Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fisco & Contabilità La guida pratica contabile"

Transcript

1 Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N Le note di variazione IVA A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2016 Di seguito saranno analizzate in modo operativo le ultime novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 in relazione alle note di variazione in diminuzione di cui all art. 26 del D.P.R. 633/72. Introduzione La Legge di Stabilità per il 2016 art. 1, commi 126 e 127 ha riscritto la disciplina relativa alle note di variazione IVA. Fra le misure introdotte, particolare rilievo assumono quelle relative al recupero dell IVA nei casi di mancato pagamento dei corrispettivi e dell imposta addebitata ai clienti. Come noto, l art. 26 del D.P.R. 633/72 prevede l emissione di una nota di variazione (in aumento o diminuzione) ai fini IVA, in un momento successivo all emissione della fattura, al verificarsi di determinati eventi che modificano l imponibile e l imposta. Mentre le variazioni in aumento sono obbligatorie, quelle in diminuzione sono facoltative. Cosa sono le note di variazione IVA? Le note di variazione IVA nascono, in linea generale, per correggere errori, nell imposta e/o nell imponibile, commessi dal contribuente in fase di redazione della fattura. L art. 26 del D.P.R. 633/72 disciplina proprio le note di variazione, sia in aumento che in diminuzione, analizzando tutti i casi in cui si rende necessaria la loro emissione. La variazione di una fattura può aver luogo per molti motivi. 1

2 Può dipendere per esempio da semplici errori di inserimento (errata imputazione di un prezzo rispetto al listino o agli accordi presi con il cliente) o da errori di applicazione della norma come nel caso di utilizzo di un aliquota IVA sbagliata. Può derivare anche per effetto di sconti concessi al cliente per il raggiungimento di un target stabilito fra le parti oppure a causa del dissesto del cliente che non è più in grado di pagare regolarmente. Tipi di note di variazione Le note di variazione IVA si suddividono in due tipologie: Note di variazione in aumento; Note di variazione in diminuzione. Note di variazione in aumento Se successivamente all emissione della fattura o alla sua registrazione, l imponibile o l imposta vengono ad aumentare per qualsiasi motivo (es. Errore materiale di fatturazione, accordo sopravvenuto tra le parti, ecc) la nota di variazione in aumento deve essere emessa. In tali casi, non esistono limiti di tempo per la sua emissione. Note di variazione in diminuzione Se una operazione, per la quale sia stata emessa fattura, successivamente alla registrazione, viene meno in tutto o in parte o se ne riduce l ammontare imponibile è possibile emettere nota di accredito. È possibile la loro emissione solo in specifiche ipotesi espressamente contemplate dalla norma. Vi sono alcune fattispecie per le quali non esiste un limite temporale per l emissione mentre ve ne sono altre che possono essere emesse solo entro un determinato arco temporale. Note di variazione in diminuzione con limite temporale L art. 26, comma 3, prevede che non sia possibile effettuare variazioni in diminuzione dopo il decorso di 1 anno dall effettuazione dell operazione imponibile qualora gli eventi si verifichino in dipendenza di: sopravvenuto accordo tra le parti (es. Concessione di sconti o abbuoni non previsti contrattualmente); rettifiche di inesattezze nella fattura. 2

3 Note di variazione in diminuzione senza limite temporale Le variazioni in diminuzione possono essere emesse senza limiti temporali nelle seguenti ipotesi: nullità, annullamento, revoca, rescissione, risoluzione e simili; mancato pagamento, in tutto o in parte, a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive rimaste infruttuose; in conseguenza di applicazione di abbuoni o sconti previsti contrattualmente. Le variazioni relative alla terza categoria, se si verificano per sopravvenuto accordo fra le parti, devono essere effettuate entro un anno dall operazione principale. Nullità, annullamento, revoca, rescissione, risoluzione e simili Nell ambito che stiamo commentando, è stato riscritto il comma 2 dell art.26 del D.P.R. 633/72 che ora dispone: se l operazione originaria dovesse venire meno, in tutto o in parte, a causa di ben precise dichiarazioni in merito all originario contratto ovvero per la concessione di sconti contrattualmente previsti, allora è possibile emettere la nota di accredito qualora si manifestino questi effetti, anche se è decorso l anno dall effettuazione dell operazione. Il nuovo comma 9 dell art. 26 del D.P.R. 633/72 dispone ora in merito alla risoluzione contrattuale che: nel caso in cui la dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione e simili, sia riferita a contratti ad esecuzione continuata o periodica, e deriva da inadempimento, la possibilità di emettere nota di accredito non riguarda le cessioni e le prestazioni epr cui sia il cedente o prestatore che il cessionario o committente abbiano correttamente adempiuto alle proprie obbligazioni. Per tale particolare tipologia di contratti, che in generale sono quelli comunemente posti in essere dalle imprese che si occupano dell erogazione dei servizi pubblici e ambientali ai cittadini (ad es. Le forniture di gas, servizi telefonici, energia elettrica, e simili) il problema del mancato pagamento delle forniture risulta particolarmente sentito. 3

4 Spesso, infatti, gli inadempimenti riguardano numerosi clienti anche se di piccoli importi, ove, di fatto, diventa impossibile, a costi ragionevoli, esercitare la rivalsa dell imposta, per cui le imprese fornitrici rimangono oberate da notevoli oneri finanziari. La presa di posizione del legislatore su questo tema è quindi importante, perché con una disposizione di interpretazione autentica, viene consentito di recuperare l IVA per I corrispettivi non pagati e relativi a forniture di beni e servizi erogati in forza di contratti ad esecuzione continuata o periodica, purché ci si trovi in presenza di una risoluzione per inadempimento, a nulla influendo la circostanza che la risoluzione sia giudiziale o di diritto. Mancato pagamento, in tutto o in parte, a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive individuali rimaste infruttuose Dal nuovo comma 2 risultano espunte le procedure concorsuali, che trovano ad oggi collocazione nel nuovo comma 4 dell art. 26. Infatti, tale comma si scinde in due: 1. le procedure concorsuali e le procedure a queste assimilate; 2. le procedure esecutive individuali rimaste infruttuose. Le variazioni dipendenti dal mancato pagamento del corrispettivo Le procedure concorsuali La disciplina del mancato pagamento della fattura da parte dell acquirente a causa di procedure concorsuali è contenuta nel comma 4, lett. a) dell art. 26 del D.P.R. 633/72. La principale modifica apportata dalla Legge di Stabilità consiste nell anticipazione dei presupposti che permettono di operare le variazioni in diminuzione quando i cessionari o committenti siano assoggettati a procedure concorsuali. Ricordiamo che la vecchia normativa faceva dipendere l emissione della nota di variazione in diminuzione dal mancato pagamento in tutto o in parte a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive rimaste infruttuose. Infatti, si poteva emettere la nota di variazione in diminuzione nella seguente data: VECCHIA NORMATIVA FALLIMENTO Scadenza del termine per proporre reclamo avverso il decreto di chiusura del fallimento ovvero per proporre osservazioni al decreto con il quale il giudice rende esecutivo il piano di riparto. 4

5 CONCORDATO FALLIMENTARE CONCORDATO PREVENTIVO LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA Passaggio in giudicato della sentenza di omologazione del concordato. Sentenza di omologazione e successivo adempimento del debitore agli obblighi assunti in sede concordataria. Definitività del piano di riparto predisposto dall autorità competente. Tale disciplina quindi consente al cedente o prestatore di portare in detrazione l imposta corrispondente alla variazione, annotandola nel registro di cui all art. 25 del D.P.R. 633/72 a partire dalla data in cui il cessionario o committente è assoggettato ad una procedura concorsuale, senza dover attendere che sia definitivamente accertata l infruttuosità della stessa 1. Quindi, in base al nuovo comma 11 dell art. 26 del D.P.R. 633/72 le date da prendere come riferimento sono le seguenti: NUOVO COMMA 11 FALLIMENTO LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA CONCORDATO PREVENTIVO AMMINISTRAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE IN CRISI ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Dalla data della sentenza dichiarativa Dalla data del provvedimento che la ordina Dalla data del decreto di ammissione alla procedura Dalla data del decreto che dispone la procedura Decreto di omologa Pubblicazione nel registro delle imprese In relazione alle variazioni in diminuzione, sono da sempre previsti degli adempimenti a carico del cedente o prestatore, ovvero la registrazione della 1 Si tenga presente che, come specifica la Circolare Assonime num. 5 del 2016, l emissione della nota di credito sembra essere consentita a prescindere dalla presentazione della domanda di insinuazione al passivo da parte del creditore. Nel caso in cui il Legislatore avesse voluto attribuire rilevanza a tale circostanza, la data di riferimento per l emissione della nota di variazione avrebbe dovuto essere identificata con quella di presentazione della relativa domanda. Sul punto ci si augura un chiarimento da parte dell Agenzia delle Entrate. 5

6 nota di variazione ed il suo computo ai fini della liquidazione dell IVA, nonché adempimenti a carico del cessionario o committente che, avendo detratto l IVA, dovrebbe restituirla all erario. Tali adempimenti avevano creato in passato incertezze operative, ora superate con la nuova disciplina. Infatti, il comma 5 dell art. 26 del D.P.R. 633/72 dispone che, in linea di massima, il cessionario o committente ha l obbligo di registrare l operazione a norma dell art. 23 o dell art. 24 del D.P.R. 633/72 e di computare l IVA nella liquidazione corrispondente. Sempre il comma 5 però stabilisce una deroga al principio generale sopra esposto, ovvero che per i casi di variazioni derivanti da procedure concorsuali il cessionario o committente non ha più l obbligo di registrare la variazione nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi, né di computare tale imposta nella liquidazione. Adempimenti Si tenga presente tale eccezione non opera in relazione agli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182-bis, Legge fallimentare e per i piani attestati di risanamento ex art. 67, comma 3, della stessa legge. Infatti, come precisato dall Agenzia delle Entrate a Telefisco 2016, tra le procedure concorsuali non rientrano l accordo di ristrutturazione dei debiti e il piano attestato di risanamento e, di conseguenza, a tali procedure non è possibile estendere in via analogica l eccezione disposta dal comma 5 dell art. 26 del D.P.R. 633/72. Sempre in relazione agli adempimenti da effettuare, il comma 6 stabilisce che nel caso in cui il cedente (o prestatore), che ha emesso la variazione in diminuzione per mancato pagamento, riceva successivamente il pagamento totale o parziale del proprio credito, dovrà procedere alla variazione in aumento per poi riversare l imposta corrispondente all importo riscosso. Entrata in vigore delle disposizioni In relazione all efficacia delle modifiche introdotte, l art. 1, comma 127 della Legge di Stabilità 2016 distingue tra modifiche di natura innovativa e modifiche di natura interpretativa. Per quanto riguarda le modifiche di natura innovativa art. 26, comma 4, lett. a) e comma 5 secondo periodo del D.P.R. 633/72 si precisa che tali norme non hanno immediata operatività in quanto il comma 127 della Legge di Stabilità ne differisce l efficacia ai casi in cui il cessionario o committente sia assoggettato a una procedura concorsuale successivamente al 31 dicembre

7 In relazione a tale testo, la Circolare Assonime num. 5 del 2016 ha specificato quanto segue: La lettera della norma si presta a un duplice significato: essa potrebbe far ritenere che le disposizioni richiamate trovino applicazione nei casi in cui la procedura concorsuale inizi successivamente a tale data, ad esempio quando la sentenza dichiarativa del fallimento sia emessa a partire dal 1 gennaio Ma essa si presta anche a una diversa interpretazione legittimando l operatività delle nuove disposizioni nei casi in cui il debitore risulti assoggettato a una procedura concorsuale successivamente al 31 dicembre Tale ultima soluzione consentirebbe di effettuare le variazioni anche se la procedura concorsuale è iniziata entro tale data ma non si è ancora conclusa.. In merito a tal punto, l AIDC si discosta da quanto affermato da Assonime, propendendo nel dire che la nota di variazione può essere emessa dalla data di apertura della procedura concorsuale solo per le procedure che si apriranno a partire dal 1 gennaio Essendo tale questione controversa si attende una pronuncia ufficiale dell Agenzia delle Entrate in merito. Per quanto riguarda invece le modifiche di natura interpretativa, le stesse trovano applicazione già dal 2016 e, avendo natura interpretativa, è possibile applicarle anche alle fattispecie pregresse. Le variazioni dipendenti dal mancato pagamento del corrispettivo Le procedure esecutive individuali Il nuovo comma 12 dell art. 26 del D.P.R. 633/72 contiene disposizioni interpretative che precisano in quali situazioni una procedura esecutiva individuale può considerarsi infruttuosa. Tale comma 12 precisa che una procedura esecutiva individuale si considera infruttuosa in tre ipotesi: a) nell ipotesi di pignoramento presso terzi, quando dal verbale di pignoramento redatto dall ufficiale giudiziario risulti che presso il terzo pignorato non vi sono beni o crediti da pignorare; b) nell ipotesi di pignoramento di beni mobili, quando dal verbale di I pignoramento redatto dall ufficiale giudiziario risulti la mancanza di beni da pignorare ovvero l impossibilità di accesso al domicilio del debitore ovvero la sua irreperibilità; c) nell ipotesi in cui, dopo che per tre volte l asta per la vendita del bene pignorato sia andata deserta, si decida di interrompere la procedura esecutiva per eccessiva onerosità. 7

8 Indicazioni operative per l applicazione delle nuove norme Cessionario o committente assoggettato a procedura concorsuale aperta entro il 31 dicembre 2016 Se si applica la tesi più prudente esposta più sopra, ovvero quella che è necessario per applicare il nuovo comma 4 che la procedura concorsuale sia avviata dal 1 gennaio 2017 (e si consiglia di applicare tale interpretazione fino a quando l Amministrazione Finanziaria non dia delle precisazioni al riguardo), i creditori dovranno continuare ad applicare la vecchia disciplina, ovvero: il creditore deve aver partecipato alla procedura; la procedura deve essere infruttuosa. Di seguito si riepilogano i momenti in cui si ritiene la procedura concorsuale infruttuosa: Fallimento Concordato fallimentare Concordato preventivo Liquidazione coatta amministrativa Scadenza del termine per proporre reclamo avverso il decreto di chiusura del fallimento ovvero per proporre osservazioni al decreto con il quale il giudice rende esecutivo il piano di riparto. Passaggio in giudicato della sentenza di omologazione del concordato. Sentenza di omologazione e successivo adempimento del debitore agli obblighi assunti in sede concordataria. Definitività del piano di riparto predisposto dall autorità competente. In questi casi quindi, l emissione della nota di variazione in diminuzione è consentita solo alla chiusura della procedura. Facciamo un esempio concreto: 30 giugno 2010: sentenza dichiarativa di fallimento; 30 settembre 2014: scadenza del termine per le osservazioni al piano di riparto stabilito con decreto dal giudice. Il creditore può emettere la nota di variazione per il recupero dell IVA entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto ovvero: nota di variazione emessa entro il 31 dicembre 2016 per essere inserita nella dichiarazione IVA da presentarsi entro il 30 settembre

9 Beta S.r.l. Via Milano, Padova C.F. e P. IVA Spett. le Fall. Gamma S.r.l. C/o curatore Piazza Garibaldi, Padova C.F. e P. IVA Padova, 20 dicembre 2015 Nota di accredito n. 520 Nota di accredito ai soli fini IVA emessa ex art. 26 del D.P.R. 633/72 relativa alla fattura num. 778 del 5 maggio 2007 Imponibile ,00 IVA 2.000,00 Cessionario o committente assoggettato a procedura concorsuale aperta a partire dal 1 gennaio Per effetto di quanto dispone la nuova lett. a) del comma 4 dell art. 26 del D.P.R. 633/72, per le procedure concorsuali aperte a partire dal 1 gennaio 2017 potranno essere emesse le note di variazione nelle seguenti date: Fallimento Sentenza dichiarativa di fallimento Liquidazione coatta amministrativa Provvedimento che ordina la liquidazione Concordato preventivo Decreto di ammissione Amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi Accordo di ristrutturazione dei debiti Piano attestato di risanamento Decreto che dispone la procedura Decreto di omologa Pubblicazione nel Registro delle Imprese Procedure esecutive individuali Il creditore della Beta S.r.l. vanta un credito di euro. A seguito di procedura esecutiva di pignoramento presso terzi, l Ufficiale giudiziario ha redatto un verbale dal quale risulta che presso il terzo pignorato non vi sono beni o crediti da pignorare. 9

10 In quel momento, a seguito delle nuove norme introdotte, il creditore potrà ora emettere una nota di variazione in diminuzione in modo da poter procedere al recupero dell IVA versata al tempo in cui ha emesso la fattura. - Riproduzione riservata - 10

SPECIALE Legge di Stabilità

SPECIALE Legge di Stabilità SPECIALE Legge di Stabilità Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: RISCRITTO L ARTICOLO 26 DEL DECRETO IVA SULLE NOTE DI VARIAZIONE La Legge di Stabilità 2016 L. 208/2015 all articolo 1, commi 126-127,

Dettagli

OGGETTO: Novità in materia di note di variazione in diminuzione ai fini IVA

OGGETTO: Novità in materia di note di variazione in diminuzione ai fini IVA OGGETTO: Novità in materia di note di variazione in diminuzione ai fini IVA Gentile Cliente, la Legge di Stabilità per l anno 2016 (L. n. 208/2015) all articolo 1, commi 126-127, modifica la disciplina

Dettagli

INFORMATIVA SETTIMANALE NOTE DI VARIAZIONE: NOVITÀ 2016

INFORMATIVA SETTIMANALE NOTE DI VARIAZIONE: NOVITÀ 2016 n.4 19 febbraio 2016 INFORMATIVA SETTIMANALE NOTE DI VARIAZIONE: NOVITÀ 2016 : ADEMPIMENTO La Legge di Stabilità 2016 riscrive la normativa sulle note di variazione Mentre nella precedente formulazione

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA PER CREDITI INSOLUTI

NOTE DI VARIAZIONE IVA PER CREDITI INSOLUTI SPAZIO CONSULENZA News letter n. 2 del 11/02/2016 NOTE DI VARIAZIONE IVA PER CREDITI INSOLUTI La Legge di Stabilità 2016 L. 208/2015 all articolo 1, commi 126-127, modifica la disciplina delle note di

Dettagli

IVA: NOVITA 2017 SULLE NOTE DI VARIAZIONE E PROCEDURE CONCORSUALI

IVA: NOVITA 2017 SULLE NOTE DI VARIAZIONE E PROCEDURE CONCORSUALI WORKSHOP dedicato a manager e imprenditori IVA: NOVITA 2017 SULLE NOTE DI VARIAZIONE E PROCEDURE CONCORSUALI 21 febbraio 2017 Milano INTRODUZIONE L articolo 1, commi 126 e 127 della Legge 28 dicembre 2015,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 91 07.03.2017 Note di credito Iva e procedure concorsuali Evoluzione normativa A cura di Lucia Recchioni Categoria: Iva Sottocategoria: Fattura

Dettagli

La Legge di Stabilità ha riformulato l art. 26 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in materia di note di variazione Iva in diminuzione.

La Legge di Stabilità ha riformulato l art. 26 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in materia di note di variazione Iva in diminuzione. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE NOTE DI VARIAZIONE IVA La Legge di Stabilità ha riformulato l art. 26 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in materia di note di variazione Iva in diminuzione. In particolare:

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO RIFERIMENTI NORMATIVI NOTE DI VARIAZIONE IVA (Variazione dell'imponibile o dell'imposta) CLASSIFICAZIONE DT IVA - NOTE VARIAZIONE 20.020.026 COLLEGAMENTI Art. 26 D.P.R. 26.10.1972 N. 633 -

Dettagli

CIRCOLARI DI AGGIORNAMENTO. Serie 2016 n. 20. Modifiche NOTE DI VARIAZIONE ART. 26 D.P.R. 633/72. Studio Mantovani & Associati s.s. Pag.

CIRCOLARI DI AGGIORNAMENTO. Serie 2016 n. 20. Modifiche NOTE DI VARIAZIONE ART. 26 D.P.R. 633/72. Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 5 Studio Mantovani & Associati s.s. Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria Partners: Mantovani Dott. Rag. Sergio Scaini Rag. Andrea Mantovani Dott. Rag.

Dettagli

LE NOTE DI VARIAZIONE LETTURA INTERPRETATIVA

LE NOTE DI VARIAZIONE LETTURA INTERPRETATIVA LETTURA INTERPRETATIVA 116 LETTURA INTERPRETATIVA PROCEDURE CONCORSUALI e momento di rilevanza per il diritto alla detrazione ex art. 19 co. 1 del DPR 633/72, vale a dire il termine per la presentazione

Dettagli

Novità in tema di note di variazione IVA: linee operative dal 1/1/2017

Novità in tema di note di variazione IVA: linee operative dal 1/1/2017 Novità in tema di note di variazione IVA: linee operative dal 1/1/2017 Linee operative a seguito delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016, in vigore dal 1/1/2017. A cura dell avv. Nicola Traverso

Dettagli

Un po di zucchero nel caffè da sempre amaro?

Un po di zucchero nel caffè da sempre amaro? Andrea Davide Arnaldi Managing Partner SLACC Studio Legale Un po di zucchero nel caffè da sempre amaro? Legge di Stabilità: Le novità del Recupero IVA da Procedure Concorsuali PRINCIPIO GENERALE LE

Dettagli

ART. 106 TUIR ART. 101 COMMA 5 TUIR

ART. 106 TUIR ART. 101 COMMA 5 TUIR D.P.R. 917 DEL 22.12.1986 (TESTO UNICO IMPOSTE SUI REDDITI) IL PASSAGGIO A PERDITA DEI CREDITI: MODALITÀ DI DEDUZIONE DEGLI ONERI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI CREDITI ART. 101 COMMA 5 TUIR INDICA I REQUISITI

Dettagli

Fiscal News N Emissione nota di credito nelle procedure concorsuali. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N Emissione nota di credito nelle procedure concorsuali. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 211 24.08.2015 Emissione nota di credito nelle procedure concorsuali Categoria: IVA Sottocategoria: Credito L art. 26 del D.P.R. n. 633/1972 in

Dettagli

IVA VARIAZIONE IN DIMINUZIONE: QUANDO POSSIBILE NEI FALLIMENTI

IVA VARIAZIONE IN DIMINUZIONE: QUANDO POSSIBILE NEI FALLIMENTI IVA VARIAZIONE IN DIMINUZIONE: QUANDO POSSIBILE NEI FALLIMENTI a cura Federico Gavioli Con la risoluzione n. 195/E del 16 maggio 2008 l Agenzia delle Entrate ha risposto ad una serie di quesiti sulla corretta

Dettagli

Le modifiche dell art 26 del DPR 633/1972

Le modifiche dell art 26 del DPR 633/1972 Le modifiche dell art 26 del DPR 633/1972 La formulazione dell art.26 in vigore dal 2/3/1997, come modificato dal D.L. n.669/1996, prevedeva la possibilità di emettere la nota di variazione Iva nel caso

Dettagli

Perdite su crediti e conseguenze IVA

Perdite su crediti e conseguenze IVA Perdite su crediti e conseguenze IVA Come è noto l disciplina due tipi di note di variazione: In aumento Obbligatorie Note di variazione In diminuzione Facoltative Le variazioni in diminuzione rappresentano

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 214 31.05.2017 Note di variazione IVA: evoluzione normativa A cura di Giovambattista Palumbo Categoria: IVA Sottocategoria: Varie La Legge di

Dettagli

Studio Rinaldi Consulenza Tributaria Contrattuale Aziendale e Finanziaria Associazione tra Professionisti

Studio Rinaldi Consulenza Tributaria Contrattuale Aziendale e Finanziaria Associazione tra Professionisti Studio Rinaldi Consulenza Tributaria Contrattuale Aziendale e Finanziaria Associazione tra Professionisti Dottori Commercialisti: Giorgio Rinaldi Paolo Rinaldi Luigi Bechelli Gian Luca Lanzotti Alessandra

Dettagli

«La deducibilità fiscale delle perdite su crediti e il recupero dell IVA»

«La deducibilità fiscale delle perdite su crediti e il recupero dell IVA» «La deducibilità fiscale delle perdite su crediti e il recupero dell IVA» DANIELE VITALI A.D. DI VIVA S.P.A. VERONA 16 NOVEMBRE 2016 1 CHI SIAMO VIVA è una società finanziaria indipendente, operativa da

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI: FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE

GLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI: FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE 1 GLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI: FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE 2 GLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI: FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DISPOSIZIONI GENERALI contenuti modalità termini NOVITA

Dettagli

26/01/2016 IVA Novità sotto il controllo UE. pagina 1 di 17. Prof. Renato Portale dottore commercialista

26/01/2016 IVA Novità sotto il controllo UE. pagina 1 di 17. Prof. Renato Portale dottore commercialista IVA 2016 Novità sotto il controllo UE pagina 1 di 17 Novità IVA 2016 Aumento IVA congelato al 2017 Mancati pagamenti e variazioni in diminuzione Inversione contabile: estensione a consorzi in split Proroga

Dettagli

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA AGGIORNAMENTI FEBBRAIO 2016 PARTE I NOTE DI VARIAZIONE: NOVITÀ 2016 : ADEMPIMENTO E CHECK LIST La Legge di Stabilità 2016 riscrive la normativa sulle note di variazione Mentre nella precedente formulazione

Dettagli

SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI

SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI IVA PER CASSA: NOVITÀ E CONSIDERAZIONI SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI IL NUOVO REGIME DEL CASH ACCOUNTING O DELL IVA PER CASSA Come noto, i soggetti che adottano il regime del cash accounting (c.d. Iva

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

IVA Novità sotto il controllo UE. pagina 1 di 20. Prof. Renato Portale dottore commercialista

IVA Novità sotto il controllo UE. pagina 1 di 20. Prof. Renato Portale dottore commercialista IVA 2016 Novità sotto il controllo UE pagina 1 di 20 Novità IVA 2016 Aumento IVA congelato al 2017 Mancati pagamenti e variazioni in diminuzione Inversione contabile: estensione a consorzi in split Proroga

Dettagli

I NUOVI TERMINI PER LA DETRAZIONE DELL IVA

I NUOVI TERMINI PER LA DETRAZIONE DELL IVA I NUOVI TERMINI PER LA DETRAZIONE DELL IVA Lecco, 24 gennaio 2018 Alla Spettabile Clientela Come noto, la c.d. Manovra correttiva ha apportato rilevanti modifiche alla disciplina della detrazione dell

Dettagli

Risoluzione N. 120/E

Risoluzione N. 120/E Risoluzione N. 120/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 26, secondo comma, del dpr 26 ottobre 1972, n. 633 note di variazione. Interpello articolo 11, legge

Dettagli

' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + $ $ $

' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + $ $ $ !!" # "%& '(' ) #!"!" # % & ' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + * / «volume d'affari non superiore a 2.000.000,00 di euro 0 0 1 0 0 1 La citata Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 44/2012, al punto 2,

Dettagli

Nota informativa n. 4/2018 LA DETRAZIONE DELL IVA - CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE CIRCOLARE 1 DEL 17/01/2018

Nota informativa n. 4/2018 LA DETRAZIONE DELL IVA - CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE CIRCOLARE 1 DEL 17/01/2018 Nota informativa n. 4/2018 LA DETRAZIONE DELL IVA - CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE CIRCOLARE 1 DEL 17/01/2018 Con Circolare 1/E del 17 gennaio 2018, l Agenzia delle Entrate ha fornito i tanto attesi

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale del prof. Giuliano Buffelli L IVA nelle procedure concorsuali. Raffaele Rizzardi 20 dicembre 2017

Corso di Tecnica Professionale del prof. Giuliano Buffelli L IVA nelle procedure concorsuali. Raffaele Rizzardi 20 dicembre 2017 Corso di Tecnica Professionale del prof. Giuliano Buffelli L IVA nelle procedure concorsuali Raffaele Rizzardi 20 dicembre 2017 L IVA sulle vendite della procedura Legge IVA: D.P.R. 26 ottobre 1972, n.

Dettagli

Roma, 17 febbraio 2009

Roma, 17 febbraio 2009 RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 febbraio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 variazione dell imponibile o dell imposta-

Dettagli

Legge di stabilità 2016: le novità in materia di IVA

Legge di stabilità 2016: le novità in materia di IVA Oggetto: Legge di stabilità 2016: le novità in materia di IVA La legge di stabilità 2016 (L. 208 del 28.12.2015) è stata pubblicata il 30 dicembre 2015, in Gazzetta Ufficiale n. 302, supplemento Ordinario

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 047 19 FEBBRAIO 2013 IVA IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 32-bis, DL n. 83/2012 DM 11.10.2012 Provvedimento Agenzia Entrate 21.11.2012

Dettagli

Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44

Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44 Prot. 318/2012 Milano, 29-11-2012 Circolare n. 115/2012 AREA: Circolari, Fiscale Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44 Con la circolare n. 44 del 26/11/2012

Dettagli

La nuova disciplina delle note di variazione Iva. (Circolare n. 5 del 14 marzo 2016)

La nuova disciplina delle note di variazione Iva. (Circolare n. 5 del 14 marzo 2016) La nuova disciplina delle note di variazione Iva (Circolare n. 5 del 14 marzo 2016) Indice 1. Premessa 2. Procedure concorsuali 2.1. Entrata in vigore delle novità normative 2.2. Procedure concorsuali

Dettagli

CREDITER SRL FINALMENTE SI PUO!!! «Novità in tema di recupero dell IVA» Avv. Riccardo Pavanello

CREDITER SRL FINALMENTE SI PUO!!! «Novità in tema di recupero dell IVA» Avv. Riccardo Pavanello CREDITER SRL FINALMENTE SI PUO!!! «Novità in tema di recupero dell IVA» Avv. Riccardo Pavanello FONTI NORMATIVE: Di ordine primario: Leggi n. 30 e n. 140 del 1997 Art. 26 D.P.R. n. 633/72 Di ordine secondario:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 67/E. Con l interpello specificato in oggetto è stato posto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 67/E. Con l interpello specificato in oggetto è stato posto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 67/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 luglio 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 10, comma 12-undecies, del D.L. n. 192 del 2014 - applicazione

Dettagli

Liquidazione dell'iva secondo la contabilità di cassa

Liquidazione dell'iva secondo la contabilità di cassa ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. Gennaio/2/2014 (*) Napoli 9 Gennaio 2014

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. Gennaio/2/2014 (*) Napoli 9 Gennaio 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Gennaio/2/2014 (*) Napoli 9 Gennaio 2014 E addebitabile in via di rivalsa l IVA corrisposta in presenza di un accertamento divenuto definitivo

Dettagli

Note di variazione IVA: nota debito e nota credito

Note di variazione IVA: nota debito e nota credito Note di variazione IVA: nota debito e nota credito Il decreto IVA (D.P.R. n. 633/1972) prende in considerazione il caso in cui, successivamente all emissione o alla registrazione della fattura, l importo

Dettagli

RINVIO PREGIUDIZIALE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA

RINVIO PREGIUDIZIALE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA RINVIO PREGIUDIZIALE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA IN MERITO ALL INTERPRETAZIONE DELL ART. 26, II COMMA, DPR n. 633/72. COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA Ordinanza n. 315/5/2016 CTP di Siracusa

Dettagli

I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22%

I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22% Fiscal Flash La notizia in breve N. 279 06.11.2013 I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22% L Agenzia con Circolare n.32/e del 5 novembre 2013 fornisce dei chiarimenti

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 11 / Pagine: 6 Data: 12 marzo 2014 RECUPERO DELL'IVA PER CREDITI MATURATI

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 11 / Pagine: 6 Data: 12 marzo 2014 RECUPERO DELL'IVA PER CREDITI MATURATI C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 11 / 2 0 1 4 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I Pagine: 6 Data: 12 marzo 2014 RECUPERO DELL'IVA PER CREDITI MATURATI VERSO SOGGETTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CONCORSUALI

Dettagli

Il volume è aggiornato con le novità normative apportate al concordato preventivo dal c.d. decreto del fare

Il volume è aggiornato con le novità normative apportate al concordato preventivo dal c.d. decreto del fare Il volume è in offerta lancio con lo sconto del 10% sul prezzo di copertina 85,50 (anziché 95,00). Per maggiori info contattaci al 335 6197259 - Dott. Mirko Clemente - Agenzia CEDAM per Massa Carrara e

Dettagli

STUDIO VEZZANI COMUNICAZIONE D I STUDIO N. 3/ 2003

STUDIO VEZZANI COMUNICAZIONE D I STUDIO N. 3/ 2003 DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI COLLABORATORI PUBBLICISTI COMUNICAZIONE D I STUDIO N. 3/ 2003 A: Da: Studio Vezzani C/a: Pagine: 1+la presente Fax: Data: 23 gennaio 2003 Ogg.: Premi (sconti)

Dettagli

Il meccanismo dell inversione contabile (reverse charge)

Il meccanismo dell inversione contabile (reverse charge) 1 Il meccanismo dell inversione contabile (reverse charge) 2 La procedura di inversione contabile (o «reverse charge) è disciplinata, dall art. 17 del D.P.R. 633/72 con riferimento ad alcune operazioni,

Dettagli

Circolare n. 5 del 16 marzo 2016

Circolare n. 5 del 16 marzo 2016 Circolare n. 5 del 16 marzo 2016 La nuova disciplina delle note di variazione Iva Indice 1. Premessa 2. Procedure concorsuali 2.1. Entrata in vigore delle novità normative 2.2. Procedure concorsuali aperte

Dettagli

GLI INTERVENTI DI RIFORMULAZIONE DELLA NORMA

GLI INTERVENTI DI RIFORMULAZIONE DELLA NORMA GLI INTERVENTI DI RIFORMULAZIONE DELLA NORMA SULL EMISSIONE DELLE NOTE DI ACCREDITO IVA E I (FUTURI) EFFETTI SULLE PROCEDURE CONCORSUALI di Paolo Dal Monico Sommario: I. Premessa; II. Il credito IVA di

Dettagli

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002 Risoluzione n. 89/E Roma,18 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Termini per l emissione di una nota credito dopo la chiusura del fallimento. Interpello - articolo 11 legge 27

Dettagli

Obblighi fiscali in sede di espropriazione forzata delegata

Obblighi fiscali in sede di espropriazione forzata delegata Obblighi fiscali in sede di espropriazione forzata delegata Nicola Forte Latina, 10 dicembre 2015 Nell ordinamento tributario mancano disposizioni specifiche che disciplinano gli obblighi del professionista

Dettagli

1 Operativo dal 1 dicembre 2012 il nuovo regime iva per cassa ;

1 Operativo dal 1 dicembre 2012 il nuovo regime iva per cassa ; Pesaro, lì 19 ottobre 2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 12/2012 1 Operativo dal 1 dicembre 2012 il nuovo regime iva per cassa ; Con il c.d. Decreto Crescita il Legislatore ha modificato l attuale

Dettagli

L AGENZIA DELLE ENTRATE SULL IVA PER CASSA? a cura di Giovani Valcarenghi e Sergio Pellegrino

L AGENZIA DELLE ENTRATE SULL IVA PER CASSA? a cura di Giovani Valcarenghi e Sergio Pellegrino L AGENZIA DELLE ENTRATE SULL IVA PER CASSA? a cura di Giovani Valcarenghi e Sergio Pellegrino La disciplina attuativa del regime in esame è dettata, secondo quanto previsto dall articolo 32-bis, dal decreto

Dettagli

Il nuovo regime dell IVA per CASSA

Il nuovo regime dell IVA per CASSA Via Vittorio Veneto, 69 52100 Arezzo Tel. 0575907007 Fax 0575 907008 Email: info@studiocappietti.com Sito Web: www.studiocappietti.com Introduzione Con la pubblicazione del decreto attuativo del 11/10/12

Dettagli

LO SPLIT PAYMENT E LE FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI DALL

LO SPLIT PAYMENT E LE FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI DALL INFORMATIVAN.003 07GENNAIO2015 IVA LO SPLIT PAYMENT E LE FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI DALL 1.1.2015 Art. 1, commi 629, lett. b) e c), 630, 632 e 633, Legge n. 190/2014 Nell ambito della Finanziaria

Dettagli

Liquidazione dell Iva secondo la contabilità di cassa (cosiddetto Cash accounting ) Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 44/E del 26 novembre 2012.

Liquidazione dell Iva secondo la contabilità di cassa (cosiddetto Cash accounting ) Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 44/E del 26 novembre 2012. Liquidazione dell Iva secondo la contabilità di cassa (cosiddetto Cash accounting ) Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 44/E del 26 novembre 2012. Premessa Come noto, l art. 32-bis del D.L. 22 giugno

Dettagli

Decreto 26 marzo 2009 del Ministro dell Economia e delle Finanze Circolare dell Agenzia delle Entrate n.20/e del 30 aprile 2009

Decreto 26 marzo 2009 del Ministro dell Economia e delle Finanze Circolare dell Agenzia delle Entrate n.20/e del 30 aprile 2009 Dal 28 aprile 2009, per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate da soggetti Iva nei confronti di cessionari o committenti che agiscono nell esercizio di impresa, arte o professione,

Dettagli

Novità in materia di detrazione IVA - Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate n. 1

Novità in materia di detrazione IVA - Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate n. 1 Informativa n. 4. del 22 gennaio 2018 Novità in materia di detrazione IVA - Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate 17.1.2018 n. 1 1 PREMESSA Con la circ. 17.1.2018 n. 1, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 80/E. OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212

RISOLUZIONE N. 80/E. OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 RISOLUZIONE N. 80/E Roma, 4 agosto 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA N. 3/2018 Novità in materia di detrazione IVA Chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate 17.1.2018 n. 1 1 1 PREMESSA Con la circ. 17.1.2018 n. 1, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 7 24.02.2016 1 Perdite su crediti dopo il Decreto Internazionalizzazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La disciplina fiscale

Dettagli

C O M U N I C A Z I O N E D I S T U D I O N. 0 2 / Disciplina Iva delle operazioni con l estero. (i) momento di effettuazione dell operazione

C O M U N I C A Z I O N E D I S T U D I O N. 0 2 / Disciplina Iva delle operazioni con l estero. (i) momento di effettuazione dell operazione C O M U N I C A Z I O N E D I S T U D I O N. 0 2 / 2 0 1 3 A: Tutti i Clienti - loro indirizzi Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 06 Fax: Data: 23 gennaio 2013 Egregi Signori, Disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N 415. OGGETTO: Applicazione agli Ordini Regionali delle disposizioni IVA in materia di split payment PREMESSA

CIRCOLARE N 415. OGGETTO: Applicazione agli Ordini Regionali delle disposizioni IVA in materia di split payment PREMESSA A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi Roma, 25 luglio 2017 Rif. P/CR.c LORO SEDI Consiglio Nazionale dei Geologi Cod.Ente: cnodg Cod.Registro: OUT UO: Consiglio Nazionale dei Geologi Prot.N. 0002806

Dettagli

INTRASTAT: istruzioni di compilazione (RETTIFICHE E VARIAZIONI)

INTRASTAT: istruzioni di compilazione (RETTIFICHE E VARIAZIONI) INTRASTAT: istruzioni di compilazione (RETTIFICHE E VARIAZIONI) Quando delle operazioni intra UE sono oggetto di: variazioni negli importi intervenuti successivamente alla presentazione degli elenchi;

Dettagli

GUIDA FATTURAZIONE 2017 ALLA

GUIDA FATTURAZIONE 2017 ALLA GUIDA ALLA FATTURAZIONE 2017 3 00216906 Anno X, Marzo, 3 - Direzione e Redazione: Strada 1, Palazzo F6-20090 Milanofiori Assago (Mi) Procedure concorsuali: variazioni IVA Compensi percepiti dopo la cessazione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE UFFICIO REGISTRO IMPRESE MANUALE OPERATIVO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE

CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE UFFICIO REGISTRO IMPRESE MANUALE OPERATIVO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE UFFICIO REGISTRO IMPRESE MANUALE OPERATIVO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE Aprile 2007 1 RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE. GLI ADEMPIMENTI

Dettagli

La nuova disciplina tributaria delle crisi d impresa nel Decreto Crescita.

La nuova disciplina tributaria delle crisi d impresa nel Decreto Crescita. La nuova disciplina tributaria delle crisi d impresa nel Decreto Crescita. Rieti, 1 Febbraio 2013 Crowe Horwath Studio Associato Servizi Professionali Integrati Via Barberini 47 00187 Roma Tel: 06 6977571

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc Roma Reverse charge Edilizia L art. 1, comma 44, della legge finanziaria per il 2007, ha sostituito il sesto comma dell art. 17 del D.P.R. n. 633 del 1972, prevedendo che il meccanismo dell inversione contabile

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 9/2014. OGGETTO: Aspetti fiscali e contabili delle perdite su crediti di modesto importo.

NOTA OPERATIVA N. 9/2014. OGGETTO: Aspetti fiscali e contabili delle perdite su crediti di modesto importo. NOTA OPERATIVA N. 9/2014 OGGETTO: Aspetti fiscali e contabili delle perdite su crediti di modesto importo. - Introduzione Per le imprese si profilano importanti novità relativamente ai crediti divenuti

Dettagli

DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220

DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220 Newsletter 03/2015 DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220 Decreto per la crescita e l internazionalizzazione (D.lgs.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 27/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 27/E. Quesito RISOLUZIONE N. 27/E Roma, 26 marzo 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Applicazione articolo 8 Tariffa, parte prima, allegata al Testo unico dell imposta di registro, approvata

Dettagli

Il recupero IVA e la deducibilità del credito: condizioni, termini e monitoraggio.

Il recupero IVA e la deducibilità del credito: condizioni, termini e monitoraggio. I saggi sul mondo del credito Collana a cura di Andrea Davide Arnaldi Area legale di SLACC CR - Synergy Key srl. Dr. Carlo Schiaffino EDIZIONE AGGIORNATA 2014 Il recupero IVA e la deducibilità del credito:

Dettagli

Imposta sul valore aggiunto Variazioni dell imponibile e dell imposta

Imposta sul valore aggiunto Variazioni dell imponibile e dell imposta CIRCOLARE N. 5 DEL 10 FEBBRAIO 2016 IMPOSIZIONE INDIRETTA Imposta sul valore aggiunto Variazioni dell imponibile e dell imposta www.assonime.it ABSTRACT La legge di stabilità ha introdotto alcune misure

Dettagli

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato GESTIONE FISCALE DEI CREDITI INSOLUTI 1 Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale 2 Art 2423 Codice Civile Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo

Dettagli

Principali interventi sull IVA

Principali interventi sull IVA Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Principali interventi sull IVA Slide a cura di Daniela Miceli 1 Sommario Art. 26: Variazione Imponibile - Imposta Estensione del Reverse Charge Tax free shopping

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E

RISOLUZIONE N. 140/E RISOLUZIONE N. 140/E Roma, 29 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - IVA - errata applicazione del meccanismo del reverse charge alle cessioni

Dettagli

Gli aspetti tributari della Legge di Stabilità

Gli aspetti tributari della Legge di Stabilità Gli aspetti tributari della Legge di Stabilità Le novità IVA introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 e le nuove fattispecie di reverse charge interno Speaker Domenico Miscioscia 27 gennaio 2016 Sommario

Dettagli

IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO

IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO Operativa l IVA per cassa a decorrere dalle operazioni poste in essere, ai sensi dell articolo 6 del DPR 633/72, dalla data del 28 aprile 2009. L articolo

Dettagli

IVA Le nuove regole per le operazioni intracomunitarie in vigore dal 2013

IVA Le nuove regole per le operazioni intracomunitarie in vigore dal 2013 Ai Gentili Clienti IVA Le nuove regole per le operazioni intracomunitarie in vigore dal 2013 Riferimenti Art. 1, commi da 325 a 330, Legge n. 228/2012 Artt. 39, 46 e 47, DL n. 331/93 In sintesi Con la

Dettagli

Roma, 21 novembre 2008

Roma, 21 novembre 2008 RISOLUZIONE N. 449/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - risoluzione del contratto presupposto e termine

Dettagli

INDICE LA PROCEDURA DI FALLIMENTO... 5

INDICE LA PROCEDURA DI FALLIMENTO... 5 RIIFORMA DELLA LEGGE FALLIIMENTARE VADEMECUM DEGLII ADEMPIIMENTII NEII CONFRONTII DEL REGIISTRO DELLE IIMPRESE (ADEGUATO AL D..LGS.. 169/2007) Revisione 1 del 29/06/2009 1 La presente guida vuole rappresentare

Dettagli

FALLIMENTO. Presupposti ed effetti. Studio legale Ruggeri - Avvocato Carmela Ruggeri

FALLIMENTO. Presupposti ed effetti. Studio legale Ruggeri - Avvocato Carmela Ruggeri Presupposti ed effetti PROCEDURA CONCORSUALE LIQUIDATORIA COINVOLGE L IMPRENDITORE COMMERCIALE CON L INTERO PATRIMONIO E I SUOI CREDITORI LA PROCEDURA FALLIMENTARE E DIRETTA: ALL ACCERTAMENTO DELLO STATO

Dettagli

Iva per Cassa 2016: requisiti e funzionamento.

Iva per Cassa 2016: requisiti e funzionamento. Iva per Cassa 2016: requisiti e funzionamento. IVA per Cassa 2016 cd. Cash Accounting è il regime dell Iva introdotto dal Decreto Crescita articolo 32- bis, Dl 83/2012 al quale possono aderire i soggetti

Dettagli

Novità in materia di detrazione IVA

Novità in materia di detrazione IVA NEWS PER I CLIENTI DELLO STUDIO del 30 Gennaio 2018 Ai gentili clienti e Loro Sedi Novità in materia di detrazione IVA Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, L art. 2, co. 1, del

Dettagli

LA NUOVA IVA PER CASSA

LA NUOVA IVA PER CASSA EVOLUZIONE DEL CONTESTO NORMATIVO Principio generale di esigibilità/detraibilità in base al momento di effettuazione dell operazione (art. 6 DPR 633/72); IVA per cassa ordinaria (art. 6 co. 5 DPR 633/72);

Dettagli

Diritto Tributario. IVA base imponibile, aliquote, rivalsa e detrazione

Diritto Tributario. IVA base imponibile, aliquote, rivalsa e detrazione Diritto Tributario IVA base imponibile, aliquote, rivalsa e detrazione RIFERIMENTI NORMATIVI d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale,

Dettagli

BONUS AI CLIENTI: casi pratici di note di credito

BONUS AI CLIENTI: casi pratici di note di credito BONUS AI CLIENTI: casi pratici di note di credito I bonus sono incentivi alle vendite che vengono accordati, dal fornitore, alla propria clientela. Essi posso essere di tre tipi: quantitativi, qualitativi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI

NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Alla luce delle modifiche introdotte dal DL 83/2012 convertito dalla L. 134/12. 1 NOVITÀ Inserimento del piano di ristrutturazione tra le procedure concorsuali. Inserimento

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE SULLE PROCEDURE CONCORSUALI A SEGUITO DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE

ISTRUZIONI OPERATIVE SULLE PROCEDURE CONCORSUALI A SEGUITO DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE CAMERA DI COMMERCIO DI PISTOIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI OPERATIVE SULLE PROCEDURE CONCORSUALI A SEGUITO DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE LUGLIO 2008 Redatte dal Responsabile del procedimento:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione di S. Sanzo e M. Vitiello... CAPITOLO PRIMO I CARATTERI GENERALI E LA NATURA GIURIDICA di EDOARDO STAUNOVO-POLACCO

INDICE SOMMARIO. Presentazione di S. Sanzo e M. Vitiello... CAPITOLO PRIMO I CARATTERI GENERALI E LA NATURA GIURIDICA di EDOARDO STAUNOVO-POLACCO INDICE SOMMARIO Presentazione di S. Sanzo e M. Vitiello............................. XIII CAPITOLO PRIMO I CARATTERI GENERALI E LA NATURA GIURIDICA 1. Gli accordi di ristrutturazione nella legge fallimentare:

Dettagli

Edizione Avv. Andrea Davide Arnaldi Studio legale SLACC Credit Recovery Division

Edizione Avv. Andrea Davide Arnaldi Studio legale SLACC Credit Recovery Division Edizione 2016 I SAGGI DI Collana a cura di Avv. Andrea Davide Arnaldi Studio legale SLACC Credit Recovery Division Nella presente edizione, le note relative alla parte testuale e gli aggiornamenti di legge,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 30 aprile 2009

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 30 aprile 2009 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 aprile 2009 OGGETTO: Esigibilità dell IVA al momento dell effettiva riscossione del corrispettivo - Articolo 7, decreto legge 29 novembre

Dettagli

UN INGIUSTIFICATO PASSO INDIETRO DEL

UN INGIUSTIFICATO PASSO INDIETRO DEL DOCUMENTO Roma, 15 marzo 2017 UN INGIUSTIFICATO PASSO INDIETRO DEL LEGISLATORE IN TEMA DI NOTE DI VARIAZIONE IN DIMINUZIONE IVA NEL CASO DI ASSOGGETTAMENTO DEL CESSIONARIO/COMMITTENTE AD UNA PROCEDURA

Dettagli

Adempimenti fiscali a carico del curatore nel corso della procedura fallimentare

Adempimenti fiscali a carico del curatore nel corso della procedura fallimentare Adempimenti fiscali a carico del curatore nel corso della procedura fallimentare di Antonella Benedetto e Sabatino Ungaro 1. Adempimenti rilevanti ai fini IVA Dopo gli adempimenti fiscali effettuati in

Dettagli

INDICE GENERALE. Premessa... Parte I LA GIUSTIZIA CIVILE E IL RECUPERO DEI CREDITI

INDICE GENERALE. Premessa... Parte I LA GIUSTIZIA CIVILE E IL RECUPERO DEI CREDITI INDICE GENERALE Premessa.... XI Parte I LA GIUSTIZIA CIVILE E IL RECUPERO DEI CREDITI 1. La giustizia civile e il recupero dei crediti. Chi?.... 3 1.1. Le parti.... 4 1.1.1. Il creditore... 4 1.1.2. Il

Dettagli

Estensione dell ambito applicativo dello split payment - Novità del DL n. 50 conv. L n. 96 e del DM

Estensione dell ambito applicativo dello split payment - Novità del DL n. 50 conv. L n. 96 e del DM Circolare informativa n. 31 Estensione dell ambito applicativo dello split payment - Novità del DL 24.4.2017 n. 50 conv. L. 21.6.2017 n. 96 e del DM 27.6.2017 1 PREMESSA L art. 1 del DL 24.4.2017 n. 50,

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CENNI GENERALI ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA NORMATIVO CONCORSUALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CENNI GENERALI ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA NORMATIVO CONCORSUALE INDICE SOMMARIO Prefazione alla nona edizione............................. Prefazione alla decima edizione............................ V VII CAPITOLO I CENNI GENERALI ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA NORMATIVO

Dettagli

LA NUOVA IVA DI CASSA

LA NUOVA IVA DI CASSA LA NUOVA IVA DI CASSA Con la circolare n. 44/E del 26 novembre 2012, l Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti sull art. 32 bis del decreto legge 22 giugno 2012 n. 83 convertito con modificazioni

Dettagli

a cura di VANESSA PESENTI

a cura di VANESSA PESENTI a cura di VANESSA PESENTI INDICE CAPITOLO I: INTRODUZIONE... 7 CAPITOLO II: I PRESUPPOSTI DEL FALLIMENTO 1. Premessa.... 9 2. Il presupposto soggettivo (art.1 L.F.).... 9 3. Il presupposto oggettivo:

Dettagli