Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde Gabriele Bovo Gruppo di lavoro Laboratorio Città Sostenibile Maria Bucci Annamaria Ventura Collaborazione Settore Gestione Verde Luca Valperga Collaborazione Laboratorio Città Sostenibile Architetti Tutor

2 PIANO STRATEGICO DELLE AREE GIOCO URBANE RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre Perché un Piano per le aree gioco? L idea di elaborare un Piano per le aree gioco nasce nel 2004 all interno della collaborazione tra il Laboratorio Città Sostenibile ed il Settore Gestione Verde con l obiettivo di fornire una risposta concreta ai circa 5000 bambini e ragazzi delle scuole cittadine coinvolti nel progetto Torino, Città in Gioco. Un ampio percorso di lavoro sul tema della città dove è emerso con forza il tema del ripensare la natura e la qualità degli spazi urbani dedicati al gioco e alla socializzazione, destando molta attenzione da parte dei bambini e dei ragazzi e su cui si sono concentrate molte richieste. Questa esigenza di nuova qualità urbana riscontrata dal Laboratorio Città Sostenibile si è incrociata con la contestuale esigenza del Settore Gestione Verde di definire rinnovati strumenti per la pianificazione e la gestione delle aree gioco. Un obiettivo dettato dalla presenza sull intero territorio comunale ad ottobre 2009 di 269 aree attrezzate, per una superficie complessiva pari a circa metri quadrati, a cui vanno aggiunte le aree ancora in corso di realizzazione o in fase di progettazione per convenzioni in atto con operatori pubblici e privati. Una condizione strutturale che determina la presenza di attrezzature gioco in carico all Amministrazione e che impegna notevoli risorse destinate alla loro gestione. Da queste premesse, che non possono essere sottovalutate anche per le ricadute economicosociali determinate dalla vastità del fenomeno, e nata così l esigenza di condividere nuove strategie tra i diversi settori dell Amministrazione coinvolti per competenza al fine di poter programmare, progettare e intervenire in forma coordinata sul consistente parco delle aree gioco oggi di competenza comunale rispondendo, nel contempo, ad un ampia fascia di cittadini che richiede di migliorare la qualità di spazi molto diffusi ed utilizzati sul territorio. 2. Luoghi urbani a misura di bambino: una città sostenibile per tutti Per offrire una risposta strutturata al tema delle aree attrezzate al gioco il piano strategico per le aree gioco urbane si è configurato come un azione a carattere interdisciplinare nella quale sono confluiti un insieme di riflessioni per coniugare i diversi aspetti di natura tecnica, culturale, educativa e partecipativa legati al tema del gioco in città. L obiettivo principale perseguito è stato il dotarsi di uno strumento innovativo di pianificazione, nel quale siano ricompresi spazi pubblici ed aree di pertinenza scolastica, in grado di predisporre

3 le basi per la creazione di un sistema delle aree gioco urbane nel quale accogliere l esigenza di razionalizzare tutti gli interventi con adeguate garanzie di sicurezza strutturale e sociale, anche attraverso scelte coerenti con le necessità espresse dai principali fruitori di questi spazi urbani: i bambini, i ragazzi e le loro famiglie. Un piano strategico che, per la sua natura di strumento orientato a definire nuove modalità di gestione urbana, può essere anche una delle opportunità di sviluppo sostenibile coinvolgendo le competenze dei principali attori che ruotano intorno alla dimensione progettuale degli spazi gioco: i decisori, gli educatori, i tecnici e le numerose aziende che operano nel settore. In particolare uno dei concetti sul quale si fonda il piano strategico sullo spazio gioco in città è l assunzione di un modello urbanistico decisamente innovativo: assumere come parametro di qualità urbana le esigenze del cittadino bambino. Un modello ormai ampiamente condiviso dalla comunità scientifica più sensibile ai temi della sostenibilità urbana e che sta alla base delle azioni promosse dalla Città di Torino attraverso il Laboratorio Città Sostenibile, sperimentando azioni concrete di un urbanistica di prossimità frutto dell incrocio tra percorsi educativi, forme di pianificazione partecipata e disciplina urbanistica. Da questa specifica esperienza e in armonia con le numerose esperienze progettuali sperimentate a livello nazionale ed internazionale su nuove forme di organizzazione di spazi urbani a misura di bambino, nascono le linee guida ed i criteri d indirizzo che hanno orientato tutto il percorso per l estensione di un vero e proprio piano urbanistico dedicato agli spazi gioco. 3. La struttura del Piano per le aree gioco urbane La costruzione del Piano si è strutturata secondo diverse fasi che costituiscono il ciclo completo di pianificazione e delle azioni ad essa collegate: 3.1. Definizione degli indicatori di riferimento e prototipo di rilevazione In questa fase di avvio si è consolidato il metodo che ha permesso di definire la griglia degli indicatori che sono stati il sostegno per tutta la campagna di rilevazione partendo e interpretando le indicazioni contenute nella normativa europea UNI Gli indicatori sono stati individuati e selezionati per rilevare i diversi aspetti della qualità di un area urbana: la situazione ambientale, il livello di giocabilità, la percezione della sicurezza sociale, la qualità del contesto urbano. Le azioni realizzate in questa prima fase hanno consentito di definire la matrice, gli strumenti di rilevazione e il metodo di valutazione delle aree, che sono stati successivamente sperimentati sul campo per valutare l efficacia della metodologia di rilevazione e di valutazione della qualità percepita per i singoli spazi, che hanno portato alla messa a punto della scheda e degli strumenti da utilizzarsi nella campagna di rilevazione: 1. Identificazione dell area codice area; circoscrizione di appartenenza; nome assegnato; localizzazione toponomastica 2. Dimensionamento e caratteristiche generali dell area in base alle norme UNI art. 4.6 superficie area attrezzata; estratto cartografico dei limiti dell area verde e del perimetro recintato o dello spazio destinato al gioco attrezzato; superficie complessiva dell area verde in cui è ospitata l area gioco

4 3. Tipologia area sulla base della Tabella E del Regolamento del Verde di isolato (area verde sino a mq; area gioco non inferiore a 350 mq); di quartiere (area verde da a mq; area gioco non inferiore a 500 mq); di circoscrizione (area verde da a mq; area gioco non inferiore a 750 mq); urbana (area verde superiore a mq; area gioco non inferiore a mq) 4. Accessibilità e sicurezza dell area gioco in base alle norme UNI art. 4.1, 4.2, 4.3, 4.4, 6.2. valutazione delle caratteristiche degli accessi pedonali per raggiungere l area gioco; valutazione delle caratteristiche degli accessi ciclabili collocati sulle strade che costeggiano l area gioco; barriere architettoniche con rilevazione del livello di fruizione dell area e delle attrezzature gioco da parte di un utenza ampliata (adulti e bambini diversamente abili, adulti con passeggini ); presenza e tipologia delle recinzioni, presenza e tipologia della segnaletica; connessione con altre aree e livello di inserimento dell area nel più ampio sistema verde/gioco ed il possibile collegamento con altri spazi. 5. Giocabilità: spazi e attrezzature in base alle norme UNI art. 4.7, 4.8, 4.9, 4.10, 5 fascia di età a cui sono rivolte le attrezzature e soluzioni di gioco presenti all interno dell area; possibilità di gioco libero; numero e tipologia delle attrezzature gioco; situazioni di gioco alternativo alle attrezzature; superfici di impatto; qualità dello schema compositivo delle attrezzature gioco; presenza di spazi o di attrezzature sportive. 6. Spazi di socializzazione in base alle norme UNI art. 4.9, 4.11, 4.12, 4.13 Gli indicatori rilevano presenza, disposizione e caratteristiche degli elementi di arredo e dei servizi attinenti alle attività di sosta e socializzazione presso l area. 7. Qualità ambientale in base alle norme UNI art. 4.5, 5.1, 5.8 presenza, varietà e ricchezza degli elementi naturali presenti nell area; presenza di movimentazione del terreno; ombreggiature rispetto alla disposizione reciproca di elementi di gioco/arredo ed elementi arborei. 8. Qualità urbana Indicazione del contesto urbano e della presenza di elementi d importanza dal punto di vista storico/architettonico 9. Traffico veicolare livello del traffico veicolare nelle immediate vicinanze dell area gioco; presenza di altre fonti di inquinamento non dipese dal traffico veicolare 10. Fattori sociali mix sociale presente; livello di frequenza; percezione del livello di sicurezza sociale osservato durante la fase di rilievo o segnalato dai fruitori dell area. 11. Manutenzione in base alle norme UNI art. 7 indicatori del livello di manutenzione degli spazi e delle attrezzature presenti nell area 3.2. La campagna di rilevazione a scala urbana degli spazi dedicati al gioco Questa è stata la parte più impegnativa e consistente di tutto il percorso di estensione del Piano Strategico. Una fase durata tre anni, che ha coinvolto numerosi tecnici e che ha comportato una lettura diretta da parte dei rilevatori di tutte le aree attrezzate per il gioco, molte delle quali non cartografate o catalogate con precisione.

5 Sono state rilevate le 258 aree dislocate su tutto il territorio, per ognuna delle quali è disponibile la scheda di rilevazione, le immagini fotografiche panoramiche e di dettaglio, lo schema compositivo dell area e il numero di attrezzature presenti. Complessivamente sono state individuate 1313 attrezzature gioco e segnalate le dotazioni di arredo urbano o di altre attrezzature presenti su ogni area. Il risultato di questo lungo percorso è sintetizzato nelle schede e nelle tavole del Piano dedicate alla valutazione della qualità percepita : un analisi territoriale di dettaglio sullo stato complessivo delle aree gioco, classificate secondo un punteggio che pesa i diversi indicatori e li traduce in una scala di qualità dell area: ottima, buona, sufficiente, critica e molto critica. Premesso che la scala di giudizio è stata costruita in modo molto severo, dove per area ottima si intende uno spazio che somma una qualità molto alta di indicatori, di fatto già pensati in un ottica di valutazione futura delle aree, gli esiti a scala urbana possono ritenersi comunque soddisfacenti sullo stato complessivo delle aree: Aree rilevate 258 Di cui: Aree giudicate molto critiche Aree inadatte o da adeguare ai 4 requisiti PSAG Aree giudicate critiche Aree inadatte o da adeguare ai 82 requisiti PSAG Aree giudicate sufficienti Aree di livello Standard 113 Aree giudicate buone Aree adeguate ai requisiti PSAG 55 Aree giudicate ottime Casi esempio 4 Invece le tavole Localizzazione delle Aree riportano il censimento aggiornato ad ottobre 2009 di tutte le aree attrezzate per il gioco oggi attive e sottoposte a programmi di manutenzione ordinaria e straordinaria: Totale aree censite (ottobre 2009): Le 120 osservazioni al PSAG Come anticipato nel Progetto Preliminare le proposte del PSAG sono state presentate e sottoposte alle osservazioni dei civici settori competenti e delle Circoscrizioni. Gli esiti di questo articolato percorso sono state 112 osservazioni pervenute su questioni legate a scelte o indicazioni proposte dal Piano e 18 note di natura tecnica. Le 112 osservazioni sono state tutte controdedotte (vedi Report allegato)e quelle accolte hanno portato ad una complessiva revisione del Progetto Preliminare con l introduzione di nuove classificazioni, con un sistematico aggiornamento del patrimonio esistente e con l inserimento di tutte le aree oggi in fase di programmazione. 5. Le indicazioni del Piano Sulla base della valutazione qualitativa di ogni singola area, della sua posizione territoriale, della morfologia e delle caratteristiche ambientali, del contesto urbano e sociale nella quale è collocata, dei collegamenti ciclo-pedonali presenti e della vicinanza con punti sociali sensibili (scuole, centri collettivi, punti di aggregazione sociale, ecc.) e delle osservazioni raccolte, è stato costruito lo strumento di pianificazione per la riqualificazione, lo sviluppo e la manutenzione delle aree gioco urbane.

6 Gli esiti di questa fase sono raccolte nelle schede e nelle tavole di Piano che definiscono la proposta espressa per ogni singola area sia essa da realizzare, mantenere, riqualificare, potenziare, rilocalizzare o dismettere. Pertanto le indicazioni del Piano, nella stesura in forma definitiva, coinvolgono complessivamente 322 spazi, di cui 288 aree gioco e 34 cortili scolastici, per i quali è stato proposta un livello d intervento e una classificazione secondo diverse tipologie: 5.1. Tipologia di Piano Tipologia Area di Nuovo Impianto Area in Ambito Unitario NI Area in Ambito Unitario Area di Intervento Strategico Area di Intervento Prioritario Area di Intervento Secondario Area con Intervento Vincolato Area Consolidata Area in Rilocalizzazione Area Dismissibile o Temporanea Verde scolastico strategico Quantità Descrizione 19 Area inserita in programmi di realizzazione o proposta di nuova area di completamento 2 Area di Nuovo Impianto inserita in un ambito d intervento unitario con altre aree limitrofe 19 Area esistente inserita in un ambito d intervento unitario con altre aree limitrofe 11 Intervento ritenuto di particolare importanza per le particolari condizioni in cui versa l area o per le potenzialità ambientali e territoriali che possiede 27 Area ritenuta significativa per le sue caratteristiche morfologiche ed urbane con previsione di interventi integrati di riqualificazione di una certa entità 76 Area che necessita di interventi di non elevata entità (es. aggiungere o sostituire attrezzature, migliorare l arredo urbano, arricchire il sistema del verde) 11 Area che presenta livelli di criticità e la cui compatibilità ad una destinazione per l infanzia e l adolescenza è vincolata ad interventi di moderazione delle pressioni ambientali 103 Area che è stata oggetto di interventi recenti o che non presenta particolari esigenze d intervento 5 Area ritenuta inadatta ad accogliere un area gioco per aspetti dimensionali, ambientali o urbanistici e di cui si consiglia una rilocalizzazione in un ambito urbano limitrofo 15 Area ritenuta inadatta ad accogliere un area gioco per aspetti dimensionali, ambientali o urbanistici e di cui si consiglia una graduale dismissione 4 Struttura da inserirsi nelle realizzazioni previste nel quadro del progetto d intervento sui cortili scolatici con potenzialità per essere aperte al pubblico in forma controllata

7 Verde scolastico consolidato Totale aree PSAG Struttura già realizzata o inserita negli interventi previsti nel quadro del progetto sui cortili scolatici con potenzialità per essere aperte al pubblico in forma controllata 5.2. Tipologia Urbana Tipologia Quantità Descrizione Area di isolato 214 Dedicata prevalentemente ad un utenza residenziale e di prossimità Area di quartiere 27 Con potenzialità adatte ad accogliere un bacino d utenza a scala di quartiere Area di circoscrizione 12 Con vocazione ad assumere un ruolo urbano di rilevanza all interno della dimensione circoscrizionale Area di interesse urbano 11 Area con caratteristiche di interesse e di capacità attrattiva a scala urbana Area temporanea 12 Area con funzione temporanea in attesa di un intervento vincolato, di una sua rilocalizzazione o dismissione Area dismissibile 12 Area con proposta di dismissione Cortili scolastici 34 Verde scolastico consolidato e strategico Totale 322 In base ai risultati dell estensione preliminare del Piano rispetto all attuale stato di fatto, che comprende complessivamente 269 aree con una superficie attrezzata di metri quadrati, il Piano propone un sistema complessivo a chiusura della sua attuazione con 275 aree attrezzate (se non si calcolano le proposte di dismissione), con una superficie di progetto pari a metri quadrati. L intero sistema delle aree destinate al gioco, alla socializzazione comprende invece complessivamente 322 spazi tra aree gioco e cortili scolatici ritenuti strategici per un apertura pubblica controllata. Dal punto di vista statistico l attuale dotazione di metri quadrati per abitante con età compresa tra 0 e 14 anni (complessivamente ) pari a si passerebbe dagli attuali 2,41 metri quadri per abitante a 2,42 metri quadri per abitante in progetto, riequilibrando però gli standards nelle singole circoscrizioni (vedi allegato 6) 6. La definizione delle Norme di Attuazione del Piano Per rendere praticabile l attuazione del futura del Piano diventa essenziale produrre delle Norme di Attuazione che potrebbero confluire nella revisione del Regolamento del Verde Pubblico e Privato della Città di Torino, modificando e integrando quanto già definito dall articolo 65 Criteri per la progettazione e l allestimento di parchi e aree gioco. Gli elementi sui quali intervenire all interno del Regolamento possono essere così riepilogati:

8 Verifica e revisione della tabella E sulle dimensioni di riferimento per le aree gioco. Definire con maggiore chiarezza il tema delle recinzioni delle aree gioco e del loro rapporto con le recinzione delle aree verdi nelle quali sono inserite valutandone gli aspetti metodologici, normativi, funzionali, progettuali e dimensionali. Indicare le tipologie consigliate per la realizzazione delle superfici d impatto a seconda delle specificità dei diversi luoghi. Necessità di integrare nel progetto degli spazi ludici anche interventi di arredo urbano, di accessibilità pedonale/ciclabile e di qualificazione del sistema del verde. Incentivo all uso nella progettazione di materiali eco-compatibili o con caratteristiche ecoattive. Definizione di fasce di rispetto o di interventi di mitigazione per garantire requisiti minimi ambientali rispetto ad assi veicolari ad alta percorrenza o fonti di inquinamento elettromagnetico o acustico. Individuare caratteristiche e requisiti minimi del sistema di accessibilità urbana delle aree. Definire un piano triennale d intervento per l attuazione del piano. Modalità di presentazione e di approvazione dei progetti delle aree ludiche attrezzate. 7. Dal progetto definitivo all adozione Il Piano Strategico della Aree Gioco non è un obbligo normativo ma bensì una scelta dell Amministrazione di dotarsi di uno strumento di supporto alle decisioni. Pertanto non esiste una procedura consolidata da seguire per la sua approvazione. Ma resta comunque l esigenza di produrre un piano condiviso nelle sue principali scelte con gli attori istituzionali che ne dovranno fare uso, a tal fine l ipotesi di iter da seguire per l approvazione del progetto definitivo potrebbe essere la seguente: 1. Il Progetto Definitivo viene approvato dalla Giunta Comunale; 2. Il Progetto Definitivo entra in vigore e viene consegnato alle Circoscrizioni ed ai civici Settori competenti. 3. Viene istituito un Gruppo Tecnico a cui partecipano i Settori Civici competenti e i Settori Tecnici circoscrizionali che periodicamente (ogni sei mesi) verifica l attuazione e aggiorna le scelte del Piano. Conclusa la fase di procedura istituzionale, in coerenza con lo spirito che ha guidato l estensione del Piano, si aprirà una fase di presentazione pubblica dello strumento e degli esiti ottenuti proprio a partire dagli utenti principali, bambini e ragazzi, per i quali verrà avviato un percorso di coinvolgimento con forme di presentazione all interno delle Scuole. Contestualmente s intende avviare anche forme di incentivazione alla qualità progettuale delle aree ludiche e degli spazi dedicati all infanzia e all adolescenza in collaborazione con gli Ordini professionali e valutando, in alcuni casi, anche l uso del piccolo concorso di progettazione che privilegi la partecipazione di giovani progettisti. Infine le esperienze maturate potranno contribuire ad una campagna di sensibilizzazione su questi temi dedicata ad amministratori, tecnici ed operatori del settore.

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

COMUNE DI BERGAMO ALLEGATO 5 - PROPOSTA TECNICA DI CONTRODEDUZIONE AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BERGAMO ALLEGATO 5 - PROPOSTA TECNICA DI CONTRODEDUZIONE AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BERGAMO BE RGAMO AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA CI E TT A DEI MILL DIRIGENTE RESPONSABILE DI DIREZIONE ARCH. DARIO TADE GRUPPO DI LAVORO ARCH. DARIO TADE ARCH.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 150 del 09 agosto 2013 Procedura ad evidenza pubblica

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

Elaborati del Project Work

Elaborati del Project Work Elaborati del Elaborato 6 - Strategie ed indirizzi progettuali L elaborato definisce gli indirizzi e le grandi scelte progettuali per l intero quartiere in relazione al proprio contesto territoriale, oltre

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 23 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PIAZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ INDIRIZZI. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

Piano dei Tempi e degli Orari (PTO) Progetto Pilota Rione Vittoria

Piano dei Tempi e degli Orari (PTO) Progetto Pilota Rione Vittoria COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Assessorato Tempi della Città e Partecipazione Piano dei Tempi e degli Orari (PTO) Progetto Pilota Rione Vittoria Documenti tratti da: Dossier conclusivo terza fase luglio

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA INU Emilia Romagna Istituto Nazionale Urbanistica Summer School 2010 Cesenatico, 23-24-25 settembre 2010 IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA RELAZIONE GUIDO LEONI P.le Arturo Balestrieri

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE PROGETTO DEFINITIVO Adozione Deliberazione Programmatica: Delibera di Consiglio Comunale n. 3 del 30 gennaio

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE.

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. 1 ART. 1 OGGETTO DEL PROVVEDIMENTO Il presente provvedimento contiene le norme, le direttive e i criteri per l apertura, il trasferimento

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

Eugenio Morello, Politecnico di Milano (DiAP Laboratorio di Simulazione Urbana Fausto Curti )

Eugenio Morello, Politecnico di Milano (DiAP Laboratorio di Simulazione Urbana Fausto Curti ) Milano, 22 ottobre 2012 Bando di CONCORSO DI IDEE per STUDENTI POLIMI e UNIMI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI APERTI DEL CAMPUS BONARDI (area aperta antistante gli edifici Trifoglio, Nave e 12 del Campus

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura LIBRIAMOCI 2015 (-2018) PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura PREMESSA La presente proposta progettuale è stata elaborata come risposta all invito

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO Il Programma Integrato di Intervento in esame risulta procedibile ai sensi della Legge regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni in

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA E AL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA - Approvato

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "SFIDE"

AVVISO PUBBLICO SFIDE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana AVVISO PUBBLICO "SFIDE" STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIUSO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, STORICO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Comune di Piegaro AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano)

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano) PROGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE PARCO VIA AQUILEJA UBICAZIONE: AREA VERDE VIA AQUILEJA PROSPICIENTE LA SCUOLA DOCUMENTO: RELAZIONE TECNICA Opere: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Progetto Scuole in Movimento. Premessa

Progetto Scuole in Movimento. Premessa Progetto Scuole in Movimento Premessa Premesso che il Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca, di seguito denominato MIUR, ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, nel protocollo d intesa siglato

Dettagli

Comune di Arrone PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3

Comune di Arrone PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 Comune di Arrone AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO PUC 3 (D.G.R. 3 aprile 2013 n. 281) Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di interventi imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

LINEE GUIDA a.s. 2013/2014

LINEE GUIDA a.s. 2013/2014 LINEE GUIDA a.s. 2013/2014 L istituto Comprensivo 2 Anagni elabora percorsi formativi funzionali alla realizzazione del diritto ad apprendere che ogni alunno ha e alla crescita educativa di tutti gli alunni,

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIO EMILIA Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA I.D. n. 238 in data 20-09-2011 P.G. n. 16673 L'anno duemilaundici addì 20-venti- del mese settembre alle ore

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA Progetto del Centro Italiano della fotografia d'autore Il Centro Italiano della Fotografia d Autore è stato inaugurato il 28 maggio del 2005 su iniziativa del Comune di

Dettagli

Secondo Bando. Provincia di Roma

Secondo Bando. Provincia di Roma Provincia di Roma Programma per la formazione di interventi integrati di valorizzazione e sviluppo degli insediamenti storici della Provincia di Roma - PRO.V.I.S. 2007 Secondo Bando Programma per la formazione

Dettagli

Comunicazione e animazione locale: prima, durante e dopo la realizzazione della zona 30 di Torino Mirafiori Nord

Comunicazione e animazione locale: prima, durante e dopo la realizzazione della zona 30 di Torino Mirafiori Nord Dario Manuetti, Marilena De Biase La Città Possibile VIDEO ZONA 30 CONCERTAZIONE E INFORMAZIONE FORMAZIONE AMMINISTRATORI ELETTI UFFICI COMUNALI E DI CIRCOSCRIZIONE ASSOCIAZIONI E GRUPPI DI CITTADINI ACCESSO

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

Comune di Faenza Settore Territorio

Comune di Faenza Settore Territorio Comune di Faenza Settore Territorio La sostenibilità a Faenza Un percorso coerente dalla bioarchitettura alla biourbanistica La sostenibilità a Faenza (le domande a cui rispondere) Perché si possa definire

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013 Comune di Montecastrilli AVVISO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 06.08.2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Comune di San Gemini AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana Università IUAV di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Laurea magistrale in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Scheda Tecnica 1. Che cos è il Palazzo dell Innovazione La realizzazione del Palazzo dell Innovazione è indicata tra gli interventi prioritari

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli