Autorità Idrica Toscana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità Idrica Toscana"

Transcript

1 PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE Approvato con decreto DG n. del 1

2 Fonti Normative D.Lgs. n. 165 del : articolo 7, comma 1 e articolo 57; D.Lgs. n. 198 del , recante il Codice delle Pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n ; Direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo 2006/54/CE, Direttiva 23 maggio 2007 del Ministro per le Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione e del Ministro per i diritti e le Pari Opportunità recante Misure per attuare pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche ; D.Lgs. n. 81 del Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ; D.Lgs. n. 150 del Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni ; Legge n.183 del recante Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l'impiego, di incentivi all'occupazione, di apprendistato, di occupazione femminile, nonché misure contro il lavoro sommerso e disposizioni in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro ; Direttiva 4 marzo 2011 concernente le Linee Guida sulle modalità di funzionamento dei Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Ente per dare attuazione agli obiettivi di pari opportunità, così come prescritto dal D.Lgs. 198/2006 recante il Codice delle pari opportunità tra uomo e donna. Le disposizioni del suddetto Decreto hanno, infatti, ad oggetto le misure volte ad eliminare ogni distinzione, esclusione o limitazione basata sul genere, che abbia come conseguenza o come scopo, di compromettere o di impedire il riconoscimento, il godimento o l esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale e civile o in ogni altro campo. La strategia delle azioni positive si occupa di rimuovere gli ostacoli che le persone incontrano, in ragione delle proprie caratteristiche familiari, etniche, linguistiche, di genere, età, ideologiche, culturali, fisiche, rispetto ai diritti universali di cittadinanza. Le azioni positive sono uno strumento operativo della politica europea sorta da più di vent anni per favorire l attuazione dei principi di parità e pari opportunità tra uomini e donne nei luoghi di lavoro. 2

3 La norma italiana ed in particolare il Codice delle pari opportunità tra uomo e donna di cui al D.Lgs. 198/2006, definisce le azioni positive come misure volte alla rimozione degli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità dirette a favorire l occupazione femminile e realizzare l uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro. Le azioni positive hanno, in particolare, lo scopo di: Eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell accesso al lavoro, nella progressione di carriera, nella vita lavorativa e nei periodi di mobilità; Favorire la diversificazione delle scelte professionali delle donne in particolare attraverso l orientamento scolastico e professionale e gli strumenti della formazione; Favorire l accesso al lavoro autonomo e alla formazione imprenditoriale e la qualificazione professionale delle lavoratrici autonome e delle imprenditrici; Superare condizioni, organizzazione e distribuzione del lavoro che provocano effetti diversi, a seconda del sesso, nei confronti dei dipendenti con pregiudizio nella formazione, nell avanzamento professionale e di carriera, ovvero nel trattamento economico e retributivo; Promuovere l inserimento delle donne nelle attività, nei settori professionali e nei livelli nei quali esse sono sotto rappresentate ed in particolare nei settori tecnologicamente avanzati ed ai livelli di responsabilità; Favorire, anche mediante una diversa organizzazione del lavoro, delle condizioni e del tempo di lavoro, l equilibrio tra responsabilità familiari e professionali ed una migliore ripartizione di tali responsabilità tra i due sessi. Il Codice citato, inoltre, al Capo II pone i divieti di discriminazione che, dall art.27 in poi, riguardano: Divieti di discriminazione nell accesso al lavoro, Divieto di discriminazione retributiva, Divieti di discriminazione nella prestazione lavorativa e nella carriera, Divieti di discriminazione nell accesso alle prestazioni previdenziali, Divieti di discriminazioni nell accesso agli impieghi pubblici, Divieti di discriminazioni nell arruolamento nelle forze armate e nei corpi speciali, Divieti di discriminazione nel reclutamento nelle Forze armate e nel Corpo della Guardia di Finanza, Divieto di discriminazione nelle carriere militari, Divieto di licenziamento per causa di matrimonio. Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale, mirano a rimuovere gli ostacoli alla piena ed effettiva parità di opportunità tra uomini e donne. Sono misure speciali in quanto non generali ma specifiche e ben definite, che intervengono in un determinato contesto per eliminare ogni forma di discriminazione, sia diretta che indiretta e temporanee, in quanto necessarie finché si rileva una disparità di trattamento tra uomini e donne. La Direttiva 23 maggio 2007 del Ministro per le Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione e del Ministro per i Diritti e le Pari Opportunità, la quale ha richiamato la Direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo 2006/54/CE Misure per attuare pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche, specifica le finalità e le linee di azione da seguire per attuare le pari opportunità nelle P.A. ed ha come punto di forza il 3

4 perseguimento delle pari opportunità nella gestione delle risorse umane, il rispetto e la valorizzazione delle differenze, considerandole come fattore di qualità. Secondo quanto disposto da tale normativa, le azioni positive rappresentano, inoltre, misure preferenziali per porre rimedio agli effetti sfavorevoli indotti dalle discriminazioni, per guardare alla parità attraverso interventi di valorizzazione del lavoro delle donne e per riequilibrare la presenza femminile nei luoghi di vertice. Accanto ai predetti obiettivi si collocano azioni volte a favorire politiche di conciliazione tra lavoro professionale e familiare, a formare una cultura della differenza di genere, a promuovere l occupazione femminile, a realizzare nuove politiche dei tempi e dei cicli di vita, a rimuovere la segregazione occupazionale orizzontale e verticale. Valorizzare le differenze è un fattore di qualità dell'azione amministrativa: attuare le pari opportunità significa, quindi, innalzare il livello di qualità dei servizi con la finalità di rispondere con più efficacia ed efficienza ai bisogni delle cittadine e dei cittadini. In questo contesto, le amministrazioni pubbliche debbono svolgere un ruolo propositivo e propulsivo per la promozione ed attuazione concreta del principio delle pari opportunità e della valorizzazione delle differenze nelle politiche del personale, attraverso la rimozione di forme esplicite ed implicite di discriminazione, e per l'individuazione e la valorizzazione delle competenze delle lavoratrici e dei lavoratori L Autorità Idrica Toscana: - con decreto del Direttore Generale n.135 del 04/12/2013 ha costituito il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG); - con il suddetto decreto è stato inoltre approvato il Regolamento di funzionamento del Comitato e lo schema di Piano di azioni positive Con deliberazione n. 1 del 16/12/2013 il CUG dell Ente, ha fatto proprio il suddetto Piano, estendendo l arco temporale di vigenza dello stesso al triennio 2014/2016, in considerazione della data di adozione (mese di dicembre 2013). Organico AIT: Alla data del 1 gennaio 2017 la struttura organica dell Autorità risulta composta da: - n. 3 dirigenti (di cui uno a tempo determinato pieno con incarico dirigenziale ex art.110, c.1, D.Lgs. 267/2000); - n. 46 unità di personale in servizio a tempo indeterminato; - n. 1 unità di personale in aspettativa. Fra questi: - n. 18 sono di sesso maschile; - n. 28 sono di sesso femminile. 4

5 Art. 1 Obiettivi Nel triennio 2017/2019 l Ente intende realizzare un Piano di Azioni Positive teso al perseguimento dei seguenti obiettivi: Obiettivo 1: Formazione Obiettivo 2: Conciliazione Obiettivo 3: Pari opportunità Obiettivo 4: Benessere organizzativo Obiettivo 5: Tutela dell'ambiente di lavoro da casi di molestie, mobbing e discriminazioni di genere Art. 2 Obiettivo 1: Formazione 1. I Piani di formazione dovranno tenere conto delle esigenze di ogni Area, consentendo a tutti i dipendenti una crescita professionale senza discriminazione di genere. Le attività formative dovranno essere organizzate in modo da conciliare l esigenza di formazione del dipendente con le sue specifiche necessità personali e/o familiari, nonché con l eventuale articolazione dell orario di lavoro in part time. 2. Sarà data particolare attenzione al reinserimento lavorativo del personale assente per lungo tempo a vario titolo (es. congedo di maternità o di paternità, assenza per malattia, assenza per esigenze familiari, etc.), prevedendo speciali forme di accompagnamento che migliorino i flussi informativi tra lavoratori ed Ente durante l assenza e nel momento del rientro, sia attraverso l affiancamento da parte del responsabile del servizio/ufficio o di chi ha sostituito la persona assente, o mediante la partecipazione ad apposite iniziative formative, anche interne, per colmare le eventuali lacune ed al fine di mantenere le competenze ad un livello costante. Art. 3 Obiettivo 2: Conciliazione 1. L Ente si impegna, in attuazione della normativa vigente, a favorire politiche dell orario di lavoro tali da garantire la conciliazione tra responsabilità familiari e professionali, ponendo al centro l attenzione alla persona, contemperando, per quanto possibile, le esigenze dell ente con quelle delle dipendenti e dei dipendenti, mediante l utilizzo di strumenti quali la disciplina del part time e la flessibilità dell orario. 2. L Ente, mediante la propria regolamentazione interna, assicura a ciascun dipendente la possibilità di usufruire di un orario flessibile in entrata e in uscita. 3. Promuovere e favorire una maggiore conoscenza della possibilità di concordare con il proprio Dirigente di Area e nei limiti di compatibilità con le esigenze di servizio, forme 5

6 particolari di flessibilità oraria, nell ambito dell orario di servizio e nel rispetto dell obbligo orario contrattuale, in caso di esigenze familiari e/o personali, così come già indicato nella regolamentazione dell Ente. 4. Promuovere la conoscenza delle attuali possibilità offerte dalla contrattazione nazionale ed integrativa nonché dalla regolamentazione dell Ente, riguardanti i permessi ed i congedi per lavoratori disabili, invalidi e per lavoratori che assistono familiari con disabilità. 5. l'ente si impegna a valutare la possibilità di implementazione del telelavoro per i lavoratori e le lavoratrici che svolgono funzioni che non prevedono il rapporto diretto con il pubblico e facilmente collocabili in un luogo diverso dall'ufficio. Art. 4 Obiettivo 3: pari opportunità 1. L Autorità si impegna ad assicurare, nelle commissioni di concorso e selezione, la presenza di almeno un terzo dei componenti di sesso femminile e a non privilegiare, in fase di selezione, candidati dell uno o dell altro sesso. 2. La dotazione organica dell Ente è strutturata in base alle categorie e profili professionali previsti dal vigente CCNL di Comparto senza alcuna prerogativa di genere. Nello svolgimento delle funzioni istituzionali assegnate, l Autorità Idrica Toscana valorizza le attitudini e le capacità individuali del personale dipendente. Art. 5 Obiettivo 4: benessere organizzativo 1. L Ente si impegna a dare attuazione alle previsioni normative in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, provvedendo all aggiornamento del documento di valutazione dei rischi, alla designazione e individuazione dei soggetti coinvolti nel processo volto a garantire adeguati livelli di sicurezza sul luogo di lavoro e a garantire l adempimento degli obblighi formativi e informativi in materia. 2. L Ente effettua annualmente la rilevazione del benessere organizzativo mediante somministrazione di specifico questionario al personale dipendente; tale attività mira a rilevare il grado di benessere organizzativo percepito ed alla conseguente eventuale individuazione di misure organizzative correttive. Art. 6 Obiettivo 5: Tutela dell'ambiente di lavoro da casi di molestie, mobbing e discriminazioni di genere 1. L Autorità Idrica Toscana si impegna a far sì che non si verifichino situazioni conflittuali sul posto di lavoro, determinate da (a titolo esemplificativo e non esaustivo): 6

7 - Pressioni o molestie sessuali - Casi di mobbing - Atteggiamenti miranti ad avvilire il dipendente, anche in forma velata ed indiretta; - Atti vessatori correlati alla sfera privata del dipendente, sotto forma di discriminazioni Art. 7 Tempi di attuazione e monitoraggio del Piano 1. Le azioni previste nel presente Piano saranno avviate e concluse nel triennio 2017/2019. Tuttavia data la complessità e l impatto organizzativo e culturale di taluni interventi, pur prevedendo l avvio delle singole azioni nel triennio in questione, la loro logica continuazione potrà proseguire nel triennio successivo. 2. Per la verifica ed il monitoraggio in itinere ed ex post del presente Piano, l Ente attiverà un percorso di valutazione sotto la responsabilità del Dirigente dell Area Amministrazione e Risorse Umane, compatibilmente con le risorse disponibili. 3. Il C.U.G. svolgerà i compiti di verifica sui risultati delle azioni attuate. Art. 8 Durata Il presente Piano ha durata triennale a far data dal 1 gennaio 2017; il Piano è pubblicato all albo pretorio on line e nell apposita sezione del sito web dell Ente. Nel periodo di vigenza saranno raccolti eventuali pareri, consigli, osservazioni, suggerimenti provenienti dal personale dipendente/dirigente affinché alla sua scadenza sia possibile un adeguato aggiornamento. 7

C I T T À D I A V I G L I A N A Provincia di Torino

C I T T À D I A V I G L I A N A Provincia di Torino Premessa: PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015/2017 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE PROVINCIA DI TORINO PIANO DI AZIONI POSITIVE ART. 48 D. LGS. 198/06 PREMESSA

COMUNE DI SCALENGHE PROVINCIA DI TORINO PIANO DI AZIONI POSITIVE ART. 48 D. LGS. 198/06 PREMESSA COMUNE DI SCALENGHE PROVINCIA DI TORINO PIANO DI AZIONI POSITIVE ART. 48 D. LGS. 198/06 PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono

Dettagli

COMUNE DI PEDRENGO Provincia di Bergamo

COMUNE DI PEDRENGO Provincia di Bergamo PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2016-2018 PREMESSA Il presente Piano di Azioni Positive si pone quale strumento semplice ed operativo per l applicazione concreta delle pari opportunità, con riguardo

Dettagli

Piano triennale di Azioni Positive 2016/2018 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2016/2018

Piano triennale di Azioni Positive 2016/2018 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2016/2018 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Approvato con delibera G.C. n. 37 del 7.04.2016 PREMESSA Il Comune di Correzzana, nel rispetto della normativa vigente, intende garantire parità e pari opportunità

Dettagli

Comune di Crema (CR) Piano di azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro Triennio COMUNE DI CREMA

Comune di Crema (CR) Piano di azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro Triennio COMUNE DI CREMA COMUNE DI CREMA Piano di azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro Triennio 2012-2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 2012/0008 del 17.10.2012 Premessa Le

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) DEL COMUNE DI : ABBADIA SAN SALVATORE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO COMUNE DI SUMMONTE Provincia di Avellino PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO 2017-2019 ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma

Dettagli

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino PREMESSA AL PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48 D. LGS. 198/06) DEL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo 2013-2015 PREMESSA Il Comune di Busnago, nel rispetto della normativa vigente, intende garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne e l assenza di ogni

Dettagli

COMUNE DI CALTANISSETTA

COMUNE DI CALTANISSETTA ALL. A COMUNE DI CALTANISSETTA PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016/2018 Descrizione introduttiva Premesso che il D. Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i., recante Codice delle pari opportunità

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DI AZIONI POSITIVE

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06)

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) INTRODUZIONE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Città di Ozieri Provincia di Sassari PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Ex art. 48 D.Lgs. n. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Allegato A) alla deliberazione di Giunta n del PROVINCIA DI COSENZA

Allegato A) alla deliberazione di Giunta n del PROVINCIA DI COSENZA Allegato A) alla deliberazione di Giunta n del PROVINCIA DI COSENZA Piano triennale 2012-2014 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini INTRODUZIONE

Dettagli

COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI URI PROVINCIA DI SASSARI PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016/2018 Allegato alla delibera di G.C. n.26 del 30.03.2016 1 FONTI NORMATIVE Legge n. 125 del 10.04.1991, Azioni per la realizzazione

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198)

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) 1 Quadro normativo di riferimento L art. 48 del decreto legislativo n.198

Dettagli

Il Comitato Unico di Garanzia

Il Comitato Unico di Garanzia Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Sensibilizzazione e prevenzione per il benessere lavorativo: IL PIANO TRIENNALE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GIORGIO

COMUNE DI CASTEL GIORGIO COMUNE DI CASTEL GIORGIO Provincia di Terni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2018-2020 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 2 del 19/01/2018 1. Premessa Il rispetto e la valorizzazione delle diversità

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA Allegato A) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 119 del 21.12.2015 COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO PROVINCIA DI SIRACUSA PIANO TRIENNALE 2016-2018 DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA

Dettagli

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) TRIENNIO 2016-2018 ai sensi dell art. 48 del D. lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive I Piani triennali di azioni positive Fonti normative: Artt. D.Lgs. n. 165/2001, recante Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni, come modificato da ultimo

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016

PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016 approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. /2014 PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) L'uguaglianza delle donne e degli uomini é un diritto fondamentale

Dettagli

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del Comune di Foglizzo Provincia di Torino Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del 8.02.2016 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016-2018 Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Allegato delibera G.C. n. 42 del 28.05.2013 IL SEGRETARIO COMUNALE BACCHETTA DOTT. Carmelo Mario COMUNE DI TORRE SAN GIORGIO PIANO DI AZIONI POSITIVE Approvato con D.G.C. n. 42 del 28.05.2013. Triennio

Dettagli

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 1 Piano triennale di Azioni Positive 2013 / 2015 Premessa Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE

PIANO AZIONI POSITIVE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2011-2013 RELAZIONE INTRODUTTIVA Nel corso del triennio appena trascorso non è stato possibile per oggettive difficoltà

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Comune di Piandimeleto Provincia di Pesaro e Urbino C.F. e P.I. 00360560411 Via G. Matteotti, n.15 Tel. 0722/721121 Fax 0722/721835 e-mail comune.piandimeleto@provincia.ps.it PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Comune di Barletta Medaglia d Oro al Merito Civile e al Valor Militare Città della Disfida. Piano Triennale delle Azioni Positive 2017/2019

Comune di Barletta Medaglia d Oro al Merito Civile e al Valor Militare Città della Disfida. Piano Triennale delle Azioni Positive 2017/2019 Comune di Barletta Medaglia d Oro al Merito Civile e al Valor Militare Città della Disfida Piano Triennale delle Azioni Positive 2017/2019 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS.

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016-2018 1 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali che,

Dettagli

Piano Triennale delle Azioni Positive

Piano Triennale delle Azioni Positive CITTA DI GHEDI Provincia di Brescia ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA Piano Triennale delle Azioni Positive 2016 2018 ALLEGATO ALLA DELIBERA n. 57 DEL 5 aprile 2016 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 PREMESSA L articolo 7, comma 5, del decreto legislativo 198/2006 dispone che le Pubbliche Amministrazioni adottino Piani

Dettagli

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 APPROVATO CON DELIBERA G.C. N. 8 del 24.01.2012 Premesso che: - Ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n. 198 e s.m.i.

Dettagli

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 )

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le

Dettagli

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LA PARI OPPORTUNITA LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ******** **** ******** P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016-2018

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio Piano Azioni Positive Triennio 2010-2012 Comune di Modena PG 112901/2010 Assessorato Pari Opportunità del 21/09/2010 Comitato Pari Opportunità Fonti normative: - Legge n. 125 del 10 aprile 1991 Azioni

Dettagli

COMUNE DI SANT AGATA DEL BIANCO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI SANT AGATA DEL BIANCO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI SANT AGATA DEL BIANCO Provincia di Reggio Calabria Allegato alla delibera della GM n. 28 del 29/03/2013 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Il Piano triennale di azioni positive oltre

Dettagli

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese PIANO delle Azioni Positive Triennio 2015/2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 26.06.2015 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMUNE DI CANTU' PROVINCIA DI COMO AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE Ufficio Personale Relazione introduttiva PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Nell ambito delle finalità espresse dalla Legge 125/1991

Dettagli

COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova)

COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Approvato con deliberazione di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANO DI AZIONI POSITIVE

PROGRAMMAZIONE PIANO DI AZIONI POSITIVE PROGRAMMAZIONE PIANO DI AZIONI POSITIVE ANNO 2017/2019 (D. LGS. 198/06 ART. 48) - APPROVATA CON DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N- 11 del 23.1.2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE L:R.

REGIONE PIEMONTE L:R. REGIONE PIEMONTE L:R. 29 ottobre 1992, n.43 Informazione, promozione, divulgazione di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità tra uomo e donna B.U. Regione Piemonte 4 novembre 1992, n.45

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. DEL PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) TRIENNIO 2016 2018 PREMESSA Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo

Dettagli

Comune di Cavaion Veronese

Comune di Cavaion Veronese Comune di Cavaion Veronese PROVINCIA DI VERONA PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012/2014 (articolo 48 D.Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i.) FONTI NORMATIVE - Legge 10 aprile 1991, n. 125 recante Azioni

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z A R A

C O M U N E D I L U Z Z A R A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE - COPIA DELIBERA N. 34 DEL 18/03/2013 OGGETTO: ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 198/2006) -

Dettagli

Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana

Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana Pari opportunità e non discriminazione C.so d Italia, 33 00198 Roma Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana Roma, Isfol 30 gennaio 2014 Elena Murtas e Valeria Viale Normativa nazionale:

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Allegato alla deliberazione n. del PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2016/2018 1) Introduzione La Camera di Commercio di Brescia, con l'adozione del piano delle azioni positive, auspica risultati

Dettagli

COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI. (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI. (Provincia di Venezia) COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI (Provincia di Venezia) PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2016/2018 PREMESSA Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI CAMPOTOSTO PROVINCIA DI L AQUILA. PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016 art. 48 D. Lgs. 198/06

COMUNE DI CAMPOTOSTO PROVINCIA DI L AQUILA. PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016 art. 48 D. Lgs. 198/06 ALLEGATO a) COMUNE DI CAMPOTOSTO PROVINCIA DI L AQUILA PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014/2016 art. 48 D. Lgs. 198/06 Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, S. Giovanni in Persiceto

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, S. Giovanni in Persiceto COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, 70-40017 S. Giovanni in Persiceto PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2013/2015 1 Indice INTRODUZIONE...3 ANALISI DELLA DOTAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI VERBANIA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA

CITTÀ DI VERBANIA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CITTÀ DI VERBANIA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 20 DEL 17/01/2018 Oggetto: "PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI VERBANIA PER IL TRIENNIO 2018 2020. L anno duemiladiciotto,

Dettagli

C O M U N E D I V I G O N Z A PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n C.F Tel Fax

C O M U N E D I V I G O N Z A PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n C.F Tel Fax C O M U N E D I V I G O N Z A PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 80010350280 Tel. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comune.vigonza.pd.it PARITA DELLE OPPORTUNITA DI LAVORO E NEL LAVORO TRA UOMO

Dettagli

COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE

COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI ALTO (PROV. DI CUNEO) PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE Triennio 2013-2015 1. Premessa Le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le province, i comuni e gli altri enti pubblici

Dettagli

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ISTITUZIONE FUNZIONE E COMPITI IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ Interventi

Dettagli

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CUNEO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2012/2014 1 PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova Il Cug uno strumento per il cambiamento nella Pubblica Amministrazione Dott.Gianni Petterlini Direttore Generale Provincia di Mantova 06 giugno 2012 Associazione Industriali Sala Convegni 1 Il Cug sostituisce,

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE Premessa a) Il contesto europeo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Nel giugno 2000, la Commissione Europea con la direttiva 2000/43/CE adotta una innovativa strategia quadro comunitaria in materia

Dettagli

CITTA DI TARCENTO Provincia di Udine PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO

CITTA DI TARCENTO Provincia di Udine PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO CITTA DI TARCENTO Provincia di Udine PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016 2019 Approvato con delibera di G. C. n. 129 del 13/09/2016 Fonti normative: Legge 10.04.1991 n. 125 recante Azioni Positive per

Dettagli

QUADRO NORMATIVO. Circolare n. 65. Roma, 24 dicembre Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali

QUADRO NORMATIVO. Circolare n. 65. Roma, 24 dicembre Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali Direzione generale Servizio supporto organi e coordinamento legislativo Circolare n. 65 Roma, 24 dicembre 2014 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali

Dettagli

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Il benessere e la sicurezza delle operatrici e degli operatori e il diritto alla salute dei cittadini Roma, 14 Dicembre

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE P.T.A.P. ALLEGATO PIANO POSITIVE TRIENNIO 2016-2018 Sommario PREMESSA... pag.2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... pag.2 LINEE GENERALI DI INTERVENTO...

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, Marcellina Rm. Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, Marcellina Rm. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, 14-00010 Marcellina Rm C O P I A Deliberazione della Giunta Comunale Numero 79 Del 15-11-2013 Oggetto: PARITA' UOMO DONNA NEL LAVORO APPROVAZIONE DEL PIANO

Dettagli

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2009 / 2011 0 Premessa La legge n. 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro e i decreti legislativi 196/2000 e 165/2001 nonchè

Dettagli

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma

COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma Piazza della Repubblica, 1 Montelibretti Cap. 00010 Tel. 0774/60681 Fax 0774/6068223 - Cod. Fisc. 02457650584 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 126 del

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO COMUNE DI PERTUSIO PROVINCIA DI TORINO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014 2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17/06/2014 1. Premessa 1 Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari ALLEGATO A ALLA Deliberazione di G.C. n. del COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Area 4 RISORSE UMANE - DEMOGRAFICI/ELETTORALE/STATISTICI Servizio Amministrazione Personale PIANO TRIENNALE DI AZIONI

Dettagli

COMUNE DI MONVALLE Provincia di Varese PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

COMUNE DI MONVALLE Provincia di Varese PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMUNE DI MONVALLE Provincia di Varese PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2017 / 2019 1 Pari Opportunità e Azioni Positive Quadro normativo Il piano triennale delle azioni positive è previsto dall art. 48

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2017/2019

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2017/2019 COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona Area Economico Finanziaria www.comune.castelnuovodelgarda.vr.it personale@castelnuovodg.it TEL 045 6459942 FAX 045 6459921 Partita IVA 00667270235 Piazza

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 OGGETTO: PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013/2015 APPROVAZIONE -. L anno duemilatredici addì

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA Provincia di Siena

COMUNE DI TORRITA DI SIENA Provincia di Siena PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2016 / 2018 Fonti normative di riferimento Legge 10 aprile 1991, n. 125 "Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro"

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO

PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO PIANO AZIONI POSITIVE COMUNE DI SAN LEONARDO 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità nelle politiche, il Comune di

Dettagli

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo

COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CIVITA CASTELLANA 2017-2019 (ai sensi dell art. 48, comma 1, del D.Lgs. 11.04.2006 n. 148) per favorire

Dettagli

CARTA D INTENTI. Il Comitato Unico di Garanzia: una risorsa per la Pubblica Amministrazione

CARTA D INTENTI. Il Comitato Unico di Garanzia: una risorsa per la Pubblica Amministrazione CARTA D INTENTI Il Comitato Unico di Garanzia: una risorsa per la Pubblica Amministrazione I Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE COMUNE di NIBIONNO (Regione Lombardia - Provincia di Lecco) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio dicembre 2012/novembre 2015 Comune di NIBIONNO LC 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per

Dettagli

COMUNE DI TORRE LE NOCELLE PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI TORRE LE NOCELLE PROVINCIA DI AVELLINO COMUNE DI TORRE LE NOCELLE PROVINCIA DI AVELLINO COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. _54_ DEL 27/09/2016 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2016/2018 DELLE AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI

Dettagli

PIANO TRIENNALE di ATTIVITÀ del CNR

PIANO TRIENNALE di ATTIVITÀ del CNR PIANO TRIENNALE di ATTIVITÀ del CNR 2013 2015 Indice 1. STATO DELL ARTE E OBIETTIVI GENERALI STRATEGICI DA CONSEGUIRE NEL TRIENNIO... 1 1.1. IL CNR NEL PANORAMA ATTUALE...3 1.2. POSIZIONAMENTO DEL CNR

Dettagli

Consiglio regionale della Calabria SEGRETARIATO GENERALE PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNALE

Consiglio regionale della Calabria SEGRETARIATO GENERALE PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNALE Consiglio regionale della Calabria SEGRETARIATO GENERALE PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNALE 2016-2018 1 Premessa Con il presente documento il Consiglio regionale della Calabria, in ottemperanza ai riferimenti

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE COMUNE DI MARSCIANO PROVINCIA DI PERUGIA PERSONALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE AFFARI GENERALI-SERVIZI DEMOGRAFICI- REGISTRO GENERALE nr. 352 Del 20/06/2013 OGGETTO: NOMINA DEL "COMITATO UNICO

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 30 OGGETTO: Approvazione Piano triennale delle Azioni Positive

Dettagli

IL COMUNE DI TORINO. Ai sensi. della Legge 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro

IL COMUNE DI TORINO. Ai sensi. della Legge 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro Premessa Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (C.U.G.), istituito il 25 giugno 2012 con Determinazione del Direttore

Dettagli

Comune di Casanova Lonati

Comune di Casanova Lonati Comune di Casanova Lonati Copia PROVINCIA DI PV GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.49 OGGETTO: PIANO TRIENNALE 2017-2019 DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA' L anno duemilasedici

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE nella persona della Dott.ssa Paola Lattuada

IL DIRETTORE GENERALE nella persona della Dott.ssa Paola Lattuada AGENZIA DI TUTELA DELLA SALUTE DELL INSUBRIA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione é stata pubblicata nei modi di legge dal 14.07.2017 Varese, 14.07.2017 IL FUNZIONARIO DELEGATO Dott.

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio COMUNE DI ROCCHETTA SANT ANTONIO (Provincia di Foggia) N.cert.: 13313 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (D.Lgs. n. 198/2006) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2016-2018 Approvato con Delibera

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio COMUNE DI MODENA Assessorato Pari Opportunità Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Normativa di riferimento Piano

Dettagli

Approvazione del Piano triennale delle Azioni Positive di Roma Capitale ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. n. 198/2006.

Approvazione del Piano triennale delle Azioni Positive di Roma Capitale ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. n. 198/2006. Protocollo RC n. 22158/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì venti del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

Comitato Pari Opportunità

Comitato Pari Opportunità Comitato Pari Opportunità Incontro del 6 Maggio 2009 "Le donne sono venute in eccellenza di ciascun'arte ove hanno posto cura., Ludovico Arisoto, "Orlando furioso, XX, ott. 2" "Non si nasce donna, si diventa,

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 5 OGGETTO: Approvazione Piano triennale

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI. Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI OSTUNI. Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE IMMEDIATAMENTE ESECUTIVA n. 301 data: 30.11.2012 Oggetto: Approvazione Piano Azioni Positive per il triennio 2012/2014 L

Dettagli

IMPRESA DONNA SVILUPPO E CONSOLIDAMENTO

IMPRESA DONNA SVILUPPO E CONSOLIDAMENTO UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO IMPRESA DONNA SVILUPPO E CONSOLIDAMENTO AZIONI POSITIVE L. 125/91 Programma - obiettivo per la promozione dell occupazione femminile, per il superamento delle disparità

Dettagli

LAVORO E BENESSERE VARESE 26 SETTEMBRE LA NASCITA E L EVOLUZIONE L CUG ALL INTERNO DELL A.O MACCHI Dott.ssa Adelina Salzillo Presidente CUG

LAVORO E BENESSERE VARESE 26 SETTEMBRE LA NASCITA E L EVOLUZIONE L CUG ALL INTERNO DELL A.O MACCHI Dott.ssa Adelina Salzillo Presidente CUG LAVORO E BENESSERE VARESE 26 SETTEMBRE 2012 LA NASCITA E L EVOLUZIONE L DEL CUG ALL INTERNO DELL A.O MACCHI Dott.ssa Adelina Salzillo Presidente CUG PREMESSA: Nel quadro dei recenti interventi di razionalizzazione

Dettagli

Piano triennale di azioni positive Ex art 48 c.1 del D.lgs.198/2006. Piano Triennale di Azioni positive REGIONE PUGLIA

Piano triennale di azioni positive Ex art 48 c.1 del D.lgs.198/2006. Piano Triennale di Azioni positive REGIONE PUGLIA Piano Triennale di Azioni positive REGIONE PUGLIA Gennaio 2013 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 Aree di intervento... 4 Area Intervento 1 - Leggere l organizzazione... 5 Area Intervento 2 - Diffusione

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PERIODO 2016/2018

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PERIODO 2016/2018 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PERIODO 2016/2018 Premesse Con deliberazione della giunta municipale n. 210 del 12 novembre 2013 è stato approvato il Piano comunale delle azioni positive - periodo 2013/2015.

Dettagli

Gruppo di lavoro e benessere organizzativo: dinamiche di riconoscimento e partecipazione

Gruppo di lavoro e benessere organizzativo: dinamiche di riconoscimento e partecipazione Gruppo di lavoro e benessere organizzativo: dinamiche di riconoscimento e partecipazione Bologna, 8.11.2017 Il quadro normativo in materia di benessere organizzativo d.lgs. n. 81/2008 Attuazione dell articolo

Dettagli

Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/ /0062

Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/ /0062 Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/3.3.8.1/0062 il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro

Dettagli

l. eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell'accesso al lavoro, nella

l. eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell'accesso al lavoro, nella Q.-'"9a,,,,, É'S!:SALERhIO *i* AZIENDA SANITARIA LOCATE SALERNO Ailogoto ild elikrq '*r"'j''l''x""* u;í DIREZIONE GENERALE Vtn Nzze, 146 - s4124 sater^/o Tel 089 693647 - fax 089 251 629 "Piani azioni

Dettagli

COMUVE DI PERLA. (Provincia Li Siracusa)

COMUVE DI PERLA. (Provincia Li Siracusa) A14.9 COMUVE DI PERLA. (Provincia Li Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.?Z Registro Delibere OGGETTO: Piano triennale di azioni positive in materia di pari opportunità art. 48,co.1

Dettagli

C O M U N E D I B O R G O M A S I N O CITTA METROPOLITANA DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 5 Del

C O M U N E D I B O R G O M A S I N O CITTA METROPOLITANA DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 5 Del COPIA C O M U N E D I B O R G O M A S I N O CITTA METROPOLITANA DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 5 Del 21.01.2016 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE. TRIENNIO 2016-2018.

Dettagli

DELIBERA DI GIUNTA DELL UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE

DELIBERA DI GIUNTA DELL UNIONE PEDEMONTANA PARMENSE Viale Libertà, 3-43044 Collecchio (PR) TEL: 0521/301122 FAX: 0521/301120 E-mail: segreteria@unionepedemontana.pr.it - info@unionepedemontana.pr.it PEC: protocollo@postacert.unionepedemontana.pr.it C.F.

Dettagli

Comune di Pecetto Torinese

Comune di Pecetto Torinese Copia Albo Comune di Pecetto Torinese PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 163 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA' DI LAVORO PER IL

Dettagli

Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2014/CONT/A9-3/0104

Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2014/CONT/A9-3/0104 Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2014/CONT/A9-3/0104 VISTO il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; VISTO il r.d. 23 maggio 1924 n.827,

Dettagli