SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative"

Transcript

1 PCPA ESITO: Data: Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornitore: Stab. Forn.: FIAT Purchasing Supplier Quality VERIFICHE DI PROCESSO Richiesta mat.: Disponibilità: PRESERIE Richiesta mat.: Disponibilità: DELIBERA A PRODURRE Richiesta mat.: Disponibilità: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 1 - DOCUMENTAZIONE 2 - TOOLING/ ATTREZZATURE 3 - PROCESSO 4 - RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION 6 - IMPLEMENTAZIONE QUALITÀ 7 - IMPLEMENTAZIONE QUALITÀ 8 - LOGISTICA 9 - MIGLIORAMENTO CONTINUO A Disegni Status dello stampo (qualità, capacità e tempistiche) Approvazione sub fornitori Gli operatori sono stati formati adeguatamente? Status Autoqualificazione Controlli in Accettazione Arrivi Registrazione controlli Rintracciabilità Lessons Learned F-C F-S F F F-S F F F F B Diagramma di Flusso Status delle attrezzature (qualità, capacità e tempistiche) Approvazione componenti di sub fornitura Coinvolgimento Management Status Prove Integrative Benestare a Produrre Registrazione Controlli su Caratteristiche Report Identificazione Attività miglioramento crescita guidata fornitori secondo livello F F-S F F-S-C F F F C FMEA di Processo Condizione di conservazione stampo, attrezzature e apparecchiature Sono disponibili e aggiornate chiare istruzioni di lavoro per ciascuna operazione? Risorse dedicate al controllo sufficienti? Status Montabilità e Benestare Prove e Controlli di Processo Gestione strumenti di controllo FIFO Garanzia F-S F F F-S-C F F F D Piano di Controllo di Processo Manutenzione Preventiva e Ordinaria (macchine / stampi / apparecchiature) Capability di Processo (P pk, C pk e C mk ) Passaggio informazioni tra i turni One Day Production Qualità Uscente Rilavorazioni Movimentazione e imballaggio adeguati Riqualificazione periodica F-S F F-S F F-S F F F E IMDS (Gest. delle limitazioni d'uso di sostanze pericolose o vietate) Manutenzione Straordinaria efficace? Riavvio a Produrre Pulizia / Ambiente Piano di Controllo Rinforzato di Pre Lancio Audit SQE Gestione dei prodotti non conformi Flusso di processo adeguato Certificazione di Qualità e Ambientale F F F-S F F Resp. Fornitore: NA - Non Applicabile NV - Non Valutato 1 - JOB STOPPER 2 - RISCHIO JOB STOPPER 3 - Problema di secondo livello 4 - Attività pianificata in accordo progetto 5 - Attività implementata NOTE e OSSERVAZIONI DOCUMENTO ALLEGATO F = Doc. Fornitore C = Doc. Cliente S = Doc. SQE Progr. SQE: SQM: Firma: Mgr. Firma Firma: Firma: Nome Nome Nome Nome

2 NOTE AUDITOR (SQE) DOMANDA VALUTAZIONE OSSERVAZIONE AZIONE CORRETTIVA RESPONSABILE DATA STATUS Resp. Fornitore (Nome e firma) SQE (Nome e firma)

3 TORNA Contatti Utili Presenti all'audit NOME AZIENDA ENTE NUMERO DI TELEFONO FAX

4 1 DOCUMENTAZIONE 1A Disegni Il fornitore deve essere in possesso di disegni che riportano il livello di modifica dei particolari in produzione. I disegni devono riportare l evidenza di un approvazione del cliente, come una firma di un responsabile, l indicazione dell approvazione di un OdM ecc. Il fornitore deve essere in grado di mostrare che il disegno approvato dal cliente si accorda con i particolari in spedizione. La documentazione tecnica (Disegni, Specifiche Tecniche, Norme e Capitolati) per la parte, prodotto o componente oggetto della verifica deve essere aggiornata e disponibile, sia che la parte venga prodotta all interno sia che essa venga acquistata dall esterno. Deve essere mostrata la corretta gestione della documentazione. L'SQE deve verificare l esistenza di una lista con tutti i disegni utilizzati, allo scopo di assicurare che essi siano aggiornati onde evitare di conservare e utilizzare documentazione antemodifica. Le tolleranze devono essere indicate a disegno. Il legame tra le procedure/norme del cliente deve essere evidenziato, ad esempio, attraverso uno schema ad albero. Il processo di dimensionamento geometrico e di definizione delle tolleranze (GD&T Geometric Dimensioning & Tolerancing) deve riferirsi alle matematiche. Le caratteristiche vincolanti del prodotto (KPC Key Product Characteristics) devono essere identificate con quelle proprietà o parametri la cui variabilità può incidere sulla montabilità, sulla forma o sulla funzionalità una volta installato il componente su vettura (Nota: non è necessario che tutti i componenti abbiano le KPC; l ente tecnico del fornitore è responsabile per l identificazione e l approvazione delle KPC). Qualora la documentazione fornita dal cliente non evidenzi in modo univoco l'esistenza di caratteristiche vincolanti (sicurezza, omologazione, chiave, ecc.), il fornitore deve essere in grado di individuare almeno le caratteristiche che riguardano tolleranze strette, montabilità, funzionalità, estetica, affidabilità e/o caratteristiche influenzate da parametri di processo e/o che influenzano il processo successivo/finale. 1B Diagramma di Flusso Il Diagramma di Flusso del processo deve essere disponibile presso il sito produttivo del fornitore. Il Diagramma di Flusso del processo deve cominciare dall area di ricevimento materiale e proseguire attraverso l intero processo fino all area spedizione, identificando le aree etichettatura e magazzino stoccaggio. Qualsiasi zona per operazioni di rilavorazione o riparazione deve essere mostrata sul Diagramma e deve essere indicato il flusso di rientro del materiale nel normale flusso produttivo. Un punto critico riguarda il flusso del materiale riparato o rilavorato rientrante nel normale flusso produttivo dove l attrezzatura di misura di produzione deve ricontrollare e approvare tale materiale. Le aree di controllo/ispezione devono essere indicate nel processo, sia che siano in linea sia che siano fuori linea. Se queste operazioni di controllo generano scarto, questo deve essere indicato sul Diagramma.

5 1C FMEA di Processo È disponibile una FMEA di Processo? È accettabile come IPR, recepisce la FMEA di Progetto, la numerazione è coerente con quella del Diagramma di Flusso del processo, evidenzia le caratteristiche vincolanti di prodotto e di processo? Esiste evidenza del fatto che è un documento costantemente aggiornato? Le non conformità manifestatesi sul prodotto/processo devono essere utilizzate per aggiornare le analisi previsionali tipo FMEA e i Piani di Controllo. Dato che molti problemi del prodotto possono essere il risultato di problemi nei processi di lavorazione, il fornitore deve usare la FMEA di Progetto come documento di riferimento durante lo sviluppo della FMEA di Processo (ad esempio correlando gli indici della prima a quelli della seconda). Il fornitore deve essere in grado di descrivere come le caratteristiche critiche di progetto che hanno impatto sulla funzionalità del prodotto sono state prese in considerazione nello sviluppo della FMEA di Processo. Le FMEA di Processo e di Progetto devono essere disponibili per revisione da parte del cliente. Verificare che la FMEA di Processo sia stata generata da un team interfunzionale e sia coerente con gli elementi del Diagramma di Flusso del Processo, con classificazione degli indici di gravità, probabilità e rilevabilità coerenti con i dati qualitativi disponibili. L attività di riduzione dell indice IPR deve essere evidente e seguire un processo di evoluzione. Deve essere svolta un analisi preliminare dei mezzi di lavorazione e controllo (utilizzando FMEA di Montaggio presso lo stabilimento cliente, DOE, conoscenza dei processi successivi, conoscenza della destinazione del prodotto, ecc.). Come minimo il fornitore deve analizzare le caratteristiche che riguardano tolleranze strette, montabilità, funzionalità, estetica, affidabilità e/o caratteristiche influenzate da parametri di processo e/o che influenzano il processo successivo/finale. Per le FMEA di Processo Master occorre avere un documento periodicamente revisionato che mostri l evidenza della valutazione della FMEA di Processo per potenziali miglioramenti. Devono essere monitorate/gestite tutte le attività (scarti, rilavorazioni, controlli aggiuntivi, ecc.) che comportano un aggravio di costi per non qualità. Devono essere pianificate ed attuate le azioni volte a ristabilire le condizioni iniziali/ottimali e di tali azioni deve essere evidente l efficacia. 1D Piano di Controllo di Processo È disponibile un Piano di Controllo di Processo (PCP)? È accettabile (i controlli e la numerazione sono coerenti con le risultanze della FMEA di Processo e con il Diagramma di Flusso, include i controlli sulle caratteristiche vincolanti di prodotto e di processo, richiama frequenze e taglie di campionamento adeguate, recepisce le ultime modifiche, ecc.)? Il fornitore ha utilizzato le prassi corrette per stilare il PCP (rif. Norma Fiat e ISO TS 16949)? Il PCP deve comprendere tutto il flusso produttivo, dal ricevimento materiali fino alla spedizione. Nel periodo produttivo precedente all inizio della produzione di serie deve essere in vigore un PCP dedicato alla produzione iniziale (piano rinforzato). Deve esistere una struttura organizzata per garantire l aggiornamento dei metodi/condizioni di controllo con l evoluzione dei documenti di riferimento. Tutte le caratteristiche significative devono essere indicate tramite simboli appropriati in tutta la documentazione.

6 La classificazione delle caratteristiche di prodotto deve essere indicata su ciascun Piano di Controllo o Istruzione Operativa. Questa deve essere coerente con le specifiche tecniche e/o analisi preventive sviluppate sul prodotto quando richiesto (FMEA, DOE, ecc.). I Piani di Controllo e/o le Istruzioni Operative, coerenti con i disegni aggiornati, la sicurezza e la classificazione delle caratteristiche, devono essere disponibili per tutti i particolari di sub fornitura. La documentazione utilizzata per condurre le ispezioni (cicli, disegni, istruzioni, ecc.) deve essere disponibile presso ogni postazione di lavoro come richiesto. Verificare il CONTENUTO del PCP. Deve essere assicurata l adeguatezza dei contenuti del PCP o delle istruzioni scritte (su caratteristiche, frequenze di controllo, taglia dei campionamenti, misurazioni, apparecchiature di registrazione, regole di reazione, ecc.). In caso di FMEA di Processo Master occorre avere un documento periodicamente revisionato che mostri l evidenza della rivalutazione periodica del PCP per potenziali miglioramenti. Assicurarsi che la FMEA di processo sia stata utilizzata per la compilazione del PCP con particolare riguardo alle caratteristiche chiave di prodotto e di processo. Ottenere l evidenza oggettiva che il PCP è un documento vivo soggetto a regolari revisioni. I parametri di processo/ macchina soggetti a significative variazioni nel tempo (ad es. temperature, tempi, velocità, pressioni, ecc.) devono essere sistematicamente monitorati, automaticamente o manualmente, per verificare il loro rispetto delle rispettive tolleranze. Controllare l esistenza dei controlli relativi alle fasi del processo che hanno generato i più alti indici IPR. Le frequenze di controllo, le taglie di campionamento e i criteri metodologici devono essere definiti. È necessario prendere in considerazione l effetto della caratteristica controllata sulla funzionalità del prodotto come definito da analisi preliminari (es. FMEA) e la stabilità del processo che genera la caratteristica. 1E IMDS (Gestione delle limitazioni d'uso di sostanze pericolose o vietate - es. metalli pesanti) Il fornitore deve essere in possesso della normativa di riferimento ove sono riportate le limitazioni d uso (Fiat Cap Fiat Cap ) nonché della normativa cui tali capitolati fanno riferimento nella versione aggiornata. Il fornitore deve aver comunicato i vincoli ai propri sub fornitori. Il fornitore deve aver inchiestato i propri sub fornitori per le applicazioni coinvolte e deve conservare copia della documentazione ricevuta. Il Fornitore deve avere copia della documentazione richiesta da Fiat Auto Il Fornitore deve aver risposto alle richieste di Fiat Auto nei tempi previsti e conservare copia della documentazione inviata. Se determinati materiali/componenti necessitano di adeguamento per eliminazione di una sostanza, il fornitore deve aver messo in atto tutte le misure per garantire l ottemperanza ai vincoli e deve gestire la tracciabilità dei componenti ante e post modifica. Il fornitore deve aver dato tempestiva comunicazione a Fiat Auto dell adeguamento in corso con l invio del MDS (Material Data Sheet) aggiornato per i numeri di disegno coinvolti Il fornitore ha inserito i dati relativi a tutti i numeri di disegno Fiat di propria fornitura nel sistema IMDS (International Material Data System)? Il fornitore deve essere in possesso della normativa di riferimento specifica per IMDS (Capitolato ). Il fornitore deve essersi registrato al sito

7 Il fornitore deve essere a conoscenza della presenza di un Help Desk e della persona di riferimento in Fiat Auto come ausilio alla compilazione. Il fornitore deve aver coinvolto i propri sub fornitori per l inserimento dei dati di rispettiva competenza e deve conservare la documentazione relativa. Il fornitore deve essersi strutturato in modo tale da garantire l inserimento dei MDS per ogni numero di disegno Fiat entro il benestare a produrre e avere un metodo di controllo della qualità dei MDS in arrivo dai sub fornitori. Il fornitore deve aggiornare l MDS inviato ogni qual volta si verifichi una variazione significativa del peso totale (> 10%) o una variazione di composizione del prodotto (anche a livello di trattamenti superficiali) con automatico cambio esponente di modifica in n identificativo IMDS. Il fornitore è responsabile di tutti i dati di composizione inseriti nel proprio MDS anche quelli relativi a componenti/materiali provenienti da sub fornitori. 2 TOOLING / ATTREZZATURE 2A Status dello stampo (qualità, capacità e tempistiche) Verificare lo status dello stampo in relazione sia alle tempistiche di realizzazione e di try-out sia alla funzionalità. Verificare il numero delle figure e la coerenza della vita utile con le necessità stimate. Verificare l implementazione di tutti i requisiti firmati nel tooling sign off. 2B Status delle attrezzature (qualità, capacità e tempistiche) Verificare lo status delle attrezzature in relazione sia alle tempistiche di realizzazione sia alla funzionalità. Verificare l esistenza di tutte le attrezzature necessarie per rendere definitivo il processo. 2C Condizione di conservazione stampo, attrezzature e apparecchiature Verificare l ambiente del luogo dove vengono conservati gli stampi con particolare attenzione alle condizioni di umidità, protezione, lubrificazione ed identificazione. Le condizioni ne garantiscono la funzionalità nel tempo? 2D Manutenzione Preventiva e Ordinaria (macchine / stampi / apparecchiature) Deve esistere un piano di manutenzione preventiva per tutte le attrezzature di produzione utilizzate nel processo produttivo del prodotto in esame (incluse le attrezzature di lavorazione). Questo piano deve essere coerente con un diario di bordo nel quale devono essere registrati tutti gli interventi effettuati (interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria inclusi). Le registrazioni devono essere analizzate per identificare eventuali criticità delle apparecchiature e/o del piano di manutenzione. Devono essere disponibili parti di ricambio per le macchine/attrezzature che possono causare fermate produttive. Le attrezzature, calibri, macchine ecc. di proprietà del cliente devono essere identificate in modo permanente e devono essere incluse nel piano di manutenzione.

8 2E Manutenzione Straordinaria efficace? Deve esistere un team di manutenzione addestrato interno o esterno disponibile ad intervenire anche in caso di emergenza durante tutto l orario di lavoro. Gli interventi di manutenzione straordinaria devono essere registrati. 3A Approvazione sub fornitori 3 PROCESSO Esiste un elenco dei fornitori approvati per tutti i componenti necessari alla realizzazione del prodotto? Esiste un elenco dei fornitori qualificati per ciascuna tecnologia o linea di prodotto? Ci sono stati dei cambiamenti sull elenco dei fornitori concordato durante l APQP o la qualificazione del componente? Deve esistere un elenco sistematicamente aggiornato indicante uno o più fornitori qualificati per ciascun specifico disegno, tecnologia o particolari a catalogo. Devono esistere dei metodi per la valutazione dell adeguatezza delle prestazioni dei fornitori. Per i fornitori critici deve esistere la possibilità di passare ad altri fornitori che forniscano particolari già sottoposti a PPAP / benestariati qualificati. 3B Approvazione componenti di sub fornitura I materiali/componenti di fornitura sono stati preventivamente valutati idonei all impiego sul prodotto in esame? (esistenza documentazione relativa, completezza e validità dei controlli effettuati o certificati; se ottenuto da più figure/stampi il benestare deve essere dato per ciascuna È garantita la gestione dei materiali/componenti modificati? È necessario che il sub fornitore non invii quantitativi della propria produzione senza aver prima ricevuto l approvazione/benestare dal fornitore sulla campionatura, realizzata con attrezzatura rappresentativa della produzione di serie, almeno attraverso verifiche di conformità alle specifiche, compatibilità con il processo produttivo/di trasformazione e con il prodotto finito per l applicazione. Quando un particolare è ottenuto da stampi/attrezzature a più figure, queste devono essere identificabili in modo permanente sul prodotto e per ciascuna di esse deve essere presentata campionatura separata per controlli dimensionali. Deve essere anche richiesta campionatura separata per particolari di uguale dimensione ma con caratteristiche diverse (colore, durezza, goffratura, ecc.). Nel caso in cui il benestare è concesso in deroga, questo deve avere carattere temporaneo e deve indicare la quantità e/o il periodo di validità. Deroghe su caratteristiche che vincolano la montabilità/funzionalità del componente devono essere preventivamente autorizzate dalla funzione preposta del fornitore. Quando possibile, verificare l'esistenza di eventuali campioni depositati. Verificare la conformità del materiale alle specifiche tecniche.

9 3C Sono disponibili e aggiornate chiare istruzioni di lavoro per ciascuna operazione? Le postazioni di lavoro devono essere fornite di chiare istruzioni per l operatore e istruzioni per i parametri di set-up in accordo alle esigenze e ai metodi di produzione. Durante la pianificazione e lo sviluppo di queste istruzioni, particolare attenzione deve essere posta alle operazioni che prevedono un controllo. Tali documenti devono essere facilmente identificabili per i vari passi relativi al loro utilizzo (ad es. classificazione, colori, fotografie/schemi/disegni, ecc.) per evitare ogni possibile errore. L auditor verifichi la conoscenza e l applicazione delle procedure e delle istruzioni di lavoro da parte degli operatori. L auditor percorra la linea con il Piano di Controllo e verifichi la sua coerenza con le Istruzioni di Controllo. Verificare l adeguatezza dei controlli visivi. 3D Capability di Processo (Ppk, Cpk e Cmk) Gli indici di capability di processo devono essere calcolati per tutte le caratteristiche misurabili importanti. Cm e Cmk per studi di capability macchina e Cp e Cpk per studi di capability di processo a regime. È necessario considerare le caratteristiche specifiche del processo (ad esempio presenza di una o più figure/stampi) e le caratteristiche sotto esame (ad es. limiti I valori devono essere in linea con le richieste del cliente per Cm, Cmk, Cp, Cpk, a breve e a lungo termine (cfr. Norma ). Se il processo risulta non capace, devono essere istituiti controlli al 100%. In aggiunta, il processo deve essere migliorato per raggiungere l obiettivo o deve essere sviluppato un processo più capace. La capability deve essere determinata nelle normali condizioni di produzione (ad es. macchine o attrezzature installate nel loro ambiente finale). La capability di processo deve essere monitorata nel tempo per garantire la stabilità del processo. Questo deve essere fatto utilizzando adeguate tecniche SPC e/o ricalcolandola ad intervalli periodici per mezzo dello stesso metodo iniziale. La capability di macchina deve essere ricalcolata quando intervengono modifiche nel prodotto o nel processo, è eseguita un importante manutenzione alla macchina o quando la macchina stessa viene spostata. Tutti i summenzionati dati, così come le azioni correttive implementate che danno come risultato l eliminazione di cause speciali di variazione, devono essere registrati nelle opportune forme. Nel caso che la capability di processo sia minore dell obiettivo, si deve agire per: - rivedere l elaborazione periodica dei dati e ricalcolare i limiti di controllo; - rivedere le frequenze di campionamento; - incrementare conseguentemente i controlli; - avere disponibilità e rintracciabilità delle azioni registrate in un diario di bordo ; - determinare l efficacia delle azioni. Quando il tipo di processo utilizzato non permette di operare alla capability richiesta, è inutile mantenere tale tipo di controllo sul Piano. Esso deve essere rimpiazzato con un più robusto controllo al 100%. La documentazione di riferimento deve essere aggiornata coerentemente. L'auditor richieda tutti i valori di Ppk, Cpk and Cmk e verifichi se sono in obiettivo. Se è necessario, effettui una verifica con i dati presi direttamente dal processo.

10 3E Riavvio a Produrre Devono esistere, in accordo ai requisiti, istruzioni riguardanti la gestione delle attrezzature in caso di cambi e riavvii produttivi (set-up). Quando necessario i valori dei parametri di macchina/processo devono essere registrati all inizio della produzione. Questi devono essere analizzati per evitare derive. 4 RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE 4A Gli operatori sono stati formati adeguatamente? Il personale deve essere qualificato per condurre i compiti assegnati (utilizzo delle attrezzature, coerenza con le istruzioni di lavoro, prevenzione incidenti, handling prodotto e identificazione, conseguenze di non conformità sul prodotto e sull azienda causate da attività non correttamente eseguite, reazione nel caso di malfunzionamenti di macchine e/o del prodotto) e per la gestione/regolazione di nuove macchine/attrezzature. Ulteriori qualifiche devono avere luogo dopo opportuna formazione. I piani di formazione devono essere commisurati all importanza delle caratteristiche da controllare. Il personale deve essere formato sul prodotto, sui punti critici in generale e in particolare sulle difficoltà che possono verificarsi in specifiche postazioni di lavoro (particolare attenzione deve essere posta sulle caratteristiche di Sicurezza/Report). Deve essere disponibile una registrazione dei corsi erogati, così come una matrice di competenze che indichi la polivalenza degli operatori. Deve essere definito un piano di riaggiornamento periodico della formazione. Deve essere definita la responsabilità della gestione/aggiornamento della matrice di polivalenza. L auditor verifichi l effettiva erogazione dei corsi agli operatori. 4B Coinvolgimento Management Il Management è coinvolto nelle problematiche della qualità? I Piani di Azione vengono realizzati nelle tempistiche condivise con il cliente? Sono assegnate le responsabilità per l implementazione e le persone sono consapevoli delle proprie responsabilità? 4C Risorse dedicate al controllo sufficienti? Il numero di risorse coinvolte nel controllo del processo produttivo è adeguato? È garantita la copertura di tutti i turni lavorativi? 4D Passaggio informazioni tra i turni Ricercare l evidenza dell istituzione di effettive e ben definite linee di comunicazione, in particolare trasversali ai turni, ai reparti, ecc., in modo che le informazioni sui problemi raggiungano le persone corrette.

11 4E Pulizia / Ambiente Deve essere previsto un piano di pulizia dei luoghi di lavoro atto a mantenere il livello adeguato alla criticità del prodotto. Deve essere previsto sui cicli un tempo per effettuare la pulizia della propria stazione. Il fornitore è certificato o ha una pianificazione per la certificazione ISO 14001? 5A Status Autoqualificazione 5 QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION L iter di autoqualificazione e stato completato? Gli esiti delle prove sono positivi? Sono stati condivisi i report? Se no, sono chiare le azioni di recupero in relazione all anomalia segnalata? 5B Status Prove Integrative Sono stati consegnati i campioni per Prove Integrative? Gli esiti delle prove sono positivi? Se no, sono chiare le azioni di recupero in relazione all anomalia segnalata? 5C Status Montabilità e Benestare Sono stati consegnati i campioni per prove di Montabilità e Benestare? Gli esiti delle prove sono positivi? Se no, sono chiare le azioni di recupero in relazione all anomalia segnalata? 5D One Day Production È stata verificata la capacità produttiva del processo? La capacità produttiva è sufficiente a soddisfare le richieste del cliente? La capacità produttiva verificata include la quota per ricambi ed eventuali surplus produttivi richiesti dal cliente per un periodo limitato di tempo? 5E Piano di Controllo Rinforzato di Pre Lancio Verificare l'esistenza del Piano di Controllo Rinforzato, caratterizzato dalla presenza di controlli "in linea" con frequenze di campionamento e/o taglie del campione maggiorate e dalla presenza di una stazione di controllo finale fuori linea per la certificazione del materiale in spedizione. Tale stazione deve essere nelle condizioni adeguate per il corretto funzionamento (luogo illuminato, strumentazione necessaria disponibile, ecc.). Verificare l'adeguatezza del Piano di Controllo Rinforzato, ad esempio accertandosi che ai più elevati IPR della FMEA di Processo corrispondano controlli più severi oppure che siano state prese in considerazione tutte le caratteristiche importanti del particolare (Chiave, Critiche,...). Verificare che sia stato identificato il responsabile dell'esecuzione del Piano e che questi certifichi correttamente tutti i lotti in spedizione.

12 6A Controlli in Accettazione Arrivi 6 IMPLEMENTAZIONE QUALITÀ Per particolari acquistati/materie prime con caratteristiche significative assegnate, qual è la procedura del sub fornitore per la corretta gestione dei processi (ovvero Piano di Controllo), che include la registrazione e l archiviazione dei risultati dei controlli? Quando è necessario acquistare da fornitori non qualificati il fornitore deve avere controlli efficaci, utilizzanti un adeguato piano di campionamento, esercitati sia nell area di ricevimento materiale sia durante il processo di fabbricazione per prevenire/bloccare l uso di particolari o materie prime non conformi. Il Piano di Controllo utilizzato deve essere disponibile e i relativi risultati dei controlli e delle prove devono essere accessibili su richiesta. Devono essere definite le metodologie per la conservazione delle certificazioni/esecuzioni dei controlli di qualità effettuati. Tutti i componenti devono essere approvati secondo i requisiti del cliente. Quando applicabile, deve essere verificata l esistenza di master di riferimento depositati. Se esiste un sistema computerizzato per la gestione dei prodotti in ingresso, di piani di campionamento e di criteri di accettazione/scarto, deve essere disponibile un metodo di gestione alternativo nel caso il sistema non fosse in grado di funzionare. Devono essere sviluppati e utilizzati Piani di Controllo (caratteristiche, frequenze, taglie di campionamento), garantendone l adeguatezza dei contenuti in riferimento alle caratteristiche vincolanti, che permettano il riesame periodico e l evoluzione dell elaborazione dei dati e dei i criteri di accettabilità. I sub fornitori possono operare in regime di autocertificazione se soddisfano almeno i requisiti di certificazione di sistema, qualificazione di processo positiva e prestazioni qualitative adeguate all importanza/obiettivi di qualità del prodotto. Devono essere previste regole che permettano la sospensione/ripristino dello stato di autocertificazione in presenza di non conformità. I risultati dei controlli effettuati dai fornitori devono sempre essere disponibili e immediatamente inviati al committente, se richiesti. Sui documenti di accompagnamento del materiale e sulla Scheda di Identificazione Prodotto, presente sull imballo, deve esistere un simbolo che attesti lo stato di fornitura in autocertificazione. Devono essere gestiti, in modo casuale, audit sui lotti in ingresso con elaborazione statistica dei risultati per confronto con gli indicatori del fornitore. Deve operare una struttura in grado di effettuare interventi sul fornitore in autocertificazione in termini di: - verifiche di processo per ogni nuovo prodotto/processo; - analisi e condivisione piani/griglie di controllo nel caso di prodotto nuovo e/o modificato. Devono essere disponibili opportune procedure per la gestione delle modifiche relative al prodotto/processo e delle eventuali deroghe rilasciate. Questa attività deve essere dimostrata con una corretta gestione delle modifiche sul prodotto/componente. I prodotti antemodifica devono essere considerati come particolari di scarto, salvo diverse prescrizioni da parte del committente.

13 6B Benestare a produrre Devono essere definiti e applicati controlli sul 1 pezzo significativo, dopo modifiche, ripresa di produzione o cambio di lavorazione. Deve essere garantita la conformità attraverso: - benestare da parte di personale addetto con istruzioni specifiche scritte disponibili, corrette e complete; - delibera alla produzione data da idoneo responsabile dopo verifica conformità dei primi pezzi realizzati con processo a regime; - disponibilità documentazione relativa al prodotto in produzione (cartellini, schede, cicli, ecc); - disponibilità dei mezzi e strumenti di produzione, controllo e movimentazione; - disponibilità sulla postazione di lavoro, quando previsto, del componente di riferimento deliberato. 6C Prove e controlli di processo Il fornitore deve avere procedure per la rilevazione e l immediata azione sul processo, quando risulta evidente una deriva o un degrado del processo stesso. Sono stati definiti i parametri di processo e macchina in accordo con quanto prescritto a capitolato, specifiche, disegni sia del cliente sia del fornitore (temperature, pressione, tensione, corrente, carico, portata, coppie di serraggio, ecc.)? Controllare che i limiti di controllo non siano stati confusi con le tolleranze. I limiti di controllo devono mostrare un processo di continuo miglioramento (restringimento). Il metodo di registrazione dei dati deve risultare adatto per i controlli eseguiti e tutti i limiti di controllo utilizzati devono risultare ragionevoli. Le condizioni di fuori controllo o speciali cause di variazione devono essere chiaramente identificate, documentate e collegate ad un sistema di supporto di robuste azioni correttive che reagisce all operatore. Il fornitore deve usare un sistema per la facile identificazione dei particolari conformi già prodotti (rompilotto, carte di controllo, ecc.). Il fornitore deve avere procedure per controllare i particolari indietro fino all ultimo controllo programmato nel caso del reperimento di una non conformità (risalita del processo). Devono essere definite ed applicate regole per la gestione delle maggiori non conformità comprendenti: - identificazione della non conformità; - analisi della causa radice; - azioni correttive provvisorie e definitive; - verifica dell efficacia delle stesse; - estensione del miglioramento a processi similari. Le azioni correttive applicate al processo devono essere utilizzate per aggiornare le FMEA e i Piani di Controllo. L auditor verifichi la gestione di almeno un azione correttiva susseguente a una non conformità. 6D Qualità uscente Deve esistere ed essere applicato un adeguato Piano di Audit Prodotto: - devono essere disponibili i risultati dei precedenti audit; - devono essere disponibili i piani di reazione in caso di reperimento di parti non conformi.

14 6E Audit SQE Nell Area Accettazione Arrivi selezionare un campione da un lotto già accettato/approvato e controllarlo. Nell Area Fabbricazione l auditor richieda parti che vengano selezionate da differenti macchine e differenti operatori e assista all esecuzione dei controlli, verificando la coerenza dei risultati ottenuti alle precedenti registrazioni e comparandoli alle specifiche. In caso di non conformità, i risultati devono essere esaminati per determinare la causa radice. L auditor deve verificare che la materia prima utilizzata sia la stessa approvata dal cliente. Durante l esame della sequenza completa delle operazioni, verifiche/ispezioni devono essere eseguite dall auditor su prodotti finiti o semilavorati selezionati da un minimo di tre macchine/processi e condotti sulle relative caratteristiche selezionate. L auditor a sua discrezione selezioni quindici pezzi da ciascuna macchina/processo per verificare il controllo di processo utilizzando il ciclo di controllo dell'operazione interessata. Nell Area Spedizione selezionare dei campioni da lotti già accettati/approvati che sono pronti per la spedizione e controllarli con riferimento alle loro caratteristiche. Durante l audit sul Prodotto, il personale addetto ai controlli è risultato adeguatamente addestrato? I metodi di controllo sono attuati in modo opportuno e adeguato a quanto richiesto dall ispezione? I risultati degli audit sono conformi? 7A Registrazione controlli 7 IMPLEMENTAZIONE QUALITÀ Devono essere definite modalità e responsabilità per la registrazione ed archiviazione dei risultati dei controlli. Devono essere definite e rispettate procedure per la conservazione dei documenti in locali adeguati. 7B Registrazione contolli su caratteristiche report Per i prodotti con caratteristiche di Sicurezza/Report e/o soggette ad omologazione devono essere garantiti i periodi di conservazione minimi concordati con il cliente e/o previsti dalla legislazione. 7C Gestione strumenti di controllo Deve essere disponibile la necessaria quantità di attrezzature di controllo e di prova per condurre tutti i necessari controlli (personale incluso). I campioni di interfaccia sono disponibili e utilizzati dall operatore? Tutte le apparecchiature di misura hanno istruzioni d uso allegate e chiaramente visibili? Sono disponibili campioni master per validare le apparecchiature di controllo a prova di errore? I calibri e le attrezzature devono essere di classe di misurazione adeguata in relazione alle richieste di disegni, normative e importanza delle caratteristiche.

15 Devono essere assicurate: disponibilità, adeguatezza, identificazione, efficienza, corretta conservazione dei calibri, attrezzature di prova e campioni di riferimento. Il fornitore deve avere procedure scritte, e propriamente applicate, per verificare la capacità dei calibri per quanto riguarda accuratezza, ripetibilità riproducibilità e stabilità. La coerenza tra capability dei calibri e le tolleranze deve essere verificata. Deve esistere un sistema di taratura dei calibri, inclusa la frequenza di taratura e la registrazione dei relativi risultati. Deve essere assicurata l identificazione dei calibri, lo stato di taratura e la data di scadenza (tramite bollini adesivi, codici di colori, ecc.). Devono essere definiti i criteri adottati per garantire la continuità dei controlli e delle prove durante il periodo di taratura dei calibri (specialmente se gli strumenti sono inviati presso laboratori esterni). Deve esistere una scheda per ciascun calibro/strumento di misura che ne riporti la storia: data di istituzione, interventi di taratura, condizioni, manutenzione, riparazioni, ecc. Devono essere presenti blocchetti di taratura e/o campioni di riferimento per la taratura dei calibri, riferibili a standard nazionali. Deve essere definita l adeguatezza del livello di accuratezza dei blocchetti e/o campioni di riferimento richiesti per una corretta taratura (campioni primari, secondari, ecc.). Devono essere definiti piani di reazione nel caso che venga trovato un calibro fuori taratura. Deve essere assicurata l identificazione e la segregazione di qualunque calibro non conforme, non capace. Deve esser mostrata la riferibilità, la rintracciabilità metrologica e la data di scadenza. Un campione di interfaccia e uno standard di accettabilità devono essere disponibili e utilizzati per il controllo dei particolari con caratteristiche estetiche, ecc. Gli standard di accettabilità devono essere sviluppati o dal cliente o dal fornitore. Il campione di interfaccia, quando applicabile, deve essere presente in ciascuna postazione di controllo. L identificazione e la registrazione delle modifiche al campione di interfaccia deve essere attuata su specifica documentazione. Deve esserci evidenza di riferibilità e rintracciabilità dei campioni di interfaccia. Devono essere definite le condizioni di conservazione, di handling e di protezione per i campioni di interfaccia. Devono anche esistere, in accordo ai requisiti, istruzioni riguardanti la gestione delle apparecchiature di misura in caso di cambi produttivi (set-up). Le apparecchiature di misura devono essere fornite di chiare istruzioni per l operatore e istruzioni per i parametri di set-up in accordo alle esigenze e ai metodi di produzione. Durante la pianificazione e lo sviluppo di queste istruzioni, particolare attenzione deve essere posta alle operazioni che prevedono un controllo. Tali documenti devono essere facilmente identificabili per i Il campione master, quando applicabile, deve essere presente in ciascuna postazione di controllo. L identificazione e la registrazione delle azioni di intervento devono essere attuate su specifica documentazione. Deve esserci evidenza di riferibilità e rintracciabilità dei campioni master. Devono essere definite le condizioni di conservazione, di handling e di protezione per i campioni master. L auditor verifichi l efficacia dei sistemi anti errore simulando una o più non conformità. Devono essere disponibili campioni di riferimento utilizzati per verificare le condizioni operative dei calibri e delle attrezzature di controllo e misura.

16 I campioni di riferimento devono essere utilizzati secondo le frequenze riportate sui Piani di Controllo. Il controllo a prova di errore al 100% oggettivato richiede che la rilevazione e lo scarto dei particolari non conformi sia effettuato in modo automatico e quando il dispositivo si guasta, oppure esce dal campo di taratura, i pezzi devono risultare tutti non conformi (positività del consenso). 7D Rilavorazioni Devono essere elaborate istruzioni scritte per la rilavorazione, la riparazione o la ripresa dei particolari non conformi. Le istruzioni devono definire il metodo di riparazione, l attrezzatura, il materiale da utilizzare e i metodi di identificazione e controllo dei prodotti rilavorati. I prodotti riparati/rilavorati, quando applicabile, devono essere chiaramente identificati e rintracciabili. I prodotti riparati/rilavorati devono essere reinseriti nel flusso principale al punto precedente a quello dove si è verificata la non conformità o almeno ricontrollati con gli stessi calibri o attrezzature di prova che hanno rilevato la non conformità. 7E Gestioni dei prodotti non conformi I prodotti non conformi devono essere evidenziati con opportuni segni/documenti di identificazione e opportunamente segregati dai prodotti conformi (aree ben delimitate, meglio se chiuse, o contenitori adeguati). Devono essere definite le regole per la gestione dei prodotti non conformi e relative responsabilità: - identificazione; - segregazione; - riparazioni/rilavorazioni; - ricontrolli; - scarto; - deroghe. Al ritrovamento di prodotti non conformi deve essere applicata correttamente la procedura per la gestione degli stessi (segregazione e interventi sul prodotto, analisi delle cause, correzioni sui processi, verifica dell'efficacia delle azioni correttive). 8A Rintracciabilità 8 LOGISTICA La rintracciabilità deve essere garantita per i componenti di sicurezza e/o soggetti a regolamentazioni specifiche. Quando i componenti hanno caratteristiche classificate come Sicurezza/Report o soggette ad omologazione, deve essere possibile risalire ai risultati dei controlli e delle prove in accordo a quanto concordato con il cliente e in accordo a quanto è richiesto dalle varie regolamentazioni nazionali e internazionali (rif Norma Fiat ). Deve esistere un legame di rintracciabilità tra l etichetta di imballo e il prodotto, il lotto, i documenti di accompagnamento, la quantità, il livello di revisione, le parti componenti e i controlli di processo utilizzati sia nei processi interni che in quelli esterni.

17 Il legame di rintracciabilità dei lotti alla materia prima e/o ai componenti di sub fornitura deve essere mantenuto quando richiesto a contratto. Deve esistere una chiara identificazione dei lotti assegnati ai controlli dell Ente Qualità. Il materiale conservato in magazzino deve essere rapidamente identificabile per mezzo di documentazione riportante codici e numeri di lotto. Devono essere disponibili opportune procedure per la gestione delle modifiche relative al prodotto/processo e delle eventuali deroghe rilasciate. Questa attività deve essere dimostrata con una corretta gestione delle modifiche sul prodotto/componente. I prodotti antemodifica devono essere considerati come particolari di scarto, salvo diverse prescrizioni da parte del committente. 8B Identificazione L etichetta di identificazione deve essere esposta in maniera ben visibile. Tutti i prodotti, semilavorati e/o finiti, devono essere identificati in maniera univoca (ad es. con codice, denominazione) e deve essere evidente lo stato di avanzamento rispetto alle fasi previste dal ciclo di fabbricazione. Deve essere garantita l applicazione e adeguatezza delle disposizioni per visualizzare lo stato di controllo dei prodotti, per esempio: - prodotto in attesa controlli; - prodotto controllato accettato ; - prodotto in attesa decisione; - prodotto non conforme; - prodotto di scarto (identificazione e segregazione per evitare il reinserimento nel processo). La zona di scarto, dove viene disposto il materiale non conforme in attesa di decisioni sulla sua destinazione finale, deve essere identificata ed inaccessibile ai non addetti. Le modalità di identificazione devono essere commisurate al rischio e al tipo di processo. L identificazione può riguardare ogni singolo pezzo, il contenitore, l area, il circuito e deve permettere di risalire a seconda delle necessità alle informazioni relative ai controlli/mezzi di misura, operatore, data, squadra, ecc. L identificazione deve essere chiara anche dopo la parziale utilizzazione del lotto. Deve essere garantita la coerenza della identificazione con richieste di rintracciabilità in particolare per prodotti con caratteristiche di Sicurezza/Report. Ogni scatola, contenitore, imballo, ecc. deve essere opportunamente identificato. Devono essere condotti controlli periodici per accertare che corrispondano sia l identificazione che il prodotto/quantità. I prodotti non conformi devono essere identificati e segregati nelle apposite aree. L identificazione/marcatura del prodotto deve essere conforme alle specifiche del cliente e deve essere riportata, nel caso di un complessivo, su tutti i componenti costituenti il complessivo L auditor verifichi che tutti gli imballi siano opportunamente identificati. 8C FIFO Deve esistere un sistema che garantisce il FIFO attraverso tutto il flusso del processo. Viene gestita la data di scadenza dei prodotti deperibili? I lotti di produzione devono essere inviati all operazione successiva in maniera organizzata (FIFO, identificazione della destinazione e organizzazione della lavorazione).

18 Se è istituito un sistema computerizzato, in caso di suo malfunzionamento, il FIFO deve essere gestito per mezzo di un sistema manuale equivalente. 8D Movimentazione e imballaggio adeguati Le aree di conservazione dei prodotti ad ogni postazione di lavoro devono essere commisurate alle necessità. L imballaggio utilizzato deve essere progettato per assicurare, anche in caso di riconfezionamento, l integrità del singolo componente fino alla sua immissione nel ciclo produttivo. L imballo deve essere univocamente identificato secondo standard concordato con il cliente (scheda imballo). Devono essere definite istruzioni operative in caso di imballi danneggiati. Durante le operazioni di scarico, attesa e immagazzinamento, le condizioni ambientali devono essere tali da proteggere l integrità del prodotto e il suo imballo. I mezzi di movimentazione, trasporto e contenimento (carrelli, transpallets, ecc.) devono essere efficienti e operare in condizioni di sicurezza. Il magazzinaggio deve essere effettuato su pallets, scaffali, ecc.; questi devono essere adatti allo scopo e in buone condizioni di pulizia, manutenzione, sicurezza, rispettando le indicazioni di massimo impilamento per assicurare le condizioni di sicurezza e di integrità del prodotto. Le aree di conservazione/immagazzinamento devono essere sufficientemente dimensionate per contenere il materiale, posizionate in modo logico rispetto al flusso, adeguate a contenere e proteggere il prodotto, con facile accesso e movimentazione sicura. Il fornitore non deve utilizzare contenitori/imballi del cliente per movimentazioni interne. 8E Flusso di processo adeguato La documentazione tecnica da utilizzare presso le postazioni di lavoro deve essere facilmente accessibile senza interferire con le attività lavorative. Il flusso del materiale deve essere progettato per evitare salti di operazione o mescolamento di particolari con prodotti similari. L attrezzatura di produzione di lotti/particolari al momento non in lavorazione deve essere opportunamente identificata e isolata per evitare confusione nella gestione del flusso dei componenti/parti al momento in lavorazione. Rivedere l area effettiva di lavorazione alla luce del Diagramma di Flusso di Processo, del layout generale e del PCP considerando tutti i processi dal ricevimento materiali alla spedizione. La postazione di lavoro deve essere configurata come da layout generale e deve essere fornita di adeguato spazio, illuminazione, ecc. Devono essere previste e, dove necessario, segregate, le allocazioni per la conservazione di calibri, scarti, rilavorati, ecc. Devono anche essere previsti luoghi per tenere in vista Piani di Controllo di Processo, Cartellini Operazioni, Istruzioni di lavoro, carte di regolazione di parametri di processo, SPC, indicatori interni e del cliente ecc. 9A Lessons Learned 9 MIGLIORAMENTO CONTINUO

19 Sono gestite ed analizzate le criticità riscontrate sul prodotto in esercizio e le relative azioni correttive implementate sui modelli in sviluppo? 9B Attività miglioramento crescita guidata fornitori secondo livello Esiste un piano di crescita relativa ai sub fornitori del parco per migliorare la qualità del loro prodotto/processo? 9C Garanzia Vengono sviluppati sistemi di analisi/prevenzione che permettano di anticipare ed evitare il lamentato della rete? Vengono gestiti ed analizzati i dati relativi ai problemi rilevati da rete assistenziale? Sono analizzati i particolari campione resi da rete (schede SITRA ecc.)? Sono implementate le azioni correttive a fronte di tali analisi? Esiste un sistema di stratificazione dati (QT, TESIS, SITRA, ecc.)? I fornitori di secondo livello sono coinvolti nelle suddette attività con risalite di processo e revisioni FMEA? Le risultanze di questa attività sono ribaltate sui nuovi prodotti in sviluppo? 9D Riqualificazione periodica Devono essere eseguite verifiche periodiche e/o audit sul processo per assicurare il mantenimento nel tempo delle prestazioni ottenute durante la qualificazione/approvazione iniziale del processo. Deve essere pianificata una periodica riqualificazione del sistema, complessivo o componente di fornitura, con frequenze concordate con il cliente. Nel caso in cui non ci sia una specifica richiesta da parte del cliente, il fornitore deve predisporre un proprio piano con frequenza non inferiore a una volta ogni due anni. Il processo di riqualificazione deve comprendere tutte le prove necessarie ad autoqualificare il sistema, complessivo o componente di fornitura per l'ottenimento della C.C.Q. e che risultano sul Piano Prove di Autoqualificazione condiviso. 9E Certificazione di Qualità e Ambientale L'auditor richieda al fornitore copia dei suoi certificati di Sistema Qualità e di Gestione Ambientale (ISO/TS e ISO o equivalenti).

20 ONE PAGE REPORT N M FIAT Purchasing Supplier Quality Progetto 0 ODM: 0 Pezzo: Fornitore: 0 Disegno N 0 Cod. Fornitore: 0 Famiglia: 0 Stabil. Forn.: 0 Data: 00/01/1900 SQE: 0 Riassunto fino a 3 principali argomenti in ordine di criticità: Argomento: (Program Review 1, 2, 3, ecc., PCPA 1, 2, 3 ecc., Delibera campioni o lotti per verifica processo, Pre serie, ecc.) Problema / Causa radice: Azioni Immediate / Definitive: (Inserire responsabile e data) Tempistica: 1 Try out CW 12 Campionatura Benestare: CW 22 1 Pezzo CW 14 Campionatura Prova Integrativa: CW 21 Varianza CW15 Lotto Verifica processo, Pre Serie CW 15 Autoqualificazione: CW 27 VERIFICHE DI PROCESSO 0 PRESERIE 0 DELIBERA A PRODURRE 0 JOB /01/ /01/ /01/ /01/1900 Distribuzione: SQE Coord. Project Coord. SQM SQD Buyer Sviluppo Piattaforma QPL E&D Fornitore

PCPA FIAT Group Automobiles

PCPA FIAT Group Automobiles PCPA FIAT Group Automobiles ESITO: Eseguito dal Cliente Eseguito dal Fornitore Data: Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornitore: Stab. Forn.: Supplier Quality VERIFICHE

Dettagli

FIAT Group Automobiles

FIAT Group Automobiles PROGRAM REVIEW FIAT Group Automobiles ESITO: MONITORAGGIO: Valutazione attuale DATE: Prossima Valutazione Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: SUPPLIER QUALITY Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornit:

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 - SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 Ragione sociale: C.F./P.I.: Indirizzo: C.A.P.: Città: Prov.: Tel.: Fax.: e-mail: Capitale sociale: : Fatturato degli ultimi 3 anni:

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

REQUISITI DI FORNITURA

REQUISITI DI FORNITURA Pag. 1 di 8 CONDIZIONI GENERALI DI DELLA BRUNO NESTORE s.r.l. e REQUISITI DI FORNITURA EMESSA e VERIFICATA DA: R.A. P. PALLAVIDINO FIRMA APPROVATA DA: D.G. NESTORE BRUNO FIRMA TEL. 011-8950400 TEL. 011-8950400

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Supplier Quality Manual

Supplier Quality Manual Supplier Quality Manual Revisione Data Revisione Modificato 20/1/2006 0 Prima Emissione. 13/4/2007 1 Inseriti riferimenti relativi a dichiarazione di conformità e certificati materiale; modificato modalità

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

SICOP SICOP. Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949

SICOP SICOP. Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949 SICOP SICOP Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949 SICOP UFFICIO COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI UFFICIO PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

Applicazione ISO TS 16949

Applicazione ISO TS 16949 M generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di qualità conforme alle UNI ISO TS 16949 Inquadrare le metodologie di gestione in ottica ISO TS 16949 Insegnare

Dettagli

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate;

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate; PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti ma collegati fra loro, eccezionali per funzionalità,

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE FORNITURE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA)

PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE FORNITURE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA) Pag.1 di 15 PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA) 3 25/06/04 Aggiornati tutti i paragrafi Mascali M. Panzeri F. Panzeri F. RAQ ACQ Presidente 2 07/03/00 Aggiornato capitoli n 1

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

CGA Condizioni Generali di Acquisto

CGA Condizioni Generali di Acquisto CGA 01 Pagina 1 di 13 Condizioni Generali di CGA 01 Condizioni Generali di Ultima Revisione Rev. Data Preparata da FAA Verificata da RGQ Approvata da DR 3 28/04/2015 Marella Baudano Giorgio Gramolelli

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

SUPPLIER QUALIFICATION

SUPPLIER QUALIFICATION ne della Qualità e del Servizio SUPPLIER QUALIFICATION SELF ASSESSMENT SETTORE AREA QUESITI PER LA VALUTAZIONE NOTE X IL FORNITORE SIC NOD VALUT. Conformità e migliorabilità NOTE del Fornitore (A e E'

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA ultimo aggiornamento: luglio 2012 1 GENERALITA...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 CONDIZIONI DI FORNITURA...2 3.1 ACCETTAZIONE ORDINI...2 3.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITA...3

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

AUDIT DI SISTEMA QM - VALUTAZIONE FORNITORE

AUDIT DI SISTEMA QM - VALUTAZIONE FORNITORE non considerato Management di Qualità e Fornitura AUDIT DI SISTEMA QM - VALUTAZIONE FORNITORE (appoggiato a VDA 6.1 e DIN ISO 001) Italiano Valutazione iniziale Valutazione successiva pagina 1 di Autovalutazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 4 Pag. 1 / 16 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Indice: 4.0 - Oggetto 4.1 - Generalità 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.3 - Controllo delle registrazioni

Dettagli

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione Sartirana Marina On-Site Audit: step critico nell iter di approvazione Parte fondamentale dell iter approvativo di un supplier è quella relativa

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11 M.C. Romano, M. Ranieri Le giornate di Corvara 18 Convegno di Igiene Industriale Corvara (Bz)) 28-30 marzo 2012

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

ISO 14001:1996. Tipo di audit Data. Norme aggiuntive. Ditta. Indirizzo. NPA/Località. Persona di contatto. No. cliente. Settore da certificare

ISO 14001:1996. Tipo di audit Data. Norme aggiuntive. Ditta. Indirizzo. NPA/Località. Persona di contatto. No. cliente. Settore da certificare Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) Casella postale, CH-3052 Zollikofen Tel: +41/31/910 35 35 / Fax: +41/31/910 35 45 :1996 QUESTIONARIO PER L`ISPEZIONE DI SISTEMI DI MANAGEMENT

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE SPECIFICHE Pagina 1 di 12 I N D I C E 1. SCOPO 2. DEFINIZIONI 3. RESPONSABILITÀ 4. ALLEGATI 5. RIFERIMENTI 6. VINCOLI 7. CAMPO DI APPLICAZIONE PARAGRAFI COSTITUENTI IL CAPITOLATO TABELLA DELLE MODIFICHE

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Definizione di Prodotto e di Processo Analisi Statistica SPC Manutenzione programmata Pianificazione lavori Rilevamento e

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova M di conferma metrologica Obiettivi generali Accrescere la competenza e le abilità del personale operante all interno dei laboratori e del controllo qualità Fornire un quadro completo ed esaustivo di tutte

Dettagli

LA VENETA SERVIZI GUIDA AL CONTROLLO DEL SERVIZIO

LA VENETA SERVIZI GUIDA AL CONTROLLO DEL SERVIZIO 1. SCOPO IOSQ002 rev. 6- Pag. 1 di 9 Fornire ai Capo Area/Capo Cantiere/Coordinatore di Zona, ed in loro impossibilità a RDQ, direttive ed informazioni riguardanti lo svolgimento delle mansioni di controllo

Dettagli