PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI"

Transcript

1 PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010

2 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2

3 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. RICCARDO POZZOLI Vice Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. NICOLA CODISPOTI Amministratore Delegato di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. VITTORIO VAUDAGNOTTI Direttore finanziario di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Pag. 3

4 1. IL GRUPPO Pag. 4

5 1. IL GRUPPO MISSION 1) Produrre e commercializzare prodotti di alta qualità nei segmenti del: Latte fresco, a lunga conservazione (UHT) ed ESL (Extended shelf life), IV Gamma (insalata), Yogurt e Probiotico e Smoothie 100% Frutta, Panna fresca e UHT. 2) Sviluppare e rafforzare il proprio ruolo di polo interregionale collocato tra i grandi gruppi di riferimento ed il gran numero di operatori di piccole dimensioni. Pag. 5

6 1. IL GRUPPO LA CAPOGRUPPO GLI AZIONISTI 1 Dal 1950 la Centrale è il latte a Torino. Una quotidiana storia di sviluppo che ha visto crescere l'azienda in due direzioni: da una parte arrivando a coprire in maniera capillare il mercato torinese del latte; dall'altra ampliando le tradizionali aree geografiche di distribuzione. Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. 29,6% 51,8% 5,8% 6,9% 5,9% La cura rigorosa della produzione, la coerente diversificazione della gamma dei prodotti, una distribuzione attenta ed efficace sono gli strumenti con cui la Centrale si è guadagnata in questi anni la sua posizione di leadership e di prestigio, risultato di un patrimonio di fiducia e familiarità accumulato in tanti anni di "fresco" rapporto con Torino. Numero azionisti all 11 marzo 2010: Finanziaria Centrale del Latte di Torino Lavia S.S. Altri gruppi familiari B & E Equities S.p.A. Flottante 1 Situazione aggiornata all 11 marzo Pag. 6

7 1. IL GRUPPO LA STORIA Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Nascita della Centrale del Latte di Torino Liberalizzazione del mercato Quotazione al MTA di Milano e introduzione latte fresco in PET Acquisizione di Centrale del Latte di Vicenza Entrata in produzione dello stabilimento di Vicenza Anni Introduzione latte UHT e packaging TETRAPAK Acquisizione di Centro Latte Rapallo Acquisizione del 40% di Frascheri e ammissione al segmento STAR di Borsa Italiana Acquisizione controllo Salads & Fruits Incorporazione Salads & Fruits nella Capogruppo Pag. 7

8 1. IL GRUPPO LA STRUTTURA 1 Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. 100% 91,7% 40% 45% GPP GENOVA PASTA E PESTO S.p.A. 1 Situazione aggiornata a marzo Pag. 8

9 1. IL GRUPPO UN POLO INTERREGIONALE Torino Casteggio (PV) Vicenza Bardineto (SV) Rapallo (GE) Pag. 9

10 1. IL GRUPPO NUOVI INCARICHI DAL 1 LUGLIO 2009 Dott. Nicola Codispoti: Amministratore Delegato della Capogruppo con responsabilità dello stabilimento produttivo di Torino e responsabilità della Divisione Salads & Fruits operativamente affidata al Dott. Avanzi. Dott. Alberto Bizzotto: Direttore Generale della Centrale del Latte di Vicenza S.p.A. Nuovo organigramma funzionale di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. e di Centrale del Latte di Vicenza S.p.A. Pag. 10

11 1. IL GRUPPO UNA GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI LATTE FRESCO E A LUNGA CONSERVAZIONE (UHT) YOGURT E DESSERT NOVITA' NOVITA' NOVITA' NOVITA' NOVITA' Pag. 11

12 1. IL GRUPPO ALTRI PRODOTTI FORMAGGI INSALATE IV GAMMA NOVITA' NOVITA' NOVITA' FORMATO FAMIGLIA UOVA PASTA FRESCA E PESTO PANNA NOVITA' NOVITA' NOVITA' Pag. 12

13 1. IL GRUPPO PRINCIPALI NOVITA DEL GRUPPO PER IL 2009/2010 NUOVO FORMATO DA 1,5 LITRI DI LATTE FRESCO TAPPOROSSO E LATTE TIGULLIO LANCIO: 28 ottobre 2009 LANCIO: 11 marzo 2010 Innovazione: prima azienda in Italia a commercializzare il latte fresco in tale formato Posizionamento: premium price. Prezzo/litro in linea con il formato ml Target: famiglie numerose/alto consumanti mercato latte fresco Primi risultati: molto incoraggianti (circa l 8% delle vendite a volume di Centrale del Latte di Torino) Pag. 13

14 1. IL GRUPPO PRINCIPALI NOVITA DEL GRUPPO PER IL 2009/2010 PANNA Obiettivo: diventare un player di riferimento nel canale pasticcerie Prodotto: panna a lunga conservazione da montare prodotta con latte proveniente dai migliori allevamenti piemontesi Principali caratteristiche: lunga tenuta, sapore fresco, consistenza corposa Clienti: principalmente pasticcerie Posizionamento: premium price in linea con la strategia dell azienda Pag. 14

15 1. IL GRUPPO RICAVI 2009 SCOMPOSTI PER: Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Area geografica Prodotto Canale distributivo 3% 19% 8% 21% 3% 46% 6% 46% 56% 7% 37% 30% 19% Piemonte Liguria Veneto Altre regioni Latte fresco Latte UHT Yogurt Prodotti di IV gamma Latte e panna sfusi Altri prodotti confezionati GDO (1) Tradizionale (2) Altri (1) Circa punti vendita serviti giornalmente (2) Circa punti vendita serviti giornalmente Pag. 15

16 2. IL MERCATO Pag. 16

17 2. IL MERCATO DINAMICHE DEL PREZZO DEL LATTE SPOT Fonte: Elaborazione dati CLAL su dati CCIAA di Lodi (www.clal.it) Prezzi minimi e massimi mensili del latte spot 1 ( febbraio 2010) Andamento dei prezzi mensili del latte spot 2 ( febbraio 2010) Prezzi in euro per 100 litri Mese di rilevamento min max min max min max min max Gennaio 34,02 35,05 37,63 39,69 31,99 33,03 31,99 33,56 Febbraio 33,51 34,54 37,12 38,15 30,52 31,56 30,41 34,02 Marzo 33,51 34,54 34,02 37,12 26,81 29,90 Aprile 34,02 34,54 33,51 37,63 24,74 28,35 Maggio 35,07 36,10 36,09 37,63 26,51 29,60 Giugno 37,63 38,66 37,63 43,30 29,38 32,99 Luglio 39,69 41,22 39,14 41,17 28,87 32,99 Agosto 42,67 44,22 39,21 40,24 30,18 33,03 Settembre 48,46 50,52 39,18 41,24 32,99 35,05 Ottobre 49,72 51,52 36,58 38,11 33,52 35,59 Novembre 48,46 49,49 33,51 35,57 35,05 37,12 Dicembre 43,17 44,87 31,43 33,46 32,43 33,97 Prezzi in euro per 100 litri 55,00 50,00 45,00 40,00 35,00 30,00 25,00 Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Latte spot sfuso in cisterna, franco arrivo. Prezzi determinati dalla Commissione che fa riferimento alla Camera di Commercio di Lodi. 2 Media tra prezzo mensile minimo e massimo del latte spot. Pag. 17

18 2. IL MERCATO DINAMICHE DEL PREZZO DEL LATTE CRUDO ALLA STALLA Fonte: Elaborazione CLAL (www.clal.it) Prezzi mensili del latte crudo alla stalla 1 ( febbraio 2010) Andamento del prezzo medio mensile del latte crudo alla stalla 1 ( febbraio 2010) Prezzi in euro per 100 litri Mese di riferimento ,00 Gennaio 32,80 42,00 36,02 (e) 33,16 Febbraio 32,80 42,00 34,87 (e) 33,16 Marzo 32,80 42,00 34,54 (e) Aprile 33,16 38,09 31,66 (e) Maggio 33,16 38,09 31,66 (e) Giugno 33,16 38,09 31,66 (e) Luglio 33,16 39,59 30,43 (e) Agosto 33,16 39,59 30,45 (e) Settembre 35,16 39,59 30,73 (e) Ottobre 38,00 38,59 31,83 (e) Novembre 38,00 38,09 31,93 (e) Dicembre 38,00 38,09 31,78 (e) 2 Prezzi in euro per 100 litri 40,00 37,00 34,00 31,00 28,00 25,00 Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Andamento dei prezzi stipulati nella regione Lombardia. Data la consistenza dei volumi di latte prodotti, i prezzi fissati nella regione Lombardia vengono considerati come punto di riferimento per la contrattazione in altre località. 2 I prezzi da gennaio 2009 a dicembre 2009 sono estimated in quanto frutto di una stima, indicativa di una complessiva tendenza, ricavata da CLAL in base agli accordi di settore e alle notizie più rilevanti di mercato. Pag. 18

19 2. IL MERCATO: latte fresco Quote di mercato a valore dei competitors (2009) TOTALE ITALIA Fonte: IHA Italia Consumi nelle famiglie TOT. PIEMONTE, LIGURIA E VENETO (17,0% DEL TOT. ITALIA) ITALIA Valore del mercato 2009: milioni 26,8% 13,8% 3,8% 26,1% 29,5% Gruppo CLT Parmalat Granarolo Private labels Altri 25,8% 16,2% 13,6% 22,7% 21,9% PIEM-LIG-VEN Valore del mercato 2009: 309 milioni Evoluz. vendite a valore* CLT vs mkt Evoluzione quota di mercato a valore* CLT 7,0% 27,0% 26,0% 4,0% 1,0% -2,0% -5,0% -8,0% ,0% 24,0% 23,0% 22,0% 21,0% 20,0% 24,2% 23,6% 23,7% 22,6% 22,7% 21,4% 21,9% Gruppo CdL Torino Mercato P+L+V * Totale mercato Piemonte, Liguria e Veneto Pag. 19

20 2. IL MERCATO: latte fresco EVOLUZIONE VENDITE PRIVATE LABEL NEL MERCATO DEL LATTE FRESCO Fonte: IHA Italia Consumi nelle famiglie Dati in milioni di Euro, eccetto percentuali e prezzo latte Le vendite di latte fresco delle Private Label sono in forte crescita negli ultimi tre anni. Evoluzione quota di mercato a valore: 3,7% nel 2006, 4,4% nel 2007 e 7,6% nel 2008 e addirittura 13,8% nel EVOLUZIONE MERCATO EVOLUZIONE PREZZO MEDIO DI MERCATO ,9% +72,7% +71,9% ,50 1,30 1,10 0,90 0,70 0,50 1,32 1,35 1,43 0,94 0,99 1,02 1,39 1, Vendite a valore del mercato Vendite a valore delle Private Label Prezzo Medio litro: mercato Latte Fresco al netto delle Private Label Prezzo Medio litro: Private Label LATTE CRUDO In Italia sono presenti macchinette erogatrici di latte crudo in 89 Province. Di queste 407 sono installate nelle regioni di interesse del Gruppo (Piemonte, Liguria e Veneto). (fonte: marzo 2010). Tale tipologia merceologica risulta probabilmente in decremento a seguito anche della recente ordinanza ministeriale (10 dicembre 2008) introdotta dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Da stima interna riteniamo che il mercato del latte crudo possa oggi rappresentare circa 9 milioni di litri/anno pari al 4% del totale mercato del latte fresco confezionato venduto nelle regioni di interesse del Gruppo. Pag. 20

21 2. IL MERCATO: latte UHT Quote di mercato a valore dei competitors (2009) TOTALE ITALIA Fonte: IHA Italia Consumi nelle famiglie TOT. PIEMONTE, LIGURIA E VENETO (17,8% DEL TOT. ITALIA) ITALIA Valore del mercato 2009: milioni 34,1% 15,2% 2,3% 19,2% 29,2% Gruppo CLT Parmalat Granarolo Private labels Altri 41,8% 12,9% 15,2% 10,2% 19,8% PIEM-LIG-VEN Valore del mercato 2009: 276 milioni Evoluz. vendite a valore* CLT vs mkt Evoluzione quota di mercato a valore* CLT 12% 9% 6% 3% 0% -3% -6% ,0% 13,0% 12,0% 11,0% 10,0% 9,0% 12,8% 13,0% 13,0% 12,9% 13,0% 12,9% 11,6% Gruppo CdL Torino Mercato P+L+V * Totale mercato Piemonte, Liguria e Veneto Pag. 21

22 Quote di mercato a valore dei competitors (2009) ITALIA Valore del mercato 2009: milioni 2. IL MERCATO: yogurt TOTALE ITALIA 2,9% 3,0% 17,7% 13,9% 1,1% 3,3% 5,4% 7,2% 10,3% 35,2% Gruppo CLT Danone Muller Yomo Parmalat Granarolo Private Label Nestlè Mila Altri Fonte: IHA Italia Consumi nelle famiglie TOT. PIEMONTE, LIGURIA E VENETO (25,7% DEL TOT. ITALIA) 23,3% 14,5% 5,2% 7,4% 4,3% 10,8% 34,5% PIEM-LIG-VEN Valore del mercato 2009: 355 milioni Evoluz. vendite a valore* CLT vs mkt Evoluzione quota di mercato a valore* CLT 5,0% 16,0% 12,0% 8,0% 4,0% 0,0% ,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 4,2% 4,3% 4,3% 4,3% 3,9% 4,0% 3,7% Gruppo CdL Torino Mercato P+L+V * Totale mercato Piemonte, Liguria e Veneto Pag. 22

23 2. IL MERCATO PENETRAZIONE DI MERCATO Fonte: Gfk IHA La penetrazione percentuale 1 dei principali prodotti del Gruppo (latte fresco, UHT e yogurt) è stata sostanzialmente stabile tra il 2007 e il 2009, leggermente in aumento per quanto riguarda Latte UHT e Yogurt BRAND AWARENESS Fonte: Astra Demoscopea (ricerca quantitativa - CATI) La notorietà sollecitata è pari alla quasi totalità dei consumatori di latte. 96% LATTE FRESCO 48% 48% 48% LATTE UHT 32% 34% 34% 91% YOGURT 23% 23% 24% 94% 1 Penetrazione percentuale = famiglie acquirenti la marca sul totale trattanti la categoria merceologica (i dati fanno riferimento alla penetrazione in Piemonte, Liguria escluso Frascheri - e Veneto) 2 Brand awareness %: notorietà sollecitata dei marchi del latte delle tre aziende del Gruppo calcolata sugli utilizzatori di latte. Pag. 23

24 2. IL MERCATO LE PRINCIPALI INIZIATIVE DI MARKETING 2009 Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Il Gruppo ha raggiunto un forte posizionamento nel mercato delle regioni in cui è presente anche grazie ad elevati investimenti in marketing e comunicazione. INVESTIMENTI IN MARKETING 3,4 milioni 2008 (3,3% dei ricavi 2008) 2,9 milioni 2009 (2,9% dei ricavi 2009) Pag. 24

25 2. IL MERCATO LE PRINCIPALI INIZIATIVE DI MARKETING 2009 Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Pag. 25

26 2. IL MERCATO CERTIFICAZIONE ISO Sistemi di gestione della sicurezza agroalimentare Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Centrale del Latte di Torino e Centrale del Latte di Vicenza sono le prime aziende in Italia, nel settore del trattamento del latte, ad aver ottenuto la Certificazione ISO Questo tipo certificazione supera il precedente sistema di controllo qualità grazie ad un approccio di tipo preventivo, il cui obiettivo è quello di migliorare la conformità dei propri prodotti in termini di sicurezza alimentare nei confronti dei consumatori, garantendo un controllo efficace dei fattori di rischio. Tale Certificazione rappresenta il riconoscimento per l attenzione che da sempre il Gruppo pone nella scelta degli allevamenti, nelle modalità di trattamento, conservazione e distribuzione dei propri prodotti, nella cura rivolta al cliente. Pag. 26

27 2. IL MERCATO PROGRAMMI & STRATEGIE Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Mantenere la leadership di mercato nei segmenti del core-business. Investimenti Marketing / Commerciale rivolti con particolare attenzione ad attività con ritorno immediato. Latte fresco & UHT: consolidamento volumi di vendita e quote di mercato. In particolare, latte fresco: attività tattiche di prezzo, quando necessarie. Alta digeribilità e Probiotico: sostenere la crescita di tali innovativi e profittevoli segmenti. Yogurt: crescita ed efficienza guidata da eccellenza produttiva nel nuovo stabilimento di Vicenza (polo ricerca, sviluppo e produzione di yogurt per le aziende del Gruppo). Insalate IV Gamma: forte sviluppo mediante linea a marchio proprio e produzione a marchio di terzi. Panna UHT: sviluppo progetto per diventare un player di riferimento anche nel canale pasticceria. Produzioni a Marchio Terzi: ulteriore sviluppo partnership commerciali nel latte fresco, UHT e yogurt da parte di Centrale del Latte di Vicenza. Prosecuzione attività di riduzione costi e avvio progetto di mobilità per stabilimento di Torino. Pag. 27

28 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI Pag. 28

29 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Dati in migliaia di Euro IFRS Riclassificati 31-dic-09 % 31-dic-08 % Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,1% ,2% Valore della produzione ,0% ,0% Servizi (26.708) (26,9%) (28.538) (26,8%) Consumi di materie prime (47.819) (48,2%) (55.711) (52,4%) Altri costi operativi (965) (1,0%) (951) (0,9%) Svalutazione partecipazioni destinate alla vendita 0 (160) Costi della produzione (75.493) (76,1%) (85.360) (80,2%) Costo del personale (14.174) (14,3%) (14.275) (13,4%) EBITDA ,7% ,3% Ammortamenti e accantonamenti (5.949) (6,0%) (6.027) (5,7%) EBIT ,7% 727 0,7% Proventi e oneri finanziari (1.181) (1,2%) (1.576) (1,5%) Adeguamento valore delle partecipazioni (118) (0,1%) 158 0,1% Risultato ante imposte ,4% (692) (0,7%) Imposte (1.679) (1,7%) (701) (0,7%) Risultato dopo le imposte 671 0,7% (1.393) (1,3%) Utili e perdite di terzi 129 0,1% (172) (0,2%) Risultato di gruppo dopo le imposte 800 0,8% (1.221) (1,1%) Pag. 29

30 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI ANDAMENTO DEL VALORE DELLA PRODUZIONE ( ) Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ANDAMENTO EBITDA ed EBIT ( ) Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ,9 96,0 97,6 100,7 106,4 99, ,6 10,4 8,9 9,6 5,5 5,1 6,8 6 4,1 3,6 0, EBITDA EBIT Pag. 30

31 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI COMPOSIZIONE PER PRODOTTO DEL FATTURATO 2009 Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ,8 18,8 7,2 6,3 3,0 18,2 98,3 Fatturato per prodotto Fatturato totale latte fresco latte UHT yogurt prodoti IV gamma latte e panna altri prodotti sfusi confezionati totale 2009 COMPOSIZIONE PER PRODOTTO DEL FATTURATO 2008 Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ,6 20,4 8,2 latte fresco latte UHT yogurt prodoti IV gamma 7,2 3,1 18,1 104,5 latte e altri prodotti totale 2008 panna sfusi confezionati Fatturato per prodotto Fatturato totale 2008 Pag. 31

32 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI EBIT ed EBITDA MARGINS Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ,5% 10,0% 5,7% 5,3% 10,6% 6,1% 8,8% 4,5% 6,3% 9,7% 3,7% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% Valore Prod. Ebitda Ebit Ebitda/Valore Prod ,7% 2,0% 0,0% Ebit/Valore Prod PFN/EQUITY EBIT/CAPITALE INVESTITO (Ki) Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro Fonte: elaborazioni su dati CLT Dati in milioni di Euro ,04x 0,06x 0,14x 0,36x 0,73x 0,72x 0,80x 0,60x 0,40x 0,20x 0,00x ,5% 10,2% 10,8% 6,6% 0,9% 4,4% 10,0% 5,0% 0,0% Equity PFN PFN/Equity Ebit Ki Ebit/Ki Pag. 32

33 3. DATI ECONOMICO-FINANZIARI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO Fonte: Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Dati in migliaia di Euro IFRS Riclassificati 31-dic-09 % 31-dic-08 % Immobilizzazioni materiali ,7% ,2% Immobilizzazioni immateriali ,6% ,4% Immobilizzazioni finanziarie 73 0,09% 28 0,0% Attività immobilizzate ,4% ,6% Crediti verso clienti ,3% ,2% Magazzino ,9% ,2% Altre attività ,4% ,1% Debiti verso fornitori (20.692) (25,1%) (24.718) (29,8%) Altri debiti (6.433) (7,8%) (6.025) (7,3%) Capitale circolante ,6% ,4% TOTALE IMPIEGHI ,0% ,0% TFR e altri fondi ,8% ,2% Cassa (7.195) (8,7%) (7.663) (9,2%) Debito finanziario netto ,2% ,5% Indebitamento finanziario netto ,5% ,2% Capitale sociale e riserve ,9% ,0% Utile netto (perdita) 800 1,0% (1.221) (1,5%) Totale patrimonio netto ,8% ,5% Capitale e riserve di terzi ,9% ,1% TOTALE FONTI ,0% ,0% Pag. 33

34 4. IL TITOLO Pag. 34

35 4. IL TITOLO ANDAMENTO DEL TITOLO YTD IPO avvenuta in data 03/11/2000 con un prezzo di collocamento pari a 6,80 euro Fonte: elaborazioni su dati Bloomberg Dati in Euro Prezzo del titolo al 08/03/2010 ( 2,7) gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 gen-08 lug-08 gen-09 lug-09 gen-10 ANALISI ANNUALE DEL PREZZO PER AZIONE YTD 8 Fonte: elaborazioni su dati Bloomberg Dati in Euro ,1 4,4 4,6 3,7 4,5 4,9 1,9 2,6 3,9 1,5 2,2 2,9 2,3 2,4 2,7 minimo annuale media annuale massimo annuale Ultimo prezzo al 08/03/2010 Pag. 35

36 4. IL TITOLO ANDAMENTO DEL TITOLO NELL ULTIMO ANNO vs. INDICE S&P/MIB Fonte: elaborazioni su dati Bloomberg 1 Ultimo prezzo al 08/03/2010 Dati in Euro, prezzi su base mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 1 CLT S&P/MIB ANALISI MENSILE DEL PREZZO PER AZIONE YTD Fonte: elaborazioni su dati Bloomberg, prezzi medi mensili per azione 1 Ultimo prezzo al 08/03/2010 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 2,62 2,44 2,49 2,61 2,40 1,94 2,09 2,17 2,20 2,35 2,39 2,39 1,86 1,57 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 1 Pag. 36

37 CONTATTI INDIRIZZI E PERSONE DI RIFERIMENTO LA SOCIETÀ Via Filadelfia, Torino Luigi Luzzati Vittorio Vaudagnotti Presidente Investor Relator Tel Fax LO SPECIALIST Via Gramsci, Torino Andrea Andreis Analista Tel Fax Pag. 37

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Bilancio annuale 2013 Bioera S.p.A.

Bilancio annuale 2013 Bioera S.p.A. BIOERA S.p.A. Sede legale ed amministrativa: via Palestro, 6 Milano Capitale sociale: Euro 13.000.000 i.v. Codice fiscale: 03916240371 Partita IVA: 00676181209 Bilancio annuale 2013 Bioera S.p.A. 1 Consiglio

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, Marzo 2014 Premessa Il presente documento (il «Documento») è stato predisposto da Tamburi Investment Partners S.p.A. («TIP») con l obiettivo di fornire una descrizione il più possibile esaustiva

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014

Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2014 Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppoo Dada al 311 dicembre 2014 PROGETTO BILANCIO SEPARATO DADAA S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2014 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

RELAZIONIBILANCI 2007

RELAZIONIBILANCI 2007 RELAZIONIBILANCI 2007 Indice LETTERA DEL PRESIDENTE 2 ORGANI SOCIALI 6 INFORMAZIONI SUL GRUPPO GEWISS 7 PRINCIPALI DATI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI DEL 2007 9 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli