Edema maculare diabetico e trattamento laser

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edema maculare diabetico e trattamento laser"

Transcript

1 Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO La retinopatia diabetica è una complicanza sia del tipo I sia del tipo II di diabete mellito. I processi per cui il diabete è in grado di provocare una maculopatia sembra che possano essere attribuiti ad una esposizione a livelli di iperglicemia per un prolungato periodo. I risultati derivati dal DCCT (Diabetes Control and Complications Trial) (5) dimostrano come un miglioramento del controllo glicemico impedisca la comparsa della retinopatia e, se già presente, ne rallenti la progressione. L edema maculare può distinguersi in clinicamente significativo o meno. Tale definizione è stata coniata dallo studio ETDRS (Early Treatment Diabetic Retinopathy Study), che ha individuato una correlazione statisticamente significativa tra i quadri biomicroscopici e il rischio di riduzione della acuità visiva (AV). Tale studio ha dimostrato l efficacia della fotocoagulazione maculare in pazienti con edema maculare clinicamente significativo: il trattamento in presenza di EMCS riduce significativamente il peggioramento della AV rispetto al gruppo di controllo (1). PAROLE CHIAVE: Retinopatia diabetica, Maculopatia, Edema maculare, Trattamento laser SUMMARY The diabetic retinopathy is a complication of the diabetes type I and II. The iperglicemia s change is the principal factor that induced a maculopathy. The results of DCCT demonstrated that a better glicemic control reduced the progression of diabetic retinopathy. The macular edema is clinically significant or not. This definition was used by ETDRS and this study group found a statistical correlation with a reduced risk of blind vision. KEYWORDS: diabetic retinopathy, maculopathy, macular edema, laser treatment. 1. RETINOPATIA DIABETICA 1.1 Epidemiologia La retinopatia diabetica è una complicanza vascolare altamente specifica sia del tipo I sia del tipo II di diabete mellito e costituisce oggi, nel mondo occidentale, la principale causa di cecità in pazienti di età compresa tra 20 e 64 anni (1,2). 1.2 Patogenesi I processi per cui il diabete è in grado di provocare una retinopatia ed una maculopatia diabetica non sono del tutto chiari. Si pensa che l esposizione a livelli di iperglicemia per un prolungato periodo di tempo risulti in un numero di cambiamenti biochimici e fisiologici comprendenti la perdita dei periciti e l ispessimento della membrana basale con alterazione del lume capillare e scompenso della barriera endoteliale. 1.3 Classificazione La retinopatia diabetica è classificata in uno stadio precoce, retinopatia diabetica non proliferante (RDNP) e, in uno stadio più avanzato, retinopatia diabetica proliferante (RDP). La RDNP è ulteriormente distinta in: lieve, moderata, grave o molto grave. La RDP viene parimenti suddivisa in: lieve, moderata, ad alto rischio ed avanzata. L edema maculare può essere presente a qualsiasi livello di retinopatia diabetica (3,4). 1.4 Terapia Qualunque sia il grado della retinopatia diabetica, è importante accertarsi che tutto ciò che concerne lo stato del diabete del paziente sia sotto controllo ottimale. I risultati derivati dal DCCT (Diabetes Control and Complications Trial) (5) dimostrano come un miglioramento del controllo glicemico impedisca la comparsa della retinopatia e, se già presente, ne rallenti la progressione. Di fatto, i due elementi di cui sia stata dimostrata con un alto livello di evidenza la capacità di influenzare positivamente il decorso della malattia oculare, sono il miglioramento del controllo glicemico e l effettuazione rigo-

2 rosa, per tutta la vita, di controlli oculistici regolari e di laser-fotocoagulazione e/o vitrectomia, se necessario. Lo studio ETDRS (Early Treatment Diabetic Retinopathy Study), il DRS (Diabetic Retinopathy Study) e il DRVS (Diabetic Retinopathy Vitrectomy Study), i più importanti trials clinici multicentrici, randomizzati, controllati per la retinopatia diabetica, hanno grandemente contribuito alle decisioni sul trattamento clinico. 2 EDEMA MACULARE L edema maculare (EM) la manifestazione clinicamente più rilevante della retinopatia diabetica non proliferante (RDNP) è la maggiore causa di cecità legale nella popolazione diabetica negli U.S.A. L incidenza è dell 8,2% nei pazienti più giovani e del 5,2% nei pazienti più vecchi con malattia diabetica da più di quattro anni (2,3). L incremento della vita media della popolazione in generale, inclusa quella diabetica, fa presumere un incremento dell EM, dato che è la durata del diabete il fattore di rischio più importante per l insorgenza della retinopatia (4). All origine della malattia oggetto del nostro studio è la capillaropatia diabetica. Come dicevamo all inizio in corso di diabete si verifica un alterazione dei capillari endoteliali perimaculari che comporta la rottura della barriera ematoretinica interna e il conseguente stravaso sieroso e di lipoproteine nello spazio intercellulare maculare. La macula, regione centrale della retina, ha un diametro di circa 5,5 mm. La fovea (diametro = 1500 micron), al centro della macula e la foveola (diametro = 350 micron) a sua volta al centro della fovea, costituiscono la porzione più sottile della macula e dell intera retina. Ciò per permettere la minor interferenza possibile tra la luce e i fotorecettori centrali, deputati alla percezione visiva di massima definizione. Così, la foveola è costituita dai soli fotorecettori e dai loro assoni. Questi sono particolarmente lunghi e a decorso obliquo a raggiungere gli altri strati retinici ammassati all esterno della foveola e che aumentano di spessore più ci si allontana dalla fovea. I capillari,che si distribuiscono su due strati (superficiale e profondo) nell intera retina, in prossimità della foveola si riuniscono in monostrato e si fermano, costituendo un area priva di capillari, centrata dalla foveola, di circa 500 micron di diametro. Lo spazio extracellulare è solo virtuale nella retina normale. La presenza di liquido, o di depositi lipoproteici, nello spazio extracellulare della macula si traduce in interferenza nel processo della visione. L edema maculare clinicamente significativo (EMCS) è un quadro biomicroscopico caratterizzato da: Ispessimento retinico con interessamento della fovea o entro 500µ dal centro della fovea Presenza di essudati duri a livello della fovea o a 500µ da essa, se associati ad un ispessimento della retina adiacente Una o più zone di ispessimento retinico con dimensione uguale o superiore ad un area papillare entro un diametro papillare dalla fovea. Tale definizione è stata coniata dallo studio ETDRS (Early Treatment Diabetic Retinopathy Study), che ha individuato una correlazione statisticamente significativa tra i quadri biomicroscopici suddetti e il rischio di riduzione della acuità visiva (AV). Tale Studio ha dimostrato l efficacia della fotocoagulazione maculare in pazienti con edema maculare clinicamente significativo: il trattamento in presenza di EMCS riduce significativamente il peggioramento della AV rispetto al gruppo di controllo (5). 3. LA FOTOCOAGULAZIONE LASER 3.1 Fotocoagulazione focale Secondo lo studio ETDRS, in pazienti affetti da edema maculare diabetico clinicamente significativo (EMDCS) il rischio di una perdita di visus moderata ( 3 linee ETDRS) a 3 anni è del 30% se non si effettua un trattamento laser focale. Questo, infatti, ha ridotto il rischio al 15% (6), cioè approssimativamente di un 50%. Il trattamento focale ha anche aumentato la probabilità di miglioramento visivo di una o più linee ETDRS. La fotocoagulazione laser panretinica, d altra parte, non si è dimostrata efficace nel trattamento della maculopatia diabetica edematosa ed in alcuni casi ha comportato un peggioramento dell edema. È bene che gli occhi con edema maculare e retinopatia di grado severo rapidamente in progressione verso una forma proliferante ad alto rischio siano trattati con una fotocoagulazione focale dell edema maculare 6-8 settimane prima di iniziare un trattamento panretinico. Occhi con RDNP lieve o moderata e EMDCS presentano un andamento migliore dopo esclusivo trattamento focale immediato, rinviando il trattamento panretinico a fasi più avanzate di retinopatia e cioè una RDNP grave o RDP ad alto rischio. La posticipazione del trattamento panretinico a quello focale non aumenta il rischio di grave perdita visiva, se non in presenza di retinopatia rapidamente progressiva purché si facciano sempre controlli accurati. In occhi con RDP ad alto rischio di solito è preferibile non posticipare la panfotocoagulazione. Lo studio ETDRS (7), ha dimostrato che gli occhi sottoposti a trattamento focale non hanno subìto una significativa compromissione del campo visivo centrale o della visione dei colori, a differenza degli occhi in cui il trattamento focale era stato rimandato. Gli effetti dannosi di un trattamento precoce, rappresentati da un restringimento periferico del campo visivo, sembrano essere per lo più dovuti alla fotocoagulazione panretinica e che l insorgenza di scotomi paracentrali sia l esito di spot 19

3 20 ARTICOLI SCIENTIFICI confluenti in vicinanza della fovea. Dal momento che il principale beneficio da raggiungere con il trattamento è quello di prevenire un ulteriore diminuzione dell acuità visiva, bisognerebbe prendere in considerazione un trattamento laser focale per tutti gli occhi con EMDCS, specialmente se il centro della macula è minacciato o coinvolto e questo anche in presenza di una normale acuità visiva. 3.2 Fotocoagulazione panretinica Nel 1976 lo studio DRS aveva dimostrato che la fotocoagulazione panretinica era efficace nel ridurre il rischio di grave perdita visiva (ca 6 linee ETDRS) in pazienti affetti da RDP ad alto rischio, ma non aveva chiarito se fosse meglio un trattamento precoce o differito, a meno che non vi fossero già i segni di progressione verso la RDP ad alto rischio. Così uno dei problemi che si pose lo studio ETDRS fu se una fotocoagulazione panretinica precoce, prima cioè dello sviluppo della RDP ad alto rischio, giustificasse gli effetti collaterali e i rischi legati al trattamento laser. Nello studio ETDRS, il trattamento precoce, rispetto al rinvio della fotocoagulazione fino alla comparsa della RDP ad alto rischio, si associò ad una modesta riduzione dell incidenza di grave perdita visiva, ma l incidenza di grave perdita visiva a 5 anni fu bassa per entrambi i gruppi (2.6% e 3.7% rispettivamente). Quando è possibile eseguire controlli accurati, non è raccomandato sottoporre occhi con RDNP lieve o moderata a laser-terapia panretinica (8). Quando la retinopatia è più avanzata (RDNP grave o molto grave e RDP lieve), la fotocoagulazione panretinica dovrebbe essere presa in considerazione e, di norma, non dovrebbe essere rimandata se l occhio ha raggiunto lo stadio proliferante ad alto rischio (8). Bisognerebbe prendere in considerazione un trattamento panretinico immediato anche in occhi con neovascolarizzazione dell angolo della camera anteriore già in atto o incombente, che sia presente o meno una retinopatia ad alto rischio. 3.3 Protocollo terapeutico Il programma terapeutico per il trattamento della retinopatia diabetica consiste in: (1) iniziale fotocoagulazione panretinica quando la retinopatia diabetica si avvicini allo stadio ad alto rischio o lo raggiunga; (2) controlli accurati ad intervalli di 4 mesi dopo il trattamento; (3) nuovo trattamento di lesioni persistenti o recidivanti trattabili; (4) trattamento focale dell edema maculare prima della fotocoagulazione panretinica per ridurre il rischio che l edema possa peggiorare in seguito alla panfotocoagulazione. Durante il follow-up si impiegano varie strategie. Le lesioni oculari da considerare più attentamente sono: nuove vascolarizzazioni sia piatte sia rilevate; un EMDCS nuovo, persistente o recidivante e, raramente, vasi afferenti alla NVD. I metodi di trattamento includono: trattamento panretinico aggiuntivo, fotocoagulazione loca- le della NVND e fotocoagulazione focale dell EMDCS. La fotocoagulazione panretinica aggiuntiva può essere effettuata disponendo i nuovi impatti tra quelli del precedente trattamento a meno che non siano già confluenti, prestando attenzione che l estensione del nuovo trattamento non distrugga totalmente la funzionalità retinica. In sintesi, la fotocoagulazione panretinica riduce significativamente la grave perdita visiva da RDP. Sia una fotocoagulazione panretinica precoce, effettuata prima che si sviluppi una RDP ad alto rischio, che un trattamento differito a quando questa si sia già sviluppata, riducono il pericolo di una grave perdita del visus; i tassi di grave perdita visiva sono bassi in entrambi i gruppi. Di conseguenza, si raccomanda di non effettuare il trattamento panretinico nelle RDNP lievi o moderate. Per quanto riguarda la RDNP grave e la RDP lieve, la panretinica è necessaria quando non sono possibili controlli frequenti ed accurati o quando la malattia tende a peggiorare rapidamente. 3.4 Controindicazioni ed effetti collaterali La panfotocoagulazione dovrebbe generalmente essere evitata in aree di prominenti membrane fibrovascolari, trazioni vitreoretiniche e distacco retinico trazionale. A dispetto della regressione clinica delle neovascolarizzazioni, si possono verificare episodi di contrazione fibrovascolare in grado di provocare ricorrenti emorragie vitreali e distacco retinico trazionale o regmatogeno. Effetti collaterali degni di nota associati con la fotocoagulazione panretinica includono un decremento nella visione notturna, nella visione dei colori e/o periferica come anche una perdita di 1 o 2 linee di acuità visiva in alcuni pazienti. Ulteriori effetti collaterali comprendono abbagliamento, temporanea perdita di accomodazione, fotopsie, scotoma paracentrale, aumento transitorio dell edema/diminuzione del visus, neovascolarizzazione coroideale, fibrosi sottoretinica (9).

4 Alcuni casi personali con edema maculare sottoposti a trattamento laser ARTICOLI SCIENTIFICI Pz.1 edema maculare pre-trattamento 21 Pz.1 post-trattamento

5 Pz.2 edema maculare pre-trattamento 22 Pz.2 post-trattamento BIBIOGRAFIA 1) Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Research Group. Results from the Early Treatment Diabetic Retinopathy Study. Ophthalmol 1991;98: ) Flynn HW Jr, Smiddy WE, eds. Diabetes and Ocular Disease: Past, Present and Future Therapies. Ophthalmology Monograph 14. San Francisco: American Accademy of Ophthalmology; ) Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Research Group. Grading diabetic retinopathy from stereoscopic color fundus photographs-an extension of the modified Airlie House classification. ETDRS Report Number 10. Ophthalmol 1991;98: ) Davis MD. Proliferative diabetic retinopathy. In: Ryan SJ, ed. Retina. 2 nd ed. St Louis: Mosby; 1994: ) DCCT Research Group: The effects of intensive treatment of diabetes on the development and progression of long term complications in Insulin-Dependent Diabetes Mellitus. N Engl J Med 1993; 329: ) Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Report Number 1: Photocoagulation for diabetic macular edema. Arch Ophthalmol 1985;103: ) Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Report Number 2: Treatment techniques and clinical guidelines for photocoagulation of diabetic macular edema. Ophthalmol 1987;94: ) Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Report Number 9: Early photocoagulation for diabetic retinopathy. Ophthalmol 1991;98: ) Fong DS, Segal PP, Myers F et al. Subretinal fibrosis in diabetic macular edema. ETDRS Report 23. Early Treatment Diabetic Retinopathy Study Research Group. Arch Ophthalmol. 1997;115: Autore di riferimento: Dr. Annibale Del Re Centro Oculistico Del Re Corso Vittorio Emanuele n Salerno

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi E UNA DELLE COMPLICANZE VASCOLARI DEL DIABETE Il Diabete è un anomalia del metabolismo del glucosio dovuta ad alterata produzione dell insulina che si manifesta con una elevata glicemia. 10-15% diabete

Dettagli

Edema Maculare Diabetico: L Intrattabile L

Edema Maculare Diabetico: L Intrattabile L Edema Maculare Diabetico: L Intrattabile L? Fabrizio Camesasca Paolo Vinciguerra UOC Oculistica IRCCS Istituto Clinico Humanitas Responsabile: Dott. P. Vinciguerra Rozzano - Milano Non ho interessi economici

Dettagli

Retinopatia Diabetica

Retinopatia Diabetica Retinopatia Diabetica Il diabete mellito (DM) è uno dei principali problemi della medicina in tutto il mondo. Fondamentalmente, è un anomalia del metabolismo del glucosio nel sangue, dovuta ad alterata

Dettagli

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Dr. U. Benelli R. Magritte The false mirror Patologia vascolare della retina Retinopatia diabetica Retinopatia ipertensiva

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA. A cura di: AMD-Associazione Medici Diabetologi

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA. A cura di: AMD-Associazione Medici Diabetologi LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA A cura di: AMD-Associazione Medici Diabetologi ANAAO-ASSOMED-Associazione Medici Dirigenti Consorzio

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA RETINA. L occhio. L occhio. Il vero trasduttore è la retina; tutto il resto serve a:

ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA RETINA. L occhio. L occhio. Il vero trasduttore è la retina; tutto il resto serve a: ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA RETINA Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria L occhio L occhio è un trasduttore che: Trasforma in segnale bioelettrico i fotoni che provengono dal mondo esterno (oggetti)

Dettagli

ADVANCED VITREORETINAL TECHNOLOGY CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare

ADVANCED VITREORETINAL TECHNOLOGY CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare Il PUCKER MACULARE E una membrana epiretinica maculare,che provoca come dice il termine stesso un raggrinzimento della retina.

Dettagli

Retinopatia Diabetica (RD) e Edema Maculare Diabetico (DME): sintomi, diagnosi e opzioni di trattamento

Retinopatia Diabetica (RD) e Edema Maculare Diabetico (DME): sintomi, diagnosi e opzioni di trattamento Retinopatia Diabetica (RD) e Edema Maculare Diabetico (DME): sintomi, diagnosi e opzioni di trattamento Rosangela Lattanzio Servizio Retina Medica Vasculopatie IRCCS Ospedale San Raffaele Università Vita-Salute,

Dettagli

Principali patologie oculari

Principali patologie oculari Principali patologie oculari Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Direttore: Prof. Marco Nardi Cosa è il Glaucoma? Gruppo di malattie in cui la pressione intraoculare è sufficientemente

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA A cura di: AMD-Associazione Medici Diabetologi ANAAO-ASSOMED-Associazione Medici Dirigenti Consorzio

Dettagli

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute degli occhi

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute degli occhi PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO Salute degli occhi Pycnogenol per la salute degli occhi Il processo di invecchiamento naturale influisce sull acutezza visiva: man mano che

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale AZIENDA SANITARIA DELLA PROVINCIA DI BARI STRUTTURA COMPLESSA DI OCULISTICA PUTIGNANO-GIOIA DEL COLLE DIRETTORE DR. SEVERINO SANTORO La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale UNIONE ITALIANA

Dettagli

DESG Teaching Letter 5

DESG Teaching Letter 5 DESG Teaching Letter 5 EDUCAZIONE SULLE COMPLICANZE TARDIVE DEL DIABETE In questa Teaching Letter si prendono in esame tre componenti principali dell educare: fornire al paziente le informazioni sulla

Dettagli

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE LINEE GUIDA PER IL RILASCIO/RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE PREMESSA La legge 85 del

Dettagli

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12,

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12, 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 3.9.1 Allunga la Vista: progetto di prevenzione delle malattie degenerative oculari che generano rischio di cecità e ipovisione. - V edizione 3) Identificativo

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA

LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA LINEE-GUIDA PER LO SCREENING, LA DIAGNOSTICA E IL TRATTAMENTO DELLA RETINOPATIA DIABETICA IN ITALIA A cura di: AMD-Associazione Medici Diabetologi ANAAO-ASSOMED-Associazione Medici Dirigenti Consorzio

Dettagli

COPIA. Retinopatia diabetica. «Perché lo zucchero non salti agli occhi!»

COPIA. Retinopatia diabetica. «Perché lo zucchero non salti agli occhi!» Retinopatia diabetica «Perché lo zucchero non salti agli occhi!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC-80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Schweizerische Diabetes-Gesellschaft Association

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Bevacizumab intravitreale nel trattamento dell edema maculare in corso di Retinopatia Diabetica Proliferante

Bevacizumab intravitreale nel trattamento dell edema maculare in corso di Retinopatia Diabetica Proliferante UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di Ricerca in Fisiopatologia Neurosensoriale Coordinatore prof. Giuseppe Ferraro Bevacizumab intravitreale nel trattamento dell

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ (DMLE o AMD) Campagna informativa per la prevenzione

Dettagli

Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it

Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it Dott. Vito Basile www.vitobasileoculista.it Funzioni visive principali Acutezza visiva Campo visivo Senso cromatico Ottotipo per lontano Ottotipo per vicino Campo visivo Seminario di Aggiornamento Professionale

Dettagli

La pressione arteriosa

La pressione arteriosa La pressione arteriosa Inquadramento semeiologico e diagnostico al paziente iperteso Prof. Giovanni Murialdo Corso Integrato di Semeiotica e Metodologia Clinica La Progressione dell Insufficienza Cardiaca

Dettagli

IL DIABETE DALLA TEORIA ALLA PRATICA. Relatore Dr. Gian Luigi Gidoni Guarnieri UOSD di DIABETOLOGIA Conegliano

IL DIABETE DALLA TEORIA ALLA PRATICA. Relatore Dr. Gian Luigi Gidoni Guarnieri UOSD di DIABETOLOGIA Conegliano IL DIABETE DALLA TEORIA ALLA PRATICA Relatore Dr. Gian Luigi Gidoni Guarnieri UOSD di DIABETOLOGIA Conegliano Retinopatia diabetica La retinopatia diabetica è ancora oggi la principale causa di perdita

Dettagli

I N FO RM AT I VA I N T E RV E N T O L A SE R DE LL A R E T I N A

I N FO RM AT I VA I N T E RV E N T O L A SE R DE LL A R E T I N A Regione Veneto Azienda U.L.S.S. n 9 Presidio Ospedaliero di Treviso UNITA OPERATIVA DI OCULISTICA Direttore: Dr. G. Manzotti I N FO RM AT I VA I N T E RV E N T O L A SE R DE LL A R E T I N A Gentile Signora,

Dettagli

PATOLOGIE CARATTERIZZATE DA RIDUZIONE MARCATA ED IMPROVVISA DELL ACUITA VISIVA

PATOLOGIE CARATTERIZZATE DA RIDUZIONE MARCATA ED IMPROVVISA DELL ACUITA VISIVA OCULISTICA 24 0ttobre 2002 15.30-17.30 Bonardi Claudia Galbiati Francesca PATOLOGIE CARATTERIZZATE DA RIDUZIONE MARCATA ED IMPROVVISA DELL ACUITA VISIVA Queste patologie sono vere e proprie urgenze, che

Dettagli

a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti

a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti a cura di Daniele De Geronimo, Massimo Accorinti La malattia di Vogt-Koyanagi-Harada (VKH) è una malattia sistemica che interessa organi contenenti melanociti, ad etiopatogenesi sconosciuta. E caratterizzata

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Il Trattamento del melanoma intraoculare. Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it

Il Trattamento del melanoma intraoculare. Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it Il Trattamento del melanoma intraoculare Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it I tumori oculari rappresentano l 1-2% delle neoplasie, sono pertanto una patologia rare ma importante sia per l occhio

Dettagli

Le Degenerazioni Miopiche

Le Degenerazioni Miopiche Le Degenerazioni Miopiche Dott.. U.O. Oculistica, Istituto Clinico Humanitas, Milano Miopia 11-36 % di tutti gli occhi sono miopi Miopia lieve (< 6.00 D) Miopia grave (>= 6.00 D): 27-33% dei miopi 1.7

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età

LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età 5 iapb Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus La vista è un bene prezioso. Conservare una funzione visiva integra è condizione

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D I VIZI DI REFRAZIONE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria EMMETROPIA Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno

Dettagli

La ROP per il pediatra di base

La ROP per il pediatra di base Il neonato prematuro o di basso peso La ROP per il pediatra di base Vito Console Conoscenze e prospettive nell attività del pediatra di famiglia Agadir (Marocco) 5 luglio 2006 Meccanismo del danno retinico

Dettagli

AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA

AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA La vista è un bene prezioso: va tenuta sempre d occhio. Questo è vero anche se non si ha alcun sintomo: molte malattie oculari possono passare inosservate. Solo attraverso

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

MALATTIE. S. Miglior. T. Avitabile, S. Bonini, E. Campos, L. Mastropasqua

MALATTIE. S. Miglior. T. Avitabile, S. Bonini, E. Campos, L. Mastropasqua MALATTIE DELL APPARATO VISIVO S. Miglior T. Avitabile, S. Bonini, E. Campos, L. Mastropasqua S. Miglior, T. Avitabile, S. Bonini, E. Campos, L. Mastropasqua Malattie dell Apparato Visivo Copyright 2014,

Dettagli

Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA I 8 Ottobre 2015 Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Degenerazione maculare, glaucoma, retinopatia diabetica e cataratta, soprattutto dopo i 50 anni, sono

Dettagli

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI Stefano Miglior Quando iniziare la terapia medica Tradizionalmente per tanti anni si e cominciato a trattare il glaucoma quando la pressione dell occhio (IOP) era =/> 21 mm Hg conseguenza 1: si sottovalutava

Dettagli

V I T A I N T I. T à L A U L C O L E N I

V I T A I N T I. T à L A U L C O L E N I A D L L A V I S T A I N T I T à A T A L D M U L L T A C O M P R V N I R L La IAPB Italia onlus Programmi di prevenzione, attività di educazione sanitaria, campagne informative, ricerca scientifica e comunicazione

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Perforatio bulbi involontaria in chirurgia strabologica. (S. Campanella,Milano) Bosisio Parini 15.03.2014

Perforatio bulbi involontaria in chirurgia strabologica. (S. Campanella,Milano) Bosisio Parini 15.03.2014 Perforatio bulbi involontaria in chirurgia strabologica (S. Campanella,Milano) Bosisio Parini 15.03.2014 Caso clinico Paziente adulto pseudofachico, miope elevato, operato di distacco retinico nell'occhio

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

EMANGIOMI UVEALI TRATTATI CON RADIOTERAPIA A FASCIO DI PROTONI

EMANGIOMI UVEALI TRATTATI CON RADIOTERAPIA A FASCIO DI PROTONI EMANGIOMI UVEALI TRATTATI CON RADIOTERAPIA A FASCIO DI PROTONI C.Mosci; F.Nasciuti Centro Specialistico di Oncologia Oculare Ente Ospedaliero Ospedali Galliera - Genova carlo.mosci@galliera.it XXVI RIUNIONE

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.)

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) Degenerazione maculare secca Degenerazione maculare emorragica umida AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici

Dettagli

PUNTI DI RIFERIMENTO SOMMARI PER LE LINEE GUIDA PREFERRED PRACTICE PATTERN Indice dei Contenuti

PUNTI DI RIFERIMENTO SOMMARI PER LE LINEE GUIDA PREFERRED PRACTICE PATTERN Indice dei Contenuti PUNTI DI RIFERIMENTO SOMMARI PER LE LINEE GUIDA PREFERRED PRACTICE PATTERN Indice dei Contenuti Punti di Riferimento Sommari per le Linee Guida Preferred Practice Pattern Introduzione... 1 Glaucoma Glaucoma

Dettagli

Lavoro originale. Introduzione. M.C. Cimicchi 1, M. Andreozzi 2, D. Filippi 1, M. Ferrari 1, C. Bontempelli 2. G It Diabetol Metab 2011;31:71-75

Lavoro originale. Introduzione. M.C. Cimicchi 1, M. Andreozzi 2, D. Filippi 1, M. Ferrari 1, C. Bontempelli 2. G It Diabetol Metab 2011;31:71-75 G It Diabetol Metab 2011;31:71-75 Lavoro originale Lo screening della retinopatia diabetica con retinografia digitale non midriatica, l esperienza dell ambulatorio diabetologico del DCP del Distretto di

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it OCT - Tomografia Ottica ad alta definizione (Spectral domain) e tridimensionale Prof. Bruno Lumbroso La

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece 4 Imaging RETINOGRAFIA Le retinografie (a colori, in autofluorescenza, rosso-priva, infrared) sono eseguite di routine prima

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI

STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOSSIER SU DIABETE E RETINOPATIA DIABETICA Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it sito: www.studiopedrotti.it DOSSIER SU DIABETE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER IL/LA PAZIENTE

FOGLIO INFORMATIVO PER IL/LA PAZIENTE Allegato 4 DGR 1141 del 14_7_2014 Direzione Generale Sanità e Politiche sociali FOGLIO INFORMATIVO PER IL/LA PAZIENTE Gentile Signora/e la malattia che Lei ha agli occhi si chiama Degenerazione Maculare

Dettagli

Il responsabile del trattamento chirurgico è il Prof./Dr...

Il responsabile del trattamento chirurgico è il Prof./Dr... SCHEDA INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DELL EDEMA MACULARE MEDIANTE SOMMINISTRAZIONE DI TRIAMCINOLONE ACETONIDE (TAIOFTAL, SOOFT S.p.A.) PER VIA INTRAVITREALE Gentile Sig./Sig.ra lei è affetto/a in OCCHIO

Dettagli

Visione residua in persone con disabilità visive gravi

Visione residua in persone con disabilità visive gravi Visione residua in persone con disabilità visive gravi a cura di: dott. Alex Bosone (Clinica Baviera) 17 marzo 2015 Anna Marotta, Annalisa Dameri, Cristina Azzolino, Angela Lacirignola, Rocco Rolli SCOPO

Dettagli

DIABETE MELLITO e RETINOPATIA DIABETICA

DIABETE MELLITO e RETINOPATIA DIABETICA DIABETE MELLITO e RETINOPATIA DIABETICA Il diabete mellito è una complessa malattia metabolica ad eziologia multipla, in cui predomina il disordine del metabolismo glucidico su quello lipidico e proteico.

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

I danni da errato trattamento antidiabetico

I danni da errato trattamento antidiabetico IV Mediterraneo - II Sessione DIABETE MELLITO: UNA REALTÀ CLINICA COMPLESSA E PLURIDISCIPLINARE (Prof.ssa Giordano, Prof. Sesti, Prof. Cucinotto, Prof. Cillino, Prof. Amato) I danni da errato trattamento

Dettagli

Occhio al diabete. Quello che è utile sapere sulla Retinopatia Diabetica INFORMAZIONE MEDICA PER I PAZIENTI

Occhio al diabete. Quello che è utile sapere sulla Retinopatia Diabetica INFORMAZIONE MEDICA PER I PAZIENTI INFORMAZIONE MEDICA PER I PAZIENTI Obiettivo de Il Paziente Informato è di fornire un certo numero di informazioni a carattere medico scientifico che, in ogni caso, non possono sostituire i consigli del

Dettagli

Classificazione della CNV e attuali possibilità terapeutiche

Classificazione della CNV e attuali possibilità terapeutiche Classificazione della CNV e attuali possibilità terapeutiche Dr. Santoro, Dott.ssa C. Sannace U.O. di Oculistica P.O. S.Maria degli Angeli A.U.S.L. BA/5 Putignano Classificazione CNV in base alla sede

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

LA VITRECTOMIA. Il vantaggio di incisioni chirurgiche più piccole è stato quello di ottenere recuperi post operatori più rapidi.

LA VITRECTOMIA. Il vantaggio di incisioni chirurgiche più piccole è stato quello di ottenere recuperi post operatori più rapidi. LA VITRECTOMIA Introduzione Nessuna evoluzione nel trattamento delle patologie vitreoretiniche è stata mai così significativa come l introduzione della vitrectomia via pars plana, da parte di Machemer

Dettagli

Complicanze post vitrectomia nella retinopatia diabetica

Complicanze post vitrectomia nella retinopatia diabetica Complicanze post vitrectomia nella retinopatia diabetica Post vitrectomy complications in diabetic retinopathy Vecchione G, Reale G, Parisi G Casa di Cura S. Patrizia Napoli Dr. Gaetano Vecchione RIASSUNTO

Dettagli

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 LE DISABILITÀ VISIVE La ridotta capacità visiva nel nostro millennio determina

Dettagli

Budget Impact Analysis e HTA di DESametasone nel Trattamento dell Edema Maculare Diabetico. ADESTE Project

Budget Impact Analysis e HTA di DESametasone nel Trattamento dell Edema Maculare Diabetico. ADESTE Project Budget Impact Analysis e HTA di DESametasone nel Trattamento dell Edema Maculare Diabetico ADESTE Project 1 Sommario 1. Introduzione alla ricerca... 3 2. Obiettivi... 6 3. Materiali e Metodi... 6 3.1.

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

OCT nello studio della papilla ottica

OCT nello studio della papilla ottica Aggiornamenti in neuroftalmologia Varese, 20 maggio 2011 OCT nello studio della papilla ottica S. Donati Cos èla tomografia ottica e luce coerente (OCT) Meccanismo di Reflettività luminosa OCT e

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

PEGAPTANIB (Rivalutazione del 07 aprile 2009) (07-04-2009)

PEGAPTANIB (Rivalutazione del 07 aprile 2009) (07-04-2009) PEGAPTANIB (Rivalutazione del 07 aprile 2009) (07-04-2009) Specialità: MACUGEN (PFIZER) Forma farmaceutica: 1 siringa 0.3 mg - Prezzo: euro 1.122 ATC: S01LA03 Categoria terapeutica: Sostanze antineovascolarizzanti

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche Origina dalla confluenza degli assoni delle cellule ganglionari

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA

CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA Questo opuscolo ha la funzione di informare sull importanza della prevenzione

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 OGGETTO: Linee guida per l accertamento e la valutazione

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA

NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA NOVITA IN MICROCHIRURGIA OCULISTICA Negli ultimi anni tutti i vari settori della chirurgia hanno cercato di affinare le tecniche sempre meno traumatizzanti per il paziente, con un migliore decorso post-operatorio

Dettagli

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI C.Mosci; F.Nasciuti Centro Specialistico di Oncologia Oculare Ente Ospedaliero Ospedali Galliera - Genova carlo.mosci@galliera.it XXVI RIUNIONE S.O.N.O.

Dettagli

Presentazione alla prima edizione. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Presentazione alla prima edizione. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Romane oculistica 26-05-2004 12:12 Pagina V Indice Presentazione alla prima edizione Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XI XIII XV XVII 1. Cenni

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

per uso intravitreale

per uso intravitreale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.224 relativo a: FLIBERCEPT per uso intravitreale ggiornamento Marzo

Dettagli

D Non presenta complicanze D Presenta le seguenti complicanze:

D Non presenta complicanze D Presenta le seguenti complicanze: l Patenti Gruppo 1 - Paziente diabetico data~~ Si certifica che il/la Sig./Sig.ra nato/a il / / è affetto/a da iabete Mellito Tipo dal TERAPIA attuale: nutrizionale insulina altro ipoglicemizzanti orali

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI

LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI Professione LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI DELLA VISTA NEGLI ANZIANI Progetto pilota ANTONELLA TOSELLI, MARIO BRANDA * Medico di Medicina Generale, ASL15 Cuneo; Animatore di formazione, tutor; * Tirocinante

Dettagli