Nucleo di Valutazione Interna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nucleo di Valutazione Interna"

Transcript

1 Nucleo di Valutazione Interna

2 Il presente studio è stato redatto dal Nucleo di valutazione interna dell Università degli studi di Firenze e dall Ufficio di Supporto ed è stato approvato nella riunione del 12 dicembre A cura di: - Tindari Baglione Membro del Nucleo di valutazione - Massimo Carli Membro del Nucleo di valutazione - Sandra Moschini Ufficio Supporto al Nucleo - Monia Nencioni Ufficio Supporto al Nucleo - Claudia Conti Ufficio Supporto al Nucleo - Vanna Vannucci Ufficio Supporto al Nucleo Con la collaborazione degli studenti del Corso di Laurea in Scienze di Governo e dell amministrazione della Facoltà di Scienze Politiche in stage presso l Ufficio di supporto al Nucleo: Francesca Asta, Fatime Bali, Niccolò Casalsoli, Lisa Cavini, Vanessa Di Pietro, Caterina Gigli, Anna Di Santi, Alessandro Silvestri. Ringraziamenti Nella redazione del presente studio, Il Nucleo di Valutazione e l Ufficio di supporto si sono potuti avvalere del contributo prezioso degli addetti e referenti alle segreterie studenti, responsabili uffici alla didattica di Polo, del responsabile dell ufficio sistemi informativi e processi CSIAF, dirigenti di Polo e del dirigente area servizi alla didattica e alla ricerca. Nucleo di Valutazione Interna Università degli studi di Firenze Piazza San Marco, 4 Tel. 055/ Fax Sito web:

3 INDICE Capitolo I 1 VALUTAZIONE SERVIZI OFFERTI DALLE SEGRETERIE STUDENTI I MOTIVI DELLA VERIFICA LA SITUAZIONE DI FATTO LA METODOLOGIA SEGUITA SEDI, ATTREZZATURE, PERSONALE E ORARIO DI APERTURA FUNZIONAMENTO Tempi di attesa Prenotazione on-line del posto in segreteria Registrazione esami Piani di studio Gestione programmi per tesi di laurea Modulo del reddito COORDINAMENTO DELLE SEGRETERIE Riunioni delle segreterie STRUTTURE DI SUPPORTO ALLE SEGRETERIE STUDENTI La situazione di fatto SEGRETERIE IN SEDI DECENTRATE Caratteristiche comuni SEGRETERIE POST LAUREA CONCLUSIONI 26 Capitolo II 2 RISULTATI QUESTIONARIO: LA QUALITÀ PERCEPITA DAGLI STUDENTI SUI SERVIZI OFFERTI DALLE SEGRETERIE STUDENTI PREMESSA METODOLOGICA Materiali e metodi Il campione ELABORAZIONE DATI Il numero di accessi Le modalità di contatto con l ufficio Organizzazione ed orari Il personale I servizi on-line QUESTIONARIO SUI SERVIZI OFFERTI DALLE SEGRETERIE STUDENTI 36 3

4 Capitolo I 1 VALUTAZIONE SERVIZI OFFERTI DALLE SEGRETERIE STUDENTI 1.1 I MOTIVI DELLA VERIFICA Il Nucleo di valutazione nel corso del triennio ha ritenuto di verificare l organizzazione e il funzionamento di alcune strutture e/o servizi dell Ateneo di particolare interesse. A tale proposito sono stati presi in esame la nuova organizzazione in Poli e i Servizi agli studenti disabili. Dopo tali valutazioni è stato ritenuto opportuno verificare il funzionamento delle segreterie studenti tenuto conto dell importanza di questi uffici che sono i primi dell istituzione universitaria con i quali gli studenti vengono a contatto. La qualità dei servizi offerti da queste strutture è strategica non solo per l opportunità di fornire un servizio adeguato all utenza e per l immagine che di conseguenza l Ateneo offre all esterno, ma anche per le crescenti esigenze dei vari organi e/o strutture di disporre di informazioni e dati aggiornati sull andamento dei corsi di studio. Tale scelta è sembrata, altresì, doverosa tenuto conto, sia dei numerosi pareri del Garante che hanno segnalato malfunzionamenti di questi servizi 1, sia dei frequenti articoli apparsi sui quotidiani che testimoniano un disagio crescente degli studenti nell utilizzare i servizi offerti da queste strutture. 1.2 LA SITUAZIONE DI FATTO L Ateneo dispone di 11 segreterie che gestiscono interamente la carriera degli studenti iscritti ai corsi di laurea di I e II livello e del vecchio ordinamento: una per ogni facoltà ad eccezione delle Facoltà di Medicina e Farmacia le quali sono riunite in un unica struttura. Inoltre per agevolare gli studenti fuori sede, sono state allestite 4 segreterie nelle sedi decentrate di Prato, Pistoia, Figline Valdarno e Livorno. Apposito ufficio di segreteria è stato poi realizzato per gli studenti che frequentano corsi post laurea e che gestisce master, esami di Stato e scuole di specializzazione, ad eccezione dell area medica che dispone di proprie segreterie post-laurea e, precisamente, di: 1 segreteria per le Scuole di specializzazione ed esami di Stato; 1 segreteria per i master e i corsi di perfezionamento. Si segnala che presso il Polo di Sesto esiste una segreteria decentrata per gli studenti della Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, denominata OASI (Orientamento, Accoglienza, Servizi Integrati) che svolge tutti i compiti della segreteria centrale (tranne le procedure inerenti agli esami di laurea) ma con una dislocazione più congeniale per gli studenti che svolgono al polo di Sesto la loro attività didattica. Per quanto riguarda invece apposite strutture preposte all orientamento, informazioni ed accoglienza si evidenzia che: il Polo delle Scienze Sociali ha realizzato un punto informativo denominato CISAS - Centro Integrato Servizi Accoglienza Studenti; 1 Per la consultazione dei pareri del Garante si veda il sito web di Ateneo: 4

5 la segreteria di Agraria ha realizzato un front-office studenti; il Polo Centro Storico 1 ha attivato in via sperimentale, dal 14 novembre 2005, un Punto Servizi per gli studenti delle 4 Facoltà afferenti al medesimo: Architettura, Lettere e Filosofia, Psicologia, Scienze della Formazione; la segreteria di Medicina e Farmacia dispone di sei student point aperti tutto l anno; la segreteria di Ingegneria ha organizzato un punto informativo ; il Polo centro storico 1, nel periodo delle immatricolazioni ha organizzato per l A.A.04/05 degli appositi Punti di immatricolazioni che oltre a svolgere questo compito, hanno anche svolto attività di orientamento, contribuendo così ad alleggerire, nei momenti di maggiore affluenza, il lavoro delle segreterie del Polo. Le strutture suddette saranno esaminate nel dettaglio in un punto successivo di questa relazione. Per esemplificare l attuale organizzazione delle segreterie studenti, strutture di supporto e delle sedi decentrate si veda la figura 1 qui di seguito riportata. 5

6 Figura 1 - Schema grafico delle Segreterie studenti, delle strutture di supporto e delle sedi decentrate Segr. Agraria FRONT OFFICE Sedi decentrate Segr. Economia S. Giurisprudenza CISAS Figline Valdarno Seg Sc. Politiche Segr. Architettura Livorno Seg.Lettere e Fil. S.Sc. Formazione PUNTO SERVIZI Pistoia Segr.Psicologia Segr.Ingegneria PUNTO INFORMATIVO Prato Segr. S.M.F.N. OASI ( Polo Sesto) Sede di FI V.le Morgagni Sede di FI V.le Pieraccini Segr. Farmacia e Medicina N 6 STUDENT POINT Sede di Empoli Sede di Figline V.no 6 Sede di Pistoia Sede di S. Giovanni V.no

7 1.3 LA METODOLOGIA SEGUITA Per le ragioni esposte al punto 1, il Nucleo, nell estate 2004, ha incaricato due suoi componenti, Tindari Baglione e Massimo Carli, di effettuare la necessaria istruttoria e presentare una bozza di relazione da portare all approvazione del Nucleo stesso. A tal fine il Presidente del Nucleo, con nota n del 4 agosto 2004, ha invitato i coordinatori di Polo a produrre la documentazione necessaria ad illustrare l attività delle segreterie e ad evidenziarne eventuali criticità. Tale documentazione doveva servire come punto di partenza per un successivo incontro con gli stessi e i responsabili delle segreterie (che solo successivamente è risultato non essere previsti nell attuale organizzazione, sostituiti da referenti, uno per ogni segreteria, con compiti e responsabilità non chiaramente definiti), che però non ha dato gli esiti sperati. Per questo motivo, si è reso necessario visitare tutte le segreterie, comprese quelle delle sedi decentrate, per conoscere, attraverso i colloqui con gli addetti, le attività svolte. Per ciascuna segreteria è stata predisposta una scheda riassuntiva contenente sia dati di natura quantitativa (personale, studenti, personale docente, corsi di studio, etc) sia le criticità più rilevanti e i punti di forza, laddove esistenti. Inoltre di ciascuna visita è stata predisposta una relazione conservata presso l Ufficio del Nucleo a disposizione di eventuali interessati. Inoltre, prima di visitare le segreterie, si è ritenuto opportuno verificare il grado di soddisfazione degli studenti sul funzionamento di tali uffici e, a questi fini, è stato predisposto un questionario, allegato alla presente relazione, riempito mediante colloqui con più di 400 studenti di tutte le Facoltà (i colloqui sono stati eseguiti da studenti in stage presso l Ufficio del Nucleo). I risultati di tale indagine hanno consentito di mettere in luce alcune criticità che sono state verificate nel corso delle visite presso le segreterie. Una prima bozza di questa relazione, redatta nel settembre scorso e distribuita a tutte le segreterie, ai responsabili dei Poli per i servizi alla didattica e agli studenti, ai coordinatori dei Poli e al Dirigente della Divisione servizi alla didattica, innovazione e sviluppo dell offerta formativa, è stata esaminata e discussa in due riunioni cui ha partecipato anche il Presidente del Nucleo. 1.4 SEDI, ATTREZZATURE, PERSONALE E ORARIO DI APERTURA Sedi. Per quanto attiene all ubicazione: circa la metà delle segreterie sono situate lontane dai luoghi dove si svolge l attività didattica. In particolare le segreterie che presentano questa caratteristica sono le segreterie di Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Psicologia e Scienze M. F. N. Per le prime tre sedi il problema sarà risolto quando sarà ultimato l edificio situato presso il Polo delle Scienze Sociali. I locali destinati alle segreterie sono adeguati, tranne che per la sede decentrata di Pistoia ove mancano gli spazi per gli studenti in attesa del proprio turno. Attrezzature. Sufficienti e decorosi sono gli arredi e le attrezzature: unica eccezione è la segreteria di Lettere, dove, al momento della visita nel luglio di quest anno e fino all ottobre scorso, non tutto il personale disponeva di un proprio tavolo di lavoro e due computer agli sportelli erano fuori uso 2. 2 Per quanto riguarda l insufficienza delle attrezzature il coordinatore del Polo Centro Storico 1 Ing. Falcioni con del 2/12/2005 ha precisato quanto segue: Si precisa che le informazioni acquisite relative alle postazioni e alle attrezzature di lavoro dichiarate insufficienti presso questa segreteria, sono da attribuirsi alle prime fasi di costruzione dell Ufficio Centrale di Polo adibito alla lettura ottica dei verbali di esame. Tale ufficio, costituito sulla base del Progetto di Lettura Ottica dei Verbali di Esame del Polo Centro Storico 1 prot. n.o36579 del 16/05/05 inviato al Direttore Amministrativo, sarà situato in locali attigui alla segreteria e sarà funzionante in abbinamento ad essa. 7

8 Personale. Per quanto attiene alla situazione del personale si rinvia al prospetto riassuntivo (Tabella 1) nel quale sono riportati anche tutti i dati quantitativi contenuti nelle schede citate al punto 3. Dal prospetto si evidenzia che, analogamente all organizzazione di quasi tutti gli Uffici dell Ateneo, anche in questo settore si utilizza personale a tempo determinato. Solo due segreterie dispongono di personale esclusivamente di ruolo (segreterie di Ingegneria e di Architettura); le altre hanno una persona a tempo determinato (al 66%), eccetto la segreteria di Psicologia che ne ha due. La segreteria di Architettura, attualmente priva di personale a tempo determinato, lo ha invece utilizzato nel passato e ne lamenta oggi la mancanza, in quanto tale personale era risultato particolarmente utile per la registrazione degli esami, che, al tempo della visita, presentava un notevolissimo arretrato. 8

9 Tabella 1 dati analitici segreterie studenti Segreteria Facoltà tempo pieno indeterminato Personale afferente al 31/7/2005 tempo parziale indeterminato Personale t. determinato co.co.co totale N. studenti iscritti A.A. 04/05 (dati definitivi al 31/07/05) Bollettini stat. 10/2005 e 11/2005 n. totale iscritti triennali, ciclo unico e v.o. di cui immatricolati n. totale iscritti lauree specialistiche di cui iscritti al 1 anno totali iscritti Corsi di studio Facoltà A.A. 04/05 Corsi lauree triennali Corsi Lauree specialistiche Lauree a ciclo unico Corsi vecchio ordinamento Corsi D.U e scuole spec. (VO) Totale corsi di cui a numero programmato n. esami registrati A.A.04/05 n. esami registrati A.A.03/04 n. docenti Facoltà Agraria 2 0,83 0,66 3, Architettura 7 0,50 7, Economia 7 0,66 7, Farmacia + Medicina e Chirurgia 4 0,66 4, Giurisprudenza 5 0,66 5, Ingegneria 4 4, Lettere e Filosofia 9 0,83 0,66 10, Scienze della Formazione 3 0,83 0,66 4, S.M.F.N. (organizzata in 2 sedi) 5 0,66 0,66 0,83 7, Scienze Politiche 6 0,66 6, Psicologia 5 0,83 2,00 7, Scienze della Formazione 2 0,83 0,66 3, Psicologia Per maggior chiarezza nella lettura dei dati si riporta anche la situazione (al maggio 2005) delle segreterie di psicologia e scienze della formazione quando ancora erano unificate. N.B. Alla segreteria di Scienze M.F.N. afferisce anche un'altra persona di ruolo non in servizio alla data del 31/7/05 per congedo di gravidanza N.B. Per la segreteria di Scienze Politiche la dotazione di personale non comprende quello impegnato nella lettura ottica degli esami (due persone impegnate per circa un 30% del loro tempo a questa attività). 9

10 I dati offerti dalla presente relazione consentono di valutare la congruità delle dotazioni di personale delle singole segreterie. A questi fini rilevano, ad avviso del Nucleo: il numero degli studenti; il numero dei corsi di studi e degli esami registrati; gli eventuali corsi di studio a numero chiuso o programmato (Facoltà di Medicina, Psicologia e Scienza della Formazione, quest ultima a partire dall A.A. 2005/2006); il numero dei piani di studio individuali, previsti in alcune facoltà, come quella di Lettere, che appesantiscono la gestione della carriera degli studenti. A tale proposito, sono stati anche elaborati degli indicatori sulla base di alcuni dati disponibili nella tabella precedente con lo scopo di ottenere maggiori indicazioni circa il carico di lavoro di ciascuna segreteria. La Tabella 2 riporta i risultati ottenuti dal calcolo di alcuni indicatori, mentre le figure successive evidenziano lo scostamento rispetto al valore medio di Ateneo (posto sullo zero) di ciascuna variabile. In particolare, alcuni indicatori descrivono il carico di lavoro delle singole segreterie in base agli studenti e ai corsi (vd. Figura 2 e Figura 3) mentre un altro descrive la prestazione delle stesse in termini di numero di esami registrati per addetto in un Anno Accademico (vd. Figura 4). Gli indicatori utilizzati, tenendo conto anche delle indicazioni emerse dagli incontri con gli addetti, sono i seguenti: N. studenti iscritti / n. personale segreterie: indica quanti studenti "gravano" su ciascuna unità di personale. Si notano sostanziali differenze: da un minimo di 518 studenti per addetto alla segreteria di Scienze M.F.N. ad un massimo di 1399 studenti per addetto alla segreteria di Ingegneria. N. immatricolati / n. personale segreterie: tenuto conto che normalmente gli studenti immatricolati richiedono un maggior carico di lavoro al personale delle segreterie si è voluto verificare se vi siano differenze rilevanti sotto questo aspetto. Anche in questo case si notano sostanziali differenze: da un minimo di 74 studenti per addetto alla segreteria di Agraria ad un massimo di 217 studenti per addetto alla segreteria di Ingegneria. % immatricolati su studenti iscritti: Come si nota il range va da un minimo dell'11% a Psicologia ad un massimo del 21% a Scienze M.F.N.. N. esami registrati A.A. 03/04 / n. personale segreterie: si ritiene questo indicatore particolarmente significativo per la verifica del carico di lavoro che grava su ciascun addetto. Tenuto conto che alcune segreterie sono in arretrato nella registrazione degli esami abbiamo ritenuto più significativo il dato relativo al numero degli esami registrati dell'a.a. 03/04. N. totale dei corsi / personale segreterie: si ritiene che oltre al numero degli studenti e degli esami registrati un altra variabile importante per determinare il carico di lavoro sia anche il numero di corsi che ciascuna segreteria deve gestire. % n. corsi programmati / n. corsi totali: è emerso dagli incontri con gli addetti alle segreterie che un considerevole aggravio di lavoro è determinato anche dal numero dei corsi ad accesso programmato, pertanto è stato inserito anche questo indicatore che ne tiene conto. 10

11 Non è stato invece elaborato un indicatore che tiene conto del numero di docenti in rapporto al personale delle segreterie, in quanto non si dispone del numero di docenti a contratto relativamente all A.A.04/05. La mancanza di questa informazione non permette quindi un confronto equo fra le varie segreterie, in quanto alcune facoltà fanno ricorso a questa tipologia di docenza in maniera marginale, mentre altre la utilizzano in maniera rilevante, come è emerso da una rilevazione del Nucleo effettuata nel novembre 2003 relativa all A..A Tabella 2 Indicatori relativi al carico di lavoro e alla prestazione degli addetti alle segreterie. CARICO DI LAVORO RELATIVO AGLI STUDENTI CARICO DI LAVORO RELATIVO AI CORSI INDICATORE DI PRESTAZIONE Segreteria Facoltà n. studenti iscritti/ n. personale segreterie n. immatricolati/ n. personale segreterie % immatricolati/ studenti iscritti n. totale corsi / personale segreterie % corsi programmati / n. corsi totali n. esami registrati A.A.03-04/ n. personale segreterie Agraria % 5 0% 2183 Architettura % 1 38% 4042 Economia % 4 0% 2479 Farmacia e Medicina % 9 68% 7981 Giurisprudenza % 1 43% 2541 Ingegneria % 9 0% 6681 Lettere % 4 3% 2623 Scienze Formazione % 3 0% 2121 Scienze M.F.N % 5 0% 1940 (organizzata in 2 sedi) Scienze Politiche % 3 5% 2617 Psicologia % 1 83% 2487 Sc. Formazione e % 2 25% Psicologia Media di Ateneo % 4 22% 3427 Mediana % 4 3% 2541 Dev. St % 3 31% Si rinvia, a questo proposito, alla deliberazione del Nucleo n. 15 del 18 settembre 2003, disponibile alla seguente pagina web: 4 Anche in questa tabella e nella figura successiva è stata inserita la situazione delle segreterie di Scienza della Formazione e Psicologia (al maggio 2005) 11

12 Figura 2 Scostamento dalla media di Ateneo degli indicatori relativi al Carico di lavoro dovuto agli studenti. 2 1,5 1 0,5 0-0,5-1 -1,5 Agraria Architettura Economia Farmacia e Medicina Giurisprudenza Ingegneria Lettere Scienze Formazione Scienze M.F.N. * Scienze Politiche Psicologia Sc. Formazione e Psicologia -2 n.studenti iscritti / n.personale segreterie n. immatricolati / n. personale segretere % immatricolati su studenti iscritti Fonte: variabili indicate in Tabella 2 standardizzate. Figura 3 - Scostamento dalla media di Ateneo degli indicatori relativi al Carico di lavoro dovuto ai corsi. 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0-1,5 Agraria Architettura Economia Farmacia e Medicina Giurisprudenza Ingegneria Lettere Scienze Formazione Scienze M.F.N. * Scienze Politiche Psicologia Sc. Formazione e Psicologia n. totale corsi / personale segreterie % corsi programmati / n. corsi totali Fonte: variabili indicate in Tabella 2 standardizzate. 12

13 Figura 4 - Scostamento dalla media di Ateneo dell indicatore di prestazione relativo agli esami registrati per addetto. 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0 Agraria Architettura Economia Farmacia e Medicina Giurisprudenza Ingegneria Lettere Scienze Formazione Scienze M.F.N. * Scienze Politiche Psicologia Sc. Formazione e Psicologia n. esami registrati A.A.03/04 / n.personale segreterie Fonte: variabili indicate in Tabella 2 standardizzate. Orario. L orario di apertura è uguale, e non modificabile, per tutte le segreterie: lunedì, mercoledì e venerdì, ore 9-13; martedì e giovedì, ore , eccetto che per le sedi decentrate. Tale regola contrasta con il fatto che le segreterie hanno utenze molto diverse, ubicazioni vicine o lontane dalle aule e, anche, compiti non totalmente coincidenti (si pensi alle Facoltà con numero chiuso, in cui le segreterie devono gestire anche le prove di ammissione, nonché all esistenza, in alcuni Poli, di uffici che danno informazioni o raccolgono le immatricolazioni). Fermo il numero complessivo di ore di apertura e, se vi sono difficoltà a reperire il personale disponibile a lavorare di pomeriggio, fermo anche il numero di ore di apertura pomeridiana, sembra al Nucleo opportuno eliminare l attuale rigidità, per adattare l orario alle diverse esigenze degli studenti: il 75% dei quali, come risulta dalle risposte al questionario, lamenta orari di apertura al pubblico non adeguati. 1.5 FUNZIONAMENTO Tutte le segreterie forniscono informazioni agli studenti tramite questi canali: agli sportelli; per posta elettronica; per telefono con varie modalità: sempre; durante l orario di sportello; solo con sportello chiuso; in determinate fasce orarie. 13

14 Per quanto attiene alla comunicazione telefonica, si segnala che, attualmente, sulla pagina web dell Ateneo 5 sono stati tolti tutti i numeri di telefono per poter accedere direttamente alle segreterie, essendo stato riattivato il numero verde attraverso il quale gli studenti possono avere informazioni tramite telefono. Tale servizio è attivo dal 19 Settembre 2005 e la convenzione ha la durata di 36 mesi. Si segnala, altresì, che a decorrere dal 23 Novembre 2005 è stato pubblicizzato sul sito di Ateneo la Linea speciale studenti che è un servizio attivato presso il C.I.S.A.S del Polo delle Scienze Sociali che rappresenta una sorta di numero verde per gli studenti afferenti a tale polo. Per quanto attiene al numero verde, andando a verificare i risultati del questionario allegato, emerge come soltanto il 21% degli studenti intervistati ne conosca l esistenza e, tra coloro che lo conoscono soltanto il 52% lo utilizza. Fra coloro che lo hanno utilizzato, il 43,4% ha giudicato insufficiente il grado di esaustività del servizio; il 48,1% non appare soddisfatto della rapidità con cui ha ottenuto informazioni e il 61,5% insoddisfatto dei tempi di attesa. Attualmente, dunque, le segreterie svolgono due funzioni diverse: dare informazioni agli studenti e gestire la loro carriera. Quest ultima funzione ha acquisito un importanza maggiore che nel passato, stante la necessità di comunicare tempestivamente alle banche dati ministeriali, da cui dipendono anche i finanziamenti all Ateneo, i crediti maturati dagli studenti e, più in generale, statistiche aggiornate sull andamento dei vari corsi di studio, recentemente modificati e soggetti ad ulteriori modificazioni. E risultato che le segreterie stentano a svolgere con la necessaria tempestività la loro funzione insostituibile di gestione della carriera dello studente e pertanto, non potendo aumentare le dotazioni di personale, non resta che affidare ad altri uffici la funzione di dare informazioni agli studenti. Infatti, le informazioni telefoniche, soprattutto quando non vi sono limitazioni di giorni o di orario, intralciano il lavoro della segreteria (e laddove, invece, il personale della segreteria non risponde al telefono perché impegnato agli sportelli o in adempimenti urgenti, viene data una pessima immagine in termini di qualità del servizio); quelle chieste allo sportello, allungano le code (vedi l argomento successivo). Anche prescindendo dal fatto che le informazioni dovrebbero essere date dall URP, la costituzione delle strutture di supporto, citate in precedenza, potrebbe portare alla definitiva diversificazione dei compiti, in parte già esistente, lasciando alle segreterie le funzioni di gestione delle carriere degli studenti e quindi dell attività di back office, mentre l attività di front office potrebbe essere demandata esclusivamente a queste strutture di supporto (naturalmente, quando l Ufficio di Polo non sarà in grado di dare le informazioni richieste, le chiederà alla segreteria in tempi e modi concordati, informando successivamente il richiedente). Qualunque sia la soluzione prescelta, il Nucleo sottolinea, che anche per evitare aumenti di personale da parte delle strutture di front-office, nell Ateneo lo strumento prioritario per dare informazioni deve essere Internet che, stando ai risultati del questionario, già il 60% degli studenti privilegia come mezzo di acquisizione di 5 14

15 informazioni, ma di cui non si fida. Infatti, gli studenti spesso chiedono in segreteria conferma delle informazioni ricavate dal sito. Concludendo sul punto si sottolinea l assoluta necessità, per limitare il più possibile la necessità di recarsi presso qualche Ufficio dell Ateneo per avere informazioni e quindi limitare le code, di adottare meccanismi che garantiscano il tempestivo aggiornamento dei dati inseriti in rete. Per quanto concerne le segreterie, occorre affidare ad un addetto il compito di provvedere, o segnalare, in tempo reale, le modifiche delle informazioni inserite in rete. Per quanto concerne l aspetto della comunicazione agli studenti, si segnala una buona pratica : la Segreteria della Facoltà di Medicina e Chirurgia e Farmacia, per quanto riguarda le comunicazioni urgenti agli studenti, ha risolto il problema chiedendo, all atto dell iscrizione, oppure quando lo studente immette la frequenza ai corsi, l indirizzo di posta elettronica personale, se posseduto, o dando la possibilità allo stesso di poterlo avere tramite l Ateneo. La segreteria provvede poi a gestire queste mailing list (aggiornamento, suddivisione per corso e per anno) attraverso l Ufficio Comunicazione di Polo Tempi di attesa I risultati del questionario7 hanno evidenziato tempi di attesa mediamente lunghi. Il 37,6% degli studenti ha dichiarato tempi di attesa di oltre 60 minuti; il 25,6% da 30 a 60 minuti, il 20,8% da 10 a 30 minuti, mentre solo il 3,7% degli studenti ha dichiarato di non aver riscontrato tempi di attesa. Un ulteriore disagio per gli studenti della segreteria di Lettere deriva dal fatto che dato il loro numero elevato, la segreteria non è sempre in grado di fronteggiare a tutte le richieste nella stessa giornata Prenotazione on-line del posto in segreteria Le segreterie di Architettura, Lettere, Psicologia e Scienze della formazione hanno introdotto in via sperimentale la prenotazione on-line del posto in segreteria, che però è stata utilizzata come modalità accessoria, non prevalente, dell accesso in segreteria. Poiché i giudizi da parte del personale delle segreterie circa la validità di questa nuova modalità sono stati discordi si è voluto effettuare una verifica attraverso un incontro con i progettisti dello CSIAF, seguita da una dimostrazione pratica dell applicazione, che ha evidenziato il suo buon funzionamento, anche perché adattabile alle diverse esigenze delle singole segreterie. Si sono quindi incontrati i referenti delle segreterie che hanno sperimentato la prenotazione on line per cercare di capire i motivi della non convinta applicazione di tale procedura e i partecipanti all incontro hanno convenuto sull opportunità di chiudere il periodo di sperimentazione e di adottare tale procedura 6 Un ipotesi, da verificare, emersa nel corso degli incontri con i responsabili degli uffici alla didattica di Polo, al fine di reperire in maniera rapida le degli studenti, potrebbe essere quella di estrapolare le stesse (comunicate dagli studenti al momento dell immatricolazione/iscrizione) direttamente dal programma GISS, utilizzato dalle segreterie studenti per la gestione della carriera degli studenti, 7 Le informazioni sono quelle risultate dall analisi delle risposte degli studenti tramite la compilazione del Questionario sui servizi offerti dalle segreterie studenti. 15

16 come regola per l accesso alla segreteria, salvo un solo sportello per i casi urgenti o imprevisti (e previa un adeguata formazione del personale da parte dello CSIAF). Conclusivamente, sembra al Nucleo che, con la estensione a tutte le segreterie della possibilità della prenotazione on line, con il passaggio della funzione informativa ad altri uffici e il potenziamento delle informazioni ricavabili in rete, vengano meno le code agli sportelli delle segreterie Registrazione esami La registrazione degli esami è una delle attività che richiede un impegno notevole da parte delle segreterie. L esigenza che tale procedura venga svolta in tempi brevi è una necessità avvertita non solo dagli studenti, ma anche da altri soggetti istituzionali preposti alla verifica dell andamento della riforma (presidi, presidenti corso di laurea, ect.), nonché dallo stesso Ministero, il quale ha previsto con il nuovo modello di ripartizione del FFO di considerare anche la quantità dei CFU acquisiti dagli studenti. Dalle verifiche effettuate è emerso che tre segreterie hanno un arretrato notevolissimo: Architettura, Lettere e Scienze della formazione. La Direzione amministrativa, consapevole di tale problema, ha deciso con provvedimento dell 8/04/05 di estendere a tutte segreterie l adozione della lettura ottica dei verbali, attualmente adottata in via sperimentale soltanto da alcune segreterie. La data indicata per l introduzione di tale innovazione era la prima sessione di esame dell anno accademico 2005/2006, ma non tutte le facoltà potranno rispettare tale scadenza perché sono ancora in corso di espletamento alcune procedure per l acquisto delle necessarie attrezzature (nonostante che il provvedimento del Direttore amministrativo sia dei primi di aprile). Per velocizzare le procedure di registrazione degli esami occorre anche risolvere a monte alcuni problemi che non vengono eliminati dalla lettura ottica e che sostanzialmente possono essere così sintetizzati: 1. Ritardo nella trasmissione dei verbali alle segreterie: è stato riscontrato che, non di rado, i verbali d esame vengono trasmessi alla segreteria con vari giorni, settimane e anche mesi di ritardo e, solo dopo varie sollecitazioni telefoniche da parte della segreteria ai presidenti della Commissione d esame inadempienti, si riesce a ottenerli, nonostante il Regolamento didattico di Ateneo prescriva (art. 19, quinto comma) che il Presidente della Commissione d esame è tenuto a trasmettere tempestivamente il verbale d esame. Questo aspetto negativo è particolarmente rilevante nella segreteria di lettere: in particolare, a causa del mancato invio dei verbali di buona parte della docenza a contratto. 2. Errori nella redazione del verbale d esame: un altra criticità deriva dal fatto che i verbali sono spesso incompleti per mancanza delle firme, oppure contengono degli errori nella redazione (es. il nome dell esame non corrisponde a quello indicato nel corso di laurea); tutto ciò impedisce la lettura ottica. 3. Non rispetto delle propedeuticità da parte degli studenti. Il non rispetto da parte degli studenti di tale requisito nell espletamento degli esami, ne impedisce la registrazione. 16

17 4. Criticità inerenti alle problematiche collegate ai piani di studio. Gli esami non previsti dai piani di studio non vengono registrati Piani di studio Si segnala che solo cinque segreterie hanno adottato la procedura per l immissione del piano di studio on-line. Per quanto riguarda le segreterie che non la utilizzano ciò dipende dal fatto che i piani di studio non sono rigidamente fissati dalla Facoltà, ma sono il riflesso dei vari percorsi formativi offerti agli studenti. Questa eterogeneità dei piani di studio non permette perciò l estensibilità del programma a tali segreterie. L adozione di tale procedura costituirebbe invece una riduzione dei tempi anche per quanto riguarda la registrazione degli esami e il loro inserimento automatico nella carriera dello studente (la procedura on-line non è utilizzabile per gli studenti che provengono dal vecchio ordinamento) Gestione programmi per tesi di laurea Le segreterie di Giurisprudenza e Architettura dispongono di un programma che permette di redigere l elenco dei laureandi e i relativi verbali. Questa procedura informatizzata ha consentito di ridurre il carico di lavoro del 90% Modulo del reddito Com è noto, nella nostra Università le tasse si pagano in base al reddito, autocertificato dallo studente all atto della immatricolazione, e negli anni successivi se modificato. Le autocertificazioni sono in rete, ma non è stato possibile individuare l Ufficio che, a campione, ne controlla la veridicità, come prescritto dall art. 71, primo comma, del DPR 28 dicembre 2000, n Poiché la veridicità delle dichiarazioni sostitutive è direttamente proporzionale ai controlli eseguiti, si rappresenta la necessità di un loro potenziamento per non perdere entrate ma, soprattutto, per evitare ingiustificate disparità di trattamento tra studenti di pari reddito. 1.6 COORDINAMENTO DELLE SEGRETERIE Riunioni delle segreterie Dalle visite alle segreterie sono emersi comportamenti diversi sugli stessi problemi: per esempio, pagamento della mora o verifica della legittimità delle Commissioni di esame prima della registrazione dell esame stesso. Per la uniformità dei comportamenti sono evidentemente necessarie adeguate direttive dell Ateneo (che non è stato possibile accertare se sempre esistenti), ma anche queste hanno bisogno, per una loro diffusa e costante applicazione, di un preventivo coinvolgimento del personale che le dovrà applicare (sull esistenza, in passato, di tale coinvolgimento, a livello di Ateneo, sono state riscontrate versioni diverse. 17

18 Alcune difficoltà di funzionamento delle segreterie derivano dal loro scarso collegamento con i consigli di facoltà o di corso di studi che adottano le delibere senza farsi carico della loro fattibilità. 1.7 STRUTTURE DI SUPPORTO ALLE SEGRETERIE STUDENTI Per avere un quadro completo dell intero sistema di strutture che vengono a contatto con gli studenti, il Nucleo di Valutazione ha ritenuto opportuno esaminare anche il funzionamento delle strutture di supporto delle segreterie studenti, quali gli Student Point, i Punti informativi, i Centri di accoglienza e i Punti immatricolazioni. Tali strutture, come emerge dai colloqui con gli addetti alle Segreterie alle quali offrono il loro supporto, si sono rilevate uno strumento organizzativo efficace perché costituiscono un punto informativo più vicino per l utenza, essendo ubicate in prossimità delle sedi dove si svolge la didattica (si vedano ad esempio talune sedi degli Studenti Point dell area medica o il Cisas), concorrendo anche ad alleggerire il carico di lavoro delle segreterie, attraverso le funzioni qui di seguito elencate La situazione di fatto SEDI 6 Student Point a supporto delle segreterie della Facoltà di Medicina e Chirurgia e di quella di Farmacia di cui 4 ubicati nelle sedi di Empoli, Pistoia, Figline Valdarno e S. Giovanni Valdarno COMPITI Compiti comuni: Orientamento per studenti scuole medie superiori, matricole e studenti di anni successivi al primo Informazioni su orari e ricevimento docenti Distribuzione e raccolta moduli di immatricolazione Distribuzione libretti universitari; libretti del tirocinio sia del V/VI anno della facoltà di Medicina e Chirurgia Raccolta modulistica autocertificazione reddito Ricevimento domande per test di ammissione corsi di laurea Compiti specifici solo di alcuni sedi: Distribuzione libretti tirocinio per esami di stato per la Facoltà di Medicina e Chirurgia (sede di Viale Morgagni) Test di selezione per master e successiva immatricolazione (sede di Empoli) Assistenza Studenti Socrate-Erasmus (sede di Viale Pieraccini) La sede di Empoli stampa invece direttamente i certificati 18

19 SEDI COMPITI Front office studenti presso la segreteria Gestione e diffusione informazioni su: della Facoltà di Agraria Stage e tirocini Orientamento e tutorato studenti Iniziative studentesche Punto servizi del Polo Centro Storico 1 (dal 14 Novembre 2005) Modulo del reddito Reclami Certificazioni Immatricolazioni ed iscrizioni ordinarie Informazioni Modulistica Informazioni e istruzioni per le procedure on-line utilizzate dagli studenti CISAS (Centro Integrato Servizi Accoglienza Orientamento per studenti scuole Studenti) attivato a partire da Gennaio 2004 presso il Polo delle Scienze Sociali a supporto delle segreterie delle Facoltà di Economia, Giurisprudenza e Scienze Politiche medie superiori, matricole e studenti di anni successivi al primo Informazioni su orari e ricevimento docenti Funziona anche da punto immatricolazioni quindi provvede al rilascio di matricola, password e libretto per lauree di primo livello Consulenza, raccolta e registrazione modulo reddito Raccolta piani di studio per la Facoltà di Scienze Politiche Stampa certificati Punto informativo a supporto della Orientamento per studenti scuole segreteria della Facoltà di Ingegneria medie superiori, matricole e studenti di anni successivi al primo Informazioni su orari e ricevimento docenti Funziona come punto immatricolazioni in alternativa alla segreteria quindi provvede al rilascio di matricola, password e libretto per lauree di primo livello Raccolta modulistica autocertificazione reddito del reddito in alternativa alla segreteria Stampa certificati OASI (Orientamento, Accoglienza, Oltre a svolgere funzioni tipiche di una Servizi Integrati) segreteria decentrata segreteria (tranne la gestione degli esami di della Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali laurea) svolge: Orientamento per studenti scuole medie superiori, matricole e studenti di anni successivi al primo Informazioni su orari e ricevimento docenti Punto immatricolazioni a supporto delle Provvede al rilascio di matricola, 19

20 SEDI segreterie delle Facoltà del Polo Centro Storico 1: Architettura, Lettere, Scienze della Formazione e Psicologia che è stato aperto dalla prima settimana di Settembre 2005 per sei settimane COMPITI password e libretto per lauree di primo livello Per i dettagli sul personale impiegato e orari di apertura si rinvia alla Tabella 3. Tenuto conto della situazione sopra illustrata, una possibile ipotesi organizzativa futura potrebbe essere quella, suggerita dal responsabile della didattica del Polo Biomedico e Tecnologico, di iniziare ad affidare certi tipi di attività, come ad esempio il rilascio di certificati, esclusivamente agli Student Point. A questo proposito si segnala una buona pratica messa in atto dal Punto Informativo di Ingegneria che da quest anno ha imposto di consegnare sia le domande di immatricolazioni che la consegna del modulo del reddito esclusivamente al punto informativo. Tabella 3 personale orari e strutture di supporto Personale afferente al 31/7/2005 Struttura di supporto tempo pieno indeterminato tempo parziale indeterminato personale determinato Co.co.co Studenti part-time servizio civile ditta esterna totale Giorni di apertura Punto Informativo Ingegneria Student Point Viale Morgagni, 85 Student Point Viale Pieraccini, 6 Student Point Empoli Student Point Pistoia Student Point Figline Valdarno Student Point S.Giovanni V.no Punto immatricolazioni Polo C.S. 1 0,5 8 0, tutte le mattine tutte le mattine tutte le mattine Socrates-Erasmus Point lun/merc/ven 9,30-12,30; mart/giov/ 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 16, tutte le mattine 9,30-12,30 anche mart/giov. 13,30-16, tutte le mattine ,25 0,2 5 0,25 0,2 5 min. 4 pers one merc. 8,30-13,30 mart/giov. 8,30-13,30 aperto dal 5 Sett. 05 al 14 Ottobre 05 mediamente tutti i giorni dalle 9 alle 17 8 si tratta di una persona ad interim con segreteria 9 si tratta di una persona ad interim con ufficio didattica di Polo ore settimanali 20

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2012/2013 RIFERIMENTI NORMATIVI! REGOLAMENTO NORME SULLA CONTRIBUZIONE EMANATO CON DECRETO RETTORALE N. 1147/2010

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2011/2012 PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA LA CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA E COSTITUITA DA UNA PARTE

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti REV. N.2 del 26 02 2010 Carta dei Servizi - Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 PREMESSA Nel dibattito in corso sulle modalità con le quali l Università

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

Laurea Magistrale in. SCIENZE PEDAGOGICHE (classe LM-85) Anno Accademico 2014-2015. Bando per l accesso

Laurea Magistrale in. SCIENZE PEDAGOGICHE (classe LM-85) Anno Accademico 2014-2015. Bando per l accesso AREA SOCIETA Laurea Magistrale in SCIENZE PEDAGOGICHE (classe LM-85) Anno Accademico 2014-2015 Bando per l accesso Per immatricolarsi a questa laurea magistrale, TUTTI gli studenti interessati devono preventivamente

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012

Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012 Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012 ACCESSO AI CORSI DI STUDIO Sotto il profilo del tipo di accesso, i Corsi di Studio si distinguono in: Corsi di Laurea, Laurea Magistrale, Laurea Magistrale a

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scadenze amministrative per l anno accademico 2012-2013 Per l anno accademico 2012-2013 le scadenze amministrative di seguito riportate che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di

Dettagli

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica Gli esiti della rilevazione 2012-2013 Anna Maria Milito 26 novembre 2013 La rilevazione dell opinione degli studenti sulla didattica Importanza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Incontro di accoglienza Studenti part-time a.a. 2015/2016

Incontro di accoglienza Studenti part-time a.a. 2015/2016 Incontro di accoglienza Studenti part-time a.a. 2015/2016 Alessandra Raffaetà Aula 1 Polo scientifico Mestre 19 settembre 2015 Requisiti per lo Status di Studente Part-Time Studenti regolarmente iscritti

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Pag. 1 di 6 DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Carta dei Servizi - Facoltà di Ingegneria Segreterie Studenti NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 RIA CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S)

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) Approvato dal Consiglio di Corso di Studio il 27 gennaio 2015 Indice 1. DEFINIZIONE

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA. Procedura per Tirocinio didattico

FACOLTA DI INGEGNERIA. Procedura per Tirocinio didattico FACOLTA DI INGEGNERIA Procedura per Tirocinio didattico 1) Lo Studente Tirocinante (ST), entro il 15 Dicembre, compila il Modulo per l assegnazione del tutore universitario 1 e lo consegna alla Dott.ssa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE STUDENTI CHE SI LAUREANO IN MENO ANNI In base all art. 10 del Regolamento studenti dell Università di Ferrara, lo studente può laurearsi anche in meno tempo

Dettagli

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico - Visto l art. 8, comma 7, del regolamento relativo all istruzione professionale (DPR 15/03/2010, n. 87) - Vista la Direttiva Ministeriale n.

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO -

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Bando per l assegnazione di contributi per stage all estero A.A. 2014-2015 PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Per l'a.a. 2014-2015 è indetta la selezione, riservata a studenti e neolaureati dell Università

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN POLITICHE E SISTEMI SOCIOSANITARI: ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E COORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA. Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA. Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Manuale del Rilevatore Valutazione della Didattica AA 2011-12 Caro Rilevatore, Ti ringraziamo sin da adesso per la tua preziosa collaborazione. La tua attività è estremamente

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

Divisione Didattica e Studenti

Divisione Didattica e Studenti Divisione Didattica e Studenti Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Progetti per la Didattica Decreto del Rettore Repertorio n. 306/2010 Prot. n. 16328 del 22/07/2010 Tit. III Cl.

Dettagli

International Relation Office

International Relation Office International Relation Office BANDO PER BORSE DI STUDIO ALL ESTERO AI FINI DELLA PREDISPOSIZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 I EDIZIONE Finalità L Università degli Studi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO Art. 1 SCOPI Nell ambito delle politiche di internazionalizzazione dell Ateneo ed al fine di incentivare

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione di G. P. n. 448 del 20.11.2002 ART 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, nell ambito della normativa

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

SEGRETERIA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE TFA E PAS. Bando di concorso per l ammissione al primo anno delle Scuole di Specializzazione area sanitaria

SEGRETERIA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE TFA E PAS. Bando di concorso per l ammissione al primo anno delle Scuole di Specializzazione area sanitaria DIV.III-7/ED/GB/mb Il D.P.R. 10.03.1982, n. 162; il D.M. 16.09.1982; SEGRETERIA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE TFA E PAS Bando di concorso per l ammissione al primo anno delle Scuole di Specializzazione area

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA Approvato dal Consiglio di corso di laurea in Medicina e Chirurgia nella seduta del 20/07/2015 Approvato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

#IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea

#IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea #IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea Cosa fare in Segreteria Studenti: Domanda di Laurea Modulo Come Quando Allegati BARI FOGGIA TARANTO www.poliba.it Didattica Servizi di Segreteria Modulistica

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO AVVISO di BANDO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO Corso di laurea magistrale ad accesso libero in: MATEMATICA (LM39, CLASSE LM-40) PROVE DI AMMISSIONE A.A. 2014/2015

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata AVVISO PROVE DI VALUTAZIONE E MODALITA' DI ISCRIZIONE AI CORSI DI LAUREA AD ACCESSO LIBERO DELLA MACROAREA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 - Test di valutazione

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

ESAMI, ALTRE VERIFICHE DI PROFITTO, RILASCIO CERTIFICATI

ESAMI, ALTRE VERIFICHE DI PROFITTO, RILASCIO CERTIFICATI 7 L esame è la verifica di profitto che devi sostenere e superare per ogni insegnamento previsto dal piano di studio ufficiale e/o individuale del tuo corso di laurea. La votazione minima è 18/30 e quella

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino CARTA DEI SERVIZI EROGATI DALLA DIREZIONE DIDATTICA E SEGRETERIE STUDENTI OBIETTIVI Attraverso la Carta dei Servizi, la presenta in modo trasparente agli stakeholders di

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA Concorso di ammissione al Master Universitario di secondo livello ECOPROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE OPERE CIVILI (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO -

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Bando per l assegnazione di contributi per stage all estero A.A. 2013-2014 PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Per l'a.a. 2013-2014 è indetta la selezione, riservata a studenti e neolaureati dell Università

Dettagli

PROFILO DEGLI/DELLE STUDENTI CHE HANNO FRUITO

PROFILO DEGLI/DELLE STUDENTI CHE HANNO FRUITO Università degli Studi di Sassari PROFILO DEGLI/DELLE STUDENTI CHE HANNO FRUITO DEL COUNSELING PSICOLOGICO E DEL COACHING 1 ANNO ACCADEMICO 2012-2013 Il profilo degli/delle studenti del Servizio OrientAzione

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 3 del D.M. 509/99, ora integrato e/o modificato dal D.M. 270/04; VISTO l art. 2 del Regolamento Didattico di Ateneo;

IL RETTORE. VISTO l art. 3 del D.M. 509/99, ora integrato e/o modificato dal D.M. 270/04; VISTO l art. 2 del Regolamento Didattico di Ateneo; Area Studenti Divisione Segreterie Studenti Ufficio Post Lauream Repertorio n. 1351/09 Prot 25764del 24/07/2009 IL RETTORE VISTO l art. 3 del D.M. 509/99, ora integrato e/o modificato dal D.M. 270/04;

Dettagli

Divisione Attività Istituzionali e del Personale

Divisione Attività Istituzionali e del Personale Divisione Attività Istituzionali e del Personale Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Ufficio Accreditamento e Qualità Decreto del Rettore Repertorio n. 440/2007 Prot. n. 24536 del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DI TIROCINIO

GUIDA ALL ATTIVITÀ DI TIROCINIO Scuola di Studi Umanistici e della Formazione Corso di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale GUIDA ALL ATTIVITÀ DI TIROCINIO Introduzione.. p. 2 1. Obiettivi del tirocinio p. 2 2. Crediti e durata...

Dettagli

PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità

PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI ECONOMIA PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità IL PRESIDE l art. 13 della Legge 19 novembre 1990 n.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli