LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/ )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)"

Transcript

1 PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/ ) 1

2 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati requisiti: a) Oggetto dell operazione (art.2-3) : cessione di beni o prestazione di servizi b) Soggetto che la effettua (art.4 5): operazioni poste in essere nell esercizio di imprese o arti e professioni c) Territorio nel quale è effettuata (art. 7) ** operazioni effettuate all interno del territorio dello Stato ** novità introdotte dal D.Lgs 18/2010 2

3 FUNZIONAMENTO DELL IVA Il fornitore addebita l Iva al cliente (rivalsa) in misura proporzionale al corrispettivo e la riversa all Erario al netto dell imposta pagata sugli acquisti (detrazione) Contribuenti di diritto Contribuenti di fatto 3

4 Le operazioni che soddisfano contemporaneamente i requisiti previsti sono le seguenti: IMPONIBILI :operazioni fatturate, registrate e soggette alle aliquote del 4,10,21% NON IMPONIBILI: operazioni fatturate e registrate ma non soggette ad imposta perché manca il requisito della territorialità ESENTI : operazioni fatturate, registrate,non soggette ad imposta e che limitano il diritto alla detrazione (art. 10) 4

5 operazioni Assoggett. ad Iva Detrazione consentita Adempimenti IVA Imponibili SI SI SI Non imponibili NO SI SI Esenti Estranee al regime Iva (per assenza requisiti o disposizione di legge) NO NO SI NO NO NO 5

6 Art.2-3 OGGETTO dell operazione cessioni di beni : atti a titolo oneroso con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale di godimento cessioni di beni assimilate : atti a titolo oneroso o gratuito non sempre con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale cessioni non cessioni : atti a titolo oneroso o gratuito aventi per oggetto particolari beni prestazioni di servizi: operazioni effettuate in corrispondenza di contratti d opera, appalto, mandato, agenzia, spedizione, trasporto, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, non fare e di permettere 6

7 Art. 4-5 SOGGETTI PASSIVI Esercizio in forma abituale, anche se non esclusiva, -di attività commerciali o agricole anche se non organizzate in forma d impresa (artt C.C.); -di attività di lavoro autonomo professionale da parte di persone fisiche, società semplici o associazioni senza personalità giuridica 7

8 Art.19 DETRAZIONE I.V.A. La detrazione consente il recupero (entro la dichiarazione annuale relativa al 2 anno successivo a quello in cui è sorto il diritto) dell importo pagato sugli acquisti effettuati a determinate condizioni: - operazioni effettivamente avvenute e dimostrabili (possesso del documento d acquisto); - operazioni inerenti all attività del soggetto passivo. 8

9 DETRAZIONE : L IVA da versare in un periodo (mese o trimestre) si calcola nel seguente modo: + I.V.A. su CESSIONI o PRESTAZIONI effettuate - I.V.A. DETRAIBILE (= iva addebitata dal fornitore) = I.V.A. da VERSARE o A CREDITO 9

10 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA - per destinazione : - mancanza dei requisiti - manifestazioni a premio - pro-quota (beni ad uso promiscuo ad es.auto) - oggettiva (natura di beni o servizi) - soggettiva (caratteristiche attività svolta) - pro-rata per operazioni esenti - enti non commerciali regimi forfetari 10

11 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Oggettiva L indetraibilità oggettiva deriva dalla natura dei beni e servizi acquistati e indipendentemente dalle caratteristiche dell acquirente : autovetture,autoveicoli,motocicli,ciclomotori spese autostradali (pedaggi) spese per alberghi,ristoranti,bar beni di lusso omaggi spese di rappresentanza cellulari 11

12 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Soggettiva L indetraibilità soggettiva deriva dalle caratteristiche dell attività svolta dal soggetto e indipendentemente dalla natura dei beni e servizi acquistati. Il diritto alla detrazione è riconosciuto in forma limitata o non è riconosciuto se vi sono: - operazioni attive esenti - operazioni non assoggettate ad Iva 12

13 PRO RATA % IVA DETRAIBILE = OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE + OPERAZIONI ESENTI 13

14 INDETRAIBILITA SOGGETTIVA - ESEMPIO Operazioni imponibili : 4.100,00 ( iva 820,00) Operazioni esenti : 1.200,00 Acquisti: 7.200,00 ( iva 1.440,00) % detraibilità= 4.100,00 * 100= 77,36 % 4.100, ,00 Iva detraibile = 1.440,00 * 77 % = 1.109,00 Iva non detraibile = 1.440, ,00= 331,00 Iva a credito = 1.109,00 820,00 = 289,00 14

15 Art. 21- FATTURAZIONE delle OPERAZIONI La fattura è il documento con il quale il cedente o prestatore esercita la rivalsa e l acquirente opera la detrazione. Per ciascuna operazione in regime Iva deve essere emesso un documento in duplice copia contenente: data di emissione numero progressivo denominazione o ragione sociale delle parti partita IVA dell emittente Natura, quantità e qualità dei beni ceduti e dei servizi prestati Valore normale Aliquota %, ammontare dell imponibile e dell imposta Articolo di legge per le operazioni: - esenti (art.10) - non imponibili (art.7,8,8bis,9,38 quater,41 e 50 bis D.L.331/93 - non soggette (rottami,editoria,carburanti,fuori campo iva,ecc..) Sono esonerati da fatturazione i commercianti al minuto, i soggetti che si avvalgono della dispensa per operazioni esenti e le imprese in regime forfetario: 15

16 Art. 21- FATTURAZIONE delle OPERAZIONI La fatturazione può essere, cartacea o elettronica, : -immediata -differita entro lo stesso giorno entro il 15 del mese successivo Le fatture di vendita devono essere registrate nel registro delle fatture emesse entro 15 giorni dalla data di emissione secondo l ordine di numerazione. Le fatture differite si registrano entro lo stesso termine di emissione e rientrano nella liquidazione del periodo di effettuazione SCHEDA CARBURANTE NOTE DI VARIAZIONE AUTOFATTURA 16

17 AUTOFATTURA L autofattura è il documento emesso da chi acquista un bene o riceve la prestazione. Deve emettere autofattura: - chi acquista da un non residente non identificato o senza stabile organizzazione in Italia, beni o servizi - chi acquista beni o servizi da produttori ittici o agricoli in regime di esonero - chi non riceve fattura entro 4 mesi dall effettuazione dell operazione - chi riceve fattura irregolare - chi non riceve la fattura entro il mese successivo a quello di effettuazione dell acquisto intracee - chi riceve fattura irregolare relativa ad un acquisto intracee - chi acquista rottami,carta da macero e scarti (art. 74 c.8) - chi effettua cessioni gratuite (omaggi) e chi effettua l autoconsumo 17

18 ESEMPIO DI FATTURA Dati identificativi fornitore (ragione sociale completa) P.IVA / C.F.fornitore Dati identificativi cliente P.IVA cliente N.Fattura Data Natura,quantità, valore dei beni-servizi Aliquota IVA % (con eventuali indicazioni di art.di legge per operazioni particolari) Imponibile Imposta Totale 18

19 Art.23,24 e 25 REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI Registro fatture d acquisto: i documenti numerati progressivamente vanno registrati in base alla data di ricevimento indicando -data della fattura -numero progressivo attribuito -dati del fornitore -imponibile distinto per aliquote -Iva distinta per aliquota Registro fatture emesse: le fatture e le autofatture emesse vanno annotate nell ordine della loro numerazione indicando: -data di emissione -numero progressivo di emissione -dati del cliente -imponibile distinto per aliquote -Iva distinta per aliquota 19

20 Imposta sul valore aggiunto (D.P.R. n. 633/ ) Art.27 ADEMPIMENTI IVA - LIQUIDAZIONI VENDITE ACQUISTI VERSAMENTI emissio ne registra zione registrazi one corrispetti vi numerazione e conservazione registra zione Periodici Annuali MENSILE all atto della entro 15 entro giorno all atto del prima della liquidaz periodica entro il operaz. gg succ. ricevim. o della dichiaraz annuale del mese succ TRIMEST- RALE idem idem idem idem idem

21 Imposta sul valore aggiunto (D.P.R. n. 633/ ) Art.27 ADEMPIMENTI IVA LIQUIDAZIONI IVA a debito del mese o trimestre precedente (IVA esigibile sulle fatture emesse) - IVA a credito del mese o trimestre precedente (IVA per la quale si esercita l opzione) = IVA A CREDITO O DEBITO VERSAMENTO O COMPENSAZIONE (Il versamento per i soggetti che hanno optato per la liquidazione trimestrale è maggiorato del 1 % a titolo di interessi non deducibili) 21

22 ACCONTO IVA I soggetti obbligati agli adempimenti di liquidazione e versamento IVA entro il 27/12 di ciascun anno, devono versare a titolo di acconto IVA per l anno in corso, un importo che può essere determinato secondo diversi metodi: METODO STORICO : 88 % di quanto dovuto il mese di dicembre o il IV trimestre dell anno precedente METODO PREVISIONALE : 88 % di quanto si prevede di versare per il mese di dicembre o del IV trimestre METODO OPERAZIONI EFFETTUATE : 100 % dell importo risultante dalla liquidazione calcolata fino al 20/12. 22

23 ACCONTO IVA SOGGETTI ESONERATI Inizio di attività Cessazione attività Credito d imposta nell ultima liquidazione periodica dell anno precedente Debito d imposta non superiore a 116,72. Registrazione di sole operazioni esenti o non imponibili 23

24 ADEMPIMENTI IVA - COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Entro il mese di febbraio di ogni anno in via telematica i contribuenti titolari di p.iva sono obbligati a inviare un modello che evidenzia le risultanze complessive delle liquidazioni periodiche al fine di determinare l Iva dovuta o a credito, senza tenere conto delle operazioni di rettifica e conguaglio da effettuare in dichiarazione annuale Iva. 24

25 ADEMPIMENTI IVA COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA -Art. 10 D.L. 78/2009 nel caso di credito iva annuale o trimestrale > a 5.000,00 *, è obbligatorio presentare la dichiarazione Iva in forma autonoma e pertanto scatta l esonero della comunicazione dati iva ( obbligatoria pertanto in tutti gli altri casi) NO comunicazione SI dichiarazione = riepilogo delle operazioni attive e passive risultanti dalle liquidazioni periodiche effettuate ( con specifica delle operazioni non imponibili, esenti e intracomunitarie) * ridotto da con Decreto Semplificazioni fiscali (art.8 commi da 18 a 21) 25

26 26

27 - DICHIARAZIONE ANNUALE DATI IVA (art. 8 D.P.R. n /07/1998) Entro il 30/09 (in via telematica) in forma unificata o autonoma i contribuenti sono obbligati a inviare il riepilogo delle operazioni attive e passive effettuate nel corso dell anno solare, evidenziando : il volume di affari, l imposta detraibile, la percentuale di pro-rata, la liquidazione definitiva, le operazioni particolari, ovvero dichiarare il debito o credito iva risultante dalle liquidazioni effettuate nell esercizio. 27

28 Dott.ssa Anna De Toni 28

29 Dott.ssa Anna De Toni 29

30 30

31 Dott.ssa Anna De Toni 31

32 ADEMPIMENTI IVA Modello IVA e IVA base In presenza di credito Iva annuale o trimestrale anno n ( importo > a 5.000,00 ) da portare in compensazione scatta l obbligo di presentazione della dichiarazione Iva in forma autonoma entro il n+1( non in forma unificata con il modello Unico) mediante la compilazione del Modello Iva 200n/200n-1 32

33 ADEMPIMENTI IVA -Modello IVA e IVA base Con provvedimento l A.E. ha introdotto il Modello Iva base, un modello iva semplificato, di sole 3 pagine, in forma unificata, ricompreso nel modello Unico (entro il in via telematica), utilizzabile da soggetti residenti: - che non applicano regimi speciali - che non hanno effettuato operazioni con l estero (intra e extra UE) - che non utilizzano il plafond - che non hanno partecipato ad operazioni straordinarie 33

34 ADEMPIMENTI IVA compensazione crediti IVA (art. 10 D. L. 78/2009) -Importi fino a 5.000,00 = compensazione effettuabile dal 1 giorno del periodo successivo a quello a cui si riferisce la dichiarazione Es. credito Iva 2012 = dal 01/01/ SI comunicazione dati Iva, SI dichiarazione Iva - Compensazione orizzontale in F24 libera - Regole tradizionali 34

35 ADEMPIMENTI IVA compensazione crediti IVA (art. 10 D. L. 78/2009) -Importi > a 5.000,00 ma < ai ,00 = compensazione orizzontale effettuabile dal 16 giorno del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui emerge il credito - es. credito iva 2012 dichiarazione entro febb 2013 compensazione possibile dal 16/03 - Esonero comunicazione dati Iva, SI dichiarazione iva (forma autonoma) -F24 solo con canale Entratel o Fisconline 35

36 ADEMPIMENTI IVA compensazione crediti IVA (art. 10 D. L. 78/2009) -Importi > a ,00 = compensazione effettuabile dal 16 giorno del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui emerge il credito -Esonero comunicazione dati Iva, SI dichiarazione iva (forma autonoma) obbligo dell apposizione del visto di conformità alle dichiarazioni (verifiche requisiti e controlli contabili x conformità) C.M. n. 57/E del 23/12/2009 sottoscrizione dell organo di controllo 36

37 CHECK LIST CNDCEC A - CONTROLLI PRELIMINARI (DA CIRC. 57/2009) 1 Codice attività corrispondente con quello risultante dalla documentazione contabile 2 Aliquota media sulle operazioni attive (vendite) inferiore a quella sulle operazioni passive (acquisti) 3 Presenza di operazioni non imponibili 4 Presenza di operazioni di acquisto o importazione di beni ammortizzabili 5 Presenza di operazioni non soggette all'imposta 6 Presenza di operazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli 7 Presenza di credito iva da utilizzare in compensazione (rigo VX5) superiore al volume d'affari (rigo VE40) 37

38 REGIMI SPECIALI Editoria (art. 74 c.1) Rottami (art. 74 c. 7/8 ) regime Reverse charge Sub - appalti (art. 17 c. 6) regime Reverse charge Regime del margine per la cessione di beni usati Altri regimi speciali ( tabacchi, biglietti di trasporto, ecc.) Importazioni Esportazioni Operazioni intracee 38

39 REGIMI SPECIALI EDITORIA 1. Metodo BASE: determinazione sulla base delle copie consegnate o spedite diminuite di una percentuale di resa forfetaria. Es. n. copie consegnate = 230 n. copie rese (70%)= 161 prezzo libro = 17 euro Corrispettivo = 17 * ( )= 1.173,00 Imponibile = 1.173,00 / 1,04=1.127,88 Iva = 1.127,88 * 4 % = 45,12 2. Metodo delle COPIE VENDUTE = metodo x opzione (obbligatorio per giornali) 39

40 REGIMI SPECIALI ROTTAMI Meccanismo del Reverse Charge (autofattura): a) - il cedente emette la fattura senza esporre IVA indicando che si tratta di operazioni di cui all art. 74 comma 7/8 DPR 633/72 - il cedente annota la fattura nel registro delle fatture emesse b) - il cessionario integra la fattura indicandovi l aliquota e la relativa imposta - annota la fattura nel registro acquisti ai fini della detrazione - annota la fattura nel registro delle fatture emesse o corrispettivi 40

41 REGIMI SPECIALI SUB APPALTI Meccanismo del Reverse Charge (autofattura): a) - Il subappaltatore emette la fattura senza addebito IVA e bollo indicando che si tratta di operazioni di cui all art. 17 comma 6 DPR 633/72 - Il subappaltatore annota la fattura nel registro delle fatture emesse b) - L impresa che riceve la prestazione integra la fattura indicandovi l aliquota e la relativa imposta - annota la fattura nel registro acquisti ai fini della detrazione - annota la fattura nel registro delle fatture emesse o corrispettivi 41

42 REGIMI SPECIALI MARGINE Regime applicabile alle cessioni di beni usati, per evitare fenomeni di doppia imposizione, a condizione che - I beni ceduti devono essere stati acquistati senza Iva o con Iva indetraibile; 3 metodologie di calcolo (analitico, forfetario, globale) 42

43 ESIGIBILITA DIFFERITA DELL IVA IVA PER CASSA (art. 6 comma 5 D.P.R. 633/72) In seguito alle novità del Decreto anticrisi (art.7 D.l.185/2008 ) l IVA, fermo restando il momento di effettuazione dell operazione, risulta esigibile al momento del pagamento. L iva a credito risulta detraibile per l acquirente/committente quando l imposta diviene esigibile. In ogni caso, decorso un anno dall operazione, l IVA diviene esigibile. Eccezioni : regimi speciali iva -reverse charge -privati 43

44 ESIGIBILITA DIFFERITA DELL IVA (art. 6 comma 5 D.P.R. 633/72) Novità del Decreto Crescita art.32-bis D.L.83/2012 Estensione dell applicazione a imprese/lavoratori autonomi con un volume d affari non superiore a nei confronti di soggetti passivi d imposta in ogni caso, l acquirente / committente può detrarre l IVA a credito al momento di effettuazione dell operazione, a prescindere dal fatto che il pagamento della fattura non sia stato ancora eseguito. La fattura in esame sarà quindi annotata nel registro IVA degli acquisti senza il differimento della detrazione dell imposta nel mese / trimestre di pagamento della stessa. 44

45 ESIGIBILITA DIFFERITA DELL IVA (art. 6 comma 5 D.P.R. 633/72) Opzione del cedente o prestatore per ogni singola prestazione Limitata alle vendite di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di altri soggetti passivi e non di privati Applicata su ogni singola operazione Subordinata a preventiva autorizzazione comunitaria Previa necessaria indicazione sulla fattura della dicitura operazione con imposta ad esigibilità differita L imposta deve essere comunque versata, anche se il pagamento non è effettuato, decorso un anno dall effettuazione dell operazione 45

46 Art. 7 Territorialità prestazioni servizi Nuove disposizioni normative introdotte con il recepimento delle Direttive n. 8, 9 e 117 del 2008 D. Lgs. 18/2010 in vigore dal 01/01/ Novità presentazione elenchi INTRASTAT ( invio telematico) - Distinzione dei servizi dagli acquisti intra comunitari dell art. 46 del D.L. 331/93 - Modifica dell articolo 7 del DPR 633/72 (nuovi articoli da 7 a 7- septies) -Modifica dell art. 17 del DPR 633/72 - Obbligo di iscrizione nell elenco VIES pena l impossibilità di operare (vendere/acquistare) in ambito comunitario. 46

47 Operazioni intracomunitarie- autorizzazione per acquisto/cessione intra-ue (anche per servizi generici ex art.7-ter DPR 633/72) -in sede di inizio attività (nuovi operatori) Modello AA7/AA9 quadro I A.E. = indicazione del volume d affari = istanza di iscrizione nell elenco VIES (vat information exchange system) -x 30 gg NO operazioni intracomunitarie Provvedimento di diniego o inclusione automatica da parte dell A.E. post verifica dei requisiti. - Post inclusione = ulteriori controlli entro 6 mesi 47

48 Operazioni intracomunitarie- autorizzazione per acquisto/cessione intra-ue (anche per servizi generici ex art.7-ter DPR 633/72) - operatori già esistenti Inclusi nell elenco VIES se avevano posto in essere operazioni intra nel 2009 o 2010 e adempiuto agli obblighi Intrastat oppure presentazione di apposita istanza Provvedimento di diniego o inclusione automatica da parte dell A.E. post verifica dei requisiti. - Post inclusione = ulteriori controlli entro 6 mesi 48

49 ADEMPIMENTI IVA - MODELLI INTRASTAT obbligo di presentazione ANCHE per le prestazioni di servizi rese e ricevute soppressione della periodicità annuale: presentazione mensile e trimestrale obbligo di presentazione esclusivamente in via telematica 49

50 Tipo elenco Elenco riepilogativo delle operazioni effettuate nei confronti dei soggetti passivi stabiliti in altro Stato UE Elenco riepilogativo delle operazioni acquisite presso soggetti passivi stabiliti in altro Stato UE ELENCHI INTRASTAT 1) Cessioni INTRA di beni 2) Prestazioni di servizi diverse da quelle contenute negli artt.7-quater 7- quinquies 3) Acquisti INTRA di beni 4) Prestazioni di servizi generiche ex art.7-ter 50

51 ELENCHI INTRASTAT Periodicità della presentazione telematica Ammontare operazioni Periodicità presentazione < a ,00 TRIMESTRALE > a ,00 MENSILE Non è più possibile la presentazione annuale 51

52 TERRITORIALITA DELLE CESSIONI DI BENI Luogo fisico del bene al momento della cessione Rilevanza territoriale in Italia Italia SI Operazione fatturata e assoggettata ad IVA Paese estero NO Nessuna operazione perchè trattasi di bene non esistente in Italia Italia ma spedito in altro Stato membro NO Cessione INTRA non imponibile in Italia 52

53 Art. 7 TERRITORIALITA delle prestazioni di servizi Nuove disposizioni normative introdotte con il recepimento delle Direttive n. 8, 9 e 117 del 2008 D. Lgs. 18/2010 in vigore dal 01/01/2010 Servizi resi a soggetto privato B2C : -Territorialità nello Stato del prestatore (art. 45 Direttiva 2006/112/CE) NUOVO ART. 7 ter, CO.1/b D.P.R. 633/72 Servizi resi a soggetto passivo B2B : -Territorialità nello Stato in cui è stabilito il soggetto passivo destinatario (art. 44 Direttiva 2006/112/CE) TASSAZIONE NELLO STATO DEL COMMITTENTE NUOVO ART. 7 ter, CO.1/a D.P.R. 633/72 53

54 Luogo di imposizione prestazioni di servizi Prestatore (soggetto passivo) Committente ITA p-ita, * p-ue, p-extraue Luogo di tassazione B2C Luogo del prestatore ITA ITA B2B Luogo del committente ITA UE o EXTRA-UE B2B Luogo del committente UE O EXTRA UE ITA B2B Luogo del committente Iva in Italia SI SI NO SI p-ita, p-ue,p-extraue = soggetti privati 54

55 Prestazioni servizi effettuate da imprese italiane I.V.A Verso imprese UE Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia Obbligo di emissione di fattura Fuori campo iva art.7 ter D.P.R. 633/72 Indicazione in fattura del n. identificativo IVA del committente Compilazione modello Intrastat Verso imprese extra UE Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia Non obbligatoria l emissione di fattura 55

56 Prestazioni servizi ricevute da imprese italiane I.V.A da imprese UE Operazione rilevante ai fini Iva in Italia Emissione di autofattura Registrazione autofattura su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) Compilazione modello Intrastat da imprese extra UE Operazione rilevante ai fini Iva in Italia Emissione di autofattura Registrazione autofattura su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) 56

57 ADEMPIMENTI IVA - SPESOMETRO (art.21 D.L n.78 conv.l.n ) obbligo per tutte le aziende e lavoratori autonomi di presentazione di tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA rese e ricevute nell anno per le operazioni senza obbligo di fattura (ricevute fiscali) il limite è di 3.600,00 (al lordo dell iva) invio con modalità telematiche entro il 30 aprile dell anno successivo a quello di riferimento. 57

58 NOVITA 2012 Art.9 D.L.83/2012 convertito in L Art. 10 n.8 bis DPR 633/1972 Dal 26 giugno 2012 reintroduzione del regime di imponibilità per gli operatori del settore delle costruzioni edilizie sulle: -cessioni Lett. a) cessioni di fabbricati abitativi EFFETTUATE ENTRO 5 ANNI dalla conclusione dei lavori di costruzione o ripristino; Lett. b) cessioni di fabbricati abitativi OLTRE I 5 ANNI dalla conclusione dei lavori di costruzione o ripristino SU OPZIONE del cedente; Lett. c) cessione di alloggi sociali -locazioni di fabbricati abitativi 58

59 59

60 Per le locazioni di immobili abitativi il Legislatore: ha confermato, in generale, il regime di esenzione IVA; ha introdotto la possibilità di optare per l imponibilità IVA: Locatore Locatario Regime IVA Impresa costruttrice/di ristrutturazione Altra impresa Chiunque Destinatario di alloggi sociali Esente ovvero Imponibile per opzione (aliquota IVA 10%) Altra impresa Chiunque (diverso da destinatari di alloggi sociali) Esente 60

61 NOVITA 2012 D.L. 16/2012 convertito in L.44/2012 Decreto semplificazioni fiscali Dichiarazioni d intento ricevute : soggetti che cedono beni e/o forniscono servizi a soggetti che si avvalgono della facoltà di effettuare acquisti senza applicazione dell imposta 61

62 NOVITA 2012 D.L. 16/2012 convertito in L.44/2012 Decreto semplificazioni fiscali Operazioni con paesi black list: Operazioni con soggetti aventi sede, domicilio o residenza in paesi a regime fiscale privilegiato comunicazione riepilogativa di tutte le operazioni (cessioni/acquisti beni, prestazioni di servizi) rese e ricevute DI IMPORTO SUPERIORE A 500,00 telematica mensile ( o trimestrale, in presenza di determinati parametri) 62

63 RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 633/1972 D.L. 331/93 D.L. 78/2009 D.Lgs. 18/2010 D.L. 16/2012 convertito in L.44/2012 D.L.83/2012 convertito in L Direttive CE n. 8, 9 e 117 del 2008 Circolari Agenzia Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) Sul sito dell A. E. relative istruzioni è possibile reperire i modelli indicati nelle slides e le 63

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 1. Introduzione... 11 2. L Iva Principali fonti normative... 11 3. Campo di applicazione... 12 3.1 Presupposto oggettivo Cessioni di beni... 13 3.2

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Informazioni e dati preliminari - frontespizio Contribuente I dati anagrafici sono aggiornati? Verificare (soggetti diversi dalle persone fisiche):

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE I soggetti passivi Iva anche se nel periodo di riferimento non hanno effettuato operazioni rilevanti ai fini del tributo, sono obbligati

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA a cura di Sandro Cerato Coerenza dichiarazioni Principali differenze con elenco cli/for La comunicazione Non è cumulativa, ma dettagliata per operazione; non coinvolge

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI Sezione Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari e delle importazioni SEZIONE AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 0 Periodo d imposta

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 33 30.01.2014 Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione L art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014)

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Periodico informativo n. 51/2015 Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

La dichiarazione IVA 2014

La dichiarazione IVA 2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Teoria e pratica La dichiarazione IVA 2014 Stefano Maffi (Membro Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC - Milano) Riccardo Maffi (Dottore Commercialista

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A.

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. Il quadro VJ è riservato all indicazione di particolari tipologie di operazioni, per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 Circolare n. 3/2013 Pagina 1 di 10 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 3/2013 del 25 gennaio 2013 1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

IVA E PRATICA PROFESSIONALE

IVA E PRATICA PROFESSIONALE master DI approfondimento Master in 6 incontri (42 ore formative) a numero chiuso IVA E PRATICA PROFESSIONALE Le regole nazionali di funzionamento dell imposta e gli adempimenti negli scambi con l estero

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012

Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012 Circolare n. 01/2013 Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012 Legge 17.12.2012 n. 221: Conversione, con modifiche del D.L. n. 179 del 18.10.2012. Si tratta del provvedimento sulla crescita economica.

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 293 20.11.2013 L Agenzia fornisce i primi chiarimenti sulla comunicazione polivalente Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Categoria:

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 55. SEMPLIFICAZIONI PER I CONTRIBUENTI MINORI DEFINIZIONE DEFINIZIONE I contribuenti minori possono beneficiare di alcune semplificazioni in materia di IVA, ricollegate al differimento dei

Dettagli

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011 Circolare n. 1 pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Cliente N.ro Informazioni generali o Copia prospetto riepilogativo "dichiarazione Iva annuale per anno 2011" stampata da Vs. computer.

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI Sommario... 2 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA PRESENTAZIONE 28.02.2014... 3 DICHIARAZIONE ANNUALE I.V.A. 2014 ANNUALITÀ 2013... 5 VERIFICA DELLA PERIODICITA VERSAMENTI I.V.A.... 11 PERIODICITA

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE COSA C'E' IN QUESTO E-BOOK 03 Settembre 2015 Questo e-book si propone come aiuto

Dettagli

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012.

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. Milano, 28 gennaio 2013 LE MANOVRE DELL ANNO 2012 Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. D.L. 16 del 02/03/2012, convertito in Legge 26/04/2012 n. 44 Deducibilità dei costi periodici

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 1 IVA NEL SETTORE IMMOBILIARE La separazione delle attività. L'articolo 57 del Dl 1/2012 ha introdotto, per le imprese di costruzione, la possibilità di separare

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 45 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

IVA 2014: novità e dichiarazione annuale. Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma

IVA 2014: novità e dichiarazione annuale. Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma IVA 2014: novità e dichiarazione annuale Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma Sommario Le novità del modello IVA 2014 La comunicazione dati IVA La comunicazione delle operazioni rilevanti IVA

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Claudia Balestra Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Emanuela Tarulli Dott. Marco

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste 1 Le

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA DICHIARAZIONE ANNUALE IVA In occasione della compilazione della Dichiarazione Annuale IVA 2014, relativa all anno di imposta 2013, siamo a fornire indicazioni per la compilazione del modello ministeriale

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu Novità IVA 2011 Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011 La dichiarazione IVA autonoma (Circolare Agenzia delle entrate 1/E del 25 gennaio 2011) Tutti i contribuenti possono

Dettagli

Capitolo 5. L imposta sul valore aggiunto (IVA) 1. I soggetti passivi

Capitolo 5. L imposta sul valore aggiunto (IVA) 1. I soggetti passivi Edizioni Simone - Vol. 62/A Capitolo 5 L imposta sul valore aggiunto (IVA) Sommario 1. I soggetti passivi. - 2. La nascita dell obbligazione tributaria. - 3. Le denunce. - 4. Gli elenchi. 5. Liquidazioni

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 01 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli