Alcuni dati relativi al Settore tessile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcuni dati relativi al Settore tessile"

Transcript

1 Agenda Settore Tessile Situazione congiunturale in Italia e in Europa Situazione congiunturale del settore tessile - produzione industriale - fatturato - occupazione - bilancia commerciale (esportazioni, importazioni, saldo) Le tecnologie ICT per il settore tessile Azioni di governo Analisi società campione della Valle Seriana - Analisi di bilancio - Analisi organizzativa/processo HP di una nuova struttura: Consorzio Pag. 3

2 Alcuni dati relativi al Settore tessile ÿ In Italia il settore del tessile conta 552mila addetti e rappresenta il 12-13% del comparto manifatturiero: rispetto all'europa a 15 quello italiano pesa per un terzo di tutto il tessile abbigliamento e, se invece si guarda all'europa a 25, il peso è di un quarto. Allargando lo sguardo a tutta l'europa si deve parlare di 170mila imprese e di 2,5milioni di addetti. ÿ Nella sola Lombardia si concentra un terzo del tessile italiano ÿ Dal 2001 al 2003 hanno chiuso i battenti oltre imprese, con un perdita di circa 46mila posti di lavoro. Pag. 4

3 ÿ Con un incidenza di circa il 2% sul PIL nazionale, il settore tessile è uno dei settori più importanti dell industria italiana, con un rilevante peso nello scenario mondiale. ÿ Il tradizionale fattore di successo del tessile italiano è la capacità di coniugare innovazione, moda, stile creativo con le tecnologie produttive. ÿ Negli ultimi anni il settore tessile italiano si trova impegnato da nuovi fronti competitivi: i paesi a basso costo del lavoro e i paesi ad alti livelli di investimenti che consentono elevati standard qualitativi. In queste difficili situazioni di mercato, la vitalità dell imprenditoria nazionale si deve confermare con nuove strategie, nuovi prodotti, migliore qualità, flessibilità e personalizzazione che consentano di valorizzare il settore moda. ÿ L industria tessile, composta per la stragrande maggioranza da imprese piccole o piccolissime, si caratterizza per una elevata frantumazione del ciclo produttivo tra imprese specializzate nella lavorazione di diverse fibre/filati in una o più fasi del ciclo medesimo. Pag. 5

4 Italia-investimenti nell'industria cotoniera-liniera (Valori in milioni di ) 600 Dal 2000 anche industria della nobilitazione Fonte ATI Rielaborati da IIR Industria Cotoniera-Liniera Industria della Nobilitazione Pag. 6

5 Italia-investimenti nell'industria cotoniera-liniera (Valori in milioni di ) 400 Dal 2000 anche industria della nobilitazione Fonte ATI Rielaborati da IIR Pag. 7

6 Scissione della Value Chain per capire dove le sinergie creano valore o concorrenza. Filiera di produzione Tessile/Abbigliamento Fornitura INPUT Produzione Beni primari Sistema distributivo Mercato Design Materie prime Fibre Tinture Produzione Produzione di di Tessuti Tessuti e e filati filati Produzione Produzione di di abbigliamento abbigliamento Distribuzione Distribuzione Cliente Cliente Macchinari Accessori Canali distributivi: Ingrosso Dettaglio Agenti/rappresentanti Pag. 8

7 Nella filiera di produzione T/A le grandi e piccolissime imprese coesistono ÿ La filiera è composta da aziende di cui circa il 90% è rappresentato da PMI di piccola o piccolissima dimensione (meno di 15 addetti). ÿ La capacità di innovare, l attenzione alla qualità dei materiali e dei processi, l equilibrio nei rapporti qualità/prezzo/servizio caratterizzano le aziende italiane. ÿ Numerose imprese di medie dimensioni sono spesso leader mondiali in particolari nicchie di mercato ÿ Le piccole imprese sono molto specializzate ed eccellono in una o più specifiche fasi della catena del valore Pag. 9

8 Produzione di filati, tessuti, stoffe LAVORAZIONI LAVORAZIONI SU SU FIBRE FIBRE Cardatura Pettinatura-ripettinatura Tintura Filatura LAVORAZIONI LAVORAZIONI SU SU FILATI FILATI Ritorcitura Roccatura Tintura su rocca Orditura Tessitura Creazione di maglie LAVORAZIONI LAVORAZIONI SU SU TESSUTI TESSUTI E STOFFE STOFFE Tintura in pezza Lavaggi Stampe Pieghettatura Rammendatura e pinzatura Stoffe Vellutazione Altri finissaggi e Nobilitazioni Pag. 10

9 La filiera è una unica grande azienda produttiva Controllo pezze Logistica Filati Tessuti Confezione MATERIE PRIME Trade Terzisti Tessuti Tintore Accessories Terzisti confezione Networks distribution La La competitività dipende dalle performance dell intera filiera Pag. 11

10 Non delocalizzare ma declientelizzare ÿil posizionamento lungo la filiera delle singole imprese condiziona e vincola rigidamente la formazione del prezzo; la soluzione a questa situazione va ricercata nella declientelizzazione e non nella delocalizzazione della produzione. ÿl imprenditore deve riuscire ad inserirsi in altre linee di produzione e altri mercati non lasciandosi condizionare esclusivamente dalla linea primaria cui appartiene. Pag. 12

11 Azienda nove Azienda otto Filati Azienda tre Azienda cinque Azienda sei Azienda sette Tessuti Azienda uno Azienda due Azienda quattro Controllo pezze Confezione Posizionamento Posizionamento delle delle aziende aziende Della Della Valle Valle Seriana Serianasulla Filiera Filiera di di Produzione Produzione Logistica MATERIE PRIME Trade Accessories Azienda dieci Networks distribution Terzisti Tessuti Azienda undici Terzisti confezione Azienda tredici Azienda dodici Azienda quattordici Azienda quindici Pag. 13

12 La copertura delle posizioni lungo la catena del valore ha un intensità disomogenea ÿ Le imprese del distretto industriale si concentrano su determinate posizioni lungo la filiera creando una saturazione del comparto e lasciando scoperte altre importanti fasi della Value Chain. ÿ La forte specializzazione delle imprese impedisce il loro passaggio ad altre micro/macro fasi della produzione. Pag. 14

13 Un esempio controtendenza: i Cinesi comprano a Prato Prendono la stoffa dai lanifici pratesi, esportano in Francia e in Germania, dirottano il grosso dei loro investimenti (esattamente il 73,58% del totale) sul mercato locale. Si tratta di una realtà dinamica che nel 2004 ha fatturato milioni, producendo un totale di milioni di capi e utilizzando milioni di metri di stoffa, il 57% dei quali acquistati da lanifici pratesi*. *Fonte: confartigianato di Prato Opportunità da cogliere nella misura in cui si possa realizzare un allungamento della filiera inteso anche come possibilità di arrivare al prodotto finito e confezionato e traendo da quest ultimo un valore aggiunto per il distretto. Pag. 15

Catena del valore A. Romano Team

Catena del valore A. Romano Team Catena del valore MODELLO COMPLESSO DI INPUT/OUTPUT INPUT/RISORSE Materiali Uomini Capitali Energie Tecnologie Know-How Obiettivi Processo di Trasformazione Flusso fisico Flusso informativo Flusso economico/finanziario

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD14U ATTIVITÀ 17.11.0 ATTIVITÀ 17.12.1 PREPARAZIONE DELLE FIBRE DI LANA E ATTIVITÀ 17.12.2 FILATURA DELLA LANA CARDATA E DI ALTRE

STUDIO DI SETTORE UD14U ATTIVITÀ 17.11.0 ATTIVITÀ 17.12.1 PREPARAZIONE DELLE FIBRE DI LANA E ATTIVITÀ 17.12.2 FILATURA DELLA LANA CARDATA E DI ALTRE STUDIO DI SETTORE UD14U ATTIVITÀ 17.11.0 PREPARAZIONE E FILATURA DI FIBRE TIPO COTONE ATTIVITÀ 17.12.1 PREPARAZIONE DELLE FIBRE DI LANA E ASSIMILATE, CARDATURA ATTIVITÀ 17.12.2 FILATURA DELLA LANA CARDATA

Dettagli

OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI

OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI a cura di R&I srl Relatore Daniela Bigarelli Presentazione Bologna, 4 febbraio 2016 EMILIA-ROMAGNA Fashion Quale politica industriale

Dettagli

Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi

Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi Serafino Pitingaro Centro Studi Unioncamere Veneto 1/14 Il sistema moda: un eccellenza del Made in Italy Per sistema moda si intende qui l

Dettagli

FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale

FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale Torino, 20 Marzo 2006 Presentazione a cura di Luca Pignatelli e Mauro Zangola dell Ufficio Studi Economici dell Unione Industriale

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sui produttori di filati e lanifici RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sui lanifici e sui produttori

Dettagli

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO 8. TESSILE ABBIGLIAMENTO I NUMERI DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO AL 31/12/2015 Imprese 2.459 di cui artigiane 1.573 Localizzazioni 2.814 dati Registro Imprese Il settore tessileabbigliamento della provincia

Dettagli

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO. Como, 22 giugno 2017

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO. Como, 22 giugno 2017 OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO Como, 22 giugno 2017 Fatturato nel Tessile-Abbigliamento italiano e comasco 105 Indici sul fatturato a confronto (media 2008 = 100) 100 100 95 95,1 95,7 97 99,2 97

Dettagli

LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi. 6 aprile 2017

LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi. 6 aprile 2017 LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi 6 aprile 2017 La filiera della Moda La Moda dell Emilia-Romagna comprende un ampia gamma di produzioni che coprono l intera filiera di prodotto,

Dettagli

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO 8. TESSILE ABBIGLIAMENTO I NUMERI DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO AL 31/12/2016 Imprese 2.373 di cui artigiane 1.506 Localizzazioni 2.733 dati Registro Imprese Il settore tessileabbigliamento della provincia

Dettagli

Il contesto economico nel 2013

Il contesto economico nel 2013 Il contesto economico nel 2013 Gran parte del mondo è ancora alle prese con i problemi e le cicatrici ereditate dalla crisi Gli Stati Uniti si interrogano sulla sostenibilità di lungo periodo della politica

Dettagli

Due fenomeni negli ultimi anni Crollo delle commesse Delocalizzazione produttiva. Pag. 79

Due fenomeni negli ultimi anni Crollo delle commesse Delocalizzazione produttiva. Pag. 79 Agenda Settore Tessile Situazione congiunturale in Italia e in Europa Situazione congiunturale del settore tessile - produzione industriale - fatturato - occupazione - bilancia commerciale (esportazioni,

Dettagli

PRODOTTI LANA E MISTI COTONE E MISTI SETA/SINTETICI. ALTRE FIBRE (specificare)

PRODOTTI LANA E MISTI COTONE E MISTI SETA/SINTETICI. ALTRE FIBRE (specificare) TESSITURA PRODOTTI LANA E MISTI COTONE E MISTI SETA/SINTETICI ALTRE FIBRE (specificare) ------------------------------------ ------------------------------------------------------------------------ ATTIVITA

Dettagli

Scenari evolutivi del settore moda

Scenari evolutivi del settore moda 7 Convegno Assochange Scenari evolutivi del settore moda Michele Tronconi Presidente di Sistema Moda Italia LIUC, 29/06/2011 1 Di cosa parleremo La dynamic legacy del made in Italy: la continua reinvenzione

Dettagli

SISTEMA MODA E MANIFATTURIERO A CONFRONTO. EMILIA-ROMAGNA

SISTEMA MODA E MANIFATTURIERO A CONFRONTO. EMILIA-ROMAGNA SISTEMA MODA E MANIFATTURIERO A CONFRONTO. EMILIA-ROMAGNA VARIAZIONE DELLA PRODUZIONE DAL 2003 AL 2015 SISTEMA MODA E MANIFATTURIERO A CONFRONTO. EMILIA-ROMAGNA CONTRAZIONE DELLA PRODUZIONE DAL 2003 AL

Dettagli

IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO

IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO Giovanni Barbieri Direttore statistiche strutturali su imprese ed istituzioni, commercio estero e prezzi al consumo Stefano Menghinello Dirigente

Dettagli

La centralità delle filiere produttive in Italia e in Piemonte

La centralità delle filiere produttive in Italia e in Piemonte La centralità delle filiere produttive in Italia e in Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Torino, 9 maggio 2017 al 3 posto in Italia per avanzo commerciale 1 Avanzo commerciale nel settore manifatturiero

Dettagli

NOBILITAZIONE TESSILE

NOBILITAZIONE TESSILE NOBILITAZIONE TESSILE PRODOTTI TRATTATI FIOCCO FILATI TESSUTI ORTOGONALI TESSUTI A MAGLIA CAPI TRATTAMENTI TINTURA STAMPA FINISSAGGIO SITUAZIONE E TENDENZE Un anello della filiera tessile fortemente sollecitato

Dettagli

I distretti della moda in Toscana. Centro Studi Confindustria Toscana

I distretti della moda in Toscana. Centro Studi Confindustria Toscana I distretti della moda in Toscana Centro Studi Confindustria Toscana I distretti e le loro caratteristiche Le principali caratteristiche Il distretto industriale è un agglomerazione di imprese, di piccola

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulle e sulle RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende conto terzi e SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Roma, 12 dicembre 2006 L INSERIMENTO DELLE MEDIE IMPRESE NELLE FILIERE E IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

1. L'evoluzione del settore tessile abbigliamento. 1.1 Il settore a livello nazionale

1. L'evoluzione del settore tessile abbigliamento. 1.1 Il settore a livello nazionale 1. L'evoluzione del settore tessile abbigliamento 1.1 Il settore a livello nazionale Nel periodo 2000-2003, il progressivo peggioramento del contesto economico, caratterizzato da una difficile congiuntura

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO DI SVILUPPO LOCALE

PROGETTO INTEGRATO DI SVILUPPO LOCALE Analisi dei principali punti di forza e di debolezza e dei rischi e delle opportunità della situazione territoriale, socio-economica e ambientale (Analisi SWOT): Analisi territoriale Il territorio di riferimento

Dettagli

Politica industriale e strategie globali

Politica industriale e strategie globali Politica industriale e strategie globali GIANFRANCO VIESTI Università di Bari (gviesti@cerpemricerche.191.it twitter @profgviesti) Milano, 24 marzo 2015 Associazione Industrie Beni di Consumo 1 Gli elementi

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sui produttori di filati e lanifici RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sui lanifici e sui produttori

Dettagli

Indagine sui lanifici e sui produttori di filati SINTESI DEI RISULTATI

Indagine sui lanifici e sui produttori di filati SINTESI DEI RISULTATI RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sui lanifici e sui produttori di filati SINTESI DEI RISULTATI Prato, 2 marzo 2015 Percorso del progetto "Filiera" Rilevazioni effettuate Aziende

Dettagli

Valutazione economica dell integrazione della comunità cinese a Prato: una analisi basata sulla SAM Provinciale bi-etnica

Valutazione economica dell integrazione della comunità cinese a Prato: una analisi basata sulla SAM Provinciale bi-etnica Valutazione economica dell integrazione della comunità cinese a Prato: una analisi basata sulla SAM Provinciale bi-etnica Stefano Rosignoli - IRPET XXXVII Conferenza scientifica annuale AISRe Ancona, 22

Dettagli

Indagine Congiunturale

Indagine Congiunturale 1 febbraio 2018 Indagine Congiunturale Mercato e industria cosmetica Fabio Rossello Presidente Cosmetica Italia 1 IL QUADRO MACROECONOMICO DI SINTESI Italia Paesi area euro Usa PIL 1,6 1,5 0,9 1,0 2,4

Dettagli

Tecnico tessile - Tecnologo perito tessile

Tecnico tessile - Tecnologo perito tessile Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Professioni NUP/ISTAT correlate Tecnico tessile - Tecnologo perito tessile 3.1.3.7.2 - Disegnatori tessili 3.3.1.5.0 - Tecnici dell'organizzazione e della gestione

Dettagli

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2013 Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte La dinamica del Pil italiano variazioni % tendenziali, valori

Dettagli

Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna.

Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna. Al Sig. Sindaco di Carpi Al Presidente del Consiglio comunale Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna. Preso atto che: - Il settore tessile

Dettagli

5. SETTORI INDUSTRIALI

5. SETTORI INDUSTRIALI 5. SETTORI INDUSTRIALI Dopo un 2000 all insegna di indicatori con valori positivi da record, nel 2001 l industria provinciale si è fermata ai livelli produttivi del 1999, i più bassi in serie storica degli

Dettagli

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte Economia biellese 2011: Numeri e tendenze Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte 1 L epicentro della crisi 800.000 La dinamica del Pil italiano Andamento

Dettagli

IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE. 04 aprile 2016

IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE. 04 aprile 2016 IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE 04 aprile 2016 Il sistema produttivo piemontese 1. Sono tante o poche? 2. Sono di più o di meno rispetto al passato? 442.862 imprese registrate

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 TAC (Tessile Abbigliamento Calzature) e Sistema Moda

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO

CAPITOLO PRIMO IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO CAPITOLO PRIMO IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO 1.1 Il settore tessile-abbigliamento All interno del sistema moda esistono due grandi filiere: quella del tessile abbigliamento e quella della pelle calzature

Dettagli

Gian Luca Bagnara Commercializzazione e Qualità: fra scenario internazionale e sviluppo locale

Gian Luca Bagnara Commercializzazione e Qualità: fra scenario internazionale e sviluppo locale Gian Luca Bagnara Commercializzazione e Qualità: fra scenario internazionale e sviluppo locale Barga (LU), 6-8 Ottobre 2016 1 Sicurezza alimentare: accesso al cibo come obiettivo strategico di sicurezza

Dettagli

I MPR P ESE S I TA T L A IAN A E E MERCA C T A I T E MERGENT N I T Fabio Cassia

I MPR P ESE S I TA T L A IAN A E E MERCA C T A I T E MERGENT N I T Fabio Cassia 15. IMPRESE ITALIANE E MERCATI EMERGENTI Fabio Cassia Esportazioni: quote dell Italia in volume e a valore Fonte: ICE, 2009. 2 Esportazioni: quote dell Italia in volume e a valore Selezione delle imprese

Dettagli

Concorrenza in Italia:

Concorrenza in Italia: Concorrenza in Italia: benefici per famiglie e imprese. Una simulazione Paolo Onofri Milano, 30 gennaio 2008 Alcuni settori problematici secondo l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Energia

Dettagli

COMPETENZE ABILITA ORE FRON TALI

COMPETENZE ABILITA ORE FRON TALI COMPETENZE ABILITA ORE FRON TALI 1 Fibre naturali e fibre chimiche - Riconoscere le correlazioni tra la composizione chimica di una fibra tessile e le sue proprietà - Essere consapevoli degli utilizzi

Dettagli

ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING

ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING Rapporto annuale e congiuntura Struttura e performance Due leve per la crescita Rapporto annuale e congiuntura L economia mondiale nel 2015 e le previsioni

Dettagli

Roberto Zavatta. 17 Febbraio 2004

Roberto Zavatta. 17 Febbraio 2004 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE NELLA PROVINCIA DI MODENA Roberto Zavatta 17 Febbraio 2004 CONTENUTI L internazionalizzazione Dati di base Alcuni tratti salienti Implicazioni e considerazioni L INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012 Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Introduzione: gli obiettivi e la metodologia utilizzata

Dettagli

La congiuntura dell indotto Pharmintech

La congiuntura dell indotto Pharmintech Executive summary La congiuntura dell indotto Pharmintech (stima II semestre 2009 e previsioni I semestre 2010) 1. Introduzione L Ufficio Studi dell Osservatorio Pharmintech ha portato a termine la seconda

Dettagli

Le maggiori aziende italiane produttrici di abbigliamento moda donna

Le maggiori aziende italiane produttrici di abbigliamento moda donna LA CONGIUNTURA A PRATO LUGLIO 2011 IN COLLABORAZIONE CON: CNA Artigianato Pratese CONFARTIGIANATO di Prato Le maggiori aziende italiane produttrici di abbigliamento moda donna m.ni Eur 2009 36 imprese

Dettagli

RECUPERO CALORE IN INDUSTRIA TESSILE!

RECUPERO CALORE IN INDUSTRIA TESSILE! RECUPERO CALORE IN INDUSTRIA TESSILE!! CASO STUDIO! Ing. Paolo Paglierani! EGE certificato Secem UNI CEI 11339! Contenuti:! il processo produttivo e i fabbisogni energetici in un industria tessile Importanza

Dettagli

L impatto dei corrieri espresso per l economia e la competitività Italiana

L impatto dei corrieri espresso per l economia e la competitività Italiana O X F O R D E C O N O M I C S L impatto dei corrieri espresso per l economia e la competitività Italiana Settembre 2007 Ricerca realizzata da Oxford Economics con il Centro Studi Confindustria L impatto

Dettagli

SOSTENIBILITA DI PENSIERO PER UNA GIUSTA ECONOMIA LA MODA COME VEICOLO SOCIALE ED ECONOMICO

SOSTENIBILITA DI PENSIERO PER UNA GIUSTA ECONOMIA LA MODA COME VEICOLO SOCIALE ED ECONOMICO + SOSTENIBILITA DI PENSIERO PER UNA GIUSTA ECONOMIA LA MODA COME VEICOLO SOCIALE ED ECONOMICO + Sostenibilità di pensiero Oggi il concetto di sostenibilità non è ristretto solo a determinati ambiti, ma

Dettagli

Un Sud che può ripartire

Un Sud che può ripartire PIU IMPRESA AL SUD PIU FORZA ALLA RIPRESA Rapporto PMI Mezzogiorno 2016 Un Sud che può ripartire Massimo DEANDREIS Direttore Generale SRM 20 aprile 2016 Agenda 1 L economia meridionale al 2015 2 Le caratteristiche

Dettagli

LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo

LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo 6 dicembre 2011 Massimo Deandreis, Direttore Generale SRM AGENDA La MODA nel Made in Italy Il settore della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA

COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA COMUNICATO STAMPA IL RUOLO DEL TURISMO NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA CAMPANIA Rapporto sul settore turistico della Campania realizzato da SRM, Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, in collaborazione con

Dettagli

Imprenditori e imprenditorialità dell industria cosmetica in Italia

Imprenditori e imprenditorialità dell industria cosmetica in Italia Imprenditori e imprenditorialità dell industria cosmetica in Italia Le dinamiche di un settore protagonista del Made in Italy Andrea Colli Università Bocconi Milano, 6 novembre 2007 La ricerca L evoluzione

Dettagli

Rapporto province lombarde

Rapporto province lombarde Brescia, 6 dicembre 2016 Rapporto province lombarde Struttura, andamento ed eccellenze del tessuto produttivo lombardo LETIZIA SAMPOLI Responsabile analisi qualitative e rischio settoriale, Centrale dei

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 24 Febbraio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

IL MERCATO DELLE FRAGOLE

IL MERCATO DELLE FRAGOLE IL MERCATO DELLE FRAGOLE TENDENZE RECENTI E DINAMICHE ATTESE Mario Schiano lo Moriello Ismea www.ismea.it www.ismeaservizi.it 21/01/2014 GLI ELEMENTI DI CRITICITA aumento dei costi di produzione (concimi,

Dettagli

La congiuntura a Prato

La congiuntura a Prato Unione Industriale Pratese La congiuntura a Prato N. 25 Novembre Indagine realizzata da C.C.I.A.A. Prato e Unione Industriale Pratese in collaborazione con CNA Artigianato Pratese e Confartigianato Prato

Dettagli

I caratteri strutturali del sistema Paese Italia

I caratteri strutturali del sistema Paese Italia I caratteri strutturali del sistema Paese Italia a cura di Ugo Lassini Vicenza, 02 aprile 2008 Agenda Il sistema delle imprese italiane: Caratteri strutturali Numerosità, dimensioni e composizione settoriale

Dettagli

LA FILIERA DELLA LANA IN TOSCANA: UN'OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO

LA FILIERA DELLA LANA IN TOSCANA: UN'OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO Accademia dei Georgofili LA FILIERA DELLA LANA IN TOSCANA: UN'OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO Marco Benvenuti Convegno Agritettura 26 Maggio 2016 1 LO SCENARIO: LA FILIERA DELLA LANA Consumo di lana a livello

Dettagli

Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa

Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa Adriano Maestri Direttore Regionale Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise Bologna, 19 novembre 2012 0 Criticità

Dettagli

Tessile: una filiera a rischio, dal campo all armadio. Lago di Aral -Uzbekistan - diminuito del 75% dal 1960

Tessile: una filiera a rischio, dal campo all armadio. Lago di Aral -Uzbekistan - diminuito del 75% dal 1960 1 Tessile: una filiera a rischio, dal campo all armadio Lago di Aral -Uzbekistan - diminuito del 75% dal 1960 Tessile: una filiera a rischio, dal campo all armadio Elevato impatto sociale nella fase industriale

Dettagli

Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy

Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Vicenza, 1 aprile 2016 PIL italiano in ripresa per

Dettagli

Lo stato di salute della filiera del legnoarredo. Il legnoarredo e Il territorio. 2016: si consolida la ripresa

Lo stato di salute della filiera del legnoarredo. Il legnoarredo e Il territorio. 2016: si consolida la ripresa RAPPORTO FLA 2016 Lo stato di salute della filiera del legnoarredo 2016: si consolida la ripresa L andamento del nostro settore nel 2015 e nel 2016 ha mostrato segnali di ripresa significativi dopo i lunghi

Dettagli

Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo ( )

Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo ( ) Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo (2004-2009) Arezzo, 11 febbraio 2010 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Premessa metodologica Fra il 2003

Dettagli

Industria e Artigianato. Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato

Industria e Artigianato. Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato Industria e Artigianato Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato 1 Premessa Le osservazioni riportate costituiscono una interpretazione dei principali risultati emersi

Dettagli

l industria Manifatturiera nell Economia del Friuli Venezia Giulia

l industria Manifatturiera nell Economia del Friuli Venezia Giulia l industria Manifatturiera nell Economia del Friuli Venezia Giulia aprile 2017 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Peso del comparto

Dettagli

LA DIFFICILE USCITA DALLA CRISI: le prospettive della Toscana

LA DIFFICILE USCITA DALLA CRISI: le prospettive della Toscana LA DIFFICILE USCITA DALLA CRISI: le prospettive della Toscana Stefano Casini Benvenuti Firenze, 11 dicembre 2015 La gravità della crisi 1867-72 1930-36 2008-14 Durata complessiva 6 anni 7 anni 7 anni Anni

Dettagli

La descrizione del sistema economico pratese distinto per etnie attraverso le matrici di contabilità 普拉托经济系统的详细调查及社会核算矩阵. Stefano Rosignoli - IRPET

La descrizione del sistema economico pratese distinto per etnie attraverso le matrici di contabilità 普拉托经济系统的详细调查及社会核算矩阵. Stefano Rosignoli - IRPET La descrizione del sistema economico pratese distinto per etnie attraverso le matrici di contabilità 普拉托经济系统的详细调查及社会核算矩阵 Stefano Rosignoli - IRPET Il sistema relazionale ed economico delle imprese cinesi

Dettagli

Commercio internazionale e crescita in Italia

Commercio internazionale e crescita in Italia Workshop L agroalimentare italiano nel commercio mondiale POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Commercio internazionale e crescita in Italia Donato Romano Università degli Studi di Firenze Obiettivi

Dettagli

LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY

LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY Sintesi della ricerca a cura della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo che verrà presentata in apertura del Festival

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO I DISTRETTI INDUSTRIALI E I SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI

GUIDA DI APPROFONDIMENTO I DISTRETTI INDUSTRIALI E I SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I DISTRETTI INDUSTRIALI E I SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI IN SARDEGNA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO IL QUADRO NORMATIVO... 3 GLI INTERVENTI PER FAVORIRE

Dettagli

IL SISTEMA LOGISTICO INTEGRATO

IL SISTEMA LOGISTICO INTEGRATO IL SISTEMA LOGISTICO INTEGRATO Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Eccellenze produttive e makers in Lombardia

Eccellenze produttive e makers in Lombardia Eccellenze produttive e makers in Lombardia UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO IMPRESE OSSERVATORIO MPI CONFARTIGIANATO LOMBARDIA 2 HIGHLIGHTS SU LA LOMBARDIA IN EUROPA E NEL MONDO Occupa le prime posizioni

Dettagli

Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna

Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna Università di Modena R&I srl e Reggio Emilia Ricerche e Interventi Dipartimento di Economia Politica di politica industriale e del lavoro Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna

Dettagli

LE IMPRESE DEL CONTO TERZI FARMACEUTICO IN ITALIA: NETWORK E DIGITALIZZAZIONE

LE IMPRESE DEL CONTO TERZI FARMACEUTICO IN ITALIA: NETWORK E DIGITALIZZAZIONE LE IMPRESE DEL CONTO TERZI FARMACEUTICO IN ITALIA: NETWORK E DIGITALIZZAZIONE ALESSANDRA BENEDINI GRUPPO PRODUTTORI CONTO TERZI MILANO, 6 OTTOBRE 2017 CDMO farmaceutico: un eccellenza che si rafforza con

Dettagli

LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA

LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA Strategie di mercato e organizzazione Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Milano, 21 aprile 2008 LE CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Gli effetti della crisi economica sul distretto del marmo di Carrara

Gli effetti della crisi economica sul distretto del marmo di Carrara XXXIII Conferenza scientifica annuale AISRe Sessione SO54 - GEI - Gruppo Economisti di Impresa Gli effetti della crisi economica sul distretto del marmo di Carrara Alga Foschi, Univ.Pisa, Ceris e GEI e

Dettagli

Brianza: imprese culturali e creative 2 trimestre 2015

Brianza: imprese culturali e creative 2 trimestre 2015 Brianza: imprese culturali e creative 2 trimestre 2015 A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Il Distretto Culturale Evoluto: cosa è? Il Distretto Culturale Evoluto di Monza

Dettagli

3. Il Commercio Internazionale

3. Il Commercio Internazionale 27 Bollettino di Statistica 3. Il Commercio Internazionale Aumenta l export napoletano Nei primi nove mesi del 2011 il valore a prezzi correnti delle esportazioni della provincia di Napoli ammonta ad oltre

Dettagli

Analisi Fabbisogni Settore Biotecnologico

Analisi Fabbisogni Settore Biotecnologico Analisi Fabbisogni Settore Biotecnologico I recenti dati pubblicati dall Istat e dalla Banca d Italia concordano nel confermare come in Italia il settore farmaceutico sia al primo posto nel panorama manifatturiero

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA IN LOMBARDIA 4 trimestre 2017

LA CONGIUNTURA ECONOMICA IN LOMBARDIA 4 trimestre 2017 In collaborazione con le Associazioni regionali dell Artigianato Confartigianato, CNA, Casartigiani e CLAAI LA CONGIUNTURA ECONOMICA IN LOMBARDIA 4 trimestre 2017 6 febbraio 2018 Variazione % LA CONGIUNTURA

Dettagli

Relazioni tra imprese, mercati e delocalizzazione

Relazioni tra imprese, mercati e delocalizzazione Relazioni tra imprese, mercati e delocalizzazione Davide Castellani Rapporto Economico e Sociale dell'umbria - RES 2014 " L'Umbria nella lunga crisi". 11/2/2015 Davide Castellani Dipartimento di Economia

Dettagli

INDICI DEL FATTURATO ESTERO ED ESPORTAZIONI DI MERCI

INDICI DEL FATTURATO ESTERO ED ESPORTAZIONI DI MERCI INDICI DEL FATTURATO ESTERO ED ESPORTAZIONI DI MERCI SUSANNA MANTEGAZZA - CARMELA PASCUCCI DIREZIONE DELLE STATISTICHE ECONOMICHE CONGIUNTURALI ISTAT CONFRONTO FRA FATTURATO ESTERO ED ESPORTAZIONI DI MERCI

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 14 giugno 2016 LE MEDIE IMPRESE: OPPORTUNITÀ E VINCOLI PER ACCOMPAGNARE LE FILIERE ITALIANE NELL INDUSTRIA 4.0 2014 3.334 L evoluzione recente e le previsioni

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2015

Annuario Istat-Ice 2015 Annuario Istat-Ice 2015 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività internazionali delle imprese Roberto Monducci Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche Istituto

Dettagli

FOCUS GROUP MECCANICA

FOCUS GROUP MECCANICA FOCUS GROUP MECCANICA BRESCIA AIB, Associazione Industriali Bresciani Country Development Plans Territorial & Sectorial Intelligence territorialandsectorialintelligence-italia@unicredit.eu 19 ottobre 2015

Dettagli

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Casale Monferrato, 8 giugno 2016 1 Premessa 2 I nuovi protagonisti della crescita 3 Focus

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Forlì, 30 gennaio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE IMPRESE

Dettagli

La formazione professionale che cambia

La formazione professionale che cambia La formazione professionale che cambia Firenze, 5 febbraio 2016 La formazione professionale in Toscana fra fabbisogni produttivi e opportunità occupazionali Nicola Sciclone IRPET - Istituto Regionale per

Dettagli

Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese I risultati dell indagine sulle filature cardate RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende

Dettagli

A rischio l artigianato manifatturiero pugliese Dal 2009 al 2013 «perse» attività, pari all 11,7% in meno

A rischio l artigianato manifatturiero pugliese Dal 2009 al 2013 «perse» attività, pari all 11,7% in meno * Indagine congiunturale sull artigianato manifatturiero in Puglia * A rischio l artigianato manifatturiero pugliese Dal 2009 al 2013 «perse» 2.360 attività, pari all 11,7% in meno Bari, 10/05/2013 - L

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 6 dicembre 2016 La crescita del PIL mondiale è diventata strutturalmente

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale addetto all attività

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale addetto all attività 13.10.00 Preparazione e filatura di fibre tessili 13.20.00 Tessitura 13.91.00 Fabbricazione di tessuti a maglia barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) 1

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD13U ATTIVITÀ 13.30.00 FINISSAGGIO DEI TESSILI, DEGLI ARTICOLI DI VESTIARIO E ATTIVITÀ SIMILARI Maggio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UD13U

Dettagli

La sfida della Cina e le ripercussioni sull economia italiana

La sfida della Cina e le ripercussioni sull economia italiana La sfida della Cina e le ripercussioni sull economia italiana Convegno Limes del 19 novembre 25 tenuto a Busseto Intervento del dott. Giovanni Fabbio Il quadro macroeconomico L economia cinese che oramai

Dettagli

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016 L industria chimica in Toscana Giugno 2016 Il comparto chimico in Italia Perchè la chimica è importante? Con 52 miliardi di euro prodotti la chimica italiana si colloca al 3 posto in Europa (al 10 nel

Dettagli

IL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO PER NEONATI E RAGAZZI

IL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO PER NEONATI E RAGAZZI IL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO PER NEONATI E RAGAZZI Fatturato ancora in crescita nel 2002 Il mercato dell abbigliamento per bimbi e ragazzi si è confermato, lo scorso anno, come uno dei più dinamici dell

Dettagli

IL SISTEMA COSMETICO ITALIANO

IL SISTEMA COSMETICO ITALIANO IL SISTEMA COSMETICO ITALIANO Università degli Studi di Milano Scienze del Farmaco 7 marzo 2016 Maurizio 10 luoghi comuni sulla cosmetica da sfatare 2 1. Sono quattro gatti 500 aziende associate a Cosmetica

Dettagli

Il settore Security in Italia

Il settore Security in Italia Il settore Security in Italia Una «controtendenza» che fa scuola, in un mercato pronto alle nuove sfide Rosario ROMANO Presidente ANIE SICUREZZA Chi siamo ANIE Federazione è una delle maggiori organizzazioni

Dettagli

CONGIUNTURA INDUSTRIA

CONGIUNTURA INDUSTRIA CONGIUNTURA INDUSTRIA Indagine sull industria manifatturiera della provincia di Biella 1 trimestre 2008 A cura dell Ufficio Studi CONGIUNTURA INDUSTRIA 1 TRIMESTRE 2008 L INDUSTRIA BIELLESE SEGNA ANCORA

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità Vicenza, 19 Maggio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst LE ESPORTAZIONI DI VICENZA E

Dettagli