Domande di Analisi Matematica tratte dai Test di autovalutazione o di recupero dei debiti formativi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande di Analisi Matematica tratte dai Test di autovalutazione o di recupero dei debiti formativi."

Transcript

1 Domande di Analisi Matematica tratte dai Test di autovalutazione o di recupero dei debiti formativi. (1) Sia A l insieme dei numeri dispari minori di 56 e divisibili per 3. Quale delle seguenti affermazioni è vera? (a) L insieme A è vuoto. (b) L insieme A contiene esattamente 9 elementi. (c) 11 A. (d) 3 A. (e) Gli elementi di A sono tutti numeri primi. (2) Risulta log 2(1 + x) = 1 log 2 x (a) Per nessun valore di x. (b) Se e solo se x > 1. (c) Per x = 1. (d) Per ogni valore di x. (e) Se e solo se 0 < x < 1. 1 (3) Per 0 x 2π l insieme di definizione della funzione f(x) = cos x sin x è (a) Formato da un solo elemento. (b) Tutto l intervallo [0, 2π]. (c) [0, π 4 [ ] 5π 4, 2π]. (d) Formato da un numero infinito di numeri reali ma non da tutto l intervallo [0, 2π]. (e) L insieme vuoto. (4) Dati due numeri reali x, y diversi da zero si ha (2 x+y 2 y ) 1 xy = (a) 2 x 2 y. (b) 2 x+y. (c) 2 x+y y. (d) 2 1 y. (e) Non ha senso. (5) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione x 3 + 2x 0. (a) Per nessuna x. (b) È soddisfatta per x 0. (d) È soddisfatta per x 2. (e) È soddisfatta per x = 2 o x = 2. (6) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione 3 x 2 + 2x x. (a) È soddisfatta per x < 1 o per 0 < x < 1. (b) È soddisfatta per 1 x 0 o per x 2. (d) È soddisfatta per x > 1. (e) È soddisfatta per x > 2. (7) Determinare per quali valori di x è soddisfatta l equazione 4 x2 1 = 1. (a) È soddisfatta per x = 1 o per x = 1. (b) Per nessuna x. (d) È soddisfatta per x = 1. 1

2 2 (e) È soddisfatta per x = 2. (8) Se arctan x ] π 4, 0[, allora (a) Si ha 1 < x < 0. (b) Si ha 1 4 < x < 0. (c) Si ha x < 0. (d) Non esiste alcun valore di x. (e) Si ha x > (9) Dato il numero reale x 1, l espressione x k = 1 + x + x 2 + x x 10 è uguale a (a) x 11. (b) 11x 5. (c) Non ha senso. (d) 1 x11 1 x. (e) 1 x 10. k=0 ( (10) L insieme di definizione della funzione f(x) = sin (a) R. (b) ], 1[ ] 1, + [. (c) R \ {0}. (d) ]0, + [. (e). (11) La scomposizione in fattori del polinomio (x 3 + y 3 ) 2 è (a) (x + y) 2 (x 2 y 2 ). (b) (x + y) 2 (x 2 xy + y 2 ) 2. (c) (x y) 3 (x 2 + y 2 ). (d) Impossibile. (e) (x y) 3 (x + y 2 ). (12) Risulta 2 log 3 (1 + x) = log 3 (1 + x ) (a) Se e solo se x = 0. (b) Se e solo se x > 0. (c) Per nessun valore di x. (d) Per ogni valore di x. (e) Se e solo se x < 1. (13) Per 0 x 2π l insieme di definizione della funzione f(x) = (cos x) 2 1 è (a) Formato da un solo elemento. (b) Tutto l intervallo [0, 2π]. (c) Formato solo dai numeri 0, π, 2π. (d) Formato da un numero infinito di numeri reali ma non da tutto l intervallo [0, 2π]. (e) L insieme vuoto. x+2 x+1 (14) Dati due numeri reali x, y diversi da zero si ha (3 xy 3 y ) 1 xy = (a) 3 x 3 y. (b) 3 x+y. (c) 3 x+y y. (d) 3 x+1 x. (e) Non ha senso. (15) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione x 3 + 2x 0. (a) Per nessuna x. ) è

3 3 (b) È soddisfatta per x 0. (d) È soddisfatta per x 2. (e) È soddisfatta per x = 2 o x = 2. (16) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione 3 x 2 + 2x x. (a) È soddisfatta per x < 1 o per 0 < x < 1. (b) È soddisfatta per 1 x 0 o per x 2. (d) È soddisfatta per x > 1. (e) È soddisfatta per x > 2. (17) Determinare per quali valori di x è soddisfatta l equazione 3 x 2 + 2x = x. (a) È soddisfatta per x = 1 o per x = 0 o per x = 2. (b) Per nessuna x. (d) È soddisfatta per x = 1. (e) È soddisfatta per x = 2. (18) Se log(1 + x) ]0, 1[, allora (a) Si ha 1 < x < 0. (b) Si ha 0 < x < e. (c) Si ha 0 < x < e 1. (d) Non esiste alcun valore di x. (e) Si ha x > 0. (19) Dato il numero reale x, l espressione (a) 1. (b) cos x sin x. (c) Non ha senso. (d) 1 2 sin x. (e) sin x cos x. sin 2x 1 cos 2x è uguale a (20) L insieme di definizione della funzione f(x) = log ( ) x + 1 è x 1 (a) R \ {1}. (b) ], 1[ ]1, + [. (c) R \ {0}. (d) ]0, + [. (e). (21) La scomposizione in fattori del polinomio x 4 + 2x è (a) (x + 1) 2 (x 1) 2. (b) (x 2 + 1) 2. (c) (x 2 + 1)(x 2 1). (d) Impossibile. (e) (x 1) 2 (x 2 + 1). (22) Posto A = , B = , C = , D = determinare le disuguaglianze corrette

4 4 (a) A < D < C < B. (b) A < B < C < D. (c) B < A < D < C. (d) D < C < A < B. (e) C < D < B < A. (23) La diseguaglianza (x 1)(x 2)(x 3) > 0 è verificata se e solo se: (a) x > 3. (b) x 1, 2, 3. (c) x > 1. (d) x < 1 oppure x > 3. (e) 1 < x < 2 oppure x > 3. (24) L equazione log 1 4 x = 1 2 ha soluzione uguale a (a) 1 4. (b) Non ha soluzione. (c) 2. (d) 1 2. (e) 1 2. (25) Stabilire quante soluzioni reali ha l equazione nell incognita x: x(x 2 200) = x(x 2 x). (a) Una. (b) Due. (c) Non è mai soddisfatta. (d) Tre. (e) Infinite. (26) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione 4 x (a) È soddisfatta per x > 4 3. (b) È soddisfatta per x < 0 oppure x > 4 3. (c) È soddisfatta per x > 4. (d) Non è mai soddisfatta. (e) È soddisfatta per ogni x 0. (27) Il dominio di definizione della funzione log ( x 1 x+1 2 ) è (a) ]0, + [. (b) ]2, + [. (c) ] 3, 1[. (d) ], 1[. (e). (28) Se un angolo misura 16 o sessagesimali, allora la sua misura in radianti α verifica: (a) α < 1 4. (b) 1 2 < α < 1. (c) 1 4 < α < (d) α è un numero razionale. (e) α = (29) La media aritmetica dei numeri a, b e c è 25. Se d = 5, qual è la media aritmetica dei numeri a, b, c e d? (a) 10. (b) 20. (c) 12, 5. x < 2.

5 5 (d) 15. (e) 7, 5. (30) Sia A l insieme dei numeri dispari minori di 52 e divisibili per 5. Quale delle seguenti affermazioni è vera? (a) L insieme A è vuoto. (b) L insieme A contiene 5 elementi. (c) 20 A. (d) 15 A. (e) Gli elementi di A sono tutti numeri primi minori di 52. (31) La scomposizione in fattori del polinomio x 4 2x è (a) (x + 1) 2 (x 1). (b) (x 1) 2 (x + 1) 2. (c) (x 2 + 1) 2. (d) Impossibile. (e) (x 1) 2 (x + 1). (32) Risulta 3 1+x2 = 9 1 x (a) Se e solo se x = 1. (b) Se e solo se x > 0. (c) Se e solo se x = o x = 1 2. (d) Per ogni valore di x. (e) Se e solo se x < 1. (33) Per 0 x π l insieme di definizione della funzione f(x) = (a) Formato da un solo elemento. (b) Tutto l intervallo [0, π]. (c) Formato solo dai numeri 0, π. (d) Formato da un numero finito di numeri reali. (e) L insieme [0, π] \ { π 4, π 2 }. (34) Il numero è uguale a 1 tan x 1 è (a) 2 3. (b) (c) (d) 8. (e) (35) L equazione sin 2x = 2 sin x è verificata se e solo se (a) cos x = 1. (b) x = kπ con k Z. (c) Non è mai soddisfatta. (d) x = π 2 + kπ con k Z. (e) È soddisfatta per ogni x R. (36) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione x 1 x 2 1. (a) È soddisfatta per x 1. (b) È soddisfatta per x 1 oppure x 1. (c) È soddisfatta per x 1. (d) Non è mai soddisfatta. (e) È soddisfatta per x 2.

6 6 (37) Il dominio di definizione della funzione log ( x+1 x+2 2 ) è (a) ]0, + [. (b) ]2, + [. (c) ] 3, 2[. (d) ], 2[. (e). (38) Se e 1+x ]1, 2[, allora (a) Si ha 1 < x < 0. (b) Si ha 0 < x < 1. (c) Si ha 1 < x < log 2 1. (d) Non esiste alcun valore di x. (e) Si ha x > 0. (39) Il numero log 2 48 è uguale a (a) 5. (b) 4 + log 2 3. (c) 4 log 2 3. (d) 24. (e) 96. (40) L espressione (2 n + 2 n+1 ) 2, con n intero positivo, è uguale a (a) 4 n + 4 n+1. (b) 9 4 n. (c) 4 n2 +n. (d) 2 4n+2. (e) 4 2n+2. (41) La scomposizione in fattori del polinomio x 3 + 3x 2 + 3x + 1 è (a) (x + 1) 2 (x + 2). (b) (x + 1) 3. (c) (x 1) 3. (d) Impossibile. (e) (x 1) 3 (x + 1). (42) Risulta 3 1+x = 9 1 x (a) Se e solo se x = 1. (b) Se e solo se x > 0. (c) Se e solo se x = 1 o x = 1/3. (d) Per ogni valore di x. (e) Se e solo se x < 1. (43) Per 0 x 2π l insieme di definizione della funzione f(x) = 1 2 sin x 1 è (a) Formato da un solo elemento. (b) Tutto l intervallo [0, 2π]. (c) Formato solo dai numeri 0, π, 2π. (d) Formato da un numero finito di numeri reali. (e) L insieme [0, 2π] \ { π 6, 5π 6 }. (44) Dati due numeri reali x, y maggiori di zero si ha log(x 2 y) 3 log y = (a) 6 log(x y). (b) log(x + y). (c) log(2 x 3 y ).

7 7 (d) 2 log x y. (e) Non ha senso. (45) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione x 3 + x 2 2x > 0. (a) Per nessuna x. (b) È soddisfatta per x > 1. (c) È soddisfatta per 2 < x < 0 o per x > 1. (d) È soddisfatta per x < 2. (e) È soddisfatta per x < 2 o per x > 1. (46) Determinare per quali valori di x è soddisfatta la disequazione log 2 (x + 1) 3. (a) È soddisfatta per x > 0. (b) È soddisfatta per 1 < x 7. (d) Non è mai soddisfatta. (e) È soddisfatta per x > 2. (47) Determinare per quali valori di x è soddisfatta l equazione x = x 1. (a) Non è mai soddisfatta. (b) È soddisfatta per x = 0. (d) È soddisfatta per x = 1 2. (e) È soddisfatta per x = 2. (48) Se e 1+x ]0, 1[, allora (a) Si ha 1 < x < 0. (b) Si ha 0 < x < e. (c) Si ha x < 1. (d) Non esiste alcun valore di x. (e) Si ha x > 0. (49) Sia A l insieme dei numeri razionali che soddisfano l equazione x 3 2x = 0. Quale delle seguenti espressioni è vera? (a) L insieme A è vuoto. (b) A = {1}. (c) 1 A. (d) A. (e) A = { , 1 5 2, 1}. (50) L insieme di definizione della funzione f(x) = log x + 1 è (a) R. (b) ], 1[ ] 1, + [. (c) R \ {0}. (d) ]0, + [. (e).

8 8 Domande di Algebra e Geometria tratte dai Test di autovalutazione o di recupero dei debiti formativi. (1) Il seguente sistema lineare di tre equazioni nelle incognite x, y, z 2x + y = 1 z = 2 4x + 2y = 2 ha (a) una sola soluzione. (b) solo soluzioni positive. (c) tre soluzioni. (d) nessuna soluzione. (e) infinite soluzioni. (2) La retta r e il piano α siano perpendicolari. Il luogo dei punti dello spazio a distanza fissata d(> 0) da r e da α è (a) una sfera (b) una circonferenza (c) due circonferenze (d) un cilindro (e) un cono (3) Il resto della divisione del polinomio x per il polinomio x è (a) 2 (b) 0 (c) x 1 (d) x + 1 (e) 1 (4) Nel piano cartesiano Oxy si considerino il punt P (1, 3) e la retta r di equazione y = x. Il simmetrico P di P rispetto ad r (nella simmetria ortogonale) è (a) ( 3, 1). (b) ( 3, 1). (c) ( 1, 3). (d) ( 1, 3). (e) (3, 1). (5) Siano r ed s due rette sghembe, R 1 e R 2 due punti distinti di r e S 1 e S 2 due punti distinti di s. Allora le rette R 1 S 1 e R 2 S 2 sono (a) parallele. (b) incidenti. (c) sghembe. (d) complanari. (e) ortogonali. (6) Il pavimento di una stanza di 5, 1m 9, 6m deve essere rivestito di mattonelle di ceramica quadrate di lato 4dm. Quante mattonelle (intere) occorre acquistare per pavimentare la stanza? (a) 306. (b) 300. (c) 288. (d) 312. (e) 315.

9 9 (7) Si consideri l equazione x = 0. Le sue radici (nel campo complesso) sono (a) x = 1 ed x = 1 contata due volte. (b) x = 1 ed x = 1 contata due volte. (c) x = 1 contata tre volte. (d) x = 1 e x = ±i. (e) nessuna delle precedenti. (8) Fissati due punti M ed N dello spazio, il luogo dei punti P dello spazio tali che il triangolo MNP sia rettangolo in P è (a) l insieme vuoto. (b) due punti. (c) una circonferenza. (d) una sfera. (e) un cono. (9) Nello spazio ordinario siano dati tre punti M, N, R non allineati. Quante sono le circonferenze passanti per i tre punti? (a) 3. (b) 2. (c) 1. (d) 0. (e) infinite. (10) Le seguenti curve E : 3x 2 + y 2 = 1, P : y = 2x 2 1 hanno in comune (a) 4 punti distinti. (b) 3 punti distinti. (c) 2 punti distinti. (d) un punto con molteplicità 4. (e) nessun punto. (11) Il seguente sistema lineare di tre equazioni nelle incognite x, y, z x + 2y = 1 z = 2 2x + 4y = 2 ha (a) una sola soluzione. (b) solo soluzioni positive. (c) tre soluzioni. (d) nessuna soluzione. (e) infinite soluzioni. (12) Siano A e B due punti del piano (per es. A(0, 0) e B(0, 1)). Il luogo geometrico dei punti P del piano che verificano la condizione P A = 2 P B, dove il simbolo... indica la lunghzza del segmento, è (a) una parabola (b) una circonferenza (c) una retta (d) un iperbole (e) un poligono (13) Si consideri l equazione x 3 1 = 0. Le sue radici (nel campo complesso) sono

10 10 (a) x = 1 e x = 1 contata due volte. (b) x = 1 contata tre volte. (c) x 1 e x = ±i. (d) x = 1 e x = 1 contata due volte. (e) nessuna delle precedenti. (14) Nel piano cartesiano Oxy si considerino le rette r 1 e r 2 aventi equazioni r 1 : a 1 x + b 1 y = c 1, r 2 : a 2 x + b 2 y = c 2. Esse sono perpendicolari se (a) a 1 b 1 c 1 = a 2 b 2 c 2. (b) a 1 a 2 = b 1 b 2. (c) a 1 b 2 = a 2 b 1. (d) a 1 b 2 = a 2 b 1. (e) a 1 c 1 = a 2 c 2. (15) Siano A, B, C, D i vertici di un quadrato. Il luogo dei punti dello spazio equidistanti da A, B, C, D è (a) l unione di due piani. (b) l unione di quattro sfere. (c) una retta. (d) due rette. (e) quattro punti. (16) Un foglio di carta quadrato viene piegato in due parti uguali in modo da formare due rettangoli sovrapposti. Sapendo che il perimetro del rettangolo è 12cm, qual è l area del quadrato originario? (a) 9cm 2. (b) 4cm 2. (c) 8cm 2. (d) 16cm 2. (e) 25cm 2. (17) Se i lati di un triangolo misurano 6cm, 12cm, e 5cm, allora il triangolo (a) è acutangolo. (b) è equiangolo. (c) è rettangolo. (d) è scaleno. (e) non può esistere. (18) Se si taglia un cubo con un piano, allora la sezione non può essere (a) un triangolo. (b) un rettangolo. (c) un pentagono. (d) un esagono. (e) un ottagono. (19) Il resto della divisione del polinomio x per il polinomio x è (a) 0. (b) 2. (c) 1 x. (d) x + 1. (e) 1. (20) Le seguenti curve E : 3x 2 + y 2 = 1, P : y = 2x 2 1

11 11 hanno in comune (a) 4 punti distinti. (b) 3 punti distinti. (c) 2 punti distinti. (d) un punto contato quattro volte. (e) nessun punto. (21) Il seguente sistema lineare di tre equazioni nelle incognite x, y, z x + y + z = 0 x + y z = 0 2x + 2y 2z = 2 ha (a) una sola soluzione. (b) solo soluzioni positive. (c) tre soluzioni. (d) nessuna soluzione. (e) infinite soluzioni. (22) Quale delle seguenti affermazioni è quella vera? (a) La somma di più vettori può essere nulla. (b) Il modulo della somma di due vettori è sempre maggiore del modulo dei singoli vettori. (c) La differenza di due vettori può avere modulo negativo. (d) Il modulo della differenza di due vettori è sempre minore del modulo dei singoli vettori. (e) Il modulo della somma di due vettori è sempre uguale alla somma dei moduli dei due vettori. (23) L equazione (x + 1) 3 = x (a) non ha soluzioni. (b) ha una sola soluzione. (c) ha due soluzioni. (d) ha tre soluzioni. (e) ha infinite soluzioni. (24) Nel piano cartesiano Oxy si consideri la circonferenza C di equazione x 2 + y 2 4x 6y + 12 = 0. Il punto P (0, 3) (a) è interno a C. (b) è esterno a C. (c) appartiene a C. (d) la distanza di P da C è uguale a 3. (e) la distanza di P da C è uguale a 2. (25) Il luogo dei punti equidistanti da una retta nello spazio è (a) un piano parallelo alla retta. (b) l unione di due sfere. (c) un cilindro rotondo. (d) un cono rotondo. (e) un prisma infinito. (26) Un foglio di carta rettangolare viene piegato in modo da ottenere due rettangoli uguali (sovrapponibili). Se vogliamo che il rapporto a/b (con a > b) tra i lati del rettangolo originario sia uguale a quello dei lati dei rettangoli ottenuti, allora a/b è uguale a

12 12 (a) 1/2. (b) 2. (c) 2. (d) 1, 5. (e) 3. (27) Si considerino una sfera di raggio R e un cilindro rotondo di raggio r < R. L intersezione tra le due superfici, se non è vuota, è (a) una circonferenza. (b) due circonferenze. (c) può essere una circonferenza. (d) può essere due circonferenze. (e) può essere una parabola. (28) Se r ed s sono due rette dello spazio che non hanno alcun punto in comune, allora (a) r ed s sono complanari. (b) r ed s sono parallele. (c) r ed s non sono complanari. (d) r ed s sono sghembe. (e) r ed s possono essere parallele. (29) Il resto della divisione del polinomio x per il polinomio x è (a) 1. (b) 1. (c) 1 x. (d) x + 1. (e) x 3 x. (30) Le seguenti curve E : 3x 2 + y 2 = 1, P : y = 2x 2 2 hanno in comune (a) 4 punti distinti. (b) 3 punti distinti. (c) 2 punti distinti. (d) un punto contato quattro volte. (e) nessun punto.

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione

NUMERI COMPLESSI. Test di autovalutazione NUMERI COMPLESSI Test di autovalutazione 1. Se due numeri complessi z 1 e z 2 sono rappresentati nel piano di Gauss da due punti simmetrici rispetto all origine: (a) sono le radici quadrate di uno stesso

Dettagli

Syllabus: argomenti di Matematica delle prove di valutazione

Syllabus: argomenti di Matematica delle prove di valutazione Syllabus: argomenti di Matematica delle prove di valutazione abcdef... ABC (senza calcolatrici, senza palmari, senza telefonini... ) Gli Argomenti A. Numeri frazioni e numeri decimali massimo comun divisore,

Dettagli

Introduzione a GeoGebra

Introduzione a GeoGebra Introduzione a GeoGebra Nicola Sansonetto Istituto Sanmicheli di Verona 31 Marzo 2016 Nicola Sansonetto (Sanmicheli) Introduzione a GeoGebra 31 Marzo 2016 1 / 14 Piano dell incontro 1 Introduzione 2 Costruzioni

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE

SESSIONE ORDINARIA 2007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE SESSIONE ORDINARIA 007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE PROBLEMA Si consideri la funzione f definita da f ( x) x, il cui grafico è la parabola.. Si trovi il luogo geometrico dei

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ, DELLA RICERCA SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ, DELLA RICERCA SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO Sessione Ordinaria in America 4 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ, DELLA RICERCA SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (Americhe) ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO Sessione Ordinaria 4 SECONDA PROVA SCRITTA

Dettagli

Studio di funzione. Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dell autore. Funzioni elementari 2

Studio di funzione. Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dell autore. Funzioni elementari 2 Studio di funzione Copyright c 2009 Pasquale Terrecuso Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dell autore. Funzioni elementari 2 Studio di funzione

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale DISCIPLINA: MATEMATICA RESPONSABILE: CAGNESCHI F. IMPERATORE D. CLASSE: prima servizi commerciali Utilizzare le tecniche e le procedure

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA. (*) ax+by+c=0 con a,b,c numeri reali che è detta equazione generale della retta.

GEOMETRIA ANALITICA. (*) ax+by+c=0 con a,b,c numeri reali che è detta equazione generale della retta. EQUAZIONE DELLA RETTA Teoria in sintesi GEOMETRIA ANALITICA Dati due punti A e B nel piano, essi individuano (univocamente) una retta. La retta è rappresentata da un equazione di primo grado in due variabili:

Dettagli

ITCS Erasmo da Rotterdam. Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE 4^ M Costruzioni, ambiente e territorio

ITCS Erasmo da Rotterdam. Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE 4^ M Costruzioni, ambiente e territorio ITCS Erasmo da Rotterdam Anno Scolastico 014/015 CLASSE 4^ M Costruzioni, ambiente e territorio INDICAZIONI PER IL LAVORO ESTIVO DI MATEMATICA e COMPLEMENTI di MATEMATICA GLI STUDENTI CON IL DEBITO FORMATIVO

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA dipendenti da due variabili d azione

PROBLEMI DI SCELTA dipendenti da due variabili d azione prof. Guida PROBLEMI DI SCELTA dipendenti da due variabili d azione in un problema di programmazione lineare, si ricorda che la funzione obiettivo z=f(x,y)=ax+by+c assume il suo valore massimo (o minimo)

Dettagli

MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 4 giugno 2013 - FILA A

MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 4 giugno 2013 - FILA A MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 4 giugno 2013 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: 1 punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando i

Dettagli

ESPERIENZE CON GLI SPECCHI PIANI

ESPERIENZE CON GLI SPECCHI PIANI 1. Qual è la posizione dell immagine fornita da uno specchio piano? Di che tipo di immagine si tratta? Disponi il cilindro giallo dietro lo specchio, in modo che coincida con l immagine riflessa del cilindro

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Verona Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2015/16 Materia MATEMATICA Classe prima Docenti Tutti Materiali didattici Obbligatorio

Dettagli

I.P.S.S. Severini a.s. 2015-16 Curriculum Verticale MATEMATICA

I.P.S.S. Severini a.s. 2015-16 Curriculum Verticale MATEMATICA Curriculum Verticale MATEMATICA I Docenti di Matematica dell IPSS concordano, per l a.s. 2015/16, i seguenti punti: numero minimo di verifiche annue (riferite ad una frequenza regolare): 6, di varia tipologia

Dettagli

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A Scopo centrale, sia della teoria statistica che della economica, è proprio quello di esprimere ed analizzare le relazioni, esistenti tra le variabili statistiche ed economiche, che, in linguaggio matematico,

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

Il metodo delle coordinate: vantaggi e pericoli. (schema della lezione)

Il metodo delle coordinate: vantaggi e pericoli. (schema della lezione) Il metodo delle coordinate: vantaggi e pericoli. (schema della lezione) Riferimenti: V. Villani, Cominciamo dal punto, 13. Quali sono i pregi di una trattazione della geometria per via analitica? E quali

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

DIPARTIMENTO MATEMATICO-INFORMATICO anno scolastico 2013/2014 Testo in uso: Matematica.verde, vol I e II Ediz. Zanichelli

DIPARTIMENTO MATEMATICO-INFORMATICO anno scolastico 2013/2014 Testo in uso: Matematica.verde, vol I e II Ediz. Zanichelli ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI BARI ISTITUTO TECNOLOGICO CHIMICO Ambientale e Sanitario DIPARTIMENTO MATEMATICO-INFORMATICO anno scolastico 2013/2014 Testo

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI 1) Verificare che x è continua in x 0 per ogni x 0 0 ) Verificare che 1 x 1 x 0 è continua in x 0 per ogni x 0 0 3) Disegnare il grafico e studiare i punti di discontinuità

Dettagli

La Prova Invalsi 2014. per la scuola secondaria di 2 grado

La Prova Invalsi 2014. per la scuola secondaria di 2 grado La Prova Invalsi 2014 MATHES - Sezione di Roma per la scuola secondaria di 2 grado Il test che l Invalsi ha utilizzato nell anno 2014 per la rilevazione degli apprendimenti in matematica conseguiti nelle

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PDOV Facoltà di Ingegneria Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Costruzioni geometriche in

Dettagli

CAPITOLO 2. Rette e piani. y = 3x+1 y x+z = 0

CAPITOLO 2. Rette e piani. y = 3x+1 y x+z = 0 CAPITOLO Rette e piani Esercizio.1. Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta del piano (a) Passante per i punti A(1,) e B( 1,). (b) Passante per il punto C(,) e parallela al vettore

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

5 DERIVATA. 5.1 Continuità

5 DERIVATA. 5.1 Continuità 5 DERIVATA 5. Continuità Definizione 5. Sia < a < b < +, f : (a, b) R e c (a, b). Diciamo che f è continua in c se sono verificate le ue conizioni: (i) c esiste (ii) = f(c) c Si osservi che nella efinizione

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Le sezioni coniche: parabole e circonferenze.

Le sezioni coniche: parabole e circonferenze. Le sezioni coniche: parabole e circonferenze. Copyright c 2008 Pasquale Terrecuso Tutti i diritti sono riservati. un pò di storia... 2 Menecmo...............................................................

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

x log(x) + 3. f(x) =

x log(x) + 3. f(x) = Università di Bari, Corso di Laurea in Economia e Commercio Esame di Matematica per l Economia L/Z Dr. G. Taglialatela 03 giugno 05 Traccia dispari Esercizio. Calcolare Esercizio. Calcolare e cos log d

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

POLITECNICO DI BARI C.d.L. ingegneria CIVILE - AMBIENTALE CORSO DI DISEGNO

POLITECNICO DI BARI C.d.L. ingegneria CIVILE - AMBIENTALE CORSO DI DISEGNO POLITECNICO DI BARI C.d.L. ingegneria CIVILE - AMBIENTALE CORSO DI DISEGNO Geometria descrittiva Le volte Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non

Dettagli

COMUNICAZIONE N.10 DEL 26.01.2011 1

COMUNICAZIONE N.10 DEL 26.01.2011 1 COMUNICAZIONE N.10 DEL 26.01.2011 1 1 - SECONDO MODULO - APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (10): ESEMPI 73-96 2 - TERZO MODULO - DISEGNI A MANO LIBERA (8): DISEGNI h71-h80 3 - QUARTO MODULO - CLASSICI

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LA SUA PROIEZIONE ORTOGONALE E SEMPRE UGUALE AD ESSA

LA SUA PROIEZIONE ORTOGONALE E SEMPRE UGUALE AD ESSA PROIEZIONI ORTOGONALI DI FIGURE PIANE Per figura piana si intende una parte di piano delimitata da una linea chiusa. Poiché questo contorno è riconducibile ad un insieme di punti, si può ottenere la proiezione

Dettagli

Informatica Grafica. Un introduzione

Informatica Grafica. Un introduzione Informatica Grafica Un introduzione Rappresentare la Geometria Operabile da metodi di calcolo automatici Grafica Vettoriale Partiamo dalla rappresentazione di un punto... Spazi Vettoriale SPAZI VETTORIALI

Dettagli

Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 012 - Comune

Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 012 - Comune Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 012 - Comune 1. Un urna contiene r palline rosse ed n nere. Si estrae una pallina e, senza rimetterla nell'urna, si estrae una seconda

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

DISEGNO TECNICO GEOMETRIA PIANA FIGURE PIANE

DISEGNO TECNICO GEOMETRIA PIANA FIGURE PIANE DISEGNO TECNICO GEOMETRIA PIANA FIGURE PIANE Costruzione del triangolo equilatero circonferenza e scegliere un punto 1, che risulterà opposto al vertice A. Con la medesima apertura e puntando in 1, tracciare

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Massimi e minimi vincolati in R 2 - Esercizi svolti

Massimi e minimi vincolati in R 2 - Esercizi svolti Massimi e minimi vincolati in R 2 - Esercizi svolti Esercizio 1. Determinare i massimi e minimi assoluti della funzione f(x, y) = 2x + 3y vincolati alla curva di equazione x 4 + y 4 = 1. Esercizio 2. Determinare

Dettagli

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013)

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) Linguaggio matematico di base 1. Qual è l area del triangolo avente i vertici nei punti di coordinate (0,2), (4,0) e (7,6)? A 10 B 30

Dettagli

Piano di lavoro di Matematica

Piano di lavoro di Matematica ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico ALDO MORO Istituto to Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Fax 0124 454545 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

Risolvere lo stesso problema ipotizzando che le scarpe siano vendute a 40 il paio e che gli scarponi siano venduti a 90 il paio.

Risolvere lo stesso problema ipotizzando che le scarpe siano vendute a 40 il paio e che gli scarponi siano venduti a 90 il paio. Problema 1 Un'industria calzaturiera produce scarpe da tennis che vende a 40 il paio e scarponi da trekking che vende a 50 il paio. Ogni paio di scarpe richiede 6 minuti di lavorazione a macchina e 5 minuti

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE Settembre Ottobre Somministrazione di test di ingresso. Novembre dicembre Insiemi numerici Operazioni negli insiemi N, Q Operazioni negli insiemi Z, Q. Potenze con

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI

LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Viale Aldo Ferrari, 37 Tel. 0187743000 19122 La Spezia Fax 0187743208 www.liceomazzini.org

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16

Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16 Programmazione per competenze del corso Matematica, Quinto anno 2015-16 Competenze di aree Traguardi per lo sviluppo dellle competenze Abilità Conoscenze Individuare le principali proprietà di una - Individuare

Dettagli

3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2

3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2 Risolvere mediante la fattorizzazione le seguenti equazioni. 1. 4 12 +9=0 0; 3 2 2. 7 +14 8=0 1;2;4 3. 4 12 +9=0 3 2 ; 3 2 4. +2 = 3 4 1 2 ;3 2 +4=0 5. +3 +1=0 + 2 =3 6. + +2 4=15 3; 2 1 2 ;5 3;0 1; 2

Dettagli

Gli asintoti di una funzione sono rette, quindi possono essere: rette verticali o rette orizzontali o rette oblique.

Gli asintoti di una funzione sono rette, quindi possono essere: rette verticali o rette orizzontali o rette oblique. Asintoti Gli asintoti di una funzione sono rette, quindi possono essere: rette verticali o rette orizzontali o rette oblique. Asintoti verticali Sia 0 punto di accumulazione per dom(f). La retta = 0 è

Dettagli

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio»

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014 Problemi di Matematica Giovanni Romano Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014: ciclo formativo di orientamento alle prove di ammissione ai

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p.

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. Le funzioni elementari Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 200-20 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. /43 Funzioni lineari e affini Potenze ad esponente naturale Confronto

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Illustrazione 1: Telaio. Piantanida Simone 1 G Scopo dell'esperienza: Misura di grandezze vettoriali

Illustrazione 1: Telaio. Piantanida Simone 1 G Scopo dell'esperienza: Misura di grandezze vettoriali Piantanida Simone 1 G Scopo dell'esperienza: Misura di grandezze vettoriali Materiale utilizzato: Telaio (carrucole,supporto,filo), pesi, goniometro o foglio con goniometro stampato, righello Premessa

Dettagli

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010 Appello 15/12/2010 Svolgere i seguenti esercizi: 1) Calcolare entrambi i limiti: a) lim(1 x) 1 e x 1 ; x 0 x log 2 x b) lim x 1 1 cos(x 1). 2) Data la funzione: f(x) = x log x determinarne dominio, eventuali

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classi I C I G

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classi I C I G Esercizi Estivi di Matematica a.s. 0/04 Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Classi I C I G ALUNNO CLASSE Ulteriore ripasso e recupero anche nei siti www.vallauricarpi.it

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

ESAME DI STATO. SIMULAZIONE PROVA NAZIONALE Scuola Secondaria di I grado Classe Terza. Prova 3. Anno Scolastico 20. - 20. Classe:... Data:...

ESAME DI STATO. SIMULAZIONE PROVA NAZIONALE Scuola Secondaria di I grado Classe Terza. Prova 3. Anno Scolastico 20. - 20. Classe:... Data:... Prova Nazionale di Matematica: Simulazioni - a cura di M. Zarattini Prova ESAME DI STATO Anno Scolastico 0. - 0. SIMULAZIONE PROVA NAZIONALE Scuola Secondaria di I grado Classe Terza Classe:... Data:...

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria

OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria LICEO SCIENTIFICO STATALE CAVOUR Via delle Carine 1 - ROMA Commissione Orientamento in Uscita Comunicazione n. 2013/006 Data: 29-11-2013 OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

2) Sul piano coordinato z = 0 studiare il fascio Φ di coniche di equazione. determinando in particolare le sue coniche spezzate ed i suoi punti base.

2) Sul piano coordinato z = 0 studiare il fascio Φ di coniche di equazione. determinando in particolare le sue coniche spezzate ed i suoi punti base. DPARTMENTO D MATEMATCA E NFORMATCA Corso di Laurea in ngegneria Telematica Prova scritta di Elementi di Algebra e Geometria assegnata il 18/7/02 È assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

PREREQUISITI. Cenni di logica elementare:

PREREQUISITI. Cenni di logica elementare: PREREQUISITI La Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria Italiane (documento di giugno 2006) ritiene che per intraprendere con profitto gli studi in Ingegneria gli studenti debbano possedere:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Problemi di scelta ESEMPI

Problemi di scelta ESEMPI ESEMPI Risolvere i seguenti problemi 1. Una ditta deve effettuare delle spedizioni di un certo tipo di merce. Ha la possibilità di scegliere una o l altra delle due tariffe seguenti: a) 2.500 lire al quintale

Dettagli