DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE"

Transcript

1 DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE I soggetti passivi Iva anche se nel periodo di riferimento non hanno effettuato operazioni rilevanti ai fini del tributo, sono obbligati alla presentazione di una dichiarazione annuale dell IVA relativa a tutte le operazioni effettuate nell anno precedente, che consente la liquidazione definitiva del debito o del credito del contribuente e permette la determinazione del volume di affari. I modelli di dichiarazione Iva e le relative istruzioni sono gratuitamente disponibili in formato elettronico e possono essere prelevati dal sito Internet dell Agenzia delle Entrate. L Iva dovuta in base alla dichiarazione annuale deve essere versata entro il 16 marzo dell anno successivo a quello cui la dichiarazione si riferisce. L importo dovuto per essere versato deve superare. 10,33. (arrotondato.10,00). In tutti i casi in cui il termine di pagamento cade di sabato o in un giorno festivo, detto termine è prorogato al primo giorno lavorativo successivo utile. L importo dell Iva a debito può essere rateizzato; le rate devono essere di pari importo e la prima rata deve essere versata entro il termine previsto per il versamento dell Iva in un'unica soluzione. Le rate successive alla prima, devono essere versate entro il giorno 16 di ciascun mese di scadenza ed in ogni caso l ultima rata non può essere versata oltre il 16 novembre. Sull importo delle rate successive alla prima è dovuto l interesse fisso di rateizzazione pari allo 0,33% mensile, pertanto la seconda rata deve essere aumentata dello 0,33% mensile, la terza dello 0,66% e così via. Se si presenta la dichiarazione unificata, il versamento può essere differito alla scadenza prevista per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione unificata, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo. RIEPILOGO Se si presenta dichiarazione Iva autonoma: - versamento in unica soluzione entro il 16 marzo; - rateizzazione maggiorando dello 0,33% mensile l importo di ogni rata successiva alla prima. Se si presenta dichiarazione unificata: - versamento in unica soluzione entro il 16 marzo; - versamento in unica soluzione entro la scadenza del modello Unico con la maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivi; -rateizzazione dal 16 marzo con la maggiorazione dello 0,33% mensile dell importo di ogni rata successiva alla prima; -rateizzazione dalla data di pagamento delle somme dovute in base al modello Unico, maggiorando dapprima l importo da versare dell 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivi al 16 marzo e quindi aumentando dello 0,33% mensile l importo di ogni rata successiva alla prima. Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione, pur essendo titolari di partita Iva, solamente alcune categorie di contribuenti: - i soggetti che hanno registrato esclusivamente operazioni esenti ai sensi dell art. 10 DPR 633/72 - i produttori agricoli in regime di esonero; - i contribuenti minimi. Volume di Affari Il volume di affari rappresenta l ammontare complessivo delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi, rientranti nel campo di applicazione dell IVA, effettuate dal soggetto passivo nel corso dell anno solare, con esclusione delle vendite di beni ammortizzabili.

2 La presentazione del modello di dichiarazione Iva, avviene esclusivamente in via telematica, può avvenire in forma unificata, ossia con il Modello Unico che include la dichiarazione dei redditi, o in forma autonoma qualora il contribuente si trovi in situazione particolare quale ad esempio: - periodo di imposta non coincidente, ai fini delle imposte sui redditi, con l anno solare; - per i soggetti diversi dalle persone fisiche se il periodo d imposta termina prima del 31/12; - soggetti per i quali non sussiste l obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi (venditori porta a porta; - soggetti risultanti da operazioni straordinarie. E facoltà per i contribuenti che chiudono la dichiarazione Iva con un risultato a credito d imposta, presentare la stessa in forma autonoma. In questo modo, coloro che intendono utilizzare il credito in compensazione orizzontale con altri tributi e contributi, possono anticipare l utilizzo del credito nel modello F24, presentato con il canale telematico Entratel o Fiscoline. Infatti dal 2010 la compensazione orizzontale del credito IVA annuale superiore ad è ammessa dal giorno 16 del mese successivo alla presentazione della dichiarazione annuale. Per i crediti Iva superiori ad la compensazione è inoltre subordinata al rilascio del visto di conformità da parte dell intermediario abilitato, il quale prima di apporlo, deve procedere alla verifica della regolarità formale della dichiarazione. Come precisato nella circolare n.1/e della Agenzia delle Entrate del 15/01/2010, il contribuente pur in presenza di un credito superiore a , può compensare subito a gennaio fino a tale importo, poi per l eccedenza procedere alla presentazione della dichiarazione IVA. Ai fini della compensazione è necessario precisare che in presenza di debiti per tributi erariali iscritti a ruolo di importo superiore ad.1500, il divieto di compensazione è assoluto; il contribuente non può compensare alcun importo, pur in presenza di crediti superiori al debito scaduto, se non dopo aver saldato quest ultimo. La violazione della norma è punita con una sanzione pari al 50% dell importo del debito non pagato, con un limite pari all ammontare indebitamente compensato. La compensazione del credito Iva è inibita alle società non operative. La norma si applica con riferimento al credito che emerge dalla dichiarazione Iva relativa all anno in cui la società è stata qualificata come società di comodo. La dichiarazione autonoma può essere prodotta dal 1 febbraio dell anno successivo al periodo di riferimento. Il termine ultimo di presentazione resta il 30 settembre, sempre dell anno successivo. I soggetti che intendono richiedere il rimborso dell eventuale credito emergente dalla dichiarazione annuale devono compilare il nuovo Quadro VR nella dichiarazione stessa, non possono più presentare il soppresso modello VR indirizzato all Agente della riscossione. Il modello di dichiarazione IVA è approvato entro il 15 gennaio dell anno in cui è utilizzato con provvedimento amministrativo. La dichiarazione è considerata presentata nel giorno in cui è completata la ricezione telematica da parte dell Agenzia delle Entrate. I soggetti che presentano la dichiarazione Iva entro il mese di febbraio sono esonerati dalla presentazione della Comunicazione Dati Iva. Poiché i medesimi dati confluiscono all interno della dichiarazione annuale Iva, della quale la Comunicazione costituisce una sorta di anticipazione. COMUNICAZIONE DATI IVA Al fine di rispettare gli obblighi comunitari, i soggetti titolari di partita Iva, devono trasmettere la Comunicazione annuale dati Iva, che è finalizzata ad evidenziare le risorse che ciascun stato membro deve versare per il bilancio comunitario. Per questo il modello è definito Comunicazione e non Dichiarazione. Dalla natura non dichiarativa del modello deriva

3 l impossibilità di sanare il mancato o tardivo invio o eventuali inesattezze dei dati inviati, tramite l istituto del ravvedimento operoso. (sanzioni da.258 a.2065). Sono obbligati alla presentazione tutti i soggetti titolari di partita IVA tenuti alla presentazione della Dichiarazione annuale, anche in assenza di operazioni imponibili. Esistono alcune specifiche esclusioni soggettive ed oggettive: - persone fisiche(imprenditori e liberi professionisti) che nell anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari, complessivo di tutte le attività esercitate, non superiore ad ,00 - soggetti che operano nel regime dei minimi. La trasmissione deve essere effettuata in via telematica, direttamente dal contribuente o tramite un intermediario abilitato, entro il mese di febbraio dell anno successivo al periodo di riferimento. STRUTTURA DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA La struttura del modello di dichiarazione IVA è modulare, è costituita da: il frontespizio, contenente i dati del contribuente; il frontespizio del modello di dichiarazione IVA, deve essere utilizzato se la stessa viene presentata autonomamente, mentre in caso di presentazione di dichiarazione unificata, va utilizzato il frontespizio del Modello Unico. un modulo composto da più quadri che deve essere compilato per indicare i dati contabili e quelli relativi all attività svolta. Il quadro VR per la eventuale richiesta di rimborso. Il quadro VT per la separata indicazione delle operazioni fatte nei confronti dei consumatori finali, con distinzione per regione. Il quadro VX Determinazione dell Iva da versare o del credito di imposta che deve essere compilato se la dichiarazione è presentata in via autonoma, altrimenti viene compilato il corrispondente quadro RX del Modello Unico. Il quadro VO per esercitare le opzioni e revoche sia ai fini Iva che ai fini delle Imposte dirette un prospetto particolare composto da più quadri che deve essere compilato nel caso di società controllante per indicare i dati relativi alla liquidazione dell Iva di gruppo. Nella parte superiore di tutte le pagine costituenti il modulo deve essere indicato il codice fiscale del contribuente e in caso di più moduli, il numero progressivo del modulo a cui la pagina si riferisce. Se la dichiarazione è costituita da un solo modulo, su tutte le pagine deve essere riportato il numero 01 Per ogni modulo compilato occorre barrare in fondo al quadro VL le caselle relative ai quadri compilati. I contribuenti con contabilità separate (art.36 DPR 633/72 contabilità separate per obbligo) devono presentare un modulo per ogni contabilità separata. ALCUNI QUADRI Nel quadro VA il contribuente deve indicare il codice dell attività esercitata desumibile dalla tabella di classificazione delle attività economiche, denominata ATECO 2007, in vigore dal primo gennaio La tabella è consultabile è reperibile sul sito dell Agenzia delle Entrate. L attività deve essere quella effettivamente svolta e qualora siano esercitate più attività, deve essere indicata quella prevalente, intendendo con ciò quella che ha realizzato il maggior volume d affari nell anno di imposta. Il quadro VC deve essere compilato dai contribuenti che si sono avvalsi della facoltà prevista per gli esportatori abituali di acquistare/importare beni e servizi senza applicazione di imposta.

4 I soggetti Iva che hanno effettuato nell anno solare precedente o nei dodici mesi precedenti operazioni non imponibili, che costituiscono il cosiddetto Plafond, per un ammontare superiore al 10% del volume di affari complessivo, acquistano lo status di esportatori abituali. Verificato l ammontare del plafond, l esportatore abituale può decidere di inviare ai propri fornitori sia di beni che di servizi apposita dichiarazione di intento per la non applicazione dell IVA. L importo degli acquisti deve avvenire nel limite del plafond. A decorrere dal 2005 è stato introdotto l obbligo per il cedente o prestatore (fornitore) di comunicare all Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica entro il 16 del mese successivo i dati contenuti nella dichiarazione di intento con la quale il cliente chiede la non applicazione dell Iva sulle forniture di beni e servizi. Nel rigo VE 30 del quadro VE sono specificate le operazioni che concorrono alla formazione del Plafond. Operazioni che concorrono alla formazione del Plafond: - cessioni di beni e prestazioni di servizi intracomunitari (art.41 DL 331/93) - operazioni assimilate alle cessioni alle esportazioni (art.8 bis c.1) - esportazioni dirette (art. 8 c.1 lett. B) - servizi internazionali effettuati nell esercizio di attività di impresa (art.9 c.1) - margine non imponibile delle cessioni rientranti nel regime dei beni usati - operazioni connesse a trattati e accordi internazionali - operazioni con lo Stato del Vaticano e con la Repubblica di San Marino (art.71 c.1) Nel rigo VE31 si indicano le operazioni attive effettuate a seguito di dichiarazione di intento ricevute Art. 8 c. 1 lett. c Cessioni ad esportatori abituali Nel quadro VE (OPERAZIONI ATTIVE) sono indicate le operazioni attive riferite ad operazioni effettuate all interno dello Stato, operazioni intracomunitarie ed esportazioni verso paesi fuori dall Unione Europea. Nella prima colonna sono indicati gli importi delle operazioni imponibili distinti per aliquote di imposta risultanti dal registro delle fatture emesse (art.23 DPR 633/72) e/o dal registro dei corrispettivi (art.24), tenendo conto delle variazioni registrate per il periodo di imposta (art.26). I contribuenti che utilizzano il registro delle fatture emesse rilevano da tale registro gli imponibili già suddivisi per aliquota, i contribuenti che utilizzano il registro dei corrispettivi,( albergatori, ristoratori ecc) per i quali l emissione della fattura non è obbligatoria se non richiesta dal cliente, determinano l ammontare complessivo delle operazioni al netto di Iva incorporata con il metodo di scorporo matematico, ora obbligatorio: si determina l imponibile dei corrispettivi registrati al lordo della imposta, dividendo l ammontare lordo degli stessi per in relazione alle diverse aliquote applicate. Si moltiplica il quoziente per 100, con arrotondamento del prodotto, per difetto o per eccesso, all unità più prossima. L imponibile così ottenuto si riporta nella colonna degli imponibili, in corrispondenza dell aliquota prestampata, si calcola l imposta moltiplicando ciascun imponibile per la corrispondente aliquota. Gli importi devono essere arrotondati all unità di euro. Concorrono alla formazione del volume di affari altre operazioni considerate non imponibili, come quelle indicate nei righi VE 30 e VE 31 e le operazioni considerate esenti come previsto dall art.10 del DPR 633/72, ( prestazioni mediche, di assicurazione, ecc) di cui al rigo VE 33. Tutti i soggetti che hanno effettuato operazioni esenti devono compilare la sezione 3-A del quadro VF per la determinazione dell ammontare della percentuale di indetraibilità (pro-rata). Il diritto di

5 detrazione spetta in misura proporzionale alle operazioni imponibili, in caso di esercizio di un attività imponibile e di un attività esente da Iva. Più precisamente la sezione deve essere compilata dai contribuenti che hanno effettuato per il periodo di imposta operazioni esenti di cui all art.10 con esclusione delle operazioni esenti occasionali, ovvero di cui ai nn. da 1 a 9 dell art.10, se non rientranti nell attività propria dell impresa o accessorie ad operazioni imponibili. E bene ricordare che non è detraibile l Iva dei beni e dei servizi utilizzati per operazioni esenti o comunque non soggette ad imposta, salvo eventuali rettifiche alla detrazione ai sensi dell art.19 bis 2. Quindi nel caso in cui al momento dell acquisto del bene o del servizio si manifesti l inerenza dello stesso ad operazioni esenti o non soggette, il contribuente non può esercitare il diritto alla detrazione dell Iva fin da subito. Righi VE 36 e VE 37 Il Dlgs 2 settembre 1997 n. 313, entrato in vigore l/1/1998, ha introdotto il concetto di esigibilità d imposta. L IVA diventa esigibile nel momento in cui l operazione si considera effettuata, che in linea generale corrisponde a: - al momento della consegna o spedizione per i beni mobili; - al momento della stipula dell atto pubblico per i beni immobili; - al momento del pagamento per le prestazioni di servizi. Si intende momento di effettuazione della operazione anche l emissione anticipata della fattura o l incasso totale o parziale del corrispettivo, qualora avvengano anteriormente al verificarsi della consegna o spedizione dei beni mobili, della stipula dell atto per i beni immobili e del pagamento per le prestazioni di servizi. In deroga a quanto sopra, l imposta diviene esigibile da parte dell Erario al momento del pagamento dei relativi corrispettivi nei seguenti casi: - per le cessioni di prodotti farmaceutici - per le cessioni di beni o prestazioni di servizi a soci, associati o partecipanti di enti pubblici e privati che non abbiano per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciale o agricola; - allo Stato o enti assimilati (Aziende USL CCIAA ecc) - per le operazioni effettuati da soggetti, che avendone i requisiti, si sono avvalsi della disposizione di cui all 7 del DL n. 185/2008 (Iva per cassa) Di conseguenza queste operazioni rientrano nel volume di affari dell anno in cui sono state effettuate, mentre l Iva rientrerà nella liquidazione del periodo in cui si è verificato l incasso. Questo può comportare una eventuale sfasatura temporale. Esempio: cessione avvenuta nel 2011, emissione della relativa fattura con Iva ad esigibilità differita, incasso avvenuto nel L imponibile si indicherà nel rigo VE 36 della dichiarazione IVA 2011; l Iva esigibile nel 2012 sarà riportata nella dichiarazione VE 38 cessioni di beni strumentali, non rientrano nella determinazione del volume di affari. Il quadro V F (OPERAZIONI PASSIVE) comprende, non solo le operazioni di acquisto poste in essere nel territorio dello Stato, ma anche gli acquisti intracomunitari e le importazioni da Paesi fuori dall Unione europea; Nel quadro devono essere indicati l imponibile e l imposta relativi ai beni e ai servizi, acquistati o importati nell esercizio di impresa, arte o professione, risultanti dalle fatture e dalle bollette doganali di importazione annotati nel registro degli acquisti (art. 25) al netto delle variazioni in diminuzione registrate nello stesso anno.

6 Nei righi da VF1 a VF11 sono indicati glia acquisti interni, comunitari e le importazioni assoggettati ad imposta, per i quali si è verificata l esigibilità ed è stato esercitato nel 2010 il diritto alla detrazione; da riportare in corrispondenza delle aliquote prestampate. VF12 comprende gli acquisti intracomunitari e le importazioni effettuate senza pagamento di imposta per effetto dell utilizzo del plafond (compilazione obbligatoria del quadro VC) VF13 comprende gli acquisti oggettivamente non imponibili, che non comportano l utilizzo del plafond, acquisti non soggetti all imposta e quelli effettuati in regimi speciali, quali: -acquisti rientranti nel regime del margine (determinazione dell imposta con il sistema base a base) -gli acquisti relativi alle operazioni effettuate dalle agenzie di viaggio (applicazione art.74 ter) VF14 comprende glia acquisti interni esenti (art. 10) (assicurazioni, interessi documentati da fattura) Gli acquisti intracomunitari esenti (art. 42 c. 1 DL 331/93) e le importazioni non soggette all imposta (art. 68 esclusa lettera a) VF15 comprende gli acquisti da soggetti che si sono avvalsi del regime dei minimi (L. 244/2007) VF17 comprende acquisti interni, intracomunitari e importazioni al netto dell IVA, per i quali ai sensi dell art. 19 Bis 1 o di altre disposizioni non è ammessa la detrazione di imposta totale o parziale. Deve essere indicata soltanto la quota di imponibile (anche se ai fini delle imposte dirette, l Iva è stata capitalizzata ad incremento del valore del bene.) corrispondente alla parte dell imposta indetraibile. La restante quota di imponibile e di imposta ( nel caso di detraibilità parziale) deve essere indicata nei righi da VF1 a VF11. ACQUISTI E IMPORTAZIONI CON IVA TOTALMENTE O PARZIALMENTE INDETRAIBILE La detrazione dell Iva è ammessa solo se i beni acquistati formano oggetto della attività dell impresa, oppure se sono destinati ad essere esclusivamente utilizzati come strumentali indispensabili nell attività propria dell impresa. Alcuni: Navi imbarcazioni da diporto e altri beni indicati nella tabella B beni di lusso. La detrazione a ammessa solamente a condizione che i beni formano oggetto dell attività dell impresa, la detraibilità è in ogni caso esclusa per i professionisti. Veicoli stradali a motore (nonché i relativi componenti, ricambi e servizi) (art. 19 bis 1 lett. c) Dal 28/06/2007 è stata modificata la normativa relativa alla detraibilità Iva degli autoveicoli e delle relative spese di utilizzo, compresi i pedaggi stradali. Con la stessa decorrenza è stato introdotto il concetto di veicoli stradali a motore: in questa categoria di automezzi rientrano tutti i veicoli a motore diversi dai trattori agricoli, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o cose la cui massa massima autorizzata non supera 3500 Kg (4500 Kg se trazione elettrica)e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente non è superiore a otto ciò indipendentemente dalla tipologia del mezzo. Per tali beni la detraibilità dell Iva è ammessa nella misura del 40% se ad uso promiscuo o del 100% se ad uso esclusivo aziendale o professionale (scuola guida, taxi, imprese di noleggio ecc) La limitata detraibilità al 40% non si applica in ogni caso se tali veicoli formano oggetto della attività propria dell impresa. Per gli agenti e rappresentanti di commercio l Iva è ammessa in detrazione nella misura dell 80%. Vale la regola generale dell inerenza, ovvero in base alla percentuale di effettivo utilizzo aziendale. E completamente indetraibile l Iva relativa all acquisto di motocicli con cilindrata superiore a 350 cc. Carburanti, lubrificanti, custodia, manutenzione, riparazione, impiego e pedaggi autostradali

7 Per gli aeromobili, natanti da diporto, veicoli stradali a motore, l Iva relativa agli acquisti di cui sopra, è detraibile nella stessa misura in cui è ammessa in detrazione l imposta relativa all acquisto dei beni corrispondenti. Trasporto di persone L Iva pagata dall utente al vettore è indetraibile, mentre è detraibile quella pagata dalle aziende che prevedono al trasporto dei propri dipendenti. Albergo, bar, ristorante a far data dal l 1/9/2008 l art. 19 bis 1 comma 1 lettera e, che prevedeva l indetraibilità dell Iva per questo tipo di prestazioni, è stato modificato; da tale data è prevista la detraibilità dell imposta relativamente a prestazioni alberghiere e alla somministrazione di alimenti e bevande. E ovvio che tale detraibilità è subordinata al principio generale dell inerenza del servizio all attività. Telefoni cellulari o radiomobili La legge finanziaria 2008 ha soppresso la lettera g dell art. 19 bis riguardante la limitazione della detrazione Iva delle spese relative alla telefonia mobile (50%). A partire dal primo gennaio 2008, per la detraibilità si segue la regola generale che prevede di detrarre in misura dell effettivo impiego del telefonino nell ambito dell attività di impresa o professionale. In ogni caso è previsto che nel quinquennio l attività di accertamento dell amministrazione finanziaria si dovrà concentrare verso quei contribuenti che hanno computato in detrazione Iva una percentuale superiore al 50%. Dal primo aprile 2011 è obbligatorio il reverse charge per le cessioni di cellulari e microprocessori, esclusa però la vendita al dettaglio, ancorché l acquirente finale sia un soggetto passivo di Iva. Spese di rappresentanza E indetraibile l Iva relativa alle spese di rappresentanza, come definite ai fini delle imposte sui redditi (art. 54 e 108 c. 2 DPR 917/86) ad eccezione di quelle sostenute per l acquisto di beni di costo unitario fino ad. 25,82 (dall 1/1/2008, ai soli fini delle imposte dirette L art. 108 del Tuir ha elevato detto importo a. 50) Manifestazioni a premio E indetraibile l Iva relativa agli acquisti o importazioni di beni o servizi che si riferiscono esclusivamente ai premi messi in palio in manifestazioni a premio (art.19 c.2) In caso di beni o servizi oggetto della propria attività, all atto della loro assegnazione come premi, occorre procedere alla rettifica della detrazione effettuata. RETTIFICA DELLA DETRAZIONE Le modalità di rettifica variano in relazione alla tipologia di beni, ammortizzabili o non ammortizzabili, per i quali occorre variare l Iva operata al momento dell acquisto. Per beni ammortizzabili si intendono quelli di costo superiore ad. 516,46 e con coefficiente di ammortamento non superiore al 25%. Sono inclusi anche quelli immateriali, nonché tutti i fabbricati e le aree fabbricabili, a prescindere dalla classificazione di bilancio e delle imposte dirette. Tra i beni non ammortizzabili rientrano i beni strumentali di costo unitario non superiore ad. 516,46 e quelli con coefficienti di ammortamento superiore al 25% e tutti gli altri beni e servizi. La situazione si verifica, ad esempio, quando per legge un operazione passa da un regime di esenzione ad un regime di imponibilità e viceversa, quando muta il regime di detrazione sugli acquisti, perché si abbandona o si accede ad un regime speciale, determinando una detrazione dell imposta in misura diversa da quella già operata. Per i beni ammortizzabili la rettifica si effettua se non sono decorsi quattro anni da quello della loro entrata in funzione. Per i beni non ammortizzabili la rettifica si esegue in una unica soluzione per i beni non ancora venduti o non ancora utilizzati, senza attendere il loro materiale impiego.

8 Per facilitare il calcolo della rettifica della detrazione, nell appendice alle istruzioni del modello ministeriale, è stato predisposto il Prospetto D Rettifica della detrazione, dal quale si ricava il totale algebrico delle rettifiche da riportare al rigo VF56 del modello di dichiarazione Iva. Esempio: bene ammortizzabile utilizzato per effettuare operazioni che danno diritto a detrazione in misura diversa da quella inizialmente operata; qualora il diverso utilizzo si verifichi nei quattro anni successivi alla entrata in funzione, la rettifica va calcolata con riferimento a tanti quinti dell imposta quanti sono gli anni mancanti al compimento del quinquennio. Bene ammortizzabile acquistato e utilizzato nel Iva detratta sull acquisto Percentuale di detrazione 100% Cambio di utilizzo con destinazione ad operazioni escluse da Iva nel 2010 Quinquennio 2008/2013 Rettifica:.6000 (1/5 di x3) Beni usati, d arte, antiquariato E indetraibile l Iva relativa a detti acquisti effettuati da rivenditori che applicano il regime del margine. Nel quadro VF non devono essere inseriti gli acquisti e le importazioni dei beni usati, incluse le spese di riparazione e accessorie, in quanto i predetti acquisti, annotati in appositi registri, non consentono la detrazione analitica dell Iva. La stessa regola, vale per gli acquisti occasionali di detti beni, effettuati da soggetti che non ne fanno abituale commercio. Il regime del margine è così chiamato perché l imposta relativa alla rivendita è commisurata alla differenza tra il corrispettivo della cessione e i costi di acquisto e interessa non solo gli operatori commerciali che acquistano da privati, ma anche i beni provenienti da soggetti imprenditori che non hanno potuto detrarre l imposta assolta la momento dell acquisto. Agenzie di viaggio (organizzazione di pacchetti turistici art. 74 ter) per l acquirente l Iva è indetraibile. Contribuenti che svolgono esclusivamente operazioni esenti. L imposta relativa agli acquisti effettuati da tali contribuenti è totalmente indetraibile. RIVENDITA DI BENI ACQUISTATI CON IVA INDETRAIBILE Dal 1 gennaio 1998, la rivendita di beni acquistati o importati senza il diritto alla detrazione totale della relativa imposta è considerata cessione esente (art.10 n.27 quinquies). Pertanto la detrazione parziale al momento dell acquisto, comporta che la successiva vendita non può essere fatta in regime di esenzione; l Iva deve essere applicata sulla parte di base imponibile corrispondente alla percentuale della detrazione operata. Esempio: corrispettivo di vendita autovettura Iva detratta al momento dell acquisto nella misura del 40% Base imponibile fattura emessa.4000 (40% del prezzo) La base imponibile è pari alla percentuale Iva detraibile al momento dell acquisto. Operazioni esenti da indicare nei righi da VF 31 e seguenti per determinare l Iva ammessa in detrazione. Ai fini del calcolo della percentuale di detrazione (pro rata) nel rigo VF 34 campo 2 deve essere indicato l ammontare delle operazioni esenti di cui all art. 10 dal n. 1 al n. 9 (interessi per

9 dilazione di pagamento, assicurazioni, ecc) se non formano oggetto dell attività propria dell impresa o sono accessorie ad operazioni imponibili. Dette operazioni non vanno computate, ai fini del calcolo del pro rata di detraibilità. Nel rigo VF 34 campo 3 devono essere indicate le operazioni di cui all art. 10 n. 27 quinquies. Trattasi di cessioni che hanno per oggetto beni acquistati o importati senza il diritto alla detrazione totale dell Iva ai sensi dell art. 19, 19 bis 1 e 19 bis 2. L importo da indicare in questo campo, si riduce alla cessione di beni ammortizzabili esenti, eventualmente effettuata. Anche queste operazioni non incidono nel calcolo del prorata. Nel rigo VF 34 campo 6 si indicano le operazioni di cui all art. 74 c.1 assoggettate al regime monofase (vendita generi monopolio, schede telefoniche, biglietti trasporti pubblici ecc) incidono nel calcolo del pro rata PRO RATA DI DETRAZIONE I soggetti di imposta che esercitano sia attività imponibili che attività esenti, invece di procedere ad una difficile ripartizione analitica degli acquisti a seconda della loro destinazione al servizio della attività imponibile ovvero di quella esente, applicano all intero ammontare di imposta un meccanismo di calcolo pro rata che permette di determinare la percentuale di detraibilità. Il pro rata di detrazione risulta da una frazione che presenta i seguenti importi: al numeratore, l importo totale del volume di affari annuo, al netto di Iva, relativo alle operazioni che danno diritto a detrazione (operazioni imponibili ed operazioni non imponibili ed assimilate) al denominatore l importo totale del volume di affari annuo, al netto dell Iva, relativo alle operazioni che figurano al numeratore e a quelle che non danno diritto a detrazione (operazioni esenti). Nel calcolo della detrazione non si tiene, tuttavia, conto di talune operazioni, quali le cessioni di beni ammortizzabili, i passaggi interni nell ambito della contabilità separata, delle cessioni di denaro e di crediti di denaro, di cessioni e di conferimenti di azienda, delle cessioni di campioni gratuiti, dei passaggi di beni in caso di fusioni, scissioni e simili, le cessioni di beni che non hanno dato diritto alla detrazione (rigo VF 34 campo 3), nonché delle operazioni esenti di cui all art. 10 da n.1 n. 9 del DPR 633/72) (rigo VF 34 campo 2) quando non formano oggetto dell attività propria della impresa ovvero quando sono accessorie ad operazioni imponibili. Nel quadro VF sezione 3 da segnalare il rigo VF 30 campo 4 relativo all attività di agriturismo. L attività agrituristica è soggetta ad un particolare regime in base al quale l imposta detraibile è pari al 50% dell Iva sulle operazioni attive. (50% del rigo VE 25) E comunque possibile optare per la detrazione dell Iva nei modi normali.

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 3 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini di presentazione della

Dettagli

Cessione veicoli, trattamento IVA

Cessione veicoli, trattamento IVA Cessione veicoli, trattamento IVA Al fine di individuare il corretto trattamento IVA della cessione di un veicolo usato, è necessario individuare il regime di detraibilità applicato all atto di acquisto

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE 4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE Il quadro si compone di quattro sezioni: 1) Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI L aliquota IVA al % e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L ALIQUOTA IVA AL % E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOVITÀ: L art., comma -bis, D.L. n. 8/0, c.d. Manovra di Ferragosto ha aumentato

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Il Punto sull Iva Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Premessa Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate di data 15 gennaio 2010

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Informazioni e dati preliminari - frontespizio Contribuente I dati anagrafici sono aggiornati? Verificare (soggetti diversi dalle persone fisiche):

Dettagli

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Periodico informativo n. 25/2014 Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che Lo Studio è a disposizione per la compilazione e l invio telematico

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2010

DICHIARAZIONE IVA 2010 SOMMARIO FILMATO VideoFisco 20.01.2010 Info al n. 0376-775130 SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI CASI PARTICOLARI NOVITÀ NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICHIARAZIONE IVA 2010 Provv. Ag. Entrate 15.01.2010 - D.P.R.

Dettagli

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 Circolare n. 3/2013 Pagina 1 di 10 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 3/2013 del 25 gennaio 2013 1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Qualora l attività di «tax planning» delle società immobiliari di gestione dovesse preferire l applicazione dell imposta di registro, si dovrà

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2 CIRCOLARE N. 03 DEL 20/01/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2 IN SINTESI: L Agenzia delle Entrate ha recentemente emanato il Provvedimento di

Dettagli

RIORDINO DELL I.V.A. D.Lgs. Lgs.. 313 del 2 settembre 1997

RIORDINO DELL I.V.A. D.Lgs. Lgs.. 313 del 2 settembre 1997 RIORDINO DELL I.V.A. D.Lgs Lgs.. 313 del 2 settembre 1997 Le principali modifiche al regime dell I.V.A. riguardano: i conferimenti e le cessioni di beni l esercizio di impresa l effettuazione delle operazioni

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O Baschi 27 novembre 2012 VERSAMENTO DELL IVA DOPO LA RISCOSSIONE DEL CORRISPETTIVO (Art. 32 bis D.L. 83/2012 Decreto Min. Economia del 11 ottobre 2012 Provvedimento Direttore Agenzia Entrate n. 165764/2012

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

genzia ntrate IVA BASE

genzia ntrate IVA BASE IVA BASE Dichiarazione IVA BASE 00 Periodo d imposta 009. MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA BASE RELATIVI ALL ANNO 009 ISTRUZIONI GENERALI Premessa 3. Struttura del modello 3. AVVERTENZE GENERALI. Reperibilità

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE. La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015

ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE. La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015 ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015 pagina 1 di 16 La dichiarazione annuale IVA Consente la liquidazione definitiva del debito o del credito del contribuente

Dettagli

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 Pb-(mod_09_I_Ed_02_Rev_01 / g:segreteria 2005\CIRCOLARI\AM SERVIZI\gest rimb iva.doc / 14/02/05) Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 AGLI ENTI ASSOCIATI FR/ FISCO ENTI PUBBLICI ECONOMICI

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Il Punto sull Iva Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Premessa Nel presente intervento verranno esaminate le novità della dichiarazione Iva 2008 da inviare esclusivamente

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA Dott. Renato Portale per DICHIARAZIONE ANNUALE IVA La dichiarazione annuale consente la liquidazione definitiva del debito o del credito del contribuente consiste nella comunicazione della somma algebrica

Dettagli

Iva: Variazione del pro rata e rettifica della detrazione

Iva: Variazione del pro rata e rettifica della detrazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 70 07.03.2014 Iva: Variazione del pro rata e rettifica della detrazione Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Anche quest anno nella Dichiarazione

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15.1.2016 sono state aggiornate le istruzioni

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ

QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ 0 7 7 0 0 8 7 8 MODELLO IVA 0 Periodo d'imposta 00 QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ Mod. N. QUADRO VA Da compilare a cura del soggetto risultante da operazioni straordinarie INFORMAZIONI E DATI In

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità

Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità Numero 22/2012 Pagina 1 di 7 Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità Numero : 22/2012 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE PROTOCOLLO N. 2012/5810

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011 Circolare n. 1 pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 Con la presente informativa, si ricordano ai clienti le regole generali per chiedere il rimborso del credito IVA 2011. Dallo scorso anno a seguito

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 11 del 27 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMUNICAZIONA ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio il termine per trasmettere telematicamente la Comunicazione annuale

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA posta@.com Altavilla Vicentina, 9 gennaio 2008 associati tirocinanti viviana gentile gaia peloso collaboratori giovanna guerra Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Scade

Dettagli

Acconto Iva al 27 dicembre 2013

Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero 237/2013 Pagina 1 di 10 Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero : 237/2013 Gruppo : IVA Oggetto : ACCONTO IVA Norme e prassi : ART. 6, LEGGE N. 405/90; RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 157/2004. Sintesi

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità Nel Quadro VA il rigo VA14 è stato denominato «Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012 Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Francesca Parravicini Dott. Fabio Salvagno Padova, 19 novembre

Dettagli

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI Sezione Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari e delle importazioni SEZIONE AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 0 Periodo d imposta

Dettagli

Dichiarazione annuale IVA 2016 - periodo d'imposta 2015

Dichiarazione annuale IVA 2016 - periodo d'imposta 2015 Dichiarazione annuale VA 2016 - periodo d'imposta 2015 Cliente N.ro nformazioni generali o Scelta presentazione modello VA in via autonoma Si O - No O o Visto di conformità per compensazione credito oltre

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A.

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. Il quadro VJ è riservato all indicazione di particolari tipologie di operazioni, per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Cliente N.ro Informazioni generali o Copia prospetto riepilogativo "dichiarazione Iva annuale per anno 2011" stampata da Vs. computer.

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 1 IVA NEL SETTORE IMMOBILIARE La separazione delle attività. L'articolo 57 del Dl 1/2012 ha introdotto, per le imprese di costruzione, la possibilità di separare

Dettagli

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE IVA Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 \ CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 INDICE 1. COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA RELATIVA AL 2013 1.1 SOGGETTI OBBLIGATI 1.2 SOGGETTI ESCLUSI

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

IVA 2016. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2015 (Modello Iva 2016)

IVA 2016. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2015 (Modello Iva 2016) Circolare n. 1/2016 Pagina 1 di 11 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2016 del 26 gennaio 2016 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) IVA

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA DICHIARAZIONE ANNUALE IVA In occasione della compilazione della Dichiarazione Annuale IVA 2014, relativa all anno di imposta 2013, siamo a fornire indicazioni per la compilazione del modello ministeriale

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 17.02.2014 IVA: rimborso credito 2013 Normativa e procedure operative Categoria: Iva Sottocategoria: Rimborso Per i soggetti che si trovano

Dettagli

Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI

Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Quadro VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELL IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI ADEMPIMENTO Il Quadro VE accoglie tutte le operazioni attive effettuate dal contribuente, siano esse imponibili,

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

Controllare la corrispondenza dei modelli INTRA con le operazioni registrate e compilare i seguenti campi: Prestaz. servizi non soggette.

Controllare la corrispondenza dei modelli INTRA con le operazioni registrate e compilare i seguenti campi: Prestaz. servizi non soggette. MOD. COGE10 19.01.2016 SOCIETA'/IMPRESA: RESPONSABILE INCARICATO DELLO STUDIO: ANNO N.PRATICA XBOOK IMPORTANTE Convalida x comp. Allegare al presente fascicolo o completare i dati richiesti Cliente Studio

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Circolare N. 24 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 29 marzo 2011 IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE In presenza dei necessari requisiti il credito IVA maturato in periodi

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell NOVITA LEGISLATIVE CEDOLARE SECCA AFFITTI Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 è stata data attuazione, con effetto dal 2011 alla cedolare secca sugli affitti,

Dettagli

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 01.04.15 SETTORI: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, MODA, CALZATURE, PELLI E CUOIO (PICCOLA INDUSTRIA) AUMENTO MINIMI CONTRATTUALI: seguiranno apposite circolari con nuovi

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli