Sistema di audit EuCertPlast

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di audit EuCertPlast"

Transcript

1 Sistema di audit Versione: 3.4 Progetto promosso dal programma ECO-INNOVATION Numero progetto: Acronimo progetto: 1

2 Sommario Introduzione... 4 Modifiche alla bozza dell'audit di certificazione... 4 Riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa... 4 Uso delle definizioni... 4 Obiettivo della Certificazione... 5 Documentazione di supporto per gli auditor... 6 Informazioni di carattere generale sulla Certificazione... 6 Tipi, frequenza, durata dell'audit in loco... 6 Performance d'esercizio richiesta per la Certificazione... 7 Certificazione provvisoria... 7 Audit delle modifiche al Processo di riciclo... 7 Revoca o sospensione della Certificazione o modifiche al Processo di riciclo... 7 Rinnovo della Certificazione... 8 Spese per l'audit... 8 Chi può richiedere la Certificazione... 8 Corrispondenza e output dell'audit... 8 Corrispondenza prima dell audit... 8 Fase post audit Disponibilità delle informazioni Appendice 1: Definizioni utilizzate nel presente documento Appendice 2: Modello di lettera in caso di mutamento del proprietario Appendice 3: Modello di lettera ante audit da inviare al Riciclatore Appendice 4: Modello rapporto Appendice 5: Modello di certificato Appendice 6: Note orientative per gli auditor Informazioni amministrative di carattere generale da annotare Tracciabilità Sezione 7: Protezione dell'ambiente

3 Sezione 10: Commenti degli auditor Appendice 7: Questionario per gli auditor

4 Introduzione Il presente rapporto finale ai fini della Revisione del Certificato è stato preparato sulla scorta di quattro audit sperimentali effettuati da European Plastics Recyclers utilizzando la bozza della Revisione del Certificato (cfr. risultati del progetto D2.2). Alla fine di novembre 2010 i partner del progetto si sono incontrati per esaminare tali audit e individuare i miglioramenti che potevano essere apportati al sistema di certificazione. Gli audit sono stati effettuati dal partner di progetto cyclos GmbH presso riciclatori che trattano diverse materie plastiche post-consumo (bottiglie in PET, pellicole in LDPE, imballaggi in HDPE e PVC rigido) in numerosi paesi europei (Germania, Paesi Bassi e Regno Unito). Quella che segue è la versione rivista e definitiva dell'audit di Certificazione che include gli insegnamenti tratti dai 4 audit sperimentali, i commenti finali e i suggerimenti dei partner di progetto. Modifiche alla bozza dell'audit di certificazione È stato riconosciuto che la questione dei subappalti rientra in due categorie distinte, il subappalto di un'attività di riciclaggio (Riciclaggio in subappalto) e il subappalto di un'attività diversa dal riciclaggio, ad esempio la cernita e la rimozione delle sostanze contaminanti dal materiale prima che venga riciclato (Trattamento in subappalto). Queste differenze sono ora rispecchiate nell'audit: è stato chiarito, infatti, che qualsiasi Trattamento in subappalto deve essere incluso nel calcolo del bilancio di massa. L'indicazione delle tonnellate presente sul certificato è stata modificata da Capacità dell'impianto a quantità di Input di rifiuti di plastica ricevuta dall'impianto nei 12 mesi precedenti al trattamento del Processo di riciclo. Riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa Durante gli audit sperimentali è emerso che i riciclatori che accettano Input di rifiuti di plastica sfusi o alla rinfusa (invece di materiale confezionato in balle o insaccato) incontrano delle difficoltà ad ottemperare alle tracciabilità prevista dagli audit stessi. A causa della difficoltà nel conservare molti carichi in entrata di materiale molto voluminoso ma leggero in Partite distinte prima della lavorazione, in genere i riciclatori che trattano il materiale sfuso stoccano insieme gli Input di rifiuti di plastica della stessa qualità sebbene provengano da fornitori diversi. Pertanto, una volta accettati nel sito, non è più possibile tracciare la provenienza degli Input di rifiuti di plastica sfusi. Per rendere questa Certificazione accessibile soprattutto all'intero settore europeo operante nel riciclaggio delle materie plastiche, la tracciabilità è stata ripartita in 2 livelli diversi, il che consente di rispecchiare nel sistema di Certificazione le caratteristiche operative di alcuni segmenti del comparto industriale e le esigenze degli utilizzatori finali. I due livelli di tracciabilità sono descritti minuziosamente nel Capitolo 6 Note orientative per gli auditor. Uso delle definizioni Nel presente rapporto i termini inclusi nelle Definizioni, contenute nell'appendice 1, sono in corsivo e iniziano per lettera maiuscola. 4

5 Obiettivo della Certificazione I partner di progetto hanno convenuto che la Certificazione si deve concentrare sui sistemi di gestione, sugli standard operativi ambientali e amministrativi del Riciclatore e sulla relativa ottemperanza alle normative. La Certificazione riguarderà ogni Processo di riciclo operante presso un determinato sito. In breve, la Certificazione coprirà le seguenti aree: autorizzazioni d esercizio e ambientali richieste per il paese in cui si svolge tale attività; formazione, competenze e organizzazione del personale; procedure e controlli sul materiale in entrata; gestione degli stock; Processo di riciclo e calcolo del relativo bilancio di massa; controlli sugli Output riciclati; protezione dell'ambiente; subappalto; gestione della qualità e tracciabilità. Si è convenuto che l'audit (Certificazione) deve essere volto a individuare i riciclatori di materie plastiche che operino con elevati standard di qualità e a garantire ai fornitori che tutti gli Input di rifiuti di plastica consegnati a un Riciclatore certificato verranno riciclati conformemente alle Buone prassi, nel rispetto dell'ambiente e della legislazione nazionale. Inoltre, la Certificazione garantirà agli acquirenti dell'output riciclato la sua conformità alle vigenti norme ambientali e legislative. La Certificazione, che osserva lo Standard europeo EN 15343:2007, si concentra sulla tracciabilità del materiale lungo tutta la catena di fornitura e attraverso l'intero Processo di riciclo, sulla valutazione della conformità e della percentuale di materiale riciclato contenuto nel prodotto finale. La valutazione degli Output riciclati viene fatta sulla scorta dei numerosi standard EN sviluppati per la caratterizzazione dei materiali riciclati derivati dalla plastica (vedasi capitolo seguente). 5

6 Documentazione di supporto per gli auditor I seguenti documenti saranno utili agli auditor incaricati di valutare i Riciclatori: Numero documento EN 15343:2007 EN 15347:2007 EN 15342:2007 EN 15344:2007 EN 15345:2007 EN 15346:2007 EN 15348:2007 CEN/TR EN ISO 472:2001 Titolo Plastics - Recycled Plastics - Plastics recycling traceability and assessment of conformity and recycled content (Materie plastiche - Plastica riciclata - Tracciabilità del riciclaggio e valutazione della conformità e del contenuto riciclato). Plastics Recycled Plastics Characterisation of plastics wastes (Materie plastiche - Plastica riciclata- Caratterizzazione dei rifiuti di plastica). Plastics Recycled Plastics Characterisation of polystyrene (PS) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polistirene (PS)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of Polyethylene (PE) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polietilene (PE)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of Polypropylene (PP) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polipropilene (PP)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of poly(vinyl chloride) (PVC) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polivinilcloruro (PVC)). Plastics Recycled Plastics Characterisation of poly(ethylene terephthalate) (PET) recyclates (Materie plastiche - Plastica riciclata - Caratterizzazione dei riciclati in polietilentereftalato (PET)). Plastics Recycled Plastics Guidelines for the development of standards for recycled plastics (Materie plastiche - Plastica riciclata - Linee guida per lo sviluppo di norme relative alla plastica riciclata). Materie plastiche: Vocabolario. Informazioni di carattere generale sulla Certificazione Tipi, frequenza, durata dell'audit in loco Ci saranno tre tipi principali di audit, tutti programmati e organizzati anticipatamente con il Riciclatore: 1. Audit iniziale di certificazione: audit iniziale effettuato sul Processo di riciclo (durata prevista in loco: 1 giorno). 2. Audit annuale di monitoraggio (durata prevista in loco: mezza giornata). 3. Audit delle modifiche al Processo di riciclo; vedasi sotto (durata prevista in loco: mezza giornata). 6

7 Performance d'esercizio richiesta per la Certificazione Per standardizzare il processo di verifica e definire il livello prestazionale che il Riciclatore deve raggiungere per ottenere la Certificazione, ogni categoria è stata classificata per ordine d importanza. Categoria 1 2 Significato Obbligatorio. Per ottenere la Certificazione, il Riciclatore deve raggiungere il parametro richiesto per la categoria 1. In determinate circostanze sono ammesse delle Discrepanze minori. Importante ma non necessario. Il Riciclatore deve raggiungere una conformità del 50% ai parametri richiesti per la categoria 2. Certificazione provvisoria Verrà rilasciato un Certificato provvisorio qualora il Processo di riciclo sia operativo da meno di 12 mesi o la documentazione disponibile relativa alla produzione o al bilancio di massa copra un arco temporale inferiore ai 12 mesi. Qualora si stia facendo richiesta delle autorizzazioni, le stesse dovranno essere inviate all'auditor non appena disponibili. Qualora la richiesta di autorizzazione venga respinta, l'auditor dovrà esserne informato. Audit delle modifiche al Processo di riciclo Il Riciclatore dovrà richiedere un audit delle modifiche al Processo di riciclo nel caso in cui, durante il periodo di validità della Certificazione, vengano apportate modifiche significative al Processo di riciclo. Sono da ritenersi significative: una modifica della Capacità dell'impianto superiore al 50%; la modifica dell'input dei rifiuti di plastica (cambiamento del polimero o della forma dello stesso, vale a dire rigida o flessibile); la modifica dell'output riciclato. Revoca o sospensione della Certificazione o modifiche al Processo di riciclo Ai sensi della Certificazione, il Riciclatore deve informare l'azienda incaricata degli audit qualora: gli venga revocata o non gli venga rinnovata una licenza d'esercizio o ambientale (prescritte per legge) - cosa fare: revocare la Certificazione; il Riciclatore venga sottoposto ad amministrazione controllata - cosa fare: revocare la Certificazione; si intenda o si debba arrestare il Processo di riciclo in un futuro immediato (>6 mesi) - cosa fare: sospendere la Certificazione; 7

8 venga apportata una modifica significativa al Processo di riciclo (vedasi capitolo precedente) - cosa fare: organizzare un audit delle modifiche al Processo di riciclo. il Riciclatore o il Processo di riciclo sia stato venduto a un'azienda diversa indipendente - cosa fare: il Riciclatore deve informare l'auditor e sottoscrivere un documento in cui si confermi la volontà di non apportare modifiche significative al Processo di riciclo, né alla gestione dello stesso, che potrebbero portare alla probabile revoca della Certificazione (prestare particolare attenzione ai parametri prescritti per la categoria 1). L'Appendice 2 contiene un modello di lettera da inviare al Riciclatore nonché il modulo che questi dovrà sottoscrivere. In caso di assenza di conformità al certificato attuale o precedente, ascrivibile a qualsiasi circostanza, il Riciclatore dovrà immediatamente informare per iscritto i suoi fornitori, i suoi clienti e il Consorzio. Tutti i dati forniti dal Riciclatore dovranno essere comunicati in buona fede, pena la revoca del certificato. Rinnovo della Certificazione Sei settimane prima della scadenza del certificato esistente verrà organizzato un audit di monitoraggio. La data del nuovo certificato sarà quella di scadenza del certificato precedente o quella del giorno in cui verrà effettuato l'audit (qualora avvenga successivamente alla data di scadenza). Spese per l'audit La Certificazione è volontaria, le spese per la stessa sono a carico del Riciclatore. Chi può richiedere la Certificazione La Certificazione potrà essere rilasciata esclusivamente ai Impianti di Riciclo in grado di riciclare Input di rifiuti di plastica post-consumo. Corrispondenza e output dell'audit Corrispondenza prima dell audit Prima dell'audit verrà inviata una lettera in cui si comunica: la data, il luogo e l'ora in cui verrà effettuato l'audit; il costo dell'audit; un'introduzione al sistema di Certificazione e delucidazioni circa lo scopo dell'audit; 8

9 quali documenti, autorizzazioni e altra documentazione l'auditor dovrà esaminare (vedasi sotto). La lettera sottolinea il fatto che, al momento dell'audit, il Processo di riciclo deve essere in esercizio; qualora si verificasse un qualsiasi impedimento, dovrà essere comunicato agli auditor in modo da riprogrammare la data dell'audit. L'Appendice 3 contiene un modello di lettera. Documenti e autorizzazioni da preparare prima dell'audit (se pertinente) tutte le licenze d'esercizio; tutti i permessi e le licenze ambientali; le licenze relative al trasporto dei rifiuti, anche qualora ci si avvalga di subappaltatori; certificati ISO o EMAS; certificato della pesa; polizze assicurative; organigramma dell'azienda; descrizione delle mansioni delle figure principali dell'organico (dal livello di supervisore in su); certificati di qualifica dei dipendenti; informazioni dettagliate sui programmi di formazione (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità) e sulla frequenza del personale agli stessi; specifiche relative agli Input di rifiuti di plastica in entrata; misure della produttività relative al Processo di riciclo e i rapporti di gestione correlati; un rapporto che descriva minuziosamente tutte gli input nel Processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, che comprenda anche gli Input di rifiuti di plastica e gli additivi; un rapporto che descriva minuziosamente tutti gli output del Processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, che comprenda anche gli Output riciclati, gli scarti e i prodotti derivati; documentazione relativa alle vendite effettuate negli ultimi 12 mesi corredata dalle relative fatture; informazioni dettagliate sulla fornitura ed il trattamento degli scarti e dei prodotti derivati da parte di strutture debitamente autorizzate; documentazione relativa al controllo della qualità nel corso degli ultimi 12 mesi (laddove possibile, controllo effettuato sull'output e nella fase produttiva); specifiche relative all'output riciclato; procedure scritte per i carichi di Input di rifiuti di plastica in entrata che siano fuori specifica o vengano rifiutati. 9

10 Fase post audit Audit superato: risultatie tempi Bozza del rapporto (in formato elettronico): emessa entro 3 settimane dalla data dell'audit. Il Riciclatore ha 2 settimane di tempo per esprimere i propri commenti. Rapporto finale (in formato cartaceo) in 2 esemplari: emesso entro 6 settimane dalla data dell'audit. Certificato: rilasciato entro 6 settimane dalla data dell'audit; la decorrenza della validità del certificato coincide con la data dell'audit. Contenuto del rapporto Introduzione alle finalità del sistema di Certificazione Sintesi particolareggiata: o o del Processo di riciclo, compresa la Capacità dell'impianto e una panoramica degli Input di rifiuti di plastica che possono essere accettati e degli Output riciclati prodotti riepilogo dei risultati dell'audit Appendice contenente le specifiche dei materiali il cui riciclo, secondo la valutazione dell'auditor, può avvenire presso l'impianto in virtù delle caratteristiche tecnologiche dello stesso (qualora sia richiesto dal Riciclatore) Appendice contenente i risultati completi dell'audit per ciascuna categoria Appendice contenente l'elenco delle Discrepanze minori. Il Riciclatore ha 3 mesi di tempo, a decorrere dalla data del controllo, per correggere le Discrepanze minori. Qualora non vengano corrette fino alla completa soddisfazione delle prescrizioni dell'auditor si procederà alla sospensione o alla revoca della Certificazione. Nell'Appendice 4 è contenuto un modello per la redazione del rapporto. Contenuto del Certificato Il nome dell'azienda e l'indirizzo dell'impianto presso il quale è in esercizio il Processo di riciclo. Data dell'audit e periodo di valutazione. Periodo di validità (inizio e fine). Il polimero/i utilizzati nel Processo di riciclo e il tipo di Input di rifiuti di plastica trattati: flessibili (ad esempio pellicole) o rigide (ad esempio bottiglie, imballaggi, vasi, contenitori, ecc.). Output riciclato(i) risultante(i) dal Processo di riciclo, con indicazione del polimero e la natura fisica del materiale, vale a dire scaglie, pellet, agglomerato, polvere micronizzata, ecc. 10

11 Tonnellate di Input di rifiuti di plastica accettate e trattate dal Processo di riciclo nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi). Tonnellate di Output riciclato prodotto dal Processo di riciclo nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi). Tipo di Certificazione (totale o provvisoria) indicante se è stato incluso anche il modulo per il contatto con gli alimenti. Dichiarazione che l'impianto è il destinatario finale degli scarti e dei prodotti derivati. Nell'Appendice 5 è contenuto un modello per il Certificato. Audit non superato: risultati e tempi Nel caso in cui il Riciclatore non superi l'audit di certificazione, gli verrà inviato un rapporto che spiega i motivi che hanno portato al mancato rilascio della Certificazione. Il rapporto comprenderà anche un'appendice con tutti i risultati dell'audit, suddivisi per ciascuna categoria. Disponibilità delle informazioni Il certificato sarà un documento pubblico. Il rapporto verrà inviato soltanto al Riciclatore che, a sua discrezione, potrà decidere se divulgarlo in tutto o in parte ai propri clienti e fornitori. Appendice 1: Definizioni utilizzate nel presente documento Baia di stoccaggio Una zona di stoccaggio definita dove alcune Partite di Materie plastiche in ingresso possono essere tenute a parte e isolate da altre Partite di Materie plastiche in ingresso e dagli agenti contaminanti. Buone prassi Operare nel rispetto di standard elevati relativi alla gestione del Processo di riciclo e alle prestazioni ambientali che vadano oltre le prescrizioni normative minime stabilite dal paese in cui si opera. Capacità dell'impianto La capacità dell'impianto del Riciclatore rispetto al peso degli Input di rifiuti di plastica che può accettare nel Processo di riciclo per realizzare un Output riciclato. Capacità del sito La somma minore tra la somma della/e Capacità dell'impianto e il Volume di input autorizzato. Certificato completo Certificazione rilasciata ai Riciclatori qualora il Processo di riciclo sia in esercizio da più di un anno. 11

12 Certificato provvisorio Certificazione rilasciata ai Riciclatori qualora il Processo di riciclo sia in esercizio da meno di un anno o di cui si abbiano dati relativi al flusso di massa o al valore della produzione che si riferiscono ad un arco temporale inferiore a 12 mesi. Certificazione Certificazione ai sensi del sistema di certificazione. Discrepanze minori Qualsiasi discrepanza di entità relativamente modesta riscontrata nel corso dell'audit, che il Riciclatore può correggere entro 3 mesi. Le note orientative spiegano cosa sia da ritenere, se del caso, una discrepanza minore. Nel caso in cui, entro 3 mesi, la discrepanza non venga corretta fino al soddisfacimento dell'auditor si procederà alla revoca della Certificazione. Input di rifiuti di plastica Il tipo di rifiuti di plastica richiesto per il Processo di riciclo per cui il Riciclatore richiede la Certificazione. Lotto Quantità definita di un bene fabbricato o prodotto in condizioni presumibilmente omogenee. Modulo per materiali destinati al contatto con gli alimenti Modulo supplementare disponibile esclusivamente per i Riciclatori che, nel paese in cui operano, sono autorizzati a fabbricare un Output riciclato che possa essere utilizzato nelle applicazioni destinate al contatto con gli alimenti. Operatore Qualsiasi impresa che organizzi l'uso, il recupero o lo smaltimento degli Output riciclati, degli Input di rifiuti di plastica o degli scarti per conto di terzi, ivi compresi quegli operatori che non prendono fisicamente possesso dei suddetti flussi di materiali. Ore attuali di esercizio Le ore di esercizio del Processo di riciclo al momento dell'audit. Ore di esercizio autorizzate Il numero massimo di ore durante cui il Riciclatore può far funzionare il Processo di riciclo, previste dalle proprie autorizzazioni e permessi per l'esercizio dell'attività. Output riciclato Plastica riciclata (riciclati) fabbricata mediante il Processo di riciclo, utilizzabile come sostituto del polimero vergine o di altre materie prime per fabbricare dei prodotti (ad eccezione dei prodotti per la generazione di energia). Partita Una determinata quantità di materiale considerata come una singola unità e con un riferimento univoco. 12

13 Post-consumo Espressione che descrive il materiale generato dagli utilizzatori finali dei prodotti, che abbia adempiuto allo scopo previsto e non possa più essere utilizzato (ivi compreso il materiale restituito nell'ambito della catena di distribuzione). Pre-consumo Espressione che descrive il materiale sottratto dal flusso degli scarti durante il processo manifatturiero. Processo di riciclo Il processo per la fabbricazione di un Output riciclato per cui si richieda la Certificazione. Riciclatore Il Riciclatore che richiede la Certificazione. Riciclo in subappalto Gli Input di rifiuti di plastica consegnati al Riciclatore e successivamente riciclati a titolo oneroso da un Riciclatore terzo vengono certificati ai sensi del sistema qualora il Riciclatore sia proprietario dell'output riciclato dal Riciclatore terzo (riciclo a titolo oneroso). Rivenditore Qualsiasi impresa che agisca in veste di committente per acquistare (o pagare per la rimozione di / accettare gratuitamente) e conseguentemente vendere (o pagare per il trattamento o lo smaltimento/ smaltire a titolo gratuito) Input di rifiuti di plastica, Output riciclati o scarti, ivi compresi quei rivenditori che non prendono fisicamente possesso dei suddetti flussi di materiali. Trattamento in subappalto Nel caso in cui, prima di essere trattati nel Processo di riciclo, gli Input di rifiuti di plastica siano sottoposti a un trattamento da parte di terzi, quale ad esempio la cernita, la rimozione degli agenti contaminanti, ecc. Il Trattamento in subappalto esula dal Processo di riciclo. Volume di input Il peso complessivo degli Input di rifiuti di plastica consegnati al Riciclatore in un dato lasso di tempo. Volume di input autorizzato Il peso complessivo di tutti i rifiuti di plastica che il Riciclatore è in grado di accettare ai sensi della propria autorizzazione all'esercizio in un dato lasso di tempo. 13

14 Appendice 2: Modello di lettera in caso di mutamento del proprietario [Indirizzo dell'auditor] [Indirizzo del Riciclatore] [Data] Egregi Signori, Desideriamo ringraziarvi per averci informato [o Abbiamo appreso] che il Vostro impianto di riciclo sito in [indirizzo del sito di riciclo Certificato] ha cambiato proprietario. La Certificazione viene rilasciata in base al tipo di attività di riciclo e ai sistemi di gestione ad esse correlati. Vi chiediamo quindi di contattarci per discutere delle eventuali modifiche da apportare al Processo di riciclo o di firmare il modulo allegato a conferma che l'impianto continuerà ad operare in linea con l'attuale certificazione. In particolare, vorrei attirare la Vostra attenzione su quanto di seguito esposto, che potrebbe variare lo status della Vostra certificazione: modifiche ai prodotti ottenuti mediante il Processo di riciclo; modifiche al tipo di rifiuti di plastica trattati; variazione della capacità di input superiore al 50%; arresto del Processo di riciclo previsto per più di 6 mesi; ritenete che il responso o i risultati di qualsiasi livello prestazionale richiesto per la "categoria 1" dell'ultimo audit (vedasi i risultati dell'audit allegati alla presente) possano avere subito delle variazioni. Le modifiche apportate al Processo di riciclo non necessariamente influiscono sullo status della certificazione; tuttavia, potrebbe rivelarsi necessario un ulteriore audit. Nel caso in cui non siano state apportate modifiche al Processo di riciclo (né siano previste) in esercizio presso il suddetto sito, Vi invitiamo a firmare il documento allegato e restituirlo all'indirizzo suindicato entro 30 giorni dal ricevimento della presente. Qualora abbiate delle domande o desideriate discutere al riguardo, non esitate a contattarmi. Distinti saluti, [Auditor] 14

15 - Modulo per mutamento di proprietario Certificato numero: Nominativo dei nuovi proprietari: Nominativo dei precedenti proprietari: Indirizzo del sito per cui viene rilasciata la certificazione: Rifiuti di plastica per cui viene rilasciata la presente certificazione: Prodotto/i finale/i fabbricato/i: Data di scadenza dell'attuale certificato: In qualità di nuovo proprietario del suddetto sito per il riciclo di materie plastiche, posso confermare che non sono state apportate modifiche significative al processo di riciclo o ai suoi processi di gestione, né saranno apportate prima del prossimo audit ai fini della certificazione.sono consapevole che le eventuali modifiche comprendono il cambiamento del tipo di rifiuti di plastica che l'impianto può accettare, una variazione della capacità (non superiore al 50% rispetto alla capacità di input precedentemente certificata) o un cambiamento dell'output del processo di riciclo. Dopo aver preso visione dei risultati dell'ultimo audit ai fini della certificazione posso confermare che non è stata adottata né prevista alcuna misura che possa variare i risultati dei livelli prestazionali richiesti per la categoria 1. Sottoscritto per conto dei nuovi proprietari: [Nome e mansione] [Data] [Denominazione sociale] 15

16 Appendice 3: Modello di lettera ante audit da inviare al Riciclatore [Indirizzo dell'auditor] [Indirizzo del Riciclatore] [Data] Egregi Signori, Nel ringraziarvi per la richiesta di certificazione nell'ambito dello schema, sono lieto di confermarvi che l'audit avrà luogo presso [dati impianto di riciclo] il [data] alle [ora].qualora l'audit non possa essere effettuato alla data e all'orario indicati o se per qualsiasi motivo riteniate che quel giorno specifico l'impianto di riciclo non sarà in funzione, Vi prego di contattarmi non appena possibile. L'audit è volto a ispezionare il Processo di riciclo (mentre è in esercizio) ed esaminare i controlli gestionali ed i processi amministrativi da Voi implementati. Vi sarei grato se preparaste i documenti di seguito elencati, per evitare perdite di tempo in fase di audit: tutte le licenze d'esercizio e i certificati di iscrizione dell'azienda; tutte le licenze e i permessi ambientali inerenti al Processo di riciclo e al sito; qualsiasi autorizzazione inerente al trasporto di rifiuti, ivi comprese quelle in possesso dei subappaltatori; qualsiasi certificato ISO o EMAS; certificato di taratura della pesa (qualora nel sito ve ne sia una); copia delle polizze assicurative; organigramma aziendale con indicazione delle divisioni aziendali e dei quadri; descrizione delle mansioni delle figure principali dell'organico (dal livello di supervisore in su); certificati di qualifica dei dipendenti (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità); informazioni dettagliate sui programmi di formazione (relativi agli aspetti tecnici o di gestione della qualità) e sulla frequenza del personale agli stessi; specifiche relative ai rifiuti di plastica in entrata; documentazione della produzione relativa al processo di riciclo e qualsiasi rapporto di gestione generato dagli stessi e inerente a detto processo; 16

17 rapporto che descriva minuziosamente tutti i rifiuti di plastica e gli altri input (quali ad esempio plastiche vergini, additivi, mescola madre, ecc.) che sono entrati nel processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi; rapporto che descriva minuziosamente tutti gli output del processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi, ivi compresi il pellet o le scaglie riciclate, i rifiuti e i prodotti derivati; registri delle vendite per gli ultimi 12 mesi e relative fatture; schede di conferimento dei rifiuti (solidi e liquidi) prodotti dal processo di riciclo nel corso degli ultimi 12 mesi e prova che tali siti siano opportunamente autorizzati; schede relative al controllo della qualità nel corso degli ultimi 12 mesi (per i rifiuti di plastica in entrata e il pellet o le scaglie riciclati in uscita); specifiche relative all'output del processo di riciclo (pellet o scaglie riciclati, prodotti finali, ecc.); qualsiasi procedura scritta per i carichi di input di rifiuti di plastica in entrata nel sito che siano fuori specifica o che siano stati rifiutati. Il costo dell'audit ammonta a [costo], IVA esclusa; per tale importo sarà emessa debita fattura una volta concluso l'audit. Nel caso in cui la richiesta di rilascio della certificazione ai sensi del sistema venga respinta, tale importo non verrà rimborsato. Non esitate a contattarmi qualora abbiate delle domande riguardo all'audit. Distinti saluti, [Auditor] 17

18 Appendice 4: Modello rapporto Rapporto di audit : che cos'è La Certificazione è un programma di certificazione a livello europeo rivolto ai riciclatori di materie plastiche post-consumo. La Certificazione concerne i sistemi di gestione, gli standard operativi ambientali e amministrativi e la relativa ottemperanza alle normative; viene rilasciata per ciascun processo di riciclo. Il programma di certificazione è volto a individuare i riciclatori di materie plastiche che operano con elevati standard di qualità, a garantire ai fornitori che tutti i rifiuti di plastica consegnati ai riciclatori certificati nell'ambito di tale sistema verranno riciclati nel rispetto dell'ambiente e in ottemperanza alle normative nazionali, nonché garantire ai clienti che i prodotti fabbricati sono conformi alla normativa ambientale vigente. Sintesi dettagliata Informazioni sul processo di riciclo sottoposto ad audit Ubicazione del Processo di riciclo: Input di rifiuti di plastica: Tonnellate di Input di rifiuti di plastica ricevute nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi): Output riciclato fabbricato nel corso del periodo di valutazione (ultimi 12 mesi): Capacità dell'impianto: Tipo di audit (audit iniziale ai fini della certificazione, audit annuale di monitoraggio, audit delle modifiche al processo di riciclo): Riepilogo dei risultati dell'audit Un riepilogo dei risultati di ciascuna delle sezioni (da 1 a 10), nonché informazioni dettagliate sul flusso di materiale attraverso il Processo di riciclo. Risultati completi dell'audit Appendice 1 Risultati completi dell'audit 18

19 Appendice 2 Discrepanze minori riscontrate Appendice 3 Specifiche relative ai materiali approvati (facoltativa) Appendice 4 Informazioni di carattere generale Le "Informazioni di carattere generale" riguarderanno i seguenti argomenti: Modifiche al Processo di riciclo Dovrete tempestivamente contattare l'azienda incaricata dell'audit qualora: vi venga revocata o non vi venga rinnovata una licenza d'esercizio o ambientale (prescritte per legge); l'azienda sia sottoposta ad amministrazione controllata; il sito in cui è ubicato il processo di riciclo venga venduto ad un'azienda diversa e indipendente; stiate pianificando di arrestare o arresterete il processo di riciclo nell'immediato futuro (> 6 mesi); venga apportata una modifica significativa al processo di riciclo, in particolare: o la capacità dell'impianto subisca una variazione superiore al 50%; o o vengano cambiate gli input di rifiuti di plastica che il processo di riciclo può trattare (cambiamento del polimero o della forma, rigida o flessibile); venga modificato l'output del processo di riciclo. Discrepanze minori Qualora siano state riscontrate delle discrepanze minori, esse dovranno essere corrette entro 3 mesi dalla data di emissione del presente rapporto. L'auditor dovrà confermare l'avvenuta correzione di tutte le discrepanze minori riscontrate. In caso di mancata correzione delle discrepanze minori riscontrate e notificate nel presente rapporto, si procederà alla sospensione o alla revoca della certificazione. Certificati provvisori & richieste di autorizzazioni Verrà rilasciato un certificato provvisorio qualora il processo di riciclo sia operativo da meno di 12 mesi o la documentazione disponibile relativa alla produzione o al bilancio di massa copra un arco temporale inferiore a 12 mesi. Qualora si stia facendo richiesta delle autorizzazioni, le stesse dovranno essere inviate all'auditor non appena disponibili. Qualora la richiesta di autorizzazione venga respinta, l'auditor dovrà esserne informato. Rinnovo della certificazione È possibile organizzare un audit di monitoraggio (ai fini del rinnovo della certificazione) 6 settimane prima della scadenza del certificato esistente. 19

20 Appendice 5: Modello di certificato Certificato di conformità Certificato n. XXXX-MM-YY-AAA-WW [XXXX: impianto, MM: mese decorrenza validità, YY: anno decorrenza validità, AAA: codice società di certificazione, WW: iniziali dell'auditor - Si prega di far riferimento al database ] Tipo di Certificazione: Per l'impianto di riciclaggio: Processo Materiale in entrata Presentazione Capacità dell'impianto (t/a) Materiale postconsumo accettato per il riciclaggio negli ultimi 12 mesi (t) Output del processo di riciclo Contenuto medio di polimero postconsumo riciclato / prodotto (%) Contenuto medio polimero pre- e postconsumo riciclato / prodotto (%) Livello di tracciabilità (da 1 a 2) Audit condotto da: Logo dell'auditor: Data dell'audit: Periodo di valutazione: Periodo di validità: Il Processo di riciclo e i sistemi di gestione correlati della suddetta azienda per il tipo di rifiuti di plastica e il sito suindicati sono stati sottoposti ad audit e soddisfano i parametri richiesti ai fini della certificazione ai sensi dello Sistema per i Riciclatori europei di materie plastiche. L'impianto è il destinatario finale dei rifiuti di plastica e dei prodotti derivati. [Indirizzo e recapiti dell'auditor] [Indirizzo e recapiti per ] 20

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita Iniziativa promossa da Esselte Srl, con sede legale in Gorgonzola, Via Milano 35, 20064 (MI), P.IVA 00894090158,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PROCESS QUALIFICATION

PROCESS QUALIFICATION ne Organizzazione della Qualità e del Servizio PROCESS QUALIFICATION SELF ASSESSMENT SETTORE AREA QUESITI PER LA VALUTAZIONE NOTE X IL FORNITORE SIC NOD VALUT. Conformità e migliorabilità NOTE Organizzazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli