Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati."

Transcript

1 PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 22 del 21 LUGLIO 2010 PREVISIONI METEO: si prevedono condizioni di tempo stabile. Temperature in aumento nella prima parte del periodo. Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati. TRATTAMENTI con presenza di erbe fiorite. In presenza di fioritura del cotico erboso, è obbligatorio procedere allo sfalcio dello stesso 48 ore prima del trattamento. (Decreto R.E.R. n 130 del 4/3/1991). SUSINO MONILIA: max 5 tratt./anno contro questa avversità. Intervenire sulle cultivar sensibili, in condizioni climatiche favorevoli alle infezioni e in prossimità della raccolta, impiegando tebuconazolo (formulati al 4,35%, ml/hl -7 gg carenza) max 2 tratt./anno indipendentemente dall avversità oppure pyraclostrobyn + boscalid (SIGNUM, g/hl - 3 gg carenza) max 2 tratt./anno indipendentemente dall avversità oppure fenbuconazolo (formulati al 5%, 100 ml/hl 3 gg carenza) max 3 tratt./anno, 4 su cv raccolte da President in poi oppure fludioxonil+ciprodinil (SWITCH, 60 g/hl -14 gg carenza) max 2 tratt./anno. RUGGINE: su varietà recettive si consiglia di intervenire alla presenza delle prime pustole. Il tebuconazolo (formulati al 4,35%, ml/hl) max 2 tratt./anno indipendentemente dall avversità, impiegato contro la monilia, è attivo anche contro questa avversità. AFIDE VERDE: intervenire al superamento della soglia del 10% di organi infestati, utilizzando flonicamid (TEPPEKI, 140 g/ha) (35 gg di carenza) max 1 tratt./anno oppure acetamiprid (EPIK 5 PS, 100 g/hl) o imidacloprid (formulati al 17,1%, 50 ml/hl) o thiamethoxam (ACTARA 25 WG, 300 g/ha) max 1 tratt./anno tra questi ultimi tre aficidi. AFIDI FARINOSO: intervenire in caso di presenza, localizzando l intervento nelle aree infestate, impiegando pirimicarb (PIRIMOR 17,5, 200g/hl). RAGNETTO ROSSO: se si supera la soglia del 60% di foglie occupate intervenire con pyridaben (NEXTER, 75 ml/hl) oppure clofentezine (APOLLO, 40 ml/hl) azione prevalentemente ovicida oppure fenpiroximate (MIRO, 130 ml/hl). CYDIA FUNEBRANA: è iniziato il terzo volo degli adulti; intervenire dopo circa 4-5 giorni dal superamento soglia di 10 catture per trappola e per settimana con fosmet (formulati al 23,5%, 250 g/hl-14 gg carenza) max 4 tratt./anno oppure acrinatrina (RUFAST E-FLO, 80 ml/hl) carenza 21 gg max 1 tratt./anno e max 2 tratt./anno tra cydia e tripide (di cui uno in primavera ed uno in estate) oppure thiacloprid (CALYPSO, 25 ml/hl-14 gg carenza) max 1 tratt./anno oppure spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl-7gg carenza) max 3 tratt./anno, oppure etofenprox (formulati al 15%, 100 ml/hl -7 gg carenza) max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità; oppure con rynaxypyr (CORAGEN, ml/hl ml/ha-14 gg carenza) max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità. CYDIA MOLESTA: intervenire al rilevamento della presenza del fitofago impiegando spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl-7gg carenza) max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità; oppure con rynaxypyr (CORAGEN, ml/hl ml/ha-14gg carenza) max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità. EULIA: il modello prevede l'inizio del terzo volo degli adulti.

2 PESCO MONILIA: max 4 tratt./anno contro questa avversità. Impiegare tebuconazolo (formulati al 4,35%, ml/hl) carenza 7 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dall avversità o fenbuconazolo (formulati al 5%, 100 ml/hl) carenza 3 gg max 4 tratt./anno, indipendentemente dall avversità o difenconazolo (SCORE 25 EC, ml/hl) carenza 7 gg max 4 tratt./anno, indipendentemente dall avversità (tebuconazolo, fenbuconazolo e difenconazolo sono di uso alternativo) oppure pyraclostrobyn + boscalid (SIGNUM, g/hl) carenza 3 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalle avversità, oppure boscalid (CANTUS, 40 g/hl) carenza 3 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalle avversità (SIGNUM e CANTUS sono di uso alternativo), oppure ciprodionil + fludioxonil (SWITCH 60 g/hl) carenza 7 gg max 2 tratt./anno. CIDIA MOLESTA: intervenire 3-4 giorni dopo il superamento della soglia, di 10 catture per trappola per settimana impiegando acrinatrina (RUFAST E-FLO, ml/hl) carenza 7 gg max 1 tratt./anno e max 2 tratt./anno tra cydia e tripide (di cui uno in primavera ed uno in estate) oppure spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) carenza 7 gg max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità, attivo anche contro Anarsia oppure etofenprox (formulati al 15%, 100 ml/hl) carenza 7 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dall'avversità, attivo anche contro Anarsia, oppure con rynaxypyr (CORAGEN, ml/hl ml/ha) carenza 14 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità, attivo anche contro Anarsia oppure con emamectina (AFFIRM, 300 g/hl 3-4 kg/ha) carenza 7 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità attivo anche contro Anarsia. ANARSIA: Si consiglia di intervenire dopo 5-6 giorni dal superamento della soglia con Bacillus thuringiensis (DELFIN, 100 g/hl oppure PRIMIAL WG, 1 kg/ha oppure TUREX, 1-2 kg/ha) carenza 3 gg, oppure indoxacarb (STEWARD, 16,5 g/hl - max 245 g/ha) carenza 7 gg oppure spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) carenza 7 gg max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità, attivo anche contro Cydia e Litocollete oppure etofenprox (formulati al 15%, 100 ml/hl) carenza 7 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità, attivo anche contro Cydia oppure con rynaxypyr (CORAGEN, ml/hl ml/ha) carenza 14 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità, attivo anche contro Cydia oppure con emamectina (AFFIRM, 300 g/hl 3-4 kg/ha) carenza 7 gg max 2 tratt./anno indipendentemente dalla avversità attivo anche contro Cydia. AFIDE FARINOSO: intervenire in caso di presenza impiegando pirimicarb (PIRIMOR 17,5, 200 g/hl). TRIPIDE ESTIVO: intervenire con acrinatrina (RUFAST E-FLO, ml/hl) carenza 7 gg max 1 tratt./anno e max 2 tratt./anno tra cydia e tripide (di cui uno in primavera ed uno in estate), oppure spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) carenza 7 gg max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità, attivo anche contro Cydia e Anarsia. MELO COLPO DI FUOCO BATTERICO: si consiglia di intervenire entro 24 ore dopo la pioggia, utilizzando prodotti rameici (RAME METALLO, 60 g/hl). Attenzione alla fitotossicità, particolarmente pericolosa sulla cv Fuji. In ogni caso si consiglia di ispezionare accuratamente i frutteti e eventualmente segnalare i casi sospetti al Servizio Fitosanitario. BUTTERATURA AMARA: sulle varietà sensibili, intervenire con SALI DI CALCIO. Gli interventi vanno distanziati di giorni e proseguiti fino alla raccolta. CARPOCAPSA: dove si supera la soglia di 2 adulti per trappola in una o due settimane, si consiglia di intervenire con rynaxypyr (CORAGEN, 20 ml/hl) max 2 tratt./anno (da non impiegare qualora sia già utilizzato nei confronti della prima generazione larvale), oppure dopo 2-3 giorni dopo il superamento della soglia con thiacloprid (CALYPSO, 25 ml/hl) max 1 tratt./anno oppure dopo 5-6 giorni dal superamento della soglia, con emamectina (AFFIRM, 300 g/hl - 4 kg/ha) aggiungendo BREAK THRU, 300 ml/ha o olio minerale max 2 tratt./anno, o spinosad (LASER, 30 ml/hl o SUCCESS, 120 ml/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità, oppure clorpirifos etile (formulati al 75%, 70 g/hl) max 3 tratt./anno o fosmet (vari al 23,5%, 250 g/hl) max 4 tratt./anno oppure metoxyfenozide (PRODIGY, 40 ml/hl), max 4 interventi anno indipendentemente dall avversità tra diflubenzuron, flufenoxuron, triflumuron, teflubenzuron, lufenuron, metoxyfenozide e tebufenozide; oppure con virus della granulosi (MADEX, 200 ml/ha o MADEX100, 100 ml/ha o CARPOVIRUSINE PLUS, 100 ml/hl oppure VIRGO o CARPOSTOP, ml/hl minimo 0,35 l/ha). Se si impiega il virus della granulosi o il fosmet si consiglia di acidificare la soluzione portando il ph a 6-6,5. Tra clorpirifos, clorpirifos metile e fosmet max 6 tratt./anno indipendentemente dalle avversità. Allo scopo di prevenire il rischio di insorgenza di fenomeni di resistenza si consiglia di non applicare lo stesso prodotto su generazioni successive. AFIDE LANIGERO: eventuali trattamenti nei confronti dell'afide verde con pirimicarb (PIRIMOR 17,5, 200 g/hl) sono attivi anche contro l afide lanigero. (Aggiungere un bagnante).

3 AFIDE VERDE: Intervenire in presenza di danni da melata impiegando pimetrozine (PLENUM 50 WG, 40 g/hl) max 1 tratt./anno oppure pirimicarb (PIRIMOR 17,5, 200 g/hl). EULIA: il modello prevede l'inizio del terzo volo degli adulti. PANDEMIS e ARCHIPS PODANA: dove è stata superata la soglia del 5% di germogli infestati, si consiglia di intervenire, impiegando Bacillus thuringiensis (formulati a U.I., 100 g/hl) carenza 3 gg o tebufenozide (MIMIC, 80 ml/hl) carenza 14 gg oppure metoxyfenozide (PRODIGY, 40 ml/hl) carenza 14 gg max 4 tratt./anno tra gli I.G.R. oppure con indoxacarb (STEWARD, 16,5 g/hl) carenza 7 gg o clorpirifos metile (formulati al 22%, 200 ml/hl) carenza 15 gg max 2 tratt./anno oppure spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) carenza 7 gg max 2 tratt./anno. CLORPIRIFOS METILE, usato nei confronti di Pandemis, può avere attività anche nei confronti dell afide verde. PIRALIDE del MAIS: eventuali trattamenti realizzati contro altri fitofagi con indoxacarb, spinosad, emamectina o rynaxypyr, sono attivi anche contro questa avversità. PERO COLPO DI FUOCO BATTERICO: controllare gli impianti e asportare il materiale eventualmente infetto; si consiglia di asportare le fioritura secondarie e di intervenire con prodotti rameici negli impianti colpiti e in previsione di pioggia. TICCHIOLATURA ESTIVA: in caso di presenza di macchie si consiglia di intervenire impiegando pyraclostrobin+boscalid (BELLIS, 55 g/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dalle avversità carenza 7 gg. MACULATURA BRUNA: si consiglia di intervenire, sulle cv sensibili, con trifloxystrobin (FLINT, 15 g/hl) miscelandolo con un prodotto di copertura, oppure pyraclostrobin+boscalid (BELLIS, 55 g/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dalle avversità tra trifloxistrobin e pyraclostrobin oppure ciprodinil+fludioxonil (SWITCH, 80 g/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dalle avversità oppure boscalid (CANTUS, 27 g/hl; 0,4 kg/ha) max 3 tratt./anno indipendentemente dalle avversità tra BELLIS e CANTUS oppure captano (formulati al 80%, 150 g/hl oppure formulati al 39%, 300 ml/hl) max 3 tratt./anno, oppure tebuconazolo (*) (formulati al 4,35%, ml/hl) oppure prodotti rameici (POLTIGLIA DISPERSS, 250 g/hl). Tutti i prodotti I.B.E. (*) devono essere miscelati con prodotti di copertura e sono ammessi al massimo 4 tratt./anno indipendentemente dalle avversità. CARPOCAPSA: dove si supera la soglia di 2 adulti per trappola in una o due settimane, si consiglia di intervenire con rynaxypyr (CORAGEN, 20 ml/hl) max 2 tratt./anno da non impiegare qualora sia già utilizzato nei confronti della prima generazione larvale, oppure dopo 5-6 giorni dal superamento della soglia, con emamectina (AFFIRM, 300 g/hl - 4 kg/ha) aggiungendo BREAK THRU, 300 ml/ha o olio minerale max 2 tratt./anno, o spinosad (LASER, 30 ml/hl o SUCCESS, 120 ml/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità, oppure clorpirifos etile (formulati al 75%, 70 g/hl) max 3 tratt./anno o fosmet (vari al 23,5%, 250 g/hl) max 4 tratt./anno oppure metoxyfenozide (PRODIGY, 40 ml/hl), max 4 interventi anno indipendentemente dall avversità tra diflubenzuron, triflumuron, teflubenzuron, metoxyfenozide e tebufenozide; oppure con virus della granulosi (MADEX, 200 ml/ha o MADEX100, 100 ml/ha o CARPOVIRUSINE PLUS, 100 ml/hl oppure VIRGO o CARPOSTOP, ml/hl minimo 0,35 l/ha). Se si impiega il virus della granulosi o il fosmet si consiglia di acidificare la soluzione portando il ph a 6-6,5. Tra clorpirifos, clorpirifos metile e fosmet max 6 tratt./anno indipendentemente dalle avversità. Allo scopo di prevenire il rischio di insorgenza di fenomeni di resistenza si consiglia di non applicare lo stesso prodotto su generazioni successive. EULIA e PANDEMIS: vedi melo. PSILLA: l infestazione del fitomizo è variabile. In presenza di melata intervenire con LAVAGGI; in alternativa è possibile impiegare Olio minerale estivo. Per l uso di questo prodotto consultarsi con il tecnico. VITE OIDIO: intervenire con zolfo micronizzato (formulati al 80% di p.a., 500 g/hl) In presenza di infezioni su grappolo intervenire con zolfo micronizzato (formulati al 80% di p.a., g/hl) oppure con bupirimate (NIMROD 250 EW, 1,5 l/ha) oppure meptyl dinocap (KARATHANE STAR, 60 ml/hl) max 2 tratt/anno. PERONOSPORA: si consiglia di intervenire in previsione di pioggia con poltiglia bordolese (formulati al 20%, g/hl). In presenza di macchie è consigliabile mantenere coperta la vegetazione impiegando etilfosfito di Al (carenza 40 giorni) + rame (prodotti al 25% Al+ 25% Cu, 400 g/hl). TIGNOLETTA: il modello prevede l'inizio del volo degli adulti. Si consiglia di controllare i grappoli e di intervenire, con almeno il 5% di grappoli infestati, accertandosi che le uova schiudano, impiegando Bacillus thuringiensis (formulati a U.I., g/ha) oppure rynaxypyr (CORAGEN, ml/hl ml/ha) max 1

4 tratt./anno indipendentemente dall' avversità oppure emamectina (AFFIRM, 150 g/hl 1,5 kg/ha) max 2 tratt./anno indipendentemente dall'avversità oppure spinosad (LASER, 20 ml/hl o SUCCESS, 80 ml/hl) max 2 tratt./anno con prodotti di sintesi. Allo scopo di prevenire il rischio di insorgenza di fenomeni di resistenza si consiglia di non applicare lo stesso prodotto su generazioni successive. Chi aderisce alla DIFESA INTEGRATA AVANZATA (DIA) non può impiegare altri prodotti al di fuori di spinosad o del Bacillus thuringiensis. RAGNETTI (ROSSO e GIALLO): intervenire al superamento della soglia del 30-45% di foglie infestate con forme mobili utilizzando pyridaben (NEXTER, 75 ml/hl) oppure fenazaquin (MAGISTER 200, 75 ml/hl) o fenpiroximate (MIRO, 100 ml/hl) o tebufenpirad (OSCAR, g/hl) oppure fenazaquin+ exitiazox (FENERGY, 40 ml/hl). Max 1 tratt./anno contro questa avversità. Fenazaquin ed exitiazox sono attivi anche contro l ACARIOSI della vite. COCCINIGLIE COTONOSE: è in atto la migrazione delle neanidi; intervenire localizzando l intervento alle piante colpite, con clorpirifos metile (RELDAN 22, 200 ml/hl, minimo 10 q/ha di acqua) max 1 tratt./anno, max 2 tratt./anno tra gli esteri fosforici (non ammesso per le aziende che aderiscono alla DIA). Si consiglia di aggiungere al prodotto scelto olio bianco estivo (formulati diversi, 1 l/hl). OLIVO: accrescimento drupe. TIGNOLA DELL OLIVO: i rilievi effettuati hanno evidenziato un volo degli adulti molto basso e assenza di deposizione di uova sulle drupe nelle varietà da olio. Si consiglia, pertanto, di non effettuare alcun trattamento nelle varietà da olio. Si informa che presso la C.A.B Cooperativa Agricola Brisighellese via Strada 2, Brisighella (RA) tel. 0546\81103, è sempre attivo e gratuito il servizio di esame delle drupe per l accertamento della presenza della mosca dell olivo; a tal fine gli interessati devono portare, presso le sedi indicate, un campione di 100 olive, prelevate casualmente nel proprio uliveto su 10 piante diverse e girando attorno alla chioma. Per ulteriori informazioni si può telefonare al numero: 0541/ BARBABIETOLA DA ZUCCHERO CERCOSPORA: in presenza della malattia, è possibile intervenire (sulle varietà raccolte entro il 10 settembre max 2 trattamenti/anno e max 3 per quelle raccolte dopo tale data) impiegando difenconazolo + fenpropidin (SPYRALE 0,5-0,7 l/ha) max 1 tratt./anno oppure azoxystrobyn (AMISTAR, 0,5 l/ha) + difenconazolo (SCORE, 0,25 l/ha) oppure tetraconazolo (EMINENT, 2,5 l/ha o DEFENDER, 2,2 l/ha) o flutriafol (IMPACT, 0,3 l/ha) tutti questi prodotti sono efficaci anche contro l oidio o ancora il difenconazolo (SCORE, 0,3 l/ha). CIPOLLA PERONOSPORA: intervenire impiegando idrossido di rame al 35%, 150 g/ha, oppure poltiglia bordolese al 20% 3-4 kg/ha, oppure cymoxanil (CURZATE DF, g/hl) oppure cymoxanil+rame (CURZATE R BIANCO, 2-3 kg/ha) max 3 tratt./anno, o iprovalicarb+rame (MELODY COMPACT, g/hl) oppure pyraclostrobin+dimetomorf (CABRIO DUO, 250 g/hl) max 3 tratt./anno tra gli ultimi due prodotti. BOTRITE: intervenire impiegando fludioxonil+cyprodinil (SWITCH, kg/ha) max 2 tratt./anno. TRIPIDE: in caso di presenza intervenire con spinosad (LASER, 20 ml/hl o SUCCESS, 80 ml/hl) max 1 tratt./anno oppure acrinatrina (RUFAST E-FLO, ml/hl) max 2 tratt./anno. PATATA PERONOSPORA: si consiglia di intervenire in previsione di pioggia, impiegando rameici (formulati al 50% di Cu, 2-3 kg/ha) o mancozeb (VONDOZEB DG o PENCOZEB, 200 g/hl) max 3 interventi all anno o dimetomorf +pyraclostrobin (CABRIO DUO, 2-2,5 l/ha) o dimetomorf+rame (FORUM R, 3,5 kg/ha) o mandipropamide+mancozeb (PERGADO MZ, 2,5 kg(ha) max 4 interventi all anno tra dimetomorf, mandipropamide e iprovalicarb; max 3 interventi all anno per pyraclostrobin oppure fluazinam (OHAYO, 0,4 l/ha) oppure metalaxyl+rame (RIDOMIL GOLD R 4 kg/ha) max 3 interventi all anno, oppure fluopicolide + propamocarb (VOLARE, 1,4-1,6 kg/ha) max 3 interventi all anno, oppure zoxamide+mancozeb (ELECTIS, 1,5-2 kg/ha). TIGNOLA: si consiglia di intervenire solo nel caso di presenza di catture nelle trappole impiegando deltametrina (DECIS JET, 80 ml/hl-0,8 l/ha) max 2 interventi all anno oppure spinosad (LASER, 50 ml/ha o SUCCESS, 200 ml/ha) max 2 interventi all anno. Disseccamento parte aerea: Allo scopo di facilitare le operazioni di raccolta è possibile disseccare la parte aerea con glufosinate ammonio (BASTA, 4-5 l/ha) intervenendo quando le piante iniziano a manifestare l ingiallimento delle foglie basali, utilizzando

5 un volume d acqua compreso tra 200 e 300 l/ha; normalmente l applicazione va effettuata circa10-15 gg prima della raccolta, oppure carfentrazone (SPOTLUGHT PLUS, 1l/ha) intervenendo da 5 a 7 gg prima della raccolta. POMODORO TRAPIANTATO PERONOSPORA: intervenire in previsione di pioggia, con vegetazione recettiva, impiegando cimoxanil + rame (formulati al 4,2% di cimoxanil, g/hl) max 3 tratt./anno oppure iprovalicarb+rame (MELODY COMPACT, g/hl) oppure dimetomorf+rame (FORUM R, 3-3,5 kg/ha) oppure dimetomorf+pyraclostrobin (CABRIO DUO, 2-2,5 l/ha) oppure mandipropamide+rame (PERGADO R PACK composto da PERGADO SC, 0,5-0,6 l/ha+coprantol WG, 2,5-3,5 kg/ha) max 4 tratt./anno tra iprovalicarb, dimetomorf e mandipropamide o zoxamide+rame (ELECTIS R, g/hl) max 3 tratt./anno o metalaxil-m + rame (RIDOMIL GOLD R, 400 g/hl) max 3 tratt./anno oppure prodotti rameici (formulati al 50% di Cu, 2-3 kg/ha) oppure mancozeb (formulati al 80%, 300 g/hl), max 3 tratt./anno. L impiego di prodotti contenenti rame è di ausilio per la prevenzione alle batteriosi. AFIDI: intervenire, in assenza di insetti utili, con almeno il 10% delle piante infestate, impiegando pimetrozine (PLENUM, 0,5 kg/ha) oppure flonicamid (TEPPEKI, g/ha) Max 1 intervento anno, oppure imidacloprid (formulati al 17,8%, 0,5 l/ha) o thiametoxan (ACTARA, 200 g/ha). Max 1 intervento anno tra imidacloprid in alternativa a thiamethoxan. NOTTUA GIALLA: intervenire al superamento della soglia di 2 piante con presenza di uova o larve su 30 piante controllate per appezzamento utilizzando indoxacarb (STEWARD, 0,125 g/ha) oppure Bacillus turingiensis (PRIMIAL wg, 100 g/hl o AGREE, 1,5 kg/ha oppure XENTARI, 0,75 kg/ha oppure DELFIN, 2 Kg/ha) oppure spinosad (LASER ml/hl o SUCCESS, ml/hl) oppure metaflumizone (ALVERDE, 100 ml/hl-1l/ha) max 2 tratt./anno oppure emamectina (AFFIRM, 150 g/hl 1,5 kg/ha) max 2 tratt./anno. PRODUZIONE BIOLOGICA PESCO CIDIA MOLESTA: si consiglia di intervenire dopo 3-4 gg dal superamento della soglia di 10 catture per trappola per settimana con spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) oppure con Bacillus thuringiensis (DELFIN, 100 g/hl oppure PRIMIAL WG 1 kg/ha oppure TUREX, 1-2 kg/ha oppure LEPINOX, 1-2 kg/ha oppure BTK 32, 100 g/hl), ripetendo il trattamento dopo 5-6 giorni. ANARSIA: si consiglia di intervenire dopo circa 5-6 giorni dal superamento della soglia di 7 catture per trappola per settimana o 10 catture per trappola in 2 settimane impiegando spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) oppure Bacillus thuringiensis (DELFIN, 100 g/hl oppure PRIMIAL WG, 1 kg/ha oppure TUREX, 1-2 kg/ha) SUSINO AFIDI: in assenza di predatori, intervenire con rotenone (ROTENA, 250 g/hl) in caso di infestazioni elevate; il prodotto è attivo anche nei confronti degli afidi, oppure piretro addizionato ad olio minerale 200 g/hl. Usare acqua con ph 5,5-6,5. CYDIA FUNEBRANA: intervenire dopo circa 4-5 giorni dal superamento della soglia di 10 catture per trappola e per settimana, con spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) max 3 tratt./anno. CYDIA MOLESTA: intervenire al rilevamento della presenza del fitofago impiegando spinosad (LASER, ml/hl o SUCCESS, ml/hl) max 3 tratt./anno indipendentemente dall avversità. MELO CARPOCAPSA: stante le attuali temperature, intervenire dopo 5-6 giorni dal superamento della soglia, con spinosad (LASER, 30 ml/hl o SUCCESS, 120 ml/hl) max 3 tratt./anno, attivo anche nei confronti di eulia oppure con virus della granulosi (MADEX, 200 ml/ha o MADEX100, 100 ml/ha o CARPOVIRUSINE PLUS 100 ml/hl oppure VIRGO o CARPOSTOP ml/hl minimo 0,35 l/ha). PERO COLPO DI FUOCO BATTERICO: si consiglia di asportare le fioritura secondarie e di intervenire con prodotti rameici negli impianti colpiti e in previsione di pioggia. MACULATURA: in caso di previsione di pioggia o prolungate bagnatura, intervenire con prodotti rameici (POLTIGLIA DISPERSS, 250 g/hl).

6 CARPOCAPSA: vedi melo. VITE OIDIO: intervenire impiegando zolfo micronizzato (formulati al 80% di p.a., g/hl). PERONOSPORA: intervenire, in previsione di pioggia, impiegando prodotti rameici avendo cura di apportare da 100 a 160 g di Cu++/hl. TIGNOLETTA: il modello prevede l'inizio del volo degli adulti. Si consiglia di controllare i grappoli e di intervenire, con almeno il 5% di grappoli infestati, accertandosi che le uova schiudano, impiegando Bacillus thuringiensis (formulati a U.I., g/ha). IRRIGAZIONE Comunicazioni relative agli interventi irrigui Attualmente, sempre tenendo nel dovuto conto le eventuali precipitazioni intercorse, è possibile effettuare interventi irrigui su tutte le colture; Riportiamo di seguito i dati di consumi medi giornalieri per le colture frutticole nei mesi di luglio indicati dai Disciplinari di coltura. Ricordiamo che non sono ammessi volumi superiori a quanto indicato dal DPI o dal servizio Irrinet. 1) Consumi idrici giornalieri per il mese di luglio espressi in mm/giorno Coltura Consumo interfilare inerbito (*) Consumo interfilare lavorato (*) Actinidia 6 4,8 Albicocco 4 3,5 Albicocco-Post Raccolta 2,4 2,1 Melo e Pero 5,1 4 Pesco 4 3,5 Pesco-Post Raccolta 2,4 2,1 Susino 4 3,5 Susino-Post Raccolta 3,7 3 (*) Si intende il quantitativo di acqua da restituire alla coltura in base al suo fabbisogno idrico. In presenza di pioggia, devono essere considerate nulle le piogge inferiori al consumo giornaliero; allo stesso modo sono nulli i mm di pioggia eccedenti il volume di adacquamento prescelto - Es. mese di luglio: 1. pioggia 3,5 mm < 5,0 mm (la pioggia é considerata nulla); 2. terreno sciolto e pioggia 40 mm > 35 mm (40-35 = 5 mm andati perduti). Con l'impianto a goccia non superare per ogni intervento i 6-7 mm Nota Impianti in allevamento: fino al terzo anno ridurre i valori di restituzione idrica del 25-50% a seconda delle specie. 2) Vite - Restituzione idrica giornaliera Microirrigazione. Dalla fase di prechiusura grappolo è possibile effettuare l irrigazione della vite: di seguito sono indicate le restituzioni ed i turni consigliati Fase fenologica Epoca indicativa Restituzione idrica (mm) Inerbito Lavorato 1.Pre-chiusura grappolo Prima decade di luglio Prima decade di agosto 3,8 2,8 2.Inizio invaiatura Terza decade di luglio Seconda decade di agosto

7 3) Volumi di adacquata massimi Tipo di terreno Millimetri Metri cubi ad ettaro Terreno sciolto Terreno medio impasto Terreno argilloso Piogge: Indicativamente sono da considerarsi nulle le piogge inferiori ai 5 mm. Le piogge superiori ai 5 mm vanno divise per il valore della restituzione idrica della fenofase per ottenere il numero di giorni da aggiungere al turno riportato in tabella. Eventi temporaleschi con intensità di pioggia oraria maggiore di 15 mm (lettura al pluviometro/durata del temporale in ore) sono da ritenersi utili al 50%. PROSSIMI INCONTRI Il prossimo incontro di Produzione Integrata avrà luogo mercoledì 04 agosto 2010 alle ore presso la consueta sede di DINAMICA, Villa San Martino Lugo (RA)

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008 PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 24 del

Dettagli

Integrata e Biologica

Integrata e Biologica DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE PROVINCIA DI RIMINI Bollettino di Produzione Integrata e Biologica N 24 del 02/08/2012 PREVISIONI DEL TEMPO è previsto tempo

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA IASMA Notizie FRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 4 IASMA Notizie - n. 14 - Anno VIII - Taxe

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie ortoflorofrutticoltura 1 IASMA Notizie IASMA Notizie n.3 Anno II 28.04.2003 Notiziario del Centro per l assistenza tecnica dell Istituto Agrario di S. Michele all Adige IASMA Notizie N. 18 - Spedizione

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

AGGIORNAMENTI Maggio 2012

AGGIORNAMENTI Maggio 2012 COLTURA AVVERSITA S.A. NOTA Cicoria Sclerotinia Bacillus subtilis Max 4 tratt./ciclo Cicorino CP Sclerotinia Bacillus subtilis Max 4 tratt./ciclo Erbe fresche CP Piridate Vietato in coltura protetta Foglie

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

La forza della Natura

La forza della Natura INSETTICIDA DI DERIVAZIONE NATURALE La forza della Natura Insetticida di derivazione naturale a base di Spinosad efficace contro i più comuni parassiti dannosi Oltre 00 colture registrate Autorizzato in

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

INSETTICIDI ACARICIDI NEMATOCIDI

INSETTICIDI ACARICIDI NEMATOCIDI 47 INSETTICIDI ACARICIDI NEMATOCIDI APPLAUD PLUS ARAGOL L 40 BIOLID UP EPIK ERCOLE ETOPROSIP G KANEMITE MATACAR FL MINUET OIKOS RUNNER M SEQURA WG SIPCAMOL E SPARVIERO TREBON UP ZORO 1,9 EW 48 49 Applaud

Dettagli

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007

RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI ALIMENTARI, CAMPIONATI IN EMILIA-ROMAGNA NELL'ANNO 2007 Sezione Provinciale di Ferrara Sede Operativa: Via Bologna,534 44100 Chiesuol del Fosso (Fe) Tel. 0532 901211 Fax 0532 901241 RESIDUI DI PRODOTTI FITOSANITARI SU ORTOFRUTTICOLI FRESCHI ED IN ALTRE MATRICI

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura Il sigillo di garanzia DuPont Izon, applicato su tutte le confezioni consente di verificare con una semplice operazione visiva se il

Dettagli

Diserbare senz acqua si può, e conviene

Diserbare senz acqua si può, e conviene Edizione n. 34 del 29/11/04 www.phytomagazine.com Diserbare senz acqua si può, e conviene I risultati di prove eseguite con attrezzature per la distribuzione di erbicidi in assenza di diluizione con acqua

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE

LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE Viticoltura a S. Pietro di Feletto Aspetti e problematiche anno 2012 S. Pietro di Feletto, 1 Febbraio 2012 POSSIBILITÀ DI IMPIEGO DELLE TECNICHE DI COLTIVAZIONE BIOLOGICA, BIODINAMICA E INTEGRATA NELLE

Dettagli

VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA

VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA ATTI Giornate Fitopatologiche, 2006, I, 51-58 VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA M. FANTI, R. MAINES, G. ANGELI Istituto Agrario

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione Sansavini_p145-172_c06 24/03/2005 08:58 Pagina 145 6. L acqua e la tecnica dell irrigazione CristosXiloyannis, Rossano Massai, Bartolomeo Dichio 6.1. Il ruolo dell acqua nella pianta L acqua è il costituente

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Elaborato a cura dell Area Servizio Fitosanitario e Risorse

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA

LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE LE PRINCIPALI ALTERAZIONI DEL POMODORO IN SERRA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Dipartimento Interventi Infrastrutturali Servizio

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Leopoldo Tommasi IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Indice pag Principi base per l impostazione 2 Il terreno 2 La preparazione del terreno per l impianto 2 Concimazione e concimi 3 Il sovescio

Dettagli

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi.

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno PROVE DI NUTRIZIONE DELLA VITE NELLA ZONA DOC FRIULI ISONZO VITICOLTURA Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno Dal confronto tra concimazione tradizionale e fertirrigazione della

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione

Dettagli

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace.

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. er ulteriori informazioni www.suterra.com 1. os è il uffer? uffer è una tecnologia sviluppata in esclusiva da Suterra costituita

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica TECNICA Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica di Davide Di Domenico ( 1 ) Luigi Ruggeri ( 1 ) Guglielmo Pampiglione ( 2 ) Il problema dell inefficacia dei prodotti utilizzati

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Sicurezza ambiente Salute agricoltura R. Bassi, A. Bernard, F. Berta (Syngenta Crop Protection S.p.A.) - M. Calliera (Università Cattolica del

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata Laore Agenzia regionale per lo sviluppo in agricoltura Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta guida illustrata Riconoscimento e lotta alle principali

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli