Sistema di audit EuCertPlast

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di audit EuCertPlast"

Transcript

1 Sistema di audit Versione: 3.4 Progetto promosso dal programma ECO-INNOVATION Numero progetto: Acronimo progetto: 1

2 Sommario Introduzione... 4 Modifiche alla bozza dell'audit di certificazione... 4 Riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa... 4 Uso delle definizioni... 4 Obiettivo della Certificazione... 5 Documentazione di supporto per gli auditor... 6 Informazioni di carattere generale sulla Certificazione... 6 Tipi, frequenza, durata dell'audit in loco... 6 Performance d'esercizio richiesta per la Certificazione... 7 Certificazione provvisoria... 7 Audit delle modifiche al Processo di riciclo... 7 Revoca o sospensione della Certificazione o modifiche al Processo di riciclo... 7 Rinnovo della Certificazione... 8 Spese per l'audit... 8 Chi può richiedere la Certificazione... 8 Corrispondenza e output dell'audit... 8 Corrispondenza prima dell audit... 8 Fase post audit Disponibilità delle informazioni Appendice 1: Definizioni utilizzate nel presente documento Appendice 2: Modello di lettera in caso di mutamento del proprietario Appendice 3: Modello di lettera ante audit da inviare al Riciclatore Appendice 4: Modello rapporto Appendice 5: Modello di certificato Appendice 6: Note orientative per gli auditor Informazioni amministrative di carattere generale da annotare Tracciabilità Sezione 7: Protezione dell'ambiente

3 Sezione 10: Commenti degli auditor Appendice 7: Questionario per gli auditor

4 Introduzione Il presente rapporto finale ai fini della Revisione del Certificato è stato preparato sulla scorta di quattro audit sperimentali effettuati da European Plastics Recyclers utilizzando la bozza della Revisione del Certificato (cfr. risultati del progetto D2.2). Alla fine di novembre 2010 i partner del progetto si sono incontrati per esaminare tali audit e individuare i miglioramenti che potevano essere apportati al sistema di certificazione. Gli audit sono stati effettuati dal partner di progetto cyclos GmbH presso riciclatori che trattano diverse materie plastiche post-consumo (bottiglie in PET, pellicole in LDPE, imballaggi in HDPE e PVC rigido) in numerosi paesi europei (Germania, Paesi Bassi e Regno Unito). Quella che segue è la versione rivista e definitiva dell'audit di Certificazione che include gli insegnamenti tratti dai 4 audit sperimentali, i commenti finali e i suggerimenti dei partner di progetto. Modifiche alla bozza dell'audit di certificazione È stato riconosciuto che la questione dei subappalti rientra in due categorie distinte, il subappalto di un'attività di riciclaggio (Riciclaggio in subappalto) e il subappalto di un'attività diversa dal riciclaggio, ad esempio la cernita e la rimozione delle sostanze contaminanti dal materiale prima che venga riciclato (Trattamento in subappalto). Queste differenze sono ora rispecchiate nell'audit: è stato chiarito, infatti, che qualsiasi Trattamento in subappalto deve essere incluso nel calcolo del bilancio di massa. L'indicazione delle tonnellate presente sul certificato è stata modificata da Capacità dell'impianto a quantità di Input di rifiuti di plastica ricevuta dall'impianto nei 12 mesi precedenti al trattamento del Processo di riciclo. Riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa Durante gli audit sperimentali è emerso che i riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa (invece di materiale confezionato in balle o insaccato) incontrano delle difficoltà ad ottemperare alle tracciabilità prevista dagli audit stessi. A causa della difficoltà nel conservare molti carichi in entrata di materiale molto voluminoso ma leggero in Partite distinte prima della lavorazione, in genere i riciclatori che trattano il materiale sfuso stoccano insieme gli Input di rifiuti di plastica della stessa qualità sebbene provengano da fornitori diversi. Pertanto, una volta accettati nel sito, non è più possibile tracciare la provenienza degli Input di rifiuti di plastica sfusi. Per rendere questa Certificazione accessibile soprattutto all'intero settore europeo operante nel riciclaggio delle materie plastiche, la tracciabilità è stata ripartita in 2 livelli diversi, il che consente di rispecchiare nel sistema di Certificazione le caratteristiche operative di alcuni segmenti del comparto industriale e le esigenze degli utilizzatori finali. I due livelli di tracciabilità sono descritti minuziosamente nel Capitolo 6 Note orientative per gli auditor. Uso delle definizioni Nel presente rapporto i termini inclusi nelle Definizioni, contenute nell'appendice 1, sono in corsivo e iniziano per lettera maiuscola. 4

5 Obiettivo della Certificazione I partner di progetto hanno convenuto che la Certificazione si deve concentrare sui sistemi di gestione, sugli standard operativi ambientali e amministrativi del Riciclatore e sulla relativa ottemperanza alle normative. La Certificazione riguarderà ogni Processo di riciclo operante presso un determinato sito. In breve, la Certificazione coprirà le seguenti aree: autorizzazioni d esercizio e ambientali richieste per il paese in cui si svolge tale attività; formazione, competenze e organizzazione del personale; procedure e controlli sul materiale in entrata; gestione degli stock; Processo di riciclo e calcolo del relativo bilancio di massa; controlli sugli Output riciclati; protezione dell'ambiente; subappalto; gestione della qualità e tracciabilità. Si è convenuto che l'audit (Certificazione) deve essere volto a individuare i riciclatori di materie plastiche che operino con elevati standard di qualità e a garantire ai fornitori che tutti gli Input di rifiuti di plastica consegnati a un Riciclatore certificato verranno riciclati conformemente alle Buone prassi, nel rispetto dell'ambiente e della legislazione nazionale. Inoltre, la Certificazione garantirà agli acquirenti dell'output riciclato la sua conformità alle vigenti norme ambientali e legislative. La Certificazione, che osserva lo Standard europeo EN 15343:2007, si concentra sulla tracciabilità del materiale lungo tutta la catena di fornitura e attraverso l'intero Processo di riciclo, sulla valutazione della conformità e della percentuale di materiale riciclato contenuto nel prodotto finale. La valutazione degli Output riciclati viene fatta sulla scorta dei numerosi standard EN sviluppati per la caratterizzazione dei materiali riciclati derivati dalla plastica (vedasi capitolo seguente). 5

6 Documentazione di supporto per gli auditor I seguenti documenti saranno utili agli auditor incaricati di valutare i Riciclatori: Numero documento EN 15343:2007 EN 15347:2007 EN 15342:2007 EN 15344:2007 EN 15345:2007 EN 15346:2007 EN 15348:2007 CEN/TR EN ISO 472:2001 Titolo Plastics - Recycled Plastics - Plastics recycling traceability and assessment of conformity and recycled content (Materie plastiche - Plastica riciclata - Tracciabilità del riciclaggio e valutazione della conformità e del contenuto riciclato). Plastics Recycled Plastics Characterisation of plastics wastes (Materie plastiche - Plastica riciclata- Caratterizzazione dei rifiuti di plastica). Plastics Recycled Plastics Characterisation of polystyrene (PS) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polistirene (PS)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of Polyethylene (PE) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polietilene (PE)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of Polypropylene (PP) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polipropilene (PP)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of poly(vinyl chloride) (PVC) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polivinilcloruro (PVC)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of poly(ethylene terephthalate) (PET) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polietilentereftalato (PET)). Plastics Recycled Plastics Guidelines for the development of standards for recycled plastics (Materie plastiche - Plastica riciclata - Linee guida per lo sviluppo di norme relative alla plastica riciclata). Materie plastiche: Vocabolario. Informazioni di carattere generale sulla Certificazione Tipi, frequenza, durata dell'audit in loco Ci saranno tre tipi principali di audit, tutti programmati e organizzati anticipatamente con il Riciclatore: 1. Audit iniziale di certificazione: audit iniziale effettuato sul Processo di riciclo (durata prevista in loco: 1 giorno). 2. Audit annuale di monitoraggio (durata prevista in loco: mezza giornata). 3. Audit delle modifiche al Processo di riciclo; vedasi sotto (durata prevista in loco: mezza giornata). 6

7 Performance d'esercizio richiesta per la Certificazione Per standardizzare il processo di verifica e definire il livello prestazionale che il Riciclatore deve raggiungere per ottenere la Certificazione, ogni categoria è stata classificata per ordine d importanza. Categoria 1 2 Significato Obbligatorio. Per ottenere la Certificazione, il Riciclatore deve raggiungere il parametro richiesto per la categoria 1. In determinate circostanze sono ammesse delle Discrepanze minori. Importante ma non necessario. Il Riciclatore deve raggiungere una conformità del 50% ai parametri richiesti per la categoria 2. Certificazione provvisoria Verrà rilasciato un Certificato provvisorio qualora il Processo di riciclo sia operativo da meno di 12 mesi o la documentazione disponibile relativa alla produzione o al bilancio di massa copra un arco temporale inferiore ai 12 mesi. Qualora si stia facendo richiesta delle autorizzazioni, le stesse dovranno essere inviate all'auditor non appena disponibili. Qualora la richiesta di autorizzazione venga respinta, l'auditor dovrà esserne informato. Audit delle modifiche al Processo di riciclo Il Riciclatore dovrà richiedere un audit delle modifiche al Processo di riciclo nel caso in cui, durante il periodo di validità della Certificazione, vengano apportate modifiche significative al Processo di riciclo. Sono da ritenersi significative: una modifica della Capacità dell'impianto superiore al 50%; la modifica dell'input dei rifiuti di plastica (cambiamento del polimero o della forma dello stesso, vale a dire rigida o flessibile); la modifica dell'output riciclato. Revoca o sospensione della Certificazione o modifiche al Processo di riciclo Ai sensi della Certificazione, il Riciclatore deve informare l'azienda incaricata degli audit qualora: gli venga revocata o non gli venga rinnovata una licenza d'esercizio o ambientale (prescritte per legge) - cosa fare: revocare la Certificazione; il Riciclatore venga sottoposto ad amministrazione controllata - cosa fare: revocare la Certificazione; si intenda o si debba arrestare il Processo di riciclo in un futuro immediato (>6 mesi) - cosa fare: sospendere la Certificazione; 7

8 venga apportata una modifica significativa al Processo di riciclo (vedasi capitolo precedente) - cosa fare: organizzare un audit delle modifiche al Processo di riciclo. il Riciclatore o il Processo di riciclo sia stato venduto a un'azienda diversa indipendente - cosa fare: il Riciclatore deve informare l'auditor e sottoscrivere un documento in cui si confermi la volontà di non apportare modifiche significative al Processo di riciclo, né alla gestione dello stesso, che potrebbero portare alla probabile revoca della Certificazione (prestare particolare attenzione ai parametri prescritti per la categoria 1). L'Appendice 2 contiene un modello di lettera da inviare al Riciclatore nonché il modulo che questi dovrà sottoscrivere. In caso di assenza di conformità al certificato attuale o precedente, ascrivibile a qualsiasi circostanza, il Riciclatore dovrà immediatamente informare per iscritto i suoi fornitori, i suoi clienti e il Consorzio. Tutti i dati forniti dal Riciclatore dovranno essere comunicati in buona fede, pena la revoca del certificato. Rinnovo della Certificazione Sei settimane prima della scadenza del certificato esistente verrà organizzato un audit di monitoraggio. La data del nuovo certificato sarà quella di scadenza del certificato precedente o quella del giorno in cui verrà effettuato l'audit (qualora avvenga successivamente alla data di scadenza). Spese per l'audit La Certificazione è volontaria, le spese per la stessa sono a carico del Riciclatore. Chi può richiedere la Certificazione La Certificazione potrà essere rilasciata esclusivamente ai Impianti di Riciclo in grado di riciclare Input di rifiuti di plastica post-consumo. Corrispondenza e output dell'audit Corrispondenza prima dell audit Prima dell'audit verrà inviata una lettera in cui si comunica: la data, il luogo e l'ora in cui verrà effettuato l'audit; il costo dell'audit; un'introduzione al sistema di Certificazione e delucidazioni circa lo scopo dell'audit; 8

9 quali documenti, autorizzazioni e altra documentazione l'auditor dovrà esaminare (vedasi sotto). La lettera sottolinea il fatto che, al momento dell'audit, il Processo di riciclo deve essere in esercizio; qualora si verificasse un qualsiasi impedimento, dovrà essere comunicato agli auditor in modo da riprogrammare la data dell'audit. L'Appendice 3 contiene un modello di lettera. Documenti e autorizzazioni da preparare prima dell'audit (se pertinente) tutte le licenze d'esercizio; tutti i permessi e le licenze ambientali; le licenze relative al trasporto dei rifiuti, anche qualora ci si avvalga di subappaltatori; certificati ISO o EMAS; certificato della pesa; polizze assicurative; organigramma dell'azienda; descrizione delle mansioni delle figure principali dell'organico (dal livello di supervisore in su); certificati di qualifica dei dipendenti; informazioni dettagliate sui programmi di formazione (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità) e sulla frequenza del personale agli stessi; specifiche relative agli Input di rifiuti di plastica in entrata; misure della produttività relative al Processo di riciclo e i rapporti di gestione correlati; un rapporto che descriva minuziosamente tutte gli input nel Processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, che comprenda anche gli Input di rifiuti di plastica e gli additivi; un rapporto che descriva minuziosamente tutti gli output del Processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, che comprenda anche gli Output riciclati, gli scarti e i prodotti derivati; documentazione relativa alle vendite effettuate negli ultimi 12 mesi corredata dalle relative fatture; informazioni dettagliate sulla fornitura ed il trattamento degli scarti e dei prodotti derivati da parte di strutture debitamente autorizzate; documentazione relativa al controllo della qualità nel corso degli ultimi 12 mesi (laddove possibile, controllo effettuato sull'output e nella fase produttiva); specifiche relative all'output riciclato; procedure scritte per i carichi di Input di rifiuti di plastica in entrata che siano fuori specifica o vengano rifiutati. 9

10 Fase post audit Audit superato: risultatie tempi Bozza del rapporto (in formato elettronico): emessa entro 3 settimane dalla data dell'audit. Il Riciclatore ha 2 settimane di tempo per esprimere i propri commenti. Rapporto finale (in formato cartaceo) in 2 esemplari: emesso entro 6 settimane dalla data dell'audit. Certificato: rilasciato entro 6 settimane dalla data dell'audit; la decorrenza della validità del certificato coincide con la data dell'audit. Contenuto del rapporto Introduzione alle finalità del sistema di Certificazione Sintesi particolareggiata: o o del Processo di riciclo, compresa la Capacità dell'impianto e una panoramica degli Input di rifiuti di plastica che possono essere accettati e degli Output riciclati prodotti riepilogo dei risultati dell'audit Appendice contenente le specifiche dei materiali il cui riciclo, secondo la valutazione dell'auditor, può avvenire presso l'impianto in virtù delle caratteristiche tecnologiche dello stesso (qualora sia richiesto dal Riciclatore) Appendice contenente i risultati completi dell'audit per ciascuna categoria Appendice contenente l'elenco delle Discrepanze minori. Il Riciclatore ha 3 mesi di tempo, a decorrere dalla data del controllo, per correggere le Discrepanze minori. Qualora non vengano corrette fino alla completa soddisfazione delle prescrizioni dell'auditor si procederà alla sospensione o alla revoca della Certificazione. Nell'Appendice 4 è contenuto un modello per la redazione del rapporto. Contenuto del Certificato Il nome dell'azienda e l'indirizzo dell'impianto presso il quale è in esercizio il Processo di riciclo. Data dell'audit e periodo di valutazione. Periodo di validità (inizio e fine). Il polimero/i utilizzati nel Processo di riciclo e il tipo di Input di rifiuti di plastica trattati: flessibili (ad esempio pellicole) o rigide (ad esempio bottiglie, imballaggi, vasi, contenitori, ecc.). Output riciclato(i) risultante(i) dal Processo di riciclo, con indicazione del polimero e la natura fisica del materiale, vale a dire scaglie, pellet, agglomerato, polvere micronizzata, ecc. 10

11 Tonnellate di Input di rifiuti di plastica accettate e trattate dal Processo di riciclo nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi). Tonnellate di Output riciclato prodotto dal Processo di riciclo nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi). Tipo di Certificazione (totale o provvisoria) indicante se è stato incluso anche il modulo per il contatto con gli alimenti. Dichiarazione che l'impianto è il destinatario finale degli scarti e dei prodotti derivati. Nell'Appendice 5 è contenuto un modello per il Certificato. Audit non superato: risultati e tempi Nel caso in cui il Riciclatore non superi l'audit di certificazione, gli verrà inviato un rapporto che spiega i motivi che hanno portato al mancato rilascio della Certificazione. Il rapporto comprenderà anche un'appendice con tutti i risultati dell'audit, suddivisi per ciascuna categoria. Disponibilità delle informazioni Il certificato sarà un documento pubblico. Il rapporto verrà inviato soltanto al Riciclatore che, a sua discrezione, potrà decidere se divulgarlo in tutto o in parte ai propri clienti e fornitori. Appendice 1: Definizioni utilizzate nel presente documento Baia di stoccaggio Una zona di stoccaggio definita dove alcune Partite di Materie plastiche in ingresso possono essere tenute a parte e isolate da altre Partite di Materie plastiche in ingresso e dagli agenti contaminanti. Buone prassi Operare nel rispetto di standard elevati relativi alla gestione del Processo di riciclo e alle prestazioni ambientali che vadano oltre le prescrizioni normative minime stabilite dal paese in cui si opera. Capacità dell'impianto La capacità dell'impianto del Riciclatore rispetto al peso degli Input di rifiuti di plastica che può accettare nel Processo di riciclo per realizzare un Output riciclato. Capacità del sito La somma minore tra la somma della/e Capacità dell'impianto e il Volume di input autorizzato. Certificato completo Certificazione rilasciata ai Riciclatori qualora il Processo di riciclo sia in esercizio da più di un anno. 11

12 Certificato provvisorio Certificazione rilasciata ai Riciclatori qualora il Processo di riciclo sia in esercizio da meno di un anno o di cui si abbiano dati relativi al flusso di massa o al valore della produzione che si riferiscono ad un arco temporale inferiore a 12 mesi. Certificazione Certificazione ai sensi del sistema di certificazione. Discrepanze minori Qualsiasi discrepanza di entità relativamente modesta riscontrata nel corso dell'audit, che il Riciclatore può correggere entro 3 mesi. Le note orientative spiegano cosa sia da ritenere, se del caso, una discrepanza minore. Nel caso in cui, entro 3 mesi, la discrepanza non venga corretta fino al soddisfacimento dell'auditor si procederà alla revoca della Certificazione. Input di rifiuti di plastica Il tipo di rifiuti di plastica richiesto per il Processo di riciclo per cui il Riciclatore richiede la Certificazione. Lotto Quantità definita di un bene fabbricato o prodotto in condizioni presumibilmente omogenee. Modulo per materiali destinati al contatto con gli alimenti Modulo supplementare disponibile esclusivamente per i Riciclatori che, nel paese in cui operano, sono autorizzati a fabbricare un Output riciclato che possa essere utilizzato nelle applicazioni destinate al contatto con gli alimenti. Operatore Qualsiasi impresa che organizzi l'uso, il recupero o lo smaltimento degli Output riciclati, degli Input di rifiuti di plastica o degli scarti per conto di terzi, ivi compresi quegli operatori che non prendono fisicamente possesso dei suddetti flussi di materiali. Ore attuali di esercizio Le ore di esercizio del Processo di riciclo al momento dell'audit. Ore di esercizio autorizzate Il numero massimo di ore durante cui il Riciclatore può far funzionare il Processo di riciclo, previste dalle proprie autorizzazioni e permessi per l'esercizio dell'attività. Output riciclato Plastica riciclata (riciclati) fabbricata mediante il Processo di riciclo, utilizzabile come sostituto del polimero vergine o di altre materie prime per fabbricare dei prodotti (ad eccezione dei prodotti per la generazione di energia). Partita Una determinata quantità di materiale considerata come una singola unità e con un riferimento univoco. 12

13 Post-consumo Espressione che descrive il materiale generato dagli utilizzatori finali dei prodotti, che abbia adempiuto allo scopo previsto e non possa più essere utilizzato (ivi compreso il materiale restituito nell'ambito della catena di distribuzione). Pre-consumo Espressione che descrive il materiale sottratto dal flusso degli scarti durante il processo manifatturiero. Processo di riciclo Il processo per la fabbricazione di un Output riciclato per cui si richieda la Certificazione. Riciclatore Il Riciclatore che richiede la Certificazione. Riciclo in subappalto Gli Input di rifiuti di plastica consegnati al Riciclatore e successivamente riciclati a titolo oneroso da un Riciclatore terzo vengono certificati ai sensi del sistema qualora il Riciclatore sia proprietario dell'output riciclato dal Riciclatore terzo (riciclo a titolo oneroso). Rivenditore Qualsiasi impresa che agisca in veste di committente per acquistare (o pagare per la rimozione di / accettare gratuitamente) e conseguentemente vendere (o pagare per il trattamento o lo smaltimento/ smaltire a titolo gratuito) Input di rifiuti di plastica, Output riciclati o scarti, ivi compresi quei rivenditori che non prendono fisicamente possesso dei suddetti flussi di materiali. Trattamento in subappalto Nel caso in cui, prima di essere trattati nel Processo di riciclo, gli Input di rifiuti di plastica siano sottoposti a un trattamento da parte di terzi, quale ad esempio la cernita, la rimozione degli agenti contaminanti, ecc. Il Trattamento in subappalto esula dal Processo di riciclo. Volume di input Il peso complessivo degli Input di rifiuti di plastica consegnati al Riciclatore in un dato lasso di tempo. Volume di input autorizzato Il peso complessivo di tutti i rifiuti di plastica che il Riciclatore è in grado di accettare ai sensi della propria autorizzazione all'esercizio in un dato lasso di tempo. 13

14 Appendice 2: Modello di lettera in caso di mutamento del proprietario [Indirizzo dell'auditor] [Indirizzo del Riciclatore] [Data] Egregi Signori, Desideriamo ringraziarvi per averci informato [o Abbiamo appreso] che il Vostro impianto di riciclo sito in [indirizzo del sito di riciclo Certificato] ha cambiato proprietario. La Certificazione viene rilasciata in base al tipo di attività di riciclo e ai sistemi di gestione ad esse correlati. Vi chiediamo quindi di contattarci per discutere delle eventuali modifiche da apportare al Processo di riciclo o di firmare il modulo allegato a conferma che l'impianto continuerà ad operare in linea con l'attuale certificazione. In particolare, vorrei attirare la Vostra attenzione su quanto di seguito esposto, che potrebbe variare lo status della Vostra certificazione: modifiche ai prodotti ottenuti mediante il Processo di riciclo; modifiche al tipo di rifiuti di plastica trattati; variazione della capacità di input superiore al 50%; arresto del Processo di riciclo previsto per più di 6 mesi; ritenete che il responso o i risultati di qualsiasi livello prestazionale richiesto per la "categoria 1" dell'ultimo audit (vedasi i risultati dell'audit allegati alla presente) possano avere subito delle variazioni. Le modifiche apportate al Processo di riciclo non necessariamente influiscono sullo status della certificazione; tuttavia, potrebbe rivelarsi necessario un ulteriore audit. Nel caso in cui non siano state apportate modifiche al Processo di riciclo (né siano previste) in esercizio presso il suddetto sito, Vi invitiamo a firmare il documento allegato e restituirlo all'indirizzo suindicato entro 30 giorni dal ricevimento della presente. Qualora abbiate delle domande o desideriate discutere al riguardo, non esitate a contattarmi. Distinti saluti, [Auditor] 14

15 - Modulo per mutamento di proprietario Certificato numero: Nominativo dei nuovi proprietari: Nominativo dei precedenti proprietari: Indirizzo del sito per cui viene rilasciata la certificazione: Rifiuti di plastica per cui viene rilasciata la presente certificazione: Prodotto/i finale/i fabbricato/i: Data di scadenza dell'attuale certificato: In qualità di nuovo proprietario del suddetto sito per il riciclo di materie plastiche, posso confermare che non sono state apportate modifiche significative al processo di riciclo o ai suoi processi di gestione, né saranno apportate prima del prossimo audit ai fini della certificazione.sono consapevole che le eventuali modifiche comprendono il cambiamento del tipo di rifiuti di plastica che l'impianto può accettare, una variazione della capacità (non superiore al 50% rispetto alla capacità di input precedentemente certificata) o un cambiamento dell'output del processo di riciclo. Dopo aver preso visione dei risultati dell'ultimo audit ai fini della certificazione posso confermare che non è stata adottata né prevista alcuna misura che possa variare i risultati dei livelli prestazionali richiesti per la categoria 1. Sottoscritto per conto dei nuovi proprietari: [Nome e mansione] [Data] [Denominazione sociale] 15

16 Appendice 3: Modello di lettera ante audit da inviare al Riciclatore [Indirizzo dell'auditor] [Indirizzo del Riciclatore] [Data] Egregi Signori, Nel ringraziarvi per la richiesta di certificazione nell'ambito dello schema, sono lieto di confermarvi che l'audit avrà luogo presso [dati impianto di riciclo] il [data] alle [ora].qualora l'audit non possa essere effettuato alla data e all'orario indicati o se per qualsiasi motivo riteniate che quel giorno specifico l'impianto di riciclo non sarà in funzione, Vi prego di contattarmi non appena possibile. L'audit è volto a ispezionare il Processo di riciclo (mentre è in esercizio) ed esaminare i controlli gestionali ed i processi amministrativi da Voi implementati. Vi sarei grato se preparaste i documenti di seguito elencati, per evitare perdite di tempo in fase di audit: tutte le licenze d'esercizio e i certificati di iscrizione dell'azienda; tutte le licenze e i permessi ambientali inerenti al Processo di riciclo e al sito; qualsiasi autorizzazione inerente al trasporto di rifiuti, ivi comprese quelle in possesso dei subappaltatori; qualsiasi certificato ISO o EMAS; certificato di taratura della pesa (qualora nel sito ve ne sia una); copia delle polizze assicurative; organigramma aziendale con indicazione delle divisioni aziendali e dei quadri; descrizione delle mansioni delle figure principali dell'organico (dal livello di supervisore in su); certificati di qualifica dei dipendenti (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità); informazioni dettagliate sui programmi di formazione (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità) e sulla frequenza del personale agli stessi; specifiche relative ai rifiuti di plastica in entrata; documentazione della produzione relativa al processo di riciclo e qualsiasi rapporto di gestione generato dagli stessi e inerente a detto processo; 16

17 rapporto che descriva minuziosamente tutti i rifiuti di plastica e gli altri input (quali ad esempio plastiche vergini, additivi, mescola madre, ecc.) che sono entrati nel processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi; rapporto che descriva minuziosamente tutti gli output del processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, ivi compresi il pellet o le scaglie riciclate, i rifiuti e i prodotti derivati; registri delle vendite per gli ultimi 12 mesi e relative fatture; schede di conferimento dei rifiuti (solidi e liquidi) prodotti dal processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi e prova che tali siti siano opportunamente autorizzati; schede relative al controllo della qualità nel corso degli ultimi 12 mesi (per i rifiuti di plastica in entrata e il pellet o le scaglie riciclati in uscita); specifiche relative all'output del processo di riciclo (pellet o scaglie riciclati, prodotti finali, ecc.); qualsiasi procedura scritta per i carichi di input di rifiuti di plastica in entrata nel sito che siano fuori specifica o che siano stati rifiutati. Il costo dell'audit ammonta a [costo], IVA esclusa; per tale importo sarà emessa debita fattura una volta concluso l'audit. Nel caso in cui la richiesta di rilascio della certificazione ai sensi del sistema venga respinta, tale importo non verrà rimborsato. Non esitate a contattarmi qualora abbiate delle domande riguardo all'audit. Distinti saluti, [Auditor] 17

18 Appendice 4: Modello rapporto Rapporto di audit : che cos'è La Certificazione è un programma di certificazione a livello europeo rivolto ai riciclatori di materie plastiche post-consumo. La Certificazione concerne i sistemi di gestione, gli standard operativi ambientali e amministrativi e la relativa ottemperanza alle normative; viene rilasciata per ciascun processo di riciclo. Il programma di certificazione è volto a individuare i riciclatori di materie plastiche che operano con elevati standard di qualità, a garantire ai fornitori che tutti i rifiuti di plastica consegnati ai riciclatori certificati nell'ambito di tale sistema verranno riciclati nel rispetto dell'ambiente e in ottemperanza alle normative nazionali, nonché garantire ai clienti che i prodotti fabbricati sono conformi alla normativa ambientale vigente. Sintesi dettagliata Informazioni sul processo di riciclo sottoposto ad audit Ubicazione del Processo di riciclo: Input di rifiuti di plastica: Tonnellate di Input di rifiuti di plastica ricevute nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi): Output riciclato fabbricato nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi): Capacità dell'impianto: Tipo di audit (audit iniziale ai fini della certificazione, audit annuale di monitoraggio, audit delle modifiche al processo di riciclo): Riepilogo dei risultati dell'audit Un riepilogo dei risultati di ciascuna delle sezioni (da 1 a 10), nonché informazioni dettagliate sul flusso di materiale attraverso il Processo di riciclo. Risultati completi dell'audit Appendice 1 Risultati completi dell'audit 18

19 Appendice 2 Discrepanze minori riscontrate Appendice 3 Specifiche relative ai materiali approvati (facoltativa) Appendice 4 Informazioni di carattere generale Le "Informazioni di carattere generale" riguarderanno i seguenti argomenti: Modifiche al Processo di riciclo Dovrete tempestivamente contattare l'azienda incaricata dell'audit qualora: vi venga revocata o non vi venga rinnovata una licenza d'esercizio o ambientale (prescritte per legge); l'azienda sia sottoposta ad amministrazione controllata; il sito in cui è ubicato il processo di riciclo venga venduto ad un'azienda diversa e indipendente; stiate pianificando di arrestare o arresterete il processo di riciclo nell'immediato futuro (> 6 mesi); venga apportata una modifica significativa al processo di riciclo, in particolare: o la capacità dell'impianto subisca una variazione superiore al 50%; o o vengano cambiate gli input di rifiuti di plastica che il processo di riciclo può trattare (cambiamento del polimero o della forma, rigida o flessibile); venga modificato l'output del processo di riciclo. Discrepanze minori Qualora siano state riscontrate delle discrepanze minori, esse dovranno essere corrette entro 3 mesi dalla data di emissione del presente rapporto. L'auditor dovrà confermare l'avvenuta correzione di tutte le discrepanze minori riscontrate. In caso di mancata correzione delle discrepanze minori riscontrate e notificate nel presente rapporto, si procederà alla sospensione o alla revoca della certificazione. Certificati provvisori & richieste di autorizzazioni Verrà rilasciato un certificato provvisorio qualora il processo di riciclo sia operativo da meno di 12 mesi o la documentazione disponibile relativa alla produzione o al bilancio di massa copra un arco temporale inferiore a 12 mesi. Qualora si stia facendo richiesta delle autorizzazioni, le stesse dovranno essere inviate all'auditor non appena disponibili. Qualora la richiesta di autorizzazione venga respinta, l'auditor dovrà esserne informato. Rinnovo della certificazione È possibile organizzare un audit di monitoraggio (ai fini del rinnovo della certificazione) 6 settimane prima della scadenza del certificato esistente. 19

20 Appendice 5: Modello di certificato Certificato di conformità Certificato n. XXXX-MM-YY-AAA-WW [XXXX: impianto, MM: mese decorrenza validità, YY: anno decorrenza validità, AAA: codice società di certificazione, WW: iniziali dell'auditor - Si prega di far riferimento al database ] Tipo di Certificazione: Per l'impianto di riciclaggio: Processo Materiale in entrata Presentazione Capacità dell'impianto (t/a) Materiale postconsumo accettato per il riciclaggio negli ultimi 12 mesi (t) Output del processo di riciclo Contenuto medio di polimero postconsumo riciclato / prodotto (%) Contenuto medio polimero pre- e postconsumo riciclato / prodotto (%) Livello di tracciabilità (da 1 a 2) Audit condotto da: Logo dell'auditor: Data dell'audit: Periodo di valutazione: Periodo di validità: Il Processo di riciclo e i sistemi di gestione correlati della suddetta azienda per il tipo di rifiuti di plastica e il sito suindicati sono stati sottoposti ad audit e soddisfano i parametri richiesti ai fini della certificazione ai sensi dello Sistema per i Riciclatori europei di materie plastiche. L'impianto è il destinatario finale dei rifiuti di plastica e dei prodotti derivati. [Indirizzo e recapiti dell'auditor] [Indirizzo e recapiti per ] 20

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTI PLASTICI IN 0 15/03/2012 RQ LTM 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2. TERMINOLOGIA...3 2.1 RICICLO DI MATERIALI PLASTICI...3 2.2 MATERIALE PLASTICO

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati PROCEDURA SGQ PRO-DOD Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...2

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00.

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00. Regolamento di Certificazione Integrativo per Organizzazioni operanti nel settore EA 28 (imprese di costruzione ed installazione) che richiedano la Certificazione dei Sistemi di Gestione Qualità conformi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

ISO 14001:1996. Tipo di audit Data. Norme aggiuntive. Ditta. Indirizzo. NPA/Località. Persona di contatto. No. cliente. Settore da certificare

ISO 14001:1996. Tipo di audit Data. Norme aggiuntive. Ditta. Indirizzo. NPA/Località. Persona di contatto. No. cliente. Settore da certificare Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) Casella postale, CH-3052 Zollikofen Tel: +41/31/910 35 35 / Fax: +41/31/910 35 45 :1996 QUESTIONARIO PER L`ISPEZIONE DI SISTEMI DI MANAGEMENT

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLE GENERALI PARTE II REGOLAMENTI PER SITI MULTIPLI CON SQ SECONDO OPZIONE 1 E OPZIONE 2

REGOLE GENERALI PARTE II REGOLAMENTI PER SITI MULTIPLI CON SQ SECONDO OPZIONE 1 E OPZIONE 2 REGOLE GENERALI PARTE II REGOLAMENTI PER SITI MULTIPLI CON SQ SECONDO OPZIONE 1 E OPZIONE 2 VERSIONE ITALIANA 4.0 () EDIZIONE 4.0-2_MAR2013 VALIDA DA: MARZO 2013 OBBLIGATORIA DA: GIUGNO 2013 INDICE 1.

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 Rev.

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI QUESTIONARIO

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI QUESTIONARIO Allegato PQ 09.251 / B Rev. 4 del 1 ottobre 2009 Settore Approvvigionamenti QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI QUESTIONARIO PREMESSA Il questionario ha lo scopo di fornire alla nostra organizzazione le basi

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

I-Roma: Mobili per uffici 2011/S 34-056615 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Roma: Mobili per uffici 2011/S 34-056615 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:56615-2011:text:it:html I-Roma: Mobili per uffici 2011/S 34-056615 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo Consorzio Universitario della Provincia di Palermo SCHEMA DI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (RSPP), AI SENSI DEL D.L.vo

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

Descrizione del servizio Servizio di monitoraggio e recupero notebook e servizio di eliminazione dei dati in remoto:

Descrizione del servizio Servizio di monitoraggio e recupero notebook e servizio di eliminazione dei dati in remoto: Descrizione del servizio Servizio di monitoraggio e recupero notebook e servizio di eliminazione dei dati in remoto: Panoramica sul servizio Dell è lieta di fornire il servizio di monitoraggio e recupero

Dettagli

NOVI Product Recall Cost Estimator

NOVI Product Recall Cost Estimator Benvenuti in NOVI lo strumento per la stima dei costi da ritiro prodotti. Per questa operazione occorreranno circa 30 minuti. Le chiediamo di avere a disposizione le seguenti informazioni che La aiuteranno

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015

REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015 REGOLAMENTO ADESIONE FILIERA ISO 9001-2015 Art. 1 IL PROGETTO Filiera ISO 9001 L'obiettivo dell'iniziativa è di accompagnare le imprese appartenenti alla filiera dell'arredo attraverso un percorso formativo

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE L 86/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.4.2005 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 marzo 2005 che stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE Approvato dal Consiglio Direttivo Sezionale in data 19.09.2013 P R I M A P A R T E Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA ultimo aggiornamento: luglio 2012 1 GENERALITA...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 CONDIZIONI DI FORNITURA...2 3.1 ACCETTAZIONE ORDINI...2 3.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITA...3

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

I-San Donato Milanese: Servizi informatici: consulenza, sviluppo di software, Internet e supporto 2011/S 8-012135

I-San Donato Milanese: Servizi informatici: consulenza, sviluppo di software, Internet e supporto 2011/S 8-012135 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:12135-2011:text:it:html I-San Donato Milanese: Servizi informatici: consulenza, sviluppo di software, Internet e supporto 2011/S 8-012135

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI SACCHE PER RACCOLTA SANGUE DA CORDONE

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI SACCHE PER RACCOLTA SANGUE DA CORDONE REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI SACCHE PER RACCOLTA SANGUE DA CORDONE OMBELICALE E SACCHE PER CONGELAMENTO E STOCCAGGIO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE * * * * * * PROCEDURA

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da axélero

Dettagli

DGR 19 10.01.2006 LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta del Presidente della Giunta Regionale;

DGR 19 10.01.2006 LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta del Presidente della Giunta Regionale; DGR 19 10.01.2006 Oggetto: Procedure per il rilascio dell'autorizzazione all'esercizio di impianti mobili di smaltimento o recupero di rifiuti e criteri per lo svolgimento delle singole campagne di attività

Dettagli

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO Si rende noto che il Comune di Castagneto Carducci intende procedere all affidamento dell incarico relativo

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

Email : acquisto.auto@acquistinretepa.it www.mef.gov.it www.acquistinretepa.it, www.consip.it

Email : acquisto.auto@acquistinretepa.it www.mef.gov.it www.acquistinretepa.it, www.consip.it CONSIP S.p.A. BANDO DI GARA D APPALTO - Forniture L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? SI SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE Pag. di 0 RIFERIMENTI UNI EN ISO 900:008 Par. 7.5 Manuale SEZ 7 UNI EN ISO 400:004 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 BS OHSAS 800:007 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 REVISIONI REV. DATA

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli