OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)"

Transcript

1 CeSDES s.a.s Meina Via Sempione 187 Milano Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) Febbraio 2011 (*) La redazione del testo e le relative analisi sono state curate da Gisella Accolla. 1

2 MINORENNI E GENITORI SEPARATI: DIFFUSIONE, CARATTERISTICHE E CONSEGUENZE DEL FENOMENO Premessa La rottura dei legami familiari è un fenomeno che riguarda un numero sempre maggiore di famiglie, e i primi ad esserne coinvolti oltre alla coppia sono i figli, in particolare quelli minorenni. La conseguente alterazione degli equilibri familiari produce in molti casi conseguenze che riguardano tanto l ambito economico quanto quello relazionale, sia in termini di rapporto fra genitori e figli, sia sotto l aspetto delle abitudini quotidiane. Inoltre per i figli coinvolti, il rischio più grave che potrebbe derivare dallo scioglimento del matrimonio dei genitori, è per l appunto l insorgere di limitazioni nelle possibilità di sviluppo delle proprie capacità. L obiettivo del presente lavoro è pertanto quello di fornire un quadro descrittivo sui minorenni lombardi che vivono in famiglie di separati o divorziati, descrivendo la consistenza numerica del fenomeno e le relative tendenze in atto; gli equilibri fra affidamento alla madre e/o al padre e le eventuali differenze rispetto agli altri minori, sia in termini di capacità economica e di contesto abitativo, sia nel rapporto con lo studio e nella gestione del tempo libero. La parte conclusiva è infine dedicata ai padri separati, al mantenimento dei figli e dell ex coniuge, e all alterazione delle relazioni, in termini di frequentazione, con i minori spesso affidati di fatto alla madre (quand anche formalmente in affido condiviso). 1. Crescere con genitori separati: un fenomeno in forte aumento Ogni anno sono sempre di più le coppie che divorziano, basti pensare che nel complesso del Paese, secondo gli ultimi dati del Sistema Territoriale della Giustizia (ISTAT), il numero di 2

3 divorzi concessi ha fatto registrare un incremento del 35% tra il 2000 e il Tale crescita sale addirittura al 42,5% considerando la sola Lombardia. In termini assoluti si tratta di oltre 10mila coppie lombarde che hanno divorziato nel corso del 2007; rapportando il dato sui divorzi con il numero di coniugati residenti nel territorio si osserva per il 2007 un indice di 211 divorzi ogni centomila coniugati, rispetto a un valore di 152 registrato nel Il 58% dei divorzi concessi in Lombardia nel 2007 riguardava coppie con figli nati dall unione. E quindi evidente come tale fenomeno coinvolga direttamente un numero non indifferente di bambini e di adolescenti che si ritrovano costretti a vivere in prima persona l esperienza della rottura familiare. Solo nel corso del 2007 il numero di minorenni lombardi, che sono stati oggetto di affidamento a seguito del divorzio dei genitori, supera i 5 mila casi e la tendenza all aumento spicca con evidenza: nel 2000 erano poco più di 3 mila i soggetti coinvolti, sette anni dopo il loro numero è aumentato di quasi il 67%. Figura 1 - Minori affidati nel corso dell'anno a causa di una sentenza di divorzio (per 1000 minori residenti). Lombardia e Italia. Anni ,5 3,1 3,2 3,0 2,5 2,0 1,5 2,1 1,7 2,6 1,8 2,5 2,0 2,6 2,6 2,1 2,1 2,7 2,2 2,4 2,5 1, Lombardia Italia Fonte: Dati ISTAT, Sistema Territoriale della giustizia Anche i dati rapportati al numero complessivo di minorenni residenti in regione confermano il trend di crescita: nel 2007 i casi di divorzio hanno coinvolto complessivamente il 3,2 per mille dei minorenni residenti in Lombardia, mentre nel 2000 il dato regionale si collocava al 2,1 per mille. Sul piano nazionale si registrano livelli inferiori di diffusione del fenomeno, tuttavia anche 3

4 in questo caso si riscontra la medesima tendenza: nel 2000 il numero di minorenni affidati a seguito della sentenza di divorzio dei genitori si attestava all 1,7 per mille, nel 2007 il corrispondente valore raggiungeva il 2,5 (per mille) (figura 1). Figura 2 - Distribuzione percentuale delle famiglie in cui vivono i minori in base allo stato civile del genitore. Lombardia e Italia. Anno % 95% 90% 2,7 2,5 3,6 3,4 2,8 3,4 85% 90,9 90,7 80% Lombardia Non separato/divorziato Separato legalmente Separato di fatto Divorziato Italia Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC Il risultato di queste tendenze, secondo le ultime stime al 2008, mostra un panorama regionale e nazionale caratterizzato da una famiglia con genitori separati o divorziati ogni dieci nuclei con soggetti minorenni. Questi dati di natura campionaria, rispetto a quelli di fonte ufficiale giudiziaria, considerano anche la quota di famiglie coinvolte nel fenomeno dello scioglimento del legame familiare il cui percorso giuridico non si è ancora concluso: nel caso lombardo si tratta di separazioni di fatto in 3 casi su 10 casi di scioglimento, di separazioni legali in 4 casi su 10 e di divorzi nei restanti 3 (figura 2). 2. L affidamento dei figli: equilibri fra madre e padre Le informazioni di fonte giudiziaria sull affidamento dei figli minorenni mostrano come nel corso degli ultimi anni, sia nella nostra regione che nel resto del Paese, siano avvenuti sostanziali 4

5 cambiamenti verso un maggiore equilibrio fra i partner. Se nel 2000, in Lombardia, in circa l 85% dei casi il figlio veniva affidato esclusivamente alla madre e solo nel restante 15% al padre o in affido congiunto, i dati più recenti al 2007 mettono in evidenza come l affidamento condiviso venga ormai considerato la soluzione migliore e più frequente: tale decisione viene presa infatti in ben il 52% dei casi. Va comunque segnalato che per la restante quota di famiglie la madre risulta unico genitore affidatario (nel 45% dei casi) (figura 3). Figura 3 - Distribuzione percentuale dei minori affidati nel corso dell'anno, a causa di una sentenza di divorzio, in base al genitore a cui vengono affidati. Lombardia e Italia. Anni 2000 e % 80% 60% 40% 20% 8,3 6,8 7,3 6,6 84,5 86,5 51,9 50,3 2,7 3,3 45,4 46,4 0% Lombardia Italia Lombardia Italia Esclusivamente alla madre Esclusivamente al padre affido congiunto e/o alternato Fonte: Dati ISTAT, Sistema Territoriale della giustizia L affido congiunto appare certamente una soluzione molto diffusa, tuttavia, in termini pratici, (di fatto) il minorenne convive prevalentemente con la madre. Secondo le ultime stime al 2008, in Lombardia, nel 95% dei casi il minore con genitori separati o divorziati abita con la madre (ed eventualmente con altre persone) e solo nel 5% dei casi con il padre. Il divario nel contesto lombardo risulta inoltre ancora più evidente rispetto all Italia, dove la divisione madre-padre risulta al 91% versus 9% (figura 4). 5

6 Figura 4 - Distribuzione percentuale dei minorenni figli di separati (di fatto o legalmente) o divorziati in base alle persone con cui vivono. Lombardia e Italia. Anno Italia 90,8 9,2 Lombardia 94,3 5,7 0% 20% 40% 60% 80% 100% madre padre Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 3. Differenze di possibilità: il quadro economico e il contesto abitativo dei minori con genitori separati 3.1 Le risorse economiche a disposizione Come già accennato, il divorzio dei genitori può causare una riduzione delle risorse economiche disponibili per la famiglia, e per il minorenne che ne fa parte. Le stime al 2008 mostrano infatti come i minorenni figli di genitori separati o divorziati vivano in nuclei che hanno mediamente a disposizione un reddito più basso: in Lombardia tali famiglie, il cui reddito medio annuo è di 21,5 mila euro, risultano avere solo la metà delle risorse economiche a disposizione delle altre famiglie in cui vivono soggetti minorenni (queste ultime hanno un reddito medio di oltre 43 mila euro annui). Va tuttavia considerato che le famiglie di separati hanno spesso un numero inferiore di componenti rispetto alle altre famiglie (con minorenni); pertanto, in tali realtà il reddito familiare 6

7 viene condiviso con un più ridotto numero di persone. Tenendo quindi conto della numerosità del nucleo e dell età dei componenti è possibile ottenere una misura più precisa dell effettivo potenziale economico della famiglia. Anche considerando questi fattori, tuttavia, le differenze fra le famiglie di minori con genitori separati/divorziati e le altre famiglie restano evidenti: nel caso lombardo il reddito equivalente 1 annuo delle prime è di circa 12 mila euro, mentre quello delle seconde è di 21 mila. Meno evidenti sono invece le differenze registrate nel Paese fra le due tipologie in esame, dove lo scarto in termini di reddito equivalente risulta solo di circa 3 mila e 500 euro all anno (contro i 9 mila in Lombardia). Tabella 1 - Reddito medio annuo reale ed equivalente delle famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non. Lombardia e Italia. Anno Reddito reale Reddito equivalente Famiglie con minori Lombardia Italia genitori separati/divorziati Altre genitori separati/divorziati Altre Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 3.2 La capacità di spesa e di risparmio Le differenze di potenziale economico risultano notevolmente evidenti anche in termini di capacità di risparmio. La minore disponibilità di risorse delle famiglie di separati/divorziati con figli, unita alla necessità di sostenere una serie di spese fisse che restano tali anche in assenza del partner (utenze, affitto, etc.), produce effetti consistenti sul risparmio familiare: in Lombardia solo il 19% di questi nuclei è riuscita a risparmiare denaro nel corso del 2008, contro un dato pari al 39% riferito agli altri. Anche in questo caso in Lombardia le differenze appaiono più marcate rispetto alla media italiana, dove lo scarto fra le due tipologie è solo di 8 punti percentuali rispetto ai 20 registrati in ambito lombardo (figura 5). 1 Il reddito equivalente familiare è pari al rapporto fra il reddito netto e il peso, associato alla famiglia, della scala d equivalenza OECD modificata. Il peso associato alla famiglia è pari alla somma dei pesi relativi a ciascun componente in base all età (peso 1 al primo componente, 0,5 ad ogni altro componente con più di 14 anni, 0,3 ad ogni componente con meno di 14 anni). 7

8 Figura 5 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che hanno messo da parte dei risparmi nell'ultimo anno. Lombardia e Italia. Anno ,0 Lombardia 39,0 24,9 Italia 32,6 Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC Figura 6 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che nell'ultimo anno hanno avuto momenti in cui non avevano denaro per sostenere almeno una delle voci di spesa fra alimentazione, abbigliamento, salute, istruzione, tasse. Anno ,2 Lombardia 20,8 36,1 Italia 27,9 Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 8

9 Il divario fra le famiglie di separati o divorziati e le altre con figli minorenni non riguarda semplicemente la capacità economica di sostenere spese accessorie, bensì quella di far fronte a una serie di voci di spesa fondamentali, che non possono essere contratte oltre un certo limite, come ad esempio quelle per l alimentazione, l abbigliamento, la salute, l istruzione o il pagamento delle tasse. In Lombardia, ben il 41% delle famiglie di separati con figli minorenni, nel corso del 2008, ha avuto difficoltà in almeno una di queste voci di spesa, mentre nelle altre famiglie con minori la corrispondente quota si riduce al 21%. 3.3 Le condizioni abitative In generale, la minore disponibilità di risorse economiche nelle famiglie in cui i genitori sono separati o divorziati genera conseguenze anche sulla qualità dell abitazione, sia in termini di condizioni della casa, sia di contesto della zona di riferimento. Le stime al 2008 indicano infatti che le case in cui vivono queste famiglie lombarde presentano, con una probabilità leggermente superiore rispetto alle altre famiglie, problemi di umidità, una scarsa luminosità o tetti, soffitti, porte o finestre danneggiate (incontrano almeno uno di questi problemi il 23% delle prime e il 21% delle seconde). Lo scarto fra le due tipologie familiari, seppur su livelli inferiori, è in linea con la media italiana in cui il dato si colloca rispettivamente al 25 e al 22%. Così come rispetto alla qualità dell abitazione, le differenze permangono, e si fanno ancora più evidenti, per quanto concerne la qualità della zona di residenza. Il 43% delle famiglie lombarde con figli e genitori separati o divorziati nel 2008 segnala, in merito alla zona di residenza, almeno uno dei seguenti problemi: sporcizia delle strade, criminalità, vandalismo, violenza, presenza di persone che si prostituiscono, si ubriacano o si drogano; nel resto delle famiglie tale percentuale scende al 36%. Si noti inoltre che questo scarto così evidente, osservato per la Lombardia quando i genitori sono separati o divorziati, non trova conferma nella media nazionale, dove le zone di residenza delle due tipologie considerate sono più simili in merito alla presenza delle problematiche indagate (seppure i nuclei con genitori separati o divorziati risultano in svantaggio). 9

10 Figura 7 - Percentuale di famiglie con minori, differenziate fra figli di separati/divorziati e non, che vivono in un abitazione * o in un area di residenza** in cui vi è la presenza di alcuni disagi. Lombardia e Italia. Anno ,1 21,3 24,8 22,5 43,3 36,3 38,3 35,6 0 Lombardia Italia Lombardia Italia Prob. abitazione Prob. zona residenza Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori * Almeno uno fra i seguenti problemi: umidità, tetti, soffitti, porte o finestre danneggiate, scarsa luminosità. ** Almeno uno fra i seguenti problemi: sporcizia delle strade, criminalità, vandalismo, violenza o persone che si drogano, ubriacano, prostituiscono. Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine EU-SILC 4. La vita quotidiana dei minori con genitori separati/divorziati 4.1 Il rapporto con lo studio Se è evidente come la rottura dei legami familiari abbia spesso conseguenze di ordine economico, meno diretta è invece la lettura degli eventuali effetti che la dissoluzione familiare potrebbe avere sulla vita quotidiana dei figli. Nonostante la maggiore difficoltà nel misurare tali conseguenze, esistono tuttavia alcuni specifici elementi che possono risultare foriere di significativi cambiamenti nella vita del minore. siderando un ambito di particolare rilievo, quale quello scolastico, si osserva infatti come i minori figli di genitori separati o divorziati hanno generalmente, rispetto agli altri minorenni, un rapporto peggiore nei confronti dello studio: in Lombardia solo il 13% dei figli di separati in età scolastica si impegna molto, con ottimi risultati contro un dato pari al 34% per gli altri 10

11 minorenni; e, viceversa, ben il 32% di loro si impegna solo quanto basta per avere la sufficienza contro il 16%. Va tuttavia segnalato che guardando ai minori che hanno un rapporto decisamente negativo con lo studio, per i quali il genitore intervistato ha dichiarato che è svogliato, non si impegna affatto, non vi sono significative differenze fra i due gruppi di minori. Tabella 2 - Distribuzione percentuale dei minori (6-17enni), differenziati fra figli di separati/divorziati e non, in base al comportamento nei confronti dello studio. Lombardia e Italia. Anno Famiglie di separati/divorziati con minori Altre famiglie con minori E' svogliato, non si impegna affatto 4,9 5,7 Studia con interesse solo le materie che gli piacciono Si impegna quanto basta per avere la sufficienza Si impegna con risultati più che sufficienti, ma potrebbe fare di più 12,2 10,2 31,5 16,3 38,7 34,1 12,7 33,8 Si impegna molto, con ottimi risultati Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 4.2 La gestione del tempo libero e il rapporto con i coetanei Un altro ambito di vita di particolare importanza riguarda la gestione del tempo libero. In merito a questo tema sono stati qui considerati sia la frequenza di corsi extrascolastici (musica, sport, etc.), sia i rapporti con gli amici. Le stime al 2008 hanno messo in evidenza innanzitutto come i figli di separati o divorziati in Lombardia con minore probabilità frequentino corsi extrascolastici rispetto gli altri minorenni (36% contro 41%). Risulta evidente come la più ridotta disponibilità economica di queste famiglie porti il genitore a fare scelte di contenimento delle spese ritenute meno prioritarie, come quelle necessarie alla frequentazione di corsi extrascolastici. 11

12 Figura 8 - Distribuzione percentuale dei minori (6-17enni), differenziati fra figli di separati/divorziati e non, in base alla frequenza con cui vedono i coetanei nel tempo libero. Lombardia e Italia. Anno % 80% 60% 40% 16,2 66,0 25,3 56,6 20% 0% 17,8 18,1 Famiglie di separati/divorziati con minori Tutti i giorni Non più di una volta a settimana Altre famiglie con minori Qualche volta a settimana Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" Infine, per quanto riguarda i rapporti con i coetanei la situazione appare ribaltata verso una maggiore apertura all ambiente esterno alla famiglia: i minori figli di separati o divorziati, in Lombardia, hanno infatti livelli di frequentazione con gli amici più elevati. Questo fattore, pur non spiegando le cause di tali differenze, è comunque il segnale di come l amico, quando si è in situazione di instabilità familiare, possa assumere con maggiore probabilità un ruolo importante, se non addirittura affettivamente compensativo. Nel 2008 solo il 16% dei minorenni figli di separati o divorziati frequenta i coetanei nel tempo libero non più di una volta a settimana, un dato che negli altri minori sale al 25%. Maggiore è di conseguenza la quota di casi, per i figli di separati o divorziati, che frequentano gli amici giornalmente o comunque per più giorni durante la settimana (84% a fronte del 75% nei casi di famiglie non soggette a instabilità coniugale). 12

13 5. I difficile ruolo dei padri separati Quella di padre separato, quando non vive con il proprio figlio, è un esperienza non priva di problematiche e disagi. La non coabitazione comporta infatti spesso meccanismi che hanno implicazioni di notevole impatto. Innanzitutto, non in pochi casi emerge un problema di ordine economico, quando la madre non lavora o svolge un attività lavorativa poco redditizia, il padre si trova spesso nella condizione di dover mantenere due famiglie, due case e così via. Le risorse economiche restano quindi generalmente le stesse di cui si disponeva prima della separazione, mentre le spese aumentano in misura esponenziale. Per capire la dimensione del fenomeno si può fare riferimento ad alcune stime orientative che per il 2008 indicano, relativamente alla Lombardia, come il 56% dei padri separati con figli minori diano contributi economici all exmoglie (con la quale vive il minore). Questo dato regionale si colloca su livelli superiori rispetto alla media italiana (il 45%). Se le problematiche di ordine economico hanno una rilevanza per nulla insignificante, ancora più evidenti sono i cambiamenti che coinvolgono la sfera relazionale. Come si è visto nei precedenti paragrafi, nella maggior parte dei casi il minorenne vive di fatto con la madre e solo in pochi con il padre (5,7% in Lombardia) E quindi evidente come l alterazione della quotidianità dei rapporti possa far emergere difficoltà nel mantenere una relazione con i figli, comportando spesso anche la necessità di ridefinire il proprio ruolo di padre. frontando i livelli di frequenza con cui figlio e padre svolgono insieme una serie di attività con i corrispondenti livelli osservabili fra figlio e madre (convivente) le differenze risultano notevolmente marcate. Le stime al 2008 sulla frequenza con cui i minori con meno di 14anni svolgono attività comuni, come giocare, leggere, uscire, guardare la televisione con il padre (con cui non vivono) fanno emergere una quota consistente di casi in cui la risposta è stata poche volte all'anno o mai (circa un 0-14enne ogni cinque); mentre in presenza di madri conviventi la quota di questi casi è sostanzialmente nulla. La riduzione della quotidianità dei rapporti emerge con evidenza dall analisi dei casi in cui queste attività vengono svolte: ciò accade ogni giorno solo per l 11% dei padri, mentre per le madri il dato sale al 61%. Infine, è bene considerare come il livello di frequenza dei rapporti sia significativamente condizionato dall età del figlio. L entrata di quest ultimo nell età adolescenziale implica nella maggior parte dei casi un ulteriore riduzione dei rapporti fra padre e figlio: la quota di casi in cui le attività considerate vengono svolte quotidianamente dal genitore con il proprio figlio che è pari a circa il 20% dei casi nei bambini 13

14 con meno di 10 anni quasi si annulla allorché il figlio è in età da scuola media inferiore, con un conseguente incremento della fascia di frequenza almeno una volta a settimana (figura 9). Figura 9 - Distribuzione dei minorenni figli di separati/divorziati che vivono con la madre in base alla frequenza con cui svolgono una serie di attività con il padre e con la madre. Lombardia. Anno % 90% 80% 70% 21,3 5,5 5,6 33,2 10,2 14,9 31,6 30,4 26,3 36,9 13,9 32,2 60% 50% 40% 30% 20% 62,3 61,2 58,8 68,4 47,6 63,1 72,7 53,9 10% 0% 10,9 16,1 22,0 1,0 padre madre padre madre padre madre padre madre Totale 0-5enni 6-10enni 11-13enni tutti i giorni almeno una volta a settimana qualche volta al mese Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT, Indagine multiscopo sulle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 14

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale: REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089 di iniziativa dei Consiglieri regionale: Barboni, Girelli, Valmaggi, Alfieri, Borghetti, Gaffuri, Alloni, Brambilla,

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi L affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi nno 2006 6 agosto 2008 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi 19 luglio 2002, divorzi e provvedimenti emessi Anno 2000 Il presente lavoro, che delinea un quadro dell instabilità coniugale in Italia, si propone di soddisfare la crescente domanda di informazione su

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 23 giugno 2014 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 le separazioni sono state 88.288 e i divorzi 51.319, entrambi in calo rispetto all anno

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 27 maggio 2013 Anno 2011 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2011 le separazioni sono state 88.797 e i divorzi 53.806, sostanzialmente stabili rispetto all anno precedente (+0,7% per le separazioni e -0,7%

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 23 giugno 2014 Anno 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2012 le separazioni sono state 88.288 e i divorzi 51.319, entrambi in calo rispetto all anno precedente (rispettivamente -0,6% e -4,6%) (Prospetto

Dettagli

MOCAM: UN MODELLO PER IL CALCOLO DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN CASO DI SEPARAZIONE DEI CONIUGI

MOCAM: UN MODELLO PER IL CALCOLO DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN CASO DI SEPARAZIONE DEI CONIUGI MOCAM: UN MODELLO PER IL CALCOLO DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN CASO DI SEPARAZIONE DEI CONIUGI Mauro Maltagliati, Gianni Marliani Dipartimento di Statistica, Università di Firenze Gli effetti di una

Dettagli

Affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi

Affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi Affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi Anno 2003 6 luglio 2005 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali

Dettagli

DALLA SEPARAZIONE ALL AFFIDAMENTO DEI MINORI

DALLA SEPARAZIONE ALL AFFIDAMENTO DEI MINORI DALLA SEPARAZIONE ALL AFFIDAMENTO DEI MINORI 1) Alcuni dati sul fenomeno della separazione e del divorzio in Italia La presente elaborazione è stata effettuata con il contributo dei dati Istat del 1998;

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

Direzione Generale. Roma, 02-01-2015. Messaggio n. 28

Direzione Generale. Roma, 02-01-2015. Messaggio n. 28 Direzione Generale Roma, 02-01-2015 Messaggio n. 28 Allegati n.1 OGGETTO: Dichiarazione ISEE ai fini della domanda di ammissione al beneficio relativo alla corresponsione di voucher per l'acquisto di servizi

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee. università

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee. università Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee università ISEE Università Per la richiesta di prestazioni nell ambito del diritto allo studio universitario sono previste

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI. ANNO 2009 1 Indice delle tavole statistiche 1. I pendolari della famiglia Prospetto 1.1 Tavola 1.1 Tavola 1.2 Tavola 1.3 Tavola 1.4 Tavola 1.5 Tavola 1.6 motivo, durata media

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini DATI AL 1 GENNAIO 2015 a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini LE FAMIGLIE NELLA PROVINCIA DI RIMINI Al 1 gennaio 2015 le persone residenti nella Provincia di

Dettagli

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone FAMIGLIA E DIVORZIO di Roberto Cirone Difesa della famiglia e possibilità di divorzio sembrano i termini di una contrasto irrisolvibile. In realtà il divorzio può costituire una necessità, se è vero che

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO in base al quale i figli restano affidati ad entrambi i genitori

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali

La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Forte incremento dell informazione statistica

Dettagli

Il calcolo del contributo di mantenimento. Emanuela Epiney-Colombo

Il calcolo del contributo di mantenimento. Emanuela Epiney-Colombo Il calcolo del contributo di mantenimento Programma Introduzione Diritto al mantenimento Prima del divorzio Durante il divorzio Dopo il divorzio Conclusioni Introduzione Che cosa è il diritto al mantenimento

Dettagli

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE Il problema casa Da parecchi anni in Italia si registra un forte squilibrio tra la crescita dei valori immobiliari e quella dei redditi da lavoro dipendente

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 20 settembre 2012)

Dettagli

COME LA STATISTICA PUÒ AIUTARE A CALCOLARE L ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN MANIERA OGGETTIVA

COME LA STATISTICA PUÒ AIUTARE A CALCOLARE L ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN MANIERA OGGETTIVA COME LA STATISTICA PUÒ AIUTARE A CALCOLARE L ASSEGNO DI MANTENIMENTO IN MANIERA OGGETTIVA Introduzione Gli effetti di una rottura coniugale sono numerosi e coinvolgono questioni psicologico-affettive,

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico Ministero delle Politiche per la Famiglia Curatori del Rapporto Cinzia Canali, Roberta Crialesi, Gianpiero Dalla Zuanna, Linda Laura Sabbadini, Tiziano Vecchiato.

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1

Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1 Convenzione sulle conseguenze del divorzio 1 tra (Nome, cognome, data di nascita, via, NAP, luogo) rappresentata/o da (Nome, cognome, via, NAP, luogo) e (Nome, cognome, data di nascita, via, NAP, luogo)

Dettagli

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MoCAM-Calculator consente al professionista di calcolare l assegno di mantenimento dei figli e, se del caso, il contributo per il coniuge, ottenendo il risultato

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico Ministero delle Politiche per la Famiglia Curatori del Rapporto Cinzia Canali, Roberta Crialesi, Gianpiero Dalla Zanna, Linda Laura Sabbadini, Tiziano Vecchiato.

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Tutela, affidamento e adozione dei minori

Tutela, affidamento e adozione dei minori 15 gennaio 2002 Tutela, affidamento e adozione dei minori Anni 1995-2000 I dati qui presentati, frutto della collaborazione tra l Istat e il Ministero della giustizia, illustrano le principali forme di

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c.

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c. TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex art. 155ter c.c. Il sig.... nato a... il... e residente in... Via... n.... è rappresentato e difeso per mandato a margine

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

REGOLAMENTO. Bonus Bebè

REGOLAMENTO. Bonus Bebè COMUNE DI NURAGUS PROVINCIA DI CAGLIARI Piazza IV Novembre 08030 NURAGUS Tel. 0782/82101-821003 - Fax 0782/818063 segrcomune.nuragus@tiscali.it P.IVA 00697840916 C.F. 81000190918 REGOLAMENTO Bonus Bebè

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra

Dettagli

LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA

LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA Anno 2011 LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA 17 maggio 2012 Il 61,3% dei cittadini tra i 18 e i 74 anni ritiene che in Italia gli omosessuali sono molto o abbastanza discriminati, l 80,3%

Dettagli

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 EMERGENZA COPPIA Oggi assistiamo ad una emergenza coppia: si registra una notevole difficoltà a fare

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

Associazione per la tutela dei Minori nella separazione RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA E SU QUELLA IN PROGRAMMA

Associazione per la tutela dei Minori nella separazione RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA E SU QUELLA IN PROGRAMMA : - 20037 Paderno Dugnano (MI) Sede Operativa/Amministrativa Viale Carlo Cornaggia 2 Merate (Lecco) Tel / Fax 039 92 75 330 Merate, 10 novembre 2005 RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA E SU QUELLA IN PROGRAMMA

Dettagli

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Hai voglia di casa? Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Regione Lombardia presenta il bando per l erogazione del contributo per agevolare l accesso alla proprietà

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana Letizia Ravagli STUDI E APPROFONDIMENTI RICONOSCIMENTI Il lavoro è stato redatto da Letizia Ravagli

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

3. Requisiti di accesso L accesso alla misura è vincolato alla contestuale presenza dei seguenti requisiti alla data di presentazione

3. Requisiti di accesso L accesso alla misura è vincolato alla contestuale presenza dei seguenti requisiti alla data di presentazione Allegato 1 Avviso pubblico per l assegnazione del contributo ai sensi della LR 18/2014 Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati in condizioni, in condizione di disagio, in particolare con figli

Dettagli

Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012

Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012 Rapporto sulla Coesione sociale Anno 2012 Nota per la stampa L'Inps, l Istat e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali presentano il terzo Rapporto sulla Coesione sociale. Anche quest anno il

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 60 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN Disposizioni concernenti l erogazione anticipata dell

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat Sono un quinto dei cittadini, ma la società non si occupa delle loro esigenze Qualità della vita, reti sociali e sicurezza soprattutto nei piccoli comuni 7 su 10 si sentono attivi dedicandosi alla famiglia

Dettagli

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9 Presentazione...9 I La formazione della coppia... 13 1 Le scelte possibili...15 1 Come ufficializzare un unione...15 2 I tipi di matrimonio...15 Matrimonio civile o religioso? Il matrimonio concordatario

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

1. DEFINIZIONE DI PRIMA CASA AMMESSA A CONTRIBUTO

1. DEFINIZIONE DI PRIMA CASA AMMESSA A CONTRIBUTO ALL. 1 D.G.R... 1. DEFINIZIONE DI PRIMA CASA AMMESSA A CONTRIBUTO Per prima casa si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni fiscali previste per tale tipologia Tipologie di prima casa ammesse

Dettagli

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008 Scaglioni reddito 2009 Aliquota Irpef lordo da 0 a 15.000 23% 23% del reddito da 15.000,01 a 28.000 da 28.000,01 a 55.000 da 55.000,01 a 75.000 27% 38% 41% oltre 75.000 43% 3.450 + 27% sulla parte eccedente

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1 AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori 1 Legge n. 54 del 2006 Diritto alla bigenitorialità Tipi di affidamento Esercizio della potestà I tempi dei figli Assegnazione della casa familiare Assegno di mantenimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DICHIARAZIONE SUL DIRITTO ALLE DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2011 Il sottoscritto nato a il Codice fiscale,residente a In via Stato civile D I C H I A R A sotto la

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

proposta di legge n. 460

proposta di legge n. 460 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 460 a iniziativa dei Consiglieri Zinni, Natali, Romagnoli, Zaffini presentata in data 18 novembre 2014 ISTITUZIONE IN VIA SPERIMENTALE DEL SOSTEGNO

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER ADSL E TELEFONIA DOMESTICA: LE MIGLIORI SOLUZIONI PER CONNETTERSI E TELEFONARE DA CASA INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. I profili di consumo: l utilizzo di

Dettagli

ISEE 2014 ISEE 2014 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL

ISEE 2014 ISEE 2014 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL ISEE 2014 1 Premessa A 15 anni dalla sua introduzione, l'isee viene completamente riformato, l origine del provvedimento è nella Legge 22 dicembre 2011, n. 214 (nota come manovra Salva-Italia) ha previsto,

Dettagli