La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati"

Transcript

1 La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati Simonetta Montemagni 1 1 Istituto di Linguistica Computazionale - CNR / Consorzio Pisa Ricerche, Pisa, Italy Abstract. L articolo descrive la Treebank sintattico-semantica dell italiano sviluppata nell ambito del progetto nazionale SI-TAL. Partendo dalla sua architettura multi-livello e dalla composizione del corpus, vengono ripercorse le motivazioni che hanno ispirato le specifiche dell annotazione sintattica e semanticolessicale e sono discussi i criteri che hanno guidato le modalità e le scelte di annotazione. L articolo si conclude con una caratterizzazione della risorsa finale che viene descritta per i suoi diversi livelli in termini sia qualitativi sia quantitativi. 1 Introduzione A livello internazionale c è stato negli ultimi anni un unanime riconoscimento da parte della comunità scientifica ed industriale del ruolo cruciale ricoperto dalle risorse linguistiche nel trattamento automatico del linguaggio. Come risposta a tale crescente esigenza, risorse linguistiche quali corpora per lo scritto e il parlato, lessici computazionali e strumenti software ad essi connessi sono stati sviluppati nell ambito di varie iniziative progettuali europee, americane ed asiatiche. In particolare, il ruolo infrastrutturale delle risorse richiede che esse vengano i) disegnate, costruite, validate con i potenziali utilizzatori (da cui la necessità di coinvolgimento delle industrie), ii) costruite riutilizzando risorse parziali disponibili (da cui la conversione di risorse esistenti), iii) messe a disposizione della intera comunità nazionale ed internazionale, iv) armonizzate con le risorse di altre lingue europee (da cui il riferimento a modelli e standard europei e internazionali); si veda in proposito Zampolli 1998a e 1998b. È in questo contesto generale che si inquadra il progetto SI-TAL (Sistema Integrato per il Trattamento Automatico del Linguaggio), finalizzato alla creazione di risorse per l italiano. SI-TAL, finanziato dal MURST nell ambito della legge 46/82 art.10 ( Infrastruttura nazionale per le risorse linguistiche nel settore del trattamento automatico della lingua naturale parlata e scritta ), è iniziato nel giugno del 1999 ed è ormai giunto alle sue battute conclusive. Sotto la direzione scientifica di Antonio Zampolli dell Istituto di Linguistica Computazionale del CNR di Pisa, per conto del Consorzio Pisa Ricerche (CPR), il progetto ha riunito le attività di alcuni tra i princi-

2 pali protagonisti della ricerca nazionale nel settore del trattamento automatico del linguaggio, con particolare attenzione rivolta verso le sue applicazioni nel settore della telematica avanzata e della tecnologia dell informazione. Uno dei prerequisiti fondamentali per lo sviluppo di applicazioni basate sul trattamento automatico del linguaggio è l utilizzo di grandi quantità di dati testuali opportunamente codificati e annotati a livello linguistico. La Treebank Sintattico Semantica dell Italiano sviluppata nell ambito di SI-TAL è appunto una risposta a tale necessità. Questo tema, infatti, si rivolge ad una esigenza prioritaria sia nel dominio applicativo sia in quello più teorico e di ricerca, ovvero la necessità di produrre e di mettere a disposizione della comunità culturale e industriale italiana risorse annotate a diversi livelli di descrizione linguistica che possano svolgere la stessa funzione rivestita per la lingua inglese dalla Penn Treebank (Marcus et al. 1993, 1994) per quanto riguarda la sintassi oppure da SEMCOR (Landes et al. 1998) per quanto concerne la semantica. Proprio l esperienza di queste ultime dimostra come corpora annotati a livello sintattico e semantico rappresentino un fattore determinante per lo sviluppo e valutazione di applicazioni basate sul trattamento automatico del linguaggio. L obiettivo della Treebank è stato la produzione di un corpus dell italiano scritto annotato ai seguenti tre livelli: struttura sintattica a costituenti - per una copertura di ca occorrenze, con l annotazione dei costituenti sintagmatici e delle loro relazioni di incassamento gerarchico; struttura sintattica a livello funzionale - per una copertura di ca occorrenze, con l annotazione delle relazioni funzioni principali (es. soggetto, oggetto diretto); semantico-lessicale - ca occorrenze di parole piene (distribuite tra nomi, verbi, aggettivi), annotate semanticamente con l assegnazione del senso rilevante (ricavato da ItalWordNet) nei loro contesti di occorrenza. Una precisazione terminologica è necessaria a questo punto. Il termine Treebank è entrato nell uso corrente per indicare un corpus testuale, cioè un insieme strutturato di testi, annotato con codici linguistici, normalmente a livello sintattico. Nel nostro caso, dato il parallelismo dell annotazione sintattica e di quella semantica, estendiamo l utilizzo del termine Treebank anche al corpus annotato con codici linguistici a livello semantico. Il corpus da annotare è stato ripartito in una parte bilanciata (costituita da diversi tipi di testi italiani, scelti in particolare per aspetti di rilevanza applicativa e industriale), e da una parte specialistica. La porzione di corpus specialistica ha anche un ruolo cruciale per la valutazione della risorsa Treebank, che è stata realizzata nell ambito di un sistema applicativo di traduzione automatica. La Treebank include anche GesTALt, un software dedicato per la creazione, validazione e gestione del corpus annotato. Il sistema è composto di quattro sottosistemi indipendenti ma cooperanti: tre sottosistemi sono dedicati all annotazione, distinta nei suoi diversi livelli, mentre un sistema è dedicato alla validazione e consultazione delle annotazioni effettuate. Java è stato scelto come linguaggio di implementazione

3 dell interfaccia per la elevata portabilità e per la realizzazione del sottosistema Treebank come architettura client-server. In particolare, GesTALt comprende un sistema di gestione di basi di dati orientato agli oggetti - necessario per garantire l efficienza e la versatilità nelle interrogazioni un modulo di importazione dei dati di input e un modulo di esportazione dei dati annotati in XML. La definizione delle specifiche per i singoli livelli di annotazione così come per le loro relazioni (illustrate nelle sezioni successive) è stata guidata dallo spettro di usi che si prospettano per una risorsa come la Treebank. Questi vanno dall ambito più propriamente applicativo, per compiti quali la disambiguazione di senso, all addestramento automatico ( training/tuning ) di sistemi per l analisi sintattica automatica e per la disambiguazione semantica dell italiano, alla valutazione di sistemi di elaborazione del linguaggio naturale. L aspetto della valutazione dei risultati di diversi sistemi e tecniche è oggi cruciale, e anche per questo è essenziale la creazione di corpora annotati da usarsi come riferimento per la valutazione ( testbed ). Inoltre, corpora testuali annotati a diversi livelli di descrizione possono essere usati per l induzione di modelli linguistici e per l acquisizione di informazione linguistica, nonché per molteplici usi didattici. La Treebank di SI-TAL è il prodotto di uno sforzo collettivo in cui competenze ed esperienze diverse sono state finalizzate e coordinate nella realizzazione di un impresa che per i suoi sforzi obiettivi non può che avere un carattere corale. In particolare, l annotazione linguistica è stata realizzata in maniera distribuita dal Consorzio Pisa Ricerche (CPR) in collaborazione con l Istituto di Linguistica Computazionale del CNR (Pisa), dall Istituto Trentino di Cultura - Istituto per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (ITC-IRST) di Trento e dal Consorzio Venezia Ricerche (CVR) in collaborazione con l Università di Venezia; il software GesTALt è stato sviluppato dal Centro per la Ricerca, Sviluppo, Formazione nelle Tecnologie ed Applicazioni Informatiche (CERTIA) di Roma in collaborazione con l Università di Tor Vergata mentre la validazione è stata effettuata da Synthema (Pisa). Al di là di queste divisioni organizzative, è però importante sottolineare come il disegno della risorsa finale e le specifiche linguistiche siano il frutto di un lavoro collettivo e collaborativo in cui il know-how e l expertise dei vari membri del gruppo è stato messo a frutto nello sviluppo di una risorsa che intende realmente essere al servizio della comunità di ricerca ed industriale che opera nel settore della trattamento automatico del linguaggio. Le sezioni che seguono illustrano l architettura della Treebank di SI-TAL (sezione 2), la composizione e l annotazione del corpus selezionato come punto di partenza (sezione 3), le motivazioni sottostanti alle specifiche di annotazione per i livelli sintattico e semantico e i criteri che ne hanno guidato la definizione (sezione 4). Il contributo si conclude con una breve descrizione del risultato finale, la Treebank sintatticosemantica dell italiano (sezione 5). 2 Architettura della Treebank di SI-TAL La Treebank di SI-TAL ha una struttura a tre livelli che copre i livelli di descrizione linguistica sintattico e semantico. L annotazione sintattica è distribuita su due diversi

4 livelli, indipendenti ma complementari: il livello dell annotazione a costituenti (che marca i costituenti sintagmatici e le loro relazioni di incassamento gerarchico) ed il livello dell annotazione funzionale (che fornisce una descrizione della frase in termini di relazioni grammaticali del tipo soggetto, oggetto diretto). Il terzo livello riguarda l annotazione semantico-lessicale, che è realizzata nei termini di etichettatura di senso aumentata con altri tipi di informazione semantica. I tre livelli di annotazione sono indipendenti gli uni dagli altri, e fanno tutti riferimento allo stesso input, ovvero al testo annotato morfo-sintatticamente: a questo livello l annotazione include l identificazione delle parole morfologiche, con specificazione del lemma, della relativa parte del discorso e tratti morfo-sintattici associati. Il testo con etichettatura morfo-sintattica fa a sua volta riferimento ad un altro modulo di annotazione, il modulo di annotazione ortografica, che include informazione relativa alle parole ortografiche e all organizzazione macrotestuale. L architettura della Treebank di SI-TAL è schematizzata in Fig. 1: Annotazione ortografica Annotazione morfo-sintattica INPUT Annotazione sintattica Annotazione a costituenti Annotazione funzionale Annotazione semanticolessicale

5 Fig. 1. Architettura della Treebank di SI-TAL 3 Il corpus della Treebank di SI-TAL 3.1 Composizione Il corpus della Treebank di SI-TAL è suddiviso in due partizioni: 1. un corpus bilanciato, costituito da una selezione di diversi tipi di testi italiani; 2. un corpus specializzato, costituito da testi appartenenti al dominio economico-finanziario. Come punto di partenza è stato selezionato il corpus di italiano sviluppato presso L Istituto di Linguistica Computazionale (CNR, Pisa) nell ambito del progetto europeo PAROLE (LE-4017, Zampolli 1998a) il cui fine, per quanto riguarda i corpora, era quello di produrre e mettere a disposizione della comunità scientifica e industriale un insieme di corpora di riferimento per le principali lingue europee costruiti secondo specifiche comuni riguardo alla composizione, alla codifica e all annotazione linguistica. In particolare, si è partiti dalla porzione del corpus di PAROLE corredata di annotazione morfo-sintattica, costituita da circa parole. Al corpus annotato di PAROLE è stato affiancato un altro corpus di circa parole, anch esso corredato di annotazione morfo-sintattica, costruito nell ambito di un sottocontratto dato da ELSNET alla task-force Risorse Linguistiche coordinata da A. Zampolli e U. Heid e costituito da articoli tratti dal quotidiano La Repubblica selezionati come rappresentativi di soggetti vari (politica, cultura, economia, sport, ecc.); cfr Corazzari e Monachini La composizione interna del corpus della Treebank di SI-TAL è sintetizzata nella tabella che segue: Tabella 1. Composizione del corpus della Treebank di SI-TAL Partizione corpus Fonte Origine Tokens Finanziario Il Sole-24 Ore Giornata del 25/5/ Articoli di vario argomento usciti tra Bilanciato La Repubblica il 1985 e il Giornata del 15/7/ Bilanciato Il Corriere della Sera Giornata del 7/8/

6 Partizione corpus Bilanciato Fonte Origine Tokens Periodici: S Casaviva S Centocose S Epoca S Espansione S Grazia S Panorama S Starbene S Storia Illustrata S Zerouno Selezione di articoli usciti nell anno La porzione specialistica (finanziaria) del corpus della Treebank di SI-TAL è costituita dagli articoli estratti da Il Sole-24 Ore, per un totale di parole ( tokens ). La rimanente parte, per un totale di parole, costituisce il corpus bilanciato. In totale, la Treebank ha una copertura di parole. 3.2 Annotazione ortografica e morfo-sintattica Il corpus della Treebank è organizzato in articoli. Per ogni articolo, il modulo di annotazione ortografica riporta informazione relativa a: le parole ortografiche che costituiscono il testo (es. indica la presenza di caratteri maiuscoli/minuscoli all interno della stringa di caratteri); l organizzazione macrotestuale, ovvero la strutturazione del testo in unità quali titolo, sottotitolo, didascalia, corpo dell articolo, paragrafo, etc.; per maggiori dettagli si rinvia a Goggi et al Entrambi i corpora selezionati come punto di partenza della Treebank di SI-TAL erano corredati di annotazione morfo-sintattica con indicazione del lemma di appartenenza. L annotazione è stata effettuata automaticamente, mediante il Pi-Tagger (Picchi 1994). L output del Pi-Tagger è stato poi rivisto manualmente da due linguisti che hanno verificato la correttezza delle etichette e dei lemmi selezionati e, ove necessario, hanno apportato le necessarie correzioni. Il tagset usato per l annotazione morfo-sintattica è quello sviluppato presso l Istituto di Linguistica Computazionale e adottato nell ambito del progetto PAROLE con le dovute modifiche di formato di rappresentazione (Goggi et al. 1997), ed è conforme agli standard esistenti per quanto riguarda questo livello di annotazione (ovvero EAGLES, si veda Monachini e Calzolari 1996). Sul versante specifico del progetto SI-TAL, va segnalato il fatto che si tratta dello stesso schema di annotazione adottato, con le modifiche necessarie all annotazione del parlato, nell ambito del tema Dialoghi Annotati : questo costituisce un importante punto di contatto tra i due temi del progetto e crea i presupposti, negli usi futuri di SI-TAL, per la comparabilità e l integrabilità delle risorse sviluppate.

7 Al livello morfo-sintattico, l annotazione riguarda l identificazione delle parole morfologiche del testo costituente l articolo, con specificazione del lemma di appartenenza, della relativa parte del discorso e tratti morfologici e morfo-sintattici associati. In questo caso, l annotazione fa riferimento al modulo di annotazione ortografica. Nel modulo di annotazione morfo-sintattica della Treebank di SI-TAL, ogni parola morfologica è descritta dai seguenti tratti: parte del discorso ( pos ); tratti morfologici ( mfeats ), espressi tramite un codice sintetico che combina informazione di persona, numero, tempo, modo, etc; tratti morfo-sintattici ( sfeats ) del tipo verbo transitivo, nome umano, etc. volti ad integrare l informazione morfologica delle mfeats ; lemma. L annotazione a questo livello include anche il trattamento di forme morfologicamente complesse e di espressioni polilessicali di base. Nell annotazione di parole ortografiche morfologicamente complesse (ad es. forme verbali con clitico), la parola ortografica è segmentata nei suoi elementi costitutivi. Nel caso delle parole contenenti elementi clitici due o più parole morfologiche puntano alla stessa forma ortografica. Ad esempio, la forma verbale con clitico pubblicandola del livello ortografico, al livello morfologico è segmentata in due parole morfologiche i cui lemmi sono rispettivamente pubblicare e la e che fanno riferimento entrambe alla stessa unità ortografica. Nell annotazione di espressioni polilessicali, la sequenza di parole ortografiche che compongono l espressione polilessicale è annotata come un unica parola morfologica. Le espressioni polilessicali identificate a questo livello sono sempre costituite da sequenze continue di parole ed includono: espressioni con parole straniere (del tipo ad_hoc, inter_nos, prima_facie, run_time, plug_and_play); espressioni con parole italiane che mostrano una distribuzione circoscritta a contesti specifici (es. la locuzione avverbiale alla_chetichella); espressioni irregolari del tipo al_di_là, per_lo_più, alla_spicciolata, allo_scoperto, all _impazzata la cui composizione non segue le regole generali della grammatica italiana; locuzioni di vario tipo, ad esempio locuzioni preposizionali o avverbiali come in_funzione_di, fino_a, intorno_a, a_disagio, a_fatica, le cui proprietà distribuzionali e semantiche non seguono direttamente dalle parole che le compongono. Le espressioni polilessicali di questo livello sono valide per tutti i livelli di annotazione della Treebank: l annotazione sintattica e semantico-lessicale fa riferimento alle espressioni polilessicali del livello base. Quindi al di là di sarà trattata e vista come preposizione (ovvero come un unica parola morfologica il cui lemma è al_di_la _di a cui è associata l interpretazione di preposizione) dai livelli di annotazione sintattici e semantico-lessicale. Vi sono altri tipi di espressioni polilessicali, come ad esempio avere_un idea, fare_soldi, fare_esperienza, avere_familiarità così come consiglio_di_amministrazione la cui identità di espressioni polilessicali è introdotta solo al livello dell annotazione semantico-lessicale (si veda Mana et al. in questo volume).

8 4 Annotazione sintattico-semantica L annotazione sintattica e semantica ha costituito l obiettivo del progetto. La definizione delle specifiche per l annotazione sintattica e semantico-lessicale è stata guidata dallo spettro di usi che si prospettano per la Treebank di SI-TAL sia nell ambito di applicazioni di elaborazione del linguaggio naturale sia sul versante teorico e di ricerca brevemente delineati nella sezione introduttiva. In relazione a questi usi, è stata identificata una serie di desiderata che la Treebank di SI-TAL intendeva soddisfare: usabilità per diversi scopi sia di tipo applicativo sia di ricerca; compatibilità con diversi approcci alla sintassi, basati sia su un analisi a costituenti oppure su un analisi a dipendenze, adottati in ambito sia teorico sia di sistemi di trattamento automatico del linguaggio; applicabilità in modo coerente e riproducibile, riducendo al massimo il margine di arbitrarietà nell annotazione del testo; applicabilità sia alla lingua scritta sia al parlato. Questi desiderata hanno trovato soddisfazione nell architettura globale dello schema di annotazione della Treebank di SI-TAL come segue: i requisiti di usabilità e compatibilità sono stati interpretati in termini di (inter)traducibilità dello schema della Treebank negli schemi di annotazione dei sistemi che ne faranno uso. Sono quindi stati evitati trattamenti e rappresentazioni troppo condizionati dagli assunti teorici di un certo paradigma e non facilmente ritraducibili in altri tipi di analisi. In particolare, per costruzioni oggetto di controversia nella letteratura si è cercato, per quanto possibile, di proporre un analisi che costituisse il punto di convergenza tra diverse interpretazioni e fosse comunque proiettabile sul maggior numero possibile di analisi. In concreto, ciò ha portato a: un annotazione sintattica distribuita su più livelli (a costituenti e funzionale) indipendenti ma complementari e correlabili nella misura in cui è possibile costruire una funzione di proiezione dall uno all altro; per ogni livello, una fattorizzazione dell informazione linguistica in varie dimensioni; i requisiti di coerenza e convergenza dell annotazione inter-livello hanno trovato risposta nel ridurre ai minimi termini possibili ridondanze dell annotazione. Un dato tipo di informazione sintattica viene specificato solo una volta, al livello di annotazione identificato come appropriato: ad esempio, le relazioni grammaticali vengono annotate solo al livello sintattico-funzionale (cfr sezioni e 4.1.3); i requisiti di coerenza e riproducibilità dell annotazione intra-livello hanno richiesto di: fornire criteri di annotazione precisi e di ampia copertura. Per ogni livello di annotazione, si è partiti da un nucleo di criteri base, fondati sia su conoscenze teoriche sia su esperienze precedenti di annotazione; che nel corso del processo di annotazione sono stati via via arricchiti alla luce dell evidenza linguistica emergente dal corpus; ridurre al massimo decisioni arbitrarie: ove opportuno e possibile, per i diversi livelli di annotazione sono state previste strategie di sottospecificazione

9 (as esempio, mediante il ricorso a categorie sottospecificate) per limitare al massimo potenziali incoerenze derivanti da annotazioni basate su scelte arbitrarie. Ovviamente, si è ricorsi ad analisi sottospecificate solo nei casi strettamente necessari, ovvero quando un analisi più dettagliata avrebbe comportato una decisione arbitraria; infine, l applicabilità sia alla lingua scritta sia al parlato trova una risposta nell indipendenza dei livelli di annotazione sintattica. Nella definizione delle specifiche di annotazione si è partiti dall analisi e dal confronto di modelli di annotazione esistenti per il livello sintattico e semantico-lessicale. Per quanto riguarda l annotazione sintattica, l analisi ed il confronto di modelli di annotazione esistenti hanno riguardato sia quelli effettivamente adottati nella costruzione di Treebanks per diverse lingue, sia le raccomandazioni emerse nell ambito di iniziative di standardizzazione (in particolare i risultati del gruppo EAGLES sulla Annotazione Sintattica, Leech et al. 1996), sia le proposte avanzate nell ambito di progetti europei quali SPARKLE (LE-2111, Carroll et al. 1996) per i livelli di annotazione sintattica a costituenti e funzionale, e MATE (Telematics Project LE4 8370) ed ELSE (LE4-8340) solo per il livello funzionale. Per quanto concerne l annotazione semantico-lessicale, sono state considerate varie esperienze maturate in progetti a carattere sperimentale quali ROMANSEVAL/SENSEVAL (Calzolari e Corazzari 2000) e ELSNET (Corazzari et al. 2000), e l esperienza dell Università di Princeton per la creazione di un corpus annotato della lingua inglese SEMCOR (Landes et al. 1998). Nelle sezioni che seguono vengono illustrati i criteri che hanno guidato la definizione delle specifiche di annotazione per i livelli sintattico (sezione 4.1) e semanticolessicale (sezione 4.2). Per maggiori dettagli sugli schemi di annotazione adottati per il livello sintattico-funzionale e semantico-lessicale si rinvia ai contributi di Pirrelli et al. e di Mana et al. in questo volume. 4.1 Specifiche di annotazione per il livello sintattico: criteri guida L organizzazione distribuita dell annotazione sintattica La Treebank sintattico-semantica della lingua italiana di SI-TAL prevede due livelli di annotazione sintattica: annotazione a livello di struttura a costituenti (basata sull identificazione di elementi quali sintagmi nominali, sintagmi verbali, sintagmi preposizionali e relative relazioni sintagmatiche); annotazione a livello funzionale (basata sulla definizione di relazioni grammaticali quali soggetto, oggetto, ecc.). La scelta di un annotazione sintattica distribuita su due livelli distinti, a costituenti e funzionale, rappresenta un elemento di novità rispetto ad altre treebank costruite o in corso di costruzione per lingue diverse (che vanno, per menzionarne alcune, dall inglese al cinese, francese, tedesco, polacco, portoghese e spagnolo). Queste risorse generalmente prevedono un livello unico per l annotazione sintattica, sia esso

10 basato su una rappresentazione a costituenti (si veda, ad esempio, Marcus et al., 1993; Sampson, 1995; Greenbaum, 1996; Sandoval et al., 1999) oppure a dipendenze (cfr Karlsson et al., 1995) o su uno schema di annotazione ibrido che combina tratti di entrambe (si veda Brants et al., 1999; Abeillé et al. 2000). La scelta di un annotazione articolata su più livelli per quanto riguarda la sintassi è condivisa, ma solo apparentemente, dalla treebank in corso di costruzione per il Ceco (Bémová et al. 1999) che prevede a) un livello di rappresentazione analitica che annota relazioni di dipendenza di superficie, e b) un livello di rappresentazione tectogrammaticale corrispondente alla struttura profonda della frase (basata su relazioni di tipo semantico, come Attore, Paziente, Origine, Effetto). Analoga articolazione si osserva nella treebank in corso di costruzione per il cinese (Chen et al. 1999). Ma mentre il modello sintattico sottostante lo schema di annotazione delle Treebanks del Ceco e del Cinese è di tipo multistratale, il rapporto tra i due livelli di annotazione sintattica nella Treebank di SI-TAL si configura diversamente: entrambi si riferiscono allo stesso livello di rappresentazione, aderendo dunque ad un modello sintattico di tipo monostratale. I due livelli di annotazione sintattica della Treebank di SI-TAL forniscono dunque viste ortogonali relativamente allo stesso livello di rappresentazione (ovvero la sintassi di superficie). Si tratta di due livelli di annotazione indipendenti e, allo stesso tempo, complementari. Sono indipendenti nella misura in cui nessuno dei due presuppone l altro: ad esempio l annotazione funzionale non fa riferimento all annotazione a costituenti mediante l assegnazione di funzioni grammaticali ai costituenti identificati. Questa organizzazione rende possibile l accesso e l analisi indipendente dei due livelli, a seconda delle finalità e dell uso che si vuole fare della risorsa. D altro canto, i due livelli forniscono informazione complementare: quindi, nella misura in cui è possibile costruire una funzione di proiezione dall uno all altro è possibile costruire viste combinate sul corpus annotato, ad esempio proiettando l informazione funzionale sulla struttura a costituenti (per maggiori dettagli si rinvia a Montemagni et al. 2000). I vantaggi di uno schema di annotazione che separa la struttura a costituenti dalla struttura funzionale sono molti, di ordine teorico e pratico. Innanzitutto, questo schema risulta particolarmente adeguato in rapporto a lingue come l italiano che presentano una certa variabilità nell ordine dei costituenti e la possibilità di omettere il soggetto al livello della frase principale. Queste due proprietà, combinate insieme, avrebbero reso una rappresentazione a costituenti dell italiano alquanto difficoltosa: in particolare, l uso frequente di costituenti vuoti (tracce, soggetti impliciti) avrebbe spesso reso l annotazione di difficile produzione ed interpretazione. Questo è un problema che è stato rilevato in relazione ad altre lingue che condividono con l italiano la variabilità al livello dell ordine dei costituenti della frase; es. il tedesco (Brants et al. 1999) e il ceco (Bémová et al. 1999). La treebank di SI-TAL fornisce una risposta a questo problema separando l informazione funzionale dalla struttura a costituenti. L analisi delle relazioni funzionali come elementi primitivi di un livello di annotazione indipendente (seppure coordinato con quello a costituenti) permette un trattamento semplice e diretto di molti fenomeni linguistici, senza il rischio di perdita di informatività. Una semplifica-

11 zione sostanziale nasce, ad esempio, dalla possibilità di evitare tracce e indici per la rappresentazione di movimenti e dislocazioni di varia natura (es. il trattamento del passivo, soggetti postverbali, costruzioni interrogative e relative). In maniera simile, non è necessario introdurre categorie vuote per i soggetti impliciti e vari tipi di ellissi. Infatti, in entrambi i casi, l informazione rilevante per la descrizione linguistica viene rappresentata in termini di dipendenze appropriate a livello funzionale. Ma l adeguatezza rispetto alle peculiarità linguistiche dell italiano non costituisce l unico vantaggio di una annotazione sintattica distribuita su più livelli. Infatti uno schema di annotazione di questo tipo risulta vantaggioso anche per altri motivi: è compatibile con diversi quadri teorici: le annotazioni proposte per i due livelli di annotazione sono comparabili con un ampio spettro di schemi di annotazione sintattica, basati su un analisi a costituenti oppure su un analisi a dipendenze, sia adottati nell ambito di teorie grammaticali sia in uso nell ambito di sistemi applicativi di elaborazione del linguaggio naturale; si presta ad essere applicabile, anche se con modalità diverse, sia alla lingua scritta sia a quella parlata. Progetti sull annotazione del parlato, come ad esempio MATE (1998), hanno messo in evidenza che una rappresentazione a costituenti risulta difficoltosa nel caso del parlato, caratterizzato dalla presenza massiccia di ellissi, anacoluti, e fenomeni di disfluenza di vario tipo. Questa difficoltà di applicazione non si ripropone a livello di annotazione funzionale, che astrae maggiormente dalla realizzazione superficiale della frase. Ne consegue che il livello di annotazione funzionale, quando dissociato da una rappresentazione a costituenti, costituisce un potenziale terreno di incontro e confronto tra testi annotati di lingua scritta e parlata. La Treebank di SI-TAL, come concepita ad oggi, è circoscritta a testi di lingua scritta: era comunque importante che nella fase delle specifiche dello schema di annotazione se ne prevedesse l applicazione anche a trascrizioni di parlato (ciò potrà certamente richiedere revisioni ed integrazioni dello schema per il trattamento di fenomeni tipici del parlato) Annotazione a costituenti: principi di base L annotazione a costituenti della Treebank di SI-TAL si discosta da altri schemi di annotazione a costituenti (ad esempio quello adottato per la Penn Treebank, Marcus et al. 1993, 1994) a diversi livelli. Queste divergenze derivano principalmente dall organizzazione distribuita dell annotazione sintattica. A questo livello, l annotazione consiste nell identificazione dei confini di costituenza con relativa categorizzazione del costituente. Lo schema di annotazione per questo livello prevede una tipologia di 22 tipi di costituenti: per maggiori dettagli a questo proposito il lettore interessato è rinviato a SI-TAL (2000), Montemagni et al. (2001). In questa sezione miriamo soltanto a fornire le coordinate generali dello schema di annotazione adottato per questo livello. Dato che le relazioni grammaticali sono annotate ad un livello distinto, quello funzionale, la struttura a costituenti identificata a questo livello è piatta, come esemplificato di seguito per la frase lo scontro sulle cessioni legali è stato risolto per decreto:

12 (1)[F [SN lo scontro [SP sulle [SN cessioni [SA legali SA] SN] SP] SN] [IBAR è stato risolto IBAR] [COMPT [SP per [SN decreto SN] SP] COMPT] F] Nella struttura a costituenti in (1) si osserva che il costituente nominale soggetto (il primo SN) il nodo verbale (IBAR) e il nodo dei complementi (COMPT) sono allo stesso livello di incassamento rispetto al nodo di frase (F). Analoghe osservazioni valgono in relazione alla struttura interna di costituenti nominali, dove non viene fatta alcuna distinzione gerarchica tra la testa, il determinante ed i complementi e/o aggiunti del nome (si veda la struttura interna del costituente nominale soggetto in 1). Inoltre, per quanto riguarda i gruppi verbali, l annotazione è ristretta al gruppo verbale minimale (che include eventuali ausiliari, pronomi clitici nel caso di verbi intransitivi pronominali e avverbi di negazione): ciò deriva dal fatto che la nozione tradizionale di sintagma verbale (SV) che include i complementi del verbo non è facilmente applicabile in italiano su larga scala e su testi reali data la sua frequente discontinuità. Questo fatto rende il SV una nozione controversa ai fini dell annotazione di corpora. Un altra peculiarità dello schema di annotazione a questo livello della Treebank di SI-TAL riguarda la totale assenza di costituenti vuoti. Il fatto che le relazioni grammaticali sono assunte come nozioni primitive e trattate ad un livello distinto invece di essere definite a questo livello in termini di relazioni di dominanza e di precedenza permette di escludere dalla struttura a costituenti elementi vuoti corrispondenti a tracce o soggetti ellittici. Questo rende l annotazione a costituenti della Treebank di SI-TAL di più facile ed immediata interpretazione. Ne consegue che fenomeni sintattici quali l omissione del soggetto ed altri tipi di costruzioni ellittiche così come casi di ordine discontinuo o semplicemente ordine non canonico dei costituenti (es. fenomeni di topicalizzazione, frasi interrogative indirette introdotte da operatore interrogativo) non sono rappresentati in termini di categorie vuote e di coindicizzazione (come ad esempio nella Penn Treebank) ma piuttosto al livello funzionale. Seguono alcuni esempi di annotazione a costituenti di frasi che presentano i fenomeni menzionati sopra: (2) Ho cose più importanti di cui occuparmi [F [IBAR Ho IBAR] [COMPC [SN cose [SA più importanti SA] [F2 [SPD di cui [SV2 occuparmi SV2] SPD] F2] SN] COMPC] F] (3) Gli ordini di vendita stranieri hanno imboccato la strada che riporta al di là del confine [F [SN Gli ordini [SPD di [SN vendita SN] [SA stranieri SA] SPD] SN] [IBAR hanno imboccato IBAR] [COMPT [SN la strada [F2 che [F [IBAR riporta IBAR] [COMPIN [SP al_di_là_del [SN confine SN] SP] COMPIN] F] F2] SN] COMPT] F] Annotazione funzionale: principi di base Per il livello di annotazione funzionale, la Treebank di SI-TAL ha optato per uno schema di annotazione funzionale tra parole piene (sostantivi, aggettivi, verbi e avverbi), del tutto indipendente dall identificazione dei costituenti frasali. In questa sede, ripercorreremo le motivazioni sottostanti a questa scelta e illustreremo breve-

13 mente le coordinate dello schema adottato; per maggiori dettagli sulle specifiche di annotazione per questo livello si rinvia a Pirrelli et al. in questo volume. Il ricorso ad una annotazione che stabilisce relazioni funzionali tra parole, invece che tra costituenti, trova supporto in una serie di motivazioni di varia natura. Da un punto di vista teorico, lo spettro di schemi di annotazione sintattica compatibili si allarga andando a coprire schemi propri di grammatiche a dipendenze (quello ad esempio adottato nell ambito di teorie quali la Word Grammar (Hudson 1984) o della Constraint Grammar (Karlsson et al. 1995)), che non presuppongono in alcun modo l esistenza di costituenti sintattici e descrivono l enunciato linguistico puramente in termini di relazioni di dipendenza tra parole o teste. Sul versante applicativo, va tenuto presente quanto segue: in una prospettiva di uso della Treebank per la valutazione di analizzatori sintattici, una annotazione funzionale tra parole è considerata particolarmente efficace in quanto: costituisce il minimo comune denominatore di una vasta tipologia di schemi di annotazione, sia basati sulla costituenza sia sulle dipendenze (Lin 1998; Lenci et al. 1999, 2000); rappresenta un terreno di comparazione più appropriato, superando i problemi posti da una valutazione condotta rispetto a rappresentazioni sintattiche a costituenti (Carroll et al. 1998; Sampson 2000; Lin 1998; Lenci et al. 1999, 2000); un numero sempre più crescente di applicazioni di ingegneria linguistica fanno uso di rappresentazioni funzionali espresse in termini di coppie di parole, in particolare in componenti per il filtraggio e recupero di informazioni (Grefenstette 1994) oppure nell ambito di sistemi per la disambiguazione di senso (si veda in proposito l iniziativa di SENSEVAL/ROMANSEVAL); considerata la difficoltà intrinseca di rappresentare trascrizioni di parlato in termini di struttura a costituenti, una rappresentazione funzionale di questo tipo permette di stabilire un terreno comune di confronto tra lingua parlata e scritta; analoga considerazione vale in una prospettiva multilingue. Mentre la struttura a costituenti può variare radicalmente tra lingue diverse e anche all interno della stessa lingua (si consideri ad esempio l effetto a livello di struttura a costituenti dell ordine libero dei costituenti in italiano), le relazioni funzionali astraendo da alcuni aspetti della sintassi di superficie (ad esempio relazioni di precedenza) - sono meno soggette a variazione sia in una prospettiva inter-linguistica sia intralinguistica. Vanno infine annoverate motivazioni di carattere operativo: un annotazione funzionale tra parole rende lo schema particolarmente flessibile per quanto riguarda le strategie e le metodologie di annotazione; ad esempio, uno stesso testo può essere annotato in parallelo ai diversi livelli, a costituenti e funzionale. Questo aspetto era cruciale nell ambito di SI-TAL, in quanto la porzione di corpus annotata a livello funzionale era significativamente più ampia di quella annotata a costituenti (circa vs circa parole); inoltre, i tempi di realizzazione della risorsa Treebank erano tali da richiedere di procedere ad una annotazione in parallelo per i diversi livelli.

14 Ulteriori motivi che hanno scoraggiato il ricorso ad una annotazione a costituenti aumentata dell informazione funzionale sono stati identificati in: la complicazione ormai ampiamente sperimentata nell ambito di altre Treebank derivante dall inclusione di informazione funzionale all interno di uno schema di annotazione a costituenti. Si veda, ad esempio, l esperienza della Penn Treebank (Marcus et al. 1994): la revisione dello schema di annotazione in vista dell estrazione automatica di una banca dati di strutture predicato-argomento ha comportato, oltre all introduzione di etichette funzionali da associarsi ai costituenti, anche un massiccio uso di tracce e costituenti vuoti che hanno appesantito l annotazione rendendola di più difficile produzione e comprensione; la stretta dipendenza che viene a stabilirsi tra i due livelli di annotazione, per cui annotazioni che nella letteratura ricevono interpretazioni controverse a livello di costituenza si ripercuotono anche al livello funzionale. Si consideri il caso di costruzioni sintattiche particolari che presentano serie difficoltà nell identificazione dei confini di costituenza, ma che non presentano particolari difficoltà a livello di un annotazione funzionale, ad esempio frasi del tipo Ho visto Maria partire, Considero Gianni intelligente oppure di casi di condivisione di costituenti in strutture coordinate. Una frase del tipo ho visto Maria partire riceve nella letteratura analisi a costituenti differenziate, ma entrambe legittime: 1. Ho visto [ Maria partire ] 2. Ho visto [ Maria ] [ partire ] si noterà che un analisi funzionale come quella riportata sotto è compatibile con entrambe e non richiede una presa di posizione a favore dell una o dell altra: a) arg(vedere, partire) b) ogg(vedere, Maria) c) sogg(partire, Maria) l analisi 1 è coperta da a) e c), mentre la 2 dalla combinazione di a), b) e c). Sulla base delle considerazioni riportate sopra, sia teoriche che pratiche, abbiamo optato per uno schema di annotazione funzionale tra parole. Lo schema di annotazione funzionale adottato per la Treebank di SI-TAL ha preso le mosse dallo schema di annotazione elaborato nel progetto europeo SPARKLE (LE- 2111), che a sua volta è stato rielaborato e rivisto ai fini della sua adozione nell ambito di campagne di valutazione di analizzatori sintattici nell ambito del progetto ELSE (LE4-8340). F.A.M.E (Functional Annotation Meta-scheme for Evaluation), lo schema elaborato in ELSE (Lenci et al. 1999, 2000), è stato rivisto e specializzato rispetto alle peculiarità della lingua da annotare l italiano ed alla sua adozione come schema di annotazione di una Treebank. Le specifiche ed i criteri di annotazione che ne sono seguiti sono il risultato di questo processo di revisione e specializzazione. Gli elementi di base dello schema di annotazione adottato sono costituiti da relazioni funzionali espresse in termini di relazioni binarie sussistenti tra due PARTECIPANTI sempre corrispondenti a parole piene o lessicali. Sono quindi auto-

15 maticamente escluse relazioni funzionali che riguardano parole grammaticali quali i determinativi, gli ausiliari, i complementatori, le preposizioni, etc. L informazione riguardante questi elementi è codificata mediante tratti associati ai partecipanti della relazione. Le relazioni funzionali includono relazioni di dipendenza, ovvero relazioni sussistenti tra una testa e un dipendente, come ad esempio la relazione di soggetto, oggetto_diretto etc. A questo livello, le relazioni identificate possono anche riguardare elementi dislocati, soggetti impliciti così come elementi ellittici di vario tipo. La tipologia di relazioni funzionali include anche relazioni di altro tipo, ovvero relazioni simmetriche di congiunzione e disgiunzione per il trattamento della coordinazione e relazioni di coreferenza per il trattamento di frasi relative ed interrogative. Per dare al lettore un idea dell annotazione a questo livello, forniamo di seguito alcuni esempi. Si consideri la rappresentazione funzionale della frase lo scontro sulle cessioni legali è stato risolto per decreto (a cui struttura a constituenti è riportata in (1) sopra): (4) sogg (risolvere.<diatesi=passiva>, scontro) mod (scontro, cessione.<introdep= su >) mod (cessione, legale) mod (risolvere.<diatesi=passiva>, decreto.<introdep= per >) Per ogni relazione identificata, vengono specificate: il tipo di relazione ( sogg sta per soggetto, mod per modificatore), la testa (il primo elemento tra parentesi) e il dipendente (il secondo elemento tra parentesi). Ogni elemento della relazione può anche ricevere una caratterizzazione rispetto ad un insieme di tratti che sono considerati rilevanti rispetto alla relazione che li lega (riportati tra parentesi uncinate). I tratti associati agli elementi della relazione possono convogliare, ad esempio, informazione relativa alla preposizione che introduce il dipendente in una data relazione (si veda ad esempio l attributo INTRODEP), oppure informazione relativa alla diatesi della testa verbale. A differenza dell annotazione a costituenti, a questo livello sia la testa sia il dipendente può essere costituito da un elemento ellittico; in questo modo viene rappresentata l omissione del soggetto: (5) Ho cose più importanti di cui occuparmi sogg (avere,.<pers=1, numb=sing>) Si noti che questa rappresentazione modulare, distribuita tra relazioni e tratti, crea i presupposti perché lo schema di annotazione funzionale della Treebank di SI-TAL sia compatibile con diverse teorie e quindi mappabile su diversi formati di rappresentazione sintattica (per maggiori dettagli sulla intertraducibilità di FAME in altri schemi di annotazione, si veda Lenci et al. 1999, 2000). La tipologia delle relazioni di dipendenza previste dallo schema di annotazione della Treebank di SI-TAL è organizzata gerarchicamente, in modo tale da permettere rappresentazioni sottospecificate che potrebbero essere utili per il trattamento di costruzioni realmente ambigue oppure controverse, ovvero per ridurre il margine di

16 arbitrarietà nelle scelte degli annotatori. Relazioni di dipendenza sottospecificate sono anche particolarmente cruciali nell ambito di campagne di valutazione, per evitare penalizzazioni arbitrarie di analisi divergenti ma in qualche misura compatibili. 4.3 Specifiche di annotazione per il livello semantico-lessicale: criteri guida Nella Treebank di SI-TAL l annotazione semantico-lessicale è consistita nell assegnazione alle occorrenze di verbi, nomi e aggettivi di: un identificatore (numero) di senso: la risorsa lessicale di riferimento selezionata a questo fine è la rete semantico-concettuale di ItalWordNet (IWN), nelle sue due partizioni per il lessico generale (IWN-Gen) e specialistica per il dominio economico-finanziario (EcoWN); per maggiori dettagli sulla risorsa lessicale di riferimento si rinvia al contributo di Mana et al. in questo volume; tratti addizionali di classificazione semantica: altri tipi di informazione semantico-lessicale sono inseriti nell annotazione a complemento dell assegnazione di senso, per contraddistinguere e dunque recuperare all interno del corpus annotato usi figurati (metafore di vario tipo, metonimie), espressioni idiomatiche, neologismi, nomi propri, ecc. non necessariamente lessicalizzati e quindi registrati nella risorsa lessicale di riferimento; marche ad uso dell annotatore: codificano osservazioni e commenti ad uso dell annotatore, che convogliano informazioni sull annotazione (ad esempio per segnalare casi dubbi). In questo modo l annotatore può tenere traccia di annotazioni particolarmente problematiche, ad esempio in cui non si riesce ad identificare con certezza quale senso della risorsa lessicale di riferimento si applichi al contesto specifico. Osservazioni di questo tipo possono essere anche utili nella prospettiva di una eventuale revisione ed integrazione della risorsa lessicale di riferimento. Si noti che attraverso l organizzazione tassonomica dei sensi in IWN, da ogni assegnazione di senso è possibile risalire al corrispondente tipo semantico nella Top Ontology. In questo modo, l assegnazione di senso viene anche a configurarsi anche se indirettamente - come una forma di tipizzazione semantica delle occorrenze annotate L annotazione semantico-lessicale identifica unità di senso che possono corrispondere a singole parole ortografiche (un singolo Sostantivo, Verbo o Aggettivo) oppure a due o più parole ortografiche nel caso di espressioni polilessicali (genericamente denotate in inglese come multi-word expressions) che compongono una unica unità di senso (es. composti, idiomi ecc.). Gli elementi annotati a questo livello sono di tre tipi: USS (unità semantica semplice); USC (unità semantica di tipo complesso); UST (unità semantica di tipo titolo).

17 L elemento USS punta ad una singola parola, mentre l elemento USC punta a più parole del testo di input, ovvero ad un espressione polilessicale. Infine l elemento UST può puntare sia ad una singola parola che a più parole adiacenti e serve per annotare titoli di libri, giornali, spettacoli ecc. Al contrario dell elemento USS che può riferirsi solo a parole piene del testo (in particolare, sostantivi, verbi o aggettivi), sia USC che UST possono includere anche parole grammaticali (es. preposizioni, articoli, ecc.) facenti parte dell espressione: si consideri ad esempio l USC mettere a ferro e fuoco oppure l UST Il nome della rosa. Si noti che l annotazione delle espressioni polilessicali non presuppone l annotazione semantico-lessicale dei suoi singoli componenti. Da un punto di vista linguistico ciò è giustificato dal fatto che tali espressioni non sono in molti casi composizionali semanticamente (o lo sono solo parzialmente) e talvolta appare difficile o addirittura impossibile assegnare un senso, tra quelli attestati nella risorsa lessicale di riferimento, ai suoi componenti (es. si pensi all aggettivo rosa nella sequenza cronaca rosa). Mentre per un illustrazione delle specifiche di annotazione si rinvia a Mana et al. in questo volume, in questa sede vorremmo brevemente illustrare la strategia di annotazione elaborata per questo livello. Per soddisfare i requisiti di coerenza e riproducibilità dell annotazione, la strategia di sottospecificazione adottata consiste nell assegnazione di due o più sensi congiunti (S1&S2) nei casi in cui più di un senso si applichi al contesto specifico, oppure di due sensi disgiunti (S1 S2) nei casi in cui il contesto non fornisca informazione sufficiente per poter decidere tra diversi sensi riportati nella risorsa lessicale di riferimento (IWN). Un ruolo cruciale dell annotazione a questo livello è giocato dall informazione semantico-lessicale affiancata alle assegnazioni di senso. Si tratta di informazione non esplicitamente contenuta nella risorsa lessicale di riferimento o che ne specifica ulteriori aspetti. Questa informazione aggiuntiva riguarda ad esempio USS o USC usate in un senso figurato, ad esempio l uso metaforico di fulmine nell espressione essere un fulmine, indipendentemente dal fatto che l accezione figurata sia lessicalizzata o meno. Oppure, fornisce la categorizzazione semantica (del tipo umano, artefatto, istituzione, luogo ) di nomi propri, siano essi USS o USC; anche in questo caso, questa specificazione è indipendente dal fatto che il nome proprio sia incluso nel lessico di riferimento. Per le unità semantiche complesse (USC) viene specificato il tipo sulla base dei criteri di classificazione definiti nelle specifiche di annotazione: composto (es. certificato di credito del tesoro), espressione idiomatica (es. essere la chiave di volta), costruzione con verbo supporto (es. entrare in vigore). Le attribuzioni di senso, affiancate dall informazione aggiuntiva tratteggiata sopra, rendono la Treebank semantico-lessicale dell italiano una risorsa ben più ricca e flessibile di una mera lista di assegnazioni di sensi attestati nella risorsa lessicale di riferimento. Questo spazio in cui l annotazione del corpus integra in diversa misura l informazione della risorsa lessicale di riferimento rende il corpus annotato un deposito di fenomeni semantico-lessicali che non sono necessariamente registrati sia per scelta programmatica sia per omissione del tutto casuale nella risorsa lessicale di riferimento. In questo modo, il corpus si rende indipendente dalle scelte dei lessico-

18 grafi, dall architettura interna del lessico e dai criteri di selezione delle entrate e viene a configurarsi anche come potenziale fonte per revisioni ed integrazioni del lessico. 5 La Treebank di SI-TAL: risultati I principali risultati del progetto SI-TAL per quanto riguarda il tema Treebank possono essere identificati in: il corpus annotato ai seguenti livelli di descrizione linguistica: ortografico, morfo-sintattico, sintattico a costituenti e sintattico-funzionale, semantico-lessicale. Mentre i moduli dell annotazione ortografica e morfo-sintattica sono stati costruiti riutilizzando risorse parziali disponibili (opportunamente ristrutturate e convertite), i moduli dell annotazione sintattica e semantico-lessicale sono stati costruiti ex novo nell ambito del progetto. Il corpus con le sue annotazioni ai diversi livelli è accessibile da GesTALt. Per garantire una maggiore flessibilità nella distribuzione e nell uso della risorsa finale, il corpus annotato della Treebank è anche disponibile in formato XML. le specifiche di annotazione per i livelli sintattico a costituenti, sintatticofunzionale e semantico-lessicale. Le specifiche tecniche riviste e integrate alla luce dell esperienza di annotazione si propongono infatti anche come modello tecnico complessivo che riflette lo stato dell arte e un consenso internazionale sulla quantità e qualità di informazione da codificare; possono dunque essere riutilizzate nella messa a punto di progetti con finalità analoghe. il sistema software di supporto all annotazione e navigazione della Treebank sintattico-semantica dell italiano. GesTALt si configura sia come uno strumento di ausilio all esplorazione del corpus annotato nei suoi diversi livelli, sia come uno strumento riutilizzabile in congiunzione con altri corpora codificati in XML. Questa tipologia di risultati ha già trovato ampia validazione nel corso del progetto nell ambito dell applicazione pilota di traduzione automatica a cura di Synthema (Pisa), cfr Fanciulli e Raffaelli in questo volume. In questa sezione, viene illustrata la composizione finale della Treebank di SI-TAL e, per ogni livello, sono brevemente descritti i risultati finali del processo di annotazione. Per una descrizione dettagliata degli altri tipi di risultati si rinvia a Pirrelli et al. (in questo volume) per quanto riguarda le specifiche di annotazione e a Basili et al. (in questo volume) per il software di annotazione e navigazione. 5.1 Composizione interna e livelli di annotazione della Treebank di SI-TAL La tabella che segue illustra la distribuzione dei livelli di annotazione sintatticosemantica rispetto alle varie partizioni del corpus della Treebank di SI-TAL:

19 Tabella 2. Distribuzione dell annotazione sintattico-semantica nella Treebank di SI-TAL Partiz. Corpus Fonte Fin Il Sole-24 Ore Bil La Repubblica ( ) Bil La Repubblica (1995) Bil Il Corriere della Sera Bil Periodici (1988) Annotazione Sintattica A costituenti Funzionale Semanticolessicale Si noti che l annotazione parallela ai tre livelli (a costituenti, sintattico-funzionale e semantico-lessicale) è circoscritta al corpus finanziario de Il Sole-24 Ore. 5.2 Annotazione sintattica a costituenti L annotazione a costituenti ha riguardato la partizione finanziaria del corpus della Treebank di SI-TAL, per un totale di tokens. Il processo di annotazione ha portato all identificazione e conseguente annotazione di costituenti complessi. L annotazione è stata effettuata in modalità semi-automatica, articolata in due fasi: prima una fase di pre-annotazione automatica, poi una fase di revisione e correzione manuale delle analisi che sono state convertite mediante apposite procedure in formato XML e caricate nella base di dati di GesTALt. Per maggiori dettagli sulle modalità di annotazione a questo livello si rinvia il lettore interessato a Delmonte (2000, 2001). 5.3 Annotazione sintattico-funzionale L annotazione sintattico-funzionale ha riguardato l intero corpus della Treebank di SI-TAL (sia la partizione bilanciata sia quella finanziaria), per un totale di parole annotate (tokens). Il processo di annotazione ha portato all identificazione e conseguente annotazione di relazioni funzionali, ripartite come segue: Tabella 3. Annotazione sintattico-funzionale: tipologia delle relazioni identificate Relazioni funzionali identificate Con Fonte Con testa Con testa Con testa Totale altro tipo nominale verbale aggettivale di testa Il Sole-24 Ore La Repubblica ( ) La Repubblica (1995) Il Corriere

20 della Sera Periodici TOTALE A questo livello, l annotazione è stata effettuata manualmente per tre quarti del corpus, ovvero per quanto riguarda Il Sole-24 Ore, La Repubblica ( ), Il Corriere della Sera e i Periodici. Le motivazioni a supporto di questa scelta metodologica riguardano sia il tipo di schema di annotazione adottato sia le caratteristiche che sarebbero state richieste per il software di annotazione. Tra i fattori riguardanti lo schema di annotazione adottato per la Treebank di SI- TAL, vanno annoverati: le finalità di uso di una Treebank che impongono l adozione di uno schema di annotazione che deve essere compatibile con un ampio spettro di schemi di annotazione effettivamente usati nell ambito di sistemi di elaborazione del linguaggio. Questo requisito di compatibilità non è necessariamente soddisfatto dall output di uno specifico analizzatore sintattico, che è inevitabilmente guidato da motivazioni di varia natura che vanno dall architettura nella quale si inserisce alle finalità per le quali è stato sviluppato ecc. Quindi, le revisioni manuali di un output prodotto automaticamente non sarebbero state circoscritte alle analisi errate, ma a- vrebbero riguardato anche analisi corrette al fine di rendere l output dell analizzatore conforme allo schema di annotazione adottato; la difficoltà di gestire automaticamente certe distinzioni tra relazioni di dipendenza: si consideri, come esempio, la distinzione tra argomenti e modificatori: tale distinzione è gestibile senza particolari difficoltà nell ambito di analizzatori sintattici sulla base di un lessico di riferimento contenente informazione sulla sottocategorizzazione dei predicati. Questo non è altrettanto vero nel caso dell annotazione di una Treebank; infatti, la difficoltà di questo compito è ripetutamente segnalata nella letteratura sulle Treebank (si veda, ad esempio, Marcus et al. 1994). Ciò deriva dal fatto che l annotazione di una Treebank non prevede necessariamente il ricorso ad un lessico di riferimento: dietro a questa scelta stanno motivi di varia natura che vanno dalle risorse lessicali esistenti (che sono insufficienti per applicazioni su scala reale per copertura del lessico sia a livello di lemmi che di costruzioni sintattiche associate ad essi) al fatto che una Treebank è tipicamente usata anche per acquisire informazione di questo tipo per cui una proiezione preventiva delle interpretazioni possibili potrebbe interferire con i risultati attesi; altro tipo di distinzione di non sempre facile applicazione nell ambito di un analizzatore sintattico dell italiano è quella tra soggetto e oggetto: infatti, le caratteristiche dell italiano come lingua che permette l ellissi del soggetto e che mostra un ordine libero dei costituenti frasali rendono l assegnazione delle relazioni di soggetto e oggetto un compito spesso difficoltoso se condotto sulla base della sola informazione sintattica (Montemagni 1995). Data la frequenza di ambiguità di questo tipo in testi reali, una pre-annotazione automatica avrebbe richiesto una revisione massiccia dell output ottenuto.

RISORSE LINGUISTICHE PER LA LINGUA ITALIANA SCRITTA

RISORSE LINGUISTICHE PER LA LINGUA ITALIANA SCRITTA RISORSE LINGUISTICHE PER LA LINGUA ITALIANA SCRITTA NICOLETTA CALZOLARI Istituto di Linguistica Computazionale del CNR - Pisa glottolo@ilc.cnr.it Introduzione Il costo, lo sforzo, la varietà di competenze

Dettagli

Documentazione Demo online

Documentazione Demo online READ-IT Documentazione Demo online ILC-CNR ItaliaNLP Lab Sommario 1 MISURAZIONE DELLA LEGGIBILITÀ DI UN TESTO 2 1.1 Analisi globale della leggibilità 3 1.1.1 Valutazione globale della leggibilità del documento

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: Inglese, Spagnolo, Francese. Traguardi di sviluppo delle competenze prima e seconda lingua straniera L alunno: organizza il proprio apprendimento; utilizza lessico,

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA GINNASIO Obiettivi specifici di apprendimento Obiettivi e contenuti saranno coincidenti per le

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

La valutazione dell italiano

La valutazione dell italiano La valutazione dell italiano Premessa: padronanza linguistica Numeri dell italiano QdR Prove lettura: testi e quesiti Prove grammatica Guide ANCORA IN CANTIERE La valutazione dell italiano Premessa: padronanza

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Lo sfondo: la sintesi nelle Indicazioni nazionali del 2012 e ipotesi di curricolo Conoscenze di base

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sede Coordinata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax:

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1AC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Tiziana Soressi Latino

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

Linguistica Computazionale. Tokenizzazione

Linguistica Computazionale. Tokenizzazione Linguistica Computazionale Tokenizzazione Sai Tokenizzare (~contare : )) iniziamo giocando poi lavoriamo Quanti token (~parole) nella frase C era una volta un pezzo di legno. Sai Tokenizzare (~contare

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami)

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio è obiettivo fondamentale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti ITALIANO PRIMARIA CLASSE I NUCLEI COMPETENZE OBIETTIVI DESCRITTORI CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO Mantenere l attenzione sul messaggio orale e sull interlocutore, nelle diverse situazioni comunicative Ascoltare

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis Situazione della classe dal punto di vista dello sviluppo delle competenze Prerequisiti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Madrelingua Lingua straniera 2 Classe

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it

Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it Università Ca Foscari di Venezia Linguistica Informatica Mod. 1 Anno Accademico 2010-2011 Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it Schema Input Text Teoria informazione Espressioni Regolari

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

"NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI

NORMA: MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI "NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI NORMATIVI c:\users\user\desktop\codicenorma.doc ii Codice per la redazione degli atti normativi ENRICO PATTARO, GIOVANNI SARTOR, ALESSANDRA CAPELLI Codice per

Dettagli

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO PRIMO BIENNIO ITALIANO OBIETTIVI -Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua italiana e delle sue relazioni con le altre lingue oggetto di studio,

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli Scuola Secondaria di 1 grado Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Discipline: lingua francese, lingua tedesca FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA

Dettagli

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS tcworld Roadshow 2009 Managing multilingual contents Milano, 19 giugno 2009 La documentazione tecnica: scopi Per l utente Trasferire le conoscenze Istruire

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Stefano Cagnoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Parma cagnoni@ce.unipr.it 1 Introduzione Il mondo fisico ed i fenomeni naturali

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

GrammatiCa per una Buona astrazione

GrammatiCa per una Buona astrazione GrammatiCa per una Buona astrazione Daniela Notarbartolo E-mail: d.notarbartolo@fastwebnet.it La grammatica comporta contemporaneamente astrazione e concretezza: astrazione, quando riconosce proprietà

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi

Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi Finalità dell'insegnamento della lingua straniera: 1.l'acquisizione di una competenza comunicativa che permetta di servirsi della lingua in modo adeguato

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE. ITALIANO: Lingua

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE. ITALIANO: Lingua Responsabile Daniela Notarbartolo LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE Report dei lavori svolti durante la Convention Insegnare e Imparare cioè Guardare Bologna 15-16 ottobre 2011 ITALIANO: Lingua Il piacere della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA

ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA OBIETTIVI DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA NEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli