POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI AI FINI MIFID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI AI FINI MIFID"

Transcript

1 INDIRIZZO E CONTROLLO - GESTIONE DEL RISCHIO DI NON CONFORMITÀ POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI AI FINI MIFID Destinatari: Data ultimo aggiornamento: Data di prima pubblicazione: %DESTINATARI% %ULTIMO% %PRIMA% Codice Documento: %PROTOCOLLO% Redazione a cura di: %VALIDATORETITOLO% Approvazione a cura di: Emanazione a cura di: %REDATTORE% %VALIDATORE% %APPROVATORE% %EMANATORE% GRUPPO BIPIEMME Il contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge.

2 Indice PREMESSA... 3 a. Oggetto e ambito di applicazione... 3 b. Definizioni... 3 c. Adempimenti normativa esterna... 5 d. Modalità di approvazione e aggiornamento delle politiche di indirizzo... 5 e. Aggiornamento storico normativo... 6 LE POLITICHE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI: ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI AI FINI MIFID MODULAZIONE DELLE STRATEGIE E DEFINIZIONE DEI CRITERI E DEI FATTORI ADOTTATI DALLA BANCA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia di esecuzione quale raccoglitore attivo di ordini Strategia di esecuzione quale negoziatore per conto proprio STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Strategia di trasmissione ordini su strumenti obbligazionari Strategia di trasmissione ordini su derivati regolamentati esteri, azioni UK e back up per il Servizio Webank ALLEGATI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI DI BANCA AKROS DESCRIZIONE DEL SISTEMA SABE DI BANCA AKROS STRATEGIA DI ESECUZIONE PER LE OBBLIGAZIONI ILLIQUIDE DI BANCA AKROS REGOLAMENTO DELL INTERNALIZZATORE SISTEMATICO DI BANCA AKROS PER LE OBBLIGAZIONI BANCARIE STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI BANCA IMI Pag. 2

3 Premessa a. Oggetto e ambito di applicazione Nell ambito della disciplina comunitaria, nota come Direttiva MiFID, ha particolare rilievo l intervento normativo in tema di Best execution, che si pone l obiettivo di assicurare una più ampia protezione degli investitori. In particolare, la normativa prevede la necessità da parte delle Imprese di investimento di adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile per il cliente allorché vengano prestati i servizi di investimento di esecuzione per conto dei clienti, negoziazione in conto proprio e ricezione e trasmissione degli ordini, come definiti nel D. Lgs. 58/1998 (di seguito TUF ). La Direttiva MiFID ha abolito l obbligo di concentrazione degli scambi (ossia l obbligo di negoziare sui mercati regolamentati gli strumenti finanziari che sono ivi quotati), con l obiettivo di mettere in concorrenza diverse piattaforme e sistemi di contrattazione ed incrementare per tale via l efficienza degli scambi e ridurre al contempo i costi di negoziazione. Gli ordini su strumenti finanziari conferiti dai clienti possono quindi essere eseguiti su di una pluralità di sedi di esecuzione. Nel presente documento vengono descritti i principi e le regole che governano la strategia di esecuzione e quella di trasmissione ordini di Banca Popolare di Milano (di seguito BPM o Banca) in linea con le indicazioni riportate con le Linee guida Interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti finanziari illiquidi pubblicate da ABI, Assosim e Federcasse e validate dalla Consob in data 5 agosto b. Definizioni Best execution: consiste nell obbligo per l intermediario di eseguire le operazioni per conto dei clienti alle migliori condizioni possibili nell interesse del cliente medesimo. Strategia di esecuzione degli ordini: strategia che gli intermediari devono adottare al fine di selezionare le sedi presso le quali eseguire gli ordini conferiti dalla clientela. Tale strategia deve individuare almeno: le sedi di esecuzione che permettono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini dei clienti; orientare la scelta della sede di esecuzione fra quelle individuate. Pag. 3

4 Strategia di trasmissione degli ordini: strategia che gli intermediari che prestano il servizio di ricezione e trasmissione ordini devono adottare al fine di selezionare i soggetti negoziatori cui trasmettere gli ordini conferiti dalla clientela (e che possano ottenere il miglior risultato), delegando per tale via la scelta delle sedi di esecuzione. Raccoglitore attivo: strategia di esecuzione degli ordini adottata da un Intermediario che presta il servizio di ricezione e trasmissione ordini in relazione alla quale sono individuate a priori le sedi di esecuzione. Per Sede di esecuzione ai sensi dell art. 2, lett. e) della delibera Consob nr /2007 (di seguito Regolamento Intermediari ) si intende: Mercato regolamentato, un sistema multilaterale che consente o facilita l incontro, al suo interno e in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso (art. 1, co. 1, lett. w-ter del TUF); Sistema multilaterale di negoziazione (c.d. MTF), un sistema multilaterale che consente l incontro, al suo interno e in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti (art. 1, co. 5-octies del TUF); Internalizzatore sistematico, ossia il soggetto che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione (art. 1, co. 5-ter del TUF); Market maker, soggetto che si propone sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, su base continua, come disposto a negoziare in contropartita diretta acquistando e vendendo strumenti finanziari ai prezzi da esso definiti (art. 1, co. 5-quater del TUF) o altro negoziatore in conto proprio, ossia un intermediario autorizzato che svolge l attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari, in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti, oppure che svolge l attività di market maker (art. 1, co. 5-bis del TUF). Per Servizio Webank si intende l offerta al cliente da parte della Banca di servizi bancari e finanziari tramite l esclusivo accesso al canale internet, distinguendosi dall offerta effettuata tramite più canali (c.d. Multicanalità ) che invece prevede il ricorso sia alla rete commerciale fisica (agenzie e promotori finanziari) che ai canali virtuali (phone banking e internet). Pag. 4

5 Per Cliente Multicanale si intende il cliente che ha aderito ai diversi servizi prestati dalla Banca, bancari e finanziari, sia tramite i canali fisici che quelli virtuali. Per Cliente Pure digital si intende il cliente della Banca che ha aderito al solo Servizio Webank. c. Adempimenti normativa esterna L obbligo di Best execution è disciplinato nel Regolamento Intermediari al Titolo III Best execution, Capo I Esecuzione di ordini per conto dei clienti (artt. 45, 46 e 47) e Capo II Ricezione e trasmissione di ordini e gestione di portafogli (art. 48). Per quanto invece riguarda le limitazioni inerenti la circolazione dei prodotti finanziari e i casi di inapplicabilità per l offerta al pubblico si strumenti finanziari, le disposizioni sono contenute negli artt. 100 e 100-bis del TUF e nell art. 34-ter della delibera Consob 11971/1999 (di seguito Regolamento Emittenti). Infine l operatività dell Internalizzatore sistematico è disciplinata dalla delibera Consob 16191/2007 (di seguito Regolamento Mercati ) al Titolo III Sistemi multilaterali di negoziazione e internalizzatori sistematici, Capo III Ammissione, sospensione ed esclusione degli strumenti finanziari e accesso degli operatori ai mercati regolamentati (artt. 19, 20, 21 e 22). Comportamenti difformi potrebbero generare in capo alla Banca responsabilità civili e/o penali e/o amministrative ai sensi di legge, con conseguente applicazione di sanzioni a suo carico, nonché, ai dipendenti, responsabilità disciplinari e, nei casi più gravi, penali (con le conseguenti sanzioni). E' pertanto fatto obbligo a tutto il personale della Banca di attenersi scrupolosamente alle disposizioni del presente. d. Modalità di approvazione e aggiornamento delle politiche di indirizzo Il presente documento è approvato dal Consiglio di Gestione. Eventuali modifiche al presente documento seguono il medesimo iter di approvazione. La funzione Mercato (Chief Commercial Officer) valuta con cadenza annuale l eventuale opportunità di procedere ad una revisione del presente documento avuto riguardo della rispondenza dello stesso alle aggiornate esigenze normative ed operative. Pag. 5

6 In particolare, con riferimento alle sedi di esecuzione direttamente individuate da BPM, provvede a controllare nel continuo l efficacia della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini, verificando la qualità dell esecuzione svolta e prevedendo adeguati rimedi a fronte di eventuali carenze riscontrate (c.d. monitoring). Inoltre, con cadenza annuale o al verificarsi di circostanze rilevanti, provvede a riesaminare la strategia di trasmissione e di esecuzione degli ordini al fine di verificarne la capacità di permettere l ottenimento del miglior risultato possibile per i clienti (c.d. review). La funzione Mercato (Chief Commercial Officer) provvede alla redazione della nuova versione e, dopo aver raccolto la validazione da parte delle funzioni Compliance e Risk Management, il documento aggiornato viene presentato agli Organi Societari. e. Aggiornamento storico normativo Il presente documento è stato aggiornato in ragione dell intervenuta fusione per incorporazione di Webank, avvenuta in data 23 novembre Pag. 6

7 Le politiche di indirizzo in materia di: Esecuzione e Trasmissione Ordini ai fini MIFID 1 Modulazione delle Strategie e definizione dei Criteri e dei Fattori adottati dalla Banca BPM presta i seguenti servizi: negoziazione in conto proprio per quanto riguarda i derivati OTC e i Pronti c/termine; esecuzione ordini per conto dei clienti per i soli derivati regolamentati italiani; ricezione/trasmissione ordini per tutti gli altri strumenti finanziari. Pertanto, la Banca è tenuta ad adottare sia una strategia di esecuzione sia una strategia di trasmissione degli ordini, che si declinano in funzione degli strumenti finanziari trattati, delle modalità di accesso e della caratteristiche dei mercati, nonché della tipologia di clientela (Multicanale o Pure digital). Schematicamente, riprendendo l elenco dei servizi prestati e delle diverse fattispecie in essere, la Banca ha modulato il proprio approccio nel modo seguente: per la negoziazione in conto proprio in strumenti finanziari identificati come derivati OTC e Pronti c/termine, la Banca ha adottato una Strategia di esecuzione degli ordini; per gli ordini su derivati regolamentati italiani, riconducibili ai Clienti Multicanale, la Banca ha adottato una Strategia di esecuzione degli ordini svolgendo il ruolo di Raccoglitore attivo trasmettendo gli ordini al mercato IDEM gestito da Borsa Italiana; per gli ordini su derivati regolamentati italiani ed esteri, riconducibili ai Clienti pure digital, la Banca ha adottato una Strategia di trasmissione degli ordini; per gli ordini su altri strumenti finanziari diversi da quelli sopra elencati, la Banca opera in regime di esecuzione e trasmissione ordini applicando la propria Strategia di trasmissione ordini a meno che non abbia provveduto a individuare a priori la sede di esecuzione. BPM, per le operazioni sulle quali effettua il servizio di ricezione e trasmissione degli ordini, si avvale in via principale di Banca Akros quale negoziatore. La motivazione che ha portato a tale scelta è legata alla possibilità di contenere i costi fissi medi per operazione in virtù delle sinergie esistenti tra le due banche, dovute principalmente all integrazione dei sistemi informativi. La scelta è motivata inoltre dalla professionalità di Banca Akros riconosciuta a Pag. 7

8 livello internazionale, dal consolidato rapporto operativo e dalla appartenenza della stessa al Gruppo BPM 1. Gli ordini aventi ad oggetto le azioni negoziate sul London Stock Exchange (FTSE - mercato inglese) e i derivati regolamentati italiani ed esteri, riconducibili ai soli Clienti Pure digital, non vengono invece trasmessi a Banca Akros, bensì a Banca IMI. Le ragioni che hanno portato ad individuare Banca IMI quale secondo negoziatore sono l apprezzamento della consolidata presenza nel mercato e la professionalità. Banca IMI peraltro già svolgeva il ruolo di negoziatore per conto di WeTrade, società del Gruppo Bipiemme incorporata mediante fusione in Webank nel dicembre Riconsiderare tale scelta, allo stato, comporterebbe costi superiori ai benefici attesi. Fatto salvo quanto riportato per la definizione delle Strategia, la Best execution viene perseguita da BPM avendo riguardo ai seguenti Fattori: prezzo degli strumenti finanziari e costi relativi all esecuzione dell ordine (corrispettivo totale); rapidità nell esecuzione dell ordine; probabilità di esecuzione e di regolamento dell ordine; dimensioni dell ordine; natura dell ordine; ogni altra considerazione pertinente ai fini della esecuzione dell ordine. Per stabilire l importanza relativa dei suddetti Fattori, BPM tiene conto dei seguenti Criteri: le caratteristiche del cliente, ivi compresa la sua classificazione come cliente al dettaglio o professionale; le caratteristiche dell ordine del cliente; le caratteristiche degli strumenti finanziari che sono oggetto dell ordine; le caratteristiche delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto. Posto che BPM ha scelto di assolvere gli obblighi di Best execution allo stesso modo tanto nei confronti dei clienti classificati come al dettaglio quanto di quelli professionali ( di diritto e su richiesta ), l individuazione delle sedi di esecuzione o degli intermediari cui trasmettere gli ordini avviene in ragione del corrispettivo totale, che è costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi connessi all operazione. Tali costi includono tutte le spese sostenute dal cliente direttamente collegate al servizio prestato. 1 Il dettaglio della strategia di esecuzione di Banca Akros è disponibile all indirizzo Pag. 8

9 L esecuzione (anche tramite altri intermediari) degli ordini conferiti dai Clienti Pure digital avviene per il tramite di una infrastruttura dedicata, che garantisce maggiore velocità, fattore di successo percepito dalla clientela servita. In tale contesto, la selezione delle sedi di esecuzione o degli intermediari tiene conto del fatto che, in via generale, i clienti on line non si avvalgono spesso della Best execution (e quindi non considerano la total consideration) bensì tendono a privilegiare altri fattori, come la rapidità di esecuzione. Nella selezione delle sedi di esecuzione o dei negoziatori e nella relativa definizione delle commissioni applicabili, la Banca si impegna ad evitare discriminazioni indebite. Qualora venga richiesto dal cliente, la Banca è in grado di dimostrare di aver eseguito l ordine in conformità a quanto stabilito nelle proprie strategie. La disciplina relativa alla Best execution non si applica nel caso in cui il cliente conferisca specifiche disposizioni (ad esempio indicazione di una sede di esecuzione o di un fattore da privilegiare) che, in qualche modo, impediscano l applicazione delle regole definite nella strategia adottata. In tal caso, BPM, ove possibile, si attiene a tali istruzioni specifiche, sebbene ciò possa impedire il conseguimento del miglior risultato. 2 Strategia di Esecuzione degli ordini 2.1 Strategia di esecuzione quale raccoglitore attivo di ordini Per gli strumenti finanziari elencati nella tabella di seguito riportata, BPM ha definito una propria strategia di esecuzione degli ordini. Quest ultima concerne gli strumenti finanziari per i quali BPM, ancorché svolga il solo servizio di ricezione e trasmissione ordini, ha definito le sedi di esecuzione sulle quali gli ordini devono essere inviati dal negoziatore prescelto. In questo contesto, infatti, BPM svolge il ruolo di Raccoglitore attivo. La presente strategia prevede di eseguire gli ordini sul mercato regolamentato di riferimento al fine di consentire l accesso alla maggior liquidità disponibile per lo strumento finanziario oggetto di operazione garantendo, quindi, una maggiore probabilità di esecuzione e una riduzione dei costi di negoziazione. 2 Ciò vale in particolare per i mercati azionari. Benché 2 Con riferimento alle trading venue individuate, si evidenzia in particolare che il Gruppo Borsa Italiana posto a confronto con le altre Borse europee, è risultato l operatore con le fee di trading e post trading più basse in rapporto al valore del contratto per le categorie di utilizzatori analizzate. E risultato, inoltre, che anche considerati singolarmente i costi di trading, clearing e settlement del gruppo Borsa Italiana sono più bassi di quelli dei competitor indipendentemente dai modelli di business adottati. Pag. 9

10 infatti, nuove sedi di esecuzione (es. Chi-X) si siano affiancate ai mercati regolamentati, allo stato attuale si ritiene che questi ultimi continuino a rappresentare la sede di esecuzione in grado di garantire in modo duraturo il miglior risultato. La logica adottata è quindi quella di identificare una singola trading venue per ogni strumento finanziario. Tale scelta trova motivazione da un lato nel voler assicurare un elevato grado di trasparenza nella definizione, e conseguentemente nella comunicazione al cliente, delle sedi di negoziazione, e dall altro di potersi avvalere di una tecnologia semplice, con conseguente riduzione dei costi e miglioramento della velocità di esecuzione. Di seguito si riporta la strategia di esecuzione degli ordini adottata per i diversi strumenti finanziari. Strumenti Finanziari Titoli azionari italiani e relativi diritti di opzione, covered warrants, certificates, obbligazioni convertibili, obbligazioni cum warrant ed ETF quotati sui mercati regolamentati italiani Titoli azionari esteri e relativi diritti di opzione, covered warrants, certificates, obbligazioni convertibili, obbligazioni cum warrant ed ETF quotati su mercati regolamentati esteri Derivati regolamentati italiani (*) Sedi di esecuzione Mercati regolamentati italiani gestiti da Borsa Italiana S.p.A. e Sistemi multilaterali di negoziazione Mercati regolamentati esteri e sistemi multilaterali di negoziazione anche per il tramite di broker esteri Mercati regolamentati gestiti da Borsa Italiana (Idem) (*) Limitatamente ai Clienti Multicanale, per i Clienti Pure digital si applica la Strategia di trasmissione ordini analogamente ai derivati regolamentati esteri. La trasmissione degli ordini a Banca Akros consente, per i motivi già illustrati, di contenere i costi complessivi a carico del cliente. Limitatamente ai Clienti Pure digital che aderiscono al Servizio Webank, le operazioni sui titoli azionari trattati sulla Borsa di Londra (FTSE UK) sono trasmesse a Banca IMI. 2.2 Strategia di esecuzione quale negoziatore per conto proprio In via generale, alle transazioni in strumenti finanziari in contropartita diretta con la clientela (derivati OTC e PCT) non troverebbero applicazione le regole sulla Best Execution, in quanto si basano sull assunto che il prodotto oggetto della transazione sia trattato in una pluralità di sedi di esecuzione liquide e trasparenti, mentre nel caso di specie si tratta di strumenti non negoziati in alcuna sede e non standardizzati. Pag. 10

11 Tuttavia, al fine di rispettare il dovere di agire sempre in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei loro clienti, la Banca si è comunque dotata di procedure che disciplinano le modalità di definizione del pricing. Stante la peculiarità della clientela che aderisce al Servizio Webank (integralmente classificata come clientela al dettaglio) e delle limitazioni previste nella specifica policy sull operatività in derivati OTC, la Banca ha valutato in via prudenziale di inibire il collocamento di tali strumenti finanziari tramite il canale on line. La ragione discende dal fatto che, per la clientela classificata al dettaglio, le operazioni in derivati OTC sono ammesse solo e soltanto in regime di consulenza, servizio che non viene prestato dalla Banca con tecniche di comunicazione a distanza Negoziazione per conto proprio su derivati non quotati (OTC) In relazione all operatività in derivati OTC, la Banca svolge il ruolo di negoziatore, operando in contropartita diretta nei confronti della clientela. Conseguentemente, la Banca si è dotata di una procedura di pricing per l applicazione delle migliori condizioni alla clientela. Il pricing applicato al cliente da BPM è composto dal pricing formulato da Banca Akros e da un mark up. Il primo componente è determinato da Banca Akros sulla base di propri modelli di pricing, comunemente adottati dal mercato (best practice) e sulla base della propria Best Execution, avendo a riferimento BPM come cliente. I modelli di pricing di Banca Akros sono coerenti con quelli utilizzati in sede di mercato primario per la valutazione del portafoglio di proprietà, nonché validati da Banca d Italia e monitorati dalla funzione Risk Management della stessa Banca Akros e di Banca Popolare di Milano. Il pricing, fornito da Banca Akros, è successivamente utilizzato da BPM come base per la conclusione delle operazioni con il cliente. Lo spread applicato dalla Banca, rispetto al pricing fornito da Banca Akros, copre prevalentemente il rischio di credito del cliente oltre che il rischio operativo e legale riconducibile all operatività in derivati non regolamentati Negoziazione per conto proprio su Pronti contro Termine Nel caso di contratti Pronti contro Termine aventi ad oggetto strumenti finanziari (P/T), BPM ha definito una metodologia interna per la determinazione del pricing applicato al cliente. La Pag. 11

12 metodologia, di seguito descritta, si basa sulla definizione del Tasso Base, ovvero di un tasso remunerazione minimo riconosciuto al cliente. L operatività in P/T viene effettuata in contropartita diretta con la clientela, utilizzando prevalentemente strumenti finanziari intermediati sul mercato. La Banca opera direttamente su mercati regolamentati, oppure si rivolge a controparti di mercato di elevato standing. Giornalmente sono definiti i Tassi di indifferenza Banca per le varie scadenza di P/T sulla base del tasso di chiusura dell'operazione per la scadenza corrispondente. Il Tasso di indifferenza Banca corrisponde al limite massimo oltre il quale la Banca non realizza un guadagno, bensì una perdita 3. Il Tasso di indifferenza Banca rappresenta il parametro principale per la determinazione del Tasso Base, determinato sottraendo al primo uno spread di 50 bps. Tale livello consiste nel margine commissionale massimo che la Banca realizza sulle operazioni in P/T. Fermo restando lo spread massimo sopra indicato, la Banca ha, comunque, la discrezionalità di applicare un tasso di remunerazione superiore al Tasso Base, in ragione dell attività negoziale effettuata con riferimento alle specifiche operazioni concluse con la clientela. I Tassi Base relativi a P/T per le varie scadenza sono comunicati giornalmente alla Rete Commerciale sia per la clientela lordista ai fini fiscali, sia per quella nettista. 3 Strategia di Trasmissione degli ordini 3.1 Strategia di trasmissione ordini su strumenti obbligazionari La Banca, nel prestare il servizio di ricezione e trasmissione di ordini relativi agli strumenti obbligazionari, ha adottato tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile per i propri clienti, tenendo conto dei fattori di esecuzione e dei criteri descritti nel capitolo precedente per la definizione della loro importanza relativa. Gli ordini relativi a strumenti obbligazionari, siano essi quotati o non quotati, italiani od esteri, compresi i titoli di Stato e le obbligazioni di propria emissione (branded), sono raccolti e trasmessi a Banca Akros per la successiva negoziazione, secondo i principi della propria strategia di esecuzione (cfr. allegati). 3 Si precisa che la curva dei tassi maggiormente correlata al mercato dei P/T risulta essere la curva Eonia Swaps. Pag. 12

13 Per le obbligazioni diverse da quelle bancarie emesse e/o collocate dalle banche del Gruppo Bipiemme, Banca Akros si avvale di un sistema di smart order routing 4 (denominato SABE), in grado di ricercare il miglior risultato possibile, ponendo in competizione fra loro sedi di esecuzione differenti per natura, quali: Mercati regolamentati, italiani ed esteri (es. MOT, EuroMOT); Sistemi multilaterali di negoziazione italiani ed esteri, nel seguito MTF (es. EuroTLX, HiMTF); Market maker; Negoziazione in conto proprio. La Banca procede al monitoraggio al fine di evitare che i titoli privi di prospetto possano essere negoziati nei 12 mesi successivi alla loro emissione. Fanno eccezione rispetto a quanto richiamato: i titoli con tali caratteristiche che siano successivamente stati ammessi a quotazione in un mercato regolamento (es. MOT, EuroMOT); i titoli con tali caratteristiche negoziati in un MTF che soddisfi i requisiti di cui all art. 2 del Regolamento Emittenti (in tal caso la negoziazione può avvenire esclusivamente presso tale venue e su istruzione specifica del cliente). La Banca non consente agli investitori non qualificati ( Clienti retail non rientranti nella classificazione di professionali di diritto o su richiesta) la sottoscrizione né l acquisto nei dodici mesi successivi al collocamento di strumenti finanziari inizialmente riservati a investitori qualificati (in sintesi privi di prospetto) ovvero, ai sensi dell art 100-bis, comma 2- bis, il cui prospetto sia già disponibile e ancora valido, purché l emittente o la persona responsabile della redazione del prospetto abbiano dato il loro consenso a tale utilizzo mediante accordo scritto. Le obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo Bipiemme sono invece generalmente negoziate sull Internalizzatore Sistematico (di seguito IS) di Banca Akros, trading venue ove quest ultima svolge il ruolo di market maker. Qualora un obbligazione tra quelle testé richiamate non rispettasse le caratteristiche previste per l ammissione alla negoziazione sull IS, BPM si attiva al fine di agevolare il cliente, nel rispetto del Regolamento dell emissione e delle eventuali limitazioni normative, nello 4 Per l approfondimento relativo al funzionamento del motore di Best execution (SABE) si rimanda all Allegato 2. Pag. 13

14 smobilizzo dell investimento anticipatamente rispetto alla scadenza per il tramite dell attività di market making prestata da Banca Akros. Il servizio prestato da Banca Akros è in grado di assicurare la liquidabilità, a condizioni di prezzo significative, delle obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo Bipiemme, considerate potenzialmente illiquide, anche a fronte della Comunicazione Consob n del 2 marzo 2009 Il dovere dell intermediario di comportarsi con correttezza e trasparenza in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi Misure di Livello 3, nonché delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti illiquidi validate dalla Commissione in data 5 agosto Le caratteristiche e le modalità di funzionamento dell IS sono riportate nel relativo Regolamento (Cfr. Allegati), ai sensi dell art. 21 del Regolamento Mercati. Le metodologie di pricing utilizzate da Banca Akros sono riconosciute e diffuse sul mercato, proporzionate alla complessità dei prodotti e coerenti con quelle utilizzate dalla stessa per la valutazione del portafoglio titoli di proprietà. Per una esaustiva descrizione dei criteri adottati, si rimanda alla polcy di pricing. Per la propria attività di IS, Banca Akros espone quotazioni in danaro e lettera, a partire dal 31 giorno dall ultima data di regolamento delle obbligazioni. Il prezzo di riacquisto (prezzo denaro) e quello di vendita (prezzo lettera) sono definiti applicando al fair market value dello strumento un margine rispettivamente in riduzione (spread denaro) e in aumento (spread lettera) del fair value stesso. Lo spread massimo denaro-lettera è pari a: per le obbligazioni plain vanilla 0,10% (10 bps) se la vita residua è inferiore all anno; per le obbligazioni plain vanilla 0,20% (20 bps) se la vita residua è superiore all anno ma inferiore a tre anni; per le obbligazioni plain vanilla 0,50% (50 bps) se la vita residua è superiore a tre anni di calendario; per le obbligazioni strutturate lo spread massimo denaro-lettera è pari a 1.50% (150 bps) di cui 1,00% in acquisto e 0,50% in vendita. In condizioni fisiologiche di mercato, gli spread massimi sono applicati da Banca Akros anche per l attività di market making. I prezzi e le quantità esposti sull IS sono irrevocabili ( a fermo ); le quantità, inoltre, (in acquisto e, laddove disponibili, anche in vendita) assumono dimensioni tipicamente al dettaglio, in sintonia con il target di clientela cui sono rivolte. La Pag. 14

15 tabella seguente illustra la strategia di trasmissione adottata per le diverse tipologie di strumenti obbligazionari. Strumenti finanziari Obbligazioni e titoli di Stato italiani ed esteri quotati Obbligazioni non quotate, ad eccezione delle obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo Bipiemme Obbligazioni quotate su mercati regolamentati, inizialmente riservate a investitori qualificati ed emesse da meno di dodici mesi Obbligazioni non quotate inizialmente riservate a investitori qualificati ed emesse da meno di dodici mesi Obbligazioni bancarie emesse e/o collocate dal Gruppo Bipiemme Sedi di esecuzione Tramite SABE accesso a: - Mercati regolamentati - MTF - Market maker Tramite SABE accesso a: - MTF - Market maker Tramite SABE accesso a: - Mercati regolamentati - MTF - Market maker MTF che soddisfino i requisiti di cui alla delibera 11971/99 (RE) - Internalizzatore sistematico, - Market maker (laddove non negoziate nell Internalizzatore Sistematico) Per la negoziazione degli strumenti obbligazionari sopra descritti si segnala che, qualora il cliente abbia accesso alla contrattazione tramite il Servizio Webank, e questi, per problemi tecnici temporanei, dovesse avvalersi dell intervento del negoziatore di back-up prestato da Banca IMI (solo ed esclusivamente per il Servizio Webank), non è possibile il ricorso a SABE, ma sono seguiti i criteri di Best Execution dinamica di Banca IMI. Con riferimento alle operazioni relative ai titoli obbligazionari non trattati nelle sedi di esecuzione previste o per i quali siano richieste particolari condizioni di esecuzione, Banca IMI può inoltre eseguire tali operazioni in conto proprio in modo non sistematico, aumentando così la probabilità di esecuzione degli ordini. 3.2 Strategia di trasmissione ordini su derivati regolamentati esteri, azioni UK e back up per il Servizio Webank Ferma restando la qualifica di Banca Akros quale negoziatore principale del Gruppo Bipiemme, per una parte dell operatività della clientela che aderisce al Servizio Webank, la Banca presta il servizio di ricezione e trasmissione di ordini avvalendosi, per gli strumenti finanziari sotto riportati, di Banca IMI S.p.A.: in via ordinaria per l accesso al mercato azionario inglese e per i derivati regolamentati italiani ed esteri; Pag. 15

16 in via straordinaria, come back up per tutti gli strumenti finanziari in caso di impossibilità a operare da parte di Banca Akros. In particolare, i derivati negoziati attraverso il Servizio Webank sono scambiati su una sola sede di esecuzione, definita contrattualmente con il cliente, e pertanto la negoziazione avviene su tale sede che, per la Banca, è riferita ai mercati regolamentati italiani o esteri inclusi tra i mercati di riferimento di esecuzione di Banca IMI. Per gli strumenti finanziari derivati non trovano diretta applicazione le regole sulla Best execution dinamica, che si basano sul principio di disporre di una pluralità di sedi di negoziazione. L eventuale ricorso, in via straordinaria, a Banca IMI per l attività di back up del Servizio Webank comporta alcune limitazioni operative rispetto alla consueta operatività garantita da Banca Akros quali, ad esempio, l esclusione del sistema SABE. Pag. 16

17 ALLEGATI 1- Strategia di esecuzione e trasmissione ordini di Banca Akros 2- Descrizione del sistema SABE di Banca Akros 3- Strategia di esecuzione per le obbligazioni illiquide di Banca Akros 4- Regolamento dell Internalizzatore Sistematico di Banca Akros per le obbligazioni bancarie 5- Strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini di Banca IMI Pag. 17

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione 01/014 INDICE Premessa Fattori e criteri di esecuzione Strategia di trasmissione degli ordini Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni di

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Cda del 26/08/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA LA NORMATIVA MIFID FEBBRAIO 2013 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI)

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) Tipo: Redazione: Approvazione: Data rilascio: Policy Revisione Data Tipologia di aggiornamento 1 17/12/2014 Revisione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Tipo: Regolamento Redazione: Ufficio Organizzazione Approvazione: CdA Data rilascio: 27/04/2015 Revisione Data 1 2 3 27/04/2015

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Approvato in CdA del 19.12.2013 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal Consiglio di Gestione del 23 ottobre 2012 Sommario 1. Premessa... 4 2. Inquadramento Normativo... 4 3. Criteri generali adottati da Money

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/11/2011 ai sensi dell art. 45 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/06/2014 pagina 1 di 8 Indice Premessa...3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Revisione dei Commissari Straordinari del 27 Agosto 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI...3

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Ultimo aggiornamento con delibera del C.d.A. del 06/12/2011 Indice 1 PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID Simone D Ippolito Markets Regulation Borsa Italiana Milano, 15 aprile 2008 Contenuti Aspetti generali L obbligo di best execution La strategia

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli