Anno 2013 N. RF158. La Nuova Redazione Fiscale LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2013 N. RF158. La Nuova Redazione Fiscale LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA"

Transcript

1 Anno 2013 N. RF158 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 8 OGGETTO LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA RIFERIMENTI RM 48/2013; ART. 51 C. 8-BIS TUIR CM 207/2000 CIRCOLARE DEL 11/07/2013 Sintesi: in occasione del recente chiarimento dell Agenzia Entrate sull applicazione del credito d imposta spettante per imposte scontate in via definitiva all estero, si riepiloga il trattamento fiscale in relazione alle prestazioni di lavoro subordinato svolte all estero, con particolare riferimento al regime previsto: - dalle convenzioni bilaterali secondo il modello OCSE - per i lavoratori che rimangono fiscalmente residenti in Italia ed operano all estero per più di sei mesi. Si verifica sempre più spesso nella realtà economica attuale una mobilità dei lavoratori subordinati in ambito internazionale e ciò in relazione: sia a imprese italiane che inviano i propri dipendenti all estero sia a soggetti che in totale autonomia si recano all estero in cerca di lavoro. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL LAVORO ALL ESTERO Il lavoratore subordinato può svolgere la prestazione all estero a vario titolo: a) trasferta: si tratta di un trasferimento temporaneo (comunque inferiore a 183gg) della sede lavorativa in Italia per esigenze della propria impresa b) distacco: il datore di lavoro, nel proprio interesse, pone un suo dipendente a disposizione di un impresa terza, per l esecuzione temporanea di una determinata attività (art. 30 DLgs. 276/03); il dipendente rimane assunto dal datore di lavoro italiano c) assunzione all estero: il lavoratore viene fin dall origine assunto da un datore di lavoro estero (per trasferimento definitivo del dipendente o meno). Nel primo caso la tassazione viene in modo ordinario ed esclusivamente in Italia (la breve durata della trasferta non modifica mai la residenza fiscale del lavoratore). Più complessa è la situazione riferita agli altri due casi (trattati in modo identico per quanto attiene la tassazione del lavoratore), che si va nel seguito ad analizzare. TASSAZIONE DEI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO ALL ESTERO Gli elementi rilevanti fiscalmente (sia per il Tuir che per le convenzioni bilaterali) sono i seguenti: 1) residenza del lavoratore 2) durata della permanenza all estero 3) continuità ed esclusività dell attività lavorativa all estero RESIDENZA FISCALE DEL DIPENDENTE L art. 3 del Tuir dispone i seguenti principi fondamentali: A) soggetti fiscalmente residenti in Italia: sono tassati per tutti i redditi ovunque prodotti (cd. tassazione su base mondiale ) e compilano l Unico in ogni sua parte (incluse il quadro RW, il quadro RM per gli investimenti detenuti all estero, ecc.) B) soggetti non residenti fiscalmente in Italia: sono tassati in Italia solo per i redditi prodotti in Italia (non compilano l Unico se hanno un sostituto d imposta).

2 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 2 / 8 RESIDENZA FISCALE: un contribuente diviene fiscalmente residente in Italia se, alternativamente: a) residenza anagrafica: se è risultato iscritto al registro dell Anagrafe di un Comune italiano per almeno 183gg nell anno (presunzione assoluta). Tale presunzione viene vinta se il contribuente si iscrive nella sezione speciale Aire (dove dichiara il trasferimento all estero), dovendo anche in questo caso risultare iscritto per almeno 183 giorni iscrizione b) residenza effettiva: se ha dimorato in Italia per più di 183 gg nell anno, indipendentemente dalla iscrizione ad un registro anagrafico comunale, o di iscrizione nella sezione Aire N.B.: il concetto di residenza anagrafica coincide con quello di dimora abituale (ciò comporta l obbligo di iscriversi all anagrafe del Comune dove abitualmente si soggiorna). Esempio Tizio si è trasferito in Francia il 1/09/2012, iscrivendosi contestualmente alla sezione Aire del proprio registro anagrafico del comune di Verona, dove risiedeva. E fiscalmente residente in Italia nel 2012 (iscritto nella sezione ordinaria dell anagrafe per più di 183gg); dal 2013 è fiscalmente residente in Francia se permane più di 183gg fuori dall Italia. Casi particolari: la residenza fiscale rimane comunque in Italia nel caso di: trasferimento in un paese black list: vige una presunzione relativa (va fornita la prova contraria) centro dei propri interessi mantenuto in Italia: si verifica se il dipendente mantiene la famiglia (moglie e/o figli) in Italia, oppure il lavoratore opera a favore dello Stato italiano (diplomatici) convenzioni bilaterali: alcuni trattati (Svizzera, ecc.) prevedono che la residenza fiscale si assuma dal momento del trasferimento (cd. periodo frazionato ), indipendentemente dalla durata (dei 183gg). ISCRIZ. ANAGRAFE DEI RESIDENTI PER > 183 GG NELL'ANNO RESIDENZA FISCALE DEI CITTADINI ITALIANI ISCRIZIONE ALL'AIRE PER > 183 GG NELL'ANNO MA SOGGIORNO IN ITALIA PER > 183GG NELL'ANNO PERMNENZA DEL CENTRO DEI PROPRI INTERESSI IN ITALIA BASE IMPONIBILE Il reddito di lavoro dipendente prestato all estero va determinato: in generale: secondo un criterio analitico (art. 51 c. 1 Tuir): qualsiasi somma percepita di viene tassata se non espressamente esclusa dal Tuir in deroga: secondo un criterio forfettario (retribuzioni convenzionali ) se il lavoratore (fiscalmente residente in Italia) svolge l attività lavorativa all estero (art. 51 c. 8-bis Tuir): in via continuativa (non vi è dunque una mera trasferta ) come oggetto esclusivo del rapporto di lavoro soggiornando all estero per più di 183gg nell arco di 12 mesi (N.B.: non dell anno solare). Retribuzioni convenzionali: sono stabilite ogni anno con DM del Ministero del Lavoro; sono suddivise in base al tipo di lavoratore, operai e impiegati, quadri, dirigenti e giornalisti. CONVENZIONI BILATERALI OCSE La normativa italiana va raccordata con le disposizioni previste dai Trattati internazionali contro le doppie imposizioni sottoscritti dall Italia (che prevalgono sul Tuir, ove applicabili). Modello OCSE: si tratta di uno standard adottato per rendere omogenei i trattamenti fiscali tra i diversi Stati; esso è stato recepito dalla quasi totalità dei trattati stipulati dall Italia, con l unica rilevante eccezione riferita agli USA).

3 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 3 / 8 Con riferimento al Modello OCSE di convenzione, l art. 15 prevede che il reddito da lavoro dipendente svolto (a nulla rilevando la cittadinanza del lavoratore): da un soggetto residente in uno Stato (es: Italia) all interno del medesimo Stato (Italia) possono essere assoggettati solo in detto Stato (Italia) - tassazione esclusiva Esempio: Tizio (cittadino italiano) risiede ordinariamente in Germania e presta la propria attività lavorativa subordinata in Germania deve essere tassato esclusivamente in Germania. da un soggetto residente in uno Stato (es: Italia) all interno dell altro Stato (Germania) possono essere assoggettati anche in detto ultimo Stato - tassazione concorrente Esempio: Caio risiede fiscalmente in Italia ma è assunto come dipendente in Germania; sarà tassato: - in Germania (paese dove svolge la prestazione) - in Italia (principio di tassazione su base mondiale), spettando il credito d imposta per le scontate in via definitiva in Germania (art. 165 Tuir). da un soggetto residente in uno Stato (es: Italia) all interno dell altro Stato (Germania) possono essere assoggettati solo nello Stato di residenza (Italia) ove siano rispettate tutte le seguenti condizioni - tassazione esclusiva: 1) il dipendente soggiorni all estero (Germania) per meno di 183gg nell arco di 12 mesi 2) la retribuzione è pagata da (o per conto di) un datore di lavoro non residente nello Stato in cui è svolta la prestazione lavorativa (Germania) 3) l onere della retribuzione non è sostenuto da una stabile organizzazione del datore di lavoro nell altro Stato (Germania). Esempio: Sempronio risiede fiscalmente in Italia ma lavora in Germania per conto di un datore di lavoro italiano (privo di stabile organizzazione in Germania), dove soggiorna per un periodo superiore a 6 mesi; egli potrà essere tassato solo in Italia (invocando la convenzione bilaterale). CONVENZIONI e RETRIBUZIONE CONVENZIONALE : le fattispecie differisco nei seguenti aspetti: durata di permanenza all estero: più datate stipulate dall Italia vincolano alla verifica dei 183 giorni nel corso dell anno considerato (dunque dell anno solare ) e non nell ambito di 12 mesi, anche a cavallo d anno come per l applicazione delle retribuzioni convenzionali esclusività del rapporto: non è richiesta nelle convenzioni bilaterali (possono esservi più datori di lavoro). DIPENDENTE DI IMPRESA ITALIANA CHE LAVORA ALL'ESTERO PERMANENZA ALL'ESTERO < 183 GG IN 12 MESI TAX ESCLUSIVA IN ITALIA SULLE RETRIBUZIONI EFFETTIVE ALL'ESTERO IN ITALIA > 183 GG IN 12 MESI TAX CONCORRENTE DICH. dei REDDITI NEL PAESE ESTERO (con le RETRIB. EFFETTIVE) BUSTE PAGA con RETR. EFFETTE + CRED. D'IMP. PER IMP. ESTERE a CONGUAGLIO

4 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 4 / 8 CITTADINO ITALIANO CHE SI RECA ALL'ESTERO A LAVORARE PER IMPRESA ESTERA PERMANENZA ALL'ESTERO < 183 GG IN 12 MESI > 183 GG IN 12 MESI E' FISCALMENTE RESIDENTE IN ITALIA TASSAZIONE CONCORRENTE SE FISCALMENTE RESIDENTE IN ITALIA SE FISCALMENTE RESIDENTE ALL'ESTERO (v. sopra) ALL'ESTERO IN ITALIA BUSTE PAGA ESTERE con RETRIBUZIONI EFFETTIVE UNICO con RETR. EFFETTIVE + CRED. D'IMP. PER IMP. ESTERE TAX ESCLUSIVA ALL'ESTERO IN UNICO TASSA I SOLI REDD. "PRODOTTI" IN ITALIA (fondiari, ecc.) STABILE ORGANIZZAZIONE ALL ESTERO: se il datore di lavoro estero: - possiede una stabile organizzazione in Italia: diviene soggetto fiscalmente residente in Italia e dunque sarà ordinariamente soggetto a tutti gli obblighi dei datori di lavoro italiani (ritenute d acconto, ecc.) - in caso contrario: non è tenuto ad applicare alcuna ritenuta fiscale (1001, ecc.) sui redditi di lavoro dipendente imponibili in Italia prodotti dai propri dipendenti (i dipendenti dovranno presentare l Unico, tassando i redditi a quadro RM). Esempio1 ESEMPI DATORE DI LAVORO ITALIANO - RESIDENZA FISCALE IN ITALIA - PERMANENZA ALL ESTERO < 183 GG Tizio, residente a Milano e dipendente di una società italiana, in data 1/09/2012 viene trasferito a lavorare in Germania (dove non esiste stabile organizzazione). Il dipendente rimane in Germania per < 183 gg. Il reddito di lavoro dipendente: sarà tassato solo in Italia (essendo rispettate le 3 condizioni previste dall art.15 della Convenzione Italia-Germania) applicando in busta paga le ordinarie ritenute Irpef sull imponibile effettivo (in quanto la permanenza all estero è inferiore a 183gg) In Germania la società non ha alcun obbligo fiscale (è assente la stabile organizzazione), né il dipendente presenterà la dichiarazione dei redditi in Germania. DATORE DI LAVORO ITALIANO - RESIDENZA FISCALE IN ITALIA - PERMANENZA ALL ESTERO > 183 GG Nell Esempio1 precedente, si supponga ora che il dipendente si trasferisca in Germania a decorrere dal 1/05/2012 (permane in Germania per 8 mesi, ma non si è iscritto all Aire). Esempio2 in Germania: tramite dichiarazione dei redditi tedesca da parte del lavoratore in Italia: il datore di lavoro dovrà emettere delle buste paga con applicazione delle retribuzioni convenzionali (la permanenza all estero supera infatti 183gg); spetta il credito di imposta per le imposte versate in Germania (difficilmente potranno essere applicate dal datore di lavoro, in quanto le imposte all estero sono normalmente versate successivamente alle operazioni di conguaglio). In Germania la società non ha alcun obbligo fiscale (è assente la stabile organizzazione).

5 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 5 / 8 DATORE DI LAVORO ITALIANO - RESIDENZA FISCALE ESTERA Si ponga ora che Tizio risulti fiscalmente residente in Germania in quanto, congiuntamente: - si è iscritto all AIRE nel proprio Comune di ultima residenza - ha portato la propria famiglia con sé - si è recato in Italia per meno di 183 gg nel Esempio3 esclusivamente in Germania: con Dich. dei redditi tedesca da parte del lavoratore in Italia: la società datrice di lavoro non dovrà emettere alcuna busta paga. In Germania la società non ha alcun obbligo fiscale (è assente la stabile organizzazione). Il lavoratore presenterà l Unico PF per i soli eventuali redditi prodotti in Italia (es: redditi da locazione di fabbricati). N.B.: ove manchi anche uno solo dei requisiti per essere qualificato come fiscalmente non residente in Italia (es: ha soggiornato in Italia per più di 183gg), si tornerà alla tassazione di cui all Esempio1. Esempio4 Esempio5 DATORE DI LAVORO ESTERO - RESIDENZA FISCALE IN ITALIA Caio si reca a lavorare in Germania per una impresa tedesca, ma mantiene la residenza fiscale in Italia (in quanto, alternativamente, non si è iscritto all Aire, ha mantenuto la famiglia in Italia, oppure si è recato in Italia per più di 183 volte nel 2012). in Germania: l impresa tedesca emetterà delle buste paga, trattenendo le ritenute previste in Germania in Italia: tramite indicazione in Unico PF da parte del dipendente; laddove abbia soggiornato in Germania: > 183gg: dovrà tassare le retribuzioni convenzionali (art. 51 c. 8-bis Tuir), abbattendo proporzionalmente il credito d imposta per le imposte tedesche < 183gg: dovrà tassare le retribuzioni effettive, fruendo del credito d imposta pieno per le imposte tedesche (v. oltre). In Italia l impresa tedesca non ha alcun obbligo fiscale (non possedendovi una stabile organizzazione). DATORE DI LAVORO ESTERO - RESIDENZA FISCALE ALL ESTERO Nell Esempio4 precedente si ponga infine che il dipendente sia fiscalmente residente in Germania (si è recato in Italia per meno di 183 gg nel 2012). esclusivamente in Germania: tramite regolari buste paghe tedesche in Italia: il dipendente dovrà tassare i soli eventuali redditi prodotti in Italia. PRESENZA DI STABILE ORGANIZZAZIONE ALL ESTERO Esempio6 RESIDENZA FISCALE IN ITALIA Negli esempi 1 o 2 precedenti, si supponga che la società italiana possieda una stabile organizzazione in Germania, presso la quale distacca il proprio dipendente. Indipendentemente dalla durata della permanenza del lavoratore in Germania, il reddito di lavoro dipendente sarà tassato dalla società italiana: in Germania: tramite delle buste paga tedesche, assolvendo tutti i relativi obblighi in Italia: tramite delle buste-paga italiane che tasseranno le retribuzioni: effettive: se la permanenza del lavoratore è < 183gg nei 12 mesi convenzionali: in caso contrario.

6 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 6 / 8 In Italia il dipendente presenterà l Unico PF indicando le retribuzioni: effettive: se è rimasto in Germania < 183gg nei 12 mesi, scomputando il credito d imposta pieno per le imposte pagate in via definitiva in Germania convenzionali: se è rimasto in Germania > 183gg nei 12 mesi, scomputando il credito d imposta abbattuto nella proporzione tra retrib. convenzionali/retrib. effettive (v. oltre) RESIDENZA FISCALE ALL ESTERO Si supponga infine che nell Esempio3 precedente la società italiana posseggo una stabile organizzazione in Germania, presso la quale va a lavorare il dipendente. Esempio7 esclusivamente in Germania: tramite buste paga tedesche emesse dalla stabile organizzazione, assolvendo tutti i relativi obblighi in Italia: la società non avrà alcun obbligo fiscale In Italia il dipendente presenterà l Unico PF per i soli eventuali redditi prodotti in Italia. RETRIBUZIONI CONVENZIONALI In generale il trasferimento (o il distacco presso imprese terze) all estero per lunghi periodi prevede la corresponsione di particolari elementi retributivi (nel caso, invece di brevi trasferte, i CCNL prevedono in generale la sola corresponsione delle ordinarie indennità di trasferta), finalizzati a compensare il disagio, neutralizzare l effetto tributario del paese estero, ecc. Tassazione sulla base delle retribuzioni convenzionali: le maggiori indennità dovute a causa del trasferimento all estero non rilevano, dovendosi comunque fare riferimento agli importi stabiliti dall apposito decreto ministeriale per il periodo d imposta. Individuazione delle fasce di retribuzione : per "retribuzione nazionale" deve intendersi il trattamento previsto dal CCNL diviso 12 (cioè su base mensile), comprensivo degli emolumenti riconosciuti per accordo tra le parti e con esclusione dell'indennità estero (Circ. Min. Lav. n. 72/1990). Esse sono individuate con DM interministeriale del Ministero del Lavoro ed del MEF; in relazione: all anno 2013: con DM del 7/12/2012 all anno 2012: con DM del 24/01/2012 Non includono tutti i CCNL (in caso di mancata corrispondenza occorrerà fare riferimento al CCNL più simile per caratteristiche) e sono suddivisi per tutte le qualifiche. DEDUCIBILITA DEI CONTRIBUTI ESTERI In tutti i casi in cui al dipendente sia trattenuta una quota di contributi esteri (a tal fine vanno anche ai fini previdenziali l Inps ha provveduto a stipulare una serie di trattati bilaterali): indipendentemente dal regime di deducibilità di tale trattenuta dalle imposte estere (alcuni paesi non li considerano deducibili) in Italia: a) va tassata la retribuzione lorda prodotta all estero (su tale reddito va determinato il credito d'imposta per imposte estere a quadro CR) b) potendo dedurre detti contributi a rigo RP1 (CM 137/1997). Certificazione estera: tali dati potranno essere desunti da una certificazione rilasciata dal datore di lavoro estero (in generale anche all estero è previsto il rilascio di un documento analogo al CUD italiano); in alternativa, si dovrà procedere alla sommatoria delle voci dei cedolini paga esteri ricevuti.

7 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 7 / 8 IL CREDITO PER LE IMPOSTE PAGATE ALL ESTERO Con la recente RM 45/2013, l'agenzia ha fornito chiarimenti sulla determinazione del credito d'imposta per le imposte pagate in via definitiva all estero (art.165 Tuir) da indicare nel quadro CR di Unico PF, in caso di applicazione delle retribuzioni convenzionali (art. 51 c. 8-bis Tuir). MECCANISMO IN GENERALE: il credito per le imposte pagate all estero spetta: a) applicando all Irpef lorda il seguente rapporto: reddito prodotto all estero reddito complessivo b) nel limite dell Irpef netta relativa all anno di produzione del reddito estero c) tenendo conto dell eventuale credito già utilizzato nelle precedenti dichiarazioni, riferito allo stesso anno di produzione del reddito. Credito in presenza di retribuzioni convenzionali: l art. 36 DL 223/2006 ha introdotto una norma di interpretazione autentica secondo cui: in caso di reddito calcolato convenzionalmente in misura ridotta il credito d'imposta spetta in modo proporzionale al reddito estero che concorre alla formazione del proprio reddito complessivo. In relazione ai dubbi sorti sulle modalità di calcolo del rapporto proporzionale, la recente RM 48/2013 ha chiarito che: le imposte pagate all estero a titolo definitivo vanno ridotte in proporzione al rapporto tra: la retribuzione convenzionale il reddito di lavoro dipendente che sarebbe stato tassato in Italia ove fosse stato prodotto in Italia (se il dipendente avesse percepito gli stessi emolumenti senza alcun trasferimento). Ne segue che: il credito d imposta pieno di cui avrebbe fruito il reddito in caso di tassazione analitica deve essere ridotto nella misura in cui effettivamente il reddito è assoggettato ad imposizione in capo al dipendente residente. Esempio: se le retribuzioni convenzionali sono pari a 100, ma le retribuzioni che sarebbero tassabili in via ordinaria in Italia sono pari a 160, le imposte pagate all estero (da indicare nel quadro CR) rilevano in Italia solo per il 62,50% (100/160) del relativo ammontare. L'interpretazione trova conferma, oltre che nella ratio della norma, nel dato letterale dell art. 165, c. 10 del TUIR, che trova applicazione nel caso in cui il reddito prodotto all estero concorra parzialmente alla formazione del reddito complessivo ; per individuare l ammontare del reddito prodotto all estero devono applicarsi le disposizioni contenute nell art. 51 del TUIR, ad esclusione del comma 8-bis. Esempio Un quadro dell industria nel 2012 viene distaccato in Cina per 18 mesi. Ha una retribuzione lorda mensile di ,67 (per 13 mensilità) così composta: paga base 1.614,00, indennità di funzione 41,32, superminimo assorbibile 1.558,11, scatti di anzianità 12,24, straordinario forfetizzato 450,00. Viene poi pattuita una indennità estero mensile di ; sul totale delle retribuzioni lorde ( ,57) sarà elaborata la busta paga in Cina. La retribuzione mensile di riferimento per determinare le retribuzioni convenzionali viene calcolata come segue: 3.675,67 X 13 : 12 = 3.981,98 Il dipendente si pone quindi nella II fascia: la retribuzione convenzionale è pari a ,98.

8 Redazione Fiscale Info Fisco 158/2013 Pag. 8 / 8 Sulla base di tale retribuzione lorda verrà ordinariamente elaborato il cedolino paga in Italia, calcolandovi l Inps (contributo c/dip. 9,19% di c/azienda) e l Irpef (supposto pari a ). Il compenso netto pagato dall impresa sarà dunque pari a ,57 (cioè ,57 retribuzione mensile indennità estero Irpef + Inps c/dip.). Al dipendente viene quindi rilasciato: il CUD 2013 italiano che riporta i seguenti dati: retribuzione lorda: ,76 ( ,98 per 12 mensilità) Irpef netta: (si trascurano le addizionali Irpef) un Cud cinese, che si supponga riporti i seguenti dati: retribuzione lorda: ,84 ( ,57 per 12 mensilità) imposte dirette cinesi: Il dipendente presenta l Unico 2013 (si suppone l assenza di altri redditi e di deduzioni/detrazioni Irpef): a) quadro RC: il reddito italiano di e le relative ritenute di b) quadro CR: il credito d imposta calcolato come segue: x / / x Minore tra: e Nota: si ritiene che sia la sola imposta estera ad esposta ragguagliata all incidenza delle retribuzioni convenzionali su quelle effettive, non anche reddito estero (col. 3); ciò comporta il calcolo di una Quota di imposta lorda (col. 10) molto elevata, per quanto non utilizzabile perché superiore all imposta estera ragguagliata (nulla cambierebbe ove fosse indicato un reddito estero anch esso ragguagliato). c) quadro RN: sarà utilizzabile come credito d imposta le imposte cinesi ragguagliate (all incidenza delle retribuzioni convenzionali su quelle effettive), pari a La dichiarazione chiuderà a credito (rigo RN42) di pari importo

RISOLUZIONE N. 48/E. Roma, 8 luglio 2013

RISOLUZIONE N. 48/E. Roma, 8 luglio 2013 RISOLUZIONE N. 48/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Uffici dell'amministrazione finanziaria Riduzione imposta estera ex art. 165, comma 10, del TUIR Redditi

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014 MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Milano, 2 ottobre 2014 Fiscalità internazionale e doppia imposizione L invio di un dipendente all estero comporta, in molti casi, la soggezione alla potestà impositiva

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014.

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 146 21.05.2014 La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014 Quadro RL e RW Categoria: Unico Sottocategoria: Persone fisiche La proprietà o

Dettagli

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO Dott. Filippo Campailla S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A C A M P A I L L A Studio: Trieste - IT - 34121 Trieste,

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Anno 2015 N.RF039. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2015 N.RF039. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2015 N.RF039 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 5 OGGETTO ECCEDENZE DI RITENUTE E CREDITO DA ASSISTENZA FISCALE SOLO IN F24 RIFERIMENTI ART. 15 D.LGS. 175/2014;

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Sonia Tripaldi Bologna, 15 maggio 2014 Indice degli argomenti La residenza fiscale dei lavoratori la disciplina prevista dal TUIR Analisi di alcuni documenti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 (Compensi erogati a soggetti non residenti) Con questa nota informativa i Visiting Professor e Researcher hanno a disposizione: 1. una guida ai documenti che dovranno

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO FEDERTURISMO - CONFINDUSTRIA Roma, 23 settembre 2009 LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI ED A PROGETTO Relatore: avv. Benedetto Santacroce STUDIO LEGALE TRIBUTARIO SANTACROCE-PROCIDA-FRUSCIONE

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO RISOLUZIONE N. 471/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Persone fisiche - Disciplina dell acquisto

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Iniziamo la pubblicazione di una serie di interventi di approfondimento sulle novità del modello Cud 2008. Si parte con l analisi

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 7 PART TIME E PREPENSIONAMENTO Premessa L art. 1 comma 284 della legge 208/2015 introduce uno strumento di flessibilità per lavoratori prossimi

Dettagli

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione:

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Indicazioni sulla Compilazione dei Quadri del Modello 730/2012 in presenza di CUD 2012 Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Reddito lavoro

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI Anno 2010 N. RF115 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 OGGETTO RIFERIMENTI 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI ISTRUZIONI MINISTERIALI CIRCOLARE DEL 06/07/2010 Sintesi: si riepilogano

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 giugno 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA Spa SIM; Art. 165 del D.P.R. 22 dicembre

Dettagli

Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni

Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 17.03.2015 Soggetti non residenti: novità detrazioni e deduzioni UNICO PF 2015 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone fisiche

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

8.1. Trasferte dei dipendenti

8.1. Trasferte dei dipendenti 8.1. Trasferte dei dipendenti Capitolo 8 TRASFERTE La disciplina normativa delle indennità e dei rimborsi spese che il datore di lavoro corrisponde al dipendente quando quest ultimo svolge la propria prestazione

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO FONTEDIR Fondo Pensione Complementare Dirigenti Gruppo Telecom Italia FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DIRIGENTI GRUPPO TELECOM ITALIA in forma abbreviata FONTEDIR DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO REGIME FISCALE

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO RISOLUZIONE N. 92/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Assegnazione gratuita di azioni - Lavoratore

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com SISTEMA FRIZZERA Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef Con la compilazione del quadro RN si giunge alla determinazione del credito o del debito di IRPEF. Il

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE ASPETTI PREVIDENZIALI E INAIL Art. 81, c. 1, lett. m) D.P.R.

Dettagli

Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage

Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage Focus di pratica professionale di Viviana Grippo Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage Le borse di studio sono fiscalmente assimilate ai redditi di lavoro dipendente

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma L art. 12 del Tuir riconosce il diritto a particolari detrazioni

Dettagli

RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO

RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO RIDUZIONE CUNEO FISCALE PER LAVORO DIPENDENTE BONUS 80 EURO Riferimenti normativi; - Art. 1 DL. n. 66/2014; - Circolare Agenzia delle Entrate n. 8/E del 28.04.204 e n. 9/E del 14.05.2014; - Risoluzione

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013 Distacco in Brasile: adempimenti e procedure Maurizio Cicciù - Consulente del lavoro in Roma Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Caso &3 contrattuali Pacchetto di assegnazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli