Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie"

Transcript

1 Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Giuseppe Lusignani Università degli Studi di Bologna Padova, 22 ottobre 2010 Centro Convegni Sec Servizi

2 agenda 1 portafoglio di attività finanziarie delle famiglie 2 le tendenze per i prossimi anni 3 consulenza e decisioni finanziarie delle famiglie 4 il quadro normativo: possibili evoluzioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

3 Il portafoglio di attività finanziarie delle famiglie in Italia (in % del totale) mar-10 attività liquide di cui a vista titoli di debito pubblici istituzioni finanziarie e monetarie azioni e partecipazioni AUM fondi comuni assicurazioni vita fondi pensione altro* totale att. fin. (miliardi di ) in % del Pil (*) incluso TFR Fonte: Banca d Italia (Conti Finanziari), elaborazioni prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

4 Il portafoglio delle famiglie nei principali paesi europei e in USA (in % del totale, mar-10) IT FR DE ES UK USA attività liquide di cui a vista titoli di debito pubblici n.d istituzioni finanziarie e monetarie n.d n.d. azioni e partecipazioni quotate n.d AUM fondi comuni assicurazioni vita fondi pensione altro* (*) per l Italia, incluso TFR; ( ) dati 2007; i titoli pubblici comprendono quelli privati diversi da quelli emessi da IFM. Fonte: elaborazioni prometeia su dati Banche Centrali (Conti Finanziari) Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

5 Investimenti delle famiglie orientati prevalentemente dal canale bancario intermediazione delle attività finanziarie delle famiglie per canale distributivo composizione % degli strumenti finanziari distribuiti alle famiglie (dic-09) comp.% sportelli bancari % sportelli postali % reti di promotori canale agenziale sportelli bancari reti di promotori liquidità titoli di debito azioni fondi comuni riserve vita Fonte: stime Prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

6 le cui politiche di offerta sono state guidate dalle esigenze del ciclo dell intermediazione intermediazione bancaria e mercato del risparmio gestito (flussi) MILIARDI DI EURO '01-'05 '06-'07 '08 '09 giu-10 impieghi dep. + obbl. bancarie polizze vita* fondi comuni (*) raccolta netta comprese cross border, stime prometeia; ( ) al netto di duplicazioni, compresa una stima dei fondi esteri di esteri Fonte: elaborazioni e stime prometeia su dati Banca d Italia, CDP, Isvap, Ania e Assogestioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

7 Il ruolo delle cartolarizzazioni volumi di impieghi cartolarizzati volumi di impieghi cartolarizzati per tipologia - banche MILIARDI DI EURO MILIARDI DI EURO ott-10 banche non banche ott-10 Covered Bond PLs/CCs RMBSs LRs CBO fonte: elaborazioni prometeia su dati securitisation.it Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

8 Fondi comuni domanda retail debole MILIARDI DI EURO flussi investiti dalle famiglie in fondi comuni Fondi comuni in % delle attività fin ' ' Italia Germania Francia % 7.4% 13.4% % 11.6% 11.3% mar % 12.0% 7.4% Fonte: Banche Centrali Nazionali (Conti Finanziari), elaborazioni prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

9 Fondi comuni penalizzata dalle politiche di offerta dei primi 5 gruppi di gestione raccolta netta dei primi cinque gruppi di gestione e del mercato dei fondi comuni di investimento primi 5 gruppi mercato primi 5 gruppi mercato totale di cui obbligazionari MLD DI EURO Fonte: stime ed elaborazioni prometeia su dati Assogestioni (dati al lordo dei fondi di fondi) Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

10 Fondi comuni che ha ridimensionato l industria italiana, dove la domanda istituzionale è poco sviluppata settori detentori dei fondi comuni nei principali paesi europei COMPOSIZIONE % altri ass.ni e FP famiglie '95 set- 09 '95 set- 09 '95 set- 09 '95 set- 09 FCI* in % del Pil (set-09) delta % del pil set-09/2000 IT DE FR UK (*) per ogni paese, compresi i fondi prodotti in Lussemburgo e in Irlanda; per la Germania, compresi non ucits, particolarmente significativi nel mercato tedesco +28 pp Fonte: Banche Centrali Nazionali (Conti Finanziari), elaborazioni Prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre pp +7.1 pp pp

11 La contrazione dei fondi comuni è dovuta anche ad alcune caratteristiche peculiari del mercato italiano fino al 2007, riduzione della componente dei fondi obbligazionari tradizionali, con una attivazione dell offerta nell ultimo biennio verso strumenti meno diffusi finora nel mercato italiano (corporate high yield, internazionali, paesi emergenti, ) difficoltà a ricostruire le consistenze del patrimonio in gestione verso prodotti azionari e bilanciati come investimenti di lungo periodo concentrazione dell offerta al mercato retail sui prodotti flessibili Composizione degli stock di fondi comuni per asset class Italia Europa (in % del totale*) giu-10 giu-10^ azionari bilanciati/misti obbligazionari monetari altri hedge (*) totale al netto di duplicazioni, compresi fondi esteri di operatori esteri; (^) al lordo dei fondi di fondi; ( ) per l Italia, principalmente fondi flessibili; per l Europa, comprende i fondi di fondi Fonte: Efama, Assogestioni e Banca d Italia, elaborazioni e stime Prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

12 agenda portafoglio di attività finanziarie delle famiglie 2 le tendenze per i prossimi anni consulenza e decisioni finanziarie delle famiglie il quadro normativo: possibili evoluzioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

13 Tendenze margini unitari sui servizi di gestione del risparmio strutturalmente più favorevoli servizi di gestione della liquidità servizi di gestione del risparmio VALORI % '13 VALORI % '13 margini unitari c/c famiglie incassi e pagamenti fondi netti gpf gpm nette assicurazioni fonte: stime e previsioni prometeia su dati Banca d Italia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

14 Tendenze possibile un progressivo recupero delle masse gestite potenzialità di allungamento orizzonte di investimento della clientela coperture assicurative e pensionistiche ancora insufficienti mercati finanziari più stabili mutate condizioni di convenienza dell offerta obbligazionaria retail (anche per effetto L3 Consob) evoluzione degli stock di risparmio gestito 30 ricomposizione attività finanziarie delle famiglie VALORI % riserve tecniche vita attività finanz. famiglie risp.gest. canale bancario fonte: previsioni prometeia su dati Banca d Italia e Assogestioni delta 2010-' delta 2013-'10 attività liquide titoli fondi comuni azioni e part assic.ni e fp altro Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

15 con una crescita della redditività del comparto a ritmi meno intensi rispetto al passato, ma più stabile VALORI % ricavi da gestione del risparmio/ m. intermediazione '11-13 VALORI % dinamica m. interesse e ricavi da gestione del risparmio '11-13 risparmio gestito attività in titoli assicurazioni margine di interesse gestione del risparmio fonte: previsioni prometeia su dati Banca d Italia e Assogestioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

16 agenda portafoglio di attività finanziarie delle famiglie le tendenze per i prossimi anni 3 consulenza e decisioni finanziarie delle famiglie il quadro normativo: possibili evoluzioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

17 Quale ruolo oggi per la consulenza in Italia? i portafogli finanziari delle famiglie in Italia si caratterizzano, nel confronto europeo, per la quota più elevata di titoli detenuti direttamente a fronte di un peso più contenuto di strumenti di risparmio gestito tali andamenti si sono in parte rafforzati con la crisi finanziaria, che ha avuto un impatto molto rilevante sulle scelte di allocazione della ricchezza finanziaria delle famiglie la consulenza potrebbe aiutare le famiglie a riposizionarsi su portafogli più rischiosi? le evidenze sul caso italiano indicano che solo il 20% delle famiglie riceve un servizio di consulenza, con una maggiore diffusione tra le famiglie più ricche le famiglie che ricevono servizi di consulenza hanno un portafoglio più diversificato, meno concentrato su depositi e titoli di Stato e con più prodotti di risparmio gestito distribuzione degli investitori retail in funzione della ricchezza e del servizio di consulenza VALORI % tasso di partecipazione al mercato finanziario in funzione del servizio di consulenza ricevuto nessuna consulenza consulenza passiva consulenza generica consulenza attiva media bassa mediobassa media alta campione ricchezza VAL % consulenza attiva consulenza generica famiglie che detengono strumenti finanziari rischiosi consulenza passiva nessuna consulenza famiglie che detengono solo depositi e titoli di Stato fonte: Gentile e Siciliano (2009), Le scelte di portafoglio degli investitori retail e il ruolo dei servizi di consulenza finanziaria, Consob, Quaderni di Finanza n.64 Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

18 FOCUS: le decisioni finanziarie delle famiglie: un analisi su dati micro (1) Analisi dei portafogli delle famiglie italiane con dati microeconomici, (cap. 11, Rapporto di previsione ottobre 2010, Prometeia) Si analizzano le decisioni di investimento di un campione di famiglie di cui si esaminano i Bilanci per il periodo (indagine Banca d Italia); Per analizzare l esposizione finanziaria delle famiglie sono stati creati 3 portafogli sulla base della quota di attività rischiose sul totale delle attività finanziarie: portafoglio monetario : attività rischiose = 0 & attività sicure > 80% portafoglio azionario : attività rischiose >= 60% portafoglio misto : a residuo (attività rischiose < 60% e gli esclusi dal portafoglio monetario) Definizioni attività sicure = contanti, depositi, certificati di deposito, pronti contro termine, buoni fruttiferi postali attività rischiose = obbligazioni, fondi comuni, azioni, quote di srl e società di persone, gestioni patrimoniali, titoli esteri, prestiti a coop Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

19 FOCUS: le decisioni finanziarie delle famiglie: un analisi su dati micro (2) Scelte di portafoglio per anno Scelte di portafoglio per età Scelte di portafoglio per quartili di reddito VALORI % VALORI % <= > VALORI % quartile 2 quartile 3 quartile 4 quartile monetario misto azionario (asse dx) monetario misto azionario (asse dx) monetario misto azionario La grande maggioranza delle famiglie investe nel portafoglio monetario: 69.1 percento in media Investimenti nel portafoglio azionario calati di 2.4 punti percentuali tra il 2006 e il 2008 (primi segnali della crisi) I più giovani (<35) e i più anziani (>70) sono i più avversi al rischio L investimento in prodotti più rischiosi (portafoglio azionario) è positivamente correlato al reddito Fonte: Rapporto di Previsione ottobre 2010, Prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

20 FOCUS: le decisioni finanziarie delle famiglie: un analisi su dati micro (3) 26.8 per cento di cambiamenti Le classi di età più dinamiche sono quelle tra i 46 e i 65 anni, mentre gli ultra 70enni hanno un comportamento simile a quello della classe di età inferiore ai 35 anni in termini di tipologia di spostamenti, la classe dei più giovani è quella che mostra la maggiore mobilità verso portafogli più rischiosi, mentre l opposto vale per le famiglie con capifamiglia oltre i 56 anni Rispetto al reddito, le famiglie appartenenti al IV quartile sono le più mobili (39.4 per cento) maggiori spostamenti verso forme di investimento più rischiose nel IV quartile (52.7 per cento, contro il 45.8 del I quartile) Definizione: decisione di investimento = comportamento osservato a partire dal secondo anno di presenza delle famiglie nel campione anno % cambi sul totale % cambi vs forme più rischiose sesso donne uomini età <= > reddito 1 quartile quartile quartile quartile totale Fonte: Rapporto di Previsione ottobre 2010, Prometeia Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

21 FOCUS: le decisioni finanziarie delle famiglie: un analisi su dati micro (4) campione completo età *** *** età *** *** *** età *** *** *** età *** *** *** età > *** *** *** uomo *** *** medie inferiori *** *** *** medie superiori *** *** *** laurea o oltre *** *** *** impiegato *** *** *** dirigente *** *** autonomo *** *** *** condiz. non professionale *** ** *** coniugato *** * celibe/nubile *** * quart. reddito *** 3 quart. reddito *** 4 quart. reddito *** dummy di anno inserite inserite inserite Numero di osservazioni Pseudo R-squared Livelli di significatività: 1% (***), 5% (**), 10% (*) I quartile IV quartile I coefficienti stimati (sono probabilità) sono crescenti con l età, ma decrescono per la classe degli ultra 70enni il disinvestimento dalle attività più rischiose che si rileva dall analisi descrittiva non è così marcato il ruolo dell età nello spiegare le scelte di portafoglio potrebbe essere in parte assorbito da reddito e grado di istruzione Stima su due sottogruppi in base alla distribuzione del reddito: il disinvestimento nella classe di età più elevata è più marcato per redditi più bassi (I quartile) rispetto al totale delle famiglie nel IV quartile non si osserva una riduzione della probabilità di detenere portafogli più rischiosi Fonte: Rapporto di Previsione ottobre 2010, Prometeia gli effetti età sono più forti per la parte bassa della distribuzione del reddito Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

22 agenda portafoglio di attività finanziarie delle famiglie le tendenze per i prossimi anni consulenza e decisioni finanziarie delle famiglie 4 il quadro normativo: possibili evoluzioni Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

23 Tendenze quadro normativo più complesso MiFID e disposizioni di Livello 3 della Consob consulenza come vero e proprio servizio di investimento accompagnato da un più elevato livello di tutela dell investitore modifica della convenienza al collocamento dei diversi strumenti finanziari, con riflessi sulle strategie distributive, dei prodotti e delle strutture di prezzo disposizioni della Banca d Italia in tema di servizi bancari, volte a favorire la comprensibilità dei documenti e la confrontabilità delle offerte trasparenza istituzione dell Arbitro Bancario Finanziario disposizioni della Banca d Italia in tema di poteri di direzione e coordinamento della capogruppo di un gruppo bancario nei confronti delle società di gestione del risparmio del gruppo maggiore equilibrio tra azioni capogruppo e salvaguardia del valore della società di gestione Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

24 Tendenze con focalizzazione sulla trasparenza e la tutela degli interessi dell investitore UCITS IV ampliamento della nozione di passaporto europeo e introduzione delle cosiddette strutture master-feeder, che semplifica e rende meno onerosa l offerta transnazionale dei prodotti sul territorio europeo Prospetto informativo Documento di consultazione sul prospetto per l offerta al pubblico dei prodotti finanziari non azionari, volto a creare un framework standard di informazioni da fornire riguardo ai diversi tipi di prodotti finanziari Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

25 Tendenze il ruolo crescente della consulenza (1) Indicazioni interessanti vengono dall Inghilterra che, nel panorama europeo, vanta uno sviluppo importante dei servizi di consulenza, in particolare di tipo indipendente FSA ha approvato a inizio 2010 un regolamento RDR (Retail Distribution Review), che entrerà in vigore a fine 2012 contenente importanti novità in tema di consulenza e modalità di remunerazione della stessa, introducendo un regime di tutela dell investitore più stringente rispetto a quello della MiFID nella consulenza prestata sui prodotti di investimento retail distinzione di 3 tipologie di consulenza (indipendent, restricted, simplified), a seconda dell ampiezza e profondità della gamma prodotti introduzione, per tutte e tre le tipologie di consulenza individuate, dell adviser charging, ovvero di un sistema autonomo di remunerazione del servizio l FSA ritiene infatti che le attuali pratiche che prevedono il pagamento di una commissione dal produttore al distributore generano il rischio di un conflitto di interesse che può andare a danno dell investitore Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

26 Tendenze il ruolo crescente della consulenza (2) Consob-MiFID FSA Consulenza base o Consulenza Indipendent Restricted Simplified ristretta indipendente advice advice advice process Abbinamento ai servizi Nessuna abbinamento ai Analisi esaustiva Gamma prodotti ristretta, Collocamento esecutivi servizi esecutivi mercato rilevante anche solo quelli della casa assistito di Gamma prodotti ristretta Ampia gamma prodotti Ampia gamma Vi rientrano banche tradizio- prodotti semplici prodotti* nali, tied e multi-tied agent Remunerazione non autonoma Incentivi dalle società prodotto Remunerazione autonoma Nessun incentivo da società prodotto Remunerazione autonoma del servizio Standard per ridurre il rischio che remunerazione possa influenzare le raccomandazioni: fee omogenee per tipologia prodotto/ prodotti succedanei, coerenza struttura fee-durata investimento Nessun incentivo dalle società prodotto (*) sia per tipologia di prodotto che per fabbrica prodotto Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Giuseppe Lusignani 22 ottobre

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Gli scenari della consulenza finanziaria e

Gli scenari della consulenza finanziaria e Gli scenari della consulenza finanziaria e del risparmio gestito La consulenza finanziaria nella prospettiva della Mfid2 Roma 2 ottobre 2014 Chiara Fornasari agenda 1 lo scenario 2 evoluzione dell offerta

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE DEI FONDI COMUNI

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE DEI FONDI COMUNI MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE DEI FONDI COMUNI Alessandro Rota Riccardo Morassut Quaderno di ricerca 2 / 2015 INDICE Introduzione 3 1. Gestori e distributori 7 2. Il modello distributivo nella prospettiva

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi?

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi? InvestiþerFondi identifica l offerta integrata di prodotti di gestione collettiva del risparmio del Credito Cooperativo proposta dalle BCC e Casse Rurali. Posso creare le basi per una vita serena investendo

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo

Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo Università Bocconi 27 marzo 2014 Teresa Lapolla Responsabile statistiche Riccardo Morassut Ufficio Studi Alessandra Russo Settore

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Presentazione del Quaderno di ricerca

Presentazione del Quaderno di ricerca Presentazione del Quaderno di ricerca CARATTERISTICHE DELLA CLIENTELA STRUTTURA DELLA DOMANDA SCELTE ALLOCATIVE Banca Dati Sottoscrittori Contenuto S A P... 28 Società di gestione (2010). La maggior parte

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Presentato l Osservatorio GfK Eurisko Prometeia al Salone della Gestione del Risparmio

Presentato l Osservatorio GfK Eurisko Prometeia al Salone della Gestione del Risparmio Presentato l Osservatorio GfK Eurisko Prometeia al Salone della Gestione del Risparmio Il 21 aprile 1 all interno del Primo Salone del Risparmio Gestito organizzato presso Palazzo Mezzanotte, è stata presentata

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Luigi Di Falco Responsabile Servizio Vita e Welfare Le assicurazioni vita In un contesto di ricchezza delle famiglie italiane stabile, cresce la quota in assicurazioni vita

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

ANIMA. Idee di investimento

ANIMA. Idee di investimento ANIMA Idee di investimento ANIMA Evoluzione degli Asset in gestione Asset under Management Miliardi di Euro, Dati a fine periodo 35,0 40,7 46,6 57,1 63,9 2011 2012 2013 2014 2015 agosto Fonte: ANIMA -

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1

Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Emilio Barucci Dipartimento di Matematica Politecnico di Milano emilio.barucci@polimi.it 1 La stesura del rapporto ha tratto giovamento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali 4 ottobre 2011 consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: itinerari previdenziali le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio possibile? a che punto

Dettagli

Emilio Barucci. Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia. Assogestioni. Working Paper 2007/1

Emilio Barucci. Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia. Assogestioni. Working Paper 2007/1 Emilio Barucci Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia Assogestioni Working Paper 2007/1 Emilio Barucci Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Indice

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità di Daniela Percoco Pubblicato ne Il Settimanale n. 41 09/11/2013 127 miliardi di Euro, oltre l 8% del PIL italiano: questa la stima

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte. Piene e rapide non sono un ostacolo da sottovalutare,

Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte. Piene e rapide non sono un ostacolo da sottovalutare, Sono tante le strade che dal punto A ti permettono di arrivare a B Se ad esempio devi attraversare un fiume puoi farlo a nuoto, Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte Piene e rapide non

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Il punto di vista dell asset manager Michele Boccia Responsabile Clientela Istituzionale Eurizon Capital SGR Milano,

Dettagli

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria La finanza d impresa in Italia: banche e mercato Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Perugia, 16 aprile 2015 Traccia dell intervento Punti di debolezza della struttura finanziaria

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/ del 9/4/ Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. L

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre La struttura finanziaria dell economia economia di Daniele Previati Ricordiamo le relazioni tra sviluppo economia reale e sistema finanziario Economia di baratto..moneta...economia monetaria. separazione

Dettagli

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Roberto Casanova Milano, 24 maggio 2012 Solvency II: i passi da compiere per definire e gestire

Dettagli

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 22 aprile Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 2007: l Anno del Cambiamento L introduzione di nuove norme ha comportato nuove sfide: Attuazione della riforma della previdenza integrativa Restrizione

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 1 1 3 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 La dinamica degli impieghi bancari verso società non finanziarie mostra

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

Cedolarmente. Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente.

Cedolarmente. Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente. Cedolarmente Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA 1 Riferimenti bibliografici Capitolo 12 e capitolo 15 (parti iniziali) 2 I BISOGNI FINANZIARI DEGLI OPERATORI finanziamento investimento consulenza Gestione rischi Il

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Workshop di presentazione dell attività dei Laboratori di ricerca

Workshop di presentazione dell attività dei Laboratori di ricerca Workshop di presentazione dell attività dei Laboratori di ricerca DOMANDA E OFFERTA DI CREDITO NELLA CRISI FINANZIARIA Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli