CESSIONE DI BENI E SERVIZI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESSIONE DI BENI E SERVIZI"

Transcript

1 Cessione di beni e servizi CESSIONE DI BENI E SERVIZI È prassi assai diffusa cedere ai propri dipendenti, a titolo gratuito o, comunque, a condizioni vantaggiose, prodotti aziendali e non (capi di abbigliamento, alimenti, prodotti tecnologici, ecc...), prestare dei servizi o, ancora, mettere a loro disposizione dei beni strumentali aziendali (telefono cellulare, pc portatile, ecc...). Da tale prassi può derivare, per il lavoratore, un beneficio in natura che deve essere assoggettato sia ai fini previdenziali che fiscali secondo le modalità individuate dall articolo 51, comma 3 del TUIR di seguito illustrate. LA QUANTIFICAZIONE IN DENARO DEI BENI E SERVIZI CEDUTI Come anticipato in premessa, il comma 3, articolo 51 del TUIR detta le regole da seguire per la quantificazione in denaro del beneficio in natura derivante dalla cessione di beni e servizi ai dipendenti da parte dell impresa. In particolare, la disposizione di legge prevede che: Ai fini della determinazione in denaro dei valori di cui al comma 1, compresi quelli dei beni ceduti e dei servizi prestati al coniuge del dipendente o a familiari indicati nell articolo 12, o il diritto di ottenerli da terzi, si applicano le disposizioni relative alla determinazione del valore normale dei beni e dei servizi contenute nell articolo 9. Il valore normale dei generi in natura prodotti dall azienda e ceduti ai dipendenti è determinato in misura pari al prezzo mediamente praticato dalla stessa azienda nelle cessioni al grossista. Non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d imposta a lire (euro 258,23); se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. AMBITO DI APPLICAZIONE Le regole contenute nel sopra citato comma 3 e successivamente illustrate devono essere applicate ai fini della quantificazione in denaro dei valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d imposta (...) in relazione al rapporto di lavoro (comma 1, articolo 51), ivi compresi i beni ceduti e i servizi prestati al coniuge non legalmente ed effettivamente separato del dipendente ed ai suoi familiari individuati ai sensi dell articolo 12 del TUIR anche se non fiscalmente a carico. Tra i familiari sono ricompresi: i figli compresi quelli naturali riconosciuti, adottivi, affidati, affiliati e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali, i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali, gli adottanti, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle germani (fratelli e sorelle che hanno in comune sia il padre che la madre) o unilaterali (fratelli e sorelle che hanno in comune un solo genitore). Da quanto sopra affermato consegue che il beneficio in natura, evidenziato in busta paga al lavoratore, può anche riferirsi a beni e servizi non riconosciuti direttamente a lui bensì ai suoi familiari. I beni e servizi in esame non devono necessariamente essere forniti dal datore di lavoro ma può sussistere il diritto, per il lavoratore ovvero per i suoi familiari, di ottenerli da soggetti terzi. Come precisato nella Circolare n. 326/1997, la locuzione il diritto di ottenerli da terzi contenuta nel comma 3 dell articolo 51 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 19

2 Cessione di beni e servizi va posta in collegamento con il principio generale vigente in materia di reddito di lavoro dipendente in base al quale costituisce reddito della specie tutto ciò che il dipendente riceve, anche da soggetti terzi, in relazione al rapporto di lavoro. Da ciò deriva che, nell ipotesi in cui un terzo ceda beni o presti servizi, compresi quelli indicati nel comma 4 dell articolo 51 (auto aziendale ad uso promiscuo, appartamento, prestito), a dipendenti di un datore di lavoro per effetto di un qualunque collegamento esistente con quest ultimo o con il sottostante rapporto di lavoro, sebbene non in forza di un accordo o di una convenzione che questi abbia con lui stipulato, il relativo beneficio in natura deve essere evidenziato in busta paga dal datore di lavoro-sostituto d imposta. Sono soggetti alla disciplina contenuta nel comma 3, articolo 51 del TUIR, i beni e servizi ceduti a dipendente ovvero al coniuge o ai familiari dello stesso dal datore di datore ovvero da soggetti terzi VALORIZZAZIONE DELLA GENERALITÀ DEI BENI E SERVIZI La valorizzazione dei beni ceduti e servizi prestati al dipendente deve essere effettuata, in via generale, utilizzando il criterio del valore normale indicato nell articolo 9 del TUIR. A tale riguardo, il comma 3 del citato articolo 9 stabilisce che Per valore normale, salvo quanto stabilito nel comma 4 per i beni ivi considerati, si intende il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. Per la determinazione del valore normale si fa riferimento, in quanto possibile, ai listini o alle tariffe del soggetto che ha fornito i beni o i servizi e, in mancanza, alle mercuriali e ai listini delle camere di commercio e alle tariffe professionali, tenendo conto degli sconti d uso. Per i beni e i servizi soggetti a disciplina dei prezzi si fa riferimento ai provvedimenti in vigore. Il valore normale dei beni e servizi offerti al dipendente corrisponde, dunque, al prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza, al medesimo stadio di commercializzazione (produttore, grossista o dettagliante), nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. 20 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

3 Cessione di beni e servizi Il suddetto prezzo o corrispettivo deve essere determinato, laddove possibile, sulla base dei parametri oggettivi individuati nel secondo periodo del comma 3 del citato articolo 9 quali i listini o le tariffe del soggetto che ha fornito i beni e i servizi e, in mancanza, le mercuriali e i listini delle Camere di commercio e le tariffe professionali, tenendo conto degli sconti di uso. Per quanto concerne, infine, i beni e i servizi soggetti a disciplina dei prezzi (per esempio, le tariffe elettriche o quelle telefoniche), occorre fare riferimento ai provvedimenti in vigore come previsto dall ultimo periodo del comma 3. beni e servizi della stessa specie o similari condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione Il valore normale dei beni ceduti e servizi prestati va determinato con riferimento a tempo e luogo in cui sono stati acquistati o prestati listini o tariffe o, in mancanza, mercuriali e listini delle camere di commercio, tariffe professionali VALORIZZAZIONE DEI BENI PRODOTTI DALL AZIENDA Riprendendo l analisi del comma 3, articolo 51 del TUIR, il secondo periodo, in parziale deroga ai criteri contenuti nell articolo 9 appena illustrati, stabilisce che il valore normale dei generi in natura prodotti dall azienda e ceduti ai dipendenti, gratuitamente o meno, è costituito dal prezzo mediamente praticato dalla stessa azienda nelle cessioni ai grossisti. Anche in tale ipotesi si dovrà fare riferimento ai listini dell azienda, ovviamente soltanto quelli applicati nelle vendite ai grossisti, ma non si potrà tenere conto degli sconti d uso. Sebbene la norma escluda la possibilità di praticare gli sconti d uso nell ipotesi di cessione di beni prodotti dall azienda, l applicazione della disposizione contenuta nel comma 3, articolo 51 del TUIR risulta comunque vantaggiosa per il dipendente in considerazione del fatto che i prezzi all ingrosso sono più bassi di quelli al dettaglio che verrebbero praticati allo stesso in veste di cliente privato. Come evidenziato nella Circolare n. 326/1997, la particolare previsione è applicabile soltanto ai dipendenti delle aziende che producono beni e che effettuano cessioni ai grossisti o all ingrosso e al dettaglio. Restano, quindi, esclusi i dipendenti di artisti o professionisti, quelli delle aziende che producono beni per la vendita soltanto al dettaglio, delle aziende che producono servizi e di quelle che effettuano soltanto la commercializzazione dei beni. Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 21

4 Cessione di beni e servizi Costituito dal prezzo mediamente praticato dall azienda nelle cessioni ai grossisti Valore dei generi in natura prodotti dall azienda e ceduti ai dipendenti sulla base dei listini applicati dall azienda nelle vendite ai grossisti Disposizioni applicabili soltanto ai dipendenti delle aziende che producono e che effettuano cessioni ai grossisti Riguardo alla fattispecie dei beni prodotti dall azienda, va sottolineato che la disciplina prevista dal comma 3, articolo 51 del TUIR ha un ambito di applicazione piuttosto limitato dal momento che, come sopra evidenziato, richiede contemporaneamente che: il bene ceduto sia prodotto direttamente dall azienda, risultando così escluse le aziende che fanno da intermediari o che commercializzano i prodotti; l oggetto della cessione sia un bene e non anche un servizio, risultando così esclusi i professionisti e gli artisti; il bene prodotto sia ceduto ai grossisti, risultando così escluse le aziende che vendono invece solo al dettaglio. IL LIMITE DI EURO 258,23 L ultimo periodo del comma 3 dell articolo 51 stabilisce, infine, che non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati, se, complessivamente, di importo non superiore, nel periodo d imposta, a euro 258,23, se il valore in questione è superiore a detto limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. Come si avrà modo di sottolineare in seguito, si tratta di una previsione di carattere generale applicabile anche con riferimento ai beni indicati nel comma 4 dell articolo 51 (auto ad uso promiscuo, fabbricati ceduti al dipendente, prestiti concessi). MODALITÀ E TEMPI DI VERIFICA DEL SUPERAMENTO DEL LIMITE SI EURO 258,23 La verifica che il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati sia non superiore complessivamente, nel periodo d imposta, a euro 258,23, va effettuata con riferimento agli importi tassabili in capo al percettore del reddito e, quindi, al netto di quanto il dipendente ha corrisposto, con il metodo del versamento o della trattenuta, comprensivi dell eventuale IVA a suo carico, per tutti i beni o servizi di cui ha fruito nello stesso periodo d imposta. Ne consegue che il reddito da assoggettare a tassazione è pari al valore normale soltanto se il bene è ceduto o il servizio è prestato gratuitamente (ciò vale anche nel caso dei beni prodotti dall azienda e ceduti gratuitamente al dipendente). Se, invece, per la cessione del bene o la prestazione del servizio, il dipendente corrisponde delle somme, è necessario determinare il valore da assoggettare a tassazione sottraendo le stesse dal valore normale del bene o del servizio. 22 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

5 Cessione di beni e servizi Si potrà tener conto delle somme rimaste a carico del lavoratore per la cessione del bene o la fruizione del servizio soltanto nel periodo d imposta in cui sono effettivamente trattenute o versate allo stesso. Ai fini della verifica del superamento della soglia di euro 258,23, infine, il sostituto d imposta dovrà tener conto di tutti i redditi percepiti dal dipendente, anche se derivanti da altri rapporti di lavoro eventualmente intrattenuti nel corso dello stesso periodo d imposta. In sede di tassazione alla fonte del reddito di lavoro dipendente, inoltre, il sostituto dovrà applicare la ritenuta nel periodo di paga in cui viene superata la soglia di euro 258,23 e, se risulta chiaro che il valore, tenuto conto dell intero periodo d imposta, sarà complessivamente superiore al suddetto importo, dovrà effettuare la ritenuta fin dal primo periodo di paga. Trattamento previdenziale e fiscale dei beni e servizi ceduti ai dipendenti Esenzione se valore complessivamente non superiore a euro 258,23 Totalmente imponibile se valore complessivamente superiore a euro 258,23 Momento impositivo All atto del superamento del tetto di euro 258,23 Se il superamento del tetto è prevedibile, fin dal primo periodo di paga Esempio 1: cessione bene prodotto dall azienda di valore inferiore a euro 258,23 Si ipotizzi che un azienda calzaturiera, ceda nell arco dell intero periodo d imposta, a titolo gratuito, un paio di scarpe ad un dipendente. Ai fini della determinazione del valore delle scarpe occorre fare riferimento al prezzo praticato dalla medesima azienda nelle cessioni al grossista. Sulla base dei listini applicati, si giunge a quantificare un valore pari a euro 175,00. Dal momento che il predetto importo non supera il limite di euro 258,23, lo stesso non concorre alla formazione del reddito imponibile del dipendente. Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 23

6 AUTO AZIENDALE CONCESSA AL DIPENDENTE Accade di frequente che al dipendente, per lo svolgimento delle proprie mansioni, sia assegnato l uso di un veicolo aziendale. Spesso, inoltre, per tale veicolo è consentito anche l uso personale (c.d. uso promiscuo). Ed è proprio in relazione all uso personale che sorge la necessità, per il datore di lavoro, di quantificare il corrispondente compenso in natura dal momento che il relativo importo incide sulla determinazione del reddito di lavoro dipendente e assimilato sia ai fini previdenziali che fiscali. Di seguito si esaminano le tre casistiche possibili di assegnazione del mezzo aziendale nel seguente ordine: uso sia aziendale che privato (uso promiscuo), uso esclusivamente aziendale, uso esclusivamente privato. Auto aziendale Ad uso esclusivamente privato Ad uso promiscuo (sia aziendale che privato) Ad uso esclusivamente aziendale Per ciascuna fattispecie considerata verranno indicati gli eventuali adempimenti in capo al datore di lavoro nonché i riflessi sul reddito imponibile per il lavoratore. A seguito dell assimilazione dei redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative e da collaborazioni a progetto ai redditi di lavoro dipendente, le regole di determinazione del reddito imponibile per lavoratori e collaboratori sono sostanzialmente le stesse. In particolare, con riferimento all assegnazione del veicolo aziendale, l eventuale beneficio in natura derivante dall uso promiscuo ovvero dall uso esclusivamente privato dello stesso, viene quantificato, come si vedrà oltre, secondo quanto disposto dal comma 4, lettera a), articolo 51, TUIR, indipendentemente dal fatto che il beneficiario sia un lavoratore dipendente o un amministratore (co.co.co.) o un collaboratore a progetto. AUTO AD USO PROMISCUO L assegnazione dell autovettura al dipendente in uso promiscuo costituisce, senza dubbio, la formula maggiormente utilizzata in ambito aziendale. L uso promiscuo si sostanzia nell utilizzo, da parte del lavoratore, dell autovettura sia per l espletamento delle proprie mansioni sia per fini privati. Come anticipato in premessa, l uso per fini privati comporta, per il lavoratore, un beneficio in natura che concorre alla formazione del suo reddito imponibile. Tale beneficio deve essere quantificato ai sensi dell articolo 51, comma 4, lettera a) del TUIR che prevede quanto segue: 58 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

7 Ai fini dell'applicazione del comma 3: a) per gli autoveicoli indicati nell'articolo 54, comma 1, lettere a), c) e m), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo, si assume il 30 per cento dell'importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali che l'automobile club d'italia deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare al Ministero delle finanze che provvede alla pubblicazione entro il 31 dicembre, con effetto dal periodo d'imposta successivo, al netto degli ammontari eventualmente trattenuti al dipendente (6); (...). TIPOLOGIE DI VEICOLI PREVISTE Il legislatore, individua, innanzitutto, le tipologie di veicoli che possono essere concessi in uso promiscuo al lavoratore e in relazione ai quali trova applicazione lo speciale criterio di determinazione forfettaria del valore individuato dal comma 4 dell articolo 51. Si tratta, in particolare, degli autoveicoli indicati nell articolo 54, comma 1, lettere a), c) e m), D.Lgs 30 aprile 1992, n. 285 (Codice della Strada) nonché dei motocicli e dei ciclomotori. Pertanto, rientrano nell ambito di applicazione del comma 4, articolo 51, TUIR: le autovetture, intendendo per tali, ai sensi dell articolo 54, comma 1, lettera a) C.d.S., i veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo nove posti, compreso quello del conducente; gli autoveicoli per trasporto promiscuo, intendendo per tali, ai sensi dell articolo 54, comma 1, lettera c) C.d.S., i veicoli aventi una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t o 4,5 t se a trazione elettrica o a batteria, destinati al trasporto di persone e di cose e capaci di contenere al massimo nove posti compreso quello del conducente; gli autocaravan, intendendo per tali, ai sensi dell articolo 54, comma 1, lettera m) C.d.S., i veicoli aventi una speciale carrozzeria ed attrezzati permanentemente per essere adibiti al trasporto e all'alloggio di sette persone al massimo, compreso il conducente; i motocicli, intendendo per tali, ai sensi dell articolo 53, comma 1, C.d.S., i veicoli a due ruote destinati al trasporto di persone, in numero non superiore a due compreso il conducente; i ciclomotori, intendendo per tali, ai sensi dell articolo 52, comma 1, C.d.S., i veicoli a motore a due o tre ruote aventi le seguenti caratteristiche: motore di cilindrata non superiore a 50 cc, se termico; capacità di sviluppare su strada orizzontale una velocità fino a 45 km/h; sedile monoposto che non consente il trasporto di altra persona oltre il conducente. Autovetture Autoveicoli per trasporto promiscuo Possono essere concessi in uso promiscuo Autocaravan Motocicli Ciclomotori CRITERIO FORFETTARIO In relazione ai veicoli sopra individuati, assegnati dal datore di lavoro a uno specifico dipendente per espletare l attività di lavoro nonché per uso personale, la lettera a), comma 4, articolo 51, TUIR stabilisce che il corrispondente compenso in natura concorre a formare il reddito di lavoro dipendente: Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 59

8 nella misura pari al 30% dell importo corrispondente a una percorrenza annua convenzionale annua di chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, desumibile dalle tabelle ACI, al netto di quanto trattenuto al dipendente o da questi corrisposto nello stesso periodo d imposta in cambio della possibilità di utilizzare anche a fini personali il mezzo. In formula: costo chilometrico ACI x chilometri x 30% Qualora il modello di veicolo dato in uso promiscuo non sia ricompreso nell elenco ACI, è necessario utilizzare il valore stabilito per il veicolo le cui caratteristiche sono più simili a quello utilizzato. Quanto eventualmente trattenuto al dipendente nonché quanto corrisposto dallo stesso a fronte dell utilizzo del veicolo aziendale per fini personali, deve essere computato al lordo dell IVA, a storno del beneficio in natura da imputare. Ciò significa che il fringe benefit concorre alla determinazione del reddito imponibile per l importo forfettario determinato ai sensi dell articolo 51, comma 4, lettere a), TUIR, al netto di quanto riaddebitato al lavoratore. Pertanto, nella suddetta ipotesi, la formula sopra indicata per la determinazione del fringe benefit in capo al dipendente viene così integrata (costo chilometrico ACI x chilometri x 30%) - riaddebito dei costi (al lordo dell IVA) Evidentemente, qualora l ammontare pagato dal dipendente nel corso del periodo d imposta sia pari o superiore al benefit, quest ultimo risulta pari a zero con la conseguenza che l assegnazione ad uso promiscuo del veicolo non determina alcuna imponibilità né fiscale né previdenziale. Costo km ACI X Determinazione fringe benefit auto km annui X 30% Eventuale riaddebito costi al lordo dell IVA In relazione al meccanismo di calcolo sopra descritto, occorre inoltre precisare che: i chilometri sono convenzionali e devono essere applicati a prescindere dal numero effettivo di chilometri percorsi nonché dai costi effettivi sostenuti dall impresa e dagli eventuali costi a carico del dipendente, seppure ricompresi nel costo forfettario stabilito dall ACI (quali, ad esempio, il costo di deprezzamento del veicolo, il costo del carburante, ecc.); poiché la percorrenza convenzionale di chilometri è determinata su base annua, l importo da far concorrere alla formazione del reddito, con le modalità precedentemente indicate, deve essere ragguagliato al periodo dell anno durante il quale al dipendente viene concesso l uso promiscuo del veicolo, conteggiando il numero dei giorni per i quali il veicolo è assegnato, indipendentemente dal suo effettivo utilizzo. 60 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

9 Fringe benefit auto va ragguagliato alla durata del periodo di assegnazione del mezzo in base al numero di giorni (costo km ACI x km x 30% riaddebito costi al lordo IVA) x giorni assegnazione / 365 Eventuali spese sostenute dall impresa per altri beni o servizi accessori connessi all assegnazione del veicolo ad uso promiscuo, quali ad esempio le spese di lavaggio dell auto o di parcheggio, i pedaggi autostradali, i costi di locazione del box dove custodire il veicolo, ecc., qualora non siano riconducibili a trasferte di lavoro, dovranno essere valutati separatamente al fine di stabilire l importo da assoggettare a tassazione in capo al lavoratore. Operativamente, dunque, il sostituto d imposta, al fine di quantificare il compenso in natura da assoggettare a imposte e contributi, deve individuare, in relazione al veicolo assegnato, il corrispondente costo chilometrico indicato nelle tabelle ACI, aggiornate annualmente e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre; moltiplicare tale costo per una percorrenza annua convenzionale pari a chilometri, applicare a tale prodotto la percentuale del 30%, sottrarre dall importo così ottenuto l eventuale corrispettivo trattenuto al dipendente per l uso privato del veicolo, rapportare il valore così ottenuto al periodo di assegnazione del veicolo stesso. Esempio 1: assegnazione auto ad uso promiscuo per l intero periodo d imposta Si ipotizzi che un azienda conceda ad un dipendente l auto, una Renault Megane 2.0/16v DCI, ad uso promiscuo per l intero periodo d imposta (1 gennaio - 31 dicembre 2009). In base alle tabelle ACI in vigore al 1 gennaio 2009, il costo chilometrico dell auto in questione è di euro 0,5493. Ai fini del calcolo del fringe benefit annuo, il sostituto d imposta procede come segue: 0,5493 x chilometri x 30% = euro 2.471,94 L importo annuo così determinato concorre alla formazione del reddito imponibile sia previdenziale che fiscale del lavoratore. La sua imputazione deve essere effettuata pro quota mensilmente nella busta paga dello stesso, considerando i giorni di calendario. Pertanto, il beneficio in natura da inserire in busta paga, con riferimento al mese di gennaio 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; febbraio 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 28 gg = euro (6,77244 x 28) = euro 189,61; marzo 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; aprile 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 30 gg = euro (6,77244 x 30) = euro 203,17; maggio 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; giugno 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 30 gg = euro (6,77244 x 30) = euro 203,17; Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 61

10 luglio 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; agosto 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; settembre 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 30 gg = euro (6,77244 x 30) = euro 203,17; ottobre 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95; novembre 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 30 gg = euro (6,77244 x 30) = euro 203,17; dicembre 2009, ammonta a euro (2.471,94 : 365) x 31 gg = euro (6,77244 x 31) = euro 209,95. Mensilmente, sui predetti importi, saranno calcolati contributi e imposte. Esempio 2: assegnazione auto ad uso promiscuo nel corso del periodo d imposta Si ipotizzi che un azienda conceda ad un dipendente l auto, una Volkswagen Passat Variant 2.0 TDI 140cv s.w., ad uso promiscuo a decorrere dal 15 ottobre 2009 (15 ottobre - 31 dicembre 2009). In base alle tabelle ACI in vigore al 1 gennaio 2009, il costo chilometrico dell auto in questione è di euro 0,5420. Ai fini del calcolo del fringe benefit annuo, il sostituto d imposta procede come segue: 0,5420 x chilometri x 30% = euro 2.438,99 L importo annuo così determinato deve essere ragguagliato ai giorni di assegnazione dell auto al dipendente (periodo dal 15 ottobre al 31 dicembre 2009). Pertanto, il beneficio in natura da inserire in busta paga, con riferimento al mese di ottobre 2009, ammonta a euro (2.438,99 : 365) x 31 gg = euro (6,68216 x 17) = euro 113,60; novembre 2009, ammonta a euro (2.438,99 : 365) x 30 gg = euro (6,68216 x 30) = euro 200,46; dicembre 2009, ammonta a euro (2.438,99 : 365) x 31 gg = euro (6,68216 x 31) = euro 207,15. Mensilmente, sui predetti importi, saranno calcolati contributi e imposte. Esempio 3: assegnazione ad uso promiscuo con riaddebito Si ipotizzi che l azienda per l intero periodo d imposta 2009, assegni, ad uso promiscuo, ad un dipendente, un autovettura, Ford Mondeo 2.2 T DCI 175 cv s.w. mod. 2008, il cui costo chilometrico, in base alle tabelle ACI, è pari a euro 0,5833; riaddebiti al dipendente, mensilmente, un costo, al lordo dell IVA al 20%, pari a 150,00 euro, per un totale annuo di euro 1.800, Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

11 Pertanto, con riferimento all intero periodo d imposta, a consuntivo si avrà un fringe benefit per il dipendente, determinato con le seguenti modalità: (0,5833 x km) x 30% ,00 = (2.625, ,00) = euro 825,05 Il fringe benefit forfettario pari, sulla base delle tabelle ACI, ad euro 2.625,05, ridotto del costo complessivamente riaddebitato al dipendente per l utilizzo privato dell auto aziendale, risulta, dunque, pari a euro 825,05. Tale importo concorre alla determinazione degli imponibili previdenziale e fiscale. IL LIMITE DI EURO 258,23 Un ulteriore considerazione, peraltro di primaria importanza ai fini della corretta determinazione del compenso in natura derivante dall uso promiscuo del veicolo aziendale, va fatta in relazione alla franchigia pari ad euro 258,23 prevista dal comma 3, articolo 51, TUIR cui fa esplicito riferimento il comma 4. Quest ultimo, infatti, prima ancora di dettare le regole di determinazione forfettaria del beneficio in natura dell auto ad uso promiscuo (lettera a) e, come si vedrà nei rispettivi capitoli, dei prestiti (lettera b) e dei fabbricati concessi ai dipendenti (lettera c), esordisce con il rinvio al comma 3. Quest ultimo, da un lato, individua nel valore normale il criterio generale di valutazione dei beni ceduti e dei servizi prestati al dipendente o al soggetto ad esso equiparato, dall altro, stabilisce che il suddetto valore non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente (e assimilato) se, complessivamente, di importo non superiore, nel periodo d imposta, a euro 258,23, se superiore a detto limite, concorre interamente a formare il reddito. Il richiamo al comma 3 implica, dunque, che, in relazione al valore del beneficio in natura connesso all uso promiscuo del veicolo aziendale, determinato secondo i criteri dettati dal comma 4 in precedenza illustrati, trova applicazione il limite di euro 258,23 sopra descritto. In altri termini, qualora il valore del beneficio in natura derivante dall uso promiscuo del veicolo aziendale non sia superiore, complessivamente, nel periodo d imposta, al limite di euro 258,23, il relativo importo non concorre alla formazione del reddito imponibile né ai fini fiscali né previdenziali; sia superiore al predetto limite, l intero importo incide sul reddito imponibile. Fringe benefit auto Esente fino a 258,23 Interamente imponibile se superiore a 258,23 Va evidenziato che il limite di euro 258,23 è omni complessivo e la verifica del suo eventuale superamento va effettuata con riferimento a tutti i beni o servizi di cui il dipendente ha fruito nello stesso periodo d imposta, tenendo conto di tutti i redditi percepiti, anche se derivanti da altri rapporti di lavoro eventualmente intrattenuti nel corso dello stesso periodo d imposta. Occorre, infine, precisare che, in sede di tassazione alla fonte del reddito di lavoro dipendente, il sostituto d imposta deve applicare la ritenuta nel periodo di paga in cui viene superata la predetta soglia di euro 258,23. Tuttavia, se risulta chiaro che il valore, tenuto conto dell intero periodo d imposta, sarà complessivamente superiore al suddetto importo, il sostituto deve effettuare la ritenuta fin dal primo periodo di paga. Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 63

12 POSSIBILI CONSEGUENZE IN CASO DI RESTITUZIONE DELL AUTO Come analizzato fino ad ora, l utilizzo anche per fini privati del veicolo aziendale da parte del dipendente comporta, per il sostituto d imposta, un maggior onere contributivo a proprio carico nonché maggiori oneri connessi al TFR ed eventualmente, in base alle previsioni del CCNL applicato e a quanto stabilito dalle parti in sede di assegnazione del mezzo, maggiori oneri connessi ai vari istituti contrattuali. Il sostituto d imposta deve, comunque, tener conto anche dei costi che potrebbe dover continuare a sopportare successivamente alla revoca dell assegnazione del mezzo. Questo aspetto risulta particolarmente delicato e controverso. Da un lato, infatti, l utilizzo per fini privati dell autovettura costituisce mensilmente un arricchimento per il lavoratore che, nel tempo, entra a far parte a tutti gli effetti della sua retribuzione, come elemento non occasionale. Ne è conferma il fatto che, il relativo beneficio viene assoggettato a contribuzione e imposte e concorre, secondo le modalità illustrate precedentemente, alla determinazione della quota annua del TFR. Ciò porterebbe a concludere che l eventuale revoca dell assegnazione del mezzo, pur comportando l obbligo, per il lavoratore, di restituzione immediata dello stesso, non dovrebbe penalizzarlo dal punto di vista retributivo. A tal fine, il beneficio in natura che, per tutto il periodo in cui il dipendente ha goduto della disponibilità dell autovettura anche per fini privati, è stato fatto transitare in busta paga esclusivamente per quantificare correttamente l onere, entrerebbe a far parte, a seguito della restituzione del mezzo, della retribuzione lorda del lavoratore. In questo modo il datore di lavoro continuerebbe a sopportare gli oneri citati in precedenza (contributivi, TFR ed eventualmente altri istituti contrattuali). Si ritiene, tuttavia, che tale rischio possa essere evitato a condizione che nella lettera di assegnazione dell auto sia puntualmente specificato che tale assegnazione è provvisoria in quanto strettamente collegata allo svolgimento di specifiche mansioni da parte del dipendente (da indicare), la richiesta di restituzione del mezzo sia diretta conseguenza della modifica delle suddette mansioni. Se tali condizioni risultano soddisfatte, dunque, contestualmente alla restituzione del mezzo da parte del lavoratore, il datore di lavoro smette di farsi carico dell incidenza della retribuzione in natura corrispondente su oneri previdenziali, TFR ed eventualmente altri istituti contrattuali non espressamente esclusi in sede di assegnazione del veicolo. RILEVAZIONE CONTABILE DEL CEDOLINO CON FRINGE BENEFIT Come si è già avuto modo di analizzare dettagliatamente nei paragrafi precedenti, nel cedolino paga il fringe benefit: deve essere esposto come retribuzione in natura; incrementa l imponibile previdenziale e fiscale, per il calcolo delle relative ritenute, nonchè degli altri oneri per istituti contrattuali. Costituendo il fringe benefit una componente di retribuzione in natura, tuttavia, l importo netto in busta da corrispondere al dipendente non può essere modificato da tale variabile. Il fringe benefit, quindi, deve essere contestualmente neutralizzato nel cedolino: un importo pari a quello della retribuzione in natura compreso tra le competenze va, pertanto, fatto confluire anche nel totale delle somme trattenute. Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 77

13 In pratica, sia per questioni di quadratura, sia per poter ricostruire il totale dell imponibile previdenziale e fiscale, si usa evidenziare l importo del benefit tanto nella colonna Competenze quanto nella colonna Trattenute. Questa procedura consente di incrementare correttamente l imponibile fiscale e previdenziale, ma non il netto in busta. Sotto il profilo contabile la conseguenza del meccanismo sopra sintetizzato comporta che il dato relativo al fringe benefit non compare esplicitamente nelle movimentazioni contabili. Nelle scritture contabili, infatti, vengono rilevate le maggior ritenute fiscali e previdenziali calcolate su un importo superiore alla retribuzione lorda in denaro, ma non l importo riconosciuto come fringe benefit. Esempio 8: rilevazione contabile di un cedolino paga con fringe benefit Riprendiamo i dati del cedolino paga elaborato nel precedente esempio n. 5: retribuzione lorda euro 3.015,80 benefit auto euro 233,32 pacco natalizio euro 215,00 imposta netta euro 845,13 ritenute previdenziali euro 318,34 Le rilevazioni contabili saranno così sviluppate:... CE B.9.a Salari e stipendi a Diversi 3.015,80 SP D.13 Debiti v/enti previdenziali 318,34 SP D.12 Erario c/ritenute IRPEF 843,13 SP D.14 Debiti v/dipendenti per retribuzioni 1.854,33 Anche la rilevazione dei contributi a carico dell azienda comporta un maggiore importo dovuto senza alcuna esplicitazione dell ammontare riferito al benefit. CE B.9.b SP D.13 Contributi a carico azienda... a Debiti v/inps La circostanza che non venga rilevato il costo della cosiddetta retribuzione in natura, cioè del fringe benefit, risulta logica conseguenza del fatto che l impresa già contabilizza e deduce i costi di acquisizione dei beni concessi al dipendente, in questo caso autoveicolo e pacco natalizio. Contabilizzare come costo retributivo l ammontare del benefit risulterebbe, in sostanza, una sorta di duplicazione del costo, ancorchè, va sottolineato, i parametri (forfettari) di quantificazione del valore retributivo in capo al dipendente sono completamente avulsi dai criteri (analitici) di deducibilità applicati in capo all impresa. Si avrà modo di trattare opportunamente questi aspetti nello specifico paragrafo successivo. 78 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

14 Gli oneri contributivi e fiscali connessi al fringe, diversamente, rappresentano effettivi aggravi economici che pertanto, come è stato sopra esemplificato, vanno rilevati a tutti gli effetti. ASSEGNAZIONE DEL VEICOLO A TITOLO ONEROSO (RIADDEBITO AL DIPENDENTE) Se a fronte della possibilità di utilizzare il veicolo promiscuamente, datore di lavoro e dipendente si accordano per un riaddebito (parziale), i corrispettivi addebitati dall azienda al dipendente vanno assoggettati ad IVA (R.M. 7 marzo 2000, n. 24/E). I veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti a fronte del pagamento di un corrispettivo specifico ai fini IVA sono considerati utilizzati esclusivamente nell esercizio dell attività. Si rinvia al paragrafo Disciplina IVA per l analisi delle conseguenze in tema di detraibilità sui costi dei veicoli. Le somme riaddebitate, al lordo di IVA, devono essere sottratte dal reddito imponibile del fringe benefit stabilito presuntivamente dal legislatore. A tale proposito la Circolare n. 1/2007 dell Agenzia delle Entrate ricorda che: il reddito imponibile è costituito dalla differenza tra il valore forfetario determinato secondo il calcolo sopra descritto e quanto corrisposto dal lavoratore. Per ulteriori dettagli, in proposito, si rinvia al precedente paragrafo Criterio forfettario. Contabilmente va rilevato un credito verso il dipendente per l ammontare complessivo riaddebitato. Esempio 9: di rilevazione contabile di riaddebito parziale al dipendente Il dipendente Bianchi ha in uso promiscuo un auto aziendale. La società Alpha Srl ogni fine mese gli riaddebita l importo forfettario di euro 100,00 + IVA. SP C.II.5 Crediti v/dipendente Bianchi CE A.5 a Diversi 120,00 Rimborso spese auto concesse in uso promiscuo a dipendenti 100,00 SP D.12 Erario c/iva a debito 20,00 RIADDEBITO TRATTENUTO NEL CEDOLINO PAGA Le somme riaddebitate possono essere sia regolate a parte dal lavoratore sia, più frequentemente, trattenute in busta paga direttamente dal datore di lavoro. Nella rilevazione del cedolino, in tal caso, si estingue il credito vantato dall impresa verso il dipendente mediante compensazione sulla retribuzione netta da corrispondere (Debiti v/dipendenti per retribuzioni). Esempio 10: rilevazione del cedolino con riaddebito Si contabilizza il cedolino paga del Sig. Bianchi, nel quale viene trattenuto il riaddebito di euro 120,00 già fatturato dalla società Alpha Srl. Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga 79

15 ... CE B.9.a Salari e stipendi a Diversi 3.015,80 SP D.13 Debiti v/enti previdenziali 318,34 SP D.12 Erario c/ritenute IRPEF 843,13 SP C.II.5 Crediti v/dipendente 120,00 Bianchi SP D.14 Debiti v/dipendenti per retribuzioni 1.634,33 COSTI DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO E RIFLESSI CONTABILI I costi relativi ai veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti vanno iscritti a Conto economico in base alla natura delle singole voci di costo e non sotto la voce B) 9. Costi per il personale. Benché non espressamente menzionati, ad essi, infatti, può essere esteso quanto precisato dal Documento interpretativo n. 1 al Principio contabile OIC n. 12 in materia di costi iscrivibili nella voce B) 9. Costi per il personale: Non si iscrivono, in questa voce, quei costi sostenuti a beneficio del personale dipendente, i quali, in base alla loro natura, sono classificabili nelle precedenti voci B6, B7 e B8, come si è sopra precisato. In particolare, la rilevazione dei costi in esame interessa le seguenti voci di Conto economico: B) 6. Carburanti e lubrificanti; B) 7. Premi di assicurazioni, spese di manutenzione e riparazione, pedaggi autostradali, parcheggi, lavaggio, ecc.; B) 8. Canoni di leasing, noleggio; B) 10.b Ammortamento; B) 14. Bollo auto e imposta provinciale di trascrizione (I.P.T.); E) 21. Contravvenzioni. Le informazioni relative alla concessione di fringe benefit ai dipendenti, pertanto, non appaiono in modo esplicito nella contabilità generale: per permettere l applicazione sulle componenti retributive in natura delle ritenute fiscali e previdenziali, in aggiunta a quelle relative alle retribuzioni in denaro, è sufficiente che gli importi corrispondenti siano annotati nel Libro Unico. Si osservi che, poiché il fringe benefit viene contabilmente rilevato solamente per il (maggior) valore delle ritenute fiscali e previdenziali applicate ai dipendenti sulla corrispondente quota di retribuzione in natura, non si ha duplicazione di costi; si rilevano, cioè solo i costi relativi agli autoveicoli e non anche ulteriori spese per il personale. In sede di determinazione dell utile di esercizio, tali componenti di costo vengono quindi ordinariamente scomputati dal valore della produzione. 80 Fringe benefit e rimborsi spese in busta paga

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI contabilità generale SOMMARIO schema di sintesi veicoli concessi in uso promiscuo AUTO AZIENDALI IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI Art. 51 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 13 e 14 D.P.R.

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI a cura Dott. Emilio Iorio Nel presente lavoro riepiloghiamo le situazioni più frequenti che si possono verificare in azienda relativamente al trattamento

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA

TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA Circolare N. 40 Area: SCRITTURE Periodico plurisettimanale 25 maggio 2010 TRASFERTE E RIMBORSI SPESE IN AZIENDA Esaminiamo la disciplina fiscale riguardante le trasferte dei dipendenti (e dei collaboratori)

Dettagli

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 29.01.2014 Amministratori: uso promiscuo dell auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali A. Detraibilità Iva La normativa sulla detraibilità dell Iva pagata al momento dell acquisto di veicoli

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 283 03.11.2015 Finanziaria 2016: super ammortamento anche per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Il disegno di Legge di Stabilità

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI SPAZIO PAGHE Newsletter 02/2016 VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI I RIMBORSI CHILOMETRICI Per rimborsi chilometrici si intendono

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile»

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti

FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti LasettimANA FriNGe BeNeFit per LAVorAtori dipendenti AUto e FABBriCAti di Saverio Cinieri QUADRO NORMATIVO Il trattamento fiscale dei compensi in natura è contenuto nell art. 51, D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012 Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Gentile cliente,

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo Agevolazioni fiscali 2016 Oggetto di cosa si tratta Un importante beneficio fiscale è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 per gli acquisti di beni strumentali NUOVI effettuati nel periodo compreso

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 15 gennaio 2013 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Fiscalità degli autoveicoli a motore a decorrere dal 2013. Con la Legge di Stabilità si stabilisce che le autovetture aziendali,

Dettagli

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Focus di pratica professionale di Luca Caramaschi Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Con la Legge n.228/12 (la Legge di Stabilità 2013 )

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti.

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. NOTA OPERATIVA N. 15/2015 OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. - Introduzione. È prassi comune quella di riconoscere rimborsi spese ai dipendenti che svolgono

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa Welfare Aziendale Aspetti previdenziali e tributari Speaker Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa 14 ottobre 2015 Regola generale In generale

Dettagli

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi C 7 a p i t o l o La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi 1 Quadro generale In linea di massima, la struttura contabile relativa all acquisizione di servizi non è sostanzialmente diversa dall

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE Servizio circolari per la clientela Circolare n. 15 del 11 DICEMBRE 2014 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORE E FRINGE BENEFIT AUTOVETTURE INDICE 1 PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 1.1 Principio di cassa;

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente

OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 marzo 2010 OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente PREMESSA

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007 di Vincenzo D Andò Il 27.6.2007 è stata pubblicata sulla G.U. dell Unione Europea

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa Fiscalità delle auto aziendali DISPENSA N 04/2016 A cura del Settore Fisco e Diritto d'impresa 22/04/16 Indice Contenuti 1.1 Veicoli a deducibilità integrale 4 1.2 Veicoli a deducibilità limitata 5 1.3

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

CHIARIMENTI SU TASSAZIONE DEI BUONI PASTI.

CHIARIMENTI SU TASSAZIONE DEI BUONI PASTI. Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

Fondi pensione, un tris di chiarimenti

Fondi pensione, un tris di chiarimenti Fondi pensione, un tris di chiarimenti L Agenzia delle Entrate, in risposta a tre quesiti posti con istanza di interpello, chiarisce per i vecchi fondi pensione con gestione assicurativa come procedere

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Moro & Partners Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Quadro di sintesi utile per potersi orientare all interno delle recenti modifiche normative in tema di autoveicoli aziendali. Moro

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730

Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730 Servizio Caf 730 Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730 INFORMATIVA N. 33 Prot. 4027 DATA 06.05.2005 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI Agevolazioni IRPEF per soggetti disabili e Modello

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Giandomenico Andreetta Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI

Giandomenico Andreetta Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI SOMMARIO IMPOSTE SUL REDDITO...2 RIFLESSI SUL REDDITO DEL PERCETTORE DEI FRINGE BENEFIT...2

Dettagli

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE a cura Antonino Pernice L attività medica può essere esercitata: alle dipendenze di un ente ospedaliero o di una casa di cura (Medico dipendente); in qualità di libero

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze !" #$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze *#+ %#()%%$ AMBITO DELLE NOVITÀ AMMORTAMENTO ANTICIPATO REDDITO DI IMPRESA DURATA CONTRATTI

Dettagli

26.11.2013 La cessione dell autovettura

26.11.2013 La cessione dell autovettura Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 325 26.11.2013 La cessione dell autovettura Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Le modifiche che sono intervenute negli ultimi anni

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE

Dettagli

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Iniziamo la pubblicazione di una serie di interventi di approfondimento sulle novità del modello Cud 2008. Si parte con l analisi

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI Le trasferte per motivi di lavoro sono molto frequenti in quasi tutte le aziende a prescindere dalle loro dimensioni,

Dettagli

Guida alla fiscalità dell'auto

Guida alla fiscalità dell'auto Guida alla fiscalità dell'auto AGGIORNAMENTO 01/2013 LE IMPOSTE SULL'AUTO: DIRETTE E INDIRETTE COSA CAMBIA CON LA LEGGE DI STABILITÀ TABELLA RIASSUNTIVA SULLA FISCALITÀ DELL'AUTO Il presente documento

Dettagli