AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO"

Transcript

1 Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti e della Logistica in Europa (CENTRAL) n FR1 LEO Questo progetto è stato finanziato dalla Commissione Europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione. La Commissione non può ritenersi responsabile dell eventuale uso che verrà fatto delle informazioni in essa contenute.

2 1. INTRODUZIONE Europa 2020 Strategie per l Educazione e la Formazione Professionale (VET) Il sistema ECVET : definizione, obiettivi, strumenti e metodologia Il Sistema VET nel settore della logistica e dei trasporti Il progetto CENTRAL: un approccio step by step IL PROFILO PROFESSIONALE Il profilo secondo la Classificazione delle professioni Descrizione della professione Quadro di riferimento della qualifica Risultati dell apprendimento METODO DI FORMAZIONE Attività Criteri per la selezione degli insegnanti e dei formatori Lingua inglese Pratica Requisiti di partenza dei tirocinanti Numero di partecipanti Durata Centri di formazione CONTENUTI DELLE UNITA FORMATIVE Unità formativa n Valutare la fattibilità del trasporto e delle operazioni logistiche Unità formativa Unità formativa Unità formativa Implementare e coordinare il trasporto e le operazioni logistiche Unità formativa Unità formativa Monitoring transport and logistics operations Unità formativa Unità formativa Valutare e incrementare l efficienza e la gamma di servizi offerti dall azienda Unità formativa MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL SISTEMA E DELLE METODOLOGIE CERTIFICAZIONE CENTRAL Project n FR1 LEO

3 PARTE SECONDA: OPERATORE DI MAGAZZINO IL PROFILO PROFESSIONALE Il profilo secondo la Classificazione delle professioni Descrizione della professione Quadro di riferimento della qualifica Risultati di apprendimento METODO DI FORMAZIONE Attività Criteri per la selezione degli insegnanti e dei formatori Lingua inglese Pratica Numero di partecipanti Durata Centri di formazione CONTENUTI DELLE UNITA FORMATIVE Unità formativa Conoscenze e abilità generali, competenze individuali e di gruppo, attitudine e requisiti Manutenzione, controllo e sicurezza Unità formativa Ricevere e trasferire merci Spostare e reimballare Shipping orders Unità formativa Immagazzinare e rintracciare merci Unità formativa Prelevare e imballare ordini MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL SISTEMA E DELLE METODOLOGIE CERTIFICAZIONE CENTRAL Project n FR1 LEO

4 1. INTRODUZIONE Il capitolo introduce i concetti principali che riguardano l istruzione e la formazione professionale (IFP o VET, vocational and educational training) in Europa. Saranno presi in considerazione i seguenti argomenti: la strategia europea per l istruzione e formazione professionale (IFP), una panoramica generale dell occupazione e dei profili professionali del settore trasporti e logistica, settore che costituisce il focus di questo studio; un riassunto degli obiettivi e delle attività del progetto CENTRAL, e un introduzione al sistema ECVET, a cui il progetto CENTRAL rivolge grande attenzione Europa 2020 Strategie per l Istruzione e la Formazione Professionale (IFP) Un ottima formazione delle risorse umane è un requisito di cruciale importanza per il successo dell Europa. La Strategia Europea per il 2020 attribuisce grande importanza all istruzione e alla formazione per promuovere una crescita rapida, sostenibile e diffusa. Questo Comunicato risponde alla richiesta della Strategia Europea per il 2020 di accrescere l interesse verso la formazione professionale (VET) [ ]. La formazione deve svolgere un duplice ruolo: essere strumento per aiutare a soddisfare le competenze richieste, nell immediato e in prospettiva futura; e, allo stesso tempo, ridurre l impatto sociale della crisi e facilitare la ripresa. Questa doppia sfida richiede riforme urgenti. In particolare, lo sviluppo di maggiori competenze in Europa diventa ancor più urgente se si considera la rapidissima crescita a livello globale delle abilità professionali e dello sviluppo dei sistemi di Istruzione e Formazione (E&T, Education and Training) nelle economie emergenti, come Cina, Brasile e India. Le competenze professionali richieste dal mercato per i prossimi anni, fino al 2020, mostrano una domanda in continua crescita per qualifiche di medio e alto livello. La continua evoluzione di prodotti e processi basati sull ICT, unita allo svilupparsi dell esigenza di un economia a basso consumo di combustibili e all invecchiamento della popolazione, porterà a un cambiamento dei mestieri e delle strutture sociali: l istruzione e la formazione, inclusa la formazione professionale, dovranno adeguarsi di conseguenza. [ ] Inoltre, il tradizionale ciclo formazione lavoro pensionamento subirà inevitabilmente delle modifiche, come conseguenza dei cambiamenti di carriera e occupazione che interverranno nella CENTRAL Project n FR1 LEO

5 vita delle persone di mezza età, ragione per cui gli adulti dovranno essere capaci di aggiornare le proprie nozioni e competenze attraverso un processo ininterrotto di formazione (CVET). COMMISSIONE EUROPEA Brussels, COM(2010) 296 final 1.2. Il sistema ECVET : definizione, obiettivi, strumenti e metodologia Il Sistema Europeo dei Crediti per l Istruzione e Formazione Professionale (ECVET, European Credit System for Vocational Education and Training) è un quadro di riferimento per il trasferimento, il riconoscimento e, in alcuni casi, l accumulo di Risultati dell Apprendimento (Learning Outcomes) al fine del conseguimento di una Qualifica Professionale. Il Sistema ECVET si pone l obiettivo di fornire alle persone una maggiore consapevolezza delle proprie esperienze formative, incentivando la mobilità dei lavoratori tra i diversi Paesi e all interno di contesti di apprendimento differenti. Il sistema punta a raggiungere una sempre maggiore compatibilità tra diversi sistemi di Istruzione e Formazione professionale (IFP), tra le rispettive qualifiche e tra i diversi programmi di formazione esistenti in Europa. La Commissione Europea sta elaborando una guida per l applicazione del Sistema, e allo stesso tempo, sta procedendo alla creazione di un gruppo di utenti e di una rete ECVET a livello europeo. Ciascuno degli stati membri dell Unione Europea dovrà garantire che le Qualifiche Professionali e i documenti Europass rilasciati dalle autorità nazionali o regionali contengano informazioni chiare relative all uso di ECVET. Diversi progetti, finanziati dal programma comunitario Leonardo Da Vinci per la formazione professionale, e incentrati sullo sviluppo e la promozione di ECVET sono in fase di messa a punto per vari settori economici. CENTRAL è uno di questi progetti. ECVET è un meccanismo per il riconoscimento della formazione e la mobilità dei lavoratori tra i Paesi membri: riconoscimento dei Risultati dell Apprendimento stimolare gli scambi e la fiducia reciproca tra Paesi (favorendo la mobilità dei cittadini europei) riconoscimento dei risultati di apprendimento senza prolungare il percorso di formazione degli allievi (facilitare l Apprendimento Permanente) Gli strumenti e la metodologia ECVET comprendono: CENTRAL Project n FR1 LEO

6 la descrizione delle qualifiche, in termini di risultati dell apprendimento e relativi crediti un processo di accumulo e trasferimento di documentazioni complementari, come attestati di formazione, e guide per gli utenti ECVET 1.3. Il Sistema di IFP nel settore della logistica e dei trasporti Nella comunità europea, le società di trasporti e logistica, perlopiù imprese di piccole e medie dimensioni, occupano oltre il 4% della popolazione attiva. La maggior parte dei Paesi europei considerano la logistica e i trasporti uno di quei settori ancora in via di definizione. Si tratta infatti di un ambito globale e polifunzionale che può generare difficoltà nell identificazione, nella caratterizzazione e nella quantificazione delle mansioni a esso correlate. Il settore dei Trasporti e della Logistica oggi come oggi conferisce un importanza sempre maggiore alle politiche di impiego e di formazione. Le dinamiche nazionali tendono a uniformarsi al livello europeo: attraverso una formazione e certificazione standardizzata, attraverso la collaborazione e il coordinamento dei soggetti coinvolti e, infine, tramite un approccio e strumenti comuni ai diversi settori e ai diversi Paesi. Le negoziazioni relative alla formazione professionale intercorse tra le parti sociali hanno evidenziato l esistenza di un rischio collegato all effettiva e adeguata formazione delle risorse. A questo proposito, nel maggio 2004 in Francia, sono sorte questioni e tensioni all interno del mercato in seguito all approvazione della nuova normativa. E essenziale che l Europa sia in grado di: prevedere l impatto del cambiamento nel sistema globale dell occupazione, definire, riconoscere e saper trasferire le competenze richieste dal sistema lavoro per fare fronte alle nuove sfide del mercato globale. Ancora oggi alcune professioni del settore logistica e trasporti sono sottovalutate o non ben definite e, di conseguenza, il mercato fatica a reclutare personale competente in possesso di una formazione adeguata per il livello richiesto, e di tutte le competenze necessarie all interno di un economia globale in continuo cambiamento. La certificazione della formazione o delle qualifiche conseguite è differente tra i Paesi, e dipende dal metodo con cui si riconoscono le conoscenze e dalle abilità richieste per ricoprire in modo competente un determinato ruolo professionale nei diversi stati membri. Questo ha come risultato il fatto che una serie di abilità che i dipendenti possiedono non verranno correttamente CENTRAL Project n FR1 LEO

7 riconosciute dai formatori e dai datori di lavoro ma, e al contrario, alcune lacune nelle competenze richieste al lavoratore non verranno riconosciute. Secondo l EUROFOUND, la mancanza di personale qualificato sta diventando un problema serio in Europa, è quindi necessario adottare misure che riducano le discrepanze tra i contenuti formativi e tra livelli di formazione degli stati membri. I sondaggi condotti dall AFT IFTIM all interno delle aziende (2010, 2011) rivelano una richiesta di formazione e qualifiche professionali adeguate Il progetto CENTRAL: un approccio step by step Il progetto CENTRAL, co finanziato dal Comunità Europea tramite il programma di Apprendimento Permanente (Lifelong Learning Programme Leonardo Da Vinci), affronta il tema della formazione e delle qualifiche professionali a livello Europeo. L obiettivo del progetto, con riferimento al settore del trasporto e della logistica, è sviluppare figure professionali specifiche e programmi formativi di elevata qualità, al fine di soddisfare le esigenze delle imprese europee del settore. La metodologia utilizzata per la realizzazione del progetto si basa su un approccio step by step, che a partire da un classificazione delle professioni, definisce profili professionali che siano di interesse per le imprese sulla base delle esigenze formative attuali, e propone un offerta formativa nuova, specifica e orientata alla professione, per mestieri selezionati nel universo del settore logistica e trasporti. Fig.2 Progetto CENTRAL: un approccio step by step CENTRAL Project n FR1 LEO

8 La prima fase dello studio ha previsto l analisi dei sistemi di classificazione dei profili professionali in ogni nazione aderente al progetto, con focus, chiaramente, sui mestieri del trasporto e della logistica. Sono stati quindi raccolti i principali dati statistici relativi all occupazione nei diversi paesi, ma in particolare si sono ottenute informazioni relative alla descrizione e classificazione di tutti i profili professionali riconosciuti a livello nazionale. I risultati della ricerca sono una classificazione di tutte le professioni del settore sulla base di 4 categorie principali (logistica, trasporto, supporto amministrativo e spedizioni) e una valutazione sulle priorità e sul contesto di sviluppo della formazione professionale da una prospettiva europea. I profili professionali, catalogati secondo le 4 funzioni principali, sono stati successivamente divisi in ulteriori gruppi, rappresentativi del tipo di attività e dei mansioni. In conclusione al primo step di analisi sono quindi stati selezionati due qualifiche da sviluppare nel dettaglio: l agente spedizioniere e l operatore di magazzino. Le ragioni della scelta sono diverse: l interesse per le qualifiche da parte di ciascun paese partecipante, la presenza di tali qualifiche in ogni sistema nazionale, una versione più o meno comune delle funzioni e delle competenze richieste per i mestieri individuati, la necessità comune a tutti i paesi di un personale altamente qualificato per l esecuzione di entrambe le professioni. Una volta individuati i mestieri su cui focalizzarsi si è proceduto, in sessione plenaria del gruppo di lavoro, alla caratterizzazione di questi profili secondo i risultati dell apprendimento (Learning Outcomes). Si è definito quindi lo schema della qualifica professionale secondo il metodo ECVET, per cui la qualifica è identificata da una serie di risultati dell apprendimento, a loro volta espressi in termini di conoscenza, abilità e competenza. Fig.3 Classificazione dei mestieri: le principali funzioni CENTRAL Project n FR1 LEO

9 Ad ogni risultato dell apprendimento è stato abbinato un grado di importanza, un peso rispetto alla totalità, che indica quanto incida quella determinata serie di conoscenze abilità e competenza nello svolgimento del mestiere a cui si fa riferimento. Il grado di importanza è utile anche per definire i punti ECVET da assegnare ad ogni LO. Il meccanismo dei punti ECVET mira ad agevolare la mobilità e il riconoscimento delle competenze acquisite in diverse aziende e paesi europei. I punti ECVET sono proporzionali, all interno di uno schema di qualifica, alle ore di formazione necessarie per acquisire un risultato dell apprendimento, in sostanza indicano quale peso abbiano le unità formative relative a quel risultato sul complesso del corso di formazione. L ultima fase, successiva alla definizione dello schema di qualifica, ha previsto la progettazione di un corso di formazione per ciascuno dei due profili. Sulla base dei LO sono stati individuati diversi moduli formativi, con indicazione di: numero di ore totali, di classe e pratiche, descrizione e area argomenti. La progettazione del corso di formazione non si è però chiaramente limitata ai moduli formativi, ma ha preso in considerazione anche aspetti quali: l insegnamento della lingua inglese, le caratteristiche di formatori, studenti e centri di formazione, le modalità per lo svolgimento delle attività pratiche. Tutte questi aspetti sono stati valutati e validati da tutto il gruppo di lavoro e dal consiglio scientifico del progetto, e inoltre tutti i prodotti sono stati definiti in accordo ai principi del sistema ECVET, hanno quindi una forte connotazione europea. I moduli formativi europei per l agente spedizioniere e l operatore di magazzino si pongono come pilastri del sistema CENTRAL, da cui discendono le versioni nazionali dei moduli formativi che tengono in considerazione aspetti specifici legati ad ogni singola nazione, come regole applicative o argomenti di interesse specifico. Le versioni nazionali dei corsi di formazione mirano quindi a mantenere le caratteristiche e la valenza europea integrandosi con i diversi sistemi nazionali, per questo sono stati tradotti in ogni corrispondente lingua. I moduli formativi nazionali hanno già attraversato una fase di test applicativi, con la valutazione da parte di diversi centri di formazione e la validazione del consiglio scientifico di CENTRAL. Il presente manuale formativo è stato prodotto e tradotto nelle lingue dei paesi partecipanti al progetto e funge da linea guida per l applicazione dei programmi nazionali. CENTRAL Project n FR1 LEO

10 Il prossimo passo è quello di applicare i corsi di formazione così sviluppati nei rispettivi paesi partner introducendo e sviluppando il sistema ECVET, al fine di facilitare la mobilità dei lavoratori in Europa. Il significato stesso di Unione Europea porta ad agire in questa direzione, porta ad integrare sistemi nazionali differenti, in ogni campo, economia, ambiente, formazione, infrastrutture, al fine di creare un unico network europeo in cui le diverse nazioni, pur mantenendo proprie caratteristiche sviluppano un disegno, un idea di fondo unica. CENTRAL Project n FR1 LEO

11 PRIMA PARTE: AGENTE SPEDIZIONIERE 2. IL PROFILO PROFESSIONALE Il capitolo descrive il profilo professionale per il ruolo di Agente Spedizioniere o Pianificatore di Trasporti Multimodali. Nelle prossime sezioni troverete informazioni riguardo alla classificazione delle professioni e alla descrizione di ciascuna di esse, oltre che i dettagli del programma di formazione (quadro di riferimento della qualifica). QUALIFICA: Agente spedizioniere (o pianificatore di trasporti multimodali) 2.1. Il profilo secondo la Classificazione delle professioni Funzione: Spedizione Gruppo 11: Spedizione merci Descrizione gruppo: "La spedizione [ ] è un servizio di qualsiasi tipo collegato all attività di trasporto (in modalità unica o in multimodalità, attraverso più mezzi di trasporto): il consolidamento, l immagazzinamento, la gestione, l imballaggio, la distribuzione delle merci così come dei servizi collaterali e consultivi, che comprendono ma non si limitano a l ambito fiscale e doganale, dichiarando le merci per scopi particolari, assicurandole, riscuotendo il pagamento e raccogliendo la documentazione a essa relativa. I servizi di spedizione includono anche servizi di logistica supportati da moderne tecnologie di informazione e comunicazione relativamente al trasporto, alla gestione e allo stoccaggio delle merci, e di fatto a tutta la gestione della catena di distribuzione (Supply Chain management). Questi servizi possono essere personalizzati per soddisfare in modo flessibile le richieste inerenti ai servizi erogati. (Descrizione officiale dei servizi di spedizione, adottata by CLECAT & FIATA) 2.2. Descrizione della professione Pianifica, organizza, controlla, monitora e amministra il carico e la spedizione, individuando la migliore soluzione in termini di costo, tempo, e sicurezza, e lo fa in conto proprio o per conto di un azienda (conto terzi). Collabora con le compagnie di trasporto e organizza il consolidamento, lo stoccaggio, la gestione, l imballaggio o la distribuzione delle merci. Fornisce anche servizi di consulenza e altri servizi aggiuntivi. CENTRAL Project n FR1 LEO

12 2.3. Quadro di riferimento della qualifica Risultati dell apprendimento Il riferimento comune per la qualifica e per i moduli di apprendimento è stato determinato valutando il contenuto della qualifica comune per gli agenti spedizionieri di cinque diversi Paesi europei. Questo nucleo è stato a sua volta definito in termini di risultati di apprendimento (LO s Learning Outcomes) che soddisfino i requisiti dell ECVET e dell EQF. Per questa ragione, le qualifiche nazionali o determinate aziende potrebbero richiedere risultati di apprendimento supplementari. Ciascun risultato di apprendimento è definito in termini di conoscenze, abilità e competenze e corrisponde a una o più unità formative. n Unità Unità 0* Unità 1 Unità 2 Unità 3 Unità 4 Risultati dell Apprendimento (LOs) Conoscenze e abilità generali, competenze individuali e di gruppo, attitudine e requisiti Valutare la fattibilità del trasporto e delle operazioni logistiche Implementare e coordinare il trasporto e le operazioni logistiche Monitorare il trasporto e le operazioni logistiche Valutare e incrementare l efficienza e la gamma di servizi offerti dall azienda * L unità 0 comprende i risultati di apprendimento richiesti in tutte le altre unità; le unità dalla 1 alla 4 prevedono attività pratiche. Fig.1 - Standard di qualifica CENTRAL Project n FR1 LEO

13 Ciascun risultato di apprendimento si ottiene partecipando a uno o più moduli che fanno riferimento a un determinato risultato di apprendimento, sottoforma di competenze qualificanti, di conoscenze e di abilità. I moduli formativi sono preparatori al raggiungimento di un risultato di apprendimento e al conseguimento dei relativi crediti ECVET e sono caratterizzati da argomenti e materie direttamente collegate alla definizione del risultato di apprendimento. CENTRAL Project n FR1 LEO

14 3. METODO DI FORMAZIONE Il capitolo n.3 introduce le principali tematiche relative all organizzazione e all applicazione dei corsi di formazione elaborate all interno del progetto CENTRAL Attività Il corso di formazione si compone di una parte teorica e di una pratica, presso un azienda o in un ambiente di lavoro realistico Criteri per la selezione degli insegnanti e dei formatori I requisiti legali verranno definiti e verificati dai centri di formazione sulla base delle normative vigenti in ciascun Paese. Tuttavia, è richiesto che i formatori abbiano maturato un esperienza in campo tecnico o industriale, che può essere così riassunta: se l insegnate/formatore proviene da un contesto aziendale, deve aver maturato almeno cinque anni di esperienza nel settore; se l insegnante/formatore proviene da una scuola, da un istituto, dall università o da un centro di formazione, deve avere alle spalle almeno tre anni di esperienza sia nell insegnamento che nell apprendimento in ambito industriale Lingua inglese L inglese è un requisito per questo programma di formazione, perché tanti dei termini tecnici comunemente utilizzati internazionalmente sono inglesi. Per questa ragione un unità formativa (TU, Training Unit) è dedicata all insegnamento dell inglese Pratica Le attività pratiche si svolgono in un azienda o in ambienti di lavoro realistici e possono svolgersi in una o più fasi (per esempio, un unico tirocinio di 300 ore, oppure due momenti di tirocinio, di 150 ore ciascuno) Requisiti di partenza dei tirocinanti I destinatari sono coloro che hanno ottenuto una qualifica EQF di Livello 5 QCF di Livello 4 o coloro che hanno maturato una formazione o un esperienza in un ruolo corrispondente al Livello 4 EQF o al Livello 3 QCF. CENTRAL Project n FR1 LEO

15 3.6. Numero di partecipanti Il programma di formazione è rivolto a un gruppo idealmente composto da un numero compreso tra 15 e 25 persone. Il numero può variare in base alle normative vigenti nel singolo Paese membro o in base a quanto stabilito dal formatore o dal datore di lavoro Durata Durata complessiva della formazione: 1100 ore Questo dato può variare in base alle normative vigenti nei Paesi membri o in base alle esigenze del datore di lavoro Centri di formazione Centri di formazione autorizzati L approvazione dei centri di formazione è a discrezione dei corpi competenti per il rilascio delle qualifiche nazionali ed europee. Materiali / strumenti: (per le attività in aula) Uno spazio dedicato ICT Strumenti e materiali per l insegnamento Materiali / strumenti: (per le attività pratiche) Accesso a una struttura adeguata, che si tratti di un azienda o un ambiente di lavoro realistico (RWE, Realistic Working Environment) ICT Materiali e strumenti adeguati al modulo formativo e alle normative nazionali vigenti. CENTRAL Project n FR1 LEO

16 4. CONTENUTI DELLE UNITA FORMATIVE Un anno di formazione corrisponde a 60 crediti del sistema ECVET. Quindi, questo programma di formazione assicura 60 crediti. Sulla base del punteggio ECVET sono state definite le ore e le unità formative per ciascun risultato di apprendimento. EP LO N UF Titolo Unità Formativa (UF) Durata Teoria Stage/Pratica 12 0 UF 1 Concetti generali di gestione aziendale e logistica, informatica e inglese 220 h 160 h 60 h UF 1a Concetti principali di economia e impresa 40 h 40 h UF 1b Introduzione a norme e regolamenti del settore trasporti 8 h 8 h UF 1c Inglese 44 h 44 h UF 1e Informatica: Excel e Access 60 h 60 h UF 1f Il CV e I colloqui di lavoro 8 h 8 h UF 2 Il Diritto dei trasporti 130 h 90 h 40 h 15 1 UF 3 Analizzare la domanda di trasporto 80 h 55 h 25 h UF 4 Definire l offerta del servizio di spedizione 40 h 30 h 10 h 15 2 UF 5 Gestione della Supply Chain 115 h 80 h 35 h UF 6 Pianificazioni dei trasporti 125 h 85 h 40 h UF 9 UF 7 Monitoraggio dei servizi di trasporto 98 h 68 h 30 h UF 8 Norme per salute, sicurezza e manutenzione 47 h 32 h 15 h Metodologie per l analisi e la valutazione delle prestazioni del servizio 145 h 100 h 45 h Sub TOTALE 1000 h 700 h 300 h ESAME FINALE 80 h VISITE AZIENDALI TOTALE CORSO 20 h 1100 h LEGENDA EP: punti ECVET LO : Learning Outcome (Risultato dell Apprendimento) UF : Unità Formativa Accanto a ciascuna unità formativa è riportato il risultato di apprendimento (LO) conoscenze, abilità e competenze corrispondente alle singole unità formative. CENTRAL Project n FR1 LEO

17 4.1. Concetti generali di gestione aziendale e logistica, informatica e inglese Schema di qualifica: Risultato dell Apprendimento n.0 - UF 1 Conoscenze Una volta acquisito il risultato dell apprendimento il candidato conosce: I metodi per il calcolo dei costi il mercato logistico: le modalità di trasporto, i servizi e gli attori coinvolti i contratti e gli aspetti principali delle normative connesse INCOTERMS il controllo qualità le merci, gli imballaggi, le tecnologie di stoccaggio, il controllo della logistica lingua inglese la documentazione pertinente la gamma di servizi offerti dall azienda, la sua struttura e il suo processo lavorativo Conosce gli aspetti fondamentali delle seguenti materie: geografia del traffico gestione e logistica della catena di distribuzione commercio internazionale aspetti legali delle transazioni commerciali finanza (operazioni bancarie) Abilità Una volta acquisito il risultato dell apprendimento il candidato sarà in grado di: usare i sistemi tecnologici di informazione e comunicazione, il software standard e il software aziendale collaborare all implementazione di nuove metodologie per il controllo qualità comunicare con i partner commerciali in inglese, lavorare con documenti scritti in inglese considerare il rendimento in termini di costi e tempo nella pianificazione e nell organizzazione del lavoro applicare metodi di ricerca Competenze Una volta acquisito il risultato dell apprendimento il candidato avrà le competenze per: prendere decisioni consapevoli in tempi rapidi organizzare il suo lavoro e quello dei colleghi in modo funzionale ed efficace comunicare efficacemente con i clienti e con gli altri reparti coordinare il lavoro con il resto della squadra e con gli altri reparti agire da imprenditore nella stesura di nuovi piani di lavoro e nelle collaborazioni con l esterno CENTRAL Project n FR1 LEO

18 Unità formativa n.1 Titolo: Nozioni generali di gestione aziendale e logistica, ICT di base e lingua inglese Durata: 220 ore Aula: 160 ore Pratica: 60 ore ID TITOLO DEL MODULO AULA TU1 M1 Concetti principali di economia e impresa 40 h TU1 M2 Introduzione a norme e regolamenti del settore trasporti 8 h TU1 M3 Inglese 44 h TU1 M4 Informatica: Excel e Access 60 h TU1 M5 Il CV e I colloqui di lavoro 8 h TU1 M1 Nozioni di base di gestione aziendale ed economia 40 ORE Questa unità formativa introduce le nozioni economiche e commerciali di base, anche dal punto di vista della logistica. Esamina la relazione tra logistica e gli ambiti commerciali come la gestione della catena di distribuzione, le diverse modalità di trasporto, il routing e la classificazione delle informazioni. Questa sezione introduce concetti di sostenibilità ambientale, presenta le strutture organizzative che si possono trovare all interno delle società di logistica, specificando i ruoli e le responsabilità delle diverse figure professionali presenti al suo interno. 1.1a. Concetti di base di economia Diversi settori economici e commerciali Relazione tra diversi settori commerciali e il settore della logistica Strutture organizzative Sviluppo sostenibile Presentazione del budget, creazione di report; il routing, e programmazione 1.1b. L azienda Reclutamento delle risorse umane Fattori politico, economico, sociale e tecnologico (PEST) Creare e dirigere team di lavoro Finanza Marketing Logistica di ritorno CENTRAL Project n FR1 LEO

19 TU1 M2 Introduzione all ambito legislativo e normativo 8 ORE Questa sezione fornisce un introduzione all ambito legislativo, applicato alle attività civili, commerciali e aziendali. Esamina, inoltre, concetti di materia contrattuale, contratti collettivi e diritti e doveri dei dipendenti e dei datori di lavoro. Diritto civile; Definizione della legislazione e delle normative applicate alle attività commerciali e aziendali; Contratti. TU1 M3 44 ORE Lingua inglese La conoscenza della lingua inglese è indispensabile per questa unità formativa. Nozioni di inglese e i termini tecnici inglesi più ricorrenti verranno presentati in ciascuna unità formativa. Scrivere; Leggere; Parlare; Ascoltare. TU1 M4 60 ORE ICT: Uso dei fogli di calcolo Excel e dei database Access Questa sezione introduce due dei principali strumenti ICT utilizzati nelle spedizioni: i fogli di calcolo Excel e i database Access, usati per raccogliere, analizzare e fornire resoconti di dati utili per la spedizione di merci e materiali. Funzioni e uso dei fogli di calcolo Excel; Funzioni e uso dei database Access. CENTRAL Project n FR1 LEO

20 TU1 M5 Competenze per ricerca di lavoro/occupazione 8 ORE Questa sezione fornisce ai candidati gli strumenti necessari per avere accesso a un posto del lavoro, essere in grado di presentare le conoscenze e le competenze acquisite durante il corso e di sostenere colloqui di lavoro. Attenzione: questa parte potrebbe venire presentata al termine del corso, per aiutare i candidati sul posto di lavoro. Esaminare le opportunità di lavoro; Redigere il Curriculum Vitae (CV); Redigere lettere di assunzione e moduli di assunzione; Prepararsi per sostenere colloqui di lavoro. CENTRAL Project n FR1 LEO

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE.

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. Le vostre esigenze. IL NOSTRO STILE. Gli specialisti della VIA MAT INTERNATIONAL vantano una pluriennale esperienza nell offrire ai nostri clienti servizi professionali di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli