corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi"

Transcript

1 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo

2 Elementi caratterizzanti la comunicazione tra processi Communication Software structure Le performance e l affidabilità delle tecniche di comunicazione usate per l implementazione dei S.D. sono critici per le performance dell intero sistema. Per comunicare occorre 1) capacità di trasferimento di dati da un processo di invio ad un altro processo di ricezione, 2) capacità di sincronizzare le attività di invio e di ricezione. L openess è realizzata attraverso il disegno e la costruzione di componenti software (interfacce) ben definite. L astrazione dati è una importante tecnica di disegno di tali componenti software in cui i servizi possono essere visti come gestori di oggetti di un tipo di dati e l interfaccia ad un servizio può essere visto come un set di operazioni sul dato. Naming I nomi (e gli identificatori) assegnati alle risorse di un S.D. devono avere un significato globale indipendente dalle locazioni delle risorse e devono essere supportati (gestiti) da un sistema di interpretazione (name service) in grado di tradurli per consentire un accesso trasparente da parte di tutti i nodi del sistema

3 Le forme della comunicazione p1 memoria condivisa p2 Shared data Message passing p1 p2 Messaggio : blocco di informazioni in un formato deciso dal processo mittente in modo che sia interpretabile dal processo ricevente. Struttura del messaggio : header di lunghezza fissa + Dati o puntatore ai dati N. di byte/ tipi dati elementi oggetti (di dati) di lunghezza variabile Identificatore del messaggio Indirizzo processo ricevente header indirizzo processo mittente CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

4 I modelli di comunicazione Client-server Function shipping Group multicast Peer to Peer 1) trasmissione di una richiesta da un processo (client) ad un altro processo (server) 2) esecuzione della richiesta sul server 3) trasmissione di una risposta dal server al client Ogni richiesta contiene un identificatore che viene usato anche dal server per trasmettere la risposta al client. E una estensione del modello client-server in cui il client non invia un messaggio con solo dati, bensì la procedura intera con cui il server deve operare sui dati. Il server in tal caso opera come ambiente di esecuzione (o interprete) dei programmi che il client gli invia. Corrisponde ad un message passing con un target multiplo, formato da un gruppo di processi destinatari/server. In questo caso ad un singolo send corrisponde un receive eseguito da ciascun membro di un gruppo di processi. Per localizzare un oggetto. Per aumentare fault tolerance. Per un multiple update. Ogni computer (nodo autonomo ed indipendente) può operare indifferentemente come client o come server, consentendo accessi condivisi a diverse risorse (come file, periferiche e sensori) senza la necessità di un server centrale. Ciò comporta che ciascun computer della rete utilizzi programmi compatibili che consentano questo tipo di comunicazione.

5 Request-reply communication Client Server dooperation (wait) (continuation) Request message Reply message getrequest select object execute method sendreply Tratto da : Coulouris, Dollimore and Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design Edn. 3 Addison-Wesley Publishers 2000

6 Primitive di comunicazione Comunicazione basata su due primitive : send e receive send receive receive send I costrutti send e receive realizzano un azione di MESSAGE PASSING tra processi. L azione di message passing consiste nella trasmissione ( attraverso un processo di send) di un insieme di valori di dati (messaggio) mediante uno specifico meccanismo di comunicazione (canale o porta) e l accettazione di tale messaggio da parte di un processo di receive.

7 Comunicazione sincrona (o bloccante) send (dest, &sptr) receive ( addr, &rptr) Spedisce il messaggio puntato da &sptr al processo identificato da dest e blocca il mittente (client) finchè non sia stato completamente spedito il messaggio Blocca addr finchè non arriva il massaggio nel buffer puntato da &rptr timer Processo client Processo server Processo sender Processo receiver Kernel A Kernel B acknowledge send receive CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

8 Comunicazione asincrona (o non bloccante) Il message passing ASINCRONO (o non-bloccante) si ottiene quando il messaggio viene posto in coda in attesa che il ricevente lo accetti, senza quindi che il mittente rimanga bloccato in attesa dell acknowledge. timer Processo receiver Processo sender CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

9 La sincronìa nella comunicazione Comunicazione sincrona (o bloccante) Comunicazione asincrona (o non bloccante) primitiva blocking send primitiva blocking receive primitiva non-blocking send primitiva non-blocking receive Dopo l esecuzione della send, il processo che invia il messaggio può riprendere l esecuzione appena il messaggio viene copiato nel buffer. Il processo ricevente procede con la sua esecuzione dopo l esecuzione dell istruzione receive, che restituisce il controllo al processo ricevente immediatamente dopo aver comunicato al kernel l indirizzo del buffer che contiene il messaggio. Tecniche di sincronizzazione del buffer Polling: una primitiva test permette al ricevente di controllare lo stato del buffer: La primitiva fa un polling del kernel per controllare se il messaggio è stato completamente copiato nel buffer. Interrupt: Appena il messaggio è stato copiato nel buffer ed è pronto per essere letto dal ricevente, viene generato un interrupt per notificare al ricevente lo stato di ready.

10 Persistenza e Sincronìa nella Comunicazione (1) Comunicazione persistente = un messaggio immesso per essere trasmesso viene memorizzato per tutto il tempo che serve per consegnarlo al destinatario (ad es. ) a) Comunicazione persistente asincrona b) Comunicazione persistente sincrona Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 ) CdL in Informatica- Magistrale Sistemi Distribuiti - Università di Bari

11 Transienza e Sincronìa nella Comunicazione (2) Comunicazione transiente = un messaggio immesso per essere trasmesso viene memorizzato solo finchè le applicazioni mittente e destinataria sono in esecuzione (ad es. router) sincronìa asincronìa Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 ) c) Comunicazione transiente asincrona d) Comunicazione transiente sincrona basata su ACK CdL in Informatica- Magistrale Sistemi Distribuiti Università di Bari

12 Transienza e Sincronìa nella Comunicazione (3) sincronìa e) Comunicazione transiente sincrona basata sulla spedizione f) Comunicazione transiente sincrona basata sulla risposta Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 )

13 InterProcess Communication (IPC) Modelli e tecnologie per la comunicazione e la sincronizzazione fra processi: I tipi di comunicazione: Comunicazione diretta (es. client/server) e indiretta (es.multicast) Comunicazione discreta (es. socket) e a flussi (streaming) Le forme ed i modelli della comunicazione : Ø Sistema di comunicazione basato sui messaggi ( MOM = Message Oriented Middleware). Ø Chiamata a procedura remota (es. RPC) e la comunicazione tra oggetti (es. RMI). Ø Comunicazione Multicast. CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti

14 Comunicazione diretta Ø I processi devono nominare esplicitamente i loro interlocutori: send (P, messaggio) invia un messaggio al processo P receive(q, messaggio) riceve un messaggio dal processo Q Ø Proprietà del canale di comunicazione Ø I canali vengono stabiliti automaticamente. Ø Un canale è associato esattamente a due processi. Ø Tra ogni coppia di processi comunicanti esiste esattamente un canale. Ø Il canale può essere unidirezionale, ma in genere è bidirezionale. CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

15 Sockets and ports socket any port agreed port socket client message other ports server Internet address = Internet address = Tratto da: Coulouris, Dollimore and Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design Edn. 3 Addison-Wesley Publishers 2000

16 Sockets used for streams Requesting a connection Listening and accepting a connection s = socket(af_inet, SOCK_STREAM,0) connect(s, ServerAddress) write(s, "message", length) s = socket(af_inet, SOCK_STREAM,0) bind(s, ServerAddress); listen(s,5); snew = accept(s, ClientAddress); n = read(snew, buffer, amount) ServerAddress and ClientAddress are socket addresses Tratto da : Coulouris, Dollimore and Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design Edn. 3 Addison-Wesley Publishers 2000

17 Data Stream Modalità di scambio di sequenze (flussi) di informazioni dipendenti dal tempo e come supporto per media continui. (stream audio-video) Uno stream effettuato tra due applicazioni su due host diversi. Uno stream effettuato direttamente tra due device. Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 )

18 Data Stream type Trasmissione sincrona- viene definito un tempo massimo di trasmissione per ogni unità in uno stream di dati. Trasmissione asincrona- dati trasmessi uno dopo l altro, senza vincoli temporali su quando deve aver luogo la trasmissione dei dati. Trasmissione isocrona i dati vengono trasferiti in un certo tempo (max e min detto bounded o delay jitter) Stream semplice = sequenza di dati Stream complesso = molti stream semplici in relazione tra di loro (detti substream). Ad es. film con 1 substream video e due substream audio per effetto stereo. CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

19 Stream e Qualità del Servizio (QoS) I requisiti di tempo sono in genere espressi come requisiti di Qualità del Servizio (Quality of Service = QoS) Specifiche del QoS a livello applicativo: 1)Bit rate con cui devono essere trasportati i dati 2)Tempo massimo di set up di una sessione 3)Tempo di trasporto massimo 4)Varianza massima del tempo di trasmissione (jitter) 5)Tempo massimo della risposta CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

20 Garantire QoS (1) Il principio dell algoritmo token bucket Il secchietto di token è un meccanismo di controllo di trasmissione che determina quando e quanto traffico dati può essere trasmesso in base alla presenza o meno di token (gettoni) in un contenitore astratto (bucket). Il secchiello (bucket) contiene dunque dei token, ciascuno dei quali può rappresentare una unità in byte o un singolo pacchetto di dimensioni predeterminate. Un flusso è autorizzato a trasmettere traffico solo quando sono presenti token nel bucket. Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 ) Un token è aggiunto al secchiello ogni 1/r secondi. Il bucket può contenere al più b token. Se un token arriva quando il bucket è pieno viene scartato. Quando un pacchetto di n bytes arriva, n token vengono rimossi dal bucket, e il pacchetto viene inviato alla rete. Se sono disponibili meno di n token, nessun token viene rimosso dal bucket, e il pacchetto viene considerato come non conforme.

21 Garantire QoS (2) Characteristics of the Input maximum data unit size (bytes) Token bucket rate (bytes/sec) Token bucket size (bytes) Maximum transmission rate (bytes/sec) Service Required Loss sensitivity (bytes) Loss interval (µsec) Burst loss sensitivity (data units) Minimum delay noticed (µsec) Maximum delay variation (µsec) Quality of guarantee Rif.: A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi distribuiti Pearson Prentice Hall 2007 ) CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

22 Sincronizzazione degli stream Il principio della sincronizzazione esplicita a livello delle unità di dati CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

23 Comunicazione indiretta I messaggi vengono inviati a buffer (o porte o mailbox) e da essi ricevuti. ü Ciascun buffer è idendificato con un unico id. ü I processi possono comunicare solamente se condividono un buffer. Proprietà dei canali di comunicazione: Ø Un canale viene stabilito solo se i processi hanno un buffer in comune Ø Un canale può essere associato a più di un processo. Ø Ogni coppia di processi può condividere più canali di comunicazione. Ø I canali possono essere unidirezionali o bidirezionali. Operazioni: u creare un nuovo buffer u inviare e ricevere messaggi attraverso il buffer u distruggere un buffer

24 Comunicazione indiretta Condivisione di buffer P 1, P 2, e P 3 condividono il buffer A. P 1, invia; P 2 e P 3 ricevono (multicast). Chi prende il messaggio? Soluzioni: ü Permettere ad un canale di essere associato al più a due processi. ü Permettere ad un solo processo alla volta di eseguire un operazione di ricezione. ü Permettere al sistema di selezionare arbitrariamente il ricevente. Il sistema può comunicare l identità del ricevente al trasmittente. CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

25 Buffering La coda dei messaggi legati ad un canale può essere implementata in tre modi: 1. Capacità zero il canale non può avere messaggi in attesa al suo interno. Il trasmittente deve attendere che il ricevente abbia ricevuto il messaggio (rendezvous). 2. Capacità limitata lunghezza finita: n messaggi. Il trasmittente deve attendere se il canale è pieno. 3. Capacità illimitata lunghezza infinita. Il trasmittente non attende mai.

26 Buffering Null buffer (sincrono) Single message buffer (sincrono) Il messaggio rimane nello spazio di indirizzi del processo inviante ed il processo send rimane sospeso finchè il ricevente non abbia lanciato un processo receive. Il messaggio può anche essere abbandonato dopo un certo intervallo di tempo (timeout) di tentativi di send. Lo stesso meccanismo di timeout può prevedere una nuova spedizione del messaggio. Unboundedcapacity buffer (asincrono) Processo A messaggio2 buffer messaggio1 messaggio2 Processo B Finite-bound buffer (asincrono) CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

27 Condizioni di eccezione Nella comunicazione bufferizzata, poiché l inviante non attende che il ricevente sia pronto, vi possono essere molti messaggi in attesa di essere consegnati. La dimensione del buffer potrà essere indefinita o, per rendere realizzabile la comunicazione, dovrà prevedere meccanismi di gestione dell overflow del buffer: Gestione di unsuccessful communication (error messages) Terminazione del processo Messaggi perduti Messaggi alterati Flow-controlled communication (sincronizzazione dei processi attraverso il buffer) Problema generale: il message passing non rende trasparente la comunicazione

28 Failure handling perdita request perdita response crash del computer ricevente Meccanismo di timeout su acknowledge timer 4 messages IPC protocol sender receiver request ackn replay 3 messages IPC protocol sender receiver request replay 2 messages IPC protocol request t i m e o u t request Re-request ackn ackn replay ackn replay CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

29 Idempotenza (ripetibilità) Caratteristica operativa in base alla quale un operazione produce gli stessi risultati indipendentemente da quante volte viene ripetuta comunicazione non-idempotente t i m e o u t request replay Re-request replay Processo di calcolo con parametro prodotto x = x - y Processo di calcolo con parametro prodotto x = x - y Replay con valore x = x - y anziché x Per ottenere una comunicazione idempotente (exactly once semantic), si fa uso di un identificatore unico per ogni request, per cui il server mantiene in memoria un data base delle replay; prima di inviare una risposta, il server controlla che non sia stata già prodotta una risposta per quella particolare request CdL in Informatica- Magistrale Università di Bari Sistemi Distribuiti -

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Interprocess Communication Processi (e thread) cooperanti Il paradigma produttore-consumatore Shared Memory e Inter Process Communication (IPC) facility Proprietà caratteristiche della comunicazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol)

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol) Anno Accademico 2013-2014 CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 5 - TCP/IP : i protocolli del livello 3 e 4 Prof. Sebastiano

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

10/04/2013. Contenuti. Comunicazione Orientata ai Messaggi

10/04/2013. Contenuti. Comunicazione Orientata ai Messaggi Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Comunicazione orientata ai messaggi - 3 Message Passing Interface (MPI) - 4 Comunicazione punto-punto in MPI - 5 Middleware

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi Connessioni di rete Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi 1 Socket orientato alla connessione o non orientato alla connessione 2 Socket in astratto 3 Socket modalità

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Livello di Trasporto

Livello di Trasporto Livello di Trasporto Introduzione Problemi e requisiti Livello di trasporto in Internet UDP -UserDatagramProtocol TCP - Transmission Control Protocol Meccanismo di ritrasmissione Controllo del flusso Three-way

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Modello a scambio di messaggi

Modello a scambio di messaggi PRIMITIVE PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI Un messaggio si può considerare costituito da: origine, destinazione e contenuto Modello a scambio di messaggi type messaggio = record origine: ; destinazione: ; contenuto:

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

I processi. Concetto di processo Scheduling dei processi Operazioni sui processi Processi cooperanti Comunicazione fra processi

I processi. Concetto di processo Scheduling dei processi Operazioni sui processi Processi cooperanti Comunicazione fra processi I processi Concetto di processo Scheduling dei processi Operazioni sui processi Processi cooperanti Comunicazione fra processi Il modello a processi Consideriamo un informatico appassionato di cucina che

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Comunicazione tra Processi

Comunicazione tra Processi Comunicazione tra Processi Comunicazioni in un Sistema Distribuito Un sistema software distribuito è realizzato tramite un insieme di processi che comunicano, si sincronizzano, cooperano. Il meccanismo

Dettagli

Comunicazione tra Processi

Comunicazione tra Processi Comunicazione tra Processi Comunicazioni in un Sistema Distribuito Un sistema software distribuito è realizzato tramite un insieme di processi che comunicano, si sincronizzano, cooperano. Il meccanismo

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Modellidi SistemiDistribuiti

Dettagli

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Processi. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Processi Laboratorio Software 2008-2009 Introduzione I calcolatori svolgono operazioni simultaneamente Esempio Compilazione di un programma Invio di un file ad una stampante Visualizzazione di una pagina

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina

I Socket. Laboratorio Software 2008-2009 M. Grotto R. Farina M. Grotto R. Farina Sommario 1. Applicazioni Distribuite 2. I Socket Introduzione Interfacce e protocolli Descrizione Stile di comunicazione Namespace e protocollo Include e system call Creazione e chiusura

Dettagli

Strato di Trasporto Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1

Strato di Trasporto Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Strato di Trasporto Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Il servizio di trasporto Servizi forniti agli strati superiori Perché un altro strato Primitive del servizio di trasporto Socket

Dettagli

Comunicazione. La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI

Comunicazione. La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI Comunicazione La comunicazione point to point e' la funzionalita' di comunicazione fondamentale disponibile in MPI Concettualmente la comunicazione point to point e' molto semplice: Un processo invia un

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Sincronizzazione dei processi Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 Sincronizzazione dei processi 1. Si descrivano i tipi di interazione tra processi?

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX

COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX A cura del prof. Gino Tombolini 1 COMUNICAZIONE TRA PROCESSI REMOTI IN UNIX Il sistema UNIX TCP/IP fornisce un meccanismo di comunicazione tra processi residenti su nodi distinti di una rete, compatibili

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari ARP/RARP Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Problema della Risoluzione dell

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA)

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) 1 TRASMISSIONE 2 FRAMING 3 CONTROLLO DEGLI ERRORI 4 CONTROLLO DI FLUSSO 1 Asincrona 2 Sincrona 1 Orientata al byte 2 Orientata al bit 1 Codici correttori 2 Codici Rivelatori

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Concetto di processo

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web Reti e Web Rete commutata: rete di trasmissione condivisa tra diversi elaboratori Composte da: rete di trasmissione: costituita da (Interface Message Processor) instradamento rete di calcolatori: computer

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Chiamate a Procedure Remote

Chiamate a Procedure Remote FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2012/2013 Relazione sullo sviluppo di Chiamate a Procedure Remote

Dettagli

TEMI COMUNICAZIONE SINCRONIZZAZIONE NAMING PROCESSI FILE SYSTEM RISORSE SICUREZZA ESEMPI SCAMBIO DI MESSAGGI. mobilità protezione

TEMI COMUNICAZIONE SINCRONIZZAZIONE NAMING PROCESSI FILE SYSTEM RISORSE SICUREZZA ESEMPI SCAMBIO DI MESSAGGI. mobilità protezione TEMI COMUNICAZIONE SINCRONIZZAZIONE NAMING PROCESSI FILE SYSTEM RISORSE mobilità protezione SICUREZZA ESEMPI COMUNICAZIONE necessità di ottenere un punto di vista globale per la cooperazione dei processi

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini

Interprocess Communications - II. Franco Maria Nardini Interprocess Communications - II Franco Maria Nardini XSI IPC Tre tipi di IPC introdotti da System V: semafori shared memory code di messaggi Comunicazioni tra processi su stesso host Tutte consentono

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

InterProcess Communication (IPC)

InterProcess Communication (IPC) 06//3 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 03-04 corso di Sistei Distribuiti 6. IPC (Inter Process Counication) (parte 3): altre fore di counicazione e la sincronizzazione. Prof. S.Pizzutilo InterProcess

Dettagli

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) Esercizi su strati di trasporto e di rete

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) Esercizi su strati di trasporto e di rete Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) Esercizi su strati di trasporto e di rete 1. Si consideri un protocollo per il trasporto non affidabile di dati realtime. Il sender spedisce un pacchetto

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in rete

Laboratorio di Programmazione in rete Laboratorio di rogrammazione in rete Introduzione alla programmazione C di socket A.A. 2005/06 Comunicazione tra computer Come far comunicare più computer su una rete? Una collezione di protocolli: TC/I

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015. corso di Sistemi Distribuiti. Le Socket

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015. corso di Sistemi Distribuiti. Le Socket CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 6. Strumenti per l IPC : dalle socket a RPC/RMI Prof. S.Pizzutilo Le Socket Una socket è una astrazione software rappresentante

Dettagli

IPC Inter Process Communication

IPC Inter Process Communication Il protocollo TCP controlla che la trasmissione tra due end points avvenga correttamente. Non stabilisce alcun criterio su chi deve iniziare la comunicazione. Questo compito è svolto dalle applicazioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol)

TCP/IP : Livello 3 di rete ARP (Address Resolution Protocol) CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2012-2013 Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 5 TCP/IP : i protocolli a livello 3 e 4 Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento

Dettagli

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP CP e UDP: il livello trasporto dell'architettura CP/IP Antonio Lioy < lioy@polito.it > 7 6 5 4 3 network OSI vs. CP/IP packet process (DNS, HP, SMP, ) (CP, UDP) network (IP) Politecnico di orino Dip. Automatica

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 3. La concorrenza tra processi remoti nei sistemi distribuiti

corso di Sistemi Distribuiti 3. La concorrenza tra processi remoti nei sistemi distribuiti CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2015-16 corso di Sistemi Distribuiti 3. La concorrenza tra processi remoti nei sistemi distribuiti Prof. S.Pizzutilo Concorrenza fra processi remoti Interazioni fra processi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Parte 2: Gestione dei Processi. 4.1 Concetto di Processo. 4.1.2 Stato del processo

Parte 2: Gestione dei Processi. 4.1 Concetto di Processo. 4.1.2 Stato del processo Parte 2: Gestione dei Processi 1 Il processo è l unità di lavoro nella maggior parte dei sistemi operativi. È quindi il centro di tutta la teoria dei Sistemi Operativi Il sistema operativo è responsabile

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 24/25 Capitolo MESSAGGI di ERRORE e di CONTROLLO alberto.polzonetti@unicam.it Internet Control Message Protocol Il protocollo è un servizio best

Dettagli

Le forme della comunicazione

Le forme della comunicazione 28/11/13 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2013-2014 corso di Sistemi Distribuiti 7. La concorrenza tra processi remoti nei sistemi distribuiti Riferimenti: Prof. S.Pizzutilo A.Tanenbaum,M.Van Steen Sistemi

Dettagli

Standard di comunicazione

Standard di comunicazione Standard di comunicazione Organizzato a livelli per ridurne la complessità e aumentarne la flessibilità il numero dei livelli e le loro funzionalità dipendono dal tipo di rete ogni livello formalizza un

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Posta elettronica DEFINIZIONE

Posta elettronica DEFINIZIONE DEFINIZIONE E-mail o posta elettronica è un servizio Internet di comunicazione bidirezionale che permette lo scambio uno a uno oppure uno a molti di messaggi attraverso la rete Un messaggio di posta elettronica

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Gestione degli indirizzi - Address Resolution Protocol (ARP) - Reverse Address Resolution Protocol (RARP) - Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli