STANDARD PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STANDARD PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI"

Transcript

1 STANDARD PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI SETTEMBRE 2015

2 INTESTAZIONE ELABORATI ESTRATTI DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA TABELLA DATI DI PROGETTO Tutti gli elaborati dovranno essere firmati, in digitale, dal tecnicoprogettista e dovranno contenere le seguenti indicazioni: - COMUNE Dl CIVITELLA IN VAL DI CHIANA - OGGETTO DELL'INTERVENTO - UBICAZIONE e PROPRIETA' - TECNICO PROGETTISTA - OGGETTO DELL ELABORATO - NUMERO PROGRESSIVO 1) Estratto della mappa catastale aggiornata: in scala 1:2.000 o 1:1.000, estesa per un raggio di mt. 200 e con evidenziate le particelle oggetto di intervento. 2) Estratto piano urbanistico Stralcio dell atto di governo del territorio della zona oggetto di intervento, estesa ad un intorno significativo, con evidenziato il perimetro oggetto di intervento. La documentazione fotografica è riferita alla natura e complessità dell intervento e dovrà essere a colori: - formato minimo di 10x15 cm; - estesa a tutti i fronti dell edificio ovvero limitata alla zona di intervento per gli interventi di manutenzione e funzionale a verificare il rapporto tra l intervento proposto ed il suo intorno; - allegata ad uno schema planimetrico con l indicazione dei punti di ripresa. - di ridurre le immagini a colori, tipo fotografia, ad un formato di 800x600 dpi. Nella tabella dovranno essere indicati: - dati di P.R.G.; - dimostrazione del rispetto degli indici di PRG; - superficie totale ed edificabile del lotto; - SUL ammissibile e di progetto; - volume totale di progetto e volumi parziali per ogni singola destinazione; - superficie utile ed accessoria (Su + Snr) totale di progetto e superfici parziali per ogni singola unità immobiliare; - superficie totale degli spazi da destinarsi a parcheggi organizzati funzionalmente e superficie parziale per ogni singola destinazione, secondo le vigenti normative; La tabella dovrà essere integrata da schemi grafici funzionali alla lettura della tabella stessa.

3 COROGRAFIA PIANTE Una o più planimetrie generali in scala 1:500 o 1:1000 intese a rappresentare la collocazione dell'intervento nel contesto urbano e territoriale, con i contenuti di cui all art. 2 del Regolamento Urbanistico. Le planimetrie dovranno altresì contenere le seguenti indicazioni: - dimensioni del lotto; - strade pubbliche e/o private prospicienti il lotto ed i relativi marciapiedi se esistenti, loro denominazione e larghezza, nonché eventuali tracciati di previsione di Piano Regolatore; - ingombro volumetrico (muro-muro), e relative altezze in gronda, di tutti i fabbricati circonvicini; - distanze dell'edificio progettato da confini di zona di P.R.G., resedi ed aree pubbliche (vie, piazze, parcheggi, verde pubblico, ecc), confini di proprietà, edifici limitrofi e loro pareti finestrate, fabbricati fronteggianti la pubblica via; - quote altimetriche con i medesimi riferimenti di cui alle sezioni; - gli spazi di sosta e di parcheggio, la rete stradale (compreso percorsi pedonali e ciclabili), le alberature, le recinzioni, gli spazi a verde attrezzato; - indicazione dei tracciati degli impianti di fognatura (reti bianche e nere), della rete idrica, nonché della rete di distribuzione dell energia elettrica, del gas, del telefono, della pubblica illuminazione e di elementi di arredo urbano, corredata\e da necessari profili longitudinali e sezioni; - gli allacciamenti delle singole utenze alle reti urbane, corredati da schemi, calcoli per il dimensionamento e particolari costruttivi; - indicazione e particolari costruttivi, di cordonati e zanelle, passi carrai, rampe per superamento barriere architettoniche, armadietti tecnologici, cabine, ecc, redatti in idonea scala, con indicazione dei picchetti, pozzetti, distanze parziali e progressive, quote di scorrimento, livellette, pendenze, diametri, materiali, portate minime e massime, quote del piano di posa, quote dei piani stradali, cabine di riduzione, punti luce, sezioni dei cavi, ecc., nonché computo metrico estimativo, se necessario in relazione all eventuale convenzione regolante i rapporti tra comune e soggetti attuatori - le indicazioni ritenute opportune dal progettista al fine di rappresentare il contesto esistente Le piante dovranno rappresentare ogni piano dell'opera progettata o oggetto di intervento, compresi anche gli eventuali piani parzialmente o totalmente interrati e le piante delle coperture. Le piante dovranno essere dettagliatamente quotate e rappresentate in scala 1:100, salvo diverse disposizioni normative. In ciascuna pianta dovranno essere riportati: - la destinazione di ogni singolo vano;

4 - lo spessore delle murature esterne ed interne; - le dimensioni di ogni singolo vano compreso le diagonali del caso di murature fuori squadra; - il rapporto aeroilluminante tra pavimento e finestre; - le linee di sezione - le dimensioni di cavedi, balconi, terrazze, porticati, scale, verande. Nella pianta del PT andranno indicati i rapporti con l edificato circostante, la viabilità, le sistemazioni esterne e gli schemi degli allacciamenti degli impianti a rete. PROSPETTI SEZIONI I prospetti dovranno interessare tutte le facciate (fronte, retro e lati) e dovranno contenere l'indicazione dei materiali di finitura, intonaci e coloriture. Per tutti gli edifici progettati in aderenza agli altri è indispensabile che siano rappresentati per intero anche i prospetti degli edifici in aderenza. Nel caso di esistenza di particolari fregi o decori in facciata, occorre anche in particolare degli stessi in scala 1:50 o 1:20. Sono richiesti, inoltre, i prospetti quotati delle recinzioni esistenti e di progetto, sia verso gli spazi pubblici che privati, con l'indicazione dei materiali di finitura, intonacati e coloriture. Nei prospetti dovranno essere rappresentate le ombre a 45, con apposita campitura Le sezioni dovranno interessare il fabbricato oggetto di intervento sia trasversalmente che longitudinalmente. Nelle sezioni dovranno essere indicati: - I'andamento del terreno nello stato esistente ed in quello di progetto; - l'altezza libera dei singoli piani anche parzialmente interrati, compreso il piano sottotetto, e lo spessore di tutti i solai; - le quote altimetriche di tutti i piani di calpestio (solai, balconi, terrazze, marciapiedi, corti, chiostri, giardini ecc.) riferite alla quota t 0.00 e cioè all'incrocio del marciapiede pubblico, ove esistente, con il muro esterno del fabbricato, od al cervello stradale; - l'altezza dell'edificio, indicata secondo le norme vigenti. Nel caso di interventi su edifici esistenti, il punto di passaggio delle sezioni dovrà essere lo stesso sia nello stato attuale che in quello di progetto

5 SOVRAPPOSIZIONI Nel caso che la rappresentazione ( corografia, pianta, prospetto o sezione) si riferisca allo stato sovrapposto dovranno essere evidenziate con colore: Rosso le parti di nuova costruzione; Giallo le demolizioni RELAZIONE TECNICA PIANO QUOTATO E SEZIONI DEL TERRENO LINEE GUIDA PER LA DIGITALIZZAZIONE Relazione circa il rispetto delle norme urbanistiche ed edilizie integrata con relazioni tecniche, elaborati grafici e dichiarazioni, a firma di tecnici abilitati, a dimostrazione del rispetto della vigenti norme urbanistico edilizie (impiantistica, superamento barriere architettoniche, parcheggi, requisiti igienico sanitari, relazione geologica o geotecnica ecc.) Relazione tecnica illustrativa e descrittiva dell'intervento proposto, con particolari riferimenti all'inserimento del progetto nel contesto, alle scelte tipologiche, all'uso dei materiali Quando l'intervento comporta movimenti di terreno, dovranno essere prodotti elaborati che rappresentino lo stato attuale e modificato del terreno, compreso sezioni ambientali in scala adeguata al tipo ed alle dimensioni dell'intervento con individuazione dei MC di terreno movimentato. I pacchetti dei files allegati ai messaggi non possono avere dimensioni superioriai 5 MB; - I documenti dovranno essere prodotti in formato A4 od A3; formati diversi, in relazione all oggetto da rappresentare, potranno essere concordati con gli uffici istruttori; - Sono ammesse le estensioni dei files: pdf;pdf/a; p7m, anche multi-pagina; - I file in bianco e nero non dovranno superare le dimensioni medie, per ogni singola pagina, di 150 Kb per il formato A4 e 300 kb per il formato A3; - I file a colori non dovranno superare le dimensioni medie, per ogni singola pagina, di 350 Kb per il formato A4 e 500 Kb per il formato A3. Per la produzione dei files si consiglia: - di generare i documenti utilizzando prevalentemente le stampe od i salvataggi dai software di produzione; - di evitare l utilizzo di campiture sfumate; - di ridurre le immagini a colori, tipo fotografia, ad un formato di 800x600 dpi; - di scansionare i documenti ad una risoluzione di 200 dpi.

ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005)

ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005) ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005) a) Piano di Lottizzazione 1) Domanda in bollo a firma dei proprietari proponenti; 2) Copia dei titoli di proprietà ; 3) Certificazioni catastali aggiornate;

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

Comune di BAONE Provincia di Padova Area Tecnica. Timbro protocollo comune di Baone. Marca da bollo da euro 14,62

Comune di BAONE Provincia di Padova Area Tecnica. Timbro protocollo comune di Baone. Marca da bollo da euro 14,62 Comune di BAONE Provincia di Padova Area Tecnica Timbro protocollo comune di Baone Marca da bollo da euro 14,62 Comune di BAONE P.zza XXV Aprile n 1 - Tel. (0429)2931 2932 Fax (0429)602273 e-mail: comunedibaone@windnet.it

Dettagli

ELABORATI PROGETTUALI MINIMI A CORREDO DELLE ISTANZE DI PERMESSO DI COSTRUTIRE E SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA

ELABORATI PROGETTUALI MINIMI A CORREDO DELLE ISTANZE DI PERMESSO DI COSTRUTIRE E SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ELABORATI PROGETTUALI MINIMI A CORREDO DELLE ISTANZE DI PERMESSO DI COSTRUTIRE E SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (Artt. 17 e 21 l.r. 1/2004) L elencazione degli elaborati è applicabile

Dettagli

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte della Giunta Comunale come proposto da progettista Dirigente del Settore Gestione del

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI vedere vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CAGLIARI vedere vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CAGLIARI copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione ai sensi dell art. 22 del R.E. o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98

Dettagli

COMUNE di MONDOLFO PIANO PARTICOLAREGGIATO DEI FABBRICATI RICADENTI IN ZONA AGRICOLA SCHEDA DI RILIEVO UBICAZIONE INQUADRAMENTO URBANISTICO

COMUNE di MONDOLFO PIANO PARTICOLAREGGIATO DEI FABBRICATI RICADENTI IN ZONA AGRICOLA SCHEDA DI RILIEVO UBICAZIONE INQUADRAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI RILIEVO COMUNE di MONDOLFO PIANO PARTICOLAREGGIATO DEI FABBRICATI RICADENTI IN ZONA AGRICOLA SCHEDA DI RILIEVO CENSITO AL N UBICAZIONE Località: Via: n INQUADRAMENTO URBANISTICO Proprietà: Rilevatore:

Dettagli

Al Signor SINDACO del Comune di BORGHETTO D ARROSCIA PIAZZA UMBERTO I, BORGHETTO D ARROSCIA IM

Al Signor SINDACO del Comune di BORGHETTO D ARROSCIA PIAZZA UMBERTO I, BORGHETTO D ARROSCIA IM BOLLO 14,62 Al Signor SINDACO del Comune di BORGHETTO D ARROSCIA PIAZZA UMBERTO I, 3 18020 BORGHETTO D ARROSCIA IM ISTANZA DI: 1 Il sottoscritto, nato a il C.F. fff fff ff f ff ffff f, in qualità di 2

Dettagli

CITTÀ DI FRANCAVILLA FONTANA

CITTÀ DI FRANCAVILLA FONTANA ALLEGATO A DOCUMENTAZIONE MINIMA COSTITUENTE I PROGETTI DEI DIVERSI TIPI DI INTERVENTO I singoli elaborati, atti o documenti costituenti il progetto devono avere le caratteristiche di cui ai commi che

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA Marca da bollo 14,62 DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA ai sensi dell art.

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ( Art. 10, 22, comma 7, 36, 37 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 L.R. 30 luglio 2009, n. 14) ) Spazio riservato al Comune marca da bollo Al RESPONSABILE dello SPORTELLO UNICO

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. ufficio edilizia privata

COMUNE DI BUSSERO. ufficio edilizia privata COMUNE DI BUSSERO ufficio edilizia privata C.A.P 20060 PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1- Tel. 02/953331 fax 02/9533337 Codice Fiscale e Partita IVA 03063770154 e-mail servizio.ediliziaprivata@comune.bussero.mi.it

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PROPRIETA : ROSIGNOLI NORME TECNICHE D ATTUAZIONE PROGETTISTA : ARCHITETTO RICCARDO PALESTRA 1 Articolo 1 Competenza delle norme Le presenti norme tecniche di attuazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.U.A. C3/150 - PDL via Case Bianche OGGETTO Realizzazione di un marciapiede, parcheggio e verde pubblico nell ambito del PDL. COMMITTENTE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA VIA DELLA REGOLA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA VIA DELLA REGOLA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA VIA DELLA REGOLA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PREMESSA Il comparto Via della Regola, compreso all interno del Luogo n 1 Pieve al Toppo e nella zona di saturazione

Dettagli

Comune di Tradate. E dilizia P rivata / U rbanistica ELENCO DOCUMENTI DI PROGETTO. PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A. I sottoscritt C.F.

Comune di Tradate. E dilizia P rivata / U rbanistica ELENCO DOCUMENTI DI PROGETTO. PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A. I sottoscritt C.F. Comune di Tradate E dilizia P rivata / U rbanistica ELENCO DOCUMENTI DI PROGETTO PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A I sottoscritt C.F. con studio a Via/p.za n. Tel. Fax e-mail In qualità di progettista, iscritto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*)

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI COLLEGNO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) DESCRIZIONE DEL SITO DI INSEDIAMENTO caratteri ambientali del sito aspetti relativi all'esposizione, morfologici,

Dettagli

ALLEGATO B - DOCUMENTAZIONE TECNICA ELABORATI PARTE INTEGRANTE DELLA DOMANDA DI CONCESSIONE / DENUNCIA D INIZIO DI ATTIVITÀ

ALLEGATO B - DOCUMENTAZIONE TECNICA ELABORATI PARTE INTEGRANTE DELLA DOMANDA DI CONCESSIONE / DENUNCIA D INIZIO DI ATTIVITÀ COMUNE DI LISIGNAGO UFFICIO TECNICO SPAZIO RISERVATO AL COMUNE Via Strada Vecchia, 142 38030 LISIGNAGO (TN) Tel. 0461 683063 - Fax 046 0682222 e-mail: tecnico@comune.lisignago.tn.it e-mail PEC: comune@pec.comune.lisignago.tn.it

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO LOGO COMUNE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)... altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Comune di Pavia. SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 4

Comune di Pavia. SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 4 Comune di Pavia SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 4 DOCUMENTAZIONE INDISPENSABILE PER LA PRESENTAZIONE DELLA PRATICA INTERVENTO EDILIZIO RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

STRUMENTI E METODI DEL CONTROLLO DIMENZIONALE

STRUMENTI E METODI DEL CONTROLLO DIMENZIONALE STRUMENTI E METODI DEL CONTROLLO DIMENZIONALE Convenzioni grafiche OVVERO: Come comunicare il proprio lavoro in modo inequivocabile A cosa servono i disegni Il disegno in architettura oltre a essere uno

Dettagli

INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI

INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI ALLEGATO B INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI 1. Indicazioni di carattere generale Gli elaborati grafici debbono essere predisposti in formato UNI A0, A1 o A2 oppure in formato speciale di dimensione

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione del PdR ELABORATO D

Norme Tecniche di Attuazione del PdR ELABORATO D progettista committente Crocetti Morena, Di Raimondo Emidio, Di Raimondo Silvina, Dell'Ovo Tiziana, Saccia Michele progetto Piano di Recupero per la demolizione e successiva ricostruzione di edificio residenziale-commerciale

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO ATTUATIVO

PROPOSTA DI PIANO ATTUATIVO Spazio riservato al protocollo PROPOSTA DI PIANO ATTUATIVO Art. 14 Legge Regionale 11 marzo 2005 n. 12 PER INTERVENTI: di nuova costruzione - di ristrutturazione urbanistica - di recupero (altro) Richiedente/i

Dettagli

Fa parte di un complesso immobiliare. PRESENZA DI CORPI ACCESSORI NO SI se SI, n.

Fa parte di un complesso immobiliare. PRESENZA DI CORPI ACCESSORI NO SI se SI, n. UBICAZIONE COMUNE di BALLABIO LOCALITA' (frazione, borgata, ecc.) VIA n civico RIFERIMENTI CATASTALI COMUNE CENSUARIO INTESTAZIONE DITTA C.T. Foglio n. Particella n. Sup. C.E.U. Foglio n. Particella n.

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE bollo Protocollo generale PC UT (riservato all ufficio tecnico) Allo SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI PONTECCHIO POLESINE COMUNE DI PONTECCHIO POLESINE RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE LAVORI

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Dott. Ingegnere Ricci Christian nato a Lucca il giorno 8 marzo 1973, con studio in Lucca via Domenico Chelini n. 49, inscritto all Albo degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 1 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Allegata alla Domanda Unica di autorizzazione in materia di attività produttive (artt. 23 e ss. d. lgs. n. 112/1998 e art. 16 e ss. L. R. Liguria n. 9/1999) DATI RELATIVI

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809

COMUNE DI PALERMO. PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809 COMUNE DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Premessa. Le presenti norme sono di supporto al piano

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO EDILIZIO ELABORATI SPECIFICI RICHIESTI IN RELAZIONE ALLA TIPOLOGIA DELL'INTERVENTO

ALLEGATO AL REGOLAMENTO EDILIZIO ELABORATI SPECIFICI RICHIESTI IN RELAZIONE ALLA TIPOLOGIA DELL'INTERVENTO ALLEGATO AL REGOLAMENTO EDILIZIO ELABORATI SPECIFICI RICHIESTI IN RELAZIONE ALLA TIPOLOGIA DELL'INTERVENTO INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 1) individuazione dell intervento su stralcio cartografico

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA

NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA Le presenti Norme regolano l attuazione del Piano di Zona ai sensi della L. 18/04/1962 n. 167 e successive modifiche ed integrazioni. Esso interessa il comprensorio della frazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA A CORREDO DEI DEI PIANI ATTUATIVI DEI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE CONVENZIONATI.

DOCUMENTAZIONE MINIMA A CORREDO DEI DEI PIANI ATTUATIVI DEI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE CONVENZIONATI. Allegato A Città di Cologno Monzese DOCUMENTAZIONE MINIMA A CORREDO DEI DEI PIANI ATTUATIVI DEI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE CONVENZIONATI Approvata con delibera di G.C.

Dettagli

elaborati di massima che offrono gli elementi principali per le fasi preliminari;

elaborati di massima che offrono gli elementi principali per le fasi preliminari; Rappresentare un edificio è un operazione complessa, in particolare quando si tratta di fornire informazioni molto diverse e dettagliate di un oggetto ancora inesistente. Per questo gli elaborati grafici

Dettagli

ELENCO DOCUMENTI DI APPALTO

ELENCO DOCUMENTI DI APPALTO ELENCO DI APPALTO CODIFICA Tipologia Descrizione elaborato Emissione C0126001 Architettonico Relazione generale C0127001 Architettonico Relazione specialistica - indagini geologiche e geotecniche REV0

Dettagli

COMUNE DI TOCCO DA CASAURIA c.a.p PROVINCIA DI PESCARA

COMUNE DI TOCCO DA CASAURIA c.a.p PROVINCIA DI PESCARA COMUNE DI TOCCO DA CASAURIA c.a.p. 65028 PROVINCIA DI PESCARA Regolamento di gestione della struttura operativa Sportello Unico dell Edilizia ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO L ufficio dello Sportello dell Edilizia

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. ALLEGATI SUPPLETIVI ALLA S.C.I.A. DA DEFINIRSI CON IL RESPONSABILE U.T. IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI INTERVENTO

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. ALLEGATI SUPPLETIVI ALLA S.C.I.A. DA DEFINIRSI CON IL RESPONSABILE U.T. IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI INTERVENTO ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. 1. PLANIMETRIA CON INDIVIDUATA L AREA INTERESSATA E VISURA CATASTALE 2. LOCALIZZAZIONE SU STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO 3. ESTRATTO DAL PRG VIGENTE E, nel caso, ADOTTATO,

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso N O R M E T E C N I C H E D I A T T U A Z I O N E modificate a seguito dell

Dettagli

PIANO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA AD USO DI TIRO AL VOLO IN LOCALITA FOLA COMUNE DI TRESANA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA AD USO DI TIRO AL VOLO IN LOCALITA FOLA COMUNE DI TRESANA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA AD USO DI TIRO AL VOLO IN LOCALITA FOLA COMUNE DI TRESANA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TITOLO I - GENERALITA E CONTENUTI DEL PIANO ATTUATIVO Art.1 Applicazione

Dettagli

COMUNE DI PESCASSEROLI

COMUNE DI PESCASSEROLI COMUNE DI PESCASSEROLI REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA C.A.P. 67032 Cod. Fisc. 00142680669 Tel. 0863.1840000 Fax. 0863.1753008 e-mail ufficiotecnico@comune.pescasseroli.aq.it ufficiotecnico@pec.comune.pescasseroli.aq.it

Dettagli

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA Comune di San Lazzaro di Savena Bologna INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO SOSTITUTIVO 06/02/2014 Art. 1 ELEMENTI COSTITUTIVI Il presente

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Oggetto: NORME TECNICHE Piano Attuativo di iniziativa privata ai sensi dell art. 31 della L.R. 11/2005 comparto perequativo 62 - RES69 (art. 64 N.T.A.) sito in Strada di Perticara al Foglio 183 mappale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Pordenone lì, Il Progettista

Dettagli

DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA

DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA DI ACCERTAMENTO COMPATIBILITA PAESAGGISTICA ai sensi dell art. 181 comma 1

Dettagli

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc Art. 1 - Scopo e finalità urbanistica del piano attuativo Il presente Piano Attuativo è in variante del nuovo PRG parte operativa, di cui agli OP art 20 e OP art. 93, ed è definito ai sensi del 16 comma

Dettagli

Dati generali. Villa Vergani - Bonora. n/r. edificio residenziale unifamiliare. privata. utilizzato parzialmente utilizzato non utilizzato

Dati generali. Villa Vergani - Bonora. n/r. edificio residenziale unifamiliare. privata. utilizzato parzialmente utilizzato non utilizzato Dati generali Denominazione Villa Vergani - Bonora Localizzazione via Pordenone 60-64, angolo via S. Vito Datazione fra il 1913 ed il 1928 Autore Oggetto edificio residenziale unifamiliare Proprietà privata

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE (ARTICOLO 10 DEL D.P.R. 06/06/2001 n. 380, COME MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO 27/12/2002 N. 301)

PERMESSO DI COSTRUIRE (ARTICOLO 10 DEL D.P.R. 06/06/2001 n. 380, COME MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO 27/12/2002 N. 301) COPIA PER: COMUNE RICHIEDENTE O G G E T PERMESSO DI COSTRUIRE (ARTICOLO 10 DEL D.P.R. 06062001 n. 380, COME MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO 27122002 N. 301) LAVORI DI (descrizione sintetica dei lavori

Dettagli

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA RELAZIONE Con istanza acquisita al protocollo comunale in data 10/4/2015 al n. 6514, il sig. Oliviero Francesco nella qualità di Procuratore

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART.1 VALIDITAʼ DELLE NORME La porzione di territorio del Comune di Ceggia, situata tra via Roma e via Foscolo, che insiste sui mappali 92, 94, 824, 756, 1639, 1641, del Foglio

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Marca da bollo 14.62 - SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO - DA CONSEGNARE A: ===================================================================================== Ufficio Tecnico COORDINAMENTO URBANISTICA

Dettagli

RICHIESTA VALUTAZIONE PREVENTIVA PER INTERVENTO EDILIZIO (Art. 21 Legge Regionale. 30 luglio 2013 n. 15) C H I E D E

RICHIESTA VALUTAZIONE PREVENTIVA PER INTERVENTO EDILIZIO (Art. 21 Legge Regionale. 30 luglio 2013 n. 15) C H I E D E Marca da bollo 16,00 RICHIESTA VALUTAZIONE PREVENTIVA PER INTERVENTO EDILIZIO (Art. 21 Legge Regionale. 30 luglio 2013 n. 15) Il sottoscritto(1) nato a il codice fiscale p. iva residente in via n. tel.

Dettagli

ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE

ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE COMUNE DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA UFFICIO EDILIZIA ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE DOCUMENTO DOMANDA ELABORATI SCALA

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Programmazione degli Interventi di Trasformazione Urbana MUNICIPIO XIX PROGRAMMA

Dettagli

DOCUMENTI A CORREDO DELL ISTANZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOCUMENTI A CORREDO DELL ISTANZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE DOCUMENTI A CORREDO DELL ISTANZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE NOTE DEL TECNICO PROGETTISTA Istanza in carta da bollo su modello unificato e semplificato approvato con l accordo siglato il 12 giugno 2014 tra

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori).

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori). Norme Tecniiche dii Attttuaziione 1. PREMESSA Le presenti N.T.A. si riferiscono al Piano Attuativo residenziale denominato 5 situato in Via F.lli Kennedy, nel territorio del comune di Pian Camuno (Bs).

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ESSENZIALE. (articolo 74, comma 1, lett. j della legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15)

DOCUMENTAZIONE ESSENZIALE. (articolo 74, comma 1, lett. j della legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15) ELENCO DOCUMENTAZIONE PER IL PROCEDIMENTO EDILIZIO (Elenco della documentazione tecnica e altri atti e provvedimenti parti integranti del permesso di costruire e della segnalazione certificata di attività)

Dettagli

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO - LEGGE REGIONALE 11 MAR- ZO 2005, N 12 AREA TRIAKIS DI VIA MAZZINI ANGOLO VIA FALCK NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE La proprietà

Dettagli

PROGETTO "GRANDE BRERA" - PALAZZO CITTERIO. ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVI (come da file in PDF "Allegato al documento F1)

PROGETTO GRANDE BRERA - PALAZZO CITTERIO. ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVI (come da file in PDF Allegato al documento F1) PROGETTO "GRANDE BRERA" - PALAZZO CITTERIO ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVI (come da file in PDF "Allegato al documento F1) Codice elaborato ELABORATO FORMATO O SCALA RELAZIONI - Art. 3.A e 3.B RG RELAZIONE

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EDILIZIA E SANATORIA PER MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RESTAURO. l sottoscritt Chiede Autorizzazione Edilizia per:

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EDILIZIA E SANATORIA PER MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RESTAURO. l sottoscritt Chiede Autorizzazione Edilizia per: Marca da bollo Data di presentazione PROTOCOLLO N RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EDILIZIA E SANATORIA PER MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RESTAURO l sottoscritt Chiede Autorizzazione Edilizia per: Dichiarazione

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Via Lambruschini Via Angelini

COMUNE DI CESENA. Via Lambruschini Via Angelini COMUNE DI CESENA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 03/05 AT3-AT5 IN CASE FINALI Via Lambruschini Via Angelini DETERMINAZIONE n. 2048 del 27/11/2008 COMMITTENTI: EDIL 5 srl con sede legale in Rimini, piazzetta

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio

PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Torre de Busi (Provincia di Lecco) PGT Piano di Governo del Territorio Variante n 3 ESTRATTO NORME TECNICHE PIANO DELLE REGOLE Il progettista LEO arch. Domenico del T 1 INDICE NORME VARIATE 2.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N.T.A.

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N.T.A. 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N.T.A. ART. 1 Ambito di validità del Piano Attuativo Il Piano Attuativo in oggetto, tramite le seguenti Norme Tecniche di Attuazione (N.T.A.) e gli elaborati di cui al successivo

Dettagli

NUOVA BADIA U.M.I. N.1

NUOVA BADIA U.M.I. N.1 COMUNE DI BAGNOLO CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA Piano Attuativo di iniziativa privata residenziale-commerciale Ambito di Trasformazione Residenziale 2 ai sensi della l.r. 12/2005 e ai sensi dell art. 5

Dettagli

P.R.U. COMPARTO PASUBIO VARIANTE P.U.A. 2004

P.R.U. COMPARTO PASUBIO VARIANTE P.U.A. 2004 PREMESSE La variante al Piano Urbanistico Attuativo del comparto Pasubio si è resa necessaria a seguito della redazione del progetto preliminare elaborato dal Settore Pianificazione territoriale-servizio

Dettagli

ELABORATI GRAFICI DA CONSEGNARE

ELABORATI GRAFICI DA CONSEGNARE ELABORATI GRAFICI DA CONSEGNARE 1. Istanza in bollo, redatta su apposito modulo predisposto dall ufficio, completando in maniera quanto ricevuta di versamento di 33,00 sul c/c postale n 12525077 intestato

Dettagli

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE -

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ART. 1 Le presenti norme integrano e si coordinano con quelle previste

Dettagli

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n.

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n. Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO Permesso Domanda del costruire D.I.A N. Protocollo n. - al RESPONSABILE S.U.E. 1 VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Art.1 Oggetto del Piano di Recupero

Art.1 Oggetto del Piano di Recupero Art.1 Oggetto del Piano di Recupero Il presente Piano di Recupero, redatto ai sensi della vigente normativa nazionale e regionale, disciplina il recupero e la trasformazione edilizia ed urbanistica dell'area

Dettagli

prova pratica Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata.

prova pratica Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata. Architetti Sez. B e TRACCIA 1 Si richiede lo sviluppo grafico in scala 1:50 del Centro Uffici rappresentato nella pianta allegata. Elaborati minimi richiesti: 1) Pianta in scala 1:50; 2) Sezioni trasversale

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DI VARIANTE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DI VARIANTE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DI VARIANTE Art. 1 CONTENUTO E VALIDITA DELLE NORME 1. Il Piano Particolareggiato di Via Val Cismon ha per oggetto la progettazione urbanistica delle aree comprese nell ambito

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

ELENCO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ELENCO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA 1. RELAZIONE PAESAGGISTICA La relazione paesaggistica dovrà contenere i seguenti capitoli: a. Ubicazione dell opera; b.

Dettagli

Comune di Barletta. Medaglie d'oro al Merito Civile ed al Valor Militare Città della Disfida

Comune di Barletta. Medaglie d'oro al Merito Civile ed al Valor Militare Città della Disfida Comune di Barletta Medaglie d'oro al Merito Civile ed al Valor Militare Città della Disfida Progetto Esecutivo per la realizzazione di n 24 Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Elenco elaborati N.

Dettagli

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA PRESENTAZIONE DI UNA PRATICA EDILIZIA

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA PRESENTAZIONE DI UNA PRATICA EDILIZIA COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi URBANISTICA - SUE ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA PRESENTAZIONE DI UNA PRATICA EDILIZIA - Cartellina edilizia debitamente compilata in ogni campitura;

Dettagli

INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI

INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI ALLEGATO A INDICAZIONI PER REDAZIONE ELABORATI TECNICI A - Indicazioni di carattere generale Al fine di identificare gli elementi del progetto edilizio, consentirne facilmente il mutuo confronto, nonché

Dettagli

TITOLO I CONTENUTO DEL PIANO

TITOLO I CONTENUTO DEL PIANO TITOLO I CONTENUTO DEL PIANO Art. 1 Individuazione e consistenza dell area La superficie totale dell area di intervento comprensiva delle aree destinate alla viabilità è di mq 105643 di comparto ai quali

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Allegato D

REGOLAMENTO EDILIZIO. Allegato D COMUNE DI SASSETTA PROVINCIA DI LIVORNO AREA 1 ASSETTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE UFFICIO TECNICO Via Roma, 15 57020 Sassetta (LI) Tel. 0565 794223 Fax 0565 794203 Internet: www.comunedisassetta.net e-mail:

Dettagli

Provincia di Firenze. L.R. 10 novembre 2014 n. 65 e successive modificazioni e integrazioni D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380

Provincia di Firenze. L.R. 10 novembre 2014 n. 65 e successive modificazioni e integrazioni D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Provincia di Firenze L.R. 10 novembre 2014 n. 65 e successive modificazioni e integrazioni D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Funzioni in materia di edilizia REGOLAMENTO PRESENTAZIONE PRATICHE EDILIZIE Approvato

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. L area di intervento è posta in località Pievesestina in corrispondenza

NORME DI ATTUAZIONE. L area di intervento è posta in località Pievesestina in corrispondenza NORME DI ATTUAZIONE 1 - NORME DI P.R.G. E DATI DI PROGETTO Si confermano, per il piano in oggetto, le indicazioni del P.R.G. vigente del Comune di Cesena individua tale area all art. 45 delle norme di

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO DELLE AREE PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE APPROVATO CON DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 6966 DEL 4-12-1989 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Indice Art. 1 - Contenuto delle norme Art. 2 - Richiamo

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa COMUNE DI LONGARE PROVINCIA DI VICENZA PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa ELENCO CATASTALE DELLE PROPRIETA Committente: Donadello Giuseppe e Donadello

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA N.B. La domanda di concessione edilizia è sottoscritta dai soggetti proprietari degli immobili od altri soggetti nei limiti in cui è loro

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ESERCIZIO PROGETTUALE

LINEE GUIDA PER L ESERCIZIO PROGETTUALE CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA E DI ARCHITETTURA TECNICA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 Prof. T. Basiricò Tutor Ing. S. Campione LINEE GUIDA PER L ESERCIZIO PROGETTUALE CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 * * * * * * * *

Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 * * * * * * * * Pag. 1/5 Sessione 9 Febbraio 2000 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE CLASSE 16/A: COSTRUZIONI, TECNOLOGIA DELLE COSTRUZIONI E DISEGNO TECNICO PROVA SCRITTO-GRAFICA Il candidato svolga, a scelta, uno dei seguenti

Dettagli

ALLEGATO A1 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE PRATICHE EDILIZIE ED AI PIANI ATTUATIVI

ALLEGATO A1 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE PRATICHE EDILIZIE ED AI PIANI ATTUATIVI ALLEGATO A1 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE PRATICHE EDILIZIE ED AI PIANI ATTUATIVI PARTE I DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE PRATICHE EDILIZIE Il presente allegato definisce la documentazione minima costituente

Dettagli

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Introduzione Regole per la redazione di una Planimetria Catastale Rappresentazione dei vani, delle altezze e delle dipendenze di una unità immobiliare urbana

Dettagli

C O M U N E D I T R E V I N E L L A Z I O (Prov. Frosinone) ALLEGATI OBBLIGATORI S.C.I.A.

C O M U N E D I T R E V I N E L L A Z I O (Prov. Frosinone) ALLEGATI OBBLIGATORI S.C.I.A. C O M U N E D I T R E V I N E L L A Z I O (Prov. Frosinone) ALLEGATI OBBLIGATORI S.C.I.A. 1. PLANIMETRIA CON INDIVIDUATA L AREA INTERESSATA E VISURA CATASTALE 2. LOCALIZZAZIONE SU STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO

Dettagli

RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS

RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS DATI GENERALI RESIDENZE IL SALICE DESCRIZIONE SINTETICA: Complesso residenziale

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REALIZZAZIONE DI UNA AUTORIMESSA PRIVATA INTERRATA CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DI UN MAGAZZINO *** RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA

PIANO ATTUATIVO REALIZZAZIONE DI UNA AUTORIMESSA PRIVATA INTERRATA CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DI UN MAGAZZINO *** RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA COMUNE DI ORVIETO PROVINCIA DI TERNI PIANO ATTUATIVO REALIZZAZIONE DI UNA AUTORIMESSA PRIVATA INTERRATA CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DI UN MAGAZZINO *** RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA PROPRIETA': La Sig.ra

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - PRESCRIZIONI GENERALI E AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti norme disciplinano gli interventi da effettuarsi nell area avente come destinazione urbanistica Zona di Perequazione Integrata denominata

Dettagli

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE VIGENTE ART. 2 INDICI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI St: Superficie territoriale (mq) E la superficie complessiva delle aree necessarie per l'attuazione degli interventi, comprensiva di tutte le aree

Dettagli

soluzione B Edificazione con abitazioni plurifamiliari (isolate, case in linea, a corridoio, ballatoio)

soluzione B Edificazione con abitazioni plurifamiliari (isolate, case in linea, a corridoio, ballatoio) ARCHITETTURA Tecnologia I sessione 2006 Tema Architetto Vecchio Ordinamento 1 Utilizzazione di un lotto edificabile Caratteristiche del lotto Lotto superficie di 200 m x 100 m (20.000 mq) Situazione al

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO Schede APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19

REGOLAMENTO EDILIZIO Schede APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 Comune di Sesto Fiorentino UOA Assetto del territorio REGOLAMENTO EDILIZIO Schede APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE 28.03.2014 N. 19 Sindaco: Gianni Gianassi Assessore all Urbanistica: Maurizio

Dettagli

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Titolo I NORME GENERALI... 2 Art. 1 Ambito di applicazione delle norme... 2 Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Art. 3 Modalità di attuazione del piano... 3 Titolo II INDICI EDILIZI E PRESCRIZIONI DI PROGETTO..

Dettagli