DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato"

Transcript

1 DATI STRUTTURALI Aspetti strutturali dell industria nelle province n. 6 Ottobre 2016

2 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap tel Lucca, piazza Bernardini 41 cap tel Prato, via Valentini 14 cap tel Centro studi Enrico Mongatti, responsabile Barbara Bigagli Daniele Chersi Renzo Vettori

3 Indice Le imprese... pag. 5 Il valore aggiunto... pag. 7 L occupazione nel pag. 9 L industria... pag. 11 Energia elettrica... pag. 15 Gas... pag. 17 La qualità della vita... pag. 19 Schede sintetiche delle province... pag. 21

4

5 Le imprese Nel 2014, l area delle province di Lucca Pistoia Prato (di seguito LU-PT-PO) conta circa imprese attive e addetti. La provincia con il maggior numero di imprese è Lucca (circa e addetti) seguita da Prato (circa e addetti) e Pistoia ( e addetti). L attività manifatturiera è molto più concentrata nella provincia di Prato, sia in termini assoluti (6.800 imprese e addetti) sia in termini relativi (24,7% del totale imprese e 40,5% del totale addetti). Il numero di imprese Imprese attive e addetti alle imprese attive in provincia di Lucca nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti B Estrazione di minerali da cave e miniere manifatturiere di Prato è infatti superiore a C Attività manifatturiere Lucca (3.300 imprese D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata e addetti) e a E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione F Costruzioni Pistoia (3.100 e G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli addetti). In termini relativi H Trasporto e magazzinaggio il divario si am- I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione plifica (9,5% del totale J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative imprese e 25,2% del L Attività immobiliari totale addetti a Lucca e M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,5% e 25,4% a Pistoia). N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale Il comparto delle costruzioni è più presen- R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento S Altre attività di servizi TOTALE LUCCA te in provincia di Lucca Fonte: ISTAT Asia _ aggiornamento luglio 2016 con imprese e addetti (13,6% del totale imprese in Imprese attive e addetti alle imprese attive in provincia di Pistoia nel 2014 termini relativi) seguito Settore Economico Imprese Addetti da Pistoia (3.400 imprese B Estrazione di minerali da cave e miniere 4 8 e addetti, C Attività manifatturiere ,7% del totale imprese) e Prato (3.000 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione F Costruzioni e addetti pari al G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli ,8% del totale imprese). H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento S Altre attività di servizi TOTALE PISTOIA Fonte: ISTAT Asia _ aggiornamento luglio 2016 Centro studi Confindustria Toscana Nord 5

6 Imprese attive e addetti alle imprese attive in provincia di Prato nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti B Estrazione di minerali da cave e miniere 0 0 C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento S Altre attività di servizi TOTALE PRATO Fonte: ISTAT Asia _ aggiornamento luglio 2016 Imprese attive e addetti alle imprese attive nell area Lucca, Pistoia e Prato nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento S Altre attività di servizi TOTALE Fonte: ISTAT Asia _ aggiornamento luglio Centro studi Confindustria Toscana Nord

7 Il valore aggiunto nel 2013 Il valore aggiunto dell area LU-PT-PO è di circa 22,4 miliardi di euro di cui 9,4 miliardi prodotti in provincia di Lucca, 6,5 miliardi a Pistoia e 6,4 miliardi a Prato Il valore aggiunto dell industria in provincia di Lucca incluse le costruzioni, è pari a 2,7 miliardi di euro, 1,8 miliardi di euro in provincia di Prato e 1,4 miliardi in provincia di Pistoia. La quota di valore aggiunto dell industria sul totale si attesta al 28,8% a Prato, 28,2% a Lucca e 21,5% a Pistoia dove è più rilevante la componente agricola. Il valore aggiunto pro capite dell area LU-PT-PO ( euro) è vicino alla media nazionale ( euro) ma rimane al di sotto della media della Toscana ( euro). Il valore più elevato è quello della provincia di Prato con euro, seguito da Lucca ( euro) e da Pistoia ( euro). Valore aggiunto nel 2013 in milioni di euro Lucca Pistoia Prato LU PT PO Totale attività economiche * agricoltura, silvicoltura e pesca * attività estrattiva, attività manifatturiere, fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento, costruzioni * attività estrattiva, attività manifatturiere, fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento industria manifatturiera costruzioni servizi * commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, trasporti e magazzinaggio, servizi di alloggio e di ristorazione, servizi di informazione e comunicazione commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, trasporto e magazzinaggio, servizi di alloggio e di ristorazione servizi di informazione e comunicazione attività finanziarie e assicurative, attività immobiliari, attività professionali, scientifiche e tecniche, amministrazione e servizi di supporto attività finanziarie e assicurative attività immobiliari attività professionali, scientifiche e tecniche, amministrazione e servizi di supporto amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, riparazione di beni per la casa e altri servizi amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, riparazione di beni per la casa e altri servizi * Branca di attività (NACE Rev2) Fonte: ISTAT aggiornamento novembre 2015 Centro studi Confindustria Toscana Nord 7

8 Valore aggiunto pro capite totale attività economiche a prezzi correnti (dati grezzi) anno 2013 valore aggiunto (m.ni ) popolazione media (n) valore aggiunto pro capite Italia ,4 differenza valore aggiunto su Italia Toscana , ,4 Massa Carrara , ,9 Lucca ,9 +177,6 Pistoia , ,7 Firenze , ,4 Livorno ,2-637,1 Pisa , ,5 Arezzo ,0 +150,6 Siena , ,6 Grosseto , ,1 Prato , ,5 LU PT PO ,0 +52,6 Fonte: ISTAT aggiornamento novembre Centro studi Confindustria Toscana Nord

9 L occupazione nel 2015 Complessivamente nell area LU-PT-PO si trovano occupati (di cui nell industria) e persone in cerca di occupazione. Gli occupati nell industria sono superiori in provincia di Lucca ma la quota sul totale è ben superiore in provincia di Prato (34,6%) rispetto a Lucca (31,6%) e Pistoia (30,6%). Forza lavoro e Popolazione anni per provincia Anno 2015 Valori in migliaia Forza lavoro Popolazione anni Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca Pistoia Prato LU-PT-PO Toscana Fonte: ISTAT Occupati e In cerca di occupazione per provincia Anno 2015 Valori in migliaia Occupati In cerca di occupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca Pistoia Prato LU-PT-PO Toscana Fonte: ISTAT Occupati nell industria Anno 2015 Valori in migliaia Occupati nell industria % sul totale occupati Dipendenti Indipendenti Totale Agricoltura Industria Servizi Lucca ,3% 31,6% 66,5% Pistoia ,3% 30,6% 66,1% Prato % 34,6% 65,4% LU-PT-PO ,6% 32,1% 66,1% Toscana ,3% 27,0% 69,7% Fonte: ISTAT Il tasso di occupazione è al 64,6% a Prato e al 64,1% a Pistoia, mentre a Lucca è decisamente inferiore (61,4%). Il tasso di disoccupazione è all 8,9% a Prato, al 10,3% a Pistoia ed al 11,4% a Lucca. L area LU-PT-PO presenta un tasso di occupazione (63,7%) inferiore alla media regionale (64,8%) ed un tasso di disoccupazione superiore (10,3% contro il 9,2% regionale). Centro studi Confindustria Toscana Nord 9

10 Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale ,9% 64,3% 65,8% 8,0% 6,5% 7,2% ,2% 63,7% 65,9% 5,8% 6,3% 6,7% ,5% 61,7% 64,3% 7,9% 8,5% 7,0% ,8% 61,8% 66,3% 9,6% 10,5% 5,7% ,0% 60,1% 66,0% 17,4% 13,3% 9,4% ,4% 64,1% 64,6% 11,4% 10,3% 8,9% Fonte: ISTAT Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione LU-PT-PO Toscana Italia LU-PT-PO Toscana Italia ,0% 63,8% 56,9% 7,3% 6,1% 8,4% ,6% 63,6% 56,9% 6,3% 6,5% 8,4% ,6% 63,9% 56,8% 7,8% 7,8% 10,7% ,1% 63,8% 55,6% 8,8% 8,7% 12,2% ,1% 63,8% 55,7% 13,9% 10,1% 12,7% ,7% 64,8% 56,3% 10,3% 9,2% 11,9% Fonte: ISTAT Di seguito i confronti a livello regionale Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Anno 2015 Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca 69,0% 54,0% 61,4% 9,2% 14,0% 11,4% Pistoia 72,2% 56,3% 64,1% 9,0% 11,9% 10,3% Prato 71,8% 57,5% 64,6% 8,1% 10,0% 8,9% LU-PT-PO 72,1% 55,8% 63,7% 9,0% 11,9% 10,3% Siena 73,4% 60,6% 66,9% 8,7% 11,4% 9,9% Arezzo 70,5% 57,6% 64,0% 11,5% 8,7% 10,3% Firenze 71,6% 62,5% 67,0% 8,3% 7,0% 7,7% Pisa 70,1% 61,7% 65,9% 8,0% 9,1% 8,5% Grosseto 76,4% 54,9% 65,5% 6,5% 9,6% 7,8% Livorno 71,5% 55,3% 63,3% 7,9% 9,6% 8,6% Massa C. 66,5% 53,6% 60,1% 11,1% 13,9% 12,4% Toscana 71,2% 58,5% 64,8% 8,7% 9,7% 9,2% Italia 65,5% 47,2% 56,3% 11,3% 12,7% 11,9% Fonte: ISTAT 10 Centro studi Confindustria Toscana Nord

11 L industria Nel 2014 il numero di aziende industriali dell area LU-PT-PO è circa , di cui a Prato, a Lucca e a Pistoia. Il comparto prevalente è l abbigliamento (32,1% delle imprese) e sommando gli altri settori della moda (tessile con 20,7% e cuoio-calzature con 5,2%) si raggiunge la quota del 58%. Seguono i numerosi comparti del metalmeccanico che complessivamente raggiungono il 16,7%. Il valore di area è influenzato della forte presenza del comparto moda in provincia di Prato dove l 82,1% delle aziende industriali appartiene al comparto tessile abbigliamento. Segue l industria alimentare con il 9,4%, il metalmeccanico con il 6,9% ed il calzaturiero con il 5,2%. Aziende industriali nelle province - anno 2014 Più omogenea la distribuzione Lucca Pistoia Prato LU PT PO in provincia di Lucca dove il 38,2% Industrie alimentari e delle bevande delle aziende industriali Industrie tessili sono metalmec- Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce caniche (macchinari, Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli nautica, metallurgia), da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature il 18,2% sono alimentari, il 9,6% lapidee e Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta il 9,5% calzaturiere. Il comparto cartario rappresentato Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati il 4,9% delle Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche imprese industriali della provincia. Fabbricazione di prodotti della lavorazione Situazione più omogenea si trova an- di minerali non metalliferi Metallurgia Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti che in provincia di Pistoia dove il 22,9% delle Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici aziende industriali sono metalmeccaniche, il 18,3% sono Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a tessili, il 16% alimentari, il 9% calzaturiere. Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Fabbricazione di altri mezzi di trasporto Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere Recupero e preparazione per il riciclaggio Totale attività manifatturiere Fonte: INPS Per quanto riguarda gli addetti dell industria, i pesi non cambiano per la provincia di Prato mentre vengono influenzati dalla presenza di grosse aziende nei comparti cartario e metalmeccanico nelle province Centro studi Confindustria Toscana Nord 11

12 di Lucca e Pistoia. Il numero di addetti nelle aziende industriali dell area LU-PT-PO è circa , di cui a Prato, a Lucca e a Pistoia. Il comparto prevalente è l abbigliamento (21,9% delle imprese) e sommando gli altri settori della moda (tessile con 18,6% e cuoio-calzature con 6,3%) si raggiunge la quota del 46,8%. Seguono il metalmeccanico che complessivamente raggiunge il 21,4%, il cartario (10,5%) e l alimentare (6,6%). In provincia di Prato gli addetti del comparto tessile abbigliamento raggiungono l 81,4%. A Lucca il 32,5% degli addetti operano nei comparti del metalmeccanico, il 25,3% nel cartario cartotecnico e l 8,3% % Aziende industriali nelle province - anno 2014 nell alimentare. Lucca Pistoia Prato LU PT PO A Pistoia il metalmeccanico Industrie alimentari e delle bevande 18,2% 16,0% 3,5% 9,4% occupa il 30,2% degli addetti, il tessile Industrie tessili 1,9% 18,3% 29,2% 20,7% il 14,9%, l alimentare Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce 2,4% 7,2% 52,9% 32,1% l 11,1% e la fabbricazione di mobili il Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature 9,5% 9,0% 2,2% 5,2% 10,8%. Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta 5,9% 3,6% 0,5% 2,3% 4,9% 3,3% 0,2% 1,9% Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati 2,4% 2,0% 1,1% 1,6% Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali 1,3% 1,3% 0,6% 0,9% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 2,9% 2,2% 0,4% 1,4% Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 9,6% 1,4% 0,4% 2,8% Metallurgia 0,5% 0,5% 0,0% 0,2% Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti 11,5% 12,0% 2,7% 6,6% Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici 5,6% 5,5% 2,5% 3,8% Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici 0,5% 0,3% 0,1% 0,2% Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a. 3,7% 1,8% 0,7% 1,6% Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi 2,2% 0,6% 0,2% 0,8% 2,2% 1,5% 0,5% 1,1% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 0,2% 0,2% 0,1% 0,1% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 9,2% 0,5% 0,1% 2,3% Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere 5,0% 12,2% 1,7% 4,5% Recupero e preparazione per il riciclaggio 0,6% 0,8% 0,3% 0,5% Totale attività manifatturiere 100% 100% 100% 100% Fonte: INPS 12 Centro studi Confindustria Toscana Nord

13 Addetti nell industria nelle province - anno 2014 Lucca Pistoia Prato LU PT PO Industrie alimentari e delle bevande Industrie tessili Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Metallurgia Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Fabbricazione di altri mezzi di trasporto Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere Recupero e preparazione per il riciclaggio Totale attività manifatturiere Fonte: INPS % addetti nell industria nelle province - anno 2014 Lucca Pistoia Prato LU PT PO Industrie alimentari e delle bevande 8,3% 11,1% 2,7% 6,6% Industrie tessili 1,0% 14,9% 42,2% 21,9% Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce 1,7% 5,0% 39,2% 18,6% Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature 6,8% 11,8% 2,9% 6,3% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio 2,2% 2,1% 0,3% 1,4% Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta 25,3% 7,5% 0,2% 10,5% Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati 2,2% 1,0% 0,8% 1,3% Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali 7,1% 2,4% 0,8% 3,3% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 3,1% 2,1% 0,6% 1,8% Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 6,4% 0,5% 0,2% 2,4% Metallurgia 0,3% 0,4% 0,1% 0,2% Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti 9,9% 8,8% 2,8% 6,6% Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici 8,4% 4,6% 3,0% 5,2% Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici 0,6% 0,2% 0,1% 0,3% Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a. 2,7% 1,7% 1,0% 1,7% Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni 1,8% 0,4% 0,1% 0,8% Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi 1,4% 0,7% 0,4% 0,8% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 0,1% 0,1% 0,1% 0,1% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 7,3% 13,3% 0,3% 5,7% Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere 2,9% 10,8% 1,9% 4,3% Recupero e preparazione per il riciclaggio 0,5% 0,4% 0,3% 0,4% Totale attività manifatturiere 100% 100% 100% 100% Fonte: INPS Centro studi Confindustria Toscana Nord 13

14

15 Energia elettrica L analisi dei consumi energetici fornisce un quadro dell evoluzione economica e strutturale delle tre province. Nel 2014, i prelievi elettrici dell area LU-PT-PO hanno superato i 5,5 miliardi di kwh di cui oltre il 57% nella sola provincia di Lucca. Il comparto industriale rimane Prelievi di energia elettrica nel 2014 (Gwh) di gran lunga la componen- Agricoltura Industria Terziario Usi domestici Lucca 16, ,2 664,0 453,2 Pistoia 22,3 350,5 452,9 314,4 Prato 3,2 497,9 442,4 262,2 LU PT PO 42, , , ,8% % 0,8% 52,2% 28,3% 18,7% te principale del fabbisogno energetico delle tre province con oltre il 52% del totale. I valori non considerano l energia autoprodotta tramite Totale 3.164, , , ,0 100,0% Fonte: Terna impianti di cogenerazione e autoconsumata, per cui non esistono statistiche ufficiali. A livello regionale, Lucca è la seconda provincia per prelievi elettrici dopo Firenze ma, per quanto riguarda il comparto industriale occupa la prima posizione anche senza considerare l autoproduzione consumata. I prelievi elettrici in Toscana nel 2014 (in GWh) Agricoltura Industria Terziario Domestico Totale Arezzo 34,8 499,5 512,3 351, ,9 Firenze 39, , , , ,9 Grosseto 61,3 232,8 366,5 271,9 932,6 Livorno 19, ,1 572,2 378, ,7 Lucca 16, ,2 664,0 453, ,2 Massa Carrara 3,1 362,8 240,4 203,8 810,2 Pisa 21,7 780,3 579,4 443, ,5 Pistoia 22,3 350,5 452,9 314, ,1 Prato 3,2 497,9 442,4 262, ,7 Siena 62,1 353,6 505,9 294, ,2 LU PT PO 42, , , , ,0 Toscana 284, , , , ,8 Fonte: Terna Centro studi Confindustria Toscana Nord 15

16

17 Gas Nel 2014 le erogazioni di gas metano dell area LU-PT-PO hanno superato 1,33 miliardi di metri cubi, anche in questo caso destinati per il 66% alla sola provincia di Lucca. Quasi la metà (48,2%) è stato destinato a reti cittadine (usi civili e unità produttive raggiunte da rete locale) mentre il 41,3% ad usi industriali. E rilevante la quota destinata alla produzione di energia termoelettrica (12,2%), esclusivamente prelevata a Lucca. Erogazioni di gas naturale effettuate nel 2015 (milioni di metri cubi) Lucca Pistoia Prato LU PT PO % Prod. energia termoelettrica 163, ,3 12,2% Industria 429,7 19,2 62,5 551,4 41,3% Reti cittadine 276,5 178,6 189,0 644,1 48,2% Autotrazione 8,8 3,5 3,9 16,2 1,2% Totale provincia 878,3 201,3 255, ,0% Fonte: SNAM Rete Gas Centro studi Confindustria Toscana Nord 17

18

19 La qualità della vita La situazione della provincia di Lucca Pistoia e Prato che emerge dal Rapporto de Il Sole 24 Ore Qualità della vita nelle province italiane 2015 presenta generalmente valori inferiori alle province del Nord e superiori alla media del Centro. Nella classifica generale, Prato occupa la 42 a posizione (su 110 province), Lucca la 53 a e Pistoia la 56 a. Analizzando le varie voci, in base alle quali viene attribuito il punteggio finale si rileva un buon punteggio degli indicatori di carattere economico, un livello sufficiente di quelli legati alla popolazione, al lavoro, al turismo ed alla cultura, alcune criticità per l ordine pubblico. La provincia di Pra- La qualità della vita PIL procapite (2014) Patrimonio delle famiglie (2013) Imprese registrate ogni 100 abitanti (2015) Quota export su PIL (2014) Rapporto Impieghi / Depositi (2014) Rapporto tra cause nuove nel 2014 e pendenti Indice copertura banda larga (2015) Rapporto sofferenze / impieghi (2014) Imprenditori anni ogni 1000 giovani (2014) Tasso di occupazione (2014) Indice vecchiaia over64/under15 (2014) Indice sintetico Legambiente sull ecosistema urbano (2015) Numero medio di anni di studio (2014) Truffe e frodi informatiche ogni 100mila abitanti (2014) Variazione reati totali (2014/2011) Numero furti in casa denunciati ogni 100mila abitanti (2014) Numero di borseggi e scippi denunciati ogni 100mila abitanti (2014) Numero abitanti per km quadrato (2014) Rapine ogni 100mila abitanti (2014) Spesa totale turisti stranieri (mln. Euro 2015) N ristoranti e bar ogni abitanti (2015) Lucca (53 ) euro (43 )* euro (34 )* 11,01 (24 )* 35,72% (35 )* 1,36 (30 )* 37,4% (55 )* 93,63 (83 )* 18,87 (53 )* 49,48 (50 )* 57,03% (66 )* 198,50 (86 )* 48,1 (75 )* 9,22 (104 )* 252,11 (90 ) 1,06 (88 )* 698,90 (106 )* 392,40 (97 )* 217 (69 )* 53,62 (93 )* 304 (25 )* 812,0 (11 )* Pistoia (56 ) euro (56 )* euro (29 )* 11,21 (21 )* 19,59% (59 )* 1,60 (14 )* 38,1% (52 )* 94,19 (77 )* 18,48 (46 )* 58,31 (21 )* 60,15% (60 )* 189,20 (79 )* 47,5 (78 )* 9,58 (89 )* 220,16 (77 ) 0,98 (39 )* 446,14 (66 )* 214,35 (79 )* 303 (90 )* 43,08 (81 )* 82 (55 )* 643,4 (39 )* Prato (42 ) euro (39 )* euro (48 )* 13,28 (2 )* 35,53% (36 )* 1,78 (6 )* 59,4% (2 )* 99,21 (18 )* 23,10 (81 )* 75,18 (1 )* 66,02% (13 )* 150,90 (30 )* 48,1 (76 )* 9,62 (87 )* 204,36 (53 )* 1,00 (55 )* 664,46 (102 )* 453,78 (100 )* 693 (104 )* 112,26 (105 )* 23 (96 )* 515,8 (89 )* * dal 1 al 36 posto * dal 37 al 72 posto * dal 73 al 110 posto Fonte: Il Sole 24 Ore Classifica 2015 del benessere e della qualità della vita nelle province italiane Italia (110 province) euro euro 10,01 25,23% 1,17 37,22% 95,70 19,60 49,65 55,77% 173,40 51,58 9,98 209,70 1,00 399,67 205, , ,0 to, infatti, è 39 a per il PIL pro capite mentre Pistoia è 29 a per patrimonio delle famiglie. Rimane elevata anche l attività imprenditoriale in quanto Prato è 2 a per numero di imprese registrate per abitante e Lucca 35 a per rapporto esportazioni sul PIL. Prato poi occupa il 18 posto per la copertura di banda larga, Lucca il 75 per l ecosistema e Prato il 2 per la velocità della giustizia. Per quel che riguarda la popolazione, Prato è 1 per imprenditorialità giovanile, 87 per la durata degli studi e 30 per indice di vecchiaia. Le posizioni peggiori si riscontrano nell ordine pubblico dove la migliore delle tre province è Centro studi Confindustria Toscana Nord 19

20 sicuramente Pistoia (81 posto per le rapine, 66 per i furti in casa e 79 per i borseggi, 39 per la variazione dei reati dal 2011). La provincia lucchese occupa le posizioni migliori per quanto riguarda il tempo libero e il turismo (11 a per bar e ristoranti e 25 per la spesa dei turisti stranieri). La tabella seguente indica i principali valori delle province di Lucca Pistoia e Prato e in parentesi le relative posizioni in ambito nazionale. 20 Centro studi Confindustria Toscana Nord

21 Schede sintetiche delle province Centro studi Confindustria Toscana Nord 21

22

23 Lucca /2013 Imprese industria manifatturiera ,8% Addetti industria manifatturiera ,0% Addetti medi 10,8 11,3 +4,0% Fonte: INPS /2014 Esportazioni (a) 3,51 3,96 +12,7% Importazioni (b) 1,76 1,99 +12,5% Saldo commerciale (a-b) 1,75 1,97 +13,0% Depositi bancari 7,91 8,10 +2,4% Impieghi bancari 10,73 11,02 +2,7% Valori in miliardi di Fonte: ISTAT, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 17,4% 11,4% Tasso di occupazione (15-64 anni) 57,0% 61,4% Fonte: ISTAT Ore autorizzate di CIG /2014 Ordinaria ,2% Straordinaria ,4% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 35 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 9,47 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 2,68 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 247 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord 23

24 Pistoia /2013 Imprese industria manifatturiera ,3% Addetti industria manifatturiera ,4% Addetti medi 8,9 9,1 +2,1% Fonte: INPS /2014 Esportazioni (a) 1,28 1,28 +2,4% Importazioni (b) 0,77 0,87 +12,0% Saldo commerciale (a-b) 0,48 0,41-13,3% Depositi bancari 5,21 5,36 +2,9% Impieghi bancari 8,33 8,48 +1,8% Valori in miliardi di Fonte: ISTAT, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 13,3% 10,3% Tasso di occupazione (15-64 anni) 60,1% 64,1% Fonte: ISTAT Ore autorizzate di CIG /2014 Ordinaria ,9% Straordinaria ,7% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 22 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 6,56 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 1,41 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 171 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord

25 Prato /2013 Imprese industria manifatturiera ,5% Addetti industria manifatturiera ,1% Addetti medi 5,4 5,9 +7,8% Fonte: INPS /2014 Esportazioni (a) 2,30 2,42 +5,9% Importazioni (b) 1,71 1,92 +12,6% Saldo commerciale (a-b) 0,59 0,50-15,7% Depositi bancari 4,83 5,10 +5,6% Impieghi bancari 8,58 8,64 +0,7% Valori in miliardi di Fonte: ISTAT, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 9,4% 8,9% Tasso di occupazione (15-64 anni) 66,0% 64,6% Fonte: ISTAT Ore autorizzate di CIG /2014 Ordinaria ,8% Straordinaria ,6% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 7 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 6,40 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 1,84 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 114 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord 25

26 Lucca, Pistoia e Prato /2013 Imprese industria manifatturiera ,9% Addetti industria manifatturiera ,6% Addetti medi 7,4 7,8 +4,6% Fonte: INPS /2014 Esportazioni (a) 7,07 7,67 +8,5% Importazioni (b) 4,25 4,78 +12,5% Saldo commerciale (a-b) 2,82 2,89 +2,5% Depositi bancari 17,95 18,56 +3,4% Impieghi bancari 27,64 28,14 +1,8% Valori in miliardi di Fonte: ISTAT, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 13,9% 10,3% Tasso di occupazione (15-64 anni) 61,1% 63,7% Fonte: ISTAT Ore autorizzate di CIG /2014 Ordinaria ,3% Straordinaria ,0% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 64 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 22,43 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 5,93 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 532 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord

27

28

Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato Dati strutturali Aspetti strutturali dell industria n. 14 Giugno 2017 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap 51100 tel. 0573 99171 Lucca, piazza Bernardini 41 cap 55100

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Toscana Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Marzo 2017) - 1 - Dal 4 maggio 2009 al 3 Marzo 2017 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.640 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Novembre 2016) Dal 4 maggio 2009 al 3 Novembre 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.381 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Dati disponibili a luglio 2016 Regione Marche P.F. Sistema Informativo Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica

Dettagli

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Sintesi Statistica 1 Semestre 2013 In questa sintesi vengono riportati i dati afferenti le procedure di Cassa Integrazione

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2011 febbraio 2012 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2010 febbraio 2011 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Anno 2016 Regione Marche P.F. Performance e Sistema Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica demografica

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Trento Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Abruzzo Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 luglio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2013 febbraio 2014 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al di Calenzano- e, unità locali per sezione di attività economica, al 31.12.2014 UNITA' LOCALI ATTIVE IMPRESE Registrate Attive AGRICOLTURA INDUSTRIA ALTRE ATTIVITA' NON CLASSIFICATE TOTALE 2301 1930 81

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 I trimestre aprile 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE 2010 Popolazione residente per sesso nella provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia 01.01.2010 Maschi Femmine Totale v.a % v.a. % v.a. Reggio Emilia

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 III trimestre novembre 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sicilia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Rapporto annuale regionale

Rapporto annuale regionale Rapporto annuale regionale 2014 - Sicilia Appendice statistica Dati rilevati al 31 ottobre 2015 Sommario Tabelle regionali con cadenza semestrale relative agli infortuni 1 Tabelle regionali con cadenza

Dettagli

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI Commercio ingrosso e dettaglio Attività artigianali non assimilabili alle precedenti(carrozzerie, riparazione veicoli, lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri, ecc.) RISCHIO BASSO G G COMMERCIO

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 maggio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Emilia-Romagna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 novembre 2016 Inail - Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... EUROSTAT. http://europa. eu.int/comm/eurostat. IMF. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità nuova versione del sito professionioccupazione.isfol.it prima edizione Audit sui fabbisogni professionali

Dettagli

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2014 II trimestre agosto 2014 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Anno 2016 IV trimestre febbraio 2017 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre Avviamenti e cessazioni effettuati da aziende con sede in provincia di Varese Anno 2015 IV trimestre marzo 2016 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2009 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ per legge di riferimento pag. 1 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA Le aziende

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO POPOLAZIONE RESIDENTE LAVORO POPOLAZIONE ATTIVA. (dati in migliaia)

PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO POPOLAZIONE RESIDENTE LAVORO POPOLAZIONE ATTIVA. (dati in migliaia) PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO Montagna 18,9% SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna...... Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Pianura 58,2% Collina 22,9% POPOLAZIONE

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura,

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, 253 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 15 22 - Industrie alimentari e delle bevande 3 11 Industrie tessili 1 - Confezione di articoli di vestiario; preparazione e tinture di pellicce

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere) attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 16 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili 1 Confezione di articoli

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere) 213 attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 18 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili - Confezione di

Dettagli

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 Qualche cenno sulla fase attuale 1. La gravità della crisi 1867-72 1930-36 2008-14

Dettagli

La Toscana oltre la crisi

La Toscana oltre la crisi La Toscana oltre la crisi Stefano Casini Benvenuti Firenze, 3 febbraio 2014 Recessioni a confronto: dall Unità d Italia Durata complessiva Anni di recessione in senso stretto Caduta del PIL (punti percentuali)

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE L'indagine sul Sistema dei Conti delle imprese (SCI) condotta dall'istat, già indagine sul prodotto lordo, fornisce informazioni per settore di attività economica sui principali

Dettagli

ABRUZZO ITALIA

ABRUZZO ITALIA DATI STATISTICI 1 POPOLAZIONE RESIDENTE (dati ISTAT 2015) Popolazione 0-14 anni 15-29 anni 30-64 anni > 65 anni ABRUZZO: 1.331.574 ab. 170.929 203.652 655.902 301.091 L Aquila: 304.884 ab. 37.056 46.694

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 70,00 60,00 RAPPORTO PERCENTUALE SPESE PER IL PERSONALE FATTURATO - ANNI 1998-2001 50,00 40,00 % 30,00 20,00 10,00 Fonte: ISTAT 0,00 1998 1999 2000 2001 Totale Industria

Dettagli

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011)

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) ANALISI DATI ISTAT RELATIVI AL NUMERO DI IMPRESE CON SEDE NEL TERRITORIO COMUNALE rilevazione al 31/12/2011

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze 1 Questo rapporto esce a cura della Direzione Politiche del Lavoro della Provincia di Firenze, si ringrazia: Dr. Daniele

Dettagli

Imprese Roma Capitale

Imprese Roma Capitale 500.000 400.000 Stock di Unità Locali registrate di imprese 421.115 432.125 300.000 Unità Locali registrate +2,6% vs 2015 Unità Locali attive +5,1% vs 2015 200.000 100.000 0 500.000 400.000 300.000 2015

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi all' 8 Settembre 2014) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10 Politiche attive erogate ai lavoratori con Ammortizzatori sociali in Deroga

Dettagli

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 20 Bologna,

Dettagli

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale Gli aspetti classificatori e di definizione 1971 1981 1991 Quadro di ragguaglio tre le classificazioni ATECO per gli anni 1971, 1981 e 1991 per la manifatturiera. Fonte: Istat 3 - Industrie manifatturiere

Dettagli

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività Industrie alimentari e delle bevande Produzione, lavorazione e conservazione di carne e di prodotti a base di carne 1 Lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi 2 Produzione di oli e grassi vegetali

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi al 3 Luglio 2014) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10 Politiche attive erogate ai lavoratori con Ammortizzatori sociali in Deroga pag.

Dettagli

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione STATISTICHE IN BREVE Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni 2007-2010 La struttura delle imprese e dell occupazione Nel 2010, secondo l ATECO 2007, le imprese attive nell industria e nei

Dettagli

OPPORTUNITÀ E SVILUPPO POSSIBILE NEL SUD DELLA TOSCANA. Stefano Casini Benvenuti

OPPORTUNITÀ E SVILUPPO POSSIBILE NEL SUD DELLA TOSCANA. Stefano Casini Benvenuti OPPORTUNITÀ E SVILUPPO POSSIBILE NEL SUD DELLA TOSCANA Stefano Casini Benvenuti Follonica, 18 gennaio 2016 Quale sud della Toscana Quale sud della Toscana Montepulciano Piombino Follonica Montalcino Castel

Dettagli

L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi

L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi ISO 9001:2008 UNITA OPERATIVE: PIAZZA BORSA 3/B - 31100 TREVISO VIA PARRILLA, 3-31015 CONEGLIANO L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi

Dettagli

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Nel 2011 il prodotto interno lordo della Repubblica Dominicana ha raggiunto i 55,61 miliardi di dollari registrando una crescita del 4.5% rispetto ai valori

Dettagli

CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA

CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA CONFERENZA DI FINE ANNO CRISI E RISTRUTTURAZIONE DELL ECONOMIA TOSCANA Stefano Casini Benvenuti IRPET Lunedì 14 dicembre - ore 10,00 Sala Verde - Palazzo dei Congressi La parola crisi domina nelle pagine

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 7 Marzo 2016) - 1 - Dal 4 maggio 2009 al 7 Marzo 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 79.995 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI C e n t RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI r o S Settembre 2017 t u d i Esportazioni delle regioni italiane gennaio-giugno (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi dati al 25 Novembre 2015) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10-2 - CIG in Deroga: Dal 4 maggio 2009 al 25 Novembre 2015 sono pervenute

Dettagli

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE Imprese attive in provincia con ADDETTI Aggiornamento a marzo 2013 2013 Sistema informativo

Dettagli

Pordenone e i Comuni limitrofi. Popolazione residente

Pordenone e i Comuni limitrofi. Popolazione residente Pordenone e i Comuni limitrofi. Popolazione residente e territorio. 2001-2013 COMUNE 2001 2003 2005 2007 2009 2011* 2013 var. % 2013/2001 superficie territorio comunale (kmq) densità abit. (ab/kmq) Azzano

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L imprenditoria femminile in Liguria conta 36.170 imprese a fine 2014 e il suo peso sull intero tessuto imprenditoriale è pari al 22,1%, superiore di mezzo punto percentuale

Dettagli

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Infocamere. Brescia, marzo 2017 LE IMPRESE

Dettagli

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Tabella 1 Popolazione residente nei quartieri di Napoli Est Popolazione residente - TOTALE 25.256 54.097 38.182 25.361

Dettagli

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017 Osservatorio PMI Innovative 1 Report luglio 2017 Analisi delle PMI Innovative iscritte al registro delle imprese 30.06.2017 Premessa L analisi è relativa all elenco di PMI innovative pubblicato dal Ministero

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2014 si registrano, nella provincia di Brindisi, 860 iscrizioni di imprese giovanili 1 a fronte di 428 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo

Dettagli

Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010)

Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010) Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010) Dal 4 maggio 2009 al 27 maggio 2010 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 13.400 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

La struttura produttiva ed il territorio di Lucca. Anno 2011

La struttura produttiva ed il territorio di Lucca. Anno 2011 La struttura produttiva ed il territorio di Lucca Anno 2011 80 70 66,3 67,6 68 71,6 73,5 73,2 60 50 40 30 32,1 30,2 28,7 27,5 24,6 24,9 20 10 0 1,6 2,2 3,3 Lucca Toscana Italia 0,9 1,9 1,9 Lucca Toscana

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI 8 CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI Nel 2005, in termini reali, il PIL ha avuto una crescita, a livello nazionale, pari allo zero (rispetto all'anno precedente), La staticità del PIL a livello

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06 PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna......Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Fonte: Istat Pianura 58,2% Montagna 18,9% Collina

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Provincia di Pesaro e Urbino - Servizio Formaz. Prof.le e Politiche del Lavoro Ufficio Mercato del lavoro 1.2.5.3 1 Pop. Residente Pop.

Dettagli

La lenta crescita RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO. L inquadramento macro 01/04/2014. Simone Bertini. 28 marzo 2014

La lenta crescita RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO. L inquadramento macro 01/04/2014. Simone Bertini. 28 marzo 2014 // RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO L inquadramento macro Simone Bertini Firenze marzo La lenta crescita Variazione percentuale del PIL. Prezzi costanti. Italia - - - - - 97 97 97 973 97 97 97 977 97

Dettagli

Economia e lavoro. OPS Provincia di Livorno Dossier statistico 2004

Economia e lavoro. OPS Provincia di Livorno Dossier statistico 2004 221 8 Economia e lavoro OPS Provincia di Livorno Dossier statistico 2004 222 8.1 Indicatori sul lavoro Tabella 8.1: Evoluzione del tasso di attività 44 totale 1996-2002 per provincia Provincia 1996 1997

Dettagli

IMPRESE CANCELLATE E ISCRITTE NEL COMUNE DI CESENA DA GIUGNO 2010 A DICEMBRE 2011

IMPRESE CANCELLATE E ISCRITTE NEL COMUNE DI CESENA DA GIUGNO 2010 A DICEMBRE 2011 COMUNE DI CESENA STAFF DIREZIONE GENERALE Servizio SIT-STATISTICA-Toponomastica CORSO COMANDINI, 7-471 - CESENA (FC) TEL. +39 47 368131 - FAX +39 47 36813 e-mail: statistica@comune.cesena.fc.it sito: http://www.comune.cesena.fc.it/statistica

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LAZIO Tavole statistiche Risultati del III trimestre 2015 e previsioni per il IV trimestre 2015 REGIONE LAZIO Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2

Dettagli

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI MAPPATURA DELLE IMPRESE INNOVATIVE (sulla base dell indagine CIS-ISTAT):

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 204: aggiornamento al 30/04/204 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering su base dati Inail DATI INAIL NAZIONALI

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31//2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 201: aggiornamento al 30//201 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/4/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/4/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 07: aggiornamento al 30//07 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/7/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera

CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera Incontro con i media e gli operatori del settore, per la presentazione della prima indagine economica Milano, martedì 6 febbraio 2007 ore

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo 2015-2019 il valore aggiunto regionale

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane. DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009

Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane. DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009 Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009 IL NUMERO DELLE IMPRESE ARTIGIANE REGIONE SARDEGNA:

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA Indagine congiunturale REGIONE SICILIA INDUSTRIA MANIFATTURIERA Tavole statistiche Imprese fino a 9 dipendenti Imprese da 10 a 49 dipendenti Imprese oltre

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Per saperne di più... ISTAT. Banche dati e sistemi informativi. Roma. http://www.istat.it. Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso

Dettagli

ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI

ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO ANALISI DATI 211 Lo scorso 26/11/13 ISTAT ha diffuso i risultati a livello comunale del Censimento dell Industria e dei Servizi 211 relativi

Dettagli

Persone in cerca di impiego Disoccupati. effettivi var. 2 effettivi var. 2 var. var. in punti

Persone in cerca di impiego Disoccupati. effettivi var. 2 effettivi var. 2 var. var. in punti Tabella 1 Persone in cerca di impiego, disoccupati e tasso di disoccupazione Situazione in Ticino ed in Svizzera dal 1995 Dati li (media mensile) e dati mensili TICINO SVIZZERA Persone in cerca di impiego

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 CE.S.I.L. RE Centro Studi Infortuni sul lavoro Reggio Emilia, 2//2016 Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro a cura del Centro Studi Infortuni sul Lavoro di Conflavoro Pmi Reggio Emilia

Dettagli