(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata"

Transcript

1 Sistemi peer-to to-peer (P2P) Sistemi peer-to to-peer Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Giunti agli oneri della cronaca di recente Negli anni 1999/2000 Il famoso caso Napster (sistema di file sharing per file MP3) Molto popolari Parte consistente del traffico Internet: più del 30% è riconducibile ad applicazioni di tipo P2P Trend crescente (nonostante tutto) Qualche anno fa si diceva Internet = Web Alcuni pregiudizi sul P2P P2P = file sharing Molti sistemi per il file sharing si basano su un approccio P2P P2P = illegalità Una percentuale massiccia di file scambiati è coperta da copyright IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 2 Cosa è il peer-to to-peer Peer: entità con capacità simili alle altre entità nel sistema Il termine peer-to-peer si riferisce ad una classe di sistemi ed applicazioni che utilizzano risorse distribuite per eseguire una funzionalità (critica) in modo decentralizzato Condivisione delle risorse (cicli di CPU, storage, dati) Offrire ed ottenere risorse dalla comunità di peer Caratteristiche dei sistemi P2P Tutti i nodi (peer) hanno la stessa importanza (in linea di principio) Nodi indipendenti (autonomi) e localizzati ai bordi (edge) di Internet Nessun controllo centralizzato Ogni peer ha funzioni di client e server e condivide delle risorse servent = server + client In realtà, possono essere presenti server centralizzati o nodi con funzionalità diverse rispetto agli altri (supernodi) I peer sono organizzati in una gerarchia Sistemi altamente distribuiti Il numero di nodi può essere dell ordine delle centinaia di migliaia Nodi altamente dinamici ed autonomi Un nodo può entrare o uscire dalla rete P2P in ogni momento Operazioni di ingresso/uscita (join/leave) dalla rete anche sofisticate Ridondanza delle informazioni IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 3 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 4

2 Applicazioni P2P Distribuzione e memorizzazione di contenuti Contenuti: file, video streaming, Es. di file sharing: Gnutella, KaZaA, BitTorrent, edonkey ed emule, Es. di file storage: Freenet Condivisione di risorse di calcolo (elaborazione distribuita) Es.: Search for Extraterrestrial Intelligence Collaborazione e comunicazione Es.: Chat/Irc, Instant Messaging, Jabber Telefonia Es.: Skipe Content Delivery Network Es.: CoralCDN Piattaforme Es:. JXTA ( IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 5 Condivisione di file E la killer application del P2P Occorrono funzionalità di publishing, searching, retrieval Vediamo un esempio Alice esegue un applicazione client P2P sul suo portatile In modo intermittente si connette ad Internet; ottiene un nuovo indirizzo IP per ogni connessione Registra il suo contenuto nel sistema P2P Cerca Hey Jude L applicazione visualizza altri peer che hanno una copia di Hey Jude Alice sceglie uno dei peer, Bob Il file viene copiato dal PC di Bob al portatile di Alice (P2P) Mentre Alice esegue il download, altri utenti eseguono un upload da Alice IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 6 Software per la condivisione di file Consente ad Alice di registrare una directory del proprio file system per la condivisione Chiunque può ottenere un file dalla directory registrata Come un Web server Consente ad Alice di copiare file dalle directory condivise di altri utenti Come un Web client Consente ad Alice di individuare quali peer possiedono un determinato file tramite una ricerca basata su keyword Come Google Obiettivi e problemi dei sistemi P2P Obiettivi Condividere/ridurre i costi usando risorse non utilizzate Migliorare la scalabilità Aumentare la persistenza e la disponibilità delle risorse Consentire l aggregazione di risorse e l interoperabilità Aumentare l autonomia Aumentare l anonimato/privacy, nascondendo le operazioni svolte dagli utenti Consentire dinamismo e comunicazioni ad-hoc Problemi Sicurezza: garantire integrità e autenticità delle risorse Disuguaglianza tra i nodi Elevato tasso con cui i nodi entrano/escono dal sistema P2P Può portare ad una instabilità del sistema che ne influenza negativamente le prestazioni IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 7 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 8

3 Architetture P2P Tre tipologie di architetture P2P Decentralizzate pure Tutti i nodi sono peer, nessun coordinatore centralizzato Ogni peer può funzionare come router, client, o server Parzialmente centralizzate Alcuni nodi (supernodi) facilitano l interconnessione tra i peer Indice locale centralizzato per risorse dei peer locali Prima comunicazione con un supernodo (a), poi con il peer (b) Decentralizzate ibride Presenza di un server centralizzato che facilita l interazione tra i peer (servizio di localizzazione) Overlay network Instradamento delle informazioni su un infrastruttura di rete già esistente Overlay network: è la rete virtuale che interconnette i peer ed è basata su una rete fisica sottostante (tipicamente IP) Vantaggi: Semplicità di sviluppo di nuove applicazioni Tempi di sviluppo ridotti Instradamento a livello applicativo Routing content-aware Routing application semantic-aware Architettura decentralizzata pura Architettura P2P parzialmente centralizzata IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 9 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 10 Overlay routing Idea base: Il sistema fa trovare la strada per raggiungere una risorsa Rispetto al routing tradizionale La risorsa non è esattamente un indirizzo di un nodo della rete, ma può essere un file, una CPU disponibile, dello spazio libero su disco, Concentriamo l attenzione sul routing, non sull interazione per recuperare una risorsa Il recupero avviene con un interazione diretta tra peer, usando protocolli come HTTP Reti strutturate e non strutturate Reti non strutturate Nodi organizzati come un grafo random L organizzazione della rete segue principi molto semplici Non ci sono vincoli sul posizionamento delle risorse rispetto alla topologia del grafo La localizzazione delle risorse è resa difficoltosa dalla mancanza di organizzazione della rete L aggiunta o la rimozione di nodi è un operazione semplice e poco costosa Obiettivo: gestire nodi con comportamento fortemente transiente (tassi di join/leave elevati) Esempi: Gnutella, FastTrack, edonkey/overnet IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 11 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 12

4 Reti strutturate e non strutturate Reti strutturate Vincoli sul grafo (strutturato) e sul posizionamento delle risorse sui nodi del grafo L organizzazione della rete segue principi rigidi L aggiunta o la rimozione di nodi è un operazione costosa Obiettivo: migliorare la localizzazione delle risorse Esempi: Chord, Pastry, CAN Routing in reti non strutturate Sistemi decentralizzati ibridi: directory centralizzata Es.: Napster Sistemi decentralizzati puri: ricerca flood-based Es.: Gnutella 0.4 Sistemi parzialmente centralizzati Es.: KaZaA, Gnutella 0.6 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 13 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 14 Sistemi con directory centralizzata Un nodo centralizzato (directory server) possiede il mapping risorse-peer (index), fornendo un servizio di discovery dei peer e di lookup delle risorse Limiti Gestione costosa della directory centralizzata Collo di bottiglia costituito dal nodo centrale (scalabilità limitata) Single point of failure (motivi tecnici e legali, es. Napster) Napster server Index peers 1. File location request 2. List of peers offering the file 5. Index update 3. File request 4. File delivered Napster server Index IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 15 Sistemi con ricerca flood-based Approccio completamente distribuito per localizzazione le risorse Ogni peer propaga (flood) la richiesta ai peer vicini, che a loro volta inviano la richiesta ai loro vicini (escludendo il vicino da cui hanno ricevuto la richiesta) Fino a che la richiesta è risolta oppure viene raggiunto un massimo numero di passi (per limitare il raggio della ricerca ) L eventuale risposta viene inviata al peer dal quale è stata ricevuta la richiesta Da evitare: La propagazione all infinito Decremento del TTL ad ogni inoltro La circolazione nei cicli del grafo ID della query per evitare che venga nuovamente elaborata dai nodi da cui è stata già ricevuta IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 16

5 Esempio di ricerca con flooding Problemi del flooding Crescita esponenziale del numero di messaggi (possibilità di attacchi DOS) P2 P1 P4 A! P3 P5 P6 TTL=2 TTL=2 TTL=2 TTL=2 A! richiesta con TTL scaduto P7 P10 richiesta già ricevuta P8 P9 Nodi black-hole in caso di congestione Non è realistico esplorare tutta la rete Costo della ricerca Le risposte dovrebbero avere tempi ragionevoli Come determinare il raggio di ampiezza del flooding? Non è garantito che vengano interrogati tutti i nodi (o i nodi) che posseggono la risorsa Traffico di query: i messaggi che non producono risultati occupano comunque banda Mancanza di una relazione tra topologia virtuale e topologia reale A che distanza sono i vicini? IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 17 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 18 Case study: Gnutella Gnutella versione 0.4 implementa un architettura decentralizzata pura Discovery Per accedere alla rete occorre conoscere l indirizzo di un nodo (problema del bootstrap) Esistono servizi di host-caching che forniscono liste di nodi della rete Gnutella Ottenuta la lista, il nodo prova a connettersi con alcuni dei nodi noti A seconda della velocità di connessione, il nodo prova a mantenere da 3 a 8 connessioni Se una connessione viene persa, il nodo cerca di connettersi ad un altro nodo della lista, che viene continuamente aggiornata Search Per le ricerche di risorse, Gnutella utilizza un flooding con esplorazione breadth-first (BFS) host-caching n1 n1 n2 n2 n3 n3 Connessione in Gnutella Un servent può rifiutare una richiesta di connessione, ad esempio perché ha raggiunto un numero massimo di connessioni ammesse IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 19 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 20

6 Comunicazione fra servent I servent comunicano fra loro con messaggi (detti descriptor); sono supportati 5 tipi di messaggi: Ping Usato per il discovery dei nodi vicini nella rete P2P Pong Messaggio di risposta a un Ping: un nodo che riceve un Ping risponde con uno o più Pong, includendo il suo indirizzo Query Messaggio di richiesta per localizzare una risorsa QueryHit Messaggio di risposta a una query: contiene le informazioni per reperire la risorsa Push Permette il download da servent dietro un firewall tramite il protocollo HTTP Descriptor ID ID Struttura dei messaggi Payload descriptor TTL Hops 16 byte 1 byte 1 byte 1 byte 4 byte Payload length Descriptor ID è un identificatore univoco del messaggio all interno della rete Usato per associare le risposte alle richieste e per evitare di propagare le stesse richieste più di una volta Il Payload descriptor identifica il tipo di messaggio All i-esimo passo: TTL(i) = TTL(0) - Hops(i) Payload length è la lunghezza dei dati associati al messaggio IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 21 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 22 Ping e Pong Il messaggio di Ping è inviato periodicamente per sondare la rete alla ricerca di altri nodi Un nodo che riceve un Ping risponde inviando al mittente un Pong Il messaggio Pong contiene l IP e la porta su cui sono accettate connessioni, il numero di file condivisi e il numero di Kb totali condivisi Possono essere inviati più messaggi di pong per comunicare il contenuto della propria host-cache ll messaggio di ping viene inoltrato ai vicini fino a che il TTL non si annulla Query e QueryHit Query specifica il criterio di ricerca e la velocità di trasferimento minima richiesta ai servent Number of of hits Port IP IP Speed Result set 1 byte 2 byte 4 byte 4 byte N byte QueryHit riguarda tutti i risultati trovati su un dato servent che soddisfano il criterio di ricerca Port: porta su cui il servent accetta connessioni in entrata Result set: contiene gli identificatori delle risorse che soddisfano la query Servent ID: identifica univocamente il nodo nella rete server ID 16 byte IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 23 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 24

7 Download di un file Un nodo richiede direttamente il trasferimento di un file ad un peer che ha risposto alla query Il protocollo usato per il trasferimento è HTTP GET /get/<file index>/<file name>/ HTTP HTTP/ OK Connection: keep-alive Server: Gnutella Range: bytes=0- Content-type: application/binary User-Agent: Gnutella Content-length: data... IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 25 Sistemi parzialmente centralizzati Non tutti i peer sono uguali I nodi meglio connessi e con buona capacità computazionale possono avere funzioni speciali (detti supernodi o super-peer o broker) I supernodi sono identificati dinamicamente I supernodi agiscono da rappresentanti dei loro sottoposti Organizzazione gerarchica I supernodi hanno funzione di directory semicentralizzata I supernodi indicizzano le risorse disponibili nei peer che gestiscono Il flooding riguarda solo i supernodi Rispetto ai sistemi decentralizzati puri Si riduce il tempo di discovery Si sfrutta l eterogeneità dei nodi presenti in una rete P2P IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 26 Query di una risorsa con supernodi Case study: KaZaA A! A! A! Alcune caratteristiche FastTrack come rete di file sharing; Kaaza è il client più popolare Download parallelo di parti di file Redirezione automatica ad un altro server quando il server corrente diviene non disponibile Stima del tempo di download Numero massimo di upload/download simultanei configurabile Gestione della coda al server/client Utenti assidui con priorità più elevata al server Priorità di incentivo Chi collabora alla condivisione dei contenuti è privilegiato nello scaricare file Ricerca basata su keyword IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 27 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 28

8 KaZaA: : la tecnologia Software Proprietario File e dati di controllo crittografati Ogni informazione come richiesta o risposta HTTP Il download include adware e spyware Architettura Architettura parzialmente centralizzata con organizzazione gerarchica dei peer Ogni peer è un supernodo oppure è assegnato ad un supernodo Ogni supernodo ha informazioni su molti altri supernodi Lista di potenziali supernodi inclusa all atto del download del software Case study: BitTorrent E il più popolare protocollo P2P per la distribuzione di contenuti Circa 15% del traffico su Internet Idea di base: dividere un file in pezzi (da 256 KB) e far ridistribuire ad ogni peer i dati ricevuti, fornendoli a nuovi destinatari; in questo modo: Si riduce il carico di ogni sorgente Si riduce la dipendenza dal distributore originale Si fornisce ridondanza Per condividere un file, un peer crea un file.torrent, che contiene metadati sul file condiviso e sul tracker Tracker: il nodo che coordina la distribuzione del file IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 29 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 30 Caratteristiche di BitTorrent Per scaricare un file, un peer ottiene un file.torrent per quel file si connette al tracker individuato in.torrent, che indicherà da quali peer scaricare i vari pezzi del file si connette ai peer individuati per scaricare i vari pezzi Un gruppo di peer interconnessi per condividere un torrente viene detto swarm Se lo swarm contiene solo il seeder iniziale, il client si connette direttamente al seeder Mano a mano che i peer entrano nello swarm, iniziano a negoziare tra loro pezzi del file (anziché scaricarli dal seeder) Alcune tecniche usate dai client BitTorrent Scaricare i primi 4 pezzi selezionandoli in modo casuale per aumentare la possibilità di trading con gli altri peer Scaricare i rimanenti pezzi selezionandoli in base alla strategia rarest first Prima il pezzo più raro Migliore della selezione casuale Inviare dati ai peer che inviano dati (tit-for-tat) IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 31 Routing in reti strutturate Sistemi con Distributed Hash Table (DHT) Anche noti come sistemi con document rooting Ad ogni peer è assegnato un ID ed ogni peer conosce un certo numero di peer Ad ogni risorsa condivisa (pubblicata) viene assegnato un ID, basato su una funzione hash applicata al contenuto della risorsa ed al suo nome Routing della risorsa pubblicata verso il peer che ha l ID più simile a quello della risorsa La richiesta per la risorsa specifica sarà instradata verso il peer che ha l ID più simile a quello della risorsa Possibile copia locale della risorsa ad ogni peer attraversato IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 32

9 Distributed Hash Table Le DHT offrono un astrazione distribuita della struttura dati hash table Le risorse sono rappresentate da una coppia chiave valore (key K, value V) K identifica l oggetto, che è contenuto in V put(k, V): memorizza V in tutti i nodi responsabili per l oggetto identificato da K remove(k, V): cancella tutti i riferimenti a K e all associato V V = get(k): recupera V associato a K da uno dei nodi responsabili Ogni chiave viene mappata su almeno un nodo della rete Ogni risorsa è identificata solo mediante il valore della chiave Per cercare una risorsa occorre conoscere il valore esatto della chiave IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 33 Distributed Hash Table (2) Le DHT operano in maniera distribuita con molti nodi Elevata scalabilità Diverse soluzioni che specificano anche la modalità di routing delle ricerche e della memorizzazione Più di 20 protocolli e prototipi per reti P2P strutturate, tra cui: Chord (MIT) Tapestry (Berkeley) CAN (Berkeley) Pastry (Rice Univ., Microsoft) Kademlia (NY Univ.) SkipNet/SkipGraph Viceroy Z-Ring Chimera (UCSB) IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 34 Chord I nodi e le chiavi sono mappati in uno spazio circolare mediante funzioni hash Ogni nodo è responsabile delle chiavi poste tra sé e il nodo precedente nel cerchio Finger table E una tabella di routing posseduta da ogni nodo Il nodo in posizione x conosce nodi competenti per le posizioni x+1 x+2 x+4 x+8, Finger table in Chord Idea della finger table Ogni nodo conosce bene le posizioni vicine ed ha un idea approssimata delle posizioni più lontane Come avviene la ricerca? Algoritmo di routing: Il nodo in posizione x vuole instradare una richiesta per la posizione z Se z è nella zona di competenza del nodo, la ricerca termina Altrimenti, cerca nella finger table un nodo y con y = max numero < z e invia la richiesta a quel nodo Caratteristiche L algoritmo raggiunge velocemente le vicinanze del punto cercato, per procedere poi con salti via via più piccoli Costo di lookup O(log N), essendo N il numero dei nodi IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 35 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 36

10 finger table N51+2 N56 N51+4 N56 finger table N42+8 N51 N42+16 N1 N51 N48 K54 N56 N42 Routing in Chord N38 N1 lookup(k54) N8 N21 N14 finger table... N8+32 N42 IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 37 Tapestry e CAN Tapestry Prefix routing basato su algoritmo di Plaxton La struttura mesh di Plaxton contiene puntatori ai nodi il cui ID corrisponde agli elementi di una struttura ad albero di prefissi di ID Anche in Pastry e Kademlia il routing è basato su Plaxton CAN (Content Addressable Network) Nodi e risorse disposti in uno spazio cartesiano d-dimensionale Ogni nodo è responsabile di un sottospazio Ogni risorsa è individuata da d coordinate Problemi Chord Meccanismo fragile Scarso supporto per ricerche senza matching esatto Non considera la topologia fisica IW - Valeria Cardellini, A.A. 2007/08 38

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Sistemi peer-to to-peer Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Sistemi peer-to to-peer (P2P) Giunti agli

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Contesto: Peer to Peer

Contesto: Peer to Peer Contesto: Peer to Peer Un architettura di rete P2P è caratterizzata da: Connessioni dirette tra i suoi componenti. Tutti i nodi sono entità paritarie (peer). Risorse di calcolo, contenuti, applicazioni

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Architettura sw di un SD Definisce

Dettagli

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione Università degli Studi di isa Lezione n.1 Sistemi 2: 19-2-2007 eer-to-eer Systems and Applications Capitolo 2 Università degli Studi di isa 1 INFORMAZIONI UTILI Orario corso : martedì ore 14.00-16.00 venerdì

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi Peer To Peer (P2P) Peer-to-Peer (P2P) File Sharing? Sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Gennaro

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Reti non strutturate: casi di studio Livio.torrero@polito (Livio.torrero@polito.it) 09/2009 Napster: introduzione Livio Torrero - Politecnico di Torino Nato come applicativo

Dettagli

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica Lezione n.6 Sistemi P2P: Gnutella Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5 1 Gnutella: il protocollo in breve Messaggi scambiati sulla Overlay Network Messaggi di keep-alive:

Dettagli

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Claudio Zunino claudio.zunino@polito.it Andrea Sanna andrea.sanna@polito.it Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Ing. Michele Amoretti Distributed Systems Group VI Incontro del GARR 17 Novembre 2005 Sommario - Organizzazioni virtuali - Modelli architetturali P2P - Skype

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Bittorrent (caso di studio) Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Bittorent: concetti base (1/2) La rete Bittorrent si basa su tracker Spesso integrato con

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - File Transfer Protocol (FTP) - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como

Dettagli

Sistemi peer-to-peer (P2P)

Sistemi peer-to-peer (P2P) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Sistemi peer-to-peer Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Sistemi peer-to-peer (P2P) Giunti agli oneri

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Giunti agli oneri della cronaca alla fine degli anni 90 Il famoso caso Napster (sistema di file sharing per file MP3) Molto popolari Parte

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore...

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore... emule Files Sharing for dummies...or nearly... By Dario Maggiari L' autore... Dario Maggiari è laureato in Informatica Applicata all'università di Pisa e frequenta i corsi della Laurea Specialistica in

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008 Master SIIT 1 luglio 2008 Scaletta 1 Che signica P2P? Vantaggi e svantaggi Obiettivi 2 La prima generazione: Napster e Gnutella Seconda generazione: Superpeer e Kazaa I più usati (per ora): emule e BitTorrent

Dettagli

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano FTP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il protocollo FTP 1/2 Attraverso il protocollo FTP (File Transfer Protocol) è possibile trasferire uno o più files di qualsiasi tipo tra due macchine Tale

Dettagli

Sistemi distribuiti peer-to-peer

Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemidistribuiti peer-to-peer

Dettagli

Contesto. Reti e applicazioni peer-to-peer. Reti client/server. Reti client/server - svantaggi. Reti P2P - generalità. Reti peer-to-peer (P2P)

Contesto. Reti e applicazioni peer-to-peer. Reti client/server. Reti client/server - svantaggi. Reti P2P - generalità. Reti peer-to-peer (P2P) Contesto Reti e applicazioni -to- Applicazioni client/server Applicazioni di rete Applicazioni -to- File sharing Basi di dati Calcolo distribuito Informatica Generale A.A. 2002/03 Mirko Innocenti Reti

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

3. Introduzione all'internetworking

3. Introduzione all'internetworking 3. Introduzione all'internetworking Abbiamo visto i dettagli di due reti di comunicazione: ma ce ne sono decine di tipo diverso! Occorre poter far comunicare calcolatori che si trovano su reti di tecnologia

Dettagli

Il protocollo BitTorrent

Il protocollo BitTorrent 4 Università degli studi di Bari Corso di Laurea Magistrale in Informatica Sistemi Distribuiti: architetttura e modelizzazione Modulo B modellizzazione Anno Accademico 2008 2009 Modellizzazione del protocollo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Sistemi Peer-to-Peer (P2P)

Sistemi Peer-to-Peer (P2P) Sistemi Peer-to-Peer (P2P) Sistemi P2P Giunti agli onori della cronaca di recente - ~1999/2000 - Il caso Napster Famigerati più che noti Molto popolari - Più del 30% del traffico è riconducibile ad applicazioni

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 Electronic Engineering dept. E-mail: andrea.detti@uniroma2.it Un approccio è P2P quando chi fruisce di qualcosa offre anche qualcosa

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Abbiamo visto come negli ultimi anni la crescita esponenziale del Web abbia in qualche modo portato allo sviluppo di servizi fortemente centralizzati,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Ottimizzazione del traffico P2P nelle Wireless Community Network Stefano Avallone, Roberto Canonico, Giorgio Ventre, Francesco Paolo D'Elia Conferenza GARR

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo Distributed P2P Data Mining Autore: (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo A.A. 2005/2006 Il settore del Data Mining Distribuito (DDM): Data Mining: cuore del processo

Dettagli

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce

Dettagli

Creazione di servizi di rete anonimi con l uso di Tor

Creazione di servizi di rete anonimi con l uso di Tor Creazione di servizi di rete anonimi con l uso di Tor E-Privacy 2006, Firenze, 20 Maggio 2006 Copyright c 2006 Questo documento è rilasciato nei termini della GNU General Public

Dettagli

Web File System Manuale utente Ver. 1.0

Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Via Malavolti 31 41100 Modena Tel. 059-2551137 www.keposnet.com Fax 059-2558867 info@keposnet.com Il KDoc è un Web File System cioè un file system accessibile via

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20

Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20 Networks Quattro chiacchere sul Peer to Peer Marco Marongiu bronto@crs4.it CRS4 Networks System Area Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20 Networks Concetti Generali Quattro chiacchere sul Peer to

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS

CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS CONTENT DISTRIBUTION NETWORKS Definizione (CDN): Le reti per la distribuzione di contenuto o CDN sono delle strutture, operanti sulla rete Internet, in grado di consegnare o distribuire contenuti statici

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

A2-03 Applicazioni Peer to Peer

A2-03 Applicazioni Peer to Peer A2-03 Applicazioni Peer to Peer Dopo aver esaminato le applicazioni di rete che utilizzano l'architettura clientserver, analizziamo più approfonditamente l'architettura peer-to-peer che, come abbiamo visto

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza

Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza Windows Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft che cerca le giuste risposte ai quesiti di sicurezza Microsoft Windows è il sistema operativo più diffuso, ma paradossalmente è anche quello meno sicuro.

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Ingegneria dei Processi Aziendali Modulo 1 Servizi Web Unità didattica 1 Protocolli Web Ernesto Damiani Università di Milano I Servizi Web Un Servizio Web è un implementazione software

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione Outlook 2002 Rev. 1.1 4 dicembre 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione: Outlook XP Introduzione

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione. Sommario: Obiettivo:

Introduzione. Sommario: Obiettivo: Introduzione Obiettivo: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: descrittivo uso di Internet come esempio Sommario: Introduzione Cos è Internet Cos è un protocollo? network edge network core

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Instant Messaging e Peerto-Peer

Instant Messaging e Peerto-Peer Instant Messaging e Peerto-Peer Postecom Security Service Versione: 1.0 Security Service Unit 2 La Sicurezza è nel DNA dell azienda Postecom ma la mappa è lungi dall essere completata! I servizi ed i prodotti

Dettagli

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23)

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP dinamici 11.2 Un indirizzo IP statico è assegnato ad

Dettagli

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP. Cosa fa DHCP. Il DHCP. Mattia Monga. a.a.

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP. Cosa fa DHCP. Il DHCP. Mattia Monga. a.a. Sicurezza dei sistemi e delle 1 Mattia Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP a.a. 2014/15 1 cba 2011 15 M.. Creative

Dettagli

10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro

10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro 10 metodi per ottimizzare la rete in modo sicuro Con l intelligenza applicativa dei firewall di nuova generazione e la serie WAN Acceleration Appliance (WXA) di SonicWALL Sommario Ottimizzazione sicura

Dettagli

AEMcom Peer2Peer - Windows

AEMcom Peer2Peer - Windows AEMcom Peer2Peer - Windows La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce come

Dettagli

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione Università degli Studi di isa Lezione n.1 Sistemi 2: eer-to-eer Systems and Applications Capitolo 2 Università degli Studi di isa 1 Informazioni utili Orario corso : martedì ore 14.00-16.00 aula B venerdì

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Obiettivo: realizzazione di reti sicure Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Per quanto riguarda le scelte tecnologiche vi sono due categorie di tecniche: a) modifica

Dettagli

Nuovi paradigmi per applicazioni P2P

Nuovi paradigmi per applicazioni P2P SERVIZI Nuovi paradigmi per applicazioni P2P ROSARIO DROGO DE IACOVO NICOLA REALE MAURO ROSSOTTO Molto spesso il termine Peer-to-Peer viene associato alle più comuni applicazioni di file-sharing come Gnutella

Dettagli