Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs"

Transcript

1 Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs di Lewis Carroll Traduzjóŋ par furlàŋ di Sèrğhjo Gigànt

2 A dučh i fruts myarts tal taramòt dal Friûl dal 76, lasú cumó tal Cîl des Maravèįs.

3 INDICE Introduzione Principali regole di lettura e pronuncia Bibliografia Čhjapitul I Déntri la tane dal Cuníŋ Čhjapitul II Il śvyač di làgrimis Čhjapitul III Une còrse eletorǎl e une luŋğhje cònte Čhjapitul IV Il Cuníŋ àl mande un pičul cònt/vjelmíŋ Čhjapitul V Consèį di une Ruje Čhjapitul VI Purcít e pèvar Čhjapitul VII Une mate mirinde cul tè Čhjapitul VIII Il čhjamp di croquet de Reine Čhjapitul IX La stòrje de Fènte Copase di Mǎr Čhjapitul X La Cyadriğle des Aragòstis Čhjapitul XI Cuį ajal robǎd i crostulíŋs? Čhjapitul XII La depośizjóŋ di Alice

4 INTRODUZIONE Questa traduzione in ladino friulano di Alice s Adventures in Wondeland di Lewis Carroll non è una traduzione interpretativa del testo inglese in versione friulana, ma una traduzione lessicale dall inglese al friulano. Il friulano usato è il friulano di koiné, parlato oggigiorno nella zona del Friuli centrale e ritenuto lingua illustre per tutte le altre varianti locali. Tuttavia, per mantenersi fedeli al testo di Carroll, si è preferito usare un linguaggio di koiné e uno stile narrativo equivalente a quello inglese. La ragione di ciò risiede nella scelta di aver voluto conservare il carattere inglese di tutto il racconto e delle sue ambientazioni, siano esse culturali, geografiche o storiche. Le espressioni linguistiche inglesi sono state quindi semplicemente tradotte in lingua friulana trasferendone l esatto significato e solo ove ritenuto più appropriato, per una traduzione più efficace, friulanizzate con espressioni idiomatiche tipiche del colorito e genuino linguaggio popolare. Sono state inoltre aggiunte nel testo delle brevi note per spiegare i doppi sensi, i paradossi e i giochi di parole inglesi, nonché le storpiature e le parodie letterarie dell autore. In quanto poi alla grammatica e al lessico della koiné friulana, si è fatto riferimento alle opere linguistiche sul friulano del professor Giorgio Faggin e dello scrittore e friulanista Gianni Nazzi. Si sappia però che questa koiné friulana non sempre coincide con quella ufficiale stabilita dai più importanti enti linguistici regionali del Friuli Venezia Giulia, recentemente inquadrata nel Grant Dizionari Bilengâl Talian-Furlan. Le differenze si inaspriscono poi nelle grafie usate: quella di Faggin-Nazzi è etimologica e innovativa, mentre quella ufficiale, detta normalizzata, è tradizionale e fonetica. A questo riguardo, pur avendo attinto dai lavori del Faggin e del Nazzi, per la traduzione del testo di Carroll non si è utilizzata esattamente la stessa grafia. Infatti, dopo aver condotto precedentemente uno studio di paragone tra le grafie dei principali dialetti e lingue italiane settentrionali situate a nord della linea La Spezia-Rimini linea che separa i dialetti in questione da quelli toscani e centro-meridionali la grafia friulana di Faggin-Nazzi è stata adattata e implementata a tutti questi linguaggi. La grafia risultante da questa operazione è stata una grafia fonetica unitaria alla quale si è dato il nome di grafia alpadínica, dal neologismo e sostantivo Alpadíno ottenuto per fusione di tre vocaboli geografici che descrivono tutta l Italia del Nord: Alpi, Padania e Appennino. Tuttavia per la scrittura in friulano si è provveduto a mantenere certe soluzioni etimologiche della grafia di Faggin-Nazzi, ottenendo così un ortografia mista fonetico-etimologica. La nuova grafia alpadinica e la sua versione in ortografia friulana posseggono maggior precisione fonetica, ma presentano anche una maggiore difficoltà di lettura a causa del fatto che divergono dalla grafia italiana su vari aspetti. Si è ritenuto quindi necessario premettere al testo un breve quadro esplicativo sulle regole di lettura e pronuncia. Maggiori informazioni riguardanti la grafia alpadinica e le sue possibili applicazioni le potete trovare nel documento Grafia alpadinica, scaricabile liberamente dal sito all omonima pagina. Buon viaggio nel Paese delle Meraviglie di Alice Liddell (che potete vedere qui sotto in una fotografia d epoca o dagherrotipo scattata dallo stesso Carroll), e raccontato con le parole della lingua friulana di koiné, una varietà di ladino, così come dimostrato dal fondatore della dialettologia italiana: il glottologo goriziano prof. Graziadio Isaia Ascoli. 21 novembre 2013, Sergio Gigante

5 PRINCIPALI REGOLE DI LETTURA E PRONUNCIA Lettere Č/č: in unione alle vocali a, o e u si pronunciano come la c dolce, o palatale, dell italiano ciabatta, cioccolato, ciurma ; davanti ad h rappresenta un suono caratteristico del friulano sebbene si approssimi al ch dell italiano chiave, chioma, chiuso. Lettere Ğ/ğ: in unione alle vocali a, o e u si pronunciano come la g dolce, o palatale, dell italiano giallo, giorno, giudice ; in fine di parola si legge come č ; davanti ad h rappresenta un suono caratteristico del friulano sebbene si approssimi al gh dell italiano ghiaia, ghiotto ; davanti a n si pronuncia come in italiano nelle parole lavagna, bagnino, ragno, gnu ; davanti a l si pronuncia come in italiano nelle parole bottiglia, glielo, gli, bagliore, gnu. Lettere Š/š: in unione alle vocali a, e, i, o e u si pronunciano come la sc o sci dell italiano sciame, scena, scienza, sciopero, sciupare. Lettere Ś/ś: in unione alle vocali a, e, i, o e u si pronunciano come la s dolce o sonora dell italiano casa, Cesena, casino, muso, chiusura ; davanti alle consonanti b, d, g, v, m, n si pronunciano come la s dell italiano sbaglio, sdegno, sgarbo, sviluppo, smentire, snello ; in fine di parola si legge come s ; ś si può trovare anche dopo consonante l, n o r. Lettere S/s: in unione alle vocali a, e, i, o e u si pronunciano come la s aspra o sorda dell italiano sabato, sereno, silenzio, sole, subito ; in unione alle consonanti p, t, c, f si pronunciano come la s dell italiano sparo, stinco, scala, scervellarsi, sfollare. Lettere Ź/ź: in unione alle vocali a, e, i, o e u si pronunciano come la z dolce o sonora dell italiano zafferano, zero, zigomo, zotico, zurlo ; ź si può trovare anche dopo consonante l, n o r. Lettera ŋ: davanti a c, g, m, n e s si pronuncia come la n dell italiano anca e fungo ; si può trovare anche in fine di parola ma mai in principio. Lettere b/d/g/v: in fine di parola si leggono rispettivamente p, t, c dura o velare dell italiano cane o china, e f. Lettere unite, o digrammi, ts/čs/ğs/ds: si trovano solo in fine di parola e sono da leggersi come z sorda o aspra dell italiano zoccolo. Lettere unite, o digramma, Cy/cy: l ortografia alpadinica sostituisce ai digrammi qu o cu delle altre grafie friulane, il digramma cy che davanti a vocale a, e, i e o si legge come nell italiano le parole quadro, quello, qui, quota ; Le lettere Q/q vengono usate dalla grafia alpadinica per una funzione fonetica specifica che però il friulano non presenta; pertanto sono usate solo in parole di origine straniera come croquet e nel nome friulano della città di Aquileia (Aquilèe) per ragioni d importanza storica. Lettere Y/y: non è usata dal friulano ufficiale; nella grafia alpadinica esprime la u semiconsonantica che si pronuncia come la u lunga dell italiano quadro, guerra, suite, uovo ; trascrive quindi tutti i dittonghi friulani della u. Lettere J/j: è usata anche dal friulano ufficiale ma in maniera molto limitata; nella grafia alpadinica esprime la i semiconsonantica che si pronuncia come

6 la i lunga dell italiano miao, pieno, violenza, iugoslavo ; trascrive quindi tutti i dittonghi friulani della i. Per tutte le altre lettere valgono le stesse regole ortografiche e fonetiche dell italiano. Lettere A/a, E/e, I/i, O/o, U/u con sovrapposto un accento circonflesso: le vocali con sovrapposto l accento circonflesso chiuso ^ detto cappello (ê, ô, î, û) sono sempre toniche, chiuse (come nell italiano é, ó, í, ú ), ma lunghe, cioè pronunciate con una maggiore lunghezza di suono; le vocali con sovrapposto l accento circonflesso aperto v detto corona (ǎ, ě, ǒ) sono sempre toniche, aperte (come nell italiano à, è, ò ), ma lunghe, cioè pronunciate con una maggiore lunghezza di suono. Lettere ą/ę/į/ǫ/ų: non sono usate dalle altre grafie friulane; nella grafia alpadinica esprimono le cosiddette semivocali, cioè le corrispondenti vocali italiane a, e, i, o, u, brevemente pronunciate in chiusura degli iati, come nell italiano mia, bue, mai, Iseo, Mauro. Nell ortografia alpadinica del friulano solo le vocali toniche sono accentate con accento grave, acuto o circonflesso, mentre le vocali atone non vengono accentate. In particolare la vocale tonica deve sempre essere accentata se: è lunga aperta o chiusa (manğhjǎ, podê, fjěr, finî, vôś, atǒr, cûr); è una e (vyère, gléśje, rèvid), o una o (ròse, vólte, còmud) in qualsiasi parola si trovi sia essa tronca, piana, sdrucciola o bisdrucciola, uscente in vocale o consonante; la parola è bisdrucciola o sdrucciola uscente in vocale (sàbide) o in consonante (scyíndinus); la parola è tronca uscente in vocale (finî), in consonante (čhjavàl) o in semivocale (batibúį); Se la parola non possiede accento grafico significa che è piana sia che esca in vocale (mari), o in consonante (tivid). Vi sono poi alcune regole di pronuncia che riguardano gli imperativi e i gerundi dei verbi che per la loro complessità si rimanda al testo Grammatica friulana del prof. Faggin. Allo stesso testo si rimanda per altre regole specifiche di accentazione riguardanti i monosillabi e le varie parti del discorso. L ortografia alpadinica del friulano non scrive consonanti doppie perché la lingua friulana di koiné non le possiede.

7 BIBLIOGRAFIA I Grandi Dizionari Garzanti Hazon Nuova edizione 2010 inglese-italiano italiano-inglese Garzanti linguistica, Giorgio Faggin Vocabolario della lingua friulana Del Bianco Editore, Udine, Giorgio Faggin Grammatica friulana Ribis Editore, Campoformido (Udine), Gianni Nazzi Vocabolario italiano-friulano friulano-italiano Clape Culturâl Acuilee, Litografia Designgraf, Udine, 2003.

8 Čhjapitul VII UNE MATE MIRINDE CUL TÈ À jère une taųle parečhjade sòt di un arbul denànt de čhjaśe, e il Jèųr Marčulíŋ e il Čhjapelǎr à jèriŋ daûr a bèvi un tè: un Glîr àl jère sentǎd jènfri di lôr, indurmidîd fîs, e i altris dóį lú dopraviŋ tan che un cušíŋ par pojǎnt i comedóŋs e fevelǎ diśóre al sò čhjǎv. «Unevóre discòmud pal Glîr», à pensà Alice; «paraltri, stand c àl è indurmidîd, ó supòŋ no į faśi nuje». La taųle à jère grande ma i tré à jèriŋ dučh iŋgrumǎds insjèmit intun cantóŋ: «No l è pyèst! No l è pyèst!» à berlariŋ cyan c à vjodériŋ rivǎ Alice. «Andè cusí tant di pyèst!» à diśé Alice diśdeğnade, e si sentà suntune grande poltròne dačhjǎv de taųle. «Che si čhjóli alc di viŋ», àl diśé il Jèųr Marčulíŋ cuntun tòŋ c àl tiğnive su. Alice à čhjalà dulintǒr de taųle ma su chê no jère nuj altri che tè. «No vjôd viŋ», à motivà Alice. «No ndè», àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. «Alòre no l jère unevóre civîl, tal só jési, di proferîlu», à diśé Alice inrabjade. «No l jère unevóre civîl, tal sò jési, sentǎsi cènce jési invidade», àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. «No savèvi c à fós la vyéstre taųle», à diśé Alice; «à jè parečhjade par putròpis pluį persònis di tré». «I sjèį čhjavêį é àŋ di biśuğne di jési tajǎds», àl diśé il Čhjapelǎr. Il Čhjapelǎr àl čhjalave Alice di un pôc di timp cun grande curjośetǎt e chèst àl fò il sò priŋ spròc. «Àl dovarès imparǎ a no fǎ oservazjóŋs personǎls», à diśé Alice cun severetǎt; «àl è unevóre malegracjôś». Il Čhjapelǎr àl discocolà i vôį sintínd chèst; ma dut chèl c àl diśé àl fò: «Cé disferènce éśe fra un corvàt e un scritòri?» «Béŋ, cumó si divertíŋ!» à pensà Alice. «Ó sóį contènte c ó viŋ comenčǎd a fǎ indiviníŋs. Ó crôd di podêlu indivinǎ chèst», à diśé Alice a fyart. «À intínd dî c à crôd di podê čhjatǎ la rispyéste?» àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. «Pròpit cusí», à diśé Alice. VII Une mate mirinde cul tè «Alòre à dovarès dî chèl c à intínd dî», àl lè indenànt il Jèųr Marčulíŋ. «Cumó lú dîś», à replicà in premure Alice; «Almaŋcul almaŋcul ó intínd chèl c ó dîś c à jè chêistèse čhjóse, savêśo?». «No jè chêistèse čhjóse naŋčhje un fregheníŋ!» àl diśé il Čhjapelǎr. «Alòre tant fǎś dî che Ó vjôd chèl c ó maŋğhi à sèį chêistèse čhjóse di Ó maŋğhi chèl c ó vjôd!» «E tant fǎś dî», àl ğontà il Jèųr Marčulíŋ, «che Mi plǎś chèl c ó čhjól à sèį chêistèse čhjóse di Ó čhjól chèl che mi plǎś!» «E tant fǎś dî», àl ğontà il Glîr, c àl parève fevelǎ tal siųm, «che Ó respiri cyan c ó dyǎr à sèį chêistèse čhjóse di Ó dyǎr cyan c ó respiri!» «À jè chêistèse čhjóse par jê», àl diśé il Čhjapelǎr, e chí la conversazjóŋ à colà e la comitive à restà sentade a cidíŋ par un minûd, mintri che Alice à tornà a pensǎ a dut chèl c à rivave a ricyardǎsi in propòśit di corvàts e di scritòris, che no l jère cetànt. Il Čhjapelǎr àl fò il priŋ a ròmpi il cidinǒr. «Ai tròps sino vyê?» àl diśé, voltandsi vjèrs Alice: àl vève ğhjavǎd fûr l orlòį de sachète e àl jère daûr a čhjalǎlu cun ànsime, sčhjasandlu oğuŋcyànd, e pyartandsal al oréle. Alice į pensà su cyalchi pôc e pò dòpo à diśé: «Al cyatri». «Dóį dîs indaûr!» àl sustà il Čhjapelǎr. «T àl vèvi dit che la spòŋğhje no sarès lade béŋ!» àl ğontà, čhjalànd inrabjǎd il Jèųr Marčulíŋ. «À jère la miôr spòŋğhje», àl replicà muğnéstri il Jèųr Marčulíŋ. «Sí, ma dai fručóŋs į sóŋ pûr lǎds déntri», àl bruntulà il Čhjapelǎr: «No tu varèsis dovûd dǎle su cul curtíš dal paŋ». Il Jèųr Marčulíŋ àl čhjolé l orlòį e lú čhjalà maliŋcònic: alòre lú točhjà te sô scudjèle dal tè e lú čhjalà aŋčhjemó: ma no l rivà a čhjatǎ fûr nuj altri di miôr di dî che la sô prime oservazjóŋ: «À jère la miôr spòŋğhje, sǎstu?» Alice lú čhjalave di parśóre la sò spale cun curjośetǎt. «Cé buf orlòį!» à motivà. «Àl dîś il dí dal mêś e no l dîś cé òre c à jè!» «Parcé dovarèsjal?» àl murmujà il Čhjapelǎr. «Il sò orlòį dîśjal cé aŋ c àl è?»

9 VII Une mate mirinde cul tè «Naturalmèntri nò», à replicà Alice unevóre distrade: «ma chèst parvíę c àl rèste chèlistès aŋ par cusí tant timp daųrmàŋ». «E àl è pròpit il cǎś dal ğnó», àl diśé il Čhjapelǎr. Alice si sintí teribilmèntri confuśjonade. L oservazjóŋ dal Čhjapelǎr à parève no vê nisúŋ gènar di siğnificance e purpûr à jère dal cjèrt aŋglêś. «No lú capíš pròpit», à diśé, tant pluį in dólč c à podé. «Il Glîr si è indurmidîd aŋčhjemó», àl diśé il Čhjapelǎr, e į stručhjà alc di tè śbrovènt sul nǎś. Il Glîr àl sčhjasà il čhjǎv inritǎd, e àl diśé, cènce vjèrgi i vôį: «Naturalmèntri, naturalmèntri, pròpit chèl c ó vèvi intenzjóŋ di motivǎ jò». «Aę ğa risòlt l indiviníŋ?» àl diśé il Čhjapelǎr, voltandsi di ğnûv vjèrs Alice. «Nò, mi rind», à replicà Alice: «Cyale éśe la soluzjóŋ?» «No n saį un drét», àl diśé il Čhjapelǎr. «Naŋčhje jò», àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. Alice à sustà scunide. «Ó pènsi c ó dovarèsis fǎ alc di miôr cul vyéstri timp», à diśé, «che strasǎlu faśínd indiviníŋs che no àŋ soluzjóŋs». «S à coğnošés il Timp tant còme lú coğnòš jò», àl diśé il Čhjapelǎr, «jê no fevelerès in rivyàrd a strasǎlu. Luį àl è luį». «No saį cé c àl intínd dî», à diśé Alice. «Naturalmèntri jê nò!» àl diśé il Čhjapelǎr, sčhjasànd diśdeğnośemèntri il čhjǎv. «Ó olsarès dî che no véį insíŋ maį fevelǎd al Timp!» «Fórsit nò», à replicà cun dute prudènce Alice: «ma ó saį c ó dévi bati il timp cyan c ó studi múśiche». «Jéé! Chèst àl spjèghe dut», àl diśé il Čhjapelǎr. «Luį no l starà a fǎsi bati. Mò, se dòme jê à fós in bòğn rapyàrts cun luį, luį àl faśarès scyaśit cyalsisèį čhjóse che jê à vyèli cul orlòį. Par eśèmpli, c à supòni di jési al pònt des nûv di matine, pròpit il momènt di comenčǎ lis lezjóŋs: à varés dòme di sunsurǎ un avertènce al Timp e dal lamp al tòŋ lis òris à śvòliŋ! L une e mjège, òre di fǎ di gustà!» («Ó volarès dòme c àl fós cusí», si diśé il Jèųr Marčulíŋ intun sunsûr.) VII Une mate mirinde cul tè «Àl sarès mağnific, di sigûr», à diśé Alice pinsiròśe: «ma s àl fós cusí no podarès vê ğa fam, sajal?». «No sul impríŋ, fórsit», àl diśé il Čhjapelǎr: «ma à podarès tiğnîlu fěr sul une e mjège fintremàį che į plaśi». «Éśal faśínd cusí che į rièš?» À domandà Alice. Il Čhjapelǎr àl sčhjasà il čhjǎv cun laŋcûr. «No jò!» àl replicà. «Ó litigariŋ il Marč pasǎd pròpit priŋ che luį àl deventà mat, saę?» (pontànd il Jèųr Marčulíŋ cula sedonute dal tè,) «àl fò al grand concjèrt dǎd fûr de Reine di Cûrs dulà c ó scuğníį di čhjantǎ Saę la čhjančóŋ, fórsit?» Śluśiğne, śluśiğne, ğnotulút! Còme mi domandi a cé che stǎstu par fǎ! «Ó àį sintûd alc compàğn», à diśé Alice. «À va indenànt cusí, saę?», àl segyità il Čhjapelǎr, «in chèst mûd culasú diśóre il mònd tu śvòlis, Tan che une gyantjère di tè tal cîl. Śluśiğne, śluśiğne» [Si trate de parodíę d une iŋnomenade poęśíę aŋglèśe dal Votcènt.] Achí il Glîr si sčhjasà e àl comenčà a čhjantǎ tal siųm «Śluśiğne, śluśiğne, śluśiğne, śluśiğne» e àl lè indenànt cusí a dilúŋg c à dovériŋ pičǎlu par fǎlu diśmèti. «Béŋ, ó vèvi apène finîd il priŋ vjèrs», àl diśé il Čhjapelǎr, «cyan che la Reine à śbalčà e à urlà, Àl è daûr a mačǎ il timp! Tajàįtį il čhjǎv!» «Cé teribil salvadje!» à dé su Alice. «E insíŋ di culí indenànt», àl lè indenànt il Čhjapelǎr cun tòŋ avilîd, «lui no l vûl pluį fǎ nisune čhjóse che į domandi! Cusí cumó àl è simpri al pònt des sîs». Alice à vè une sflandoròśe idèę. «Éśe chèste la reśóŋ parvíę che cusí taŋčh servizis di tè à sóŋ metûds cà di fûr?»

10 VII Une mate mirinde cul tè «Sí, just», àl diśé il Čhjapelǎr cuntun suspîr: «Àl è simpri timp di mirinde e no viŋ timp di lavǎ lis čhjósis fra un tè e l altri». «E alòre ó continyàįś a móvisi atǒr, ó supòŋ» à diśé Alice. «Pròpit cusí», àl diśé il Čhjapelǎr: «di maŋ in maŋ che lis čhjósis si prepariŋ». «Ma cé sucèdjal cyan c ó tornàįś di ğnûv al principi?» si venturà di domandǎ Alice. «Suponíŋ che si mudi argumènt», àl interompé sošedànd il Jèųr Marčulíŋ. «Ó sóį daûr a stracǎmi di chèst. Ó propòŋ che la damiśèle nus cònti une stòrje». «Ó tém di no savênt une», à diśé Alice pluįtòst alarmade de propyéste. «Alòre àl tòčhje al Glîr!» à berlariŋ dučhidóį. «Śvèę, Glîr!» E subít lú pičariŋ di dutis dôs lis bandis. Il Glîr lentmèntri àl vjergé i vôį. «No jèri indurmidîd», àl diśé cun vôś śgraśajòśe e dèbile: «ó àį sintûd òğni peraųle che voaltris confradis ó jèriś daûr a dî». «Còntinus une stòrje!» àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. «Sí, par plaśê!» à suplicà Alice. «E diśbràtiti», àl ğontà il Čhjapelǎr, «o ti indurmidirǎs aŋčhjemó priŋ c à sèį finide». «À jèriŋ une vólte tré surutis», àl comenčà il Glîr in dute prèse; «e i lôr nòŋs à jèriŋ Bète, Luzje e Metilde; e à vivèviŋ dafónz di un pòč» «Di cé vivèvino?» à diśé Alice, c à vève simpri un grand interès par cyistjóŋs di cé maŋğhjǎ e di cé bèvi. «À vivèviŋ di milàč», àl diśé il Glîr, daspò vê pensǎd un pǎr di minûds. «No varésiŋ podûd fǎlu, sajal?», à motivà gentilmèntri Alice; «si sarèsiŋ maladis». «Cundifàt lú jèriŋ», àl diśé il Glîr; «unevóre maladis». Alice à cirí di iŋmaginǎ di besòle cé straśordenari mûd di vivi c àl fós, ma dut chèl lé faśé deventǎ mase perplèse, e cusí à lè indenànt: «Ma parcé vivèvino dafónz di un pòč?» VII Une mate mirinde cul tè «Che si čhjóli aŋčhjemó alc di tè», àl diśé unevóre serjośemèntri il Jèųr Marčulíŋ a Alice. «No ndàį aŋčhjemó vûd», à replicà Alice in tòŋ diśdeğnǎd, «partànt no n pyès čhjòli aŋčhjemó alc». «Jê à intínd dî di no rivǎ a čhjòlint di maŋcul», àl diśé il Čhjapelǎr: «àl è cetànt pluį facil čhjòlint di pluį che no čhjòlint». [Malintindûd: par aŋglêś lis peraųlis aŋčhjemó alc e di pluį si scriviŋ e si lèįŋ in mûd avyǎl.] «Nisúŋ àl à domandǎd la sô opinjóŋ», à diśé Alice. «Cuį éśal daûr a fǎ oservazjóŋs personǎls cumó?» àl domandà in mûd trjomfànt il Čhjapelǎr. Alice no savève pròpit cé dî sunchèst cònt: cusí si serví di besòle alc di tè e di paŋ dǎd su cula spòŋğhje; e pò si voltà vjèrs il Glîr e à ripeté la domande. «Parcé vivèvino dafónz di un pòč?» Il Glîr si čhjolé di ğnûv un pǎr di minûds par pensǎį, e pò àl diśé: «Àl jère un pòč di milàč». «No jè une ròbe compağne!» Alice à jère daûr a deventǎ unevóre inrabjade ma il Čhjapelǎr e il Jèųr Marčulíŋ si metériŋ a fǎ «Sss! Sss!» e il Glîr àl motivà iŋmuśonǎd, «Se jê no rive a jési civîl, àl sarès miôr c à finiši par sé la stòrje». «Nò, lú prèį c àl vadi indenànt!» à diśé Alice unevóre umilmèntri; «No lú interomparàį pluį. Ó olsarès dî c àl pò jési un». «Un, par dabòŋ!» àl diśé il Glîr diśdeğnǎd. [In Aŋglje à exíst veremèntri une riśultive termǎl intun lûg clamǎd Pòčs di milàč.] Paraltri àl consintí a lǎ indenànt. «E cusí chèstis tré surutis à jèriŋ daûr a imparǎ a diseğnǎ, savêśo?» «Cé ğhjavaviŋ fûr?» à diśé Alice diśmenteandsi pròpit de sô promèse. [Malintindûd: par aŋglêś lis peraųlis diseğnǎ e ğhjavǎ fûr si scriviŋ e si lèįŋ in mûd avyǎl.] «Milàč», àl diśé il Glîr, cènce fǎ riflès su dal dut, chèste vólte. «Ó vyèį une scudjèle nète», àl interompé il Čhjapelǎr: «sčhjalíŋ dučh indenànt d un pyèst». Cyan c àl fevelà si discovà e il Glîr į lè daûr: il Jèųr Marčulíŋ si mové tal pyèst dal Glîr e Alice pluįtòst malvulintîr à čhjapà il pyèst dal Jèųr Marčulíŋ. Il Čhjapelǎr àl fò l unic c àl vè cyalchi vantàğ tal śgambi; e Alice si čhjatà

11 VII Une mate mirinde cul tè cetànt pjêś di priŋ parvíę che il Jèųr Marčulíŋ àl vève apène stručhjǎd la cógume dal lat tal sò plat. Alice no volé ofindi di ğnûv il Glîr, cusí à comenčà cun dute prudènce: «Ma no capíš. Di ndulà vèvino ğhjavǎd fûr la milàč?» «Si pò ğhjavǎ fûr aghe d un pòč», àl diśé il Čhjapelǎr; «cusí ó pènsi che si pyèdi ğhjavǎ fûr milàč d un pòč jéé, stupide!» «Ma lôr à jèriŋ déntri dal pòč», à diśé Alice al Glîr, šjelgínd di no dǎ abade a chèst últime oservazjóŋ. «Cjèrt che į staviŋ», àl diśé il Glîr «déntri béŋ». [Malintindûd: par aŋglêś lis peraųlis dal pòč e béŋ si scriviŋ e si lèįŋ in mûd avyǎl.] Chèste rispyéste à confuśjonà cusí la puąre Alice c à lasà che il Glîr àl lè indenànt cyalchi pôc cènce interòmpilu. «À jèriŋ daûr a imparǎ a diseğnǎ», àl segyità il Glîr, sošedànd e sfreǫlandsi i vôį, parvíę c àl jère daûr a deventǎ unevóre insunǎd; «e à diseğnaviŋ òğni gènar di čhjósis dutis lis čhjósis c à comènciŋ cuntune M» «Parcé cuntune M?» à diśé Alice. «Parcé nò?» àl diśé il Jèųr Marčulíŋ. Alice à taśé. Achí rèt il Glîr àl vève sjerǎd i vôį e àl jère daûr a impiśulîsi; ma tal jési pičǎd dal Jèųr si diśveà di ğnûv cuntun pičul scriųl, e àl lè indenànt: «c àl comènce cuntune M, tan che: tràpulis par surîś, lune, memòrje, la stèse ròbe [par aŋglêś dutis chèstis peraųlis a comènciŋ cul pònt M ] à sa che si dîś des ròbis pluį o maŋcul la stèse ròbe aę maį vjodûd une čhjóse compağne tan che diseğnǎ la stèse ròbe?» «Veremèntri, cumó che m àl domandi», à diśé Alice, tant ma tant confuśjonade, «No mi pǎr» «Alòre no dovarès fevelǎ», àl diśé il Čhjapelǎr. Chèst tòc di malegracje àl fò pluį di cetànt Alice à podés sapyartǎ: si jevà cun grand diśgúst e si invià vię; il Glîr si indurmidí imbòte e i altris no dériŋ naŋčhje un pòčhje d impyartance ala sô partènce, sibéŋ che Alice si voltà une VII Une mate mirinde cul tè o dôs vóltis scyaśit sperànd che lé riclamasiŋ indaûr; l últime vólte che jú vjodé à jèriŋ daûr a cirî di mèti il Glîr te tejère. «A òğni mûd no į laràį là maį pluį!» à diśé Alice cyan c à čhjapà la strade a travjèrs dal bòsc. «À jè la pluį stupide mirinde cul tè dulà c ó sèį maį stade in dute la mê vite!» Apène à vè dit chèst, à olmà che un dai arbuį àl vève une pyarte c à conduśève al sò intèrni. «Unevóre curjôś!» à pensà. «Ma vyê dut àl è curjôś. Ó pènsi c ó pyèdi aŋčhje jentrǎį subite». E į jentrà. Aŋčhjemó une vólte si čhjatà te luŋğhje antičhjàmare e dòŋğhje la taųlute di véri. «Béŋ, ó riešaràį a fǎ di miôr chèste vólte», si diśé, e à comenčà a čhjòli la clavute indorade e à vjergé la pyarte c à conduśève tal źardíŋ. Pò si meté al lavôr rośeànd il fòŋg (an vève tiğnûd un tòc te sô sachète) fintremàį c à fò alte cirčhje un pîd [pôc di pluį di trènte centímetris]; pò dòpo si invià dilúŋg vię il coridorút; e pò si čhjatà in fiŋ tal bjèl źardíŋ, fra floridis jèchis e frèsčhiįs fontanis.

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès. un grum di robe storiche

A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès. un grum di robe storiche A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès un grum di robe storiche che a ti fâs meti lis mans tai cjavei di tant biele che e je e non tu sâs di ce bande scomençâ a cjalâ!

Dettagli

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

! Particolarità, punto cui prestare. [ ] Tra parentesi quadre si indica la. Ø Significa niente. LEGENDA DEI SIMBOLI. attenzione. Irregolarità.

! Particolarità, punto cui prestare. [ ] Tra parentesi quadre si indica la. Ø Significa niente. LEGENDA DEI SIMBOLI. attenzione. Irregolarità. LEGENDA DEI SIMBOLI! Particolarità, punto cui prestare attenzione. Irregolarità. Regola pratica, suggerimento. [ ] Tra parentesi quadre si indica la pronuncia di una parola. Ø Significa niente. 1 ALFABETO

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

FRANCA MAINARDIS PETRIS. Ilustrazions di Flavia Caffi

FRANCA MAINARDIS PETRIS. Ilustrazions di Flavia Caffi FRANCA MAINARDIS PETRIS Ilustrazions di Flavia Caffi Franca Mainardis Petris Ilustrazions di Flavia Caffi Edizions Istitût Ladin Furlan Pre Checo Placerean c/o Cjase Turoldo di Coder di Sedean c.p. 3-33039

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese Campanile d Oro Edizione 2008 Opera Prima Classificata Autore: Giovanna Sommariva Dialetto: Milanese La pioeuva lè La pioeuva l è canzon fluscent col ritornell de sò truscià l è el pes sui ramm gottent

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims

Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims Rivista GFS n. 11-2009 13-10-2009 15:54 Pagina 103 Gjorn l Furlan des Siencis 11. 2009, 103-117 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims RINO GUBIANI * 1. Introduzion. Il paisa al un tiermin

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12. M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv.

F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12. M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv. F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12 M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv. 287 324) Quant il l oï, mut fu dolenz; Del respundre ne fu pas

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

N o s i s à N e r i c j a r b o n

N o s i s à N e r i c j a r b o n N o s i s à N e r i c j a r b o n NERI CJARBON SOTVÔS Blancje la cjarte, blancje veline biele pipine nuje di bon Flôr di farine, simpri pui fine doman matine neri cjarbon Rosse la muse, rosse legrìe pocje

Dettagli

Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi

Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi 1 LA VITA QUOTIDIANA DI UN TEMPO UN VIAÇ INTAL PASSÂT: CEMÛT CHE SI VIVEVE

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans

La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans Sandri Carrozzo Serling soc. coop. publicât in Sot la Nape, 55, 6, p. 17-24 Curtis notis sui dizionaris furlans che a son za Il prin impuartant

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Insegnament e aprendiment. de matematiche, intune situazion di bilenghisim

Insegnament e aprendiment. de matematiche, intune situazion di bilenghisim Gjornâl Furlan des Siencis 7. 2006, 37-46 Insegnament e aprendiment de matematiche intune situazion di bilenghisim GIORGIO T. BAGNI*, CARLO CECCHINI* & FRANCESCA COPETTI* Ristret. La finalitât di chest

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

NUMERO SPECIALE DEDICATO ALLA MEMORIA DEL PRESIDENTE ADRIANO DEGANO

NUMERO SPECIALE DEDICATO ALLA MEMORIA DEL PRESIDENTE ADRIANO DEGANO ANNO XLVI - LUGLIO 2014 - Numero Speciale TASSA RISCOSSA UDINE TAXE PERÇUE ITALY Poste italiane - Sped. in a.p. D.L. 353/2003, (conv. in L. 27.2.2004, n. 46) art. 1, comma 2 - DCB Udine ` Rivista dell

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

A lezione con più lingue - SMS Poster 1

A lezione con più lingue - SMS Poster 1 1 Esplorare le lingue Spiegazione Immagine sul poster Testo informativo Note Una persona è stata in grado di imparare più di 58 lingue Il multilinguismo non conosce confini! Il cinquantunenne libanese

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi

Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi Rivista GFS n. 10-2008 rifatto 10-03-2009 16:42 Pagina 61 Gjornâl Furlan des Siencis 10. 2008, 61-73 Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi CESARE DAVINI

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli FACOLTA' DI LETTERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN STORIA DELL ARTE TESI DI LAUREA IN STORIA DELL ARTE CONTEMPORANEA IL LUOGO DEL PARADOSSO: IL GIARDINO

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Primo leggere, primo scrivere Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Docente Gisella Ballarè Logopedista SVILUPPO DEL LINGUAGGIO Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Process and Outcome Evaluation. Gabriele Tomei Bologna 26/02/2015

Process and Outcome Evaluation. Gabriele Tomei Bologna 26/02/2015 Process and Outcome Evaluation Gabriele Tomei Bologna 26/02/2015 Il gioco del croquet Alice pensava che in vita sua non aveva mai veduto un terreno più curioso per giocare il croquet; era tutto a solchi

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli