Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi"

Transcript

1 Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi

2 Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas Taylor, Prentice Hall, 1997 Reperibile in Biblioteca Centrale

3 VHDL VHSIC HARDWARE DESCRIPTION LANGUAGE VHSIC Very High Speed Integer Circuits

4 Caratteristica Principale Serve a descrivere circuiti harware Caratteristica fondamentale: Concorrenza Cosi come blocchi (circuiti) fisici possono operare in parallelo anche in VHDL pezzi di codice sono simulati come se lavorassero contemporanemente

5 VHDL Event-Driven I compilatori/simulatori VHDL sono Event- Driven Ogni volta che cambia un valore di un segnale interno del codice vengono attivati tutti i blocchi (in cui opera tale segnale) in modo concorrente

6 Struttura di un file VHDL library ieee; use ieee.std_logic_1164.all; Definizione Librerie entity nome_circuito is port ( ingr : in tipo_ingresso; usci : out tipo_uscita; IN_OUT1 : inout tipo_inout); end nome_circuito ; ENTITY architecture tipo_arch of nome_circuito is constant : tipo_costante; signal : tipo_signal; -- COMMENTO ARCHITECTURE begin... end tipo_arch;

7 LIBRERIE Utilizziamo SEMPRE la libreria IEEE con il package std_logic_1164 (con use) Esempio: library ieee; use ieee.std_logic_1164.all; Altre librerie all uopo Esempio: library VIRTEX; use VIRTEX.all;

8 Libreria IEEE Con il package std_logic_1164 permette di utilizzare il tipo: std_logic Questo tipo descrive tutti i possibili valori che un segnale digitale puo assumere (esempio: 1, 0, Z ) Tipo std_logic Definisce segnali da 1 bit Tipo std_logic_vector(nbit-1 downto 0) Defisce un bus di segnali da nbit bit

9 ENTITY Serve a definire INTERFACCIA di un circuito Descrive le porte di: - in (solo ingresso) - out (solo uscita) - inout (ingresso/uscita) Useremo sempre porte di tipo STD_LOGIC (o STD_LOGIC_VECTOR)

10 ARCHITECTURE Descrive la FUNZIONALITA del circuito Due tipi di architecture: - behavioral descrizione comportamentale del circuito (cosa fa) - strucural descrizione tramite blocchi base (component) e di come sono connessi tra loro (come è fatto circuito)

11 Constant Sono dei valori sempre costanti Utilizzeremo anche per loro i tipi std_logic Esempio: constant uno : std_logic_vector(7 downto 0) :=(0 => 1, others => 0 ); constant due : std_logic_vector(3 downto 0) := 0010 constant flag : std_logic := 0 ; Ovvero: alla costante uno (bus di 8 bit) assegno al bit di peso 0 il valore 1 ed agli altri 0 Alla costante due assegno la stinga 0010 A flag assegno il valore 0

12 Signal Rappresentano i fili di connessione Se il loro valore logico non varia, mantengono il valore precedente Esempio: signal bus1 : std_logic_vector (31 downto 0); signal singolo : std_logic;

13 library ieee; use ieee.std_logic_1164.all; Esempio entity comparatore is port ( in1 : in std_logic_vector(3 downto 0); usci : out std_logic); end comparatore ; architecture behavioral of comparatore is constant zeri : std_logic_vector(3 downto 0):= (others => 0 ); signal temp : std_logic_vector(3 ; -- circuito comparatore tra ingresso e zero begin temp <= in1; comp: process (temp) -- vedremo dopo cosa è un process begin if (temp = zeri) then usci <= 1 ; else usci <= 0 ; end process comp; end behavioral;

14 Istantazione di blocchi già descritti In architecture di tipo structural si istanziano sotto-circuiti già descritti Per richiamare tali circuiti si utilizza il comando: component

15 Component Richiede la definizione del tipo di componente prima del begin dell architecture Dentro al begin si da un nome al componente e si definiscono le interconnessioni con blocchi vicini nel cosiddetto port map

16 library ieee; use ieee.std_logic_1164.all; Esempio entity circuito1 is port (entra : in std_logic_vector(3 downto 0); esci : out std_logic); end comparatore ; architecture structural of comparatore is component comparatore port ( in1 : in std_logic_vector(3 downto 0); usci : out std_logic); end component; signal temp : std_logic; begin compa:comparatore port map ( in1 => entra, usci => temp ); esci <= temp1 end structural;

17 La Concorrenza La caratteristica principale del VHDL è permettere la descrizioni concorrenti Questo si può fare istanziando dei component Si può anche fare, però, usando dei process

18 Process Il compilatore/simulatore VHDL sa che ad ogni evento che si verifica deve far partire in modo concorrente i vari blocchi di codice Tali blocchi sono quelli racchiusi dentro ad un process Un process è attivato se e solo se il segnale che è variato è racchiuso nella sua sensivity list

19 Esempio Process Si da un esempio di un process nome_process: process (sensivity list) begin... end process nome_process;

20 Tipi di Process Esistono 2 tipi fondamentali di process Process Combinatorio Serve a descrivere circuiti PURAMENTE combinatori (no clock) Process Sequenziali Serve a descrivere circuiti SEQUENZIALI (ovvero dove è presente un segnale di clock)

21 Tipi di process Sequenziali nella SENSIVITY LIST compaiono SOLO CLOCK e RESET ASINCRONO Combinatori nella SENSIVITY LIST compiono TUTTI i SEGNALI da ELABORARE

22 Esempio Process Sequenziale -- purpose: registro numero 1 -- type : sequential -- inputs : clk, reset, in_data -- outputs: scambio1 reg_1: process (clk, reset) begin -- process reg_1 if reset = '0' then -- asynchronous reset (active low) temp1 <= (others => '0'); elsif clk'event and clk = '1' then -- rising clock edge temp1 <= appoggio; end if; scambio1 <= temp1; end process reg_1;

23 Commento Nella Sensivity List ho solo clock e reset asincrono e non altri segnali Questo processo diventa attivo se e solo se o il clock o il reset subiscono variazioni Riconosco il fronte attivo (che è quello di salita) del clock tramite: clk'event and clk = '1'

24 Esempio Process Combinatorio MUX_TOBALLY: process (sel_r,from_pci) begin -- process MUX_TOBALLY if sel_r='0' then To_Bally <= from_pci; else To_Bally <= (others => '0'); end if; end process MUX_TOBALLY;

25 Commento La Sensivity List contiene 2 segnali che sono gli ingressi del process Sono questi 2 che, quando viene rivelata una loro variazione che scatenano l elaborazione del processo

26 Costrutti - if E utilizzato dentro un process if Condizione then elsif Condizione then else end if; Possono non Essere necessari

27 Costrutti - for E utilizzato dentro un process La variabile di conteggio viene istanziata direttamente nel ciclo for for variabile in val_iniziale to/downto val_finale loop... end loop;

28 Costrutto for generate Serve ad istanziare in modo automatico un numero n=(val_fin-val_iniz) di component Usato fuori da un process Sintassi: label: for variabile in val_iniz to/downto val_fin... end generate label;

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Reti Logiche A. Introduzione al VHDL

Reti Logiche A. Introduzione al VHDL Reti Logiche Introduzione al VHDL Gianluca Palermo Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione e-mail: gpalermo@fusberta.elet.polimi.it 1 Sommario Introduzione Struttura di un modello

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica. Metodologie e strumenti per il reengineering del workflow management

Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica. Metodologie e strumenti per il reengineering del workflow management Descrizione di Macchine a Stati finiti in VHDL Descrizioni di Macchine a Stati finiti in VHDL In questa lezione vedremo come un sistema digitale sequenziale può essere descritto in VHDL. Outline: Macchine

Dettagli

Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010

Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione prof.ssa Anna Antola prof. Fabrizio Ferrandi Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010 Matricola prof.ssa Cristiana Bolchini Cognome Nome

Dettagli

Nonostante l avvento delle più moderne

Nonostante l avvento delle più moderne di terminati ad entrambe le estremità con un impedenza di questo valore. Come già detto se si vuole ottenere la massima luminosità di uno dei segnali di colore occorre fornire circa 0.7V. Per fare questo

Dettagli

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2 Calcolatori Elettronici M Modulo 2 02 - Linguaggio VHDL Parte 1/2 1 Caratteristiche dei linguaggi HDL Gli HDL, essendo linguaggio di programmazione finalizzati a modellare l HARDWARE, presentano delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica !" #$ & +

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ! #$ & + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica!" #$ %&&'()* & + + Sommario INTRODUZIONE... 2 1.1 UN ESEMPIO... 3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL LINGUAGGIO...

Dettagli

Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Obiettivo

Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Obiettivo Tecnologie e Progettazione dei sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Scheda Recupero Estivo Classe IIIG Il recupero estivo nella materia sarà valutato con un test scritto, durante i giorni dedicati

Dettagli

Descrizione VHDL di componenti combinatori

Descrizione VHDL di componenti combinatori Descrizione VHDL di componenti combinatori 5 giugno 2003 1 Decoder Il decoder è un componente dotato di N ingressi e 2 N uscite. Le uscite sono poste tutte a 0 tranne quella corrispondente al numero binario

Dettagli

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Sergio Ricciarini ~ IFAC (CNR), Firenze Corso di Elettronica Generale I Laurea Magistrale in Scienze Fisiche e Astrofisiche Università di Firenze 2014-11-04

Dettagli

Metodologie di Progettazione Hardware-Software

Metodologie di Progettazione Hardware-Software Metodologie di Progettazione Hardware-Software Il Very High Speed Integrated Circuit Hardware Description Language ( VHDL ) Metodologie di Progettazione Hardware/Software LS Ing. Informatica 1 Gli Hardware

Dettagli

Sintesi Logica dal livello RTL. FPGA Xilinx Virtex II

Sintesi Logica dal livello RTL. FPGA Xilinx Virtex II Sintesi Logica dal livello RTL FPGA Xilinx Virtex II 1 Sintesi Logica dal livello RTL La Sintesi Logica si occupa di trasformare la descrizione di un circuito a livello RTL (Register Transfer Level) in

Dettagli

Hardware Open Source per sistemi embedded

Hardware Open Source per sistemi embedded Hardware Open Source per sistemi embedded Leandro Fiorin OSLab ALaRI, Facoltà di Informatica Università della Svizzera italiana fiorin@alari.ch Outline Introduzione Hardware open source Licenze per Hardware

Dettagli

Microprocessore a 16 bit in tecnologia CMOS 45nm

Microprocessore a 16 bit in tecnologia CMOS 45nm Descrizione Microprocessore a 16 bit in tecnologia CMOS 45nm Realizzare interamente un semplice microprocessore Pico a 16 bit, partendo dalla unità logico-aritmetica (ALU) fino ad arrivare al microcontrollore.

Dettagli

Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati

Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati Elaborato di Architettura dei Sistemi Integrati Indice Indice... 1 Prima Esercitazione: Adder a 16bit... 3 Seconda Esercitazione: ALU del processore... 7 Modulo aritmetico... 7 Modulo logico...11 ALU Unità

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori Elettronici

Laboratorio di Calcolatori Elettronici Laboratorio di Calcolatori Elettronici Introduzione al VHDL Progettare utilizzando VHDL: dall esempio al costrutto 1 di 72 Ringraziamenti Questo dispensa è stata sviluppata nell ambito del corso di Calcolatori

Dettagli

Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Università Federico II - Napoli - A.A. 2011/2012 Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Architettura dei Sistemi Integrati Elaborato Progettazione microprocessore Pico16 Alunno X X Professore Antonio

Dettagli

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL

Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Progettazione di circuiti digitali e linguaggio VHDL Sergio Ricciarini ~ INFN Firenze Corso di Elettronica Generale I Laurea Specialistica in Scienze Fisiche e Astrofisiche Dip. di Fisica - Università

Dettagli

ARCHITETTURA DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURA DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE ARCHITETTURA DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE Progetto di una ALU a 16 bit Sommario Progetto di una ALU a 16 bit... 1 Introduzione... 2 Specifiche... 3 Implementazione... 3 Button Manager... 7 Terminale...

Dettagli

Laboratorio di Sistemi per la Progettazione Automatica a.a. 2008/09

Laboratorio di Sistemi per la Progettazione Automatica a.a. 2008/09 Laboratorio di Sistemi per la Progettazione Automatica a.a. 2008/09 Giuseppe Di Guglielmo Università degli Studi Di Verona Dipartimento di Informatica Lezione 3: HDL Designer Revisione: mercoledì 18 marzo

Dettagli

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati CAPITOLO 2 Questo capitolo contiene una breve storia sull evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati, seguita da una approfondita analisi dei mezzi che vengono usati attualmente a tale scopo,

Dettagli

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C# Andrea Manganaro Elio Romanelli Regolamentazioni AAMS Descrizione del progetto GAMEGAME RANDOM RANDOM 1-2-31 GAME GAME 2 FINALFINAL

Dettagli

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit Calcolatori Elettronici M Modulo 2 05 - Progetto VHDL e Sintesi su FPGA di un processore RISC pipelined a 32 bit 1 Introduzione In questa parte del corso verrà descritto il progetto VHDL di un processore

Dettagli

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C#.

Progetto di una Slot Machine da sala scommesse implementata in VHDL e C#. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA' DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Calcolatori Elettronici M Prof. Giovanni Neri, Prof. Stefano Mattoccia Progetto di Calcolatori

Dettagli

Università degli Studi di Padova. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Padova. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Padova Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Sviluppo di un sistema anti intrusione su scheda FPGA Laureando: Loris Pretto Relatore: Prof. Daniele Vogrig Sommario Scopo della

Dettagli

Úimparare & approfondiredi FRANCESCO PENTELLA

Úimparare & approfondiredi FRANCESCO PENTELLA imparare & Úimparare & approfondiredi FRANCESCO PENTELLA Lezioni di VHDL (parte settima) SILICORE SLC1657 Nella settima parte di questo corso proponiamo un esempio più complesso, ma allo stesso tempo interessante:

Dettagli

Misuratore di frequenza

Misuratore di frequenza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Misuratore di frequenza Tesi di laurea triennale in ingegneria dell Informazione Antonio Rizzo Matricola: 610143 28/09/2012 Relatore: Daniele Vogrig Realizzazione di un

Dettagli

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 04 - Mapping di un progetto VHDL su FPGA

Calcolatori Elettronici M Modulo 2. 04 - Mapping di un progetto VHDL su FPGA Calcolatori Elettronici M Modulo 2 04 - Mapping di un progetto VHDL su FPGA In collaborazione con: Davide Nanni*, Andrea Bucaletti e Domenico Di Carlo 1 L obiettivo di questa lezione è mostrare come sia

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Macchine a stati finiti sincrone

Macchine a stati finiti sincrone Macchine a stati finiti sincrone Modulo 6 Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Microelettronica e Bioingegneria (EOLAB) Macchine a stati finiti Dall

Dettagli

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6 Ciclo di Istruzione Può essere suddiviso in 4 tipi di sequenze di microoperazioni (cioè attività di calcolo aritmetico/logico, trasferimento e memorizzazione dei dati), non tutte necessariamente da realizzare

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno UD 3.1b: Costrutti di un Algoritmo Dispense 1.2 I Costrutti di base 13 apr 2010

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Registri. «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net

Registri. «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net «a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net Registri Registri semplici....................................... 1823 Registri a scorrimento..................................

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni. Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni. Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Relazione Progetto del Corso di Elettronica Dei Sistemi Digitali Decodificatore Morse Professore: Prof. R. Passerone. Studenti:

Dettagli

Progettazione in VHDL del Vertex Shader

Progettazione in VHDL del Vertex Shader Progettazione in VHDL del Vertex Shader Pag. 75 PARTE TERZA Progettazione in VHDL del Vertex Shader Autori: Gian Maria Ricci La presente parte è organizzata nei seguenti capitoli: Capitolo 3. Realizzare

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

Reti sequenziali e strutturazione firmware

Reti sequenziali e strutturazione firmware Architettura degli Elaboratori, a.a. 25-6 Reti sequenziali e strutturazione firmware Alla parte di corso sulle reti sequenziali è apportata una sensibile semplificazione rispetto a quanto contenuto nel

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

CORSO DI ELETTRONICA DEI SISTEMI DIGITALI

CORSO DI ELETTRONICA DEI SISTEMI DIGITALI CORSO DI ELETTRONICA DEI SISTEMI DIGITALI Capitolo 1 Porte logiche in tecnologia CMOS 1.0 Introduzione 1 1.1 Caratteristiche elettriche statiche di un transistore MOS 2 1.1.1 Simboli circuitali per un

Dettagli

Introduzione. 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali

Introduzione. 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali 1 Introduzione 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali I primi sistemi digitali intesi come sistemi di elaborazione basati su tecnologie elettriche o elettromeccaniche e operanti su informazione

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC

Programmable Logic Controllers - PLC Programmable Logic Controllers - PLC Introduzione! Negli anni sessanta i sistemi di automazione e controllo potevano essere implementati solo tramite circuiti a relè oppure con dispositivi allo stato solido

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

C a r l o B i a s i C o m o, 2 0 0 5

C a r l o B i a s i C o m o, 2 0 0 5 C a r l o B i a s i C o m o, 2 0 0 5 INDICE 1. Rom.. 3 2. Pal 4 3. Pla 6 4. Pld 7 5. VHDL 8 5.1 design entity 10 5.2 architecture. 10 5.3 processo. 13 5.4 iterazioni.. 15 6. Esempi. 16 6.1 flip-flop D.

Dettagli

Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti

Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 9 Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell nformazione Università degli Studi di

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Hardware-Software Co-Design e SystemC

Elettronica dei Sistemi Digitali Hardware-Software Co-Design e SystemC Elettronica dei Sistemi Digitali Hardware-Software Co-Design e SystemC Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Macchine a stati finiti G. MARSELLA UNIVERSITÀ DEL SALENTO

Macchine a stati finiti G. MARSELLA UNIVERSITÀ DEL SALENTO Macchine a stati finiti 1 G. MARSELLA UNIVERSITÀ DEL SALENTO Introduzione Al più alto livello di astrazione il progetto logico impiega un modello, la cosiddetta macchina a stati finiti, per descrivere

Dettagli

Esercitazione 2 di verifica

Esercitazione 2 di verifica Architettura degli Elaboratori, 27-8 Esercitazione 2 di verifica Soluzione: mercoledì 24 ottobre Una unità di elaborazione U è così definita: Domanda 1 i) possiede al suo interno due componenti logici

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Laboratorio di Architettura degli Elaboratori A.A. 2015/16 Circuiti Logici Per ogni lezione, sintetizzare i circuiti combinatori o sequenziali che soddisfino le specifiche date e quindi implementarli e

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati e collegati

Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati e collegati Il Livello LogicoDigitale i Blocchi funzionali combinatori Circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o rettangolare, sulla cui superficie vengono realizzati

Dettagli

Corso di Linguaggi di Programmazione

Corso di Linguaggi di Programmazione Corso di Linguaggi di Programmazione Lezione 19 Alberto Ceselli alberto.ceselli@unimi.it Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università degli Studi di Milano 18 Maggio 2010 idea: sfruttare i

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI

PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI PRINCIPI DI SISTEMI OPERATIVI ESERCIZIO del 28 NOVEMBRE 2003 Un distributore di benzina ha a disposizione P pompe e una cisterna da L litri. Le automobili arrivano al distributore e richiedono un certo

Dettagli

Simulazione di guasto

Simulazione di guasto Simulazione di guasto Problemi e applicazioni Algoritmi Seriale Parallelo Deduttivo Concorrente Random Fault Sampling Sommario Problemi e Applicazioni Problema, dati: Un circuito Una sequenza di vettori

Dettagli

Circuiti integrati. Circuiti integrati

Circuiti integrati. Circuiti integrati Circuiti integrati Circuiti integrati Le porte logiche non vengono prodotte isolatamente, ma sono realizzate su circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o

Dettagli

Introduzione ad AADL. Piergiorgio Di Giacomo Firenze, 07 giugno 2005 ESI 2005 1

Introduzione ad AADL. Piergiorgio Di Giacomo Firenze, 07 giugno 2005 ESI 2005 1 Introduzione ad AADL Piergiorgio Di Giacomo Firenze, 07 giugno 2005 ESI 2005 1 Note storiche All inizio degli anni 90 l attenzione di molte scuole di ricerca é stata rivolta alla struttura delle architetture

Dettagli

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Giuseppe Berio Giuseppe Berio DI - Unito 1 Esempio La transazione deve registrare l evasione di un ordine, rappresentato su più tabelle specializzate

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

CONTATORI ASINCRONI. Fig. 1

CONTATORI ASINCRONI. Fig. 1 CONTATORI ASINCRONI Consideriamo di utilizzare tre Flip Flop J K secondo lo schema seguente: VCC Fig. 1 Notiamo subito che tuttigli ingressi J K sono collegati alle Vcc cioe allo stato logico 1, questo

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

DIAGRAMMI DI SEQUENZA

DIAGRAMMI DI SEQUENZA DIAGRAMMI DI SEQUENZA Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2015-2016 Premessa As always, there is never a correct solution to any modelling problem. It s more that some models are more precise, and

Dettagli

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Docente: Stefano Vitturi Ricercatore C.N.R. Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni IEIIT - C.N.R. Unità Staccata presso il Dipartimento

Dettagli

Sviluppo del firmware, per FPGA, per il controllo del front-end analogico dello spettro-dosimetro montato sul satellite AtmoCube

Sviluppo del firmware, per FPGA, per il controllo del front-end analogico dello spettro-dosimetro montato sul satellite AtmoCube UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Ingegneria C.d.L. Triennale in Ingegneria Elettronica Sviluppo del firmware, per FPGA, per il controllo del front-end analogico dello spettro-dosimetro montato

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Flip-flop Macchine sequenziali

Flip-flop Macchine sequenziali Flip-flop Macchine sequenziali Introduzione I circuiti digitali possono essere così classificati Circuiti combinatori Il valore delle uscite ad un determinato istante dipende unicamente dal valore degli

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

La Progettazione del Software

La Progettazione del Software del Software Definizioni IEEE Metodologie di progettazione Principi di progettazione Tecniche di progettazione (top down e bottom up) Moduli e criteri di modularizzazione: coesione ed accoppiamento, indipendenza

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO L architettura di un calcolatore Informatica Linguaggi ad alto livello/applicazioni Sistema operativo Assembler ISA Architettura

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE Quattro parti: Gestione dati Client-Server Logica + interfaccia Logica + interfaccia Business rules Sistema di comunicazione Logica applicativa DBMS:

Dettagli

Realizzazione del controllo

Realizzazione del controllo Realizzazione del controllo La generazione della corretta sequenza di segnali di controllo per l esecuzione di una data istruzione avviene da parte dell Unità di Controllo. La sequenza generata è funzione:

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI Quattro parti: Gestione dati Business rules Logica applicativa Interfaccia utente Molte possibili architetture L approccio tradizionale: uso di un linguaggio PLSQL 1.1

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Ingegneria

Università degli studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica INTERFACCIA I 2 C PER LA LETTURA E LA PROGRAMMAZIONE DEL CIRCUITO INTEGRATO DI CONTROLLO DI

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 3 I Discip lina: Elettrotecnica ed Elettronica PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta dai docenti: cognome

Dettagli

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica 03 COME OTTIMIZZARE IN LABVIEW APPLICAZIONI DI TEST AUTOMATIZZATI PER PROCESSORI MULTICORE David Hall Vediamo come delle applicazioni scritte in LabVIEW possono essere ottimizzate sfruttando tecniche di

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Università di Udine - Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Circuiti logici, lezione 1 Sintetizzare

Dettagli

MODELLO DLX IN UNISIM

MODELLO DLX IN UNISIM Architettura e descrizione del modello MODELLO DLX IN UNISIM RINGRAZIAMENTI : I materiali per questa presentazione sono tratti dal tutorial ufficiale di UNISIM - https://unisim.org/site/tutorials/start

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Progettazione e Realizzazione di un Sistema di Test per Dispositivi di Identificazione a RadioFrequenza

Progettazione e Realizzazione di un Sistema di Test per Dispositivi di Identificazione a RadioFrequenza Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Progettazione e Realizzazione di un Sistema di Test per Dispositivi di Identificazione

Dettagli

La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico 2006 2007 pagina 1

La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico 2006 2007 pagina 1 La microarchitettura. anno accademico 2006 2007 pagina 1 Integer Java virtual machine Ogni microprocessore può avere una microarchitettura diversa, ma la modalità di funzionamento per certi aspetti è generale.

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED ROUND ROBIN ROUND ROBIN CON INTERRUPT FUNCTION QUEUE SCHEDULING REAL TIME OPERATING SYSTEMS (RTOS) INTERRUPT PROGRAMMATI: TIMER INTRODUZIONE 2 In relazione

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte Prima Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi

Dettagli

Applicazioni del PLC: software

Applicazioni del PLC: software Applicazioni del PLC: software 1 Norme di Riferimento Si occupano dei PLC le Norme IEC 1131 tradotte dalle EN 61131 e classificate per il CEI dal Comitato Tecnico n 65; in esse vengono trattati argomenti

Dettagli

Il software e la programmazione

Il software e la programmazione Il software e la programmazione Concetti base sul software Elementi di programmazione Cenni sul linguaggio Pascal Che cosa è il software Determina ciò che un computer può fare Include istruzioni memorizzate

Dettagli

VHDL - Introduzione. /CORSI/TLC/FA412/materiale/Laboratorio/Esercitazione 3/gmvhdl14.zip

VHDL - Introduzione. /CORSI/TLC/FA412/materiale/Laboratorio/Esercitazione 3/gmvhdl14.zip VHDL - Introduzione VHDL = VHSIC Hardware Description Language VHSIC = Very High Speed Integrated Circuits Scopo presentazione: introdurre un sottoinsieme del sottoinsieme del linguaggio VHDL utilizzabile

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 4 H Disciplina: Sistemi automatici Docenti: Linguanti Vincenzo Gasco Giovanni PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE OBIETTIVI

Dettagli

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud );

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud ); Esercizio di Sincronizzazione Tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato Un ponte contiene una sola csia di traffico consentendo così l'accesso a macchine provenienti da una sola direzione per volta,

Dettagli