it, il 14 Che cos'ir I'imperfetto Che cos'd l'i om-ore ved-ere -rre 1 a I 7 I I

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "it, il 14 Che cos'ir I'imperfetto Che cos'd l'i om-ore ved-ere -rre 1 a I 7 I I"

Transcript

1 t- l f t it, i l r, il 14 Che cos'ir 'imperfetto Mia nonna si chiamava Berta, aveva due cani e tre gatti. oattie i cani erano bellissimi. L'imperfetto si usa per descrivere person e, a ni mal i, og getti, u ogh i, situazioni nel passato. om-ore ved-ere -rre to am-avo ved-evo -rvo u am-avl ved-evi. V lui/lei/lei am-ava ved-eva -tva noi am-avamo ved-evamo r-tvamo vot am-avate ved-evate -ivate oro am-avano ved-evano apr-ivano n Che cos'd l'i Guarda le parole scritte in MATUSCOLO e sottolinea solo i verbi all'imperfetto. Una volta... Quando ERO piccola TUTT mi DCEVANO che SEMBRAVO mio fratello, ma io non ERO contenta, prima di tutto PERCHE lui enr un maschio e poi PERCHE mio fratello non mi PACEVA. ERA antipatico e non VOLEVA mai GOCARE con me, mi FACEVA SEMPRE gli scherzi e RDEVA di me con i suoi amici. E tu: ANDAV d'accordo con tuo fratello o con TUA sorella? 1 a 7 a t {! t 92

2 La forma dell'imperfetto Da bambina giocavo con le bambole. Una volta i ragazzi leggevano piir libri e guardavano meno rv. leri sera non riuscivo a dormire oer il caldo. Quando avevo dieci anni il sabato andavo sempre al cinema. Aldo e Giorgio venivano spesso a trovarmi. Quositutti iverbi honno un imperfetto regolare. Stamattina c'era il sole ma faceva freddo. Non ho capito che cosa diceva Carlo. Quando ero piccolo bevevo molto latte. verbi essere,fare, dire e bere hanno u n i m perfetto i rreg ol are. lui/lei/lei noi oro fare facevo facevi faceva facevamo facevate facevano ui/lei/lei vot loro dicevano bere bevevo bevevi beveva bevevamo bevevate bevevano La forma dell'imperfetto n Scegli la forma corretta dell'imperfetto. f ; (r' M i a n o n n a... Mia nonna mi racconta sempre che quando lei ero/era giovane e vivevi/viveva in campagna la vita non erano/era molto facile. contadini mangiavamo/mangiavano carne solo una volta la settimana, quando eravate/erano fortunati. E di solito ero/era carne di coniglio allevato da loro. giovani doveva/dovevano aiutare in casa e solo le famiglie meno povere potevano/potevate permettersi di far studiare qualche figlio. 93

3 scegli lo formo corretto del verbo e decidi se le frasi sono vere o false' Fotti aiutore dai compagnl Un Po'd'arte,A *1 \\*r-" --.- n Z- ''js' 1. Le piramidi erano/eri le tombe dei re egizi. 2. fenici avevano/avevate un tempio bellissimo chiamato Partenone' E 3. Picasso era/ero un famoso scultore' X 4. Pittorifiamminghi erano/ero un gruppo di pittoridi Milano. S. ta Tour Eiffel, a Parigi, era/erano famosa giit nel n 6. Prima dell'eruzione del Vesuvio, PomPei rappresentavi/rappresentava un importante centro romano commerciale e culturale con moltissimi affreschi e opere d' arte' 7. Nell'antica Roma si trovava/trovavano molti monumenti. n 8. Monet e Renoir erano/eri pittori francesi. n 9. La Venere di Milo aveva/avevo tre braccia. lo.gliaztechi costruiva no/costruiva templia forma di piramide. *\* 94

4 Mett i verbi all'imperfetto. Leggende italiane Liguria. Secondo una leggenda, ad Alassio, una cittadina della Liguria, mofto tempo fa (vivere) alcune streghe ch iamate "bazu re'j Nele notti d i tem pesta, le streg he (ritrova rsi) sulla spiaggia, (mettere) in mare le barche che i pescatori avevano lasciato e(andore) verso, Africa. Primade, a ba, perd,( tornare)- con enormi quantiti di datteri. Lombardia (Valtellina). Ancora oggi nel paese di Primolo d tradizione toccare il vetro che protegge l'immagine della Madonna di Primolo. nfatti, un tempo fe ragazze che non (trovare) marito (chiedere) l'aiuto della Madonna in questo modo. i'..$ Calabria. Secondo una leggenda, nelle grotte alla base del monte Riventino una volta (vivere) delle fate. Queste fate (voler e ) - c o s t r u i r e u n a c h i e s a s u m o n t e p e r c h 6 ( e s s e r e ) mofto religiose. Solo un comunicare con le fate. (Essere) il ragazzo che ogni giorn o ( p o r t o r e ) - i p r a n z o a g i u o m i n i c h e ( l a v o r a r e ) affa costruzione della chiesa. Ogni giorno il ragazzo (parlare) con le fate e poi (andare) a dare ai muratori le istruzioni per costruire la chiesa. Ma gli uomini, che (essere) -curiosi e (volere) vedere le fate, uccisero i ragazzo, che( cercare)- diprotegger e. Daque giorno nessuno ha piir visto le Ej:at :n 95

5 ila 'll, '-i Uso dell'imperfetto a. Da bambina avevo icapellibiondi. Faceva cosi freddo ieri! L' i m perfetto si u sa nor ma m ente: in una descrizione fisica o atmosferica; b. D'estate andavamo al mare tutti i giorni. Ricordo che disolito dicevi molte bugie. Non sono venuto perch6 ero triste. Anna non si sentiva bene ieri. b. per indicare una ripetizione o un'obitudine c. per una descrizione psicologica, uno sensazione un sentimento: d. C'era una volta un re che aveva una figlia bellissima. d. all'inizio di una favola: e. Stavate mangiando? Stavano per uscire quando siamo entrati. e. con le espressionistare + gerundio e stare per; f. Mentre guardavamo la TV d saltata la luce. f. dopo la parola mentrc; 9. Aspettavo l'autobus gii da mezz'ora quando d passato mio padre in macchina. Anna era in casa e leggeva ilgiornale. g. quando si esprime un'azione continuata, che non d finita o non e stota limitata neltempo. leri ho studiato tutto il giorno. Abbiamo lavorato dalle 9 alle 5. ln caso di un'azione delimitata nel tempo, si preferisce usare il passato prossimo. Uso dell'im ) n Trova i verbi all'imperfetto e al passato prossimo e scrivili nella tabella con l'infinito, come negli esempi, Una nascita nella famiglia Rossi Mio fratello Giacomo d nato il4 marzo,di giovedi. Era un giorno caldo e c'era un tempo cosi bello che sembrava primavera. Subito dopo la nascita la mia mamma l'ha voluto vedere e lo ha tenuto un po'li con s6. Mi ha detto che Giacomo sembrava un cantante rock perch6 aveva sulla testa un ciuffo di capelli lunghi e neri. Per fortuna era tranquillo e non piangeva. Mentre la mamma si trovava all'ospedale, io e papir eravamo a casa e aspettavamo una telefonata dall'ospedale. Papd era nervosissimo!!! Appena d arrivata la buona notizia mi ha chiamato, siamo usciti di casa di corsa e siamo andati a vedere la mamma e il nuovo arrivato. Per strada si d fermato a comprare un mazzo di fiori e una scatola di cioccolatini. Quando finalmente siamo arrivati all'ospedale abbiamo salito le scale di corsa e, per la confusione, papi e entrato nella stanza sbagliata, dove non si d accorto che la donna che stava nel letto non era la mamma. Le d andato vicino per baciarla, ma quando ha visto che la pancia era ancora grossa e che la donna era bionda e non castana, si d scusato ed 96

6 d uscito dalla stanza. lo ho riso tanto, non smettevo pir) di ridere. La mamma si trovava nella stanza accanto e Giacomino era li con lei, addormentato nella culla. Papi era tutto emozionato e la mamma sorrideva perchd era contenta. La mamma mi ha abbracciato e mi ha detto: "Vai a vedere Giacomo come ti assomiglia!" lo allora ho guardato nella culla e ho visto un affare tutto rosso, grinzoso e anche peloso' Mi d preso un colpo: se quello mi assomigliava allora anche io ero proprio un mostro!!! erw (ue.e.ro) ti lr l il ir f; L " Passato prossimo o imperfetto ll passato prossimo e 'imperfetto sono due tempi che si usano in modo diverso per porlare di azioni possate. Da bambino andavo in vacanzall,isola d, Elba. leri ho studiato fino alle 6. L'imperfefto si usa per raccontare u n'esperi e n zo abituo e nel passato. ll passato prossimo si usa per raccontare un'esperienza passata e finita che d awenuta una o pii volte, ma non in modo abituole. 97

7 1*.." i{ t--,- Molte volte il passato prossimo e 'imperfetto vengono usati insieme in una frase o in un testo. Passato prossimo + passato prossimo Per roccontare ozioni successive ovvenute una dopo l'altra: leri prima ho stirato, poi ho guardato un film in TV. ho stirato + ho guardato (azione l) (azione 2) lmperfetto + imperfetto Per descrivere situazioni che si sono svolte in modo parallelo: Mentre stiravo, guardavo la W. stiravo guardavo la TV (azioni parallele) lmperfetto + passato prossimo L'imperfetto rappresento la situozione, lo sfondo, mentre il passato prossimo d l'ozione,che si inserisce nello sfondo: Mentre stiravo, i suonato il telefono. stiravo (situazione) d suonato iltelefono (azione) Passato prossimo o imperfetto Alcuniverbi cambiano significato quando sono usoti al passato prossimo o all'imperfetto. a. Dovevo studiare ma sono andata al cinema. (e forse ho studiato o forse no) Mia sorella ha risparmiato per un anno perche voleva comprare un motorino. (e forse lo ha comprato o forse no) Non potevo rispondere al telefono, ero sotto la doccia. (e forse ho risposto o forse no) b. leri ho dovuto studiare 3 capitoli di storia. (e li ho studiati) leri non ho voluto allenarmi perche non stavo bene. (e non mi sono allenoto) Non siamo potuti andare al cinema perche non ci bastavano i soldi. (e non ci siamo andati) Dovere, potere e volere (verbi servili): a. quando sono usati all'imperfetto i nd i ca no u n' i n certezza (l' azione forse d accaduta e forse no); b. quando sono usoti al possato prossimo l'azione i accaduta sicuramente. 98

8 ' ' ' t ' -, : - :. a. Conoscevi Lisa dalle elementari? b. Ho conosciuto tuo fratello ieri.!:s.**s ::i;:'rr:;i*;.13i1?,ii::;:;;;i;s{k&r. Conoscere: a. quando i usoto all'imperfetto significa "conoscere qualcuno da molto tempo"; quando i usato ol passato prossimo significa che mi hanno presentoto qualcuno, che ho incontrato qualcuno per la prima volta. #*:,:*:i:lii,#!*-lr*':?ri:adtsg*li:i,:,.:"si**]:*#,ii*x:..,.::.;:. a. Lo sapevi che ho ilvideo di Eminem? b. Ho conosciuto tuo fratello ieri. b. Ho appena saputo che hai fatto due gol domenica! arr. a. Sapere: quando d usato all'imperfetto significa "conoscere a cosa da molto tempo"; quando d usato al passato prossimo significa "conoscere una cosa per mezzo di qualcun altro'i Passato prossimo o Completa il testo scegliendo il tempo verbale adeguato. Pappagallo cercasi,l t Un pappagallo d scappato di casa: succedeva/i successo cinque giorni fa a Milano. proprietari, il signor Mario e sua moglie Rosa, sono disperati. ll signor Mario ci parla di lui :,,Si chiama Ugo, d verde ma non so di che razza sia. Per noi d come un terzo figlio. Era/Sono stato dei miei zii. Quando morivano/sono morti io e mia moglie decidevamo/abbiamo deciso di prenderlo: da quel momento abitava/ha abitato sempre con noi, per sette anni. Non parlava/ha parlato molto: sapeva/ha saputo ripetere solo due parole: Ugo, il suo nome appunto, e Rosa, il nome di mia moglie. Di solito in casa lo lasciavamo/abbiamo lasciato libero. Giovedi scorso, per un colpo d,aria, la finestra si apriva/si i aperta e lui volare/i volato via. Era impossibile non volergli bene: si metteva/si i messo sulla mia spalla e mi dava/miha dato i bacini,,. Mario e Rosa sono decisi a ritrovare il loro pappagallo. Cosi preparavano/hanno preparato un cartello: "Lauta mancia a chi trova pappagalloifacevano/hanno fatto 200 fotocopie e le mettevano/hanno messe in tutta la zona. Finalmente, sabato ricevevano/hanno ricevuto qualche telefonata: due persone lo vedevano/hanno visto sopra l'autolavaggio di Viale crispi e in via Varese. euindi deve essere ancora in zona: allora basta andare li e urlare: "Ugoooooo...', 99 (adattato da Corriere dello Sera\ 'li

9 l'l l l l l L\ U { - t Z Passato prossim o imperfetto? Scegli ta forma conetta del verbo. 1. Sapevo/Ho saputo proprio ora che Anna ha telefonato. 2. Nessuno ha invitato/invitava Franco alla festa di carnevale, e cos'r d rimasto da solo a casa. 3. A quei tempi Sonia non ha conosciuto/conoscevancora Maria. 4. Sergio d triste perche sapeva/ha saputo che non ha passato 'esame. 5. Non dovevi/hai dovuto lasciare la porta aperta! Ora il gatto d scappato. 6. Da bambina non ho potuto/potevo uscire da sola. 7. Mi dispiace, ma ho avuto cosi tanto da fare che non ti sono venuto/venivo a trovare! 8. mieigenitoriconoscevano/hanno conosciuto Pino a una festa di Carnevale. 9. Volevo/Ho voluto telefonarti ma non avevo soldi nel cellulare. 10. Per punizione oggi dovevo/ho dovuto restare tutto il giorno in casa.nvece sono uscito! 11, ragazzi della 3a C dovevano/hanno dovuto fare una gita a Roma ma poi hanno deciso di andare a S. Marino con la 3a A. 12. Dawero Franca ha cambiato casa? Non lo ho saputo/sapevo! 13. Sapevo/Ho saputo da Susiche Franca ha cambiato casa. Passato prossimo o imperfetto? Mefti i verbi al tempo giusto e indovina il nome della statua Fatti aiutare dai tuoi compagni, Un'opera d'arte italiana Finoa 1783(essere)-inPiazzade asignoria,afirenze,doveorac,d una copia. Q u a n d o M i c h e a n g e o a ( s c o p i r e ) - ( v o l e r e ) r a p p r e s e n - tare l'uomo che si ribella alla violenza dei potenti. Per questo (pensarel di rappresentare questo eroe della Bibbia, che con una fionda (sconfiggere) il gigante Golia. Sai che statua d? Se non conosci il nome di questa statuo, scegli le frasi corrette. Le leftere che corrispondono olle correfte ti daranno la risposta, J 1. Sapevo appena ora della partenza dimario. 2. Ho saputo appena ora della partenza di Mario. 3. Mentre dormivo sono entrati i ladri. 4. Mentre ho dormito sono entrati i ladri. 5. Ho studiato inglese per 5 anni. 6. Studiavo inglese per 5 anni. 7. Paola conosceva la sua migliore amica su nternet. 8. Paola ha conosciuto la sua migliore amica su nternet. 9. Oggi volevo andare in centro, ma non ho fatto in tempo. 10. Oggi ho voluto andare in centro, ma non ho fatto in tempo. La statua d il P D A A V D o D V 100

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

A Era un pacco con un fiocco. Pagina introduttiva

A Era un pacco con un fiocco. Pagina introduttiva Pagina introduttiva Tema Lessico Materiale necessario Raccontare Argomenti di conversazioni Alcune fotocopie della pagina introduttiva (da cui siano stati tolti tutti i testi e lasciate solo le foto, ognuna

Dettagli

QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO

QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO QUELLA VOLTA IN CUI SONO STATO CONTENTO PROPRIO CONTENTO Nel Natale 2005, quando avevo quattro anni, ho ricevuto la mia prima moto. I miei genitori avevano chiamato un signore di Gatteo che si era travestito

Dettagli

SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO

SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO I bambini di classe 3 a Scuola primaria Mancini Quadrellara Marina di Pietrasanta SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO Raccolta di tanti testi A cura di Monica Bianchi Veronica Panichi Quadrellara,

Dettagli

Tu sol pensando o ideal, sei vero

Tu sol pensando o ideal, sei vero Tu sol pensando o ideal, sei vero Nella semplicità del mio cuore lietamente Ti ho dato tutto di Enzo Piccinini La notte del 26 maggio è morto Enzo Piccinini, chirurgo e responsabile di Comunione e Liberazione,

Dettagli

3. Qual è il libro che ti ha cambiato la vita?

3. Qual è il libro che ti ha cambiato la vita? 1. Leggere è Come completereste la frase qui sopra? Scrivete almeno tre cose e poi parlatene con il vostro vicino, motivando le vostre scelte. 2. Incontro con l autore a. Osservate la foto: secondo voi,

Dettagli

CHI HA PAURA DEI FANTASMI?

CHI HA PAURA DEI FANTASMI? CHI HA PAURA DEI FANTASMI? di Roberto Barbero Qualche volta i fantasmi non sono soli Guardando da una finestra del castello di Agrate, Arrigo vide passare una strana figura. Cosa? Un fantasma? gridò spaventato.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme Percorsi interculturali di apprendimento linguistico Io e gli Altri...... In viaggio insieme 18 Io e gli Altri Attività rivolte a studenti di livello A1 1. PRESENTIAMOCI! Obiettivi generali: conoscenza

Dettagli

Paulo Coelho lo Zahir. Traduzione di Rita Desti. Oh Maria concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi. Amen.

Paulo Coelho lo Zahir. Traduzione di Rita Desti. Oh Maria concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi. Amen. Paulo Coelho lo Zahir Traduzione di Rita Desti "Chi di voi avendo cento pecore ne perde una, non lascia le altre novantanove nel deserto e va in cerca di quella smarrita, finché non la ritrova?" Luca 15,

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IL ROMANZO GLI AUTORI

IL ROMANZO GLI AUTORI IL ROMANZO Sette autrici e autori si sono dati appuntamento attorno a un unica frase da cui partire per raccontare storie accomunate soltanto dal fatto di svolgersi in un unica, limpida, giornata di sole.

Dettagli

Modulo 11. In viaggio. Presentazione del modulo

Modulo 11. In viaggio. Presentazione del modulo Modulo 11 In viaggio Presentazione del modulo In questo modulo, i protagonisti, cittadini italiani e stranieri, affrontano le tipiche situazioni di qualcuno che deve viaggiare. In particolare, le situazioni

Dettagli

Oggi Emma guarda il suo bambino nella culla e lo trova diverso, i suoi occhi hanno una luce diversa.

Oggi Emma guarda il suo bambino nella culla e lo trova diverso, i suoi occhi hanno una luce diversa. Emma ha 30anni, è una ragazza allegra e positiva, negli anni ha sempre mostrato con fierezza il suo bel sorriso ed ha affrontato la vita credendo che nulla potesse davvero andare male fino in fondo e che

Dettagli

parcheggio cani ammessi camera matrimoniale L albergo ideale Leggi le descrizioni degli alberghi e rispondi alle domande di pag. 47.

parcheggio cani ammessi camera matrimoniale L albergo ideale Leggi le descrizioni degli alberghi e rispondi alle domande di pag. 47. In albergo 1 Che cosa significa? Collega le parole ai disegni. b. frigobar bagno parcheggio a. c. camera singola cani ammessi e. doccia camera matrimoniale d. f. 2 L albergo ideale Leggi le descrizioni

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Albert Camus LO STRANIERO. Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987

Albert Camus LO STRANIERO. Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987 Albert Camus LO STRANIERO Titolo originale: L Étranger Traduzione di Alberto Zevi Casa Editrice: Bompiani Anno: 1987 > Digitalizzazione a cura di Yorikarus @ forum.tntvillage.scambioetico.org < PARTE PRIMA

Dettagli

PROFESSIONE GENTORI (Prima parte) Essere padre

PROFESSIONE GENTORI (Prima parte) Essere padre PROFESSIONE GENTORI (Prima parte) Essere padre Ci sono moltissimi tipi diversi di padri. Che tu appartenga ad una famiglia nucleare, ad una famiglia a gradini, abbia un'attenzione continuativa come genitore

Dettagli

Una famiglia speciale ed altri racconti...

Una famiglia speciale ed altri racconti... Una famiglia speciale ed altri racconti... Sappiamo tutti di quanto amore e dedizione abbia bisogno un bambino per crescere bene e quanto sia importante che possa contare sul calore e l affetto di una

Dettagli

Scusa ma ti chiamo amore

Scusa ma ti chiamo amore Scusa ma ti chiamo amore di Federico Moccia Capitolo 01 Notte. Notte incantata. Notte dolorosa. Notte folle, magica e pazza. E poi ancora notte. Notte che sembra non passare mai. Notte che invece a volte

Dettagli