VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI TRAMITE ANALYTIC HIERARCHY PROCESS (AHP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI TRAMITE ANALYTIC HIERARCHY PROCESS (AHP)"

Transcript

1 VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI TRAMITE ANALYTIC HIERARCHY PROCESS (AHP) Eleonora Bottani, Roberto Rizzo, Giuseppe Vignali Università degli Studi di Parma, Dipartimento di Ingegneria Industriale, Parma (Parole chiave: valutazione del rischio, Analytic Hierarchy Process, UNI EN ISO , sicurezza degli impianti industriali) SINTESI CONTESTO - La nuova norma UNI EN ISO :2007 (Sicurezza del macchinario - Valutazione del rischio - Parte 1: Principi) suggerisce di quantificare il rischio connesso ad un pericolo in base alla gravità delle possibili conseguenze, alla probabilità di accadimento dell evento dannoso ed alla possibilità di evitare o limitare il danno, essendo quest ultima riconducibile alla rapidità con cui si manifesta l evento di rischio, la consapevolezza del rischio stesso e la possibilità di intervento umano. Tali indicazioni trovano corrispondenza anche nella valutazione generale dei rischi presente nel Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/08). OBIETTIVI - Il presente lavoro si propone di definire due approcci per la quantificazione dei rischi, entrambi basati sui criteri definiti dall attuale normativa, nel rispetto della precedente norma UNI EN 1050:1998 (Sicurezza del macchinario - Principi per la valutazione del rischio), e sulla metodologia Analytic Hierarchy Process (AHP). METODI - I procedimenti sviluppati sono da considerarsi complementari al più tradizionale procedimento di calcolo della cifra di rischio (come la probabilità dell evento dannoso per la magnitudo delle conseguenze) rispetto al quale consentono di considerare un maggior numero di parametri. L applicazione pratica dei procedimenti sviluppati è illustrata con riferimento ad un caso studio relativo alla sicurezza delle operazioni di montaggio di una macchina lavabottiglie. RISULTATI - I risultati ottenuti sono confrontati con quelli risultanti dal calcolo della cifra di rischio al fine di verificarne la correttezza. Rispetto al tradizionale calcolo della cifra di rischio, come risultato della moltiplicazione della probabilità dell evento dannoso per la magnitudo delle conseguenze, le metodologie proposte presentano due principali vantaggi. In primo luogo, entrambi i procedimenti consentono di valutare un maggior numero di parametri, permettendo, quindi, di rendere più completo il procedimento di valutazione del rischio. BOW PO/base indexing: CIS: Valutazione dei rischi [CIS: Qra]; Controllo della sicurezza degli impianti [CIS: Vis]; Lavaggio delle bottiglie [CIS: Hvab]; Industria metalmeccanica [CIS: Xes]; Macchinari [CIS: Hm] EUOSHA OSH: Valutazione del rischio [OSH: 19641D]; Rischi derivanti da impianti, macchinari e attrezzature di lavoro [OSH: 41681B]; Officine meccaniche [OSH: 59801C] ATECO: Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici [ATECO: 29] 21

2 In secondo luogo, l esempio applicativo mostra che i risultati forniti da entrambe le metodologie restituiscono un rischio maggiore di quello calcolato con la tradizionale cifra di rischio, risultando, quindi, più cautelative nella valutazione dei rischi. INTRODUZIONE Il D.Lgs. 626/94 [1], le cui disposizioni sono confluite con alcune modifiche nel nuovo Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/08 [2]), ha introdotto l obbligo, da parte del datore di lavoro, di effettuare la valutazione dei rischi cui è soggetta l attività industriale e di procedere, attraverso appropriate misure preventive e protettive, alla riduzione, laddove non sia possibile l eliminazione, dei rischi individuati. La valutazione del rischio rappresenta lo strumento fondamentale per permettere al datore di lavoro di conoscere situazioni, sostanze, attrezzature, ecc., che, in relazione alle modalità di svolgimento dell'attività o alle caratteristiche dell'ambiente di lavoro, potrebbero arrecare danni ai propri dipendenti. L obiettivo dell analisi è quello di consentire la pianificazione della sicurezza, tramite procedure esplicite che si concludono con la redazione del documento sul rischio aziendale. A tale riguardo il nuovo D.Lgs. 81/08 attribuisce al datore di lavoro non solo la responsabilità del processo di valutazione ma anche la elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR). Il procedimento di valutazione dei rischi si compone, di norma, di tre fasi successive. Il punto di partenza consiste nell individuazione delle possibili sorgenti di rischio all interno dell attività aziendale. Tale fase si espleta attraverso la descrizione dettagliata del ciclo lavorativo o dell attività operativa, che permette di avere la completa mappatura di operazioni e lavorazioni svolte nell ambiente di lavoro considerato e di individuare eventuali sorgenti di rischio per la sicurezza e la salute del personale. In secondo luogo, è necessario stabilire se, nello svolgimento di una specifica attività, le sorgenti di rischio e/o pericolo, identificate nella fase precedente, comportano un reale rischio per l operatore, tenuto conto delle caratteristiche dell attività lavorativa (modalità operative, caratteristiche dell esposizione, misure di protezione esistenti, ecc.). Si effettua, infine, la stima del rischio derivante dall attività lavorativa. Ai sensi del Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/08), il rischio è generalmente ricondotto a due contributi, quali probabilità P (o frequenza F) del verificarsi di un evento dannoso e la magnitudo M delle sue conseguenze, ed è valutato come prodotto delle due grandezze secondo la seguente formula: R = P x M equazione (1) Ciascuna delle due grandezze è valutata su una scala numerica da 1 (probabilità o magnitudo trascurabile) a 4 (probabilità o magnitudo elevata), in base a quanto stabilito dell Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) [3]. La cifra di rischio può quindi assumere valori compresi tra 1 e 16, e determina la seguente definizione di priorità di intervento: R>8: interventi da programmare con urgenza (rischio elevato); 4<R<8: interventi da programmare a breve termine (rischio moderato); 2<R<3: interventi da programmare a medio termine (rischio basso); R=1: interventi da programmare a lungo termine (rischio trascurabile). La riduzione del rischio può avvenire mediante misure atte a ridurre la probabilità del verificarsi di un determinato danno atteso (prevenzione) e/o a mitigarne le eventuali conseguenze (protezione). L intervento di riduzione del rischio è subordinato alla definizione di un livello di rischio accettabile R a, in base al quale si considerano prioritarie, ai fini dell intervento, tutte le situazioni che presentano un livello di rischio R > R a. 22

3 In aggiunta a quanto proposto dal D.Lgs. 626/94 e dal D.Lgs. 81/08, sono possibili differenti approcci alla quantificazione del rischio. La più recente norma UNI EN ISO :2007 [4], in conformità con la precedente UNI EN 1050:1998 [5], afferma che il rischio connesso ad un pericolo è da ricondurre alla gravità delle possibili conseguenze, alla probabilità di accadimento dell evento dannoso ed alla possibilità di evitare o limitare il danno. Quest ultima, a sua volta, è riconducibile alla rapidità con cui si manifesta l evento di rischio, alla consapevolezza del rischio stesso ed alle possibilità di intervento umano. All interno della nuova normativa, come nella precedente, non vengono, tuttavia, proposti procedimenti per la quantificazione del rischio sulla base dei parametri indicati. A tale proposito, il presente lavoro si propone di definire due approcci per la quantificazione dei rischi, entrambi basati sui criteri definiti dalla norma UNI EN ISO :2007. I procedimenti sviluppati sono da considerarsi complementari al più tradizionale procedimento di calcolo della cifra di rischio espresso in equazione (1), rispetto al quale consentono di valutare un maggior numero di parametri. L applicazione dei procedimenti è illustrata con riferimento ad un caso studio relativo alla sicurezza delle operazioni di montaggio di una macchina lavabottiglie. I risultati ottenuti sono confrontati con quelli risultanti dal calcolo della cifra di rischio come prodotto tra probabilità e magnitudo delle conseguenze. 1. MATERIALI E METODI 1.1 Fondamenti teorici: l Analytic Hierarchy Process L Analytic Hierarchy Process (AHP) [6] è una tecnica multicriterio, che scompone un problema decisionale in una struttura gerarchica, il cui primo livello rappresenta l obiettivo del problema, mentre il secondo e gli eventuali livelli successivi costituiscono criteri e sottocriteri ritenuti rilevanti per il raggiungimento dell obiettivo. All ultimo livello si trovano le alternative del problema. L importanza relativa dei fattori, ai diversi livelli della gerarchia, è determinata confrontando la rilevanza degli stessi in base ad un criterio comune, rappresentato dal fattore a livello superiore. Da un analisi della letteratura, è possibile dedurre che la tecnica AHP emerge come un potente strumento, che è stato adottato con successo in svariati contesti. Nel contesto del supply chain management (SCM), l ambito tipico di applicazione della tecnica è rappresentato dal problema di selezione dei fornitori [7-10], mentre nel contesto della sicurezza degli impianti industriali l AHP è stato utilizzato, tra gli altri, da Wang et al. [11] e Jiang et al. [12] al fine della valutazione dei rischi. I tradizionali metodi multicriterio richiedono la valutazione della rilevanza dei criteri di valutazione e delle prestazioni delle alternative rispetto a ciascun criterio. In questo contesto, il principale vantaggio della tecnica AHP consiste nella possibilità di effettuare confronti a coppie dei criteri e delle alternative considerate, anziché procedere alla valutazione del singolo criterio o alternativa. Un generico problema decisionale è composto da n alternative A 1, A n e m criteri C 1, C m. Il procedimento AHP prevede innanzitutto di definire l importanza relativa di ogni criterio. A tale scopo, coppie di criteri vengono comparate per stabilire quale di essi è più importante e in quale misura: il risultato c ij del confronto, noto come coefficiente di dominanza, rappresenta una stima della rilevanza del criterio i rispetto a j (i,j=1, m). I valori numerici dei confronti a coppie sono espressi utilizzando la scala semantica di Saaty [6], proposta nella Tabella 1. Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 23

4 Tabella 1 - Scala semantica di Saaty Valore numerico Giudizio verbale 1 Ugualmente importante 3 Leggermente più importante 5 Moderatamente più importante 7 Molto più importante 9 Estremamente più importante 2, 4, 6, 8 Giudizi intermedi tra i precedenti Fonte: Saaty, 1980 [6] Il risultato dei confronti a coppie è una matrice (mxm), analoga a quella illustrata di seguito C1 Cm C1... Cm dove: c ij =1/c ji c jj = 1 poiché il criterio è confrontato con sé stesso. Ad esempio, se il criterio 1 è ritenuto leggermente più importante del criterio 2, nella casella (1,2) si leggerà 3 e nella casella (2,1) si leggerà 1/3. Il peso w j di ogni criterio è determinato calcolando la media geometrica r j dei valori della matrice precedente, ottenuta applicando la seguente equazione: equazione (2) e normalizzando i valori ottenuti [13, 14]. L operazione di normalizzazione è effettuata dividendo il valore r j precedentemente determinato per la somma dei valori calcolati, come espresso nella seguente equazione: w j = r j /(r 1 + r r m ) equazione (3) dove: w j, j=1, m è il peso normalizzato di ogni criterio. 1.2 Prima procedura di valutazione del rischio La tecnica AHP si presta bene alla scomposizione del rischio secondo i criteri indicati nella norma UNI EN ISO :2007 [4]. In particolare, il rischio R può essere collocato al vertice della gerarchia, mentre i criteri di valutazione saranno collocati in due livelli sottostanti, secondo lo schema di Figura 1. 24

5 Figura 1 - Albero decisionale AHP per la valutazione del rischio R - rischio F - frequenza di accadimento D - entità del danno conseguente E - possibilità di evitare/limitare il danno E1 - rapidità dell evento pericoloso E2 - consapevolezza del rischio E3 - possibilità di intervento L equazione per il calcolo del rischio R è la seguente: R= w d D + w f F + w e E equazione (4) dove: D, F ed E sono i valore numerici dei criteri entità del danno, frequenza di accadimento e possibilità di evitare/limitare il danno, e w d, w f e w e sono i corrispondenti pesi. Per analogia con l approccio canonico di valutazione del rischio, i valori numerici di D e F variano tra 1 e 4, e sono determinati seguendo i medesimi criteri. Il valore di E è invece calcolato a partire dai valori numerici dei sottocriteri E 1, E 2, E 3, definiti in base alle indicazioni fornite in Tabella 2 e applicando la seguente equazione: E= w 1 E 1 + w 2 E 2 + w 3 E 3 equazione (5) dove: w 1, w 2 e w 3 sono i pesi relativi dei sottocriteri. Per il calcolo dei pesi dei criteri (w d, w f e w e ) e dei sottocriteri (w 1, w 2 e w 3 ), si applicano le precedenti equazioni (2) e (3) della tecnica AHP. A tale scopo, è necessario confrontare l importanza dei criteri D, F, E, in relazione al rischio complessivo, quindi dei sottocriteri E 1, E 2, E 3, in relazione al criterio E. Si può facilmente verificare che il rischio così calcolato può assumere valori massimo e minimo pari, rispettivamente, a 3,67 e 1; all interno di questo range, si propone la definizione di 3 categorie di rischio quali: rischio trascurabile (R<1,89), moderato (1,89<R<2,78), elevato (R>2,78). Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 25

6 Tabella 2 - Valori numerici per i criteri E 1, E 2, E 3 E 1 = Rapidità dell evento pericoloso 1 Lenta 2 Veloce 3 Improvvisamente E 2 = Consapevolezza del rischio 1 Mediante corsi di formazione 2 Mediante segnali di avvertimento e dispositivi di indicazione 3 Da informazioni generali E 3 = Possibilità di intervento 1 Possibile 2 Possibile in certe condizioni 3 Impossibile Fonte: Norma UNI EN 1050:1998 [5] 1.3 Seconda procedura di valutazione del rischio La seconda metodologia proposta, sempre basata sulla tecnica AHP, si differenzia dalla precedente nella scomposizione del problema decisionale e quindi nel corrispondente calcolo della cifra di rischio. La gerarchia cui si fa riferimento è illustrata in Figura 2. Figura 2 - Albero decisionale AHP modificato per la valutazione del rischio F - frequenza di accadimento E1 - rapidità dell evento pericoloso R - rischio D - entità del danno conseguente E2 - consapevolezza del rischio E - possibilità di evitare/limitare il danno E3 - possibilità di intervento 26

7 L albero decisionale di Figura 2 presenta due strutture gerarchiche separate, entrambe ad un livello: la prima consente di calcolare il contributo al rischio derivante da P e F, mentre nella seconda si effettua il calcolo di E in base ai sottocriteri già visti. La cifra di rischio R risulta come differenza tra il contributo dei criteri D e F e quello di E. L equazione per il calcolo di R si modifica quindi come segue: R= w d D + w f F - E a equazione (6) dove: w d e w f sono i pesi relativi dei fattori D e F e a è un parametro correttivo del valore di E, che deve essere opportunamente definito per evitare che la cifra di rischio risulti negativa. I valori numerici di D e F sono attribuiti su scala 1-4 come visto in precedenza, mentre i pesi w d e w f sono calcolati applicando le equazioni (2) e (3) della tecnica AHP al confronto dei due criteri. Per la determinazione del valore di E, si procede, analogamente alla precedente metodologia, applicando l equazione (5). Va sottolineato che in questo caso è necessario invertire la scala di valori da attribuire a E 1, E 2, E 3 (Tabella 2). Nella situazione descritta prima, il rischio risultava dalla somma dei valori di E, D e F, aumentando al crescere di E; ne consegue che si deve attribuire il punteggio più alto (3) alla situazione con maggiore rischio, cioè con minore possibilità di evitare/limitare il danno. Nel caso in esame, viceversa, E è sottratto ai contributi D e F, quindi il rischio complessivo si riduce aumentando E; ne consegue l attribuzione del punteggio più alto (3) alla situazione con minore rischio. Il vantaggio di questo secondo approccio è quello di evitare il confronto tra le coppie di criteri D-E e F-E. L importanza relativa di D o F nei confronti di E non è sempre oggettivamente determinabile nelle situazioni reali, cosicché il confronto può spesso condurre all attribuzione, cautelativa, della medesima importanza, corrispondente ad un coefficiente di dominanza pari ad 1. Al fine di definire le categorie di rischio, è necessario fissare dapprima il valore del parametro a, da cui dipende il range di variazione della cifra di rischio; in particolare, aumentando il valore di a, l importanza relativa di E diminuisce, quindi il rischio complessivo aumenta. 1.4 Il problema in esame Il problema in esame si riferisce alla valutazione della sicurezza nelle operazioni di montaggio e smontaggio di una macchina lavabottiglie di una linea di imbottigliamento per vetro a rendere, prodotta dallo stabilimento Simonazzi di Verona. La macchina lavabottiglie viene interamente costruita all interno dello stabilimento aziendale. La realizzazione di questo tipo di macchine comporta l impiego di addetti con capacità multidisciplinari, poiché le operazioni da svolgere comprendono fasi di costruzione, montaggio meccanico, cablaggio elettrico, nonché lavorazioni di carpenteria metallica pesante. L elenco dettagliato delle operazioni svolte è presentato nella Tabella 3. Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 27

8 Tabella 3 - Elenco delle operazioni di montaggio della lavabottiglie Codice Operazione Fasi 01 Posizionamento lamiere Supervisione a scarico e posizionamento lamiere 02 Costruzioni non in opera Preparazione lamiere interne Costruzione filtri Saldatura tubazioni e flange Verniciatura lamiere in ferro Decapaggio e lucidatura lamiere e tubi in acciaio inox Costruzione telaio e componenti del modulo di carico e scarico 03 Costruzione fiancate a terra Costruzione fiancate moduli 04 Sollevamento fiancata lato riduttori Sollevamento fiancata Lato Riduttori Ancoraggio fiancata Lato Riduttori 05 Costruzione moduli bagni detergenti Puntatura lamiere interne Chiusura modulo Fissaggio filtri estrattori etichette e completamento modulo 06 Costruzione modulo risciacquo Puntatura lamiere interne e vasche in inox Chiusura e Completamento Modulo Inferiore Chiusura e Completamento Modulo Superiore 07 Costruzione modulo prelavaggio Puntatura lamiere interne Sollevamento fiancata lato pompe e fissaggio alla struttura Chiusura e completamento modulo prelavaggio 08 Costruzione modulo scarico Costruzione modulo scarico Assemblaggio modulo scarico Completamento modulo scarico 09 Costruzione modulo carico Assemblaggio modulo carico Completamento modulo carico 10 Apertura moduli Rimozione bulloneria di collegamento Collegamento delle catene alle asole di sollevamento Sollevamento modulo e rimozione supporti 11 Trasferimento moduli al reparto Spostamento del modulo all'interno della verniciatura campata Posizionamento del modulo sopra i carrelli su rotaia 12 Verniciatura moduli Verniciatura moduli 13 Decapaggio moduli Decapaggio e satinatura moduli 14 Trasferimento moduli Trasferimento moduli nella zona di montaggio 15 Assemblaggio moduli Posizionamento e giunzione moduli 16 Montaggio motorizzazione Montaggio alberi trasmissione moto catena e motoriduttori. Introduzione catena e montaggio travi 17 Montaggio scambiatori di calore Montaggio scambiatori di calore bagni detergenti e di recupero termico Continua 28

9 Segue Tabella Codice Operazione Fasi 18 Lavori a parete Fissaggio e saldatura staffe Montaggio pedane e ringhiere Operazioni varie di montaggio 19 Montaggio gruppo estrazione Assemblaggio e montaggio filtri estrattori etichette etichette Completamento filtri estrattori etichette 20 Montaggio filtri a nastro Assemblaggio e montaggio filtri a nastro 21 Montaggio docce e spruzzatori Montaggio spruzzatori 22 Montaggio impianti Montaggio pompe e aspiratori Montaggio tubazioni e valvole 23 Montaggio impianto pneumatico Montaggio impianto pneumatico 24 Montaggio impianto lubrificazione Montaggio impianto di lubrificazione 25 Montaggio impianto soda Costruzione/montaggio impianto soda e antischiuma 26 Assemblaggio distribuzione elettrica Costruzione/montaggio impianto antischiuma Posa e collegamento cavi di segnale e cavi di potenza 27 Collaudo Verifica passaggio travi su ruote motrici e fasatura spruzzi Collaudo moduli di carico e scarico Verifica funzionamento pompe ed estrazione etichette 28 Smontaggio Scablaggio elettrico Smontaggio tubazioni impianti e valvole Smontaggio pompe e aspiratori Rimozione carico/scarico Smontaggio travi e catena Smontaggio pedane e ringhiere 29 Apertura moduli Apertura moduli 30 Movimentazione moduli Spostamento del modulo all'interno della campata Posizionamento e spostamento del modulo sopra i carrelli su rotaia Ribaltamento del modulo Posizionamento del modulo sul basamento della cassa di imballaggio 31 Imballaggio moduli Imballaggio moduli 32 Posizionamento casse Sollevamento e posizionamento cassa su automezzo Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 29

10 Durante le operazioni di montaggio, i lavoratori sono soggetti, principalmente, al rischio meccanico, chimico ed elettrico. Il rischio meccanico è rilevante, dal momento che la maggior parte delle operazioni elencate richiede l impiego di mezzi di sollevamento, trasporto e immagazzinamento, quali carroponte, carrelli elevatori, piattaforme idrauliche di sollevamento, carrelli e transpallet manuali. Analogamente, molte operazioni di montaggio richiedono l impiego di sostanze chimiche con elevato grado di tossicità, dalle vernici applicate sulle lamiere della macchina, agli oli e grassi di lubrificazione e di protezione contro la ruggine. Viceversa, minore importanza riveste il rischio elettrico. Infatti, le uniche fonti di pericolo elettrico sono costituite dai fasci di cavi che collegano il quadro elettrico ai motoriduttori della macchina. Tali fasci sono distribuiti lungo la macchina, in modo tale da non costituire un impedimento agli addetti che operano sulla stessa. 2. RISULTATI Nella presente sezione, i due procedimenti descritti sono applicati per la quantificazione del rischio al caso reale precedentemente illustrato. Duplice scopo dell applicazione è quello di verificare la correttezza dei risultati forniti dalle metodologie proposte e di verificarne l applicabilità pratica ai casi reali. Ai fini della quantificazione del rischio con le metodologie descritte, si fa riferimento all attività di movimentazione e di sollevamento dei carichi tramite carroponte, presente in molte delle operazioni elencate nella Tabella 3. I risultati ottenuti sono confrontati con quelli risultanti dalla valutazione classica del rischio, espressa dalla precedente equazione (1). I risultati della valutazione del rischio per gli eventi inerenti all attività sono riassunti nella Tabella 4. Nella Tabella, infatti, i valori numerici dei confronti a coppie, richiesti nell applicazione dei metodi proposti, sono ottenuti rispondendo a domande come con riferimento al rischio di Caduta di carichi, oggetti o materiali, qual è l importanza relativa del parametro F - Frequenza di accadimento rispetto al parametro E - possibilità di evitare/limitare il danno?. Ai fini della valutazione, ci si è inoltre avvalsi della collaborazione di personale aziendale dotato di una buona conoscenza dei rischi aziendali. Tali risultati sono stati ottenuti fissando il parametro a=6, valore proposto dal personale dell azienda Simonazzi allo scopo di attribuire al criterio E una ridotta importanza rispetto a D e F, evitando di attenuare eccessivamente il valore di R. Il range risultante per R va da un minimo di 0,5 ad un massimo di 3,83; si propone quindi la definizione di 3 categorie di rischio quali: rischio trascurabile (R<1,61), moderato (1,61<R<2,72) ed elevato (R>2,72). Dal confronto dei risultati ottenuti dalle metodologie proposte con quelli forniti dal calcolo della cifra di rischio è possibile trarre due principali considerazioni. In primo luogo, una volta definite le categorie di rischio, le metodologie sviluppate sono sostanzialmente equivalenti, fornendo risultati analoghi per tutti gli eventi esaminati e possono quindi essere usate indistintamente per la quantificazione del rischio. In aggiunta, dall esempio applicativo si evince che in due casi (eventi di rischio Schiacciamento durante le operazioni di inserimento alberi e Schiacciamento durante le operazioni di inserimento, sollevamento e inversione moduli ) le metodologie proposte restituiscono un rischio di entità maggiore rispetto a quello risultante dal calcolo della cifra di rischio. Gli approcci proposti sono, quindi, più cautelativi rispetto al tradizionale procedimento di valutazione del rischio. 30

11 Tabella 4 - Valutazione del rischio e confronto delle metodologie R = P x M Importanza relativa Giudizi Evento di rischio E 1 -E 2 E 1 -E 3 E 2 -E 3 D-F D-E F-E E 1 E 2 E 3 D F E R Caduta di carichi, oggetti o materiali moderato Contaminazione ambientale trascurabile Schiacciamento durante le operazioni trascurabile di imbracatura carichi Schiacciamento durante le operazioni di trascurabile inserimento alberi Schiacciamento durante le operazioni di moderato inserimento, sollevamento e inversione moduli Urto contro oggetti immobili trascurabile Urto contro oggetti mobili trascurabile Primo approccio Importanza relativa Giudizi Evento di rischio E 1 -E 2 E 1 -E 3 E 2 -E 3 D-F D-E F-E E 1 E 2 E 3 D F E R Caduta di carichi, oggetti o materiali ,5 2,5 moderato Contaminazione ambientale 0,2 0, ,6 1 trascurabile Schiacciamento durante le operazioni , ,3 1,5 trascurabile di imbracatura carichi Schiacciamento durante le operazioni di ,1 2,5 moderato inserimento alberi Schiacciamento durante le operazioni di ,2 2,9 elevato inserimento, sollevamento e inversione moduli Urto contro oggetti immobili ,9 1,5 trascurabile Urto contro oggetti mobili , ,7 1,7 trascurabile Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 31 Continua

12 Segue Tabella Secondo approccio Importanza relativa Giudizi Evento di rischio E 1 -E 2 E 1 -E 3 E 2 -E 3 D-F D-E F-E E 1 E 2 E 3 D F E R Caduta di carichi, oggetti o materiali ,8 2,1 moderato Contaminazione ambientale 0,2 0, ,8 0,5 trascurabile Schiacciamento durante le operazioni , ,7 trascurabile di imbracatura carichi Schiacciamento durante le operazioni di ,2 2,2 moderato inserimento alberi Schiacciamento durante le operazioni di ,6 2,9 elevato inserimento, sollevamento e inversione moduli Urto contro oggetti immobili ,5 0,6 trascurabile Urto contro oggetti mobili , ,9 trascurabile 32

13 3. CONCLUSIONI Il presente lavoro ha proposto due approcci per la quantificazione dei rischi, basati sull osservanza di criteri definiti dalla recente norma UNI EN ISO :2007 [4], in accordo con la precedente UNI EN 1050:1998 [5], e sull applicazione della metodologia Analytic Hierarchy Process (AHP). Rispetto al tradizionale calcolo della cifra di rischio come risultato della moltiplicazione di probabilità dell evento dannoso per la magnitudo delle conseguenze, le metodologie proposte presentano due principali vantaggi. In primo luogo, entrambi i procedimenti consentono di valutare un maggior numero di parametri, permettendo, quindi, di rendere più completo il procedimento di valutazione del rischio. In particolare, in accordo con la norma UNI EN ISO :2007 [4], la valutazione dei rischi proposta tiene conto del parametro possibilità di evitare o limitare il danno, scomposto, a sua volta, in rapidità con cui si manifesta l evento di rischio, consapevolezza del rischio stesso, e possibilità di intervento umano. In aggiunta, è possibile introdurre un opportuno peso per valutare l importanza relativa dei fattori considerati. Tale peso è agevolmente calcolato applicando la tecnica AHP, che si presta bene alla scomposizione del problema in una gerarchia a due livelli. In secondo luogo, l esempio applicativo mostra che i risultati forniti da entrambe le metodologie restituiscono un rischio maggiore di quello calcolato con la tradizionale cifra di rischio, risultando, quindi, più cautelative nella valutazione dei rischi. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 1. Italia. Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori. Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 265, Suppl. n.141, 12 novembre Italia. Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.81. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Gazzetta Ufficiale n. 101, Suppl. n. 108, 30 aprile ISPESL (1998), Quaderni e Fogli di formazione, Dipartimento di Documentazione, Informazione e Formazione 4. Ente Nazionale Italiano di Unificazione UNI. Sicurezza del macchinario - Valutazione del rischio - Parte 1: Principi. UNI EN ISO ; Ente Nazionale Italiano di Unificazione UNI. Sicurezza del macchinario - Principi per la valutazione del rischio. UNI EN 1050; Saaty T. The Analytic Hierarchy Process. New York, McGraw Hill; Nydick RL, Hill RP. Using the analytic hierarchy process to structure the supplier selection procedure. Int J Purch Mater Manag 1992; 28: Masella C, Rangone A. A contingent approach to the design of vendor selection systems for different types of co-operative customer/supplier relationships. Int J Oper Prod Manag 2000; 20: Morlacchi P. Vendor evaluation and selection: the design process and a fuzzy hierarchical model. In: Proceedings of 8th IPSERA Conference. Dublin, Kahraman C, Cebeci U, Ulukan Z. Multi-criteria supplier selection using fuzzy AHP, Logist Inform Manag 2003; 16: Wang YM, Liu J, Elhag TMS. An integrated AHP-DEA methodology for bridge risk assessment. Comput Ind Eng 2008; 54(3): Valutazione dei rischi negli impianti industriali tramite Analytic Hierarchy Process (AHP) 33

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO

L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO XXIX CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L ANALYTIC NETWORK PROCESS (ANP) COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE: IL CASO DEL GRATTACIELO DELLA REGIONE PIEMONTE A TORINO Valentina FERRETTI 1, Giulio

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Allegato B: modello di presentazione

Allegato B: modello di presentazione Allegato B: modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Manutenzione TITOLO DELLA SOLUZIONE Gestione integrata della manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE Fores Engineering S.r.l. NR. DI LAVORATORI

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 Quando la climatizzazione si fa arte Mai come a casa propria ci si occupa del comfort con tanta passione, l estetica

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione NB/NBG 1. Identificazione... 2 1.1 Targhetta di identificazione... 2 1.2 Descrizione del modello... 3 1.3 Movimentazione... 4 2. Smontaggio e montaggio... 5 2.1 Informazioni

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli