza per nulla insignificante, ancora più evidenti sono i cambiamenti che coinvolgono la sfera relazionale. Come si è visto nei precedenti paragrafi, nella maggior parte dei casi il minorenne vive di fatto con la madre e solo in pochi con il padre (5,7% in Lombardia) E quindi evidente come l alterazione della quotidianità dei rapporti possa far emergere difficoltà nel mantenere una relazione con i figli, comportando spesso anche la necessità di ridefinire il proprio ruolo di padre. frontando i livelli di frequenza con cui figlio e padre svolgono insieme una serie di attività con i corrispondenti livelli osservabili fra figlio e madre (convivente) le differenze risultano notevolmente marcate. Le stime al 2008 sulla frequenza con cui i minori con meno di 14anni svolgono attività comuni, come giocare, leggere, uscire, guardare la televisione con il padre (con cui non vivono) fanno emergere una quota consistente di casi in cui la risposta è stata poche volte all'anno o mai (circa un 0-14enne ogni cinque); mentre in presenza di madri conviventi la quota di questi casi è sostanzialmente nulla. La riduzione della quotidianità dei rapporti emerge con evidenza dall analisi dei casi in cui queste attività vengono svolte: ciò accade ogni giorno solo per l 11% dei padri, mentre per le madri il dato sale al 61%. Infine, è bene considerare come il livello di frequenza dei rapporti sia significativamente condizionato dall età del figlio. L entrata di quest ultimo nell età adolescenziale implica nella maggior parte dei casi un ulteriore riduzione dei rapporti fra padre e figlio: la quota di casi in cui le attività considerate vengono svolte quotidianamente dal genitore con il proprio figlio che è pari a circa il 20% dei casi nei bambini 13

14 con meno di 10 anni quasi si annulla allorché il figlio è in età da scuola media inferiore, con un conseguente incremento della fascia di frequenza almeno una volta a settimana (figura 9). Figura 9 - Distribuzione dei minorenni figli di separati/divorziati che vivono con la madre in base alla frequenza con cui svolgono una serie di attività con il padre e con la madre. Lombardia. Anno % 90% 80% 70% 21,3 5,5 5,6 33,2 10,2 14,9 31,6 30,4 26,3 36,9 13,9 32,2 60% 50% 40% 30% 20% 62,3 61,2 58,8 68,4 47,6 63,1 72,7 53,9 10% 0% 10,9 16,1 22,0 1,0 padre madre padre madre padre madre padre madre Totale 0-5enni 6-10enni 11-13enni tutti i giorni almeno una volta a settimana qualche volta al mese Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 14

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Instabilità coniugale

Instabilità coniugale Instabilità coniugale Il fenomeno delle famiglie divise: separazioni, annullamenti, divorzi Elaborazione di G Vettorato dalla tesi dottorale di Elena Margiotta, IL PROCESSO DI EMANCIPAZIONE DEGLI ADOLESCENTI

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

Il disagio economico delle famiglie

Il disagio economico delle famiglie delle famiglie Cristina Freguja Dirigente Servizio Condizioni economiche delle famiglie Cagliari, 17 settembre 2010 Gli indicatori di deprivazione materiale L indagine reddito e condizioni di vita EU-SILC

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Donne accolte nelle strutture lombarde Anni 2002-2007-2009 2. Donne accolte nelle strutture lombarde per classi di età - Anno 2009 3. Donne accolte nelle strutture lombarde per nazionalità - Anno 2009

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi 19 luglio 2002, divorzi e provvedimenti emessi Anno 2000 Il presente lavoro, che delinea un quadro dell instabilità coniugale in Italia, si propone di soddisfare la crescente domanda di informazione su

Dettagli

Primi passi verso il servizio civile europeo. Al via progetto italo-francese Saranno 100 i giovani italiani e francesi coinvolti a partire dal 2016. L'accordo è stato raggiunto ieri a Parigi tra ministri

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

TRENDS Q U A N T I F I G L I...

TRENDS Q U A N T I F I G L I... PULSE MAMME D'ITALIA FATTI E NUMERI SULLA MATERNITA' IN ITALIA. UN INVITO DEL CIRCOLO LE MAMME DI AZIONE NAZIONALE AD APRIRE UNA RIFLESSIONE, PER DAR VOCE E RAPPRESENTANZA POLITICA ALLA MATERNITÀ IN ITALIA

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 7 luglio 2011 Anno 2009 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2009 le separazioni sono state 85.945 e i divorzi 54.456, con un incremento rispettivamente del 2,1 e dello 0,2% rispetto all anno precedente.

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale: REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089 di iniziativa dei Consiglieri regionale: Barboni, Girelli, Valmaggi, Alfieri, Borghetti, Gaffuri, Alloni, Brambilla,

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 12 luglio 2012 Anno 2010 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2010 le separazioni sono state 88.191 e i divorzi 54.160; rispetto all anno precedente le separazioni hanno registrato un incremento del 2,6%

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 27 maggio 2013 Anno 2011 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2011 le separazioni sono state 88.797 e i divorzi 53.806, sostanzialmente stabili rispetto all anno precedente (+0,7% per le separazioni e -0,7%

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Separazioni e divorzi in Trentino* (2000-2011)

Separazioni e divorzi in Trentino* (2000-2011) Marzo 2014 Separazioni e divorzi in Trentino* (2000-2011) Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta un report sulla dinamica dei matrimoni, delle separazioni e dei divorzi in Trentino

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI Meno omicidi in Italia. Ma non al Sud Il rischio più alto nei grandi centri urbani Gli uomini principali vittime degli omicidi, ma in famiglia

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 42 del 3 settembre 2014 11 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 agosto 2014, n. 1038. L.R. 28 novembre 2003, n. 23 e succ. mod.

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. COMUNE DI SANGIANO Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) (Articolo

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 23 giugno 2014 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 le separazioni sono state 88.288 e i divorzi 51.319, entrambi in calo rispetto all anno

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011 Osservatorio per l'infanzia e l'adolescenza Regione Emilia-Romagna BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare Transazioni effettuate, previste e mutui luglio 2015 Luglio 2015-1/12 Acquisti effettuati 6,1 5,8 7,2 7,0 4,5 2015

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli