L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.).

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.)."

Transcript

1 FISAC-CGIL in UniCredit Group L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.). «contiene, alle pagg.15 e 16, l elenco della modulistica per la richiesta nonché quello delle tabelle in vigore.»

2 Indice Premessa Gli aventi diritto all A.N.F... I componenti il nucleo familiare.... Attenzione alle variazioni nel nucleo... Il reddito familiare.... La composizione del reddito..... La richiesta dell A.N.F Le situazioni da autorizzare... Come si calcola l A.N.F... L A.N.F. ed il part-time.... Chi eroga l A.N.F Il ricorso all INPS... L A.N.F. per i lavoratori parasubordinati... Allegati 1, 2 e 3... Appendici 1 e pagina 03 pagina 04 pagine 05/06 pagina 07 pagine 08/09 pagina 10 pagina 11 pagina 11 pagina 12 pagina 12 pagina 13 pagina 13 pagina 14 pagine 15/17 pagine 18/19 2

3 Premessa L assegno per il nucleo familiare è una prestazione sociale a sostegno del reddito - istituita con la Legge 13 maggio 1988, n per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente che sono composte da più persone e che dispongono di redditi inferiori ai limiti stabiliti ogni anno dalla legge. A decorrere dall l A.N.F. ha preso il posto degli assegni familiari, delle quote di aggiunta di famiglia e di ogni altro trattamento di famiglia, comunque denominato (salvo che per alcune eccezioni che continuano a permanere). L A.N.F. viene, di norma, erogato al dipendente interessato che ne faccia specifica richiesta; pur venendo corrisposto insieme alla retribuzione, non costituisce reddito ed è esente da qualsiasi ritenuta previdenziale e fiscale (oltre a non essere utile ai fini del TFR). Per uno stesso nucleo familiare non può essere concesso più di un assegno. A ciascun periodo di paga settimanale, quattordicinale, quindicinale e mensile corrispondono, rispettivamente, 6, 12, 13 e 26 assegni giornalieri (il riferimento al numero degli assegni giornalieri spettanti è valido anche nel caso in cui la settimana sia ripartita su 5 gg. lavorativi; è necessario, però, che sia garantito un minimo di ore lavorate). Il diritto all A.N.F. è riconosciuto per un massimo di 12 mensilità (o 312 giornate) all anno. L A.N.F. è dovuto anche durante i periodi di prova, preavviso, ferie e festività, malattia, infortunio sul lavoro e malattia professionale, cure termali, congedo matrimoniale, gravidanza e puerperio (per il periodo di astensione obbligatoria, facoltativa, per l allattamento e le assenze per malattia del bambino fino a 8 anni di età), permessi per assistenza a figli minori disabili, permessi per adozione o affidamento preadottivo di bambini, richiamo alle armi, disoccupazione, cassa integrazione guadagni, recupero banca delle ore, assenze dal lavoro per motivi disciplinari, assenze per sciopero, permessi e periodi di aspettativa a rappresentanti sindacali e lavoratori chiamati a svolgere funzioni pubbliche elettive o cariche sindacali, licenziamento illegittimo. Dal 1997 l INPS fornisce le tabelle per la corresponsione degli A.N.F., elaborate in relazione al numero dei componenti il nucleo familiare, alla sua composizione ed al reddito globale del medesimo. I singoli livelli di reddito, utili ad individuare il diritto all A.N.F. e la sua misura, vengono aumentati ogni anno secondo le regole della perequazione automatica. Le tabelle attualmente in vigore, pubblicate nella Circolare INPS n.69 del 4 luglio 2008, valgono per il periodo Nell augurare buona lettura, confermiamo la disponibilità a chiarire eventuali dubbi o problematiche che dovessero emergere sia leggendo il fascicolo che nell esperienza quotidiana, sul lavoro e in famiglia (rivolgersi al Rappresentante Sindacale FISAC presente sul posto di lavoro o, direttamente, a: La Segreteria FISAC-CGIL di Gruppo 3

4 Gli aventi diritto all A.N.F. Possono percepire l assegno per il nucleo familiare i lavoratori dipendenti privati e pubblici (compresi i lavoratori in malattia, in cassa integrazione, in disoccupazione, in mobilità indennizzata, assistiti per tubercolosi), i pensionati del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, i pensionati dei Fondi speciali (autoferrotranvieri, elettrici, gas, esattoriali, telefonici, personale di volo, dazieri), i pensionati ex dipendenti pubblici ed i lavoratori parasubordinati (cioè coloro che si sono iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi). 1 - possibili beneficiari nel Settore Privato: - lavoratori dipendenti in attività, a tempo determinato o indeterminato (compresi gli apprendisti, i lavoratori a domicilio, i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari, i detenuti e gli internati occupati in età lavorativa); - disoccupati indennizzati, cassaintegrati, lavoratori in mobilità e impiegati in lavori socialmente utili; - lavoratori assenti per malattia, infortunio o maternità; - lavoratori richiamati alle armi, lavoratori in aspettativa per cariche pubbliche elettive e sindacali; - lavoratori dell industria o marittimi in congedo matrimoniale; - assistiti per tubercolosi; - pensionati ex lavoratori dipendenti; - caratisti imbarcati sulla nave da loro stessi armata e armatori e proprietari armatori imbarcati; - soci di cooperative; - lavoratori assunti a tempo parziale; - lavoratori parasubordinati (collaboratori coordinati e continuativi o a progetto, venditori a domicilio, professionisti senza cassa, associati in partecipazione - vedi, al riguardo, il paragrafo i lavoratori parasubordinati a pag.14 ). 2 - possibili beneficiari nel Settore Pubblico: - lavoratori dipendenti e pensionati (Stato e Aziende autonome, Regioni, Province e Comuni, Enti Pubblici, Sanità, ecc.). N.B. Anche i lavoratori stranieri presenti in Italia con lo status di rifugiati politici ed i lavoratori extracomunitari regolarizzati rientrano fra i possibili beneficiari degli A.N.F.. Esclusi Non possono, invece, avere diritto all A.N.F. e continuano a beneficiare della precedente normativa sugli assegni familiari e sulle quote di maggiorazione di pensione in atto: - i piccoli coltivatori diretti, per le giornate di lavoro autonomo con le quali integrano quelle di lavoro agricolo dipendente; - i coltivatori diretti, coloni e mezzadri; - i pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri); 4

5 I componenti il nucleo familiare Il nucleo familiare a cui fare riferimento per ottenere l A.N.F. deve avere specifiche caratteristiche che variano a seconda che il richiedente sia un lavoratore dipendente, un titolare di pensione diretta o un titolare di pensione ai superstiti. Nucleo familiare dei lavoratori dipendenti e dei titolari di pensione Nel caso di lavoratori dipendenti e pensionati di lavoro dipendente, il nucleo familiare può essere composto da: - chi richiede l assegno; - - il coniuge (purché non legalmente ed effettivamente separato o divorziato ( * ) o che abbia abbandonato la famiglia); - i figli legittimi o legittimati e quelli ad essi equiparati (adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell altro coniuge, affidati a norma di legge, i nipoti viventi a carico di ascendente diretto) aventi un età inferiore ai 18 anni. Sono equiparati agli affidati i minori in accasamento o in collocamento eterofamiliare: si tratta cioè di quei bambini affidati ai servizi sociali e collocati in una famiglia; - i figli o equiparati di età compresa fra i 18 anni compiuti ed i 21 anni non compiuti, purché studenti o apprendisti, se il nucleo familiare è composto da più di tre figli (o equiparati) di età inferiore ai 26 anni compiuti ( ** ); - i figli (ed equiparati) maggiorenni inabili, non coniugati, che si trovino, per difetto fisico o mentale, nell assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un lavoro proficuo; - i fratelli, le sorelle e i nipoti (vedi nota a pag.6) del richiedente, minori di età o maggiorenni inabili, purché orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto alla pensione ai superstiti. N.B. Tutte queste persone fanno parte del nucleo familiare anche se non convivono con il richiedente (con l eccezione per i figli naturali legalmente riconosciuti da entrambi i genitori per i quali è sempre richiesta la convivenza). ( * ) In caso di separazione legale o di divorzio, il diritto all A.N.F. scatta indifferentemente a favore di uno dei due coniugi lavoratori dipendenti, a prescindere dall affidamento dei figli. Può essere stabilito di comune accordo quale dei due coniugi deve richiedere l autorizzazione alla prestazione. In caso di contrasto tra coniugi, anche con affidamento congiunto dei figli, viene utilizzato il criterio della convivenza per valutare intorno a quale dei due coniugi si sia ricomposto il nucleo familiare. ( ** ) la norma trova applicazione solo nei casi in cui nel nucleo siano presenti almeno 4 figli di età inferiore ai 26 anni, a prescindere dalla loro posizione lavorativa o di studio. In presenza di tale requisito, ai fini della determinazione dell assegno, nel nucleo vanno ricompresi oltre ai figli minorenni anche i figli fino ai 21 anni di età, se studenti o apprendisti, con esclusione di quelli di età superiore. 5

6 Possono far parte del nucleo familiare solo i nipoti collaterali ed i nipoti diretti. Nipoti collaterali: si tratta di figli di fratelli o di sorelle, minori di 18 anni o maggiorenni inabili, orfani di entrambi i genitori, che non hanno diritto alla pensione ai superstiti. I nipoti in linea collaterale formalmente affidati sono equiparati ai figli e quindi entrano a far parte del nucleo del richiedente anche se non sono orfani oppure se sono orfani e titolari di pensione ai superstiti. Nipoti diretti: i nipoti in linea diretta il cui ascendente diretto sia il nonno/a (e non zio/zia) sono equiparati ai figli legittimi, anche se non sono formalmente affidati. I nipoti diretti, quando sono minori di 18 anni, hanno diritto alla prestazione solo se orfani di entrambi i genitori e senza diritto alla pensione ai superstiti ma, in via alternativa, anche se sono in uno stato di bisogno, in quanto non economicamente autosufficienti o se sono mantenuti dal nonno/a che richiede l assegno. L INPS deve verificare se nonno/a e nipote vivono sotto lo stesso tetto o, se non c è convivenza, stabilire se esiste una situazione di mantenimento effettivo. Il mantenimento si verifica quando il nipote non è autosufficiente economicamente, cioè quando non ha redditi personali superiori alla pensione minima INPS aumentata del 30%. Nucleo familiare dei titolari di pensione ai superstiti Nel caso di pensione ai superstiti (derivante da lavoro dipendente) il nucleo familiare può essere composto da: - il coniuge superstite contitolare della pensione; - i figli ed equiparati minorenni titolari o contitolari della pensione; - i figli ed equiparati maggiorenni inabili, anche se non contitolari della pensione. Il nucleo familiare può essere composto anche da una sola persona: in questo caso si tratta di orfano/a o vedovo/a, minorenne o maggiorenne inabile, titolare di pensione ai superstiti che, se risponde ai requisiti di legge, ha diritto all assegno per se stesso. NON FANNO PARTE DEL NUCLEO: - il coniuge legalmente ed effettivamente separato o che ha abbandonato la famiglia; - i figli affidati all altro coniuge o ex coniuge (in caso di separazione legale o divorzio); - i familiari di cittadino straniero non residenti in Italia. Fanno eccezione, e quindi fanno parte del nucleo familiare, i casi indicati nel successivo paragrafo Nucleo familiare, paese di residenza e cittadinanza (vedi a pag.7); - i figli naturali, riconosciuti da entrambi i genitori, che non convivono con il richiedente; - i figli naturali del richiedente coniugato che non siano inseriti nella sua famiglia legittima; - i figli ed equiparati maggiorenni non inabili; - i figli minorenni o maggiorenni inabili che sono coniugati; - i fratelli, le sorelle e i nipoti (ad eccezione dei nipoti viventi a carico dell ascendente) - anche se minorenni o inabili - che sono orfani di un solo genitore o titolari di pensione ai superstiti o sposati; - i genitori e equiparati e gli altri ascendenti. 6

7 Nucleo familiare, paese di residenza e cittadinanza Può far parte del nucleo il familiare del richiedente l A.N.F. che risieda sia in Italia che all estero, a condizione che colui che richiede l assegno sia cittadino italiano. Se, invece, il richiedente - anche se lavora o è pensionato in Italia - non è cittadino italiano, il familiare: - fa parte del nucleo familiare e quindi può ricevere l assegno, se risiede in Italia; - non fa parte del nucleo familiare e quindi non può ricevere l assegno, se risiede all estero. Il familiare fa parte del nucleo familiare se colui che ha chiesto l assegno: - è cittadino di uno stato dell Unione europea; - è cittadino di uno stato estero che riconosce le prestazioni di famiglia agli italiani residenti nel suo territorio (cosiddetta condizione di reciprocità ); - è cittadino di uno Stato estero che ha stipulato una convenzione internazionale in materia di trattamenti di famiglia. Non fa comunque parte del nucleo familiare il lavoratore o pensionato (sia italiano che straniero) residente all estero, al quale spetti già un trattamento di famiglia a carico dello Stato estero (salvo che si tratti della ex-jugoslavia e del Liechtenstein). Attenzione alle variazioni nel nucleo familiare Il percettore dell A.N.F. è tenuto a comunicare le variazioni della situazione familiare entro trenta giorni dal suo verificarsi, in modo da consentire di operare l eventuale attribuzione, cessazione o rideterminazione dell assegno. Gli effetti della variazione decorreranno dalla data del suo verificarsi; più precisamente, ove la variazione comporti l insorgenza del diritto alla corresponsione dell assegno o all aumento della sua misura, l erogazione del relativo importo dovuto avrà effetto dal primo giorno del periodo di paga in corso alla data in cui si è verificata la variazione (ad es. il 27 ottobre nasce un figlio, il relativo assegno spetta dal 1 ottobre); ove, invece, la variazione comporti il venir meno del diritto alla corresponsione dell assegno o una riduzione della sua misura, l erogazione dell assegno o del maggior importo precedentemente dovuto cesserà alla fine del periodo di paga in corso alla data in cui si è verificata la variazione (ad es. l 11 ottobre una figlia compie 18 anni, la cessazione dell assegno avrà decorrenza dal 1 di novembre). N.B. Il diritto all A.N.F. si prescrive in 5 anni, a partire dal primo giorno del mese successivo a quello per cui spetta l assegno (ad es. da sono prescritti gli A.N.F. relativi a periodi anteriori al ). Anche per quanto riguarda l azione del datore di lavoro volta ad ottenere il rimborso degli assegni corrisposti ai propri dipendenti, vige la prescrizione quinquennale. Invece l INPS, per procedere al recupero di assegni indebitamente percepiti, può agire entro il termine della prescrizione ordinaria di 10 anni (art.2946 c.c.). 7

8 Il reddito familiare Il pagamento dell A.N.F. è condizionato dal livello di reddito familiare. Tale reddito è costituito non soltanto da quello del richiedente ma cumulativamente da quello di tutte le persone che compongono il nucleo familiare. Il reddito del nucleo familiare, da prendere a riferimento ai fini della concessione dell assegno, è quello prodotto nell anno solare precedente. I livelli di reddito per il riconoscimento dell A.N.F. Ai fini della determinazione del diritto all assegno ed alla relativa misura, sono previsti diversi livelli di reddito familiare correlati al numero dei componenti il nucleo familiare ed alla tipologia degli stessi. I livelli di reddito sono raggruppati per fasce che progrediscono in maniera tale che la corrispondente misura dell assegno decresce progressivamente mano a mano che il reddito familiare aumenta. I livelli di reddito complessivo vengono rivalutati annualmente, con effetto dal 1 luglio di ciascun anno fino al 30 giugno dell anno successivo, in misura pari alla variazione percentuale intervenuta nell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall ISTAT, tra l anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell assegno e l anno immediatamente precedente. A) Redditi da considerare Concorrono a formare il reddito del nucleo familiare: i redditi complessivi assoggettabili all IRPEF: redditi da lavoro dipendente e da pensione di lavoro dipendente e vitalizi (al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori per legge), redditi da lavoro autonomo o professionale, redditi d impresa, redditi da terreni, redditi da fabbricati (al lordo della detrazione per l abitazione principale), redditi da partecipazioni, redditi da capitale, redditi diversi, ecc. (tutti dati desumibili dal Mod o dal Mod.Unico). Tra i redditi assoggettabili all IRPEF devono essere compresi: 1) quelli a tassazione separata (arretrati di retribuzione o di pensione, indennità di preavviso, somme risultanti dalla capitalizzazione di prestazioni, ecc.); 2) i redditi prodotti all estero che, se fossero prodotti in Italia, sarebbero sottoposti a tassazione IRPEF; 3) i redditi da lavoro, conseguiti presso enti internazionali aventi sede nel territorio italiano, ma non soggetti alla normativa tributaria italiana; 4) gli assegni periodici corrisposti dal coniuge in caso di separazione o di divorzio (non si tiene conto della parte degli assegni destinata al mantenimento dei figli); i redditi di qualsiasi natura, se di importo complessivamente superiore a 1.032,91 euro. Tra questi: 1) quelli esenti da imposta (pensioni, indennità e assegni erogati dal Ministero dell Interno agli invalidi civili, ai ciechi e ai sordomuti, pensioni sociali, assegni accessori alle pensioni privilegiate di prima categoria, ecc.); 8

9 2) quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta sostitutiva (rendite da BOT, da CCT e da altri titoli emessi dallo stato, interessi bancari e postali, premi e vincite del lotto e dei concorsi a pronostici, ecc.). Gli arretrati percepiti dal richiedente a titolo di retribuzione o pensione, poiché concorrono a formare il reddito del nucleo familiare nell anno in cui vengono percepiti, sono considerati reddito complessivo e quindi possono causare la perdita totale o parziale del diritto alla prestazione per quell anno. N.B. Se un familiare ha dei redditi da lavoro, questi ultimi contribuiscono al calcolo del reddito familiare solo se positivi; in altre parole, le perdite di esercizio - ossia i redditi negativi - non vengono considerati ai fini del calcolo del reddito familiare. B) Redditi da escludere Non devono, invece, essere compresi: - i trattamenti di fine rapporto (liquidazione, buonuscita, ecc.); - le anticipazioni sui trattamenti di fine rapporto; - l assegno per il nucleo familiare e ogni altro tipo di trattamento di famiglia dovuto per legge; - gli arretrati delle integrazioni salariali riferiti ad anni precedenti a quello di pagamento; - le indennità di trasferta per la parte esclusa da IRPEF; - le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio; - le pensioni di guerra e le rendite INAIL; - le indennità di accompagnamento agli invalidi civili, ai ciechi civili assoluti, ai minori invalidi non deambulanti; - gli assegni di superinvalidità sulle pensioni privilegiate dello Stato; - le indennità di accompagnamento ai pensionati di inabilità INPS; - l indennità di frequenza ai minori invalidi civili; - le indennità ai sordi prelinguali e ai ciechi parziali; - gli indennizzi per danni causati da vaccinazioni, trasfusioni ed emoderivati. 9

10 La composizione del reddito Condizione necessaria per il riconoscimento dell A.N.F. a favore del lavoratore dipendente o del pensionato da lavoro dipendente è il fatto che il reddito complessivo del nucleo familiare sia costituito prevalentemente da lavoro dipendente o da pensione. Infatti l A.N.F. spetta solo nel caso in cui il 70% del reddito familiare derivi dalla somma di redditi da lavoro dipendente, da pensione o da altre prestazioni conseguenti ad attività lavorativa dipendente (integrazioni salariali, indennità di disoccupazione e mobilità, malattia e maternità, indennità per tubercolosi, ecc.). I redditi da lavoro dipendente da considerare Nella somma dei redditi che contribuiscono a formare la quota del 70% rientrano: i redditi da lavoro dipendente ed assimilati, assoggettabili all IRPEF, compresi quelli a tassazione separata, quali ad es., gli arretrati spettanti su pensioni o retribuzioni, l indennità sostitutiva del preavviso, le somme risultanti dalla capitalizzazione di pensioni, ecc. (sono esclusi invece i trattamenti di fine rapporto e le anticipazioni sui trattamenti stessi); i redditi da lavoro dipendente conseguiti all estero o presso enti internazionali con sede in Italia, non soggetti alla nostra normativa tributaria; gli assegni periodici corrisposti dall altro coniuge - ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli - in conseguenza di separazione legale o divorzio. I redditi da pensione da considerare Anche i redditi da pensione contribuiscono a formare la quota del 70% in quanto - a questi fini - la legge stabilisce che le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente. Ciò vale anche per le pensioni liquidate in favore dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, mezzadri e coloni). Vi rientrano inoltre le pensioni o gli assegni esenti da IRPEF (pensioni sociali, pensioni agli invalidi civili, ciechi civili e sordomuti, assegni accessori alle pensioni di prima categoria), nel caso in cui superino il limite complessivo annuo di 1.032,91 euro. ESEMPIO: se un nucleo familiare composto da 4 persone (richiedente, coniuge, due figli minorenni) ha un reddito di euro l anno, l A.N.F. spetta soltanto se almeno euro (il 70%) derivano da lavoro dipendente o da pensione. Se, invece, i euro sono composti da euro derivanti da lavoro dipendente e/o da pensione e da euro derivanti da altri redditi (ad es. lavoro autonomo, fabbricati ed altro) l assegno non spetta (perché i euro sono inferiori al 70% di euro ; - vedi, all ALLEGATO 3 di pag.17, alcune esemplificazioni). 10

11 La richiesta dell A.N.F. Per avere il riconoscimento dell A.N.F., l interessato deve presentare domanda utilizzando l apposito Mod. ANF/DIP (per i Colleghi/ghe delle aziende del Gruppo UniCredit tale modulo è compilabile tramite Portale Intranet: MY HR > I miei documenti > Assegni familiari). Insieme alla domanda, compilata e sottoscritta, vanno presentati anche i documenti richiesti (ad es. certificato di stato di famiglia o autocertificazione sostitutiva; fotocopia leggibile del documento d identità valido per il dichiarante che sottoscrive la dichiarazione di responsabilità, ecc.). La domanda va presentata: - al proprio datore di lavoro, nel caso in cui il richiedente svolga attività lavorativa dipendente non agricola; - alla Sede dell INPS in tutti gli altri casi: pensionato, disoccupato, operaio agricolo, addetto ai servizi domestici e familiari, ecc. N.B. La domanda va fatta al momento del sorgere del diritto all assegno e, poi, rinnovata annualmente. E sulla base di tale domanda, e della documentazione prodotta a corredo, che il datore di lavoro, nell osservanza della disciplina vigente, procede a determinare il diritto all assegno e la relativa misura. Qualora la domanda di rideterminazione annuale dell A.N.F. non venga inoltrata entro il 1 luglio, il datore di lavoro provvederà a sospendere l erogazione dell A.N.F. a partire dal 1 novembre. Le situazioni da autorizzare a cura dell INPS Il datore di lavoro paga l A.N.F. dietro richiesta diretta del lavoratore che dimostri di averne diritto. In alcuni casi, però, il datore di lavoro è tenuto a pagare solo se il lavoratore è stato preventivamente autorizzato dall INPS. La preventiva autorizzazione da parte dell INPS è prevista in caso di richiesta di assegno per: - figli ed equiparati di genitori legalmente separati o divorziati; - casi di abbandono da parte del coniuge del richiedente; - figli del coniuge nati da precedente matrimonio e figli naturali (propri e del coniuge) riconosciuti dall altro genitore; - figli ed equiparati per i quali non sia stata sottoscritta la prevista dichiarazione del coniuge del richiedente; - fratelli, sorelle e nipoti del richiedente orfani di entrambi i genitori, non aventi diritto alla pensione ai superstiti; - familiari residenti all estero di cittadino italiano, comunitario o cittadino straniero di Stato convenzionato; - nipoti minori a carico del nonno/a richiedente; - figli o equiparati di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, in nuclei con più di tre figli o equiparati di età inferiore ai 26 anni; - minori affidati a strutture pubbliche e collocati in famiglia; - familiari minorenni con persistente difficoltà a svolgere funzioni o compiti propri della loro età; - familiari maggiorenni inabili con assoluta e permanente impossibilità a svolgere proficuo lavoro. La relativa domanda va presentata, anche per il tramite del Patronato INCA-CGIL, all Ufficio INPS della propria zona di residenza (allegando i documenti previsti dalle specifiche situazioni). L autorizzazione sarà predisposta dall INPS ed inviata direttamente al domicilio del richiedente. 11

12 Come si calcola l A.N.F. L A.N.F. compete in misura differenziata in relazione al numero dei componenti il nucleo familiare ed al suo reddito complessivo. In presenza di particolari condizioni (vedovo/a, separato/a, divorziato/a, soggetti in stato di abbandono o inabili al lavoro) sono previste modifiche alle fasce di reddito cui vengono rapportati il diritto all assegno e la relativa misura (vedi ALLEGATO 2 a pag.16 e ALLEGATO 3 a pag.17). L assegno spetta per intero al lavoratore che - in continuità del rapporto di lavoro - abbia lavorato almeno per: Periodo di paga operaio impiegato Num. assegni riconosciuti Settimanale 24 ore 30 ore 6 Quattordicinale 48 ore 60 ore 12 Quindicinale 52 ore 65 ore 13 Mensile 104 ore 130 ore 26 In sostanza, se il lavoratore in alcune settimane del mese non ha raggiunto le 24 o 30 ore settimanali previste ma, nel corso del mese, ha cumulato le ore richieste, l A.N.F. deve essere corrisposto per intero. Se, invece in tutte le settimane non ha effettuato - secondo i casi - almeno le 24 o le 30 ore, il lavoratore ha diritto a tanti assegni giornalieri quanti sono i giorni di effettivo lavoro prestato nelle settimane o frazioni di settimana in cui non sia stato raggiunto il minimo di ore lavorative (tale norma non si applica nel settore del credito, delle assicurazioni e dei servizi tributari appaltati, ove l assegno è sempre corrisposto in misura intera ai lavoratori a tempo pieno anche se la prestazione va sotto i limiti minimi o in assenza di prestazioni lavorative o di retribuzione, quali i periodi di aspettativa per malattia o infortunio o per motivi familiari o personali od anche i periodi di sospensione dal lavoro per motivi disciplinari o giudiziari). L A.N.F. spetta inoltre in misura intera nelle giornate di assenza retribuita o indennizzata (ad es. nelle giornate in cui il lavoratore è assente per malattia od infortunio sul lavoro ed in tutti gli altri casi elencati nell APPENDICE 1 a pag.18). Gli A.N.F. nel rapporto di lavoro a PART-TIME Nel rapporto di lavoro a part-time (di tipo orizzontale, verticale o misto), l A.N.F. spetta nella misura intera (sei assegni giornalieri la settimana) se la prestazione lavorativa settimanale non è di durata inferiore alle 24 ore. Infatti se si lavorano almeno 24 ore per ogni settimana l assegno spetta per tutti i giorni settimanali (in caso di settimana corta, si comprende anche il sabato). La verifica va, però, effettuata in ogni settimana anche se il periodo di paga è mensile. Se il requisito minimo delle 24 ore settimanali non è raggiunto, l A.N.F. spetta solo per le giornate in cui vi è stata effettiva prestazione lavorativa, indipendentemente dal numero delle ore lavorate. In tal caso, nella settimana corta, il sabato viene escluso dall assegno. L assegno spetta anche per le giornate di assenza dal lavoro (ad es. per ferie, malattia, infortunio, ecc,) purché l assenza si verifichi nel periodi di prestazione lavorativa e la stessa sia retribuita o indennizzata (l A.N.F. non spetta, quindi, durante le pause lavorative dei part-time verticali). 12

13 Al lavoratore Chi eroga l A.N.F. Ai lavoratori in attività, l A.N.F. viene corrisposto dal datore di lavoro insieme con la retribuzione. Il datore di lavoro conguaglia poi l importo erogato a titolo di assegni con la contribuzione dovuta all INPS (vedi nell APPENDICE 2 di pag.19 gli adempimenti a cui è chiamato il datore di lavoro in materia di A.N.F.). Per alcune fattispecie di lavoratori, però, l assegno viene pagato direttamente dall INPS senza l intervento del datore di lavoro (colf, lavoratori agricoli dipendenti, disoccupati, ecc.). Al coniuge Dal 1 gennaio 2005 l A.N.F. può essere pagato direttamente al coniuge del lavoratore avente diritto, secondo quanto previsto dall art.1, comma 599 della Legge 30 dicembre 2004, n.311. La domanda del coniuge deve essere presentata al datore di lavoro nel caso in cui la prestazione sia pagata dallo stesso, utilizzando il previsto modulo (Mod.ANF/DIP 559 COD. SR57). Nei casi in cui il pagamento è effettuato direttamente dall INPS (pensionati, lavoratori agricoli, parasubordinati, lavoratori familiari e domestici, disoccupati indennizzati, cassaintegrati, lavoratori in mobilità e impiegati in lavori socialmente utili), la domanda del coniuge deve essere presentata presso gli uffici dell INPS (utilizzando il Mod.ANF/PREST 559 COND. SR56). Il pagamento dell A.N.F. sarà effettuato, secondo i casi, dal datore di lavoro o dall INPS con le modalità indicate dal coniuge richiedente (con assegno circolare, con bonifico presso ufficio postale oppure con accredito su conto corrente). Perché sussista il diritto al pagamento è necessario che il coniuge che lo richiede non percepisca a sua volta un A.N.F., non svolga attività lavorativa dipendente e non sia titolare di pensione o di prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente. Al pensionato Ai pensionati l del settore privato A.N.F. viene pagato dall INPS insieme alla rata di pensione. Analogamente, ai pensionati pubblici l assegno viene pagato dallinpdap ed ai pensionati dell Azienda poste da IPOST. Il ricorso all INPS nel caso di mancata accettazione della domanda Nel caso in cui la domanda di A.N.F. venga respinta dall INPS, l interessato può presentare ricorso, in carta libera, al Comitato Provinciale dell INPS entro 90 giorni dalla data di ricezione della lettera con la quale si comunica il rifiuto. Il ricorso, indirizzato al Comitato Provinciale INPS e corredato con tutti i documenti ritenuti utili, può essere: - presentato agli sportelli della Sede dell INPS che ha respinto la domanda; - inviato per posta alla Sede dell INPS tramite raccomandata con avviso di ritorno; - presentato tramite uno degli Enti di Patronato riconosciuti dalla legge (tra cui, l INCA-CGIL). 13

14 L A.N.F. per i lavoratori parasubordinati La disciplina dell A.N.F. prevista per i lavoratori dipendenti è stata estesa anche agli iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi (collaboratori coordinati e continuativi o a progetto, venditori a domicilio, professionisti senza cassa e associati in partecipazione). La composizione del reddito L assegno spetta nei casi in cui la somma dei redditi derivanti da attività di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto, da vendita porta a porta e da libera professione, è pari o superiore al 70% del reddito complessivo familiare percepito nell anno solare precedente al 1 luglio. Nel caso di un nucleo composto da un lavoratore/lavoratrice dipendente e da una lavoratrice/lavoratore parasubordinato (nucleo con reddito misto), il requisito del 70% si considera realizzato sommando le due tipologie di reddito. Tale requisito si considera realizzato anche se i due tipi di reddito sono percepiti solo dal lavoratore richiedente. Il diritto all assegno spetta indipendentemente dall entità dei singoli redditi (dipendente o parasubordinato) che costituiscono il reddito complessivo. Ciò significa che il 70% del reddito totale può derivare esclusivamente da lavoro dipendente se i proventi da lavoro subordinato sono pari a zero. Infine, l assegno viene concesso anche se il reddito complessivo del nucleo familiare del richiedente, di qualsiasi natura esso sia, è uguale a zero o è addirittura negativo. I lavoratori parasubordinati hanno una disciplina particolare per quanto riguarda il pagamento dell assegno, che è corrisposto direttamente dall INPS (con assegno circolare, con bonifico presso ufficio postale oppure con accredito su conto corrente) per i mesi per i quali è stata versata la contribuzione. La richiesta dell assegno La domanda per ottenere il pagamento dell assegno deve essere fatta presso la Sede INPS della circoscrizione territoriale in cui risiede il lavoratore. La domanda deve essere presentata a decorrere dal 1 febbraio dell anno successivo a quello in cui sono stati percepiti i compensi nei limiti, comunque, della prescrizione quinquennale. Ogni domanda, per poter essere presa in esame, deve contenere tutte le informazioni e la documentazione indispensabile, come previsto dall art.1, comma 783 della Legge 27 dicembre 2006, n.296. Anche il coniuge del lavoratore parasubordinato che non abbia un autonomo diritto all A.N.F. può percepire direttamente la prestazione, compilando l apposita richiesta. 14

15 ALLEGATO 1 - la modulistica sul sito N.B. Una volta nella HOME del sito dell INPS, cliccare > Moduli > Prestazioni a sostegno del reddito e, quindi, scegliere il modulo di diretto interesse, salvarlo e stamparlo. Riportiamo, per comodità, l elenco dei moduli richiamati nel presente fascicolo e di quelli disponibili - all occorrenza - sul sito dell INPS. In caso di presentazione di una delle domande/dichiarazioni relative agli A.N.F., raccomandiamo di leggere con attenzione le istruzioni relative ai moduli, di compilarli correttamente e di sottoscriverli, ricordando di allegare anche tutta la documentazione richiesta. modulo INPS ANF42 COD. SR03 ANF/DIP COD. SR16 ANF/GEST SEP COD. SR27 ANF/VAR COD. SR31 ANF/DIP 559 COD. SR57 ANF/PREST COD. SR56 ANF/PREST COD. SR32 ANF/FN COD. SR65 ANF/NN COD. SR61 Prest.agr.21 TP COD. SR25 descrizione Richiesta di autorizzazione ad inserire determinati familiari nel nucleo e/o all aumento dei livelli reddituali per particolari condizioni. Domanda di A.N.F. per i lavoratori dipendenti. Domanda di A.N.F. per i lavoratori parasubordinati. Comunicazione di variazione del nucleo ai fini dell A.N.F. Domanda di A.N.F. del coniuge per il pagamento della prestazione (lavoratori dipendenti). Domanda di A.N.F. del coniuge per il pagamento della prestazione (da presentare all INPS da parte del coniuge dell assicurato che ne ha diritto). Domanda di A.N.F. per lavoratori domestici e familiari, beneficiari di indennità di disoccupazione non agricola, di indennità di mobilità, di prestazioni antitubercolari o di particolari tipologie di pagamento diretto a carico dell INPS. Dichiarazione del genitore naturale convivente con i figli ai fini dell A.N.F. Dichiarazione per il riconoscimento di nucleo familiare numeroso ai fini dell A.N.F. Domanda di prestazione di disoccupazione agricola e/o assegno per i nucleo familiare anno 15

16 ALLEGATO 2: come verificare le tabelle degli A.N.F. in vigore. N.B. una volta nella HOME del sito dell INPS, cliccare > Tutto INPS > Prestazioni > Prestazioni a sostegno del reddito > L assegno per il nucleo familiare > TABELLE e, quindi, aprire e consultare la tabella che interessa. Al riguardo, riportiamo la numerazione e descrizione delle tabelle riferite alle diverse tipologie dei nuclei familiari beneficiari degli A.N.F. Numero Tabella Tipologia del nucleo familiare (alle fasce di reddito complessivo annuo corrispondono misure differenziate di assegni, a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare) 11 Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui non siano presenti componenti inabili. 12 Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui non siano presenti componenti inabili. 13 Nuclei familiari orfanili composti solo da minori non inabili. 14 Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile. 15 Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con un solo genitore, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile. 16 Nuclei familiari orfanili composti da almeno un minore in cui sia presente almeno un componente inabile. 19 Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili. 20/A Nuclei familiari con entrambi i coniugi e senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile). 20/B Nuclei monoparentali senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile). 21/A Nuclei familiari senza figli (in cui non siano presenti componenti inabili). 21/B Nuclei monoparentali senza figli con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili). 21/C Nuclei familiari senza figli (in cui sia presente almeno un coniuge inabile e nessun altro componente inabile). 21/D Nuclei monoparentali senza figli con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui solo il richiedente sia inabile). N.B. Le tabelle riportano la misura intera mensile dell A.N.F.; l ammontare giornaliero dell assegno si ricava dividendo tale misura per 26. Quello settimanale si ricava moltiplicando per 6 (per 12, quello quattordicinale) il valore dell assegno giornaliero. La misura dell assegno quindicinale è a pari al 50% di quella mensile. 16

17 NUMERO DEI COMPO- NENTI IL NUCLEO FA- MILIARE: ALLEGATO 3: alcune esemplificazioni. Nucleo familiare A Nucleo familiare B Nucleo familiare C 3 persone: coniuge separato, con 1 figlio e 1 figlia minori. 4 persone: marito e moglie, con 2 figli minori. 3 persone: marito e moglie, con 1 figlia minore disabile. COMPOSIZIONE DEL REDDITO COMPLES- SIVO FAMILIARE AN- NUO DEL 2007: R. lavoro dipend ,00 R. da fabbricati 2.000,00 R.t ass.allla fonte 1.800,00 TOTALE ,00 Il 70% del reddito complessivo di è ; poiché il reddito da lavoro dipend. è superiore, il nucleo rientra fra gli aventi diritto all A.N.F., se previsto dalle tabelle in vigore. R. lavoro dipend ,00 R. da fabbricati 3.000,00 R. d impresa ,00 TOTALE ,00 Il 70% del reddito complessivo di è ; poiché il reddito da lavoro dipend. è inferiore, il nucleo non rientra fra gli aventi diritto all A.N.F. R. lavoro dipend ,00 R. da fabbricati 1.500,00 TOTALE ,00 Il 70% del reddito complessivo di è ; poiché il reddito da lavoro dipend. è superiore, il nucleo rientra fra gli aventi diritto all A.N.F. PER FARE LA RICHIE- STA SERVE PREVEN- TIVA AUTORIZZAZIO- NE DA PARTE INPS? COME FARE LA RI- CHIESTA: NUMERO DI TABELLA A.N.F. IN VIGORE SE- CONDO LA TIPOLO- GIA DEL NUCLEO: DOVE INDIVIDUARE IL VALORE DELL A.N.F. SPETTANTE: Sì. Si presenta domanda all ente con Mod.ANF 42, cui allegare: stato di famiglia o autocertificazione sostitutiva, copia della sentenza di separazione, dichiarazione di responsabilità del coniuge separato, copia del doc. d identità. L INPS invia Mod. ANF43. Si compila il Mod.ANF/DIP, corredato con stato di famiglia, Mod.ANF43, copia del doc. d identità. Tabella n.12 - Nuclei con un solo genitore e almeno un figlio in cui non siano presenti componenti inabili. A pag.9 della Tabella n.12, in corrispondenza della fascia di reddito , ,40, a colonna 3 è riportato il valore di 72,68. Nota sul Nucleo Familiare C: Poiché il reddito da lavoro dipendente del Nucleo C è dato dalla sommatoria dei redditi dei due coniugi ( il totale del marito e il totale della moglie), gli stessi dovranno decidere chi dei due debba inoltrare la richiesta per l A.N.F. in quanto per uno stesso nucleo familiare, non può essere concesso più di un assegno. Sì. Si presenta domanda all ente con Mod. ANF42, cui allegare: stato di famiglia, documentazione sanitaria che attesti la difficoltà della figlia oppure Mod.SS3/AF compilato dal medico di famiglia, dichiarazione di responsabilità del coniuge, copia del doc. d identità. L INPS invia Mod. ANF43. Si compila il Mod.ANF/DIP, corredato con stato di famiglia, Mod.ANF43, copia del doc. d identità. Tabella n.14 - Nuclei con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile. A pag.10 della Tabella n.14, in corrispondenza della fascia di reddito , ,90, a colonna 3 è riportato il valore di 47,16. ASSEGNO EROGATO PER IL PERIODO DAL AL : 72,68 mensili. Tale importo verrà erogato dal datore di lavoro con la retribuzione mensile per un totale di 12 mensilità 47,16 mensili. Tale importo verrà erogato dal datore di lavoro con la retribuzione mensile per un totale di 12 mensilità. 17

18 APPENDICE 1 - Assenze dal lavoro per le quali viene riconosciuto l assegno per il nucleo familiare. Causa dell assenza Periodo per cui spetta l assegno (vedi Circolare INPS n.110 del ) FERIE E FESTIVITA MALATTIA ( * ) INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE ( * ) CURE TERMALI ( * ) GRAVIDANZA E PUERPERIO ( * ) RICHIAMO ALLE ARMI CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER FIGLI DISABILI (art.33, commi 2 e 3, Legge 104/92) Spetta come se fosse prestazione lavorativa.. Spetta per tutto il periodo in cui è corrisposta la relativa retribuzione o l indennità di malattia riconosciuta dall INPS (in quest ultimo caso, per un massimo di 180 giorni per anno solare ( ** ). Nelle situazioni indennizzabili secondo le norme dell assicurazione obbligatoria, spetta per un massimo di 3 mesi. In tutti gli altri casi, spetta secondo le regole delle malattie comuni. Spetta per il periodo coperto da retribuzione o indennità. Spetta per il periodo di astensione obbligatoria, facoltativa (anche per i casi di adozione o affidamento preadottivo), allattamento e malattia del bambino fino a 8 anni di età. Spetta per il periodo coperto da retribuzione anche parziale o da indennità INPS. Spetta per tutto il periodo coperto da retribuzione o da indennità INPS. Spetta come se fosse prestazione lavorativa ( circolare INPS n.199 dell 1 ottobre 1997). PERMESSI SINDACALI E PER FUNZIONI PUBBLICHE ELETTIVE PREAVVISO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Spetta come se fosse prestazione lavorativa (per le aspettative l assegno è erogato dall INPS). Spetta anche nel caso in cui il periodo di preavviso non sia lavorato. Spetta come se fosse prestazione lavorativa. ( * ) La corresponsione dell assegno è subordinata all esistenza di un rapporto di lavoro subordinato di almeno una settimana (6 giorni lavorativi); ( ** ) Se la malattia è causa d interruzione del rapporto di lavoro, l assegno è corrisposto per la durata della malattia stessa fino ad un massimo di tre mesi. 18

19 APPENDICE 2 - Adempimenti del datore di lavoro per l erogazione dell A.N.F. al dipendente che ne faccia richiesta. Il datore di lavoro riceve la richiesta (Mod. ANF/DIP) corredata dall eventuale documentazione. Controlla il tutto e verifica che il reddito familiare sia composto per almeno il 70% da quello di lavoro dipendente. Se c è il requisito reddituale: Se non c è il requisito reddituale: Verifica che il nucleo familiare, con riferimento alla sua tipologia ed al suo reddito complessivo, determini il diritto all assegno. Trattiene agli atti tutta la documentazione, senza riconoscere il diritto all assegno. In caso positivo: In caso negativo: Individua il valore dell A.N.F. spettante, corrisponde gli assegni unitamente alla retribuzione del periodo di paga interessato (o come arretrati) e archivia tutta la documentazione. L A.N.F., se richiesto (Mod.ANF/PREST 559), viene pagato direttamente al coniuge del dipendente. Trattiene agli atti tutta la documentazione e non procede all erogazione dell assegno. Pone a conguaglio gli importi anticipati attraverso il Mod.DM 10/2. 19

20 Quaderni della FISAC-CGIL in UniCredit Group - n.5/feb La gelata economica e sociale è destinata a durare a lungo ma dobbiamo cercare di superarla insieme Per meglio comprendere le vicende sindacali della tua Azienda, del Gruppo UniCredit, del settore ed a livello generale, non dimenticare di consultare i siti:

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare

L'assegno per il nucleo familiare L'assegno per il nucleo familiare A CHI SPETTA L'ASSEGNO AL CONIUGE I REQUISITI PER QUALI PERSONE SPETTA LA DOMANDA CHI PAGA L'ASSEGNO IL RICORSO ASSEGNO DI SOSTEGNO LIMITI DI REDDITO ANNUO TABELLE E'

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD.

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD. Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal Variazione situazione nucleo familiare dal ALL AZIENDA al (gg/mm/aaaa) PROTOCOLLO (gg/mm/aaaa) CITTADANZA RESIDENTE TELEFONO* CELLULARE* E-MAIL* Stato

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 05.06.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Moduli per l assegno al nucleo familiare

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101 Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al 30/06/2012 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom ALL AZIENDA PALLINO CSS CENTRO

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 104 05.06.2015 Assegno per il nucleo familiare: i livelli reddituali 2015/2016 Aggiornati i nuovi livelli reddituali dell ANF

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01-07-2012 al 30-06-2013 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom Variazione situazione

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010

ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010 Prot. n. 5_563_PUBBLICO_IMPIEGO Roma, 31 maggio 2010 Info Pubblico Impiego n. 67 ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010 L assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005.

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. Assegni familiari Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. A chi spettano - Dipendenti in attività - Dipendenti in aspettativa retribuita per malattia o maternità - Dipendenti

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare

Assegno per il nucleo familiare L E G U I D E Assegno per il nucleo familiare Premessa La legge prevede alcuni sostegni al lavoratore, al pensionato e alle loro famiglie. Tra questi c è l assegno per il nucleo familiare. Si tratta di

Dettagli

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l.

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l. Protocollo Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016 (gg/mm/aaaa) Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) ALL'AZIENDA Nome Cognome Codice fiscale Nato/a

Dettagli

A cura della Segreteria di Gruppo

A cura della Segreteria di Gruppo Miniguida A cura della Segreteria di Gruppo Gli assegni per il NUCLEO FAMILIARE Chi ne ha diritto e come richiederli aggiornamento LUGLIo 2015 SOMMARIO Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare?...

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 Servizio Autonomo Personale Area Amministrazione Economica Risorse Umane Tel 0817953725/30 Fax 0817953875 A DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE (compilare

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) (gg/mm/aaaa) LL'ZIEND CITTDNZ RESIDENTE TELEFONO* CELLULRE* E MIL* Stato civile del richiedente

Dettagli

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 Direzione Generale Servizio Personale U.O. Trattamento Economico PROT.GEN.N.44751 CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 In esecuzione del

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA Dal 1 gennaio 2013 il requisito dell età, 65 anni per le donne e gli uomini, per ottenere l assegno sociale è soggetto all incremento della

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon Struttura Complessa Risorse Umane - Ufficio Trattamento Economico tel. 081 220 5207/5223/ 5317 fax 0812205319/5207/5317 o ATTRIBUZIONE DELL

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI Numero 19 aprile 2011 L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI La Gazzetta Ufficiale n. 48 del 28 febbraio 2011 ha riportato il comunicato del Dipartimento per le politiche della famiglia presso la Presidenza

Dettagli

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE Guida agli ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE A cura del Centro Studi Iulius Herodes edizione chiusa in tipografia agosto 2014 ISO-BARE 20007 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Pag. 4.REGOLE GENERALI Pag. 5.NUCLEO

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

Regolamento Sanimpresa

Regolamento Sanimpresa Regolamento Sanimpresa Art.1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina il funzionamento della Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa (SANIMPRESA) costituita in favore dei dipendenti

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 L SOTTOSCRITT NATO/A A IL RESIDENTE IN CAP VIA N. CODICE FISCALE TEL. STATO CIVILE: CELIBE/NUBILE CONIUGATO/A DIVORZIATO/A SEPARATO/A LEGALMENTE ED EFFETTIVAMENTE

Dettagli

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima»

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 30/11/2015 2 La quattordicesima Fonti istitutive D. Legge 81/2007 art. 5

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Circolare N. 15 del 29 Gennaio 2015

Circolare N. 15 del 29 Gennaio 2015 Circolare N. 15 del 29 Gennaio 2015 Assegni familiari - per i dipendenti di aziende cessate o fallite richiesta solo telematica dal 01.01.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

INPS: ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE

INPS: ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 04/06/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Simone Parola Gianluca Tomasello Valeria Valdiserri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione

Dettagli

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA Regione Siciliana FONDO PENSIONI SICILIA Fondo per il pagamento del trattamento di quiescenza e dell indennità di buonuscita del personale regionale Viale Regione

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015 GIUGNO 2014 Suppl. al n. 1 marzo 2014 di Bergamo Cisl - Anno XXXIV - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore:

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

Dall analisi dei suoi redditi, l importo attuale della sua pensione risulta corretto e, pertanto, è confermato.

Dall analisi dei suoi redditi, l importo attuale della sua pensione risulta corretto e, pertanto, è confermato. Mod.RispRED C 1 LA PENSIONE NON AUMENTA PER IL FUTURO E CI SONO CONGUAGLI PER IL PASSATO (VALIDATI) Roma, 19 ottobre 2004 Al sig. Mario Rossi via del Corso, 1 Gentile Signore/a, abbiamo ricevuto la sua

Dettagli

REGOLAMENTO. per la corresponsione dell indennità di maternità. Articolo 1 Indennità di maternità

REGOLAMENTO. per la corresponsione dell indennità di maternità. Articolo 1 Indennità di maternità REGOLAMENTO per la corresponsione dell indennità di maternità Articolo 1 Indennità di maternità Agli iscritti di sesso femminile compete l indennità di maternità nella misura e nel rispetto dei termini

Dettagli

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 95 Giugno 2014 Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione La circostanza che Previdenza flash abbia pubblicato, nelle

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

3. Maternità e Paternità in

3. Maternità e Paternità in 3. Maternità e Paternità in CONDIZIONE NON PROFESSIONALE o CON RIDOTTI TRATTAMENTI ECONOMICI La legge prevede forme di tutela anche per le madri che non lavorano al momento del parto (o dell ingresso in

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Simone Parola Gianluca Tomasello Valeria Valdiserri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione

Dettagli

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A)

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A) 378 Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni LAVORO (codice A) Codice INPS vecchio nuovo Descrizione della tipologia di reddito Dettaglio dei redditi Note 1 A1 Lavoro dipendente

Dettagli

Soggetti beneficiari

Soggetti beneficiari I trattamenti di famiglia sono prestazioni previdenziali accessorie (agli altri elementi della retribuzione o della pensione) erogate ai lavoratori e ai pensionati (su richiesta degli stessi) che, a causa

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Gentile_Cliente, pensando di fare cosa gradita, lo studio Di Cioccio Daniela, vi invia una circolare informativa, riguardante

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 26/07/2013 Circolare n. 114 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) PIAZZA DEL COMUNE PADRIA TEL. 079/807018 FAX 079/807323 - E MAIL :SOCIALE@COMUNE.PADRIA.SS.IT Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO BANDO: PROGRAMMA

Dettagli

GIUGNO 2015. Che cosa è

GIUGNO 2015. Che cosa è GIUGNO 2015 Numero 1 giugno 2015 di Bergamo Cisl - Anno XXXV - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore: Ferdinando

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

Terzo figlio: entro il 31 gennaio la richiesta al Comune di un assegno familiare di sostegno

Terzo figlio: entro il 31 gennaio la richiesta al Comune di un assegno familiare di sostegno CIRCOLARE A.F. N. 12 del 27 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Terzo figlio: entro il 31 gennaio la richiesta al Comune di un assegno familiare di sostegno Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli