DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 7 settembre Sala Convegni Odcec-Milano

2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Aspetti generali

3 Tipologia delle dichiarazioni Presentazione in termini (es.: entro 30.9) Correttiva in termini (es.: entro 30.9) Presentazione dichiarazioni Integrativa a favore del contribuente Integrativa a vantaggio dell Erario Integrativa per modificare/trasformare la richiesta di rimborso 3

4 Dichiarazione correttiva in termini Se il contribuente intende, prima della scadenza del termine di presentazione, rettificare o integrare una dichiarazione già presentata, compila e invia una nuova dichiarazione, completa di tutte le sue parti, barrando la casella Correttiva nei termini. Così operando, sussiste la possibilità di: esporre redditi non dichiarati in tutto o in parte; evidenziare oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione, non indicati in tutto o in parte in quella presentata precedentemente. Se dal nuovo Modello UNICO risulta: un minor credito, deve corrispondere la differenza rispetto all importo del credito utilizzato a compensazione degli importi a debito risultanti dalla precedente dichiarazione; un maggior credito o un minor debito, la differenza rispetto all importo del credito o del debito risultante dalla dichiarazione precedente può essere indicata a rimborso, o come credito da portare in diminuzione di ulteriori importi a debito. 4

5 Integrazione della dichiarazione Scaduti i termini di presentazione della dichiarazione, come regola, il contribuente -> può rettificare o integrare la dichiarazione originaria presentando, secondo le stesse modalità previste per la dichiarazione originaria, una nuova dichiarazione completa di tutte le sue parti, su modello conforme a quello approvato per il periodo d imposta cui si riferisce la dichiarazione. presentare la dichiarazione integrativa se è stata validamente presentata la dichiarazione originaria, tenendo presente che sono considerate valide anche le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dal termine di scadenza, fatta salva l applicazione delle sanzioni. 5

6 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente La dichiarazione integrativa a favore può essere presentata entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo: per correggere errori od omissioni, che hanno determinato l indicazione: di un maggior reddito; o, comunque: di un maggior debito d imposta o di un minor credito; per correggere errori od omissioni non rilevanti: per la determinazione della base imponibile, dell imposta; per il versamento del tributo; e che non siano di ostacolo all esercizio dell attività di controllo ["violazioni meramente formali" che non ostacolano, quindi, l'attività di accertamento]. 6

7 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente ATTENZIONE I soggetti che, nel rispetto dei principi contabili, procedono alla correzione di errori contabili derivanti dalla mancata imputazione di componenti negativi nell'esercizio di competenza, la cui dichiarazione non è più emendabile ai sensi del comma 8-bis, art. 2, D.P.R. 322/1998, possono presentare una dichiarazione integrativa a favore compilando anche il prospetto "Errori contabili" presente nel quadro RS (righi da RS201 a RS230). Tale prospetto è riservato ai contribuenti che per i periodi d'imposta in cui gli errori sono stati commessi erano imprese in contabilità ordinaria (o partecipavano a dette imprese in caso di trasparenza fiscale) e, ovviamente, detti periodi d imposta devono essere precedenti a quello oggetto della presente dichiarazione integrativa. Con circolare 24 settembre 2013, n. 31, l'agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti interpretati vi in merito al trattamento fiscale applicabile. 7

8 Presentazione dichiarazione integrativa specificare quali quadri o allegati della dichiarazione originaria sono stati oggetto di aggiornamento e quali non sono stati invece modificati, indicando nelle caselle: relative ai quadri compilati presenti nel riquadro Firma della dichiarazione ; presenti nel riquadro Tipo di dichiarazione e nella casella relativa alla compilazione del quadro NI (interruzione tassazione di gruppo) del frontespizio della dichiarazione integrativa, in sostituzione della barratura; il codice: 1 - quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa, sia nella dichiarazione originaria senza modifiche; 2 - quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa, ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria; 3 - quadro o allegato presente nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa. 8

9 Presentazione dichiarazione integrativa MOTIVAZIONI PROCEDURALI PER DICHIARAZIONE INTEGRATIVA codice Quadro o allegato presente in dichiarazione originaria Quadro o allegato presente in dichiarazione integrativa variazioni 1 presente presente NO 2 non presente presente - 2 presente presente SI 3 presente non presente - 9

10 Dichiarazione integrativa per trasformare richiesta rimborso crediti d imposta in utilizzo in compensazione il comma 8-ter all'art. 2, D.P.R. n. 322/98, che prevede la possibilità di "trasformare" la richiesta di rimborso dei crediti delle imposte (IRPEF/IRES/IRAP), espressa nella relativa dichiarazione, in richiesta di utilizzo in compensazione degli stessi a condizione che: il rimborso non sia stato già erogato, anche in parte; venga presentata una nuova dichiarazione, entro 120 giorni dalla scadenza del termine ordinario di presentazione. Attenzione -> nell ipotesi di dichiarazione integrativa che, oltre alla modifica prevista dal predetto comma 8-ter, provveda anche alla correzione di errori od omissioni, deve essere compilata solamente la casella "Dichiarazione integrativa" oppure "Dichiarazione integrativa a favore", in relazione alle rettifiche apportate. 10

11 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Regolarizzazione dichiarazione dei redditi

12 Dichiarazione omessa La situazione di dichiarazione omessa si realizza quando l adempimento dichiarativo: non è stato presentato; è stato presentato con ritardo superiore a 90 giorni oppure senza la sottoscrizione del contribuente e non sia stata regolarizzata entro 30 giorni dall'invito dell'ufficio. Attenzione -> il vigente art. 1 del D.Lgs , n. 471, proporziona la sanzione applicabile all'omessa presentazione della dichiarazione all'eventuale ritardo nell'adempimento. Omessa presentazione della dichiarazione -> sanzione applicabile compresa tra: 250,00 e 1.000,00, se non è dovuta imposta (possibile aumento fino al doppio per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili); tra il120% ed il 240%, se è dovuta imposta (con un minimo di 250,00). 12

13 Dichiarazione omessa Se la dichiarazione dei redditi omessa viene presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione inerente al periodo di imposta successivo, la sanzione base (dal 120% al 240%) si riduce della metà, oltre alla variazione degli importi minimi. Quindi: sanzione in misura fissa, da un minimo di 150,00 ad un massimo di 500,00, se non è dovuta imposta (possibile aumento fino al doppio per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili); sanzione dal 60% al120% delle imposte dovute, con un minimo di 200,00. Attenzione -> La riduzione della sanzione si rende operativa solamente se il soggetto interessato non è stato interessato da attività amministrativa di accertamento (compresa la formale conoscenza del medesimo). 13

14 Dichiarazione tardiva La dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine (tardiva presentazione), a norma dell'art. 2, comma 7, del D.P.R , n. 322, si deve considerare valida (con applicazione delle sanzioni predette). Poiché la dichiarazione tardiva, presentata entro 90 giorni, è valida, dalla medesima non può risultare un'imposta dovuta ma, eventualmente, un'imposta dichiarata e non versata (da assoggettare alla sanzione del 30% (art. 13 del D.Lgs. 471/1997). Attenzione -> Il contribuente ha la possibilità di regolarizzare la mancata presentazione della dichiarazione nel termine di 90 giorni della scadenza prevista, mediante l'istituto del ravvedimento operoso. 14

15 Sanzioni amministrative Tardiva presentazione (entro 90 gg.) da 150,00 a 500, % dell imposta eventualmente dovuta Presentazione entro 1 anno dal termine con imposta dovuta -> dal 60% al 120% (minimo dovuto 200,00); con imposta non dovuta -> da 150,00 a 500,00. Presentazione oltre 1 anno dal termine con imposta dovuta -> dal 120% al 240% (minimo dovuto 250,00); con imposta non dovuta -> da 250,00 a 1.000,00. 15

16 Omessa e tardiva dichiarazione Omessa presentazione dichiarazione dei redditi (persone fisiche, società di persone e soggetti Ires con esercizio coincidente con l'anno solare) -> regolarizzazione possibile: entro il 28 settembre, se il modello UNICO viene presentato in banca o posta (nelle situazione consentite: scadenza 30 giugno); entro il 29 dicembre, se modello UNICO viene presentato in via telematica. Presentazione dichiarazione nei 90 giorni successivi alla scadenza -> sanzione è ridotta a 1/10 del minimo (art. 13, comma l, lett. c), del D.Lgs. 472/ 1997) -> sanzione amministrativa minima in caso di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi (con regolarizzazione entro 90 giorni) -> sanzione ridotta prevista pari a 15,00 (1/10 di 150,00). 16

17 Omessa e tardiva dichiarazione Omessa presentazione dichiarazione dei redditi (persone fisiche, società di persone e soggetti Ires con esercizio coincidente con l'anno solare) -> regolarizzazione possibile: entro il 28 settembre, se il modello UNICO viene presentato in banca o posta (nelle situazione consentite: scadenza 30 giugno); entro il 29 dicembre, se modello UNICO viene presentato in via telematica. Presentazione dichiarazione non oltre i 90 giorni successivi all ordinaria scadenza: sanzione amministrativa ridotta a 1/10 del minimo (art. 13, comma 1, lett. c), del D.Lgs. 472/1997) -> quindi, nell ipotesi di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi (con regolarizzazione entro 90 giorni) -> sanzione ridotta pari a 15,00 per dichiarazione (1/10 di 150,00). 17

18 Casi procedurali: imposte interamente versate Nei casi di ritardata presentazione della dichiarazione entro 90 giorni dalla scadenza originaria con imposte interamente corrisposte -> regolarizzazione con pagamento della sanzione ridotta, pari ad 1/10 del minimo (art. 13, comma l, lett. c), del D.Lgs. n. 472/1997: 1/10 di 150,00 = 15,00 Esempio -> un contribuente ha non ha presentato la dichiarazione dei redditi modello UNICO 2016 entro il 30 settembre Dalla dichiarazione emerge un credito d imposta pari a 1.000,00. Il contribuente regolarizza la propria posizione il 20 dicembre Sanzione per omessa [meglio: tardiva] presentazione dichiarazione -> 15,00, da corrispondere utilizzando il mod. F24 indicando il codice:

19 Casi procedurali: imposte non versate Dichiarazione entro 90 giorni con imposte non corrisposte -> è necessario: presentare dichiarazione entro 90 giorni dalla scadenza (entro 29 dicembre); sanare l'omessa presentazione della dichiarazione -> sanzione di 15,00; regolarizzare omesso versamento imposte, con la sanzione ridotta. Attenzione -> per l omesso versamento, operative le lettere da a) a b-ter) del comma 1, dell art. 13, del D.Lgs. 472/97 > sanzione sarà pari a: % se il versamento avviene 1,50% entro 30 giorni (ulteriormente ridotta se pagamento nei primi 14 giorni) 1,6667% entro 90 giorni 3,75% 4,2857% 5% entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale la violazione è stata commessa entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa. 19

20 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Regolarizzazione dichiarazione Iva

21 Dichiarazione Iva Omessa presentazione della dichiarazione Iva annuale -> applicazione di sanzioni dal120% al 240% dell'imposta dovuta, con un minimo di 250,00. Attenzione -> dichiarazione Iva omessa presentata entro il termine di presentazione di quella successiva (in assenza di attività di accertamento di cui il contribuente ha avuto formale conoscenza) sanzione dal 60% al 120% dell'imposta dovuta, con un minimo di 200,00. Se l operatore economico Iva effettua esclusivamente operazioni per le quali l'imposta non si rende dovuta, in caso di: omessa dichiarazione si rende operativa sanzione da 250,00 ad 2.000,00; presentazione dichiarazione Iva omessa entro il termine di presentazione di quella successiva (in assenza di attività di accertamento di cui il contribuente ha avuto formale conoscenza) -> sanzione da 150,00 ad 1.000,00. 21

22 Omessa dichiarazione e imposta dovuta Dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza -> considerata "valida", ma dalla medesima non può risultare un'imposta dovuta (art. 5, comma 1, del D.Lgs. 471/1997); ma, eventualmente: un'imposta dichiarata e non versata (soggetta alla sanzione del 30% - vedere circolare 25 gennaio 1999, n. 23). Se il soggetto Iva che, a norma dell art.13, comma 1, lettera c), D.Lgs. n. 472/1997, intende regolarizzare l'omessa presentazione della dichiarazione Iva annuale in cui risulta un'imposta dovuta, deve necessariamente: regolarizzare l'omessa presentazione della dichiarazione Iva, corrispondendo la sanzione ridotta di 15,00 (1/10 di 150,00); presentare la dichiarazione annuale Iva nei 90 giorni dalla scadenza originaria. 22

23 Omessa dichiarazione e imposta dovuta Dichiarazione entro 90 giorni con imposte non corrisposte -> è necessario: presentare dichiarazione entro 90 giorni dalla scadenza (entro 29 dicembre); sanare l'omessa presentazione della dichiarazione -> sanzione di 15,00; regolarizzare omesso versamento imposte, con la sanzione ridotta. Attenzione -> per l omesso versamento, operative le lettere da a) a b-ter) del comma 1, dell art. 13, del D.Lgs. 472/97 > sanzione sarà pari a: % se il versamento avviene 1,50% entro 30 giorni (ulteriormente ridotta se pagamento nei primi 14 giorni) 1,6667% entro 90 giorni 3,75% 4,2857% 5% entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale la violazione è stata commessa entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa. 23

24 Omessa dichiarazione e imposta dovuta Dichiarazione entro 90 giorni con imposte non corrisposte -> per regolarizzare la situazione, oltre presentazione della dichiarazione, è necessario corrispondere: 15,00, per ritardata presentazione della dichiarazione; Iva dovuta non versata; sanzione ridotta collegata al tardivo versamento dell'imposta; interessi moratori con maturazione giorno per giorno (attualmente: nella misura dello 0,20% annuo). Presentazione dichiarazione Iva entro 90 giorni Ravvedimento operoso -> sanzione amministrativa ridotta: 15,00. Imposta dovuta e interessi Sanzione ridotta in relazione al periodo di corresponsione. 24

25 Omessa dichiarazione e imposta non dovuta Dichiarazione entro 90 giorni con imposte corrisposte o non dovute -> per regolarizzare la situazione è necessario: corrispondere la sanzione da applicare è pari a 15,00 -> cioè 1/10 del minimo [1/10 di 150,00]; procedere a presentare la dichiarazione nel termine predetto. Se la dichiarazione Iva viene presentata in forma unificata, l'omessa presentazione può risultare regolarizzata pagando la sanzione ridotta, tenendo, però, presente che è necessario: ripresentare il modello UNICO con tutte le sue componenti (redditi e Iva); barrare anche la casella "Iva" nel riquadro "Tipo di dichiarazione" del Frontespizio; barrare la casella "Dichiarazione integrativa" nel medesimo riquadro. N.B.: in assenza di imposte dovute -> costo del ravvedimento pari a 30,00 ( 15,00 x 2). 25

26 Errori e omissioni in dichiarazione Iva Dichiarazione a sfavore del soggetto passivo Iva [DEBITO] Presentazione di dichiarazione integrativa Iva con ravvedimento operoso (casella: dichiarazione integrativa) Entro 28/12 anno nel quale è stata presentata la dichiarazione Entro 30/9 anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione Entro o oltre 30/9 secondo anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione 26

27 Errori e omissioni in dichiarazione Iva Dichiarazione a favore del soggetto passivo Iva [DEBITO] Presentazione di dichiarazione integrativa Iva con ravvedimento operoso (casella: dichiarazione integrativa a favore) Entro 30/9 dell anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, con possibilità di utilizzo del credito in compensazione Attenzione -> la dichiarazione integrativa deve essere presentata seguendo le modalità previste per la dichiarazione originaria e deve risultare completa di tutte le sue parti. 27

28 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Quadro RS dichiarazione integrativa per errori contabili

29 Dichiarazione integrativa Errori contabili Regola -> correzione degli errori contabili -> imputare al conto economico dell'esercizio sociale o periodo d imposta in cui è stato individuato l'errore un componente a rettifica della voce patrimoniale che, a suo tempo, fu interessata dal medesimo. Attenzione -> gli errori contabili: consistono nell'impropria o mancata applicazione di un principio contabile (se le informazioni ed i dati necessari per la sua corretta applicazione sono disponibili); si possono verificare a causa di: errori matematici; errate interpretazioni di fatti; negligenza nel raccogliere le informazioni e/o dati disponibili per un coerente trattamento contabile. 29

30 Dichiarazione integrativa Errori contabili Ai fini dichiarativi -> mancata imputazione di componente negativo nel corretto periodo d imposta di competenza -> in un periodo di imposta successivo può essere contabilizzato un componente negativo per rettificare all'errore -> necessario presentare una dichiarazione integrativa per rettificare l'annualità in cui è presente l'omessa coerente imputazione. Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve essere utilizzato dai soggetti: che hanno posto in essere la correzione di errori contabili per mancata imputazione di componenti negativi nell'esercizio di competenza il cui adempimento dichiarativo non è più emendabile; sui quali ricadono gli effetti di tale correzione (regime della trasparenza). Attenzione -> annualità con omessa coerente imputazione non è più emendabile con la dichiarazione integrativa a favore -> sussiste la possibilità di dare evidenza all'elemento di costo non dedotto, tramite la compilazione del prospetto di cui al quadro RS "Errori contabili". 30

31 Dichiarazione integrativa Errori contabili Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve essere compilato: nell ipotesi in cui il modello UNICO 2016 viene presentato come dichiarazione integrativa a favore -> tale prospetto può essere compilato anche dai contribuenti che, per i periodi di imposta in cui gli errori sono stati commessi, detenevano partecipazioni in società in contabilità ordinaria; nel caso in cui il modello UNICO 2016 viene presentato come dichiarazione integrativa a sfavore nella quale confluiscono gli effetti di correzione di errori contabili considerati "a favore". Attenzione -> gli errori contabili devono necessariamente risultare commessi in periodi di imposta precedenti a quello oggetto della dichiarazione integrativa. 31

32 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nel prospetto «Errori contabili» del quadro RS i righi interessati (Unico SC -> da RS201 a RS230) devono essere compilati per evidenziare le risultanze delle riliquidazioni dei precedenti periodi di imposta autonomamente effettuate dal contribuente. La riliquidazione esplica effetti per quanto attiene: alla determinazione della base imponibile ai fini dell'imposta sul reddito; a tutte le componenti sintetizzate in dichiarazione che dalla stessa derivano o sulla medesima si commisurano (ad es.: perdite d'impresa riportabili). Attenzione -> è indispensabile procedere a redigere tanti riquadri del prospetto «Errori contabili» quanti sono i periodi di imposta interessati dalle riliquidazioni. 32

33 Dichiarazione integrativa Errori contabili Se gli errori contabili sono stati commessi in periodi d'imposta in cui il soggetto applicava un regime di trasparenza fiscale, il prospetto «Errori contabili» deve essere compilato: dal soggetto trasparente (o ex trasparente), che procede alla regolarizzazione degli errori; nonché: dai soci sui quali ricadono gli effetti delle relative riliquidazioni. Analoga operatività procedurale deve risultare applicata anche nell'ipotesi in cui il soggetto partecipi (o abbia partecipato) al consolidato fiscale (Circolare AdE 3/2014, puntualizza che tale prospetto può essere compilato anche in caso di disconoscimento del regime consolidato). 33

34 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nel rigo RS201 (o RS2011) deve risultare annotato: a colonna 1, la data di inizio del periodo di imposta in cui è stato commesso l'errore contabile, o nell ipotesi di errori contabili interessanti più periodi di imposta da regolarizzazione, è necessario specificare il periodo di imposta meno recente; a colonna 2, la data di fine del periodo di imposta in cui è stato commesso l'errore contabile, o nell ipotesi di errori contabili interessanti più periodi di imposta da regolarizzazione, è necessario specificare il periodo di imposta meno recente; a colonna 3, il codice fiscale del soggetto che ha commesso gli errori contabili, se diverso dal soggetto dichiarante a seguito di operazioni straordinarie con estinzione del dante causa. 34

35 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nelle colonne 1, 2, 3 e 4 deve risultare specificato il riferimento al campo della dichiarazione inerente al periodo di imposta predetto, nel quale sarebbe stato annotato un diverso importo rispetto al valore originariamente dichiarato, se non fosse stato commesso l'errore contabile. In particolare, è necessario indicare: a colonna 1, il quadro; a colonna 2, il numero del modulo; a colonna 3, il numero di rigo; a colonna 4, il numero di colonna; mentre, a colonna 5, deve essere riportato il diverso importo che sarebbe stato dichiarato nel campo individuato dalle precedenti colonne, se non fosse stato commesso l'errore contabile oggetto di rettifica. 35

36 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Caso -> si ipotizzi una società che dopo la presentazione del modello UNICO SC 2016 ha rilevato l omessa imputazione di un costo di competenza del 2013 (UNICO SC 2014) per un ammontare pari a 500. Nel periodo d imposta 2013 aveva evidenziato: un utile di esercizio, pari a 3.000; nessuna variazione in aumento o in diminuzione nel quadro RF; acconti versati, pari a 200; e nel periodo d imposta 2014 aveva evidenziato un imposta a credito pari a 100. La società, ferma restando la ripresa a tassazione del componente negativo rilevato nel conto economico del periodo d imposta 2016, riliquida la dichiarazione del periodo d imposta 2013 imputando tale componente negativo. La maggiore IRES versata nel 2014, pari a 137, costituisce un eccedenza di versamento a saldo riportabile nei periodi d imposta successivi al

37 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 1 di 3 37

38 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 2 di 3 38

39 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 3 di 3 39

40 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cumulo giuridico o ravvedimento operoso?

41 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? L istituto del cumulo giuridico consente di far considerare sussistente e, quindi, operativo la relazione formale o materiale tra comportamenti lesivi di norme inerenti al medesimo o più tributi di competenza dello stesso o di diversi periodi d'imposta. Nel caso di concorso di violazioni, di cui al comma 1 dell art. 12 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, il soggetto che: ha violato con una sola azione od omissione, diverse disposizioni anche relative a tributi diversi; oppure: ha commesso, anche con più azioni od omissioni, diverse violazioni formali della medesima disposizione; viene punito con la sanzione che si dovrebbe infliggere per la violazione più grave, aumentata da un quarto al doppio. 41

42 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? Nel caso continuazione o progressione di violazioni, di cui al comma 2 dell art. 12 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, il soggetto che, anche in tempi diversi, commette più violazioni che, nella loro progressione, pregiudicano o tendono a pregiudicare: la determinazione dell'imponibile; oppure: la liquidazione, anche periodica, del tributo; viene punito con la sanzione che si dovrebbe infliggere per la violazione più grave, aumentata da un quarto al doppio. La continuazione deve necessariamente essere individuata nel comportamento che determina una palese pluralità di violazioni che tendono alla realizzazione di un particolare illecito di natura sostanziale. 42

43 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? La sanzione amministrativa base cui fare riferimento, se si tratta: di più violazioni di uno stesso tributo e inerenti ad un solo periodo d'imposta, è quella più grave (definibile sanzione base ), che sarà incrementata da un quarto fino al doppio; di più violazioni di tributi diversi di competenza di un solo periodo d'imposta, è quella più grave (definibile sanzione base ), che sarà incrementata fino a un quinto; di violazioni riguardanti più tributi e più periodi d'imposta, è quella più grave (definibile sanzione base ), che sarà incrementata dalla metà al triplo. Una volta individuata la sanzione amministrativa base, la medesima verrà aumentata da un minimo di un quarto ad un massimo del doppio, tenendo presente, in ogni caso, che la stessa non può risultare di entità superiore a quella che risulterebbe dal cumulo materiale delle sanzioni che troverebbero applicazione alle singole violazioni. Sussiste possibilità di pervenire alla definizione della controversia corrispondendo una somma pari a un terzo della sanzione amministrativa. 43

44 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? ESEMPIO CONSIDERAZIONI DA VALUTARE OBIETTIVAMENTE Caso si consideri l ipotesi di una violazione fiscale posta in essere da un imprenditore individuale consistente nella mancata emissione di una fattura attiva per un imponibile di ,00 (+ Iva 22% pari a 2.200,00), che ovviamente non viene annotata nel registro delle fatture emesse ai sensi dell art. 23 del decreto Iva. Analisi: La violazione, oltre all evasione dell Iva per 2.200,00, determina anche l onere della mancata corresponsione di altri tributi e cioè (considerando le aliquote base): 2.300,00, per Irpef (23% di ,00; 390,00, per Irap (3,90% di ,00). Le singole sanzioni amministrative inerenti alle potenziali violazioni conseguenti all omessa fatturazione possono essere così schematizzate: 44

45 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? ESEMPIO CONSIDERAZIONI DA VALUTARE OBIETTIVAMENTE Le singole sanzioni amministrative inerenti alle potenziali violazioni conseguenti all omessa fatturazione possono essere così schematizzate: violazione individuabile omessa fatturazione omesso versamento periodico infedele dichiarazione annuale Iva infedele dichiarazione dei redditi (modello Unico-PF) infedele dichiarazione Irap entità della sanzione sanzione amministrativa prevista amministrativa prevista dal 90% al 180% dell'imposta dovuta 1.980,00 660,00 30% dell Iva non corrisposta (30% di 2.200,00) dal 90% al 180% dell'imposta dovuta 1.980,00 dal 90% al 180% dell'imposta dovuta 2.070,00 dal 90% al 180% dell'imposta dovuta 351,00 45

46 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? Soluzione: ravvedimento operoso: per l'omessa fatturazione entro la data di presentazione della dichiarazione Iva dell'anno nel corso del quale la violazione risulta commessa - Se il contribuente procede alla regolarizzazione prima della scadenza del termine di presentazione dell adempimento dichiarativo inerente all'anno nel corso del quale la violazione risulta commessa, beneficia sia per l'omessa fatturazione dell'operazione, sia per il mancato versamento del tributo, se le liquidazioni periodiche non evidenziavano una posizione creditoria, della riduzione della sanzione, come regola, ad un ottavo dell entità minima prevista. Ne deriva, conseguentemente, le sanzioni amministrative ridotte a seguito del ravvedimento operoso di tali risultano essere di: 247,50 (1/8 del 90% di 2.200,00 e cioè 1/8 di 1.980,00), per l omessa fatturazione; 24,75 (3,75% del 30% di 2.200,00 e cioè pari al 3,75% di 660,00), per l omesso versamento del tributo; tenendo presente che così operando l imprenditore individuale si troverà nella situazione di poter procedere alla presentazione delle regolari dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva. Se il ravvedimento viene posto in essere dopo la data di presentazione della dichiarazione Iva dell'anno nel corso del quale la violazione risulta commessa, la violazione di omessa fatturazione può essere regolarizzata corrispondendo la sanzione amministrativa ridotta da un settimo a un quinto del minimo, in relazione al momento di esecuzione. 46

47 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? Soluzione: ravvedimento operoso: per l'omessa fatturazione non ravveduta entro la data di presentazione della dichiarazione Iva dell'anno nel corso del quale la violazione risulta commessa e per la conseguente presenza delle dichiarazioni dei redditi, Iva e Irap infedeli. Le sanzioni amministrative, in sede di ravvedimento, si riducono a: 1/7 del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o dall'errore; a 1/6 del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione, oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o dall'errore a 1/5 del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene dopo la constatazione della violazione (ai sensi dell'art. 24 della L. 7 gennaio 1929, n. 4). 47

48 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? Soluzione cumulo giuridico: applicazione sanzioni amministrative con il riconoscimento dell'istituto del cumulo giuridico, se l imprenditore individuale non ha provveduto alla regolarizzazione e la violazione è stata rilevata da parte dell Agenzia delle entrate. Operativamente, per la determinazione della sanzione amministrativa dovuta con applicazione del cumulo giuridico, il conteggio può essere così schematizzato: causale procedurale riferimento o conteggio sanzione Sanzione più gravosa: infedele 90% del 23% di dichiarazione imposte sui redditi (modello ,00 o 90% di Unico-PF) 2.300, ,00 + Incremento del 20% (art. 12, comma 3, del D.Lgs. 472/97) 20% di 2.070,00 414,00 = Sanzione base 2.070, , ,00 + Incremento del 25% della sanzione base 25% di 2.484,00 (art. 12, commi 1 e 3, del D.Lgs. 472/97) 414,00 = Totale sanzione dovuta con applicazione del cumulo giuridico 3.105,00. 48

49 Cumulo giuridico o ravvedimento operoso? Soluzione: Se l imprenditore individuale decide di procedere alla definizione della controversia nel termine per proporre ricorso e cioè entro 60 giorni dalla data della notifica dell'atto di contestazione ha diritto di beneficiare della riduzione ad un terzo del totale della sanzione dovuta con applicazione del cumulo giuridico. In concreto, la sanzione amministrativa dovuta è pari a 1.035,00 [1/3 di 3.105,00]. Nel caso esaminato: il ravvedimento operoso non risulta vantaggioso, se posto in essere oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione non risulta conveniente; in quanto: se l imprenditore individuale decide di attendere l'atto di irrogazione delle sanzioni con l'applicazione del cumulo giuridico conseguente al concorso di violazioni, ha la possibilità di procedere a regolarizzare la situazione corrispondendo un ammontare inferiore a quella che si renderebbe dovuta con il ravvedimento operoso [risparmio pari a 28,50 dato dalla differenza tra 1.063,50 e 1.035,00]. N.B.: si ritiene opportuno puntualizzare che il ravvedimento operoso può risultare conveniente prima dei tre anni dalla violazione originaria. 49

50 Grazie per l attenzione prestata 50

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo

REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E di Giancarlo Modolo Aspetti generali Tipologia delle dichiarazioni Presentazione

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO REGOLARIZZAZIONE ADEMPIMENTI DICHIARATIVI DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 9 novembre 2016 - Sala Convegni

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 160 23.05.2016 Unico: la compilazione del frontespizio Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Tra i campi da compilare nel modello Unico

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito.

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito. Regolarizzazione errori nel modello UNICO: la presentazione della dichiarazione correttiva nei termini o la presentazione della dichiarazione integrativa dopo la scadenza dei termini Vincenzo D'Andò in

Dettagli

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati.

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. Nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013, l Agenzia delle Entrate ha chiarito come, in presenza di una mancata contabilizzazione

Dettagli

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana -

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana - Dichiarazioni integrative Giacomo Manzana - www.manzana.it Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine (30 settembre 2015 per i soggetti

Dettagli

L a dichiarazione dei sostituti

L a dichiarazione dei sostituti Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso 78 L a dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il modello 770 semplificato utilizzato dai sostituti d imposta, comprese le

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 57 14.07.2014 Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca 86 La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 semplificato utilizzato

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 28.10.2016 Dichiarazione integrativa: nuovi termini A cura di Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti Con l art.

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

Modello Unico 2015 Analisi novità e problematiche operative. Visto di conformità

Modello Unico 2015 Analisi novità e problematiche operative. Visto di conformità 1 Visto di conformità Adempimenti dichiarativi, scadenze e compensazioni 2 VISTO DI CONFORMITÀ Art. 1, c. 574, L. 147/2014 La casella Visto di conformità rilasciato ai sensi dell art. 35 del D.Lgs. n.

Dettagli

Circolare del 18 ottobre 2016

Circolare del 18 ottobre 2016 Circolare del 18 ottobre 2016 Oggetto: Agenzia delle Entrate Circolare n. 42/E del 12/10/2016: Regolarizzazione delle dichiarazioni con errori o presentate in ritardo. Ravvedimento operoso. Ulteriori chiarimenti

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Guida al Lavoro I SUPPLEMENTI Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 Semplificato deve essere utilizzato dai

Dettagli

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali Giancarlo Dello Preite 14 Maggio 2014 - Auditorium San Fedele S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2017

Circolare di studio n. 1/2017 Circolare di studio n. 1/ Periodo 16 31 Gennaio STUDIO GAETANI Circ. n. 1/ Sommario Sommario... 2 Bene a sapersi... 3 Nuove comunicazioni trimestrali Iva... 3 Rimborso Iva con visto di conformità... 5

Dettagli

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana -

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana - Dichiarazioni integrative Giacomo Manzana - www.manzana.it Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine (30 settembre 2016 per i soggetti

Dettagli

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 1 86/2012 OTTOBRE/8/2012 (*) 19 Ottobre 2012 CON CIRCOLARE N. 38/E DEL

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF229 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO MODELLO 730 INTEGRATIVO - PRESENTAZIONE ENTRO IL 25/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2013 CIRCOLARE

Dettagli

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n 23/10

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n 23/10 1/5 OGGETTO RAVVEDIMENTO OPEROSO PER II.DD. E IVA CLASSIFICAZIONE DT ART. 13 D.LGS 472/97 RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 13 D. Lgs. 18.12.1997 n. 472 ART. 16, comma 5, D.L. 29.11.2008 N. 185 convertito in

Dettagli

La Dichiarazione Integrativa a favore

La Dichiarazione Integrativa a favore Paola Piantedosi (Avvocato e Commercialista in Taranto) La Dichiarazione Integrativa a favore 1 L istituto del ravvedimento operoso consente all autore (ed ai soggetti solidalmente obbligati) di omissioni

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 19 21.05.2014 La correzione degli errori contabili UNICO SC 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico SC 2014 La redazione del bilancio relativo

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014 G. Manzana www.manzana.it DR INTEGRATIVE ART. 2, C. 8, DPR 322/98 ART. 2, C. 8-BIS, DPR 322/98 INTEGRATIVA ENTRO TERMINI ACCERTAMENTO INTEGRATIVA

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Misura del versamento L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

Fiscal News N. 78. Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 78. Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 78 17.03.2014 Dichiarazione Iva autonoma anche dopo il 28 Febbraio Dubbi per chi presenta la Dichiarazione Iva in forma autonoma per scelta, e

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 19 novembre 2013 108/GD/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Contenuto in sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI

RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO REGOLARIZZAZIONE ADEMPIMENTI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 9 novembre

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 106 03.10.2016 Modello UNICO integrativo e correttivo Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale Pirone Nella presente

Dettagli

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97 Ravvedimento operoso Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate dell'imu, TASI o TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del Ravvedimento

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Il rigo

Dettagli

I modelli di dichiarazione SP e SC 2017: novità, termini di presentazione e nuove dichiarazioni integrative

I modelli di dichiarazione SP e SC 2017: novità, termini di presentazione e nuove dichiarazioni integrative Cristina Sergiacomi (Commercialista in Cuneo) I modelli di dichiarazione SP e SC 2017: novità, termini di presentazione e nuove dichiarazioni integrative 1 Diposizioni di approvazione dei modelli Modello

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 107 06.10.2016 Le correzioni al Modello 730/2016 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nella presente fiscal

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 11 novembre 2016 167/ER/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca - Acconti 2016 RN61 Mod. Unico2016PF Inferiore o uguale a 51,65 Superiore a 51,65

Dettagli

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Prot. 298/2012 Milano, 12-11-2012 Circolare n. 110/2012 AREA: Circolari, Fiscale Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Con l avvicinarsi della scadenza del 30 novembre, termine

Dettagli

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF262 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CORREZIONE DEL 730 MODELLO INTEGRATIVO ENTRO IL 27/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2014 CIRCOLARE

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 Le principali novità modulistica e Sp. Tec. La legge di stabilità 2016 riconosce a imprenditori e professionisti che, a far data dal 15 ottobre 2015, investono in beni materiali

Dettagli

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE In applicazione dei nuovi termini di versamento introdotti dal Decreto Collegato alla Finanziaria 2017, entro il prossimo 30.6.2017 ovvero

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione?

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? L'imponibile delle operazioni passive per le quali, in base a

Dettagli

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale N. 69 07.03.2016 Compensazione crediti inesistenti: novità sanzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Compensazioni A cura di Pasquale Pirone

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali: l omesso

Dettagli

Il Mod. 730/2011 integrativo

Il Mod. 730/2011 integrativo Il Mod. 730/2011 integrativo di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Se il contribuente riscontra nella dichiarazione 730 gia` presentata errori od omissioni la cui correzione comporta un

Dettagli

Periodico informativo n. 63/2010

Periodico informativo n. 63/2010 Periodico informativo n. 63/2010 ENTRO IL 30 SETTEMBRE È POSSIBILE PORTARE ULTERIORE DOCUMENTAZIONE PER 730 E UNICO 2010 Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo,

Dettagli

Il Mod. 730/2010 integrativo

Il Mod. 730/2010 integrativo Il Mod. 730/2010 integrativo di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Qualora il contribuente, oltre i termini ordinari di presentazione del Mod. 730/2010, riscontri nella dichiarazione 730

Dettagli

Comune di Ottaviano. Città di Pace. Regolamento comunale per la applicazione delle sanzioni amministrative tributarie

Comune di Ottaviano. Città di Pace. Regolamento comunale per la applicazione delle sanzioni amministrative tributarie < Comune di Ottaviano Città di Pace Regolamento comunale per la applicazione delle sanzioni amministrative tributarie Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 28 del 5 maggio 2010 REGOLAMENTO

Dettagli

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE XIII. XIII. Il Il ravvedimento ravvedimento operoso operoso Come si paga per la regolarizzazione violazione di natura formale Come si paga per la regolarizzazione - violazione di natura formale - omesso

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 336 09.11.2016 Anomalie anno 2012: le comunicazioni del Fisco Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone In

Dettagli

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI)

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. MAURIZIO VILLANI PATROCINANTE IN CASSAZIONE VIA CAVOUR, 56 TEL. 0832 247510 73100 LECCE LECCE, 10/11/2004 ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) Il 30 novembre p.v. scade

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione?

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Faq Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? L'imponibile delle operazioni passive per le quali, in base

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE. Art. 1. Oggetto del regolamento. Art. 2. Irrogazione delle sanzioni

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE. Art. 1. Oggetto del regolamento. Art. 2. Irrogazione delle sanzioni REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di tributi

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR/11471 Trieste, 20 dicembre 2012 A mezzo posta elettronica Ai Dirigenti degli istituti scolastici statali e paritari della Regione E p. c. Ai Dirigenti degli Uffici V-VI-VII-VIII Al Sito

Dettagli

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Il contribuente puo` regolarizzare le violazioni commesse nel corso del 2011 entro il termine di presentazione della dichiarazione

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Novità Circolare numero 27 del 27 luglio 2015 Via Leoncino, 22 37121 Verona - IT Foro Buonaparte, 67 20121

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI

RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI Aspetti generali 1 1 RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI a cura di Giancarlo Modolo 1 Milano, 13 gennaio 2015 Aspetti generali 1 2 La legge di stabilità 2015, nel riformulare le regole dell

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 10 DEL

COMUNICAZIONE N. 10 DEL ASSOCIAZIONE IMPEGNO E PASSIONE ASSOCIAZIONE SINDACALE DI COMMERCIALISTI - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 10 DEL 03.08.15 Cari Colleghi, in merito alla problematica relativa

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 LA CORREZIONE DEL MOD. 730/2014 CON IL MOD. UNICO 2014 1. GENERALITÀ I contribuenti che si sono avvalsi

Dettagli

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa:

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa: Prot. 82/2013 Milano, 03-05-2013 Circolare n. 46/2013 AREA: Circolari, Fiscale Irap - Deducibilità dalle Imposte sui Redditi dell Irap Relativa alle Spese per il Personale Dipendente Circolare dell'agenzia

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA INDICE Novità dei modelli IVA 2016... pag. 9 Avviso telematico all intermediario...» 9 Nuove ipotesi di reverse charge...» 10 Operazioni con split payment...» 11 Regimi fiscali agevolati...» 11 Dichiarazioni

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circolare n.12 del 6 marzo 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: TASSA ANNUALE DI VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO Le società di capitali, anche se in fase di liquidazione,

Dettagli

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI 1. Ravvedimento operoso - Generalità 2. Ravvedimento operoso e sanzioni minime applicabili per i più comuni errori dichiarativi 3. Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009 Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 09/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi Focus di pratica professionale di Lelio Cacciapaglia Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi In data 17 dicembre 2012 è stato approvato il modello (con le relative istruzioni) per l istanza di rimborso

Dettagli

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 09 del 1 marzo 2013 VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 PREMESSA La tassa annuale per la numerazione e bollatura

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI OMISSIONI R A V V E D E R S I E POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI I. M. U. 2013 - Art. 13, D.Lgs. 472/1997 e successive modificazioni. - Art. 1, comma 20 lett. a) e 22, Legge n. 220/2010

Dettagli

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 Anno 2016 RF293 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO CIRCOLARE DEL 25/11/2016 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 1 - OMESSA PRESENTAZIONE UNICO

Dettagli

RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO

RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO Circolare N. 43 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 12 giugno 2009 RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO Per effetto di quanto previsto dal DL 185/2008, a decorrere dall

Dettagli

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF300 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 8 OGGETTO MODELLO 770/2014 - RAVVEDIMENTO DELLE VIOLAZIONI ENTRO IL 18/12 RIFERIMENTI DLGS. N. 472/97; DLGS. N.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 25 Febbraio 2011 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

DICHIARAZIONE A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA. 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi

DICHIARAZIONE A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA. 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi DICHIARAZIONE INTEGRATIVA A FAVORE: PROFILI DI CONVENIENZA 17 ottobre 2017 Dott. Duilio Liburdi CASSAZIONE SEZIONI UNITE (1/3) Cass. SS.UU. 30.6.2016 n. 13378: la dichiarazione integrativa, ove comporti

Dettagli

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA ADEMPIMENTI PRATICI Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA RISERVE DA SOCIETA DI CAPITALI Nella trasformazione di una società di capitali in società in società semplice, le riserve di utili vengono tassate

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO ACCONTO IRPEF ANNO 2015 PER LE PERSONE FISICHE CLASSIFICAZIONE DT ACCONTI II.DD 20.000.101 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 2 DL 15.4.2002 N. 63; ART. 17 D.P.R. 7.12.2001 N. 435; L. 23.12.2000 N.

Dettagli

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF 19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ATTENZIONE Il presente quadro non deve essere compilato dalle amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo. Il quadro

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 08.11.2016 Omesso canone di locazione anno 2012 Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone Il contribuente

Dettagli

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Bologna, 29 maggio 2017 Circolare n. 17/2017 Gentile Cliente, Il D.L. 193/2016 ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA,

Dettagli

Novità normative e dichiarative

Novità normative e dichiarative Seminario informativo sulla compilazione del modello 730 Novità normative e dichiarative 1) Abolizione obbligo presentazione dichiarazione ICI 3) Versamento imposta in F24 e compensazione 1) Abolizione

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DELL ECCEDENZA ACE IN CREDITO D IMPOSTA E IL MOD. UNICO / IRAP 2015

LA TRASFORMAZIONE DELL ECCEDENZA ACE IN CREDITO D IMPOSTA E IL MOD. UNICO / IRAP 2015 INFORMATIVA N. 166 04 GIUGNO 2015 DICHIARAZIONI LA TRASFORMAZIONE DELL ECCEDENZA ACE IN CREDITO D IMPOSTA E IL MOD. UNICO / IRAP 2015 Art. 1, DL n. 201/2011 Art. 19, DL n. 91/2014 Istruzioni mod. UNICO

Dettagli

MODELLO IRAP In questa Circolare. Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio Dichiarazione Irap Novità 2016

MODELLO IRAP In questa Circolare. Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio Dichiarazione Irap Novità 2016 Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio 2016 MODELLO IRAP 2016 In questa Circolare 1. Dichiarazione Irap Novità 2016 2. Soggetti passivi Irap 3. Modalità e termini di presentazione

Dettagli

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/ / Tel. 0832/ /

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/ / Tel. 0832/ / Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/392697 0832/458995 Tel. 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Dichiarazione Integrativa/Correttiva Integrativa, Correttiva nei termini,

Dettagli