Business process management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business process management"

Transcript

1 Antonio Candiello Membro del direttivo del Comitato AICQ per la Qualità del Software e dei Servizi IT, Dipartimento di Informatica, Università "Ca ' Foscari" di Venezi Stefania Vianello, Agostino Cortesi, Elvio Tasso, Bruno Salomoni Dipartimento di Informatica, Università "Ca' Foscari" di Venezia Antonino Mola Direzione Sistema Informatico, Regione del Veneto Business process management un insieme di standard e di tecnologie at- nistrazioni possono essere messe in gra- La Regione Veneto sta vagliando, nel- ti a consentire una più agevole gestione do di formalizzare i propri processi e di l'ambito del Laboratorio di egovern- dei processi nell'intento di portare a frut- condividerli. Tali strumenti permettono, ment "Indagine e sperimentazione su to una tale similarità ad ampio raggio che infatti, di dare una rappresentazione dei nuovi strumenti di interazione con il cit- connota specificamente il nostro Paese: processi svincolata dalle esigenze degli tadino per il miglioramento della qualità la presenza di oltre ottomila comuni, ele- applicativi utilizzati per realizzarla, men- dei servizi" l'applicazione del le tecnolo- mento letto frequentemente come punto tre gli standard consentono la condivi- gie di Business Process Management debole del modello amministrativo na- sione sia dei processi a livello organiz- (BPM) per la gestione delle attività e per zionale, presenta per converso le mag- zativo (BPMN) che in termini di intero- il controllo del livello di qualità dei ser- giori opportunità dal punto di vista del- perabilità tecnica tra Amministrazioni vizi offerti. L'approccio BPM, risultato di l'omogeneità su larga scala dei processi (XPDL). In questo modo diviene possibi- una specifica evoluzione di tecniche e amministrativi. le progettare un repository regionale dei strumenti avvenuta nei contesti azienda- Gli standard da noi considerati, recenti processi e fornire alle Pubbliche Ammi- li, dimostra una particolare efficacia nel- come consolidamento, risultante da un nistrazioni gli strumenti necessari per il l'applicazione alla Pubblica Amministra- lungo percorso evolutivo avvenuto in am- loro scambio e riuso. zione, che ha nei processi immateriali bito business, ma ormai maturi per una Per raggiungere questi obiettivi si è lavo- (soprattutto: processi autorizzativi e rela- loro adozione in esperienze reali, sono i rato all'integrazione dei sistemi di work- zioni strutturate con i cittadini) la pro- seguenti: flow con il frameworkdi riferimento per pria prevalente caratterizzazione.,- standard di rappresentazione dei pro- i portali della Regione Veneto. Tale am- Gli Enti Locali, infatti, come mandato ge- cessi Business Process Modeling No- biente (cfr. Figura 1) è basato su un'ar- stiscono l'erogazione di servizi al citta- tation (BPMN), chitettura duale orientata ai servizi (SOA) dino ed alle imprese secondo indicazio- : standard di memorizzazione dei pro- ni normative nazionali e regionali; essi cessi XML Process Definition Langua- myportal, quale front-end dedicato sono pertanto tenuti ad operare secondo ge (XPDL). alle interazioni con i cittadini in logi- provvista di due interfacce: modalità comparabili, rendendo quindi Grazie all'adozione di opportuni work- ca Government to Citizens (G2C), possibile un'astrazione dei processi sottesi flow engine a codice aperto orientati ai mylntranet, quale back-end ad uso ai servizi che trascenda dalle inevitabili processi basati sugli standard per la rap- interno dei funzionari della PA locale personalizzazioni. La strategia che stia- presentazione (BPMN) e per la memo- in logica Government to Government mo sperimentando prevede l'utilizzo di rizzazione (XPDL), le Pubbliche Ammi- (G2G). settembre/ottobre 2010

2 Informatica e Qualità. La Società dell'informazione e nei servizi al fine di ridurre gli sprechi di risorse e di migliorare il livello qualitativo dei servizi offerti. La creazione, la gestione, la comunica. I::'-..:::'- ' ":., : '.,. : zione e l'aggiornamento dei processi sono infatti senz'altro migliorabili con l'utilizzo di appropriate tecnologie, nell'ottica di rendere le rappresentazioni dei processi più vicine alla realtà corrente e più efficaci quale strumento di condivisione modellistica per le organizzazioni. Al fine di rendere effettiva la strategia identificata, si è resa necessaria l'individuazione dei processi principali svolti dagli Enti Pubblici e specificamente tra di essi dei sottoprocessi di base. Si è quindi fecalizzata l'attenzione su due attività svol- > Figura 1 - Processi, istanze e repos/fo/y nel sistema myworkflow te dalle Pubbliche Amministrazioni: // processo di protocollazione L'obiettivo dell'integrazione è di dare mas- ministrazioni. Nonostante alcune simila- sima trasparenza al cittadino relativamente rità presenti tra gli enti pubblici e le im- ai processi sottostanti i servizi offerti al prese private, va sottolineata, per il no- Il processo di protocollazione è un'atti- pubblico - e nel contempo facilitare alla stro Paese, una caratteristica che con- vità core, presente in tutte le Pubbliche stessa PA locale i processi di controllo di traddistingue i primi dalle seconde, ov- Amministrazioni, con la quale vengono qualità e di informatizzazione dei pro- vero l'elevata potenzialità di riuso dei pro- registrati i documenti con rilevanza giu- cessi. In questo modo nel framework re- cessi. ridico-probatoria in entrata e in uscita dal- gionale viene generata una terza inter- Per la gestione dei servizi rivolti al citta- l'ente. È stato riscontrato che la finalità faccia logica, dino, infatti, gli oltre ottomila Comuni ita- della procedura è sempre la medesima % il "filo diretto", ovvero l'interazione con il cittadino. myworkflow, per facilitare la crea- liani utilizzano molto spesso processi si- nelle diverse Pubbliche Amministrazioni zione, la gestione, l'esecuzione e l'in- mili, pur se non identici, per erogare uno e che le differenze rilevate riguardano so- terscambio dei processi. stesso servizio: ciò offre l'opportunità di lamente le scelte gestionali effettuate dal- utilizzare uno stesso processo in contesti l'ente locale. La protocollazione in usci- Grazie a myworkflow, diviene possibile diversi. Per raggiungere quest'obbiettivo, ta, per esempio, può essere centralizza- non solo definire e comunicare i work- però, sono necessari degli appositi stru- ta o decentrata. flow alla PA ed ai cittadini rendendo i menti informatici orientati ai processi, che Con il termine filo diretto, invece, s'in- processi più comprensibili, ma anche as- permettano di trasporre fedelmente le rap- tende la comunicazione che avviene tra sociare le procedure informatiche diret- presentazioni in termini dei flussi infor- il cittadino e l'ente, più nello specifico tamente agli eventi di alto livello rappre- mativi sottostanti ai servizi erogati all'e- con l'urp (Ufficio Relazioni con il Pub- sentati dai flussi. Rendendo in questo mo- sterno. blico), senza intermediazioni da parte di do meno rigida e più flessibile la traspo- Gli strumenti di workflow management terzi. Si tratta di un'attività fondamentale sizione dei requisiti progettuali nelle im- individuati consentono effettivamente di senza la quale le Pubbliche Amministra- plementazioni informatiche ed attivando facilitare una gestione (semi-) automatiz- zioni non potrebbero fornire i propri ser- un modello di astrazione per i processi, zata delle procedure, facendo leva su ri- vizi ai cittadini (in quanto questi sareb- comparabile a quanto avvenuto nell'e- ferimenti funzionali ed organizzativi che bero impossibilitati a richiederli) e non voluzione delle interfacce visuali basate possono essere frequentemente confron- potrebbero misurare il loro livello di sod- su finestre ed eventi asincroni. tati anche tra PA diverse e rendendo più disfacimento. Come nel caso della pro- efficaci e semplici i processi di collabo- cedura di protocollazione anche il filo di- razione all'interno dell'ente stesso e tra retto è presente in tutte le Pubbliche Am- Enti diversi. Grazie a questi strumenti è ministrazioni, ma a differenza di queste La strategia BPM emerge nel contesto del- possibile rendere dinamico ed informa- non si tratta di una procedura interna, in le organizzazioni aziendali e, solo suc- ticamente attivo il contesto dell'analisi di quanto prevede il coinvolgimento del cit- cessivamente, è stata utilizzata per la ge- processo - contesto che viene sistemati- tadino e l'apertura con lo stesso dì una stione delle attività delle Pubbliche Am- camente applicato nelle organizzazioni comunicazione diretta. Quest'ultima può Qkmlità» settembre/ottobre 2010 w,aicq.it

3 Business process management essere effettuata mediante diversi canali: , form compilato online, telefonata o di persona. A prescindere dal canale utilizzato, però, la procedura per la gestione del filo diretto è sempre la stessa. Semplificando, si possono individuare le seguenti fasi: vj ricezione della comunicazione, ^i registrazione, invio dei documenti all'ufficio competente, ^ formulazione della risposta, *:-. ricezione della risposta da parte dell'urp e sua registrazione, ": inoltro della risposta al cittadino. Come si può notare si tratta di una semplificazione di una realtà complessa, che però si può facilmente adattare, aggiungendo eventuali variazioni dalla procedura "standard", a qualsiasi realtà. Con astrazioni di livello simile è possibile rappresentare qualsiasi procedura in comune alle varie Pubbliche Amministrazioni Locali per poi riutilizzarla in contesti specifici. per la di un a L'utilizzo di forme di IT adattabili e flessibili è essenziale al fine di permettere una modellazione efficace dei processi e rendere possibile un loro riuso. Per raggiungere questo obiettivo sono, però, necessari opportuni standard secondo i quali effettuare le formalizzazioni. Solo la condivisione di un medesimo standard permette, infatti, l'effettivo scambio dei processi. Come anticipato nell'introduzione, sono stati individuati due standard utili a tale scopo: lo standard notazionale BPMN, o lo standard di memorizzazione XPDL. BPMN definisce una simbologia chiara e intuitiva per la rappresentazione grafica dei processi (per un esempio, si veda in Figura 2). Una delle caratteristiche più interessanti di questo standard risiede nella sua elevata comprensibilità. Ogni workflow strutturato secondo questo standard, a prescindere dal processo che rappreswt i Procedure : 1 1 J S 1 i 1 msl L f^s : ^ "J f -T- r - - Ok i I > Figura 2 - Un esempio di rappresentazione in BPMN: cambio di residenza r f f Aufriorize <*V Request Request,.,... senta, è facilmente intellegibile sia dagli livello regionale contenente le formalizzazioni dei principali processi delle atti- analisti che definiscono il processo, sia dal personale aziendale che gestisce e vità svolte dai singoli Enti Pubblici. I singoli Comuni in accesso al repository po- controlla il processo, sia dal personale tecnico che utilizza i workflow per la realizzazione di IT che implementino il promalizzati ed adattarli alla propria realtà. tranno così prelevare i processi già forcesso analizzato. In questo modo si pongono le premesse Dunque qualsiasi utente che interagisce per una rete di collaborazioni e di scambio tra i singoli Enti, semplificando e so- con queste rappresentazioni, anche senza particolari competenze tecniche, è in stenendo l'attività di formalizzazione dei grado di capire la struttura e il funzionamento del processo. zazioni locali. processi da parte delle singole organiz- XPDL, invece, definisce come deve essere memorizzata e interscambiata la nozione di un repository a livello regionale Un vantaggio aggiuntivo offerto dalla creatazione, sia grafica che semantica, dei risiede nella possibilità di svincolare i singoli Comuni dai costi, in termini di risor- workflow dei processi, permettendo dunque l'interazione con il workflow rappresentato secondo lo standard BPMN. cale di un simile strumento. La Regione se e di tempo, per la gestione a livello lo- In questo modo i processi diventano interoperabili ed ereditabili. no della piattaforma myportal/mylntranet, Veneto, inserendo il repository all'inter- Grazie all'uso combinato di XPDL e si fa garante dello stesso repository ed assume i costi della sua gestione a livello BPMN è dunque possibile definire la struttura logica del workflow e mappare gli tecnico. oggetti grafici verso i linguaggi di esecuzione dei processi (come avviene per i so di protocollazione può essere forma- In questo modo, per esempio, il proces- web services con BPEL, Business Process lizzato una volta sola e, proprio grazie all'utilizzo di questi standard, può essere Execution Language). In questo modo i processi possono essere interpretati da preso dal repository, modificato e adattato secondo la propria realtà. Ovvia- specifici software per la creazione di servizi online. mente il vantaggio maggiore che si può ottenere dall'utilizzo di questi strumenti L'utilizzo di tecnologie IT adattative e degli standard appena descritti rendono possibile la progettazione di un repository a cando le modalità di modificazione informatici risiede nel fatto che semplifi- del settembre/ottobre 2010 «dualità

4 Informatica e Qualità. La Società dell'informazione processo si diminuisce la distanza tra la realtà (in continuo mutamento) e la sua formalizzazione. Il framework SOA di Regione Veneto La Regione Veneto ha sviluppato un'architettura orientata ai servizi (SOA) appositamente per le Pubbliche Amministrazioni Locali presenti all'interno del suo territorio che partecipano a questa sperimentazione. Come anticipato, tale architettura è composta da due interfacce, un'interna e un'esterna, interconnesse tra loro che supportano una serie di strumenti e applicazioni basati sui servizi web (cfr. Figura 4). Nelle ultime edizioni il framework è basato su di uno stac/c di sottosistemi a codice aperto dei quali il core è il Portlet Container Liferay. L'interfaccia esterna, myportaì, è indirizzata ai cittadini e viene, quindi, utilizzata per gestire il C2C (Government to Citizen). Si tratta di un portale gestito centralmente dalla Regione Veneto ed offerto gratuitamente alle singole amministrazioni locali. I portali (salvo esigenze differenti degli Enti Locali) vengono gestiti e mantenuti da un punto di vista tecnico dalla Regione. In questo modo le organizzazioni locali (trattasi di Comuni, spesso di medio-piccole dimensioni) possono occuparsi solamente dei contenuti del portale, ottenendo così un notevole risparmio in termini di risorse, umane e finanziarie, impegnate; myportaì viene utilizzato per la pubblicazione su web e la comunicazione con i cittadini via tecnologie" Content Management System (CMS), nonché quale ambiente di riferimento per applicativi specifici per servizi ai cittadini. Grazie a myportaì la Pubblica Amministrazione può fornire informazioni di natura diversa ai cittadini, come le notizie riguardanti le procedure relative alle tasse, le leggi o le informazioni sugli eventi locali. Ed i cittadini possono svolgere una parte dei propri adempimenti online. myportaì offre nuove modalità di contatto al, segnalando, per esempio, eventuali danni all'assetto stradale o dando inizio direttamente online ad una pratimylntranet 1 I mylntranet "A" -r>! <J- i Comu Regione Veneto egovernment Framework ì^ébiséfvees Òrièniei} Agji tirai; S'^PS-'::' le "A" i: myportaì "A" I V p Customized V LL Portai GrODGGGO ytljuu UUHJJ A-Citizens Q w '! I ; Comu le "B"! myportaì "B" Customized Portai VJ LL... i Q33DCOX) ODOOOOOO B-Citizens > Figura 4 - L'architettura duale G2C/G2G orientata ai servizi ca di cui sarà messo a conoscenza del suo stato di avanzamento sempre attraverso myportaì. Mylntranet, invece, è l'interfaccia interna dedicata al personale amministrativo e alla gestione, quindi, del G2G (Government to Government). Si tratta di un ambiente creato per agevolare la comunicazione e lo scambio di informazioni all'interno del l'ente stesso, mylntranet viene utilizzato per la circolazione di informazioni aggiornate (quando vengono richiesti dei servizi) e per lo scambio di informazioni strutturate (di documenti) tra i dipendenti dell'ente stesso. Si tratta di un ambiente intuitivo e facile da utilizzare: il personale amministrativo, infatti, ha a disposizione un'interfaccia desktop (come quella dei PC) personalizzabile dagli operatori della Pubblica Amministrazione mediante l'inserimento di diverse portlet. All'interno di questa interfaccia sono presenti pagine diverse: una ad uso personale, una gestita dall'ente di appartenenza dell'utente e una rappresentante la postazione di lavoro del singolo dipendente. Per ottenere una gestione efficiente dei contenuti e permettere, quindi, la costruzione di una simile struttura è stato necessario creare diversi diritti d'accesso al portale basati sui ruoli degli utenti e sulle competenze territoriali dell'ente per il quale lavorano. myportaì 1 T mylntranet "C' Ili li ~ Comu 36 "C" [ \ _J myportaì "C' 1 ^ Customized Portai C-Citizens All'architettura myportal-mylntranet è stata successivamente aggiunta una terza componente: myworkflow, ossia una piattaforma di Workflow Management che permette la gestione automatica di un set di processi principali. Grazie all'utilizzo di linguaggi specifici, tra cui XPDL, è possibile lo scambio e il riuso dei processi, e la composizione di servizi web. Questa interfaccia, inoltre, integra al suo interno delle piattaforme specifiche per la gestione dei workflow, permettendo di conseguenza la personalizzazione e l'esecuzione dei processi. Approfondiamo nel prossimo paragrafo. MyWorkflow: l'integrazione dei sistemi WFM per la gestione dei processi all'architettura creata dalla Regione Veneto L'utilizzo di linguaggi standard è indispensabile per la creazione del repository di processi, tuttavia per poter utilizzare le formalizzazioni dei processi in esso contenuti ed offrire dei servizi web basati su di essi è necessario effettuare un'integrazione tra la piattaforma offerta dalla Regione Veneto e i sistemi di creazione e gestione di tali rappresentazioni. Sono diversi gli application server che svolgono questa funzione - in questa fase è stato sperimentato il sistema Bonita Open Solution, che tra i sistemi a codice aperto appare in uno stadio più avanzato di altri. L'integrazione delle tecnologie Bonìta con il sistema duale myportal/mylnsettembre/ottobre it

5 I Business process management tranet ha lo scopo di consolidare l'architettura regionale dei portali di servizio per gli enti locali con funzionalità che consentano la deposizione progressiva ed interoperabile di flussi di processo in un repository regionale consentendo le opportune differenziazioni locali. Nell'ottica di facilitare ai comuni la comunicazione sui processi sottostanti i propri servizi e di facilitare la creazione di nuovi ed innovativi servizi online per il cittadino, ove possibile riutilizzando soluzioni magari già sperimentate in altri comuni. Non solo. La disponibilità delle formalizzazioni dei principali processi e l'integrazione del sistema di BPM myworkflow nell'architettura SOA myportal/mylntranet fornisce ulteriori vantaggi. Come, (a) rendere realizzabile un sistema di tracciatura dell'esecuzione dei processi sottostanti i servizi (online e non) offerti al cittadino - consentendo al cittadino di ricevere notifiche e informazioni sull'iter della procedura (in che Ufficio è la pratica, quali sono le autorizzazioni mancanti, quali step ancora mancano?) e dotando il sistema della massima trasparenza nei confronti del cittadino. E, (b) offrire un ambiente di riferimento in grado di favorire collaborazioni all'interno dell'ente stesso (cross-funzionali, finalizzate all'efficacia di determinati servizi), ma anche tra Enti diversi (intra-funzionali, finalizzate alla condivisione tempestiva di informazioni e cognizioni tra Uffici omologhi, finalizzate a migliorare la capacità del personale di soddisfare le esigenze dei cittadini). Inoltre, (e) offrire al personale delle pubbliche amministrazioni una gestione automatica delle procedure e, di conseguenza, una conoscenza più approfondita dei processi, consentendo valutazioni up-to-date sulle potenziali ottimizzazioni dei servizi erogati. Detto questo, bisogna considerare che, per poter rendere efficacemente operante un tale sistema di gestione dinamica dei processi funzionale sia alle esigenze esterne dei cittadini che alle esigenze interne delle Pubbliche Amministrazioni, oltre a strumenti informatici specifici, è necessario un dettagliato approfondi- mento su servizi, processi ed organizzazione operanti negli Enti Locali. Al fine di individuare gli uffici coinvolti in un determinato processo, le funzioni specifiche, le attività elementari che svolgono; nonché l'utenza di destinazione, le esigenze autorizzative, i pagamenti necessari, le comunicazioni necessarie. Con l'obiettivo di mantenersi ad un livello sufficientemente alto al fine di consentire a più Enti Locali di riconoscersi in un determinato Servizio. Il contesto non è però esattamente lo stesso in front-office (per i cittadini) ed in back-offìce (per i funzionar! della PA): ai cittadini non interessano nel dettaglio le procedure di gestione interna della PA, che invece sono utili ai dipendenti dell'ente; interessano ai cittadini invece tutti i passaggi che li vedono interagenti. Va quindi predisposta una modalità analitica di visione dei processi tramite la quale il cittadino possa monitorare lo stato di avanzamento del processo, ma non sia reso partecipe di attività interne per le quali non ha diretto interesse. Dalla rappresentazione dinamica dei processi al "dynamic quality management" L'idea alla base di questa strategia è in realtà molto più ampia (cfr. Figura 5 e, per maggiori dettagli, [12-61). Non si tratta, U IL TT ÌS my/n tranet GZGplatform emon tool fon System -level Indicatore infatti, solamente dell'offerta di un servizio online al cittadino, ma di una gestione in qualità dei processi attraverso il sistema duale dei portali C2C/myPortal e C2G/mylntranet. Il cittadino può inoltrare la sua richiesta anche recandosi di persona presso l'apposito ufficio, ma l'impiegato comunale sarà ugualmente obbligato a inserire i dati relativi all'interno del sistema. In questo modo, infatti, non solo tutti i partecipanti del processo possono essere a conoscenza dell'avanzamento della pratica, ma possono essere fatti controlli in merito alla gestione del processo (si possono, per esempio, monitorare i tempi di permanenza della pratica presso un determinato ufficio) e rilevamenti di natura statistica (per rilevare, per esempio, quali servizi sono maggiormente richiesti), a prescindere dalla modalità con cui il cittadino ha presentato la sua istanza. Inoltre se il cittadino è messo a conoscenza delle attività svolte può esprimere un parere a riguardo. In questo modo la Pubblica Amministrazione ha la possibilità di misurare il grado di soddisfacimento del cittadino e il livello di qualità del servizio erogato. Questa misurazione può avvenire mediante appositi questionar! inseriti in myportal ai quali il cittadino può rispondere a servizio erogato. L'oggetto dell'intervista può essere il servizio fruito, l'unità Organizzativa che gli ha fornito tale servizio, una singola fase del processo di produzione ed eroga-! f \T TI ft~tì [T TI [I \\T T\e Veneto egovemment Framework ^'<:'l^m-:m : : '' f^m myworkflów WFM platform > Figura 5 - La visione complessiva del three-layered quality of service (QoS) o myportal GZCpIatform settembre/ottobre 2010 (Dualità

6 Informatica e Qualità. La Società dell'informazione zione del servizio o il canale attraverso il all'interno del sistema myportal/myintra- quale è avvenuta la comunicazione. net, decidendo per esempio, quali dati l'empowerment dei funzionar! della PA lo- Semplificando, il cittadino può valutare devono essere registrati o quando deve cale, che manipolano in back-office senza tutti quegli aspetti di cui è a conoscenza essere prevista la comunicazione con il intermediazioni i workflow di gestione del- perché ha avuto un contatto diretto con cittadino. le pratiche e possono, quando necessario essi. Per misurare il livello di soddisfa- Un aspetto interessante emerso durante per evoluzioni legislative o cambiamenti or- vizio è d'altra parte in piena sinergia con zione dei cittadini si possono usare di- questo studio è la necessità di integrare ganizzativi, innescare rapidi interventi di ag- verse e complementari strategie. la gestione della procedura, non solo con giornamento delle correlate procedure Tramite sistemi di feedback elementare, l'architettura fornita dalla Regione, ma informatiche - impattando quindi positi- quali le "stelle" di gradimento modello anche con i sistemi di gestione informa- vamente sui fruitori finali dei servizi, i cit- blog o le "facce" stile emoticons come tizzata, spesso proprietari, già utilizzati tadini, che avranno maggiori garanzie di da indicazioni del Ministero per la Pub- dai comuni. un sistema sempre up-to-date. blica Amministrazione e l'innovazione, Facendo un esempio concreto si ricorda Una diffusa adozione di tecnologie aper- al fine di raccogliere il parere sul servi- che la comunicazione ricevuta dal citta- te e standard di BPM nella PA locale po- zio in un modo immediato e intuitivo. dino deve essere protocollata, quindi nel trà infine facilitare l'interazione tra diverse O tramite meccanismi più strutturati, pro- momento in cui il cittadino esegue una amministrazioni, che andranno a coope- ponendo una serie di sintetiche doman- segnalazione tramite myportal questa de- rare al meglio concorrendo a dare i ser- de alle quali il cittadino risponde sele- ve essere registrata (quindi protocollata) vizi al cittadino in forma integrata e con zionando un valore su una scala che va affinchè i dati possano essere passati a la massima efficacia - offrendo in defini- dal a 5. mylntranet, ma possano essere anche di- tiva quella omogeneità e replicabilità di E magari combinando le due strategie al rettamente importanti nel sistema di pro- servizi, procedure e pratiche pubbliche fine di raccogliere la tipologia di feed- tocollazione informatica in uso presso il che i cittadini si aspettano da un sogget- back verso la quale il cittadino è più di- Comune. Se non si esegue una simile in- to unitario quale è la Pubblica Ammini- sposto nel momento della richiesta. tegrazione si perderebbe il vantaggio di strazione, sia essa locale o centrale. una gestione automatizzata del processo Ottica collaborativa: le realtà locali in quanto uno stesso dato dovrebbe es- La Regione Veneto, con l'aiuto dell'uni- sere scritto in entrambi i sistemi da un versità "Ca' Foscarì" di Venezia, si sta dun- operatore dell'ente, con un logico spreco giunto della Direzione Sistema Informa- que adoperando per fornire ai comuni di tempo e risorse. tico della Regione Veneto e del Diparti- nuovi strumenti BPM-based per portare C'è l'esigenza, dunque, di utilizzare un mento di Informatica dell'università "Ca' una nuova cultura, dinamica, dei processi nuovo canale comunicativo con il citta- Foscari" di Venezia per dare agli Enti Lo- nella Pubblica Amministrazione. Chie- dino, sfruttando le potenzialità di my- cali nuovi ed avanzati strumenti per mi- dendo agli Enti Locali di raccogliere que- Portal/mylntranet, mantenendo, però, l'u- gliorare e consolidare l'offerta di servizi online al cittadino. 1 nuovi strumenti per E in corso un significativo sforzo con- sti spunti, sperimentare le tecnologie e tilizzo dei sistemi applicativi per la ge- valutarne l'applicazione nella realtà quo- stione delle diverse procedure presenti la creazione, gestione, personalizzazio- tidiana del servizio al cittadino. nei singoli Enti. ne, comunicazione ed implementazio- In questo contesto l'apporto delle espe- ne di workflow dinamici di processo rap- rienze concrete all'interno di questo pro- I vantaggi per il cittadino presentano un tassello fondamentale per getto diventa indispensabile. Un sistema informatico che "capisce" i superare la tradizionale logica informati- 11 Comune di Belluno e il Comune di Fel- processi, li istanzia, ne misura sistemati- ca nella quale le procedure sono intoc- tre stanno analizzando quale strategia camente le performance ed interopera cabili ed inflessibili. Rafforzando le basi adottare per integrare il "filo diretto", os- con gli omologhi sistemi di altre ammi- strutturali sulle quali appoggiare un eco- sia la comunicazione tra cittadino e pub- nistrazioni, rappresenta un formidabile sistema di servizi comprensibili, chiari, blica amministrazione, con mypor- strumento di trasparenza e di controllo fruibili nonché facilmente aggiornabili, tal/mylntranet. Questi comuni si sono sof- per il cittadino. Cittadino che, in relazio- riutilizzabili ed assolutamente trasparen- fermati sull'analisi della procedura per la ne ai servizi online o di front-office di suo ti all'interno ed all'esterno della PA. gestione dei reclami, delle segnalazioni interesse, può ispezionarne i processi sot- Per raggiungerne gli ambiziosi (ma reali- e dei suggerimenti. Il primo risultato che tesi ed interagire direttamente con le at- stici) obiettivi sottese alle correnti speri- si è ottenuto da questa analisi è la de- tività componenti, rilevando stato ed esi- mentazioni, è fondamentale e preziosa scrizione delle specifiche della procedu- to dettagliato delle pratiche accese, e ma- la collaborazione che gli stessi Comuni ra, ossia come questa è strutturata. In se- gari lasciando qualche feedback sull'ef- forniscono portando casi d'uso reali e sug- conda istanza è stato possibile progetta- ficacia del servizio. gerendo ambiti di utilizzo delle tecnolo- re come questa dovrebbe essere gestita La trasparenza esterna sui processi di ser- gie proposte. La ricerca applicata del- s settembre/ottobre 2010 VAVW aicq.i

7 I Business process management \, i progetti di innovazione di Regione Veneto e \ esperienze concrete degli Enti Locali trovano infatti la migliore sinergia negli spazi comuni di confronto, traducendosi di volta in volta in utili ambiti di approfondimento ed in soluzioni efficaci per le realtà locali. 1 "Three-layered QoS for egovernment Web Services", A. Candiello, A. Albarelli e A. Cortesi, in Proceedings of DG.O Conference, May 17-20, 2010, Puebla, Mexico; 2 "QoS a tre livelli per i servizi web di egovernment", A. Candiello, A. Albarelli e A. Cortesi, in: AA.VV, "Processi condivisi e sistemi aperti per un egovernment partecipato - L'esperienza della Regione Veneto nella promozione della società dell'informazione e della conoscenza tra enti locali, imprese, cittadini e territorio", Università "Ca' Foscari", Venezia, 2010; 3 "Un approccio per processi per un egovernment di qualità - Le sperimentazioni del LaboratorioVeneto per l'egovernment finalizzate per accrescere la qualità dei servizi al cittadino", A. Candiello, A. Albarelli, A. Cortesi, A. Mola, E. Tasso, B. Salomonì, articolo sullo speciale Qualità del periodico di ConfindustriaTrentino, Ottobre 2009; "Qualità nell'egovernment Locale- Gli sviluppi sul tema della qualità dei servizi pubblici al cittadino del Laboratorio di egovernment Veneto", A. Candiello, A. Albarelli, A. Cortesi, A. Mola, E. Tasso, B. Salomoni, su "Qualità", 5/2009 settembre/ottobre pagg.41-45; "Weak Identities for Deliberative e-democracy", A. Candiello, A. Albarelli, A. Candiello, in: Tambouris, E., Macintosh A. (Eds.). Electronic Participation: Proceedings of Ongoing Research, General Development Issues and Projects of epart 2009, 1st International Conference, epart 2009, Linz, Austria, September 1-3, 2009 Trauner Druck: Linz, Schriftenreihe Informatik #31,2009; "Advanced Quality Tools for egovernment Services", A. Candiello, A. Albarelli, A. Cortesi, In M. Winckler, M.Noirhomme-Fraiture, D. Scapin, G. Calvary, and A.Serna,editors, DEGAS 2009, volume 492 of CEUR Workshop Proceedings, pages 24-29, 2009; 7 "Nuovi modelli dell'ict-web 2.0 e oltre. Web 2.0, web semantico, grid computing, virtualizzazione... un'opportunità per le imprese strutturate", A. Candiello, in "Qualità", Settembre 2008; 8 "An ontology-based inquiry framework", A. Candiello, A. Albarelli, and A. Cortesi, in A. Gangemi, J. Keizer, V. Presutti, and H.Stoermer, editors, SWAP2008, volume 426 of CEUR Workshop Proceedings, 2008; 9 "La definizione di un framework di gestione multicanale per la rilevazione della soddisfazione degli utenti", A. Candiello e Francesco Brocchi, pp , in: AA.VV, "Citizens ÌTV: un modello di servizi per il territorio attraverso la televisione digitale terrestre. Il progetto sperimentale della Regione del Veneto", Franco Angeli, Continua da pagina 10 Un'organizzazione è agile quando è in grado di elaborare una cultura dell'innovazione e del cambiamento, ma è anche in grado di godere dei suoi frutti. Non si tratta di ripetere-riprodurre un progetto innovativo. O meglio, non si tratta solo di questo. È necessario sostenere un ciclo continuo di rinnovamento della gestione ordinaria attraverso la gestione dell'innovazione. Ma gestione dell'innovazione implica necessariamente un processo di gestione strategica delle risorse umane, in cui vengano valorizzate le competenze interne, le capacità individuali, e dove soprattutto vengano sfruttate le conoscenze implicite e tacite dell'azienda. È infatti il passaggio dalla "fabbrica della qualità" alla "fabbrica della conoscenza" il vero elemento chiave per raggiungere una efficace gestione strategica dei progetti di innovazione, in cui agile e tradizione possono convivere, senza conflitti. Perché la selezione dei progetti verrebbe fatta seguendo il criterio del "migliore allineamento al business", perché la pianificazione ed il monitoraggio dei progetti avverrebbe con maggiore flessibilità ed adattabilità ai tempi del mercato, e perché dal punto di vista della comunicazione, ci sarebbe una migliore relazione con il cliente, con conseguente aumento di produttività e qualità. Ed in uno scenario tecnologicamente turbolento come quello attuale, il perseguimento di tali obiettivi verrebbe facilitato da collaborative tool, strumenti oggi in grado di mettere in comunicazione più dipartimenti attraverso un rapido scambio ed una efficiente condivisione delle informazioni critiche per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. E però fondamentale non correre il rischio di considerare tali strumenti come la soluzione di tutti i problemi, come elemento cioè in grado di garantire risultati in termini di performance aziendali. Sarà sempre centrale il ruolo della persona per selezionare le idee più innovative e per identificare le metodologie più adatte pedia.org/wiki/bruno_visentini 5 La gestione agile e le nuove tecnologie, Rivista Qualità, settembre/ottobre Pubblicata, in versione bilingue, in Italia come UN I EN ISO 9004: 2009 ^:cq.iì settembre/ottobre 2010 *

24/09/13 Soluzioni di Riuso

24/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO364 MyPortal 2.0 proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Regione Regione dell'amministrazione: Veneto Ambito/i amministrativo/i

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale

La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale La piattaforma Microsoft per la gestione documentale e integrazioni con la firma digitale Carlo Iantorno National Technology Officer carloi@microsoft.com Alberto Masini Business Development Manager alberto.masini@microsoft.com

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Passaggio del software applicativo Tributi dalla piattaforma client/server SICRA alla piattaforma WEB SICR@WEB.

Dettagli

Pubblico e privato nelle strategie di e-government

Pubblico e privato nelle strategie di e-government Ruolo degli Enti Locali nel Piano di e-government La strategia del Comune per l e-government Gli strumenti attuativi della strategia Il necessario apporto del privato Ruolo degli Enti Locali nel Piano

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione

Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Bruno Salomoni Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) 0412792202 Elvio Tasso Direzione

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

FORUM PA 2011 La relazione digitale con il Cittadino

FORUM PA 2011 La relazione digitale con il Cittadino FORUM PA 2011 La relazione digitale con il Cittadino Pietro Monti Roma, 10 Maggio 2011 Le spinte per il nuovo 2 Accessi al Portale INAIL (anno 2010): Pagine visitate Contatti * 35.986.224 8.450.211 I numeri

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI.

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. Sistema M.A.Ga. è un'applicazione cloud che integra un insieme

Dettagli

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Controllo di Gestione e Misurazione delle Performance: l integrazione delle competenze, la valorizzazione delle differenze e la tecnologia

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

Software di definizione, automazione e monitoraggio per il miglioramento dei processi. Business Process and Rules Management, modellazione di

Software di definizione, automazione e monitoraggio per il miglioramento dei processi. Business Process and Rules Management, modellazione di Reporting Modeling Simulation BPM+ Monitoring Execution Implementation Software di definizione, automazione e monitoraggio per il miglioramento dei processi. Business Process and Rules Management, modellazione

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali Filosofia di funzionamento del sistema SIEL Il pacchetto Integrato Enti Locali, realizzato in ambiente con linguaggi di ultima generazione, consente all Ente Locale

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione di Consiglio Comunale

Pag 1. Approvato con la deliberazione di Consiglio Comunale COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia Portali EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia L ESIGENZA Nel quadro delle politiche di e-government e per migliorare i servizi ai cittadini, molte amministrazioni locali hanno

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Fondamenti di Knowledge e Business Process Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Business Process Management input Competenze individuali Fattori Tecnologici PROCESSO Competenze

Dettagli

Strumenti e Soluzioni per il Business Process Management in ambito Enterprise

Strumenti e Soluzioni per il Business Process Management in ambito Enterprise Strumenti e Soluzioni per il Business Process Management in ambito Enterprise Benvenuti! Green Team è Microsoft Partner con elevate competenze per i progetti che ruotano attorno al mondo di SharePoint.

Dettagli

Identificazione dei bisogni Introduzione

Identificazione dei bisogni Introduzione Pagina 1 di 5 Identificazione dei bisogni Introduzione Le Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione (TIC, o anche, in inglese, Information and Communication Technologies, ICT) hanno profondamente

Dettagli

Applicazione: InfoDir: Information Directory, il Catalogo dei dati e dei servizi

Applicazione: InfoDir: Information Directory, il Catalogo dei dati e dei servizi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: InfoDir: Information Directory, il Catalogo dei dati e dei servizi Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP5 R7 1ª edizione (luglio 2012) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A.

Dalla strategia all implementazione: proposte concrete per l innovazione nella P.A. Milano, 18 novembre 2009 Gestione della conformità alle normative, Dematerializzazione e Collaborazione in tempo reale: il valore di una piattaforma integrata per gli Enti Pubblici Locali Dalla strategia

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Definizione Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema per la gestione dei contenuti Definisce

Dettagli

Enterprise Social Network. Creare community aziendali

Enterprise Social Network. Creare community aziendali Enterprise Social Network Creare community aziendali COLLABORATION 2.0 CHE COSA È NU+ è la soluzione Yooplus di collaboration finalizzata a creare le condizioni per sviluppare una elevata capacità di team

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

IBM Software Demos The Front-End to SOA

IBM Software Demos The Front-End to SOA Oggi, imprese piccole e grandi utilizzano software basato sull'architettura SOA (Service-Oriented Architecture), per promuovere l'innovazione, ottimizzare i processi aziendali e migliorare l'efficienza.

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrazione/Contabile Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari Data Warehouse: una sola lingua Iolanda Salinari 2 Il Glossario: uno strumento prezioso Uno dei fattori critici per la realizzazione del data warehouse è costituito dalle difficoltà che si incontrano per

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014 COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management

CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management SCHEDA PRODOTTO CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management Le attività di gestione del carico di lavoro di DB2 per z/os vengono semplificate e ottimizzate,

Dettagli

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale ing. Mauro Draoli C O N F E R E N Z A TA L 2 0 1 4 Europa 2020 e Agenda Digitale Strategia Europa 2020 per superare l'impatto della crisi finanziaria

Dettagli

Il Laboratorio di egovernment di Regione Veneto ed Università

Il Laboratorio di egovernment di Regione Veneto ed Università Il Laboratorio di egovernment di Regione Veneto ed Università Agostino Cortesi DAIS Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica, Università Ca Foscari di Venezia 1 Le collaborazioni tra

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA L'art. 10 del Decreto legislativo 14.3.2013, n. 33, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5.4.2013, prescrive

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese Il Master di secondo livello in "Interoperabilità per la Pubblica Amministrazione e le Imprese" mira a formare professionisti di sistemi di e-government in grado di gestirne aspetti tecnologici, normativi,

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativi/Contabile Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009 ZP09-0108, 5 maggio 2009 I prodotti aggiuntivi IBM Tivoli Storage Manager 6.1 offrono una protezione dei dati e una gestione dello spazio migliorate per ambienti Microsoft Windows Indice 1 In sintesi 2

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015 COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Addition, tutto in un unica soluzione

Addition, tutto in un unica soluzione Addition, tutto in un unica soluzione Addition è un applicativo Web progettato e costruito per adattarsi alle esigenze delle imprese. Non prevede un organizzazione in moduli, mette a disposizione delle

Dettagli

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o C O M P E N D I O Con il supporto di: Siemens PLM Sede centrale globale:

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli