I.MO.S.M.I.D. Integrated MOdel for Sustainable Management of Mobility in Industrial Districts

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.MO.S.M.I.D. Integrated MOdel for Sustainable Management of Mobility in Industrial Districts"

Transcript

1 LA SICUREZZA STRADALE IN CITTÀ POLITICHE DI MOBILITY MANAGEMENT PER UNA MOBILITÀ SICURA E SOSTENIBILE LIFE+2009 Programme Environment Policy and Governance I.MO.S.M.I.D. Integrated MOdel for Sustainable Management of Mobility in Industrial Districts Marco Carmine Foti 5 dicembre 2011 SALA NOTTURNO - CENTRO SERVIZI - BLOCCO D QUARTIERE FIERISTICO DI BOLOGNA

2 I PARTNER BENEFICIARIO COORDINATORE: PROVINCIA DI REGGIO EMILIA BENEFICIARI PARTNER: Regione Emilia-Romagna ACT Agenzia locale della mobilità Comune Correggio En.Cor Diputaciò Barcelona

3 L ORGANIZZAZIONE

4 IL PROGETTO Finanziato sul programma europeo LIFE Azione Politica e governance ambientali (3 in graduatoria) Durata: ha preso avvio il 1 settembre 2010 e terminerà il 31 agosto 2013 per la durata di 3 anni Finanziamento: il finanziamento europeo concordato è pari a ,00 per un valore complessivo delle azioni di ,00 Partenariato: coordinatore del progetto è la Provincia di Reggio Emilia a cui si affiancano, come partner, l Agenzia Locale per la Mobilità, il Comune di Correggio, EN.COR, la Regione Emilia- Romagna e la Provincia di Barcellona (Spagna)

5 GLI OBIETTIVI Il progetto mira ad individuare e definire un modello innovativo di governance integrata, ispirato a criteri di mobilità sostenibile. Una sperimentazione di governance della mobilità da ampliare successivamente a tutto il territorio provinciale e da integrare con ulteriori servizi L'idea è quella di cercare di soddisfare la crescente domanda di servizi supplementari di trasporto pubblico locale e di ridurre l'uso di veicoli privati Si propone così di integrare trasporti ed energia in un sistema capace di sfruttare l'energia prodotta da fonti rinnovabili all'interno di un'area industriale sperimentale (DISTRETTO INDUSTRIALE DI CORREGGIO) Il Modello integrato di gestione sostenibile della mobilità nei distretti industriali sarà sviluppato attraverso: la costituzione di una struttura di coordinamento (Ufficio Di Mobility Management di Distretto), l attivazione di servizi di car pooling per gli spostamenti casa-lavoro, l attivazione di servizi innovativi

6 L AZIONE PILOTA B A Correggio ha vari settori produttivi con eccellenze nelle aree: Ingegneria meccanica C plastica EN.COR A: INDUSTRIAL DISTRICT B: CORREGGIO CENTER C: SOUTH CORREGGIO tessile

7 I SERVIZI DISPONIBILI Correggio Costituzione street Correggio Industrial Area Local Public Transport Line 3I82

8 LE AZIONI AZIONI PREPARATORIE Azione 1: Analisi della domanda e dell attuale sistema della mobilità casa-lavoro (PRRE) Azione 2: Analisi delle Best Practices Europee (Barcellona) Azione 3: Progettazione dei servizi innovativi (ACT) Azione 4: Progettazione dell Ufficio di Mobility Management di Distretto (ACT) Azione 5: Definizione requisiti tecnici per la produzione di energia rinnovabile per autotrazione (En.Cor) Azione 6: Concertazione e coinvolgimento parti sociali (Correggio) AZIONI DI ATTUAZIONE Azione 7: Attivazione dell ufficio di Mobility Management di Distretto, organizzazione e gestione dei servizi (ACT) Azione 8: Piano di promozione dei servizi (PRRE) Azione 9: Creazione rete fornitori per ticket della mobilità sostenibile (PRRE) Azione 10: Realizzazione impianto di produzione di energia rinnovabile e infrastrutture relative (En.Cor) Azione 11: Esercizio dell impianto e del servizio di fornitura di energia (En.Cor)

9 AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO (PRRE) Azione 12: Project Management Azione 13: Azione 13: Monitoraggio (ex-ante, in progress ed ex-post) e valutazione dell efficacia Azione 14: Revisione Contabile AZIONI DI COMUNICAZIONE E DISSEMINAZIONE Azione 15: Azioni di Disseminazione a livello locale-regionale (RER) Azione 16: Azioni di Disseminazione a livello nazionale europeo (RER) Azione 17: Sito web (PRRE) Azione 18: Pannelli Informativi (RER) Azione 19: Linee guida finali (PRRE) Azione 20: After LIFE Communication Plan (PRRE)

10 COMMUNICATION AND DIFFUSION ACTIONS ACCOMPANYING ACTIONS ACTIVATION ACTIONS PREPARATORY ACTIONS LE INTERRELAZIONI 1 Analysis of demand and actual house work mobility 2 Analysis of European Best Practices 4 5 Definition f technical Planning of District s requirements for the Mobility Management production of Office renewable energy 3 Planning of innovative services 6 Arrangement with and involvement of the stakeholders SERVICES 7 Activation of Districts Mobility Management office, organization and management of services 8 9 Creation of a Promotional services Plan suppliers network for the sustainable mobility ticket INFRASTRUCTURES 10 Realization of a plan for renewable energy production and related infrastructures 11 Activation of energy production plan and energy supply Monitoring (ex-ante, in Project Management progress and ex-post) and evaluation of efficiency 14 External Audit 15 Dissemination actions at local and regional level 18 Information Panels 16 Dissemination actions at national and european level Final guidelines Website

11 ALCUNI RISULTATI

12 LA MOBILITÀ SISTEMATICA IL BACINO DI GRAVITAZIONE DI CORREGGIO DIPENDE DALLE ORIGINI E DESTINAZIONI DEGLI SPOSTAMENTI SISTEMATICI A LIVELLO PROVINCIALE SEBBENE LA MOBILITÀ SISTEMATICA DI CARPI NON SIA STATA ANALIZZATA NEI DATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA, IL BACINO DEL COMUNE MODENESE EVIDENZIA UNA FORTE DIPENDENZA CON IL COMUNE DI CORREGGIO CORREGGIO È DESTINAZIONE DI SPOSTAMENTI PROVENIENTI DA QUASI TUTTA LA PROVINCIA UNA PARTICOLARE ATTRATTIVITÀ SI RILEVA DAI COMUNI DI SAN MARTINO IN RIO, RIO SALICETO E REGGIO EMILIA CON VALORI COMPRESI TRA 500 E SPOSTAMENTI/GIORNO SI EVIDENZIANO I COMUNI DI NOVELLARA, CAMPAGNOLA EMILIA, FABBRICO E BAGNOLO IN PIANO, CHE GENERANO DAI 150 AI 350 SPOSTAMENTI/GG CON DESTINAZIONE CORREGGIO SPOST. GG SPOSTAMENTI VS CORREGGIO 0 < 100 DOMANDA DI MOBILITÀ SISTEMATICA CASA-LAVORO DISTRETTO INDUSTRIALE CORREGGIO > FONTE: ISTAT 2001 AGGIORNAMENTO SPOSTAMENTI/PUNTA MATTUTINA SPOSTAMENTI/GIORNO COMUNE DI ORIGINE Correggio San Martino in Rio Rio Saliceto Reggio nell'emilia Novellara Campagnola Emilia Fabbrico Bagnolo in Piano EMESSI

13 LE ESTERNALITÀ I FLUSSI DI MOBILITÀ SISTEMATICA E L ATTUALE LIVELLO DI SERVIZIO DEL TPL NEL BACINO DI CORREGGIO CONTRIBUISCONO ALLA PRODUZIONE DELLE ESTERNALITÀ GENERATE DALL ATTUALE ASSETTO INFRASTRUTTURALE DELLA PROVINCIA sicurezza stradale (2009, ACI) 1,5 morti*100 incidenti 78 feriti*100 incidenti 4 incidenti*1.000 ab. 6 morti* ab. 3 feriti*1.000 ab. inquinamento acustico (2007, SDIM) livello equivalente di rumorosità diurno (a 10 metri): 70,47 db livello equivalente di rumorosità notturno (a 10 metri): 64,17 Db inquinamento atmosferico (2009, ARPA Emilia-Romagna): concentrazioni medie giornaliere di polveri sottili pari a 32 ug/mc FONTE: ISTAT 2001 AGGIORNAMENTO 2006

14 Agr. Tre Valli Snap-on Carboni Dow Italia Sicam Warrant Group CGM Stampotecnica F.M. Modelleria Prima Ind. THD Lebez Firma Simon Plast Lamco Gumec Niji Italiana Poliespanse Plaster Bottonificio Emi Sire Bartoli Thenar Anco Eurotetti L INDAGINE CAMPIONARIA circa 750 questionari compilati (totale) L INDAGINE, AVVIATA NEL MESE DI GENNAIO, SI È CONCLUSA ALLA FINE DEL MESE DI MAGGIO 2011: 26 AZIENDE COINVOLTE ADDETTI DELLE AZIENDE 747 DIPENDENTI INTERVISTATI (42% DEL TOTALE) CLASSIFICAZIONE PER NUMERO DI ADDETTI DELLE AZIENDE ANALIZZATE GRANDI AZIENDE (> 100 add.) MEDIE AZIENDE ( add.) PICCOLE AZIENDE (< 30 add.) 375 IL 50% CIRCA DELLE REALTÀ PRODUTTIVE COINVOLTE NELL INDAGINE È COSTITUITO DA PICCOLE AZIENDE PER UN TOTALE DI 163 ADDETTI FONTE: ISTAT 2001 AGGIORNAMENTO dirigenti-quadri dirigenza impiegati operai altro

15 LA CONCERTAZIONE IMOSMID ha dedicato ampi spazi all ascolto e alla concertazione, perché: è importante ascoltare e costruire visioni condivise del futuro per orientare le scelte nella giusta direzione la condivisione delle scelte e delle responsabilità sono elementi indispensabili per raggiungere risultati efficaci e duraturi nel tempo La Concertazione si è sviluppata attraverso: FORUM PLENARIO 2 DICEMBRE INTERVISTE CON TESTIMONI DEL TERRITORIO 2 FORUM PLENARI PER ANALIZZARE E INTEGRARE LE SCELTE 1 FORUM TEMATICO PER APPROFONDIRE ELEMENTI PRIORITARI 2 FOCUS GROUP CON AZIENDE E LAVORATORI OLTRE 20 INCONTRI FACE TO FACE CON AZIENDE 5 RIUNIONI SINDACALI PER ILLUSTRARE IL PROGETTO

16 LE SOLUZIONI PROPOSTE CAR POOLING TPL URBANO - QUIRINO TPL EXTRAURBANO IL MODELLO DI ASSEGNAZIONE DELLA DOMANDA POTENZIALE AI PERCORSI HA RESTITUITO I SEGUENTI RISULTATI: 74 ADDETTI SODDISFATTI 15 RELAZIONI O/D SODDISFATTE 20 MEZZI NECESSARI 20 EQUIPAGGI CHE POSSONO COMPRENDERE 6 ULTERIORI ADDETTI RISPETTO AL NUMERO DEGLI ADDETTI STIMATO (74) 5 ORE DI COPERTURA DEL SERVIZIO (7:00-8:00, 08:00 9:00, 12:00 13:00, :00) RISPETTO AL SERVIZIO ATTUALE IL DELTA CHILOMETRICO GIORNALIERO È PARI A 128 VETT*KM IL SERVIZIO, ATTIVO DALLE 7.00, È STATO PROLUNGATO (DALLE 13.30) FINO ALLE ORE 18:30 È STATO PROLUNGATO IL PERCORSO FINO ALLA ZONA INDUSTRIALE DI CORREGGIO NELLE FASCE ORARIE DI ARRIVO AL LAVORO E DI RIENTRO A CASA IL SERVIZIO SARÀ ATTIVO DA LUNEDÌ A SABATO DAL AL , CON ESCLUSIONE DEI GIORNI FESTIVI E DEL MESE DI AGOSTO L IPOTESI PREVEDE LA MODIFICA E L AGGIUNTA DELLE CORSE RISPETTO ALL ATTUALE SERVIZIO DI TPL EXTRAURBANO TRA REGGIO E CARPI (3I82), IN VIGORE NEI GIORNI FERIALI DALLE 05:50 ALLE 19:30 RISPETTO AL SERVIZIO ATTUALE IL DELTA CHILOMETRICO GIORNALIERO È PARI A CIRCA 50 VETT*KM SONO STATE PROLUNGATE, ALL INTERNO DELLA ZONA INDUSTRIALE, 16 CORSE (8 COPPIE CORSE) DAL LUNEDÌ AL SABATO NEL PERIODO , CON ESCLUSIONE DEI GIORNI FESTIVI E DEL MESE DI AGOSTO

17 A CHE PUNTO SIAMO DELIVERABLES CONCLUSI AZIONE N. GRADO DI COMPLETAMENTO Report finale di analisi del sistema della mobilità del Distretto di Correggio 1 100% Analisi delle Best Practices Europee 2 80% Specifiche del Software per la gestione dei servizi dell'ufficio di Mobility Management 3 100% Report finale Progettazione servizi innovativi 3 100% Report finale Progettazione dell Ufficio di Mobility Management di Distretto 4 80% Survey sulle tecnologie (BAT) per la produzione di energia rinnovabile 5 100% Progetto impianto di produzione di energia rinnovabile e relative infrastrutture 5 100% Concertazione e coinvolgimento parti sociali 6 80% Attivazione dell ufficio di Mobility Management di Distretto, organizzazione e gestione dei servizi 7 50% Piano di promozione dei servizi 8 40% Creazione rete fornitori per ticket della mobilità sostenibile 9 50% Realizzazione impianto di produzione di energia rinnovabile e infrastrutture relative 10 30% Esercizio dell impianto e del servizio di fornitura di energia 11 0% Gestione del progetto 12 45% Monitoraggio 13 25% Revisione Contabile 14 0% Azioni di Disseminazione a livello locale-regionale 15 40% Azioni di Disseminazione a livello nazionale europeo 16 25% Sito Web % Pannelli Informativi % Linee guida finali 19 0% After LIFE Communication Plan 20 0% COMPLETATE LE ANALISI E LE PROGETTAZIONI PRELIMINARI COMPLETATO IL PROCESSO DI CONCERTAZIONE COMPLETATO IL PROGETTO DELL IMPIANTO DI ENERGIA RINNOVABILE AVVIATA SPERIMENTAZIONE CAR POOLING ATTIVATO UFFICIO MOBILITÀ SOSTENIBILE A CORREGGIO A PIENO REGIME LE ATTIVITÀ DI DISSEMINAZIONE

18 LA SPERIMENTAZIONE PER CALIBRARE IL MODELLO DI GESTIONE DEL SERVIZIO E PER ACCOGLIERE EVENTUALI NUOVE ESIGENZE DEGLI UTENTI IL 2 DICEMBRE SI È AVVIATA LA SPRIMENTAZIONE DEL SERVIZIO DI CAR POOLING CON 5 EQUIPAGGI COSTITUITI CIASCUNO DA 4 LAVORATORI DELLE IMPRESE DEL DISTRETTO 2 DICEMBRE MARZO 2012

19 GRAZIE PER L ATTENZIONE MARCO CARMINE FOTI T BRIDGE S.p.A

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli

I.MO.S.M.I.D. la mobilità casa lavoro sostenibile

I.MO.S.M.I.D. la mobilità casa lavoro sostenibile I.MO.S.M.I.D. Integrated MOdel for Sustainable Management of Mobility in Industrial Districts la mobilità casa lavoro sostenibile Il progetto I.MO.S.M.I.D. e il car pooling casa-lavoro Marco Carmine Foti

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 Progetto Life Sustainable Cruise - L'applicazione della metodologia LCA nei progetti europei: stato dell'arte e future opportunità Genova, 12 dicembre 2012 Un progetto

Dettagli

A Correggio si va al lavoro in car pooling - Rinnovabili Pagina 1 di 2 5.390,28 (+1,0%) HOME > MOBILITÀ > VIABILITÀ SOSTENIBILE SEGUICI SU ENERGIA AMBIENTE MOBILITÀ EVENTI GREENBUILDING Articolo A Correggio

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

Congreso Nacional del Medio Ambiente (Conama 2012) Madrid del 26 al 30 de noviembre de 2012

Congreso Nacional del Medio Ambiente (Conama 2012) Madrid del 26 al 30 de noviembre de 2012 Congreso Nacional del Medio Ambiente (Conama 2012) Madrid del 26 al 30 de noviembre de 2012 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 CONAMA - 26-30 Novembre - Madrid Interventi e soluzioni per una mobilità integrata

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION FORUM PA 2011 10 maggio Il «kit» di customer satisfaction 2.0 L AMMINISTRAZIONE Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I numeri: 177 sedi 344 agenzie 20 mln

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Il progetto I.MO.S.M.I.D. Linee Guida. per l attuazione PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto I.MO.S.M.I.D. Linee Guida. per l attuazione PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. Linee Guida per l attuazione di Politiche ambientali a favore della mobilità elettrica e sostenibile in aree industriali e comunali PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

Progetto SICO e quadro normativo Leonardo Draghetti Responsabile di Servizio Regione Emilia-Romagna FACCIAMO IL

Progetto SICO e quadro normativo Leonardo Draghetti Responsabile di Servizio Regione Emilia-Romagna FACCIAMO IL Progetto CO e quadro normativo Leonardo Draghetti Responsabile di Servizio Regione Emilia-Romagna in collaborazione con: FACCIAMO IL PUNTO Correggio 26/1/11 C1 2010 NuovaQuasco - CO 1 Quadro normativo:

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Linee di attività e progetti sul parco autobus e filobus della Regione Emilia-Romagna

Linee di attività e progetti sul parco autobus e filobus della Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Linee di attività e progetti sul parco autobus e filobus della Regione Emilia-Romagna Ing. Andrea Normanno Direzione Generale Reti

Dettagli

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374)

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA E ATC SPA, PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI MOBILITY MANAGEMENT Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) rappresentato dall Ing.

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

2 MEETING NAZIONALE LIFE09 ENV/IT/000146 T.A.SM.A.C.

2 MEETING NAZIONALE LIFE09 ENV/IT/000146 T.A.SM.A.C. EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENVIRONMENT Directorate E-International Affairs ENV.E.4-LIFE Environment & Eco-innovation ALBISOLA SUPERIORE PRÉ SAINT DIDIER RECANATI 2 MEETING NAZIONALE LIFE09

Dettagli

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE Telelavoro in Poste Italiane 1 TELELAVORO IN POSTE ITALIANE 10 novembre 2008 Telelavoro Customer Services 2 Il Il risultati Employee Satisfaction Index 2008 nel CS Focus sul Telelavoro ESI Customer Services

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo.

Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo. Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo. Developing innovative and integrate training program for refugees and asylum seekers

Dettagli

I3SME Project www.i3sme.eu

I3SME Project www.i3sme.eu Progetto Europeo I 3 SME Introducing Innovation Inside SMEs Invito a presentare manifestazione di interesse a partecipare ad un progetto internazionale di supporto all innovazione 1. Premessa e finalità

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA Arezzo, 31 gennaio 2003 Dott. Angelo Cortellazzi Responsabile Servizio Statistica e Innovazione Provincia di Mantova statistica@provincia.mantova.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE

SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE SCHEDA SINTESI PROGETTO SMARTNESS IN WASTE MANGEMENT - SMART WASTE [DECISION SUPPORT SYSTEM FOR WASTE MANAGEMENT PRACTICES AT LOCAL LEVEL] PREMESSA Il progetto Smartness in Waste Management è stato ideato

Dettagli

Comune di Ferrara. Insert your logo here. Descrizione

Comune di Ferrara. Insert your logo here. Descrizione PROCEDURE E OPPORTUNITA' DEL COMPRARE VERDE SALA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE - PIAZZA ITALIA 11, PERUGIA 24 FEBBRAIO 2009 Public Procurement boosts Energy Efficiency Gli Acquisti Verdi promuovono l Efficienza

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Torino Smart City on Line

Torino Smart City on Line Torino Smart City on Line Piattaforma per il monitoraggio, la governance e la comunicazione di Torino Smart City Sante Lorenzo Carbone Filippo Ricca Congresso Nazionale AICA 2011 - Torino, 15/11/2011 Obiettivi

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Pag. 2/6 1 LA FASE INFORMATIVA 1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Con l accezione Mobility Management si intende affermare un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda che sviluppa

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

Lo studio sistematico dell'incidentalità stradale e dei costi relativi in Europa

Lo studio sistematico dell'incidentalità stradale e dei costi relativi in Europa XVIII Convegno Tecnico ACI Roma 26-27 Giugno 2008 "Rete Stradale: incidentalità e governo della mobilità Lo studio sistematico dell'incidentalità stradale e dei costi relativi in Europa Prof. Francesco

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Relazione delle attività dell ufficio di Mobility Management di distretto 2 anno di attività

Relazione delle attività dell ufficio di Mobility Management di distretto 2 anno di attività I.MO.S.M.I.D. Integrated Model for Sustainable management of Mobility in Industrial Districts AZIONE 7 Attivazione dell ufficio di Mobility Management di Distretto, organizzazione e gestione dei servizi

Dettagli

I dolori di un giovane Welfare. Innovazione e Prevenzione. Forum NA 20 Novembre 2014. Cristina Malvi Distretto di Bologna

I dolori di un giovane Welfare. Innovazione e Prevenzione. Forum NA 20 Novembre 2014. Cristina Malvi Distretto di Bologna 20 Novembre 2014 Innovazione e Prevenzione I dolori di un giovane Welfare Cristina Malvi Distretto di Bologna Il contesto: le motivazioni che hanno condotto all innovazione Lo tsunami della terza età (in

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Workshop: op la accab ciclabilità in ambito btouba urbano I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Reggio Emilia, 17 novembre 2011 Patrizia Malgieri

Dettagli

Il gruppo Legno Arredo della Rete Italiana LCA: Strumenti di ecoinnovazione per il settore

Il gruppo Legno Arredo della Rete Italiana LCA: Strumenti di ecoinnovazione per il settore Il gruppo Legno Arredo della Rete Italiana LCA: Strumenti di ecoinnovazione per il settore Coordinatori: Caterina Rinaldi, ENEA Centro Ricerche di Bologna Roberto Luciani, ENEA Centro Ricerche Casaccia

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

COMUNE DI CORREGGIO (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI CORREGGIO (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI CORREGGIO (Provincia di Reggio Emilia) 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER IL CONFERIMENTO DI N 11 INCARICHI DI LAVORO

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento MOBILITY MANAGER La figura del nasce nel 1998 grazie ad una normativa 1 dedicata al tema della mobilità

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Aggiornamento sulla costruzione del questionario Passi 2012

Aggiornamento sulla costruzione del questionario Passi 2012 Incontro dei referenti e coordinatori PASSI Roma, 14 Settembre 2011 Aggiornamento sulla costruzione del questionario Passi 2012 Angelo D Argenzio, Sandro Baldissera, Nicoletta Bertozzi per il Gruppo Tecnico

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans AFTER LIFE COMMUNICATION PLAN With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Comune di Pesaro. Mobility manager

Comune di Pesaro. Mobility manager arch.paola Stolfa Comune di Pesaro Progetto mobilità Osservatorio Tempi della città OSSERVATORIO MOBILITA e TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico coordinato dal mobility manager del Comune di Pesaro, che sta

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale

Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale Green Management e Marketing Territoriale 13 dicembre 2012 Università di Bologna Facoltà di Economia Susanna Zucchelli Direttore Hera

Dettagli

La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO 2012

La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO 2012 La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO 2012 28 marzo 2013 Oasi di San Gerardo -Monza CAMPIONE E ARGOMENTI DELL INDAGINE Il questionario è stato somministrato a 343 enti che hanno presentato

Dettagli

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

Convegno Green Mobility Fiera Milano Rho, 9 maggio 2014. Stefano Corti LIFEGATE. Chi siamo. LifeGate = la chiave per la sostenibilità

Convegno Green Mobility Fiera Milano Rho, 9 maggio 2014. Stefano Corti LIFEGATE. Chi siamo. LifeGate = la chiave per la sostenibilità Convegno Green Mobility Fiera Milano Rho, 9 maggio 2014 Stefano Corti Chi siamo LifeGate, fondata nel 2000 da Marco Roveda, pioniere del biologico grazie alla creazione di Fattoria Scaldasole, rappresenta

Dettagli

E-mobility: Quadro di riferimento. Stato d'avanzamento Comune di Milano A2A

E-mobility: Quadro di riferimento. Stato d'avanzamento Comune di Milano A2A A. E-mobility: Quadro di riferimento B. Stato d'avanzamento Comune di Milano A2A Rispetto alle auto tradizionali, l'auto elettrica è dotata di un motore a zero emissioni Confronto tra le tecnologie Auto

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

2 Giornata sul G Cloud Introduzione

2 Giornata sul G Cloud Introduzione Roberto Masiero Presidente THINK! The Innovation Knowledge Foundation 2 Giornata sul G Cloud Introduzione Forum PA Roma, 18 Maggio 2012 THINK! The Innovation Knowledge Foundation Agenda Cloud: I benefici

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Con il patrocinio del Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA 335

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Europrogettazione e Project Management

Europrogettazione e Project Management Executive Master in Europrogettazione e Project Management Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli