2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE"

Transcript

1 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali perde completamente validità negli spazi infinitodimensionali, poiché in questi spazi non esiste alcun analogo dell equazione secolare e conseguentemente un operatore (anche limitato) può non avere alcun autovalore. Il problema deve quindi essere affrontato in modo completamente diverso. La trattazione che segue ha carattere euristico e prende le mosse dalla considerazione di esempi. Vedremo che esistono classi di operatori, che risulteranno di importanza fondamentale in meccanica quantistica, che non hanno alcun autovalore e corrispondente autovettore nel senso proprio dei termini e per i quali tuttavia si può enunciare un teorema sulla completezza degli autovettori dopo averne opportunamente generalizzato il concetto. Il concetto di sottospazio invariante Il concetto di sottospazio invariante di un operatore, pur non avendo alcuna utilità ai fini della trattazione del problema agli autovalori, è tuttavia, come vedremo, di notevole importanza concettuale in meccanica quantistica e sarà discusso alla fine del fascicolo.

2 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 2 L operatore i d dx Nello spazio L 2 (R) delle funzioni di x consideriamo l operatore k op = i d dx ESEMPI Si dimostra subito che l operatore k op è hermitiano. Infatti, per f(x), g(x) S (R), risulta g, k op f = dx g (x) ( i d dx f(x)) = L equazione agli autovalori di k op è nel dominio ovunque denso S (R). () i d v(x) = k v(x), dx dove intendiamo che v(x) appartenga a S (R) e quindi a L 2 (R). Tralasciando per il momento questa condizione, scelto k qualsiasi, la soluzione generale dell equazione differenziale () è data da dx ( i d [ ] dx g(x)) f(x) i g + (x)f(x) = k op g, f. } {{ } = 0 (2) v k (x) = a k exp(ikx), a k arbitrario. Per k complesso, v k (x) diverge esponenzialmente per x + o x e non appartiene a L 2 (R). Per k reale, v k (x) è un esponenziale oscillante, non diverge, ma v k (x) 2 è di nuovo non integrabile su R. Tuttavia, pur non appartenendo v k (x) a L 2 (R), per ogni ψ(x) L 2 (R) possiamo scrivere (3) ψ(x) = dk ψ(k) a k exp(ikx) (dove risulta ψ(k) a k L 2 (R) delle funzioni di k). In questo senso le funzioni a k exp(ikx), pur non appartenenti a L 2 (R), sono un sistema completo in L 2 (R). Domanda Ci chiediamo se, scegliendo opportunamente i fattori a k, le funzioni a k exp(ikx) possono anche essere considerate, in qualche senso, un sistema ortonormale.

3 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 3 Ortonormalità delle funzioni {v k (x)} Scegliendo a k = / le equazioni (2) e (3) diventano (4) v k (x) = exp(ikx), (5) ψ(x) = dk ψ(k) exp(ikx). Introduciamo un prodotto scalare generalizzato per mezzo della definizione (6) v k, ψ gen : = dx v k(x) ψ(x) Allora assumendo per v k (x) l espressione (4) risulta v k, ψ gen = dx exp( ikx)ψ(x). Dallo sviluppo (5), per il teorema sulla trasformata inversa di Fourier, si ha e quindi ψ(k) = dx exp( ikx) ψ(x) (7) ψ(k) = vk, ψ gen. Lo stesso risultato si ottiene usando, invece del teorema sulla trasformata inversa di Fourier, la relazione che lo traduce in termini della funzione delta di Dirac. Definendo un ulteriore prodotto scalare generalizzato (8) v k, v k GEN : = l espressione (4) dà il risultato (9) v k, v k GEN = Allora, posto (0) ψ(x) = si ottiene immediatamente dalla definizione (6) dx v k (x) v k(x), dx exp ( i(k k )x ) = δ(k k ). dk ψ(k) v k (x), v k, ψ gen = dx dk ψ(k ) v k(x) v k (x) = dk ψ(k ) δ(k k ) = ψ(k) cioè la (7).

4 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 4 Se si considera nello spazio L 2 (R) un ordinaria base ortonormale {e i (x)}, il prodotto scalare tra due elementi della base è dato da () e j, e i = l ortonormalità della base si scrive dx e j (x) e i (x), (2) e j, e i = δ ij, e la completezza della base permette di scrivere per ogni ψ(x) lo sviluppo (3) ψ(x) = j ψ j e j (x). D altra parte, il prodotto scalare tra ψ(x) e e j (x) è (4) e j, ψ = e dall ortonormalità della base si ottiene subito dx e j (x) ψ(x) (5) e j, ψ = ψ j. L analogia tra le equazioni (), (2), (3), (4) e (5) da un lato e le equazioni (8), (9), (0), (6) e (7) dall altro permette di considerare "ortonormale" la base {v k (x)} pur non appartenente allo spazio L 2 (R).

5 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 5 L operatore d2 dx 2 Poiché evidentemente per f(x) S (R) è k op f(x) S (R), l operatore k 2 op = d2 dx 2 ha per dominio S (R) ed è ivi hermitiano. Gli autovettori di k op sono anche autovettori di k 2 op e il quadrato degli autovalori di k op sono i corrispondenti autovalori di k 2 op, cioè (6) d2 dx 2 v k(x) = k 2 v k (x). A differenza di i d d2 il problema agli autovalori di dx 2 presenta degenerazione, dx poiché v k (x) e v k (x) appartengono al medesimo autovalore k 2. Perciò anche combinazioni lineari arbitrarie di v k (x) e v k (x), ad esempio cos(kx) e sin(kx), sono autofunzioni di d2 dx 2 corrispondenti all autovalore k2.

6 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 6 L operatore x Consideriamo nel dominio S (R) L 2 (R) l operatore di moltiplicazione per x definito da (7) x op f(x) = xf(x). Si dimostra immediatamente che l operatore x op è hermitiano. Dall equazione agli autovalori (8) x u(x) = x u(x) segue u(x) = 0 per x x, e quindi u(x) è l elemento nullo di L 2 (R). Pertanto non esistono, tra le funzioni ordinarie, soluzioni non nulle dell equazione agli autovalori (8). Tuttavia e quindi, posto si ha x δ(x x) = x δ(x x) u x (x) = δ(x x) x u x (x) = x u x (x). La famiglia di "funzioni" u x (x), non appartenenti a L 2 (R), ha le seguenti proprietà: a) permette di sviluppare qualsiasi elemento di L 2 (R), ψ(x) = d x ψ( x) δ(x x); b) costituisce un sistema ortonormale nel senso del prodotto scalare, GEN, u x, u x GEN = dx δ(x x) δ(x x) = δ( x x). Pertanto le funzioni (9) u x (x) = δ(x x) pur non appartenendo allo spazio L 2 (R) e pur non essendo nemmeno funzioni nel senso ordinario costituiscono una base ortonormale in L 2 (R) nello stesso senso in cui lo sono le funzioni v k (x) = ( / ) exp(ikx).

7 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 7 L operatore i Nello spazio L 2 (R 3 ) delle funzioni di x x, y, z consideriamo l operatore vettoriale k op = i nel dominio ovunque denso S (R 3 ). Si dimostra subito che le tre componenti i x, i y, i z Le funzioni v k (x) = exp(ik x) = exp(ik 3/2 x x) () dell operatore k op sono hermitiane. exp(ik y y) sono autofunzioni simultanee delle tre componenti dell operatore i corrispondenti rispettivamente agli autovalori k x, k y, k z. exp(ik z z) Sinteticamente scriviamo i v k (x) = k v k (x). Le funzioni v k (x) permettono di scrivere, per ogni ψ(x) L 2 (R 3 ), ψ(x) = d 3 k ψ(k) v k (x), dove ψ(k) = v k, ψ gen. avendo definito il prodotto scalare generalizzato v k, ψ gen : = d 3 x v k(x) ψ(x) = () 3/2 d 3 x exp( ik x) ψ(x). Le autofunzioni v k (x) sono ortonormali, v k, v k GEN = δ (3) (k k ), nel senso del prodotto scalare generalizzato v k, v k GEN : = d 3 x vk (x) v k(x) = () 3 d 3 x exp ( i(k k ) x ).

8 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 8 L operatore Le funzioni v k (x) sono anche autofunzioni dell operatore kop 2 = ( 2 / x / y / z 2) appartenenti all autovalore k 2 = kx 2 + ky 2 + kz, 2 cioè v k (x) = k 2 v k (x). Il problema agli autovalori di presenta degenerazione infinita, poiché tutte le direzioni di k, fissato il suo modulo, corrispondono al medesimo autovalore. L operatore x Consideriamo nel dominio S (R 3 ) L 2 (R 3 ) la terna di operatori x op x op, y op, z op definita da x op f(x) = xf(x), y op f(x) = yf(x), z op f(x) = zf(x), ovvero sinteticamente x op f(x) = xf(x). Si dimostra immediatamente che le tre componenti di x op sono hermitiane. Le funzioni u x (x) = δ (3) (x x) = δ(x x) δ(y ȳ) δ(z z) sono autofunzioni simultanee delle tre componenti x, y, z dell operatore x corrispondenti rispettivamente agli autovalori x, ȳ, z. Sinteticamente scriviamo x u x (x) = x u x (x). La famiglia di "funzioni" u x (x), non appartenenti a L 2 (R 3 ), ha le seguenti proprietà: a) permette di sviluppare qualsiasi elemento di L 2 (R 3 ), ψ(x) = d 3 x ψ( x) δ (3) (x x); b) costituisce un sistema ortonormale nel senso del prodotto scalare, GEN, u x, u x GEN = d 3 x δ (3) (x x) δ (3) (x x) = δ (3) ( x x). Pertanto le funzioni u x (x) = δ (3) (x x) pur non appartenendo allo spazio L 2 (R 3 ) e pur non essendo nemmeno funzioni nel senso ordinario costituiscono una base ortonormale in L 2 (R 3 ) nello stesso senso in cui lo sono le funzioni v k (x) e u x (x) in L 2 (R) e v k (x) in L 2 (R 3 ).

9 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 9 GENERALIZZAZIONE Le funzioni v k (x) e u x (x) hanno, per ogni finito, le proprietà caratteristiche x + x d x u x (x) = k + k dk v k (x) = d x χ x,x + ( x) u x (x) = dk χ k,k + (k) v k (x) L 2 (R), d x χ x,x + ( x) δ(x x) = χ x,x + (x) L 2 (R) che permettono di sviluppare su di esse qualsiasi ψ(x) L 2 (R). Le funzioni v k (x) e u x (x) hanno proprietà analoghe in L 2 (R 3 ). Sulla base degli esempi esaminati, in uno spazio di Hilbert L 2 (R n ) delle funzioni di x R n, accanto alle autofunzioni a modulo quadrato integrabili w i (x) L 2 (R n ), ammetteremo anche autofunzioni w s (x), eventualmente costruite con funzioni delta, purché la variabile s sia continua e l integrale in s su ogni intervallo di ampiezza finita sia a modulo quadrato integrabile, cioè tali che per ogni finito (20) s+ s ds w s (x) L 2 (R n ). Terminologia Gli autovettori appartenenti a L 2 (R n ) e i corrispondenti autovalori si dicono propri. Gli autovettori nel senso generalizzato descritto sopra e i corrispondenti autovalori si dicono impropri. Nota Gli autovettori impropri (e i corrispondenti autovalori) sono necessariamente individuati da almeno una variabile continua, altrimenti non riusciremmo a rientrare in L 2 (R n ) sommandoli. Un sistema ortonormale di autovettori propri è necessariamente numerabile, cioè i suoi elementi sono individuati da indici discreti. Spettro Per gli operatori delle famiglie che ci interessano, si dice spettro l insieme degli autovalori propri e impropri. In generale un operatore può avere spettro discreto, spettro continuo, spettro discreto e spettro continuo (anche parzialmente sovrapposti).

10 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 0 RAPPRESENTAZIONI La rappresentazione x in L 2 (R) La autofunzioni improprie u x (x) = δ(x x) dell operatore x costituiscono una base ortonormale, (2) u x,u x GEN = dx δ(x x) δ(x x) = δ( x x), nello spazio L 2 (R) delle funzioni di x. Se ψ = ψ(x) è un elemento del nostro spazio L 2 (R), la relazione (22) ψ( x) = dx δ(x x) ψ(x) = u x,ψ gen permette di considerare ψ( x) come il rappresentativo dell elemento ψ nella rappresentazione definita dalla base dei vettori u x (x) il cui rappresentativo è δ(x x), che è detta rappresentazione x. La relazione (22) mostra che il rappresentativo di ψ(x) è la stessa funzione ψ( x), cioè la rappresentazione x è l autorappresentazione dello spazio L 2 (R) delle funzioni di x. Nella rappresentazione x, per la loro stessa definizione, l operatore x è rappresentato dalla moltiplicazione per la variabile x e l operatore i d è rappresentato dalla derivazione rispetto a x moltiplicata per i. dx Se L è un operatore lineare tale che ϕ = Lψ, la sua azione può essere scritta ϕ(x) = dx L(x, x ) ψ(x ) in termini dei rappresentativi ψ(x) e ϕ(x) di ψ e ϕ e del rappresentativo L(x, x ) come nucleo integrale di L nella rappresentazione x. I rappresentativi come nucleo integrale dell identità, dell operatore x, dell operatore i d dx sono rispettivamente δ(x x ), x δ(x x ) e i δ (x x). Queste espressioni, oltre che essere evidenti, possono essere ottenute formalmente dalla relazione L(x, x ) = u x, Lu x GEN = d x u x( x) L u x ( x).

11 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 La rappresentazione k in L 2 (R) Le autofunzioni improprie v k (x) = exp(ikx) dell operatore i d dx costituiscono una base ortonormale, (23) v k, v k GEN = dx exp( ik x) exp(ikx) = δ(k k ) nello spazio L 2 (R) delle funzioni di x. Se ψ = ψ(x) è un elemento del nostro spazio L 2 (R), la relazione (24) ψ(k) = dx exp( ikx) ψ(x) = v k, ψ gen definisce il rappresentativo ψ(k) dell elemento ψ nella rappresentazione definita dalla base dei vettori v k (x), che è detta rappresentazione k. Il teorema sulla trasformata inversa di Fourier fornisce la relazione inversa alla (24) (25) ψ(x) = dk ψ(k) exp(ikx). Dalle relazioni (25) e (23) segue l espressione del prodotto scalare ψ 2, ψ in termini dei rappresentativi ψ (k) e ψ 2 (k), (26) ψ 2, ψ = dx ψ2(x) ψ (x) = dx dk ψ 2(k) exp( ikx) ψ (x) = dk ψ 2(k) ψ (k). Posto ϕ(x) = x ψ(x) risulta ϕ(k) = dx exp( ikx)xψ(x) = dx i d exp( ikx) ψ(x) = i d }{{} dk dk ψ(k), cioè l operatore x è rappresentato dalla derivazione rispetto a k moltiplicata per i. Posto ϕ(x) = i d ψ(x), usando la formula di integrazione per parti, risulta dx ϕ(k) = dx exp( ikx)( i) d dx ψ(x) = dx k exp( ikx) ψ(x) = k ψ(k), cioè l operatore i d dx è rappresentato dalla moltiplicazione per k. I rappresentativi come nucleo integrale L(k, k ) dell identità, dell operatore x, dell operatore i d dx sono rispettivamente δ(k k ), i δ (k k) e k δ(k k ).

12 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 2 Le rappresentazioni x e k in L 2 (R 3 ) Le funzioni costituiscono una base ortonormale, u x (x) = δ(x x)δ(y ȳ)δ(z z) = δ (3) (x x) u x, u x GEN = δ (3) ( x x ), nello spazio L 2 (R 3 ) delle funzioni di x. La relazione (27) ψ( x) = d 3 x δ (3) (x x) ψ(x) = u x,ψ gen permette di considerare ψ( x) come il rappresentativo dell elemento ψ nella rappresentazione definita dalla base dei vettori u x (x) il cui rappresentativo è δ (3) (x x), che è detta rappresentazione x ed è l autorappresentazione dello spazio L 2 (R 3 ) delle funzioni di x. Le funzioni v k (x) = () 3/2 exp(ik xx) exp(ik y y) exp(ik z z) = exp(ik x) 3/2 () costituiscono una base ortonormale, v k, v k GEN = δ(k x k x) δ(k y k y) δ(k z k z) = δ (3) (k k ), nello spazio L 2 (R 3 ) delle funzioni di x. La relazione (28) ψ(k) = d 3 x exp( ik x) ψ(x) = v () 3/2 k,ψ gen definisce il rappresentativo ψ(k) dell elemento ψ = ψ(x) nella rappresentazione definita dalla base dei vettori v k (x), che è detta rappresentazione k. La relazione inversa alla (28) è (29) ψ(x) = d 3 k ψ(k) exp(ik x) () 3/2 Il prodotto scalare ψ 2, ψ in termini dei rappresentativi ψ (k) e ψ 2 (k) è dato da (30) ψ 2, ψ = d 3 k ψ 2(k) ψ (k). Le relazioni (28) e (29) connettono i rappresentativi u x, ψ = ψ(x) e v k, ψ = ψ(k) di un stesso elemento ψ(x) di L 2 (R 3 ) nelle due rappresentazioni.

13 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 3 Basi improprie in generale e funzione delta Sia {w s (x)} una base impropria la cui ortonormalità, come nei casi fin qui esaminati, sia espressa dalla relazione (3) w s, w s GEN = δ(s s ). L uso dei prodotti scalari generalizzati, gen e, GEN e della funzione delta di Dirac permette di eseguire sulla base {w s (x)} in modo formalmente identico tutte le operazioni che si eseguono sulle basi ortonormali propriamente dette usando il prodotto scalare ordinario e il simbolo delta di Kronecker. Calcolo delle componenti Posto ψ(x) = ds ψ(s) w s (x), segue immediatamente dalla (3) δ(s s ) w s, ψ gen = ds ψ(s) { }} { w s, w s GEN = ψ(s ). Prodotto scalare Da ψ (x) = ds ψ (s) w s (x), ψ 2 (x) = ds ψ 2 (s) w s (x), segue immediatamente ψ 2, ψ = ds ds δ(s s ) ψ 2 (s ) ψ { }} { (s) w s, w s GEN = ds ψ 2(s) ψ (s). Azione di un operatore Considerato un operatore L definito da ϕ(x) = L ψ(x) si può scrivere ϕ(s) = w s, ϕ gen = w s, L ψ gen = w s, L ds ψ(s ) w s gen = ds w s, L w s GEN ψ(s ), dove w s, L w s GEN = dx ws (x) L w s (x) è il rappresentativo come nucleo integrale dell operatore L. Simbologia Nei fascicoli successivi sottintenderemo le specificazioni gen e GEN fin qui apposte ai prodotti scalari generalizzati.

14 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 4 PROBLEMA AGLI AUTOVALORI DEGLI OPERATORI AUTOAGGIUNTI E UNITARI Ci chiediamo se, in uno spazio di Hilbert infinitodimensionale H, sia possibile individuare classi di operatori per i quali esista sempre un sistema completo di autovettori propri o impropri. La risposta è affermativa. Teorema Un operatore autoaggiunto o unitario possiede sempre un sistema completo di autovettori propri e impropri. Gli autospazi propri sono sempre mutuamente ortogonali nel senso del prodotto scalare,, gli autospazi propri sono sempre ortogonali a quelli impropri nel senso del prodotto scalare, gen e gli autospazi impropri sono sempre mutuamente ortogonali nel senso del prodotto scalare, GEN. Gli autovalori propri e impropri di un operatore autoaggiunto sono reali. Gli autovalori propri e impropri di un operatore unitario sono numeri complessi di modulo. Basi ortonormali Gli autospazi propri sono individuati da uno o più indici discreti. Gli autospazi impropri sono individuati da uno o più indici di cui almeno uno continuo. Dagli autovettori propri e impropri possono sempre essere estratte basi ortonormali. In caso di degenerazione i vettori di una base ortonormale saranno individuati da ulteriori indici in aggiunta a quelli che individuano gli autospazi. Nel caso degli autospazi propri gli ulteriori indici sono comunque discreti e l ortonormalità nel sottospazio è espressa tramite simboli di Kronecker. Nel caso degli autospazi impropri gli ulteriori indici possono essere discreti o continui (anche per uno stesso operatore) e l ortonormalità nel sottospazio è espressa tramite simboli di Kronecker o funzioni delta di Dirac.

15 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 5 Proprietà degli operatori considerati Gli operatori k op = i d dx, k2 op = d2 dx 2, x op = x sono tutti hermitiani nel dominio di definizione ovunque denso S (R) L 2 (R). Il loro dominio può essere esteso univocamente in modo che l estensione sia autoaggiunta. Analogamente gli operatori k op = i, kop 2 =, x op = x sono tutti hermitiani nel dominio di definizione ovunque denso S (R 3 ) L 2 (R 3 ). Il loro dominio può essere esteso univocamente in modo che l estensione sia autoaggiunta. La completezza degli autovettori, tutti impropri, di questi operatori, che abbiamo stabilito con argomenti euristici, è in realtà la completezza degli autovettori della loro estensione autoaggiunta che discende dal teorema dianzi enunciato.

16 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 6 Risoluzioni dell identità e di un operatore Considerati gli autovettori propri e impropri ortonormalizzati di un operatore autoaggiunto (o eventualmente unitario), A w nl = a n w nl, (n π d discreto), si può sempre scrivere f = c nl w nl + dk c km w km, nl m π c A w km = a k w km, (k π c continuo, m discreto), A f = a n c nl w nl + dk a k c km w km, nl m π c dove c nl = w nl, f, c km = w km, f gen. Poiché w nl, f w nl = P nl f, dove P nl è il proiettore sul sottospazio unidimensionale generato da w nl, se lo spettro è puramente discreto si ha f = nl P nlf = n P nf, A f = nl a np nl f = n a np n f, dove P n è il proiettore sull autospazio appartenente all autovalore a n. In termini di operatori le ultime relazioni si scrivono = n P n, A = n a np n. Se lo spettro non è puramente discreto, per la parte continua scriviamo formalmente w km, f gen w km = P km f, m P km = P k, anche se P km e P k non sono operatori con risultato in H. Allora f = P nf + dk P k f, A f = a np n f + dk a k P k f, n π n c π c ovvero (32) = P n + dk P k, A = a np n + dk a k P k. n π n c π c (risoluzione dell identità) (risoluzione dell operatore A) Notiamo che, anche se P k non ha risultato in H, per ogni finito P k, = k+ k dk P k e A k, = k+ k dk a k P k sono rispettivamente un proiettore e un operatore con risultato in H.

17 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 7 Commutatività e diagonalizzazione simultanea di più operatori Due operatori autoaggiunti o unitari A e B commutano quando tutti i proiettori Pn A, Pk, A della risoluzione dell uno commutano con tutti i proiettori Pn B, Pk, B della risoluzione dell altro. Nota Nel caso di operatori limitati il loro commutatore [ A,B ] è ovunque definito e la definizione data sopra equivale all annullarsi del commutatore. Nei capitoli successivi ignoreremo i problemi di dominio e daremo per scontato che due operatori commutino quando il loro commutatore, anche non ovunque definito, sia nullo. Teorema Condizione necessaria e sufficiente affinché gli operatori autoaggiunti o unitari A, B, C,... abbiano un sistema completo di autovettori propri o impropri comuni è che gli operatori commutino a due a due. Funzioni di un sistema di operatori commutanti Il concetto di funzione arbitraria di un sistema di operatori autoaggiunti o unitari commutanti si introduce in modo del tutto analogo al caso degli spazi di Hilbert finitodimensionali. Esponenziazione di un operatore autoaggiunto Sia A un operatore autoaggiunto e sia f(a) = exp(ica) con a numero reale non nullo. Allora l operatore f(a) = exp(ica) è un operatore unitario. Sistemi esaurienti di operatori commutanti Del tutto analogamente al caso degli spazi di Hilbert finitodimensionali diciamo che un sistema di operatori A, B, C,... (autoaggiunti o unitari) commutanti è esauriente se il problema agli autovalori simultaneo del sistema di operatori non presenta degenerazione. Aggiunta a un sistema esauriente di operatori commutanti Se A, B, C è un sistema esauriente di operatori (autoaggiunti o unitari) commutanti e G è un ulteriore operatore (autoaggiunto o unitario) che commuta con A, B e C, G è funzione di A, B, C.

18 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 8 SOTTOSPAZI INVARIANTI Il concetto di riduzione di un operatore a un sottospazio si trasferisce senza difficoltà al caso degli spazi di Hilbert infinitodimensionali sia pure con qualche ovvia cautela per quanto riguarda i domini nel caso di operatori non limitati. Per quanto riguarda il concetto di sottospazio invariante conviene limitare la definizione agli operatori autoaggiunti o unitari, definendo un sottospazio H invariante per l operatore A quando per tutti i proiettori della risoluzione dell operatore valga la condizione (33) P n P = P P n P, P k, P = P P k, P o equivalentemente (34) P P n P = 0, P P k, P = 0, dove P e P sono rispettivamente i proiettori su H e sul complemento ortogonale H = H H. Dalla (34), essendo i proiettori P n e P k, autoaggiunti, segue immediatamente che anche H è invariante per A. Nota Per un operatore autoaggiunto A la definizione di invarianza di H è equivalente alla (33). AP = PAP Per un operatore unitario U la definizione di invarianza di H UP = P UP è più debole della (33) e non implica l invarianza di H.

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA Appunti raccolti nel Dipartimento di Fisica dell Università La Sapienza di Roma a cura di Stefano Patrì. Indirizzo e-mail dell autore: seriegeo@yahoo.it 5 ottobre 008

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Esercizi su Autovalori e Autovettori

Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizio n.1 5 A = 5, 5 5 5 Esercizio n.6 A =, Esercizio n.2 4 2 9 A = 2 1 8, 4 2 9 Esercizio n.7 6 3 3 A = 6 3 6, 3 3 6 Esercizio n.3 A = 4 6 6 2 2, 6 6 2 Esercizio

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI DELLA MECCANICA QUANTISTICA

L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI DELLA MECCANICA QUANTISTICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA L INTERPRETAZIONE DEI MOLTI MONDI E DELLE MOLTE MENTI DELLA MECCANICA QUANTISTICA Candidato Leonardo Maria

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

GRUPPI TOPOLOGICI. 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria

GRUPPI TOPOLOGICI. 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria CAPITOLO I GRUPPI TOPOLOGICI 1 Gruppi Un gruppo è un insieme G, che contiene un elemento distinto e e su cui è definita un operazione binaria (1.1) G G (a, b) a b G con le proprietà: (i) a e = e a = a

Dettagli

Calcolo tensoriale: introduzione elementare ed applicazione alla relatività speciale

Calcolo tensoriale: introduzione elementare ed applicazione alla relatività speciale Capitolo 6 Calcolo tensoriale: introduzione elementare ed applicazione alla relatività speciale Il calcolo tensoriale costituisce un capitolo della geometria differenziale, e potrebbe essere discusso in

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici

Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Capitolo 7: Simmetrie e Numeri Quantici Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Simmetrie Invarianza Leggi di Conservazione 1) Principi di Invarianza e leggi di

Dettagli

Richiami di algebra lineare e geometria di R n

Richiami di algebra lineare e geometria di R n Richiami di algebra lineare e geometria di R n combinazione lineare, conica e convessa spazi lineari insiemi convessi, funzioni convesse rif. BT.5 Combinazione lineare, conica, affine, convessa Un vettore

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo

Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Teoremi di struttura dei moduli finitamente generati su un dominio euclideo Appunti al corso di Algebra Anno accademico 23-24 1 Prodotti diretti. Siano M e N due moduli sullo stesso anello A, non necessariamente

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Cosa sono gli esoneri?

Cosa sono gli esoneri? Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli