PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla"

Transcript

1 PRIMA PARTE: Domande a Risposta Multipla (36 punti) Di seguito dovrete rispondere a 9 domande a risposta multipla. Segnate con una crocetta la risposta che ritenete corretta tra le risposte possibili. Una sola risposta è corretta. Tra parentesi, per ciascuna domanda viene indicato il punteggio assegnato per una risposta corretta e quanti punti vengono tolti per una risposta errata. La mancata risposta ad una domanda non toglie alcun punto. Se cambiate parere, fate un cerchio intorno alla risposta che avete già contrassegnato: la risposta cerchiata non verrà presa in considerazione. 1. Finanza Aziendale (4 punti / 1.33 punti) Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Per una società con crescita costante il rapporto Utile/Prezzo (Earnings-Price ratio) è uguale al rendimento dell'equity (Return-on-Equity - ROE). Per una società con un rapporto Utile/Prezzo relativamente basso, gli investitori si attendono in futuro una crescita inferiore alla media. Per una società con crescita zero, il rapporto Utile/Prezzo è uguale al tasso di rendimento atteso dagli investitori (required rate of return). Per una società con prospettive di forte crescita, il rapporto Utile/Prezzo tende ad essere elevato. 2. Contabilità (4 punti / 1.33 punti) Secondo i principi IFRS, quale delle seguenti affermazioni è corretta relativamente al trattamento dei costi di ricerca e sviluppo? Tutti i costi di ricerca e sviluppo devono essere rilevati come spese quando sostenuti. I costi sostenuti nella fase di ricerca che soddisfano il criterio di rilevazione per un attivo immateriale (intangible asset) dovrebbero essere capitalizzati. I costi sostenuti nella fase di sviluppo che soddisfano il criterio di rilevazione per un attivo immateriale dovrebbero essere capitalizzati. Nessuna delle precedenti affermazioni è corretta. Pagina 1 / 10

2 3. Contabilità (4 punti / 1.33 punti) Quale delle seguenti affermazioni definisce correttamente il Valore Netto Realizzabile (Net Realizable Value)? Il prezzo stimato di vendita. Il prezzo stimato di vendita meno i costi stimati di compimento (estimated costs of completion) e i costi necessari per realizzare la vendita. Il valore di sostituzione (replacement value). Nessuna delle precedenti risposte è corretta. 4. Contabiltà (4 punti / 1.33 punti) Una delle misure del rischio di solvibilità a lungo termine di un'azienda è il rapporto fra il cash flow operativo e il totale delle passività (operating cash flow to total liabilities ratio) Capitale azionario Debito obbligazionario Prestiti bancari Ammortamento Utile operativo Date le informazioni della tabella precedente, quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nel 2008, il rapporto aumenta al 30%. Nel 2008, il rapporto diminuisce al 30%. Nel 2008, il rapporto aumenta al 15%. Nel 2008, il rapporto diminuisce al 15%. Pagina 2 / 10

3 5. Finanza Aziendale (4 punti / 1.33 punti) A e B sono due progetti d'investimento incompatibili l'uno con l'altro (mutually exclusive projects). Progetto Durata (in anni) Investmento iniziale Cash flow annuale A 10 10,000 5,000 B 7 5,000 4,500 (Valori espressi in 000 EUR) Ipotizzando che i cash flow in entrata avvengano alla fine dell'anno e che il tasso di sconto sia il 12%, quale progetto dovrebbe essere accettato? Informazione addizionale: PVIFA 12%,10 = e PVIFA 12%,7 = (PVIFA= Present Value Interest Factor of Annuity) Progetto A. Progetto B. Nessuno Non può essere determinato. 6. Finanza Aziendale (4 punti / 1.33 punti) Quale delle seguenti affermazioni relative all'indebitamento a breve termine è falsa? La politica di indebitamento a breve termine determina la misura dell'investimento in attività correnti ed il loro finanziamento. Una politica flessibile (conservativa) conduce ad un relativamente elevato livello di capitale circolante netto (net working capital). Una politica aggressiva utilizza capitale a breve termine per finanziare parte delle attività a lungo termine. Una politica conservativa implica un basso rapporto fra attività correnti e vendite (current assets to sales). Pagina 3 / 10

4 7. Equity (4 punti / 1.33 punti) Il PE (price-earnings) della Baker s Inc. è uguale a 13 ed il rendimento richiesto è il 12%. Se il tasso di ritenzione degli utili (earnings retention rate) fosse al 40%, quale sarebbe il tasso di crescita atteso delle azioni della Baker s Inc.? (usate il modello Gordon-Shapiro come base per i vostri calcoli) 8.66%. 7.06%. 6.56%. 6.36%. 8. Equity (4 punti / 1.33 punti) Dal punto di vista di un investitore, quale delle seguenti affermazioni relative al rapporto Prezzo/Vendite (Price to Sales ratio) è corretta? Al contrario del rapporto Prezzo/Utile (Price to Earnings ratio), il rapporto Prezzo/Vendite può essere un utile strumento per valutare un azienda non redditizia. Un azienda con un rapporto Prezzo/Vendite inferiore a 1 è sottovalutata. Dato che le vendite sono più manipolabili degli utili, il rapporto Prezzo/Utile è una misura più accurata del rapporto Prezzo/Vendite. Un azienda con un elevato rapporto Prezzo/Utile ed un basso rapporto Prezzo/Vendite è sottovalutata. 9. Equity (4 punti / 4 punti) Le seguenti affermazioni sono corrette o false? a) Nel rendiconto finanziario, un aumento nella voce "cash e cash equivalente" rappresenta un flusso in entrata (cash inflow) derivante dall attività operativa. (2 punti / -2 punti) Vero. Falso. b) Il Free cash flow è l ammontare di denaro a disposizione degli azionisti. (2 punti / -2 punti) Vero. Falso. Pagina 4 / 10

5 SECONDA PARTE: Domande Aperte (154 punti) Domanda 1: Contabilità (29 punti) Build-well Property Developers ha 2 progetti di costruzione i cui lavori sono stati completati durante l'esercizio Entrambi i progetti iniziarono nell'esercizio I dettagli dei progetti sono riportati nelle seguenti tabelle. Build-well termina il proprio esercizio finanziario il 31 Marzo (tutti i valori sono espressi in CU). Progetto A: prezzo contrattuale 1,500,000 CU Costi annuali sostenuti 400, , ,000 Costo stimato di compimento 600, ,000 Progetto B: prezzo contrattuale 400,000 CU Costi annuali sostenuti 150,000 90, ,000 Costo stimato di compimento 150,000 80,000 I prezzi contrattuali sono fissi. a) Misurate la percentuale di compimento attraverso il rapporto "costo cumulativo/costo totale stimato". Calcolate l'utile o la perdita di ciascun progetto in ogni esercizio finanziario, utilizzando il metodo della percentuale di compimento (percentage of completion method). (18 punti) b) Calcolate l'utile o la perdita di ciascun progetto in ogni esercizio finanziario usando il metodo del contratto completato (completed contract method). (6 punti) c) Indicate i vantaggi e gli svantaggi di ciascun metodo. (5 punti) Pagina 5 / 10

6 Domanda 2: Analisi del Rendiconto Finanziario (21 punti) Di seguito sono riportati i dati di bilancio semplificati di tre società controllate da T Holding Co. La controllata T1 appartiene al settore industriale A mentre le controllate T2 e T3 appartengono al settore industriale B. T1 T2 T3 Fatturato netto 18, , , meno: Costi 13, , , Utile Operativo (EBIT) 5, , , meno: Interessi passivi , Utile ante imposte (EBT) 5, , , meno: Imposte , , Utile Netto 4, , , T1 T2 T3 Attività correnti 7, , , Attività fisse al netto degli ammortamenti 7, , , Totale Attività 14, , , Passività correnti 3, , , Passività a lungo termine , , Totale Passività 3, , , Capitale sociale , , Utili accantonati 10, , , Totale Patrimonio Netto (Equity) 11, , , Totale Passività e Patrimonio Netto 14, , , Valori espressi in migliaia di CU (Currency Unit) a) T3 ha un maggiore margine di profitto rispetto a T2 ma ha ROA e ROE inferiori. Spiegate perchè. Mostrate i calcoli nella vostra spiegazione. (10 punti) b) Come si collocano questi valori a confronto di quelli di T1? Cosa si può dire a proposito delle performance comparative delle 3 società? (5 punti) c) Partendo dai valori calcolati in a) e b), suggerite un'area, per ciascuna delle controllate, dove la società deve concentrare gli sforzi per migliorare il rendimento per il proprio azionista. (6 punti) Pagina 6 / 10

7 Domanda 3: Equity e Finanza Aziendale (24 punti) In data 1 Gennaio 2008, il prezzo dell'azione XYZ Inc. è EUR 7.5. In considerazione dei dati riportati nella Tabella 1 e nella Tabella 2, i dirigenti di XYZ sono convinti che l'azione sia sottovalutata. Utilizzate i dati indicati nelle tabelle sottostanti per verificare se i dirigenti di XYZ sono corretti nella loro valutazione. Ipotizzate che il metodo dello sconto dei free cash flow non levereggiati ('unlevered discounted free cash flow method') può essere utilizzato; successivamente all'anno 2009, la società si aspetta un tasso di crescita perpetuo dell'1.2% p.a. Tabella 1 Valori al Debito emesso (in Mio. di EUR) Aliquota d'imposta 37% Costo del debito 7.50% Tasso privo di rischio 4.1% Premio al rischio di mercato 4% Beta D/(E+D) 43% E/(E+D) 57% Numero di azioni emesse 67 Mio. Tabella 2 (dati espressi in milioni di EUR) Valore d'impresa atteso (expected enterprise value - EV) EV/Vendite 0.97x 0.87x Margine dell'ebit (EBIT/Vendite) 10.90% 11.60% Ammortamenti Investimenti (capex) Aumento del capitale circolante netto (net working capital) a) Calcolate il free cash flow operativo per il 2008 e il 2009 [suggerimento: iniziate calcolando l'ebit]. (10 punti) b) Calcolate il costo medio ponderato del capitale (WACC). (5 punti) c) Calcolate il valore di un'azione in data 1 Gennaio 2008 [suggerimento: calcolate prima il valore d'impresa e successivamente il valore dell'equity]. (9 punti) Pagina 7 / 10

8 Domanda 4: Contabilità (16 punti) Nel corso dell'anno 2008, il numero delle azioni della società Stickers Ltd si è evoluto nel seguente modo: 1 Gennaio 2008: Numero di azioni ordinarie = 50, Marzo 2008: Emissione di 300,000 azioni preferenziali (definite azioni di classe B ) che danno diritto ad un dividendo fisso (0.1 CU per azione preferenziale) nel 2010 e anni successivi a condizione che l'utile netto dell'esercizio sia superiore a 300,000 CU. 1 Dicembre 2008: Frazionamento azionario (split) = 1 azione ordinaria esistente è stata frazionata in 2 azioni ordinarie. Ci sono inoltre anche 50,000 titoli obbligazionari (valore nominale 1,000 CU; cedola 5.5%) con warrant (1 warrant per obbligazione) emessi in data 1 Giugno Ogni warrant permette di acquistare un'azione ordinaria al prezzo di 10 CU. Il prezzo medio di mercato delle azioni ordinarie durante il 2008 è stato di 15 CU. L'aliquota media d'imposta di Stickers Ltd. è il 30%. L'utile netto di Stickers Ltd. per l'anno 2008 è stato di 200,000 CU. a) Calcolate l'utile per azione base (basic earnings per share) per l'anno (6 punti) b) Calcolate l'utile per azione diluito (diluted earnings per share) per l'anno (10 punti) Pagina 8 / 10

9 Domanda 5: Finanza Aziendale (24 punti) Una società sta valutando i seguenti tre progetti d'investimento A, B e C, incompatibili l'uno con l'altro, aventi i rispettivi cash flow (in migliaia di CU) evidenziati nella seguente tabella: Anno A B C a) Calcolate il tasso interno di rendimento (IRR) dei progetti A, B e C. Se la scelta del progetto è basata soltanto sul suo IRR e nell'ipotesi che il costo opportunità del capitale della società è il 20%, essa dovrebbe accettare uno dei progetti? In caso affermativo, quale e perché? In caso negativo, perché? (7 punti) b) Se il costo opportunità del capitale della società è l'11%, calcolate il valore attuale netto (NPV) e la rendita annua equivalente (EAA - Equivalent Annual Annuities) dei 3 progetti. Quale progetto scegliereste ora e perché? (9 punti) c) Calcolate l'indice di Redditività (Profitability Index - PI) dei 3 progetti. Perché a volte questo indice fornisce dei risultati, relativamente alla convenienza dei progetti d'investimento, che sono in contraddizione con i risultati ottenuti attraverso il valore attuale netto (NPV)? (8 punti) Pagina 9 / 10

10 Domanda 6: Equity (40 punti) Peach è una società che produce con successo personal computer, riproduttori musicali, e telefoni. Al fine di conquistare nuove quote di mercato, essa decide di procedere con un'acquisizione. La società individuata è Moon, un produttore di software e di server. Le principali informazioni finanziarie relative ad entrambe le società sono riportate nella seguente tabella. Peach Moon Capitalizzazione di mercato in milioni di USD 159'000 9'000 Vendite in milioni di USD 29'000 14'000 Utile netto in milioni di USD 4' P/E PEG ( Price-earnings to growth ) P/Vendite ( Price to sales ) Prezzo azione in USD Le due società non hanno debiti. a) Peach potrebbe fare un'offerta in contanti oppure un'offerta in azioni per acquisire Moon. Spiegate i vantaggi e gli svantaggi generali di queste due tipologie di offerta. (10 punti) b) Osservando i rapporti P/E, è più probabile che Peach avanzi un'offerta in contanti oppure in azioni? Fornite una spiegazione. (5 punti) c) Supponete che Peach decida di presentare un'offerta in contanti di 12'000 milioni di USD. Il valore attuale delle future sinergie è stimato a 4'000 milioni di USD. Gli azionisti di Peach ne trarrebbero profitto se Moon accettasse questa offerta? (5 punti) d) Supponete che Peach decida di presentare un'offerta azionaria con un rapporto di concambio di 1/12 (12 azioni di Moon sono pagate con 1 azione di Peach). Il valore attuale delle sinergie future è stimato a 4'000 milioni di USD. Gli azionisti di Peach ne trarrebbero profitto se Moon accettasse questa offerta? (10 punti) e) Se gli azionisti di Moon potessero scegliere fra l'offerta in contanti in c) e l'offerta in azioni in d), quale accetterebbero? Perché? (5 punti) f) Il valore attuale delle future sinergie si era ipotizzato a 4'000 milioni di USD. In quali circostanze le attuali sinergie potrebbero rivelarsi inferiori rispetto a quanto ipotizzato? (5 punti) Pagina 10 / 10

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla (56 punti) Di seguito troverete 14 domande a scelta multipla. Segnate con una crocetta la risposta che ritenete corretta tra le risposte possibili. Una sola risposta

Dettagli

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi Valutazione delle obbligazioni e delle azioni dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione di un obbligazione Come vengono negoziate le azioni Come valutare le azioni Tasso di capitalizzazione Prezzo

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Capitolo 4. Valore attuale delle azioni. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri.

Capitolo 4. Valore attuale delle azioni. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. Principi di finanza aziendale Capitolo 4 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Valore attuale delle azioni Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 4-2 Argomenti trattati

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating :

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating : Analisi Diasorin Introduzione I buoni risultati del I trimestre non bastano ad esprimere un giudizio positivo su Diasorin, il titolo è reduce da un forte apprezzamento e quota a multipli elevati, notizie

Dettagli

(11 punti) ACIIA Domande Esame Finale I Settembre 2011 Pagina 1 / 13

(11 punti) ACIIA Domande Esame Finale I Settembre 2011 Pagina 1 / 13 Domanda 1: Economia (40 punti) In occasione di un suo intervento al World Economic Forum di Davos (Gennaio 2010), il presidente francese Sarkozy dichiarò che l instabilità dei tassi di cambio e la sottovalutazione

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

a) Spiegate la teoria della forma relativa della parità del potere di acquisto (relative purchasing power parity - PPP).

a) Spiegate la teoria della forma relativa della parità del potere di acquisto (relative purchasing power parity - PPP). Domanda 1: Economia (37 punti) Il seguente grafico è stato elaborato nell estate 2008 dall'ufficio studi di UBS Wealth Management. La linea più volatile indica l'andamento del rapporto di cambio fra il

Dettagli

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA SOMMARIO 1. I PROSPETTI CONTABILI 1.1. Introduzione... 3 1.2. Prospetto della situazione patrimoniale - finanziaria... 3 1.3. Conto economico... 6 1.4. Rendiconto finanziario... 7 1.5. Prospetto delle

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI)

Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI) Analisi del titolo Exor SPA (EXO.MI) Ultima variazione 29,66 0.02 (0,07%) Report alla data di martedì 18 febbraio 2014 EXO.MI è sottovalutato rispetto al suo Prezzo di 29,66 per azione, è un titolo con

Dettagli

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln Esercizio 1 La Rayburn Manufacturing è attualmente un impresa priva di debito. La sua capitalizzazione di mercato è pari a 2 mln di euro. Il costo del capitale è pari al 18%. Non vi sono imposte. La società

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

La valutazione d azienda

La valutazione d azienda Maria-Gaia Soana Università degli Studi di Parma corso di Corporate Banking Agenda La valutazione d azienda I metodi patrimoniali, reddituali, misti e i multipli Agenda I metodi patrimoniali I metodi patrimoniali

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 6 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 Le Scelte Finanziarie 1 Tasso Interno di Rendimento Consideriamo un operazione finanziaria (t 0 =0): 0 x 0 t 1 t 2 t m...... x 1 x 2 x m Posto: x = x0, x1,, xm { } si definisce tasso interno di rendimento

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

ACIIA Domande Esame Final I Settembre 2006 Pagina 1 / 11

ACIIA Domande Esame Final I Settembre 2006 Pagina 1 / 11 Domanda 1: Economia (44 punti) a) Il 1 Dicembre 2005, la Banca Centrale Europea (BCE) ha deciso di aumentare il tasso d interesse minimo applicato alle operazioni di rifinanziamento (operazioni di mercato

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

Analisi Costi e Benefici. Emanuela Randon. emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6

Analisi Costi e Benefici. Emanuela Randon. emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6 93 Analisi Costi e Benefici Emanuela Randon emanuela.randon@unibo.it LEZIONE 6 La Net Present Value (NPV) Decision Rule Come usare la NPV Decision Rule per accettare o rifiutare progetti? Se NPV 0 si accetta

Dettagli

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 6. Rimini, 2 maggio 2006. La Net Present Value (NPV) Decision Rule

Analisi Costi e Benefici. Laura Vici. laura.vici@unibo.it LEZIONE 6. Rimini, 2 maggio 2006. La Net Present Value (NPV) Decision Rule Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 6 Rimini, 2 maggio 2006 1 La Net Present Value (NPV) Decision Rule Come usare la NPV Decision Rule per accettare o rifiutare progetti? Se

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione.

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione. Esercizi di matematica finanziaria 1 VAN - DCF - TIR Esercizio 1.1. Un investitore desidera disporre tra 3 anni d un capitale M = 10000 euro. Investe subito la somma c 0 pari a 1/4 di M. Farà poi un ulteriore

Dettagli

AJPES S.BON VALUTAZIONE DELLA SOLVIBILITA' SECONDO LE REGOLE DI BASILEA 2

AJPES S.BON VALUTAZIONE DELLA SOLVIBILITA' SECONDO LE REGOLE DI BASILEA 2 in collaborazione con S.BON1/IN [16724] AJPES S.BON per impresa: VALUTAZIONE DELLA SOLVIBILITA' SECONDO LE REGOLE DI BASILEA 2 VALUTAZIONE DELLA SOLVIBILITA' DELL'IMPRESA ALLA DATA (21) SB5 La capacita

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Analisi Fondamentale Mediaset

Analisi Fondamentale Mediaset Analisi Fondamentale Mediaset Dati Societari Azioni in circolazione: 1181,228 mln. Pagella Redditività : Solidità : Capitalizzazione: 4.689,48 mln. EURO Crescita : Rischio : Rating : HOLD Profilo Societario

Dettagli

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE?

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE? entriamo in tema attraverso la soluzione di un problema PROGETTO DI INVESTIMENTO : - IMPORTO 3.000.000 - REDDITIVITA 15% COPERTURA FINANZIARIA : -AUMENTO DI CAPITALE N AZIONI 1.000.000 PAY OUT RATIO 100

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Analisi Fondamentale Buzzi Unicem

Analisi Fondamentale Buzzi Unicem Analisi Fondamentale Buzzi Unicem Dati Societari Azioni in circolazione: 206,061 mln. Pagella Redditività : Solidità : Capitalizzazione: 3.067,40 mln. EURO Crescita : Rischio : Rating : HOLD Profilo Societario

Dettagli

Fatturato e Cash flow in crescita

Fatturato e Cash flow in crescita GRUPPO SOL COMUNICATO STAMPA RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO AL 31-12- 2005 Fatturato e Cash flow in crescita Fatturato consolidato: Euro 346 milioni (+7,5%) Cash Flow: Euro 56,3 milioni (+4 %) Utile

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Serie zero *ENUNCIATO* L'esame è composto da cinque compiti che possono essere risolti indipendentemente

Serie zero *ENUNCIATO* L'esame è composto da cinque compiti che possono essere risolti indipendentemente Serie zero *ENUNCIATO* Materia: Durata: 3 ore L'esame è composto da cinque compiti che possono essere risolti indipendentemente l'uno dall'altro. 1. Verifichi di aver ricevuto tutti i documenti d'esame,

Dettagli

Come calcolare il. dott. Matteo Rossi

Come calcolare il. dott. Matteo Rossi Come calcolare il valore attuale dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione delle attività a lungo termine Scorciatoie per il calcolo del VA Interesse composto Tasso di interesse reale e tasso di

Dettagli

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI 4 appello del 1 Ottobre 2014 Tempo max: 2h N O T E Si ricorda che durante la prova scritta non sono consultabili appunti o

Dettagli

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 NORME PER LA VERBALIZZAZIONE GLI STUDENTI CON VOTAZIONE MAGGIORE DI 18/30 CHE INTENDONO RIFIUTARE IL VOTO DEVONO PRESENTARSI IN DATA 15/5/2006 DURANTE LA

Dettagli

Ringraziamenti. Prefazione. Parte I Fondamenti 1. Capitolo 1 Concetti di base 3

Ringraziamenti. Prefazione. Parte I Fondamenti 1. Capitolo 1 Concetti di base 3 Ringraziamenti Prefazione IX X Parte I Fondamenti 1 Capitolo 1 Concetti di base 3 Perché leggere questo libro........................................... 3 La forma e la logica.................................................

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

Schema di ripasso del corso di Finanza Aziendale 1 di Michele Faggion

Schema di ripasso del corso di Finanza Aziendale 1 di Michele Faggion Schema di ripasso del corso di Finanza Aziendale 1 di Michele Faggion 1. Introduzione allʼanalisi di bilancio Il Bilancio è formato dai seguenti documenti: 1) lo stato patrimoniale elenca le attività e

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 21 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010

Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010 Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010 1 Prova Parziale - Matematica Finanziaria TEST Cognome Nome Matricola Rispondere alle dieci domande sbarrando, nel caso di risposta multipla, la casella che si ritiene

Dettagli

Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro

Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del 19.02.16 (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di 2.000.000 di euro e 4 opportunità di

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO Società per Azioni RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030)

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030) Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti (periodo 2011-2030) 1. IPOTESI DI BASE Per effettuare un analisi di scenario legata al fabbisogno finanziario degli investimenti, sono state

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016 1-1 FINANZA AZIENDALE III anno I semestre A.A. 2015/2016 Docente Pierluigi Murro (p.murro@lumsa.it) Libro di testo 1-2 Principi di Finanza aziendale Autori: R.A. Brealey S.C. Myers F. Allen S. Sandri Settima

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

POLITICHE FINANZIARIE E CORPORATE GOVERNANCE. 15 dicembre 2010 dott.ssa Monica Rossolini

POLITICHE FINANZIARIE E CORPORATE GOVERNANCE. 15 dicembre 2010 dott.ssa Monica Rossolini POLITICHE FINANZIARIE E CORPORATE GOVERNANCE 15 dicembre 2010 dott.ssa Monica Rossolini 1 La governance delle PMI italiane Agenda La relazione tra azionisti i di maggioranza e di minoranza. Politiche finanziarie

Dettagli

valutazione investimento

valutazione investimento INTERNI DESIGN Progettazione e realizzazione nuovo prodotto City valutazione investimento Sistema di sedute modulare Prodotto City La INTERNI DESIGN S.p.A. è una azienda leader per quanto riguarda la produzione

Dettagli

MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007

MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007 MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007 AVVERTENZE: 2006 - Bsness Analisi di Bilancio 2007 è un software registrato presso la S.I.A.E. E assolutamente vietata la riproduzione anche parziale. RACCOMANDAZIONI:

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Argomenti. Domande importanti. Teori della Finanza Aziendale. Il valore finanziario del tempo: tecniche di valutazione

Argomenti. Domande importanti. Teori della Finanza Aziendale. Il valore finanziario del tempo: tecniche di valutazione Teori della Finanza Aziendale Il valore finanziario del tempo: tecniche di valutazione 3-2 Argomenti La valutazione delle attività a lungo termine Tecniche per il calcolo del valore attuale Rate costanti,

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali. Mario Morolli

La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali. Mario Morolli La gestione degli Investimenti in Beni Patrimoniali Mario Morolli Convegno ABI Costi & Business Roma, 18 e 19 novembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO UNILEVER ITALIA STRATEGIA ED INVESTIMENTI TIPOLOGIE

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 NOME: BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 COGNOME: N. DI MATRICOLA: Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito: 1) Il candidato, dopo avere brevemente spiegato

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli