C.11 IL MERCATO DEL LAVORO: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.11 IL MERCATO DEL LAVORO: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL EUROPA"

Transcript

1 C.11 IL MERCATO DEL LAVORO: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL EUROPA I dati Eurostat disponibili consentono di confrontare i mercati del lavoro dei paesi dell Unione Europea rispetto a numerosi aggregati statistici e a differenti livelli di disaggregazione territoriale, corrispondenti in pratica agli ambiti amministrativi delle regioni e province italiane. In questa sede verranno presentati i principali indicatori sulle caratteristiche e dinamiche dei mercati del lavoro, vale a dire la consistenza della popolazione attiva, i livelli dei tassi di attività, di occupazione e di disoccupazione, disaggregati per genere e classi di età. I dati disponibili (medie annue) attualmente sono aggiornati al La considerazione congiunta di queste informazioni consente di collocare le regioni del Nord Est a confronto degli altri Paesi europei e di alcune regioni usualmente prese a confronto: Bayern- Wurttemberg, Baviera, Catalogna, Île de France, Rhône-Alpes e Carinzia. La popolazione attiva dei 27 paesi dell Unione Europea (in età da 15 anni in su) ammonta a 240 milioni di unità (dato 2010). Circa il 70,0% della popolazione attiva risiede nei maggiori paesi, vale a dire la Germania (17,4%), il Regno Unito (13,1%), la Francia (12,1%), l Italia (10,4%) Spagna (9,6%) e Polonia (7,4%). I restanti 21 paesi sono di dimensioni inferiori e quindi con quote più contenute del totale della popolazione attiva europea: si va dal 4,2% della Romania fino a paesi come l Estonia, Cipro, Lussemburgo e Malta con incidenza inferiore a 0,3 punti percentuali 1. Nel Nord Est la popolazione attiva ammonta a 3,199 milioni di unità 2, pari al 4,7% del totale della popolazione attiva europea. Si tratta di una consistenza di assoluto rilievo, che pone il Nord Est sullo stesso piano di altri importanti Stati europei, come l Austria, l Ungheria, la Bulgaria e la Danimarca, rendendo così possibile realizzare confronti non solo interregionali (con Bayern- Wurttemberg, Baviera, Catalogna, Île de France, Rhône-Alpes e Carinzia) ma anche transnazionali. La media europea per i tassi di attività della popolazione in età anni è del 71,0% (maschi+femmine); per le donne e del 64,4%. Nel Nord Est il tasso di attività totale è del 68,9%, quindi leggermente inferiore alla media Ue, mentre quello femminile è del 57,7%: in tal caso il distacco dalla media Ue è superiore 3. Il tasso di attività dell Italia risulta molto al di sotto della media europea: è del 62,2% per il totale m+f e del 51,1% per la componente femminile. Nel confronto fra il Nord Est e le altre regioni europee, rileviamo distanze abbastanza significative rispetto al Bayern-Wurttemberg, alla Baviera e alla Catalogna, regioni dove i tassi di attività (totale m+f) arrivano fino al 78,0%, cioè circa 10 punti in più rispetto al Nord Est. Le distanze sono più contenute nei confronti dell Île de France, del Rhône-Alpes e della Carinzia, dove i tassi di attività arrivano al 72,0%, circa 3 punti in più rispetto alle regioni del Nord Est. Se consideriamo i tassi di occupazione (totale m+f), vediamo come il Nord Est si posizioni al di sopra della media Ue, raggiungendo nel 2010 il 65,0% contro la media Ue del 64,1%. Nel confronto con le altre regioni europee la performance non risulta troppo brillante: il Bayern-Wurttemberg e la Baviera infatti registrano tassi di occupazione superiori al 74,0%, quindi con una differenza di 9 punti percentuali 4 e la Carinzia si attesta al 75,8%. L Île de France ed il Rhône-Alpes presentano livelli confrontabili a quelli del Nord Est (solo leggermente superiori), mentre l unica delle regioni considerate con un livello del tasso di occupazione inferiore a quello del Nord Est è la Catalogna, dove il tasso di occupazione nel 2010 raggiunge il 63,1%, contro il 71,0% del Per quanto 1 In valori assoluti, in Estonia si contano unità appartenenti alla la popolazione attiva, a Malta unità. 2 Di cui 2,192 milioni in Veneto, in Friuli Venezia Giulia, in provincia di Bolzano e a Trento. 3 All interno del Nord Est fa eccezione la provincia Bolzano, dove i livelli di attività sono superiori alla media Ue sia per il totale m+f (pari al 73,1%) che per quello femminile (65,1%). 4 In termini giornalistici, si potrebbe dire che lo spread è di 900 punti base. 5 La scelta di considerare l anno 2007 per i confronti temporali riportati nelle tavole allegate risponde ad un duplice motivo: da un lato questo anno era quello più distante per il quale erano disponibili le statistiche Eurostat per tutti i paesi e le regioni considerate (cioè negli anni precedenti al 2007 era presente qualche buco nelle serie dei dati); oltre a

2 riguarda la componente femminile, resta ancora ampio il divario fra il Nord Est rispetto alla media europea e alle regioni assunte a termini di confronto: Nel Nord Est, infatti, il tasso di occupazione femminile raggiunge il 54,7% contro un livello medio europeo del 58,2% e livelli superiori al 68,0% per il Bayern-Wurttemberg e la Baviera. L ultimo indicatore considerato è il tasso di disoccupazione il cui livello, come noto, è condizionato da vari fattori, relativi alle condizioni della domanda di lavoro 6 ma anche dell offerta, fra cui i tassi di partecipazione attiva al mercato del lavoro e l esistenza di istituti a sostegno dei lavoratori temporaneamente sospesi dal lavoro 7. Si tratta di elementi che non presentano caratteristiche omogenee a livello europeo e pertanto condizionano i risultati derivanti dal confronto tra i tassi di disoccupazione dei diversi paesi e delle regioni europee. Nel Nord Est il tasso di disoccupazione nel 2010 risulta pari al 5,4%, considerevolmente inferiore alla media europea, pari al 9,6%. Anche il complessivo dato italiano, con un tasso di disoccupazione dell 8,4%, è inferiore alla media europea. Rispetto al 2007 il trend è di sensibile peggioramento, e questo vale più per il Nord Est (dove la disoccupazione partiva dal 3,3%) che non per la media europea (nel 2007 il tasso di disoccupazione era del 7,2%). Per quanto riguarda le altre regioni europee, solo in Carinzia, Bayern-Wurttemberg e Baviera si registrano livelli di disoccupazione (leggermente) inferiori a quelli del Nord Est, mentre nelle due regioni francesi la disoccupazione è ben superiore, compresa fra l 8,5 e l 8,9%, e nella Catalogna raggiunge il 18%. Se consideriamo la fascia giovanile (15-24 anni) vediamo che nel 2010 il tasso di disoccupazione su scala europea è al 20,9%, in sensibile peggioramento rispetto al 2007, quando era pari al 15,5%. Fra i paesi caratterizzati dai maggiori livelli della disoccupazione giovanile troviamo la Spagna (che ha raggiunto il livello del 41,6%, contro il 18,2% del 2007), la Lituania, l Estonia, la Lettonia, la Slovacchia e la Grecia, dove il tasso di disoccupazione è comunque superiore al 30%. Il problema degli alti livelli di disoccupazione giovanile riguarda la maggioranza dei paesi europei; fanno eccezione Germania, Austria e Olanda (nonché la provincia autonoma di Bolzano), aree in cui i tassi di disoccupazione giovanile sono inferiori al 10%. Il Nord Est, con un tasso di disoccupazione giovanile pari al 17,4%, si colloca in una posizione intermedia. questo, il 2007 precede di un anno la crisi finanziaria che ha interessato l intera economia mondiale e quindi può essere utilmente impiegato nella realizzazione dei confronti per valutare gli effetti della crisi sul mercato del lavoro europeo. 6 Vale a dire la propensione da parte delle imprese alla creazione, mantenimento e distruzione di posti di lavoro. 7 Come ad es. la Cig per quanto riguarda l Italia. Si ricorda che un lavoratore in Cig, anche di lunga durata, non è annoverato fra i disoccupati, cioè la popolazione in cerca di lavoro, anche se di fatto non svolge alcuna attività lavorativa.

3 Tab. 1 Popolazione attiva con 15 anni o più per genere Totale m+f Maschi Femmine % % % European Union (27 countries) % 1,5% % 0,6% % 2,5% Belgium ,0% 3,4% ,0% 2,2% ,0% 5,0% Bulgaria ,4% -2,6% ,4% -2,6% ,5% -2,7% Czech Republic ,2% 1,4% ,3% 2,0% ,1% 0,5% Denmark ,2% 0,8% ,2% 0,3% ,3% 1,3% Germany ,4% -0,3% ,2% -0,5% ,5% -0,1% Baden-Württemberg ,3% 0,1% ,3% 0,0% ,4% 0,2% Bayern ,8% 1,2% ,7% 1,0% ,8% 1,6% Estonia ,3% -0,1% ,3% -2,1% ,3% 2,0% Ireland ,9% -3,7% ,9% -6,3% ,9% -0,2% Greece ,1% 2,0% ,2% 0,1% ,9% 4,8% Spain ,6% 4,1% ,8% 0,1% ,4% 9,4% Cataluña ,6% 1,5% ,6% -2,2% ,6% 6,5% France ,1% 2,2% ,6% 1,6% ,8% 2,9% Île de France ,4% -0,4% ,2% 0,1% ,5% -0,9% Rhône-Alpes ,2% 3,0% ,1% 1,0% ,2% 5,3% Italy ,4% 1,0% ,2% -0,2% ,4% 2,8% Nord Est ,4% 2,1% ,4% 1,0% ,3% 3,7% Provincia Autonoma Bolzano/Bozen ,1% 4,9% ,1% 2,3% ,1% 8,2% Provincia Autonoma Trento ,1% 4,2% ,1% 2,7% ,1% 6,2% Veneto ,9% 2,2% ,0% 1,4% ,9% 3,4% Friuli-Venezia Giulia ,2% -0,4% ,2% -2,1% ,2% 1,9% Cyprus ,2% 4,3% ,2% 3,4% ,2% 5,5% Latvia ,5% -2,7% ,4% -5,1% ,5% -0,2% Lithuania ,7% 2,0% ,6% 0,0% ,8% 4,0% Luxembourg ,1% 9,2% ,1% 10,3% ,1% 7,8% Hungary ,8% 0,4% ,7% -0,9% ,8% 2,0% Malta ,1% 5,7% ,1% 2,9% ,1% 11,6% Netherlands ,6% 0,2% ,6% -0,6% ,7% 1,2% Austria ,8% 1,7% ,8% 0,2% ,8% 3,5% Kärnten ,1% 1,0% ,1% 0,2% ,1% 1,9% Poland ,4% 4,7% ,4% 4,4% ,4% 5,1% Portugal ,3% -0,7% ,2% -1,8% ,4% 0,6% Romania ,2% -0,3% ,2% 0,6% ,1% -1,4% Slovenia ,4% 0,6% ,4% 0,6% ,4% 0,6% Slovakia ,1% 2,0% ,1% 2,0% ,1% 2,0%

4 Tab. 1 (segue) Popolazione attiva con 15 anni o più per genere Totale m+f Maschi Femmine % % % Finland ,1% -0,1% ,1% 0,4% ,2% -0,7% Sweden ,1% 2,6% ,0% 3,4% ,1% 1,7% United Kingdom ,1% 2,1% ,9% 1,6% ,3% 2,6% Switzerland ,8% ,4% ,4% Croatia ,1% ,3% ,5% Turkey ,1% ,9% ,0%

5 Tab. 2 - Tassi di attività per età e genere anni anni Totale m+f Maschi Femmine Totale m+f Maschi Femmine European Union (27 countries) 70,5 71,0 77,6 77,6 63,3 64,4 44,1 43,0 47,5 46,1 40,6 39,7 Belgium 67,1 67,7 73,6 73,5 60,4 61,8 33,9 32,5 36,1 35,2 31,6 29,8 Bulgaria 66,3 66,5 70,6 70,8 62,1 62,3 28,9 28,9 31,7 33,5 26,0 24,2 Czech Republic 69,9 70,2 78,1 78,6 61,5 61,5 31,9 30,9 36,7 36,2 26,9 25,3 Denmark 80,2 79,5 83,9 82,7 76,5 76,1 70,9 67,4 72,3 67,5 69,4 67,2 Germany 76,0 76,6 81,8 82,3 70,2 70,8 51,4 51,3 53,7 53,7 49,0 48,9 Baden-Württemberg 77,6 77,8 83,2 83,6 72,0 71,9 53,3 52,2 54,4 54,0 52,2 50,3 Bayern 77,5 78,1 83,6 84,2 71,3 72,0 55,9 55,4 58,0 57,8 53,7 53,1 Estonia 72,9 73,8 77,5 76,8 68,7 71,0 38,3 38,3 44,2 42,3 32,3 34,3 Ireland 72,4 69,5 81,4 77,1 63,3 62,0 55,0 42,0 58,3 42,9 51,5 41,2 Greece 67,0 68,2 79,1 78,9 54,9 57,6 31,1 30,3 34,7 33,4 27,6 27,2 Spain 71,6 73,4 81,5 80,7 61,4 65,9 47,8 42,7 52,1 45,1 43,3 40,1 Cataluña 76,0 76,9 85,0 83,6 66,7 70,1 52,2 48,0 56,4 50,4 47,9 45,6 France 69,7 70,3 74,6 74,8 65,0 66,0 38,6 39,4 41,9 43,0 35,2 35,8 Île de France 72,7 71,8 76,9 76,5 68,6 67,4 35,8 32,2 36,9 34,8 34,8 29,6 Rhône-Alpes 70,6 72,1 76,3 76,4 65,1 67,8 39,9 41,6 45,2 45,0 34,5 38,1 Italy 62,5 62,2 74,4 73,3 50,7 51,1 30,9 28,4 36,2 33,2 25,5 23,4 Nord Est 68,3 68,6 78,6 78,4 57,7 58,7 38,3 34,6 43,8 39,8 32,5 29,3 Provincia Autonoma Bolzano/Bozen 71,7 73,1 81,2 81,1 61,9 65,1 45,8 41,9 53,3 50,0 37,9 33,5 Provincia Autonoma Trento 68,3 69,0 77,6 77,4 58,8 60,5 37,3 32,2 42,7 38,4 31,5 25,7 Veneto 68,1 68,4 78,9 78,9 57,0 57,7 38,0 34,7 42,6 39,7 33,3 29,5 Friuli-Venezia Giulia 67,9 67,5 77,1 75,3 58,5 59,5 35,7 31,5 44,6 35,1 26,7 27,7 Cyprus 73,9 74,4 82,9 81,7 65,4 67,4 41,7 40,6 43,9 40,4 39,7 40,7 Latvija 72,8 73,2 77,6 75,8 68,3 70,7 43,0 40,4 48,9 43,0 36,8 37,7 Lithuania 67,9 70,5 71,0 72,4 65,0 68,8 27,4 29,6 31,8 32,8 22,8 26,3 Luxembourg 66,9 68,2 75,0 76,0 58,9 60,3 26,5 24,7 30,6 26,8 22,3 22,7 Hungary 61,9 62,4 69,0 68,3 55,1 56,7 25,6 24,9 29,3 27,7 21,8 22,1 Malta 58,4 60,2 77,6 77,6 38,6 42,2 53,1 51,5 57,1 55,4 48,9 47,4 Netherlands 78,5 78,2 84,7 83,7 72,2 72,6 72,7 69,0 73,1 68,6 72,4 69,4 Austria 74,7 75,1 81,7 80,9 67,8 69,3 60,8 58,8 65,0 63,6 56,7 54,1 Kärnten 71,4 72,3 78,2 78,8 64,6 65,9 57,3 58,5 61,9 63,5 52,7 53,5 Poland 63,2 65,6 70,0 72,4 56,5 59,0 33,0 34,5 36,5 39,1 29,3 29,7 Portugal 74,1 74,0 79,4 78,2 68,8 69,9 41,9 36,7 45,3 38,6 38,4 34,8 Romania 63,0 63,7 70,1 71,5 56,0 55,8 30,5 31,2 35,9 36,2 24,9 26,1 Slovenia 71,3 71,5 75,8 75,4 66,6 67,4 41,8 39,9 47,7 44,4 35,4 34,8

6 Tab. 2 (segue)- Tassi di attività per età e genere anni anni Totale m+f Maschi Femmine Totale m+f Maschi Femmine Slovakia 68,3 68,7 75,9 76,1 60,8 61,3 34,6 31,1 38,9 36,4 30,2 25,5 Finland 75,6 74,5 77,3 76,5 73,8 72,5 53,4 49,4 53,3 49,4 53,6 49,3 Sweden 79,1 79,5 81,4 82,3 76,8 76,7 52,2 51,7 51,8 52,1 52,7 51,4 United Kingdom 75,5 75,5 82,2 81,7 69,0 69,4 61,7 59,2 64,6 61,8 58,7 56,4 Switzerland 81,6 82,4 88,2 88,3 75,0 76,4 67,4 67,9 70,2 69,1 64,5 66,5 Croatia 63,4 61,5 70,4 67,4 56,5 55,9 34,9 37,7 39,9 43,7 29,5 31,2 Turkey 49,1 51,9 73,4 74,5 25,2 29,6 36,5 37,4 50,2 49,8 23,5 25,5

7 Graf. 1 Tassi di attività totale (maschi + femmine) anni (2010) EU (27 countries) Belgium Bulgaria Czech Republic Denmark Germany Baden-Württemberg Bayern Estonia Ireland Greece Spain Cataluña France Île de France Rhône-Alpes Italy Nord Est Bolzano Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Cyprus Latvija Lithuania Luxembourg Hungary Malta Netherlands Austria Kärnten Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United Kingdom Switzerland Croatia Turkey

8 Graf. 2 - Tassi di occupazione totale (maschi + femmine) anni (2010) EU (27 countries) Belgium Bulgaria Czech Republic Denmark Germany Baden-Württemberg Bayern Estonia Ireland Greece Spain Cataluña France Île de France Rhône-Alpes Italy Nord Est Bolzano Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Cyprus Latvija Lithuania Luxembourg Hungary Malta Netherlands Austria Kärnten Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United Kingdom Switzerland Croatia Turkey

9 Graf. 3 Tassi di disoccupazione totale (maschi + femmine) anni (2010) EU (27 countries) Belgium Bulgaria Czech Republic Denmark Germany Baden-Württemberg Bayern Estonia Ireland Greece Spain Cataluña France Île de France Rhône-Alpes Italy Nord Est Bolzano Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Cyprus Latvija Lithuania Luxembourg Hungary Malta Netherlands Austria Kärnten Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United Kingdom Switzerland Croatia Turkey

10 Fig. 1 Tassi di occupazione della popolazione in età anni (totale maschi + femmine) per aree Nuts 2 Fonte: Eurostat (EuroGeographics Association for the administrative boundaries)

11 Fig. 2 Tassi di disoccupazione della popolazione in età anni (totale maschi + femmine) per aree Nuts 2 Fonte: Eurostat (EuroGeographics Association for the administrative boundaries)

Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni

Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni 2005-2011 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 European Union (27 countries) 24.258,853 23.236,823

Dettagli

Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012

Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012 Credito ai Consumatori in Europa a fine 2012 Introduzione Crédit Agricole Consumer Finance ha pubblicato, per il sesto anno consecutivo, la propria ricerca annuale sul mercato del credito ai consumatori

Dettagli

Insegnamento: Società europee comparate. Trasformazione post-industriale, riforme di welfare e impatto della crisi in Europa.

Insegnamento: Società europee comparate. Trasformazione post-industriale, riforme di welfare e impatto della crisi in Europa. Corsi di laurea magistrale in Sociologia Progettazione e gestione delle politiche sociali e sanitarie (PROGEST) Turismo, territorio e sviluppo locale Insegnamento: Società europee comparate Enzo Mingione:

Dettagli

Occupazione e lavoro di cura

Occupazione e lavoro di cura Servizio Controllo Strategico e Statistica Occupazione e lavoro di cura Alcuni spunti di riflessione su come il lavoro di cura influenza l occupazione femminile in Emilia-Romagna 7 marzo 2011 Numeri per

Dettagli

Il differenziale retributivo di genere grezzo

Il differenziale retributivo di genere grezzo Il differenziale retributivo di genere grezzo Il differenziale retributivo di genere è la misura della differenza che esiste, in media, tra il salario di un lavoratore e quello di una lavoratrice in un

Dettagli

Povertà dei minori in Italia in prospettiva comparata. Gli effetti della crisi e delle politiche

Povertà dei minori in Italia in prospettiva comparata. Gli effetti della crisi e delle politiche Povertà dei minori in Italia in prospettiva comparata. Gli effetti della crisi e delle politiche Chiara Saraceno Honorary fellow Collegio Carlo Alberto Caratteristiche della povertà in Italia Fenomeno

Dettagli

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1].

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1]. Il lavoro Il lavoro e il tempo libero dovrebbero essere una fonte di salute per le persone. Il modo in cui la società organizza il lavoro dovrebbe contribuire a creare una società sana. La promozione della

Dettagli

La dispersione regionale dell'occupazione e della disoccupazione nell'unione Europea

La dispersione regionale dell'occupazione e della disoccupazione nell'unione Europea La dispersione regionale dell'occupazione e della disoccupazione nell'unione Europea I Paesi dell Unione Europea (UE) sono molto diversi fra di loro e mostrano dinamiche differenziate interne a livello

Dettagli

Lavoro femminile e precarietà

Lavoro femminile e precarietà Lavoro femminile e precarietà Francesca Lotti & Francesca Carta Bank of Italy, DG Economics, Statistics and Research Le opinioni espresse non impegnano in alcun modo l'istituto di appartenenza 1 Outline

Dettagli

I DATI DELLA DESTINAZIONE Borsa internazionale del turismo di Milano

I DATI DELLA DESTINAZIONE Borsa internazionale del turismo di Milano I DATI DELLA DESTINAZIONE Borsa internazionale del turismo di Milano 2-4 aprile 2017 www.puglia365.it OVERVIEW Italia e Puglia a confronto L andamento 2015/16 in Puglia: - mensile - per macro tipologia

Dettagli

La posizione di ETSC sulla Direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali

La posizione di ETSC sulla Direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali Roma - 9 luglio 2009 La posizione di ETSC sulla Direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali Antonio Avenoso, ETSC European Transport Safety Council Un approccio scientifico

Dettagli

1. L economia del lavoro: definizioni e statistiche

1. L economia del lavoro: definizioni e statistiche 1. L economia del lavoro: definizioni e statistiche Il mercato del lavoro è un mercato come gli altri: lavoratori = offerta imprese = domanda salari = prezzi quantità = occupazione e disoccupazione ...ma

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE. La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce

NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE. La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce NUOVO CONTINENTE: UN SUPPORTO ALL ITALIA DIGITALE La situazione attuale: infrastrutture, alfabetizzazione digitale, e-commerce LE INFRASTRUTTURE DIGITALI UNA DOTAZIONE DIFFUSA, MA CON ALCUNI LIMITI TERRITORIALI

Dettagli

OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment

OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment 7 dicembre 2010 INVALSI OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment Risultati nazionali La rilevazione OCSE PISA 2009 Quarta edizione del programma PISA (rilevazioni triennali). Obiettivo

Dettagli

Dalla CRISI ECONOMICA DEL alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS)

Dalla CRISI ECONOMICA DEL alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS) Dalla CRISI ECONOMICA DEL 2007-2008 alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS) Massimo Del Gatto - «G.d'Annunzio» University and CRENoS 1 Tasso di crescita del

Dettagli

Regione Detenuti presenti Agenti in forza. Totale 59.419 39.156

Regione Detenuti presenti Agenti in forza. Totale 59.419 39.156 Rapporto tra detenuti presenti e agenti in forza: situazione al 13 febbraio 2009 Regione Detenuti presenti Agenti in forza Abruzzo 1.741 1.306 Basilicata 563 490 Calabria 2.367 1.682 Campania 7.332 5.010

Dettagli

La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo. Gruppo indicatori Giugno 2011

La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo. Gruppo indicatori Giugno 2011 La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Gruppo indicatori Giugno 2011 United Kingdom France Germany Spain Italy Netherlands Greece Sweden

Dettagli

Investimenti per uscire dalla crisi

Investimenti per uscire dalla crisi Investimenti per uscire dalla crisi Enrico Marelli Università di Brescia Intervento al Policy Workshop del Gruppo di Discussione Crescita Investimenti e Territorio : La ripresa economica e la politica

Dettagli

Sicurezza stradale: politiche ed esperienze europee

Sicurezza stradale: politiche ed esperienze europee Sicurezza stradale: politiche ed esperienze europee Bari, 11 Luglio 2008 Antonio Avenoso, ETSC ETSC Un approccio scientifico alla politica della sicurezza stradale Organizzazione non governativa, indipendente,

Dettagli

Uno, nessuno, centomila: i numeri dei ricercatori in Italia e all estero

Uno, nessuno, centomila: i numeri dei ricercatori in Italia e all estero @bollettinoadapt, 24 febbraio 2016 Uno, nessuno, centomila: i numeri dei ricercatori in Italia e all estero di Elena Prodi Tag: #researchers #private #sector #company #academia #innovation #mobility #business

Dettagli

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013 Il PuntO n 277 UE 28. Capacità di spesa pro capite (PPS) e prezzi di benzina e gasolio. Una analisi comparata: A) Tra tutti i paesi UE. B) Tra i 5 maggiori paesi UE e C) Tra Lussemburgo e Italia Fonti:

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2016 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI Fonte: DB Eurostat al 1-1-8 Divisione Ambiente - Innovazione Servizi Ambientali * Oltre ai Paesi dell Unione Europea (attuali e candidati) sono indicati

Dettagli

OCCUPAZIONE FEMMINILE E NATALITA

OCCUPAZIONE FEMMINILE E NATALITA OCCUPAZIONE FEMMINILE E NATALITA Itrduie In una recente nota dell IPRES si sono analizzate situazione e dinamica della natalità in Puglia alla luce degli ultimi dati demografici pubblicati dall ISTAT 1.

Dettagli

Un analisi della partecipazione italiana al primo ciclo di bandi SC6

Un analisi della partecipazione italiana al primo ciclo di bandi SC6 Un analisi della partecipazione italiana al primo ciclo di bandi SC6 Monique Longo APRE Punto di Contatto nazionale Horizon Societal Challenge 6 "Europe in a changing world Inclusive, Innovative and Reflective

Dettagli

HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana

HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana Fabio Voller, Monia Puglia, Monica Da Frè Osservatorio di Epidemiologia, Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati Agenzia Regionale di Sanità della Toscana

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Il mercato del lavoro in Europa

Il mercato del lavoro in Europa Il mercato del lavoro in Europa Il diritto di essere piccoli Milano, 6 maggio 2014 Silvia Spattini @SilviaSpattini silvia.spattini@adapt.it Tassi di occupazione 2013 Tasso occupazione totale Tasso occupazione

Dettagli

ECONOMIA CIRCOLARE: UN OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA REGIONALE? Stefano Casini Benvenuti

ECONOMIA CIRCOLARE: UN OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA REGIONALE? Stefano Casini Benvenuti ECONOMIA CIRCOLARE: UN OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA REGIONALE? Stefano Casini Benvenuti 15 aprile 2016 I FONDAMENTI i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile; non ci sono rifiuti.

Dettagli

Il Turismo nell area Euro-Adriatica

Il Turismo nell area Euro-Adriatica Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio Il Turismo nell area Euro-Adriatica In collaborazione con: 1 Il mercato del turismo europeo Fonte: WTO, 2006 2 I numeri dell Euroregione Adriatica

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

I flussi migratori in Europa

I flussi migratori in Europa I flussi migratori in Europa PROF. RICCARDO FIORENTINI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE UNIVERSITÀ DI VERONA Migrazioni: un fenomeno complesso Motivi alla base delle migrazioni: Motivi economici Ricongiungimenti

Dettagli

Stato dell arte dei Servizi Pubblici per l Impiego

Stato dell arte dei Servizi Pubblici per l Impiego Le politiche attive del lavoro e il Fondo Sociale Europeo Roma, 29 maggio 2014 - FORUM PA Stato dell arte dei Servizi Pubblici per l Impiego Maurizio Sorcioni Staff di Statistica Studi e Ricerche sul Mercato

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2014 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Le iniziative in corso del bacino padano ed i finanziamenti statali e regionali per interventi di miglioramento della qualità dell'aria"

Le iniziative in corso del bacino padano ed i finanziamenti statali e regionali per interventi di miglioramento della qualità dell'aria Le iniziative in corso del bacino padano ed i finanziamenti statali e regionali per interventi di miglioramento della qualità dell'aria" Reggio Reggio Emilia Emilia 20/11/2008 LA NUOVA DIRETTIVA COMUNITARIA

Dettagli

La cultura tra pubblico e privato

La cultura tra pubblico e privato Dire e fare cultura La cultura tra pubblico e privato Risorsa per la resilienza di fronte alla crisi Patrizia Lattarulo Firenze, 17 giugno 216 Premessa: la cultura, sistema produttivo e attività economica

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

Crisi economica e suicidio in Toscana

Crisi economica e suicidio in Toscana Crisi economica e suicidio in Toscana Caterina Silvestri, Simone Bartolacci e Mirko Monnini Osservatorio di Epidemiologia caterina.silvestri@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana XXXVII

Dettagli

Introduzione all audit clinico nel cancro del colonretto: RUOLO DELLO SCREENING

Introduzione all audit clinico nel cancro del colonretto: RUOLO DELLO SCREENING 20 ottobre 2012 MAMU Mantova Introduzione all audit clinico nel cancro del colonretto: RUOLO DELLO SCREENING RELATORE: Nicola Mantovani Anghinoni Emanuela DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA http://www.epicentro.iss.it

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Brucchi cap.11 anno

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Brucchi cap.11 anno LE POLITICHE DEL LAVORO La definizione delle politiche del lavoro: POLITICHE ATTIVE 1. Labour market services 2.Training 3.Job rotation and job sharing 4.Employment incentives 5.Supported employment and

Dettagli

1. Introduzione. 2. La presenza straniera nei Paesi dell Unione Europea

1. Introduzione. 2. La presenza straniera nei Paesi dell Unione Europea IL VENETO NEL CONTESTO MIGRATORIO EUROPEO: PRINCIPALI EVIDENZE STATISTICHE FRECCE/11 Settembre 2015 1. Introduzione Le dinamiche migratorie hanno assunto un ruolo di primo piano nel definire gli andamenti

Dettagli

Welfare state. Un confronto tra paesi europei

Welfare state. Un confronto tra paesi europei Welfare state Un confronto tra paesi europei 1 Dimensione dei sistemi di welfare (1) Spesa pubblica sociale lorda Tre gruppi di paesi nel 1996: a) Nordici (1/3 PIL) b) Continentali (29%) c) Meridionali

Dettagli

Seminario L evoluzione delle politiche di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa: azioni e prospettive

Seminario L evoluzione delle politiche di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa: azioni e prospettive Seminario L evoluzione delle politiche di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa: azioni e prospettive Roma 10 marzo 2008 Biblioteca Nazionale Centrale Fabio Menicacci Enrico Quintavalle Relazione

Dettagli

La disoccupazione. Definizioni introduttive

La disoccupazione. Definizioni introduttive La disoccupazione Definizioni introduttive Il mercato del lavoro è il luogo di scambio del fattore lavoro Chi offre e domanda lavoro? Definizione di: - popolazione in età lavorativa - occupati - persone

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Corso Ordine Giornalisti I falsi miti sulle energie rinnovabili Torino, 7 giugno 2016

Corso Ordine Giornalisti I falsi miti sulle energie rinnovabili Torino, 7 giugno 2016 Corso Ordine Giornalisti I falsi miti sulle energie rinnovabili Torino, 7 giugno 2016 Tecnologie per le applicazioni termiche ed elettriche delle fonti rinnovabili di energia 1 Struttura del sistema energetico

Dettagli

Il prezzo delle sigarette e i consumi. OSSFAD Istituto Superiore di Sanità

Il prezzo delle sigarette e i consumi. OSSFAD Istituto Superiore di Sanità Il prezzo delle sigarette e i consumi OSSFAD Istituto Superiore di Sanità Si ripete ormai da anni che un efficace politica di controllo del tabagismo è costituita dall aumento dei prezzi dei prodotti del

Dettagli

Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014

Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014 Disoccupati nelle regioni dell UE Il tasso di disoccupazione scende nella maggior parte delle regioni dell UE nel 2014 I tassi vanno da 2,5% a Praga a 34,8 in Andalusia. Poco più della metà delle regioni

Dettagli

Il PuntO n 137. Comparazione dei prezzi nei paesi UE. Smantellare i falsi raffronti.

Il PuntO n 137. Comparazione dei prezzi nei paesi UE. Smantellare i falsi raffronti. Il PuntO n 137 Comparazione dei prezzi nei paesi UE. Smantellare i falsi raffronti. Tre esempi concreti: benzina, costo di un conto corrente bancario, costo di un biglietto del metrò Di Mauro Novelli 21-6-2008

Dettagli

Mobilità internazionale

Mobilità internazionale Mobilità internazionale TRAINEESHIP BANDO DI CONCORSO Anno Formativo 2015-2016 Fondazione ITS per le Nuove tecnologie e il Made in Italy Tel. +39 035 832563 Via del Convento, 1 24060 San Paolo d Argon

Dettagli

Tutela del Marchio. Le informazioni di seguito riportate vi aiuteranno al corretto utilizzo del marchio e del logo dello slogan Take it to the Max.

Tutela del Marchio. Le informazioni di seguito riportate vi aiuteranno al corretto utilizzo del marchio e del logo dello slogan Take it to the Max. Tutela del Marchio Le informazioni di seguito riportate vi aiuteranno al corretto utilizzo del marchio e del logo dello slogan Take it to the Max. e Indice: Paesi coperti dalla registrazione Linee guida

Dettagli

La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto

La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto Conferenza stampa La situazione e le prospettive dell economia e del mercato dell auto Intervento di Gian Primo Quagliano Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Circolo della Stampa - Milano,

Dettagli

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA Cos è JEREMIE L Iniziativa JEREMIE (Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises - Risorse europee congiunte per le piccole e medie imprese) offre agli Stati

Dettagli

La pratica sportiva in Italia

La pratica sportiva in Italia SALONE D ONORE DEL CONI, FORO ITALICO, ROMA ROMA 23 FEBBRAIO 2017 La pratica sportiva in Italia Giorgio Alleva Presidente Istituto nazionale di Statistica Outline 1 La pratica sportiva in Italia. Le tendenze

Dettagli

Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015

Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015 Elaborazioni da Rapporto ESPAD, 2015 http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato659136.pdf Giuseppe Gorini-ISPO Firenze/ Sandra Bosi/ LILT Reggio Emilia-Luoghi di Prevenzione Cos è Espad Ricerca sui

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Esercitazione sociologia II. Disoccupazione e immigrazione

Esercitazione sociologia II. Disoccupazione e immigrazione Esercitazione sociologia II Disoccupazione e immigrazione 1 1 - L immigrazione in Europa Tasso d occupazione femminile (2008 Eurostat) 15-64 Foreigner Nazional Total European Union (27 countries) 53,2

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2017 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Università Cattolica 2 ottobre 2014 Introduzione Giancarlo Rovati Direttore Dipartimento di Sociologia Studio

Dettagli

e più 65 e più Totale e più 65 e più Totale Depressione maggiore

e più 65 e più Totale e più 65 e più Totale Depressione maggiore Paesi Persone di 15 anni e più con disturbi depressivi nelle due settimane precedenti l intervista, per livello di gravità, classe di età e paese dell Unione europea (Ue28). Anno 2015 (per 100 15-64 65-74

Dettagli

Analfabetismo finanziario ed inclusione previdenziale nella società che invecchia

Analfabetismo finanziario ed inclusione previdenziale nella società che invecchia Analfabetismo finanziario ed inclusione previdenziale nella società che invecchia Mario Padula Presidente della Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione JOB & Orienta 26 o Mostra Convegno Nazionale

Dettagli

BREVETTO EUROPEO UNITARIO - UPP

BREVETTO EUROPEO UNITARIO - UPP Una panoramica sul Brevetto Europeo Unitario 2017-03-29 G.G. Masciopinto SICPI - AL & PARTNERS 1 BASI NORMATIVE o REGOLAMENTO UNIONE EUROPEA 1257/2012 (COOPERAZIONE RAFFORZATA) o REGOLAMENTO UNIONE EUROPEA

Dettagli

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020)

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Pesaro, 11 febbraio 2014 Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA c.grano@indire.it L Architettura di E+ 7 esistenti programmi

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Newsletter ARIFL - IO LAVORO Numero 8 Settimana 8 Gennaio - 14 Gennaio 2010 Stime provvisorie sui tassi di occupazione, disoccupazione e inattività in Italia e sui tassi di disoccupazione nei Paesi dell

Dettagli

UNIONE EUROPEA27 Prosegue il calo il mercato delle autovetture nuove, ma a livello mondiale le vendite di auto crescono.

UNIONE EUROPEA27 Prosegue il calo il mercato delle autovetture nuove, ma a livello mondiale le vendite di auto crescono. UNIONE EUROPEA27 Prosegue il calo il mercato delle autovetture nuove, ma a livello mondiale le vendite di auto crescono. Ottobre2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate 1 milione circa di vetture

Dettagli

LE COMPONENTI DI COSTO DEL PRODOTTO COSMETICO

LE COMPONENTI DI COSTO DEL PRODOTTO COSMETICO LE COMPONENTI DI COSTO DEL PRODOTTO COSMETICO Percorso guidato fra dati di mercato, componenti di costo e loro valorizzazione Vincenzo Rialdi Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe Presidente

Dettagli

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009 OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON L EUROPA Piemonte in focus Indice GIUGNO 2009 La situazione della

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

Istituto di Studi Ricerche e Formazione della Fisac LAB - LAVORO ASSICURAZIONI BANCHE

Istituto di Studi Ricerche e Formazione della Fisac LAB - LAVORO ASSICURAZIONI BANCHE CGIL FISAC Istituto di Studi Ricerche e Formazione della Fisac LAB - LAVORO ASSICURAZIONI BANCHE ISRF Lab CRISI ECONOMICA, BANCHE E ASSICURAZIONI: Crescita, Buona Occupazione, Salari Elaborazioni a cura

Dettagli

La Toscana ieri e oggi attraverso le statistiche di genere

La Toscana ieri e oggi attraverso le statistiche di genere La Toscana ieri e oggi attraverso le statistiche di genere Natalia Faraoni, Maria Luisa Maitino, Donatella Marinari, Letizia Ravagli Convegno La condizione socio-economica della donna Sala Pegaso, Palazzo

Dettagli

Disoccupazione di lunga durata in Italia ed in Europa

Disoccupazione di lunga durata in Italia ed in Europa Disoccupazione di lunga durata in Italia ed in Europa OVERVIEW INSIDE La disoccupazione di lunga durata (almeno 12 mesi) cresce con la crisi in Italia ed in Europa. L incremento maggiore riguarda la disoccupazione

Dettagli

INFEZIONE DA HIV Epidemiologia

INFEZIONE DA HIV Epidemiologia INFEZIONE DA HIV Epidemiologia Dr.ssa Giuliana Zoboli S.C. di Malattie Infettive, ASMN Reggio Emilia Reggio Emilia, 19 Aprile 2013 HIV ed AIDS nel Mondo WHO TARGETS FOR 2015 HIV ed AIDS

Dettagli

Arrivi Firenze vs città. Arrivi Firenze vs paesi

Arrivi Firenze vs città. Arrivi Firenze vs paesi Arrivi Firenze - 2012 vs 2013 - città da mondo (città) da mondo (città) a firenze a firenze n città di provenienza: % n città di provenienza: % % 2012 vs 2013 1 London 21,3% 1 London 19,8% -7,0% 2 Moscow

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Quaderni di studi e statistiche sul mercato del lavoro Numero 3 Novembre 2011 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SEGRETARIATO GENERALE Ufficio di Statistica Coordinamento delle attività del

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

CONSUMER CONFIDENCE IN POLONIA

CONSUMER CONFIDENCE IN POLONIA CONSUMER CONFIDENCE IN POLONIA INDICE DI FIDUCIA E TREND DEI CONSUMI Client Logo Nicola De Carne Retailer Client Business Partner 28 novembre 2014 2005-Q1 2005-Q3 2006-Q1 2006-Q3 2007-Q1 2007-Q3 2008-Q1

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - PROVINCIA DI VARESE (tutti i 141 Comuni) La consistenza è riferita al mese di dicembre

Dettagli

PISA 2015: l Italia a confronto

PISA 2015: l Italia a confronto PISA 2015: l Italia a confronto Martedì 6 dicembre 2016 Roma Francesco Avvisati PISA il test PISA in breve - 2015 Nel 2015, 540 000 studenti - Scelti tra i 28 millioni di studenti 15enni nei 72 paesi/economie

Dettagli

L OSSERVATORIO. 24 Febbraio 2014 CATEGORIA: ECONOMIA 12 INDICATORI PER LA COMPETITIVITA DELL ITALIA

L OSSERVATORIO. 24 Febbraio 2014 CATEGORIA: ECONOMIA 12 INDICATORI PER LA COMPETITIVITA DELL ITALIA L OSSERVATORIO 24 Febbraio 204 CATEGORIA: ECONOMIA 2 INDICATORI PER LA COMPETITIVITA DELL ITALIA DODICI INDICATORI SULLO STATO DEL PAESE 24 Febbraio 204 Banda larga, ricerca e innovazione: Italia tra gli

Dettagli

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE AZIENDA AUTONOMA U.O.B. -STATISTICA E GESTIONE DEL PORTALE GENNAIO 2005 GENNAIO 2006 DIFFERENZA FEBBRAIO 2005 FEBBRAIO 2006 DIFFERENZA MARZO 2005 MARZO 2006 DIFFERENZA Esercizi 16 Esercizi 19 Esercizi

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI: CONFRONTI INTERNAZIONALI E IL CASO ITALIANO

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI: CONFRONTI INTERNAZIONALI E IL CASO ITALIANO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI: CONFRONTI INTERNAZIONALI E IL CASO ITALIANO Paolo Pinotti Fondazione Rodolfo Debenedetti e Università Bocconi Il confronto internazionale Infortuni sul lavoro per 1000

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Marzo 2013. Produttività e regimi di protezione all impiego

Marzo 2013. Produttività e regimi di protezione all impiego Marzo 2013 Produttività e regimi di protezione all impiego di Paolo Pini (Università di Ferrara) È vero che maggiori rigidità nel mercato del lavoro si accompagnano a minore produttività? I dati non lo

Dettagli

Indagine OCSE - PISA 2006 I risultati del Trentino comparati a livello nazionale e internazionale

Indagine OCSE - PISA 2006 I risultati del Trentino comparati a livello nazionale e internazionale Indagine OCSE - PISA 2006 I risultati del Trentino comparati a livello nazionale e internazionale Conferenza stampa 1.2.2008 Il campione del Trentino E stato coinvolto un campione di 1757 studenti distribuiti

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - LAGO MAGGIORE La consistenza è riferita al mese di dicembre 2012 Bed & Breakfast

Dettagli

SENZA TASSE E TFR SPESA PENSIONISTICA ALL 11% SUL PIL IN LINEA CON IL RESTO D EUROPA STUDIO UIL

SENZA TASSE E TFR SPESA PENSIONISTICA ALL 11% SUL PIL IN LINEA CON IL RESTO D EUROPA STUDIO UIL SENZA TASSE E TFR SPESA PENSIONISTICA ALL 11% SUL PIL IN LINEA CON IL RESTO D EUROPA STUDIO UIL DICHIARAZIONE DI DOMENICO PROIETTI, SEGRETARIO CONFEDERALE UIL La separazione della spesa previdenziale da

Dettagli

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE?

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Alice Pittini Rome, February 12, 2015 Seminar L Italia incontra l Europa Estonia Romania Bulgaria Hungary Slovakia Lithuania

Dettagli

Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015

Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015 Il Benessere Equo Sostenibile nella provincia di Ravenna anno 2015 Servizio Statistica Roberta Cuffiani 3 dicembre 2015 Il Bes delle province Anno 2015 82 indicatori per 11 dimensioni per 25 province aderenti,

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo

Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo Maurizio Sorcioni Staff di statistica studi e ricerche - Italia Lavoro Argomenti trattati

Dettagli

I dispositivi alcotest bloccamotore in Europa

I dispositivi alcotest bloccamotore in Europa I dispositivi alcotest bloccamotore in Europa Roma, 17 maggio 2012 Antonio Avenoso, ETSC European Transport Safety Council (ETSC) Un approccio scientifico alla sicurezza stradale Organizzazione non governativa,

Dettagli

Aumenta la soddisfazione ma anche l incertezza per il futuro

Aumenta la soddisfazione ma anche l incertezza per il futuro 7,1 7,1 7,1 7, 7, 6,9 6,9 6,7 6,7 6,5 6,5 8. Benessere soggettivo 119 Aumenta la soddisfazione ma anche l incertezza per il futuro Nel, l indicatore relativo alla soddisfazione per la vita nel complesso

Dettagli

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1%

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% Il mercato delle autovetture registra a settembre 2014 un incremento del 6,1%, grazie alla chiusura positiva per tutti

Dettagli

Laureati in agraria conduttori di aziende agricole

Laureati in agraria conduttori di aziende agricole Laureati in agraria conduttori di aziende agricole Negli ultimi cinque anni, è cresciuta da circa il 2% dei sei anni precedenti ad oltre il 3%, la quota di studenti immatricolati ai corsi di laurea nelle

Dettagli

Le novità sui materiali specifici a rischio

Le novità sui materiali specifici a rischio IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta Le novità sui materiali specifici a rischio Daniela Meloni Centro di riferimento Nazionale Encefalopatie Animali daniela.meloni@izsto.it

Dettagli

LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27)

LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27) LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27) Il progetto AGRICONFRONTI EUROPEI intende, attraverso la raccolta di dati da fonti ufficiali (Eurostat e Istat), mettere a confronto

Dettagli