FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing"

Transcript

1 FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

2 Allocazione dei costi industriali Valorizzazione delle risorse: a COSTI STORICI a COSTI STANDARD Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 2

3 Costi storici Si rileva a consuntivo il valore delle risorse utilizzate per la realizzazione di ciascun prodotto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 3

4 Costi standard Si definisce in via preventiva un valore obiettivo del costo di un prodotto Il costo standard è il costo teorico ottenibile dall impresa per la realizzazione di un determinato output in condizioni di normale funzionamento Si confrontano preventivo (valore obiettivo) e consuntivo, al fine di misurare l efficienza ottenuta nella produzione Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 4

5 Allocazione a costi standard (1/3) Se il sistema produttivo realizza prodotti omogenei si allocano tutti i costi in modo proporzionale, senza alcuna allocazione causale Se il sistema produttivo realizza prodotti molto eterogenei si ricerca una base di allocazione per i costi indiretti industriali, mentre si allocano direttamente i costi del lavoro e quelli dei materiali Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 5

6 Allocazione a costi standard (2/3) Eterogeneità prodotti: Costo materiali diretti = somma costi standard dei materiali/componenti necessari per realizzare il prodotto Costo del lavoro diretto = prodotto tra il tempo standard per svolgere le operazioni del ciclo produttivo ed il costo standard orario del lavoro diretto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 6

7 Allocazione a costi standard (3/3) Allocazione dei Costi Indiretti Ripartizione ed imputazione dei costi comuni agli oggetti Criteri generali per l allocazione: Principio Causale Indiretto Ricerca di un relazione di causa-effetto E possibile solo se esiste un fattore di variabilità (base di allocazione) Benefici Ricevuti Ad esempio, allocare le spese di pubblicità in base ai benefici ricevuti dai singoli prodotti (aumento delle vendite) Capacità di sopportare i costi Ad esempio, costi della direzione attribuiti alle divisioni più profittevoli Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 7

8 Allocazione dei costi indiretti COEFFICIENTE DI ALLOCAZIONE (o imputazione) COEFF. DI ALLOCAZIONE = COSTI INDIRETTI TOTALI BASE DI ALLOCAZIONE TOTALE (Es.: costi del lavoro totali) COSTO INDIRETTO STANDARD DEL PRODOTTO = C std = COSTI INDIRETTI TOTALI COSTO std. LAVORO DIR. PROD. BASE DI ALLOCAZIONE TOTALE (Es.: costi del lavoro totali) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 8

9 Sistemi di rilevazione dei costi Metodi a costo pieno (Full costing: non solo diretti) e valutazione a costo storico I diversi metodi si distinguono in base ai criteri di attribuzione delle voci di costo: attribuzione secondo relazioni di causa-effetto: attribuzione CAUSALE attribuzione PROPORZIONALE DIVERSA PRECISIONE DIVERSO COSTO (connesso al numero di voci allocate in modo causale) ADATTI IN RELAZIONE A DIVERSE TIPOLOGIE PRODUTTIVE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 9

10 Sistemi di rilevazione dei costi I sistemi che analizziamo sono: JOB ORDER COSTING (o contabilità per commessa) PROCESS COSTING Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 10

11 IL JOB COSTING

12 Job Costing (1/3) 1. Obiettivi Verificare i consumi di materie prime e di ore di manodopera per singolo reparto Determinare il valore delle rimanenze Controllare i costi di commessa Valorizzare la commessa determinare il costo del venduto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 12

13 Job Costing (2/3) 2. Caratteristiche Usato per produzioni per lotti o singola commessa, produzioni in cui il prodotto è identificabile singolarmente Viene utilizzato come elemento di base per l attribuzione dei costi il job, composto da una singola unità o da un lotto omogeneo di prodotti E un metodo preciso, soprattutto quando il lavoro diretto ed i materiali diretti rappresentano la componente principale dei costi di prodotto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 13

14 Job Costing (3/3) 3. Modalità di rilevazione dei costi ogni JOB è contraddistinto da un codice a ciascun JOB viene associata una scheda di lavorazione che lo accompagna lungo tutto il ciclo. La scheda è cartacea o informatica e registra i costi diretti i costi per la sua realizzazione vengono registrati in ogni fase del JOB Le schede vengono chiuse al completamento della commessa I costi indiretti sono allocati ai diversi lotti utilizzando basi di imputazione adeguate Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 14

15 Costi sostenuti e registrati per ciascun job Materiali diretti valore di contabilizzazione a magazzino valore dei materiali prelevati Lavoro diretto costo orario numero di ore impiegate da ciascun operatore per la realizzazione dell operazione, valorizzate al costo orario della manodopera Costi indiretti allocati tra i prodotti/lotti (Jobs) proporzionalmente all utilizzo di un fattore produttivo (es.: lavoro diretto, ) denominato base di allocazione. Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 15

16 Allocazione dei costi indiretti 1) Determino il COEFFICIENTE DI ALLOCAZIONE (o imputazione) COEFF. DI ALLOCAZIONE = COSTI INDIRETTI TOTALI BASE DI ALLOCAZIONE TOTALE (Es.: costi del lavoro totali) 2) Alloco i costi indiretti allo specifico job (job j-esimo) : COSTO INDIRETTO job J = COEFFICIENTE DI ALLOCAZIONE * BASE DI ALLOCAZIONE job J Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 16

17 Vantaggi del job costing E UN METODO PRECISO, SOPRATTUTTO SE IL LAVORO DIRETTO E I MATERIALI RAPPRESENTANO LA COMPONENTE PRINCIPALE DEI COSTI DI PRODOTTO E CONVENIENTE PER IMPRESE CHE OPERANO PER COMMESSA SINGOLA O CON LOTTI DI PRODUZIONE PICCOLI (IN FUNZIONE DEL VALORE AGGIUNTO verificare che i costi di rilevazione non siano superiori al valore aggiunto) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 17

18 Svantaggi del job costing E UN METODO ONEROSO: COMPORTA UNO SFORZO ELEVATO DI RILEVAZIONE DEI DATI E ADATTO A PRODUZIONI DISCRETE, MA NON CONTINUE (DOVE CIOE NON SIA POSSIBILE INDIVIDUARE UN SINGOLO LOTTO) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 18

19 Esempio di Job Costing (1/4) Scorte al 1/1/2008: 150 MP 230 WIP PF ( 1 = Work In Progress) MP LD OVH JOB 101 (100 pz) JOB 102 (50 pz) JOB Operazioni gennaio 2008: Acquisto MP: 120 Vendita prodotti: 500 (Costo venduto = 300) Overheads: 150 Completamento Job 101 e 102, Inizio Job 104 Spese amministrative/vendita: 120 Operazioni registrate: MP LD 7/1 JOB /1 JOB /1 JOB /1 JOB /1 JOB /1 JOB /1 JOB Totale Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 19

20 Esempio di Job Costing (2/4) costi indiretti totali coeff. allocazione = base di allocazione totale(ld) 150 = 30 JOB 101 (100 pz) MP LD OVH Totale I / JOB 102 (50 pz) MP LD OVH Totale I / JOB 103 MP LD OVH Totale I / JOB 104 MP LD OVH Totale 1/ = 5 C u = C u = = 2, 06 = 2, 8 Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 20

21 Esempio di Job Costing (3/4) Magazzini: MP Iniziale 150 (+) Acquisti 120 (+) Utilizzi 175 (-) Rimanenze MP 95 (Δ MP = - 55) WIP Iniziale 230 (+) Ingressi MP 175 (+) Acquisiz. LD 30 (+) Acquisiz. OHD 150 (+) a PF (Job 101) 206 (-) a PF (Job 102) 140 (-) Rimanenze WIP 239 (Δ WIP = + 9) PF Iniziale 700 (+) Completamento Job 101: 206 (+) Completamento Job 102: 140 (+) Vendite 300 (-) Rimanenze PF 746 (Δ PF = + 46) Anche uguale a jobs non completati (103 e 104): = 239 Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 21

22 Definizioni (1/2) VALORE DELLA PRODUZIONE: è la valorizzazione di ciò che la gestione operativa ha prodotto nel corso dell esercizio. Comprende: - i ricavi delle vendite e delle prestazioni - le variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione (WIP), semilavorati e finiti (PF) - gli incrementi di immobilizzazioni per lavori interni - gli altri ricavi e proventi non legati all attività tipica FATTURATO: è propriamente costituito dai ricavi delle vendite e delle prestazioni ma spesso viene a coincidere con il Valore della produzione (quando questo è privo degli altri elementi di cui sopra) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 22

23 Definizioni (2/2) COSTO DEL VENDUTO: tutti i costi impiegati nel valore della produzione, che sono dunque espressione dei fattori produttivi impiegati per il suo ottenimento COSTI DELLA PRODUZIONE: sono dati da Acquisti + Δ scorte MP (i f) + LD + Costi indiretti + Spese generali MLI MARGINE LORDO INDUSTRIALE: è dato da Fatturato costo del venduto MON MARGINE OPERATIVO NETTO: è l indicatore della capacità dell impresa di produrre reddito ed è dato da Valore della produzione - Costi della produzione Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 23

24 Esempio di Job Costing (4/4) CE Fatturato 500 Costo venduto 300 MLI 200 Costi periodo 120 MON 80 CE Fatturato 500 Delta scorte (PF,WIP) 55 VdP 555 Costi produzione 475* MON 80 * Costi di produzione = Acquisti (+ 120) +/- Δ scorte MP (+ 55) + LD (+ 30) + Costi indiretti (+150) + Spese generali (+120) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 24

25 IL PROCESS COSTING

26 Process Costing (1/4) Obiettivi determinare costi unitari PF e WIP Valorizzare le scorte Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 26

27 Process Costing (2/4) Ambiti di utilizzo Produzione omogenea, costituita da un unico prodotto realizzato su larga scala o da pochi prodotti con cicli produttivi simili Imprese che operano con processi produttivi continui (chimico, petrolifero ) o con processi discreti ma a flusso e caratterizzati da lotti di produzione elevati Metodo poco preciso Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 27

28 Process Costing (3/4) Modalità di rilevazione dei costi Si rileva il costo complessivo sostenuto in ciascun reparto/centro di costo ed il volume prodotto. A B CLIENTI magazzino PF Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 28

29 Flusso di attività- Allocazione dei costi - LD MD + LD MD Wip A Wip B PF CdV OH OH Il costo unitario viene determinato come rapporto tra i costi complessivi ed il volume prodotto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 29

30 Process Costing (4/4) Il procedimento è elementare nel caso di imprese monoprodotto e con invarianza dei WIP Nel caso in cui esista una variazione dei semilavorati, non è possibile sommare unità di prodotto finito con unità di semilavorato: si introduce pertanto il concetto di produzione equivalente (unità equivalente) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 30

31 Ipotesi di base 1 IMPRESA MONOPRODOTTO 1a) VALORE COSTANTE DEL WIP Volume prodotto = output interamente realizzato nel periodo 1b) VALORE VARIABILE DEL WIP UNITA EQUIVALENTI (Numero di unità che si sarebbero realizzate se tutte le risorse fossero state dedicate alla produzione di prodotti finiti = output equivalenti in termini di PF) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 31

32 Caso 1a (WIP invariante) Costo unitario (C U ) = MD + LD + OH Volume prodotto Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 32

33 Caso 1b (WIP variabile) Calcolo delle unità equivalenti (1/3) Determino il valore dei fattori impiegati per il WIP all istante t Determino il valore dei fattori necessari per l intero ciclo di lavorazione Calcolo il GRADO DI COMPLETAMENTO GRADO DI COMPLETAMENTO = (β c ) VALORE DEI FATTORI IMPIEGATI PER I WIP FINO ALL ISTANTE t DI LAVORAZIONE VALORE FATTORI NECESSARI AL COMPLETAMENTO DELL INTERO CICLO DI PRODUZIONE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 33

34 Calcolo delle unità equivalenti (2/3) CASO GENERALE: prodotti finiti al tempo t --> Q c WIP in n fasi del ciclo produttivo --> F i (con i = 1,,N) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 34

35 Calcolo delle unità equivalenti (3/3) Produzione equivalente (Unità equivalenti): numero di unità che sarebbe stato possibile produrre se tutte le risorse fossero state impiegate per la produzione di prodotti finiti N.eq. = Q c + Σ i F i β c i N 1 Costo unitario (C U ) = COSTI TOTALI NUMERO UNITA EQUIV. Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 35

36 Esempio 1 MATERIALE A 50 t 50 --> 100 VALORE PRODOTTO MATERIALE B COSTI DI CONVERSIONE (LD + OHD) 120 WIP 100 PF GRADO DI COMPLETAMENTO TOTALE = 170/1000 = 0.17 NUMERO UNITA EQUIVALENTI = * 0.17 = 17 GRADO DI COMPLETAMENTO rispetto ad A = 50/100 = 0.5 GRADO DI COMPLETAMENTO rispetto a B = 0/300 = 0 GRADO DI COMPLETAMENTO rispetto a Costi di conversione = 120/600 = > > 600 Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 36

37 Esempio 2 1 a fase 2 a fase β c = 70 % β c = 100 % 100 (WIP) 50 (PF) IPOTESI --> COSTI TOTALI = SOLUZIONE: NUMERO UNITA EQUIVALENTI = 100* * 1 = 120 COSTO UNITARIO = /120 = VALORE MAGAZZINO WIP = 100 * 0.7 * = Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 37

38 Passi fondamentali INDIVIDUAZIONE DEI FLUSSI FISICI CALCOLO DEL NUMERO DI UNITA EQUIVALENTI (TRAMITE GRADO DI COMPLETAMENTO) DETERMINAZIONE DEL COSTO TOTALE DA ATTRIBUIRE ALLA PRODUZIONE CALCOLO DEL COSTO UNITARIO DELLA PRODUZIONE EQUIVALENTE CALCOLO DEL COSTO DELLE UNITA COMPLETATE E DEI WIP logica: COSTO MEDIO Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 38

39 Problema della valorizzazione delle scorte ANALIZZIAMO IL: CRITERIO DEL COSTO MEDIO Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 39

40 Criterio del costo medio 1. Costi iniziali (CI) Costi aggiunti (CA) I I abbiamo e dato che avremo Q I =Q IC +F Q C =Q IC +I Q C =Q I -F+I Q I Q IC Q C (in quantoq IC =Q I -F) F 0 β α P.E. = + F C tot C PE C PF = CA + CI = = Q c C tot P.E. Q c C PE β ovvero Q C +F=Q I +I 1 grado di completamento 4. C WIP = F β C PE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 40

41 Process Costing Esempio (1/3) Azienda tessile che produce tela grezza di diversi colori e tipologie a partire da filati tinti Prodotti differenziati ma omogenei per quanto riguarda le lavorazioni e l assorbimento dei costi PROCESS COSTING Unità di misura: metri lineari di tessuto I = 3000; Qi = 22000; Qc = I : lavorati per 4h; F : lavorati per 3h; Durata del ciclo tecnico = 10h C iniziali = 9.750; C aggiunti = Stimare il costo delle rimanenze Cf e dei prodotti finiti Cpf con il metodo a COSTO MEDIO Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 41

42 1) WIP FINALE (F) Process Costing Esempio (2/3) (Criterio del Costo Medio) Q C + F = Q I + I F = Q I + I Q C F = = ) Unità Equivalenti P. E. = Q c + F β = (5.000)*30% = FLUSSO FISICO 3000 = I 20000= Qc 3) Costi totali 3h/10h = Q I 5000 = F CI + CA = = ) Costo Unitario UE CI + CA = P. E. ( )/ = 5,7 Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 42

43 Process Costing Esempio (3/3) (Criterio del Costo Medio) 5) Costo Prodotto finito C PF = Qc C PE. = 5,7 * = ) Costo WIP C WIP = F β = 5,7 * * 30% = 8550 C PE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 43

44 Ipotesi alternative sul process costing (1/2) Possibili Variazioni: Assorbimento non omogeneo delle risorse Impresa multiprodotto Ambiti di utilizzo Produzione omogenea, costituita da un unico prodotto realizzato su larga scala o da pochi prodotti con cicli produttivi simili Imprese che operano con processi produttivi continui (chimico, petrolifero ) o con processi discreti ma a flusso e caratterizzati da lotti di produzione elevati Metodo poco preciso Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 44

45 Ipotesi alternative sul process costing (2/2) 2) IMPRESA MULTIPRODOTTO 3) PRESENZA DI BY-PRODUCTS UTILIZZIAMO UN COEFFICIENTE DI EQUIVALENZA RISPETTO AD UN PRODOTTO DI RIFERIMENTO DELLO STESSO REPARTO O FITTIZIO Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 45

46 Esempio 4 (Impresa multiprodotto) UNITA COEFF. DI EQUIVAL. A (0.5) 1 B C D E COSTI TOTALI = SOLUZIONE: N. UNITA EQUIV. = ( * 0.5) * * * * * 0.5 = 9500 COSTO UNIT. EQUIV. = 19000/ 9500 = 2 COSTO WIP = (1000 * 0.5) * 2 = 1000 C ua = 2; C ub = 2*1.1; C uc = 2*1.5; C ud = 2*0.8; C ue = 2*0.5 Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 46

47 Presenza di by products Prodotti ottenuti dall interruzione anticipata del ciclo di produzione (assorbimento non omogeneo delle risorse) COEFF. DI EQUIVALENZA = FRAZIONE DEL CICLO SVOLTA IPOTIZZANDO CHE LE RISORSE VENGANO IMPIEGATE PER LA REALIZZAZIONE COMPLETA DEL CICLO PRODUTTIVO ANZICHE DI UNA SUA PARTE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 47

48 Vantaggi e svantaggi rispetto al job costing MENO ONEROSO (RILEVA IL COSTO COMPLESSIVO DI CIASCUN REPARTO) MENO PRECISO (JOB COSTING: MD E LD ATTRIBUITI AI SINGOLI PRODOTTI; PROCESS COSTING: ATTRIBUZIONE PROPORZIONALE) APPLICABILE A PRODUZIONI OMOGENEE SU LARGA SCALA PROCESSI CONTINUI (ex: chimici) PROCESSI DISCRETI CON LOTTI ELEVATI (ex: elettronica di consumo) Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 48

49 Critiche ai metodi di costing tradizionali (1/2) NESSUNO DEI DUE METODI (J.C., P.C.) CERCA DI SPIEGARE EFFICACEMENTE COME I DIVERSI PRODOTTI IMPIEGHINO LE RISORSE INDIRETTE: Tutte le metodologie di product costing tradizionali prevedono un allocazione di almeno una parte dei costi in maniera proporzionale Le grandezze utilizzate per l allocazione proporzionale di overhead o costi di conversione possono essere diverse, ma sono sempre legate ai volumi di produzione I metodi di costing tradizionali sono tanto più imprecisi quanto più i costi indiretti sono rilevanti e non legati ai volumi di produzione Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 49

50 Critiche ai metodi di costing tradizionali (2/2) IN PASSATO OGGI - PREVALENZA DI COSTI DIRETTI - PREVAL. DI COSTI INDIRETTI - COSTI INDIRETTI LEGATI AL LD - COSTI INDIRETTI NON LEGATI AL LD - ELEVATO COSTO INFORMAZIONI - COSTO INFORMAZIONI RIDOTTO --> Metodi semplici --> Metodi più complessi METODI TRADIZIONALI altri metodi innovativi Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 50

51 Raffronto sinottico tra i metodi di rilevazione dei costi (1/3) MATERIALI LAVORO COSTI DIRETTI DIRETTO INDIRETTI 1) JOB C. CAUSALE CAUSALE PROPORZIONALE 2) PROCESS C. PROPORZIONALE PROPORZIONALE PROPORZIONALE Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 51

52 Raffronto sinottico tra i metodi di rilevazione dei costi (2/3) Tipologia di produzione Componente principale costi di prodotto Elemento di base 1) JOB C. per lotti o singola commessa LD + MD JOB 2) PROCESS C. produzioni omogenee su larga scala (continui, lotti elevati) (prodotti omogenei) REPARTO Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 52

53 Raffronto sinottico tra i metodi di rilevazione dei costi (3/3) Allocazione costi indiretti Principali vantaggi Principali svantaggi 1) JOB C. base di allocazione coeff. di allocaz. preciso su LD e MD onerosa rilevazione dati, solo produz. discrete 2) PROCESS C. grado di completam. N.eq. è il meno oneroso è il meno preciso proporzionale Fondamenti di economia aziendale e impiantistica industriale - Prof. Alberto Baggini 53

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1 IMPIANTI INDUSTRIALI 8. ANALISI DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia diana.rossi@ing.unibs.it Diana Rossi - Università di Brescia 1 D. Rossi 1 La capacità produttiva

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Documento N. 23 della Commissione per la Statuizione dei Principi Contabili SOMMARIO: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO. LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE IL MONDO CAMBIA IN FRETTA. MEGLIO ESSERE DINAMICO Siamo una società vicentina, fondata nel 1999, specializzata nella realizzazione di software gestionali

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli