Rational Unified Process Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rational Unified Process Introduzione"

Transcript

1 Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un framework (schema generale) di processo, da adattare alle diverse tipologie di progetto. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Origini Deriva dall unificazione dei tre più usati processi di analisi, progettazione e produzione del software: Il metodo di Booch Il metodo di Rumbaugh (OMT) Il metodo di di Jacobson (OOSE-Objectory) G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

2 Caratteristiche... Basato sulle 6 best practices dello sviluppo del software: Sviluppare software in modo iterativo ed incrementale. Gestire i requisiti. Utilizzare architetture basate su componenti. Modellare il software in modo visuale. Verificare la qualità del software. Controllare le modifiche apportate al software. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Iterativo ed incrementale... L approccio iterativo offre una serie di soluzioni ai problemi dello sviluppo sw: I problemi sono evidenziati all inizio del ciclo di vita quando è ancora possibile prendere provvedimenti. Viene incoraggiato lo scambio di informazioni con gli utenti permettendo l identificazione dei requisiti reali del sistema. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio iterativo ed incrementale... Gli sviluppatori sono costretti a concentrarsi sugli aspetti critici del progetto. Il test eseguito continuamente ad ogni iterazione permette una valutazione oggettiva dello stato di avanzamento del progetto. Le incoerenze tra requisiti, progetto ed implementazione vengono identificate molto presto. Il carico del gruppo di lavoro è suddiviso nel tempo in modo più uniforme. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

3 ...iterativo ed incrementale... Il processo può essere migliorato nel tempo grazie alle competenze acquisite. In ogni iterazione si ripetono, in misura e percentuali diverse, le medesime tipologie di attività (es. analisi dei requisiti, design, implementazione, test). La realizzazione (ed eventualmente il rilascio) dell applicazione avviene in modo progressivo G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Verificare la qualità La verifica della qualità del sw consente di: Rendere oggettiva l analisi dello stato del progetto. Evidenziare incoerenze tra requisiti, progetto ed implementazione. Concentrarsi sulle aree ad alto rischio. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Use case driven... La definizione delle modalità d uso del sistema (casi d uso), guida tutte le attività del processo. I casi d uso costituiscono la base per: la definizione e la negoziazione dei requisiti; la validazione degli stessi da parte del committente; la progettazione dell architettura e dei componenti; la definizione dei test di accettazione; G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

4 Il processo sequenziale... I tradizionali processi sequenziali sono basati sulle seguenti fasi: Capire completamente il problema che deve essere risolto, i suoi requisiti ed i suoi vincoli. Progettare una soluzione che soddisfi tutti i requisiti ed i vincoli. Implementare la soluzione. Verificare che l implementazione soddisfi i requisiti specificati. Consegnare il prodotto finale. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio il processo sequenziale... Il processo sequenziale fallisce perchè basato su ipotesi errate: I requisiti non muteranno. I requisiti si possono descrivere con un dettaglio ed una precisione sufficiente. E possibile sviluppare un progetto completo prima di procedere. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio il processo sequenziale Il processo sequenziale non funziona su progetti con un elevato grado di innovazione, incertezza e rischio. Una soluzione: il processo iterativo! G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

5 Il modello del RUP... Il RUP è rappresentato utilizzando 4 elementi principali di modellazione: I ruoli, il chi. Le attività, il come. Gli elaborati, il che cosa. I Workflow, il quando. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio il modello del RUP... Il termine ruolo definisce il comportamento e le responsabilità di un individuo o di un gruppo di individui che lavorano in team. Il comportamento è espresso in termini di attività che la persona con quel ruolo esegue. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio il modello del RUP Le responsabilità di ogni ruolo sono espresse in termini di elaborati che l individuo con tale ruolo crea, modifica o controlla. Un workflow è una sequenza di attività che produce un risultato con un valore osservabile. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

6 Fasi ed iterazioni... Il RUP è composto di fasi ed iterazioni. Una fase è l arco di tempo tra due milestone del processo nel quale sono ben definiti obiettivi da raggiungere e semilavorati da completare e sono prese le decisioni per passare alla fase successiva. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio fasi ed iterazioni... Ogni fase si compone di un numero di iterazioni. Un iterazione rappresenta un completo ciclo di sviluppo, dalla cattura dei requisiti in analisi all implementazione e test, e porta alla produzione di un oggetto eseguibile. Per ogni iterazione esistono un piano e dei criteri di valutazione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio fasi ed iterazioni G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

7 Le fasi del RUP Inception Elaboration Construction Transition G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Inception... Verifica la fattibilità tecnica e la giustificazione economica dell intervento. In questa fase vengono definiti: i business case che devono includere i criteri di successo; la gestione dei rischi; la stima delle risorse necessarie; la pianificazione di massima e la schedulazione dei principali milestone. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio inception In questa fase è comune produrre un prototipo sw con lo scopo di approfondire i concetti. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

8 Elaboration... Definisce in dettaglio le caratteristiche funzionali, strutturali e tecniche del sistema. Le decisioni architetturali devono essere prese avendo una conoscenza dell intero sistema e ciò implica la descrizione della maggior parte dei requisiti del sistema stesso. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio elaboration Per verificare l architettura è necessario implementare un prototipo che dimostri le principali scelte ed implementi use case significativi. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Construction Produce in modo incrementale una versione del sistema pronta per i test di accettazione. Ciò implica la descrizione dei requisiti rimanenti e la definizione dei criteri di accettazione e di verifica del sw. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

9 Transition Produce una versione del sistema rilasciabile in produzione. Parte con il rilascio di una versione beta sulla quale è necessario effettuare cicli di revisione per correggere bugs, inserire requisiti addizionali (non di rilievo) o completare alcuni requisiti che erano stati posticipati. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Le fasi del RUP... Inception ed elaboration rappresentano l attività ingegneristica del ciclo di vita dello sviluppo, mentre construction e transition costituiscono la produzione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio le fasi del RUP G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

10 Output delle fasi... Inception Documenti fattibilità. Elaboration SRS (Specifica dei Requisiti Software). Architettura consolidata e verificata. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio output delle fasi Construction Versione sistema in pre- produzione (Beta). Transition Versione sistema in produzione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Workflow... Le fasi sono sequenziali, e corrispondono a milestones significativi per Committenti, Utenti, Management. Le tipologie di attività possibili nel processo non sono rigidamente sequenziali, e vengono svolte dal progetto in ogni iterazione. Il numero delle iterazioni dipende dalle scelte del Project Manager e dai rischi del progetto. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

11 Attività Business modeling... Analisi e modellazione dei processi utente. Rappresenta un momento di riflessione e conoscenza dei processi e dei loro possibili miglioramenti molti dei quali non legati necessariamente ad automazioni software. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Requirements Definizione dei requisiti utente. Questa attività è rivolta alla definizione di cosa il sistema informatico deve fare. Ciò avviene mediante la definizione e modellazione dei requisiti utente, espressi in forma di casi d uso e scenari di funzionamento del caso d uso. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Analysis and design Analisi e disegno. Questa attività è rivolta alla definizione di come il sistema informatico deve fare quanto stabilito nei requisiti. Ciò avviene mediante la definizione e la modellazione di dettaglio dei requisiti software e del comportamento statico e dinamico del sistema. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

12 Implementation Implementazione della soluzione. Questa attività è rivolta alla realizzazione dei componenti progettati, in accordo con il modello dei componenti definito. E una attività che dipende strettamente dalla progettazione, dove sono fatte le scelte di disegno dei componenti e la generazione dello scheletro. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio implementation La fase di implementazione, definiti in modo corretto il Modello System Use Case, il prototipo ed il Design Model, non comporta particolari difficoltà, in quanto si basa su precise linee guida per lo sviluppo dei componenti. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Test... Le attività relative al Testing sono integrate nel processo di sviluppo completamente guidato dalla definizione dei casi d uso e dei loro scenari. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

13 ...test E possibile mediante strumenti automatici, stabilire la dipendenza tra casi d uso, scenari e requisiti di test funzionale e non funzionali, importandoli dal modello di analisi e progettazione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Deployment Fase relativa al rilascio del sistema. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Configuration & Change Management Un aspetto fondamentale del processo di sviluppo è la gestione della configurazione e dei cambiamenti. A tale riguardo, per ciascuna delle fasi descritte è necessario fare gestire i componenti e le attività dal Configuration Management, integrandolo con i tools utilizzati. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

14 Project Management Attività relativa alla gestione del progetto. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Environment Attività di messa a punto dell ambiente di supporto al progetto. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Modelli Sono i più importanti prodotti del RUP e sono una semplificazione della realtà, creati per comprendere meglio il sistema che si sta informatizzando. Nel RUP sono previsti 9 modelli che nel complesso coprono tutte le decisioni importanti di uno sviluppo sw. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

15 modelli Business model rappresenta un astrazione dell organizzazione. Domain model rappresenta il contesto del sistema. Use case model rappresenta il sistema dei requisiti funzionali. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio modelli Analysis model rappresenta una prima bozza di disegno. Design model Rappresenta il vocabolario del sistema e la sua soluzione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio modelli Process model Rappresenta i meccanisimi di concorrenza e sincronizzazione del sistema. Deployment model Rappresenta la topologia hw sul quale il sistema sarà eseguito. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

16 modelli Implementation model Rappresenta le parti usate per assemblare e rilasciare il sistema. Test model Rappresenta i passi attraverso i quali il sistema viene validato e verificato. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Punti di forza del RUP E un processo ampiamente utilizzato, da anni, in contesti eterogenei: è sperimentato e consolidato. Comprende una massa notevole di linee guida e template. Fornisce indicazioni concrete su come operare in un approccio di progettazione Object Oriented. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio punti di forza del RUP Definisce in modo approfondito (anche se in termini necessariamente generali): i ruoli coinvolti nel processo di sviluppo. le attività da effettuare. i documenti in input e in output alle diverse attività. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

17 Costi Impatto organizzativo Impatto culturale Spese tecnologiche Costi di impianto Costi a regime G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Impatto organizzativo... Il processo può risultare molto diverso dagli stili di lavoro in essere nell organizzazione che lo adotta. Può portare ad una ridefinizione dei ruoli, rispetto a quelli in essere. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio impatto organizzativo Può portare ad una ridefinizione delle modalità di comunicazione e di rapporto con Committenti e Utilizzatori. Può portare ad una ridefinizione delle modalità di comunicazione e di rapporto con eventuali Fornitori. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

18 Impatto culturale... RUP può comportare, per il personale dell organizzazione: Un cambiamento significativo del modo di lavorare (procedure, responsabilità, tecniche). Una diversa percezione del proprio ruolo in rapporto alla committenza ed agli utilizzatori. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio impatto culturale Una ridefinizione di alcuni concetti cardine dello sviluppo (analisi, requisiti, test, manutenzione). La necessità di apprendere nuove tecniche (es. approccio Object Oriented alla progettazione dei sistemi, gestione dei requisiti). G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Costi tecnologici... L utilizzo del nuovo processo può essere agevolato dall acquisizione di strumenti specifici per le attività primarie di sviluppo, tra cui: gestione dei requisiti e delle richieste di cambiamento; analisi e design; generazione di codice; Testing. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

19 ...costi tecnologici Tali strumenti sono oggi ampiamente disponibili sul mercato. La disponibilità degli strumenti non è comunque un prerequisito indispensabile per l efficacia del processo. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Costi d impianto Lavoro necessario per: adattamento del processo; interazione con Funzioni aziendali coinvolte, e con eventuali soggetti esterni (Clienti, Fornitori); divulgazione; supporto ai progetti nella fase iniziale di diffusione. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio Costi a regime Il processo deve essere gestito in un ottica di continuo miglioramento e adattamento all evolversi delle esigenze aziendali. Va, inoltre, adattato ad ogni specifico progetto, per tenere conto delle specifiche caratteristiche e limitazioni. G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata tools metodi processi Focus sulla qualità Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata (2) Qualità Elemento

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

Sommario Unified Modeling Language Ing. Gianluca Di Tomassi www.ditomassi.it Modelli del processo SW Modello a cascata Sviluppo iterativo del SW Modello incrementale Modello a spirale Unified Modeling

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE EMILIANO CASALICCHIO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SEDE DI RIETI HTTP://WWW.CE.UNIROMA2.IT/COURSES/PSW! Cos è UML UNIFIED MODELING LANGUAGE!

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

4.1 Che cos è l ideazione

4.1 Che cos è l ideazione Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Ideazione (non è la fase dei requisiti) Capitolo 4 marzo 2013 Il meglio è nemico del bene. Voltaire 1 *** AVVERTENZA *** I lucidi messi a disposizione

Dettagli

UML - Unified Modeling Language

UML - Unified Modeling Language UML E CASI D USO UML - Unified Modeling Language Linguaggio stardardizzato per identificare e modellizzare le specifiche di un S.I. Coerente con il paradigma della programmazione ad oggetti Definito a

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

IT Quality e Circolare 263

IT Quality e Circolare 263 IT Quality e Circolare 263 Trasformarsi per tempo puntando su Controllo dei Processi e Test Strutturato «Voi Siete Qui»: continuità ed elementi di novità Crisi 2008-09: nuovi modelli regolatori e normative

Dettagli

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro Processi di Sviluppo Software Introduzione Giuseppe Calavaro Processi di sviluppo software - Agenda Differenza tra Programmazione e Progettazione SW I Processi di Sviluppo Software Waterfall Spirale RUP

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U.

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti (2 ore)

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2015 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

Ingegneria del Software 2

Ingegneria del Software 2 Politecnico di Milano Anno Accademico 2010/2011 Ingegneria del Software 2 Corso della Prof.ssa Elisabetta Di Nitto Stefano Invernizzi Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

* Che cos è un processo software

* Che cos è un processo software Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2013 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione dell IT

La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione dell IT Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Relazione finale di tirocinio La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 16: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 La metologia R.U.P.

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

GUFPI-ISMA. Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points. Roberto Meli

GUFPI-ISMA. Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points. Roberto Meli GUFPI-ISMA Evoluzione delle Linee Guida: l utilizzo contrattuale dei Function Points Roberto Meli Coordinatore Consiglio Direttivo GUFPI-ISMA 2 Perché era necessario intervenire? I contratti per il software

Dettagli

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software Giovanni A. Cignoni, Dip. di Informatica, Univ. di Pisa Davide Morano, SIAS - Gruppo KataWeb Ottobre 2000 Sommario L impostazione della nuova ISO 9001,

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

Casi d uso (use cases)

Casi d uso (use cases) Casi d uso (use cases) proposti da Ivar Jacobson nel 1992 termine nuovo, ma tecnica consolidata (studio degli scenari di operatività degli utilizzatori di un sistema) sono i modi in cui il sistema può

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

La progettazione del software nelle piccole o micro imprese

La progettazione del software nelle piccole o micro imprese La progettazione del software nelle piccole o micro imprese Il contenuto di questo documento è strettamente confidenziale, la visione dello stesso è consentita solo al personale di FadeOut Snc e della

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Sistemi informativi e-18001. 26 luglio 2012 draft 02 Pagina 1 di 6

Sistemi informativi e-18001. 26 luglio 2012 draft 02 Pagina 1 di 6 consulenza direzionale ed organizzativa e progettazione, realizzazione ed erogazione di sistemi informativi per la gestione tecnica dei patrimoni immobiliari (conduzione manutenzione e sicurezza) ed il

Dettagli

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo Progetto software 2008/2009 Docente Marianna Nicolosi Asmundo Obiettivi del corso Coinvolgervi nello sviluppo di un progetto software in cui mettere a frutto le conoscenze che avete acquisito durante i

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai UML un linguaggio universale per la modellazione del software Adriano Comai 2 Finalmente uno standard per l analisi e disegno OO? L'obiettivo è ambizioso. Lo Unified Modeling Language (UML) vuole essere,

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

Unified Process - introduzione

Unified Process - introduzione Unified Process - introduzione versione 16 marzo 2009 http://www.analisi-disegno.com Unified Process - Introduzione Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED Lorenzo Saladini 1. Introduzione In questo capitolo vengono presentati alcuni degli elementi necessari al corretto sviluppo di sistemi informatici secondo una metodologia

Dettagli

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE

SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE SPIKE APPLICATION SECURITY: SICUREZZA DIRETTAMENTE ALL INTERNO DEL CICLO DI VITA DEL SOFTWARE La sicurezza delle applicazioni web si sposta a un livello più complesso man mano che il Web 2.0 prende piede.

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Prof. Marcello Sette mailto://marcello.sette@gmail.com http://sette.dnsalias.org 1 aprile 2008 Diagrammi UML 3 UML: richiami..........................................................

Dettagli

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali ARIES Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali P r e s e n ta z i o n e d e l l a m e t o d o l o g i a a r i e s ARIES è una metodologia che consente di implementare rapidamente

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART USER INTERFACE DESIGN PER LA PIATTAFORMA MOBILE VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il linguaggio di modellazione UML. Rational Unified Process. Model Driven Architecture. Sistemi Informativi Aziendali

Il linguaggio di modellazione UML. Rational Unified Process. Model Driven Architecture. Sistemi Informativi Aziendali Contenuti Il linguaggio di modellazione UML Rational Unified Process. Model Driven Architecture. Sistemi Informativi Aziendali Con le slides che seguono l intento è quello di introdurre gli strumenti e

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Sviluppo di applicazioni internet:

Sviluppo di applicazioni internet: Sviluppo di applicazioni internet: Rad versus approccio formale Mario Quirico 2 Come si fa a introdurre l'uso di tecniche formali nello sviluppo delle applicazioni internet senza incappare nelle spire

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti Prime fasi nella produzione del software &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Capitolato d appalto o doc. formale di richiesta prodotto Incontri con il committente e/o interviste Esercitazione Studio del dominio

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate 1 La Governance dei contratti di outsourcing Dipartimento Politiche Fiscali Strumenti di governance Convenzione Triennale Agenzia delle Entrate Sogei

Dettagli

Piano di gestione della qualità

Piano di gestione della qualità Piano di gestione della qualità Pianificazione della qualità Politica ed obiettivi della qualità Riferimento ad un eventuale modello di qualità adottato Controllo della qualità Procedure di controllo.

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale La Sicurezza Funzionale del Software Prof. Riccardo Sisto Ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dipartimento di Automatica e Informatica Sicurezza Funzionale del Vari Aspetti Sicurezza

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il gap 2: allineare strategia, modello di servizio e standard di servizio

Il marketing dei servizi. Il gap 2: allineare strategia, modello di servizio e standard di servizio Il marketing dei servizi Il gap 2: allineare strategia, modello di servizio e standard di servizio GAP 2: il gap di progettazione del servizio Il secondo gap del fornitore sta nell incapacità di trasformare

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Processi per lo sviluppo rapido del software

Processi per lo sviluppo rapido del software Lezione 3 Processi per lo sviluppo rapido del software Sviluppo Rapido del Software Slide 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.17 R. Pressman- Principi di

Dettagli

Ibpm è lo strumento per la gestione dei processi, dalla modellazione, all esecuzione, al monitoraggio.

Ibpm è lo strumento per la gestione dei processi, dalla modellazione, all esecuzione, al monitoraggio. L applicazione sviluppata da Ibimec si propone di dare una copertura informatica per quelle attività che vengono svolte al di fuori del sistema informatico gestionale dell azienda, ma indispensabili per

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli