Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci Milano, 16 settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013"

Transcript

1 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci Milano, 16 settembre 2013

2 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità dello sviluppo: Estrazione di risorse naturali non rinnovabili Immissione nell ambiente di sostanze inquinanti non assorbibili Riduzione della capacità dell ambiente di fornire servizi ecosistemici (Immagine) Fonte: OECD (2011), «Green Growth Strategy Synthesis Report»

3 Trend di crescita della popolazione mondiale Fonte: World Bank (2012), World Population Growth

4 Trend di urbanizzazione Fonte: United Nations (2011), World Urbanization prospects. The 2011 revision.

5 Trend della domanda di acqua a livello mondiale La domanda di acqua dolce sta aumentando di 64 miliardi di metri cubi all anno Fonte: Aquastat FAO (2012)

6 Trend della domanda di energia a livello mondiale Fonte: EIA (2013), Internation Enery Outlook 2013

7 Trend delle emissioni di CO2 a livello mondiale Fonte: OECD «Environmental Outlook to 2050» (2012)

8 La risposta: il decoupling Fonte: UNEP (2011), Decoupling. Natural resource use and environmental impacts from economic growth.

9 La risposta: il decoupling Mondo: Fonte: nostre elaborazioni (dati: IEA, OECD, IMF, World Bank)

10 La risposta: il decoupling Italia: Fonte: nostre elaborazioni (dati: IEA, OECD, IMF, World Bank)

11 Green Economy The United Nations Environment Programme definisce la Green Economy come un economia in grado di migliorare il benessere e l equità sociale, riducendo in modo significativo i rischi ambientali e la scarsità dei sistemi ecologici. La crescita del reddito e dell occupazione deve essere guidata da investimenti sia pubblici che privati, volti a: ridurre le emissioni di anidride carbonica e di gas inquinanti, aumentare l efficienza energetica e delle risorse, prevenire la perdita di biodiversità e dei servizi ecosistemici. (ww.unep.org/greeneconomy)

12 Green Growth Green Growth significa promuovere la crescita economica e lo sviluppo, assicurando che il patrimonio naturale continui a fornire le risorse e i servizi ecosistemici, sui quali si fonda il nostro benessere. Si concentra sulle sinergie e i trade-off tra i pilastri economici e ambientali dello sviluppo sostenibile. Green Growth Knowledge Platform (traduzione nostra)

13 Principali tappe dell impegno globale per lo sviluppo sostenibile Conferenza di Stoccolma sull Ambiente Umano 1972 Earth Summit (Rio) 1992 Millennium Development Goals 2000 Rio + 20 Conference (Rio) Commissione Brundtland 1997 Protocollo di Kyōto 2002 Rio + 10 Conference (Johannesburg)

14 Principali risultati di Rio+20 I due temi principali di Rio+20: Green Economy nel contesto dello sviluppo sostenibile e riduzione della povertà Quadro istituzionale per lo sviluppo sostenibile Risultati: Rafforzamento governance UN: da UNEP nasce «Divisione per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite»; Avvio del Forum Politico di Alto Livello sullo Sviluppo Sostenibile Revisione obiettivi internazionali di sostenibilità: sviluppo di un set di Sustainable Development Goals (SDGs) globali, basati su Agenda 21 e Piano d Azione di Johannesburg e integrati nell agenda per lo sviluppo post-2015 Metodologie comuni: Adozione di Linee Guida per implementare la Green Economy e riconoscimento centralità strumenti economici; Ricerca nuovi indicatori oltre il PIL con armonizzazione dei numerosi sistemi esistenti («United Nations Statistical Commission» è stata incaricata di seguire il processo; Reporting dei risultati con l istituzione della Piattaforma di Conoscenza sullo Sviluppo Sostenibile (UNEP, World Bank OECD, Global Green Growth Institute) Centralità delle città e delle imprese: Coinvolgimento delle imprese con il Rio+20 Corporate Sustainability Forum ; più di 700 accordi volontari, per un impegno complessivo di 513 miliardi US$; lancio di un programma quadro decennale sul consumo e la produzione sostenibili presso l UNEP Esito finale: documento non vincolante The Future We Want

15 Aspetti chiave nella relazione ambiente economia dopo Rio+20 Rendere operativi e misurabili i concetti di green economy e green growth e identificare criteri e indicatori appropriati per valutare il benessere umano complessivo (Nei documenti finali di Rio+20 vengono recepiti 22 dei 26 principi operativi per la Green Economy maggiormente ricorrenti nelle oltre 90 pubblicazioni sul tema mappate dalla United Nations Division for Sustainable Development (UNDESA) nei lavori preparatori della conferenza) Adottare politiche per promuovere la green economy e la green growth, utilizzando gli strumenti di mercato, in modo che le esternalità siano correttamente internalizzate ed i prezzi riflettano effettivamente la scarsità delle risorse naturali, fornendo segnali efficaci ai produttori e ai consumatori

16 Indicatori oltre il PIL Proliferazione di metodologie e indicatori. Tra i più promettenti: IWI (Incluse Wealth Index) sviluppato da UNU-IHDP e UNEP HDI (Human Development Index) sviluppato da UNDP Better Life Index sviluppato da OECD World Happiness Index sviluppato da Sustainable Development Solutions Network A Rio presentazione del «Draft report on measuring sustainable development (2012)», curato congiuntamente da UNECE, Eurostat e OECD. Roadmap europea «GDP and beyond»: pubblicazione nel 2009 del rapporto Stiglitz-Sen-Fitoussi.

17 Valori economici forniti dall ecosistema Fonte: Draft report of Joint of UNECE, Eurostat, OECD task force on measuring sustainable development (2012)

18 Quadro di riferimento per gli indicatori beyond GDP Fonte: OECD, OECD and Rio+20 (2012)

19 Trend di GDP/pro capite e GPI/pro capite (Genuine Progress Indicator) Fonte: Kubiszew I., Costanza R. et alii, Ecological Economics 93 (2013)

20 Green Fiscal Reform La Green Fiscal Reform include strumenti di policy per spostare il carico fiscale da reddito, capitale e lavoro a uso delle risorse naturali e pressioni sull ambiente. Comprende: Tasse ambientali Tariffe sui servizi ambientali che riflettano i costi Vendita di permessi in sistemi di emission trading Eliminazione di sussidi a materiali, prodotti e servizi dannosi per l ambiente Alcune possibili aree di applicazione (a livello nazionale, regionale e locale): Energia (es. carbon tax) Mobilità e trasporti (es. road e park pricing) Uso del suolo (es. mercato dei diritti edificatori) Uso delle risorse naturali (es. tariffe riflettenti il valore delle prestazioni ecosistemiche)

21 Ricavi da tasse ambientali in %sul PIL (Paesi OECD 2009, 2000) Fonte: OECD (2011), Environmental taxation. A Guide for Policy Makers

22 Entrate da tasse ambientali come percentuale delle tasse totali Paesi OECD: 1996; 2002; 2008 Fonte: OECD (2010), «Taxation, Innovation and the Environment»

23 Tasse ambientali in Italia Fonte: Environmental Performance Reviews, ITALY 2013, Assessment and Recommendations, OECD

24 Conclusioni Domande aperte la Green Growth può consentire sviluppo duraturo, preservando le risorse naturali e la loro capacità di fornire servizi ecosistemici? l incremento di efficienza nell uso delle risorse può portare ad un decoupling assoluto (oltre che relativo)? è realistico il percorso per individuare metodologie e strumenti comuni ed oggettivi per misurare il benessere umano? esiste la volontà politica perché i prezzi sui mercati forniscano dei segnali corretti sulla scarsità attraverso una green fiscal reform?

25 Grazie per l attenzione e arrivederci a Rio+30

Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale

Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale Carlo Manna, ENEA IEFE Bocconi, Milano 5 dicembre 2012 Obiettivo sostenibilità: Affrontare i fattori di rischio per

Dettagli

LE MISURE E LE RIFORME ECONOMICHE E FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL

LE MISURE E LE RIFORME ECONOMICHE E FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL LE MISURE E LE RIFORME ECONOMICHE E FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL Stati Generali della Green Economy Rimini, Ecomondo Marco Frey 7-11-2013 Coordinatore Gruppo di lavoro Finanza e Credito

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

BIOMASSA: Design e innovazione di sistema per la sostenibilità. Carlo Vezzoli. Docente Politecnico di Milano OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?

BIOMASSA: Design e innovazione di sistema per la sostenibilità. Carlo Vezzoli. Docente Politecnico di Milano OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Design e innovazione di sistema per la sostenibilità Carlo Vezzoli Docente Politecnico di Milano

Dettagli

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA Una lunga serie di conferenze, pubblicazioni, programmi internazionali ed europei, tra cui i seguenti a carattere più generale (molte altre iniziative riguardano specifici settori) caratterizzano il percorso

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL

LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL LE RIFORME FISCALI NECESSARIE PER ATTIVARE UN GREEN NEW DEAL Stati Generali della Green Economy 7 novembre 2013 Rimini Ivana Capozza Senior Economist, Environmental Performance Reviews OECD Environment

Dettagli

MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE

MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE Impresa sostenibile: sviluppo ed equità Ispirato a: World Resources Institute www.wri.org Impresa sostenibile: sviluppo ed equità Perché la sostenibilità? Fattori/esternalità

Dettagli

SNAM. Conferenza Sostenibilità. FEEM Milano, Novembre 2011. Area CSR FEEM

SNAM. Conferenza Sostenibilità. FEEM Milano, Novembre 2011. Area CSR FEEM SNAM Conferenza Sostenibilità Area CSR FEEM FEEM Milano, Novembre 2011 ARGOMENTI Sostenibilità: dal concetto alla prassi Sostenibilità e Responsabilità sociale delle imprese (CSR) I temi principali: o

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata ECONOMIA APPLICATA Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Alessandra Bianchi alessandra.bianchi@uniroma2.it Lo sviluppo sostenibile Lo

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Green economy. Economia, ambiente, etica

Green economy. Economia, ambiente, etica Green economy Economia, ambiente, etica Stefano Duglio, Università di Torino Lucas Fingerle, Banca Etica Marco Mariano, Retenergie Fonte: Dip. Management 1. Perché: il contesto.. 2. Cosa è 3. Green economy

Dettagli

TRASPORTI E AMBIENTE:

TRASPORTI E AMBIENTE: TRASPORTI E AMBIENTE: Gestione eco-efficiente efficiente della mobilità Programmi e sfide dell Unione Europea Master MEDEA Economia e Politica dell Ambiente 2002/2003 Alessandra Arborea Gonzalo Cabrera

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

Workshop Global Compact Network Italia GdL Ambiente 14 Luglio Altran Italia, Roma

Workshop Global Compact Network Italia GdL Ambiente 14 Luglio Altran Italia, Roma Workshop Global Compact Network Italia GdL Ambiente 14 Luglio Altran Italia, Roma Diletta Di Stanio Responsabile Marketing & Sustainability Office Giuseppe Gammariello Responsabile Research & Innovation

Dettagli

Le prospettive future per l economia e per l ambiente

Le prospettive future per l economia e per l ambiente Le prospettive future per l economia e per l ambiente Prof. Laura Castellucci Greenaccord, Villa Mondragone 7-10 novembre 2007 Laura.Castellucci@uniroma2.it Alcuni fatti del passato Il GDP pro capite è

Dettagli

Il modello GRI. silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012. Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile

Il modello GRI. silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012. Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile Il modello GRI 1 Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile Sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni (Rapporto

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

filosofia di vita (...10 motivi)

filosofia di vita (...10 motivi) perchè la sostenibilità deve diventare una filosofia di vita (...10 motivi) Prof. Ettore Capri Lucrezia Lamastra, PhD Opera III SEMINARIO INTERNAZIONALE DI MARKETING DEL VINO Sostenibilita dell azienda

Dettagli

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare LA GREEN ECONOMY Nel rapporto del 2009 Verso una green economy l Unep definisce la green economy come un economia capace di produrre un benessere di migliore qualità e più equamente esteso, migliorando

Dettagli

Dalla crescita economica al benessere dei cittadini

Dalla crescita economica al benessere dei cittadini Prima parte Dalla crescita economica al benessere dei cittadini Tommaso Rondinella Ricercatore, Segreteria del presidente per le attività tecnico-scientifiche - Istat Crescita e sviluppo "we must embark

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

La statistica come conoscenza: indispensabile per la cooperazione, strategica per lo sviluppo Piano d Azione

La statistica come conoscenza: indispensabile per la cooperazione, strategica per lo sviluppo Piano d Azione Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo La statistica come conoscenza: indispensabile per la cooperazione, strategica per lo sviluppo Piano d Azione Incarico affidato alla dr.ssa Simonetta

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

La valenza strategica della gestione ambientale

La valenza strategica della gestione ambientale Camera di Commercio di Ancona La valenza strategica della gestione ambientale 10 marzo 2008, 14.30-18.30 Antonio Tencati Università Bocconi antonio.tencati@unibocconi.it Stefano Pogutz Università Bocconi

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica Pavia, 28 febbraio 2012 Sviluppo turistico sostenibile e valorizzazione del territorio in un ottica di responsabilità sociale Stefania Bassi s.bassi@fultura.it www.fultura.it Sviluppo turistico e valorizzazione

Dettagli

Politica industriale e crescita verde

Politica industriale e crescita verde Politica industriale e crescita verde Ivan Faiella* Banca d Italia "GREEN ECONOMY, INNOVAZIONE E SVILUPPO " Mercoledì 6 marzo * Le opinioni espresse non impegnano in alcun modo la Banca d Italia Sicurezza,

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Roberto Zoboli Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

Roberto Zoboli Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Conferenza Episcopale Italiana Ufficio Nazionale Per i Problemi Sociali e il Lavoro Servizio Nazionale per il Progetto Culturale Seminario di studio sulla Custodia del Creato Si prende cura di noi Roma,

Dettagli

Marco Spinedi. Recessione e ven, guerra: come la PMI può uscire dalla crisi a>raverso lo sviluppo internazionale

Marco Spinedi. Recessione e ven, guerra: come la PMI può uscire dalla crisi a>raverso lo sviluppo internazionale Networking e digitalizzazione a supporto dello sviluppo strategico della PMI Recessione e ven, guerra: come la PMI può uscire dalla crisi a>raverso lo sviluppo internazionale Marco Spinedi Comitato Scien,fico

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020 Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente Nota Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo e Strategia europea 2020 Milano, 16 luglio 2014 15.00-18.00 1) Introduzione Il Semestre europeo

Dettagli

Pure Solutions, Sustainable Energy

Pure Solutions, Sustainable Energy Pure Solutions, Sustainable Energy Puraction supporta le aziende e le amministrazioni pubbliche che, per obbligo normativo o per libera scelta, vogliono ridurre l impatto ambientale delle loro attività,

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

Le imprese nella green economy

Le imprese nella green economy Le imprese nella green economy materiali di discussione di Toni Federico 1 INDICE CAPITOLO 1. LE IMPRESE PER UNA GREEN ECONOMY...4 Premessa...4 L economia verde e le aziende core green...6 Le basi di dati

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2005 COM(2005) 16 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione sull'applicazione del piano d'azione per le tecnologie ambientali nel 2004 {SEC(2005)100}

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Maria Berrini - presidente di Ambiente Italia Istituto di Ricerche (su ricerche e testi predisposti in collaborazione con Duccio Bianchi, Lorenzo Bono, Michele

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

Modelli e strumenti per un economia verde

Modelli e strumenti per un economia verde Modelli e strumenti per un economia verde Marco Frey, GCIN Chairman e Direttore dell Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna di Pisa FORUM DELLA SOCIETÀ CIVILE L ITALIA VERSO RIO+20 Buone pratiche,

Dettagli

I numeri della felicità

I numeri della felicità I numeri della felicità Donato Speroni Istituto per la Formazione al Giornalismo Università di Urbino Cerchiamo di rispondere a queste domande 1 La felicità si può misurare? 2 La misura della felicità

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Le sfide di Europa 2020 3 direttrici Smart Growth Sviluppo di un economia basata su innovazione

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo

La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo La sostenibilità come principio regolatore nelle politiche di sviluppo Daniel Franco Daniel Franco 2008, All Rights Reserved 1 Sviluppo sostenibile: le definizioni 1972 Dichiarazione di Stoccolma sull'ambiente

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore Introduzione Negli ultimi anni le scelte di acquisto dei consumatori, sono maggiormente orientate alla ricerca

Dettagli

Environmental Sustainability Index

Environmental Sustainability Index Master Medea A.A. 2004-2005 Corso di Epa - Economia e Politica dell Ambiente Tutorial Studenti : Environmental Sustainability Index Verdiana Ambrosi Daniela Del Sole Michela Parlato Mappa logica STRUTTURA

Dettagli

Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa

Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Convegno Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa Accreditamento Che cos è l accreditamento?

Dettagli

GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE. 24 novembre 2014. Giuseppe Chiappero

GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE. 24 novembre 2014. Giuseppe Chiappero GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE 24 novembre 2014 Giuseppe Chiappero PILLOLE DI ATTUALITA OBAMA - 12 NOVEMBRE 2014 STORICO ACCORDO CINA USA RILANCIO DELLE POLITICHE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE PAPA FRANCESCO

Dettagli

Incertezze e rischi dovuti ai mutamenti climatici e prospettive per il settore agricolo in Italia

Incertezze e rischi dovuti ai mutamenti climatici e prospettive per il settore agricolo in Italia Incertezze e rischi dovuti ai mutamenti climatici e prospettive per il settore agricolo in Italia Squilibri degli assetti idrogeologici, criticità nella disponibilità e nella qualità del suolo Criticità

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

World Bank Group. International Finance Corporation

World Bank Group. International Finance Corporation World Bank Group International Bank for Reconstruction and International Association International Finance Corporation Mutilateral Investment Guarantee Agency International Center for the Settlement of

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione. per le sfide, il miglioramento continuo, l eccellenza

Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione. per le sfide, il miglioramento continuo, l eccellenza eni for 2011 Missione Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Dipendenza dalle fonti primarie in Italia e in Europa Rapporto

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Scheda 1 «Smart City»

Scheda 1 «Smart City» Scheda 1 «Smart City» I RIFERIMENTI STRATEGICI DELL UNIONE EUROPEA SULLE SMART CITIES GREEN JOBS Formazione e Orientamento I Riferimenti Comunitari Gli obiettivi delle iniziative riguardanti le Smart Cities

Dettagli

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes Comune di Ferrara Progetto PRO-EE Work Package 3 Joint Procurement Schemes Sintesi delle principali tipologie di joint procurement e delle possibili forme di finanziamento Cremona, 10 ottobre 2008 Forum

Dettagli

Saverio Gazzelloni, Adolfo Morrone, Fabiola Riccardini*, Tommaso Rondinella, Linda Laura Sabbadini

Saverio Gazzelloni, Adolfo Morrone, Fabiola Riccardini*, Tommaso Rondinella, Linda Laura Sabbadini Commissione Scientifica per la misura del benessere La sfida del BES nella situazione italiana: i nodi da sciogliere per avviare la discussione sui domini. Saverio Gazzelloni, Adolfo Morrone, Fabiola Riccardini*,

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Interreg Europe Bologna, 27 novembre 2014 L area di Programma Programma Interreg Europe OBIETTIVO GENERALE Contribuire al rafforzamento delle politiche

Dettagli

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Temi La struttura del mercato energetico La questione ambientale come vincolo al

Dettagli

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita ECOMONDO Rimini Fiera 4.11.2010 Valutazioni di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo

Dettagli

FrancoAngeli CORPORATE SUSTAINABILITY E COMPETITIVITÀ. Lo sviluppo sostenibile come opportunità per un nuovo modo di fare impresa. Roberta Sebastiani

FrancoAngeli CORPORATE SUSTAINABILITY E COMPETITIVITÀ. Lo sviluppo sostenibile come opportunità per un nuovo modo di fare impresa. Roberta Sebastiani Roberta Sebastiani CORPORATE SUSTAINABILITY E COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE Lo sviluppo sostenibile come opportunità per un nuovo modo di fare impresa FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file

Dettagli

Proposta di indicatori per un rapporto di sostenibilità degli ecosistemi urbani

Proposta di indicatori per un rapporto di sostenibilità degli ecosistemi urbani Proposta di indicatori per un rapporto di sostenibilità degli ecosistemi urbani per Arpa sezione Bologna: Vanes Poluzzi, Samantha Arda, Claudio Maccone per Arpa sezione di Piacenza: Anna Callegari, Margherita

Dettagli

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014)

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014) FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (giugno 2014) POSIZIONE ATTUALE: Collaboratore presso il Dipartimento per la Regolazione dell Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico,

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015)

FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015) POSIZIONE ATTUALE: FIORENZA CARRARO Curriculum Vitae et Studiorum (aprile 2015) - Collaboratore presso la Direzione Mercati Elettrici e Gas dell Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Aumenta la tua consapevolezza energetica e riduci i consumi www.siemens.it/efficienzaenergetica Identificare Consulenza energetica Conforme alla ISO

Dettagli

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA SLIDES di sintesi dei principali risultati di uno studio promosso dai settori contribuenti svolto dalla Stazione sperimentale per i Combustibili nel 2005-2006

Dettagli

Cooperazione decentrata e governance dello sviluppo sostenibile

Cooperazione decentrata e governance dello sviluppo sostenibile In collaborazione con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Concept paper Cooperazione decentrata e governance dello sviluppo sostenibile Principi, strumenti e metodologie

Dettagli

CONTRIBUTI PER LA COSTRUZIONE DI UNA STRATEGIA ITALIANA PER IL CONSUMO E LA PRODUZIONE SOSTENIBILI. 20 settembre 2008

CONTRIBUTI PER LA COSTRUZIONE DI UNA STRATEGIA ITALIANA PER IL CONSUMO E LA PRODUZIONE SOSTENIBILI. 20 settembre 2008 CONTRIBUTI PER LA COSTRUZIONE DI UNA STRATEGIA ITALIANA PER IL CONSUMO E LA PRODUZIONE SOSTENIBILI 20 settembre 2008 Documento SCP 10.09.08 Pagina 1 di 42 INDICE 1 OBIETTIVI DELLA STRATEGIA PER IL CONSUMO

Dettagli

L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA WORKSHOP RISPARMIO ENERGETICO: STRUMENTO PER LA COMPETITIVITA L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA BARBARA MARCHETTI Palazzo Torriani 7 novembre 2007 L impegno di Confindustria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria MASTER di II Livello NUOVE PROFESSIONI: L AMBIENTE COME OPPORTUNITÀ Direttore: Prof. Riccardo Valentini, DISAFRI, Facoltà di Agraria Coordinatore:

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro Kyoto Club e la formazione per la green economy di Patricia Ferro Presentazione E un organizzazione non profit di più di 230 imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento

Dettagli