ai giovani anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%."

Transcript

1 COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI PREVENZIONE E INTERVENTO Tra il Comune di Sassari rappresentato dal Sindaco dott. Gianfranco Ganau e l Università degli Studi di Sassari rappresentata dal Magnifico Rettore prof. Attilio Mastino PREMESSO che il fenomeno della dispersione scolastica: - è uno de nodi principali che la società odierna deve affrontare per favorire la crescita culturale e civile di tutti i cittadini, entro una prospettiva di crescita complessiva del capitale umano; - è un processo complesso che affonda le sue radici nel contesto economico, sociale, familiare, scolastico e nella soggettività dell individuo; - dal punto di vista definitorio comprende l abbandono anticipato dell istituzione scolastica da parte degli studenti ma include altresì una pluralità di eventi che possono avere come epilogo la prematura uscita dei giovani dal sistema educativo quali i ritardi, le non ammissioni agli anni successivi, le interruzioni, l irregolarità nella frequenza e comunque l insuccesso scolastico; - che i suddetti eventi comportano frequentemente anche demotivazione, carenze valoriali e di socializzazione, difficoltà di adattamento alle regole, di relazione, di collaborazione con le famiglie, comportamenti aggressivi, difficoltà di orientamento; - desta preoccupazione e impone strategie di intervento tanto che la Commissione Europea lo ha reso oggetto di specifiche indicazioni con la fissazione di target ottimali da raggiungere e nella Conferenza di Lisbona si è individuato l obiettivo, per l anno 2010, di attestare l indice relativo

2 ai giovani anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. CONSIDERATO che: - A livello comunitario continuano a permanere significative differenze tre gli stati membri e l Italia mantiene indici superiori alla media degli altri paesi; - Le ultime ricerche (es. rapporto annuale della Fondazione Agnelli) individuano quale anello particolarmente debole del sistema scolastico italiano la scuola secondaria di primo grado, nella quale si manifestano con maggiore incisività sui percorsi individuali dei giovani i divari sociali, economici, culturali, che determinano minori possibilità di apprendimento; - La Sardegna presenta peculiari criticità che configurano la nostra regione come caso unico nel panorama nazionale. DATO ATTO che: - la predisposizione di misure efficaci per la riduzione dei fenomeni che contribuiscono alla dispersione, richiede un attenta analisi dei fattori che la determinano; - il Piano della Performance , adottato dal Comune di Sassari con la deliberazione della Giunta Comunale n. 214/2011, individua tra i suoi obiettivi strategici quello di Promuovere nuove politiche di sostegno e assistenza a favore di anziani, bambini, disabili, immigrati, giovani e di persone e famiglie economicamente svantaggiate - tale obiettivo strategico si articola in alcuni obiettivi operativi che comprendono specifiche azioni volte a proseguire nella lotta alla dispersione scolastica e in particolare ad analizzare e quantificare il fenomeno così da contrastare la prematura uscita dei giovani dal sistema scolastico e formativo; VALUTATA l opportunità di costituire un network che comprenda e includa, nel porre in essere un sistema integrato di misure, le principali istituzioni coinvolte nell esercizio di attività finalizzate al potenziamento della crescita culturale e professionale dei giovani: oltre al Comune, l Università, l Ufficio Scolastico

3 Provinciale, la Provincia, altre istituzioni funzionali allo scopo, altri comuni del territorio, i dirigenti scolastici, gli enti di formazione, gli attori sociali ecc.; RITENUTO necessario e urgente coinvolgere il mondo della ricerca, in particolar modo dell Università, per studiare, monitorare e individuare azioni mirate ad affrontare il fenomeno; CONSIDERATO che l Università degli Studi di Sassari condivide gli obiettivi suesposti ed è interessata e disponibile a collaborare con il Comune di Sassari; SI CONVIENE Le premesse costituiscono parte integrante del presente accordo. ART. 1 - FINALITA Finalità primaria del protocollo d intesa è quella di porre in stretta correlazione la conoscenza quantitativa e qualitativa del fenomeno della dispersione e delle cause che lo generano per programmare interventi e attività in ambito scolastico ed extrascolastico finalizzati a combattere le cause della dispersione e ad arginarne gli effetti sul piano culturale e sociale, sul mercato del lavoro, sulle diverse forme di emarginazione e possibile devianza; ART. 2 - SOGGETTI In questa prima fase di osservazione, analisi e proposta aderiscono all intesa il Comune di Sassari e l Università degli studi di Sassari, con l impegno reciproco ad estenderla agli altri soggetti citati in premessa una volta acquisiti i necessari supporti conoscitivi riferiti alla specifica realtà della città e del territorio (area provinciale);l Università individua, quale soggetto attuatore di tutto quanto previsto dal presente Protocollo, il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione, affidando la responsabilità scientifica alla prof.ssa Patrizia Patrizi;

4 ART. 3 - OGGETTO La presente intesa prevede: a) l impegno dell Università degli Studi di Sassari a: - individuare le figure professionali da impegnare nel progetto; - quantificare l impatto della dispersione nel Comune di Sassari comparando i dati locali con quelli del resto del territorio provinciale, regionale e nazionale; - individuare le variabili che contribuiscono all esplicazione del fenomeno; - elaborare uno schema interpretativo anche applicando specifici modelli econometrici utili ad indagare sui collegamenti tra le variabili esplicative e i tassi di dispersione scolastica; - promuovere percorsi di riflessione-formazione a favore dei soggetti coinvolti nel network; - indicare gli strumenti necessari per la sperimentazione di metodiche formative atte a rafforzare le competenze e le attitudini relazionali dei docenti che si interfacciano con gli alunni in dispersione; - collaborare per promuovere strategie e iniziative di sperimentazione didattica, anche con il sostegno della Comunità Europea, e a svolgere azioni di monitoraggio relativamente al fenomeno dell'abbandono e della dispersione scolastica in tempi successivi all'applicazione di tali sperimentazioni. b) L impegno del Comune di Sassari a titolo di contribuzione per le attività indicate nel punto a): - ad assegnare due borse di studio dell importo di euro ciascuna, di durata non inferiore ai 12 mesi, a favore di laureati meritevoli, indicati dall Università nelle discipline statistiche ed economiche; - a contribuire con l importo di euro all attivazione di una borsa di dottorato in Scienze della governance e sistemi complessi, come forma di collaborazione interistituzionale finalizzata allo sviluppo delle tematiche oggetto della convenzione.

5 Contestualmente il Comune di Sassari, nell ambito delle proprie attività istituzionali si impegna a: 1) implementare le relazioni con i dirigenti scolastici, già previste nel Patto per la Scuola, sottoscritto nel 2008 e approvato con Delibera C.C n.86 del 30/10/2008, al fine di favorire la precoce segnalazione dei possibili casi di alunni a rischio di dispersione; 2) collaborare con l Università per la raccolta dei dati locali, provinciali, regionali e nazionali, garantendo all équipe di ricerca dell Università l accesso alle fonti dei dati, secondo le modalità ritenute più opportune; 3) concertare con l Università la promozione delle strategie e iniziative indicate all ultimo punto dell impegno dell Università di Sassari; 4) analizzare i casi pervenuti nell ultimo biennio e a monitorarli in ordine alle azioni eventualmente già sviluppate; 5) potenziare le azioni già intraprese per contrastare la dispersione scolastica di bambine e bambini Rom quali il sostegno alle famiglie, il supporto ai minori nelle attività didattiche e il loro coinvolgimento in attività di socializzazione e animazione; 6) avviare la sperimentazione di un progetto di didattica inclusiva volto a far acquisire a ragazze e ragazzi una maggiore autostima, stimolando la loro curiosità verso esperienze culturali che favoriscano un approccio nuovo allo studio per il superamento delle difficoltà scolastiche iniziali. 7) rafforzare il progetto di sostegno scolastico finalizzato al conseguimento della licenza media inferiore a favore di giovani ultra sedicenni fuoriusciti dal circuito scolastico, già sperimentato positivamente nell'ultimo triennio nell'ambito delle attività educative del Centro PoliSS, in collaborazione con il Centro Territoriale Permanente (CTP); ART. 4 - DURATA La presente intesa avrà la durata di tre anni a partire dal giorno successivo alla sottoscrizione e scadrà in data 31/12/2014; l attività di ricerca si concluderà entro il 31/12/2013.

6 ART. 5 - VERIFICA E RENDICONTAZIONE Le parti concordano sulla necessità di predisporre momenti di verifica dei risultati ottenuti necessari anche al fine di valutare l opportunità di apportare modifiche al progetto. I risultati delle attività di ricerca dovranno essere formalmente presentati al Comune di Sassari. ART. 6 - DISPOSIZIONI FINALI L adesione all intesa non comporta impegni diversi rispetto a quelli individuati al precedente art. 3. Nuovi e successivi impegni possono essere previsti solo attraverso integrazioni al presente accordo subordinatamente alla accettazione di tutte le parti firmatarie interessate ART. 7 - RECESSO Le parti potranno recedere dal presente accordo in caso di perduranti inosservanze e inadempimenti rispetto alle finalità e agli impegni sottoscritti. Sassari, 17 aprile 2012 Letto, confermato e sottoscritto Comune di Sassari Università degli studi di Sassari

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di PALERMO piazza Pretoria, 1 90100 Palermo tel. 091-7404247 e-mail: assessoratoattivitasociali@comune.palermo.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Premessa: obiettivi del documento

Premessa: obiettivi del documento Proposte della Commissione consultiva permanente per una strategia nazionale di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali Premessa: obiettivi del documento Il presente documento

Dettagli

Rapporto sul primo anno di attuazione della normativa anticorruzione

Rapporto sul primo anno di attuazione della normativa anticorruzione Dicembre 2013 RAPPORTO SUL PRIMO ANNO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE N. 190/2012 Rapporto sul primo anno di attuazione della normativa anticorruzione Il Rapporto offre un primo bilancio dello stato di attuazione

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE (GIANNINI) DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (MADIA) (PADOAN)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE (GIANNINI) DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (MADIA) (PADOAN) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2994 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (GIANNINI) DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI

REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI CAPO I - Disposizioni generali Art. 1 (Finalità, oggetto ed ambito di applicazione)

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA Riferimenti: 1. DIRETTIVA MINISTERIALE del 27 dicembre 2012; 2. CIRCOLARE MINISTERIALE

Dettagli

MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE. Una proposta di modello valutativo per le scuole. Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS

MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE. Una proposta di modello valutativo per le scuole. Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE MODUS Una proposta di modello valutativo per le scuole Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS ITCG Gabriele Manthonè Pescara (scuola capofila) Direzione Didattica

Dettagli

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato, le intese Stato-Regioni, gli interpelli, gli accordi e le prassi adottate a cura di Studio di consulenza aziendale

Dettagli