P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T."

Transcript

1 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione A2) Forma giuridica COSTRUIRE SPA SOCIETA PER AZIONI A3) Codice Fiscale Partita IVA A4) Sede legale NAPOLI NA Comune Provincia CAP VICO S. NICOLA ALLA DOGANA, 9 Via e n. civico A5) Telefono Fax A6) Legale Rappresentante FIORE SERGIO AMMINISTRATORE UNICO Cognome Nome Qualifica A7) Atto costitutivo (1) REPERTORIO N RACCOLTA N /12/2030 Estremi Scadenza A8) Capitale sociale (1) di cui versato A9) Iscrizione al Registro delle Imprese NAPOLI /02/1996 Di Al n Dal A10) Iscrizione all INPS NAPOLI (VIA FERRARIS) 01/07/1979 COSTRUZIONI Ufficio di Dal Settore A11) Categoria di impresa (2) ANNO , Periodo di riferimento Effettivi ULA Fatturato Totale di bilancio A12) Incaricato dell impresa per la pratica SALVATORE VUOTO Sig. Tel. Fax A13) Indirizzo cui inviare la corrispondenza NAPOLI NA VICO SAN NICOLA ALLA DOGANA N. 9, Comune Provincia CAP (1) Solo per le società ed i consorzi; Via e n. civico Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

2 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. (2) Tutti i dati devono riguardare l ultimo esercizio contabile chiuso e sono calcolati su base annua. Per le imprese di costituzione recente i cui conti non sono stati ancora chiusi, i dati sono stimati in buona fede ad esercizio in corso. B) DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI B1) Ubicazione dell unità locale oggetto dell investimento: Comune NAPOLI Provincia NA CAP Via e n civico VICO II S. NICOLA ALLA DOGANA Telefono Fax B2) Tipologia del programma di investimenti PROGETTAZIONE E CONSULENZA, ACQUISTO MACCHINARI, ACQUISIZIONE BREVETTI E SOFTWARE, REALIZZAZIONE IMPIANTI B3) Date effettive o previste relative al programma: B3.1) Data (gg/mm/aaaa) di avvio a realizzazione del programma B3.2) Data (gg/mm/aaaa) di ultimazione del programma 31/01/ /12/2010 B4) Spese del programma (al netto dell IVA) a fronte delle quali si richiedono le agevolazioni Voci di spesa Spese dirette Importo in migliaia di Euro A Progettazione, direzione lavori, piano marketing,accessorie ,00 B Impianti C Macchinari, attrezzature e strumenti D Immobilizzazioni immateriali ,00 TOTALE ,00 C) ELEMENTI PER IL CALCOLO DEL VALORE TECNICO DEL PROGETTO C1) Caratteristiche innovative e qualitative del progetto, sia ai fini dell incremento di efficienza della macchina gestionale, sia in funzione del completamento/ potenziamento di infrastrutture ICT già esistenti : Costruire S.p.A. opera, per commesse pubbliche e private, nel settore dell ingegneria e delle costruzioni infrastrutturali, con particolare riguardo al settore dei trasporti ferroviari. Il core business dell azienda è legato, pertanto, alla realizzazione di grandi opere edili e il suo Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

3 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. modello organizzativo è basato sulla gestione tecnica, economica e finanziaria delle commesse che acquisisce. Alla luce di vari fattori e accadimenti tra cui: crisi generalizzata dell economia mondiale con riflessi sulle economie nazionali; necessità di interagire con un mercato sempre più dinamico e turbolento; aumento della competitività all interno del settore di riferimento; necessità di una sensibile riduzione dei costi e di una ridefinizione della struttura dei costi aziendale in un ottica di efficienza; massimizzazione del rendimento del capitale investito secondo un modello di generazione del valore ; la Costruire ha ritenuto strategico un introduzione più pervasiva, all interno della sua struttura, delle tecnologie ICT allo scopo di ottenere un miglioramento complessivo del business e di acquisire un vantaggio competitivo in grado di garantirle un nuovo collocamento all interno del suo settore di riferimento. L investimento in tecnologie ICT può essere riassunto nei seguenti macro-punti: 1. creazione di una funzione di Controllo di gestione aziendale; 2. introduzione di un sistema ERP aziendale; 3. Business Process Reengineering dei processi aziendali per renderli congruenti a quelli delle Best Practices del software ERP; 4. adeguamento del Manuale di Qualità aziendale secondo le nuove procedure e relativo programma di auditing; 5. introduzione di un modulo di Business Intelligence e di Corporate Performance Management aziendale; 6. integrazione/rinnovo delle risorse hardware in funzione delle specifiche dei software introdotti. a) azioni specifiche da svolgere, con particolare riguardo alle modalità organizzative e gestionali introduzione nell organizzazione aziendale di un responsabile di Controllo di gestione e di due controller a supporto; riqualifica di due unità del personale in forza per attività di supporto ai cantieri; acquisto di un software ERP personalizzato sulle proprie esigenze; Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

4 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. acquisto di un modulo di BI e CPM come supporto decisionale al management e alla Direzione aziendale; acquisto di un videoproiettore e relativo schermo a supporto dell attività di reporting di Controllo di gestione; attività di BPR dei processi aziendali e revisione del manuale di qualità secondo le procedure introdotte dal software ERP; acquisto di hardware (pc, notebook, stampanti, scanner, server, componenti di rete, ecc.) per l installazione e il corretto funzionamento dei moduli di ERP, BI e CPM; acquisto di software (antivirus, firewall, ecc.) a supporto per il corretto funzionamento del modulo ERP quando in connessione con l esterno (cantieri) adeguamento dei software di office automation agli standard attuali b) gli interventi da realizzare potenzieranno le attività della filiera produttiva (impianti di trasformazione, punti vendita aziendali, introduzione e/o sviluppo dell e-commerce) Il progetto da implementare riuscirà a potenziare l intera macchina produttiva di Costruire, mettendola in grado di presentarsi sul mercato con un vantaggio competitivo notevole rispetto alle aziende concorrenti. Infatti, anche se il prodotto/servizio fornito sarà fondamentalmente lo stesso, cambieranno profondamente i processi e le procedure ad esso sottesi. La filiera produttiva si gioverà dei vantaggi derivanti dai nuovi modi di conservare, trattare e comunicare le informazioni resi possibili dall introduzione degli strumenti implementati con l investimento. In buona sostanza l azienda avrà la capacità di fornire lo stesso prodotto/servizio ma con un abbattimento dei costi ad esso connessi (in termini economici, gestionali e temporali) e con un conseguente vantaggio a cascata sul committente del prodotto/servizio. c) il progetto è a completamento/potenziamento di infrastrutture di Information & Communication Technology già esistenti: Ad oggi, Costruire non ha una struttura capace di effettuare il controllo di gestione in maniera sistematica e organizzata. Gli strumenti ICT utilizzati sono, sostanzialmente, fogli elettronici sviluppati di volta in volta Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

5 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. secondo l esigenza del momento e secondo le capacità dell utilizzatore. La raccolta dei dati necessari ad alimentare tale sistema rudimentale di controllo di gestione non è effettuata in maniera sistematica e puntuale, con il risultato che le informazioni non arrivano in maniera tempestiva al management che rimane, così, privo di strumenti di ausilio decisionale. D altra parte, anche quando la raccolta dati avviene, essa risulta essere molto lenta e laboriosa poiché non ci sono strumenti che ne automatizzano il processo. L elaborazione dei dati, poi, risente degli stessi problemi essendo anch essa non automatizzata. Il parco macchine, inoltre, è in gran parte obsoleto e sottodimensionato rispetto alle esigenze derivanti da un compiuto sistema di controllo di gestione. Infine, i software utilizzati sono in gran parte sotto lo standard di quelli adottati dalle aziende che operano nel settore di riferimento di Costruire. d) il progetto prevede il miglioramento dell organizzazione aziendale (riduzione della sottoccupazione aziendale, riconversione e/o incremento occupazionale, ecc.) e della sicurezza sui luoghi di lavoro: L analisi e il controllo costante effettuati sulle commesse e sull intera azienda permetteranno al management di avere in tempo reale una visione oggettiva dei risultati conseguiti e di operare le proprie scelte su un solido supporto di dati. Mediante riunioni mensili, il management discuterà in seduta plenaria (allo scopo è previsto l acquisto di un videoproiettore con relativo schermo) i dati, le informazioni e le elaborazioni derivanti dal sistema di Business Intelligence (BI) e Corporate Performance Management (CPM) (descritti in dettaglio nel seguito). Ciò consentirà al management di: analizzare l andamento della gestione passata; prevedere l andamento della gestione futura; effettuare l attività di fine-tuning della gestione Tra l altro, si potranno immediatamente identificare le attività che creano maggiore valore aggiunto nell intero processo aziendale e, nel contempo, isolare e efficientare quelle che invece determinano uno spreco di risorse. D altra parte, il management stesso potrà essere oggettivamente valutato dall Alta Direzione Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

6 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. sulla base degli obiettivi raggiunti secondo quanto mostrato nei report realizzati dai controller con l aiuto del sistema di BI e CPM. In questo modo si otterrà una maggiore efficienza del management, una riduzione dei costi di gestione dell intera azienda e un miglioramento del business complessivo. Inoltre, l introduzione di figure professionali quali il responsabile del Controllo di gestione e di alcuni controller realizzerà un incremento occupazionale e innalzerà il livello qualitativo delle risorse umane presenti in azienda. Inoltre l adozione di un sistema ERP comporterà un'opera di riorganizzazione e ristrutturazione dei processi, delle procedure e dei ruoli all'interno dell azienda in conformità al nuovo modello di business permesso e favorito dall'introduzione dell'erp stesso. L attività complementare all acquisto di un software ERP, è pertanto l attività di Business Process Reengineering (BPR) che sfocerà nella riscrittura e re-implementazione del manuale della qualità aziendale. Solo così, infatti, si riuscirà a godere dei benefici e dei vantaggi derivanti dall adozione delle cosiddette Best Practices che sottostanno a un pacchetto ERP verticalizzato come quello scelto da Costruire e ottenere il miglioramento organizzativo, che è uno dei vantaggi attesi dal progetto. C2) Incidenza sulla qualificazione del prodotto/servizio con un relativo aumento della competitività sul mercato L utilizzo delle sofisticate tecniche di controllo del business basate su modelli di generazione del valore messe a disposizione dai moduli di BI e CPM, la riduzione dei costi di gestione determinata dall ERP, i dati a supporto dei processi decisionali del management aziendale determineranno l aumento del rendimento del capitale investito e un miglioramento complessivo del business. Tale approccio sembra quanto mai indispensabile per sopravvivere in un mercato che vede una concorrenza sempre più agguerrita. L utilizzo degli strumenti descritti si configura esso stesso come un vero e proprio vantaggio competitivo capace, se utilizzato al meglio, di ottimizzare e facilitare il processo di raggiungimento degli obiettivi fissati. a) il progetto prevede la realizzazione di nuovi prodotti e/o la diversificazione di alcuni altri e/o la certificazione di qualità delle produzioni/servizi aziendali Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

7 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Il progetto non prevede la realizzazione di nuovi prodotti in senso stretto, ma sicuramente in senso lato. Infatti, modificare ed innovare tutti i processi sottesi alla realizzazione del prodotto, migliorarne gli aspetti organizzativi e ottimizzarne i costi connessi significa, a ben vedere, realizzare un prodotto diverso. Il nuovo prodotto offerto sarà percepito dal committente in maniera differente poiché sarà scevro da elementi che ne inficiano non tanto le caratteristiche proprie quanto quelle secondarie (tempi, costi, ecc.) che, nella maggior parte dei casi, rivestono un importanza di prim ordine. Infine, benché il progetto non preveda una certificazione di qualità per il prodotto/servizio, esso implica una riprogettazione in qualità di tutti i processi aziendali, raggiungendo così non tanto una certificazione di qualità del prodotto quanto quella di processo dell intera macchina produttiva. b) Incremento percentuale del Valore Aggiunto aziendale atteso con gli interventi cofinanziati a regime: La realizzazione dell investimento consentirà alla Costruire Spa di conseguire un incremento della ricchezza prodotto andando a considerare unicamente le determinanti dell efficientamento della struttura produttiva, dei costi totali. L azienda ha una propria strategia commerciale che le consentirà di incrementare il fatturato per gli anni 2010 e 2011, ma già con la sola realizzazione dell investimento programmato (automatizzazione delle procedure, gestione automatica della reportistica secondo dei modelli personalizzati sulle esigenze dell azienda, trattamento automatizzato dei dati e delle informazioni, archiviazione automatica della documentazione di commessa, utilizzo di un database condiviso e unico), è capace di produrre una maggiore ricchezza L analisi condotta mostra come l investimento previsto consentendo di raggiungere una riduzione dei costi di gestione tra il 10% e il 30% determina un incremento del Valore Aggiunto aziendale. Tale valore lo si può constatare dalla riclassificazione di Bilancio, procedura di particolare importanza ai fini di una migliore comprensione ed interpretazione dei fattori di rilievo della gestione aziendale. Nello schema di riclassificazione scalare a Valore Aggiunto del Conto Economico, l indice del Valore Aggiunto risulta dalla differenza tra la produzione lorda ed il consumo di beni e servizi: Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

8 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. VOCE ANTE INVESTIMENTO POST INVESTIMENTO (anno 2008) (anno 2011) + Ricavi netti di vendita prodotti/servizi , ,00 + Rimanenze finali Rimanenze iniziali VALORE DELLA PRODUZIONE , ,00 - Costi delle materie prime , ,00 - Costo del personale, spese generali e di servizi (amministrative, contoterzisti, ) , ,00 - Ammortamenti, oneri finanziari di gestione, affitti , ,00 CONSUMI netti , ,00 VALORE AGGIUNTO , ,00 = INCREMENTO % DEL VALORE AGGIUNTO ATTESO 107,6% L incremento % atteso, uguale a 107,6, è ottenuto dal raffronto tra il Valore Aggiunto relativo all anno 2008 (ultimo bilancio approvato) pari ad ,00 e quello previsionale relativo al 2011 pari ad ,00. Si fa riferimento all anno 2011 in quanto anno a regime (anno solare successivo a quello dell investimento), prevedendo la chiusura dell investimento nel Come precedentemente detto, le previsioni di bilancio relative all anno 2011 vedono un fatturato volutamente fissato allo stesso valore del 2008 per consentire una valutazione dell incremento del valore aggiunto unicamente derivante dalla maggiore e migliore efficacia della gestione della macchina aziendale conseguente dalla realizzazione dell investimento. Nel caso specifico si è effettuata una decurtazione dei costi del personale e dei servizi pari al 15%. L indice, quindi, del 107,6% ottenuto in virtù dell investimento esprime la capacità ad aumentare l efficienza della macchina aziendale più che ad incrementarne la produttività. Il valore sta a significare il salto in avanti in termini di innovazione da parte dell azienda e di come questa innovazione incida positivamente sull andamento gestionale c) Sostenibilità economica, deducibile dal rapporto fra costo totale del progetto e fatturato annuo aziendale: Per la costruzione di tale rapporto i valori di riferimento sono i seguenti: I/F = SE Dove: I = costo totale del progetto F = fatturato annuo aziendale SE = indice di sostenibilità economica Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

9 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Per cui dato il costo totale del progetto pari a ,00 ed un fatturato annuo di ,00 l Indice di sostenibilità economica (SE) risulta essere pari a = 0,006 In letteratura tale indice economico/produttivo esprime la produttività dell investimento in termini di fatturato (fonte: Giorgio Giaccardi, Uff. Studi CCIAA Milano, Impresa e Stato n ). L analisi (fonte: Michael R. Tyran, Gli Indici Aziendali, Il Sole 24 Ore) condotta, nel caso specifico indica che il valore di 0,006, cioè 0,6%, esprime la percentuale delle vendite prodotta dall investimento. Cioè, le vendite dell anno 2008, mediante l investimento previsto sarebbero state ottenute per il 0,6% dall investimento stesso. In termini di sostenibilità economica un investimento si può considerare sostenibile se inferiore al fatturato pre-intervento, quindi minore di 1.; nel caso specifico l indice è 0,006 La sostenibilità economica può essere ulteriormente verificata mediante un analisi che si divide in due fasi (fonte: ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura): 1. la prima è basata sull esame delle fonti di finanziamento; 2. la seconda sui risultati del conto economico attesi a seguito dell investimento. Dal prospetto che segue è possibile rinvenire le fonti dalle quali l azienda attingerà per finanziare l investimento: questo al fine di dimostrare come l azienda intende far fronte al costo del progetto per la parte non soggetta a contributo. Fonti di finanziamento IMPIEGHI FONTI COSTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO CONTRIBUTO RICHIESTO ,5 PARTECIPAZIONE DE RICHIEDENTE ,5 di cui: fondi propri ,5 prestiti a breve/medio termine (<5) mutui (durata..anni) altro (specificare) Nel prospetto di cui sopra l azienda farà ricorso ai propri mezzi. Il livello del fatturato e la capacità dell azienda di generare reddito non comporta alcun intervento finanziario dall esterno. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

10 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Nel secondo prospetto la sostenibilità economica viene dimostrata analizzando il Conto Economico aziendale calcolato nello schema di riclassificazione scalare a Valore Aggiunto. Confrontandone il risultato attuale con quello previsto è possibile rinvenire la sostenibilità economica in termini di positività del risultato atteso dopo l intervento. Conto Economico VOCE ANTE INVESTIMENTO POST INVESTIMENTO (anno 2008) (anno 2011) + Ricavi netti di vendita prodotti/servizi , ,00 + Rimanenze finali Rimanenze iniziali VALORE DELLA PRODUZIONE , ,00 - Costi delle materie prime , ,00 - Costo del personale, spese generali e di servizi (amministrative, contoterzisti, ) , ,00 - Ammortamenti, oneri finanziari di gestione, affitti , ,00 CONSUMI netti , ,00 VALORE AGGIUNTO , ,00 = INCREMENTO % DEL VALORE AGGIUNTO ATTESO 107,6% Dall analisi dei due indici si rinviene una riduzione dell indice di sostenibilità economica che conferma e accredita dal un lato la valutazione di congruità della sostenibilità del progetto e dall altro la sussistenza di un equilibrio economico-finanziario dell investimento previsto. d) Sostenibilità ambientale, in presenza di interventi e/o macchinari che consentono di ridurre le emissioni in atmosfera ovvero di migliorare la gestione dei rifiuti aziendali : Quest aspetto, data la particolarità del progetto che si intende implementare, non risulta applicabile al prodotto/servizio di Costruire. C3) Rilevanza della componente giovanile e femminile a) Età del richiedente (impresa individuale) - Età media dei soci (per Società di persone) Età dell'amministratore unico ovvero media dei componenti il consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Età dell Amministratore Unico: 59 anni Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

11 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. b) Sesso del richiedente (impresa individuale), Sesso prevalente dei soci (per Società di persone), dell'amministratore Unico ovvero prevalente fra i componenti del consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Sesso dell Amministratore Unico: Maschio D) - Allegato Tecnico Spese agevolabili Descrizione (In k/euro) A) PROGETTAZIONE Progettazione 0,00 Direzione dei lavori ,00 Piano di marketing e accessorie 0,00 TOTALE A) PROGETTAZIONE ,00 TOTALE SPESE DI PROGETTAZIONE AMMISSIBILI ,00 B) IMPIANTI Elettrico 0,00 Telematico 0,00 TOTALE B) IMPIANTI 0,00 C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI C.1) Macchinari Macchinario 1 0,00 Macchinario 2 0,00 Macchinario 3 0,00 TOTALE MACCHINARI 0,00 C.2) Attrezzature Attrezzatura ,00 Attrezzatura 2 0,00 Attrezzatura 3 0,00 TOTALE ATTREZZATURE ,00 C.3) Strumenti Strumento 1 0,00 Strumento 2 0,00 Strumento 3 0,00 TOTALE STRUMENTI 0,00 TOTALE C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI ,00 D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Programmi informatici ,00 Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

12 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Acquisizione tecnologia 0,00 0,00 TOTALE D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI ,00 TOTALE INVESTIMENTO ,00 Il sottoscritto Sergio Fiore Nato a Portici il 04/01/1950 residente in via Francesco Crispi n 97 Comune Napoli CAP Provincia NA in qualità di legale rappresentante dell impresa denominata: Costruire S.P.A. forma giuridica Società per azioni con sede legale in vico II S. Nicola alla Dogana n 9 Comune Napoli CAP Provincia NA Iscritta al registro delle imprese di Napoli con il n C.F P.IVA DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall art. 76 che tutte le notizie fornite nella presente Scheda tecnica, composta di n. 12 fogli, e nell altra documentazione a corredo del modulo di domanda corrispondono a verità. Napoli, 06/10/2009 IL LEGALE RAPPRESENTANTE(3) (3) Allegare copia di un documento di identità in corso di validità e sottoscritto, avendo cura che tale copia sia leggibile. In caso di cittadini extracomunitari occorre invece l autenticazione da parte di un pubblico ufficiale (circoscrizione, notaio o ambasciata). Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T.

13 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 FESR Campania 2007/2013 Realizzazione del progetto COSTRUIRE SPA

14 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT INTRODUZIONE La Costruire SpA deve dotarsi di un insieme di sistemi, metodologie e tecniche che, sulla base di una migliore comprensione del business e delle performance, permetteranno di avviare nel tempo processi di gestione più coerenti ed efficaci nel raggiungimento degli obiettivi aziendali. La presente relazione tecnico/economica ha l obiettivo di illustrare le finalità perseguite dal progetto d investimento ed i risultati attesi. La relazione a supporto del progetto è redatta per offrire una dettagliata illustrazione del modo in cui l investimento nell innovazione organizzativa, di processo e di prodotto, consentirà un miglioramento dell efficienza della macchina gestionale da parte del soggetto richiedente. L investimento programmato dalla Costruire SpA può essere riassunto nei seguenti macro-punti: 1. creazione di una funzione di Controllo di gestione aziendale; 2. introduzione di un sistema ERP aziendale; 3. Business Process Reengineering dei processi aziendali per renderli congruenti a quelli delle Best Practices del software ERP; 4. adeguamento del Manuale di Qualità aziendale secondo le nuove procedure e relativo programma di auditing; 5. introduzione di un modulo di Business Intelligence e di Corporate Performance Management aziendale; 6. integrazione/rinnovo delle risorse hardware in funzione delle specifiche dei software introdotti. Il progetto così definito permetterà all azienda di raggiungere i seguenti risultati: miglioramento e potenziamento dell infrastruttura ICT attuale; miglioramento dell organizzazione aziendale in termini di efficacia ed efficienza; introduzione di nuove figure aziendali; riduzione dei costi di gestione; creazione e conservazione del know-how aziendale;

15 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT aumentare il rendimento del capitale investito; miglioramento complessivo del business. TIPOLOGIA DELL INVESTIMENTO PROGRAMMATO Il progetto concepito dal management di Costruire prevede i seguenti punti fondamentali: introduzione nell organizzazione aziendale di un responsabile di Controllo di gestione e di due controller a supporto; riqualifica di due unità del personale in forza per attività di supporto ai cantieri; acquisto di un software ERP personalizzato sulle proprie esigenze; acquisto di un modulo di BI e CPM, personalizzato secondo le proprie esigenze, come supporto decisionale al management e alla Direzione aziendale; acquisto di un videoproiettore e relativo schermo a supporto dell attività di reporting di Controllo di gestione; attività di BPR dei processi aziendali e revisione del manuale di qualità secondo le procedure introdotte dal software ERP; acquisto di hardware (pc, notebook, stampanti, scanner, server, componenti di rete, ecc.) per l installazione e il corretto funzionamento dei moduli di ERP, BI e CPM; acquisto di software (antivirus, firewall, ecc.) a supporto per il corretto funzionamento del modulo ERP quando in connessione con l esterno (cantieri) adeguamento dei software di office automation agli standard attuali Nel seguito i singoli punti con le caratteristiche principali. LA FUNZIONE DI CONTROLLO DI GESTIONE Il compito fondamentale del Controllo di gestione è quello di guidare verso gli obiettivi stabiliti dalla Direzione aziendale, misurando gli eventuali scostamenti e suggerendo le opportune azioni correttive. Si può senz altro affermare che la funzione di Controllo di gestione è la mente del sistema e gli strumenti ICT sono il mezzo per raggiungere gli

16 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT obiettivi segnalati nei paragrafi precedenti. L analisi e il controllo costante effettuati sulle commesse e sull intera azienda permetteranno al management di avere in tempo reale una visione oggettiva dei risultati conseguiti e di operare le proprie scelte su un solido supporto di dati. Mediante riunioni mensili, il management discuterà in seduta plenaria (allo scopo è previsto l acquisto di un videoproiettore con relativo schermo) i dati, le informazioni e le elaborazioni derivanti dal sistema di Business Intelligence (BI) e Corporate Performance Management (CPM) (descritti in dettaglio nel seguito). Ciò consentirà al management di: o analizzare l andamento della gestione passata; o prevedere l andamento della gestione futura; o effettuare l attività di fine-tuning della gestione In questo modo si otterrà una maggiore efficienza del management, una riduzione dei costi di gestione dell intera azienda e un miglioramento del business complessivo. Inoltre, l introduzione di figure professionali quali il responsabile del Controllo di gestione e di alcuni controller realizzerà un incremento occupazionale e innalzerà il livello qualitativo delle risorse umane presenti in azienda. IL SISTEMA ERP I sistemi di Pianificazione e Controllo di commessa e quello di Controllo di gestione aziendale saranno profondamente influenzati dall'adozione di un sistema ERP. Senza la presenza di un sistema ERP, infatti, gli strumenti necessari alle due funzioni sopra menzionate sarebbero inadeguati e insufficienti e l elaborazione dei dati risulterebbe molto rallentata o, addirittura, impossibile. C è un altro aspetto, poi, che è importante segnalare nell ottica del miglioramento e della maggiore efficienza dei processi aziendali a seguito dell adozione di un sistema ERP. Infatti, tale adozione comporterà un'opera di riorganizzazione e ristrutturazione dei processi, delle procedure e dei ruoli all'interno dell azienda in conformità al nuovo modello di business permesso e favorito dall'introduzione dell'erp stesso. Per questo motivo, accanto all acquisto di un software ERP, è prevista un attività di Business Process Reengineering (BPR) che sfocerà nella riscrittura e re-implementazione del manuale della qualità aziendale (altra attività cardine del progetto descritto in queste pagine). Solo così, infatti, si riuscirà a godere dei benefici e dei vantaggi derivanti dall adozione delle cosiddette Best Practices che

17 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT sottostanno a un pacchetto ERP verticalizzato come quello scelto da Costruire e ottenere il miglioramento organizzativo, che è uno dei vantaggi attesi dal progetto. Inoltre, il sistema ERP garantirà anche quella standardizzazione e omologazione richieste per poter confrontare dei dati che altrimenti risulterebbero eterogenei o per natura o per livello di aggregazione. In ultimo, il pacchetto ERP realizzerà l abbattimento dei tempi per necessari per la disponibilità dei dati e delle informazioni da analizzare a cura delle funzioni tecniche e amministrative (Produzione, Controllo di gestione, Amministrazione e Finanza, Acquisti, ecc.). In particolare: la Produzione potrà avere un ritorno immediato dell andamento della commessa controllandone, in tempo reale, gli avanzamenti con il metodo dell earned value, sofisticato metodo che costituisce uno dei punti di forza del pacchetto ERP scelto da Costruire; l Amministrazione potrà avere un ritorno immediato sull andamento economico e finanziario della commessa controllandone, in tempo reale, il conto economico e il cash flow; il Controllo di gestione potrà avere un ritorno immediato sulla generazione di valore della commessa misurando, in tempo reale, gli scostamenti tra quanto preventivato e quanto consuntivato al momento attuale; gli Acquisti potranno avere un ritorno immediato sul rispetto dei requisiti temporali e di qualità dei subfornitori di servizi e di materie prime; Il sistema ERP sarà dotato anche di un modulo di acquisizione documentale che comporterà i seguenti vantaggi: faciliterà la creazione di un database documentale per le commesse gestite; renderà automatica la ricerca dei vari documenti e immediata la loro disponibilità con abbattimento dei costi (ricerca non effettuata da personale) e maggiore efficienza dell organizzazione (grazie alla riduzione dei tempi di ricerca e disponibilità dei documenti) permetterà in maniera semplice e automatica l individuazione di eventuali documenti mancanti.

18 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT Un altro dei vantaggi attesi dall introduzione di un sistema ERP in Costruire è la creazione e la conservazione del know-how aziendale. Infatti, la possibilità di avere un database storico in cui vengono conservati i dati relativi alla gestione tecnica della commessa (tempi delle lavorazioni, costi delle lavorazioni, rating dei subappaltatori, costi delle materie prime, ecc.) permetterà all azienda di avere un patrimonio di conoscenze che non saranno più di proprietà esclusiva delle singole risorse. Ciò ha un duplice vantaggio: da un lato si favorisce molto il processo di introduzione in azienda di nuove risorse, avendo queste ultime una estesa base di dati storica da cui attingere; da un altro lato l azienda si mette al riparo da eventuali depauperamenti delle sue conoscenze dovuti ad un possibile turn-over delle risorse. IL MODULO INTEGRATO DI BI E DI CPM Il modulo integrato di Business Intelligence e di Corporate Performance Management sarà a supporto delle attività decisionali sia del management aziendale sia dell Alta Direzione. Sostanzialmente queste due parti di azienda hanno i seguenti bisogni: comprendere in quale misura le varie commesse contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi strategici; avere una visione globale e tempestiva dei diversi fenomeni aziendali; disporre dei dati per poter prendere le corrette decisioni strategiche e operative; governare i processi aziendali; e, nel caso dell Alta Direzione, giudicare l operato del management sulla base dei risultati raggiunti. La soddisfazione di tali bisogni viene effettuata, in maniera diversa ma complementare, dalla BI e dalla CPM. Infatti, mentre la prima restituisce una chiara e oggettiva fotografia di come l azienda si sia mossa fino al momento attuale, la seconda indica quale sarà il suo andamento futuro con il massimo grado di attendibilità possibile. Grazie a un insieme di sistemi, metodologie e tecniche, gli organi di governo aziendale riusciranno a comprendere meglio l andamento del business e ad avviare processi di gestione più coerenti, efficaci ed efficienti ai fini del raggiungimento degli obiettivi fissati. Attraverso l attività di reporting sistematica organizzata da Controllo di gestione tramite gli strumenti acquisiti (BI e CPM, videoproiettore), in ogni momento si potrà misurare

19 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT quanto vale l azienda secondo le varie tecniche di misurazione della generazione del valore, dando evidenza agli organi di governo aziendale della bontà delle scelte operate dai decisori aziendali. L HARDWARE E IL SOFTWARE A SUPPORTO Server e backup. Dopo un attenta analisi delle specifiche minime necessarie che garantiscono la corretta funzionalità del sistema ERP scelto, si è deciso di dotare l infrastruttura IT della Costruire di un server dedicato (application server) sul quale andrà installato il pacchetto ERP con il relativo database. Le caratteristiche tecniche del server dovranno garantire la scalabilità del sistema: in particolare il server sarà dotato di due processori Intel Xeon dual/quad core e memoria ram da 6-8 Gb, requisiti che garantiranno che non ci siano rallentamenti nell accesso contemporaneo al database. In conformità ai requisiti del sistema ERP prescelto, il sistema operativo che gestirà il server sarà della famiglia Windows Server System, nella fattispecie Windows 2008 Server Standard Edition. La gestione della sicurezza dei dati sarà garantita in due modi: un antivirus specifico per server e database si occuperà di difendere il sistema contro attacchi malware e worm; una politica di archiviazione dati con utilizzo di sistemi specifici di backup garantirà l integrità del database tramite l impiego di unità NAS (Network Attached Storage) con sistema RAID per la gestione della fault tolerance (unità necessarie anche data l elevata quantità di dati da trattare). Infine, il sistema di backup dovrà essere gestito da un applicativo software che dovrà svolgere non solo compiti di archiviazione, ma anche di verifica del corretto data storage dei supporti creati su scala temporale. Al server principale verrà affiancata un unità di riserva da utilizzare in caso di guasto dell unità principale e conservare l operatività dell azienda. Rete Lan e VPN. La rete lan in dotazione alla Costruire e in grado di rispondere alle esigenze richieste dai produttori del sistema ERP: gli switch sono a 100 Mbit mentre le dorsali che collegano i vari uffici sono dotate di porte gigabit. Per il collegamento delle sedi periferiche e dei cantieri deve essere predisposto un collegamento tramite VPN all application server: la sicurezza sarà garantita dal tunnel protetto a 128 bit gestito da una unità VPN appliance dedicata o da un firewall, necessari per la difesa del perimetro

20 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT aziendale da intrusioni esterne e il contemporaneo collegamento sicuro dei client remoti. Avvalendosi dei collegamenti in rete VPN l utente che si trova all esterno dell azienda potrà lavorare in remoto con la sede centrale, direttamente collegato agli archivi, evitando così perdite di tempo e produttività. Client. Le specifiche dei client richieste per un utilizzo ottimale dei software previsti dal progetto sono quelle tipiche di un pc moderno. D altra parte, è necessario dotare l azienda di pc adatti a supportare non solo l utilizzo dei software in questione, ma anche il contemporaneo svolgimento di altri compiti di office automation (gestione della posta elettronica, apertura di fogli di calcolo, word processor, ecc.). Pertanto, si utilizzeranno pc con processori Intel dual core con velocità di clock superiori a 2 Ghz e memoria ram da 3-4 Gb, equipaggiati con sistema operativo Windows XP Professional o il più recente Windows Vista Business. Alcuni degli utenti che si collegheranno dai cantieri saranno dotati di notebook per garantire le esigenze di mobilità richieste da particolari funzioni lavorative. I notebook avranno caratteristiche hardware leggermente superiori a quelle dei pc per poter sopperire al fisiologico gap di prestazioni tra pc e notebook. Stampanti. Le stampanti dovranno rispondere ad una duplice funzione: stampa dei documenti in output e acquisizione dei documenti in input. Infatti, il sistema ERP è dotato di un modulo di gestione documentale che assocerà automaticamente la relativa documentazione alle singole commesse. Si rendono necessarie, pertanto, almeno due stampanti nella sede centrale per poter gestire l intera quantità di documenti in entrata e in uscita dal sistema ERP. Hardware di supporto. Fanno parte di questa categoria: il sistema di videoproiezione (necessario per l attività di reporting di Controllo di gestione), uno scanner (avente le caratteristiche dettate dal produttore ERP) necessario per l acquisizione massiva dei documenti amministrativi da inserire nel sistema ERP, un etichettatrice per stampare i codici a barre da apporre sui documenti da acquisire, un lettore di codici a barre per i identificare i documenti da acquisire. Software di supporto. I software da installare sulle postazioni client si possono dividere in due tipologie: quelli di office automation e quelli specialistici del settore edile. Nella prima categoria ricadono Microsoft Office 2007, la suite Adobe Acrobat Professional

21 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT per realizzazione e la gestione dei file pdf, Microsoft Project (che è indispensabile per il controllo delle attività e la programmazione lavori). Nella categoria dei software specialistici di settore ricade, invece, Autocad (necessario nei cantieri per la gestione degli elaborati tecnici da inserire nel sistema ERP). CARATTERISTICHE INNOVATIVE E QUALITATIVE DEL PROGETTO Ad oggi, Costruire non ha una struttura capace di effettuare il controllo di gestione in maniera sistematica e organizzata. Gli strumenti ICT utilizzati sono, sostanzialmente, fogli elettronici sviluppati di volta in volta secondo l esigenza del momento e secondo le capacità dell utilizzatore. La raccolta dei dati necessari ad alimentare tale sistema rudimentale di controllo di gestione non è effettuata in maniera sistematica e puntuale, con il risultato che le informazioni non arrivano in maniera tempestiva al management che rimane, così, privo di strumenti di ausilio decisionale. D altra parte, anche quando la raccolta dati avviene, essa risulta essere molto lenta e laboriosa poiché non ci sono strumenti che ne automatizzano il processo. L elaborazione dei dati, poi, risente degli stessi problemi essendo anch essa non automatizzata. Il parco macchine, inoltre, è in gran parte obsoleto e sottodimensionato rispetto alle esigenze derivanti da un compiuto sistema di controllo di gestione. Infine, i software utilizzati sono in gran parte sotto lo standard di quelli adottati dalle aziende che operano nel settore di riferimento di Costruire. Grazie all acquisto delle categorie hardware e software specificate nei paragrafi precedenti, l infrastruttura ICT di Costruire cambierà in maniera radicale. In alcuni casi si tratterà di una semplice integrazione rispetto a quello che è attualmente presente in azienda, in altri casi, come abbiamo visto, si tratterà di vere e proprie innovazioni. D altra parte, questo rimane uno dei punti cardine e irrinunciabili se l azienda vuole far fronte alle mutate esigenze del mercato e del contesto economico e tecnologico in cui essa opera: solo opportuni strumenti ICT le consentiranno di utilizzare appieno le nuove tecnologie introdotte dai software e dai sistemi analizzati nelle pagine precedenti.

22 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT OBIETTIVI STRATEGICI E RISULTATI ATTESI Miglioramento dell organizzazione aziendale in termini di efficacia ed efficienza. L introduzione di tutti gli strumenti precisati nelle pagine precedenti, l implementazione di una funzione di Controllo di gestione e il processo di BPR a cui si sottoporrà Costruire avranno un impatto molto forte su tutta l organizzazione aziendale. Le inefficienze che attualmente si registrano a causa del trattamento non automatico dei dati, della non standardizzazione degli strumenti e delle procedure, della manualità di molte operazioni, dell assenza di strumenti di divulgazione aziendale, dell assenza di un solido supporto decisionale saranno, in gran parte, eliminate a vantaggio dell intera organizzazione. D altra parte, la creazione di strutture di controllo dotate degli opportuni strumenti contribuirà a migliorare i parametri di efficacia e di efficienza dell azienda in misura ancora maggiore. Incremento e/o riconversione dell occupazione. L introduzione della funzione di Controllo di gestione e dei nuovi software considerati comporta sia aumento sia riconversione occupazionale. Infatti, è prevista l introduzione graduale nell organico aziendale di una figura di responsabile di Controllo di gestione e di due figure di controller a supporto della struttura. Inoltre, è prevista la conversione di 2-4 figure specialistiche già presenti in azienda in figure di supporto ai processi e alle procedure da implementare per l introduzione dell ERP. Riduzione dei costi di gestione. L analisi condotta, anche con la collaborazione dei fornitori delle soluzione specifiche considerate, mostra come ci sia una riduzione attesa dei costi di gestione tra il 15% e il 30%. Tale riduzione è dovuta a vari fattori tra cui: automatizzazione delle procedure, gestione automatica della reportistica secondo dei modelli personalizzati sulle esigenze dell azienda, trattamento automatizzato dei dati e delle informazioni, archiviazione automatica della documentazione di commessa, utilizzo di un database condiviso e unico. Creazione e conservazione del know-how aziendale. L utilizzo di un database popolato, tra l altro, anche da una serie di dati sul vissuto storico dell azienda permetterà di

23 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT creare quello che viene comunemente definito il know-how aziendale. Conservare i risultati e le performance ottenute durante il ciclo di gestione delle commesse e metterli a disposizione, in maniera immediata e istantanea, di tutta l azienda significa ridurre al minimo le possibilità di errore sulla base delle precedenti lesson learned. Il corretto modo di gestire la commessa, le modalità operative per conseguire risultati positivi in termini economici, finanziari e temporali non saranno più patrimonio del singolo ma faranno parte del patrimonio aziendale e ridurranno i costi di formazione delle nuove risorse. Aumento del rendimento del capitale investito e miglioramento complessivo del business. L utilizzo delle sofisticate tecniche di controllo del business basate su modelli di generazione del valore messe a disposizione dai moduli di BI e CPM, la riduzione dei costi di gestione determinata dall ERP, i dati a supporto dei processi decisionali del management aziendale determineranno l aumento del rendimento del capitale investito e un miglioramento complessivo del business. Tale approccio sembra quanto mai indispensabile per sopravvivere in un mercato che vede una concorrenza sempre più agguerrita. L utilizzo degli strumenti descritti si configura esso stesso come un vero e proprio vantaggio competitivo capace, se utilizzato al meglio, di ottimizzare e facilitare il processo di raggiungimento degli obiettivi fissati. (l azienda) (il tecnico)

24 OBIETTIVO OPERATIVO 5.2 ICT (luogo e data)

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ALBA GAMMA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 01196940629

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Topway S.r.l. A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 03305660619

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione 1..2..PRINT S.R.L. A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 05464751212

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Mavi Drink A2) Forma giuridica srl A3) Codice Fiscale 03196350361 Partita IVA 03196350361 A4) Sede

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione COOPERATIVA SOCIALE L UOMO E IL LEGNO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE AL BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE CREATIVE NEL DISTRETTO CULTURALE DELL OLTREPO MANTOVANO

DOMANDA DI AMMISSIONE AL BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE CREATIVE NEL DISTRETTO CULTURALE DELL OLTREPO MANTOVANO DOMANDA DI AMMISSIONE AL BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE CREATIVE NEL DISTRETTO CULTURALE DELL OLTREPO MANTOVANO Spettabile CONSORZIO OLTREPO MANTOVANO Piazza Italia 24 46020 Quingentole

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE Con Passepartout Mexal le aziende possono migliorare in modo significativo l organizzazione e l operatività. Ingest è a fianco delle aziende con servizi

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione RAMOS A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 07526020636 Partita

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

a fianco delle imprese

a fianco delle imprese a fianco delle imprese ROMIRI DM AMA LE NUOVE IDEE Romiri Data Management crede fortemente nell innovazione come motore di sviluppo. Opera nel campo delle ICT (Information and Communication Technology)

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ITAL DATA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 07513530639

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SEMAK SRL A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 03973380656 Partita

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Premessa L'Amministrazione Regionale è impegnata a garantire ai cittadini la qualità dei

Dettagli

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it Modulo di richiesta di finanziamento Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it OGGETTO: Programma di microcredito con il sostegno del FONDO SPES

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 Allegato 1 alla domanda di finanziamento Piano di Sviluppo Aziendale - Proposta

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

N 01 NELIBIT. Wise Decisions

N 01 NELIBIT. Wise Decisions N 01 NELIBIT Wise Decisions Information Technology Assistenza Computer Hardware e Software Web Site Realizzazione Siti Internet Media Marketing Visibilità Motori di Ricerca e Social Network Graphics Grafica

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Next IT Generation Assistenza NoStop dalle 08.00 alle 18.00 Lun.-Sab. Specialisti IT certificati a vari livelli e competenze. Contratti di assistenza monte ore scalare. Tecnologia

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda Avviso per la Selezione di Progetti da Ammettere al Finanziamento del Fondo Rotativo per lo Sviluppo delle PMI Campane Misura Start up P.O. FESR Campania

Dettagli

GOW GESTIONE ORDINI WEB

GOW GESTIONE ORDINI WEB OW GOW GESTIONE ORDINI WEB OWUn'azienda moderna necessita di strumenti informatici efficienti ed efficaci, in GESTIONE CLIENTI, ORDINI E STATISTICHE TRAMITE BROWSER WEB grado di fornire architetture informative

Dettagli

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE Nell attuale mercato, è sempre più difficile soddisfare i clienti ed instaurare con loro una relazione di lungo periodo. L utilizzo delle tecniche di promozione

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Artigianato P.O. FESR Campania

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ACCESSO ALL INCUBATORE DI IMPRESE START FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO Prestito d Onore della Sardegna Impare FORMULARIO DI PROGETTO A-1 Indice A. DATI DI SINTESI DELL INIZIATIVA... A-3 2. TITOLO DEL PROGETTO... A-3 3. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... A-3 4. Azione di riferimento

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE

idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE NOTE CARATTERISTICHE Il modulo idw Amministrazione Finanza e Controllo si occupa di effettuare analisi sugli andamenti dell azienda. In questo caso sono reperite informazioni

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

- Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura A) Donna crea impresa, riportato nel seguito, e composto da 2 sezioni

- Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura A) Donna crea impresa, riportato nel seguito, e composto da 2 sezioni Allegati per presentazione domanda su misura A DONNA CREA IMPRESA Per presentare domanda sulla misura A Donna crea impresa è necessario: - Compilare su carta semplice e in ogni sua parte il modello misura

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C2 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ATELIER VACANZE SRL A2) Forma giuridica SOCIETA' A RESPONSABILITA'LIMITATA A3) Codice Fiscale 5275911211

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7 Pagina n 1 CASI AZIENDALI: N 00103/2008 UN CASO AZIENDALE SETTORE: COMMERCIO FORMA GIURIDICA: SNC PROBLEMA: SITUAZIONE DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO OBIETTIVO: RIORGANIZZAZIONE SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Il presente Allegato è parte integrante del bando di concorso Giovani e Idee di Impresa 3 e non può essere modificato nella composizione delle sue parti. Ogni componente del gruppo

Dettagli

La soluzione che pianifica, gestisce e rendiconta in tempo reale la nostra attività di servizio

La soluzione che pianifica, gestisce e rendiconta in tempo reale la nostra attività di servizio Picture Credit SAP. Used with permission. La soluzione che pianifica, gestisce e rendiconta in tempo reale la nostra attività di servizio Partner Nome dell azienda CISA Service Srl Settore Vendita installazione

Dettagli

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati.

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati. LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete I dispositivi utilizzati I servizi offerti LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Copyright

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

PORTALE PER LA GESTIONE DEL PERSONALE CONSULENTE DEL LAVORO/ASSOCIAZIONE AZIENDE CLIENTI COMUNICAZIONE / COLLABORAZIONE AMMINISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE

PORTALE PER LA GESTIONE DEL PERSONALE CONSULENTE DEL LAVORO/ASSOCIAZIONE AZIENDE CLIENTI COMUNICAZIONE / COLLABORAZIONE AMMINISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE HR Infinity è la suite Zucchetti per la gestione del personale studiata e realizzata specificatamente per permettere a consulenti del lavoro e associazioni di offrire servizi innovativi e consulenza strategica

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata su processi, controllo,

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE -

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE - PREMESSA In ottemperanza a quanto stabilito con Delibera di Giunta n. 18 del 13/01/2009, con la quale è stato approvato il Piano per la razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE UN CORSO CERTIFICATO Nel moderno mondo del lavoro dove la didattica e l istruzione sono ormai

PERCHE SCEGLIERE UN CORSO CERTIFICATO Nel moderno mondo del lavoro dove la didattica e l istruzione sono ormai w w w. c e r t e t. i t COSA E CERTET è un sistema che permette di Certificare i contenuti di un percorso formativo e verificare le competenze professionali e tecniche acquisite dai partecipanti. Il sistema

Dettagli

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 0925 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI

Dettagli

Brochure informativa del prodotto

Brochure informativa del prodotto Versione 1.0 Brochure informativa del prodotto Ipweb s.r.l. --- G.A.R.I. WEB: Brochure informativa del prodotto 1 Le informazioni contenute nel presente documento possono essere soggette a modifiche senza

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile Allegato A Impresa singola Sì No Consorzio Sì No Contratto

Dettagli

La soluzione per le imprese che lavorano su commessa.

La soluzione per le imprese che lavorano su commessa. La soluzione per le imprese che lavorano su commessa. ASSISTENZA OFFERTA PROGETTO CONSEGNA ACQUISTI PRODUZIONE Scopri la soluzione verticale di Soluzioni Software che estende e completa SAP Business One.

Dettagli

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza.

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Conservazione Sostitutiva Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Paperless office Recenti ricerche hanno stimato che ogni euro investito nella migrazione di sistemi tradizionali verso tecnologie

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli