Autorità di Bacino del Fiume Arno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità di Bacino del Fiume Arno"

Transcript

1 STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EFFETTUATI CON FINANZIAMENTI A VALERE SU FONDI DELLA L.183/89 Annualità 1989/ aggiornamento 2006

2 Pagina 2 di 21 - Relazione Pag.3 - Schemi riassuntivi Pag.16

3 Pagina 3 di 21 RELAZIONE PREMESSA La programmazione degli interventi ex art.31 L.183/89 ( Schemi previsionali e programmatici ) si sviluppa su base triennale, i fondi disponibili vengono individuati e suddivisi con DPR. Il programma degli interventi, contenente l oggetto dell intervento, l importo e l ente attuatore, viene approvato con delibera di Comitato Istituzionale. L effettiva disponibilità dei fondi è sancita dall emanazione di uno o più decreti ministeriali di impegno ed erogazione. Il Comitato Istituzionale può, secondo specifiche procedure, ridefinire il programma triennale in funzione dei fondi effettivamente erogati o in relazione a specifiche condizioni connesse all attuabilità di singoli interventi Le Regioni, oltre ad essere coinvolte nella programmazione, gestiscono materialmente i fondi e spetta a loro la rendicontazione della spesa. L Autorità di Bacino verifica la coerenza funzionale e tecnica degli interventi con la pianificazione approvata. Nella presente relazione l analisi dello stato di attuazione degli interventi finanziati con legge 183/89 è sviluppata per singole annualità di finanziamento o per periodi di più annualità, a seconda dell emanazione degli atti di finanziamento e/o la programmazione approvata. Così ripartita: - annualità annualità 1998 integrativo annualità In relazione a questi periodi sono proposti alcuni grafici riassuntivi. La tipologia degli interventi è classificata in base al D.P.C.M. 23/03/1990. Lo stato di attuazione degli interventi è aggiornato al 31 dicembre 2006 e utilizza le seguenti voci: Voci tabella Riferimento grafico Descrizione Lavori da progettare Da progettare Non avviato l iter progettuale Lavori in fase di progettazione Progetto in corso Lavori progettati Progettati Progetto esecutivo approvato Lavori in corso Lavori in corso Lavori aggiudicati o in esecuzione Lavori ultimati Realizzati Fondi revocati Revocati

4 Pagina 4 di 21 Annualità 1989/1991 La disponibilità finanziaria per l annualità 1989/1991 è stata erogata con D.M. LL.PP. n.40 del 15/11/1991 e n.41 del 15/11/1991 per un importo di euro. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1989/91 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Subsidenza ed erosione delle coste Inquinamento delle acque e suolo Risorse idriche superficiali e sotterranee Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1989/91 stato di attuazione Lavori ultimati Fondi revocati Il 5 dei fondi è stato revocato con L.22/95 a seguito degli eventi alluvionali del Novembre 1994 in Piemonte. ANNUALITÀ 1992 La disponibilità finanziaria per l annualità 1992 è stata erogata con D.M. LL.PP. n.1335 del 04/08/1994 e n.1323 del 10/06/1994 per un importo di euro. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1992 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe ,6 Dissesto della rete idrografica superficiale ,4 Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1992 stato di attuazione Lavori ultimati Fondi revocati I fondi revocati, sempre con L.22/95, interessavano interamente interventi volti alla manutenzione ordinaria e straordinaria del fiume Arno e dei suoi affluenti nei tratti di competenza statale.

5 Pagina 5 di 21 ANNUALITÀ 1993 La disponibilità finanziaria per l annualità 1993 è stata erogata con D.M. LL.PP. n.540 del 29/12/1994 e n.522 del 22/12/1994 per un importo di euro. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.28 del 06/07/1993 e n.39 del 23/09/1993. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1993 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1993 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori ultimati I fondi in fase di progettazione, per l importo di euro, sono riferiti ad interventi per la tutela del patrimonio artistico e culturale di Firenze, Arezzo e Siena da eseguirsi sentite le locali Soprintendenze, per questi si è proceduto alla riallocazione con delibera di Comitato Istuituzionale n.165 del 1 agosto Il nuovo intervento è denominato Sistemazione idraulica fosso Acqualunga nel tratto ferrovia FI-PI-LI in loc. il Chiodo e vede come ente attuatore il Comune di Pistoia. La delibera di Comitato Istituzionale n. 39 del , oltre a ridefinire il programma degli interventi per il triennio , indica le priorità d intervento relative ai fondi ex tabella D legge 500 del (Legge finanziaria 1993), fondi, pari a , erogati con Decreto Ministero Lavori Pubblici n.998 del I fondi, denominati Annualità 1993 (tab. D L.500/92), sono riconducibili alla sola tipologia d intervento relativa alle problematiche idrauliche e risultano completamente ultimati: Dissesto della rete idrografica superficiale Lavori ultimati

6 Pagina 6 di 21 ANNUALITÀ 1994 La disponibilità finanziaria per l annualità 1994 ammonta ad un importo di euro. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.28 del 06/07/1993, n.39 del 23/09/1993, n.49 del 19/07/1994 e n.65 del 14/03/1995. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1994 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1994 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori ultimati ANNUALITÀ 1995 La disponibilità finanziaria per l annualità 1995 ammonta ad un importo di euro. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.28 del 06/07/1993, n.39 del 23/09/1993 e n.49 del 19/07/1994. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1995 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1995 stato di attuazione Lavori in corso Lavori ultimati

7 Pagina 7 di 21 ANNUALITÀ 1996 La disponibilità finanziaria per l annualità 1996 ammonta ad un importo di euro. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.49 del 19/07/1994. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1996 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1996 stato di attuazione Lavori in corso Lavori ultimati ANNUALITÀ 1997 La disponibilità finanziaria per l annualità 1997 ammonta ad un importo di , erogati con D.M. LL.PP. n.1205 del 22/06/1998, a questi va sommata la disponibilità residua 1996, pari a derivante della legge n. 583/1993 (tab.c), già trasferita alla Regione Toscana con D.M. LL.PP. n.190 del 27/02/1997, al Provveditorato alle Opere Pubbliche con D.M. LL.PP. n.275 del 12/03/1997 e all Ufficio Idrografico di Pisa con D.M. LL.PP. n.239 del 05/03/1997. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n. 115 del 06/05/1998. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1997 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Subsidenza ed erosione delle coste Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale 8.985

8 Pagina 8 di 21 Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1997 stato di attuazione Lavori in corso Lavori ultimati ANNUALITÀ 1998 La disponibilità finanziaria per l annualità 1998 ammonta ad un importo di euro. Il programma degli interventi è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.115 del 06/05/1998. I finanziamenti sono stati erogati con D.M. LL.PP. n.4219 del 23/04/1999. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1998 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Subsidenza ed erosione delle coste Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1998 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Lavori ultimati Fondi revocati I fondi revocati rientrano nell importo di euro assegnato al Ministero dei Lavori Pubblici Provveditorato alle OO.PP. per la Regione Toscana per interventi volti alla manutenzione ordinaria e straordinaria del fiume Arno e dei suoi affluenti nei tratti di competenza statale; con Direttiva C.M. del 16/01/1998 il finanziamento è stato ridotto a euro.

9 Pagina 9 di 21 ANNUALITÀ 1999 La disponibilità finanziaria per l annualità 1999 ammonta ad un importo di euro, come per l annualità 1998, così come il programma degli interventi è stato approvato con la stessa delibera del Comitato Istituzionale, l erogazione dei finanziamenti è avvenuta con D.M. LL.PP. n.7790 del 16/07/99. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1999 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto della rete idrografica superficiale Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1999 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso 94 2 Lavori ultimati Fondi revocati Con Direttiva C.M. del 16/01/1999 è stato revocato per intero il finanziamento di euro a favore del Ministero dei Lavori Pubblici Provveditorato alle OO.PP. per la Regione Toscana per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria del fiume Arno e affluenti nei tratti di competenza statale.

10 Pagina 10 di 21 Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità 1989/1999 Suddivisione per importi erogati (totale ) Migliaia ,6 2, , , ,7 90,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati Revocati Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità 1989/ Suddivisione per numero (totale 251) , ,4 90,0 80,0 Numero interventi ,0 60,0 50,0 40,0 30, ,6 0, ,4 2,8 7 20,0 10,0 0,0 Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati Revocati

11 Pagina 11 di 21 ANNUALITÀ 1998 INTEGRATIVO, 1999 INTEGRATIVO E 2000 Con L.450/97 e L.449/98 sono state previste le risorse finanziarie per gli anni 2000/2001 e un integrazione ai fondi disposti dalla legge finanziaria 1997 e ripartiti con D.P.R. del 09/10/97 per gli anni 1998 e La ripartizione di questi fondi, finalizzati al finanziamento degli interventi in materia di difesa del suolo, è avvenuta con D.P.R. 27/07/99. Il programma degli interventi in oggetto è stato approvato con delibera del Comitato Istituzionale n.141 del 15/03/00. L impegno dei fondi è avvenuto con D.M. LL.PP. n.5447 del 23/07/00 per le integrazioni relative agli anni 1998 e 1999, rispettivamente di euro e euro, con D.M. LL.PP. n del 07/11/00 per l annualità 2000 dell importo di euro. La ripartizione dei fondi finalizzati al finanziamento degli interventi in materia di difesa del suolo per l annualità 2001, ammontanti a euro, è stata sostituita con una nuova ripartizione disposta con DPR n. 331 del 9 maggio 2001 Ripartizioni dei fondi finalizzati al finanziamento degli interventi in materia di difesa del suolo quadriennio 2000/2003. La tipologia degli interventi, come mostra la tabella, rispecchia i piani stralci adottati. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 1998 int./2000 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 1998 integrazione stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori in corso Lavori ultimati Totale 1469 Tabella 3: finanziamenti L.183/89 annualità 1999 integrazione stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori in corso Lavori ultimati Totale Tabella 4: finanziamenti L.183/89 annualità 2000 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Lavori ultimati Totale 8.169

12 Pagina 12 di 21 Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità 1998int/1999int/2000 Suddivisione per importi erogati (totale ) Migliaia ,1 60,0 50, , , ,0 20, , , ,0-0,0 Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità 1998int/1999int/2000 Suddivisione per numero interventi (totale 52) 35 70, , ,0 Numero interventi ,1 12 1,9 1 11,5 6 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0 0,0 Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati

13 Pagina 13 di 21 ANNUALITA 2001/2002 Il D.P.R. 331 del 9/5/2001 ha destinato le risorse per interventi per l Autorità di Bacino idrografico dell Arno pari a euro per l annualità 2001 e euro per l annualità Con delibera n. 157 del 18/12/2001 del C.I. è stato approvato il programma d interventi per il triennio 2001/2003. Tali somme sono state impegnate ed erogate con decreto Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio n del 06/05/2002. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 2001 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico - frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Inquinamento delle acque e del suolo Monitoraggio ambientale Totale 4655 Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 2002 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Monitoraggio ambientale Totale Tabella 3: finanziamenti L.183/89 annualità 2001 stato di attuazione Lavori da progettare Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Lavori ultimati Tabella 4: finanziamenti L.183/89 annualità 2002 stato di attuazione Lavori da progettare Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Lavori ultimati ANNUALITA 2003/2005 Con D.P.R. 331 del 9/5/2001 si è provveduto alla ripartizione dei fondi finalizzati al finanziamento degli interventi in materia di difesa del suolo per il quadriennio 2000/2003. La programmazione 2003 è stata approvata con delibera di Comitato Istituzionale n. 157 del 18/12/2001, con delibera n. 179 del 03/03/2004 è stata rimodulata su due annualità (2003 e 2004), a seguito della Legge n. 289 del 27/12/2002, e, successivamente, è stata nuovamente

14 Pagina 14 di 21 rimodulata con delibera n. 188 del 15/02/2005 in applicazione del Decreto Ministero Ambiente DDS/04/00562 del 2/12/2004. Con decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio n. 428 del 30/09/2003 è stata impegnata la somma di euro ed erogata la somma di euro per opere idrauliche e sistemazioni del suolo nel bacino del fiume Arno. Con D.M. n. 571 del 04/12/2003 è stata erogata la somma di euro, con D.M. n. 572 del 04/12/03 è stata erogata la somma di euro. Con decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio n. 562 del 02/12/2004 è stata impegnata ed erogata la quota disponibile a seguito delle variazioni di bilancio operate per l anno 2004, relative alla realizzazione dei programmi per l anno 2003, ammontante a euro. Con D.M. n. 407 del 30/08/2005 si è provveduto ad impegnare ed erogare ,73 euro. Tabella 1: finanziamenti L.183/89 annualità 2003 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico - frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Totale Tabella 2: finanziamenti L.183/89 annualità 2004 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto idrogeologico - frane e valanghe Dissesto della rete idrografica superficiale Totale Tabella 3: finanziamenti L.183/89 annualità 2005 suddivisi per tipologia di intervento Dissesto della rete idrografica superficiale Tabella 4: finanziamenti L.183/89 annualità 2003 stato di attuazione Lavori da progettare Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Lavori ultimati Tabella 5: finanziamenti L.183/89 annualità 2004 stato di attuazione Lavori da progettare 23 1 Lavori in fase di progettazione Lavori progettati Lavori in corso Tabella 6: finanziamenti L.183/89 annualità 2005 stato di attuazione Lavori in fase di progettazione

15 Pagina 15 di 21 Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità Suddivisione per importi erogati (totale ) Migliaia ,0 60,0 50, , , , , , ,0 20,0 10,0 0,0 Da progettare Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati Quadro riassuntivo stato di attuazione interventi L.183/89 annualità Suddivisione per numero interventi (totale 131) 38, ,0 40,0 35,0 Numero interventi ,9 9 21,4 28 9, , ,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0 0,0 Da progettare Progetto in corso Progettati In corso di realizzazione Realizzati

16 Pagina 16 di 21 SCHEMI RIASSUNTIVI FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 TABELLA RIASSUNTIVA FONDI EROGATI (1) PER ANNUALITÀ Annualità di programmazione Legge183/89 Fondi erogati (prezzi originali) Fondi erogati (prezzi 2005)* 183/89 annualità 1989/ /89 annualità /89 annualità /89 annualità 1993 (fondi Tab.D. legge 500/92) /89 annualità /89 annualità /89 annualità /89 annualità /89 annualità 1997 (fondi Tab.C. legge 538/93) /89 annualità /89 annualità 1998 integrazione /89 annualità /89 annualità 1999 integrazione /89 annualità /89 annualità /89 annualità /89 annualità 2003 programmazione /89 annualità 2004 programmazione /89 annualità 2005 programmazione Totale Numero interventi finanziati** (1) Sono riportati i fondi effettivamente erogati, con esclusione di quelli revocati da atti successivi all impegno. In totale risultano revocati per le annualità , 1992, 1998 e *Prezzi rivalutati secondo coefficienti ISTAT relativi all annualità di programmazione. ** Numero d interventi finanziati per ogni singola annualità, dato che ogni intervento può essere finanziato da più annualità il totale non è significativo.

17 Pagina 17 di 21 FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 GRAFICO RIASSUNTIVA FONDI EROGATI PER ANNUALITÀ (PREZZI 2005) Media mobile sul triennio Tendenza lineare Tendenza lineare Migliaia TabD TabC 1998+int 1999+int FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 TABELLA RIASSUNTIVA NUMERO E TIPOLOGIA INTERVENTI ANNUALITÀ Importi erogati intervento Numero interventi (prezzi originali Interventi importi in ) Dissesto della rete idrografica superficiale Dissesto idrogeologico frane e valanghe Monitoraggio ambientale Inquinamento delle acque e suolo Risorse Idriche Subsidenza ed erosione delle coste Totale

18 Pagina 18 di 21 FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 GRAFICI RIASSUNTIVI NUMERO E TIPOLOGIA INTERVENTI ANNUALITÀ interventi L. 183/89 annualità per importi erogati Dissesto della rete idrografica superficiale Dissesto idrogeologico frane e valanghe 3 Monitoraggio ambientale Inquinamento delle acque e suolo Risorse Idriche Subsidenza ed erosione delle coste 70 interventi L. 183/89 annualità per numero interventi Dissesto della rete idrografica superficiale Dissesto idrogeologico frane e valanghe Monitoraggio ambientale Inquinamento delle acque e suolo Risorse Idriche 80 Subsidenza ed erosione delle coste

19 Pagina 19 di 21 FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 GRAFICO RIASSUNTIVO ANDAMENTO MANUTENZIONE/OPERE (IMPORTI) Manutenzione O. e S. Opere Altro (monitoraggio ambientale, indagini) Importi per annualità TabD TabC 1998+int 1999+int

20 Pagina 20 di 21 FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 GRAFICI RIASSUNTIVI STATO ATTUAZIONE PER IMPORTO (VALORI CUMULATI) Da progettare Progetto in corso Progettati Lavori in corso Realizzati Revocati migliaia di TabD TabC 1998+Int 1999+Int Importi cumulati al 2005: Da progettare Progetto in corso Progettati Lavori in corso Realizzati Revocati ,1 23,6 4,5 8,9 56,5 4,4 N.B: Per il dettaglio dello stato di attuazione delle singole annualità si rimanda al testo della relazione

21 Pagina 21 di 21 FINANZIAMENTI PER INTERVENTI A VALERE SU FONDI EX L.183/89 GRAFICI RIASSUNTIVI STATO ATTUAZIONE PER NUMERO INTERVENTI (VALORI CUMULATI) Da progettare Progetto in corso Progettati Lavori in corso Realizzati Revocati TabD TabC 1998+int 1999+int Numero interventi Numero interventi cumulati al 2005: Da progettare Progetto in corso Progettati Lavori in corso Realizzati Revocati ,1 11,5 3,7 9,8 72,8 1,9

La programmazione in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica: le pagine web in Ermes Ambiente

La programmazione in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica: le pagine web in Ermes Ambiente Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa La programmazione in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica: le pagine web in Ermes Ambiente - - - - - GUIDA ALLA NAVIGAZIONE -

Dettagli

COMUNE DI ANDORNO MICCA

COMUNE DI ANDORNO MICCA REGIONE PIEMONTE Provincia di Biella COMUNE DI ANDORNO MICCA REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DESTINATO AGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA PIANIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA L. 109/94

Dettagli

INTERVENTI DI TIPO c) (Allegato A.5 dell Ordinanza Commissariale n. 12 del 14 aprile 2014 come modificato dall ordinanza n.

INTERVENTI DI TIPO c) (Allegato A.5 dell Ordinanza Commissariale n. 12 del 14 aprile 2014 come modificato dall ordinanza n. Allegato D ordinanza Commissario delegato ex OCDPC 157/2014 INTERVENTI DI TIPO c) (Allegato A.5 dell Ordinanza Commissariale n. 12 del 14 aprile 2014 come modificato dall ordinanza n. 14/2014) Finanziamento

Dettagli

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: H44E04000000006 Altre opere

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ;

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ; O GG E TTO : Eventi emergenziali che hanno colpito il territorio ligure da Ottobre 2008 ad Aprile 2009, Quadro Generale del Danno Occorso. Stanziamento di Euro 4.500.000,00 per le Amministrazioni Provinciali.

Dettagli

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma;

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 104 del 21 07 2015 31267 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 12 giugno 2015, n. 1393 Restituzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA (art.40, comma 3 sexies D.Lgs n.165/2001)

RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA (art.40, comma 3 sexies D.Lgs n.165/2001) 1 MINISTERO DELLA DIFESA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA DIREZIONE GENERALE Via XX Settembre, 123/a 00187 ROMA Posta elettronica: aid@agenziaindustriedifesa.it Posta elettronica certificata: aid@postacert.difesa.it

Dettagli

Interventi regionali in materia di sistemazione di bacini montani, opere idraulico-forestali, opere idrauliche di competenza regionale. Art. 1.

Interventi regionali in materia di sistemazione di bacini montani, opere idraulico-forestali, opere idrauliche di competenza regionale. Art. 1. 1 Legge regionale 19 novembre 1975, n. 54. (Testo coordinato) Interventi regionali in materia di sistemazione di bacini montani, opere idraulico-forestali, opere idrauliche di competenza regionale. (B.U.

Dettagli

C I T T À D I S U S A

C I T T À D I S U S A C I T T À D I S U S A PROVINCIA DI TORINO DETERMINAZIONE del SERVIZIO AREA TECNICA N 41 del 29/10/2015 Oggetto: Ristrutturazione e manutenzione straordinaria presso la scuola dell infanzia e primaria in

Dettagli

PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO

PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO DETERMINAZIONE Determ. n. 10811 del 03/12/2013 Oggetto: FONDO NAZIONALE DISABILI ART. 13 LEGGE 68/99 ANNO 2011 CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005 DECRETO DIRIGENZIALE N. 514 del 10 novembre 2005 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO SVILUPPO ATTIVITÀ SETTORE PRIMARIO SETTORE INTERVENTI

Dettagli

DECRETO n. 13 del 18 febbraio 2015 IL COORDINATORE

DECRETO n. 13 del 18 febbraio 2015 IL COORDINATORE Oggetto: Intervento n. 48 della Deliberazione CIPE n. 8/2012 e n. 84 dell'allegato 1 all'accordo di Programma del 12.11.2010 - Consolidamento in località S. Leone - Castello - Monte del Comune di Sala

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 12006 10/12/2014 Identificativo Atto n. 611 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CRITERI E MODALITA DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL

Dettagli

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 692 DEL 09-12-2011 AREA POLITICHE DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 692 DEL 09-12-2011 AREA POLITICHE DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 692 DEL 09-12-2011 OGGETTO: CONTRATTO DI QUARTIERE ABITARE E INCONTRARSI AL CROCIONE : TRASFERIMENTO DEL COFINANZIAMENTO EROGATO DALLA REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

Programmazione 2015 Richieste di finanziamento in Edilizia Sanitaria con priorità 2015 e scenari di programmazione degli investimenti

Programmazione 2015 Richieste di finanziamento in Edilizia Sanitaria con priorità 2015 e scenari di programmazione degli investimenti Programmazione 2015 Richieste di finanziamento in Edilizia Sanitaria con priorità 2015 e scenari di programmazione degli investimenti Regione Piemonte Settore Sanità IRES Piemonte Nucleo Edilizia Sanitaria

Dettagli

COMUNE DI CASTELNOVO NÉ MONTI (R.E.) BILANCIO DI PREVISIONE NOTA INTEGRATIVA ED ALLEGATI

COMUNE DI CASTELNOVO NÉ MONTI (R.E.) BILANCIO DI PREVISIONE NOTA INTEGRATIVA ED ALLEGATI COMUNE DI CASTELVO NÉ MONTI (R.E.) BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 TA INTEGRATIVA ED ALLEGATI Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO TECNICO C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI LIQUIDAZIONE DI SPESA N. 250 del 09/04/2014 del registro generale OGGETTO: SERVIZIO

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 15-06-2015 DELIBERAZIONE N. 275 OGGETTO: DECRETO INTERMINISTERIALE N. 869 DEL 25 NOVEMBRE 2014 TRASFERIMENTO ALLE

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010 Proponente STELLA TARGETTI ANNA RITA BRAMERINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA'

Dettagli

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI Già da qualche anno sono stati cambiati i parametri con i quali i pensionati possono ottenere le prestazioni pensionistiche legate al reddito.

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE. Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna LORO SEDI

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE. Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna LORO SEDI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI Servizio Programmazione Sociale e dei supporti alla Direzione Generale prot. n. 5336 Cagliari,14 dicembre

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO PER LA REGIONE PIEMONTE RELATIVO ALLA DIRIGENZA SCOLASTICA AREA V L anno 2002, il giorno 12 novembre, in Torino, presso il MIUR Ufficio Scolastico Regionale Direzione Regionale

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Settore Trasporti Periodo di programmazione 2000-2006

Programma Operativo Nazionale Settore Trasporti Periodo di programmazione 2000-2006 4 PIANO FINANZIARIO 4.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO Il Costo Totale del Programma Trasporti per il periodo 2000 2006, sulla base della Decisione C(2001) 2162 del 14.09.01, è pari a 4.280,548

Dettagli

ANAS Spa. Condirezione Generale Tecnica. Roma Direzione Centrale Grandi Infrastrutture Autostrada Salerno-Reggio Calabria

ANAS Spa. Condirezione Generale Tecnica. Roma Direzione Centrale Grandi Infrastrutture Autostrada Salerno-Reggio Calabria ANAS Spa Condirezione Generale Tecnica Roma Direzione Centrale Grandi Infrastrutture Autostrada Salerno-Reggio Calabria Galleria artificiale di Rosarno Km. 382+500 Stato dell arte ANAS Spa febbraio 2007

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Tutela Idrogeologica

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Tutela Idrogeologica Registro generale n. 278 del 02/02/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Tutela e Valorizzazione dell'ambiente, Pianificazione Territoriale, Trasporto e Infrastrutture

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Nuova sede della "Scuola per l'europa" di Parma SCHEDA N. 182

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Nuova sede della Scuola per l'europa di Parma SCHEDA N. 182 PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Nuova sede della "Scuola per l'europa" di Parma SCHEDA N. 182 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: Edilizia scolastica

Dettagli

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici

Bando per la presentazione di candidature per. Progetti Semplici I. Contenuti Bando per la presentazione di candidature per Progetti Semplici Il Programma europeo di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 approvato con decisione della Commissione,

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE Determina

Dettagli

Deliberazione n. V di verbale della seduta del 23/04/2013. Protocollo Generale N. 321/13. Assemblea d Ambito

Deliberazione n. V di verbale della seduta del 23/04/2013. Protocollo Generale N. 321/13. Assemblea d Ambito Deliberazione n. V di verbale della seduta del 23/04/2013 Protocollo Generale N. 321/13 Oggetto: Approvazione progetto definitivo Interventi per il disinquinamento della Laguna di Venezia - Risanamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1891 Seduta del 30/05/2014

DELIBERAZIONE N X / 1891 Seduta del 30/05/2014 DELIBERAZIONE N X / 1891 Seduta del 30/05/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

AREA COORDINAMENTO DEL TERRITORIO U.O. SVILUPPO E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

AREA COORDINAMENTO DEL TERRITORIO U.O. SVILUPPO E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE AREA COORDINAMENTO DEL TERRITORIO U.O. SVILUPPO E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Determinazione nr. 814 Trieste 20/03/2014 Proposta nr. 281 Del 20/03/2014 Oggetto: Programma per la Cooperazione Transfrontaliera

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO B R I S I G H E L L A. Via Saffi n. 2 - FOGNANO (RA) **********************

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO B R I S I G H E L L A. Via Saffi n. 2 - FOGNANO (RA) ********************** COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO B R I S I G H E L L A Via Saffi n. 2 - FOGNANO (RA) ********************** REP. N. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ PER CONTO TERZI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ PER CONTO TERZI CONSERVATORIO DI MUSICA "ARRIGO BOITO" PARMA Approvato dal CDA il 24/01/2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ PER CONTO TERZI ART. 1 Finalità Il presente Regolamento disciplina Ie attività

Dettagli

Missione: 13-Diritto alla mobilità Programma: 1-Sviluppo e sicurezza della mobilità stradale

Missione: 13-Diritto alla mobilità Programma: 1-Sviluppo e sicurezza della mobilità stradale 145 Programma: 1-Sviluppo e sicurezza della mobilità stradale LF n. 388/2000 art. 144, comma 1, punto D bis LIMITI DI IMPEGNO AUTORIZZATI Al FINI DI AGEVOLARE LO SVILUPPO DELL'ECONOMIA E DELL'OCCUPAZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 28 MARZO 2013 126/2013/R/EEL AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 APRILE 30 GIUGNO 2013, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA L AUTORITÀ

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 nr. 422/2013 del Registro delle Determinazioni OGGETTO: P.O. FESR UE 2007/2013 ASSE

Dettagli

N. del PROPOSTA DI DELIBERA

N. del PROPOSTA DI DELIBERA N. del OGGETTO: OP065 COMPLETAMENTO OPERE DI URBANIZZAZIONE VIA PER SALVATRONDA - ADOZIONE DELLA VARIANTE URBANISTICA, APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL'ESPROPRIO ED APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE.

Dettagli

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni ALLEGATO A Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni Elenco degli impegni della Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli

Dettagli

COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara

COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara DELIBERAZIONE N. 15 DEL 15.03.2016 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Programma 6000 Campanili - Approvazione perizia n.

Dettagli

Allegato N. 1 delibera n. 7 del 9/12/2003

Allegato N. 1 delibera n. 7 del 9/12/2003 Allegato N. 1 delibera n. 7 del 9/12/2003 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE LOMBARDIA E LE AUTORITA D AMBITO LOMBARDE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DI REDAZIONE DEL PIANO D AMBITO E AGGIORNAMENTO

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 04551/019 Servizio Anziani - Residenzialità

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 04551/019 Servizio Anziani - Residenzialità Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 04551/019 Servizio Anziani - Residenzialità CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 237 approvata il 9 ottobre 2014

Dettagli

Campania. Risorse vincolate Agcom per le attività delegate. -

Campania. Risorse vincolate Agcom per le attività delegate. - Modulo - inserimento dati e gestione informatica Servizio on-line procedure di conciliazione Oggetto: Impegno di spesa finanziamento Piano di lavoro DETERMINA n. 14/ U.D.SPECIALE CORECOM dei 09 NOVEMBRE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 marzo 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 aprile 2015, n. 94, recante

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Infrastrutture) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0698 Alla Regione Toscana Area

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PRESENTAZIONE Il Programma annuale che si propone alla approvazione del Consiglio di Istituto tiene conto: o delle indicazioni

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) Settore Servizi alla Persona Sezione Istruzione ed Integrazione proposta n. 1527 / 2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 996 / 2015 OGGETTO: TRASFERIMENTO AGLI ISTITUTI COMPRENSIVI SCOLASTICI DI FONDI PER

Dettagli

COMUNE DI LICATA PROVINCIA DI AGRIGENTO REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DI INCENTIVI E SPESE PER LA PROGETTAZIONE

COMUNE DI LICATA PROVINCIA DI AGRIGENTO REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DI INCENTIVI E SPESE PER LA PROGETTAZIONE COMUNE DI LICATA PROVINCIA DI AGRIGENTO REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DI INCENTIVI E SPESE PER LA PROGETTAZIONE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità

Dettagli

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'UMBRIA ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 STRADA LACUGNANO, S.N. 06132 PERUGIA (PG)

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2016 e Pluriennale 2016/2018 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2016 e Pluriennale 2016/2018 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2016 e Pluriennale 2016/2018 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 - Bilancio annuale - Bilancio

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni (legge quadro in materia di lavori pubblici) che, all art. 14, dispone

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina II Dipartimento Settore Urbanistica e Assetto del Territorio

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina II Dipartimento Settore Urbanistica e Assetto del Territorio COMUNE DI GAETA Provincia di Latina II Dipartimento Settore Urbanistica e Assetto del Territorio DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 211/URB del 31/12/2012 OGGETTO: Recupero crediti per procedimenti ex art.

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO Regolamento Comunale concessione contributi a Enti e Associazioni Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 14/03/2009 1 Art. 1 Oggetto La concessione

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 181 approvata il 27 maggio 2016

CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 181 approvata il 27 maggio 2016 Servizio Relazioni Internazionali, Progetti Europei, Cooperazione e Pace 2016 02579/072 CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 181 approvata il 27 maggio 2016 DETERMINAZIONE: PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 65 del 24-01-2012 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 58 del 17-01-2012 Repertorio Segreteria n. 12/SG del 24/01/2012

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE Numero del provvedimento Data del provvedimento Oggetto Contenuto

Dettagli

Provvedimento di Determinazione N. 921 del 30/12/2014

Provvedimento di Determinazione N. 921 del 30/12/2014 Provvedimento di Determinazione N. 921 del 30/12/2014 Protocollo n.: 93062/2014 Settore : Ufficio : SERVIZI ALLA PERSONA, SOCIALI ED EDUCATIVI P.I. PUBBLICA ISTRUZIONE Proposta n.: 1071 del 19/12/2014

Dettagli

COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME

COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME COMUNE DI CASAMICCIOLA TERME P R O V I N C I A D I N A P O L I STAZIONE DI CURA, SOGGIORNO E TURISMO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE ATTIVITA' PRODUTTIVE Prot. Int. Attivita' Produttive.. n. 7 Del 03/02/2011

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MAZZA EMANUELA VIALE PICENO, 60 20129 MILANO Telefono 02/77402450 Fax 02/77404205 E-mail e.mazza@provincia.milano.it Nazionalità

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive modificazioni; VISTO il decreto-legge 9 maggio 2003 n. 105, convertito dalla legge 11 luglio 2003 n. 170, nel seguito denominata legge,

Dettagli

AREA DI COMPETENZA 4 RISORSE IDRICHE, FOGNATURE E DEPURAZIONE

AREA DI COMPETENZA 4 RISORSE IDRICHE, FOGNATURE E DEPURAZIONE Funzioni del Comune: Gesti del contratto di servizio e definizi degli standard di qualità dello stesso Manutenzi ordinaria delle reti idriche e fognarie nonché delle caditoie stradali Monitoraggio continuo

Dettagli

ProvinciadiRoma. Dipartimento09Servizio01. Immigrazioneedemigrazione. e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it

ProvinciadiRoma. Dipartimento09Servizio01. Immigrazioneedemigrazione. e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it ProvinciadiRoma Dipartimento09Servizio01 Immigrazioneedemigrazione e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it Propostan.3135 del24/05/2012 RIFERIMENTICONTABILI Anno bilancio 2012 Intervento di riferimento 1080203

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE ESECUTIVA/APPALTO/INIZIO LAVORI

SCHEDA PROGETTUALE ESECUTIVA/APPALTO/INIZIO LAVORI Regione Toscana PIC 2008 /2010 Progetto di Iniziativa Regionale 2.8 "Investire in cultura Annualità 2009 Direzione Generale Presidenza Area di Coordinamento Cultura SCHEDA PROGETTUALE ESECUTIVA/APPALTO/INIZIO

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 nr. 433/2013 del Registro delle Determinazioni OGGETTO: P.O. FESR UE 2007/2013 ASSE

Dettagli

Agec e il socio unico Comune di Verona

Agec e il socio unico Comune di Verona Agec e il socio unico Comune di Verona Agec e il socio unico Comune di Verona AGEC E IL SOCIO UNICO COMUNE DI VERONA. Linee politiche dei rapporti con il Comune unico proprietario. Il patrimonio di dotazione.

Dettagli

Inquinamento fonico sulle strade nazionali Provvedimenti d isolamento acustico su edifici

Inquinamento fonico sulle strade nazionali Provvedimenti d isolamento acustico su edifici Il Capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Istruzioni Edizione del 01.01.2011 V1.00 Inquinamento fonico sulle strade nazionali Provvedimenti

Dettagli

L ESPERIENZA della REGIONE TOSCANA

L ESPERIENZA della REGIONE TOSCANA L ESPERIENZA della REGIONE TOSCANA Dr. Rolando Giomarelli Az. Usl 7 di Siena Componente del Gruppo di Lavoro Regione Toscana validazione sito www.coperturasicura.toscana.it Dr. Rolando Giomarelli Az. Usl

Dettagli

GRANDI PROGETTI NEL POR SARDEGNA 2000-2006

GRANDI PROGETTI NEL POR SARDEGNA 2000-2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione GRANDI PROGETTI NEL POR SARDEGNA 2000-2006 Punto 7 OdG del

Dettagli

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2015 06998/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2015 06998/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2015 06998/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 522 approvata

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 20 del 05/02/2016 CON IMPEGNO DI SPESA [ X ] SENZA IMPEGNO DI SPESA [ ]

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 47 Reg. Deliberazioni N. 3481.3481/2014 di Prot. G. OGGETTO: PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO DI SMALTIMENTO

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato Prot. Gen. n 1198 Data 17/11/2011 Prot. Det. n 176/11 OGGETTO:

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Ricerca e Competitività

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Ricerca e Competitività R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Ricerca e Competitività CODICE CIFRA: RIC/DEL/2011/ OGGETTO:

Dettagli

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 01878/062 Servizio Infrastrutture per il Commercio e lo Sport GC 3 CITTÀ DI TORINO

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 01878/062 Servizio Infrastrutture per il Commercio e lo Sport GC 3 CITTÀ DI TORINO Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 01878/062 Servizio Infrastrutture per il Commercio e lo Sport GC 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 5 maggio 2015 Convocata la

Dettagli

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. UFFICIO OPERE PUBBLICHE Area Tecnica DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE n. 191 di data 17 maggio 2013

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. UFFICIO OPERE PUBBLICHE Area Tecnica DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE n. 191 di data 17 maggio 2013 ORIGINALE Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO UFFICIO OPERE PUBBLICHE Area Tecnica DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE n. 191 di data 17 maggio 2013 OGGETTO: PULIZIE STRAORDINARIE DA EFFETTUARSI PRESSO

Dettagli

Anni Manodopera Materiali Trasporti Noli 2006 2,4 8,5 3,5 3,8 2007 4,5 9,3 3,3 3,4 2008 4,0 2,4 7,1 6,6 2009 4,0-14,8 0,9 1,6 2010 2,1 8,2 0,9 2,0

Anni Manodopera Materiali Trasporti Noli 2006 2,4 8,5 3,5 3,8 2007 4,5 9,3 3,3 3,4 2008 4,0 2,4 7,1 6,6 2009 4,0-14,8 0,9 1,6 2010 2,1 8,2 0,9 2,0 Direzione Affari Economici e Centro Studi INDICI ISTAT DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI TRONCHI STRADALI Aggiornamento a febbraio 2016 L indice del costo di costruzione di un tronco stradale con tratto di strada

Dettagli

Allegato 2 tracciato record privata

Allegato 2 tracciato record privata Nome campo Descrizione campo Formato campo CUP DataCUP Cratere CodIstat Attuatore DataConcesso DataFineIstr IdLocProg DescrProg Codice unico di progetto IMPOSTATO COME CHIAVE UNIVOCA DELLA TABELLA Data

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/6 Unità proponente: RUP - Responsabile unico del procedimento Oggetto: POR-FESR 2007-2013 Asse III Attività A3: Bando per l assegnazione di contributi alle Amministrazioni Comunali per l utilizzo dell

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FLUSSO MONITORAGGIO ECONOMICO FINANZIARIO DEI PIANI DI ZONA TRIENNIO 2009-2011

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FLUSSO MONITORAGGIO ECONOMICO FINANZIARIO DEI PIANI DI ZONA TRIENNIO 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FLUSSO MONITORAGGIO ECONOMICO FINANZIARIO DEI PIANI DI ZONA TRIENNIO 2009-2011 1) COSTI SOSTENUTI PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI NEL PIANI DI ZONA NEL TRIENNIO 2009-2011

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 52 del 09-5-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 52 del 09-5-2016 20902 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 aprile 2016, n. 511 Programma Operativo FESR 2014 2020. Asse V-Azione 5.1 Interventi di riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera. Primo programma

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA Provincia di Ravenna

COMUNE DI BRISIGHELLA Provincia di Ravenna COMUNE DI BRISIGHELLA Provincia di Ravenna COPIA DETERMINAZIONE N. 249 del 14-09-2011 Oggetto: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE "O.PAZZI": RIFACIMENTO SERVIZI IGIENICI E SOSTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI COLLEPASSO Prov. di Lecce

COMUNE DI COLLEPASSO Prov. di Lecce COMUNE DI COLLEPASSO Prov. di Lecce DETERMINAZIONE N. 28 1 SETTORE SERV. AMM.VI AA.GG. E ISTITUZIONALI SERVIZI SOCIALI PUBBLICA ISTRUZIONE CULTURA DEL 20.02.2014 DETERMINAZIONE N. 79 GENERALE OGGETTO:

Dettagli

Gorizia DECRETO OGGETTO: FORMAZIONE PERMANENTE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE OBBLIGATORIO DEL PERSONALE DIPENDENTE ANNO 2016 - DETERMINAZIONE FONDI

Gorizia DECRETO OGGETTO: FORMAZIONE PERMANENTE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE OBBLIGATORIO DEL PERSONALE DIPENDENTE ANNO 2016 - DETERMINAZIONE FONDI Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 35 DD. 28/01/2016 DECRETO OGGETTO: FORMAZIONE PERMANENTE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE OBBLIGATORIO DEL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno.

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno. Veneto: PROCEDURE AMMINISTRATIVE RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI, ALL ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI, ALL UTILIZZO E ALL EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI, NONCHE ALL INDIVIDUAZIONE DELLE INIZIATIVE DIRETTE

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/6 Unità proponente: ICSSS - Dirigente ICSSS Oggetto: Finanziamenti per lo sviluppo e la diffusione della pratica sportiva (D.P.C.M. 25-2-2013): Approvazione schema di convenzione per il prolungamento

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 01161/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 57 approvata

Dettagli

COMUNE DI NERETO AREA TECNICA LAVORI PUBBLICI UFFICIO LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 30/07/2013

COMUNE DI NERETO AREA TECNICA LAVORI PUBBLICI UFFICIO LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 30/07/2013 COMUNE DI NERETO COPIA N. Registro Generale 275 del 30/07/2013 AREA TECNICA LAVORI PUBBLICI UFFICIO LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. Registro di Settore 56 del 30/07/2013 OGGETTO: OPERE

Dettagli

Fondo Finanziamento Ordinario 2014 Analisi dello schema di decreto e confronti con anno 2013

Fondo Finanziamento Ordinario 2014 Analisi dello schema di decreto e confronti con anno 2013 Fondo Finanziamento Ordinario 2014 Analisi dello schema di decreto e confronti con anno 2013 A cura Area Contabilità, Finanza e Controllo di Gestione Area Supporto Strategico e Comunicazione Andamento

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014. Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: dott.ssa Marina Del Turco

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014. Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: dott.ssa Marina Del Turco Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE D. SETTESOLDI Via del Capannone n. 19 56019 VECCHIANO (PI)

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI - VIABILITA TRASPORTI - TERRITORIO Arch. Maurizio Spolaore

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI - VIABILITA TRASPORTI - TERRITORIO Arch. Maurizio Spolaore ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI - VIABILITA TRASPORTI - TERRITORIO Arch. Maurizio Spolaore Le proposte di programma annuale dei lavori 2009 e di programma triennale delle opere pubbliche 2009-2011 che vengono

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 17/11/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 17/11/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 546 del 17/11/2014 Dipartimento 52 - Salute e Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Tutela Salute e Coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile

Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile Le energie rinnovabili nella strategia dei fondi strutturali e valorizzazione della Geotermia quale fonte energetica rinnovabile ing. Fabrizio Fattor fabrizio.fattor@regione.fvg.it dott.ssa. geol. Sara

Dettagli

Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà.

Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà. LEGGE REGIONALE N. 37 DEL 30-12-2009 REGIONE PIEMONTE Norme per il sostegno dei genitori separati e divorziati in situazione di difficoltà. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 1 del 7

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. 0001188 Roma, 20/02/2012 AI Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Primarie e Istituti Comprensivi e, p.c. Al Direttore Generale Direzione Generale

Dettagli

Elenco Prezzi. Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore

Elenco Prezzi. Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Elenco Prezzi Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy tel: +39

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 15 del Reg. DATA: 08.02.2012 OGGETTO: Approvazione progetto esecutivo lavori finalizzati alla messa in sicurezza

Dettagli

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Misure per

Dettagli

I.I.S.S. A. VESPUCCI Gallipoli Pag. 1/7

I.I.S.S. A. VESPUCCI Gallipoli Pag. 1/7 I.I.S.S. A. VESPUCCI Gallipoli Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi

Dettagli