ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME"

Transcript

1 ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo le principali caratteristiche dell adempimento. EVOLUZIONE NORMATIVA Ai sensi dell art. 50, c. 6, DL 331/1993, i soggetti passivi IVA che effettuano operazioni intracomunitarie sono tenuti a compilare e a presentare i modelli INTRASTAT. L attuale assetto normativo e regolamentare fa seguito alle modifiche operate dal D.Lgs. 18/2010 che, con effetto dal , ha esteso l obbligo di rilevazione nei modelli alle prestazioni di servizi generiche poste in essere in ambito intracomunitario. ABROGAZIONE DEGLI ELENCHI RIFERITI AI SERVIZI RICEVUTI L art. 50-bis, c. 4, DL 69/2013, c.d. Decreto Fare, inserito in sede di conversione dalla L. 98/2013, prevede l abrogazione dell obbligo di presentazione dei modelli INTRA 2-quater e INTRA 2- quinquies, riguardanti gli elenchi riepilogativi dei servizi ricevuti da prestatori stabiliti in altri Paesi della Comunità. L obbligo di presentazione dei modelli concernenti le prestazioni di servizio ricevute si pone, infatti, in contrasto con l art. 268, Direttiva 2006/112/CE, ove al singolo Paese membro è concessa la facoltà di imporre gli elenchi riepilogativi per i beni oggetto di acquisto intracomunitario e non già per i servizi ricevuti. Tale importante semplificazione degli adempimenti posti in capo ai contribuenti è stata prevista nell ambito dell art. 50, DL 69/2013, rubricato: Semplificazione delle comunicazioni telematiche all Agenzia delle Entrate per i soggetti titolari di partita IVA. La disposizione prevede, con effetto dal , la possibilità di inviare all Agenzia delle Entrate, con cadenza giornaliera, i dati analitici delle fatture emesse e ricevute, incluse le relative rettifiche in aumento e in diminuzione, nonché l ammontare dei corrispettivi delle operazioni non soggette a fatturazione. A fronte dell impegno quotidiano richiesto al contribuente, è concesso l esonero da alcuni adempimenti e responsabilità solidali. I soggetti che aderiranno a tale inedita disciplina saranno, infatti, dispensati dall obbligo di trasmissione dello spesometro, della comunicazione black list e della comunicazione delle lettere d intento ricevute. Inoltre gli stessi contribuenti non saranno soggetti alla responsabilità solidale in ambito IVA ex art. 60-bis, DPR 633/1972, e a quella in materia di appalti ex art. 35, c. 28, DL 223/2006. Con un DPR dovrà essere emanato il regolamento che ridefinisca le informazioni da annotare nei registri IVA, allo scopo di allinearne il contenuto a quello delle nuove segnalazioni previste. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 1 di 11

2 Entro i 90 giorni successivi alla data di emissione del predetto regolamento saranno adottate le disposizioni di attuazione della semplificazione. Siccome l abrogazione dell obbligo di presentazione degli elenchi INTRASTAT riferiti ai servizi ricevuti è stata agganciata all emanazione del regolamento e del decreto attuativo dell art. 50-bis, DL 69/2013, è presumibile che ancora per quest anno sia necessario continuare la presentazione dei modelli INTRA 2-quater e INTRA 2-quinquies. Rimane invece confermato l obbligo di presentazione degli elenchi relativi agli acquisti di beni, come pure l obbligo di trasmissione degli elenchi riferiti alle cessioni di beni e ai servizi resi. CESSIONE DI BENI E SERVIZI RESI ACQUISTO DI BENI E SERVIZI RICEVUTI INTRA 1 Frontespizio INTRA 2 Frontespizio INTRA 1-bis INTRA 1-ter Cessioni di beni nel periodo di riferimento Rettifiche alle cessioni di beni di periodi precedenti INTRA 2-bis INTRA 2-ter INTRA 1-quater Servizi resi nel periodo di riferimento INTRA 2-quater INTRA 1-quinquies Rettifiche ai servizi resi di periodi precedenti INTRA 2-quinquies Acquisti di beni nel periodo di riferimento Rettifiche agli acquisti di beni di periodi precedenti Servizi ricevuti nel periodo di riferimento Rettifiche ai servizi ricevuti di periodi precedenti SOGGETTI OBBLIGATI L obbligo di presentazione degli elenchi riepilogativi INTRASTAT riguarda: i soggetti passivi IVA italiani che effettuano scambi di beni comunitari e/o di servizi generici con altri soggetti passivi IVA di altri Stati membri; gli enti, le associazioni ed altre organizzazioni di cui all art. 7-ter, c. 2, lett. b) e c), DPR 633/1972, che effettuano acquisti intracomunitari di beni e ricevono prestazioni di servizi generici anche nello svolgimento di attività non commerciali (si veda la FE n. 9/2013). Nella definizione di beni comunitari rientrano i beni originari degli Stati membri e quelli provenienti da Paesi terzi che si trovano in libera pratica nella Comunità. L adempimento interessa anche i rappresentanti fiscali di soggetti non residenti e coloro che si sono identificati direttamente in Italia ai sensi dell art. 35-ter, DPR 633/1972. ESCLUSIONI SOGGETTIVE Con CM n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate ha precisato che non sussiste l obbligo di includere negli elenchi le prestazioni di servizio rese o ricevute, qualora la controparte sia un soggetto stabilito in un Paese extracomunitario che, benché identificato ai fini IVA nella Comunità, non possieda nel territorio comunitario né la sede principale dell attività, né una stabile organizzazione. Al contrario, le cessioni e gli acquisti intracomunitari di beni vanno incluse negli elenchi a prescindere dalla circostanza che una delle parti sia un soggetto stabilito in uno Stato extracomunitario, purché, naturalmente, lo stesso sia identificato ai fini IVA nella Comunità. Per i beni, infatti, ciò che rileva è la contemporanea sussistenza dei requisiti essenziali delle operazioni intracomunitarie (acquisizione della proprietà del bene, effettiva movimentazione del RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 2 di 11

3 bene tra due Paesi membri e status di operatore economico delle parti coinvolte nella transazione). LE OPERAZIONI SOGGETTE A RILEVAZIONE Formano oggetto di rilevazione: le cessioni di beni effettuate, registrate o soggette a registrazione, nei confronti di operatori comunitari soggetti IVA; gli acquisti di beni effettuati, registrati o soggetti a registrazione, presso operatori comunitari soggetti IVA; le prestazioni di servizi generici ex art. 7-ter, DPR 633/1972, rese nei confronti di soggetti passivi stabiliti in un altro Paese membro; le prestazioni di servizi generici ex art. 7-ter, DPR 633/1972, ricevute da soggetti passivi stabiliti in un altro Paese membro; le triangolazioni comunitarie di beni ex art. 40, c. 2, DL 331/1993, in cui l operatore nazionale, promotore della triangolazione, agisce sia in veste di acquirente sia di cedente comunitario; le movimentazioni di merci oggetto di perfezionamento o manipolazione usuale, da riepilogare ai fini statistici; le operazioni commerciali relative allo scambio di navi e aeromobili, energia elettrica e gas, merci acquisite o cedute come soccorsi d urgenza in regioni sinistrate, da riepilogare ai fini statistici. OPERAZIONI NON SOGGETTE A RILEVAZIONE (BENI) Negli elenchi riepilogativi riferiti ai beni, non vanno incluse le seguenti operazioni: merci non comunitarie, anche se oggetto di scambio con operatori comunitari; beni comunitari inviati o ricevuti a titolo gratuito o non definitivo. Sono inoltre esclusi dalla rilevazione (anche statistica) i beni indicati nell Allegato XI della Determinazione 22778/RU/2010. BENI ESCLUSI DALLA RILEVAZIONE Oro detto monetario. Strumenti di pagamento aventi corso legale e valori, compresi i pagamenti per i servizi quali l affrancatura, le imposte o i canoni. Merci destinate a un uso temporaneo o restituite dopo tale uso (ad esempio locazioni, mutui, leasing operativi), alle seguenti condizioni: non è prevista ne effettuata alcuna lavorazione; la durata prevista per l uso temporaneo non è superiore a 24 mesi; la cessione o l acquisto non sono da dichiarare come una cessione o un acquisto ai fini IVA. Merci che circolano tra uno Stato membro e le sue zone franche territoriali in altri Stati membri, e lo Stato membro di accoglienza e le zone franche territoriali in altri Stati membri o di organizzazioni internazionali. Le zone franche territoriali comprendono le ambasciate e le forze armate nazionali stazionate al di fuori del territorio del Paese di origine. Beni che veicolano informazioni personalizzate, software compreso. Software scaricato da Internet (da dichiarare negli elenchi riferiti ai servizi). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 3 di 11

4 Beni forniti a titolo gratuito che non siano oggetto di transazioni commerciali, purché siano movimentati unicamente al fine di predisporre o favorire una transazione commerciale successiva, illustrando le caratteristiche di beni e servizi (ad esempio, materiale pubblicitario e campioni commerciali). Beni destinati a essere riparati e restituiti in seguito alla riparazione, nonché i pezzi di ricambio associati e i pezzi difettosi sostituiti. La riparazione di un bene consiste nel ripristino della sua funzione o condizione originaria. L obiettivo dell operazione è semplicemente mantenere i beni in condizioni di funzionamento e può comportare lavori di ricostruzione o miglioria, ma non modificare in alcun modo la natura dei beni. Mezzi di trasporto che si spostano durante il loro funzionamento, compresi i mezzi di lancio di veicoli spaziali al momento del lancio. PRESTAZIONI DI SERVIZI PER LE QUALI NON È DOVUTA L IMPOSTA L art. 50, c. 6, DL 331/1993, dispone che gli elenchi riepilogativi delle prestazioni di servizio non comprendono le operazioni per le quali non è dovuta l imposta nello Stato membro in cui è stabilito il committente. Negli elenchi non vanno quindi dichiarati i servizi che, pur essendo considerati intracomunitari, non sono assoggettati a imposta nel Paese di stabilimento del committente poiché ivi ritenuti esenti o non imponibili. Pertanto, quando il committente della prestazione è stabilito in un altro Stato membro, il prestatore italiano ha l onere di accertare che la prestazione resa sia esente o non imponibile nel Paese del committente. A tal fine è opportuno esigere una dichiarazione redatta dal committente, in cui questi affermi che la prestazione è esente o non imponibile nel suo Paese di stabilimento (la dichiarazione può essere rilasciata una sola volta dal committente comunitario con riguardo a tutte le prestazioni della stessa specie da lui ricevute e rimane valida finché non mutano le caratteristiche del servizio reso o il trattamento fiscale previsto nello Stato del committente). In mancanza della dichiarazione del committente, il prestatore italiano è legittimato a non includere l operazione negli elenchi solo se ha certezza, in base a elementi di fatto obiettivi, che per la predetta prestazione non è dovuta l imposta nello Stato membro del committente. L erroneo inserimento negli elenchi di prestazioni esenti o non imponibili non è invece passibile di alcuna sanzione (pertanto, in caso di dubbi sull opportunità o meno di dichiarare una determinata prestazione, è opportuno includerla negli elenchi). PRESTAZIONI ACCESSORIE Le prestazioni di servizi che si considerano accessorie all operazione principale ai sensi dell art. 12, DPR 633/1972, non devono essere dichiarate autonomamente, ma il loro valore deve essere incluso nell operazione di compravendita dei beni cui si riferiscono. L art. 12, DPR 633/1972, prevede che il trasporto, la posa in opera, l imballaggio, il confezionamento, la fornitura di recipienti o contenitori e le altre cessioni o prestazioni accessorie a una cessione di beni o a una prestazione di servizi, effettuati direttamente dal cedente o prestatore oppure per suo conto e a sue spese, non sono soggetti autonomamente all imposta nei rapporti fra le parti dell operazione principale. Se la cessione o la prestazione principale è soggetta a imposta, i corrispettivi delle cessioni o prestazioni accessorie imponibili concorrono a formarne la base imponibile. Ad esempio, nella CM n. 36/E/2010 l Agenzia delle Entrate ha precisato che nell ipotesi di un servizio di trasporto beni, è necessario verificare come la prestazione di trasporto sia addebitata al cliente finale. Se si tratta di una prestazione accessoria a una vendita di beni, l operazione RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 4 di 11

5 complessiva deve essere evidenziata negli elenchi riferiti ai beni; diversamente, la prestazione di trasporto va indicata nei modelli dei servizi. QUANDO INCLUDERE LE OPERAZIONI NEGLI ELENCHI Ai sensi dell art. 5, c. 1, DM , la presentazione degli elenchi riepilogativi è collegata al momento in cui i dati delle operazioni sono registrati o soggetti a registrazione ai sensi delle disposizioni in materia di IVA, nel periodo di riferimento (mensile o trimestrale). Tuttavia, se prima della consegna o della spedizione dei beni è emessa fattura o pagato in tutto o in parte il corrispettivo, l operazione va ricompresa nel modello con riferimento al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o la spedizione dei beni, per l ammontare complessivo dell operazione (il mero pagamento di acconti non assume pertanto alcuna rilevanza ai fini dell inclusione delle operazioni negli elenchi riferiti ai beni). Quando, invece, la fattura è emessa in un momento anteriore rispetto a quello in cui i beni sono materialmente spediti (ad esempio, fattura emessa il sabato con trasporto che inizia il lunedì, che cade nel mese o, addirittura, nell anno successivo) per motivi tecnico-aziendali, l operazione va indicata nel modello INTRA relativo al periodo in cui la fattura è stata registrata o doveva essere registrata. Riguardo agli elenchi riferiti alle prestazioni di servizio, l emissione anticipata della fattura in assenza di pagamento non assume alcuna rilevanza ai fini dell effettuazione dell operazione e, pertanto, non va riepilogata negli elenchi. Differentemente, il pagamento di acconti comporta l obbligo di emissione della fattura e, conseguentemente, la presentazione dei riepiloghi, poiché l operazione si considera realizzata all atto del pagamento della frazione di corrispettivo. Si ricorda che le prestazioni di servizi specifici, ossia quelle disciplinate dagli artt. 7-quater e 7-quinquies, DPR 633/1972, non devono essere riepilogate negli elenchi riferiti ai servizi per espressa previsione normativa. Tali disposizioni, relative alla disciplina INTRASTAT, devono essere coordinate con i nuovi termini di fatturazione e registrazione delle operazioni IVA, previsti, con effetto dal , dalla L. 228/2012, c.d. Legge di Stabilità ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI Ai sensi dell art. 39, c. 1, DL 331/1993, gli acquisti intracomunitari si considerano effettuati all inizio del trasporto o della spedizione dei beni dallo Stato membro di provenienza. Pertanto, il momento rilevante degli acquisti intracomunitari è ora individuato nella data di partenza o spedizione dei beni, senza che assuma rilevanza il soggetto che provvede al trasporto o alla spedizione. Sono previste alcune deroghe per le operazioni con effetti traslativi sospesi e per i c.d. acquisti continuativi (si veda la FE n. 1/2013). Se la fattura è emessa antecedentemente all inizio del trasporto o della spedizione dei beni, l operazione si considera effettuata, limitatamente all importo fatturato, alla data della fattura. Il pagamento anticipato, in tutto o in parte, del corrispettivo, non assume invece più alcuna rilevanza ai fini del momento di effettuazione dell acquisto intracomunitario. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 5 di 11

6 Tuttavia, se prima dell inizio del trasporto il cedente riceve un acconto o il pagamento del corrispettivo e sceglie di emettere la fattura in via anticipata, l operazione si considera comunque effettuata, pur limitatamente all importo fatturato. Ai sensi dell art. 47, c. 1, DL 331/1993, la fattura estera, una volta integrata con l indicazione dell imponibile, dell aliquota e dell imposta, va annotata nel registro delle fatture emesse entro il giorno 15 del mese successivo a quello del suo ricevimento, ma con riferimento al mese precedente. Il riferimento al mese precedente ha lo scopo di collegare l operazione al periodo di effettuazione della stessa. Pertanto, la retrodatazione non trova applicazione quando l operazione è effettuata nello stesso mese di annotazione della fattura. L annotazione della fattura integrata nel registro IVA acquisti va eseguita, al più tardi, entro il termine di decadenza biennale per l esercizio della detrazione ex art. 19, c. 1, DPR 633/1972 (entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto). In caso di mancato ricevimento della fattura estera entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, l acquirente nazionale è tenuto a emettere un autofattura entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione (inizio del trasporto o della spedizione al cessionario dal territorio dello Stato UE di partenza). Se la fattura ricevuta riporta un corrispettivo inferiore a quello reale, l acquirente deve emettere una fattura integrativa entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fattura originaria. Tali documenti vanno annotati sia nel registro IVA fatture emesse (entro il termine di emissione e con riferimento al mese precedente), sia nel registro IVA acquisti al fine della detrazione della relativa imposta. Ai fini della presentazione del modello INTRA 2-bis va fatto riferimento al momento di annotazione della fattura integrata nel registro IVA fatture emesse. Esempio 1 Esempio 2 Esempio 3 Acquisto intracomunitario di beni effettuato in data ; la relativa fattura è ricevuta e annotata nel medesimo mese. L operazione va inserita nel modello INTRA 2-bis di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). Acquisto intracomunitario di beni effettuato in data ; la relativa fattura è ricevuta a gennaio ma annotata a febbraio con riferimento al mese precedente. L operazione va inserita nel modello INTRA 2-bis di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). Acquisto intracomunitario di beni effettuato in data ; la relativa fattura è ricevuta e annotata nel mese di marzo ma con riferimento al mese di febbraio. L operazione va inserita nel modello INTRA 2-bis di febbraio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). Ai sensi dell art. 50, c. 7, DL 331/1993, devono essere indicati negli elenchi, per il loro intero ammontare, anche gli acquisti intracomunitari per i quali, anteriormente alla consegna o spedizione dei beni, sia stata emessa fattura o pagato tutto o parte del corrispettivo. In particolare, RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 6 di 11

7 ai fini dell inclusione dell operazione negli elenchi, va fatto riferimento al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o la spedizione dei beni. Esempio 4 In data è ricevuta una fattura di acconto dell importo di 2.000, a valere su una fornitura di merci ancora da ricevere. Le merci sono spedite dalla Germania nel mese di marzo unitamente alla fattura a saldo dell importo di Nonostante la fattura di acconto sia stata ricevuta e registrata ai fini IVA nel mese di gennaio, l acquisto intracomunitario di complessivi va dichiarato nel modello INTRA 2-bis di marzo, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). CESSIONI INTRACOMUNITARIE DI BENI Ai sensi dell art. 39, c. 1, DL 331/1993, le cessioni intracomunitarie si considerano effettuate all inizio del trasporto o della spedizione dei beni dall Italia. Sono previste alcune deroghe per le operazioni con effetti traslativi sospesi e per i c.d. acquisti continuativi (si veda la FE n. 1/2013). Se la fattura è emessa antecedentemente all inizio del trasporto o della spedizione dei beni, l operazione si considera effettuata, limitatamente all importo fatturato, alla data della fattura. Il pagamento anticipato, in tutto o in parte, del corrispettivo, non assume invece più alcuna rilevanza ai fini del momento di effettuazione dell operazione. Tuttavia, se prima dell inizio del trasporto il cedente riceve un acconto o il pagamento del corrispettivo e sceglie di emettere la fattura in via anticipata, l operazione si considera comunque effettuata, pur limitatamente all importo fatturato. Ai sensi dell art. 46, c. 2, DL 331/1993, la fattura deve essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. Prima di emettere la fattura in regime di non imponibilità IVA ex art. 41, DL 331/1993, è opportuno verificare l iscrizione dell acquirente comunitario nell archivio VIES (http://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/vies/vies.htm). Come previsto dall art. 47, c. 4, DL 331/1993, la fattura va annotata nel registro delle fatture emesse secondo l ordine di numerazione ed entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione. L annotazione va dunque eseguita entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, con riferimento al mese di inizio del trasporto o della spedizione dei beni dall Italia. Ai fini dell inclusione dell operazione nell elenco INTRA 1-bis devono essere osservate le stesse regole previste per gli acquisti e, pertanto, occorre far riferimento alla data di annotazione della fattura nel registro delle fatture emesse. Esempio 5 Cessione intracomunitaria di beni effettuata in data ; la relativa fattura è emessa e annotata in pari data. L operazione va inserita nel modello INTRA 1-bis di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). Cessione intracomunitaria di beni effettuata in data ; la relativa fattura è emessa il e annotata in tale mese ma con riferimento a gennaio. L operazione va inserita nel modello INTRA 1-bis di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o Esempio 6 del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 7 di 11

8 Ai sensi dell art. 50, c. 7, DL 331/1993, devono essere indicate negli elenchi, per il loro intero ammontare, anche le cessioni intracomunitarie per le quali, anteriormente alla consegna o spedizione dei beni, sia stata emessa fattura o pagato tutto o parte del corrispettivo. In particolare, ai fini dell inclusione dell operazione negli elenchi, va fatto riferimento al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o la spedizione dei beni. Esempio 7 In data è emessa una fattura di acconto dell importo di 2.000, su una fornitura di merci ancora da spedire. Le merci sono spedite dall Italia nel mese di marzo unitamente alla fattura a saldo dell importo di Nonostante la fattura di acconto sia stata emessa e registrata nel mese di gennaio, la cessione intracomunitaria di complessivi va dichiarata nel modello INTRA 1-bis di marzo, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). PRESTAZIONI DI SERVIZI RICEVUTE Le prestazioni di servizi generici ricevute da prestatori stabiliti nella Comunità, si considerano effettuate alla data di ultimazione del servizio o, se antecedente, alla data del pagamento. Sono previste alcune deroghe per le prestazioni continuative ultrannuali e per quelle periodiche (si veda la FE n. 2/2013). La fattura, ricevuta senza addebito d imposta, deve essere numerata e integrata con l eventuale determinazione del controvalore in euro del corrispettivo e degli altri elementi che concorrono a formare la base imponibile dell operazione, nonché con l ammontare dell imposta, o con il titolo che ne prevede l esenzione o la non imponibilità, entro il giorno 15 del mese successivo al suo ricevimento. In caso di mancato ricevimento della fattura estera entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, il committente nazionale è tenuto a emettere un autofattura entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione (ultimazione della prestazione). L annotazione del documento nel registro delle fatture emesse va eseguita entro lo stesso termine (giorno 15 del mese successivo al ricevimento), ma con riferimento al mese precedente. L annotazione nel registro IVA acquisti va invece eseguita, al più tardi, entro il termine di decadenza biennale dal diritto alla detrazione ex art. 19, c. 1, DPR 633/1972. Ai fini dell inclusione delle prestazioni ricevute nei modelli INTRASTAT, occorre aver riguardo alla data di annotazione della fattura nel registro IVA fatture emesse, tenendo, tuttavia, conto del mese di ricevimento del documento. Esempio 8 Prestazione di servizi ultimata in data ; la relativa fattura è emessa il con data Il committente italiano riceve il documento in data e lo annota nei registri IVA nella medesima data ma con riferimento al mese di gennaio. L operazione va inserita nel modello INTRA 2-quater di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE Le prestazioni di servizi generici rese nei confronti di committenti stabiliti nella Comunità, devono essere fatturate entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione (ultimazione del servizio o pagamento). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 8 di 11

9 Sono previste alcune deroghe per le prestazioni continuative ultrannuali e per quelle periodiche (si veda la FE n. 2/2013). Il documento, riportante l annotazione Inversione contabile, va poi annotato nel registro delle fatture emesse entro lo stesso termine di emissione ma con riferimento al mese di effettuazione dell operazione. Ai fini dell inclusione delle operazioni negli elenchi occorre far riferimento alla data di registrazione della fattura, tenendo, tuttavia, conto del momento di effettuazione dell operazione. Ad esempio, una fattura emessa il 15.1, data di ultimazione del servizio, può essere annotata nel registro IVA fatture emesse entro il 15.2, ma deve comunque essere contabilizzata nel registro IVA del mese di gennaio, periodo con riferimento al quale deve essere anche inclusa negli elenchi. Esempio 9 Prestazione di servizi ultimata in data ; la relativa fattura è emessa il con data L operazione va inserita nel modello INTRA 1-quater di gennaio, da presentare entro il (soggetto mensile), o del primo trimestre 2014, da presentare entro il (soggetto trimestrale). PERIODICITÀ DI PRESENTAZIONE La periodicità di presentazione degli elenchi riepilogativi va individuata in relazione al volume degli scambi intracomunitari di beni e servizi realizzati nel trimestre di riferimento e/o in uno dei quattro trimestri precedenti. CESSIONE DI BENI E SERVIZI RESI ACQUISTI DI BENI E SERVIZI RICEVUTI Mensile: soggetti che effettuano cessioni di beni e servizi superiori a nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti. Trimestrale: soggetti che effettuano cessioni di beni e servizi pari o inferiori a nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti. Mensile: soggetti che effettuano acquisti di beni e servizi superiori a nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti. Trimestrale: soggetti che effettuano acquisti di beni e servizi pari o inferiori a nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti. Il superamento della soglia di deve essere accertato, distintamente, per l elenco delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese (modello INTRA 1) e per quello degli acquisti di beni e delle prestazioni di servizi ricevute (modello INTRA 2). È, quindi, possibile che la periodicità sia trimestrale per un elenco e mensile per l altro. All interno di ciascuna tipologia di elenco, l ammontare delle singole categorie di operazioni resta distinto ai fini della verifica del superamento della soglia. La periodicità resta, pertanto, trimestrale se, ad esempio, le cessioni di beni sono pari a , mentre le prestazioni di servizi rese sono pari a Gli elenchi vanno invece presentati mensilmente se, per una singola categoria di operazioni, è stata superata la soglia di Ad esempio, se nel trimestre gennaio - marzo viene superata la soglia di delle cessioni di beni ma non quella dei servizi resi, i modelli INTRASTAT devono essere presentati con periodicità mensile sia con riguardo ai beni che ai servizi resi. Con CM n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate ha precisato che se la soglia di è stata superata anche in uno solo dei quattro trimestri dell anno precedente, la periodicità mensile deve essere osservata per almeno quattro trimestri consecutivi. Di conseguenza, per ritornare a presentare trimestralmente gli elenchi, è necessario che la soglia di non sia superata per almeno quattro trimestri consecutivi. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 9 di 11

10 In assenza di operazioni attive e passive nel mese o trimestre di riferimento gli elenchi non devono essere presentati. Nell ipotesi di inizio dell attività in corso d anno, gli elenchi vanno presentati trimestralmente, purché siano rispettate le condizioni previste per tale periodicità. In altri termini, i soggetti che iniziano l attività sono considerati trimestrali, salvo il passaggio alla periodicità mensile ove sia superata la soglia di I soggetti tenuti alla presentazione con cadenza trimestrale possono scegliere di presentare i modelli con cadenza mensile. Tuttavia, tale scelta obbliga alla presentazione mensile per tutto l anno solare. CAMBIO DI PERIODICITÀ Se nel corso del trimestre di riferimento è superata la soglia di , la periodicità di presentazione degli elenchi passa da trimestrale a mensile già dal mese successivo a quello in cui è stata superata la soglia. In tal caso, per i mesi del trimestre già trascorsi, è prevista la presentazione di elenchi appositamente contrassegnati (da trasmettere contestualmente alla presentazione del primo elenco mensile). In particolare, se la soglia è superata: 1) nel primo mese del trimestre, occorre presentare il modello entro il giorno 25 del mese successivo, contrassegnando nel frontespizio la casella SOLO PRIMO MESE DEL TRIMESTRE ; 2) nel secondo mese del trimestre, occorre presentare il modello entro il giorno 25 del mese successivo, contrassegnando nel frontespizio la casella 1 E 2 MESE DEL TRIMESTRE ; 3) nel terzo mese del trimestre, occorre presentare il modello entro il giorno 25 del mese successivo, contrassegnando nel frontespizio la casella TRIMESTRE COMPLETO. Esempio 10 Esempio 11 Un soggetto tenuto alla presentazione trimestrale supera la soglia di di acquisti intracomunitari nel corso del mese di febbraio. Il modello INTRA 2 relativo ai mesi di gennaio e febbraio deve essere presentato entro il 25.3, il modello INTRA 2 del mese di marzo va invece presentato entro il Un soggetto tenuto alla presentazione trimestrale supera la soglia di di cessioni intracomunitarie nel corso del mese di marzo. Il modello INTRA 1 relativo ai mesi di gennaio, febbraio e marzo deve essere presentato entro il TERMINI DI PRESENTAZIONE Il termine di presentazione degli elenchi riepilogativi è fissato entro il giorno 25 del mese successivo al periodo (mese o trimestre) di riferimento. Se tale giorno cade di sabato o in un giorno festivo, il termine è prorogato al primo giorno lavorativo successivo. PERIODICITÀ MENSILE PERIODICITÀ TRIMESTRALE Gennaio Febbraio trimestre Marzo RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 10 di 11

11 Aprile Maggio trimestre Giugno Luglio Agosto trimestre Settembre Ottobre Novembre trimestre Dicembre Per gli elenchi relativi al 2010 e ai periodi d imposta successivi, l unica modalità possibile di presentazione degli elenchi è quella telematica (utilizzando il Servizio Telematico Doganale o i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate, ossia Entratel e Fisconline). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 11 di 11

12 SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE prenotazione abbonamento DA STAMPARE, COMPLETARE E INVIARE A SERVIZIO CLIENTI AL FAX N O ALL Ragione sociale Azienda o Cognome e Nome: Indirizzo: CAP: Telefono: Fax: Località: Provincia: Partita IVA: Codice Fiscale: Referente Aziendale: DESIDERO SOTTOSCRIVERE L ABBONAMENTO AL SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE TUTTO AZIENDE (2 circolari informative a settimana inviate via in formato Pdf e accesso alla banca dati - raccolta numeri pubblicati) AL COSTO DI: SI Tutto Aziende - Pacchetto BASE Tutto Aziende - Pacchetto FULL (con 3 quesiti da spendere entro la scadenza dell abbonamento) (3 mesi) 40,00 (12 mesi) 120,00 170,00 DESIDERO SOTTOSCRIVERE L ABBONAMENTO AL SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE TUTTO PROFESSIONISTI (2 circolari informative al mese inviate via in formato Pdf e accesso alla banca dati - raccolta numeri pubblicati) AL COSTO DI: SI Tutto Professionisti - Pacchetto BASE Tutto Professionisti - Pacchetto FULL (con 3 quesiti da spendere entro la scadenza dell abbonamento) (12 mesi) 45,00 95,00 DESIDERO SOTTOSCRIVERE L ABBONAMENTO AL SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE FOCUS OPERAZIONI CON L ESTERO (2 circolari informative al mese inviate via in formato Pdf e accesso alla banca dati - raccolta numeri pubblicati) AL COSTO DI: SI Focus Operazioni con l Estero - Pacchetto BASE Focus Operazioni con l Estero - Pacchetto FULL (con 1 quesito da spendere entro la scadenza dell abbonamento) (12 mesi) 85,00 105,00 SI DESIDERO SOTTOSCRIVERE L ABBONAMENTO AL SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE GOLDEN BOX (circolari TA, TP, FE inviate via in formato Pdf e accesso alla banca dati - raccolta numeri pubblicati) AL COSTO DI: (12 mesi) Golden Box - Pacchetto BASE 234,00 Golden Box - Pacchetto FULL 285,00 (con 3 quesiti da spendere entro la scadenza dell abbonamento) Tutti i prezzi si intendono IVA ESCLUSA Indirizzo ove recapitare le circolari. L abbonamento consente di ricevere le circolari su più indirizzi , purché appartenenti allo stesso dominio. Inserire qui di seguito le mail separate da punto e virgola. DECORRENZA: IL PAGAMENTO VA EFFETTUATO SOLO DOPO IL RICEVIMENTO DELLA NS. FATTURA A MEZZO BONIFICO BANCARIO O VERSAMENTO IN C/C POSTALE (istruzioni riportate in fattura) CONDIZIONI DI ABBONAMENTO: L abbonamento al Servizio Circolari Informative ha decorrenza dal giorno indicato sul coupon di adesione e scadenza alla fine del periodo prescelto. Alla scadenza non è previsto il rinnovo automatico. PER INFORMAZIONI sul servizio di abbonamento è a disposizione la mail: e il numero verde Data: Timbro e firma: Informativa Privacy. Integra On Line Srl, titolare del trattamento nella persona del suo legale rappresentante protempore, tratta i dati personali liberamente conferiti per fornire i servizi indicati e, se lo desidera, per aggiornarla su iniziative ed offerte del gruppo. Potrà esercitare i diritti previsti dall art. 7 del D.Lgs. 196/2003 rivolgendosi al Titolare del trattamento: Integra On Line Srl (Via Decio Raggi n telefono , fax ). I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli ordini, al marketing, all amministrazione, al servizio clienti e potranno essere comunicati a società esterne per l evasione dell ordine, per l invio di materiale promozionale ed agli istituti di credito. Clausola contrattuale: la sottoscrizione dell offerta dà diritto a ricevere informazioni commerciali su prodotti e servizi di Integra On Line. Se non desidera riceverle barri la casella.

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli