05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu"

Transcript

1 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1

2 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere tutti i programmi applicativi, i documenti e gli altri tipi di file utilizzati dall utente. Per risolvere questi problemi si ricorre alle memorie secondarie, note anche come memorie di massa, ausiliari o esterne, che consentono di immagazzinare in modo permanente i dati e i programmi al momento non utilizzati e di ricaricarli nella memoria centrale in qualsiasi istante. 2

3 I dispositivi e i supporti di memorizzazione Le memorie secondarie comprendono due elementi distinti: Il dispositivo Il supporto di memorizzazione Ad esempio un lettore Cd sarà il dispositivo, mentre il CD sarà il supporto di memorizzazione. 3

4 I dispositivi e i supporti di memorizzazione I dispositivi di memorizzazione hanno la funzione di leggere e scrivere i dati sul supporto: La scrittura consiste nel copiare i dati dalla memoria centrale dell elaboratore al supporto di memorizzazione. La lettura, viceversa, consiste nel copiare i dati dal supporto di memorizzazione alla memorizza centrale. La parte dell unità che svolge queste due funzioni è detta testina di lettura/scrittura. Il supporto di memorizzazione, invece, è il componente fisico su cui vengono immagazzini i dati. Queste componenti possono essere magnetiche, ottiche o allo stato solido. 4

5 La memoria magnetica Il fenomeno della polarità viene sfruttato per la registrazione su disco o su nastro, che avviene secondo questa modalità: Mentre il disco gira o il nastro scorre, la testina di lettura/scrittura emette impulsi elettrici che invertono la polarità delle piccole particelle magnetiche presenti sulla superficie del supporto. Gli allineamenti delle particelle rappresentano i dati in forma binaria. Quando un file viene aperto per la lettura avviene l opposto: le particelle magnetiche inducono nella testina di lettura/scrittura una corrente elettrica che viene trasmessa al computer come sequenza di 0 e 1. 5

6 La memoria ottica La registrazione ottica avviene per mezzo di un raggio laser che crea sottili scanalature sulla superficie di un disco. Nel caso dei CD o dei DVD si crea un alternanza di zone chiare e scure (intersolchi e scanalature) che vengono lette come una successione di 0 e 1. Mentre il disco gira nell unità un sottile raggio laser colpisce la sua superficie che riflette una quantità di luce maggiore o minore a seconda della zona colpita. A questo punto un dispositivo detto rivelatore fotoelettrico misura i diversi gradi di rifrazione della luce che vengono convertiti dai circuiti in forma binaria. 6

7 La memoria allo stato solido Tra i dispositivi di memorizzazione più recenti troviamo la memoria flash, costituita da chip simili a quelli utilizzati per la memoria RAM ma in grado i registrare dati in modo permanente. Questi dispositivi non avendo parti mobili sono più rapidi dei dischi e dei nastri letti da dispositivi elettromeccanici. 7

8 Accesso diretto o accesso sequenziale Per comprendere in che cosa consistono l accesso diretto e l accesso sequenziale, si può pensare alla differenza tra il funzionamento di un CD e quello di una cassetta. Nel CD si può selezionare direttamente la canzone che si vuole ascoltare (accesso diretto o casuale). Nella cassetta occorre far scorrere il nastro finché non si individua la canzone scelta (accesso sequenziale). 8

9 La formattazione di un dispositivo Un disco o un nastro magnetico possono essere utilizzati soltanto dopo essere stati formattati. La formattazione è l'operazione tramite la quale si prepara per l'uso un supporto di memorizzazione di massa, come ad esempio un disco fisso. L'operazione consiste nel dividere la capacità del disco in una serie di blocchi di uguali dimensioni e fornire una struttura in cui verranno scritte le informazioni che permetteranno l'accesso ai dati desiderati. 9

10 Velocità Il reperimento di dati archiviati in una memoria di massa richiede un certo periodo di tempo, la cui durata varia in base a due caratteristiche meccaniche: La velocità di rotazione, cioè il numero di giri compiuti dal disco di un minuto. Il tempo di posizionamento, cioè il tempo impiegato dall unità di lettura per localizzare la traccia su cui sono memorizzati i dati. 10

11 Velocità Una volta trovata la traccia, l unità deve attendere che i dati scorrano sotto la sua testina di lettura, questo periodo è chiamato latenza. La somma tra la latenza e il tempo di posizionamento corrisponde al tempo di accesso. Il tempo di accesso varia da un dispositivo all altro. Il più veloce è quello della memoria flash, seguita dagli hard disk mentre quello più lento è quello dei nastri. 11

12 Velocità Una volta localizzati i dati nella memoria secondaria, l elaboratore li trasferisce nella memoria centrale (RAM). La velocità impiegata per eseguire questa operazione è detta velocità di trasferimento dei dati. 12

13 Capacità di memorizzazione La quantità di dati che un supporto di memorizzazione è in grado di contenere è detta capacità di memorizzazione ed è determinata da diversi fattori, tra cui la densità, la grandezza o la lunghezza della superficie di memorizzazione del supporto. 13

14 Removibilità La tipica unità per disco rigido, contiene sia il dispositivo di lettura/scrittura sia il supporto di memorizzazione integrati in un unica unità sigillata. Tuttavia in molti casi le memorie di massa hanno supporti removibili, cioè estraibili dalle unità di lettura/scrittura. Esempi di supporti removibili sono il CDROM, i DVD e le schede di memoria flash a esistono anche dischi rigidi removibili. 14

15 I supporti di memorizzazione 15

16 Il dischetto Il dischetto (o floppy disc) avevano un diametro di 3,5 pollici e una capacità di 1.44 MB. La scarsa capacità di questi dispositivi li rende al giorno d oggi inutilizzabili e sono ormai solo un ricordo. 16

17 Le pennine o chiavette USB Le pennine USB, o memory stick sono ormai i dispositivi di memoria più utilizzati. Si tratta di memorie flash inserite all interno di un rivestimento di plastica dalle dimensioni ridotte. Sono dotate di un interfaccia USB grazie alla quale possono essere connesse al computer senza bisogno di drive o slot particolari, senza necessità di alimentazione esterna e senza richiedere l installazione di alcun software di controllo. L estrema praticità e la capacità notevole (si arriva a diversi GB) li rendono diffusi e piuttosto economico. 17

18 I dischi fissi I dischi fissi, chiamati anche dischi rigidi o hard disk sono le memorie di massa più usate. Le caratteristiche che li contraddistinguono sono: Affidabilità Velocità di accesso ai dati Costi contenuti 18

19 All interno di un disco fisso Un disco fisso è costituito da una scatola sigillata contenente uno o più piatti di vetro-ceramica o di alluminio rivestiti da un sottile strato di materiale magnetico I dati digitali sono registrati sulla superficie del piatto in cerchi concentrici chiamati tracce. La registrazione avviene tramite una testina di lettura/scrittura fissata a un braccio mobile. Poiché i dati sono registrati su entrambe le superfici del piatto in realtà ci sono due testine, una per lato, sempre solidali tra loro. 19

20 Le tolleranze del disco fisso Le testine di lettura/scrittura a parte quando sono ferme e durante movimenti verticali di assestamento non vengono mai a contatto diretto con la superficie del disco, ma girano su un cuscinetto d aria. Il disco scorre molto velocemente a una distanza minuscola dal disco. Per evitare che agenti esterni vadano a infilarsi nello spazio tra la testina e il disco gli hard disk sono racchiusi in contenitori a tenuta d aria. Anche se i danni dovuti a un crash possono essere disastrosi è importante che la testina viaggi così vicino al disco. 20

21 I controller del disco fisso Per poter comunicare con l elaboratore l unità del disco fisso necessita di un interaccia. L industria dell informatica come standard ha adottato l interfaccia EIDE o ATA. Più recente è l interfaccia SATA che si basa su una modalità di trasferimento dati seriale anziché parallela e aumenta la quantità di dati che è possibile trasferire al secondo. Per i server e le workstation più potenti si preferisce la più avanzata e costosa tecnologia SCSI. 21

22 I dischi ottici I dischi ottici registrano e leggono dati per mezzo di un laser. I più famosi sono il CD-ROM, il DVD- ROM e i dischi ottici cancellabili. I loro vantaggi sono la rimovibilità e la grande capacità di archiviazione. 22

23 Il laser: una penna ottica La scrittura e la lettura dei dati dai dischi ottici viene effettuata con il laser, ovvero un tipo di radiazione elettromagnetica. Attualmente la scrittura e la lettura dei dati sono effettuate tramite raggi infrarossi ma nel prossimo futuro verranno utilizzati i laser blu che con una lunghezza d onda più corta possono registrare in una data area una quantità di dati fino a quattro volte maggiore. 23

24 I vantaggi dei dischi ottici I produttori di software utilizzano quasi esclusivamente i CD e i DVD per il commercio di software perché sono più difficili da copiare e perché la loro fabbricazione è molto economica. Inoltre, quelli che vengono venduti con il software all interno, sono di tipo ROM, e di conseguenza una volta scritti dal produttore non possono essere modificati, quindi anche la presenza di virus nascosti è arginata. 24

25 I CD I CD-ROM sono dei dischi che possono arrivare fino a una capacità di 800 Mb. Come molti altri tipi di supporto vengono valutati in base al tempo di accesso e alla velocità di trasferimento dei dati. Poiché molte caratteristiche sono fissate da specifiche che li rendono compatibili con tutte le unità di lettura in circolazione, per aumentare le prestazioni basta inserirli in un unità più veloce. Più alta è la velocità di rotazione, minore è il tempo di accesso ai dati e più veloce il loro trasferimento. 25

26 I CD I normali CD-ROM possono essere soltanto letti, ma esistono versioni di questo genere di supporto che permettono anche la registrazione. I CD registrabili (CD-R) possono essere scritti una volta sola. I CD riscrivibili (CD-RW) possono essere registrati, cancellati e riutilizzati più volte e richiedono la presenza di un dispositivo chiamato masterizzatore per la scrittura. 26

27 I DVD In questi supporti, simili ai CD è possibile memorizzare una quantità maggiore di dati. Inizialmente è stato possibile immagazzinare 4.7 Gb di informazioni digitali su un unico lato di un disco a uno strato di grandezza uguale al CD- ROM. La tecnologia ha anche sviluppato un disco a doppio strato o in alternativa con entrambe le superfici registrabili da 9.4 Gb e uno con entrambe le caratteristiche in grado di contenere fino a 17 Gb. Anche i DVD esistono in versioni registrabili e riscrivibili. 27

28 La memorizzazione dei dati 28

29 La compressione A mano a mano che in un dispositivo vengono aggiunti file lo spazio a disposizione diventa sempre più ridotto e una volta esaurito del tutto non è più possibile salvare nuovi file e nemmeno eseguire i programmi in memoria. Inoltre i dischi quando sono quasi pieni iniziano a funzionare male perché l elaboratore fatica a trovare spazio. Invece di installare un nuovo disco si può ricorrere alla compressione che riduce le dimensioni dei file. 29

30 La compressione Esistono due tipi di compressione: La compressione del disco: comprime il disco intero. Una volta eseguito il programma di utilità le operazioni di compressione diventeranno automatiche e verranno effettuate istantaneamente, vale a dire che i file verranno memorizzati direttamente compressi e poi decompressi al momento dell utilizzo. La compressione dei file: serve a comprimere solo i file specifici. Con un apposito programma è possibile creare un archivio in cui i file vengono memorizzati automaticamente in formato compresso. Quando si deve lavorare su uno di questi file basta toglierlo dall archivio e ritornerà automaticamente al formato normale. I formati di archivio più diffusi sono ZIP e RAR. 30

31 Considerazioni sulle memorie Come abbiamo visto ci sono diversi tipi di memoria secondaria, ognuno dei quali presenta dei vantaggi e degli svantaggi. Due importanti criteri per la valutazione delle memorie di massa sono: il tempo di accesso ai dati il costo dei dispositivi. Per i dati di uso più frequente è opportuno utilizzare i supporti di memorizzazione più veloci, anche se costano di più. I dati che vengono usati più raramente, per esempio i dati che vengono usati per ripristinare il sistema in caso di problemi, possono essere archiviati in supporti più lenti ed economici. 31

32 Il backup dei dati 32

33 Il backup dei dati L operazione di backup dei dati, cioè la copia di tutti i dati in memoria o almeno dei file di maggior vale è importantissima. Il backup è importante perché possono verificarsi degli incidenti che portano alla perdita o alla distruzione dei dati. I dischi fissi come ogni altra componente meccanica sono soggetti a usura e possono rompersi. I computer portatili possono essere rubati e quindi si perdono anche i dati in esso contenuti. Una persona non autorizzata può arrecare più o meno involontariamente danni ai dati. Il sistema può essere infettato da virus che possono distruggere i dati. 33

34 L archiviazione off-site L archiviazione off-site consiste nel riporre la copia di sicurezza in un luogo abbastanza distante dall originale così da evitare che la copia possa essere danneggiata dallo stesso incidente. Se pr esempio archiviate la copia di backup nello stesso edificio in cui trova l originale potrebbero entrambe sparire a causa di un furto o di un incendio. 34

35 I supporti di backup ad accesso casuale Molti supporti di memoria, come ad esempio i dischi fissi funzionano ad accesso casuale. Questo tipo di accesso è molto conveniente perché consente di reperire facilmente i file contenuti in una memoria di massa. I dischi rigidi removibili sono come i normali dischi fissi ma possono essere estratti dall unità del disco. I CD e i DVD bruciano i dati su un supporto ottico che ha il vantaggio di essere a basso costo anche se non riscrivibile. 35

36 L utilità del backup Un errore umano, come la scorretta installazione o utilizzazione di un programma La caduta accidentale di un portatile Il cattivo funzionamento del sistema, provocato ad esempio da un guasto al disco fisso La testina può toccare il disco che gira e raschiarlo Catastrofi naturali Lo scoppio di tubi d acqua, blackout, temporali, incendi. Sono tutte possibili cause di perdita dati, per cui è sempre meglio avere una copia di backup dei dati più importanti. 36

37 Fine 37

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE

L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE Il significato della parola inglese backup è : to copy file data from one mass memory to another for security reasons; in italiano, invece,

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Modulo 1: Le I.C.T. : Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Prof. Alberto Postiglione Curtin, cap. 5.1 Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

1.4e: MEMORIA DI MASSA

1.4e: MEMORIA DI MASSA 1.4e: MEMORIA DI MASSA 2 30 nov 2011 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6, 5.7 IV ediz.: cap. 4.1, 15.1, 4.2,

Dettagli

Introduzione all uso del Personal Computer

Introduzione all uso del Personal Computer Introduzione all uso del Personal Computer Cenni di storia dei calcolatori Il Personal Computer: Processo di avvio del computer Sistemi Operativi Il computer, invece, è composto da piccoli rettangoli

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Le schede operative. La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi

Le schede operative. La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi Collegio dei Ragionieri di Brescia Commissione Informatica Le schede operative La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi di Biagio Notario Indicazioni sulla sicurezza minimale dei dati: il salvataggio.

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

L importanza del salvataggio dei dati Febbraio 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

G UI D A AL R E C U P E RO DEI DAT I D A T A R E C O V E R Y d a H A R D D I S K

G UI D A AL R E C U P E RO DEI DAT I D A T A R E C O V E R Y d a H A R D D I S K G UI D A AL R E C U P E RO DEI DAT I D A T A R E C O V E R Y d a H A R D D I S K Recupero dati professionale, software e in camera bianca, da ogni marca e modello Seagate, Maxtor, Hitachi, Toshiba, Western

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA...2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)...2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer Il case Il case (termine di origine inglese), anche chiamato cabinet (sempre dall'inglese, è il telaio metallico all'interno del quale sono assemblati i componenti principali di un

Dettagli

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere!

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! Pablo Genova I. I. S. Angelo Omodeo Mortara A. S. 2015 2016 COS'E' UN COMPUTER? È una macchina elettronica programmabile costituita da

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 1

CORSO DI INFORMATICA 1 CORSO DI INFORMATICA 1 All interno del computer ci sono dei dispositivi che permettono di memorizzare i lavori che vengono creati. Questi dispositivi sono l HARD-DISK (o DISCO FISSO) e il LETTORE E MASTERIZZATORE

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Memorie di massa SSD (drive a stato solido) SSD

Memorie di massa SSD (drive a stato solido) SSD Sistemi Gerboni Roberta Memorie di massa SSD (drive a stato solido) Un unità a stato solido o drive a stato solido (SSD) è un dispositivo di archiviazione dati che usa una memoria a stato solido per memorizzare

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Struttura del Calcolatore Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. Corrado Santoro

Struttura del Calcolatore Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. Corrado Santoro Struttura del Calcolatore Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. Corrado Santoro La prima macchina programmabile Conoscete queste macchine? Telai Jacquard (primi anni del 1800) Macchina per

Dettagli

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati).

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati). MEMORIA CENTRALE Insieme di celle, ciascuna delle quali è individuata da un indirizzo espresso da n bit (n = lunghezza del registro MA). Es. Registro Indirizzi di 32 bit 2 32 celle = 4 Gcelle 4 Gbyte Il

Dettagli

Backup e ripristino dei dati in Windows XP

Backup e ripristino dei dati in Windows XP Backup e ripristino dei dati in Windows XP Usare l applicazione integrata di Windows XP per mettere al sicuro i dati importanti di Stefano Spelta Ad un personal computer, specie se utilizzato in ambito

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

copie di salvaguardia

copie di salvaguardia Sicurezza informatica copie di salvaguardia Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Sicurezza informatica Le principali problematiche relative alla sicurezza delle informazioni

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Liceo statale Melchiorre Gioia viale Risorgimento, 1 29121 Piacenza 0523 306209 0523 332233 liceogioia@liceogioia.it www.liceogioia.

Liceo statale Melchiorre Gioia viale Risorgimento, 1 29121 Piacenza 0523 306209 0523 332233 liceogioia@liceogioia.it www.liceogioia. Liceo statale Melchiorre Gioia viale Risorgimento, 1 29121 Piacenza 0523 306209 0523 332233 liceogioia@liceogioia.it www.liceogioia.it Iscrizioni a.s. 2016-17 INDICAZIONI SU REQUISITI MINIMI E SISTEMI

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Guida all uso di EaseUs Todo Backup Free 3.5

Guida all uso di EaseUs Todo Backup Free 3.5 Guida all uso di EaseUs Todo Backup Free 3.5 ATTENZIONE: lavorare sulle immagini delle partizioni è un operazione molto delicata ed è necessaria la massima cautela: una manovra sbagliata potrebbe provocare

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

Le Memorie Secondarie

Le Memorie Secondarie Le Memorie Secondarie (di Massa) Prof. Vincenzo Auletta 1 Cosa sono? Tipo di memorie in grado di conservare un elevata quantità di dati. Scheda perforata primo esempio di memoria di massa ideata nella

Dettagli

Gestione del file system

Gestione del file system Gestione del file system Gestione del file system Il gestore del file system è quella parte del sistema operativo incaricato di gestire le informazioni memorizzate sui dispositivi di memoria permanente

Dettagli

Alla scoperta dell'hardware

Alla scoperta dell'hardware Alla scoperta dell'hardware Ministero dell'isruzione, dell'università e Ricerca Istituto Comprensivo di Cisano Bergamasco Scuola secondaria di primo gredo di Cisano Bergamasco Anno Scolastico 2015-2016

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Le memorie secondarie

Le memorie secondarie Lezione 7i Le memorie secondarie Le memorie secondarie Consentono di immagazzinare in modo permanente dati e programmi non in uso. Consentono di ricaricare, in qualsiasi momento, dati e programmi dalla

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli