Corso Base di Fotografia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Base di Fotografia"

Transcript

1 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto inquadrato più grande o più piccolo, - è l obiettivo a permettere di allargare l ampiezza della scena inquadrata. - è l obiettivo a permettere di rendere nitide quelle parti della scena inquadrata apparse poco definite. Tutto questo, attraverso una serie di lenti che, all interno dell'obiettivo, si muovono lungo un asse centrale per: - allargare o restringere l ampiezza della scena inquadrata - avvicinare o allontanare il soggetto inquadrato senza che l utente si sposti dal punto di ripresa - trovare sul piano del sensore, quel determinato punto ove l immagine possa apparire perfettamente nitida, punto denominato di "FUOCO (F)", Fotografia e Luce, sono strettamente connesse fra loro in quanto senza luce non sarebbe possibile scattare fotografie. D altronde è la luce a permettere noi di vedere tutto quello che sta intorno ed è la stessa luce che, entrando nell obiettivo, va a ricostruire sul sensore, l immagine della scena inquadrata. Scena composta da diversi elementi e tutti illuminati dalla stessa luce che, sotto forma di raggi luminosi, prima colpisce i vari elementi della scena e poi entra nell obiettivo per raggiungere il Sensore. Raggi luminosi che passano attraverso una serie di lenti il cui compito importante è quello di ridurre tutti quei fattori che, per effetti naturali, portano disturbi alla ricostruzione dell immagine sul sensore. - By Antonio Rende

2 02 LUNGHEZZA FOCALE, ANGOLO DI CAMPO E CLASSIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI All interno degli obiettivi, una serie di lenti si muovono lungo un asse centrale, per allontanarsi o avvicinarsi al sensore, determinando una precisa distanza che, espressa in millimetri, è denominata LUNGHEZZA FOCALE Da questa dipenderà l ampiezza dell immagine della scena inquadrata, che in fotografia è identificata sotto il nome di ANGOLO DI CAMPO. Quando più le lenti si avvicinano al sensore, la lunghezza focale diventa più corta (esempio da 30mm a 24mm, a 18mm) e l angolo di campo più largo in quanto aumenta l ampiezza della scena inquadrata mentre gli elementi che la compongono tendono a divenire più piccoli alla visione del mirino o display. Quando più le lenti si allontanano dal sensore, la lunghezza focale diventa più lunga (esempio da 70mm a 135mm, a 300mm) e l angolo di campo più stretto in quanto si riduce l ampiezza della scena inquadrata, mentre gli elementi che la compongono tendono a divenire più grandi alla visione del mirino o display. Dalla lunghezza focale dipenderà la classificazione degli obiettivi: Grandangolari, Tele, Normali. Si definiscono Normali gli obiettivi la cui lunghezza focale è pari a 50 millimetri. Lunghezza per il quale è garantita la stessa visione dell'occhio umano, la visione di un ampiezza pari a 46 gradi, la visione familiare di ciò che si vede ad occhio nudo con le proporzioni e le distanze che appaiono abituali. Obiettivi Ideali per panorami, ritratti e foto ravvicinate. Si definiscono Tele gli obiettivi la cui lunghezza focale è superiore a 70mm. Lunghezza per il quale si ha una visuale più piccola della scena inquadrata ma un maggiore avvicinamento del soggetto inquadrato che ad occhio nudo risultava poco visibile. Obiettivi ideali per primi piani e ritratti. Si definiscono Grandangolari gli obiettivi la cui lunghezza focale è inferiore a 35mm. Lunghezza per il quale si ha una visuale più ampia della scena inquadrata e ove gli elementi che la compongono si allontanano divenendo più piccoli. Minore è la focale e maggiore sarà l angolo di campo per cui un 18mm garantisce un'ampiezza maggiore rispetto ad un 35mm. Obiettivi ideali per panorami e per foto da interno dove gli spazi di movimento sono limitati. By Antonio Rende

3 03 SENSORI E LORO DIMENSIONI, PIXEL E RISOLUZIONE. All interno delle macchine fotografiche, l'immagine della scena inquadrata, viene su un piccolo elemento chiamato SENSORE, ossia un un chip suddiviso in tanti piccoli riquadri ognuno dei quali contenente dei FOTODIODI. Piccoli elementi che quando colpiti dalla luce, si caricano di energia luminosa per poi far divenire tensione elettrica generando così un segnale analogico, successivamente convertito in digitale da un convertitore analogico/digitale (A/D) Ogni FOTODIODO, registra ogni piccola informazione riguardante la scena inquadrata e si trasforma poi in un piccolo punto chiamato PIXEL che insieme a tanti altri, vanno poi a formare l'immagine della stessa scena. Il numero totale dei PIXEL determina la RISOLUZIONE del sensore, numero importante per la definizione dell'immagine in quanto a più pixel corrispondono più informazioni che garantiscono una migliore definizione dell'immagine quando visualizzata su grandi schermi o stampata in grandi dimensioni. Pixel più grandi significa Pixel di maggiore Densità in quanto si caricano di maggiore energia luminosa, generando segnali più puliti e quindi garantire immagini di qualità superiore. Di conseguenza Sensori più grandi ospitano Pixel di maggiori dimensioni ed ecco allora che diventano importanti le dimensioni dei Sensori perchè a Sensori più grandi, corrispondono Pixel di maggiore dimensioni e quindi maggiore Densità. Proprio per via delle loro dimensioni, i sensori sono classificati in tre categorie: - Formato Pieno (comunemente chiamati FULL-FRAME); - Formato Ridotto (comunemente chiamati APS); - Formato Piccolo. Il formato Piccolo è quello di dimensioni più piccole. Sono i Sensori che montano le macchine COMPATTE e BRIDGE

4 Il Formato PIENO (FULL-FRAME) è il formato più grande le cui dimensioni sono uguali a quelle della pellicola e cioè pari a 24x36 millimetri. Sono i sensori che montano le Reflex professionali e sono quelli dalla qualità d'immagine più elevata. Il Formato RIDOTTO (APS -Advanced Photo System) le cui dimensioni sono più piccole del fotogramma delle pellicole e variano a seconda del costruttore. Per questi non esiste una misura standard in quanto variano uno dall altro di pochi millimetri. Sono i sensori montati dalle Reflex semiprofessionali e Mirrorless (Compact System Camera). I sensori a "Formato Ridotto" sono classificati in tre categorie principali: - Il più comune fra tutti è il formato "APS-C" le cui dimensioni misurano 22,2x14,8 millimetri; - il formato "APS-H" le cui dimensioni misurano 28,1x18,7 millimetri; - infine il formato "Quattro/Terzi" le cui dimensioni sono 13x17 millimetri. Sensori di dimensioni maggiori, oltre a garantire qualità d immagine più elevata, riproducono anche angolo di campo più ampi, il che significa che uno stesso obiettivo, montato su Reflex con sensori di dimensioni diverse, produrrà angoli di campo differenti. Ciò vuol dire che l angolo di campo non dipende solo dalla lunghezza focale di un obiettivo, ma anche dalle dimensioni del sensore montato nella Reflex. By Antonio Rende

5 04 FATTORE DI MOLTIPLICAZIONE L ampiezza della scena inquadrata dipende si dalla lunghezza focale dell obiettivo ma anche dalle dimensioni dei sensori in quanto Sensori di dimensioni più grandi, offrono la possibilità di catturare parti di scene più ampie. Le reflex a Formato Pieno, avendo sensori più grandi, riescono a riprodurre angoli di campo più ampi mentre le reflex a Formato Ridotto, offrono TELE più spinti in quanto caratterizzati da un Fattore denominato di moltiplicazione che tende ad aumentare la lunghezza focale. E proprio di ogni sensore e si tratta di un numero da moltiplicare per la lunghezza focale dell obiettivo, un numero ottenuto dal rapporto tra la misura della diagonale del sensore a Formato Pieno (43mm) e quella del sensore a Formato ridotto presente nella reflex su cui è montato lo stesso obiettivo. La lunghezza focale nominale è quella riportata sull obiettivo (esempio 18-55mm), ma quella reale la si ottiene moltiplicando la nominale per il fattore di moltiplicazione. Quindi un 18-55mm, montato su una reflex a Formato Ridotto le cui dimensioni del sensore misurano 23,6x15,7mm, si trasforma in 27-82,5mm perchè moltiplicando la lunghezza nominale per il fattore di moltiplicazione (in questo caso è 1,5 ), fa si che 18mm diventi 27mm (18 x 1,5) e 55mm diventi 82,5mm (55 x 1,5) Con questo si capisce perché l angolo di campo dipende dalle dimensioni del sensore oltre che dalla lunghezza focale dell obiettivo e quindi ecco perché uno stesso obiettivo, montato su Reflex con sensori di dimensioni diverse, produce angoli di campo differenti

6 La misura della diagonale la si ottiene dalla radice quadrata della somma dei quadrati delle due dimensioni del sensore. Mentre il Fattore di Moltiplicazione lo si ottiene dal rapporto tra la misura della diagonale del sensore a Formato Pieno (43mm) e quella del sensore a Formato Ridotto Per i sensori delle reflex a Formato Pieno, la misura è unica ed è standard, vale a dire 24x36mm che rappresenta la misura del fotogramma di una pellicola. Per i sensori delle reflex a Formato Ridotto non esiste una misura unica in quanto questi si presentano in diverse dimensioni che cambiano per via dei vari costruttori. Visto che i sensori delle reflex a Formato Ridotto si presentano in dimensioni diverse, anche il fattore di moltiplicazione si presenta con valori differenti quali 1,3x 1,5x 1,6x Per quanto riguarda la classificazione dei diversi obiettivi, Tecnicamente si definisce Normale l obiettivo la cui misura della lunghezza focale si avvicina a quella della diagonale del sensore, Tele quando è maggiore e Grandangolo quando è minore. - By Antonio Rende

7 05 RAPPORTO TRA TEMPI E APERTURE Una buona fotografia è data dalla giusta quantità di luce arrivata al sensore, quantità determinata dal rapporto fra Tempi ed Aperture, due parametri importanti per la determinazione dell esposizione di una fotografia. Quantità eccessiva di luce genera fotografie troppo chiare e definite per l appunto SOVRAESPOSTE a causa di eccessiva luminosità: Scarsa quantità di luce, genera fotografie scure e definite per l appunto SOTTOESPOSTE a causa della poca luminosità La giusta quantità di luce da far arrivare al sensore, consentirà di ottenere fotografie definite CORRETTAMENTE ESPOSTE evitando così fotografie troppo chiare o scure La luce illumina il soggetto inquadrato e rimbalzando su di esso, entra nell obiettivo della macchina fotografica ove l ESPOSIMETRO, ne determina la quantità indicandone se è eccessiva o poca.

8 Qui inizia il gioco, il gioco più bello del mondo: determinare il giusto rapporto fra Tempi e Aperture. E come voler riempire un secchio d acqua in un determinato e tempo e per cui bisognerà calibrare bene l apertura del rubinetto per evitare di far uscire tanta acqua o poca I tempi sono regolati dall OTTURATORE, una tendina posta davanti al sensore che si apre e si chiude per permettere alla luce di arrivare al sensore in un determinato tempo. Tempo per il quale dipenderà la quantità di luce in quanto: tempi più veloci consentiranno alla luce di entrare in quantità minima; tempi più lenti consentiranno alla luce di entrare in quantità maggiore. Le aperture sono regolate dal DIAFRAMMA, un foro attraverso il quale entra la luce, un foro che si apre divenendo più grande e si chiude divenendo più piccolo: aperture più grandi del foro, permetteranno alla luce di entrare in quantità maggiore; aperture più piccole del foro, permetteranno alla luce di entrare in quantità minore. Il rapporto tra tempi ed aperture, determina quella che in fotografia si chiama << ESPOSIZIONE >> ovvero la quantità di luce che determina l aspetto finale di una fotografia - By Antonio Rende

9 06 INIZIAMO CON LA PRATICA La foto qui accanto, mostra come tenere in mano una Reflex, si afferra l impugnatura laterale con la mano destra tenendo l indice sul pulsante di scatto mentre l obiettivo posa tra il palmo e le dita della mano sinistra in modo tale da riuscire a ruotare le ghiere intorno allo stesso obiettivo. Si, intorno all obiettivo troviamo due ghiere che ruotano per regolare la lunghezza focale e la messa a fuoco manualmente L indice della mano destra posa sopra il pulsante di scatto che opera in tre modi: - scatto per intero premendo lo stesso fino in fondo e lasciando a scatto avvenuto; - scatto per metà premendo lo stesso fino a metà corsa per azionare la messa a fuoco automatica - Scatto continuo tenendo premuto lo stesso fino in fondo per azionare una serie di scatti veloci, uno dietro un altro.

10 La messa a fuoco permette di correggere quelle parti di scena risultate poco definite o comunemente definite sfocate, può avvenire in due modi: - In Manuale quando è gestita manualmente dall utente attraverso la rotazione della suddetta ghiera intorno all obiettivo (MF) - In Automatico quando è gestita autonomamente dalla macchina attraverso la pressione del pulsante di scatto fino a metà corsa (AF) Sull obiettivo è posto il selettore AF/MF che permette di scegliere come regolare la messa a fuoco: In automatico quando il selettore è impostato su << AF >> che sta per AUTOFOCUS In manuale quando il selettore è impostato su << MF >> che sta per MANUALFOCUS e permette all utente di ruotare la Ghiera di messa a fuoco L altra ghiera ruota per avvicinare o allontanare il soggetto inquadrato rendendolo più grande o più piccolo alla visione del mirino o display senza spostarsi dal punto di ripresa ( la nominata funzione Zoom ) Di conseguenza, avvicinando o allontanando il soggetto inquadrato, si va a determinare l angolo di campo definendo l ampiezza della scena inquadrata. - By Antonio Rende

11 07 OTTURATORE CON RELATIVI TEMPI DI SCATTO E MODALITA DI PRIORITA DI TEMPI Tempi più corti e veloci permettono alla luce di arrivare al sensore in quantità minore, mentre tempi più lunghi, al contrario, permettono alla luce di arrivare in quantità maggiore. Ad identificare i TEMPI, sono dei valori numerici che rappresentano secondi o frazioni di secondi ove 1 secondo rappresenta un tempo più lento di 1/30(un trentesimo) di secondo, mentre 1/1000(un millesimo) di secondo rappresenta un tempo più veloce di 1/500(un cinquecentesimo) di secondo. Ne segue così una scala formata da diversi valori che vanno da 1 secondo fino ad arrivare a 1/8000 (un otto millesimi) di secondo così rappresentati: 1 sec. 1/30 1/60 1/125 1/250 1/500 1/1000 e visualizzati sia sul display che sul mirino delle Reflex Il passaggio da un tempo verso un altro, in fotografia si chiama STOP ed ecco allora che il passaggio da 1/125(un centoventicinquesimi) di secondo verso 1/60(un sessantesimo) di secondo determina un prolungamento di tempi pari ad UNO STOP Il passaggio da 1/125(un centoventicinquesimi) di secondo verso 1/500(un cinquecentesimo) di secondo determina una riduzione di tempi pari a DUE STOP

12 Bene, a questo punto non rimane altro che prendere in mano una Reflex ed iniziare a fare qualche scatto giocando con i tempi, a noi il compito di regolare i tempi e alla macchina quello delle aperture. Ad ogni tempo da noi scelto, lasciamo decidere alla machina quale valore di diaframma associare, è il modo in cui si opera in modalità di PRIORITA DI TEMPI (S) che andremo a selezionare attraverso la ghiera di selezione posta sulla Reflex: Sarà importante osservare quale apertura di diaframma la macchina sceglie per ogni tempo da noi impostato. E allora tutti pronti a scattare perché con la reflex si scatta e tutti insieme diciamo: CLICK SI SCATTA - By Antonio Rende

13 08 DIAFRAMMA CON RELATIVE APERTURE E MODALITA DI PRIORITA DI DIAFRAMMA Aperture più grandi permettono alla luce di entrare nell obiettivo in quantità maggiore, mentre Aperture più piccole permettono alla luce di entrare nell obiettivo in quantità minore. A identificare le APERTURE, sono sempre dei valori numerici che preceduti da F/, identificano la grandezza dell apertura ove F/5.6 rappresenta un apertura più grande di F/8, mentre F/32 rappresenta un apertura più piccola di F/22. Ne segue così una scala formata da diversi valori che vanno da F/5.6 fino ad arrivare a F/32 così rappresentati: F/5.6 F/8 F/11 F/16 F/22 F/32.. e visualizzati sia sul display che sul mirino delle Reflex Il passaggio da un apertura verso un altra, in fotografia si chiama STOP ed ecco allora che il passaggio da F/11 verso F/8 determina un apertura di diaframma pari ad UNO STOP Il passaggio da F/11 verso F/22 determina una chiusura di diaframma pari a DUE STOP

14 Riprendiamo la Reflex in mano e riprendiamo a fare qualche altro scatto giocando stavolta con le aperture, a noi il compito di regolare le aperture del diaframma e alla macchina quello dei tempi. Ad ogni apertura da noi scelta, lasciamo decidere alla machina quale tempo di scatto associare, è il modo in cui si opera in modalità di PRIORITA DI DIAFRAMMA (A) che andremo a selezionare attraverso la ghiera di selezione posta sulla Reflex Sarà importante osservare quali tempi la macchina sceglie per ogni Apertura da noi regolata. E allora pronti a riprendere la Reflex in mano per fare altri scatti e nuovamente diciamo: CLICK SI SCATTA - By Antonio Rende

15 09 MODALITA PROGRAM (P) E RAPPORTO FRA TEMPI ED APERTURE La modalita PROGRAM, identificata attraverso la lettera P, rappresenta la modalità ove è possibile scegliere di regolare separatamente quelli che sono TEMPI o APERTURE. Mentre l utente regola un parametro, la macchina di conseguenza provvede a regolare l altro, l utente potrà scegliere in qualsiasi momento di regolare l uno o l altro parametro. Mi spiego meglio: se l utente sceglie di regolare i tempi, la macchina provvede a regolare le aperture; viceversa se l utente sceglie di regolare le aperture, la macchina provvede a regolare i tempi. Sia per tempi che per Aperture, ad ogni valore da noi scelto, di conseguenza la macchina provvede a regolare il valore dell altro parametro. Noteremo che in Modalità PROGRAM, al variare di un parametro, automaticamente cambia l altro perché alla macchina non non basta cambiare solo un parametro. Per la macchina sarà importante far arrivare al sensore, la giusta quantità di luce e quindi determinare il giusto rapporto fra tempi e aperture. Se si sceglie di chiudere il diaframma aumentando il numero delle aperture (F/8 F/11 F/16), la macchina provvede a recuperare parte della luce persa rendendo i tempi dell otturatore più lunghi e per cui più lenti (1/125 1/60 1/30). Se si sceglie di velocizzare i tempi dell otturatore diminuendo le frazioni di secondi (1/125 1/250 1/500), la macchina provvede a recuperare parte della luce persa rendendo i diaframmi più aperti e per cui valori più piccoli di F (F16 F/11 F/8).

16 Tempi e Aperture camminano sempre insieme ma in modo inversamente proporzionale perché all aumentare del valore di uno, diminuisce il valore dell altro ed ecco perché diremo l uno reciproco dell altro. Determinare il giusto rapporto tra tempi e aperture significa ottenere diverse combinazioni di coppie TEMPI/APERTURE equivalenti, in quanto aprendo il diaframma mentre si velocizzano i tempi dell otturatore, o viceversa rallentando i tempi dell otturatore mentre si chiude il diaframma, la quantità di luce che arriva al sensore, sarà sempre la stessa. Questo fa sì che per diaframma e tempi valgano le seguenti relazioni: - un valore di diaframma (esempio F/4) fa entrare esattamente la metà della luce del valore del diaframma più aperto(f/2.8) e il doppio della luce del valore del diaframma più chiuso (F/5.6); - il valore 1/250 (un duecentocinquantesimo di secondo) fa entrare il doppio della luce rispetto al valore di tempo più veloce (1/500 di secondo) e la metà del valore di tempo più lento (1/125 di secondo). In pratica, se si dimezza la dimensione del diaframma e si raddoppia il tempo, la luce che arriva al sensore è sempre la stessa... Scegliere solo di aprire o chiudere il diaframma, non basta in quanto cambiando la quantità di luce che arriva al sensore, bisogna sempre scegliere anche il tempo di esposizione da associare ed ecco allora che per ogni situazione, è necessario fare delle correzioni sui due parametri per determinare il giusto rapporto fra Tempi e Aperture facendo arrivare al sensore la giusta quantità di luce, questo è quello che la macchina esegue in Modalità PROGRAM Attraverso il mirino o display della macchina fotografica, è possibile visualizzare le variazioni di Aperture e Tempi: Click si scatta, è arrivato il momento di fare qualche scatto in modalità PROGRAM, fate tanti scatti e cercate di ripetere lo stesso scatto più volte modificando Tempi e Aperture. Osservate bene come lavora la macchina e cioè quali valori essa associa ai parametri da voi scelti By Antonio Rende

17 10 ESPOSIMETRO E MODALITA DI SCATTO MANUALE (M) La macchina fotografica, lavora per far arrivare al sensore la giusta quantità di luce affinchè si possano ottenere immagini Correttamente Esposte, ma!.. - Come fa la macchina a determinare la giusta quantità di luce? - Come fa la macchina a stabilire quale sia la giusta quantità di luce? In tutte le macchine fotografiche è presente uno strumento atto a misurare la luce entrata per poi, in base a questa, determinare quelli che sono Tempi e Aperture corretti tali da poter fare arrivare al sensore la giusta quantità di luce. Una serie di sensori, situati all interno delle macchine, misurano l intensità della luce entrata per poi suggerire alla macchina quali valori di Tempi e Aperture utilizzare affinchè si possano ottenere immagini correttamente esposte: Uno strumento presente in tutte le macchine fotografiche che può essere di grande aiuto per iniziare a lavorare in Modalità Manuale: L ESPOSIMETRO. Uno strumento che ci indica se siamo in presenza di troppa luce o scarsa, uno strumento la cui misurazione è possibile visualizzare sia su mirino che Display delle Reflex:

18 Si tratta di una semplice barretta che presenta uno ZERO al centro e poi dei numeri he vanno da +1 a +2 verso destra e da -1 a -2 verso sinistra Prima di ogni scatto, un piccolo cursore indica la misurazione effettuata dall esposimetro. Lo ZERO rappresenta il valore esatto per ottenere immagini correttamente esposte. Quando il cursore si trova a DESTRA dello ZERO, significa che si è in presenza di luce eccessiva e quindi, per poter correggere l esposizione, bisogna chiudere il diaframma aumentando i valori F, o diminuire i tempi rendendo lo scatto più veloce. Quando il cursore si trova a SINISTRA dello ZERO, significa che si è in presenza di luce scarsa e quindi, per poter correggere l esposizione, bisogna aprire il diaframma diminuendo i valori F, o aumentare i tempi rendendo lo scatto più Lento.

19 Variando i due parametri, sarà possibile vedere il cursore muoversi verso lo ZERO per cui sarà semplice correggere l esposizione delle immagini prima di ogni scatto ma sarà importante tenere la macchina più ferma possibile per evitare problemi di mosso o micro-mosso. Un regola empirica insegna che, per evitare problemi di mosso nell uso della macchina a mano libera, il tempo di esposizione dovrebbe essere sempre inferiore all inverso della focale dell obiettivo. Mi spiego meglio con il seguente esempio: con un 50mm non si dovrebbero utilizzare tempi più lunghi di 1/60 di secondo La legge di reciprocità dice che, a parità di condizioni di luce, la stessa esposizione la si ottiene se aumentando un termine se ne diminuisce l altro dello stesso fattore. Per cui se si diminuisce di 1 STOP l apertura del diaframma, bisogna aumentare di 1 STOP il tempo dell otturatore per ottenere la stessa esposizione. E finalmente si scatta in Manuale, basta selezionare il simbolo M dalla ghiera di Selezione. Non abbiate fretta di scattare, ma osservate bene la lettura dell eposimetro, giocate con Tempi e Diaframmi, iniziate finalmente a disegnare con la luce e come sempre ricordate: CLICK SI SCATTA! By Antonio Rende

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Corso base di fotografia

Corso base di fotografia Corso base di fotografia Tecnica fotografica Elementi di base per l'utilizzo della macchina fotografica, Come si impugna una reflex Impugnatura verticale Impugnatura con teleobbiettivo Reflex e Bridge:

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili.

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili. O.Welles usa in "Quarto potere" in modo magistrale la Profondità di Campo, in questo modo evita gli stacchi e un oggetto inquadrato riesce a mettere a ''fuoco'' anche ciò che c'è dietro - stesso uso magistrale

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Conoscere i tipi di fotocamere Uno dei tanti libri di fotografia che avevo letto iniziava con un detto: Povero è il falegname che accusa

Dettagli

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia seconda lezione Docente: Gianluca Bocci Elementi costitutivi di una fotografia: Soggetto Inquadratura Momento Esposizione Messa a fuoco 2 Soggetto: determina il genere ed in un certo

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli

Guida Tecnica Professionale

Guida Tecnica Professionale Guida Tecnica Professionale www.nital.it Sommario Uso dei menu 4 Aiuti in linea del menu Help 6 Autofocus Messa a fuoco in autofocus 7 Dietro la porta 11 Inseguimento di soggetti critici in movimento discontinuo,

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Gli argomenti affrontati in questo seminario sono i seguenti: concetti di base la macchina fotografica l'esposizione l'obiettivo lo scatto la composizione il flash (o lampeggiatore)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Torino, 19 agosto 2010 Nital S.p.A. è lieta di presentare la Nikon D3100, la prima reflex digitale della

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex Dalla camera obscura alla fotocamera reflex LA FOTOGRAFIA Si fa risalire al francese Joseph Niepce (1765-1833) il primo risultato fotografico concreto. Egli infatti riuscì a registrare su tavole sensibilizzate

Dettagli

Lezione 2 Esposizione

Lezione 2 Esposizione Corso di fotografia di base 011 Lezione Esposizione Esposizione L esposizione, sia nei sistemi digitali che a pellicola, consiste nell eccitare i pixel del sensore o gli elementi fotosensibili di una pellicola

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A cura del prof. Gioacchino Giacò Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione. Il diaframma

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA

X-T1. Le nuove funzioni. Versione 4.00 DIGITAL CAMERA BL00004720-A02 DIGITAL CAMERA X-T1 Le nuove funzioni Versione 4.00 Alcune funzioni del prodotto possono differire da quelle descritte nel manuale a causa dell aggiornamento del firmware. Per maggiori informazioni

Dettagli

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Guida alle tecnologie per telecamere Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Introduzione Investire in un sistema di videosorveglianza di buona qualità è una mossa intelligente.

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Ottica fotografica. Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica

Ottica fotografica. Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica Ottica fotografica Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica Alessandro Farini alessandro.farini@inoa.it Istituto Nazionale di Ottica Applicata-CNR 2 luglio 2009 Alessandro

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica Corso di fotografia di base 2012 Lezione 1 Attrezzatura fotografica Fotocamere Tutte le fotocamere funzionano sostanzialmente alla stessa maniera. Il funzionamento richiede una scatola (oscura) con un

Dettagli

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi

CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE. a cura di Erminio Annunzi CORSO FOTOGRAFIA DIGITALE a cura di Erminio Annunzi TECNICA DIGITALE BASE INTRODUZIONE FOTOGRAFARE NON VUOLE SEMPLICEMENTE DIRE RIPRODURRE LA REALTA FOTOGRAFARE SIGNIFICA RAPPRESENTARE www.sitofotografo.it

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non

Dettagli

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 AVVERTENZA: QUESTA GUIDA SINTETICA D'INSTALLAZIONE È DESTINATA AI TECNICI ESPERTI. A COLORO CHE NON HANNO ESPERIENZA A RIGUARDO, SI RACCOMANDA

Dettagli

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Fonti di Luce Oltre alla luce naturale il fotografo può utilizzare nella ripresa la luce artificiale. Può utilizzare quella disponibile nella scena da riprendere

Dettagli

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo?

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo? SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Negli scorsi articoli abbiamo parlato a lungo della composizione come arbitrio creativo del fotografo e come parte fondamentale del messaggio artistico dello

Dettagli

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1.1 Stativo 1. Regolazione della messa a fuoco 2. Vite di bloccaggio 3. Anello di fissaggio 1.2 Microscopio digitale Tasto x fotografare Linea di indicazione dell ingrandimento

Dettagli

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 Comunicazioni alla stampa you can Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 PowerShot A800, una compatta digitale conveniente e facile da usare,

Dettagli

A ognuno il suo: l attrezzatura digitale

A ognuno il suo: l attrezzatura digitale A ognuno il suo: l attrezzatura digitale Senti, mi devo comprare una macchina fotografica, visto che sei un fotografo, cosa mi consigli? Credi che mi basteranno 10 megapixel? Quello della scelta dell attrezzatura

Dettagli

REGOLAMENTO FANTASTICI 4 50 LINEE

REGOLAMENTO FANTASTICI 4 50 LINEE REGOLAMENTO FANTASTICI 4 50 LINEE Slot machine a 5 rulli e 50 linee Lo scopo del gioco Fantastic 4 50 Lines è ottenere una combinazione vincente di simboli dopo la rotazione dei rulli. Per giocare: Il

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE ACCESSORI PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE Il moltiplicatore di focale costituisce una soluzione molto economica per espandere le potenzialità del proprio sistema fotografico: esaminiamone vantaggi

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT:

BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT: BLACK SLOT COME SI GIOCA A BLACK SLOT: Questo videogioco utilizza quattro display per informare il giocatore lungo tutto il corso della partita. Indicheremo questi display con le lettere A) B) C) D) per

Dettagli

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST Canon XL1s: nata per soddisfare gli utenti più esigenti Canon è alla continua ricerca di sistemi in grado di offrire una qualità d immagine superiore. Da questa

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

SKILL GAMES LE REGOLE DELLA SLOT A TORNEI PIERINO TENTA LA FORTUNA

SKILL GAMES LE REGOLE DELLA SLOT A TORNEI PIERINO TENTA LA FORTUNA SKILL GAMES LE REGOLE DELLA SLOT A TORNEI PIERINO TENTA LA FORTUNA La puntata unitaria minima è pari a 1 chips e la puntata unitaria massima è pari a 100 chips La puntata unitaria per 30 linee fisse è

Dettagli

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos: disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo

Dettagli

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub. FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.it 1 CONSIGLI PER FOTOGRAFARE SOTT ACQUA CON FOTOCAMERE

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

Ottiche Phase One Panoramica. Pronte per 100MP. e oltre. what the world s best photography is made of

Ottiche Phase One Panoramica. Pronte per 100MP. e oltre. what the world s best photography is made of Ottiche Phase One Panoramica Pronte per 100MP e oltre what the world s best photography is made of Ottiche Phase One Introduzione Ottiche Phase One Ottiche per Otturatore a Tendina La gamma di ottiche

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

Cenni di Macrofotografia

Cenni di Macrofotografia Cenni di Macrofotografia Definiamo il termine MACROFOTOGRAFIA Per comprendere il termine «Macrofotografia», bisogna necessariamente introdurre il concetto di «rapporto di riproduzione» o semplicemente

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

Termocamera testo 885 / testo 890. Guida rapida

Termocamera testo 885 / testo 890. Guida rapida Termocamera testo 885 / testo 890 Guida rapida Panoramica Uso della camera La camera può essere usata in due diversi modi. L'uso tramite touchscreen offre un veloce accesso a tutte le funzioni. L'uso tramite

Dettagli

Come fare foto panoramiche. Tutorial a cura di Roberto Gonella

Come fare foto panoramiche. Tutorial a cura di Roberto Gonella Come fare foto panoramiche Tutorial a cura di Roberto Gonella 1 Sommario Scattare le foto... 2 Montare le foto in sequenza... 5 Generare il panorama navigabile... 8 Tramite questo testo esemplificativo,

Dettagli

Guida di SpyderLENSCAL

Guida di SpyderLENSCAL Guida di SpyderLENSCAL L effetto Spyder Complimenti! Lo strumento acquistato fornisce prestazioni superiori per la misurazione e la regolazione della messa a fuoco della macchina fotografica e delle varie

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

FUJIFILM FinePix More than you imagined

FUJIFILM FinePix More than you imagined FUJIFILM FinePix More than you imagined PHOTOKINA 2008, COLONIA, GERMANIA, FUJIFILM Corporation espone, al Photokina 2008, gli ultimi modelli di fotocamere delle serie FinePix con lo slogan FUJIFILM FinePix.

Dettagli

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia prima lezione Docente: Gianluca Bocci Obiettivi del corso: NON imparare ad usare la propria fotocamera NON imparare a fare belle foto 2 Quindi a cosa serve il corso: Prendere coscienza

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Descrizione generale della tecnologia usata

Descrizione generale della tecnologia usata Descrizione generale della tecnologia usata Introduzione alla tecnica della fotografia interattiva a 360 Con il nostro servizio si possono creare immagini a 360 x 360, dando la sensazione al visitatore

Dettagli

Dieci zone per una foto

Dieci zone per una foto Page 1 of 7 Dieci zone per una foto [page 1 of 1] Il Sistema Zonale propagandato da Ansel Adams risale agli anni Quaranta, ma anche gli appassionati del tutto digitale dovrebbero sperimentarlo creativamente

Dettagli

Videocamera SD con grandangolo da 33 mm e Ultra Zoom 78x SDR-S50 è una camcorder ideale per l'uso di tutti i giorni:

Videocamera SD con grandangolo da 33 mm e Ultra Zoom 78x SDR-S50 è una camcorder ideale per l'uso di tutti i giorni: Videocamera SD con grandangolo da 33 mm e Ultra Zoom 78x SDR-S50 è una camcorder ideale per l'uso di tutti i giorni: l'ottima resistenza agli urti (come supporto di memoria utilizza le SDXC/SDHC/SD Memory

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1 Manuale Utente Versione 3.0 Giugno 2012 1 Manuale d uso di Parla con un Click Versione 3.0 Indice degli argomenti 1. Immagini Modificare le immagini - Modifiche generali delle immagini - Modifiche specifiche

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non complicate): disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo sarà come disegnare al meglio con la luce Ho scelto questa immagine

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows Basi di Informatica Il sistema operativo Windows Perchè Windows? MS-DOS: Interfaccia di solo testo Indispensabile conoscere i comandi Linux & Co. : Meno diffuso soprattutto nelle aziende Bella interfaccia

Dettagli

1. 22 2. 24 3. 26 4. 28 D800E

1. 22 2. 24 3. 26 4. 28 D800E Guida Tecnica It Introduzione In questa "Guida tecnica" vengono descritte nei dettagli le tecniche principali utilizzate per creare due delle foto tecnicamente più avanzate presenti nella brochure della

Dettagli

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Troppe foto mosse? La soluzione è a portata di mano: obiettivi stabilizzati Canon IS*!

Dettagli

SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA

SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA Qui sotto avete una griglia, che rappresenta una normale quadrettatura, come quella dei quaderni a quadretti; nelle attività che seguono dovrete immaginare

Dettagli

REGOLAMENTO TOP TRUMPS CELEBS

REGOLAMENTO TOP TRUMPS CELEBS REGOLAMENTO TOP TRUMPS CELEBS Slot machine a 5 rulli e 20 linee Lo scopo del gioco Top Trumps Celebs è ottenere una combinazione vincente di simboli dopo la rotazione dei rulli. Per giocare: Il valore

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Documento tecnico. Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo

Documento tecnico. Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo Documento tecnico Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo Sommario 1. Introduzione 3 2. Il puzzle della sensibilità alla luce 3 3. Non fatevi ingannare! 5 4. La scelta

Dettagli