Mauro Minetti. Maggio 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mauro Minetti. Maggio 2007"

Transcript

1 L ESPOSIZIONE NELLA FOTOGRAFIA DIGITALE Mauro Minetti Maggio 2007

2 INDICE PREMESSA LETTURA ESPOSIMETRICA PULSANTI DEDICATI AL CONTROLLO DELL ESPOSIZIONE LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA PROFONDITA' DI CAMPO - DIAFRAMMA ISO AUTO NELLA PRATICA LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) CONCLUSIONI Pagina 2

3 PREMESSA Iniziare a fotografare con una reflex digitale non è facile per chi parte da zero, o ha poca esperienza con la fotografia in genere. Sarebbe stato lo stesso con la pellicola, solo che la differenza stava che al ritiro delle stampe (o diapositive) la maggior parte finivano nel cestino..., e finiva li. Le variabili in gioco sono molte, ad iniziare dalle impostazioni di contrasto, nitidezza, saturazione, della macchina utilizzata, ma non dobbiamo di certo trascurare quanto una corretta LETTURA ESPOSIMETRICA sia la più importante operazione da eseguire ai fini del risultato, insieme alle corrette impostazioni del bilanciamento del bianco (WB). Se vogliamo ottenere la padronanza della luce, dovremo comprendere l uso dell esposimetro incorporato nella nostra DSLR, e ciò che ne deriva dalla scelta della coppia tempo/diaframma manuale o automatica che sia. Allo stesso modo dobbiamo essere consapevoli delle differenze cromatiche (tonalità) derivanti dall impostazione WB assegnata in fase di ripresa per garantire l esatta riproduzione dei colori in base al tipo di luce presente al momento dello scatto. L ESPOSIZIONE ed il BILANCIAMENTO DEL BIANCO sono di fondamentale importanza soprattutto quando, per necessità o scelta, scattiamo nel formato JPG anziché in RAW (.NEF) che ci permetterebbe invece di rivedere tali impostazioni anche dopo lo scatto tramite il software Capture NX studiato appositamente per i file NIKON. Pagina 3

4 LETTURA ESPOSIMETRICA I diversi sistemi di misurazione Gli esposimetri incorporati nelle fotocamere NIKON misurano la luce secondo precisi criteri. La lettura può avvenire su tutta la superficie del campo inquadrato (Matrix), mentre in altri solo nella zona centrale di ripresa. Sistema Matrix: in questo caso il campo inquadrato viene suddiviso in tanti settori, o zone di lettura, e l'esposimetro rileva l'intensità della luce in ognuno di essi. Le diverse letture sono poi confrontate con una serie di situazioni memorizzate dal produttore nei circuiti della fotocamera. In base all'analisi risultante viene selezionata la corretta coppia tempo/diaframma. Ponderata Centrale: L'esposimetro legge la luce sulla superficie d inquadratura compresa dentro ad un cerchio visibile nel mirino. Essendo un area molto delimitata è sufficiente che nella scena sia presente una luce molto intensa, ad esempio il sole alle spalle del soggetto, per alterare la giusta media di misurazione e indurre ad una sottoesposizione dell'elemento meno illuminato. In questo caso dovremo saper correggere l'esposizione applicando una compensazione. Spot: in questo tipo di misurazione, l esposimetro esegue la lettura in uno spazio ancora più ristretto rispetto al precedente spiegato (Spot, in inglese, significa "punto"). È un sistema molto preciso anche se deve essere usato con una certa pratica e consapevolezza in special modo quando nel campo ripreso dall'obiettivo sono compresi due o più soggetti illuminati con intensità differenti. Tale sistema, consentendo di misurare con maggiore precisione la luce riflessa in un determinato punto dell inquadratura, consente di effettuare specifici ragionamenti nell impostazione manuale di tempo e diaframma. Molto utile nel controluce dove ti permette di ottenere l'esposizione necessaria al soggetto in controluce (ritratto, oggetto) mandando in sovraesposizione tutto il resto. Pagina 4

5 LETTURA ESPOSIMETRICA blocco dell esposizione Le macchine reflex, hanno un comodo bottone (AE/AF) che permette di bloccare la lettura esposimetrica AE o la messa a fuoco (o se si preferisce entrambe, a seconda delle impostazioni assegnate al pulsante). Per utilizzare correttamente questo bottone, si deve eseguire la messa a fuoco con il pulsante di scatto, premere il bottone AE/AF e, mantenendolo premuto ricomporre l inquadratura per poi focheggiare nuovamente e scattare la foto. In pratica, serve a mantenere l'esposizione calcolata in uno specifico punto, ovvero per fare in modo che quello specifico punto venga esposto correttamente dopo aver ricomposto l inquadratura. Un esempio di applicazione lo possiamo riscontrare quando vogliamo esporre correttamente un soggetto da far risultare decentrato rispetto l inquadratura finale. Foto sottoesposta di - 1 diaframma, facilmente recuperabile in post produzione Foto correttamente esposta compensazione Questo pulsante (rappresentato da un simbolo +/-) permette di regolare ad hoc la sovra o sotto esposizione. Mantenendolo premuto, e ruotando la ghiera posta sul retro del corpo, applicheremo intenzionalmente la sovra o sotto esposizione desiderata in passi di +/-0.3 EV Molto utile nelle situazioni di lettura esposimetrica in cui è indispensabile applicare una compensazione per ottenere l esposizione corretta sull intero fotogramma o sul soggetto principale. Foto sovraesposta di + 1 diaframma, con conseguente perdita irrimediabile delle zone chiare (alte luci) Pagina 5

6 LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA Per fare in modo di impressionare (per usare il termine con cui la pellicola veniva esposta) correttamente il sensore della nostra DSLR (ovvero scattare correttamente una foto), la macchina utilizza un TEMPO D ESPOSIZIONE ed un DIAFRAMMA in relazione alla luce del soggetto ed alla sensibilità ISO impostata (manualmente o in modo automatico ISO AUTO). Per comprendere cosa succede dopo la lettura esposimetrica dobbiamo prima capire come funziona un obiettivo. L obiettivo è composto da un certo numero di lenti, da una ghiera per la messa fuoco manuale che fa in modo di spostare queste lenti sino a vedere un immagine nitida sul soggetto, e da un diaframma regolabile tramite una ghiera numerata (nelle ottiche Nikon tipo D). Oggi, tutti gli obiettivi sono motorizzati per la messa a fuoco (AUTOFOCUS), ed hanno al loro interno un motore che permette di eseguire la focheggiatura (spostamento delle lenti) in modo automatico alla sola pressione a metà corsa del pulsante di scatto. Esistono ottiche Nikon tipo G che non hanno la ghiera dei diaframmi per l impostazione manuale, ma funzionano allo stesso modo tramite istruzioni impartite direttamente dal corpo camera. Cos è questo diaframma? Per capirlo dobbiamo pensare come si comportano i nostri occhi al variare della luce. In un certo senso, il diaframma di un obiettivo ha la stessa funzione della nostra pupilla: dosa la quantità di luce necessaria ai nostri occhi per visualizzare la scena. In caso di poca luce la nostra pupilla si dilata (analogamente quanto faremo utilizzando un diaframma tutto aperto f ) ed in caso di molta luce diventa sempre più piccola (come utilizzando un diaframma chiuso f ). Pagina 6

7 LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA Diaframmi normalmente impiegati nell uso normale Schema diaframmi disponibili negli obiettivi Diaframmi tutta apertura impiegati in condizione di poca luce, o per ottenere tempi veloci, ma anche per ridurre al massimo la profondità di campo Diaframmi disponibili nelle ottiche economiche Diaframmi intermedi con i quali si ha la maggior resa dell obiettivo, da utilizzarsi in condizioni normali di luce Diaframmi chiusi per ottenere la maggior profondità di campo, o da utilizzarsi in condizioni di molta luce Diaframma tutto aperto: svantaggi = poca profondità di campo vantaggi = si ottengono tempi brevi (veloci) Diaframma tutto chiuso svantaggi = si ottengono tempi lenti (pericolo fotografie "mosse") vantaggi = molta profondità di campo Profondità di campo: E' lo spazio in cui l'immagine é a fuoco, cioè nitida, rispetto alla distanza impostata sull'obiettivo. ghiera diaframmi ghiera messa a fuoco manuale ghiera spostamento focale Sopra, illustrata una classica ottica zoom tipo D, munita di apposita ghiera per la regolazione dei diaframmi. Nella figura a destra, un ottica moderna (tipo G) senza ghiera per l impostazione del diaframma (si imposta direttamente dal corpo camera tramite una comodissima ghiera). ghiera messa a fuoco manuale ghiera spostamento focale Pagina 7

8 PROFONDITA DI CAMPO - DIAFRAMMA Con il termine PROFONDITA DI CAMPO si definisce lo spazio precedente e successivo al punto in cui è regolata la messa a fuoco entro il quale tutti i soggetti risultano comunque nitidi. La profondità di campo varia in ampiezza in base a diversi fattori quali l'apertura del diaframma impostato, la distanza del soggetto e la focale dell'obiettivo impiegato Il corretto utilizzo del diaframma determina l'effetto della profondità di campo desiderata, ma relativamente alla focale utilizzata. Utilizzando il diaframma in modalità tutta apertura (f a seconda delle ottiche) otterremo poca profondità di campo (zona nitida) oltre il punto di messa a fuoco. In questo modo possiamo isolare il soggetto rispetto lo sfondo. Mentre con le focali grandangolari non potremo apportare grandi variazioni di sfocato oltre il soggetto principale, altrettanto non si può dire per le focali tele dove tale passaggio è più evidente a seconda del diaframma utilizzato. In altre parole, se utilizziamo il diaframma "tutto aperto" su una focale grandangolare, riusciremo ancora a leggere lo sfondo molto bene oltre il soggetto principale. Pertanto, l'uso di un diaframma tutto aperto per isolare lo sfondo è più utile con le focali tele, o nel caso di riprese (anche grandangolari) in cui il soggetto principale (es. ritratto, persona, oggetto, fiore, ecc...) è molto vicino al fotografo (breve distanza focale). Ma si dimostra altrettanto utile quando la luce della scena e poca (scarsa illuminazione). Pagina 8

9 PROFONDITA DI CAMPO - DIAFRAMMA Un diaframma molto aperto (f ) ci permette di ottenere il minor tempo d'esposizione possibile, ma con una profondità di campo (zona a fuoco) molto ridotta, soprattutto utilizzando delle focali tele. A parità di diaframma impostato e distanza del soggetto, al crescere del valore di focale diminuisce l'estensione della profondità di campo. E' il motivo per cui i teleobiettivi presentano una profondità di campo più ristretta rispetto alle ottiche normali e grandangolari Fotografando su una distanza tipo "infinito" (paesaggi), non noteremo nessun effetto di sfocatura sullo sfondo del soggetto, indipendentemente dal diaframma o dalla focale utilizzata, ma registreremo solo un diverso tempo d esposizione. Utilizzando una focale tele ed un diaframma molto aperto potremo isolare il soggetto in primo piano grazie alla ridotta profondità di campo ottenuta (foto sopra) Una ridotta profondità di campo viene sfruttata, ad esempio, nella fotografia di ritratto e moda quando si vuole "isolare" una figura dallo sfondo. Gli obiettivi grandangolari, presentano una profondità di campo più estesa rispetto ai tele, utile ad ottenere contemporaneamente nitidi più elementi posti su piani diversi, come ad esempio un soggetto in primo piano, incorniciato da uno sfondo ben nitido e dai dettagli leggibili. Utilizzando una focale grandangolare potremo disporre della maggiore profondità di campo, anche con diaframmi molto aperti Pagina 9

10 PROFONDITA DI CAMPO - DIAFRAMMA In relazione a quanto detto, dobbiamo però sempre "fare i conti" con la luce disponibile. Un diaframma molto chiuso (f ) richiede una luce (EV) molto alta per permetterci di scattare con dei tempi adatti alla focale utilizzata: ricordiamoci sempre il reciproco della focale utilizzata come base logica per evitare foto mosse o micromosse. Per reciproco della focale si intende quanto segue: - utilizzando una focale di 18 mm., è bene non scendere al di sotto di 1/20 sec. - utilizzando una focale di 50 mm., è bene non scendere al di sotto di 1/50 sec. - utilizzando una focale di 200 mm., è bene non scendere al di sotto di 1/200 sec. Tutto questo considerando una "mano piuttosto ferma. La luce non è mai abbastanza. Nonostante la bella giornata, per realizzare questa immagine alla sensibilità di 100 ISO, l esposimetro ha calcolato un tempo di 1/250 sec. impostando il diaframma 8, con lettura MATRIX In questo caso, il sistema esposimetrico MATRIX non è stato ingannato da nessuna componente pericolosa di luce riflessa, in quanto l inquadratura comprendeva zone chiare e scure ben equilibrate, e soprattutto con nessuna zona in controluce. Pagina 10

11 ISO AUTO Per fare in modo di fotografare agevolmente anche in condizioni precarie di luce è molto comodo attivare l impostazione ISO AUTO con la quale la sensibilità si adeguerà AUTOMATICAMENTE ai dati inviati dalla lettura esposimetrica. In questo modo, faremo in modo che la sensibilità ISO si adegui alla coppia tempo/diaframma scelta dal programma di ripresa utilizzato, nel caso in cui la luce non sia sufficiente per la sensibilità ISO minima. In questa immagine, acquisita a PRIORITA DI TEMPI (S) con un tempo d esposizione di 1/160 sec. impostato, l ottica tele utilizzata piuttosto buia f. 5.6 (a tutta apertura) a fatto elevare a 450 ISO la sensibilità impostata su ISO AUTO, permettendo di scattare con un tempo relativamente breve, ma adatto al soggetto abbastanza statico. Teniamo però presente che più la sensibilità aumenta e maggiore sarà l'effetto morbidezza dell'immagine (minore contrasto, minore stacco tra luci ed ombre, minore nitidezza generale dell immagine) con l'inevitabile innalzamento della soglia di rumore NR (effetto grana, puntinatura) soprattutto nelle zone in ombra o con poca luce. Anche in condizioni di buona luce, ISO AUTO può essere utile quando vogliamo impostare manualmente una specifica coppia TEMPO/DIAFRAMMA (M), oppure quando siamo costretti ad utilizzare tempi veloci (S) che richiederebbero sensibilità superiori alla minima anche con diaframma tutto aperto. Pagina 11

12 NELLA PRATICA L'esposimetro incorporato (di qualsiasi macchina) è in grado di leggere esclusivamente la luce riflessa (per questo viene ingannato in certe situazioni). Gli esposimetri esterni (quelli che usano i professionisti in studio, ad esempio) leggono anche la luce incidente (quella che illumina il soggetto) permettendo quindi dei calcoli più precisi al fotografo. Con una DSLR si deve trovare sempre il giusto compromesso, aiutandosi anche con la sensibilità ISO impostata. Minore è la sensibilità, e maggiormente sarà contrastata l'immagine (maggiore sbalzo tra luci ed ombre). Più alzeremo la sensibilità ISO e maggiormente avremo uniformità di esposizione ma a discapito di nitidezza e contrasto. In questa immagine (scattata con lo zoom grandangolare 12-24DX), per poter compensare le zone in ombra (fiori) con lo sfondo illuminato, e mantenere allo stesso tempo un cielo azzurro, ho elevato la sensibilità ISO a 400, in modo da avere un tempo d esposizione veloce (1/320 sec.) per evitare il micromosso, con un diaframma intermedio (f.8) per la miglior resa ottica, e mantenere un buon equilibrio tra luci ed ombre. Evitiamo, per quanto possibile, di fotografare in controluce, salvo avere la consapevolezza ed esperienza necessaria per realizzare uno scatto creativo. Se osserviamo con i nostri occhi, ci renderemo conto che nemmeno noi potremo vedere un cielo blu in controluce. Il cielo blu resta tale solo quando non è ripreso in controluce e l esposizione è leggermente sottoesposta. Pagina 12

13 NELLA PRATICA ll "verde" è interpretato dall'esposimetro come soggetto poco luminoso (poca luce riflessa), quindi come se fosse una zona in ombra, o scura. Di conseguenza adatta il tempo d'esposizione per fare in modo che si veda bene. In questi casi, e casi analoghi con tanta vegetazione, meglio sottoesporre di -0.7, ed il gioco è fatto! (compensazione). Basta solo ricordarsi, allo scatto successivo, di avere in macchina tale compensazione e di conseguenza regolarla nuovamente per l'occasione. Utilizzando la lettura esposimetrica SPOT, possiamo far misurare all esposimetro la luce in uno specifico punto dell inquadratura. In questo caso sul fiore, sufficientemente isolato dallo sfondo, che ha permesso di oscurarlo grazie alla buona illuminazione del soggetto principale. Se fotografiamo una persona vestita di bianco, succede l'effetto opposto: l'esposimetro "vede" tanta luce e quindi cerca di sottoesporre per non bruciare nessuna parte chiara. In questi casi, si compensa l'esposizione con un aumento anche fino a , ma anche a +1.5 se necessario (dipende sempre dalla luce e da quanto spazio occupa il soggetto inquadrato). Al contrario, se fotografiamo un soggetto scuro (esempio persona vestita di nero), saremo costretti ad applicare una sottoesposizione intenzionale (compensazione) per compensare l errore involontario dell esposimetro che ha letto poca luce riflessa. Dobbiamo sempre prestare la massima attenzione ai tempi di ripresa, per evitare il mosso o micromosso (causano lo stesso effetto della mancanza di nitidezza). Pagina 13

14 NELLA PRATICA Se fotografiamo soggetti in movimento, meglio utilizzare la modalità di ripresa S (priorità di tempi) ed impostare ad 1/500 sec. il tempo d'esposizione. Tale programma adeguerà di conseguenza il diaframma possibile in base alle impostazioni ISO (o ISO AUTO). Nella foto generica, se non vogliamo pensare troppo a quale tempo e diaframma utilizzare, possiamo sempre utilizzare il programma P (program) che calcola automaticamente la coppia ideale (tempo/diaframma), sia con ISO AUTO quanto con ISO impostato manualmente. Tenendo presente che qualsiasi ottica, ha la sua miglior resa dal diaframma appena oltre il minimo (3.5) fino a 8 max 11, lavorando in A (priorità di diaframmi) dovremo fare attenzione che il tempo d'esposizione indicato sulla scena non sia troppo basso (lento) per incappare nel micromosso. Ricordiamoci che ISO AUTO consente anche di impostare il tempo d'esposizione minimo oltre il quale deve intervenire la compensazione ISO. Utilizzando ISO AUTO, possiamo permetterci di scegliere la coppia tempo/diaframma ideale anche con il programma M (manuale) in cui imposteremo i due valori necessari all esposimetro per calcolare la sensibilità ISO da impostare. Infine, a seconda del tipo di bilanciamento WB adottato, otterremo delle foto più calde o più fredde in base alla temperatura colore assegnata in fase di ripresa. Un tulipano al tramonto. Il bilanciamento del bianco impostato su luce diurna permette di conservare le dominanti tipiche della luce al momento della ripresa. L esposimetro di una DSLR tiene in considerazione anche questo parametro, oltre al contrasto impostato, nel calcolo dell esposizione. Pagina 14

15 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) Nella fotografia, tutti sappiamo quanto sia importante esporre correttamente il fotogramma per ottenere un immagine priva da zone troppo sottoesposte o sovraesposte. Tuttavia, azzeccare la coppia ideale tempo e diaframma, non sempre è così facile quando ci troviamo a scattare in condizioni precarie di luce, o in quelle situazioni in cui il colore dei soggetti potrebbe ingannare l esposimetro senza usare una necessaria compensazione. Altre difficoltà di ripresa possono essere causate da uno scatto in controluce eseguito senza lampo (flash) di schiarita, in cui il soggetto in ombra potrebbe risultare correttamente esposto solo nel caso in cui il fotografo avesse misurato la luce su di esso (misurazione spot), anziché su tutta l inquadratura (misurazione matrix). Ma molte volte è anche la nostra fretta, o disattenzione, a farci commettere l errore nell esposizione che, insieme al micromosso, è quello più frequente all inizo della nostra esperienza fotografica. Mentre con la pellicola avevamo ben poche possibilità, se non nulle in molti casi, di recuperare i nostri errori, oggi con la fotografia digitale possiamo quasi dire di non avere più limiti. Un file sottoesposto, oggi può essere recuperato egregiamente (e facilmente) in post produzione, anche se non fosse stato acquisito originariamente in NEF (RAW) grazie ad esempio al software Nikon Capture NX utilizzato per questa prova. Per far comprendere le differenze qualitative ottenibili, ho utilizzato un file volutamente sottoesposto, ed acquisito intenzionalmente ad alta sensibilità (ISO 1250) per poter dimostrare gli effetti diversi ottenibili dalle correzioni apportate. Pagina 15

16 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) Il file originale, volutamente sottoesposto si presentava così: Ed ho provato quattro metodi di correzione, distinguibili in: A) sul controllo esposizione - regolazione esposizione B) sul controllo della luminosità - regolazione luminosità LST C) sul controllo dei livelli - regolazione curve di livello D) sul controllo d-lighting - regolazione ombre ed alte luci Pagina 16

17 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) METODO A Aperto il file con Capture NX andiamo a regolare per prima cosa l esposizione, per questa immagine necessaria a +1.5, ottenendo questo risultato: Pagina 17

18 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) METODO B Lo stesso file corretto tramite l editor LST sulla luminosità master, anziché sull esposizione, con +2,2 sui toni medi. Come possiamo notare, tale correzione provoca una leggera desaturazione: Possiamo controllare la desaturazione apportata mediante incremento della stessa con l apposito controllo, sempre nell editor LST Pagina 18

19 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) METODO C Lo stesso file corretto sulle curve di livello, con +2 sui toni medi: Pagina 19

20 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) METODO D Lo stesso file corretto con il d-lighting: Pagina 20

21 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) Come possiamo osservare nei successivi particolari ingranditi al 100%, le 4 immagini ottenute presentano caratteristiche qualitative ben differenti, soprattutto sull aspetto della rumorosità e delle aberrazioni: immagine corretta con il controllo dell esposizione (metodo A): immagine corretta con il controllo della luminosità LST (metodo B): immagine corretta con il controllo delle curve di livello (metodo C): immagine corretta con il d-lighting (metodo D): La differenze sarebbero percepibili, così come viste, nel caso le immagini venissero stampate in grande formato. In questo specifico caso, su stampe delle dimensioni di cm. 90x136 cm. circa Pagina 21

22 LA CORREZIONE DELL ESPOSIZIONE IN POST PRODUZIONE (PP) Tale confronto ci porta alle seguenti conclusioni: -METODO A: la correzione ha amplificato anche il rumore ed il contrasto, creando un immagine analoga ad un acquisizione realizzata ad una sensibilità ISO più elevata; -METODO B: agendo sulla luminosità master abbiamo provocato una leggera desaturazione generale, ma facilmente recuperabile intervenendo sullo specifico controllo, senza arrecare un incremento del rumore, ma putroppo amplificando le aberrazioni cromatiche; -METODO C: è indubbiamente quello che provoca meno artefatti rispetto agli altri metodi sperimentati; -METODO D: otteniamo un immagine molto simile a quella regolata sull esposizione, con il vantaggio di aver preservato le alte luci. Resta ovvio che per correzioni di sottoesposizioni su file RAW (NEF) a bassa sensibilità ISO, il solo controllo specifico dell esposizione sia più che sufficiente a riportare in luce quanto sottoesposto in fase di ripresa. Con lo stesso controllo potremo quindi agire anche nel caso di sovraesposizioni, purchè contenute entro certi limiti sulle alte luci (sempre difficilmente recuperabili). Per i file JPG invece, non ci resta che utilizzare un metodo alternativo al controllo dell esposizione, scegliendo tra B C o D quello più indicato in base all immagine da correggere. Pagina 22

23 CONCLUSIONI Se quando usavamo la pellicola la nostra maggiore attenzione era rivolta all esposizione, oggi possiamo anche distrarci (grazie alla tecnologia digitale) per porre rimedio in post produzione alle nostre malefatte, ovvero grazie agli efficaci software di elaborazione che ci consentono di porre rimedio ai nostri errori causati dall inesperienza, o per la fretta di scattare. L esposizione, come l inquadratura, nonché il bilanciamento del bianco, non sempre possono essere azzeccate in fase di ripresa, ma ognuna di esse può essere rielaborata senza conseguenze (nei limiti del possibile) purchè abbiamo la possibilità di salvare le nostre immagini nel formato RAW (.NEF). Nel caso fossimo impossibilitati a scattare in NEF, anche su dei file JPG possiamo apportare le correzioni necessarie all esposizione, purchè non abbiamo sovraesposto le alte luci (mai recuperabili su un file JPG). Sebbene la raccomandazione sia sempre quella di scattare nel rispetto di tutte le regole basilari della fotografia, oggi possiamo vantare ancor più precisione grazie a questi sofware che nel tempo stanno dimostrando di essere indispensabili ai fini della perfezione dell immagine. Basti pensare ai benefici effetti prodotti da una correzione d-lighting che permette di riequilibrare e dosare luci ed ombre (cosa alquanto difficile da calcolare alla perfezione in fase di ripresa). Pertanto, non ci resta che concentrarci sull inquadratura, sul soggetto, sul nostro sentimento ed ispirazione, per ottenere uno scatto a perfetta regola d arte. La fotografia, è prima di tutto fatta di queste cose. Mauro Minetti Pagina 23

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX A cura di Mauro Minetti Ottobre 2006 indice 1) PREMESSA 2) GLI AUTOMATISMI - AUTOFOCUS - NITIDEZZA - CONTRASTO - SATURAZIONE - BILANCIAMENTO DEL BIANCO - SCENE

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

Nikon Coolpix 8700. Marzo 2004. Le impressioni di mdj

Nikon Coolpix 8700. Marzo 2004. Le impressioni di mdj Nikon Coolpix 8700 Marzo 2004 Le impressioni di mdj INDICE PREMESSA DIFFERENZE RISPETTO LA Coolpix 5700 RISOLUZIONE E FORMATI RAW SENSIBILITA ISO OBIETTIVO AUTOFOCUS MESSA A FUOCO MANUALE BILANCIAMENTO

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

FOTOGRAFIA DIGITALE COOLPIX

FOTOGRAFIA DIGITALE COOLPIX FOTOGRAFIA DIGITALE COOLPIX Il ruolo importante della compatta nel passaggio dall analogico al digitale Pagina 1 di 26 PREMESSA SENSORI E RISOLUZIONI LE MIGLIORIE APPORTATE NEL TEMPO DIFFERENZE NELL USO,

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Corso base di fotografia

Corso base di fotografia Corso base di fotografia Tecnica fotografica Elementi di base per l'utilizzo della macchina fotografica, Come si impugna una reflex Impugnatura verticale Impugnatura con teleobbiettivo Reflex e Bridge:

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

RISOLUZIONE E QUALITA DELL IMMAGINE DIGITALE COMPATTE E DSLR. A cura di Mauro Minetti

RISOLUZIONE E QUALITA DELL IMMAGINE DIGITALE COMPATTE E DSLR. A cura di Mauro Minetti RISOLUZIONE E QUALITA DELL IMMAGINE DIGITALE COMPATTE E DSLR A cura di Mauro Minetti Maggio 2005 INDICE CAPITOLI PREMESSA SENSORI RISOLUZIONE QUALITA JPG - TIFF - RAW USO DEL SOFTWARE CONCLUSIONI pagina

Dettagli

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Questo che vado a farvi vedere e un breve riassunto su come vado a realizzare le mie foto IR, chi si avvicina o pratica già da tempo questo

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Introduzione alla fotografia digitale

Introduzione alla fotografia digitale Introduzione alla fotografia digitale 1 La fotografia è forse la forma di espressione artistica più alla portata di tutti. Chiunque può infatti procurarsi una fotocamera, non necessariamente costosa, e

Dettagli

Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco

Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco Accessori Expodisc per il bilanciamento del bianco Nikon D80 con 12-24mm e Expodisc montato. Un Gossen Profisx con testa Proficolor che ne permetteva l utilizzo anche come termocolorimetro. Expodisc non

Dettagli

DI NOTTE. Appunti di fotografia notturna

DI NOTTE. Appunti di fotografia notturna Chi siamo Collabora DI NOTTE Appunti di fotografia notturna La sensibilità Prima di tutto, quale sensibilità impostare sul sensore? Risposta: dipende. Dipende, ovviamente, dal soggetto. Se fotografiamo

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 Comunicazioni alla stampa you can Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 PowerShot A800, una compatta digitale conveniente e facile da usare,

Dettagli

VOGLIO IMPARARE A FOTOGRAFARE!

VOGLIO IMPARARE A FOTOGRAFARE! Enrico Maddalena VOGLIO IMPARARE A FOTOGRAFARE! Testo semiserio di tecnica fotografica Capitolo 1: La ripresa. 2 Se volete ottenere buone foto, la prima cosa da fare è mettere bene a fuoco il soggetto.

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Conoscere i tipi di fotocamere Uno dei tanti libri di fotografia che avevo letto iniziava con un detto: Povero è il falegname che accusa

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Dieci zone per una foto

Dieci zone per una foto Page 1 of 7 Dieci zone per una foto [page 1 of 1] Il Sistema Zonale propagandato da Ansel Adams risale agli anni Quaranta, ma anche gli appassionati del tutto digitale dovrebbero sperimentarlo creativamente

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta

Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta Caratteristica prima della fotografia di qualità è la corretta esposizione. Purtroppo nessun sistema è infallibile per cui l importante è capire... Per

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex Dalla camera obscura alla fotocamera reflex LA FOTOGRAFIA Si fa risalire al francese Joseph Niepce (1765-1833) il primo risultato fotografico concreto. Egli infatti riuscì a registrare su tavole sensibilizzate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Torino, 19 agosto 2010 Nital S.p.A. è lieta di presentare la Nikon D3100, la prima reflex digitale della

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A cura del prof. Gioacchino Giacò Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione. Il diaframma

Dettagli

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos: disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo

Dettagli

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA BL00004720-A02 DIGITAL CAMERA X-T1 Le nuove funzioni Versione 4.00 Alcune funzioni del prodotto possono differire da quelle descritte nel manuale a causa dell aggiornamento del firmware. Per maggiori informazioni

Dettagli

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia prima lezione Docente: Gianluca Bocci Obiettivi del corso: NON imparare ad usare la propria fotocamera NON imparare a fare belle foto 2 Quindi a cosa serve il corso: Prendere coscienza

Dettagli

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub. FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.it 1 CONSIGLI PER FOTOGRAFARE SOTT ACQUA CON FOTOCAMERE

Dettagli

Illuminazione in esterni

Illuminazione in esterni 1 Illuminazione in esterni www.giuseppecirchetta.com Illuminazione in esterni Appunti di Giuseppe Circhetta 2 Illuminazione in esterni www.giuseppecirchetta.com Indice dei contenuti 0. Premessa 1. L attrezzatura

Dettagli

Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico. Di Marco Donatiello

Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico. Di Marco Donatiello Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico Di Marco Donatiello Principi base dei ritratto Ritratto: Il termine si riferisce propriamente ad un'opera pittorica o ad un disegno, anche se per estensione

Dettagli

Guida di SpyderLENSCAL

Guida di SpyderLENSCAL Guida di SpyderLENSCAL L effetto Spyder Complimenti! Lo strumento acquistato fornisce prestazioni superiori per la misurazione e la regolazione della messa a fuoco della macchina fotografica e delle varie

Dettagli

Le funzioni innovative della Ricoh CX1

Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Prova sul campo Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Ricoh ha inserito nella CX1 una serie di funzioni innovative che sono di particolare interesse: dall estensione della gamma dinamica alla AF Multi

Dettagli

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non complicate): disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo sarà come disegnare al meglio con la luce Ho scelto questa immagine

Dettagli

PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB. A cura di Mauro Minetti

PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB. A cura di Mauro Minetti PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB A cura di Mauro Minetti INDICE PREMESSA PREPARIAMO L IMMAGINE DIMENSIONE IMMAGINE MASCHERA DI CONTRASTO FORMATO DI REGISTRAZIONE REGISTRAZIONE CORNICI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Corso di Fotografia terza lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia terza lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia terza lezione Docente: Gianluca Bocci Elementi costitutivi di una fotografia: Soggetto Inquadratura Momento Esposizione Messa a fuoco 2 Soggetto: determina il genere ed in un certo

Dettagli

Corso base fotografia digitale

Corso base fotografia digitale Corso base fotografia digitale Lezione numero 1: La macchina fotografica: evoluzione del congegno fotografico dal foro stenopeico alla macchina digitale. I formati delle pellicole e dei sensori: cenni

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

Guida Tecnica Professionale

Guida Tecnica Professionale Guida Tecnica Professionale www.nital.it Sommario Uso dei menu 4 Aiuti in linea del menu Help 6 Autofocus Messa a fuoco in autofocus 7 Dietro la porta 11 Inseguimento di soggetti critici in movimento discontinuo,

Dettagli

Lezione 2 Esposizione

Lezione 2 Esposizione Corso di fotografia di base 011 Lezione Esposizione Esposizione L esposizione, sia nei sistemi digitali che a pellicola, consiste nell eccitare i pixel del sensore o gli elementi fotosensibili di una pellicola

Dettagli

ESPOSIZIONE A DESTRA

ESPOSIZIONE A DESTRA ESPOSIZIONE A DESTRA Introduzione L esposizione a destra rappresenta un importante metodo di lavoro nella fotografia digitale, che permette al fotografo di ottenere foto meno rumorose e qualitativamente

Dettagli

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità Milano, 19. Febbraio 2008 Comunicato stampa Fotocamera digitale Novità: RICOH R50 Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla

Dettagli

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato FOTOGRAFANDO Corso di fotografia livello avanzato Fotografando di Levenfeld Alvaro Mauricio Info@fotografando-ivrea.it Tel +39 0125 62 70 42 Cell +39 349 460 7 460 Cell +39 348 009 15 15 www.fotografando-ivrea.it

Dettagli

come fare photo Fotografare eventi sportivi

come fare photo Fotografare eventi sportivi come fare photo Fotografare 09 eventi sportivi Fotografare eventi sportivi FOTOGRAFARE LO SPORT NON È FACILE: OCCORRE AVERE UNA BUONA ATTREZZA- TURA, CONOSCERE LE REGOLE DELLA FOTOGRAFIA, E CONOSCERE LO

Dettagli

FOTOCAMERE COMPATTE 35mm

FOTOCAMERE COMPATTE 35mm Caratteristiche e design sono soggetti a modifiche senza preavviso o altri obblighi da parte del fabbricante. 2001-2003 NIKON CORPORATION AVVERTENZA PER UN CORRETTO IMPIEGO DI QUESTO APPARECCHIO, LEGGETE

Dettagli

LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE

LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE 2011 TECNICA DI RIPRESA L ora Blu - Blue Hour LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE Quante volte abbiamo visto delle splendide immagini di città notturne? con quelle luci irreali che trasformavano comuni paesaggi

Dettagli

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw 1. Alla scoperta dei formati di files digitali: JPG, RAW e DNG. Che cosa sono, quali vantaggi e svantaggi

Dettagli

Corso di Fotografia Programma 8 Lezioni Ultimo aggiornamento 24/05/2015 Pagina 1 di 11

Corso di Fotografia Programma 8 Lezioni Ultimo aggiornamento 24/05/2015 Pagina 1 di 11 Programma 2015 del Corso Pratico Intensivo di Fotografia in 8 lezioni, tenuto da Guido Padoa della Associazione Nazionale Fotografi Professionisti, per fotocamere Compatte, Mirrorless e Reflex di qualsiasi

Dettagli

Sviluppo e gestione delle fotografie digitali

Sviluppo e gestione delle fotografie digitali 01/13 Sviluppo e gestione delle fotografie digitali Come ottenere il meglio dalle proprie foto 02/13 Gli argomenti trattati in questo talk saranno: I file RAW ed i software per gestirli Esempi pratici

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia seconda lezione Docente: Gianluca Bocci Elementi costitutivi di una fotografia: Soggetto Inquadratura Momento Esposizione Messa a fuoco 2 Soggetto: determina il genere ed in un certo

Dettagli

1. 22 2. 24 3. 26 4. 28 D800E

1. 22 2. 24 3. 26 4. 28 D800E Guida Tecnica It Introduzione In questa "Guida tecnica" vengono descritte nei dettagli le tecniche principali utilizzate per creare due delle foto tecnicamente più avanzate presenti nella brochure della

Dettagli

WORKSHOP + Fotografia e Video

WORKSHOP + Fotografia e Video WORKSHOP + Fotografia e Video Corsi Durata Costo Fotografia e Tecnica Fotografica I Fotografia e Tecnica Fotografica II Fotografia e Tecnica Fotografica III Postproduzione Video Scuole 1-2 h a seconda

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Gli argomenti affrontati in questo seminario sono i seguenti: concetti di base la macchina fotografica l'esposizione l'obiettivo lo scatto la composizione il flash (o lampeggiatore)

Dettagli

WORKSHOP INTENSIVO DI FOTOGRAFIA

WORKSHOP INTENSIVO DI FOTOGRAFIA WORKSHOP INTENSIVO DI FOTOGRAFIA LE BASI DELLA FOTOGRAFIA DIGITALE BOLOGNA 22-23 giugno dalle 9.00 alle 20.00 (Euro 120 per partecipante - richiesto un minimo 6 partecipanti) TEORIA: presso l aula conferenze

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6

Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6 Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6 Chi opera nel mondo della fotografia professionale o quello dei fotografi amatoriali evoluti, scatta in RAW per non perdere dettagli della foto

Dettagli

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo?

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo? SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Negli scorsi articoli abbiamo parlato a lungo della composizione come arbitrio creativo del fotografo e come parte fondamentale del messaggio artistico dello

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS

Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS Canon amplia la sua linea PowerShot serie A con due nuovi modelli ricchi di funzioni che offrono all amatore evoluto e all

Dettagli

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Troppe foto mosse? La soluzione è a portata di mano: obiettivi stabilizzati Canon IS*!

Dettagli

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE ACCESSORI PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE Il moltiplicatore di focale costituisce una soluzione molto economica per espandere le potenzialità del proprio sistema fotografico: esaminiamone vantaggi

Dettagli

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Fonti di Luce Oltre alla luce naturale il fotografo può utilizzare nella ripresa la luce artificiale. Può utilizzare quella disponibile nella scena da riprendere

Dettagli

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 Pagina 1 PREMESSA Un sogno fotografico difficilmente realizzabile con la pellicola è quello della fotografia panoramica. Usando la pellicola è necessario

Dettagli

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio blico Dominio MANUALE FOTO TESSERE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Codice Documento: #01Manuale Foto Tessera_Volontari_PCIV.rtf Revisione del Documento: 4 Stato della revisione del Documento: IN APPROVAZIONE

Dettagli

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE PHOTOSHOP ON LINE Massimo Picardello Progetto Campus One Redazione di Massimo Picardello, fotografia di Gianfranco Valle; strategia di ritocco con maschere elaborata da Gianfranco Valle IMMAGINI CON DOMINANTI

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

E-420 la più piccola al mondo la preferita dal pubblico femminile da chi fa fotografia naturalistica

E-420 la più piccola al mondo la preferita dal pubblico femminile da chi fa fotografia naturalistica Le reflex Olympus E-420 la più piccola al mondo la preferita dal pubblico femminile da chi fa fotografia naturalistica E-520 con una stabilizzazione eccellente perfetta per il viaggio E-3 la professionale

Dettagli

STAMPA DIGITALE. una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità. a cura di. mdj. Minetti Digital Job

STAMPA DIGITALE. una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità. a cura di. mdj. Minetti Digital Job STAMPA DIGITALE una procedura semplice ma efficace per ottenere stampe di alta qualità a cura di mdj Minetti Digital Job Mauro.Minetti@nikonista.it INDICE CAPITOLI PREMESSA LA RISOLUZIONE L INTERPOLAZIONE

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli