Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa"

Transcript

1 PANORAMA GIURIDICO Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa del diritto di accesso ai documenti amministrativi è una delle modalità di attuazione del principio di trasparenza, ovvero una delle forme di par- L esercizio tecipazione dell utenza all azione amministrativa che deve, in linea di principio generale, essere indirizzata e gestita nell ambito della stessa articolazione/ufficio che ha prodotto il provvedimento impugnato. È, infatti, erroneo pensare che sia possibile demandarne sempre la trattazione agli Uffici legali/giuridici che, per ovvi motivi, anche ove costituiti, potranno fornire un opera di supporto e consulenza solo per i casi più delicati, pena l inevitabile sovraccarico di lavoro ed il rallentamento delle procedure. In sostanza, quindi, anche se quello del diretto coinvolgimento degli Uffici legali/giuridici nella trattazione delle istanze di accesso è un problema di carattere organizzativo che ogni Amministrazione è chiamata ad affrontare e risolvere in proprio, attraverso il bilanciamento degli interessi contrapposti (impostare correttamente l azione correlata ad un istanza di accesso può scongiurare ulteriori iniziative giudiziali), è illusorio ritenere che vi debba essere, sempre ed in ogni caso, in tal senso un intervento di sostegno all articolazione/ufficio che ha prodotto il provvedimento impugnato. Errore ancore più grave è pensare di poter interessare l Avvocatura dello Stato, che non ha alcuna competenza in questa fase, che è chiaramente pre contenziosa. Ne consegue, quindi, la necessità di un aggiornamento della totalità degli Ufficiali e Sottufficiali (entrambe le categorie rivestono, a diversi livelli ordinativi, funzioni di Comando e sono, pertanto, investite delle conseguenti responsabilità) almeno sugli aspetti essenziali della problematica, in modo da poter subito orientare correttamente le varie procedure ed evitare ritardi ingiustificati e dannosi, attesi gli stretti limiti temporali normativamente imposti in materia. Il presente articolo si pone proprio lo scopo di descrivere un possibile metodo di lavoro per gestire, in concreto, una richiesta di accesso agli atti amministrativi, descrivendo, nell ordine di priorità, gli adempimenti, anche di dettaglio, e le verifiche da porre in essere dopo aver ricevuto un istanza di accesso, con l indicazione dei relativi, aggiornati riferimenti normativi e giurisprudenziali. L accesso è un procedimento amministrativo È, preliminarmente, necessario rammentare gli adempimenti dovuti per consentire la partecipazione al procedimento amministrativo (artt. 7, 8, 9 e 10 L.241/1990, nonché art.3 DPR 12/04/2006 n.184 in combinato disposto con art.22, comma 1, lettera c) della citata L.241/1990). Al riguardo, stante un contesto giuridico sufficientemente chia- 42

2 ro, ma al tempo stesso articolato e, soprattutto, recentemente innovato, si reputa opportuno evidenziare alcuni aspetti. Prima dell entrata in vigore del citato DPR 12/04/2006 la partecipazione dei controinteressati al procedimento era disciplinato dai soli citati artt. 7, 8, 9 e 10 della L.241/1990, evidentemente posti, per ragioni di sistematica giuridica, tra le regole generali del procedimento e ben lontano dalle disposizioni che regolano l accesso (art. 22 e seguenti), che in qualche modo si pongono come disciplina particolare, articolata ed a se stante. Tale posizionamento (in ragione del quale si può con qualche ardimento affermare che la collocazione della disciplina dell accesso agli atti nell ambito della L.241/1990 trova giustificazione principalmente in ragioni storiche) poteva quindi trarre in inganno e determinare una dimenticanza in un operatore non avvertito, che avrebbe per mera svista potuto omettere di coinvolgere i controinteressati. Oggi è, invece, necessario effettuare un distinguo. I soggetti a vario titolo interessati al procedimento si dividono, infatti, in 2 categorie principali: quelli individuati ai sensi dell art.3 DPR 12/04/2006 n.184 in combinato disposto con l art.22, comma 1, lettera c) della L.241/1990. Tali soggetti, che vengono definiti controinteressati sono coloro i quali, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall esercizio dell accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza, devono essere informati dell accesso da parte della pubblica amministrazione cui la relativa richiesta è indirizzata (sussiste, quindi, un obbligo di informazione mirato a consentire che tali soggetti possano, entro 10 giorni, presentare un opposizione motivata); quelli individuati ai sensi degli artt. 7 e 9 della L.241/1990, che vengono definiti interessati, ovvero tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l accesso. Anche per tali soggetti esiste, sotto il profilo normativo, il diritto di partecipazione al procedimento di accesso, e simmetricamente l obbligo di informazione da parte della pubblica amministrazione interessata, ma tale obbligo può essere più facilmente disatteso. In merito a tale ultimo punto, infatti, analizzando le norme da un punto di vista diverso da quello del funzionario aduso a procedure antiquate, utilizzate quando gli atti della P.A. dovevano intendersi come insindacabili, in punto di fatto se non in punto di diritto, la citata partecipazione deve essere considerata come un opportunità che: consente alla Pubblica Amministrazione di acquisire elementi utili alla valutazione che deve essere compiuta per consentire o denegare il richiesto accesso. Tale valutazione, che nella prassi tiene conto anche di fattori di opportunità, ovviamente di carattere meta giuridico (non giuridico), può infatti trovare nelle argomentazioni prodotte dai soggetti interessati al procedimento elementi utili a sostegno della linea che si intende seguire; non pone vincoli coercitivi, essendo comunque la P.A. facultata a procedere diversamente, invocando ragioni di celerità del procedimento (Art. 7 della L.241/1990) che, in generale, appaiono facilmente sostenibili stanti i tempi serrati imposti dal procedimento stesso. Va, altresì, rammentato che l omissione di taluna delle comunicazioni prescritte può essere fatta valere solo dal soggetto nel cui interesse la comunicazione è prevista (Art. 8 della L.241/1990). La ricezione dell istanza di accesso Un procedimento di accesso ha, come tutti i procedimenti amministrativi, inizio con la ricezione dell istanza, che può essere formale o informale (Artt.5 e 6 del DPR 12/04/2006 n.184). L istanza informale può essere avanzata, anche verbalmente, all Ufficio centrale o periferico competente a formare l atto conclusivo del procedimento, o a detenerlo stabilmente. Applicando i principi di speditezza e di economicità dell azione amministrativa è sempre opportuno, sempre che ne sussistano i presupposti (non sussistano dubbi sulla legittimazione attiva dell istante e sull ostensibilità (sinonimo giuridico che in linguaggio comune può essere, con qualche approssimazione, riportato con accessibilità ), che le singole Amministrazioni concedano direttamente al richiedente l accesso a documenti che effettivamente detengono. Qualora, invece, sussistano dubbi sull attendibilità delle dichiarazioni rese dal richiedente, o sull ostensibilità dei documenti, è possibile/opportuno invitare l istante a presentare istanza formale. Tale possibilità/opportunità diviene, inoltre, un obbligo cogente, qualora in base all esame del contenuto del documento richiesto venga riscontrata l esistenza di controinteressati, così come in precedenza definiti (Artt.5, comma 6 del DPR 12/04/2006 n.184). Nella richiesta formale l interessato deve: indicare gli estremi del documento oggetto della richiesta o gli elementi che ne consentano l individuazione. Al riguardo, mentre in un primo tempo in ambito giurisprudenziale si era ritenuto che l indicazione del/degli atto/i per i quali veniva chiesto l accesso dovesse essere precisa, è oggi pacifico che sia sufficiente che l istanza contenga gli elementi utili per l individuazione degli stessi; 43

3 specificare e, ove occorra, comprovare l interesse connesso all oggetto della richiesta; far constare della propria identità e, ove occorra, dei propri poteri rappresentativi. Con riferimento al mutamento dell orientamento giurisprudenziale in ordine alla necessità o meno che l istanza sia circostanziata per quanto attiene all indicazione degli atti per i quali è richiesto l accesso (circostanza rilevante sul piano concreto), il Consiglio di Stato ha: dapprima, ritenuto che nella richiesta di accesso dovessero essere precisamente specificati gli atti per i quali si chiede l accesso, non potendo imporsi all Amministrazione un onere di ricerca dei documenti utili al richiedente attraverso la selezione e l indagine del relativo contenuto 1 ; successivamente, che fosse invece sufficiente che essa fornisca gli elementi utili all individuazione dei documenti interessati, con il limite, tuttavia, che la richiesta di accesso abbia ad oggetto documenti esistenti, non potendo la stessa essere utilizzata per conoscere dell esistenza di atti (Cons. di Stato, rispettivamente Sez. V Sent. 11 marzo 2002, n.1443 e Sez. VI, Sent. 25 settembre 2002 n. 4883). In relazione ai poteri rappresentativi, si evidenzia che l art. 46 del DPR 445/2000 ha sancito che la qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche è autocertificabile, con dichiarazione sostitutiva di certificazione, anche contestuale all istanza, sottoscritta dall interessato. L istanza di accesso può essere presentata con le seguenti diverse modalità, ugualmente valide 2 : presentazione dell istanza, non ancora firmata, a cura dell interessato, che deve apporre la firma di fronte al dipendente addetto alla ricezione; presentazione, da parte di persona diversa dall interessato, dell istanza già firmata. In tale caso è necessaria la contestuale presentazione della fotocopia di un documento di identità dell interessato che ha firmato; invio, per fax, dell istanza firmata e con allegata la fotocopia di un documento di identità della persona che ha firmato; invio per dell istanza, sottoscritta mediante la firma digitale o con l utilizzo della carta di identità elettronica (i problemi tecnici tuttora insistenti per l autenticazione elettronica rendono tale procedura, ancorché con lungimiranza prevista dal legislatore, assolutamente residuale). L istanza di accesso va ricevuta anche se firmata, secondo le predette modalità, da persona delegata dall interessato. In questo caso il delegato può autocertificare, anche nella stessa istanza, la sua qualità di rappresentante dell interessato 3. Tale elencazione, riportata citando quasi testualmente la norma a riferimento, non significa che non debbano essere accettate le forme di inoltro più classiche, come l invio di raccomandata postale o l istanza per tramite gerarchico, ove la stessa promani da un dipendente dell Amministrazione adita. Verifica della legittimazione attiva Dopo aver ricevuto l istanza, è necessario verificare se il richiedente è legittimato ad accedere. Infatti il diritto di accesso non è genericamente riconosciuto a tutti. Per il relativo esercizio è necessario che sussistano le seguenti condizioni: il richiedente 4 deve avere un interesse personale e concreto ad accedere agli atti procedimentali; l accesso è strumentale alla tutela di situazioni giuridicamente rilevanti. Pertanto la richiesta di accesso : non può avere scopo emulativo, finalizzato cioè solo a recar danno all Amministrazione e non può riferirsi a mera curiosità; non può essere uno strumento di controllo generalizzato sull operato della Pubblica Amministrazione 5. Deve, pertanto, contenere la specifica indicazione dell interesse legittimante, che si identifica in ogni posizione soggettiva suscettibile di tutela (diritto soggettivo, interesse legittimo, interesse diffuso ed aspettative legittime); deve essere motivata 6. La Pubblica Amministrazione nei cui confronti viene esercitato il diritto di accesso deve, pertanto, accertare, attraverso l esame della domanda motivata di accesso, che esista un rapporto di strumentalità tra la conoscenza del documento (mezzo per la difesa di interessi) ed il fine (effettiva tutela della situazione giuridicamente rilevante del quale il richiedente l accesso è portatore) 7. Al riguardo, la Giurisprudenza ha posto il principio secondo cui un soggetto che sia parte di un procedimento amministrativo è, per ciò solo, legittimato a richiedere l accesso ai relativi documenti, senza necessità di accertamento caso per caso, in base al criterio dell interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti 8. 1 Cons. di Stato, Sez. VI Sentt. 16 dicembre 1998 n e 1 febbraio 1999 n Art. 38 del D.P.R. 445/ Citato art. 46, 1 comma lettera DPR 445/ Il richiedente può essere persona fisica o persona giuridica portatrice di interessi pubblici e diffusi art.2 D.P.R. 184/ Cfr. Cons. di Stato, Sez. IV Sent.1359 del 9 dicembre 1997 e, da ultimo, Cons. di Stato, Sez. VI Sent.5814 del 22 ottobre Art. 25, comma 2, legge 241/90. 7 Cfr. fra altre, Cons. di Stato, Sez. V Sent. n.45 del 19 gennaio 1999, e Cass. Civ. SS.UU. 28 maggio 1998 n Cons. di Stato, Sez. IV Sent. N.260 dell

4 Verifica della legittimazione passiva Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. In questa fase occorre accertare che l Amministrazione destinataria dell istanza abbia formato i documenti richiesti, ovvero li detenga stabilmente (art. 25 co. 2, legge 241/1990 e art.2 co. 2, DPR 184/2006). Quindi, se l Unità Organizzativa che ha ricevuto l istanza non ha formato né detiene stabilmente i documenti, dovrà individuare l Unità Organizzativa competente, rimettendo a questa l istanza. Il procedimento d accesso deve concludersi entro 30 giorni decorrenti dalla presentazione della richiesta ad un qualsiasi Ufficio dell articolazione amministrativa competente. In sostanza, qualora si verifichino ritardi per rimbalzi di competenze la responsabilità ricade sull Amministrazione, nulla rilevando, sotto il profilo normativo, le procedure ovvero i disservizi interni all amministrazione stessa (in pratica, i 30 giorni decorrono dalla ricezione dell atto da parte, ad esempio, dello SMD, uno dei cui Uffici ha prodotto l atto di interesse, e non si interrompe se, nello smistamento posta, viene recapitato ad un altro Ufficio dello stesso SMD). Ove la richiesta sia irregolare o incompleta (non fornisca, cioè, gli elementi idonei ad individuare gli atti oggetto dell accesso, o manchi, ove occorra, di comprovare l interesse connesso all oggetto della richiesta, ovvero, manchi di far constare della propria identità o dei propri poteri rappresentativi), l Amministrazione deve darne, entro 10 giorni, comunicazione certa al richiedente (raccomandata o notifica diretta). In tal caso il termine del procedimento ricomincia a decorrere dalla data di presentazione della richiesta perfezionata 9. Ai fini dell individuazione dell Amministrazione obbligata all esibizione dei documenti, il criterio della formazione del documento va ritenuto come principale e generale e quello della detenzione dello stesso come secondario e sussidiario, nel senso che legittimata passiva deve intendersi (e presumersi) in primo luogo l Amministrazione che ha confezionato l atto. In relazione a quanto sopra, la materiale disponibilità del documento non costituisce criterio generale di individuazione dell Amministrazione obbligata nell azione di accesso 10. Attenzione deve essere posta sul fatto che il citato criterio serve per l orientamento di chi voglia presentare l istanza, ma non esime l Amministrazione ricevente, non direttamente competente, dalla corretta veicolazione della medesima. Verifica dei documenti ai quali si chiede di accedere Non è legittima la richiesta di documentazione che l amministrato presuma essere stata formata dall Amministrazione, ma la stessa deve consistere nella richiesta di esibizione di documenti di cui sia certa l esistenza. Esula quindi dal diritto di accesso la richiesta di informazioni in ordine all esistenza di determinati atti 11. È invece legittima l istanza di accesso concernente la richiesta di informazioni, piuttosto che di atti e documenti detenuti dalla PA destinataria della richiesta, in quanto, per un verso, il reale oggetto della domanda di accesso è l informazione contenuta nel documento attesa la natura strumentale del supporto documentale e, per un altro verso, stante il carattere formale dell attività amministrativa, la PA stessa non può fornire se non informazioni contenute nei documenti in suo possesso o da questi desunte 12. Dei limiti all accesso sono posti dall art.24 della legge 241/1990, che individua direttamente alcuni vincoli e rimette alla disciplina di specifici regolamenti la definizione delle modalità di esercizio del diritto di accesso. Il primo limite all accesso è costituito: dal Segreto di Stato, ai sensi dell art.12 della legge 24 ottobre 1977, n (istitutiva dei Servizi per le informazioni e la sicurezza ); dai procedimenti previsti dai decreti legge (ovviamente, convertiti in legge) 15 gennaio 1991, n. 8 Nuove norme in materia di sequestri di persona a scopo di estorsione e per la protezione dei testimoni di giustizia e Decreto legislativo 29 marzo 1993, n.119 disciplina del cambia- 9 Art.6, comma 5 del DPR 184/ Cons. di Stato, Sez. V, Sent. N.2180 del 22 aprile Cons. di Stato, Sez. VI n.5437 del 15 ottobre 2001 Cons. di Stato, Sez. VI n.4883 del 25 settembre Cons. di Stato, Se. V Sent. N.207 del 23 gennaio Secondo l art.12 della legge 801/77 sono coperti dal segreto di Stato atti, documenti, notizie, attività ed ogni altra cosa che può arrecare danno allo Stato in ogni modo, sia per le relazioni internazionali fra gli Stati, sia relativamente al settore militare e della difesa. 45

5 mento delle generalità per la protezione di coloro che collaborano con la giustizia. Tali previsioni sono state aggiunte alla formulazione originale; dai casi di segreto o di divieto di divulgazione altrimenti previsti dall ordinamento. Ne consegue che il diritto di accesso è escluso per tutti i documenti che abbiano una classifica di segretezza. I casi di esclusione del diritto di accesso attengono alle sottonotate esigenze da salvaguardare: sicurezza, difesa nazionale e relazioni internazionali; politica monetaria e valutaria; ordine pubblico, prevenzione e repressione della criminalità; riservatezza di terzi, persone, gruppi ed imprese, con la garanzia, in questo caso, per gli interessati di poter accedere agli atti relativi ai procedimenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i loro interessi giuridici (qui vale il principio generale della prevalenza del diritto di accesso su quello alla riservatezza). Al riguardo, un ulteriore notazione atta a dirimere possibili equivoci causati dalle recenti novelle alla L.241/1990: nella precedente formulazione, qualora nella documentazione richiesta vi fossero stati riferimenti a dati personali di terzi, l accesso avrebbe dovuto essere concesso limitando l esercizio alla sola visione degli atti senza possibilità di estrarre copia 14. Tale previsione, la cui ragione sembra riconducibile ad un embrionale tentativo di conciliare interessi contrapposti, è oggi totalmente superata, in quanto non più presente nell attuale stesura del testo legislativo. Per la salvaguardia di tali esigenze, lo stesso art.24, al comma 2, ha posto l obbligo per le singole Amministrazioni di individuare, con uno o più regolamenti, le categorie di documenti da esse formati o comunque rientranti nella loro disponibilità, sottratti o differiti all accesso (per l A.D. il D.M. 14 giugno 1995, n.519). Nella valutazione delle richieste è, pertanto, necessario verificare se gli atti per i quali è richiesto l accesso siano secretati poiché compresi nelle categorie individuate dai predetti decreti ministeriali. Definizione dell accesso e adempimenti L Amministrazione competente, avendo ricevuto la richiesta, la accoglie dopo aver verificato che sussiste un interesse personale e concreto del richiedente e la sua necessità di tutelare una situazione giuridicamente rilevante, ovvero il richiedente è parte del procedimento amministrativo i cui atti sono oggetto della richiesta. I documenti oggetto della richiesta non devono poi rientrare nella categoria di atti esclusi dall accesso, perché pertinenti al segreto di Stato ovvero alla tutela dei collaboratori di giustizia od, infine, ai sensi dell art.24, comma 2 della legge 241/1990 (Regolamenti delle Amministrazioni). L atto di accoglimento della richiesta di accesso 15 deve contenere l indicazione dell Ufficio, completa della sede, presso cui rivolgersi, nonché di un congruo periodo di tempo, comunque non inferiore a quindici giorni, per prendere visione dei documenti o per ottenerne copia. L accoglimento della richiesta di accesso ad un documento comporta anche la facoltà di accesso agli altri documenti nello stesso richiamati e appartenenti al medesimo procedimento, fatte salve le eccezioni di legge o regolamento (ad esempio il disposto del citato art. 24, co. 2 L. 241/1990). L esame dei documenti è gratuito ed avviene presso l ufficio indicato nell atto di accoglimento della richiesta, nelle ore d ufficio, alla presenza del personale addetto. È vietato asportare documenti dal luogo presso cui sono stati dati in visione, tracciare su di essi segni o comunque alterarli in qualsiasi modo. L esame dei documenti è effettuato dal richiedente o da persona da lui incaricata, con l eventuale accompagnamento di altra persona di cui vanno specificate le generalità, che devono poi essere registrate in calce alla richiesta. L interessato può prendere appunti o trascrivere in tutto o in parte i documenti presi in visione. Si precisa che, nel caso di accesso ai documenti amministrativi detenuti da Autorità centrale con sedi periferiche, non sussiste per la P.A. l obbligo di consentire l accesso in sede periferica. La scelta del luogo ove può essere esercitato l accesso non è, infatti, fissato dalla legge ed è rimesso alla decisione della Pubblica Amministrazione 16. L Amministrazione competente, qualora accerti l insussistenza delle condizioni precedentemente descritte per l accoglimento rifiuta, limita ovvero differisce l accesso 17. In questo caso il responsabile del procedimento di accesso deve dare, all interessato, comunicazione motivata con specifico riferimento: alla normativa vigente; alla individuazione delle categorie di cui all art. 24, comma 2 della legge 241/1990; alle circostanze di fatto per cui la richiesta non può essere accolta così come proposta. Il differimento dell accesso è disposto ove sia necessario assicurare una temporanea tutela agli interessi indicati dall art. 24, comma 1 della legge 241/1990, sulla base delle esplicite disposizioni contenute nei Regolamenti emanati ai sensi del citato Art.24, co.2 della L.241/90, ovvero per salvaguardare esigenze di riservatezza dell amministrazione, specie nella fase preparatoria dei provvedimenti, in relazione a documenti la cui conoscenza possa compromettere il buon andamen- 14 Art. 24, comma 2 Lettera d) L.241/1990 art. 8, comma 5 lett. D) DPR 352/ Cons. di Stato Ad. Plen. 5/ L accoglimento della richiesta e le modalità di accesso sono regolate dall art.5 del DPR 352/1992, che qui viene quasi integralmente riportato. 16 Cons. di Stato, Ad. Plen., Sent. N.5 del 2 luglio Artt. 9 e 10 del DPR 184/

6 to dell azione amministrativa Art.24, co.4 della L.241/90. L atto che dispone il differimento, ne indica la durata. Comunicazione dei motivi ostativi Con l art. 10/bis della L. 241/1990, aggiunto con l art.6, L.11 febbraio 2005, n. 15, viene introdotto l importantissimo principio in base al quale, nei procedimenti ad istanza di parte: il responsabile del procedimento o l autorità competente, prima della formale adozione di un provvedimento negativo, comunica agli istanti i motivi che ostano all accoglimento della domanda; entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione, gli istanti hanno il diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti, che l Amministrazione ha l obbligo di valutare dovendo dell eventuale mancato accoglimento delle quali dare ragione nella motivazione del provvedimento finale. Ovviamente, lo stesso art. 10/bis precisa che i termini per concludere il procedimento: si interrompono all atto della comunicazione dei motivi che ostano all accoglimento; iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza dell anzidetto termine di 10 giorni concesso agli istanti per presentare osservazioni. Anche in questo caso, pur potendo tale principio apparire oneroso nel caso del procedimento di accesso, che dovrebbe essere caratterizzato dalla celerità, occorre osservare che lo stesso si inserisce nel solco ormai chiaramente tracciato dal Legislatore per garantire il colloquio tra Pubblica Amministrazione e cittadino, in taluni casi spinto fino alla possibilità di raggiungimento di accordi integrativi o sostitutivi del provvedimento ed ha il merito di forzare l eventuale pubblico funzionario riottoso a sviluppare per tempo le problematiche connesse con un istanza di accesso e ad approfondire le medesime anche previo idoneo contraddittorio. In ogni caso, è bene sottolineare che il mancato rispetto della descritte disciplina costituisce inosservanza di legge e determina l annullabilità del provvedimento (Ove si incorra, nonostante tutto, in tale errore, e l interessato abbia impugnato il provvedimento in argomento, che si vorrebbe mantenere valido, l unica possibilità residuale è quella di argomentare cercando di cavalcare la giurisprudenza già prodotta per l inosservanza dell art.7 della stessa L.241/1990, nella parte in cui ha sancito il principio della conservazione dell atto laddove l Amministrazione dimostri che partecipazione del controinteressato al procedimento non ne avrebbe modificato l esito). Esiti della definizione del procedimento di accesso L Amministrazione competente può, quindi, accogliere la richiesta ovvero può differirla o non accoglierla. Il mancato accoglimento può essere espresso in modo esplicito, attraverso la comunicazione prevista dall art. 9, comma 1 del DPR 184/2006 ovvero in modo tacito, con inerzia della stessa Amministrazione che si protrae per più di 30 giorni. Sia in caso di differimento, che in caso di diniego esplicito o tacito, l interessato può, ai sensi dell art. 25, comma 5 della legge 241/1990 esperire ricorso al T.A.R. Il T.A.R. adito decide in camera di consiglio, entro 30 giorni e la decisione del T.A.R. è appellabile al Consiglio di Stato, entro 30 giorni dalla notifica. La proposizione del particolare ricorso al T.A.R. è agevole. Infatti il ricorrente, secondo quanto previsto dall art. 4, comma 3 della legge 21 luglio 2000 n.205, può stare in giudizio da solo senza l assistenza del difensore e correlativamente l Amministrazione può essere rappresentata e difesa da un proprio dipendente, purché quest ultimo abbia la qualifica di Dirigente e sia autorizzato dal rappresentante legale dell Ente. Il rilascio di copia Un ultima precisazione, di carattere pratico, si ritiene opportuna nel caso in cui l Amministrazione competente ritenga di accogliere la richiesta di accesso. In tal caso l interessato è invitato a presentarsi, previo appuntamento, presso la sede che come accennato viene liberamente individuata dall Amministrazione competente, per avere accesso alla documentazione indicata. Ciò significa che si potranno prendere appunti e trascrivere, in tutto od in parte, il documento preso in visione. È, ovviamente, anche possibile ottenerne la riproduzione, ma in tal caso il rilascio delle copie è subordinato, ai sensi dell art.25 della L.241/1990, al pagamento secondo un tariffario definito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al momento, nelle more della definizione dei provvedimenti generali organizzatori di cui agli artt.1 comma 2 e 8 del DPR 184/2006 è previsto, nel caso di copia: non autenticata, dei costi di riproduzione, previa applicazione di marche da bollo, che devono essere fornite dall interessato, del valore di 0,26 per ogni 2 pagine in fotocopia (l eventuale pagina dispari va annullata con una marca da bollo di pari valore); conforme all originale, previa applicazione di una marca da bollo da 14,62 per ciascun foglio. 47

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI SEGRETARIATO GENERALE Direzione III Segretariato Generale Direzione III (Regolamento per il diritto di accesso ai documenti e alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI CAPO I DEFINIZIONE DI ACCESSO E DI DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ART.1 Fonti e finalità 1. Il

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 27/09/2007 S O M M A

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI Al fine di assicurare la trasparenza dell'attività amministrativa e di favorirne lo svolgimento imparziale è riconosciuto a chiunque vi abbia interesse per la tutela di situazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Rev. 1.0 28/10/2014 Pagina 1 di 10 AMTPG17 REVISIONE 1.0 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Norma UNI EN ISO 9001: 2008 DOCUMENTO REDATTO DA Azienda Mobilità e Trasporti SpA

Dettagli

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO Servizio Amministrativo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del consiglio provinciale n. 68/29250

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 40 dd. 17.10.1995

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI - Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 11.12.2001 con deliberazione

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENTO

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENTO ALLEGATO alla delibera n. 2042 del 07/07/2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENTO Attuazione delle norme sulla trasparenza dell'azione amministrativa, procedimento amministrativo

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Adottato ai sensi della Legge 7 agosto 1990, n. 241 e ss.mm.ii. Emissione 01/06/2007_ Rev 00 INDICE: art. 1) Oggetto del Regolamento pag. 4 art.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina: a) le modalità per l esercizio del diritto di accesso;

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Raccolta massime

DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Raccolta massime DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Raccolta massime 2ª edizione marzo 2015 DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Raccolta massime A cura di Samuele Grimani Ufficio Registro delle Imprese

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli