Legge regionale 6 agosto 2008, n. 20

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legge regionale 6 agosto 2008, n. 20"

Transcript

1 Legge regionale 6 agosto 2008, n. 20 ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2008 (B. U. Regione Basilicata N. 35 del 6 agosto 2008) Articolo 1 Aggiornamento dei residui attivi e passivi I residui attivi iscritti in corrispondenza di ciascuna unità previsionale di base dello stato di previsione dell entrata del bilancio per l esercizio finanziario 2008 ed i residui passivi iscritti in corrispondenza di ciascuna unità previsionale di base dello stato di previsione della spesa del bilancio per l esercizio finanziario 2008, rideterminati in conformità ai residui attivi e passivi definitivi, riclassificati ai sensi e per gli effetti degli articoli 31 e 32 della L.R. 6 Settembre 2001, n. 34, risultanti dal rendiconto generale dell esercizio finanziario 2007, sono esposti negli allegati 1A, 2A, 1B e 2B annessi alla presente legge. Articolo 2 Saldo Finanziario al L avanzo di amministrazione al , derivante da economie di stanziamenti di spesa a destinazione vincolata, riportato nello stato di previsione di competenza dell entrata del bilancio per l esercizio finanziario 2008, di ,35, è rideterminato, secondo le risultanze del rendiconto generale dell esercizio finanziario 2007, in ,52. Il disavanzo effettivo al , come risultante dal rendiconto generale per l esercizio finanziario 2007 e derivante dalla differenza fra l avanzo contabile di amministrazione al di ,52, riportati negli allegati n. 3A e n. 3B annesso alla presente legge, ed il totale dei trasferimenti di somme vincolate e non impegnate di cui al precedente comma, è pari a ,00. Articolo 3 Aggiornamento del Fondo di Cassa Il fondo di cassa al iscritto nello stato di previsione di cassa dell entrata del bilancio per l esercizio finanziario 2008 di ,00 è aggiornato in ,04 come riportato nell allegato n. 4 annesso alla presente legge. Articolo 4 Ricorso al mercato finanziario

2 L autorizzazione al ricorso al mercato finanziario, mediante la contrazione di mutui o altre forme di prestito, disposta dall art. 12, comma 1, della L.R. 30 gennaio 2007, n. 2, è rinnovata, ai sensi dell art. 12, comma 2, della L.R. 28 dicembre 2007, n. 29 per l esercizio finanziario 2008, per l importo di ,00 corrispondente al totale degli impegni assunti nel corso dell esercizio finanziario 2007, relativamente alle spese contenute nell allegato n. 9 al bilancio di previsione 2007, come modificato dall art.4 comma 8 della L.R. 9 agosto 2007, n. 13, non coperti mediante la stipulazione dei contratti di prestito entro la chiusura dell esercizio 2007 per effetto del disposto di cui all art. 12, comma 6, della medesima L.R. 30 gennaio 2007, n. 2. L autorizzazione disposta all art. 1, comma 2 lett. d) della L.R. 28 dicembre 2007, n.28, ed all art. 12, comma 3, lettera b), della L.R. 28 dicembre 2007, n.29, di ,27, finalizzata al finanziamento delle spese di investimento indicate nell allegato n. 9 di cui all art. 6, comma 6, della L.R. 28 dicembre 2007, n. 29, è incrementata: dell importo di ,00 per il fondo di coesione interna per il sostegno ai piccoli investimenti sostenuti dai comuni piu' svantaggiati delle aree interne della regione ai sensi dell art.22 l.r.10/2002 e dell importo di ,00 per il Programma di investimenti ex art. 20 l. 67/88. L autorizzazione disposta all art. 1 comma 2 lett. a) della L.R. 28 dicembre 2007, n.28, ed all art. 12 comma 3 lett. a) della L.R. 28 dicembre 2007 n. 29 di ,00 per la copertura della quota di cofinanziamento regionale riferita agli interventi da realizzarsi nell ambito del Programma Operativo Regionale ( P.O.R.) per l utilizzo dei fondi strutturali dell Unione Europea per il periodo con il contributo dei Fondi FESR, FSE e FEAOG risulta ridotta di ,25. L autorizzazione di cui all art. 1, comma 2 lett. d) della L.R. 28 dicembre 2007, n.28, ed all art. 12, comma 3, lettera b), della L.R. 28 dicembre 2007, n.29, per effetto delle variazioni di cui al comma 2 del presente articolo, è rideterminata nella misura di ,27 corrispondente all ammontare definitivo dei mutui o altre forme di prestito da contrarre per le finalità richiamate nel medesimo comma 2 del presente articolo. Il limite massimo di indebitamento di cui all art.1 comma 1 della L.R. 28 dicembre 2007, n. 28, di ,95, per effetto di quanto disposto ai commi 1, 2 e 3 del presente articolo, è conseguentemente rideterminato in ,70. L onere presunto relativo alle rate di ammortamento derivante dalla rideterminazione del limite massimo di indebitamento di cui al comma 5 del presente articolo, rientra negli stanziamenti posti a carico della UPB Rimborso quote di capitale per ammortamento prestiti, anticipazioni di cassa e finanziamenti a totale carico della Regione, per la quota capitale, e della UPB Rimborso quote di interessi per ammortamento prestiti, anticipazioni di cassa e finanziamenti a totale

3 carico della Regione, per quanto riguarda la quota interessi, iscritti nello stato di previsione del bilancio per l esercizio finanziario 2008 e nel bilancio pluriennale per gli anni successivi. In relazione a quanto disposto ai precedenti commi del presente articolo, sono autorizzate le conseguenti variazioni allo stato di previsione dell entrata e delle uscite del bilancio per l esercizio finanziario 2008, contenute negli allegati n. 5A, 5B, 6A e 6B di cui ai successivi articoli 5 e 6 della presente legge. Articolo 5 Variazioni allo stato di previsione dell entrata Nello stato di previsione dell entrata del bilancio per l esercizio finanziario 2008 sono introdotte le variazioni di cui agli allegati n. 5A e 5B annesso alla presente legge. Articolo 6 Variazioni allo stato di previsione delle uscite Nello stato di previsione delle uscite del bilancio per l esercizio finanziario 2008 sono introdotte le variazioni di cui agli allegati n. 6A e 6B annesso alla presente legge. Articolo 7 Modifica all articolo 6 della legge regionale 28 dicembre 2008, n.29 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2008 e Bilancio Pluriennale per il triennio 2008/2010" L elenco delle Unità Previsionali di Base per le quali la Giunta Regionale è autorizzata ad effettuare variazioni compensative di cui all allegato n. 5 alla L.R. 28 dicembre 2007, n. 29, articolo 6, comma 4, è sostituito dall elenco riportato nell allegato n. 7A, annesso alla presente legge. Il prospetto dimostrativo della capacità d indebitamento per l esercizio 2008 di cui all allegato n. 8 alla L.R. 28 dicembre 2007, n. 29, articolo 6, comma 6, è sostituito dall elenco riportato nell allegato n. 8A, annesso alla presente legge. L elenco dei capitoli di spesa avente carattere di investimento finanziati nell esercizio 2008 con ricorso all indebitamento a carico del bilancio regionale di cui all allegato n. 9 alla L.R. 28 dicembre 2007, n. 29, articolo 6, comma 6, è sostituito dall elenco riportato nell allegato n. 9A, annesso alla presente legge.

4 Articolo 8 Chiusura degli interventi del Programma operativo POR Al fine di assicurare la chiusura degli interventi del Programma Operativo POR la Giunta Regionale è autorizzata ad apportare tutte le necessarie variazioni al bilancio di previsione per l esercizio 2008 al fine dell iscrizione delle quote a carico dell Unione Europea, dello Stato e della Regione. Tra le variazioni di cui al precedente comma è inclusa anche l eventuale iscrizione nella competenza 2008 di somme derivanti dalla cancellazione di impegni a seguito di revoche di contributi. Articolo 9 Differimento dei termini fissati dall art. 41 della Legge Regionale 30 gennaio 2007, n. 1 e dall art. 47 della Legge Regionale del 28 dicembre 2007, n. 28 Per le iniziative inserite nel POR 2000/2006, il termine per ultimare i lavori previsto dall art. 41, comma 1, della Legge Regionale 30 gennaio 2007, n. 1, è differito al 31/12/2008. Per le iniziative non inserite nel POR 2000/2006 il termine per ultimare i lavori ed il termine per l ultimazione dei lavori a proprie spese, previsti rispettivamente dal comma 1 e dal comma 2, dell art. 41 della Legge Regionale 30 gennaio 2007, n. 1, sono differiti al 31/12/2009. Per le iniziative non inserite nel POR 2000/2006, il termine previsto dall art. 47 della Legge Regionale 28 dicembre 2007, n. 28, per la presentazione della documentazione necessaria per la chiusura dell iter amministrativo, prevista dai Criteri e Direttive di attuazione della Legge Regionale 19 gennaio 2005, n. 1 ed il cui rilascio è di competenza di Enti e/o Organi, è differito al 30/06/2010. Articolo 10 Ripiano dei disavanzi delle Aziende Sanitarie In deroga all art. 31 della L.R. 27 marzo 1995, n.34 ed in via straordinaria per il 2007, è autorizzato il ripiano parziale e selettivo dei disavanzi delle Aziende Sanitarie regionali per la parte corrispondente allo squilibrio economico-finanziario non dipendente dalla gestione ordinaria, accertata dalla Giunta Regionale tenendo conto dei diversi differenziali di crescita delle assegnazioni del riparto definitivo 2007 alle singole AUSL rispetto al riparto provvisorio 2007 e degli effetti della ricollocazione di strutture sanitarie ai sensi dell art.15 della LR.n.1/2007, fino a concorrenza delle risorse statali e regionali appositamente rese disponibili, nel rispetto delle

5 disposizioni attuative del patto di stabilità in materia sanitaria. Il rientro della residua quota delle perdite di esercizio è carico delle Aziende Sanitarie, ai sensi dell art.31 della L.R. 27 marzo 1995 n.34. Articolo 11 Offerta di servizi integrati per anziani non autosufficienti Al fine di garantire omogeneità di intervento per tutto il sistema socioassistenziale lucano per l offerta di servizi integrati per anziani non autosufficienti, la cui non autosufficienza si è determinata durante l ospitalità nelle case di riposo legalmente riconosciute sul territorio della Basilicata, si autorizza un intervento finanziario di Euro 10,00 al giorno per ciascun anziano non autosufficiente a partire dal 1 /1/2008. I benefici di cui al comma 1 non possono essere cumulabili con altre contribuzioni ad personam riferire a patologie riscontrabili in soggetti anziani non autosufficienti ospitati nelle case di riposo ricadenti su territorio regionale. Il Dipartimento alla Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale, Servizi alla Persona e alla Comunità della Regione Basilicata predispone entro il 30/12/2008 un regolamento attuativo e disciplinante la norma introdotta in questo articolo, sentita la Commissione Consiliare competente. Gli oneri derivanti dall applicazione del presente articolo, quantificati in Euro ,00, trovano copertura nelle risorse stanziate alla U.P.B Sistema integrato dei servizi sociali Articolo 12 Norme di applicazione delle disposizioni in materia di personale delle Aziende Sanitarie Le Aziende del Servizio Sanitario Regionale concorrono al rispetto degli obblighi comunitari ed alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica in ottemperanza a quanto statuito dall art. 3, comma 79, punto 10 della Legge 24 dicembre 2007, n. 244, e dall art. 1, comma 565 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 in materia di contenimento della spesa di personale. Ai fini dell'applicazione delle richiamate finanziare dello Stato non sono ricomprese nelle basi di calcolo per le annualità 2008 gli oneri economici afferenti l incremento delle dotazioni organiche, approvate al , del personale medico e dei tecnici della Prevenzione delle Unità Operative di Medicina del lavoro e Sicurezza sui luoghi di lavoro. Agli oneri derivanti dal presente articolo fanno fronte le Aziende Sanitarie nell ambito dei propri bilanci.

6 Articolo 13 Modifiche alla Legge Regionale 1 luglio 2008, n. 12 Riassetto organizzativo e territoriale del Servizio Sanitario Regionale L art. 2 comma 9 della Legge Regionale n. 12/2008 è integrato dopo decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288 con: Il Consiglio di indirizzo e verifica è composto da cinque membri scelti sulla base di idonei requisiti di professionalità e onorabilità periodicamente verificati di cui: a) uno con funzione di presidente, nominato dal Presidente della Regione sentito il Ministro della Salute; b) uno nominato dal Ministro della Salute; c) tre nominati dal Consiglio Regionale. Il Direttore generale è nominato dal Presidente della Regione tra i soggetti in possesso dei requisiti di cui all art. 11 del D. Lgs 16 ottobre 2003 n Il Direttore Scientifico è nominato dal Ministro della Salute sentito il Presidente della Regione. Il Collegio sindacale è nominato dal Direttore Generale ed è composto da 5 membri, di cui 4 designati dal Consiglio Regionale e uno dal Ministro della Salute, scelti tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili istituito ai sensi del Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 88 (Attuazione della direttiva n. 84/253/CEE, relativa all'abilitazione delle persone incaricate del controllo di legge dei documenti contabili) e successive modifiche, ovvero tra i funzionari del Ministero dell'economia e delle Finanze che abbiano esercitato per almeno tre anni le funzioni di revisori dei conti o di componenti di collegi sindacali. Le funzioni dei suddetti organi sono quelle previste dall atto di intesa della conferenza Permanete per i rapporti tra lo stato le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano (rep del 1 luglio 2004) recante: Organizzazione, gestione e funzionamento degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico non trasformati in Fondazioni, di cui all art. 5 del D. Lgs 16 ottobre 2003, n All articolo 2, comma 11, secondo periodo della L.R. 1 luglio 2008 n.12 dopo le parole di cui al comma 9, è aggiunto il periodo ad eccezione del collegio sindacale e comunque non oltre il 31 dicembre All articolo 4 della L.R. 12/2008 l ultimo periodo da la sede del distretto della salute fino a L.R. 14 febbraio 2007, n.4 è abrogato e sostituito dal seguente periodo la sede del distretto della salute rimane di norma quella delle aziende sanitarie soppresse salvo diversa decisione della Conferenza dei Sindaci.

7 All art. 5, comma 4, 1 periodo della Legge Regionale 1 luglio 2008, n. 12, dopo le parole disciplina di rapporti organizzativi sono aggiunte sono validi ed efficaci e, ove in scadenza,. All art. 6, comma 1, il 2 periodo della Legge Regionale 1 luglio 2008, n. 12 è sostituito dal seguente: I commissari liquidatori si insediano nelle funzioni dalla stessa data di insediamento dei direttori generali delle aziende sanitarie provinciali. Da tale data decadono i direttori amministrativi e sanitari in carica nelle preesistenti aziende. Articolo 14 Disposizioni per il superamento del precariato del personale delle Aziende Sanitarie. In attuazione del Protocollo di Intesa per il superamento del precariato, le Aziende del Servizio Sanitario Regionale, le Aziende Ospedaliere e l IRCCS Ospedale Oncologico di Rionero in Vulture, entro il limite di spesa determinato in applicazione dell art. 28 e con le modalità stabilite dal successivo art. 29 della Legge Regionale 28 dicembre 2007 nr. 28, possono prevedere assunzioni a tempo indeterminato di: a) personale non dirigenziale con contratto di lavoro a tempo determinato nonché del personale che ha prestato la propria attività con rapporto di lavoro autonomo riconducibile alla tipologia dell incarico di collaborazione coordinata e continuativa per attività comunque connesse alle funzioni istituzionali proprie; b) personale dirigenziale con contratto di lavoro a tempo determinato purché idoneo in apposito concorso pubblico, per titoli ed esami, relativo al medesimo profilo professionale che s intende ricoprire e che sia stato espletato nella medesima Azienda che procede alla stabilizzazione; c) personale dirigenziale con contratto di lavoro a tempo determinato; d) lavoratori socialmente utili. In coerenza con i principi della legge 27 dicembre 2006 nr. 296 e della legge 24 dicembre 2007 nr. 244, i soggetti indicati nelle precedenti lettere debbono aver maturato, alla data del 28 settembre 2007, un anzianità di servizio di almeno tre anni, anche non continuativi, nell ultimo quinquennio ovvero conseguire tale requisito in virtù di contratti stipulati anteriormente alla medesima data del 28 settembre Il requisito del triennio di servizio si intende maturato anche se svolto in più di una delle tipologie indicate.

8 La stabilizzazione del personale di cui alla lett. a) del comma 1 avviene con atto del Direttore Generale, previa domanda per i soggetti che siano stati assunti in esito a procedure selettive di natura concorsuale o previste da norme di legge. Il superamento del precariato del personale di cui alla lettera b) del comma 1 avviene con atto del Direttore Generale, previa domanda dei soggetti interessati. Il superamento del precariato del personale di cui alla lettera c) del comma 1 avviene mediante procedure selettive interne con applicazione dei principi generali propri dei concorsi per l accesso all impiego pubblico di cui al d.p.r. 10 dicembre 1997, nr La stabilizzazione del personale di cui alle lett. a) e d), non assunto nelle forme previste al precedente comma 3 avviene mediante procedure selettive riservate. Le procedure selettive sono svolte dalle Aziende utilizzando i rispettivi regolamenti per le selezioni interne; le prove tendono ad accertare la capacità del soggetto a svolgere le specifiche attività proprie del profilo da ricoprire. La commissione di valutazione, formata da tre membri, di cui uno con funzioni di Presidente, oltre il segretario è nominata dalle Aziende, pubblicata sul BUR della Regione Basilicata ed è composta da personale del ruolo e disciplina, nonché di profilo non inferiore a quello oggetto della procedura selettiva. Le aziende, nelle more delle procedure di superamento del precariato, possono continuare ad avvalersi del personale di cui al presente articolo, mediante proroga dei relativi contratti. Articolo 15 Modifica alla Legge Regionale 3 gennaio 1997, n. 1 Adeguamento dell indennità di residenza fissata dalla Legge 8 marzo 1968, n. 221 in favore dei farmacisti rurali Il comma 3 dell art. 1 della Legge Regionale 3 gennaio 1997, n. 1 è sostituito dal seguente: 3. L indennità suddetta, prevista in base al numero degli abitanti, viene integrata con una indennità, stabilita in base al volume di affari annuo lordo, rilevabile dalle distinte contabili dei farmaci, dispensati nell anno precedente, a carico del S.S.N., come di seguito indicato: a) Euro 7.100,00 fino ad Euro ,00 di volume d affari; b) Euro 5.200,00 fino ad Euro ,00 di volume d affari;

9 c) Euro 3.300,00 fino ad Euro ,00 di volume d affari; d) qualora concorrano le sotto-elencate condizioni: numero di abitanti inferiore a e volume d affari inferiore ad Euro ,00, viene attribuita una ulteriore indennità di Euro 600,00. L adeguamento delle indennità di cui all art. 1 si applica a far data dall entrata in vigore della presente legge. Articolo 16 Accesso dei disabili alle strutture del Servizio Sanitario Regionale Le Aziende del Servizio Sanitario Regionale garantiscono facilitazioni per l accesso dei disabili, affetti da invalidità totale con accompagnamento, alle strutture sanitarie erogatrici di prestazioni diagnostiche e terapeutiche mediche e chirurgiche di tipo ambulatoriale e/o in day surgery. A tal fine le aziende del servizio sanitario regionale, con proprio provvedimento annuale, stabiliscono tempi e modalità di attuazione del comma 1 del presente articolo nel rispetto dei criteri minimi che saranno emanati dalla Giunta Regionale, con proprio atto di indirizzo uniforme, entro 90 giorni dall entrata in vigore della presente legge. Articolo 17 Norme in materia di qualificazione dei servizi sanitari L Azienda Sanitaria USL n. 3 di Lagonegro, per l attuazione della Deliberazione del Consiglio Regionale n. 206 del 5 dicembre 2006, è autorizzata all individuazione del soggetto cui affidare la gestione in concorso del Polo Multispecialistico di Riabilitazione e Lungodegenza Riabilitativa mediante avviso pubblico di manifestazione di interesse, al quale ammettere enti di elevata competenza nel campo riabilitativo, e successiva valutazione comparativa delle proposte prevenute. Il soggetto prescelto provvede alla realizzazione di ogni opera necessaria. Nel caso in cui l avviso vada deserto, l Azienda Sanitaria USL n. 3 di Lagonegro è autorizzata ad individuare direttamente il soggetto. La Giunta Regionale approva l individuazione e gli atti negoziali con i quali sono regolamentati i conseguenti rapporti. Articolo 18 Norme in materia di sperimentazioni e collaborazioni per la qualificazione di servizi sanitari. L Azienda Sanitaria n. 4 di Matera e l Azienda Sanitaria n. 3 di Lagonegro sono autorizzate a porre in essere con l I.R.C.C.S. Fondazione Stella Maris, in ragione della sua alta qualificazione scientifica ed operativa nel campo

10 della neuropsichiatria infantile e dell adolescenza, gli atti necessari per l ulteriore qualificazione della rete regionale di neuropsichiatria infantile. I rapporti tra l Azienda Sanitaria n. 4 di Matera, l Azienda Sanitaria n. 3 di Lagonegro e l I.R.C.C.S. Fondazione Stella Maris sono finalizzati allo sviluppo nel territorio regionale di un centro di eccellenza articolato in più strutture che agiscono sinergicamente. La forma associativa utile al perseguimento delle finalità di cui al precedente comma è individuata dalla Giunta Regionale, assicurando che la stessa consenta una adeguata flessibilità operativa nella gestione delle risorse produttive nonché la possibilità di partecipazioni successive di ulteriori soggetti pubblici o privati. Tutti gli atti relativi alla specifica tipologia delle attività da svolgere, alle caratteristiche organizzative dei servizi nonché costitutivi, modificativi e integrativi della forma giuridica prescelta sono adottati o autorizzati dalla Giunta Regionale. Articolo 19 Interventi di sostegno allo sviluppo dell Università degli Studi della Basilicata e del sistema regionale della ricerca scientifica L importo finalizzato allo sviluppo dell Università degli Studi della Basilicata e del sistema regionale della ricerca scientifica, così come stabilito dal comma 1 dell articolo 21 della legge regionale n.28 del 28 dicembre 2007, per l anno 2008 è incrementato di ,00. La somma di cui al comma precedente è stanziata alla UPB Sostegno all istruzione universitaria ed alla ricerca scientifica del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 20 Modifiche alla Legge Regionale 4 marzo 1997, n. 11 Norme per l attuazione del diritto allo studio universitario in Basilicata All art. 14 della Legge Regionale 4 marzo 1997, n. 11, come modificato dall art. 13, comma 11 della Legge Regionale 11/2006, dopo il comma 3 è aggiunto il seguente comma: 3.bis L Ufficio regionale competente in materia di personale provvede alla predisposizione e alla liquidazione delle competenze stipendiali del Direttore. Agli oneri relativi si provvede mediante le risorse finanziarie stanziate sulla UPB del bilancio regionale. Al Direttore si applicano

11 gli istituti previdenziali e assistenziali propri del personale dirigenziale regionale. Articolo 21 Interventi di sostegno delle scuole dell infanzia paritarie Il Fondo di cui al comma 4 dell articolo 47 della legge regionale n.1 del 30 gennaio 2007, iscritto all UPB Interventi per l accesso al diritto allo studio del bilancio regionale, per l esercizio finanziario 2008 è incrementato di ,00. Articolo 22 Interventi finanziari in favore delle attività integrate di informazione alle famiglie La Regione Basilicata, al fine di sostenere le iniziative attivate, in forma coordinata, per la realizzazione di specifici servizi di informazione in favore delle famiglie, assicura il cofinanziamento delle iniziative, già promosse dagli Enti Locali, volte alla diffusione di un sistema integrato di intervento per rispondere alle esigenze di accessibilità, collegamento e di circolazione delle informazioni a livello locale, regionale e nazionale per una migliore qualità della vita. All onere derivante dalle disposizioni del presente articolo si farà fronte con lo stanziamento di ,00 stanziato nella UPB Iniziative a sostegno della famiglia del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 23 Ulteriore incremento della dotazione del Fondo di Coesione Interna La dotazione del fondo di Coesione interna di cui all art. 22 della L.R. 31/01/2002 n. 10 pari ad ,00 ai sensi dell art. 16 della L.R. 28/12/2007, n.28 viene ulteriormente incrementato con una somma pari ad ,00 da imputarsi alla Unità Previsionale di Base del Bilancio di Previsione per l esercizio Articolo 24 Contributi per attività di disinfestazione Al fine di consentire l attività di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione nei territori della costa jonica, in cui tali interventi rivestono carattere di urgenza, la Giunta Regionale destina ,00 alla erogazione di contributi alla Amministrazione Provinciale competente in materia.

12 La somma di cui al comma precedente è stanziata alla UPB del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 25 Sostegno alla scuola statale Al fine di promuovere corsi di aggiornamento e sostegno ai docenti da svolgere presso istituti scolastici della scuola dell obbligo è istituito un Fondo regionale con dotazione finanziaria per l anno 2008 pari ad ,00. La somma di cui al comma precedente è stanziata alla UPB del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 26 Contributo all Unione Italiana Ciechi Nell ambito dello stanziamento di cui all UPB è riservata una quota di finanziamento, non inferiore ad ,00, all Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti Onlus- Sezione Provinciale di Potenza. Articolo 27 Contributi per le spese di funzionamento dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata (ARPAB) Il finanziamento relativo all esercizio finanziario 2008 per le spese di gestione dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata (ARPAB), fissato all art. 5 della L.R , n.28, in , è incrementato di ,00. Il contributo regionale complessivo riconosciuto all Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata (ARPAB) per le spese di gestione relative all esercizio finanziario 2008, per effetto dell incremento di cui al comma precedente, è rideterminato nella misura di ,00. L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata (ARPAB) è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2008 conseguenti all incremento di cui ai precedenti commi. Resta fermo l obbligo da parte dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata (ARPAB) di sottoporre le variazioni di cui al precedente comma 3 alle approvazioni previste dalla vigente normativa regionale.

13 Articolo 28 Contributi per le spese di funzionamento dell Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Basilicata (A.R.D.S.U.) Il finanziamento relativo all esercizio finanziario 2008 per le spese di gestione dell Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Basilicata (A.R.D.S.U.), fissato all art. 5 della Legge Regionale 28 dicembre 2007, n. 28, in ,00 è incrementato di ,00. Il contributo regionale complessivo riconosciuto all Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Basilicata (A.R.D.S.U.) per le spese di gestione relativa all esercizio finanziario 2008, per effetto dell incremento di cui al comma precedente, è rideterminato nella misura di ,00. L Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Basilicata (A.R.D.S.U.) è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2008 conseguenti all incremento di cui ai precedenti commi. Resta fermo l obbligo da parte dell Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Basilicata (A.R.D.S.U.) di sottoporre le variazioni di cui al predente comma 3 alle approvazioni previste dalla vigente normativa regionale. Articolo 29 Contributi per le spese di funzionamento dell Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.B.E.A.) Il finanziamento relativo all esercizio finanziario 2008 per le spese di gestione dell Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.B.E.A.), fissato all art. 5 della Legge Regionale 28 dicembre 2007, n. 28, in Euro ,00 è incrementato di Euro ,00, per far fronte alle maggiori ed urgenti spese connesse all incremento della dotazione organica. I maggiori oneri di cui al comma 1 saranno assicurati annualmente dalle leggi di approvazione del bilancio regionale. Il contributo regionale complessivo riconosciuto all Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.B.E.A.) per le spese di gestione relativa all esercizio finanziario 2008, per effetto dell incremento di cui al comma precedente, è rideterminato nella misura di Euro ,00. L Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.B.E.A.) è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2008 conseguenti all incremento di cui ai precedenti commi.

14 Resta fermo l obbligo da parte dell Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.B.E.A.) di sottoporre le variazioni di cui al predente comma 3 alle approvazioni previste dalla vigente normativa regionale. Il termine di validità delle graduatorie vigenti dell A.RB.E.A. alla data di entrata in vigore della presente legge è prorogato al 31 dicembre Articolo 30 Capitale sociale della Società Energetica Lucana Il capitale sociale della Società Energetica Lucana di cui all articolo 1 comma 8 della Legge Regionale 31 luglio 2006, n.13 è incrementato di ,00. La somma di cui al comma precedente è stanziata alla UPB Partecipazioni azionarie e conferimenti del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 31 Contributo straordinario al Comune di Matera Al fine di contribuire al sostenimento degli oneri per l esercizio dei servizi aggiuntivi in tema di trasporto pubblico locale, per l anno 2008 è concesso all Amministrazione comunale di Matera un contributo straordinario di ,00. La spesa di cui al comma 1 trova copertura nell ambito dello stanziamento della UPB del bilancio di previsione per l esercizio finanziario Articolo 32 Modifica all art. 16 Legge Regionale 27 luglio 1998 n. 22 All art 16 della Legge Regionale n. 22/98 Riforma del trasporto pubblico regionale e locale in attuazione del D.Lgs. 19 novembre 1997, n. 422 è apportata la seguente modifica ed integrazione: Al comma 10 dopo la parola validità. è aggiunto il seguente periodo: In caso di accordo tra i contraenti, è possibile sottoscrivere i contratti di servizio con efficacia anche immediata dalla stipula. Articolo 33 Contributi per l esercizio dei servizi di trasporto pubblico locale su gomma

15 Nell ambito dei trasferimenti erariali di cui alla Legge 244/2007, art. 1, comma 295, è stanziata, per l anno 2008, la somma di Euro ,00 per garantire il recupero dell inflazione programmata relativa al periodo 2007 e 2008, pari all 1,70 % annuo, per l esercizio dei servizi di trasporto pubblico locale extraurbano di competenza delle Amministrazioni Provinciali, con esclusione dei servizi di T.P.L. di interesse regionale e quelli per le aree industriali. E, altresì, stanziata la somma di Euro ,00 per garantire il recupero dell inflazione programmata relativa all anno 2005, pari all 1,7%, per l esercizio dei servizi di T.P.L., di interesse regionale e quelli per le arre industriali. Sempre nell ambito dei trasferimenti erariali di cui alla Legge 244/2007, art. 1, comma 295, al fine di garantire il mantenimento dell attuale livello dei servizi di t.p.l. di cui al comma precedente, è stanziata, altresì, per l anno 2008 la somma di Euro ,00 quale incremento del limite massimo della spesa di cui all art. 3 della Legge Regionale n. 45 del 3 settembre 1997 e successive modificazioni ed integrazioni. A seguito della stipula dei contratti di servizio conseguenti all espletamento delle procedure concorsuali da parte delle Amministrazioni Provinciali, gli importi di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, saranno riconosciuti alle imprese affidatarie da parte delle Province nel rispetto e nei limiti fissati nei contratti stipulati ed a valere sulle risorse trasferite dallo Stato alla Regione ai sensi della Legge 244/2007 e successive modificazioni ed integrazioni. Per garantire il mantenimento dell attuale livello dei servizi di trasporto pubblico locale comunali è stanziata per l anno 2008 la ulteriore somma di Euro ,00. La spesa derivante dall applicazione del presente articolo trova copertura finanziaria alla U.P.B del bilancio per l esercizio finanziario Articolo 34 Contributi per l esercizio dei servizi di trasporto pubblico ferroviari FAL Nell ambito dei trasferimenti erariali disposti dallo Stato, al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi di cui all art. 1, comma 295 della Legge n. 244/2007 sui servizi di t.p.l. esercitati dalle Ferrovie Appulo Lucane s.r.l., è stanziata, per l anno 2008, la somma di Euro ,00 quale incremento dello stanziamento ex art. 8 e 20 del D.lg.vo n. 422/1997. La spesa derivante dall applicazione del presente articolo trova copertura finanziaria alla U.P.B del bilancio per l esercizio finanziario 2008.

16 Articolo 35 Modifica all art. 54 Legge Regionale 28 dicembre 2007 n. 28 Al comma 1 dell art. 54 della L.R. 28 dicembre 2007, n.28 l espressione nella misura massima di cui all elenco annuale trasmesso dall ANCI regionale, contenente è sostituita dalla frase per il tramite dei Comuni competenti, nella misura massima di cui agli elenchi annuali riferiti agli anni 2006 e 2008, trasmessi dall ANCI regionale, contenenti. Dopo il comma 1 dell art. 54 della L.R. 28 dicembre 2007, n.28 è inserito il seguente comma: 1 bis. I Comuni competenti sono tenuti ad erogare alle aziende interessate, i contributi di cui al comma precedente, entro 30 giorni dalla data dell effettiva disponibilità di cassa. Il comma 2 è così sostituito: La copertura finanziaria per gli oneri di cui al comma 1 nonché per i saldi degli oneri relativi all anno 2007, quantificati in Euro ,00, grava sull U.P.B del bilancio di previsione Articolo 36 Fondo regionale Trasporto pubblico locale impianti fissi meccanizzati Al fine di contribuire al sostenimento degli oneri per l esercizio dei servizi di trasporto pubblico locale effettuati da parte dei Comuni mediante impianti fissi meccanizzati, è istituito il fondo regionale T.P.L. Impianti fissi meccanizzati. La Giunta Regionale, con proprio provvedimento e previa acquisizione del parere delle competenti Commissioni Consiliari, procederà annualmente al riparto delle risorse finanziarie di cui al comma 1 tra i comuni che attivano impianti fissi meccanizzati, sulla base delle istanze avanzate da parte delle stesse Amministrazioni Comunali. La dotazione finanziaria iniziale del fondo di cui al comma 1, pari per l esercizio 2008 a Euro ,00, trova copertura nell ambito dello stanziamento della U.P.B del bilancio di previsione per l esercizio finanziario per l anno Articolo 37 Concorso d idee per la nuova sede istituzionale della Regione Basilicata in Matera

17 La Giunta Regionale è autorizzata a bandire un concorso d idee per l acquisizione di una proposta ideativa concernente la nuova sede istituzionale della Regione Basilicata nella città di Matera. Entro 90 giorni la Giunta Regionale approva il bando che definisce termini e modalità del concorso d idee. All onere derivante dalle disposizioni del presente articolo si farà fronte con lo stanziamento di ,00 stanziato nella UPB Supporto all attività amministrativa e partecipazioni associative del bilancio regionale per l esercizio finanziario Articolo 38 Acquisto terreni circostanti i laghi di Monticchio La Giunta Regionale è autorizzata all acquisto dei terreni circostanti il lago grande di Monticchio posti in vendita dalla Dalmazia Trieste s.r.l. per una spesa di ,00. La spesa di cui al comma 1 trova copertura nella U.P.B Acquisizione di beni mobili ed immobili del bilancio di previsione per l esercizio finanziario Articolo 39 Fruibilità eco-compatibile degli invasi lucani La Regione Basilicata disciplina la promozione della fruibilità ecocompatibile degli invasi naturali e artificiali e delle aree ad essi prospicienti per attività ludico-sportive, turistico-ambientali e culturali. Nelle more della emanazione della normativa di cui al precedente comma, d intesa con gli Enti gestori e nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in particolare in materia di tutela delle acque e gestione delle risorse idriche, si procede ad autorizzare le specifiche iniziative attinenti le predette attività mediante lo strumento della Conferenza di Servizi di cui alla L n. 241 e s.m.i. L indizione della Conferenza può essere richiesta da qualsiasi Amministrazione che abbia competenze in materia di risorse idriche, coinvolge tutte quelle in capo alle quali si ravvisi l esistenza di diritti ed interessi, ed è tenuta a cura della competente struttura amministrativa della Regione Basilicata. La conferenza di Servizi si conclude con la redazione di apposito verbale che comprende le prescrizioni e gli impegni che il richiedente l autorizzazione è tenuto ad osservare; il verbale della Conferenza è

18 richiamato nel titolo autoritativo emanato con Decreto del Presidente della Giunta regionale. Articolo 40 Modifiche alla legge regionale 11 dicembre 2003, n Riordino del sistema formativo integrato Al comma 1 dell art. 19 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, la parola annualmente è sostituita dalla parola triennalmente con piano annuale. Al comma 3 dell articolo 19 della legge regionale 11 dicembre 2003, n.33, la parola annualmente è sostituita dalla parola triennalmente. Al comma 1 dell art. 19 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, le parole e contestualmente con l approvazione del DAPEF di cui alla L.R. n. 34/2001 sono soppresse. Al comma 5 dell art. 19 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, le parole e contestualmente con l approvazione del DAPEF di cui alla L.R. n. 34/2001 sono soppresse. Il comma 6 dell art. 19 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, è soppresso. Il comma 4 dell art. 24 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, è soppresso. Il comma 5 dell art. 24 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, è soppresso. Il comma 2 dell art. 28 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, è soppresso. Al comma 1 dell art. 30 della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33, le parole operato dalle Province mediante commissioni di esame nominate secondo i criteri indicati nel precedente art. 17, comma 2 lett. d) sono soppresse. Articolo 41 Modifiche alla legge regionale 13 novembre 2006, n. 28 Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato La lettera b) comma 3 dell art. 3 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, è modificato con:

19 b) attivano le procedure di evidenza pubblica per l affidamento della formazione formale di cui all art. 2, lettera b) della presente legge nel rispetto delle linee di indirizzo e programmazione fissate dalla Regione,ai sensi dell art. 14, comma 2, lettera b) della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 33. Il primo capoverso del comma 2 dell art. 4 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, è modificato con: Per l elaborazione dei profili formativi concernenti l apprendistato professionalizzante in coerenza con i sistemi regionale e nazionale delle qualifiche, è istituita una Commissione Tecnica Regionale, così composta: -Il dirigente generale pro tempore del Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport, o un dirigente suo delegato, con funzioni di presidente; -n.1 funzionario dell Ufficio regionale competente; -n.1 rappresentante designato dalla Direzione Scolastica regionale; -n.1 rappresentante designato dall U.P.I.; -n.3 esperti designati dalle OO.SS. dei lavoratori, più rappresentative a livello regionale; -n.3 esperti designati dalle Associazioni datoriali (Industria, Artigianato e Servizi); -n.2 esperti designati dalle Associazioni delle Cooperative, più rappresentative a livello regionale. La Commissione potrà avvalersi della consulenza di esperti in possesso di specifiche competenze professionali. Alla Commissione Tecnica Regionale è demandata anche la definizione di un modello di piano formativo individuale. Il comma 3 dell art. 4 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, è modificato con: 3. La Commissione Tecnica Regionale nella prima seduta adotta il regolamento che disciplina il proprio funzionamento. Al comma 4 dell art. 4 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, le parole dalle Commissioni sono sostituite dalle parole dalla Commissione. L art. 11 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, è sostituito con: 1. La Giunta Regionale, di concerto con il partenariato economicosociale, prevede, nell ambito della propria programmazione

20 annuale, interventi volti alla concessione di aiuti all occupazione alle imprese che assumono a tempo indeterminato gli apprendisti che hanno terminato il percorso formativo. L art. 12 della legge regionale 13 novembre 2006, n. 28, è sostituito con: 1. Alla copertura degli oneri derivanti dall applicazione della presente legge per le attività di formazione formale esterna e per gli aiuti all occupazione si provvede con i finanziamenti nazionali, comunitari e regionali annualmente stanziati nei bilanci regionali di previsione annuale e pluriennale, nonché mediante finanziamenti privati. Articolo 42 Modifiche alla legge regionale 21 maggio 1980, n. 37 Disciplina dei servizi di pubblica lettura e degli interventi di educazione permanente Alla lettera g) dell art. 15 della legge regionale 21 maggio 1980, n. 37, sono aggiunte le parole e archivistico. All art. 15 della legge regionale 21 maggio 1980, n. 37, sono aggiunte le lettere: p) Il funzionamento dell archivio della produzione editoriale regionale della Basilicata; q) Il funzionamento del Polo Regionale del Servizio Bibliotecario Nazionale (S.B.N.). Articolo 43 Modifiche alla legge regionale 17 agosto 1998, n. 26 Norme per la promozione ed il sostegno dell attività delle Università della Terza Età in Basilicata L art. 5 della legge regionale 17 agosto 1998, n. 26, è sostituito con : 1. I contributi di cui all art. 2 sono concessi a parziale copertura dei costi nella seguente misura: fino al 50% delle spese riportate nel conto consuntivo dell anno precedente rispetto alla domanda di contributo. 2. A favore delle Università delle Terza Età di nuova istituzione il contributo sarà determinato sulla base dei criteri contenuti nel Programma annuale di riparto di cui al successivo art. 7. Articolo 44 Modifiche alla legge regionale 19 gennaio 2005, n. 2

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli