OSSERVATORIO REGIONALE SUL COMMERCIO LA RETE DISTRIBUTIVA IN BASILICATA REPORT 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO REGIONALE SUL COMMERCIO LA RETE DISTRIBUTIVA IN BASILICATA REPORT 2011"

Transcript

1 OSSERVATORIO REGIONALE SUL COMMERCIO LA RETE DISTRIBUTIVA IN BASILICATA REPORT 2011 FEBBRAIO 2012

2 INDICE PAG Premessa La rete commerciale regionale al 31 dicembre 2011 Le medie e grandi strutture di vendita al Schede per aree di gravitazione commerciale Area di Matera (1) Area di Potenza (2) Area di Melfi (3) Area di Lauria (4) Area di Senise (5) Area di Pisticci (6) Allegato statistico

3 PREMESSA A partire dal 2009, il Centro Studi Unioncamere ha avviato un attività di monitoraggio della rete distributiva al dettaglio nella sua articolazione territoriale, come previsto dalla LR 19/1999 che ha istituito l Osservatorio regionale sul Commercio. Obiettivo di questa Nota è quello di aggiornare il quadro statistico-descrittivo del settore al 2011, in continuità con i report realizzati negli anni precedenti. L universo di osservazione è costituito dalle attività di commercio al dettaglio svolte in sede fissa, ad esclusione del commercio di autoveicoli e motocicli e delle vendite al dettaglio di carburanti per autotrazione. Pertanto, le attività monitorate sono le seguenti: - commercio al dettaglio non specializzato (classe 47.1), suddivise in commercio a prevalenza alimentare e a prevalenza non alimentare; - commercio al dettaglio a specializzazione alimentare (classe 47.2); - commercio al dettaglio a specializzazione non alimentare (classi da 47.4 a 47.7). La distinzione tra commercio specializzato e non specializzato è legata, essenzialmente, al mix merceologico del punto vendita: gli esercizi non specializzati, in particolare, sono quelli che offrono un ampia varietà di prodotti e comprendono, quindi, la quasi totalità delle strutture riconducibili alla media e grande distribuzione organizzata (supermercati, minimercati, ipermercati e grandi magazzini). Per un approfondimento degli aspetti metodologici relativi alle fonti statistiche utilizzate si rinvia al Rapporto La prima parte della Nota contiene una breve analisi della consistenza e della recente evoluzione del sistema distributivo regionale, con una particolare attenzione al segmento della grande distribuzione organizzata. La seconda parte contiene, invece, una scheda per ciascuna delle 6 aree di gravitazione commerciale, come definite dalla LR 19/1999, che offre un quadro del settore a livello comunale, anche con l ausilio cartografico. 1 Cfr. Centro Studi Unioncamere Basilicata (a cura di), La rete distributiva in Basilicata: aspetti strutturali e tendenze evolutive, Osservatorio Regionale sul Commercio, dicembre

4 Prospetto 1 Il commercio nella classificazione delle attività economiche ATECO2007 codice ATECO07 descrizione 45. Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli 45.1 Commercio di autoveicoli 45.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli 45.3 Commercio di parti e accessori di autoveicoli 45.4 Commercio, manutenzione e riparazione di motocicli 46. Commercio all'ingrosso 46.1 Intermediari del commercio 46.2 Commercio all'ingrosso di materie prime agricole 46.3 Commercio all'ingrosso di prodotti alimentari 46.4 Commercio all'ingrosso di beni di consumo finale 46.5 Commercio all'ingrosso di apparecchiature ICT 46.6 Commercio all'ingrosso di macchinari, attrezzature e forniture 46.7 Commercio all'ingrosso specializzato di altri prodotti 46.9 Commercio all'ingrosso non specializzato 47. Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e motocicli) 47.1 Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati 47.2 Commercio al dettaglio di prodotti alimentari in esercizi specializzati 47.3 Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione 47.4 Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e ITC 47.5 Commercio al dettaglio di ferramenta e prodotti per uso domestico 47.6 Commercio al dettaglio di articoli culturali e ricreativi 47.7 Commercio al dettaglio di altri prodotti in esercizi specializzati 47.8 Commercio al dettaglio ambulante 47.9 Commercio al dettaglio al di fuori dei negozi Fonte: ISTAT 4

5 Prospetto 2 Le attività commerciali incluse nell'universo di osservazione codice ATECO07 descrizione 47.1 Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati Comm. in esercizi non specializz. con prevalenza prodotti alimentari Comm. in esercizi non specializz. con prevalenza prodotti alimentari 47.2 Commercio al dettaglio di prodotti alimentari in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di frutta e verdura Commercio al dettaglio di carni Commercio al dettaglio di pesci, crostacei e molluschi Commercio al dettaglio di pane, pasticceria e dolciumi Commercio al dettaglio di bevande Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco Commercio al dettaglio di altri prodotti alimentari 47.4 Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e ITC Commercio al dettaglio di computer e attrezzature per ufficio Commercio al dettaglio di apparecchiature per le telecomunicazioni Commercio al dettaglio di apparecchiature audio e video 47.5 Commercio al dettaglio di altri prodotti per uso domestico Commercio al dettaglio di prodotti tessili Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro Commercio al dettaglio di tappeti, rivestimenti per pavimento Commercio al dettaglio di elettrodomestici Commercio al dettaglio di mobili e di articoli di illuminazione 47.6 Commercio al dettaglio di articoli culturali e ricreativi Commercio al dettaglio di libri Commercio al dettaglio di giornali e articoli di cartoleria Commercio al dettaglio di registrazioni musicali e video Commercio al dettaglio di articoli sportivi Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli 47.7 Commercio al dettaglio di altri prodotti in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento Commercio al dettaglio di calzature e articoli in cuoio Commercio al dettaglio di medicinali Commercio al dettaglio di articoli medicali, ortopedici Commercio al dettaglio di cosmetici e di articoli di profumeria Commercio al dettaglio di fiori, piante, animali domestici Commercio al dettaglio di orologi e articoli di gioielleria Commercio al dettaglio di altri prodotti in esercizi specializzati Fonte: ISTAT 5

6 Prospetto 3 Le attività di commercio al dettaglio in esercizi non specializzati codice ATECO07 descrizione 47.1 Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati Comm. in esercizi non specializz. con prevalenza prodotti alimentari Commercio al dettaglio degli ipermercati Commercio al dettaglio degli supermercati Discount alimentari Commercio al dettaglio dei minimercati Commercio al dettaglio di prodotti surgelati Commercio al dettaglio in altri esercizi non specializzati Grandi magazzini Comm. in es. non spec. di elettronica di consumo ed elettrodomestici Empori ed altri negozi non specializzati Fonte: ISTAT 6

7 1. LA RETE DISTRIBUTIVA REGIONALE AL 31 DICEMBRE 2011 A dicembre 2011, il numero di esercizi del commercio al dettaglio in Basilicata raggiungeva le unità: classificate nel segmento specializzato e le restanti in quello despecializzato che, come è noto, comprende le medie e grandi strutture di vendita. Rispetto allo stock esistente a fine 2010, il settore ha registrato, nel complesso, un saldo positivo di 34 esercizi, che equivalgono ad un incremento dello 0,4%. Se si estende l analisi all intero decennio (cfr. graf. 1.1) 2, si può osservare come il trend di crescita della rete distributiva si sia progressivamente ridimensionato a partire dal 2006, fino a segnare un punto di svolta nel 2009 (in coincidenza con la fase più acuta della crisi economica), quando il parco commerciale è diminuito dello 0,3%. Nel 2010, invece, il numero di esercizi ha ripreso a crescere, pur se a ritmi assai modesti (+0,5%), confermando questo profilo evolutivo anche nel Tab L'evoluzione degli esercizi commerciali per tipologie - stock e variaz. assolute e % - stock a fine anno 2010 / var. ass. var. % esercizi despecializzati ,9 - a prevalenza alim ,8 - a prevalenza non alim ,4 esercizi specializzati ,2 - alimentare ,8 - non alimentare , ,4 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Non molto dissimile il trend a livello nazionale, risultato solo lievemente più favorevole nel biennio , mentre nel corso dell ultimo anno ha fatto registrare una sostanziale invarianza dell offerta commerciale. Dinamiche differenziate hanno caratterizzato i due principali formati distributivi: alla forte flessione degli esercizi despecializzati, diminuiti di ben 167 unità, per una variazione relativa del -7,6%, è corrisposta una discreta tenuta degli esercizi specializzati (17 unità in più, pari al +0,2%), per effetto di una ulteriore crescita dello stock di esercizi alimentari, che ha più che compensato la flessione di quelli non alimentari. All interno del segmento despecializzato, la contrazione ha riguardato esclusivamente i piccoli esercizi, soprattutto quelli a prevalenza non alimentare, mentre gli esercizi riconducibili alla grande distribuzione organizzata 3 sono rimasti pressoché invariati. 2 La revisione del sistema di classificazione delle attività commerciali, a partire dal 2009, non inficia il confronto temporale dello stock complessivo delle imprese operanti nel settore. 3 Codici ATECO2007: , , , e

8 4,0 Graf L'evoluzione degli esercizi commerciali al dettaglio - variaz. % annue - 3,0 2,0 1,0 0,0-1, Basilicata Italia Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Con riferimento alle classi merceologiche del segmento specializzato (cfr. tab. 1.2 e 1.3), il saldo positivo del comparto alimentare (27 esercizi in più nel 2011) è ascrivibile, in larga parte, alla crescita di salumerie, caseifici e negozi di prodotti dietetici (tutti classificati negli altri alimentari ), passati da 100 a 127, tra il 2010 e il In aumento anche le rivendite di tabacchi e le panetterie, mentre ancora in calo è risultato il numero di macellerie (9 unità in meno); stabili, infine, i negozi di frutta e verdura. Tab L'evoluzione degli esercizi specializzati alimentare - stock e variaz. assolute e % - stock a fine anno 2010 / var. ass. var. % carne ,5 tabacco ,8 frutta e verdura pesce ,5 pane ,2 bevande ,1 altri prodotti alimentari , ,8 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Nello specializzato non alimentare, invece, i regressi più consistenti hanno interessato i negozi di mobili e articoli da arredamento, diminuiti di 21 unità (il 3,2% dello stock registrato a fine 2010), e i negozi di abbigliamento (13 unità in meno), che rappresentano quasi un quarto dell intero comparto. E proseguito, inoltre, il trend discendente dei rivenditori di libri e giornali (8 esercizi in meno, pari al -1,9%) e segnali negativi sono emersi, per la prima volta, anche nel settore dell informatica di consumo e della telefonia. Per contro, saldi ampiamente positivi si registrano per i negozi di calzature (10 in più rispetto al 2010) e le gioiellerie (8 in più); in entrambi i casi, i tassi di crescita sono nell ordine del 3%. 8

9 Tab L'evoluzione dello specializzato non alimentare - stock e variaz. assolute e % var. ass. var. % abbigliamento ,9 ferramenta ,8 mobili ,2 farmacie, profumerie ,6 libri e giornali ,9 calzature ,0 piante ,2 tessile orologi, gioiellerie ,1 informatica, telefonia ,8 articoli sportivi ,1 giocattoli ,9 altri prodotti ,2 esercizi , Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere stock a fine anno 2010 / 2011 Dal punto di vista territoriale, due aree gravitazionali presentano un bilancio negativo degli esercizi commerciali; si tratta, in particolare, dell area di Lauria, dove si sono persi, complessivamente, 34 esercizi, pari al 3,1% dello stock del 2010, e dell area di Matera, dove la flessione è stata più contenuta e pari allo 0,5% (8 esercizi in meno). In entrambi i casi, il ridimensionamento del parco commerciale ha interessato anche il comune leader: a Lauria i punti vendita sono diminuiti di 9 unità (-3,2%), a Matera di 17 (-1,7%). Per contro, l area più dinamica è risultata quella di Melfi, che ha fatto registrare un incremento della rete distributiva dell 1,5% (21 esercizi in più): uno sviluppo che si è concentrato nei comuni di maggiori dimensioni, rafforzandone il ruolo di attrattori commerciali rispetto ai piccoli centri dell area. Tab L'evoluzione degli esercizi commerciali per aree - stock a fine periodo e variaz. assolute e % - stock a fine periodo variaz / 2011 comuni leader var. ass. var. % var. ass. var. % 1. Matera , ,7 2. Potenza ,0 12 0,9 3. Melfi ,5 4 1,5 4. Lauria ,1-9 -3,2 5. Senise ,5 7 5,2 6. Pisticci ,2 3 1, ,4 - - Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Superiore alla media regionale è risultato, inoltre, il tasso di crescita dei punti vendita nell area di Pisticci (+1,2%) e in quella di Potenza (+1,0%); in quest ultimo caso, un terzo del saldo positivo degli esercizi è ascrivibile al comune capoluogo. Più orientata alla stazionarietà, invece, l evoluzione della rete distributiva nell area di Senise, nonostante il sensibile incremento degli esercizi nel comune leader. 9

10 INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 10

11 VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

12 In un ottica di medio-lungo periodo (cfr. graf. 1.2), le aree più dinamiche, dal punto di vista dell evoluzione del sistema distributivo, sono quelle di Pisticci e Matera. Il bacino di Senise registra, invece, un depauperamento della rete commerciale pressoché costante negli anni, mentre un trend stabilmente espansivo caratterizza il bacino di Melfi. Molto al di sotto della media regionale, infine, i tassi medi annui di crescita degli esercizi nelle aree di Potenza e Lauria. Tali andamenti riflettono anche l evoluzione demografica dei diversi bacini commerciali, che risulta molto negativa nelle aree di Senise, Lauria e Potenza e moderatamente favorevole nelle restanti. 120,0 Graf L'evoluzione della rete distributiva nelle aree gravitazionali (numeri indici 2003 = 100) 115,0 110,0 Pisticci Matera Melfi 105,0 Potenza 100,0 95,0 Lauria Senise Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Il graf. 1.3 mostra gli indici di dotazione commerciale a livello territoriale, a fine 2011, calcolati rapportando il numero di esercizi alla popolazione residente. 20,0 Graf Esercizi del commercio al dettaglio x abitanti - 31 dicembre ,0 18,0 18,1 18,7 17,0 16,0 15,5 16,0 16,2 16,4 16,4 15,0 14,0 13,0 Matera Potenza Melfi Lauria Senise Pisticci regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere e ISTAT 12

13 Le aree con la maggiore concentrazione relativa di esercizi commerciali sono quelle di Senise e Lauria, dove si contano, rispettivamente, 18,7 e 18,1 punti vendita ogni abitanti, a fronte di una media regionale di 16,4. Al di sotto di quest ultimo valore si posizionano, invece, le altre aree, con distacchi maggiori per quelle dei comuni capoluogo. La variabilità territoriale dell indice di dotazione commerciale riflette molteplici fattori, tra i quali la densità abitativa e la presenza della GDO nel sistema distributivo locale 4. Ad una più bassa densità abitativa (e, quindi, ad una maggiore dispersione e frammentazione dei centri urbani) corrisponde, generalmente, un più elevato rapporto esercizi/abitanti, stante la necessità dell offerta distributiva di servire il territorio in più punti. Ad una più elevata diffusione della GDO corrisponde, invece, una più bassa consistenza media dei punti vendita in rapporto alla popolazione residente, per effetto dello spiazzamento subito dai piccoli esercizi tradizionali da parte delle grandi superfici. 2. LE MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA AL Alla fine del 2010, risultano operanti in Basilicata 213 esercizi della grande distribuzione organizzata, per una superficie complessiva di vendita pari a circa 126 mila m 2. La tipologia più diffusa è quella dei minimercati, strutture con caratteristiche simili a quelle dei supermercati ma di dimensioni inferiori (in media, le superfici per esercizio non raggiungono i 300 m 2 ): si tratta di 114 esercizi, che concentrano quasi il 26% della superficie della GDO lucana. Il secondo formato distributivo per numerosità di strutture è quello dei supermercati (85 punti vendita), che pesano, tuttavia, per il 51% circa in termini di superfici di vendita. Il canale moderno della distribuzione commerciale risulta poi composto da 11 esercizi nel settore non alimentare (10 grandi magazzini e una grande superfice specializzata), la cui superficie complessiva sfiora i 16 mila m 2 (il 12,7% del ) e 3 ipermercati con una dimensione media di 4,6 mila m 2. Tab La Grande Distribuzione Organizzata in Basilicata punti superf. superf. grado di vendita di vendita media penetrazione (numero) (mq.) (mq.) (mq.x1.000 ab.) supermercati ,7 grandi magazzini ,5 ipermercati ,3 minimercati ,6 grandi superf. specializzate ,6 GDO ,7 GDO - minimercati ,1 Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 4 Cfr. Centro Studi Unioncamere Basilicata (a cura di), op. cit.. 5 I dati di seguito analizzati sono quelli rilasciati dall Osservatorio nazionale del commercio, derivanti da un apposita indagine annuale condotta dalle Camere di Commercio per conto del Ministero dello Sviluppo Economico. 13

14 A differenza di quanto osservato per l intero settore commerciale, la GDO ha mantenuto, nel corso degli ultimi anni, un profilo espansivo, pur scontando un progressivo rallentamento dei ritmi di crescita. Nell arco del triennio , in particolare, il numero di esercizi è aumentato di 57 unità pari al +36,5%, mentre l incremento delle superfici complessive di vendita è stato di oltre 33 mila m 2 (+36,1%). Nel 2010, tuttavia, la crescita della GDO ha sensibilmente frenato e il bilancio è di appena 3 esercizi in più (+1,4%); pressoché dimezzato, inoltre, il tasso di incremento delle superfici, sceso al +6,4%. Tab La Grande Distribuzione Organizzata in Basilicata: l'evoluzione delle strutture di vendita variaz. assolute variaz. % annue supermercati ,4 10,0 10,4 grandi magazzini ,6 60,0 25,0 ipermercati minimercati ,3 14,3-5,0 grandi superf. specializz ,0 GDO ,6 13,5 1,4 GDO - minimercati ,3 12,5 10,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE A determinare tale rallentamento ha contribuito la riduzione del numero di minimercati (6 in meno), che nei due anni precedenti erano notevomente aumentati, e la chiusura di una delle due grandi superfici specializzate esistenti in regione. Per contro, hanno continuato a crescere a ritmi sostenuti i supermercati (8 in più) e i grandi magazzini (2 in più) che, insieme, hanno accresciuto le superfici di vendita di oltre 10 mila m 2. Tab La Grande Distribuzione Organizzata in Basilicata: l'evoluzione delle superfici di vendita variaz. assolute (mq.) variaz. % annue supermercati ,0 12,3 12,0 grandi magazzini ,4 52,2 35,6 ipermercati ,7 - minimercati ,4 13,6-4,5 grandi superf. specializz , ,0 GDO ,3 13,9 6,4 GDO - minimercati ,7 14,0 10,7 Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Anche a livello nazionale, il trend espansivo della GDO ha subito una sensibile attenuazione nel 2010: i tassi di incremento delle superfici sono passati, infatti, dal +4,2 al +3,0%, mentre nell area meridionale sono scesi dal +7,5 al +3,2% (cfr. tab. 2.4). Pur nel contesto di andamenti generali più riflessivi, la GDO lucana continua a svilupparsi, quindi, a ritmi molto superiori a quelli registrati nel resto del Paese. 14

15 Tab L'evoluzione della Grande Distribuzione Organizzata - variaz. % annue delle superfici di vendita - Basilicata Mezzogiorno Italia supermercati 12,3 12,0 9,0 2,6 4,3 2,1 grandi magazzini 52,2 35,6 6,4-1,9 3,0 0,0 ipermercati 3,7-7,0 3,0 3,3 3,7 minimercati 13,6-4,5 7,1 2,8 2,4 1,2 grandi superf. specializz ,0 5,3 8,1 5,8 6,1 GDO 13,9 6,4 7,5 3,2 4,2 3,0 GDO - minimercati 14,0 10,7 7,6 3,2 4,3 3,1 Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE L indice di dotazione della GDO, misurato dal rapporto tra le superfici di vendita e la popolazione residente, rimane ancora assai distante dalla media nazionale, ma il gap si sta progressivamente riducendo; negli ultimi 4 anni, infatti, l indice è salito da 156 a 214 m 2 ogni abitanti, mentre il differenziale nei confronti dell Italia si è ridotto di quasi 12 punti percentuali. La tipologia dei minimercati è l unica a presentare una densità di presenza più elevata a livello regionale (55 m 2 per abitanti, contro i 27 m 2 della media); per contro, gli scostamenti maggiori riguardano i formati delle grandi superfici specializzate e degli ipermercati. Tab Indici di dotazione della Grande Distribuzione Organizzata (a) - Basilicata, Mezzogiorno, Italia - Basilicata Mezzogiorno Italia supermercati 76,7 108,7 91,2 106,5 129,9 142,1 grandi magazzini 11,7 24,5 24,9 27,1 34,0 35,7 ipermercati 22,4 23,3 37,3 40,3 53,4 60,4 minimercati 38,7 54,6 27,3 32,0 25,7 26,9 grandi superf. specializz. 6,6 2,6 37,5 46,3 67,6 79,5 GDO 156,1 213,7 218,2 252,1 310,6 344,6 GDO - minimercati 117,4 159,1 190,9 220,2 284,9 317,7 (a) superfici di vendita (mq.) per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Dal punto di vista territoriale, la recente evoluzione della GDO è risultata molto differenziata: al forte aumento delle superfici di vendita nelle aree di Lauria e Melfi (un andamento condiviso anche dall area di Potenza, ma non con la stessa intensità) è corrisposto un regresso nelle restanti aree, ma di entità significativa soltanto in quella di Pisticci. In particolare, nell area di Lauria le superfici della GDO tra il 2009 e il 2010 sono aumentate di ben 4,4 mila m 2 (+38,2%), che equivalgono al 60% circa dell intero incremento osservato a livello regionale; ciò ha riflesso anche l ampliamento dell unico grande magazzino presente nell area, la cui superficie è passata da 2,5 a 5,0 mila m 2. Nel bacino di Melfi, invece, le superfici aggiuntive sono ammontate a 3,4 mila m 2 (+15,4%), per effetto soprattutto dell apertura di 3 supermercati di medio-grandi dimensioni. 15

16 Un bilancio lievemente positivo ha contrassegnato la GDO localizzata nell area di Potenza, dove le superfici di vendita sono aumentate di circa 1,4 mila m 2 (+3,6%); la chiusura dell unica grande superficie specializzata, che ha determinato una perdita di 1,6 mila m 2, è stata più che compensata, infatti, dall apertura di 3 nuovi supermercati, per oltre 2,5 mila m 2 in più. Tab La GDO nelle aree di gravitazione commerciale stock a fine 2010 variazioni numero superf. di dotazione numero esercizi superfici di vendita esercizi vendita (mq.) (a) var. ass. var. % var. ass. var. % 1. Matera ,3-1 -2, ,8 2. Potenza ,8 4 6, ,6 3. Melfi ,9 2 5, ,4 4. Lauria ,8 3 15, ,2 5. Senise ,3-1 -7, ,8 6. Pisticci , , , ,7 3 1, ,4 (a) mq. di superficie di vendita x abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Le aree di Matera e Senise hanno accusato, invece, una riduzione delle superfici della GDO di appena 200 m 2 (in entrambi i casi, per effetto della chiusura di un mimimercato); di ben altra intensità la flessione registrata nell area di Pisticci, dove le superfici sono diminuite di oltre 1,2 mila m 2 (-7,4%), sempre in conseguenza della chiusura di esercizi di minimercato. Il graf. 2.1 riporta gli indici di dotazione della GDO nelle aree gravitazionali e la relativa evoluzione nel corso dell ultimo triennio. Graf Grado di penetrazione della GDO nei bacini commerciali - superfici di vendita (mq.) per abitanti Matera Potenza Melfi Lauria Senise Pisticci regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE e ISTAT 16

17 INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 17

18 VARIAZIONE DELLE SUPERFICI DI VENDITA DELLA GDO NEL BIENNIO

19 SCHEDE PER AREE DI GRAVITAZIONE COMMERCIALE 19

20 LE AREE DI GRAVITAZIONE COMMERCIALE (LR 19/1999) 20

21 AREA DI MATERA Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Matera - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Matera , ,7 Montescaglioso , ,3 Ferrandina , ,6 Grassano , ,2 Stigliano , ,2 Irsina , ,4 Pomarico , ,6 Miglionico , ,1 Salandra , ,3 San Mauro Forte , Grottole , ,0 area , ,5 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere 110,0 L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 105,0 100,0 popolazione esercizi 95,

22 AREA DI MATERA Esercizi commerciali per tipologie al area di Matera - tot. specializzati alim. non alim. esercizi Matera Montescaglioso Ferrandina Grassano Stigliano Irsina Pomarico Miglionico Salandra San Mauro Forte Grottole area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Matera - despecializzati despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Matera 16,1 83,9 13,5 70,4 100,0 Montescaglioso 17,2 82,8 20,9 61,9 100,0 Ferrandina 25,6 74,4 17,8 56,6 100,0 Grassano 16,5 83,5 18,4 65,0 100,0 Stigliano 19,4 80,6 21,5 59,1 100,0 Irsina 22,0 78,0 22,0 56,1 100,0 Pomarico 13,0 87,0 22,2 64,8 100,0 Miglionico 33,3 66,7 33,3 33,3 100,0 Salandra 43,3 56,7 16,7 40,0 100,0 San Mauro Forte 34,5 65,5 27,6 37,9 100,0 Grottole 19,2 80,8 38,5 42,3 100,0 area 18,5 81,5 16,9 64,6 100,0 regione 20,5 79,5 16,1 63,5 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 22

23 AREA DI MATERA Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Matera - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Matera Montescaglioso Ferrandina Irsina Stigliano San Mauro Forte Grassano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Matera - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Matera Montescaglioso Ferrandina Irsina Stigliano San Mauro Forte Grassano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 23

24 AREA DI MATERA La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) Montescaglioso 9% Ferrandina 5% Irsina 3% Stigliano 2% altri comuni 2% Matera 79% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO - area di Matera - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Matera Montescaglioso Ferrandina Irsina Stigliano San Mauro Forte Grassano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 24

25 AREA DI MATERA INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 25

26 AREA DI MATERA VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

27 AREA DI MATERA INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 27

28 AREA DI POTENZA Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Potenza - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Potenza , ,9 Marsicovetere , ,4 Avigliano , ,6 Tito , ,3 Tricarico , ,0 Muro Lucano , ,1 Picerno , ,6 Moliterno , ,3 Pietragalla , ,6 Brienza , ,5 Bella , ,9 Oppido Lucano , ,5 Marsico Nuovo , ,0 Tolve , ,8 Baragiano , ,8 Pignola , Tramutola , Vietri di Potenza , ,5 Paterno , ,1 Corleto Perticara , ,7 Acerenza , ,2 San Fele , Accettura , ,9 Satriano di Lucania , Calvello , Filiano , ,3 Forenza , ,0 Laurenzana , Ruoti , Anzi , ,0 Pescopagano , ,0 Garaguso , ,2 Grumento Nova , Balvano , ,5 Albano di Lucania , ,0 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti (continua) 28

29 AREA DI POTENZA (continua) Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione - area di Potenza - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Montemurro , ,5 Sant'Angelo , ,9 Vaglio Basilicata , ,1 San Chirico Nuovo , Gorgoglione , ,7 Abriola , ,3 Brindisi Montagna , ,1 Cancellara , ,1 Pietrapertosa , Ripacandida , ,7 Campomaggiore , Castelgrande , ,0 Savoia di Lucania , Calciano , ,0 Castelmezzano , ,3 Guardia Perticara , ,3 Sasso di Castalda , ,1 Trivigno , ,2 Ginestra , ,0 Cirigliano , Oliveto Lucano , area , ,0 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere 105,0 L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 102,5 100,0 popolazione esercizi 97,5 95,

30 AREA DI POTENZA Esercizi commerciali per tipologie al area di Potenza - despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Potenza Marsicovetere Avigliano Tito Tricarico Muro Lucano Picerno Moliterno Pietragalla Brienza Bella Oppido Lucano Marsico Nuovo Tolve Baragiano Pignola Tramutola Vietri di Potenza Paterno Corleto Perticara Acerenza San Fele Accettura Satriano di Lucania Calvello Filiano Forenza Laurenzana Ruoti Anzi Pescopagano Garaguso Grumento Nova Balvano Albano di Lucania (continua) 30

31 AREA DI POTENZA (continua) Esercizi commerciali per tipologie al area di Potenza - despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Montemurro Sant'Angelo Vaglio Basilicata San Chirico Nuovo Gorgoglione Abriola Brindisi Montagna Cancellara Pietrapertosa Ripacandida Campomaggiore Castelgrande Savoia di Lucania Calciano Castelmezzano Guardia Perticara Sasso di Castalda Trivigno Ginestra Cirigliano Oliveto Lucano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 31

32 AREA DI POTENZA Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Potenza - despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Potenza 15,7 84,3 13,0 71,3 100,0 Marsicovetere 16,3 83,7 8,7 75,0 100,0 Avigliano 27,8 72,2 13,6 58,6 100,0 Tito 21,6 78,4 12,0 66,4 100,0 Tricarico 14,7 85,3 26,3 58,9 100,0 Muro Lucano 27,6 72,4 13,8 58,6 100,0 Picerno 20,0 80,0 16,5 63,5 100,0 Moliterno 26,2 73,8 16,7 57,1 100,0 Pietragalla 25,9 74,1 14,8 59,3 100,0 Brienza 22,4 77,6 17,9 59,7 100,0 Bella 32,8 67,2 12,1 55,2 100,0 Oppido Lucano 15,5 84,5 15,5 69,0 100,0 Marsico Nuovo 19,3 80,7 21,1 59,6 100,0 Tolve 30,4 69,6 16,1 53,6 100,0 Baragiano 22,2 77,8 13,0 64,8 100,0 Pignola 18,5 81,5 11,1 70,4 100,0 Tramutola 31,4 68,6 13,7 54,9 100,0 Vietri di Potenza 27,5 72,5 15,7 56,9 100,0 Paterno 19,6 80,4 17,6 62,7 100,0 Corleto Perticara 20,8 79,2 20,8 58,3 100,0 Acerenza 22,7 77,3 20,5 56,8 100,0 San Fele 31,0 69,0 16,7 52,4 100,0 Accettura 19,5 80,5 31,7 48,8 100,0 Satriano di Lucania 23,7 76,3 10,5 65,8 100,0 Calvello 30,6 69,4 19,4 50,0 100,0 Filiano 34,4 65,6 15,6 50,0 100,0 Forenza 21,9 78,1 25,0 53,1 100,0 Laurenzana 34,5 65,5 17,2 48,3 100,0 Ruoti 24,1 75,9 27,6 48,3 100,0 Anzi 35,7 64,3 7,1 57,1 100,0 Pescopagano 34,6 65,4 19,2 46,2 100,0 Garaguso 28,0 72,0 32,0 40,0 100,0 Grumento Nova 27,3 72,7 9,1 63,6 100,0 Balvano 23,8 76,2 38,1 38,1 100,0 Albano di Lucania 47,4 52,6 21,1 31,6 100,0 (continua) 32

33 AREA DI POTENZA (continua) Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Potenza - despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Montemurro 33,3 66,7 27,8 38,9 100,0 Sant'Angelo 27,8 72,2 27,8 44,4 100,0 Vaglio Basilicata 37,5 62,5 18,8 43,8 100,0 San Chirico Nuovo 40,0 60,0 20,0 40,0 100,0 Gorgoglione 28,6 71,4 21,4 50,0 100,0 Abriola 38,5 61,5 15,4 46,2 100,0 Brindisi Montagna 33,3 66,7 41,7 25,0 100,0 Cancellara 33,3 66,7 33,3 33,3 100,0 Pietrapertosa 58,3 41,7 8,3 33,3 100,0 Ripacandida 16,7 83,3 33,3 50,0 100,0 Campomaggiore 30,0 70,0 20,0 50,0 100,0 Castelgrande 55,6 44,4 11,1 33,3 100,0 Savoia di Lucania 33,3 66,7 22,2 44,4 100,0 Calciano 33,3 66,7 33,3 33,3 100,0 Castelmezzano 25,0 75,0 25,0 50,0 100,0 Guardia Perticara 37,5 62,5-62,5 100,0 Sasso di Castalda 50,0 50,0 12,5 37,5 100,0 Trivigno 28,6 71,4 42,9 28,6 100,0 Ginestra 16,7 83,3 16,7 66,7 100,0 Cirigliano 33,3 66,7 50,0 16,7 100,0 Oliveto Lucano 50,0 50,0 25,0 25,0 100,0 area 21,7 78,3 15,6 62,8 100,0 regione 20,5 79,5 16,1 63,5 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 33

34 AREA DI POTENZA Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Potenza - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Potenza Pietragalla Marsicovetere Avigliano Tramutola Moliterno Muro Lucano Oppido Lucano Pignola Tito Ruoti Vietri di Potenza Paterno Sant'Angelo Marsico Nuovo Acerenza Picerno Baragiano Laurenzana Filiano Tricarico Tolve area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 34

35 AREA DI POTENZA Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Potenza - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Potenza Pietragalla Marsicovetere Avigliano Tramutola Moliterno Muro Lucano Oppido Lucano Pignola Tito Ruoti Vietri di Potenza Paterno Sant'Angelo Marsico Nuovo Acerenza Picerno Baragiano Laurenzana Filiano Tricarico Tolve area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 35

36 AREA DI POTENZA altri comuni 18% La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) Moliterno 4% Tramutola 3% Avigliano 5% Marsicovetere 9% Pietragalla 8% Potenza 53% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Potenza Pietragalla Marsicovetere Avigliano Tramutola Moliterno Muro Lucano Oppido Lucano Pignola Tito Ruoti Vietri di Potenza Paterno Sant'Angelo Marsico Nuovo Acerenza Picerno Baragiano Laurenzana Filiano Tricarico Tolve area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 36

37 AREA DI POTENZA INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 37

38 AREA DI POTENZA VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

39 AREA DI POTENZA INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 39

40 AREA DI MELFI Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Melfi - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Melfi , ,5 Rionero in Vulture , Lavello , ,8 Venosa , ,0 Genzano di Lucania , ,5 Palazzo San Gervasio , ,9 Atella , ,0 Rapolla , ,8 Barile , ,0 Montemilone , ,0 Ruvo del Monte , ,0 Maschito , ,8 Banzi , ,7 Rapone , ,0 area , ,5 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 107,5 105,0 102,5 popolazione esercizi 100,0 97,

41 AREA DI MELFI Esercizi commerciali per tipologie al area di Melfi - tot. specializzati alim. non alim. esercizi Melfi Rionero in Vulture Lavello Venosa Genzano di Lucania Palazzo San Gervasio Atella Rapolla Barile Montemilone Ruvo del Monte Maschito Banzi Rapone area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Melfi - despecializzati despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Melfi 17,3 82,7 14,4 68,3 100,0 Rionero in Vulture 18,7 81,3 10,8 70,5 100,0 Lavello 19,5 80,5 17,3 63,2 100,0 Venosa 11,3 88,7 15,7 73,0 100,0 Genzano di Lucania 17,4 82,6 21,7 60,9 100,0 Palazzo San Gervasio 19,4 80,6 20,4 60,2 100,0 Atella 28,8 71,2 26,9 44,2 100,0 Rapolla 16,3 83,7 14,3 69,4 100,0 Barile 22,2 77,8 40,7 37,0 100,0 Montemilone 23,1 76,9 23,1 53,8 100,0 Ruvo del Monte 37,5 62,5 4,2 58,3 100,0 Maschito 35,0 65,0 15,0 50,0 100,0 Banzi 28,6 71,4 7,1 64,3 100,0 Rapone 33,3 66,7 22,2 44,4 100,0 area 18,6 81,4 16,3 65,0 100,0 regione 20,5 79,5 16,1 63,5 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 41

42 AREA DI MELFI Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Melfi - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Melfi Rionero in Vulture Venosa Lavello Rapolla Palazzo San Gervasio Atella Montemilone Barile Genzano di Lucania area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Melfi - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Melfi Rionero in Vulture Venosa Lavello Rapolla Palazzo San Gervasio Atella Montemilone Barile Genzano di Lucania area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 42

43 AREA DI MELFI La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) altri comuni 9% Palazzo S. G. 6% Rapolla 6% Lavello 16% Melfi 32% Venosa 11% Rionero 20% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO - area di Melfi - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Melfi Rionero in Vulture Venosa Lavello Rapolla Palazzo San Gervasio Atella Montemilone Barile Genzano di Lucania area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 43

44 AREA DI MELFI INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 44

45 AREA DI MELFI VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

46 AREA DI MELFI INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 46

47 AREA DI LAURIA Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Lauria - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Lauria , ,2 Lagonegro , ,8 Maratea , ,9 Latronico , ,6 Rotonda , ,8 Castelluccio Inf , ,5 Viggianello , Trecchina , ,9 Viggiano , Rivello , ,7 San Severino Lucano , ,4 Nemoli , ,0 Castelsaraceno , Episcopia , San Chirico Raparo , Sarconi , ,6 Carbone , Castelluccio Sup, , Gallicchio , ,0 Calvera , area , ,1 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere 105,0 popolazione L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 102,5 100,0 esercizi 97,5 95,

48 Esercizi commerciali per tipologie al area di Lauria - AREA DI LAURIA tot. specializzati alim. non alim. esercizi Lauria Lagonegro Maratea Latronico Rotonda Castelluccio Inf Viggianello Trecchina Viggiano Rivello San Severino Lucano Nemoli Castelsaraceno Episcopia San Chirico Raparo Sarconi Carbone Castelluccio Sup, Gallicchio Calvera area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Lauria - despecializzati despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Lauria 21,5 78,5 10,0 68,5 100,0 Lagonegro 16,5 83,5 19,4 64,0 100,0 Maratea 25,0 75,0 14,3 60,7 100,0 Latronico 25,9 74,1 25,9 48,2 100,0 Rotonda 24,6 75,4 14,5 60,9 100,0 Castelluccio Inf. 17,6 82,4 23,5 58,8 100,0 Viggianello 27,7 72,3 19,1 53,2 100,0 Trecchina 26,8 73,2 26,8 46,3 100,0 Viggiano 30,8 69,2 7,7 61,5 100,0 Rivello 29,4 70,6 8,8 61,8 100,0 San Severino Lucano 31,0 69,0 27,6 41,4 100,0 Nemoli 33,3 66,7 28,6 38,1 100,0 Castelsaraceno 40,0 60,0 15,0 45,0 100,0 Episcopia 30,0 70,0 35,0 35,0 100,0 San Chirico Raparo 30,0 70,0 15,0 55,0 100,0 Sarconi 17,6 82,4 23,5 58,8 100,0 Carbone 25,0 75,0 25,0 50,0 100,0 Castelluccio Sup, 16,7 83,3 16,7 66,7 100,0 Gallicchio 18,2 81,8 45,5 36,4 100,0 Calvera 50,0 50,0-50,0 100,0 area 23,8 76,2 17,2 59,0 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 48

49 AREA DI LAURIA Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Lauria - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Lauria Maratea Nemoli Lagonegro Trecchina Latronico Castelluccio Inf Sarconi Rotonda Viggiano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Lauria - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Lauria Maratea Nemoli Lagonegro Trecchina Latronico Castelluccio Inf Sarconi Rotonda Viggiano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 49

50 AREA DI LAURIA La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) Latronico 5% Lagonegro 10% Nemoli 9% altri comuni 12% Lauria 53% Maratea 11% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO - area di Lauria - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Lauria Maratea Nemoli Lagonegro Trecchina Latronico Castelluccio Inf Sarconi Rotonda Viggiano area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 50

51 AREA DI LAURIA INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 51

52 AREA DI LAURIA VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

53 AREA DI LAURIA INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 53

54 AREA DI SENISE Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Senise - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Sant'Arcangelo , ,3 Senise , ,2 Francavilla in Sinni , ,6 Chiaromonte , ,3 Terranova di Pollino , Roccanova , Spinoso , ,5 Castronuovo S. A , Colobraro , ,5 Armento , San Martino d'agri , San Costantino Alb , ,7 Cersosimo , Noepoli , Fardella , ,3 Aliano , Missanello , Teana , ,0 San Paolo Albanese , area , ,5 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere 102,5 L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 100,0 97,5 popolazione esercizi 95,

55 AREA DI SENISE Esercizi commerciali per tipologie al area di Senise - tot. specializzati alim. non alim. esercizi Sant'Arcangelo Senise Francavilla in Sinni Chiaromonte Terranova di Pollino Roccanova Spinoso Castronuovo S. A Colobraro Armento San Martino d'agri San Costantino Alb Cersosimo Noepoli Fardella Aliano Missanello Teana San Paolo Albanese area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Senise - despecializzati despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Sant'Arcangelo 13,5 86,5 16,9 69,7 100,0 Senise 17,6 82,4 9,2 73,2 100,0 Francavilla in Sinni 16,0 84,0 9,4 74,5 100,0 Chiaromonte 30,0 70,0 16,7 53,3 100,0 Terranova di Pollino 29,2 70,8 29,2 41,7 100,0 Roccanova 39,1 60,9 17,4 43,5 100,0 Spinoso 28,6 71,4 14,3 57,1 100,0 Castronuovo S. A. 47,4 52,6 21,1 31,6 100,0 Colobraro 41,2 58,8 17,6 41,2 100,0 Armento 21,4 78,6 28,6 50,0 100,0 San Martino d'agri 53,8 46,2 23,1 23,1 100,0 San Costantino Alb. 25,0 75,0 25,0 50,0 100,0 Cersosimo 40,0 60,0 30,0 30,0 100,0 Noepoli 30,0 70,0 20,0 50,0 100,0 Fardella 25,0 75,0 12,5 62,5 100,0 Aliano 25,0 75,0 25,0 50,0 100,0 Missanello 60,0 40,0 20,0 20,0 100,0 Teana 40,0 60,0-60,0 100,0 San Paolo Albanese 25,0 75,0-75,0 100,0 area 22,0 78,0 15,1 62,9 100,0 regione 20,5 79,5 16,1 63,5 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 55

56 AREA DI SENISE Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Senise - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Senise Francavilla in Sinni Chiaromonte Sant'Arcangelo area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Senise - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Senise Francavilla in Sinni Chiaromonte Sant'Arcangelo area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 56

57 AREA DI SENISE Sant'Arcangelo 12% La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) Chiaromonte 8% Senise 52% Francavilla 28% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO - area di Senise - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Senise Francavilla in Sinni Chiaromonte Sant'Arcangelo area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 57

58 AREA DI SENISE INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 58

59 AREA DI SENISE VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

60 AREA DI SENISE INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 60

61 AREA DI PISTICCI Popolazione, esercizi commerciali e indici di dotazione (a) - area di Pisticci - valori assoluti 2011 variaz popolaz. esercizi indici di pop. esercizi dotaz. var. ass. var. ass. var. % Policoro , ,2 Pisticci , ,0 Bernalda , ,5 Nova Siri , ,0 Scanzano Jonico , ,5 Montalbano Jonico , ,9 Tursi , ,7 Rotondella , ,8 San Giorgio Lucano , Valsinni , Craco , area , ,2 regione , ,4 (a) numero di esercizi commerciali per abitanti Fonte: ns. elaborazioni su dati ISTAT e Infocamere 110,0 L andamento della popolazione e degli esercizi commerciali (numeri indici 2005=100) 105,0 100,0 popolazione esercizi 95,

62 AREA DI PISTICCI Esercizi commerciali per tipologie al area di Pisticci - tot. specializzati alim. non alim. esercizi Policoro Pisticci Bernalda Nova Siri Scanzano Jonico Montalbano Jonico Tursi Rotondella San Giorgio Lucano Valsinni Craco area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere Esercizi commerciali per tipologie (indici %) - area di Pisticci - despecializzati despecializzati tot. specializzati alim. non alim. esercizi Policoro 11,9 88,1 10,3 77,8 100,0 Pisticci 16,2 83,8 17,5 66,2 100,0 Bernalda 20,5 79,5 15,5 64,0 100,0 Nova Siri 22,8 77,2 13,0 64,2 100,0 Scanzano Jonico 19,3 80,7 14,9 65,8 100,0 Montalbano Jonico 18,5 81,5 18,5 63,0 100,0 Tursi 25,4 74,6 25,4 49,2 100,0 Rotondella 28,0 72,0 24,0 48,0 100,0 San Giorgio Lucano 38,1 61,9 33,3 28,6 100,0 Valsinni 27,8 72,2 27,8 44,4 100,0 Craco 60,0 40,0 10,0 30,0 100,0 area 18,3 81,7 15,7 66,0 100,0 regione 20,5 79,5 16,1 63,5 100,0 Fonte: ns. elaborazioni su dati Infocamere 62

63 AREA DI PISTICCI Numero di esercizi della GDO per tipologie area di Pisticci - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Policoro Pisticci Scanzano Jonico Bernalda Nova Siri Montalbano Jonico Tursi area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE Superfici di vendita (mq.) della GDO per tipologie di esercizi area di Pisticci - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Policoro Pisticci Scanzano Jonico Bernalda Nova Siri Montalbano Jonico Tursi area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 63

64 AREA DI PISTICCI Nova Siri 10% altri comuni 5% La distribuzione territoriale delle superfici di vendita della GDO (%) Bernalda 14% Policoro 39% Scanzano Jonico 15% Pisticci 17% Var. assolute (in mq.) delle superfici di vendita della GDO - area di Pisticci - super- mini- iper- grandi superf. mercati mercati mercati magazz. special. Policoro Pisticci Scanzano Jonico Bernalda Nova Siri Montalbano Jonico Tursi area regione Fonte: ns. elaborazioni su dati MISE 64

65 AREA DI PISTICCI INDICI DI DOTAZIONE COMMERCIALE (N ESERCIZI X ABITANTI) E CONSISTENZA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA 65

66 AREA DI PISTICCI VARIAZIONE % MEDIA ANNUA DEGLI ESERCIZI IN SEDE FISSA NEL BIENNIO

67 AREA DI PISTICCI INDICI DI DOTAZIONE DELLA GDO (SUPERFICI IN MQ. X ABITANTI) E CONSISTENZA DELLE SUPERFICI DI VENDITA 67

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2008

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2008 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DI AVIGLIANO E MURO LUCANO Comuni di: AVIGLIANO, BARAGIANO, BELLA, CASTELGRANDE, FILIANO, MURO LUCANO, PESCOPAGANO, RAPONE, RUOTI, SAN FELE MONTAGNA

Dettagli

SEGRETERIA REGIONALE UIL FPL di BASILICATA AUTONOMIE LOCALI RISULTATO RSU 2015 RISULTATO RSU 2012

SEGRETERIA REGIONALE UIL FPL di BASILICATA AUTONOMIE LOCALI RISULTATO RSU 2015 RISULTATO RSU 2012 SEGRETERIA REGIONALE UIL FPL di BASILICATA AUTONOMIE LOCALI RISULTATO RSU 2015 RISULTATO RSU 2012 DIRITTO VOTANTI VALIDI UIL FPL CGIL CISL ALTRI + / - DIRITTO VOTANTI VALIDI UIL FPL CGIL CISL ALTRI AATO

Dettagli

Revisione del 14/06/2015

Revisione del 14/06/2015 Calendario Screening Colon-Retto Revisione del 14/06/ Gennaio Mercoledì 7-gen Giovedì 8-gen Matera Venerdì 9-gen Lunedì 12-gen Bernalda Tramutola Tursi Ferrandina Martedì 13-gen Bernalda Tramutola Tursi

Dettagli

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Direzione Affari Economici e Centro Studi PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Le misure del Governo Renzi FOCUS BASILICATA Luglio 2014 INDICE 1. Nota di inquadramento sulle decisioni assunte dal Governo 2. Quadro

Dettagli

Azienda Sanitaria ASP di Potenza

Azienda Sanitaria ASP di Potenza Nella Tabella sotto riportata, sono elencati i Comuni di residenza e i relativi sportelli, ed i contatti, a cui rivolgersi per richiedere l esenzione ticket per Malattia Rara. Azienda Sanitaria ASP di

Dettagli

i numeri del Servizio Idrico Integrato

i numeri del Servizio Idrico Integrato i numeri del Servizio Idrico Integrato acquedottolucano 31/01 Abriola 1.589 7 7 15 5 570 87 2 10 899 100 Accettura 1.918 0 5 18 5 711 95 1 5 371 44 Acerenza 2.451 Albano di L. 1.470 Aliano 1.041 Anzi 1.755

Dettagli

15AJ.2014/D /7/2014

15AJ.2014/D /7/2014 DIPARTIMENTO POLITICHE DI SVILUPPO, LAVORO, FORMAZIONE E RICERCA UFFICIO SISTEMA SCOLASTICO ED UNIVERSITARIO 15AJ 15AJ.2014/D.00137 30/7/2014 DGR N. 1242/2013 - LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N.448, ART 27. FORNITURA

Dettagli

O.T.R. OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE BASILICATA

O.T.R. OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE BASILICATA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE O.T.R. OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE BASILICATA Rapporto a cura di MELFI LAVELLO MONTEMILONE RAPOLLA VENOSA PALAZZO SAN GERVASIO BARILE GINESTRA RIONERO

Dettagli

Il Se.T.I. Servizio controllo e Taratura macchine Irroratrici

Il Se.T.I. Servizio controllo e Taratura macchine Irroratrici Allegato II) Agenzia Lucana Sviluppo Innovazione in Agricoltura Il Se.T.I. Servizio controllo e Taratura macchine Irroratrici 1 2 1 La Regione Basilicata ha affidato nel 2003 all ALSIA un Servizio per

Dettagli

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015 Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno settembre 2016 Premessa La presente analisi sulla produzione e raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani nei 131 comuni

Dettagli

L emigrazione lucana in Uruguay

L emigrazione lucana in Uruguay CAPITOLO VI L emigrazione lucana in Uruguay Il periodo che va dal 1875 alla prima guerra mondiale è dominato da un grande esodo dall Italia e dai maggiori flussi immigratori in Uruguay. Per quanto riguarda

Dettagli

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015 Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno settembre 2016 Premessa La presente analisi sulla produzione e raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani nei 131 comuni

Dettagli

Nota per la graduatoria che segue.

Nota per la graduatoria che segue. Settore Lavoro-Formazione, Politiche Comunitarie e Giovanili, Politiche Sociali, Internazionalizzazione Ufficio Politiche Comunitarie e Giovanili Piazza Mario Pagano - 85100 POTENZA Info:0971/417236 fax

Dettagli

Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA GENZANO DI LUCANIA PZ. Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI LAVELLO LAVELLO PZ

Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA GENZANO DI LUCANIA PZ. Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI LAVELLO LAVELLO PZ Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI GENZANO DI LUCANIA 85013 GENZANO DI LUCANIA PZ Egr. Commissario Prefettizio COMUNE DI LAVELLO 85024 LAVELLO PZ Egr. Commissario Straordinario COMUNE DI SASSO DI CASTALDA

Dettagli

Mese di Gennaio 2017

Mese di Gennaio 2017 Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0972. 39382 Prot. n. 20170000085 Data, 02 2017 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO RETTIFICATO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di Gennaio

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE E TURISTICO IN BASILICATA

SVILUPPO TERRITORIALE E TURISTICO IN BASILICATA SVILUPPO TERRITORIALE E TURISTICO IN BASILICATA dicembre 2001 SOMMARIO IL GRADO DI MATURAZIONE DELLE LOCALITA TURISTICHE DELLA BASILICATA...2 L ANDAMENTO DEL MERCATO: UN CONFRONTO 1998-2000...12 LE AREE

Dettagli

Regione Basilicata ISTAT - Sede per la Basilicata Unioncamere Basilicata

Regione Basilicata ISTAT - Sede per la Basilicata Unioncamere Basilicata Annuario Statistico Regionale 2011 Basilicata Regione Basilicata ISTAT - Sede per la Basilicata Unioncamere Basilicata La presente pubblicazione è stata curata dalla Regione Basilicata, Unioncamere di

Dettagli

L adozione internazionale in Basilicata

L adozione internazionale in Basilicata 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme L adozione internazionale in Basilicata 995000 I dati del Gruppo del Volontariato Solidarietà 000 8 9 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme

Dettagli

Avvertimento per la Difesa Integrata in Basilicata

Avvertimento per la Difesa Integrata in Basilicata FitoSPA: : Servizio regionale di Previsione ed Avvertimento per la Difesa Integrata in Basilicata C. Nigro, A. Caponero, P. Zienna, E. Scalcione ALSIA - Agenzia Lucana di Sviluppo ed Innovazione in Agricoltura

Dettagli

DIREZIONE SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA

DIREZIONE SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0971.310300 Prot. n. 201740115701 Data, 30 ottobre 2017 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2017 giorno

Dettagli

Mese di novembre Area B** veterinario reperibile

Mese di novembre Area B** veterinario reperibile Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0972. 39382 Prot. n. 20160127827 Data, 28 ottobre 2016 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2016 giorno

Dettagli

SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di Ottobre 2017

SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di Ottobre 2017 Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0971.310300 Prot. n. 20170104733 Data, 29 settembre 2017 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2017 giorno

Dettagli

Viabilità Provinciale

Viabilità Provinciale CENSIMENTO DELLA VIABILITA' PROVINCIALE ALLEGATO 3 Viabilità Provinciale Attraversamenti territori comunali 1 SP 2 Campana Rapone 8,400 Ruvo del Monte 4,100 San Fele 5,900 2 SP 3 Tirrena Lauria 8,800 Maratea

Dettagli

WWF Potenza e aree interne

WWF Potenza e aree interne Regione Denominazione STL Comuni interessati Basilicata WWF Potenza e aree interne Potenza, Pignola, Abriola, Tito, Sasso di Castalda, Bienza, Picerno, Barangiano, Bello, Muro Lucano, Castelgrande, Pescopagano,

Dettagli

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0651 DEL 01/10/2016 RIFE/./ DIRETTIVA PRESIDENZA CONSIGLIO DEI MINISTRI 27-2-2004. INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE

Dettagli

REGIONE BASILICATA ELENCO DEBITI AL 31/12/2012

REGIONE BASILICATA ELENCO DEBITI AL 31/12/2012 UFFICIO A.L.S.I.A. - AGENZIA LUCANA DI SVILUPPO E DI INNOVAZIONE IN 16/05/2012 10.258,84 AGRICOLTURA Det. 616 11/05/2012 75AA 31/03/2014 27/11/2012 A.L.S.I.A. - AGENZIA LUCANA DI SVILUPPO E DI INNOVAZIONE

Dettagli

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Oggetto: servizio di raccolta e smaltimento delle carcasse animali. Le APA di Potenza e di Matera comunicano di aver stipulato un

Dettagli

Annuario Statistico Regionale 2010 Basilicata

Annuario Statistico Regionale 2010 Basilicata Annuario Statistico Regionale 2010 Basilicata Annuario Statistico Regionale 2010 Basilicata Regione Basilicata ISTAT Sede per la Basilicata Unioncamere Basilicata La pubblicazione è stata curata dal Comitato

Dettagli

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Lettera A REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Avviso di selezione comparativa per il conferimento di incarichi di collaborazione per n. 2 Rilevatori da impegnare nelle attività di indagine sulle principali

Dettagli

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015

Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno 2015 Analisi sui dati di produzione RSU e Raccolta Differenziata in Basilicata anno settembre 2016 Premessa La presente analisi sulla produzione e raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani nei 131 comuni

Dettagli

TABELLA A Zona sismica

TABELLA A Zona sismica Potenza, ottobre 0 Tutti gli interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici lucani Nella tabelle sottostanti l elenco completo delle 0 scuole che beneficeranno degli interventi, il tipo

Dettagli

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Lettera A REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Avviso di selezione comparativa per il conferimento di incarichi di collaborazione per n. 4 Rilevatori da impegnare nelle attività di indagine sulla struttura

Dettagli

Le operazioni di raccolta ed elaborazione dei dati sono state curate da Legambiente Basilicata.

Le operazioni di raccolta ed elaborazione dei dati sono state curate da Legambiente Basilicata. Si ringraziano per l indispensabile collaborazione: Legambiente Basilicata, AATO/1 Rifiuti Potenza, Provincia di Matera, Ageco, Conai, lo sportello informativo sulle raccolte differenziate Le operazioni

Dettagli

Presidenti Esami di Stato I grado A.S. 2016/17 Provincia di Potenza

Presidenti Esami di Stato I grado A.S. 2016/17 Provincia di Potenza PZIC835006 Presidenti Esami di Stato I grado A.S. 2016/17 Provincia di Potenza ALBANO DI LUCANIA TRIVIGNO, CASTELMEZZANO, CAMPOMAGGIORE, PIETRAPERTOSA, BRINDISI DI MONTAGNA LAURINA CATERINA PZIC85800V

Dettagli

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO

REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Lettera A REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Avviso di selezione comparativa per il reclutamento di n. 30 Rilevatori da impegnare nelle attività di indagine sulla struttura delle aziende agricole e di

Dettagli

Tab. A.1 Elenco delle stazioni pluviometriche

Tab. A.1 Elenco delle stazioni pluviometriche Tab. A.1 Elenco delle stazioni pluviometriche N SIMN STAZIONE N SIMN STAZIONE 4109 ACCETTURA 4127 MISSANELLO 4067 ACERENZA 4121 MOLITERNO 4428 ACQUAFREDDA 4134 MONTALBANO JONICO 4138 AGROMONTE C.C. 4122

Dettagli

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii Avviso Pubblico Bando per la concessione di agevolazioni per la progettazione e realizzazione di interventi per il contenimento dei consumi energetici degli edifici pubblici e degli impianti di illuminazione

Dettagli

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO UFFICIO COMMISSARIO GESTIONE INTEGRATA RIFIUTI REGIONE BASILICATA DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO EX AATO Premessa La presente analisi

Dettagli

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0744 DEL 01/01/2017

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0744 DEL 01/01/2017 DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE C.SO GARIBALDI,139 85100 Potenza Tel. 0971/668512 Fax 0971/668519 OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0744 DEL

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE DI POTENZA PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DEL VALORE AGRICOLO MEDIO DEI TERRENI - ANNO

COMMISSIONE PROVINCIALE DI POTENZA PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DEL VALORE AGRICOLO MEDIO DEI TERRENI - ANNO Parte I N. 38 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-8-2008 6811 REGIONE BASILICATA COMMISSIONE PROVINCIALE DI POTENZA PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DEL VALORE

Dettagli

Capitolo VII. I fabbisogni

Capitolo VII. I fabbisogni Capitolo VII I fabbisogni 205 7.1 Generalità L elemento più delicato e incerto nella predisposizione di un bilancio idrico consiste nella determinazione analitica e specifica dei fabbisogni di ciascuna

Dettagli

DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE

DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE C.SO GARIBALDI,139 85100 Potenza Tel. 0971/668512 Fax 0971/668519 OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0781 DEL

Dettagli

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0990 DEL 10/09/2017 Inizio validità: ore 14:00 del 10/09/2017 Fine validità: ore 23:59 del 11/09/2017

Dettagli

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/1051 DEL 10/11/2017 Inizio validità: ore 14:00 del 10/11/2017 Fine validità: ore 23:59 del 11/11/2017

Dettagli

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0756 DEL 13/01/2017

OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0756 DEL 13/01/2017 DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE C.SO GARIBALDI,139 85100 Potenza Tel. 0971/668512 Fax 0971/668519 OGGETTO: BOLLETTINO DI CRITICITA' REGIONALE PROT. N. RBA/CFD/B/0756 DEL

Dettagli

Programma Reddito Minimo di inserimento - Elenco sedi CAAF convenzionati

Programma Reddito Minimo di inserimento - Elenco sedi CAAF convenzionati Programma Reddito Minimo di inserimento - Elenco sedi CAAF convenzionati DENOMINAZIONE CAAF INDIRIZZO COMUNE PROV TELEFONO FAX E-MAIL VIA CENTOMANI, 11 POTENZA PZ Tel.: 097122445 Fax: 097122201 enasco.pz@enasco.it

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2001

RELAZIONE SANITARIA 2001 3. IL SISTEMA SANITARIO REGIONALE In Basilicata sono state istituite le seguenti aziende sanitarie: - Azienda USL n. di Venosa (comuni: 9; popolazione: 98.538 unità); - Azienda USL n. di (comuni: 53; popolazione:.9

Dettagli

Il commercio nella provincia di Roma. 2 semestre 2013

Il commercio nella provincia di Roma. 2 semestre 2013 Il commercio nella provincia di Roma 2 semestre 2013 Il commercio nella provincia di Roma 2 semestre 2013 A cura di: Lo studio è stato realizzato dal Servizio Statistica, all interno della Posizione Organizzativa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio I - Affari Generali e personale della Scuola Piazza delle Regioni s.n.c. - 85100 Potenza - Codice Ipa: m_pi Prot. n. 1152 AOODRBA Reg. Uff. Usc. Potenza,

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 26 giugno 2012 Aprile 2012 Ad aprile 2012 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una diminuzione

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIP. POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI, UFFICIO ECONOMIA, SERVIZI E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO RURALE

REGIONE BASILICATA DIP. POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI, UFFICIO ECONOMIA, SERVIZI E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO RURALE REGIONE BASILICATA DIP. POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI, UFFICIO ECONOMIA, SERVIZI E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO RURALE Determinazione 20/06/2017, n.426 PSR 2014-2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento

Dettagli

Andamento delle vendite per forma distributiva e tipologia di esercizio

Andamento delle vendite per forma distributiva e tipologia di esercizio 25 ottobre 2012 Agosto 2012 Ad agosto 2012 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una variazione

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 26 settembre 2012 Luglio 2012 A luglio 2012 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una diminuzione

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 24 febbraio 2012 Dicembre 2011 A dicembre 2011 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una diminuzione

Dettagli

INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) GENOVA SAVONA LA SPEZIA ITALIA

INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) GENOVA SAVONA LA SPEZIA ITALIA 13 COMMERCIO INTERNO INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) 135,0 130,0 125,0 120,0 115,0 110,0 105,0 Fonte: Istat 100,0 1996 1997 1998 2002 2003 GENOVA SAVONA LA SPEZIA

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 20 dicembre 2012 Ottobre 2012 Ad ottobre 2012 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una diminuzione

Dettagli

8. COMMERCIO E SERVIZI

8. COMMERCIO E SERVIZI 8. COMMERCIO E SERVIZI 8.1 Struttura e dinamica dei servizi Nel corso del 2009 è stata adottata una nuova classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) che entra ancora più nel dettaglio dei vari

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 26 maggio 2016 Marzo 2016 COMMERCIO AL DETTAGLIO A marzo 2016 le vendite al dettaglio registrano variazioni congiunturali negative dello 0,6% in valore e dello 0,8% in volume. Le vendite di prodotti alimentari

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 22 Gennaio 2015 Novembre 2014 A Novembre 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) aumenta dello 0,1% rispetto

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 26 Marzo 2014 Gennaio 2014 A gennaio 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) registra una variazione nulla

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 24 aprile 2013 Febbraio 2013 A febbraio 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) diminuisce dello 0,2% rispetto

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 23 Maggio 2014 Marzo 2014 A marzo 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) registra una diminuzione rispetto

Dettagli

ALLEGATO A R E G I O N E B A S I L I C A T A

ALLEGATO A R E G I O N E B A S I L I C A T A ALLEGATO A R E G I O N E B A S I L I C A T A PROGRAMMA ANNUALE ANTINCENDIO 2016 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 6 2. GLI INCENDI IN BASILICATA 7 2.1. BANCA DATI SOUP 2009-2015 7 2.1.1. INTRODUZIONE 7 2.1.2. ELABORAZIONI

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 22 Aprile 2015 Febbraio 2015 A febbraio 2015 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) diminuisce dello 0,2% rispetto

Dettagli

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0972. 39382 Prot. n. 20150111680 Data, 31.08.2015 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2015 giorno 01

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 28 Agosto 2013 Giugno 2013 A giugno 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) diminuisce dello 0,2% rispetto

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 28 Agosto 2014 Giugno 2014 A giugno 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) resta invariato rispetto al

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 25 giugno 2013 Aprile 2013 Ad aprile 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) diminuisce dello 0,1% rispetto

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 24 settembre 2015 Luglio 2015 COMMERCIO AL DETTAGLIO A luglio 2015 l indice destagionalizzato del valore delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 25 Ottobre 2013 Agosto 2013 Ad agosto 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) resta invariato rispetto al

Dettagli

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Arrivo Nome istanza Società Kmq Comuni Fase 1 01/09/2005 ANZI Eni 117,4 Abriola, Anzi, Brindisi Montagna, Calvello, Pignola, Potenza,

Dettagli

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Con la legge sulla Rete regionale integrata dei servizi di cittadinanza sociale si punta ad un maggiore coordinamento degli interventi di

Dettagli

REGIONE BASILICATA CATALOGO REGIONALE

REGIONE BASILICATA CATALOGO REGIONALE Fondo Sociale Europeo REGIONE BASILICATA Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca Ufficio Politiche del Lavoro CATALOGO REGIONALE PROGETTI DI PUBBLICA UTILITÀ PER L ATTUAZIONE DEL

Dettagli

FISAC CGIL. Rieplogo per azienda Dettaglio per azienda Dettaglio per località SPORTELLI BANCARI - REGIONE BASILICATA DipartimentoComunicazione

FISAC CGIL. Rieplogo per azienda Dettaglio per azienda Dettaglio per località SPORTELLI BANCARI - REGIONE BASILICATA DipartimentoComunicazione FISAC CGIL SPORTELLI BANCARI - REGIONE BASILICATA 2015 Rieplogo per azienda Dettaglio per azienda Dettaglio per località DipartimentoComunicazione Riepilogo Sportelli per Azienda 224 BANCA POPOLARE DELL'EMILIA

Dettagli

Speciale N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 06/11/2017 REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO

Speciale N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 06/11/2017 REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO 94 Lettera A REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO Avviso di selezione comparativa per il reclutamento di n. 19 Rilevatori da impegnare nelle attività di indagine sulle Principali Coltivazioni Legnose Agrarie

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 31 Agosto 2015 Giugno 2015 COMMERCIO AL DETTAGLIO A giugno 2015 l indice destagionalizzato del valore delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi)

Dettagli

[WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata

[WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata COPERTURA (aggiornata al 01/08/2012) in digitale [WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata in analogico [FM] nei seguenti comuni Provincia di AVELLINO

Dettagli

COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2003 IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - 1 SEMESTRE 2003 Indice 1. 2. Le altre forme di vendita: Commercio al dettaglio al di fuori dei negozi Commercio

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA RIPARTIZIONE POSTI FASE "C" LEGGE 107/2015 A.S. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA RIPARTIZIONE POSTI FASE C LEGGE 107/2015 A.S. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO III - AMBITO TERRITORIALE DI POTENZA RIPARTIZIONE POSTI FASE "C" LEGGE 107/01 A.S. 01/016 SCUOLA PRIMARIA Tipologia Istituzione Scolastica PZIC8006

Dettagli

4. COMMERCIO E SERVIZI

4. COMMERCIO E SERVIZI 4. COMMERCIO E SERVIZI 4.1 Struttura e dinamica dei servizi Come già evidenziato nel capitolo relativo al tessuto imprenditoriale, negli ultimi anni si sta assistendo a un processo di terziarizzazione

Dettagli

Localita' Indirizzo alloggi

Localita' Indirizzo alloggi ABRIOLA VIA DEI GELSI 70/74 8 ABRIOLA VIA DEI GELSI 71/73 19 ACERENZA VIA GIUSTINO FORTUNATO 1/5 5 ACERENZA VIA GIUSTINO FORTUNATO 16/26 13 ACERENZA VIALE EUROPA 8 ACERENZA VIA BIANCA ZUCCHINI 23 4 ATELLA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA' ABITATIVE PRIVATE"

AVVISO PUBBLICO CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA' ABITATIVE PRIVATE AVVISO PUBBLICO "CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA' ABITATIVE PRIVATE" D.G.R. 1108 del 16/09/2014 Risorse Disponibili 10.000.000,00 Intervento Istanze Scorrimento Istanze Totali

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 25 Novembre 2014 Settembre 2014 A settembre 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) segna una lieve diminuzione

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI ALLEGATO A DEFINIZIONI a) Start up: l operazione ed il periodo durante il quale si avvia un iniziativa imprenditoriale, caratterizzata da processi organizzativi ancora in corso e investimenti fissi da

Dettagli

PROSPETTO POSTI DISPONIBILI A.S. 2014/2015 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVINCIA DI POTENZA

PROSPETTO POSTI DISPONIBILI A.S. 2014/2015 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVINCIA DI POTENZA A028 - EDUCAZIONE ARTISTICA Tipologia Istituzione Scolastica Denominazione Comune Prov. Indirizzo PZMM814016 Istituto Comprensivo BELLA PZ Scuola Media "Mario Pagano" via Sottotenente Matone - BELLA 0

Dettagli

Capitolo 16. Commercio interno

Capitolo 16. Commercio interno Capitolo 16 Commercio interno 16. Commercio interno Per saperne di più... ISTAT. Banche dati e sistemi informativi. Roma. http://www.istat.it. ISTAT. I consumi delle famiglie: anno 8. Roma, 1. (Annuari

Dettagli

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Luglio 2005

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Luglio 2005 23 settembre 2005 Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Luglio 2005 L Istituto nazionale di statistica comunica che nel mese di luglio 2005 l'indice generale del valore delle

Dettagli

Commercio Interno 17 1

Commercio Interno 17 1 Commercio Interno 17 COMMERCIO INTERNO Le tabelle riportate sono esplicative del commercio interno nella regione Lazio nell anno 2005 e sono relative al commercio al dettaglio, al commercio all ingrosso

Dettagli

IL COMMERCIO NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA - ANNO

IL COMMERCIO NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA - ANNO IL COMMERCIO NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA - ANNO 215 - - il commercio al dettaglio in sede fissa- STOCK: sono 14.17 gli esercizi al dettaglio in sede fissa al 31.12.215, con una superficie di vendita

Dettagli

4.3 Il sistema distributivo agroalimentare

4.3 Il sistema distributivo agroalimentare 4.3 Il sistema distributivo agroalimentare Nella Regione Marche alla fine del 2006 risultano attive più di 25 mila strutture commerciali. Rispetto all anno precedente sono cresciute dello 0,7%, mentre

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO. Il mercato della casa in Basilicata e la risposta dell ERP al disagio abitativo

PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO. Il mercato della casa in Basilicata e la risposta dell ERP al disagio abitativo PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO Il mercato della casa in Basilicata e la risposta dell ERP al disagio abitativo Matera, 1 marzo 2017 Condizioni socioeconomiche delle famiglie residenti nelle Province di Potenza

Dettagli

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Dicembre 2008

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Dicembre 2008 25 febbraio 2009 Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Dicembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica che nel mese di dicembre 2008 l'indice generale del valore delle

Dettagli

CAPITOLO SESTO. Gli assetti territoriali odierni e la nuova stagione della programmazione

CAPITOLO SESTO. Gli assetti territoriali odierni e la nuova stagione della programmazione CAPITOLO SESTO Gli assetti territoriali odierni e la nuova stagione della programmazione regionale Premessa La ricostruzione dei processi di trasformazione della struttura politico-amministrativa della

Dettagli

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL SALA DEL PRINCIPE DI PIEMONTE POTENZA GIOVEDI 28 MAGGIO 2015 ore 15.00 BANCA APULIA SPA: ACERENZA AVIGLIANO MURO LUCANO PIGNOLA LE FILIALI DI POTENZA CITTA VIETRI DI POTENZA BANCA CARIME SPA: GENZANO DI

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale 1 - SCUOLA POLO LICEO SCIENTIFICO GENZANO DI LUCANIA DISTRETTO SCOLASTICO N.1 LAVELLO 1. I.C. - Tolve 2. I.C. - Acerenza 3. I.C. Palazzo 4. D.D.1 Venosa 5. D.D.2 Venosa 6. S.M.S. De Luca - Venosa 7. I.C.

Dettagli

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Novembre 2008

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Novembre 2008 23 gennaio 2009 Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica che nel mese di novembre 2008 l'indice generale del valore delle

Dettagli

Capitolo 16. Commercio interno

Capitolo 16. Commercio interno Capitolo 16 Commercio interno 16. Commercio interno Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Commercio al dettaglio: gennaio

Dettagli

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia In collaborazione con Ascom Confcommercio Brescia e Confesercenti della Lombardia orientale. Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica

Dettagli

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Ottobre 2006

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Ottobre 2006 21 dicembre 2006 Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Ottobre 2006 L Istituto nazionale di statistica comunica che nel mese di ottobre 2006 l'indice generale del valore delle

Dettagli

L'evoluzione congiunturale dell'economia provinciale

L'evoluzione congiunturale dell'economia provinciale L'evoluzione congiunturale dell'economia provinciale Sovracampionamento dell'indagine congiunturale per la provincia di Forlì Cesena Risultati del 3 trimestre 2012 e previsioni per il 4 trimestre 2012

Dettagli